it net adr.it Dr.Stefano Manassero Formazione Verifica messa Consulente REACH/CLP Rev.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.siam it net info@studio81 adr.it Dr.Stefano Manassero - - - - Formazione Verifica messa - - - - Consulente REACH/CLP Rev."

Transcript

1 NOVITA ADR 013 1

2 PARTE 1. DISPOSIZIONI GENERALI, DEFINIZIO ONI E FORMAZIONE : Quando è richiesta l applicazione di una norma e vi è un qualsiasi tipo di conflitto tra questa norma e le disposizioni ADR, le disposizioni dell ADR prevalgono. CAPITOLO 1.4 OBBLIGHI DI SICUREZZA DEGLI OPERATORI SPEDITORE (b) lo speditore deve fornire al trasportatore informazioni e dati in una maniera tracciabile. TRASPORTATORE (d) Il trasportatore deve assicurarsi che il termine previsto per la prossima cisterna. prova per i veicoli RIEMPITORE (f) Il riempitoree deve assicurarsi, dopo il riempimento della cisterna, che tutte le chiusure siano in posizione chiusa e che nonn vi sia una perdita. Nuovo comma, introdotto con l ADR 013. Non è piu solo responsabilità del trasportatore il controlloo delle chiusure della cisterna, ma ricade anche sul riempitore. CAPITOLO 1.8 MISURE DI CONTROLLO E ALTRE MISURE DI SUPPORTO DISPOSIZIONI DI SICUREZZA PER L OSSERVANZA DELLE Fra i compiti del consulente per la sicurezza trasporto merci pericolosee rientrano anche un adeguata formazione del personale dell impresa, che includa anche le modifiche alle regolamentazioni, e la registrazione di tale formazione Se avvienee un grave incidente o un evento imprevisto durante il carico, il riempimento, il trasporto o lo scarico delle merci pericolose sul territorio di una Parte contraente, il caricatore, il riempitore, il trasportatore o il destinatario deve assicurarsi rispettivamente che un rapportoo redatto secondo il modello

3 prescritto al sia sottoposto all autorità competente della Parte contraente interessata, al piu tardi un mese dopo che l evento si è verificato Vienee ampliata la definizione di merce pericolosa ad alto rischio, inserendo specifici radionuclidi. PARTE. CLASSIFICAZIONE CAPITOLO.1 DISPOSIZIONI GENERALI Se la materia da trasportare è un rifiuto, la cui composizione non è esattamente conosciuta, la sua assegnazione a un numero ONU e a un gruppo d imballaggio conformemente a può esseree basata sulle conoscenze del rifiuto che ha lo speditore, come pure su tutti i dati tecnici e dati di sicurezza disponibili, richiesti dalla legislazione in vigore, relativa alla sicurezza e all ambiente In caso di dubbio, deve essere scelto il grado di pericolo più elevato. Se tuttavia, in base alle conoscenze della composizione del rifiuto e delle proprietà fisiche e chimiche dei componenti identificati, è possibile dimostrare che le proprietà del rifiuto non corrispondonoo alle proprietà del gruppo d imballaggio I, il rifiuto può essere classificato di default sotto la più appropriata rubrica n.a.s. di gruppo d imballaggio II. Tuttavia, se è noto che il rifiuto possiede solo proprietà pericolose per l ambiente, esso puo essere assegnato al gruppo di imballaggio III sotto i numeri ONU 3077 e 308. Questa procedura non può essere utilizzata per i rifiuti contenenti materiee menzionate al , materiee della classe 4.3, materie menzionate al o materie che nonn sono ammesse al trasporto conformemente a..x.. CAPITOLO. DISPOSIZIONI PARTICOLARI PER LE DIVERSE CLASSI : viene introdottata la nuova dicitura di prodotti chimici sotto pressione (ONU da 3500 a 3505) : nuove rubriche collettive riguardanti oggetti contenenti liquidi infiammabili es: confezioni di resina poliestere o cartucce per pile a combustibile : viene specificato che rientrano nella definizione di materia corrosiva non solo la singola materia, ma anche gli oggetti contenenti tali materie : Classe 8. Alla lista delle rubriche collettive viene aggiunto il n. ONU 3506 : mercurio contenuto in manufatti. 3

4 : piu ampia classificazione delle Pile al Litio : viene inserita come materia da imputare alla classe 9 il condensatore elettrico a doppio strato (con una capacità di stoccaggio di energia superiore a 0,3 Wh). PARTE 3. LISTA DELLE MERCI PERICOLOSE. Su molti numeri ONU vengono modificate le quantita esenti (di solito nel senso della riduzione), aggiunte disposizioni specifiche per imballaggio, etc PARTE 4. DISPOSIZIONII RELATIVE ALLA UTILIZZAZIONE DEGLI IMBALLAGGI E DELLE CISTERNE : Variate alcune istruzioni di imballaggioio molto comuni, quali la P001 e la P00. Inseriti nuovi materiali per imballaggi interni o recipienti. Tocca numerosi numeri ONU : Quando la sovrappressione esterna puo essere superiore alla resistenza della cisterna alla pressione esterna (per esempio a causaa di una temperatu ra ambiente bassa) ), devono essere prese misure adeguate per proteggere le cisterne che trasportano dei gas liquefatti a bassa pressione dai rischi di deformazione, ad esempio riempiendolee di azotoo o di altro gas inerte per mantenere una pressionee sufficiente all interno della cisterna. PARTE 5. PROCEDURE DI SPEDIZIONE 5.1. : viene confermato l utilizzo del marchio di pericoloso per l ambiente sul sovra imballaggio, se uno dei colli dell imballaggio lo richiede : Vengono specificate le dimensioni MINIME dell etichetta riportante UN e numero (es. UN 163). Minimo 1 mm di altezza. 6 mm almeno per colli di massimomo 30 lt o massa di 30 Kg. Questi nuovi requisiti avranno validità dal 1 gennaio : Viene specificato che se un rimorchio o contenente merci pericolose viene staccato dal suo veicolo durante il trasporto di merci pericolose, un pannello di colore arancionene deve rimanere fissato sul retro di tale rimorchio. 4

