G. GALILEI G. MAZZINI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "G. GALILEI G. MAZZINI"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO G. GALILEI G. MAZZINI Via Dalia, s.n Tel. 0933/ / Fax. 0933/ Grammichele (CT) C:F: Codice meccanografico CTIC8AJ00Q Pec: Sito web: www. Icgalileimazzinigrammichele.it 1 PIANO DELLE EMERGENZE E DI EVACUAZIONE DEGLI EDIFICI SCOLASTICI Dirigente Scolastico Prof.ssa Li Rosi Caterina Anno Scolastico 2014/15

2 I N D I C E INTRODUZIONE 1. Il comportamento in condizioni di emergenza 2. Possibili rischi 3. Gruppo Operativo Sicurezza 4. Nucleo Operativo 5. L ambiente scolastico 6. Vie di fuga 7. Incarichi 8. Assegnazione di incarichi ad allievi 9. Norme di comportamento in caso di terremoto 10. Norme di comportamento in caso di incendio 11. Informazione e Formazione 12. Procedure di emergenza e di evacuazione 13. Compiti della squadra di Prevenzione Incendi 14. Sistema di comunicazione delle emergenze 15. Generalità della scuola 2

3 INTRODUZIONE Il piano di sicurezza ed evacuazione è uno strumento operativo attraverso il quale possono essere studiate e pianificate le operazioni da compiere in caso di emergenza, al fine di consentire un esodo ordinato e sicuro di tutti gli occupanti di un edificio. Le indicazioni che seguono sono state elaborate tenendo conto delle esperienze maturate in molte realtà italiane e costituiscono un primo momento di pianificazione e di verifica della sicurezza dell ambiente scolastico IL COMPORTAMENTO DELL UOMO IN CONDIZIONE DI EMERGENZA Il panico In tutti gli edifici con alta concentrazione di persone si possono avere situazioni di emergenza che modificano le condizioni di agibilità degli spazi e alterano comportamenti e rapporti interpersonali degli utenti. Ciò causa una reazione che, specialmente in ambito collettivo, può risultare pericolosa poiché non consente il controllo della situazione creatasi, coinvolgendo un gran numero di persone e rendendo difficili eventuali operazioni di soccorso. Questi comportamenti sono da tutti conosciuti con il termine panico, che identifica il comportamento di persone quando vengono a trovarsi in condizioni di pericolo imminente. Il panico si manifesta con diversi tipi di reazioni emotive: timore e paura, oppressione, ansia fino a emozioni convulse e manifestazioni isteriche, nonché particolari reazioni dell organismo quali accelerazioni del battito cardiaco, tremore alle gambe, difficoltà di respirazione, aumento o caduta della pressione arteriosa, giramenti di testa e vertigini. Tutte queste condizioni possono portare le persone a reagire in modo non controllato e irrazionale. In una situazione di pericolo, sia essa presunta o reale, e in presenza di molte persone, il panico può manifestarsi principalmente in due modi: il coinvolgimento delle persone nell ansia generale, con invocazioni di aiuto, grida, atti di disperazione;

4 l istinto di autodifesa con tentativi di fuga che comportano l esclusione degli altri, anche in forme violente, con spinte, corse, affermazione dei posti conquistati verso la salvezza. Allo stesso tempo possono venire compromesse alcune funzioni comportamentali quali l attenzione, il controllo dei movimenti, la facoltà di ragionamento. Tutte queste reazioni costituiscono elementi di grave turbativa e pericolo. 4 Il comportamento per superarlo I comportamenti di cui abbiamo parlato possono essere modificati e ricondotti alla normalità se il sistema in cui si evolvono è preparato e organizzato per far fronte ai pericoli che lo insidiano. Il piano di evacuazione, con il percorso conoscitivo necessario per la sua realizzazione, può dare un contributo fondamentale in questa direzione consentendo di: essere preparati a situazioni di pericolo; stimolare la fiducia in se stessi; indurre un sufficiente autocontrollo per attuare comportamenti razionali e corretti; controllare la propria emozionalità e saper reagire all eccitazione collettiva. 2. POSSIBILI RISCHI La possibilità che si verifichi una situazione di pericolo che renda necessaria l evacuazione dell intera popolazione scolastica, o di una parte di essa, dell edificio scolastico e degli spazi limitrofi può manifestarsi per le cause più disparate. La tipologia degli incidenti ipotizzabili è infatti piuttosto varia e dipende non solo dalla presenza di zone a rischio all interno della scuola, ma anche dalla sua collocazione nel territorio e dal verificarsi di eventi dolosi o calamità naturali. Gli eventi che potrebbero richiedere l evacuazione parziale o totale di un edificio, sono generalmente i seguenti: - incendi che si sviluppano all interno dell edificio scolastico ( ad esempio negli archivi, nei laboratori, nella biblioteca o in locali in cui sia presente un potenziale rischio d incendio);

