P.O.F. PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "P.O.F. PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI BREMBATE DI SOPRA Via Locatelli, Brembate di Sopra Tel.: 035 / Fax: 035 / P.O.F. PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PRIMARIA ALBERT SABIN SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO FERRUCCIO DELL ORTO Anno scolastico Deliberato dal Collegio dei Docenti il 25 giugno 2013 Adottato dal Consiglio d Istituto il 3 luglio 2013

2 Sommario INTRODUZIONE AL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PRESENTAZIONE DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA FINALITÀ ED OBIETTIVI DELL ISTITUTO OFFERTA FORMATIVA DEI PLESSI... 9 SCUOLA PRIMARIA ALBERT SABIN CLASSI PRIME... 9 ORGANIZZAZIONE SETTIMANALE CON TEMPO-SCUOLA DI 27 ORE... 9 ORGANIZZAZIONE SETTIMANALE CON TEMPO-SCUOLA DI 28 ORE CLASSI SECONDE ORGANIZZAZIONE SETTIMANALE CON TEMPO-SCUOLA DI 27 ORE ORGANIZZAZIONE SETTIMANALE CON TEMPO-SCUOLA DI 30 ORE CLASSI TERZE ORGANIZZAZIONE SETTIMANALE CON TEMPO-SCUOLA DI 27 ORE CLASSI QUARTE ORGANIZZAZIONE SETTIMANALE CON TEMPO-SCUOLA DI 27 ORE ORGANIZZAZIONE SETTIMANALE CON TEMPO-SCUOLA DI 30 ORE CLASSI QUINTE ORGANIZZAZIONE SETTIMANALE CON TEMPO-SCUOLA DI 27 ORE ORGANIZZAZIONE SETTIMANALE CON TEMPO-SCUOLA DI 30 ORE SUDDIVISIONE ORARIA GIORNALIERA DELLA SCUOLA PRIMARIA ATTIVITÀ CURRICULARI PROGETTI E LABORATORI AD INTEGRAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO FERRUCCIO DELL ORTO ORGANIZZAZIONE CURRICULARE DEL TEMPO SCUOLA ORARIO SETTIMANALE PROGETTI, LABORATORI ED ATTIVITÀ INTEGRATIVE OFFERTA FORMATIVA D ISTITUTO PROGETTI CONTINUITÀ a. PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA b. PROGETTO CONTINUITÀ

3 SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PROGETTO DI EDUCAZIONE SOCIO - AFFETTIVA PROGETTO DI CONSULENZA PSICOPEDAGOGICA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROGETTI E INTERVENTI PER ALUNNI STRANIERI SPORTELLO SCUOLA PER L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI CON CITTADINANZA NON ITALIANA E PER L EDUCAZIONE INTERCULTURALE ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (B.E.S.) PROGETTO FUORICLASSE CENTRO SPORTIVO SCOLASTICO (Scuola Secondaria di 1 grado) ORGANIZZAZIONE E RISORSE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI BREMBATE DI SOPRA ANALISI DELLE RISORSE UMANE E DELLE STRUTTURE D ISTITUTO DESCRIZIONE DEGLI ORGANISMI COLLEGIALI IL CONSIGLIO DI CLASSE (Scuola Secondaria di 1 grado) IL CONSIGLIO DI INTERCLASSE (Scuola Primaria) IL COLLEGIO DEI DOCENTI IL CONSIGLIO D ISTITUTO IL COMITATO DI VALUTAZIONE IL GRUPPO DI LAVORO PER L INTEGRAZIONE IL COMITATO GENITORI INCARICHI E COMMISSIONI SCOLASTICHE FUNZIONI STRUMENTALI: INCARICHI PER OGNI PLESSO COMMISSIONI SCOLASTICHE Commissione POF Commissione Continuità Scuola dell Infanzia e Scuola primaria Commissione Continuità Scuola Primaria e Secondaria di 1 grado Commissione Integrazione Alunni Diversamente Abili Commissione Intercultura Commissione Sicurezza Commissione Esperti Esterni AREA SERVIZI GENERALI AMMINISTRATIVO/CONTABILI VALUTAZIONE DEL SISTEMA VALUTAZIONE DELL EFFICACIA VALUTAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA VALUTAZIONE DEGLI OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO EDUCATIVO