5 : nuovi numeri di identificazione del pericolo. 38gas infiammabile corrosivo, 8gas corrosivo : importante prescrizione relativa al trasporto di materie che presentano un rischio di asfissia quando vengono utilizzate per scopi di refrigerazione o condizionamento (come il ghiaccio secco UN 1845, l azotoo liquido refrigerato UN 1977 o l argon liquido refrigerato UN 1951) PARTE 6. PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA COSTRUZIONE E PROVE DI IMBALLAGGI : prescrive la marcatura UN di almeno 1 mm per i grandi imballaggi : prescrive il nuovo pittogramma riportante il caricoco di impilamento massimo autorizzato applicabile, di dimensioni di almeno 100 x 100 mm : nuova disposizione speciale TT10 per controllili periodici sui serbatoi delle cisterne, che dimezza i tempi dei controllili per le materie che riportano tale disposizione (da 6 a 3 anni). PARTE 8. PRESCRIZIONI RELATIVE AGLI EQUIPAGGI, ALL EQUIPAGGIAMENTO, ALL ESERC CIZIO DEI VEICOLI ED ALLA DOCUMENTAZIONE : Nuova tabella su mezzi estinzione incendi (per trasporti ADR non in esenzione). (1) Massa massima ammissibile dell unità di trasporto () Numero minimo di estintori (3) Capacità minima totale per unità di trasporto (4) Estintore adatto ad un incendio del motore o della cabina. Almeno uno con capacità minima di : (5) Prescrizione relativa all estintore (agli estintori) supplementaree (i). Almeno uno devee avere capacità minima di : 3,5 tonnellate 4 kg > 3,5 tonnellate 7,5 tonnellate 8 kg 6 kg > 7,5 tonnellate 1 6 kg 5

6 La capacità si intende per dispositivi a polvere (nel caso di altro agentee estinguente adatto, la capacità deve essere equivalente) PARTE 9. PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA COSTRUZIONE ED ALLA APPROVAZIONE DEI VEICOLI : I veicoli EX/III devono essere equipaggia ati di estintori automatici per il compartimento motore : La protezione del carico dagli incendi degli pneumatici deve essere assicurata da schermi termici di metallo. 6

Commento alle modifiche dell ADR

Commento alle modifiche dell ADR Commento alle modifiche dell ADR Il presente commento fa riferimento agli aspetti più importanti contenuti nel documento «Modifications de l ADR» (documento 1.1). Definizioni Nel capitolo vengono inserite

Dettagli

Inserimento Prenotazione Booking On-Line. NUOVE INFORMAZIONI ADR 2015 SPECIFICA N. 1

Inserimento Prenotazione Booking On-Line. NUOVE INFORMAZIONI ADR 2015 SPECIFICA N. 1 Inserimento Prenotazione Booking On-Line. NUOVE INFORMAZIONI ADR 2015 Adeguamento alle Normative in vigore in materia di Trasporto di merci Pericolose e Rifiuti vigore dal 1/7/2015. Di seguito le novità

Dettagli

Quiz-2013-Addendum 1

Quiz-2013-Addendum 1 GA 057 GC-124 GC-125 GC-126 Le autorità competenti dei Paesi RID/ADR/ADN non possono mai derogare al RID/ADR/ADN possono, limitatamente al territorio nazionale, adottare deroghe al RID/ADR/ADN possono

Dettagli

Un cordiale benvenuto

Un cordiale benvenuto Trasporto di merci pericolose ADR/SDR 29 marzo 2011 SSIC - Gordola Un cordiale benvenuto 11 MMV SA, 6925 Gentilino - 6370 Stans Markus Maria Vonlaufen Merci pericolose & Sostanze pericolose Le merci percolose

Dettagli

PARTE 8 PRESCRIZIONI RELATIVE AGLI EQUIPAGGI, ALL EQUIPAGGIAMENTO, ALL ESERCIZIO DEI VEICOLI E ALLA DOCUMENTAZIONE

PARTE 8 PRESCRIZIONI RELATIVE AGLI EQUIPAGGI, ALL EQUIPAGGIAMENTO, ALL ESERCIZIO DEI VEICOLI E ALLA DOCUMENTAZIONE PRESCRIZIONI RELATIVE AGLI EQUIPAGGI, ALL EQUIPAGGIAMENTO, ALL ESERCIZIO DEI VEICOLI E ALLA DOCUMENTAZIONE 933 934 CAPITOLO 8.1 PRESCRIZIONI GENERALI RELATIVE ALLE UNITÀ DI TRASPORTO E AL MATERIALE DI

Dettagli

Gli operatori nel trasporto di merci pericolose e la sicurezza

Gli operatori nel trasporto di merci pericolose e la sicurezza Gli operatori nel trasporto di merci pericolose e la sicurezza Dott. Ing. Alfonso Simoni Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale per la Motorizzazione Il quadro legislativo nel

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI. DECRETO 23 settembre 2005

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI. DECRETO 23 settembre 2005 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 23 settembre 2005 Pubblicazione della traduzione in lingua italiana del testo consolidato della versione 2005 delle disposizioni degli allegati A

Dettagli

Trasporto su strada di merci pericolose: la norma ADR

Trasporto su strada di merci pericolose: la norma ADR Trasporto su strada di merci pericolose: la norma ADR Francesco Gregorini Confindustria Rimini 28/02/2013 Azienda con sistema gestione qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Nr 50 100 9099 Il trasporto

Dettagli

Sono state anche revisionate le esenzioni relative al trasporto dei carburanti liquidi (1.1.3.3), per le quali sono state aggiunte nuove condizioni:

Sono state anche revisionate le esenzioni relative al trasporto dei carburanti liquidi (1.1.3.3), per le quali sono state aggiunte nuove condizioni: Novità ADR 2015 ESENZIONI (CAP. 1.1.3) Le novità più rilevanti riguardano il campo dell applicazione della norma ed alcuni tipi di esenzione. Va evidenziata l introduzione di una specifica esenzione riguardante

Dettagli

ADR 2015 Novità e tematiche emergenti inerenti il trasporto di merci pericolose Dott. Ing. Alfonso SIMONI Ministero dei Trasporti Direzione Generale per la Motorizzazione Milano 12_10_ 2015 Convegno ASSICC

Dettagli

DOCUMENTO DI TRASPORTO ADR

DOCUMENTO DI TRASPORTO ADR DOCUMENTO DI TRASPORTO ADR 5.4.1.1 Informazioni generali che devono figurare nel documento di trasporto 5.4.1.1.1 Il o i documenti di trasporto devono contenere le seguenti informazioni per ogni materia

Dettagli

IL DOCUMENTO DI TRASPORTO PER IL TRASPORTO DI MERCI PERICOLOSE SU STRADA

IL DOCUMENTO DI TRASPORTO PER IL TRASPORTO DI MERCI PERICOLOSE SU STRADA IL DOCUMENTO DI TRASPORTO PER IL TRASPORTO DI MERCI PERICOLOSE SU STRADA a cura del Dott. Filippo Bonfatti L ADR prescrive che ogni trasporto di merci pericolose su strada soggetto ai dettami della normativa,

Dettagli

Il trasporto delle bombole nei veicoli

Il trasporto delle bombole nei veicoli Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Genova Servizio Prevenzione e Protezione Il trasporto delle bombole nei veicoli Il trasporto su strada delle merci pericolose, quindi anche dei gas, è regolato

Dettagli

Corsi di Formazione DGSA-ffi : Sedi di MILANO PISA TERNI CALENDARIO E PROGRAMMA DELLE LEZIONI 2004/1

Corsi di Formazione DGSA-ffi : Sedi di MILANO PISA TERNI CALENDARIO E PROGRAMMA DELLE LEZIONI 2004/1 Corsi di Formazione : Sedi di MILANO PISA TERNI CALENDARIO E PROGRAMMA DELLE LEZIONI 2004/1 Codice Corso MI 02-04 PI 03-04 TR 04-04 SEDE del Corso FLASHPOINT S.r.l. (MILANO) www.flashpointsrl.com Via Pelizza

Dettagli

Linee Guida per la formazione e l addestramento del personale coinvolto nel trasporto di merci pericolose su strada (ADR 2013)

Linee Guida per la formazione e l addestramento del personale coinvolto nel trasporto di merci pericolose su strada (ADR 2013) Linee Guida per la formazione e l addestramento del personale coinvolto nel trasporto di merci pericolose su strada (ADR 2013) A cura del Comitato Trasporti di Assogastecnici Edizione febbraio 2013 ASSOGASTECNICI

Dettagli

Trasporto Accumulo e Distribuzione di Gas

Trasporto Accumulo e Distribuzione di Gas Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso di Prevenzione incendi (L. n. 818 del 1984) Ordine degli ingegneri della Provincia di Vicenza Trasporto Accumulo e Distribuzione di Gas Relatore ing. Ermanno Andriotto

Dettagli

ADR 2011 TRASPORTO DI GAS O DI OGGETTI CONTENTI GAS CIRCOLARE

ADR 2011 TRASPORTO DI GAS O DI OGGETTI CONTENTI GAS CIRCOLARE Associazione costruttori materiali antincendio Federazione delle Associazioni Nazionali dell'industria Meccanica Varia ed Affine ADR 2011 TRASPORTO DI GAS O DI OGGETTI CONTENTI GAS CIRCOLARE UMAN - Associazione

Dettagli

IL TRASPORTO DEI E L A.D.R. D.ssa Paola Siciliano Flashpoint s.r.l.

IL TRASPORTO DEI E L A.D.R. D.ssa Paola Siciliano Flashpoint s.r.l. IL TRASPORTO DEI RIFIUTI PERICOLOSI E L A.D.R. D.ssa Paola Siciliano Flashpoint s.r.l. ARGOMENTI TRATTATI Classificazione di un rifiuto ai fini della normativa A.D.R. Prescrizioni applicabili al trasporto

Dettagli

Aspetti normativi e regolamentari sul ciclo di vita delle batterie

Aspetti normativi e regolamentari sul ciclo di vita delle batterie Aspetti normativi e regolamentari sul ciclo di vita delle batterie Dott. Marco Ottaviani Coordinatore Area Ambiente ANIE-CSI Convegno Mercoledì 6 maggio 2009 Palazzo delle Stelline, Milano, C.so Magenta

Dettagli

ADR 2009 e principali novità nel settore del trasporto di merci pericolose su strada

ADR 2009 e principali novità nel settore del trasporto di merci pericolose su strada ADR 2009 e principali novità nel settore del trasporto di merci pericolose su strada SICUREZZA E IGIENE DEL LAVORO PREVENZIONE INCENDI AMBIENTE SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE PROGETTAZIONE Dott. Ing. Anna

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI RAMO TRASPORTI (D.P.R. 8.12.2007, n. 271) DIREZIONE GENERALE TERRITORIALE DEL Nord Ovest

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI RAMO TRASPORTI (D.P.R. 8.12.2007, n. 271) DIREZIONE GENERALE TERRITORIALE DEL Nord Ovest MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI RAMO TRASPORTI (D.P.R. 8.12.2007, n. 271) DIREZIONE GENERALE TERRITORIALE DEL Nord Ovest Si fa presente che i seguenti quiz sono utilizzati dalle Commissioni

Dettagli

--------------------------------------------------------------

-------------------------------------------------------------- D.M. 3 maggio 2001 Recepimento della direttiva 2000/61/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 10 ottobre 2000 che modifica la direttiva 94/55/CE del Consiglio concernente il ravvicinamento delle

