Documentaria DISABITUARSI SCOMMETTERE SULL IMPROBABILE. 4 Salone di idee, progetti e servizi per la scuola. Modena, 3 settembre 2003

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documentaria DISABITUARSI SCOMMETTERE SULL IMPROBABILE. 4 Salone di idee, progetti e servizi per la scuola. Modena, 3 settembre 2003"

Transcript

1 Documentaria 4 Salone di idee, progetti e servizi per la scuola Modena, 3 settembre 2003 DISABITUARSI LA CONOSCENZA ORDINARIA NELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE COERENTE SCOMMETTERE SULL IMPROBABILE DUE O TRE COSE A PROPOSITO DI EDGAR MORIN SERGIO MANGHI

2 Disabituarsi. La conoscenza ordinaria nella società dell informazione incoerente Sergio Manghi L evoluzione di un individuo è data essenzialmente dalle parole alle quali si disabitua. Elias Canetti 1. Il tema Il processo di civilizzazione, per dirla con Norbert Elias, ha caricato via via l individuo di sempre maggiori compiti di autodeterminazione, occultando simultaneamente la fitta rete di interazioni sociali attraverso la quale quotidianamente ci riproduciamo in quanto individui. Nel corso degli ultimi decenni questo processo si è venuto traducendo in un progressivo trasferimento di rischi e incertezze dal collettivo all individuale: sta a ciascuno di noi sapersi mantenere prestante, non-disoccupato, socializzante, previdente, flessibile, creativo, e così via. Dipende da te!, ci ripetono mille voci quotidianamente soluzioni biografiche per problemi sistemici, secondo la nota formula di Ulrich Beck (2000). La nostra esperienza quotidiana è sempre più costruita attraverso la partecipazione a reti informative, comunicative e di produzione simbolica altamente complesse e in continua trasformazione, nelle quali ciò che l epoca moderna ha chiamato biografia individuale appare a molti sempre più come una zavorra che come una risorsa. Le mille voci che senza posa, diverse e contraddittorie, ripetono all individuo l ingiunzione Dipende da te!, permeano i nostri filtri percettivi e autopercettivi in forme talmente invasive da minare ormai nel profondo, non soltanto l unità di quella biografia accentuandone la molteplicità ma anche la sua coerenza la connessione di senso tra le molteplici voci che la costituiscono. Il significato del predicato conoscere, a lungo incardinato su di un soggetto spontaneamente pensato come coerente e unitario, è al centro di tensioni e torsioni del tutto inedite per la nostra specie, come scrive Alberto Melucci nel suo ultimo, appassionato volume: siamo davanti a un salto qualitativo della nostra specie, la quale per la prima volta ha fatto delle sue capacità simboliche e comunicative la condizione della propria sopravvivenza (2000, p. 131; corsivi miei) E proprio da questo monito di Melucci (nel quale il termine sopravvivenza, data la peculiare attenzione dell autore per le trame biologiche dell avventura umana, va considerato in tutto il suo spessore), vorrei prendere spunto per queste mie brevi riflessioni. Le quali verteranno sulla natura del cambiamento nelle nostre epistemologie quotidiane, chiamate in causa dal salto qualitativo in atto. Più precisamente, mi propongo di sottolineare alcune interessanti convergenze, nell analisi di tale cambiamento, tra le riflessioni di Zygmunt Bauman, di Gregory Bateson, e dello stesso Alberto Melucci. 2. Il croquet di Alice In questa nostra società dell informazione, che va rapidamente liquefacendo le coerenze e le certezze della modernità solida, sostiene notoriamente Bauman (2002a), gli attori sociali si trovano ingaggiati volenti o nolenti in contesti comunicativi che spiazzano di 1

3 continuo i loro modi di conoscere abituali. Così si esprime il Nostro, in particolare, in un recente saggio dedicato ai problemi dell educazione nell epoca postmoderna : si ha la sensazione che vengano giocati molti giochi contemporaneamente, e che durante il gioco cambino le regole di ciascuno (2002b, p. 159). A questo genere di giochi, in cui le regole non possono essere date per scontate, ma devono essere di continuo ri-costruite insieme al gioco stesso, Bateson ha consacrato, altrettanto notoriamente, molto della sua riflessione di scienziato sociale evoluzionisticamente orientato. In questo tipo di giochi, scrive Bateson nell esemplificarli con la celebre partita a croquet di Alice (porcospini come palle, un fenicottero come mazza, e la Regina di cuori, non dimentichiamolo, che minaccia di tagliar teste a più non posso), la comunicazione è altamente ingarbugliata : ogni cosa è talmente ingarbugliata che nessuno ha la minima idea di ciò che potrebbe accadere (2000, p. 61). La convergenza tra Bauman e Bateson qui segnalata, peraltro, non è accidentale. E proprio con Bateson, infatti, che Bauman si va confrontando, nel saggio da cui è tratta la citazione su riportata. Più esattamente, Bauman ci sta suggerendo di cogliere in Bateson un precursore originale e fecondo delle svolte epistemologiche che la precarizzazione postmoderna dell esperienza rende oggi ineludibili e urgenti. L antropologo inglese, già nella prima metà degli anni 60, avrebbe formulato categorie concettuali in grado di aiutarci a districare i nostri attuali grovigli epistemologici e comunicativi. L attenzione di Bauman si appunta sulla teoria batesoniana dei livelli di apprendimento (Bateson, 2000), e in particolare su uno dei livelli in questione: l Apprendimento 3, da Bauman ribattezzato apprendimento terziario. Tale livello configurerebbe una modalità dei processi di cambiamento epistemologico rimasta fino ai nostri giorni sostanzialmente marginale, nella storia della specie umana, destinata invece a venir esaltata dalle sfide della postmodernità. 3. Disabituarsi Nella teoria batesoniana, i tre livelli di apprendimento in questione (A1, A2, A3; prescindendo qui, per brevità, dall A-zero, pure incluso nella teoria) sono così riassumibili telegraficamente: nell A1 è in gioco il buon uso delle nostre abituali categorie di pensiero (per esempio, l adeguata classificazione di un informazione); nell A2 entra in campo anche il riconoscimento e l acquisizione di nuove e diverse categorie e abitudini epistemologiche, non comprese in quelle che ci orientano più spontaneamente; nell A3 fa la sua comparsa una posta assai più ardua e complessa: la capacità di relativizzare in ogni momento le categorie più spontanee di pensiero che pure si stanno vitalmente impiegando, e di mantenere pertanto connesse tra loro, in tal modo, categorie anche fortemente eterogenee, alternative e divergenti anche le più dolorosamemte divergenti (nel linguaggio di Bateson: doppiovincolanti: cfr. Zoletto, 2001). Bauman descrive l A3, in breve, così: il soggetto [ ] acquisisce le competenze per modificare l insieme di alternative che ha appreso ad attendersi e a padroneggiare (2002b, 158). E aggiunge poi, chiarendo in che senso tali competenze costituiscano oggi un requisito adattativo indispensabile: l apprendimento terziario l apprendimento a violare la conformità alle regole, a liberarsi dalle abitudini e a prevenire la loro formazione, a ricostruire le esperienze frammentarie in modelli precedentemente sconosciuti e nel contempo a considerare accettabili tutti i modelli solo fino a nuovo avviso lungi dall essere una distorsione del processo 2

