I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E"

Transcript

1 I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E SCUOLA MATERNA - ELEMENTARE - MEDIA «D.ALIGHIERI» CASTELNUOVO DEI SABBIONI - CAVRIGLIA (AR) DISTRETTO SCOLASTICO N 28 cod. fisc TEL. (055) FAX Prot. 1227/A25 del 3/3/2015 Il giorno 3 marzo 2015, alle ore 11.00, nella presidenza dell Istituto Comprensivo di Castelnuovo dei Sabbioni VIENE STIPULATO il seguente Contratto Collettivo Integrativo della scuola PARTE PUBBLICA Il Dirigente pro-tempore Alessandro Papini.. PARTE SINDACALE Giulietta Rossi.. RSU Luisa Fusi.. Giovanna Levani.. SINDACATI FLC/CGIL..... SCUOLA CISL/SCUOLA..... TERRITORIALI UIL/SCUOLA... SNALS/CONFSAL..... GILDA/UNAMS IC Alighieri - Contratto d istituto pg 1 di 18

2 TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 - Campo di applicazione, decorrenza e durata 1- Il presente contratto si applica a tutto il personale docente ed ATA della scuola, con contratto di lavoro a tempo determinato ed indeterminato. 2- Gli effetti del presente contratto decorrono dalla data di stipula ed hanno validità per l a.s. 2014/15. Art.2 - Interpretazione autentica 1 - Qualora insorgano controversie sull'interpretazione del presente contratto, le parti si incontrano entro i dieci giorni successivi alla richiesta di cui al comma seguente, per definire consensualmente il significato della clausola controversa. 2 - Al fine di iniziare la procedura di interpretazione autentica la parte interessata inoltra richiesta scritta all'altra parte, con l'indicazione della materia e degli elementi che rendono necessaria l'interpretazione; la procedura si deve concludere entro trenta giorni. 3 Nel caso in cui si raggiunga un accordo, questo sostituisce la clausola controversa e trova immediata applicazione TITOLO SECONDO - RELAZIONI E DIRITTI SINDACALI CAPO I - RELAZIONI SINDACALI Art.3 - Obiettivi e strumenti 1 - Il sistema delle relazioni sindacali di Istituto, nel rispetto dei reciproci ruoli, persegue l'obiettivo di contemperare l'interesse professionale dei lavoratori con l'esigenza di migliorare l'efficacia e l'efficienza del servizio. 2 - Le relazioni sindacali sono improntate alla correttezza e alla trasparenza dei comportamenti delle parti negoziali. 3 - Il sistema delle relazioni sindacali si articola nei seguenti modelli relazionali: a) Contrattazione integrativa b) Informazione preventiva c) Informazione successiva d) Interpretazione autentica, come da art In tutti i momenti delle relazioni sindacali le parti possono usufruire dell'assistenza di esperti di loro fiducia, anche esterni alla scuola, previa comunicazione all'altra parte e senza oneri per la scuola. IC Alighieri - Contratto d istituto pg 2 di 18

3 Art.4 - Rapporti tra RSU e Dirigente 1 Di norma la RSU designa al suo interno il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza e comunica il nominativo al Dirigente; qualora si rendesse necessario il rappresentante potrà essere indicato anche all interno del restante personale in servizio; il rappresentante rimane in carica fino a diversa comunicazione della RSU. 2 - Entro la fine del mese di ottobre, la RSU comunica al Dirigente le modalità di esercizio delle prerogative e delle libertà sindacali di cui è titolare. 3 - Il Dirigente concorda con la RSU le modalità e il calendario per lo svolgimento dei diversi modelli di relazioni sindacali; in ogni caso la convocazione da parte del Dirigente va effettuata con almeno cinque giorni di anticipo e la richiesta da parte della RSU va soddisfatta entro cinque giorni. 4 - Per ogni incontro vanno preliminarmente definite le materie che ne sono oggetto. Art.5 - Contrattazione integrativa 1 - Sono oggetto di contrattazione di istituto le materie previste dagli articoli 6, 9 comma 4, 33 comma 2, 34 comma 1, 47 comma 2, 51 comma 4, e 88 commi 1 e 2 del CCNL 2006/09, con le modifiche, le integrazioni e le esclusioni stabilite da successive disposizioni imperative di legge. 2 - La contrattazione integrativa di istituto si basa su quanto stabilito dalle norme contrattuali di livello superiore e dalle leggi; non può in ogni caso prevedere impegni di spesa superiori ai fondi a disposizione della scuola. Le clausole discordanti non sono valide. Art. 6 - Informazione preventiva 1 - Sono oggetto di informazione preventiva: a) proposte di formazione delle classi e di determinazione degli organici della scuola; b) piano delle risorse complessive per il salario accessorio, ivi comprese quelle di fonte non contrattuale; c) criteri di attuazione dei progetti nazionali, europei e territoriali; d) criteri per la fruizione dei permessi per l aggiornamento; e) utilizzazione dei servizi sociali; f) criteri di individuazione e modalità di utilizzazione del personale in progetti derivanti da specifiche disposizioni legislative, nonché da convenzioni, intese o accordi di programma stipulati dalla singola istituzione scolastica o dall'amministrazione scolastica periferica con altri enti e istituzioni; g) modalità di utilizzazione del personale docente in rapporto al piano dell offerta formativa e al piano delle attività e modalità di utilizzazione del personale ATA in relazione al relativo piano delle attività formulato dal DSGA, sentito il personale medesimo; h) criteri riguardanti le assegnazioni del personale docente, educativo ed ATA alle sezioni staccate e ai plessi, ricadute sull'organizzazione del lavoro e del servizio derivanti dall'intensificazione delle prestazioni legate alla definizione dell unità didattica. Ritorni pomeridiani; IC Alighieri - Contratto d istituto pg 3 di 18

4 i) criteri e modalità relativi alla organizzazione del lavoro e all articolazione dell orario del personale docente, educativo ed ATA, nonché i criteri per l individuazione del personale docente, educativo ed ATA da utilizzare nelle attività retribuite con il fondo di istituto; j) tutte le materie oggetto di contrattazione. 2 - Nel rispetto delle competenze degli OO.CC. e compatibilmente con gli adempimenti amministrativi, il Dirigente fornisce alla RSU e ai rappresentanti delle OO.SS. firmatarie in appositi incontri l'informazione preventiva, mettendo a disposizione anche l'eventuale documentazione. Le parti convengono inoltre sulla possibilità di esaminare congiuntamente, laddove richiesto dalle RSU, le misure inerenti i rapporti di lavoro. La richiesta dovrà essere formulata entro due giorni dalla informazione preventiva, e l esame congiunto si terrà entro cinque giorni dalla richiesta. Art.7 - Informazione successiva 1 - Sono materie di informazione successiva: a) nominativi del personale utilizzato nelle attività e progetti retribuiti con il fondo di istituto; b) verifica dell attuazione della contrattazione collettiva integrativa d istituto sull utilizzo delle risorse. 2 - La RSU e i rappresentanti delle OO.SS. firmatarie, nell'esercizio della tutela sindacale di ogni lavoratore, hanno titolo a chiedere l'informazione successiva su tutti gli atti e i provvedimenti amministrativi riguardanti il rapporto di lavoro, in nome e per conto dei diretti interessati; hanno altresì diritto all'accesso agli atti, nei casi e con le limitazioni previsti dalla Legge 241/90, dalla Legge 675/96 e dal D.Lgs. 196/03. CAPO II - DIRITTI SINDACALI Art.8 - Attività sindacale 1 - La RSU e i rappresentanti delle OO.SS. firmatarie hanno a disposizione un proprio Albo sindacale; ogni documento affisso all'albo deve riguardare materia contrattuale o del lavoro e va siglato da chi lo affigge, che se ne assume così la responsabilità legale. 2 - La RSU e i rappresentanti delle OO.SS. firmatarie hanno a disposizione per la propria attività sindacale un locale che verrà concordato con il D.S. quando se ne presenti la necessità. 3 - Il Dirigente trasmette alla RSU e ai rappresentanti delle OO.SS. firmatarie tutte le notizie di natura sindacale provenienti dall'esterno. Art.9 - Assemblea in orario di lavoro 1 - La richiesta di assemblea da parte di uno o più soggetti sindacali (RSU e OO.SS. rappresentative) va inoltrata al Dirigente con almeno dieci giorni di anticipo; ricevuta la richiesta, il Dirigente informa gli altri soggetti sindacali presenti nella scuola, che possono entro due giorni a loro volta richiedere l'assemblea per la stessa data ed ora. IC Alighieri - Contratto d istituto pg 4 di 18