5 - crolli dovuti a cedimenti strutturali della scuola o edifici contigui; - inquinamenti dovuti a cause esterne, se viene accertata da parte delle autorità competenti la necessità di uscire dall edificio piuttosto che rimanere all interno; - calamità naturali e ogni altra causa che venga ritenuta pericolosa dal Capo d Istituto. 5

6 3. GRUPPO OPERATIVO SICUREZZA COMPONENTI: - Dirigente Scolastico: Prof.ssa Caterina Li Rosi - DSGA: Dott.ssa Giovanna Taccetta - Docenti collaboratori / Vicari: Ins. Teresa Savoca Renna; Ins. Michele Aristide Scalone - RSPP: ins. Maria Grazia Aquino - ASPP: ins. Anna Maria Grosso - RLS: ins. Giovanna Di Benedetto - Responsabili di plesso: - Ins. Teresa Savoca Renna, ins. Maria Grazia Risicato, ins. Teresa Bellino, Gabriella Barone, Maria Arcifera, Francesca Tornello, Raimonda Morello, Maria Benedetta Giorlando, Giuseppa Calanducci. CALENDARIO INCONTRI Il gruppo operativo della sicurezza si riunirà con cadenza trimestrale nel plesso di via Dalia per discutere dei problemi inerenti la sicurezza sul luogo di lavoro NUCLEO OPERATIVO Il Nucleo Operativo costituisce la prima commissione tecnica d EMERGENZA. Si attiva presso l ufficio della Direzione scolastica, è composto da: - Dirigente Scolastico - Prof.ssa Li Rosi Caterina - RSPP - ins. Maria Grazia Aquino - Collaboratori Vicari - Ins. Teresa Savoca Renna; Ins. Michele Aristide Scalone - ASPP ins. Anna Maria Grosso

7 5. L AMBIENTE SCOLASTICO L ambiente scolastico utilizzato è costituito da più edifici (Plessi) alcuni consistenti di un unico piano fuori terra (nello specifico il plesso Giandritto, plesso Via Dei Mille, plesso Piano Cugni, plesso Via De Maio), altri su più piani (plesso centrale via Dalia, plesso Piano Immacolata, plesso Ugo La Malfa) 7 6. VIE DI FUGA (vedi documentazione cartografica) In caso di emergenza, l esodo della popolazione occupante l edificio si svolgerà come indicato nelle planimetrie. Gli occupanti delle aule defluiranno, in ordine, verso l uscita di emergenza più vicina così come indicato dalla planimetria esposta in classe e raggiungeranno celermente il punto di raccolta. Al presente documento sarà allegata la documentazione cartografica completa degli edifici di scuola primaria e dell infanzia, per gli edifici di scuola secondaria di primo grado, dove si è reso necessario rivederle, si allegheranno successivamente. 7. INCARICHI (vedi organigramma) La mansione è affidata al: Diffusione della comunicazione di emergenza D. S. Collaboratori del D.S./ Vicario, - RSPP - Renponsabili di plesso. Prof.ssa Caterina Li Rosi Ins. Teresa Savoca Renna Ins. Michele Aristide Scalone Ins. Maria Grazia Aquino Responsabili di plesso: Via Dalia - Teresa Savoca Renna Giandritto - Risicato Maria Grazia

8 - D. S., Piano Immacolata Bellino - Barone Piano Cugni Francesca Tornello Ugo La Malfa M. Giorlando- G. Calanducci Via dei Mille Arcifera M. Via De Maio R. Morello Prof.ssa Caterina Li Rosi 8 Coordinatore dell emergenza - collaboratori del D.S. / Vicario, Ins. Teresa Savoca Renna Ins. Michele Aristide Scalone RSPP, Ins. Maria Grazia Aquino altri sostituti ASPP, Ins. Anna Maria Grosso Responsabili di classe (docenti) Docente che nel momento dell emergenza ha in carico una classe. I docenti che si alterneranno secondo l orario delle lezioni nelle classi di scuola secondaria di 1 grado e nella scuola Primaria; I docenti delle sezioni della scuola dell Infanzia.