4 educativo e una deviazione dal suo vero obiettivo, acquisisce un valore adattativo sommo e diventa rapidamente un elemento centrale dell indispensabile equipaggiamento alla vita (ivi, p. 159) La liquida epoca contemporanea richiede, come nessun altra epoca storica, che le persone siano in grado di non fissarsi sull acquisizione di abitudini di pensiero da incorporare stabilmente, dotate di una struttura coesa e coerente : Agli esseri umani postmoderni è negato il lusso di presupporre, come il personaggio shakespeariano, che ci sia del metodo in questa pazzia. Se si aspettano di scoprire una struttura coesa e coerente nella congerie di eventi contingenti, vanno incontro a costosi errori e dolorose frustrazioni; se le abitudini acquisite nel corso dell addestramento li spingono a cercare strutture coese e coerenti e a legare le proprie azioni a alla loro identificazione, sono veramente nei guai [ ]. Il successo nella vita (e dunque la razionalità) di uomini e donne postmoderni dipende dalla velocità con cui riescono a sbarazzarsi di vecchie abitudini piuttosto che da quella con cui ne acquisiscono di nuove (ivi, pp ). Apprendere a disabituarsi diventa insomma altrettanto adattativo, se non di più, dell apprendere abitudini adattative. Tuttavia, è doveroso osservare a questo punto, il fatto che il nostro tempo renda sempre più necessario lo sviluppo di modalità di apprendimento terziario, non ne rende per ciò stesso semplice lo sviluppo. Tutt altro. I processi di liberazione dalla tirannia dell abitudine, come li chiama Bateson, sono tutt altro che semplici da formalizzare. E persino, secondo lo stesso Bateson, costitutivamente imprevedibili nelle loro concrete possibilità di riuscita. In essi, scrive, si gioca un tipo di cambiamento epistemologico difficile e raro [ ]. C è anche da attendersi che sarà difficile per gli studiosi, che sono solo esseri umani, immaginare o descrivere questo processo. Tuttavia si pretende che di quando in quando qualcosa del genere accada in psicoterapia, nelle conversioni religiose e in altre sequenze in cui avviene una profonda riorganizzazione del carattere (2000, p. 348). Non solo: i cambiamenti personali innescati da questi processi comportano anche rischi elevati per l integrità mentale di chi vi è coinvolto. L A3, scrive ancora Bateson, può essere pericoloso, e alcuni cadono lungo il margine della strada. A costoro spesso la psichiatria attribuisce la qualifica di psicopatici, e molti di essi si trovano inibiti nell uso dei pronomi di prima persona (ivi, p. 353). 4. Tra Scilla e Cariddi Bauman compie invero una lettura per certi aspetti imprecisa dell A3 batesoniano, come processo che Bateson avrebbe considerato di per sé patogeno, in quanto incompatibile con il nostro genoma: Della nostra epoca [ ], possiamo dire che eleva al rango di norma quello che Bateson [ ] poteva ancora considerare, o piuttosto adombrare, come anormalità: una condizione in contrasto con le doti ereditate e innate della specie umana e patologica dal punto di vista della natura umana (Bauman, 2002b, p. 159) Per Bateson, come evidenzia del resto la citazione sopra riportata, le cose non stanno propriamente così: il verificarsi, attraverso gli incontri di cui è fatta la nostra vita, di esperienze in cui avviene una profonda riorganizzazione del carattere non è affatto di per sé anormale, per Bateson, né in contrasto con le doti ereditate e innate della specie umana. È semmai difficile, rischioso, spesso doloroso. Soprattutto, nessuna formalizzazione concettuale e progettuale potrebbe rendere pre-vedibile la riuscita della 3

5 profonda riorganizzazione del carattere ovvero l esclusione, o la minimizzazione, del rischio di cadere lungo la strada. Interpretata in chiave batesoniana, la navigazione postmoderna nel groviglio sempre più liquido dei vincoli e delle opportunità non comporta soltanto lo Scilla delle dolorose fustrazioni che vengono dalla fiducia illusoria in strutture coese e corenti. Essa comporta anche, e allo stesso tempo, il pericolo opposto: la Cariddi delle dolorose fustrazioni che vengono dalla fiducia, non meno illusoria, nella liquefazione liberatoria di ogni coesione, di ogni vincolo e di ogni coerenza, celebrata da certi recenti postmodernismi (cfr. Gergen, 1992) e ancor prima, già negli anni 70, dall elogio antiedipico del pensiero incoerente, letteralmente schizoparanoide (Deleuze, Guattari, 1975). Le dolorose frustrazioni vengono certamente dall eccesso di rigore, per dirla con Bateson, ma anche, nella stessa misura, dall eccesso di immaginazione: [rigore e immaginazione] sono i due grandi poli del processo mentale, letali entrambi se presi da soli. Il rigore da solo è la morte per paralisi, ma l immaginazione da sola è la pazzìa (1984, p. 287). L imprecisione interpretativa di Bauman qui posta in rilievo non intacca peraltro la pregnanza delle sue argomentazioni e neppure la pertinenza ad esse della nozione batesoniana di apprendimento. D altra parte, com è noto, la riflessione del sociologo polacco non rientra certo nel novero degli elogi postmodernisti dell incoerenza, né di quanti vedono le sfide in atto alle nostre abitudini di apprendimento come appuntamenti indolori e privi di incognite anche minacciose. Gli aggettivi impiegati nella citazione che segue non lasciano equivoci in proposito: Nate in funzione di una differente specie di realtà, esse [le istituzioni e le filosofie educative, ndr] trovano sempre più difficile assorbire, inglobare e contenere i cambiamenti senza una completa revisione delle cornici concettuali che impiegano, e tale revisione, come ci insegna Thomas Kuhn, è la più sconvolgente e mortale delle sfide che il pensiero può trovarsi ad affrontare (Bauman, 2002b, p. 162; corsivo mio). Tanto per Bauman quanto per Bateson (così come per Melucci), sia pure con accenti diversi, siamo sulla soglia di una mutazione epistemologica epocale, i cui esiti rimangono tuttavia rischiosi e incerti. Il contributo di Bateson alla riflessione baumaniana (e melucciana, e nostra) su questa sfida epocale va nella direzione di arricchire questa stessa riflessione, non in quanto enfatizza i rischi che l esperienza dell A3 porta costitutivamente con sé, ma in quanto, ancor prima, abbozza una formalizzazione razionale del peculiare tipo di cambiamento epistemologico che corrisponde a tale esperienza. 5. Elogio dell inconsapevolezza La formalizzazione del cambiamento corrispondente all A3, osserva Bateson, è secondo alcuni semplicemente impossibile: del tutto al di là della portata del linguaggio. Egli cita in proposito l ammonimento che viene dai buddisti Zen, dai mistici occidentali e da alcuni psichiatri, aggiungendo tuttavia subito dopo: nonostante questo ammonimento, voglio cominciare a fare qualche riflessione su come (logicamente) devono stare le cose (2000, p. 348). Ciò che rende difficile tale formalizzazione, in particolare (e per dirla in breve), è il requisito logico dell inconsapevolezza del cambiamento in atto da parte del soggetto coinvolto in esso. Tale cambiamento avviene attraverso le pascaliane raisons du coeur non, dunque, per scelta modernamente deliberata. Sorprendendo per primo/a in caso di riuscita colui/colei che da questi processi è attraversato/a. Fra le storie che Bateson amava raccontare, per evocare questo requisito logico c è la Leggenda del vecchio marinaio, di Samuel T. Coleridge. Il vecchio marinaio, si ricorderà, 4