4 6.4. VALUTAZIONE DEGLI OBIETTIVI SPECIFICI D APPRENDIMENTO (O.S.A.) DESCRITTORI: GIUDIZI UTILIZZATI NELLE VALUTAZIONI DELLE DISCIPLINE DESCRITTORI: GIUDIZI UTILIZZATI NELLE VALUTAZIONI DEL COMPORTAMENTO NELLA SCUOLA PRIMARIA DESCRITTORI: GIUDIZI UTILIZZATI NELLE VALUTAZIONI DEL COMPORTAMENTO NELLA SCUOLA SECONDARIA RAPPORTO SCUOLA FAMIGLIA STRUMENTI DI COLLABORAZIONE SERVIZI OFFERTI ALLE FAMIGLIE SCUOLA E TERRITORIO COLLABORAZIONI ESTERNE CTRH (CENTRO TERRITORIALE RISORSE HANDICAP) GRUPPO GOCCE DI RUGIADA PROGETTO SPAZIO COMPITI D.S.A./ B.E.S GATTOMAGICO (Per la Scuola Primaria) REGOLAMENTO D ISTITUTO

5 INTRODUZIONE AL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Il Piano di Offerta Formativa rappresenta il documento scolastico dove si presentano i vari progetti educativi e le scelte organizzative secondo le quali si realizzerà il servizio scolastico nel prossimo anno. Anche se gran parte dei progetti si sviluppano nella continuità del sistema scolastico costruito e radicato nel nostro contesto territoriale, la ridefinizione dell Offerta Formativa offre la possibilità di adattare l organizzazione scolastica alle nuove esigenze formative, che possono essere richieste dagli alunni e dai genitori, oltre che programmate dagli stessi insegnanti. Il sistema scolastico può e deve quindi venire costantemente migliorato sia dal punto di vista esterno (nuovi arredi, nuove tecnologie didattiche, nuovi orari, nuova organizzazione settimanale ) ma anche dal punto di vista interno, più profondo, nella specificità dell impostazione pedagogica e delle finalità educative. Tutti sappiamo dell importanza di avere spazi adeguati, servizi efficienti, laboratori tecnologicamente avanzati, ma non dobbiamo dimenticare che la priorità del servizio scolastico sta nel miglioramento e nel potenziamento dei progetti educativi e formativi per dare risposte forti, vere ed efficaci rispetto alla complessità dei bisogni e delle richieste presentate dai nostri alunni. Le azioni di ricerca per dare un servizio scolastico sempre più qualificato possono incontrare talvolta difficoltà di tipo organizzativo, che devono essere sempre superate trovando mediazioni tra le diverse esigenze, nel rispetto delle attenzioni da rivolgere ai nostri alunni. Sono certo che tutti siamo consapevoli dell assoluta necessità di una forte condivisione attorno ai progetti educativi che saranno avviati: la sinergia tra i protagonisti principali dell azione educativa (genitori ed insegnanti) non deve mai mancare, in una prospettiva di continua crescita personale. Il processo educativo ci deve vedere sempre impegnati in prima persona con il nostro impegno umano e professionale, anche malgrado le difficoltà che possiamo incontrare nei quotidiani rapporti interpersonali. Dobbiamo sempre guardare in alto, con speranza, verso orizzonti di crescita e di benessere per noi e per gli altri: i bambini e gli adolescenti imparano dal comportamento degli adulti ad impegnarsi con responsabilità in tutte le attività. IL DIRIGENTE SCOLASTICO dott. Emilio Bonati 4

6 1. PRESENTAZIONE DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Il Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) è il documento che descrive l identità dell Istituto Comprensivo attraverso la presentazione dei soggetti che vi lavorano e dell Offerta formativa che viene erogata. Le sue funzioni possono così sintetizzarsi: funzione di definizione dell'identità in quanto rende espliciti l'offerta Formativa della scuola e i modi di realizzarla; funzione di integrazione interna in quanto attiva all'interno della scuola una condivisione di significati, garantendo la coesione e favorendo l'unitarietà dell'azione dei diversi attori scolastici; funzione di rappresentazione esterna in quanto rende informata l'utenza del servizio che la scuola intende erogare; funzione di patto con l'utenza in quanto definisce gli impegni che la scuola assume e che intende rispettare; funzione di riferimento per la valutazione della qualità del servizio erogato in relazione agli impegni assunti; funzione di miglioramento della qualità del servizio, in quanto caratterizzato da uno sforzo di continua riprogettazione in base agli esiti della valutazione; funzione di memoria, in quanto documentazione dell'evoluzione del percorso compiuto dalla scuola. Le procedure seguite per la costruzione del documento sono state le seguenti: analisi dell esistente attraverso i Consigli di Classe ed Interclasse; analisi dei bisogni dell utenza attraverso il confronto con i genitori e i rappresentanti del Consiglio d Istituto; valutazione dell Offerta Formativa attraverso: - attività di Commissione e di Collegi di Plesso - studio di strategie migliorative 5