5 2 - Nella richiesta di assemblea vanno specificati l'ordine del giorno, la data, l'ora di inizio e di fine, l'eventuale presenza di persone esterne alla scuola. 3 - L indizione dell assemblea viene comunicata al personale tramite circolare; l adesione va espressa con almeno cinque giorni di anticipo, in modo da poter avvisare le famiglie in caso di interruzione delle lezioni. 4 - Il personale che partecipa all'assemblea deve riprendere servizio alla scadenza prevista nella classe o nel settore di competenza. 5 - Qualora non si dia luogo all interruzione delle lezioni e l assemblea riguardi anche il personale ATA, va in ogni caso assicurata la sorveglianza dell ingresso e il funzionamento del centralino telefonico, per cui n. 1 unità di personale ausiliario e n. 1 unità di personale amministrativo saranno addette ai servizi nella sede centrale. Negli altri Plessi deve essere garantita la presenza di n. 1 unità di C. S. a rotazione, per espletare le funzioni ordinarie fin dall inizio delle attività didattiche. L individuazione del personale che deve assicurare i servizi viene effettuata dal Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi tenendo conto della disponibilità degli interessati e, se non sufficiente, del criterio della rotazione. Art.10 Contingenti minimi di personale in caso di sciopero 1 In caso di sciopero il Dirigente Scolastico applicherà quanto previsto dalla legge n.146/90 art.2 comma 3 e successive modifiche e integrazioni. 2 secondo quanto definito dalla legge 146/90, dalla legge 83/2000 e dal CCNL 1998/2001,il servizio deve essere garantito esclusivamente in presenza delle particolari e specifiche situazioni sotto indicate: a. Svolgimento di qualsiasi tipo di esame e/o scrutini finali: n 1 Assistente amministrativo; n 1 Collaboratore Scolastico per ciascun plesso interessato b. Predisposizione degli atti per il trattamento economico del personale supplente temporaneo: il Direttore dei S.G.A., n i Assistente Amministrativo, n 1 Collaboratore Scolastico presso la sede centrale. Al di fuori delle specifiche situazioni elencate al comma precedente non potrà essere impedita l adesione totale allo sciopero di lavoratrici e lavoratori. 3 Nel caso di sciopero, entro 48 ore, il Dirigente Scolastico consegna alle RSU ed ai rappresentanti delle OO.SS. ed invia alla Direzione Scolastica Regionale, per tramite degli Uffici Scolastici Territoriali, una comunicazione scritta riepilogativa del numero esatto degli scioperanti con la relativa percentuale di adesioni. 4 I dipendenti individuati ufficialmente per l espletamento dei servizi di cui al precedente comma 2 vanno computati fra coloro che hanno aderito allo sciopero, ma devono essere esclusi dalle trattenute stipendiali. 5 Il Dirigente Scolastico individuerà il personale per l espletamento dei servizi minimi tramite sorteggio, seguendo comunque il criterio della rotazione nel corso dell anno scolastico. IC Alighieri - Contratto d istituto pg 5 di 18

6 6 In caso di non adesione allo sciopero il Docente è tenuto a svolgere il proprio servizio. Qualora non fosse possibile l apertura della sua sede dovrà recarsi nella sede più vicina aperta, dove svolgerà il proprio orario di servizio. Ogni adulto presente nel plesso, personale docente e non docente, ha comunque l obbligo della vigilanza su tutti i minori presenti all interno dell edificio scolastico. Art Permessi retribuiti e non retribuiti 1 - Spettano alla RSU permessi sindacali retribuiti in misura pari a 25h30 per dipendente in servizio con rapporto di lavoro a tempo indeterminato; il calcolo viene effettuato, all inizio dell anno scolastico dal Dirigente, che lo comunica alla RSU medesima. 2 - I permessi sono gestiti autonomamente dalla RSU, con obbligo di preventiva comunicazione (almeno due giorni prima) al Dirigente. 3 - Spettano inoltre alla RSU permessi sindacali non retribuiti (otto giorni l anno) per partecipare a trattative sindacali o convegni e congressi di natura sindacale; la comunicazione per la fruizione del diritto va inoltrata, di norma, tre giorni prima dall organizzazione sindacale al Dirigente. Art.12 Assemblea sindacale 1 - Prima della sottoscrizione del Contratto Integrativo d istituto, la RSU può indire un assemblea informativa tra tutti i dipendenti della scuola. 2 - le modalità per lo svolgimento dell assemblea, che non devono pregiudicare il regolare svolgimento del servizio, sono definite dalla RSU. TITOLO TERZO - PERSONALE DOCENTE CAPO I - ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Art.13 - Assegnazione dei docenti ai plessi o succursali Il Dirigente Scolastico provvede alla assegnazione dei docenti alle classi, sentite le indicazioni del Collegio dei Docenti. Contestualmente assegna i docenti ai plessi o alle succursali. I principî seguiti in tale assegnazione, comunque subordinati alle esigenze dell Istituzione Scolastica, saranno generalmente i seguenti: - L assegnazione alle diverse sedi avviene all inizio di ogni anno scolastico, prima dell inizio delle lezioni e dura per tutto l anno IC Alighieri - Contratto d istituto pg 6 di 18

7 - I docenti sono di norma confermati nella sede dove hanno prestato servizio nell anno scolastico precedente, nel rispetto, per quanto possibile, della continuità didattica, tenendo conto delle esigenze dell istituzione scolastica. Per procedere all assegnazione si valuterà quanto disposto nei punti seguenti; - Nel caso sussistano in una o più sedi della scuola dei posti o cattedre non occupati da docenti già in servizio nell anno scolastico precedente, si procede come di seguito, in ordine di priorità: * assegnazione di un unica sede di servizio, su richiesta, ai docenti utilizzati su due o più sedi * assegnazione ad altro plesso dei docenti già in servizio nell'anno scolastico precedente, sulla base delle richieste espresse e della graduatoria interna di Istituto, a partire dalle posizioni più alte * assegnazione ai plessi dei nuovi docenti entrati in servizio con decorrenza 1 Settembre * assegnazione alle sedi del personale con rapporto a tempo determinato * nel caso di mancata formazione di una o più classi in uno dei plessi, sarà nominato su altra sede: - il docente che ne faccia richiesta - il docente in servizio nel plesso che abbia il punteggio più basso nella graduatoria d istituto - a parità di punteggio, il docente più giovane - Per l assegnazione di ore da coprire, in qualsiasi plesso, fra gli insegnanti che avessero ore a disposizione in uno qualsiasi dei plessi, si procede alla loro assegnazione sulla base delle disponibilità espresse e, qualora non ve ne fossero, nominando su di esse dapprima gli insegnanti con incarico annuale e, a seguire, i Docenti titolari nella scuola percorrendo la loro graduatoria dal punteggio minore a quello maggiore. - In tutte le fasi si terrà conto delle precedenze ex lege 104/92 e successive modificazioni ed integrazioni. Art.14 - Utilizzazione dei docenti in rapporto al POF e collaborazioni plurime 1 - Ad ogni docente vengono assegnati insegnamenti o attività sia della quota nazionale del curricolo che di quella della scuola, salvo diversa disponibilità degli interessati. 2 - Il Dirigente assegna le cattedre, i posti e le attività tenendo conto dei criteri didattici deliberati dal Collegio Docenti e adottati dal Consiglio di Istituto, nonché delle diverse professionalità presenti nella scuola e delle disponibilità espresse dai singoli docenti. 3 - Per particolari insegnamenti e/o attività, il Dirigente può incaricare docenti di altra scuola, avvalendosi dell istituto delle collaborazioni plurime, a norma dell art. 35 del CCNL. CAPO II - ORARIO DI LAVORO Art.15 - Orario di insegnamento 1 - L orario di lavoro viene definito su base settimanale e si articola di norma su cinque giorni per la Scuola dell Infanzia e per la Primaria, su sei per la Secondaria di I grado - Gli impegni pomeridiani saranno equamente suddivisi tra tutti i docenti, tenendo conto della collocazione oraria delle attività e degli insegnamenti nell arco della giornata, così come determinato nel POF. IC Alighieri - Contratto d istituto pg 7 di 18

8 Art.16 - Attività funzionali all insegnamento e ricevimento individuale genitori 1 - Il Dirigente, per improrogabili esigenze e necessità sopravvenute, può disporre l effettuazione di attività non previste nel piano annuale; in occasione della prima convocazione del Collegio verranno apportate le opportune modifiche 2 - Ogni docente della Secondaria di I grado mette a disposizione un ora settimanale, nelle prime due settimane di ciascun mese, per il ricevimento dei genitori; se uno dei due giorni di ricevimento coincidesse con una festività, esso verrà spostato alla settimana successiva. Per la Scuola dell Infanzia e la scuola Primaria si fa riferimento a quanto fissato nel piano di lavoro annuale Art Orario giornaliero 1 - Non potranno, di norma, essere previste più di cinque ore consecutive di insegnamento 2 L impegno dei Docenti in attività di insegnamento antimeridiane e pomeridiane nell arco della stessa giornata non potrà superare le 6 ore giornaliere 3 - Non si possono in ogni caso superare le otto ore di impegno giornaliero, considerando tutte le attività curricolari e funzionali all insegnamento. TITOLO IV - ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA CAPO I - NORME GENERALI Art.18 - Ordine degli adempimenti 1 - All inizio di ogni anno scolastico e comunque prima dell inizio delle lezioni, con riferimento alle indicazioni contenute nel POF e alle attività ivi previste: - il Dsga consulta il personale in un apposita riunione in orario di lavoro e formula una proposta di piano annuale delle attività di servizio - il Dirigente, verificata la congruenza rispetto al POF ed espletate le procedure di cui all art. 6 comma 2, adotta il piano delle attività. Il Dsga attua il piano adottato dal Dirigente mediante l emanazione di specifici provvedimenti. CAPO II - ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Art.19 - Assegnazione ai plessi, succursali e sezioni staccate IC Alighieri - Contratto d istituto pg 8 di 18