6 ha ucciso l albatros che seguiva la rotta della nave, e da quel giorno la nave e il mare tutt intorno si sono trasformati in un inferno. Il solo sopravvissuto è il vecchio marinaio, con l albatros ucciso appeso al collo, e terribili serpi luminescenti tutt intorno alla nave. Anche il suo destino sembra segnato. Imprevedibilmente, tuttavia, accade qualcosa. Qualcosa che gli salverà la vita, e che gli permetterà di raccontare, fattosi più triste e più saggio, l intera avventura. Il qualcosa che accade non è che, a furia di arrovellarsi, il vecchio marinaio trova la soluzione del problema e la applica con moderna determinazione. Quel che accade è che, senza rendersene conto, egli prende a trovare ammirevoli quelle creature fino a un attimo prima solo mostruose, e cioè a riconoscersi riflessivamente in esse, in quanto parte danzante della medesima danza comunicativa, insieme bellissima e terribile. Queste le parole di Coleridge: Oh felici creature viventi! Nessuna lingua Saprebbe proclamarne la bellezza: una fontana d amore mi sgorgò dal cuore, e inconsapevole io le benedissi. L inconsapevolezza in questione con l A3 non è pertanto un difetto ineliminabile: è un requisito logicamente indispensabile. La dolorosa frustrazione del vecchio marinaio iperbole efficace, per molti versi, della condizione in cui ci sta ingabbiando la nostra inerziale fede moderna nel controllo e nell autocontrollo pianificati non incontrerebbe possibilità di cambiamento senza l intervento inatteso di competenze conoscitive largamente inconsapevoli raisons du coeur, que la raison ne connait pas. 6. Socio-logica Requisito logico, abbiamo detto dell inconsapevolezza. Ma la logica in questione non è qui, va sottolineato, mera proceduralità formale e atemporale (se così fosse, potremmo formalizzare senza troppe difficoltà un A4, un A5, e così via, virtualmente all infinito). La logica in questione è eco-logica. Logica della relazione vivente, dell interconnessione coevolutiva tra più esseri viventi (e pertanto ineludibilmente finita: per poter concepire un A4 dovremmo mettere in conto una mutazione genetica ad hoc). Venendo dalla metafora di Coleridge, attraverso l ecologia della mente batesoniana, al mondo delle nostre gesta quotidiane, la logica in questione è logica della relazione sociale, della comunicazione, del con-esserci. Socio-logica. Quel che accade nel corso dell A3 (così come del resto in ogni processo di apprendimento umano), non accade dentro i confini della mente individuale, ma nella logica emozionale, sociale e simbolica che connette più individui-in-relazione. L A3 è un processo morfogenetico nel corso del quale ha luogo, senza che nessuno l abbia pianificato, insieme a un profondo cambiamento nei modi di pensare e di pensarsi, un profondo cambiamento della relazione sé-altri ivi inclusi, come nella metafora di Coleridge, gli altri più terrificanti (il Nemico). L A3 è in altri termini un processo intimamente sociale. Non solo nel senso che implica il riconoscimento riconoscente dell esser parte, per il meglio e per il peggio, di contesti relazionali più grandi. Ma anche nel senso che la sua eventuale riuscita, così come il suo eventuale fallimento, è in ogni caso il risultato di processi di interdipendenza e di dense dinamiche comunicative. Nessuno ce la può fare da solo. L A3 rimane un processo costitutivamente sociale, naturalmente, anche se gli individui coinvolti nel processo non se ne rendono conto, come accade quando i linguaggi abituali delle loro narrazioni portano loro tra le mani storie fatte unicamente di piani di autodeterminazione riusciti oppure falliti. Come accade, cioè, quando le nostre narrazioni seguono i canoni di quel tipo di individualismo moderno che fa tutt uno con il misconoscimento della fitta rete di interazioni sociali attraverso la quale soltanto ci è dato diventare e ridiventare, quotidianamente, individui. 5

7 7. Ambivalenza vissuta Il nostro elogio dell inconsapevolezza non va confuso in alcun modo con una resa irrazionalistica della ragione. Esso allude piuttosto alla possibilità di coltivare quel metodo che Bateson chiama descrizione doppia (1984, pp ). E cioè quella forma strabica, paradossale, di conoscenza che coltiva a un tempo, sapendone la reciproca irriducibilità, coscienza e inconsapevolezza. Ragioni della ragione e ragioni del cuore. Curiosità per il mondo in cui viviamo e sensibilità verso il nostro esserne parte emozionata/emozionante. Perseveranza nello sperimentare nuove idee, credendoci fino in fondo, e non-attaccamento a quelle stesse idee come verità definitive. Sapersi abituare e disabituare. E anche: scommessa sulle nostre potenzialità di individui, al di là dell ingabbiamento nelle illusorie certezze moderne, e scommessa sul nostro intimo e indissolubile esser parte di contesti umani e viventi in ogni caso più grandi di ogni individualità. Alberto Melucci, nel saggio che qui abbiamo citato, evoca la possibilità di una condizione del conoscere e dell agire analogamente doppia attraverso la nozione di ambivalenza vissuta. Dove l aggettivo vissuta intende segnare una differenza rilevante rispetto a quell ambivalenza sbandierata, mera esibizione estetizzante d incertezza esistenziale, che caratterizza varie correnti culturali postmoderniste del nostro tempo: Una sorta di estetismo postmoderno, favorito dall assimilazione del gergo psicologico banalizzato, sbandiera la natura duplice di tutte le cose, magari orecchiando filosofie orientali come quella cinese, che si basa proprio sull opposizione di forze contrarie per spiegare la dinamica energetica del cosmo e della vita umana al suo interno. Il risultato di questo estetismo è la sospensione dell azione, il rinvio permanente delle decisioni, l elevazione dell incertezza a criterio morale (2000, p. 122). L ambivalenza cui si riferisce Melucci è una condizione difficile, a rigore impossibile da tradurre coerentemente in azione. Per la semplice ragione che ogni volta che agiamo ci troviamo già collocati su un polo del dilemma ; in ogni momento, sulla parte visibile della nostra azione si proietta il lato oscuro del polo assente : quella parte di oscurità e di irriducibilità che caratterizza sempre le nostre relazioni (ivi, pp ). E questa difficile ambivalenza, che si affaccia sulla soglia dell A3. Soglia inesplorata, carica a un tempo di promesse e di insidie. Dove anche gli angeli, per evocare un poeta caro a Bateson, Alexander Pope, esiterebbero. Più che comprensibile, pertanto, che su questa soglia spaesante molti di noi (e insieme molta parte di ciascuno di noi) si ritraggano, tornando a scommettere su solide speranze moderniste o deviando per fluide leggerezze postmoderniste. Non potrebbe essere diversamente, se davvero siamo davanti a un salto qualitativo della nostra specie, la quale per la prima volta ha fatto delle sue capacità simboliche e comunicative la condizione della propria sopravvivenza. Le convergenze qui evidenziate tra le riflessioni di Bauman, di Bateson e di Melucci vogliono essere un piccolo contributo all esplorazione di questo salto qualitativo da parte di questi nostri maestri e di tutti noi. In tale esplorazione, che ci s impone di considerare ancora agli inizi, e sempre ancora agli inizi, a noi scienziati sociali tocca una responsabilità di prima grandezza, alla quale non ci è dato sottrarci. Bibliografia Bateson, G. (1984), Mente e natura. Un unità necessaria, Adelphi, Milano. Bateson, G. (2000), Le categorie logiche dell apprendimento e della comunicazione, in Id., Verso un ecologia della mente, Adelphi, Milano, pp Bauman, Z. (2002a), Modernità liquida, Laterza, Roma-Bari. Bauman, Z. (2002b), L istruzione nella società postmoderna, in Id., La società individualizzata, Il Mulino, Bologna, pp Beck, U. (2000), La società del rischio. Verso una seconda modernità, Carocci, Roma. Deleuze, G., Guattari, F. (1975), L anti-edipo, Einaudi, Torino. Gergen, K.J. (1992), The Satured Self, Basic Books, New York. Melucci, A. (2000), Culture in gioco. Differenze per convivere, Bompiani, Milano. 6