7 - confronto collegiale sull efficacia e l efficienza dei Progetti educativi e didattici presentazione della bozza approvata in Commissione POF, al Collegio dei Docenti e al Consiglio d Istituto per eventuali richieste o segnalazioni; approvazione del documento nel Collegio Docenti unitario; adozione da parte del Consiglio d Istituto. Si segnala che presso la sede della Direzione dell Istituto Comprensivo è a disposizione un Archivio Documentario contenente la programmazione dettagliata dei Progetti didattici ed educativi più significativi. 2. FINALITÀ ED OBIETTIVI DELL ISTITUTO FINALITÀ GENERALE D ISTITUTO Orientare i bambini e i ragazzi, fornendo loro gli strumenti per vivere attivamente e consapevolmente nella società. OBIETTIVI 6

8 FORMARE ATTEGGIAMENTI CHE SVILUPPINO autostima autonomia personale socializzazione e rispetto di ogni tipo di diversità motivazione all apprendimento valori quali: impegno, lealtà, solidarietà e cooperazione FAR ACQUISIRE CONOSCENZE Per i contenuti specifici delle conoscenze curriculari ed extracurriculari si rinvia alle programmazioni depositate presso la segreteria dell Istituto. SVILUPPARE COMPETENZE Saper esplorare, leggere ed interpretare la realtà. Saper applicare le conoscenze. Saper comunicare attraverso i linguaggi dei vari ambiti disciplinari. Saper far ricerca a livello individuale e di gruppo. PRINCÌPI CHE GUIDANO L APPLICAZIONE DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA: a) In relazione ai diritti dell alunno: Uguaglianza nel dare uguali opportunità a tutti gli alunni. Inserimento ed integrazione di tutti gli alunni. b) In relazione al servizio istituzionalizzato: Valorizzazione delle risorse interne. 7

9 Partecipazione costruttiva delle diverse componenti. Ampliamento e ricerca di qualità nell offerta formativa. c) In relazione allo stile della scuola: Cura delle condizioni per realizzare lo stare bene a scuola. Gestione positiva delle relazioni interpersonali. Attenzione, ricerca e sviluppo di tutte le potenzialità individuali. Offerta di percorsi individualizzati. Stimolo alla pluralità dei saperi. Valutazione non sanzionatoria, ma intesa come analisi delle situazioni per promuovere sempre uno sviluppo positivo. 8

10 3. OFFERTA FORMATIVA DEI PLESSI 3.1. CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA ALBERT SABIN ORGANIZZAZIONE SETTIMANALE CON TEMPO-SCUOLA DI 27 ORE 1 QUADRIMESTRE A 28 ORE SETTIMANALI LUN MAR MER GIO VEN SAB 7,45 8,25 PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA 8,30 12,30 12,30 13,55 14,00 16,00 MENSA MENSA MENSA MENSA MENSA / 2 QUADRIMESTRE A 26 ORE SETTIMANALI LUN MAR MER GIO VEN SAB 7,45 8,25 PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA 8,30 12,30 12,30 13,55 14,00 16,00 MENSA MENSA MENSA MENSA MENSA / 9

11 ORGANIZZAZIONE SETTIMANALE CON TEMPO-SCUOLA DI 28 ORE SETTIMANA CORTA LUN MAR MER GIO VEN SAB 7,45 8,25 PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA 8,30 12,30 12,30 13,55 14,00 16,00 MENSA MENSA MENSA MENSA MENSA NOTE: * = Il servizio mensa è attivo fino alle ore 14,00 con l assistenza fornita dall Amministrazione Comunale ** = GATTOMAGICO = Servizio di attività extrascolastica dalle ore 14,00 alle ore 16,00 (V. pag. 93) 10

12 3.2. CLASSI SECONDE ORGANIZZAZIONE SETTIMANALE CON TEMPO-SCUOLA DI 27 ORE 1 QUADRIMESTRE : 28 ORE SETTIMANALI LUN MAR MER GIO VEN SAB 7,45 8,25 PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA 8,30 12,30 12,30 13,55 14,00 16,00 MENSA MENSA MENSA MENSA MENSA / 2 QUADRIMESTRE : 26 ORE SETTIMANALI LUN MAR MER GIO VEN SAB 7,45 8,25 PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA 8,30 12,30 12,30 13,55 14,00 16,00 MENSA MENSA MENSA MENSA MENSA / NOTE: * = Il servizio mensa è attivo fino alle ore 14,00 con l assistenza fornita dall Amministrazione Comunale ** = GATTOMAGICO = Servizio di attività extrascolastica dalle ore 14,00 alle ore 16,00 (V. pag. 93) 11