9 Responsabili di piano (personale di servizio) Addetti alla messa in sicurezza degli impianti (interruzione o erogazione energia elettrica, gas, acqua, ecc ) La mansione viene svolta dal personale Collaboratore Scolastico presente in ciascun plesso e in ciascun piano. La mansione è affidata al personale Collaboratore scolastico che ha conoscenza sul funzionamento degli impianti Vedi organigramma allegato Vedi organigramma allegato 9 Controllo giornaliero delle lampade di Emergenza Controllo quotidiano della praticabilità delle vie di esodo La mansione viene svolta dal personale Collaboratore ATA presente in ciascun piano La mansione viene svolta dal personale Collaboratore scolastico presente in ciascun piano Vedi organigramma allegato Vedi organigramma allegato Addetti all accessibilità dei soccorsi La mansione è affidata al personale che normalmente effettua l apertura e la chiusura delle porte, portoni e cancelli Vedi organigramma allegato Studenti apri fila e chiudi fila Studenti individuati in ciascuna classe Il prospetto è affisso in ogni aula a cura dei docenti coordinatori /prevalenti

10 Squadra primo soccorso La mansione viene svolta dal personale in possesso di specifica formazione Vedi organigramma allegato 10 Squadra antincendio Addetti a controllo periodico e all attivazione dell impianto antincendio, estintori e idranti La mansione viene svolta dal personale in possesso di specifica formazione Vedi organigramma allegato La diffusione dell ordine di evacuazione, in caso di grave pericolo che richieda l abbandono immediato dei locali, può essere dato da chiunque per primo venga a conoscenza dell evento. Il Dirigente Scolastico o i fiduciari responsabili di plesso provvederanno a diffondere l ordine di evacuazione attraverso la diffusione sonora tramite sirena come segnale di allarme e di avvio delle operazioni di evacuazione; qualora dovesse porsi la necessità di comunicare in altro modo l ordine di evacuazione sarà dato da tromba e a voce con un megafono, sarà cura del personale non docente assicurare tale servizio. A chiamare i Vigili del fuoco, Pronto Soccorso, Forze dell ordine e ogni altro organismo ritenuto necessario sarà compito del personale appositamente incaricato (vedi organigramma).

11 SCHEDA N.1 CHIAMATA DI SOCCORSO Evento Chi chiamare N telefono 11 Ordine pubblico Polizia 113 Ordine pubblico Carabinieri 112 Incendio, crollo di edificio, fuga di gas, ecc. Infortunio Calamità naturale Vigili del Fuoco 115 Pronto soccorso Tel N 0933 / /21410 Emergenza Sanitaria 118 Protezione Civile 095/ Emergenza Sanitaria 118 L efficacia di una chiamata di soccorso dipendente soprattutto dalle informazioni che questa contiene e che possono permettere ai soccorritori di intervenire nel modo più idoneo.

12 Ecco, ad esempio, quali sono le cose da dire in una chiamata di soccorso ai Vigili del Fuoco: 1. Descrizione del tipo di incidente ( incendio, esplosione, ecc.). 2. Entità dell incidente (ha coinvolto un aula, la biblioteca, il laboratorio, ecc.). 3. Luogo dell incidente : via, numero civico, città, se possibile, il percorso per raggiungerlo. 4. Presenza di feriti. 12 Schema per fornire tali informazioni: Sono: il Dirigente Scolastico Prof.ssa Caterina Li Rosi oppure il Responsabile RSPP ins. Maria Grazia Aquino telefono della scuola Istituto Comprensivo G. Galilei - G. Mazzini - Grammichele - nella scuola via si è verificato (descrizione sintetica della situazione), sono coinvolte (indicare eventuali persone coinvolte). o la Fiduciaria di plesso Poiché la stessa impostazione può essere usata per chiamare anche altri organismi dediti al soccorso, un tale schema dovrà essere tenuto in vista assieme all elenco dei numeri telefonici utili a tale scopo. Inoltre, i docenti / personale ATA addetti al servizio antincendio periodicamente accerterà, l efficienza degli estintori d incendio e la funzionalità degli idranti e che sia assicurata la relativa riserva idrica. In caso di incendio i docenti e i collaboratori ATA addetti al servizio antincendio interverranno per l uso degli estintori collocati nei diversi plessi.