8 Zoletto, D. (2001), Pensiero e scrittura del doppio legame, Edizioni Università di Trieste, Trieste. 7

9 Scommettere sull improbabile. Due o tre cose a proposito di Edgar Morin Sergio Manghi Sono molto grato ai promotori del convegno, per avermi coinvolto in questa iniziativa, e sono felice di partecipare a questa avventura, avventura della ricerca su temi oggi vitali; che emergono dall intervista ad Edgar Morin, poiché l incontro con Edgar Morin ha sempre un po dell avventura. Cercherò, in breve, di proporvi qualche tratto di cornice biografica e concettuale in cui inquadrare le idee e i temi toccati da Morin nell intervista. Naturalmente, i tratti che suggerirò saranno molto personali. Sono tratti che dicono, inevitabilmente, del rapporto che a me è toccato di intrattenere con le idee e con la persona di Morin, e del rapporto che ora stiamo concretamente intrattenendo tra di noi. Questo non solo è inevitabile. Di più: questa caratteristica del processo mentale, il suo essere insieme generativo e dialogico, per dirla con due parole care a Morin, è il solo modo di conoscere che a noi creature umane è dato praticare, nel bene come nel male, che lo vogliamo o no. Anche il vostro ascolto dell intervista ha avuto questo duplice carattere: ciascuno di voi ne ha tratto in ogni caso, generativamente, idee differenti; e queste idee saranno in ogni caso il frutto di un interazione comunicativa complessa, alla quale tutti avremo co-operato dialogicament e: voi stessi, Morin, il sottoscritto e altri ancora, naturalmente. Ma veniamo ai tratti di cornice che vorrei invitarvi a tener presente: li riassumerò in due capitoletti, per comodità: uno biografico e uno etico-epistemologico. La vita come opera, l opera come vita Anzitutto vorrei evidenziare una caratteristica peculiare, straordinaria, di Morin: l intimo intrecciarsi, e il mutuo specificarsi, dell opera e della vita di Edgar Morin; la costante e appassionata partecipazione, insieme come uomo e come studioso, inseparabilmente, alle vicende che hanno segnato la vita della nostra società, del mondo in cui viviamo, dell immaginario che siamo venuti costruendo nel corso del XX secolo e in questo vorticoso passaggio al nuovo millennio. Qualche fotogramma, tra i molti possibili. Morin compirà 82 anni tra pochi mesi (è nato a Parigi nel 1921). Ha interrotto gli studi universitari per entrare nella Resistenza, ed è in questa importante esperienza che ha preso il cognome con il quale è oggi noto. La vicenda vale la pena di essere raccontata perché dice molto delle idee che Morin è venuto sviluppando nel corso di tutta la sua vita. Fino alla Resistenza, Morin si chiamava Edgar David Nahoum, cognome di origine ebraica, verosimilmente marrana. All entrata in clandestinità, scelse come nome di battaglia Manin, ispirandosi alla figura del patriota veneziano (il che dice fra l altro della sua attenzione alla vita culturale italiana: nella sua multiforme identità personale, l essere italiano ha un ruolo di primo piano). Senonché, la persona che doveva presentarlo ai compagni di clandestinità, per un banale fraintendimento, lo presentò come Morin, ed egli decise di mantenere quel nome sbagliato. Anzi, in seguito lo ufficializzò, e sul suo passaporto si legge infatti: Edgar David Nahoum, dit Morin. Qualche altro fotogramma. Nel 1945 si precipita a Berlino su un auto di fortuna per assistere all arrivo liberatore dell Armata Rossa. Il suo primo libro s intitola Allemagne am zéro (1946), ovvero Germania anno zero: titolo che verrà ripreso da Rossellini per un suo celebre film. Ma è soprattutto l Homme et la mort, del 1951, a porre le basi antropo-sociologiche, e più in generale transdisciplinari, della sua opera complessiva. 8

10 Negli anni 50 è già in dissenso con il partito comunista, e da questo dissenso trarrà un bellissimo libro, intitolato Autocritique (1959), nel quale indaga sulle ragioni profonde per le quali le idee mettono radice in noi a livelli talmente profondi da indurci a compiere azioni ignobili con la migliore delle intenzioni. Fonda e dirige la rivista Arguments ( ), vivace sede di riflessioni politiche e culturali di grande influenza in Francia e non solo. La sua attenzione agli intellettuali del dissenso, nell Est Europeo che sembrava allora del tutto improbabile scalfire, fu fin da allora costante e attiva. Con alcuni di loro strinse un amicizia fraterna. Del resto, la persona che lo reclutò nelle file comuniste, negli anni Trenta, Jacques-Francis Rolland, ricorda che fin da allora non si trattaneva dal porre domande dcisamente inopportune, per esempio sulla veridicità delle accuse nei tristemente celebri processi di Mosca. Altrettanto costante e attiva fu l attenzione all avvento impetuoso della cultura di massa, e in particolare al cinema (Le Cinéma ou l homme imaginaire, 1956, Les stars, 1957). Molti non sanno che un suo volume, L industrie culturelle, figura tra le opere che hanno dato origine all attuale sociologia delle comunicazioni di massa. Ma molte altre furono le riflessioni sociologiche di quegli anni e successive (L esprit du temps, 1962, La rumeur d Orléans, 1969, Sociologie, 1984, e altro ancora). Nel fatidico sessantotto è il primo a scrivere un saggio, quasi in tempo reale, come si dice oggi, sulle lotte studentesche (Mai 68: la brèche). Gli anni Settanta sono gli anni della presa di coscienza ecologica, a partire in particolare da Le paraddgme perdu (1973). La partecipazione attiva a iniziative pionieristiche di ripensamento transdisciplinare dei saperi (Il Groupe des dix, a Parigi, con Henri Laborit e vari altri, in realtà, via via, ben oltre i dieci) e un lungo soggiorno di studio nella California dei laboratori sull organizzazione ecologica e sistemica del vivente fanno da levatrice a quella profonda svolta epistemologica che sul finire del decennio e nel passaggio agli anni Ottanta prenderà il nome di complessità da noi Sfida della complessità (titolo di un volume curato da Gianluca Bocchi e Mauro Ceruti, che ha avuto numerose riedizioni). E la svolta che darà luogo all opera, diciamo pure monumentale, essendo composta di 5 vasti tomi, intitolata cartesianamente La méthode (meritoriamente edita in forma integrale, in Italia, dall editore Raffaello Cortina). Il primo volume (La nature de la nature) è del L ultimo, intitolato L identité humaine, uscito nel 2001, è il primo dei due di cui si comporrà, a lavoro ultimato, il quinto tomo: L humanité de l humanité. Ma gli anni Ottanta, poi gli anni Novanta, sono anche gli anni della formazione dell Europa, del crollo del muro di Berlino, della caduta dell impero sovietico, e di tutti quegli avvenimenti recenti che conosciamo troppo bene per doverli elencare. Basti qui ricordare che in questi anni Morin non ha cessato di accorrere, magari su mezzi di trasporto meno di fortuna di quelli giovanili, in vari luoghi caldi del pianeta, dall America latina alla Cina, traendone puntualmente lucide riflessioni: saggi sull Europa, sulla Terrapatria, sull URSS di Gorbaciov, sulla guerra fratricida nell ex Jugoslavia, sulla cosiddetta globalizzazione, e altri ancora che sarebbe troppo lungo elencare. Alcuni tra questi saggi: Pour sortir du XX siècle (1981), Penser l Europe (1987), L Europa nell era planetaria (1991, con Gianluca Bocchi e Mauro Ceruti), Terre Patrie (1993), Les fratricides (1996), Politique de civilisation (1997, con Sami Nair). Ricordiamo ancora soltanto uno dei suoi impegni più recenti, : l attenzione alla riforma dei processi educativi, per il duplice incarico, da parte dell Unesco e del Ministero francese dell Educazione, dal quale uscirà la suggestiva trilogia composta da: La tête bien faite (1999), Relier les connaissances (1999) e Les sept savoirs nécessaires à l éducations du futur (2000). Questo, dunque, è Edgar Morin. Questo e, naturalmente, molto altro, che mi auguro di aver lasciato almeno vagamente intravedere. E questa intensa esperienza del nostro presente storico che si è vista ed ascoltata nell intervista. Un esperienza tradottasi peraltro in numerose pubblicazioni autobiografiche e diaristiche che solo per brevità tralascio qui 9