9 1 - L assegnazione dei Collaboratori Scolastici ai diversi plessi avviene all inizio di ogni anno scolastico, prima dell inizio delle lezioni e dura di norma per tutto l anno. 2 L assegnazione del plesso avviene tenendo conto primariamente delle esigenze dell Istituzione Scolastica, sentite anche le opzioni espresse dal personale nel corso della riunione di cui all art. 18. Laddove le suddette opzioni non trovassero riscontro applicativo, si valuterà la possibilità di applicare un principio di turnazione annuale. Fatto salvo questo principio, il Dirigente Scolastico valuterà la possibilità di confermare il personale sul plesso dove ha prestato servizio negli anni scolastici antecedenti, con le eccezioni e integrazioni individuate nei punti seguenti: - Nel caso in cui sussistano in uno o più plessi dei posti non occupati da personale già in organico nella scuola nell anno precedente, o resisi disponibili a seguito di diversa organizzazione del servizio, si potrà procedere come di seguito, in ordine di priorità, sulla base delle richieste degli interessati ed eventualmente della graduatoria interna: * assegnazione, su richiesta, ad un unico plesso di servizio del personale utilizzato su due o più plessi. * assegnazione, su richiesta, ad altro plesso del personale già in servizio * assegnazione ai plessi del personale entrato in organico con decorrenza 1 Settembre * assegnazione ai plessi del personale con rapporto a tempo determinato - Qualora non sia possibile confermare tutto il personale in servizio in uno dei plessi, per decremento d organico, si valuteranno le opzioni espresse dal personale stesso. - In tutte le fasi si terrà conto delle precedenze ex lege 104/92 e successive modificazioni ed integrazioni Art.20- Settori di lavoro 1 - I settori saranno definiti in modo tale da assicurare un equa ripartizione dei carichi di lavoro tra le diverse unità di personale della stessa qualifica. 2 - L assegnazione ai settori vale di norma per l intero anno scolastico, salva diversa disposizione del Dsga. 3 - Nell'assegnare i settori si tiene conto dei diversi livelli di professionalità. CAPO III ORARIO DI LAVORO Art.21 - Orario normale 1 - L orario di lavoro viene di norma stabilito per l intero anno scolastico in sede di adozione del Piano annuale delle attività di servizio. 2 L orario di lavoro sarà determinato in base alle necessità del servizio, tenuto anche conto di motivate e documentate esigenze dei lavoratori. Le prestazioni aggiuntive all orario di servizio devono essere preventivamente autorizzate dal Dirigente o dal Direttore dei Servizi. IC Alighieri - Contratto d istituto pg 9 di 18

10 3 - L orario normale deve assicurare, per quanto possibile, la copertura di tutte le attività didattiche previste dal curricolo obbligatorio, comprensivo della quota nazionale e di quella definita dalla scuola, delle attività funzionali all insegnamento e di tutte le riunioni degli OO.CC. 4 Nella scuola dell Infanzia e Primaria, quando l attività didattica si svolge esclusivamente in orario antimeridiano, i collaboratori dei relativi plessi anticipano il turno pomeridiano attuando una compresenza, a meno di particolari esigenze organizzative che dovranno essere comunicate almeno il giorno precedente. 5 Per il personale ATA la fruizione dei tre giorni di permesso ex L 104/92 potrà essere effettuata, previo accordo con il Dirigente Scolastico e senza che abbia a risultarne maggiore aggravio per il servizio, in non più di sei giornate mensili, usufruendo in ciascuna delle sei giornate di un permesso pari a metà dell orario lavorativo. In nessun caso è possibile un frazionamento in un numero di giornate superiori a sei. 6 Fermo restando l obbligo di prestare servizio per un numero di ore settimanali pari a quello previsto dal Contratto, il DSGA, laddove ve ne risultasse la necessità, può, con l assenso del dirigente, rimodulare il proprio orario giornaliero in funzione di specifiche, particolari esigenze di servizio. Art.22 - Prestazioni aggiuntive (lavoro straordinario ed intensificazione) e collaborazioni plurime 1 - Possono essere proposte al personale prestazioni aggiuntive, anche oltre l orario d obbligo, in caso di assenza di una o più unità di personale o di esigenze impreviste e non programmabili. 2 - Nella richiesta di prestazioni aggiuntive si terrà conto: * della specifica professionalità, nel caso sia richiesta * della sede ove va effettuata la prestazione aggiuntiva * della disponibilità espressa dal personale * della graduatoria interna 3 Si possono proporre al Personale prestazioni aggiuntive costituenti intensificazione della normale attività lavorativa, in caso di assenza occasionale di una o più unità di personale e/o per lo svolgimento di attività particolarmente impegnative e complesse. 4 - Tutte le prestazioni aggiuntive, nei limiti del finanziamento assegnato, debbono essere oggetto di formale incarico, conferito dal Dsga. 5 - Per particolari attività il Dirigente - su proposta o con il parere del Dsga - può incaricare personale ATA di altra scuola, avvalendosi dell istituto delle collaborazioni plurime, a norma dell articolo 57 del CCNL Art.23 Utilizzazione dei Collaboratori Scolastici in occasione della sospensione dell attività didattica per le elezioni I Collaboratori Scolastici con sede di servizio nei locali scolastici occupati durante le elezioni presteranno servizio in altra sede, qualora vi siano conclamate esigenze di servizio, assolvendo ai propri compiti secondo le esigenze suddette, entro il proprio orario di servizio; oppure sospenderanno il servizio. IC Alighieri - Contratto d istituto pg 10 di 18

11 Art.24 Criteri per la sostituzione dei Collaboratori Scolastici quando siano in servizio da soli In caso di assenza improvvisa del Collaboratore Scolastico all apertura di una sede nella quale sia in servizio da solo sarà chiamato ad anticipare il proprio turno il Collaboratore scolastico del turno pomeridiano; qualora questi sia impossibilitato a farlo sarà chiamato un Collaboratore del plesso più vicino. Art.25 Criteri di effettuazione del servizio oltre il limite del numero di ore previste dal CCNL Qualora, eccezionalmente, si verifichi che le riunioni pomeridiane si protraggano oltre l orario previsto, il collaboratore scolastico, per non interrompere il servizio, è autorizzato a prolungare il proprio orario oltre le 9 ore, a patto che abbia rispettato l intervallo di 30 minuti previsto dal contratto e ne faccia puntuale comunicazione al DSGA il giorno successivo. Alternativamente è possibile l impiego di altro collaboratore del plesso più vicino, previo incarico conferito dal DSGA. In occasione di riunioni, collegi e attività che si svolgano in plessi nei quali il carico di lavoro risulti particolarmente gravoso, si potrà provvedere a turnazione con personale di altri plessi. Qualora le attività suddette afferiscano a progetti o corsi dei quali sia nota la scansione temporale, contestualmente alla calendarizzazione del progetto o corso si provvederà, per quanto possibile, a pianificare il conseguente impegno dei collaboratori. Art.26 Uso dei locali scolastici I locali scolastici possono essere dati in uso per tutte le attività previste dal POF che si svolgono in orario scolastico (preferibilmente) ed in orario extrascolastico, nel rispetto di quanto deliberato dal Consiglio di Istituto. Al personale scolastico, cui devono essere comunque affidate l apertura, la chiusura e la custodia dei locali, dovrà essere pagato il lavoro straordinario quando tali attività si protraggano oltre le ore Sono escluse da tale clausola quelle attività che si svolgono nei locali di pertinenza della Scuola in applicazione di specifiche convenzioni con l ente proprietario degli edifici (Comune di Cavriglia) e che prevedano forme diverse di applicazione. Se il progetto per cui viene richiesto l uso dei locali scolastici è gestito da un ente esterno, l onere relativo al personale scolastico che risulti impegnato al di fuori del proprio orario di servizio è a carico dell ente stesso; per i progetti finanziati da privati e/o enti nel costo del progetto va considerata la quota da destinare al compenso di tale prestazione. Per i progetti che prevedono l uso di materiali di consumo della scuola, anche tale relativa quota sarà conteggiata. TITOLO V - TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO CAPO I - NORME GENERALI Art.27 - Risorse 1 - Le risorse disponibili per l'attribuzione del salario accessorio sono costituite da: IC Alighieri - Contratto d istituto pg 11 di 18