13 8. ASSEGNAZIONE DI INCARICHI AD ALLIEVI (a cura del docente prevalente o coordinatore della classe) Gli alunni rappresentanti di classe apri-fila, già individuati, hanno il compito di aprire le porte e guidare i compagni verso le zone di raccolta. In assenza degli apri-fila designati, saranno sostituiti dai vice apri-fila anch essi già individuati. Sono stati individuati e designati i serra-fila con il compito di assistere eventuali compagni in difficoltà e chiudere la porta dell aula dopo aver controllato che nessuno sia rimasto indietro. Gli alunni serra-fila hanno il compito di controllare l aula, accertarsi che non vi sono persone all interno, chiudere la porta. I docenti di sostegno, o chi per essi, hanno il compito di aiutare i disabili ad abbandonare l aula e a raggiungere il punto di raccolta. 13 SCHEDA N. 2 MODALITA DI EVACUAZIONE Appena avvertito l ordine di evacuazione le persone presenti nell edificio dovranno immediatamente eseguirlo, mantenendo, per quanto possibile, la massima calma. Al fine di garantire il deflusso ordinato è necessario lasciare sul posto tutti gli oggetti ingombranti e fermarsi a prendere, se a portata di mano, un indumento per proteggersi dal freddo. L insegnante prenderà il registro di classe e coordinerà le operazioni di evacuazione, intervenendo dove necessario. Gli studenti usciranno dall aula al seguito dei compagni apri-fila a fila indiana, tenendosi per mano o appoggiando la mano sulle spalle del compagno che sta avanti. Abbandoneranno l edificio prima gli occupanti del piano terra, poi gli occupanti del primo piano e infine gli occupanti del secondo piano.

14 SCHEDA N. 3 ISTRUZIONI DI SICUREZZA Alla diramazione dell allarme: mantieni la calma interrompi immediatamente ogni attività lascia tutto l equipaggiamento (non preoccuparti di libri, abiti o altro) incolonnati dietro al compagno(apri-fila) ricordati di non spingere, non gridare e non correre segui le vie di fuga indicate raggiungi la zona di raccolta assegnata NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI TERREMOTO Se ti trovi in un luogo chiuso: mantieni la calma non precipitarti fuori resta in classe e riparati sotto il banco, sotto l architrave della porta o vicino ai muri portanti allontanati dalle finestre, porte con vetri, armadi perché cadendo potrebbero ferirti se sei nel corridoio o nel vano della scala rientra nella tua classe o in quella più vicina dopo il terremoto, all ordine di evacuazione, abbandona l edificio e ricongiungiti con gli altri compagni di classe nella zona di raccolta assegnata Se sei all aperto: allontanati dall edificio, dagli alberi, dai lampioni e dalle linee elettriche perché potrebbero cadere e ferirti

15 cerca un posto dove non hai nulla sopra di te; se non lo trovi cerca riparo sotto qualcosa di sicuro come una panchina non avvicinarti ad animali spaventati. 10.NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO D INCENDIO 15 Mantieni la calma se l incendio si è sviluppato in classe esci subito chiudendo la porta se l incendio è fuori dalla tua classe ed il fumo rende impraticabili la scala e il corridoio chiudi bene la porta e cerca di sigillare le fessure con panni possibilmente bagnati apri la finestra e senza esporti troppo, chiedi soccorso se il fumo non ti fa respirare filtra l aria attraverso un fazzoletto, meglio se bagnato, e sdraiati sul pavimento (il fumo tende a salire verso l alto).

16 11. INFORMAZIONE E FORMAZIONE NELLE SCUOLE A CURA DELLA DIRIGENTE SCOLASTICA, DELL RSPP E DELLA PROTEZIONE CIVILE La formazione coinvolgerà tutto il personale scolastico e gli alunni della scuola secondaria di primo grado e della primaria. 16 PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Compiti della squadra di evacuazione per funzione Scheda n 4 COMPITO DEL COORDINATORE DELLE EMERGENZE Ricevuta la segnalazione di inizio emergenza il Coordinatore delle Emergenze attiva gli altri componenti della squadra e si reca sul posto segnalato. Valuta la situazione di Emergenza e di conseguenza la necessità di evacuare l edificio, attivando la procedura prestabilita. Dà ordine agli addetti di disattivare le erogazioni di piano o generali. Dà il segnale di evacuazione generale e ordina all addetto di chiamare i mezzi di soccorso se necessari. Sovraintende a tutte le operazioni sia della squadra di emergenza interna che degli enti di soccorso. Dà il segnale di fine emergenza. NB. I coordinatori comunicheranno al Nucleo Operativo, presso l ufficio del Dirigente Scolastico, tutte le informazioni provenienti dai centri di raccolta.