Dettagli

Conseguimento del certificato CE di Consulente alla Sicurezza del Trasporto di Merci Pericolose - DGSA

Conseguimento del certificato CE di Consulente alla Sicurezza del Trasporto di Merci Pericolose - DGSA I N F O @ T I M E V I S I O N. I T Corso di preparazione per l esame di Conseguimento del certificato CE di Consulente alla Sicurezza del Trasporto di Merci Pericolose - DGSA Presentazione e programma

Dettagli

1) L'imballaggio più il suo contenuto di materia pericolosa V. 2) Il prodotto finale dell'operazione d'imballaggio pronto per la spedizione V

1) L'imballaggio più il suo contenuto di materia pericolosa V. 2) Il prodotto finale dell'operazione d'imballaggio pronto per la spedizione V 3001 Cosa s'intende per collo? 1) L'imballaggio più il suo contenuto di materia pericolosa 2) Il prodotto finale dell'operazione d'imballaggio pronto per la spedizione 3) L'imballaggio o recipiente pronto

Dettagli

Direttiva sul trasporto di merci pericolose

Direttiva sul trasporto di merci pericolose Direttiva sul trasporto di merci pericolose Merci pericolose a destinazione con la massima sicurezza. Valida dal 1 /05/2015 Indice 1. Premessa 2. Campo di applicazione della direttiva e condizioni 3. Merci

Dettagli

1) I documenti di trasporto relativi alle merci pericolose trasportate V

1) I documenti di trasporto relativi alle merci pericolose trasportate V 5001 I documenti di bordo (obbligatori ai fini ADR) per un'unità di trasporto sono: 1) I documenti di trasporto relativi alle merci pericolose trasportate V 2) Le consegne o istruzioni di sicurezza relative

Dettagli

Scheda del rifiuto classificato in ADR UN 3082

Scheda del rifiuto classificato in ADR UN 3082 Scheda del rifiuto classificato in ADR Modalità di Trasporto: in COLLI Data 26/03/2013 1. Classificazione ADR N. ONU: 3082 Denominazione: MATERIA PERICOLOSA PER L AMBIENTE, LIQUIDA, N.A.S. Classe ADR:

Dettagli

ADR 2007 TRASPORTOEUROPA. Enrico Cappella I QUADERNI DI

ADR 2007 TRASPORTOEUROPA. Enrico Cappella I QUADERNI DI I QUADERNI DI TRASPORTOEUROPA Enrico Cappella ADR 2007 le nuove regole per gli autotrasportatori Guida alle novità introdotte dalla edizione del 2007 dell'accordo sul trasporto delle merci pericolose,

Dettagli

CONVEGNO AIAS IL TRASPORTO DELLLE MERCI PERICOLOSE - AGGIORNAMENTI NORMATIVI Catanzaro 7 Aprile 2011

CONVEGNO AIAS IL TRASPORTO DELLLE MERCI PERICOLOSE - AGGIORNAMENTI NORMATIVI Catanzaro 7 Aprile 2011 CONVEGNO AIAS IL TRASPORTO DELLLE MERCI PERICOLOSE - AGGIORNAMENTI NORMATIVI Catanzaro 7 Aprile 2011 ing. Cesare Cosentino Coordinatore AIAS Calabria Consigliere Nazionale 1 CLASSIFICAZIONE DELLE MERCI

Dettagli

SPEDIRE MATERIALE RADIOATTIVO. di Franco CIOCE

SPEDIRE MATERIALE RADIOATTIVO. di Franco CIOCE SPEDIRE MATERIALE RADIOATTIVO. di Franco CIOCE Consulente ADR per il trasporto di merci pericolose Esperto Qualificato - Università degli Studi della Tuscia di Viterbo Premessa La scelta di utilizzare

Dettagli

CLASSE 1 - Materie e oggetti esplosivi

CLASSE 1 - Materie e oggetti esplosivi Modelli di Etichette - ADR 2011 CLASSE 1 - Materie e oggetti esplosivi Divisione 1.1 Divisione 1.2 Divisione 1.3 Simbolo (bomba esplodente): nero su fondo arancio; cifra "1" nell'angolo inferiore. No./Divisione

Dettagli

Workshop IL TRASPORTO SU STRADA DEI RIFIUTI: Obblighi prescrizioni - sanzioni. RAVENNA 30 settembre 2009 Workshop C

Workshop IL TRASPORTO SU STRADA DEI RIFIUTI: Obblighi prescrizioni - sanzioni. RAVENNA 30 settembre 2009 Workshop C Workshop IL TRASPORTO SU STRADA DEI RIFIUTI: Obblighi prescrizioni - sanzioni RAVENNA 30 settembre 2009 Workshop C 1 Workshop IL TRASPORTO SU STRADA DEI RIFIUTI: Obblighi prescrizioni - sanzioni Il workshop

Dettagli

Archivio inpratica (dottrina)

Archivio inpratica (dottrina) Archivio inpratica (dottrina) aggiornato al 07/01/2013 5693 - FORMULARIO DELLE VIOLAZIONI NEL TRASPORTO SU STRADA DELLE MERCI PERICOLOSE Protospataro dott. Giandomenico - funzionario di Polizia stradale

Dettagli

SSIC Trasporto di merci pericolose secondo ADR-SDR. per le eccezioni, i trasporti accessori e i limiti liberi

SSIC Trasporto di merci pericolose secondo ADR-SDR. per le eccezioni, i trasporti accessori e i limiti liberi Flash SSIC N. 28 / Febbraio 2011 SSIC Trasporto di merci pericolose secondo ADR-SDR per le eccezioni, i trasporti accessori e i limiti liberi Indice 1. Introduzione 2. Merci pericolose: di cosa si tratta?

Dettagli

Pannelli di segnalazione

Pannelli di segnalazione Pannelli di segnalazione Posizionamento di etichettatura e segnalazioni Se una cisterna a più scomparti trasporta sostanze con i numeri ONU1202 (gasolio), 1203 (benzina) e 1223 (cherosene), oppure 1268

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it TRASPORTO MERCI PERICOLOSE ADR (Accord Dangereuses Route). Questi pochi e modesti appunti riguardo all accordo europeo relativo ai trasporti internazionali di merci pericolose su

Dettagli

Sala Falck Assolombarda 30 gennaio 2006

Sala Falck Assolombarda 30 gennaio 2006 Sala Falck Assolombarda 30 gennaio 2006 Convegno LA SICUREZZA NEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE Intervento Francesco Carpinteri Capo Ufficio Sicurezza della Navigazione Comando Generale del Corpo della

Dettagli

2009. Vietata la riproduzione anche parziale per usi commerciali PARTE 1 DISPOSIZIONI GENERALI

2009. Vietata la riproduzione anche parziale per usi commerciali PARTE 1 DISPOSIZIONI GENERALI PARTE 1 DISPOSIZIONI GENERALI 7 8 1.1.1 Struttura 2009. Vietata la riproduzione anche parziale per usi commerciali CAPITOLO 1.1 CAMPO D APPLICAZIONE E APPLICABILITÀ Gli allegati A e B dell ADR sono articolati

Dettagli

Definizioni su ADR. un dispositivo che deve essere considerato come un contenitore-cisterna;

Definizioni su ADR. un dispositivo che deve essere considerato come un contenitore-cisterna; Definizioni su ADR ADR Aerosol o Generatore di aerosol Cassa L ADR è un accordo elaborato dalla Commissione economica delle Nazioni Unite per l Europa a Ginevra mediante il quale la maggior parte degli

Dettagli

PARTE 7 DISPOSIZIONI CONCERNENTI LE CONDIZIONI DI TRASPORTO, IL CARICO, LO SCARICO E LA MOVIMENTAZIONE

PARTE 7 DISPOSIZIONI CONCERNENTI LE CONDIZIONI DI TRASPORTO, IL CARICO, LO SCARICO E LA MOVIMENTAZIONE DISPOSIZIONI CONCERNENTI LE CONDIZIONI DI TRASPORTO, IL CARICO, LO SCARICO E LA MOVIMENTAZIONE 903 904 CAPITOLO 7.1 DISPOSIZIONI GENERALI 7.1.1 Il trasporto di merci pericolose è sottoposto all utilizzazione

Dettagli

Gestione dei rifiuti pericolosi:

Gestione dei rifiuti pericolosi: Gestione dei rifiuti pericolosi: dal deposito in azienda all'adr Cenni ADR per le merci pericolose Relatori: Dott. Giovanni Cadeddu Dott. Ing. Marcello Zucca, Ph.D. APINDUSTRIA Verona 31 Maggio 2012 CONTENUTI

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MATERIALE PERICOLOSO (ADR)

MOVIMENTAZIONE MATERIALE PERICOLOSO (ADR) MOVIMENTAZIONE MATERIALE PERICOLOSO (ADR) Corridonia (MC), Gennaio 2010 Il presente fascicolo ha lo scopo di fornire agli addetti ai lavori le informazioni fondamentali per garantire la movimentazione

Dettagli

Incontro formativo Il trasporto marittimo delle merci pericolose

Incontro formativo Il trasporto marittimo delle merci pericolose ISO 9001 : 2000 Certificato n. 97039 Settore Territorio Area Ambiente e Sicurezza Incontro formativo Il trasporto marittimo delle merci pericolose Presentazione Ing. Giovanbattista Marini Milano, 16 maggio

Dettagli

Corso di Formazione DGSA 04-03 Sede del Corso: VICENZA

Corso di Formazione DGSA 04-03 Sede del Corso: VICENZA Corso di Formazione DGSA 04-03 Sede del Corso: VICENZA Consulente per la Sicurezza dei Trasporti di Merci Pericolose (DGSA - Dangerous Good Safety Advisor) Formula Full Immersion 3+2 Versione 2 in 1 per

Dettagli

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Il recepimento della direttiva comunitaria 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori

Dettagli

www.italy-ontheroad.it ADR, il trasporto di merci pericolose su strada, alcuni appunti.

www.italy-ontheroad.it ADR, il trasporto di merci pericolose su strada, alcuni appunti. www.italy-ontheroad.it ADR, il trasporto di merci pericolose su strada, alcuni appunti. Sulla strada, sia nelle grandi città sia nei piccoli centri urbani, possiamo accorgerci della presenza di autocarri

Dettagli

Schiuma Antifuoco PUFS 750 (B1) Art. F3892 140

Schiuma Antifuoco PUFS 750 (B1) Art. F3892 140 SCHEDA DATI DI SICUREZZA redatta in conformità alla direttiva 91/155/CE e successive modifiche e integrazioni Schiuma Antifuoco PUFS 750 (B1) Art. F3892 140 1. Elementi identificativi della sostanza o

Dettagli

Trasportare bombole di gas o recipienti criogenici su veicoli non dedicati

Trasportare bombole di gas o recipienti criogenici su veicoli non dedicati TP N 06/01 Traduzione e adattamento del Documento EIGA TP n 17/08 a cura di Assogastecnici Trasportare bombole di gas o recipienti criogenici su veicoli non dedicati Documenti di riferimento: IGC 103 and

Dettagli

Procedura della Qualità Pag. 2 di 9

Procedura della Qualità Pag. 2 di 9 1 SCOPO Scopo di questa Procedura è quello di descrivere le modalità con le quali la nostra Società fa eseguire il servizio di spurgo e di trasporto ai propri autisti, dalla presa in carico dei documenti

Dettagli

PICAGEL PC 500/A. Scheda Tecnica

PICAGEL PC 500/A. Scheda Tecnica REV. A PICAGEL PC 500/A Descrizione Caratteristiche generali Campi di applicazione Proprietà fisiche Preparazione Applicazione Confezioni Conservazione Precauzioni ed avvertenze DESCRIZIONE Picagel PC

Dettagli

ADR 2003 LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE DEL TRASPORTO SU STRADA DI MERCI PERICOLOSE

ADR 2003 LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE DEL TRASPORTO SU STRADA DI MERCI PERICOLOSE ADR 2003 LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE DEL TRASPORTO SU STRADA DI MERCI PERICOLOSE di Renato Mari, Federchimica La ristrutturazione dell ADR ha avuto avvio, come noto, con l ADR 2001, concepito per renderne

Dettagli

Responsabilità negli incidenti

Responsabilità negli incidenti Responsabilità negli incidenti I sinistri nel trasporto di merci pericolose implicano severe conseguenze civili e penali, se si dimostra la responsabilità dei soggetti interessati al trasporto stesso.

Dettagli

: Mr Muscolo Idraulico gel

: Mr Muscolo Idraulico gel 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/ MISCELA E DELLA SOCIETÀ/DELL'IMPRESA Informazioni sul prodotto Nome del prodotto Utilizzazione della sostanza/della miscela : : Disingorgante Società : S.C. Johnson Italy

Dettagli

NOMINA/ESENZIONE DEL CONSULENTE PER LA SICUREZZA DEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE INDICE

NOMINA/ESENZIONE DEL CONSULENTE PER LA SICUREZZA DEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE INDICE Anno rif.: 2005 Pagina 1 di 8 NOMINA/ESENZIONE DEL CONSULENTE PER LA SICUREZZA DEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE INDICE 1. QUADRO GENERALE....2 2. DEFINIZIONI....2 3. MODALITA DI NOMINA...2 4. INTEGRAZIONE

Dettagli

L ADR: INDICAZIONI UTILI SUI PRIMI INTERVENTI OPERATIVI

L ADR: INDICAZIONI UTILI SUI PRIMI INTERVENTI OPERATIVI L ADR: INDICAZIONI UTILI SUI PRIMI INTERVENTI OPERATIVI Il Codice della strada, all articolo 168, demanda le procedure operative per il trasporto delle merci pericolose su strada all Accordo ADR e prevede

Dettagli

CAPITOLO 1.2 DEFINIZIONI E UNITÀ DI MISURA

CAPITOLO 1.2 DEFINIZIONI E UNITÀ DI MISURA CAPITOLO 1.2 DEFINIZIONI E UNITÀ DI MISURA 1.2.1 Definizioni NOTA: In questa sezione, figurano tutte le definizioni d ordine generale o specifico. Nell'ADR s'intende per: A "Acciaio di riferimento", un

Dettagli

SOMMARIO. La gestione dei rifiuti sanitari. Dedica. Ringraziamenti. Prefazione

SOMMARIO. La gestione dei rifiuti sanitari. Dedica. Ringraziamenti. Prefazione SOMMARIO La gestione dei rifiuti sanitari Dedica Ringraziamenti Prefazione Capitolo 1 - Inquadramento normativo 1.1 LA NORMATIVA SULL AMBIENTE E SUI RIFIUTI 1.2 LA NORMATIVA SPECIALE SUI RIFIUTI SANITARI

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali Terzo Anno 12-24 febbraio 2015 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Lorella Di Giuseppe

Dettagli

CODICI IDENTIFICATIVI PER IL TRASPORTO Dl MERCI PERICOLOSE PER FERROVIA O PER STRADA. 1. Significato del numero di identificazione del pericolo

CODICI IDENTIFICATIVI PER IL TRASPORTO Dl MERCI PERICOLOSE PER FERROVIA O PER STRADA. 1. Significato del numero di identificazione del pericolo CODICI IDENTIFICATIVI PER IL TRASPORTO Dl MERCI PERICOLOSE PER FERROVIA O PER STRADA Il trasporto di materiali per strada o per ferrovia richiede, in caso di necessità (incidente o altro), di poter identificare

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA DETONATORI DAVEYNEL

SCHEDA DATI DI SICUREZZA DETONATORI DAVEYNEL SCHEDA DATI DI SICUREZZA DETONATORI DAVEYNEL SEZIONE 1: IDENTIFICAZIONE DEL MATERIALE E DEL FORNITORE 1.1 Identificazione del prodotto: Detonatori non-elettrici con tubo ad onda d urto (serie 42000) Detonatori

Dettagli

Prot. n. 22334 del 13/10/2014

Prot. n. 22334 del 13/10/2014 Prot. n. 22334 del 13/10/2014 All.: 4 Ai Dirigenti Generali Territoriali Loro Sedi All' UNRAE Al C.S.R.P.A.D. Ai C.P.A. A tutti gli UMC Loro Sedi Loro Sedi Alla ASSOGASLIQUIDI Alla ASSOMECO/ASSOMETANO

Dettagli

Obblighi dell impresa: la formazione del personale, il consulente ADR

Obblighi dell impresa: la formazione del personale, il consulente ADR Obblighi dell impresa: la formazione del personale, il consulente ADR Gli operatori del trasporto in ADR Gli operatori del trasporto di merci pericolose possono suddividersi in: operatori principali, (speditore,

Dettagli

«CARATTERISTICHE E SICUREZZA DEI SERBATOI CRIOGENICI PER GNL»

«CARATTERISTICHE E SICUREZZA DEI SERBATOI CRIOGENICI PER GNL» «CARATTERISTICHE E SICUREZZA DEI SERBATOI CRIOGENICI PER GNL» Renzo Ciucci Sales & Marketing Manager I NOSTRI PRODOTTI TEMPERATURA GAS CRIOGENICI METANO 162 a 1 bar 15 gradi OSSIGENO 183 AZOTO -196 ARGON

Dettagli

Gestione dei rifiuti radioattivi

Gestione dei rifiuti radioattivi Gestione dei Ing. Esperto Qualificato grado III Gestione e smaltimento dei. Obiettivi Fornire il tessuto regolatorio per la Gestione dei Rifiuti Radioattivi Fornire le linee guida base per una corretta

Dettagli

IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO

IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO Via Cassala 88 Brescia Tel. 030.47488 info@cbf.191.it Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e successive modifiche e integrazioni IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO CHE COS E IL RISCHIO CHIMICO?

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

Novità ADR 2013 ad altri aspetti applicativi

Novità ADR 2013 ad altri aspetti applicativi IL TRASPORTO DI MERCI PERICOLOSE Novità ADR 2013 ad altri aspetti applicativi Dott. Ing.. Alfonso SIMONI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale per la Motorizzazione 1 Argomenti

Dettagli

Linee guida Canton Ticino nr. 01 Dispositivi di spegnimento manuali

Linee guida Canton Ticino nr. 01 Dispositivi di spegnimento manuali Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco c/o Ufficio domande di costruzione, Viale Stefano Franscini 17-6501 Bellinzona Tel. +41 91 814 36 70 Fax. +41 91 814 44 75 E-mail DT-Ccpolf@ti.ch

Dettagli

Prot. n. 3982- MOT2/C AL CSRPAD ROMA AI CPA LORO SEDI. Agli Uffici Periferici del DTT LORO SEDI. Alla FEDERCHIMICA Via Giovanni da PROCIDA, 11 MILANO

Prot. n. 3982- MOT2/C AL CSRPAD ROMA AI CPA LORO SEDI. Agli Uffici Periferici del DTT LORO SEDI. Alla FEDERCHIMICA Via Giovanni da PROCIDA, 11 MILANO DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI E PER I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI Direzione Generale della Motorizzazione e della Sicurezza del Trasporto Terrestre Roma, 26 ottobre 2004 Prot. n. 3982- MOT2/C

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Conforme al Regolamento CE 1907/2006, come modificato dal Regolamento CE 453/2010

SCHEDA DI SICUREZZA. Conforme al Regolamento CE 1907/2006, come modificato dal Regolamento CE 453/2010 Pag.1 di 6 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO 1.1 Nome commerciale: TAPPATUTTO BEIGE Monocomponente 1.2 Uso: Usi sconsigliati: Pasta fibrorinforzata a base di resine acriliche, per sigillature impermeabili.

Dettagli

Guida pratica all antincendio Prevenzione e protezione incendi in azienda

Guida pratica all antincendio Prevenzione e protezione incendi in azienda guida pratica all antincendio - E. Lavè, P. Lavè PREVENZIONE INCENDI Edmondo Lavè Paolo Lavè guida pratica all antincendio prevenzione e protezione incendi in azienda II edizione Guida pratica all antincendio

Dettagli

ATTIVITA DI CARICAMENTO GAS LIQUEFATTI IN AUTOCISTERNE PRESSO STABILIMENTI DI PRODUZIONE E/O DEPOSITI PRIMARI

ATTIVITA DI CARICAMENTO GAS LIQUEFATTI IN AUTOCISTERNE PRESSO STABILIMENTI DI PRODUZIONE E/O DEPOSITI PRIMARI ATTIVITA DI CARICAMENTO GAS LIQUEFATTI IN AUTOCISTERNE PRESSO STABILIMENTI DI PRODUZIONE E/O DEPOSITI PRIMARI LINEE GUIDA COMPORTAMENTALI DELLE SOCIETA FORNITRICI, CLIENTI E SOCIETA DI TRASPORTO - 57a

Dettagli

PURIFICATORE DI GASOLIO MECCANICO PER PULIZIA CISTERNE FB 800

PURIFICATORE DI GASOLIO MECCANICO PER PULIZIA CISTERNE FB 800 PURIFICATORE DI GASOLIO MECCANICO PER PULIZIA CISTERNE FB 800 FB 800 SPECIFICHE TECNICHE Alimentazione: 220 V Frequenza: 50 Hz Max. Variazioni: tensione: + / - 5% del valore nominale Frequenza: + / -2%

Dettagli

Corso base di specializzazione in Prevenzione Incendi

Corso base di specializzazione in Prevenzione Incendi Corso base di specializzazione in Prevenzione Incendi Modulo Argomento Ore Data Orario 1 Obiettivi, direttive, legislazione e regole tecniche di prevenzione incendi 1.1 Obiettivi e fondamenti di prevenzione

Dettagli

CAPITOLO 1.2 DEFINIZIONI E UNITÀ DI MISURA

CAPITOLO 1.2 DEFINIZIONI E UNITÀ DI MISURA 1.2.1 Definizioni CAPITOLO 1.2 DEFINIZIONI E UNITÀ DI MISURA NOTA: In questa sezione, figurano tutte le definizioni di ordine generale o specifico. Nell'ADR si intende per: A Acciaio di riferimento, un

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Rev. 1 Novembre 2008 Pag.:1/5 1 Materiale / Processo e Società 1.1 Nome del prodotto: "URSA XPS" 1.2 Dati del fabbricante: 1.2.1 Distributore per l Italia: URSA ITALIA s.r.l. via Paracelso, 16 20041 Agrate

Dettagli

Trasporto di prodotto sfuso. Installazione dei serbatoi

Trasporto di prodotto sfuso. Installazione dei serbatoi Le resine poliestere insature (UP) sono prodotti reattivi che possono subire modificazioni durante l immagazzinamento, come per esempio nella viscosità e nel tempo di gelo. Quando le condizioni di stoccaggio

Dettagli

LIQUIDO ELETTROLITICO

LIQUIDO ELETTROLITICO 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA DITTA 1.1 Identificazione del preparato Nome del prodotto: 1.2 Usi previsti: liquido elettrolitico per marcatura/incisione su metalli 1.3 Identificazione della

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler

Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler Impianti Sprinkler Caratteristiche Comprendono almeno una rete di tubazioni di distribuzione ad uso esclusivo antincendio, un insieme

Dettagli

741.622 Ordinanza sugli addetti alla sicurezza per il trasporto di merci pericolose su strada, per ferrovia e per via navigabile

741.622 Ordinanza sugli addetti alla sicurezza per il trasporto di merci pericolose su strada, per ferrovia e per via navigabile Ordinanza sugli addetti alla sicurezza per il trasporto di merci pericolose su strada, per ferrovia e per via navigabile (Ordinanza sugli addetti alla sicurezza, OSAS) del 15 giugno 2001 (Stato 1 gennaio

Dettagli

Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo

Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo ing. Nicola Mazzei Laboratorio Infiammabilità ed Esplosioni Innovhub - Stazioni Sperimentali per l Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 mazzei@ssc.it 1

Dettagli

Rischi per la Sicurezza

Rischi per la Sicurezza Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico - Corso integrato Biologia generale e Chimica biologica Modulo didattico: Organizzazione di laboratorio e Sicurezza Salute e Sicurezza sul lavoro - 4 Rischi

Dettagli

La sicurezza nel fattore umano

La sicurezza nel fattore umano ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 SICUREZZA NEL CARICO, TRASPORTO E SCARICO DEI CARBURANTI La sicurezza nel fattore umano Ing. Eros Bravetti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti L UOMO RAPPRESENTA

Dettagli

IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE di concerto con IL MINISTRO DELL'INTERNO

IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE di concerto con IL MINISTRO DELL'INTERNO D.M. 3 marzo 1997 - Attuazione della direttiva 95/50/CE del Consiglio dell'unione europea concernente l'adozione di procedure uniformi in materia di controlli su strada di merci pericolose. IL MINISTRO

Dettagli

La sicurezza degli impianti condominiali richiesta dal D.L. 145/2013 in relazione alla prevenzione incendi

La sicurezza degli impianti condominiali richiesta dal D.L. 145/2013 in relazione alla prevenzione incendi La sicurezza degli impianti condominiali richiesta dal D.L. 145/2013 in relazione alla prevenzione incendi Relatore: dott. ing. Mauro Piazza Softability srl Genova, 20 febbraio 2014 ANACI Associazione

Dettagli

SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO:

SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO: SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO: Sistema cartongesso Gypsotech Dott. Vincenzo De Astis Responsabile Tecnico Sistema Cartongesso Rimini, 16 Marzo 2011 FASSA Un esperienza che

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS

MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS Responsabile della Gestione Rifiuti dell ISS (Dott.ssa Loredana Musmeci) Responsabile dell Unità Gestione Rifiuti dell ISS (Ing.

Dettagli

Etichettatura delle sostanze chimiche e miscele

Etichettatura delle sostanze chimiche e miscele Etichettatura delle sostanze chimiche e miscele Il regolamento CLP introduce le modalità di Comunicazione dei pericoli per mezzo dell etichettatura che assieme alla Scheda di dati di sicurezza, così come

Dettagli

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Francesca Bellamino D.Lgs. 81/2008 TITOLO XI: protezione da atmosfere esplosive Capo II: obblighi del

Dettagli

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO Bergamo 20 Novembre 2003 Geom. Stefano Fiori LA GESTIONE DELLE EMERGENZE OBBIETTIVI ATTUARE COMPORTAMENTI

Dettagli

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza INCENDI Nell industria di processo l incendio rappresenta il processo più frequente: il calore prodotto e irraggiato provoca generalmente notevoli danni all impianto e pone in serio pericolo l incolumità

Dettagli

Precauzioni/comportamento durante il carico e lo scarico + ciò che un conducente deve o non deve fare (cisterne)

Precauzioni/comportamento durante il carico e lo scarico + ciò che un conducente deve o non deve fare (cisterne) 13001 In una cisterna per merci pericolose, possono essere caricate: 1) Solo le materie pericolose autorizzate nel documento del veicolo cisterna o in un documento che ne forma parte integrante 2) Anche

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Servizio Istruzione via del Carmine

Dettagli

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG ARI LOANO (SV) Utilizzare un Generatore Elettrico in Sicurezza ovvero "come proteggersi dai contatti diretti ed indiretti quando si usa un generatore di corrente elettrica con motore a scoppio". 20.05.2011

Dettagli

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro Il D.Lgs. 626/94 stabilisce le misure generali di tutela della salute e della sicurezza

Dettagli

MINIATURIZZAZIONE E SEMPLIFICAZIONE DI LINEE DI TRASFORMAZIONE PER PICCOLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI E IMPIEGO DI ENERGIE RINNOVABILI

MINIATURIZZAZIONE E SEMPLIFICAZIONE DI LINEE DI TRASFORMAZIONE PER PICCOLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI E IMPIEGO DI ENERGIE RINNOVABILI Il negozio mobile ing. Lorenzo Pezzi Eutectic System prof. Giovanni Cortella Università di Udine MINIATURIZZAZIONE E SEMPLIFICAZIONE DI LINEE DI TRASFORMAZIONE PER PICCOLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI E IMPIEGO

Dettagli

L 143/18 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 7.6.2005

L 143/18 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 7.6.2005 L 143/18 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 7.6.2005 DIRETTIVA 2005/38/CE DELLA COMMISSIONE del 6 giugno 2005 relativa ai metodi di campionamento e di analisi per il controllo ufficiale del tenore

Dettagli

NORMA EN 1856/1 e 1856/2 del 2009 - Marcatura

NORMA EN 1856/1 e 1856/2 del 2009 - Marcatura NORMA EN 1856/1 e 1856/2 del 29 - Marcatura Prodotti per sistema camino - Canne Fumarie metalliche La norma definisce i requisiti di prestazione per i condotti rigidi e flessibili, canali da fumo e raccordi

Dettagli

Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI

Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI INFORMAZIONI E PROCEDURE PER LO STOCCAGGIO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI A seguito dell informatizzazione del

Dettagli