13 ORGANIZZAZIONE SETTIMANALE CON TEMPO-SCUOLA DI 30 ORE 1 QUADRIMESTRE : 28 ORE SETTIMANALI OBBLIGATORIE + 2 ORE DI TEMPO PROLUNGATO LUN MAR MER GIO VEN SAB 7,45 8,25 PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA 8,30 12,30 12,30 13,55 14,00 16,00 MENSA MENSA MENSA MENSA MENSA / 2 QUADRIMESTRE : 28 ORE SETTIMANALI OBBLIGATORIE+ 4 ORE DI TEMPO PROLUNGATO LUN MAR MER GIO VEN SAB 7,45 8,25 PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA 8,30 12,30 12,30 13,55 14,00 16,00 MENSA MENSA MENSA MENSA MENSA / = 28 ORE OBBLIGATORIE = 2 ORE DI TEMPO PROLUNGATO NEL 1 QUADRIMESTRE 4 ORE DI TEMPO PROLUNGATO NEL 2 QUADRIMESTRE 12

14 3.3. CLASSI TERZE ORGANIZZAZIONE SETTIMANALE CON TEMPO-SCUOLA DI 27 ORE 1 QUADRIMESTRE : 28 ORE SETTIMANALI LUN MAR MER GIO VEN SAB 7,45 8,25 PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA 8,30 12,30 12,30 13,55 14,00 16,00 MENSA MENSA MENSA MENSA MENSA / 2 QUADRIMESTRE : 26 ORE SETTIMANALI LUN MAR MER GIO VEN SAB 7,45 8,25 PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA 8,30 12,30 12,30 13,55 14,00 16,00 MENSA MENSA MENSA MENSA MENSA / NOTE: * = Il servizio mensa è attivo fino alle ore 14,00 con l assistenza fornita dall Amministrazione Comunale ** = GATTOMAGICO = Servizio di attività extrascolastica dalle ore 14,00 alle ore 16,00 (V. pag. 93) 13

15 ORGANIZZAZIONE SETTIMANALE CON TEMPO-SCUOLA DI 30 ORE 1 QUADRIMESTRE : 28 ORE SETTIMANALI OBBLIGATORIE + 2 ORE DI TEMPO PROLUNGATO LUN MAR MER GIO VEN SAB 7,45 8,25 PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA 8,30 12,30 12,30 13,55 14,00 16,00 MENSA MENSA MENSA MENSA MENSA / 2 QUADRIMESTRE : 26 ORE SETTIMANALI OBBLIGATORIE + 4 ORE DI TEMPO PROLUNGATO LUN MAR MER GIO VEN SAB 7,45 8,25 PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA 8,30 12,30 12,30 13,55 14,00 16,00 MENSA MENSA MENSA MENSA MENSA / = 28 ORE OBBLIGATORIE = 2 ORE DI TEMPO PROLUNGATO NEL 1 QUADRIMESTRE 4 ORE DI TEMPO PROLUNGATO NEL 2 QUADRIMESTRE 14

16 3.4. CLASSI QUARTE ORGANIZZAZIONE SETTIMANALE CON TEMPO-SCUOLA DI 27 ORE 1 QUADRIMESTRE : 26 ORE SETTIMANALI LUN MAR MER GIO VEN SAB 7,45 8,25 PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA 8,30 12,30 12,30 13,55 14,00 16,00 MENSA MENSA MENSA MENSA MENSA / 2 QUADRIMESTRE : 28 ORE SETTIMANALI LUN MAR MER GIO VEN SAB 7,45 8,25 PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA 8,30 12,30 12,30 13,55 14,00 16,00 MENSA MENSA MENSA MENSA MENSA / NOTE: * = Il servizio mensa è attivo fino alle ore 14,00 con l assistenza fornita dall Amministrazione Comunale ** = GATTOMAGICO = Servizio di attività extrascolastica dalle ore 14,00 alle ore 16,00 (V. pag. 93) 15

17 ORGANIZZAZIONE SETTIMANALE CON TEMPO-SCUOLA DI 30 ORE 1 QUADRIMESTRE : 26 ORE SETTIMANALI OBBLIGATORIE + 4 ORE DI TEMPO PROLUNGATO LUN MAR MER GIO VEN SAB 7,45 8,25 PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA 8,30 12,30 12,30 13,55 14,00 16,00 MENSA MENSA MENSA MENSA MENSA / 2 QUADRIMESTRE : 28 ORE SETTIMANALI OBBLIGATORIE + 2 ORE DI TEMPO PROLUNGATO LUN MAR MER GIO VEN SAB 7,45 8,25 PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA 8,30 12,30 12,30 13,55 14,00 16,00 MENSA MENSA MENSA MENSA MENSA / = 28 ORE OBBLIGATORIE = 4 ORE DI TEMPO PROLUNGATO NEL 1 QUADRIMESTRE 2 ORE DI TEMPO PROLUNGATO NEL 2 QUADRIMESTRE 16

18 3.5. CLASSI QUINTE ORGANIZZAZIONE SETTIMANALE CON TEMPO-SCUOLA DI 27 ORE 1 QUADRIMESTRE : 26 ORE SETTIMANALI LUN MAR MER GIO VEN SAB 7,45 8,25 PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA 8,30 12,30 12,30 13,55 14,00 16,00 MENSA MENSA MENSA MENSA MENSA / 2 QUADRIMESTRE : 28 ORE SETTIMANALI LUN MAR MER GIO VEN SAB 7,45 8,25 PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA 8,30 12,30 12,30 13,55 14,00 16,00 MENSA MENSA MENSA MENSA MENSA / NOTE: * = Il servizio mensa è attivo fino alle ore 14,00 con l assistenza fornita dall Amministrazione Comunale ** = GATTOMAGICO = Servizio di attività extrascolastica dalle ore 14,00 alle ore 16,00 (V. pag. 93) 17

19 ORGANIZZAZIONE SETTIMANALE CON TEMPO-SCUOLA DI 30 ORE 1 QUADRIMESTRE : 26 ORE SETTIMANALI OBBLIGATORIE + 4 ORE DI TEMPO PROLUNGATO LUN MAR MER GIO VEN SAB 7,45 8,25 PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA 8,30 12,30 12,30 13,55 14,00 16,00 MENSA MENSA MENSA MENSA MENSA / 2 QUADRIMESTRE : 28 ORE SETTIMANALI OBBLIGATORIE + 2 ORE DI TEMPO PROLUNGATO LUN MAR MER GIO VEN SAB 7,45 8,25 PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA PRESCUOLA 8,30 12,30 12,30 13,55 14,00 16,00 MENSA MENSA MENSA MENSA MENSA / = 28 ORE OBBLIGATORIE = 4 ORE DI TEMPO PROLUNGATO NEL 1 QUADRIMESTRE 2 ORE DI TEMPO PROLUNGATO 18

20 3.6. SUDDIVISIONE ORARIA GIORNALIERA DELLA SCUOLA PRIMARIA MATTINO INGRESSO 1^ - 2^ ORA INTERVALLO 3^ - 4^ ORA PREPARAZIONE USCITA 8,25 8,30 8,30 10, 20 10,20-10,40 10,40 12,25 12,25 12,30 POMERIGGIO ( LUNEDÌ- MERCOLEDÌ VENERDÌ ) INGRESSO 5^ - 6^ ORA PREPARAZIONE USCITA 13,55 14,00 14,00 15,55 15,55 16,00 19

21 3.7. ATTIVITÀ CURRICULARI Il progetto formativo di ogni classe utilizza il contributo delle varie discipline per il raggiungimento degli obiettivi didattici e delle finalità educative programmate. Il tempo settimanale di ogni disciplina può subire flessibilità nell arco della settimana o di più settimane, in relazione ai progetti da realizzare. DISCIPLINE CLASSI 1^ a 27 ore settimanali CLASSI 1^ a 28 ore settimanali (settimana corta) 1 quadrimestre 2 quadrimestre 1 e 2 quadrimestre Lingua italiana 8 ore 7 ore 8 ore Matematica 6 ore 6 ore 6 ore Storia e Geografia 4 ore 4 ore 4 ore Scienze 2 ore 2 ore 2 ore Educazione alla Convivenza Civile 1 ora Trasversale 1 ora Arte e Immagine 1 ora 1 ora 1 ora Scienze motorie e 2 ore 2 ore 2 ore sportive Musica 1 ora 1 ora 1 ora Lingua Inglese 1 ora 1 ora 1 ore Religione cattolica o attività alternativa 2 ore 2 ore 2 ore TEMPO SCUOLA 28 ORE 26 ORE 27 ORE 28 ORE 20

22 DISCIPLINE CLASSI 2^ CLASSI 3^ 1 quadrimestre 2 quadrimestre 1 quadrimestre 2 quadrimestre Lingua italiana 7 ore 6 ore 7 ore 6 ore Matematica 6 ore 6 ore 6 ore 6 ore Storia e Geografia 4 ore 4 ore 4 ore 4 ore Scienze 2 ore 2 ore 2 ore 2 ore Educazione alla Convivenza Civile 1 ora Trasversale Trasversale Trasversale Arte e Immagine 1 ora 1 ora 1 ora 1 ora Scienze motorie e 2 ore 2 ore 2 ore 1 ora sportive Musica 1 ora 1 ora 1 ora 1 ora Lingua Inglese 2 ore 2 ore 3 ore 3 ore Religione cattolica o attività alternativa 2 ore 2 ore 2 ore 2 ore TEMPO SCUOLA 28 ORE 26 ORE 28 ORE 26 ORE 27 ORE 27 ORE Tempo prolungato 2 ore 4 ore 2 ore 4 ore TEMPO SCUOLA 30 ORE 30 ORE 30 ORE 30 ORE 21