17 Scheda n 5 COMPITI DEI RESPONSABILI DELL AREA DI RACCOLTA All ordine di evacuazione dell edificio: 17 1) Per i non docenti Eseguono i compiti loro assegnati (emanazione ordine di evacuazione, sorveglianza dei corridoi durante l evacuazione, controllo classi e ambienti); Si dirigono verso il punto di raccolta percorrendo le vie indicate dalle planimetrie di piano; Acquisiscono dai docenti la presenza degli studenti e la trascrivono nell apposito modulo. (nel caso qualche persona non risulti presente prendono tutte le informazioni necessaria e lo comunicano al coordinatore) Comunicano al coordinatore la presenza complessiva degli studenti. 2) Per i docenti Effettuano l evacuazione della loro classe, come previsto dalla procedura d Emergenza. Arrivati all area di raccolta acquisiscono dai docenti di ogni classe le presenze degli alunni che tramite l addetto verrà trascritta nell apposito modulo e comunicati al Capo d Istituto.

18 Scheda n 6 RESPONSABILE DELL EVACUAZIONE DELLA CLASSE DOCENTE All insorgere di una emergenza: contribuisce a mantenere calma la classe in attesa che venga comunicato il motivo dell emergenza si attiene alle procedure corrispondenti al tipo di emergenza che è stato segnalato. 18 All ordine di evacuazione dell edificio: fa uscire in maniera ordinata gli alunni iniziando dalla fila più vicina alla porta, gli alunni procederanno in fila indiana tenendosi per mano o con una mano appoggiata sulla spalla del compagno davanti, senza spingersi e senza correre, uno studente avrà il compito di apri-fila un altro di serra-fila. Prenderà il registro, farà l appello e compilerà il modulo delle presenze NB. Nel caso di presenze di disabili deve intervenire la persona designata ad assistere tali alunni. I docenti che fanno parte delle squadre di emergenza verranno immediatamente sostituiti nelle procedure di evacuazione della classe.

19 Schede n 7 RESPONSABILE DI PIANO (PERSONALE NON DOCENTE) 19 All insorgere di una emergenza: - Individua la fonte del pericolo, ne valuta l entità e suona la campanella d allarme. - Avverte immediatamente il coordinatore dell emergenza e si attiene alle disposizioni impartite. All ordine di evacuazione dell edificio: - Toglie la tensione elettrica al piano e disattiva le erogazioni ( chiude la valvola del gas, gasolio). - Favorisce il deflusso ordinato dal piano (eventualmente apre le porte di uscita contrarie al verso dell esodo). - Vieta l uso di scale non in sicurezza. - Al termine, controllati gli ambienti, si dirige verso il punto di raccolta. - Se è addetto alla portineria apre i cancelli, li lascia aperti fino al termine dell emergenza e impedisce l ingresso agli estranei.

20 Scheda n 8 STUDENTI APRI-FILA CHIUDI-FILA All ordine di evacuazione: mantengono la calma, seguono le procedure stabilite e le istruzioni del docente. Gli apri-fila devono seguire il docente nella via di fuga stabilita, guidando i compagni alla propria area di raccolta. 20 I chiudi-fila hanno il compito di verificare la completa assenza di compagni in classe e devono chiudere la porta ( una porta chiusa è segnale di classe vuota).

21 Compiti della squadra di Prevenzione Incendi INCENDI DI RIDOTTE DIMENSIONI Utilizzare gli estintori come da addestramento. Mentre un operatore interviene con l estintore più vicino, contemporaneamente un altro operatore procura almeno un altro estintore e lo predispone per l utilizzo a distanza di sicurezza dal fuoco ma facilmente accessibile al primo operatore; allontana le persone, compartimenta la zona e allontana dalla zona della combustione i materiali combustibili in modo da circoscrivere l incendio. Proteggersi le vie respiratorie con un fazzoletto bagnato, gli occhi con gli occhiali. NB. Se si valuta che l incendio è di piccole dimensioni si deve arieggiare il locale per mantenere bassa la temperatura dell aria, per evitare il raggiungimento di temperature pericolose per l accensione di altro materiale e per far uscire i fumi e gas responsabili di intossicazioni e ulteriori incendi. 21 INCENDI DI VASTE DIMENSIONI Avvisare i Vigili del Fuoco Il coordinatore dell emergenza dà il segnale di evacuazione della scuola. Interrompere le erogazioni di energia elettrica, gas, gasolio. Compartimentare le zone circostanti. Utilizzare i naspi per provare a spegnere l incendio e mantenere a più basse temperature le zone circostanti. La squadra allontana dalla zona della combustione i materiali combustibili in modo da circoscrivere l incendio e ritardare la propagazione.