12 - Gli stanziamenti previsti per l attivazione delle funzioni strumentali all offerta formativa - Gli stanziamenti previsti per l attivazione degli incarichi aggiuntivi del personale ATA - Gli stanziamenti del Fondo dell'istituzione scolastica annualmente stabiliti dal MIUR - Eventuali residui del Fondo non utilizzati negli anni scolastici precedenti - Altre risorse provenienti dall'amministrazione e da altri Enti, pubblici o privati, destinate a retribuire il personale della scuola, a seguito di accordi, convenzioni od altro - Eventuali contributi finalizzati dei genitori. Art.28 - Attività finalizzate 1 - I fondi finalizzati a specifiche attività a seguito di apposito finanziamento, qualsiasi sia la loro provenienza, possono essere impegnati solo per tali attività, a meno che non sia esplicitamente previsto che i risparmi possano essere utilizzati per altri fini. 2 Per l a.s.2014/15 tali fondi sono pari a: - Funzioni strumentali al POF Incarichi specifici del personale ATA Art.29 - Criteri per la suddivisione del Fondo dell istituzione scolastica 1 - Le risorse del fondo dell istituzione scolastica, con esclusione di quelle di cui all articolo precedente, vengono suddivise tra le diverse figure professionali presenti nella scuola sulla base delle esigenze organizzative e didattiche che derivano dalle attività curricolari ed extracurricolari previste dal POF, nonché Dal Piano annuale delle attività del personale docente, dal Piano annuale di servizio del personale ATA e dal Regolamento di Istituto. Per l A.S. 2014/15 la somma posta in contrattazione è di quale avanzo dell anno precedente, di quale assegnazione FIS 2014/15, più quale integrazione FIS assegnata da economie anni pregressi per retribuire in via prioritaria personale ATA titolare di posizioni economiche che non percepisca il correlato beneficio, per un totale di Ferme restando le deliberazioni del Collegio dei Docenti riguardo alle attività inserite nel POF, si stabilisce di assegnare, a partire da queste risorse, la somma di ai docenti, e di al personale ATA. Quest ultima somma è da dividersi fra i Collaboratori Scolastici, cui toccano , e gli Assistenti Amministrativi, cui spettano L indennità di direzione del DSGA è calcolata in Le somme saranno erogate previa verifica dell effettivo accreditamento del FIS all Istituzione Scolastica. Art.30 -Conferimento degli incarichi 1 - Il Dirigente conferisce individualmente e in forma scritta gli incarichi relativi allo svolgimento di attività aggiuntive retribuite con il salario accessorio, relativamente al personale docente e al Dsga. 2 - Il Dsga conferisce individualmente e in forma scritta gli incarichi relativi allo svolgimento di attività aggiuntive retribuite con il salario accessorio, relativamente al personale ATA. 3 - Nell atto di conferimento dell incarico sono indicati, oltre ai compiti e agli obiettivi assegnati, anche il compenso spettante e i termini del pagamento. IC Alighieri - Contratto d istituto pg 12 di 18

13 CAPO II PERSONALE DOCENTE Art.31 - Individuazione 1 - Il Dirigente individua i docenti a cui affidare lo svolgimento delle attività aggiuntive ed extra-curriculari sulla base dei criteri stabiliti dal Collegio dei Docenti, delle indicazioni contenute nei progetti o nelle convenzioni, della disponibilità degli interessati e delle diverse professionalità. Laddove previsto, l incarico è conferito dal Collegio dei Docenti previa votazione a scrutinio segreto. Le risorse derivanti dal Fondo Istituzione Scolastica destinate agli scopi previsti dall art.88 CCNL, relativamente alla componente docente, sono quantificate in a computarsi come FIS. Il Dirigente Scolastico si riserva la facoltà di individuare ulteriori risorse per portare a compimento le attività previste nel POF. La retribuzione è comunque legata alla effettiva erogazione del FIS alla istituzione scolastica. La somma destinata alla retribuzione degli incarichi è indicata in , mentre per l attuazione dei progetti contenuti nel POF si destina la somma di IC Alighieri - Contratto d istituto pg 13 di 18

14 INCARICHI (compenso a forfait) N. ORE CAD ORE TOT COMPENSO CADAUNO COMPENSO TOTALE I COLLABORATORE ' ' II COLLABORATORE ' ' COORD. SCUOLA PRIMARIA CAPIPLESSO: Scuola Infanzia Cavriglia Scuola Infanzia Castelnuovo Scuola Primaria Cavriglia Scuola Primaria Castelnuovo Scuola Primaria Meleto Scuola Primaria S. Barbara Scuola Sec. 1 grado Cavriglia Scuola Sec. 1 grado Castelnuovo REFERENTI: (ore da rendicontare se non diversamente indicato) N.1 ED. AMBIENTALE N.1 REF. MUSICA N.1 REFERENTE LIM N.1 REF. ED. MOTORIA N.1 REF. SICUREZZA N.1 REF. AUTOVALUTAZIONE COORDINATORI Sc. Sec. (forfait) ' TUTOR INFANZIA MEMBRI COMMISSIONE P.O.F MEMBRI COMM.CONTINUITA ' MEMBRI PREV. E DISAGIO MEMBRI COMM. AUTOVALUTAZIONE MEMBRI COMM. MOTORIA MEMBRI COMM. LINGUE STRAN. SEC MEMBRI COMM. ORARIA SECONDARIA MEMBRI COMM. ORARIA SECONDARIA Correzioni Invalsi eccedenti le 4 ore REFERENTE DOC. COLLEGIO DOCENTI TOTALE ' IC Alighieri - Contratto d istituto pg 14 di 18

15 CAPO III - PERSONALE ATA Art.32 - Quantificazione delle attività aggiuntive 1 - Le attività aggiuntive svolte dal personale ATA sono retribuite in parte con conteggio orario, in parte in modo forfettario. Le risorse derivanti dal Fondo Istituzione Scolastica destinate a retribuire le attività aggiuntive del personale ATA sono quantificate in , ulteriormente suddivise in , da attribuirsi ai Collaboratori Scolastici, e , attribuite agli Assistenti Amministrativi. La retribuzione delle attività suddette è legata alla effettiva erogazione del FIS alla istituzione scolastica. Qualora le somme stanziate per retribuire le prestazioni suddette non siano sufficienti a retribuire tutte le attività aggiuntive, è possibile ricorrere a recuperi compensativi. 3 - Per le prestazioni aggiuntive del Dsga è stabilito un budget complessivo non superiore ad euro 5410,00 Art.33 - Incarichi specifici 1 - Su proposta del Dsga, il Dirigente stabilisce il numero e la natura degli incarichi specifici di cui all art. 47, comma 1, lettera b) da attivare nella scuola. 2 - Il Dirigente conferisce tali incarichi sulla base dei seguenti criteri, in ordine di priorità: - professionalità specifica richiesta, documentata sulla base dei titoli di studio e/o professionali e delle esperienze acquisite - disponibilità degli interessati - anzianità di servizio La somma attribuita all Istituzione Scolastica per gli incarichi specifici è di , di cui attribuiti ai Collaboratori e agli amministrativi. La tabella 2 riporta le attribuzioni delle quote FIS e degli incarichi specifici destinate al personale amministrativo. Le somme che risulteranno potranno corrispondere a servizio prestato computato su base oraria o su base forfettaria. Gli importi effettivi saranno computati una volta attribuito il FIS alla istituzione scolastica. Qualifi ca Incaric o specifi co FIS IS X Ass. Amm. Ass. X Amm. Ass. X Amm. Ass Amm. Ass. X Amm. totale 3' IC Alighieri - Contratto d istituto pg 15 di 18

16 La tabella 3 riporta le assegnazioni delle quote FIS e degli incarichi specifici destinate ai Collaboratori Scolastici. Le somme che risulteranno potranno corrispondere a servizio prestato computato su base oraria o su base forfettaria. Qualifica Art. 50 CCNL Importo Importo (già art. 7) FIS IS Scol. Infanzia Scol. Infanzia Scol. prim.cav Scol. prim.cav Scol. Infanzia Scol. prim.cav Scol. sec.cav X Scol. Infanzia Scol. s.barbara Scol. prim.cas Scol. prim.cas Scol. sec.cas Scol. sec.cas X Scol. sec.cas X Scol. s.barbara meleto Scol. meleto X Scol. mezzo sec.cav totale 7' ' IC Alighieri - Contratto d istituto pg 16 di 18

17 TITOLO VI ATTUAZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Art.34 - Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS) 1 - Il RLS è designato dalla RSU al suo interno o tra il personale dell istituto che sia disponibile e possieda le necessarie competenze. 2 - Al RLS è garantito il diritto all informazione per quanto riguarda tutti gli atti che afferiscono al Sistema di prevenzione e di protezione dell istituto. 3 - Al RLS viene assicurato il diritto alla formazione attraverso l opportunità di frequentare un corso di aggiornamento specifico. 4 - Il RLS può accedere liberamente ai plessi per verificare le condizioni di sicurezza degli ambienti di lavoro e presentare osservazioni e proposte in merito. 5 - Il RLS gode dei diritti sindacali e della facoltà di usufruire dei permessi retribuiti, secondo quanto stabilito nel CCNL all art. 73, al quale si rimanda. rt Il Responsabile del Sistema di Prevenzione e Protezione (RSPP) 1 - Il RSPP è designato dal Dirigente 2 - Il RSPP svolge ordinariamente i seguenti compiti: - coordina tutte le attività di prevenzione e protezione - vigila sul rispetto delle norme definite nel Piano di rilevazione dei rischi - tiene i contatti con gli EE.LL. per tutte le esigenze connesse alla sicurezza - coordina l attività delle figure sensibili di plesso - gestisce il programma delle esercitazioni di evacuazione dei plessi 3 - Al RSPP compete un compenso come stabilito da bando di concorso, per il quale si attingerà ai fondi appositamente assegnati dal MIUR (o, in mancanza di questi, ad altri fondi a disposizione dell Istituzione Scolastica) Art Le figure sensibili 1 - Per ogni plesso scolastico sono individuate le seguenti figure: - addetto al primo soccorso - addetto al primo intervento sulla fiamma IC Alighieri - Contratto d istituto pg 17 di 18