23 DISCIPLINE CLASSI 4^ CLASSI 5^ 1 quadrimestre 2 quadrimestre 1 quadrimestre 2 quadrimestre Lingua italiana 6 ore 7 ore 6 ore 7 ore Matematica 6 ore 6 ore 6 ore 6 ore Storia e Geografia 4 ore 4 ore 4 ore 4 ore Scienze 2 ore 2 ore 2 ore 2 ore Educazione alla Convivenza Civile Trasversale Trasversale Trasversale Trasversale Arte e Immagine 1 ora 1 ora 1 ora 1 ora Scienze motorie e 1 ora 2 ore 1 ora 2 ore sportive Musica 1 ora 1 ora 1 ora 1 ora Lingua Inglese 3 ore 3 ore 3 ore 3 ore Religione cattolica o attività alternativa 2 ore 2 ore 2 ore 2 ore TEMPO SCUOLA 26 ORE 28 ORE 26 ORE 28 ORE 27 ORE 27 ORE Tempo prolungato 4 ore 2 ore 4 ore 2 ore TEMPO SCUOLA 30 ORE 30 ORE 30 ORE 30 ORE 22

24 3.8. PROGETTI E LABORATORI AD INTEGRAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA Le attività curriculari si integrano da diversi anni con progetti di particolare rilevanza, al fine di ampliare l offerta formativa e garantire una formazione integrale ed integrata degli alunni e delle alunne. I progetti proposti si riferiscono sempre ai vari ambiti disciplinari o agli aspetti formativieducativi e permettono, attraverso metodologie e strumenti specifici, di completare o di approfondire alcuni degli obiettivi previsti nei piani di lavoro delle classi. I progetti proposti assumono validità metodologica perché: offrono varietà di contenuti e opportunità di approfondimento sia per gli alunni, sia per gli insegnanti; favoriscono la collegialità e la condivisione tra i docenti; richiedono un attivazione di modalità diversificate di organizzazione del lavoro; valorizzano e ampliano competenze e risorse; sviluppano l utilizzo di varie tecniche; danno visibilità alla scuola. Un intervento educativo / didattico per essere definito progetto deve far riferimento ai seguenti criteri: 1. orientarsi alle finalità e agli obiettivi dichiarati nel P.O.F.; 2. rispondere ai bisogni formativi degli alunni; 3. interessare trasversalmente più discipline e/o ambiti educazionali; 4. essere qualificante per la scuola; 5. offrire opportunità, tenendo conto della realtà territoriale; 6. motivare l eventuale necessità della presenza di esperti; 7. essere documentato; 8. prevedere una valutazione finale. La documentazione richiesta per ogni progetto prevede una scheda contenente obiettivi, contenuti, metodologia, tempi, costi, modalità di verifica/valutazione da inserire nel Piano di Lavoro annuale della classe e nell archivio dei progetti dell Istituto Comprensivo. 23

25 La presenza di eventuali esperti esterni, previsti in alcuni progetti, è occasione di confronto, di arricchimento e di scambio di professionalità sugli interventi educativi offerti agli alunni. La scelta degli esperti risponde, pertanto, ai seguenti criteri: 1. individuare soggetti che, oltre a possedere professionalità coerenti con il progetto, siano in grado di relazionarsi con i bambini; 2. concordare obiettivi, contenuti e metodologie con i docenti; 3. stabilire i ruoli degli insegnanti e dell esperto nel progetto; 4. concordare tempi e orari d intervento, tenendo conto prioritariamente delle esigenze del gruppo-classe e considerando che l esperto esterno sarà sempre affiancato dal docente di classe durante l attività programmata. Ogni progetto che preveda l intervento di un esperto esterno necessita sempre dell autorizzazione del Consiglio d Istituto. L offerta formativa è arricchita inoltre da: attività di laboratorio uscite sul territorio, attività in collaborazione con le agenzie educative e culturali operanti sullo stesso, visite d istruzione, fruizione di spettacoli teatrali partecipazione ai concorsi che ciascuna équipe pedagogica programma ad inizio anno scolastico per le proprie classi. I progetti e i laboratori sotto esposti sono stati discussi e pensati dai docenti, tenendo conto delle esigenze emergenti, della presunta disponibilità finanziaria e del rapporto costi/benefici. Alcuni progetti, come specificato nella tabella seguente, prevedono il pagamento di una quota a carico delle famiglie. La loro attivazione e realizzazione dipenderanno comunque dall effettiva dotazione organica che il Provveditorato assegnerà al nostro Istituto, dalle risorse finanziarie che gli Enti locali e il Ministero forniranno e da eventuali proposte aggiuntive o alternative in itinere. 24

26 PROGETTI E LABORATORI CLASSI AUTORI TEMPI DESCRIZIONE ACCOGLIENZA (Ambito educativoformativo) ACCOGLIENZA, ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI E MEDIAZIONE CULTURALE (Ambito educativoformativo) TUTTE Alunne / alunni stranieri e loro famiglie Docenti Psico pedagogista Docenti Commissione Intercultura Mediatori culturali Primo periodo dell anno scolastico In base alle esigenze - Favorire la conoscenza e la socializzazione dei nuovi alunni. - Inserirsi gradualmente nella vita scolastica. - Adattarsi ai tempi dell organizzazione scolastica. - ( Solo per le classi 1^)Verificare l ipotesi del gruppo classe con la supervisione della psicopedagogista dell èquipe territoriale. - Attuazione delle diverse fasi del Progetto, in relazione all accoglienza e all alfabetizzazione - Intermediazione dei rapporti scuolafamiglia-mediatore, ove ci siano problemi di comunicazione linguistica e culturale. AVIS AIDO (Ambito scientifico) 5^ Docenti AVIS AIDO 2 4 ore - Presentazione e sensibilizzazione sulle attività delle Associazioni con lavori di approfondimento. BIBLIOTECA (Ambito educativoformativo; ambito linguistico e scientifico) Tutte Docenti Biblioteca ed inoltre, a seconda dei progetti: Attrice/ attore narratore (cl.2^-3^- 4^-5^) Autore di narrativa per l infanzia (cl.4^) In base ai progetti CLASSI 1^: Andiamo in Biblioteca - Conoscenza dei vari servizi offerti ai bambini. CLASSI 2^ : I Diritti dei Bambini - Letture di testi di vario genere in occasione della Giornata dei Diritti dei Bambini. CLASSI 3^: Leggere un testo informativo - Lettura-consultazione di testi e attività di laboratorio CLASSI 4^: Incontro con l autore - Incontro con attrice-narratrice. - Percorso di lettura in classe. - Incontro con l autore. CLASSI 5^: Rievocazione del Giorno della Memoria - Favorire la conoscenza di rilevanti eventi storici. - Promuovere la consapevolezza del riconoscimento dei diritti umani a ciascun individuo CASTAGNATA Tutte Docenti Genitori Associazione Alpini 2 ore - Creare occasioni di incontro tra scuola e famiglie. - Valorizzare il servizio offerto dal volontariato. 25

27 CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA PRIMARIA (Ambito educativoformativo) 1^ Docenti delle classi 1^ Docenti della Scuola dell infanzia Alunni delle classi 1^ Alcune mattine da marzo a maggio Attività svolte alla Scuola dell Infanzia per la prima parte del progetto e poi alla Scuola Primaria per la seconda parte, dai bambini iscritti all ultimo anno della Scuola dell Infanzia per: - Favorire la continuità fra i due ordini di scuole. - Contenere le ansie dei grandi rispetto al futuro loro ingresso. - Consentire ai docenti l osservazione dei bambini in ambiente conosciuto (Scuola dell Infanzia) ed in ambiente nuovo (Scuola Primaria) - Consentire a tutti gli iscritti alla prima classe un iniziale approccio alle modalità e ai tempi della Primaria. CONTINUITÀ SCUOLA PRIMARIA SECONDARIA Orientamento alla Scuola Secondaria di Primo Grado (Ambito educativoformativo) 5^ Docenti delle classi 5^ della Scuola Primaria Docenti della Scuola Secondaria 1 mattinata - Acquisizione di informazioni sulla nuova scuola: edificio, persone, ruoli, attività - Partecipazione ad attività di laboratorio nella scuola secondaria DIAMO VOCE AI BAMBINI (Ambito educativoformativo; ambito espressivo e linguistico) Tutte Docenti In base alle esigenze - Conoscenza di alcuni diritti inviolabili, in particolare quelli sanciti dalla Carta dei Diritti dell Infanzia - Celebrazione della Giornata Internazionale dei Diritti dei Bambini. EDUCAZIONE AD UNO STILE DI VITA SANA (Ambito educativoformativo e ambito scientifico) Classi filtro Docenti 6 8 ore per classe - Conoscenze delle linee-guida per una corretta igiene orale in collaborazione con ASL. (Classi 1^) - Conoscenze delle linee-guida per una corretta alimentazione. (Classi 2^) EDUCAZIONE SOCIO-AFFETTIVA (Ambito educativoformativo) Tutte Docenti Nelle classi 1^ e 2^ nel 1 quadr.; ore per le classi 3^-4^-5^ - Attività di laboratorio per favorire lo sviluppo graduale ed armonico delle competenze relazionali per un corretto inserimento sociale. 26

28 EDUCAZIONE SESSUALE (Ambito educativoformativo; ambito scientifico) 5^ Docenti In base alle esigenze - Percorso di educazione all affettività e alla sessualità EDUCAZIONE STRADALE (Ambito educativoformativo) 1^ 3^ Docenti Vigili 2 4 ore - Percorsi ed attività interdisciplinari graduate. FACCIAMO FRUTTARE LA FRUTTA FRUTTA A MERENDA GIOCHI DELLA SCUOLA (Ambito educativoformativo; ambito motorio) Alunni/e iscritti alla mensa Tutte Tutte Docenti Caritas parrocchiale Docenti Amministr. Comunale Docenti Genitori Amministr. Comunale Polisportiva Annuale Annuale Una mattinata - Favorire l acquisizione di una corretta educazione alimentare - Favorire il consumo di frutta durante l intervallo mediante un concorso a premi tra le classi. - - Attività ludiche. INCONTRO CON ESPERTO DI MADRELINGUA INGLESE (Ambito Lingua 2) 5^ Docente di inglese Esperto madrelingua inglese 2 4 ore per classe - Rendere gli alunni consapevoli delle capacità comunicative acquisite tramite l incontro, l ascolto e l interazione con una persona di lingua inglese. IPPOTERAPIA A cavallo tra scuola e natura Un alunno disabile Docente di sostegno Educatrice con attestato A.N.I.R.E. (Associazion e Nazionale Italiana di Riabilitazion e Equestre) 10 sedute individuali di 30 minuti (per un totale di 5 ore), da effettuare nel secondo quadrimest re - Attuare un intervento socio-educativo, accentuando le potenzialità dell alunno, la motivazione al fare, la gratificazione e l apprendimento in un ambiente piacevole, coinvolgente e stimolante. LABORATORI ESPRESSIVI (Ambito Arte e Immagine) Tutte Docenti Genitori Durante le ore di Arte e Immagine o nelle Attività Strutturate di Laboratorio - Disegni e manufatti realizzati con tecniche diverse. - Mostra mercato di fine anno finalizzata alla raccolta di fondi per il Progetto Solidarietà. 27

29 LABORATORIO FONOLOGICO (Progetto con finanziamento del Piano di Diritto allo studio) (Ambito linguistico) 1^ DocentI Logopedista 6 ore per classe - Laboratorio linguistico condotto da una logopedista, finalizzato all individuazione e alla prevenzione delle difficoltà e dei disturbi del linguaggio. MAMME DEL MONDO Tutte Docenti Scuola Primaria Docenti Scuola Secondaria Mamme dei Paesi dell Est Mamme del Senegal Genitori Incontri durante l anno scolastico, in base alle esigenze. Realizzazione di un cd con la collaborazione delle mamme dei Paesi dell Est e poi con le mamme del Senegal. Il cd sarà utilizzato per: -progetti di accoglienza, per favorire l inserimento del nuovo arrivato -progetti interculturali per favorire la conoscenza reciproca degli aspetti culturali dei paesi di provenienza degli alunni presenti nella classe MUSICA (Ambito musicale) NUOTO (Ambito motorio) N.B.: A pagamento 4^ Tutte Docenti Componenti del corpo bandistico comunale Docenti Istruttori con brevetto F.I.N. 7 lezioni 10 lezioni - Conoscenza del linguaggio musicale e dei vari strumenti musicali. - Percorso di acquaticità. - Consolidamento di adeguati schemi motori e di coordinamento, in rapporto all ambiente acquatico. PROGETTI CON FINANZIAMENTO DEL PIANO DI DIRITTO ALLO STUDIO (Vari ambiti disciplinari) 2^ 3^ 4^ 5^ Docenti Esperti Da definire Da definire in base ai Piani di Studio Personalizzati delle classi. CONSULENZA PSICOPEDAGOGICA (Ambito educativoformativo) Su segnalazione dell équipe pedagogica Docenti Psico - pedagogista Servizi Sociali del Comune Da definire - Fornire un aiuto ed un supporto alle équipe pedagogiche ed alle classi per affrontare le situazioni di disagio scolastico. SICUREZZA (Ambito educativoformativo) Tutte Docenti Minimo 2 prove nel corso dell anno - Prove di evacuazione. 28

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo GIORGIO GABER Scuola Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria I grado Via Trieste, 85 55041 Lido di Camaiore (LU) Tel. 0584 67563 Fax 0584 67047 e-mail: luic83200q@istruzione.it

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Guida pratica del rappresentante dei genitori a cura dell Associazione Per maggiori informazioni consultare il sito www.genitoriescuola.it

Dettagli