11 di citare (si veda, fra le altre la Mes démons, del 1994, che richiama non a caso nel titolo un tema dostoijevskiano). 1 Edgar Morin è questo sentimento generoso e profondo della storia, e della storia come luogo vivo e palpitante della nostra vita quotidiana, come luogo in cui s intrecciano le nostre solidarietà concrete, un espressione che ci rimanda immediatamente alla complessità dei saperi e delle emozioni che sanno connettersi nelle diverse vicende. E la riflessione partecipe e appassionata sul ventesimo secolo e sulla difficile alba del ventunesimo, che è condensata nell appello alla riforma radicale dei nostri modi di pensare, intesa come condizione vitale. Come condizione essenziale per non lasciarci trascinare nel circolo vizioso infernale che sta diventando planetario. Il pensiero dell improbabile Il secondo tratto su cui vorrei richiamare l attenzione è di carattere insieme epistemologico ed etico. E il tratto che Morin affida alla parola improbabile. Morin insiste, più precisamente, sull importanza di apprendere a scommettere sull improbabile, come punto-cardine per la riforma dei nostri modi di pensare e di educare. L espressione è ispirata a Blaise Pascal, uno dei riferimenti più costanti della sua vita intellettuale, e più esattamente al significato che ha la scommessa, notoriamente, nella riflessione di Pascal. Apprendere a scommettere sull improbabile è sempre più, secondo Morin, un requisito indispensabile per sopravvivere creativamente in un mondo fatto ormai di incertezze radicali, di ambivalenze insormontabili e spesso tragiche, di trasformazioni sempre più repentine e imprevedibili. Puntare le nostre carte, ovvero le nostre speranze, all opposto, su ciò che il calcolo più ragionevole delle probabilità annuncia come realistico, sostiene Morin, è concorrere, fosse pure con la migliore delle intenzioni, alla deriva della degradazione del pensiero e della convivenza umana. Gli scritti di Morin sono popolati di esemplificazioni storiche e naturalistiche di questo principio epistemologico, in positivo come in negativo. Nell intervista troviamo l esempio, in positivo, della sconfitta del nazismo, sulla quale fino a Pearl Harbour e all entrata in guerrra degli Stati Uniti nessuno avrebbe scommesso un soldo bucato. Oggi, per venire al tema della riforma dell educazione, appare ai più irrealistico, e irrimediabilmente démodé, attardarsi, come fa Morin, negli appelli all integrazione dei saperi contro la deriva degli specialismi incomunicanti, o ancora all estetica qualitativa delle connessioni contro la marcia trionfale delle misurazioni quantitative, e al perder tempo nell ascolto della complessità delle nostre interazioni comunicative contro le scorciatoie illusoriamente realistiche della scomposizione dei problemi in segmenti ritenuti controllabili, uno per uno, dai saperi esperti. In questo nostro presente, nel quale, dice Morin nell intervista, andiamo o verso una situazione catastrofica o verso una metamorfosi molto difficile in questo nostro presente, che Morin chiama da tempo l età del ferro dell era planetaria, apprendere a saper scommettere sull irrealistico, sull invisibile e sull improbabile, diventa letteralmente una sfida di sopravvivenza. La sfida, se è consentita una quasi-battuta, richiama alla mente la scena di quel film, un legal thriller americano, nella quale l avvocato, alias Gene Hackman, chiede ai suoi collaboratori, più o meno: quante probabilità abbiamo di farcela se puntiamo su questa ipotesi?. Risposta: Una su cento. E l avvocato: Puntiamo su quella. Se la posta in gioco è di questo ordine d improbabilità, è evidente che la questione di come riformare i nostri modi di pensare non può essere di portata solo intellettuale. Non può che essere anche di portata esistenziale, etica, o come si dice nel linguaggio 1 Le opere di Morin sono state edite quasi tutte in italiano, principalmente dagli editori Feltrinelli, Cortina e Meltemi (ma si vedano anche Sperling & Kupfler, Bompiani, Edizioni Lavoro, Lubrina, Moretti & Vitali). 10

12 religioso, spirituale. Non è un caso, del resto, che Morin, pur non essendo quel che si dice un credente, quanto meno nel senso usuale della parola, insista ripetutamente, accoratamente, in numerose sue opere, sulla natura religiosa della riforma invocata. Di quel re-ligare le coscienze e le conoscenze che dà il titolo, fra l altro, a uno dei suoi libri più recenti che abbiamo ricordato. La scommessa moriniana sull improbabile è un crocevia nel quale possono fecondarsi reciprocamente, di nuovo dialogicamente, il pensiero laico, purtroppo ancora intriso di bigottismo razionalistico, e l esperienza più autenticamente religiosa, che coltiva la scommessa sull improbabile attraverso la nozione di miracolo. Consentitemi dunque, per concludere, di citare qui una frase che riprendo da un articolo sulla guerra irachena e sulla pace possibile, pubblicato di recente sull Osservatore Romano. E del cardinale Carlo Maria Martini, oggi, come sappiamo, a Gerusalemme, e contiene, l una vicina all altra, le parole miracoloso e improbabile : Una pace seria e duratura, laddove persistono ragioni gravi di conflitto, ha sempre un po del miracolo, dell improbabile, del dono dall alto. Questo testo è stato presentato dal Prof. Manghi al convegno di REGGIO Emilia Progettare futuri e precedeva, commentandola, la visione della video-intervista ad Edgar Morin. Previa autorizzazione dell autore, è stato modificato il testo eliminando i riferimenti che erano specifici del contesto dell iniziativa di Reggio Emilia. 11