18 2 - Le suddette figure sono individuate tra il personale fornito delle competenze necessarie e sono state appositamente formate attraverso specifico corso 3 - Alle figure di plesso competono tutte le funzioni previste dalle norme di sicurezza, che esercitano sotto il coordinamento del RSPP. TITOLO VII - NORME TRANSITORIE E FINALI Art.37 - Norme relative al corrente anno scolastico 1 - Quanto già deciso nelle sedi competenti in merito alle materie oggetto del presente contratto, sulla base della normativa a suo tempo vigente, rimane in vigore per il corrente anno scolastico 2 - Gli effetti del presente contratto cominceranno ad essere prodotti a seguito della sua stipula definitiva e sono applicabili fino alla stipula di un nuovo contratto. 3 Quanto stabilito nel presente contratto, in riferimento specificamente al Titolo V, è subordinato alla effettiva attribuzione del FIS alla istituzione scolastica. IC Alighieri - Contratto d istituto pg 18 di 18

Bozza a.s. 2012/2013 CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Bozza a.s. 2012/2013 CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PROVAGLIO D ISEO Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via Roma - 25050 PROVAGLIO D ISEO (BS) TEL.030/9881247 FAX 030-9839181 C.F.: 98117000178 E-mail bsic85000a@istruzione.it

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE Il giorno 07 marzo 2014, alle ore 10,30, nella Presidenza dell istituto viene sottoscritto il Contratto Collettivo Integrativo dell Istituto di

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO 2014-15

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO 2014-15 CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO 2014-15 TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Campo di applicazione, decorrenza e durata Il presente contratto si applica a tutto il personale docente ed

Dettagli

VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE NOMINA RLS

VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE NOMINA RLS 1 ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI E SOCIALI E. FALCK Sede: 20099 SESTO SAN GIOVANNI - Via Balilla, 50 Tel. 02/2482512 - Fax 02/26221270 Sede coordinata: 20092 CINISELLO

Dettagli

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE Il giorno 18 dicembre 2014 alle ore 10.50 nel locale Presidenza viene sottoscritta la presente Ipotesi di accordo, finalizzata alla

Dettagli

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE (SU CARTA INTESTATA DELLA SCUOLA) BOZZA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE Il giorno alle ore nel locale....viene sottoscritta la presente

Dettagli

Unione Europea. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Unione Europea. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto comprensivo AUGUSTO- console Segreteria: tel\fax 081 5709782 Web: www.icaugustoconsole.gov.it E_mail: naic8d500e@istruzione.it naic8d500e@pec.istruzione.it

Dettagli

IPOTESI DI ACCORDO CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO a.s. 2015/2016

IPOTESI DI ACCORDO CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO a.s. 2015/2016 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S.S. Carlo Alberto Dalla Chiesa Via Aldo Moro, 1-01027 Montefiascone (VT) CM: VTIS00900L - CF: 80013690567 - Tel: 0761/826248 Fax: 0761/830142

Dettagli

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA SCUOLA SECONDARIA I GRADO Dante Alighieri Via Madonna della Libera, 44 don Antonio Spalatro Via Verdi 71019 - VIESTE C.F. 92022000712 C.M. FGMM13700L

Dettagli

IPOTESI DI CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

IPOTESI DI CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca L I C E O S T A T A L E G a l i l e o G a l i l e i Liceo Scientifico - Liceo Linguistico Via S. Francesco n. 63-24043 - CARAVAGGIO (BG) 0363/50547

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE Il giorno 17 febbraio 2012 alle ore 13,15 nel locale di Presidenza viene sottoscritta la presente Ipotesi di accordo, finalizzata alla

Dettagli

Prot. n. 3721/A26 Bellizzi, 14 / 05 / 2014 CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO DEFINITIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE

Prot. n. 3721/A26 Bellizzi, 14 / 05 / 2014 CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO DEFINITIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE CAMPANIA - AUTONOMIA N 102-56 DISTRETTO SCOLASTICO BATTIPAGLIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE BELLIZZI Scuola dell infanzia primaria e secondaria di I grado BELLIZZI (SA) P.za

Dettagli

BOZZA TESTO CONTRATTUALE IPSIA ARCHIMEDE BARLETTA 2014 2015

BOZZA TESTO CONTRATTUALE IPSIA ARCHIMEDE BARLETTA 2014 2015 BOZZA TESTO CONTRATTUALE IPSIA BARLETTA 2014 2015 TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 - Campo di applicazione, decorrenza e durata 1- Il presente contratto si applica a tutto il personale docente

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO COLLETTIVO DI ISTITUTO

CONTRATTO INTEGRATIVO COLLETTIVO DI ISTITUTO CONTRATTO INTEGRATIVO COLLETTIVO DI ISTITUTO TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Campo di applicazione, decorrenza e durata 1. Il presente contratto si applica a tutto il personale docente ed ATA

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE

CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ORAZIO Via Fratelli Bandiera,29 POMEZIA tel./fax 069110163 cod.fiscale

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DI ISTITUTO

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DI ISTITUTO 1 REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO L. PIRANDELLO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca LICEO SCIENTIFICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE R. POLITI Via Acrone n. 12 92100 AGRIGENTO - Tel. / Fax 0922 20535 E-Mail: agpm03000a@istruzione.it

Dettagli

Proposta CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Proposta CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOLANO Via dei Castagni, 10 Ceparana (SP) C.F. 90016620115 Tel. 0187933789 Tel./Fax 0187934603 E-mail spic80400g@istruzione.it Proposta CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Dettagli

A.S. 2012/13 IPOTESI DI CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO

A.S. 2012/13 IPOTESI DI CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO A. MANZONI V. Moncenisio, 24 10042 Nichelino (TO) - tel. 0116809090 - fax 0116275497 e mail: TOMM173003@istruzione.it C.M. TOMM173003 C.F. 84508950015 www.scuolamanzoninichelino.gov.it

Dettagli

Il giorno 28 novembre 2011 alle ore 10.00 in un locale dell I.S.I.S. di Gazzada, VIENE STIPULATO

Il giorno 28 novembre 2011 alle ore 10.00 in un locale dell I.S.I.S. di Gazzada, VIENE STIPULATO Il giorno 28 novembre 2011 alle ore 10.00 in un locale dell I.S.I.S. di Gazzada,. VIENE STIPULATO il presente contratto collettivo integrativo dell I.S.I.S. J. M. Keynes di Gazzada per l anno scolastico

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO 2014-15

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO 2014-15 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE PIETRO VERRI CON INDIRIZZO ISTITUTO ECONOMICO E LICEO LINGUISTICO Via Lattanzio, 38 20137 MILANO - Tel. 02.55.11.536 02.55.11.590 FAX 02.55.19.19.91 e-mail: segreteria@itcverri.gov.it

Dettagli

Scuola Secondaria di primo grado QUIRINO MAIORANA

Scuola Secondaria di primo grado QUIRINO MAIORANA Scuola Secondaria di primo grado QUIRINO MAIORANA Via C.Beccaria n.87-95123 CATANIA - Tel/Fax 095/448275 Mail: CTMM00300T@istruzione.it web: www.maioranacatania.it Contratto integrativo d Istituto Anno

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO ANNO SCOLASTICO 2013/14

CONTRATTO INTEGRATIVO ANNO SCOLASTICO 2013/14 Il passato del futuro LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61 Viale Maria Luigia, 1-43125 Parma - Tel. 0521.282115 - Fax. 0521.385159 www.liceoromagnosi.org - ssromagn@scuole.pr.it - codice MIUR PRPC01001

Dettagli

Prot. N 1073/A26 Genova, 9 febbraio 2012 DETERMINAZIONE UNILATERALE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Prot. N 1073/A26 Genova, 9 febbraio 2012 DETERMINAZIONE UNILATERALE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO LICEO STATALE P. GOBETTI Liceo Linguistico Liceo Musicale e Coreutico sez. Coreutica Liceo Scienze Umane Liceo Scienze Umane Economico Sociale Via Spinola di S.Pietro, 1-16149 Genova - Tel.0106469787 -Fax

Dettagli

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO VERBALE DI STIPULA

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO VERBALE DI STIPULA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO VERBALE DI STIPULA Il giorno 31 maggio 2014 alle ore 10,30, nel locale della Presidenza dell Istituto Comprensivo di Palena VIENE STIPULATA la presente

Dettagli

Dirigente Scolastico. Prof.ssa Chiassai Maria Rita. RSU d Istituto: Prof. Bonifazi Paolo. Prof. Giulivi Patrizia. Prof.