22 RACCOMANDAZIONI FINALI Quando l incendio è domato: Accertarsi che non vi siano focolai nascosti. Arieggiare i locali per eliminare gas o vapori. 22 Far controllare i locali prima di renderli agibili per verificare che non vi siano lesioni alle strutture portanti. NB. Attenzione alle superfici vetrate con il calore potrebbero esplodere. Non dirigere mai il getto degli estintori contro una persona avvolta dalle fiamme, usare invece grandi quantità d acqua oppure avvolgerla in una coperta o indumenti.

23 SISTEMA DI COMUNICAZIONE DELLE EMERGENZE La comunicazione dell emergenza avviene a mezzo di allarme sonoro, se è possibile l utilizzo dell energia elettrica tramite il suono della sirena utilizzata all ingresso a scuola oppure tramite trombe da stadio e megafoni. SITUAZIONE SUONO CAMPANELLA RESPONSABILE ATTIVAZIONE RESPONSABILE DISATTIVAZIONE Inizio emergenza Intermittente per due secondi per due volte In caso di evento interno chiunque si accorga dell emergenza. Coordinatore dell emergenza 23 In caso di evento esterno il Coordinatore dell emergenza Evacuazione generale Continuo per almeno dieci Coordinatore dell emergenza Coordinatore dell emergenza secondi Fine emergenza Intermittente per dieci secondi Coordinatore dell emergenza Coordinatore dell emergenza

24 GENERALITA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI Identificazione e riferimenti della scuola Plesso : CENTRALE Via: Via Dalia N studenti: N docenti: - 32 N non docenti : 14 Dirigente scolastico: Prof.ssa Li rosi Caterina Ente Proprietario dell edificio: Comune Responsabile SPP: Ins. Maria Grazia Aquino Coord. delle emergenze: Ins. Teresa Savoca Renna Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza: Ins. Giovanna Bi Benedetto Caratteristiche Dell edificio Al fine della valutazione dei rischi il plesso preso in esame si presenta: - Tipologia dell edificio: TIPO 1 (N presenze contemporanee da 101 a 300 persone) - piani fuori terra: N 2 - piani seminterrati: N 1 (locale caldaia) - Area esterna : poco estesa 24

25 AREE OPERATIVE - Aule didattiche (non vi sono particolari attrezzature) N 11 - Area tecnica (laboratori informatici, linguistici, stanze con fotocopiatori):- N 2 lab. informatica, n 1 lab.linuistico,n 1stanza fotocopiatore - Area attività collettive (aula magna, biblioteca,) N 2 - Area attività sportive:n 1 - Area uffici: n 4 ambienti utilizzati ad ufficio - Distribuzione della popolazione scolastica (numero massimo ipotizzabile) PIANO ALUNNI DIVERSABILI DOCENTI NON SEGRETERIA TOTALE DOCENTI Piano /// 141 rialzato 1 corridoio 2 corridoio Primo piano Totale

26 Identificazione delle aree ad alta vulnerabilità LUOGHI A RISCHIO UBICAZIONE NUMERO magazzini /// laboratori Primo piano centraline luce/gasolio seminterrato 01 biblioteca Primo piano 01 impianti sportivi Piano terra 01 parcheggio Esterno ////// AULE PARTICOLARI UBICAZIONE NUMERO Aula magna per attività collettive Piano terra 02 Aule con studenti diversabili Piano rialzato

27 Identificazione e riferimenti della scuola Plesso : GIANDRITTO Via: contrada Giandritto N studenti: N docenti: - 26 N non docenti: - 3 Dirigente scolastico: - Prof.ssa Li rosi Caterina Ente Proprietario dell edificio: - Comune Responsabile SPP: Ins. Maria Grazia Aquino Coord. delle emergenze: Ins. Risicato Maria Grazia Rappresentante dei Lavoratori: - Ins. Giovanna Bi Benedetto 27 Caratteristiche Dell edificio Al fine della valutazione dei rischi il plesso preso in esame si presenta: - Tipologia dell edificio: TIPO 1 (N presenze contemporanee da 101 a 300 persone) - N piani fuori terra: Area esterna : 700mq