13 Scommettere sull improbabile. Due o tre cose a proposito di Edgar Morin Sergio Manghi Sono molto grato ai promotori del convegno, per avermi coinvolto in questa iniziativa, e sono felice di partecipare a questa avventura, avventura della ricerca su temi oggi vitali; che emergono dall intervista ad Edgar Morin, poiché l incontro con Edgar Morin ha sempre un po dell avventura. Cercherò, in breve, di proporvi qualche tratto di cornice biografica e concettuale in cui inquadrare le idee e i temi toccati da Morin nell intervista. Naturalmente, i tratti che suggerirò saranno molto personali. Sono tratti che dicono, inevitabilmente, del rapporto che a me è toccato di intrattenere con le idee e con la persona di Morin, e del rapporto che ora stiamo concretamente intrattenendo tra di noi. Questo non solo è inevitabile. Di più: questa caratteristica del processo mentale, il suo essere insieme generativo e dialogico, per dirla con due parole care a Morin, è il solo modo di conoscere che a noi creature umane è dato praticare, nel bene come nel male, che lo vogliamo o no. Anche il vostro ascolto dell intervista ha avuto questo duplice carattere: ciascuno di voi ne ha tratto in ogni caso, generativamente, idee differenti; e queste idee saranno in ogni caso il frutto di un interazione comunicativa complessa, alla quale tutti avremo co-operato dialogicament e: voi stessi, Morin, il sottoscritto e altri ancora, naturalmente. Ma veniamo ai tratti di cornice che vorrei invitarvi a tener presente: li riassumerò in due capitoletti, per comodità: uno biografico e uno etico-epistemologico. La vita come opera, l opera come vita Anzitutto vorrei evidenziare una caratteristica peculiare, straordinaria, di Morin: l intimo intrecciarsi, e il mutuo specificarsi, dell opera e della vita di Edgar Morin; la costante e appassionata partecipazione, insieme come uomo e come studioso, inseparabilmente, alle vicende che hanno segnato la vita della nostra società, del mondo in cui viviamo, dell immaginario che siamo venuti costruendo nel corso del XX secolo e in questo vorticoso passaggio al nuovo millennio. Qualche fotogramma, tra i molti possibili. Morin compirà 82 anni tra pochi mesi (è nato a Parigi nel 1921). Ha interrotto gli studi universitari per entrare nella Resistenza, ed è in questa importante esperienza che ha preso il cognome con il quale è oggi noto. La vicenda vale la pena di essere raccontata perché dice molto delle idee che Morin è venuto sviluppando nel corso di tutta la sua vita. Fino alla Resistenza, Morin si chiamava Edgar David Nahoum, cognome di origine ebraica, verosimilmente marrana. All entrata in clandestinità, scelse come nome di battaglia Manin, ispirandosi alla figura del patriota veneziano (il che dice fra l altro della sua attenzione alla vita culturale italiana: nella sua multiforme identità personale, l essere italiano ha un ruolo di primo piano). Senonché, la persona che doveva presentarlo ai compagni di clandestinità, per un banale fraintendimento, lo presentò come Morin, ed egli decise di mantenere quel nome sbagliato. Anzi, in seguito lo ufficializzò, e sul suo passaporto si legge infatti: Edgar David Nahoum, dit Morin. Qualche altro fotogramma. Nel 1945 si precipita a Berlino su un auto di fortuna per assistere all arrivo liberatore dell Armata Rossa. Il suo primo libro s intitola Allemagne am zéro (1946), ovvero Germania anno zero: titolo che verrà ripreso da Rossellini per un suo celebre film. Ma è soprattutto l Homme et la mort, del 1951, a porre le basi antropo-sociologiche, e più in generale transdisciplinari, della sua opera complessiva. 1

14 Negli anni 50 è già in dissenso con il partito comunista, e da questo dissenso trarrà un bellissimo libro, intitolato Autocritique (1959), nel quale indaga sulle ragioni profonde per le quali le idee mettono radice in noi a livelli talmente profondi da indurci a compiere azioni ignobili con la migliore delle intenzioni. Fonda e dirige la rivista Arguments ( ), vivace sede di riflessioni politiche e culturali di grande influenza in Francia e non solo. La sua attenzione agli intellettuali del dissenso, nell Est Europeo che sembrava allora del tutto improbabile scalfire, fu fin da allora costante e attiva. Con alcuni di loro strinse un amicizia fraterna. Del resto, la persona che lo reclutò nelle file comuniste, negli anni Trenta, Jacques-Francis Rolland, ricorda che fin da allora non si trattaneva dal porre domande dcisamente inopportune, per esempio sulla veridicità delle accuse nei tristemente celebri processi di Mosca. Altrettanto costante e attiva fu l attenzione all avvento impetuoso della cultura di massa, e in particolare al cinema (Le Cinéma ou l homme imaginaire, 1956, Les stars, 1957). Molti non sanno che un suo volume, L industrie culturelle, figura tra le opere che hanno dato origine all attuale sociologia delle comunicazioni di massa. Ma molte altre furono le riflessioni sociologiche di quegli anni e successive (L esprit du temps, 1962, La rumeur d Orléans, 1969, Sociologie, 1984, e altro ancora). Nel fatidico sessantotto è il primo a scrivere un saggio, quasi in tempo reale, come si dice oggi, sulle lotte studentesche (Mai 68: la brèche). Gli anni Settanta sono gli anni della presa di coscienza ecologica, a partire in particolare da Le paraddgme perdu (1973). La partecipazione attiva a iniziative pionieristiche di ripensamento transdisciplinare dei saperi (Il Groupe des dix, a Parigi, con Henri Laborit e vari altri, in realtà, via via, ben oltre i dieci) e un lungo soggiorno di studio nella California dei laboratori sull organizzazione ecologica e sistemica del vivente fanno da levatrice a quella profonda svolta epistemologica che sul finire del decennio e nel passaggio agli anni Ottanta prenderà il nome di complessità da noi Sfida della complessità (titolo di un volume curato da Gianluca Bocchi e Mauro Ceruti, che ha avuto numerose riedizioni). E la svolta che darà luogo all opera, diciamo pure monumentale, essendo composta di 5 vasti tomi, intitolata cartesianamente La méthode (meritoriamente edita in forma integrale, in Italia, dall editore Raffaello Cortina). Il primo volume (La nature de la nature) è del L ultimo, intitolato L identité humaine, uscito nel 2001, è il primo dei due di cui si comporrà, a lavoro ultimato, il quinto tomo: L humanité de l humanité. Ma gli anni Ottanta, poi gli anni Novanta, sono anche gli anni della formazione dell Europa, del crollo del muro di Berlino, della caduta dell impero sovietico, e di tutti quegli avvenimenti recenti che conosciamo troppo bene per doverli elencare. Basti qui ricordare che in questi anni Morin non ha cessato di accorrere, magari su mezzi di trasporto meno di fortuna di quelli giovanili, in vari luoghi caldi del pianeta, dall America latina alla Cina, traendone puntualmente lucide riflessioni: saggi sull Europa, sulla Terrapatria, sull URSS di Gorbaciov, sulla guerra fratricida nell ex Jugoslavia, sulla cosiddetta globalizzazione, e altri ancora che sarebbe troppo lungo elencare. Alcuni tra questi saggi: Pour sortir du XX siècle (1981), Penser l Europe (1987), L Europa nell era planetaria (1991, con Gianluca Bocchi e Mauro Ceruti), Terre Patrie (1993), Les fratricides (1996), Politique de civilisation (1997, con Sami Nair). Ricordiamo ancora soltanto uno dei suoi impegni più recenti, : l attenzione alla riforma dei processi educativi, per il duplice incarico, da parte dell Unesco e del Ministero francese dell Educazione, dal quale uscirà la suggestiva trilogia composta da: La tête bien faite (1999), Relier les connaissances (1999) e Les sept savoirs nécessaires à l éducations du futur (2000). Questo, dunque, è Edgar Morin. Questo e, naturalmente, molto altro, che mi auguro di aver lasciato almeno vagamente intravedere. E questa intensa esperienza del nostro presente storico che si è vista ed ascoltata nell intervista. Un esperienza tradottasi peraltro in numerose pubblicazioni autobiografiche e diaristiche che solo per brevità tralascio qui 2