Dirigente Scolastico. Prof.ssa Chiassai Maria Rita. RSU d Istituto: Prof. Bonifazi Paolo. Prof. Giulivi Patrizia. Prof. Istituto di Istruzione Superiore CLASSICO E ARTISTICO Terni A.S. 2013/2014 Contratto Integrativo di Istituto Verbale di sottoscrizione Il giorno 9 del mese di maggio 2014, presso l I.I.S.C.A.. di Terni,

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO DIREZIONE DIDATTICA STATALE DI CALUSO Via Gnavi, 1 10014 CALUSO (To) Tel. 011/9833253 - Fax 011/9891435 E mail:toee08400n@istruzione.it SITO:www.circolodidatticocaluso.gov.it CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO

Dettagli

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE Il giorno 16 del mese di maggio dell anno 2014 (duemilaquattordici ) alle ore 12,00 nell ufficio del Dirigente Scolastico

Dettagli

Contratto collettivo integrativo d Istituto 2013-2014

Contratto collettivo integrativo d Istituto 2013-2014 ISTITUTO STATALE SUPERIORE SECONDO GRADO Via Vaiani n 44 80010 Quarto (NA) Tel. 081/8061100- Fax 081/8061100 Codice Fiscale:9601910063 Prot. 761 B/15 del 31.01.2014 Contratto collettivo integrativo d Istituto

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2014/15 PARTE PRIMA NORMATIVA TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2014/15 PARTE PRIMA NORMATIVA TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo "Dante" Via Rusnati,1 21013 Gallarate (VA) C.F. 91055810120 Cod. Meccanografico VAIC878006 Tel. 0331.792428 - Fax 0331.774924

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO VERBALE DI STIPULA

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO VERBALE DI STIPULA CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO VERBALE DI STIPULA Il giorno 6 maggio 2014 alle ore 12.00 nei locali dell I.I.S. C. Ubertini di Caluso (TO) VISTA l Ipotesi di accordo sottoscritta in data 10

Dettagli

PARTE PUBBLICA. Il Dirigente scolastico reggente pro-tempore Prof.ssa Concetta Spadaro PARTE SINDACALE. Biz Luciana. RSU Cordella Ivana

PARTE PUBBLICA. Il Dirigente scolastico reggente pro-tempore Prof.ssa Concetta Spadaro PARTE SINDACALE. Biz Luciana. RSU Cordella Ivana IPOTESI CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO IN MATERIA DI IMPIEGO DELLE RISORSE DISPONIBILI DEL FONDO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PER IL PERSONALE DOCENTE ED ATA L anno 2014, il giorno 28 del mese di

Dettagli

Contratto Integrativo di Istituto a.s. 2014/2015. Organizzazione del lavoro e articolazione dell orario del personale A.T.A.

Contratto Integrativo di Istituto a.s. 2014/2015. Organizzazione del lavoro e articolazione dell orario del personale A.T.A. Contratto Integrativo di Istituto a.s. 2014/2015 Organizzazione del lavoro e articolazione dell orario del personale A.T.A. VISTO il CCNL 2006/2009 e successive modificazioni ed integrazioni Art.1 Riunione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ASSISI 1 Via S.Antonio n. 1 06081 Assisi (PG) Tel. 075812360 - Fax 075812159 @-mail certificata: pgic83500t@pec.

ISTITUTO COMPRENSIVO ASSISI 1 Via S.Antonio n. 1 06081 Assisi (PG) Tel. 075812360 - Fax 075812159 @-mail certificata: pgic83500t@pec. ISTITUTO COMPRENSIVO ASSISI 1 Via S.Antonio n. 1 06081 Assisi (PG) Tel. 075812360 - Fax 075812159 @-mail certificata: pgic83500t@pec.it Contratto Integrativo d Istituto sui criteri generali per la ripartizione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO. 2 di LODI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO. Anno Sc. 2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO. 2 di LODI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO. Anno Sc. 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO 2 di LODI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO Anno Sc. 2013/2014 Sottoscritta definitivamente il 12-06-2014 PREMESSA Il Dirigente e R.S.U., consapevoli della tempistica assegnata

Dettagli

TITOLO QUARTO - TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO CAPO I - NORME GENERALI. Art. 14 Risorse

TITOLO QUARTO - TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO CAPO I - NORME GENERALI. Art. 14 Risorse TITOLO QUARTO - TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO CAPO I - NORME GENERALI Art. 14 Risorse 1. Le risorse disponibili per l'attribuzione del salario accessorio sono costituite da: a. stanziamenti previsti

Dettagli

Contrattazione integrativa d Istituto a.s.2012/2013 FRONTESPIZIO DELL INTESA

Contrattazione integrativa d Istituto a.s.2012/2013 FRONTESPIZIO DELL INTESA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Scuola dell INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA di I GRADO Via Milazzo,21-03030

Dettagli

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE OVEST 2 BRESCIA Via Bagatta n. 6 25127 BRESCIA Tel. 030/301366 Fax 030/3702862 Codice meccanografico: BSIC886005

Dettagli

Ministero dell Istruzione - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio. LICEO CLASSICO e SCIENZE UMANE PLAUTO

Ministero dell Istruzione - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio. LICEO CLASSICO e SCIENZE UMANE PLAUTO Ministero dell Istruzione - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio LICEO CLASSICO e SCIENZE UMANE Sede: Via Renzini n 70 00128 Roma - Distretto XX Cod. Mecc. RMPC21000P Cod Fisc. 97084590583 Tel. 06

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO Anno scolastico 2013/2014

CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO Anno scolastico 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO LI PUNTI VIA ERA - 07100 SASSARI (SS) C. F. 92128460901 - Cod. Mec. SSIC85100T - E-Mail SSIC85100T@istruzione.it TEL.079395658

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI E SOCIALI GAETANO PESSINA COMO Via Milano, 182 - Tel. 031/2765511 - Fax 031/302461

Dettagli

1.Criteri di assegnazione del personale

1.Criteri di assegnazione del personale ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PARMIGIANINO P.le Rondani, 1 43100 Parma - Tel. 0521/233874 Fax 0521/233046 e-mail: pric83600p@istruzione.it PEC: pric83600p@pec.istruzione.it web: www.icparmigianino.it Codice

Dettagli

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DI ISTITUTO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DI ISTITUTO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO G.BERTACCHI 21052 Busto Arsizio (VA) Via Pindemonte, 2 Tel. 0331/631953-621846 Fax 0331/326413 Email: istitutobertacchi@virgilio.it - vaic857005@istruzione.it IPOTESI DI CONTRATTO

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DI ISTITUTO PARTE PRIMA: DISPOSIZIONI GENERALI

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DI ISTITUTO PARTE PRIMA: DISPOSIZIONI GENERALI 1 CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DI ISTITUTO PARTE PRIMA: DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Campo d'applicazione, decorrenza e durata a) il presente contratto si applica a tutto il personale docente ed

Dettagli

TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO. Art. 21 Risorse

TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO. Art. 21 Risorse TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO Art. 21 Risorse lordo stato lordo dipendente FONDO ISTITUTO 2013/2014 28.961,54 21.824,82 INDENNITA' D.S.G.A. 4.379,10 3.300,00 INDENNITA' SOSTITUZ. D.S.G.A. 500,00 376,79

Dettagli

PARTE PRIMA - NORMATIVA

PARTE PRIMA - NORMATIVA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE DI BARGA Istituto Professionale Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera F.lli Pieroni - Liceo Linguistico Barga - Liceo delle Scienze Umane G. Pascoli -

Dettagli

IPOTESI DI ACCORDO FINALIZZATA ALLA STIPULA DEL CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO

IPOTESI DI ACCORDO FINALIZZATA ALLA STIPULA DEL CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO B ISTITUTO COMPRENSIVO DI LORETO APRUTINO Scuola Infanzia, Primaria e Istruzione Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente per l educazione degli adulti Via V. Veneto, 24-65014 Loreto Aprutino

Dettagli

TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI ISTITUTO COMPRENSIVO N. 2 Via Patrioti delle Marche n.5-63821 PORTO SANT'ELPIDIO (FM) Tel. 0734/993437 - Fax 0734/900548 CODICE FISCALE 90055050448 CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DEFINITIVA DI ISTITUTO a.s.2012/13

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. 35020 Albignasego (PD)

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. 35020 Albignasego (PD) I criteri per le determinazioni del dirigente riferiti a l organizzazione degli uffici e le misure inerenti alla gestione dei rapporti di lavoro ex art. 5, comma 2, del Dlgs n. 165/2001 come novellato

Dettagli

IPOTESI CONTRATTO INTEGRATIVO D'ISTITUTO

IPOTESI CONTRATTO INTEGRATIVO D'ISTITUTO Piazza G.F. degli Atti, 1 06059 Todi (PG) IPOTESI CONTRATTO INTEGRATIVO D'ISTITUTO Il giorno 06 del mese di novembre dell anno duemilaquattordici, nell ufficio del Dirigente Scolastico dalla Scuola Secondaria

Dettagli

Ipotesi di contratto integrativo per l anno scolastico 2014-2015

Ipotesi di contratto integrativo per l anno scolastico 2014-2015 ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO Per i Servizi Alberghieri e della Ristorazione Giovanni Falcone Via Veneto 4 95014 GIARRE (CT) Tel. 095-932846 Fax 095-933121 Sito Web: www.ipssarfalconegiarre.it Ipotesi

Dettagli

La traccia di contratto di scuola sottostante sta girando tra i Dirigenti Scolastici e risulta elaborata dall ANP.