28 AREE OPERATIVE - Aule didattiche (non vi sono particolari attrezzature) N 9 - Area tecnica (laboratori informatici, linguistici) N 06 - Area attività collettive (aula magna, biblioteca,) N 02 - Area attività sportive: Distribuzione della popolazione scolastica (numero massimo ipotizzabile) ALUNNI DIVERSABILI DOCENTI NON DOCENTI TOTALE PIANO Terra TOTALE Identificazione delle aree ad alta vulnerabilità LUOGHI A RISCHIO UBICAZIONE NUMERO magazzini /// laboratori Piano terra 06 centraline luce/gasolio Piano terra

29 biblioteca Piano terra 01 impianti sportivi Piano terra parcheggio Interno /// AULE PARTICOLARI UBICAZIONE NUMERO Aula magna per attività Piano terra 01 collettive Aule con studenti diversabili Piano terra 02

30 GENERALITÀ DEGLI EDIFICI SCOLASTICI Identificazione e riferimenti della scuola Plesso : Piano Immacolata Via: Carlo Sada N studenti: N docenti: - 25 N non docenti: - 4 Dirigente scolastico: - Prof.ssa Li rosi Caterina Ente Proprietario dell edificio: - Comune Responsabile SPP: Ins. Maria Grazia Aquino Coord. delle emergenze: Ins. Teresa Bellino Rappresentante dei Lavoratori: - Ins. Giovanna Bi Benedetto Caratteristiche Dell edificio Al fine della valutazione dei rischi il plesso preso in esame si presenta: - Tipologia dell edificio: TIPO 2 (N presenze contemporanee da 301 a 500 persone) - N piani fuori terra: N piani interrati o seminterrati: locali caldaia e serbatoi - Area esterna : 800 mq circa 30

31 AREE OPERATIVE - Aule didattiche: N 14 (dotate di LIM) - Area tecnica (laboratori informatici, linguistici, stanze con fotocopiatori) N 1 lab. Informatica, N 1 (sottoscala ) con fotocopiatore. - Area attività collettive (aula magna, biblioteca,) N 1(salone piano terra) - Area attività sportive: palestra ( con lavori in corso) - Aule laboratori: (musica, disegno) piano terra. Distribuzione della popolazione scolastica (numero massimo ipotizzabile) PIANO ALUNNI DIVERSABILI DOCENTI NON DOCENTI TOTALE Collaboratori Assistenti comunali Piano terra Primo piano /// 183 TOTALE

32 Identificazione delle aree ad alta vulnerabilità LUOGHI A RISCHIO UBICAZIONE NUMERO Magazzini/ ripostigli Laboratori centraline luce gasolio Piano terra locali adiacenti salone Primo piano: Laboratorio di informatica; piano terra: lab. Musica - disegno Generale esterna Caldaia esterna all edificio - seminterrato 2 sottoscala Locali cucina Uno Piano terra due una una 32 biblioteca /// /// impianti sportivi Palestra esterna all edificio con lavori in corso una Parcheggio Esterno all edificio ///

33 AULE PARTICOLARI UBICAZIONE NUMERO Aula magna per attività collettive Piano terra una 33 Aule con studenti diversabili Piano terra due Primo piano quattro

34 Identificazione e riferimenti della scuola Plesso : Piano Cugni Via: contrada Piano Cugni N studenti: N docenti: - 28 N non docenti: - 2 Dirigente scolastico: - Prof.ssa Li Rosi Caterina Ente Proprietario dell edificio: - Comune Responsabile SPP: - Ins. Maria Grazia Aquino Coord. delle emergenze: - Ins. Francesca Tornello Rappresentante dei Lavoratori: - Ins. Giovanna Bi Benedetto 34 Caratteristiche Dell edificio Al fine della valutazione dei rischi il plesso preso in esame si presenta: - Tipologia dell edificio: TIPO 1 (N presenze contemporanee da 101 a 300 persone) - N piani fuori terra:- uno - Area esterna : - mq 600 circa

35 AREE OPERATIVE - Aule didattiche (non vi sono particolari attrezzature) N 11 - Area tecnica (laboratori informatici, stanze con fotocopiatori) N due - Area attività collettive (aula magna, ) N una - Area attività sportive: una Distribuzione della popolazione scolastica (numero massimo ipotizzabile) PIANO ALUNNI DIVERSABILI DOCENTI NON DOCENTI TOTALE Collaboratori Assistenti comunali Piano terra un 28 2 /// 255 dodente TOTALE /// Identificazione delle aree ad alta vulnerabilità LUOGHI A RISCHIO UBICAZIONE NUMERO magazzini Seminterrati ad uso dell Ente proprietario laboratori Piano terra 01 centraline luce/gas Esterno all edificio ///

36 biblioteca /// impianti sportivi Piano terra 01 parcheggio Esterno all edificio /// 36 AULE PARTICOLARI UBICAZIONE NUMERO Aula magna per attività Piano terra 01 collettive Aule con studenti diversabili Piano terra 05

37 Identificazione e riferimenti della scuola Plesso : UGO LA MALFA Via: Ugo La Malfa N studenti: N docenti: N non docenti 2 N 2 dipendenti comunali distaccate nel plesso Dirigente scolastico: - Prof.ssa Caterina Li Rosi Ente Proprietario dell edificio: - Comune Responsabile SPP: - Ins. Maria Grazia Aquino Coord. delle emergenze: - Ins. Maria Benedetta Giorlando Rappresentante dei Lavoratori: - Ins. Giovanna Bi Benedetto Caratteristiche Dell edificio Al fine della valutazione dei rischi il plesso preso in esame si presenta: - Tipologia dell edificio: TIPO 2 (N presenze contemporanee da 301 a 500 persone) - N piani fuori terra: - 3 ( su due ale) - Area esterna : mq 500 AREE OPERATIVE - Aule didattiche (non vi sono particolari attrezzature) N 12 - Area tecnica (laboratori informatici, stanze con fotocopiatori) N 02

38 - Area attività collettive (aula magna/biblioteca,) N 01 - Area attività sportive: n 01 Distribuzione della popolazione scolastica (numero massimo ipotizzabile) PIANO ALUNNI DIVERSABILI DOCENTI NON DOCENTI TOTALE Collaboratori Comunali Piano terra Dx piano Dx - 46 Sx piano Dx -63 Sx TOTALE Identificazione delle aree ad alta vulnerabilità LUOGHI A RISCHIO UBICAZIONE NUMERO Magazzini Piano terra 01 laboratori Sx 2 piano 01 centraline luce /gasolio Cortile interno/esterno all edificio 01

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Il Vademecum... Il documento contiene le direttrici generali per la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro con alcune verticalizzazioni

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 I.P. Sommario I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 AFFRONTARE EMERGENZE SPECIFICHE 10 NOZIONI BASE DI PRONTO SOCCORSO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 dell 8.04.2013 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA 1 COBAS - Comitati di Base della Scuola della provincia di Venezia www.cobasscuolavenezia.it - e-mail: posta@cobasscuolavenezia.it CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA In quanti in classe con

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Guida al Campus. Aule, mappe e servizi. Sede di Milano

Guida al Campus. Aule, mappe e servizi. Sede di Milano Guida al Campus Aule, mappe e servizi Sede di Milano INDICE Elenco aule per attività didattiche 2 Elenco Istituti e Dipartimenti 7 Mappe delle Sedi universitarie del campus di Milano 8 Vista d insieme

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA mod. DICH. POSA OPERA-2004 pag. 1 Rif. Pratica VV.F. n. DICHIARAZIONE DI CORRETTA POSA IN OPERA DEI MATERIALI CLASSIFICATI AI FINI DELLA REAZIONE AL FUOCO (COMPRESI I PRODOTTI VERNICIANTI IGNIFUGHI), DELLE

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri In caso di rapina in un pubblico esercizio Mantieni la massima calma ed esegui prontamente ciò che viene chiesto dai rapinatori. Non prendere

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole

Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole Sicurezza realizzabile. Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole Nella vostra azienda è garantita la sicurezza delle persone tenute a lavorare da sole? Per persona «tenuta a lavorare da sola»

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM Ubicazione dell edificio sede del COM: Comune di : RIMINI Località : Padulli Indirizzo : Via Marecchiese n.193/195 Dati Generali Stralcio C.T.R.: 256113 Coordinate (lat. long.):

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Anno scolastico 2013-2014 Verbale n. 1 Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Il 2 Ottobre 2013, alle ore 16.30, si riunisce il Consiglio di Istituto del Comprensivo 1 di Frosinone nell aula

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

Progetto ideato e realizzato da

Progetto ideato e realizzato da PREFETTURA DI ENNA Progetto ideato e realizzato da CONSIGLI SULLA SICUREZZA Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Enna Comando Provinciale Vigili del Fuoco Enna Associazione Nazionale Vigili del

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Crema Uno Via Borgo S.Pietro 8-26013 Crema (CR) Tel. 0373-256238 Fax 0373-250556 E-mail ufficio: segreteriacircolo1@libero.it

Dettagli