15 di citare (si veda, fra le altre la Mes démons, del 1994, che richiama non a caso nel titolo un tema dostoijevskiano). 1 Edgar Morin è questo sentimento generoso e profondo della storia, e della storia come luogo vivo e palpitante della nostra vita quotidiana, come luogo in cui s intrecciano le nostre solidarietà concrete, un espressione che ci rimanda immediatamente alla complessità dei saperi e delle emozioni che sanno connettersi nelle diverse vicende. E la riflessione partecipe e appassionata sul ventesimo secolo e sulla difficile alba del ventunesimo, che è condensata nell appello alla riforma radicale dei nostri modi di pensare, intesa come condizione vitale. Come condizione essenziale per non lasciarci trascinare nel circolo vizioso infernale che sta diventando planetario. Il pensiero dell improbabile Il secondo tratto su cui vorrei richiamare l attenzione è di carattere insieme epistemologico ed etico. E il tratto che Morin affida alla parola improbabile. Morin insiste, più precisamente, sull importanza di apprendere a scommettere sull improbabile, come punto-cardine per la riforma dei nostri modi di pensare e di educare. L espressione è ispirata a Blaise Pascal, uno dei riferimenti più costanti della sua vita intellettuale, e più esattamente al significato che ha la scommessa, notoriamente, nella riflessione di Pascal. Apprendere a scommettere sull improbabile è sempre più, secondo Morin, un requisito indispensabile per sopravvivere creativamente in un mondo fatto ormai di incertezze radicali, di ambivalenze insormontabili e spesso tragiche, di trasformazioni sempre più repentine e imprevedibili. Puntare le nostre carte, ovvero le nostre speranze, all opposto, su ciò che il calcolo più ragionevole delle probabilità annuncia come realistico, sostiene Morin, è concorrere, fosse pure con la migliore delle intenzioni, alla deriva della degradazione del pensiero e della convivenza umana. Gli scritti di Morin sono popolati di esemplificazioni storiche e naturalistiche di questo principio epistemologico, in positivo come in negativo. Nell intervista troviamo l esempio, in positivo, della sconfitta del nazismo, sulla quale fino a Pearl Harbour e all entrata in guerrra degli Stati Uniti nessuno avrebbe scommesso un soldo bucato. Oggi, per venire al tema della riforma dell educazione, appare ai più irrealistico, e irrimediabilmente démodé, attardarsi, come fa Morin, negli appelli all integrazione dei saperi contro la deriva degli specialismi incomunicanti, o ancora all estetica qualitativa delle connessioni contro la marcia trionfale delle misurazioni quantitative, e al perder tempo nell ascolto della complessità delle nostre interazioni comunicative contro le scorciatoie illusoriamente realistiche della scomposizione dei problemi in segmenti ritenuti controllabili, uno per uno, dai saperi esperti. In questo nostro presente, nel quale, dice Morin nell intervista, andiamo o verso una situazione catastrofica o verso una metamorfosi molto difficile in questo nostro presente, che Morin chiama da tempo l età del ferro dell era planetaria, apprendere a saper scommettere sull irrealistico, sull invisibile e sull improbabile, diventa letteralmente una sfida di sopravvivenza. La sfida, se è consentita una quasi-battuta, richiama alla mente la scena di quel film, un legal thriller americano, nella quale l avvocato, alias Gene Hackman, chiede ai suoi collaboratori, più o meno: quante probabilità abbiamo di farcela se puntiamo su questa ipotesi?. Risposta: Una su cento. E l avvocato: Puntiamo su quella. Se la posta in gioco è di questo ordine d improbabilità, è evidente che la questione di come riformare i nostri modi di pensare non può essere di portata solo intellettuale. Non può che essere anche di portata esistenziale, etica, o come si dice nel linguaggio 1 Le opere di Morin sono state edite quasi tutte in italiano, principalmente dagli editori Feltrinelli, Cortina e Meltemi (ma si vedano anche Sperling & Kupfler, Bompiani, Edizioni Lavoro, Lubrina, Moretti & Vitali). 3

16 religioso, spirituale. Non è un caso, del resto, che Morin, pur non essendo quel che si dice un credente, quanto meno nel senso usuale della parola, insista ripetutamente, accoratamente, in numerose sue opere, sulla natura religiosa della riforma invocata. Di quel re-ligare le coscienze e le conoscenze che dà il titolo, fra l altro, a uno dei suoi libri più recenti che abbiamo ricordato. La scommessa moriniana sull improbabile è un crocevia nel quale possono fecondarsi reciprocamente, di nuovo dialogicamente, il pensiero laico, purtroppo ancora intriso di bigottismo razionalistico, e l esperienza più autenticamente religiosa, che coltiva la scommessa sull improbabile attraverso la nozione di miracolo. Consentitemi dunque, per concludere, di citare qui una frase che riprendo da un articolo sulla guerra irachena e sulla pace possibile, pubblicato di recente sull Osservatore Romano. E del cardinale Carlo Maria Martini, oggi, come sappiamo, a Gerusalemme, e contiene, l una vicina all altra, le parole miracoloso e improbabile : Una pace seria e duratura, laddove persistono ragioni gravi di conflitto, ha sempre un po del miracolo, dell improbabile, del dono dall alto. Questo testo è stato presentato dal Prof. Manghi al convegno di REGGIO Emilia Progettare futuri e precedeva, commentandola, la visione della video-intervista ad Edgar Morin. Previa autorizzazione dell autore, è stato modificato il testo eliminando i riferimenti che erano specifici del contesto dell iniziativa di Reggio Emilia. 4

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Ponzio a Bologna Maggio 2009

Ponzio a Bologna Maggio 2009 Ponzio a Bologna Maggio 2009 Intervento di Susan Petrilli Il libro di Augusto Ponzio La dissidenza cifrematica è un vero e proprio esercizio di traduzione, nel senso non tanto interlinguale, come passaggio

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche. Carlo Fiorentini

Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche. Carlo Fiorentini Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche Carlo Fiorentini Alfabeti ecologici Ministero dell ambiente Gruppo di Saggi costituito dal Sottosegretario

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141

S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141 S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141 La crisi economica europea ha avuto importanti conseguenze sulla tutela dei diritti fondamentali a causa della riduzione

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

SICUREZZA E PREVENZIONE

SICUREZZA E PREVENZIONE SICUREZZA E PREVENZIONE 1. AMBIENTE. Adeguatezza di strutture, attrezzature e spazi Rimozione delle cause di possibile incidente/ uso di adeguate misure di sicurezza PROTEZIONE 2. COMPORTAMENTO. Capacità

Dettagli

Strumenti di relazione

Strumenti di relazione L apprendimento dell italiano L2 Strumenti di relazione Maurizio Sarcoli + Francesco Bianchi Approccio attivo Nell approccio attivo all apprendimento risiede parte dei progressi di chi si trova nella necessità

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

Roberto Farnè Università di Bologna

Roberto Farnè Università di Bologna Roberto Farnè Università di Bologna Ora l apertura della parte scientifica a questi lavori, per capire innanzitutto il senso di questo appuntamento. Non abbiamo bisogno, nessuno di noi credo abbia bisogno

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

no a tutti di provare nuovamente un sentimento fondamentale e ormai smarrito nelle borse e nelle banche: la ducia. A questo punto non resta che

no a tutti di provare nuovamente un sentimento fondamentale e ormai smarrito nelle borse e nelle banche: la ducia. A questo punto non resta che Premessa «Il denaro è un mezzo e non un ne» si insegnava una volta, quando la scuola primaria si chiamava ancora elementare: ma oggi ha un senso questa frase? Sembrerebbe di no, osservando il nostro maltrattato

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840.

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. PENSIERO DI LENIN Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. Articolo datato 6 gennaio 1923 e pubblicato sulla «Pravda» del 27 gennaio 1923. ******

Dettagli

FORMAZIONE DELL UOMO E EDUCAZIONE COSMICA (Dalle conferenze tenute da M.M. al congresso di San Remo del 1949 e da alcuni saggi pubblicati dal 1949 al 1951 e riportati nel quaderno del Consiglio Regionale

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA sez. B FARFALLE Anno scolastico 2012-2013 Insegnante: Bordignon Claudia PERCORSO DIDATTICO (ATTIVITÀ) per bambini di 3,4 e 5 anni PREMESSA La scuola dell infanzia rivolge

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Il teatro è uno strumento educativo e formativo che i bambini praticano. da sempre nella forma spontanea e divertente del gioco.