La traccia di contratto di scuola sottostante sta girando tra i Dirigenti Scolastici e risulta elaborata dall ANP. Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL della Sardegna Segreteria Regionale Viale Monastir, 15 - Tel. 070/2797214-215-216; Fax 070/280729 09122 CAGLIARI E-mail: sardegna@flcgil.it Cagliari, 6 novembre

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO PER IL PERSONALE DOCENTE ED ATA DELLA S. M. S. PIETRO PALUMBO - VILLABATE

CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO PER IL PERSONALE DOCENTE ED ATA DELLA S. M. S. PIETRO PALUMBO - VILLABATE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE SCUOLA MEDIA STATALE PIETRO. PALUMBO " C.F. 80020900827 - C.M. pamm12600x Via G. Tomasi di Lampedusa, s.n.c. - Via De Gasperi, 185-90039 VILLABATE e-mail: pamm12600x@istruzione.it

Dettagli

PARTE GENERALE PROCEDURE PER LA DEFINIZIONE DEL PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA

PARTE GENERALE PROCEDURE PER LA DEFINIZIONE DEL PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE ATA (ai sensi dell art. 3, comma 1, lettera f del CCNL 15/03/2001) L anno 2002 il mese

Dettagli

Il Dirigente Scolastico pro-tempore Anna Maria Crotti PARTE PUBBLICA PARTE SINDACALE. e per OOSS esterne: - 1 -

Il Dirigente Scolastico pro-tempore Anna Maria Crotti PARTE PUBBLICA PARTE SINDACALE. e per OOSS esterne: - 1 - Il giorno 12 febbraio 2015 presso la Presidenza dell Istituto Superiore Majorana di Seriate (BG) viene sottoscritta la presente intesa, finalizzata alla stipula del Contratto Collettivo Integrativo. La

Dettagli

IPOTESI di CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO

IPOTESI di CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO di NOVATE MEZZOLA via Ligoncio,184 0343/44126 fax 0343/62004 e- mail : soic81600x@istruzione.it IPOTESI di CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO Prot.n. 1620 /A26 L anno 2013 il giorno

Dettagli

Informativa relativa all organizzazione degli uffici e alla gestione dei rapporti di lavoro

Informativa relativa all organizzazione degli uffici e alla gestione dei rapporti di lavoro MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO G. GAVAZZENI Via Combattenti e Reduci 70 TALAMONA (Sondrio) Tel. e Fax 0342/670755 - e.mail: segreteria@ictalamona.it Anno

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE DUCA D AOSTA Via C. Capelli, 51 10146 Torino Telefax 011/724696 C.F. 80090940018 e-mail:segreteria@ddducadaosta.

DIREZIONE DIDATTICA STATALE DUCA D AOSTA Via C. Capelli, 51 10146 Torino Telefax 011/724696 C.F. 80090940018 e-mail:segreteria@ddducadaosta. prot. 1164/A26 del 29 febbraio 2012 DIREZIONE DIDATTICA STATALE DUCA D AOSTA Via C. Capelli, 51 10146 Torino Telefax 011/724696 C.F. 80090940018 e-mail:segreteria@ddducadaosta.it CONTRATTO INTEGRATIVO

Dettagli

I.C. Didattico E: Fermi Contrattazione d Istituto a.s. 2013/2014

I.C. Didattico E: Fermi Contrattazione d Istituto a.s. 2013/2014 1 Circolo Didattico E. FERMI Via P.M. Vergara 77/A Tel./fax 0818806933 80027 Frattamaggiore - Napoli - URL: www.primocircolodidatticofrattamaggiore.it - e-mail: naee13600p@istruzione.it PROT. N 805/A26

Dettagli

ALLEGATO 1 DETERMINAZIONI DEL DIRIGENTE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO VISTO VISTA VISTA VISTA VISTA VISTO VISTO VISTO VISTA VISTA

ALLEGATO 1 DETERMINAZIONI DEL DIRIGENTE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO VISTO VISTA VISTA VISTA VISTA VISTO VISTO VISTO VISTA VISTA ALLEGATO 1 DETERMINAZIONI DEL DIRIGENTE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO VISTO il CCNL Comparto Scuola 2006-2009; VISTA la Sequenza Contrattuale Docenti dell 8.04.2008; VISTA la Sequenza Contrattuale

Dettagli

INFORMATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO SULL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DEGLI UFFICI

INFORMATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO SULL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DEGLI UFFICI Prot. n. 4369/A 26 Concordia Sagittaria, 24 novembre 2015 Ai rappresentanti sindacali Al personale dell Istituto All albo dell Istituto INFORMATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO SULL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca LICEO SCIENTIFICO SERENI LUINO Via Lugano, 24-21016 Luino - Tel: 0332531585 Fax: 0332531554 e-mail uffici: segreteria@liceoluino.it - www.liceoluino.it

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo "Dante"

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Dante Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo "Dante" Via Rusnati,1 21013 Gallarate (VA) C.F. 91055810120 Cod. Meccanografico VAIC878006 Tel. 0331.792428 - Fax 0331.774924

Dettagli

visto il decreto legislativo n. 150 del 27 ottobre 2009 così come modificato dal tenuto conto di quanto emerso dall'assemblea del personale ATA;

visto il decreto legislativo n. 150 del 27 ottobre 2009 così come modificato dal tenuto conto di quanto emerso dall'assemblea del personale ATA; MINISTERO DELL' ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L'EMILIA ROMAGNA "ISTITUTO COMPRENSIVO "DI BEDONIA" 43041 BEDONIA (PR) VIA VERDI, 6 C.F..90007190342 C.M. PRIC817009

Dettagli

Istituto Tecnico Tecnologico E. FERMI Ascoli Piceno ART 6 comma 2 CCNL 2007 Informazione preventiva a.s. 2011-12

Istituto Tecnico Tecnologico E. FERMI Ascoli Piceno ART 6 comma 2 CCNL 2007 Informazione preventiva a.s. 2011-12 Istituto Tecnico Tecnologico E. FERMI Ascoli Piceno ART 6 comma 2 CCNL 2007 Informazione preventiva a.s. 2011-12 Lettera c): criteri di attuazione dei progetti nazionali, europei e territoriali Sono inseriti

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA DI CODROIPO (UD) Via Friuli, 14 33033 CODROIPO

DIREZIONE DIDATTICA DI CODROIPO (UD) Via Friuli, 14 33033 CODROIPO DIREZIONE DIDATTICA DI CODROIPO (UD) Via Friuli, 14 33033 CODROIPO E-mail Intranet: UDEE057002@istruzione.it Tel. 0432-906427 Fax 0432-906436 E-mail Internet: cdcodroipo@cdcodroipo.it CONTRATTO INTEGRATIVO

Dettagli

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA D ISTITUTO GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA D ISTITUTO GESTIONE DELLE RISORSE UMANE CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA D ISTITUTO GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Il giorno 30/09/2014 alle ore 10.30 presso l Istituto Comprensivo di Varallo tra il Dirigente Scolastico e le R.S.U., si stipula la seguente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CORREZZOLA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CORREZZOLA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CORREZZOLA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria 1 grado dei Comuni di AGNA CANDIANA - CORREZZOLA SEDE in Via G. Garibaldi, 41 35020 CORREZZOLA (PD) - Codice Fiscale 80014840286

Dettagli

Prot. 1949/C2 Valmadrera, 06/05/2013 IPOTESI DI CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO A. S. 2012/2013

Prot. 1949/C2 Valmadrera, 06/05/2013 IPOTESI DI CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO A. S. 2012/2013 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VALMADRERA Via Fra Cristoforo, 6 23868 Valmadrera (LC) Tel. 0341-581465; fax 0341-583611 e-mail: icvalmadrera@libero.it Prot. 1949/C2 Valmadrera, 06/05/2013 IPOTESI DI CONTRATTAZIONE

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA "R.A. COSTAGGINI" RIETI

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA R.A. COSTAGGINI RIETI ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA "R.A. COSTAGGINI" RIETI CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO 2013/2014 L'anno 2014, il mese di Gennaio, il giorno 23 in Rieti alle

Dettagli

CONTRATTAZIONE INTERNA DI ISTITUTO A.S.2012/13

CONTRATTAZIONE INTERNA DI ISTITUTO A.S.2012/13 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE San Giuseppe Calasanzio Via Don Gnocchi 25-20148 Milano tel. 0288444563- fax 0288444568 Cod. mecc. MIIC8C500A cod. fiscale 80128410158 E mail: miic8c500a@istruzione.it mic8c500a@pec.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FOSCOLO-GABELLI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FOSCOLO-GABELLI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FOSCOLO-GABELLI Via Baffi n. 2/4 71121 Foggia Tel. 0881 743522 fax 0881 712334 C.M. FGIC86100G C.F. 80030630711 sito web: www.smsfoscolofg.it - e mail: fgic86100g@istruzione.it

Dettagli

Il presente contratto d Istituto concerne le seguenti materie:

Il presente contratto d Istituto concerne le seguenti materie: Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE T. CROCI Via Chopin N. 9-20037 Paderno Dugnano (MI) Tel. n. 02/ 9181045 C.f. 97667170159 fax n. 02/ 99045055 e-mail

Dettagli

Modalità di organizzazione del personale docente e di utilizzazione del personale Ata

Modalità di organizzazione del personale docente e di utilizzazione del personale Ata LICEO CLASSICO STATALE N. FORTEGUERRI LICEO STATALE DELLE SCIENZE UMANE A. VANNUCCI Corso Gramsci, 148 - PISTOIA - Tel. 0573/20302-22328-Fax 0573/24371 Modalità di organizzazione del personale docente

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO 1 CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO DISPOSIZIONI GENERALI Premessa Pur considerando le diverse posizioni assunte in questi ultimi mesi dalle diverse organizzazioni sindacali, l interpretazione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA Atti preliminari ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA All inizio di ogni anno scolastico e comunque prima dell inizio delle lezioni, sulla base del POF e delle attività ivi previste:?? Il

Dettagli

I.T.S. E.MATTEI DI DECIMOMANNU

I.T.S. E.MATTEI DI DECIMOMANNU I.T.S. E.MATTEI DI DECIMOMANNU ACCORDO A LIVELLO DI ISTITUZIONE SCOLASTICA IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE ATA L anno 2015, nel mese di MAGGIO, il giorno

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO G. GALILEI - PASCOLI Scuola dell Infanzia - Primaria - Secondaria di Primo Grado - Sezione Ospedaliera Via D. Bottari, 1 (Piazza

Dettagli

INFOMAZIONE PREVENTIVA IN RELAZIONE ALL'ART. 6 DEL CCNL 2006-2009 ANNO SCOLASTICO 2011-2012

INFOMAZIONE PREVENTIVA IN RELAZIONE ALL'ART. 6 DEL CCNL 2006-2009 ANNO SCOLASTICO 2011-2012 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORBOLO Via Garibaldi,29 43058 SORBOLO (PR) Tel 0521/697705 Fax 0521/698179 Sito internet: http://icsorbolomezzan.scuolaer.it e-mail: pric81400t@istruzione.it Prot. n. 4918/C14

Dettagli

www.istitutocomprensivotivolibagni.it

www.istitutocomprensivotivolibagni.it 0.5 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE V TIVOLI - BAGNI www.istitutocomprensivotivolibagni.it Via C.Collodi,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA D ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2011/2012

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA D ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Completo di Mornago Via Volta, 9-21020 MORNAGO (VA) 0331-903068 - 0331-903727 : segreteria@iccmornago.it; dirigenza@iccmornago.it

Dettagli

Guida operativa per le RSU

Guida operativa per le RSU Guida operativa per le RSU A cura di Antonietta Toraldo e Grazia Perrone 1. Nota introduttiva Nella scuola dell autonomia l esercizio dei diritti sindacali del personale docente e non docente si coniuga

Dettagli

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2013/2014

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Scuola materna, elementare e media B. Lorenzi CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Capo I Diritti sindacali Art.1 Assemblee sindacali Art.2 Permessi

Dettagli

Prot. n. 8861/A19c Menfi, 02-12-2013. INFORMAZIONE PREVENTIVA ai sensi D.L.vo 27 ottobre 2009 n.150 anno scolastico 2013/2014

Prot. n. 8861/A19c Menfi, 02-12-2013. INFORMAZIONE PREVENTIVA ai sensi D.L.vo 27 ottobre 2009 n.150 anno scolastico 2013/2014 Unione Europea Repubblica Italiana Regione Sicilia REGIONE SICILIANA-DISTRETTO SCOLASTICO N.65 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA «S. BIVONA» Contrada Soccorso s. n. tel./ fax 092571895-092573400

Dettagli

Prot. n. 0002111 Genazzano, 09 settembre 2015 IL DIRIGENTE

Prot. n. 0002111 Genazzano, 09 settembre 2015 IL DIRIGENTE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO G. GARIBALDI Via della Signoretta 00030 Genazzano (Roma) 069579055/ 0695570268

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore

Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore I Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 -Tel. 035-297612 - Fax 035-301672 e-mail: majorana@ettoremajorana.gov.it - sito internet: www.ettoremajorana.gov.it

Dettagli

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO CIAMPOLI-SPAVENTA

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO CIAMPOLI-SPAVENTA ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO CIAMPOLI-SPAVENTA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI PRIMO GRADO SECONDARIA DI SECONDO GRADO: ITE - LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO S.A. IST. PROF.LE SOCIO SANITARIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LODI I

ISTITUTO COMPRENSIVO LODI I ISTITUTO COMPRENSIVO LODI I IPOTESI CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO CCNL 2006-2009; Decreto Legislativo n.150 del 27.10.09 Circolare Funzione Pubblica n. 7 del 13.05.09 C.M. n.25 del 19.07.12 e relativo

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO d ISTITUTO

CONTRATTO INTEGRATIVO d ISTITUTO Ministero della Pubblica Istruzione I. C. Galilei Via Quadrelli, 2 21052 Busto Arsizio Tel:0331 340120 Fax: 0331 340120 e-mail uffici: vaic860001@istruzione.it CONTRATTO INTEGRATIVO d ISTITUTO A.S. 2013/2014

Dettagli

Contrattazione integrativa di Istituto (2 parte)

Contrattazione integrativa di Istituto (2 parte) pag. 1 di 6 Istituto Professionale di Stato per i Servizi Alberghieri e della Ristorazione E. Maggia -Stresa Contrattazione integrativa di Istituto (2 parte) ANNO SCOLASTICO 2012-2013 TRATTAMENTO ECONOMICO

Dettagli

CAPO III ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE A.T.A.ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO - 1 -

CAPO III ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE A.T.A.ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO - 1 - CAPO III ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE A.T.A.ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO - 1 - PREMESSA Al fine di evitare equivoci di sorta, a tutto il personale ATA viene consegnata copia individuale dell

Dettagli

20 SCHEDE. i diritti delle RSU e la contrattazione di istituto

20 SCHEDE. i diritti delle RSU e la contrattazione di istituto 20 SCHEDE riguardanti i diritti delle RSU e la contrattazione di istituto aggiornate al CCNL 2006-2009 Le 20 schede che seguono riguardano i compiti e i diritti delle RSU, le competenze degli Organi collegiali,

Dettagli

CRITERI E MODALITA RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA

CRITERI E MODALITA RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA CRITERI E MODALITA RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA Art. 1 Criteri di assegnazione del personale docente ai corsi e alle classi 1. Il

Dettagli

Liceo Scientifico Statale E. Fermi Corso Vittorio Emanuele II, n. 50-35123 Padova Tel. 049/8803444 Fax 049/8803510 e-mail: pdps02000c@istruzione.

Liceo Scientifico Statale E. Fermi Corso Vittorio Emanuele II, n. 50-35123 Padova Tel. 049/8803444 Fax 049/8803510 e-mail: pdps02000c@istruzione. Liceo Scientifico Statale E. Fermi Corso Vittorio Emanuele II, n. 50-35123 Padova Tel. 049/8803444 Fax 049/8803510 e-mail: pdps02000c@istruzione.it CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO Anno scolastico 2009-10

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Via Lecce,129-73056 TAURISANO (LE) Tel./Fax: 0833/622107-625541 - Codice Scuola: LEIC8AJ001 - Codice Fiscale: 90018650755-

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL CONTRATTO INTEGRATIVO. Premessa

RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL CONTRATTO INTEGRATIVO. Premessa ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE N. 17 MONTORIO Via Dei Gelsi, 20 37141 Montorio-Verona Sito web: www.scuolemontorio.org e-mail ministeriale: vric88800v@istruzione.it Tel. 045.557507/045.8840944 Fax. 045.8869196

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ALTA VALLAGARINA

ISTITUTO COMPRENSIVO ALTA VALLAGARINA REPUBBLICA ITALIANA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO ISTITUTO COMPRENSIVO ALTA VALLAGARINA 38068 VOLANO (TN) VIA STAZIONE, 30 c.f. 94033430227 - Tel. 0464/410475 - e-mail: segr.ic.altavallagarina@scuole.provincia.tn.it

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE GIROLAMO CARUSO ALCAMO

ISTITUTO TECNICO STATALE GIROLAMO CARUSO ALCAMO IPOTESI ISTITUTO TECNICO STATALE GIROLAMO CARUSO ALCAMO CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO Il giorno 22 gennaio dell anno 2011 presso l Istituto Tecnico Statale Girolamo Caruso di Alcamo, tra il Dirigente

Dettagli