Il teatro è uno strumento educativo e formativo che i bambini praticano. da sempre nella forma spontanea e divertente del gioco. Il teatro è uno strumento educativo e formativo che i bambini praticano da sempre nella forma spontanea e divertente del gioco. Il laboratorio teatrale è un occasione di scambio e confronto reciproco in

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

Anno 2004/2005 CORSO SNES-CSI PER FORMATORI. Bologna, 3 dicembre 2005. Lara Rossin

Anno 2004/2005 CORSO SNES-CSI PER FORMATORI. Bologna, 3 dicembre 2005. Lara Rossin Anno 2004/2005 LA FIGURA DEL FORMATORE CSI -LE SUE PECULIARITÀ E LA SUA MISSION- CORSO SNES-CSI PER FORMATORI Bologna, 3 dicembre 2005 Lara Rossin 1 INTRODUZIONE Non si insegna e non si può insegnare,

Dettagli

Non è detto che Kublai Kan creda a tutto quel che dice Marco Polo quando gli descrive le città visitate nelle sue ambascerie, ma certo l imperatore

Non è detto che Kublai Kan creda a tutto quel che dice Marco Polo quando gli descrive le città visitate nelle sue ambascerie, ma certo l imperatore Non è detto che Kublai Kan creda a tutto quel che dice Marco Polo quando gli descrive le città visitate nelle sue ambascerie, ma certo l imperatore dei tartari continua ad ascoltare il giovane veneziano

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

8 Educare cittadini globali

8 Educare cittadini globali Presentazione Flavia Virgilio è componente (insieme a Davide Zoletto e ad Anselmo Roberto Paolone) del Gruppo di Ricerca in Pedagogia Generale e Sociale dell Università di Udine, da me coordinato. Questa

Dettagli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli MUSICA E IMMAGINE musica e cinema musica e TV musica e pubblicità Copyright Mirco Riccò Panciroli musica e cinema musica e cinema La colonna sonora colonna sonora Parlato inciso in varie lingue nelle sale

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

Classe 5^A. a.s. 2011-2012 Scuola Primaria Statale Neria Secchi (Bibbiano, Reggio Emilia)

Classe 5^A. a.s. 2011-2012 Scuola Primaria Statale Neria Secchi (Bibbiano, Reggio Emilia) Classe 5^A a.s. 2011-2012 Scuola Primaria Statale Neria Secchi (Bibbiano, Reggio Emilia) Autori: Bagni Heloà Cadeddu Federico Caramaschi Marco Carretti Elisa Cella Samuele Collaku Selmir De Luca Annapia

Dettagli

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network Prof. Giuseppe Riva Università Cattolica del Sacro Cuore www.isocialnetwork.info 1-1 Indice I social network sono una moda? SN come

Dettagli

VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015

VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015 ITALIANO VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015 - Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente in modo significativo. - Leggere

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO L esercizio richiesto consiste nella scelta di un albero e il suo monitoraggio/racconto al fine di sviluppare l osservazione attenta come mezzo per la conoscenza del materiale vegetale. L esercitazione

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO ANICA, TRA PASSATO E FUTURO Documentario di Massimo De Pascale e Saverio di Biagio Regia di Saverio Di Biagio PREMESSA Il rischio di ogni anniversario è quello di risolversi in una celebrazione, magari

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro?

Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro? Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro? Marco Deriu docente di Teoria e tecnica delle comunicazioni di massa, Università Cattolica per

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE I C PADRE GEMELLI-TORINO COMPETENZA IMPARARE AD IMPARARE Sapersi relazionare anno scolastico 2013-14 Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE

Dettagli

PAROLE E FRASI EVOCATIVE

PAROLE E FRASI EVOCATIVE Continuiamo con il nostro viaggio nella comunicazione che ipnotizza ed attrae. Quante volte magari vi siete soffermati a d ascoltare qualcuno che parlava perché diceva qualcosa di interessante? E quante

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME Disciplina Indicatori Descrittori Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente Esprimere oralmente le proprie emozioni ed esperienze mediante linguaggi diversi verbali

Dettagli

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti.

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. Come sto andando in... analisi grammaticale Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. NON HO FATTO ERRORI IN... ARTICOLO

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus- Anno 2014 Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri Concetto di persona

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

Evoluzione della comunicazione pubblica

Evoluzione della comunicazione pubblica INTERVENTO DELLA PROF.SSA ELENA ESPOSITO DOCENTE DI SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE UNIVERSITA DI MO.RE Evoluzione della comunicazione pubblica RELAZIONE PRESENTATA IN OCCASIONE DEL CONVEGNO, PROMOSSO DALLA

Dettagli

Una struttura sostenibile per il Piano dell Offerta Formativa.

Una struttura sostenibile per il Piano dell Offerta Formativa. Una struttura sostenibile per il Piano dell Offerta Formativa. Un ipotesi progettuale tra scuola e comunità locale Rovato,, 16 ottobre 2008 Secondo incontro Luisa Bartoli I contenuti della comunicazione

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Il curricolo geografico nella scuola primaria

Il curricolo geografico nella scuola primaria Il curricolo geografico nella scuola primaria 1 La crisi dell insegnamento della geografia in Italia Curricolare (la geografia come transdisciplina) Epistemologica (quale sia il vero obiettivo dell insegnamento

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

LE RISORSE EMOTIVE NELLA SCUOLA

LE RISORSE EMOTIVE NELLA SCUOLA FORUM PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA SCUOLA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA SCUOLA CONVEGNO Venerdi 19 agosto 2011 - TREVANO (Lugano) - AULA MAGNA SUPSI - 8,30/16,30 LE RISORSE EMOTIVE NELLA SCUOLA

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla DAL PEI AL PDV ALCUNE SIGLE PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO, DELLA DISABILITA' E DELLA SALUTE LUNGO TUTTO L ARCO DELLA VITA (ICF) rivolto ai bambini

Dettagli

Su ali di farfalla. Trasforma la tua vita e vola verso la felicità

Su ali di farfalla. Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Su ali di farfalla Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Schemi realizzati dall autrice. Laura Freni SU ALI DI FARFALLA Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Manuale www.booksprintedizioni.it

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

Ponzio a Bologna Maggio 2009

Ponzio a Bologna Maggio 2009 Ponzio a Bologna Maggio 2009 Intervento di Gregorio Scalise Il filosofo Hans Blumenberg parla di esistenza di un inadeguatezza del linguaggio rispetto alla sensazione, topos che ricorre nella poesia, e

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

Psicologia sociale delle religioni

Psicologia sociale delle religioni Psicologia sociale delle religioni 0-Presentazione del corso (secondo semestre) vers. 0.2 (3 marzo 2014) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1 ARTE E IMMAGINE - Decodificare una sequenza d immagini; - Discriminare uguaglianze e differenze; - Percepire la figura-sfondo; - Eseguire riproduzioni di figure rispettando le relazioni spaziali; - Discriminare

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni Milano, 9 novembre 2013 Vincenzo Saturni 1 La carta etica: perché e per chi? Avis opera da 86 anni per diffondere una cultura solidale tra i cittadini su tutto il territorio nazionale. E sin dal momento

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica.

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica. IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA Ogni decisione sul da farsi viene presa dal leader. Tutte le cose da farsi

Dettagli

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE Le immagini contenute in questa presentazione sono estratte da pagine web, se qualcuno dovesse trovare immagini coperte da copyright,

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Estratto dal progetto Foundations for Work per gentile concessione di DiversityWorks (Progetto n. 2012-1-GB2-LEO05-08201) Introduzione Perché

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

Intelligenza o abilità?

Intelligenza o abilità? a Intelligenza o abilità? L apprendimento è stato spesso collegato con l intelligenza, e l intelligenza è stata misurata dagli psicologi con vari tipi di test. Ma come funziona un «tipico» test di intelligenza?

Dettagli

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI Convegno LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici 14 dicembre 2011 Intervento di Luciano Baggiani, Presidente dell ANEA

Dettagli

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI TERZO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B TERZO INCONTRO Istituto: ITC

Dettagli

Le parole e le cose - Correttore

Le parole e le cose - Correttore Le parole e le cose - Correttore 5 10 15 20 25 Le cose di per sé 1 non hanno nessun nome. Sono gli uomini che hanno dato e continuano a dare i nomi ad esse. Di solito non ci accorgiamo di questa verità

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli