UNA SCOMMESSA E UNO STILE DI VITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNA SCOMMESSA E UNO STILE DI VITA"

Transcript

1 Casa del Giovane Pavia UNA SCOMMESSA E UNO STILE DI VITA Pensieri concreti di don Enzo Boschetti sull educare e sull educatore nell esperienza della Casa del Giovane Queste riflessioni riguardanti il piano educativo sono nate dall'esperienza della nostra vita quotidiana vissuta, quindi presentano i limiti propri di tale esposizione. Riflettono la realtà comunitaria in cui siamo chiamati a vivere e di conseguenza non sono soggette a schemi precostituiti; sono nate di volta in volta a seconda delle situazioni che si presentano e sono il frutto di un comune impegno di condivisione e di molto amore con un gruppo di minori che in comunità chiamiamo "giovanissimi". Risentono per tanto di una certa flessibilità e sono soggette a cambiamenti proprio perché fanno parte di una dinamica educativa. Naturalmente le idee di fondo in cui crediamo e sulle quali si fonda la comunità, non saranno modificate. Intendiamo precisare che il rapporto educativo non avviene a livello professionale, ma come in una famiglia dove si condivide la vita, basandola sui valori della gratuità completa, del servizio disinteressato. Questo perché, alla base, esiste una scelta di vita, di fede che porta l'educatore a mettersi al servizio degli altri per camminare e crescere insieme verso un'autentica promozione umana e cristiana. Queste riflessioni sull educare sono per coloro che vogliono innamorarsi del mestiere di educare, di amare ed essere amati e di vivere la vita di comunità come scelta di condivisione in nome del vangelo e nella chiesa, per una società più giusta e più fraterna. È l'alternativa per coloro che non si accontentano di condannare le mille forme di potere e di violenza che incancreniscono la nostra società e intossicano la vita di tanti giovani, ma con coraggio vogliono essere 1

2 protagonisti di un mondo nuovo e di una diversa qualità della vita. 1. LE CARATTERISTICHE DELL'EDUCATORE a. La maturità 1. La maturità a livello educativo si esprime in termini di autorevolezza. Comporta una seria preparazione e competenza. È un ideale e una vita che dona a livello di amore e di libertà ed è vivere per educare ed educare per vivere. 2. È importante che il volontario-educatore abbia a fare un cammino insieme, creando un rapporto fondato sull'amicizia, per trasmettere, comunicare, coinvolgere il ragazzo a fare delle cose con interesse. 3. Può capitare che il ragazzo abbia a stimare cose e persone sbagliate, allora occorre rettificare o modificare certe concezioni discutibili. L'educatore dovrà impegnarsi con una presenza di sensibilizzazione, aiutando il giovane a verificare certi aspetti comportamentali, e presentando con la sua vita un altro modello valido. Questo è possibile se ha raggiunto una discreta maturità. 4. Per maturità intendiamo un giovane che è consapevole dei suoi limiti e che tende sinceramente a creare un solido equilibrio interiore. 5. È colui che vive con passione e con coraggio il grande ideale educativo evidenziando l'aspetto della corresponsabilità, e privilegiando i più deboli e i più insicuri. 6. È un uomo che non si appartiene più al punto che vive la sua vita come una scommessa con Cristo e con i poveri. 7. L'educatore deve costruire un rapporto con il giovane, fatto di dialogo e di attento ascolto, evitando di cadere nelle schermaglie e nell'aridità della polemica. 8. Nelle sue valutazioni sarà attento a non umiliare il ragazzo rendendolo incapace di ripresa. 9. Ricorderà il problema della gratuità e della pazienza cominciando ad interessarsi ai problemi di ogni giovane. 10. Il ragazzo deve vedere nell'educatore non soltanto il responsabile ma prima di tutto l'amico e il compagno che sa interessarsi a tutti i momenti della sua vita compresi i momenti di gioco. 11. Il ragazzo non è il dipendente e tanto meno un esecutore passivo, ma un protagonista, con il quale fare delle esperienze, facendogli scoprire le proprie capacità. 12. Questo impegno è bene che sia puntualizzato nel piano educativo in comune con gli educatori e i volontari in modo da favorire un intervento incisivo e unitario. 2

3 b. La formazione 13. L'educatore non è un arrivato, in possesso di verità e di metodi infallibili, ma deve quotidianamente mettersi in discussione e rivedere il suo comportamento, i suoi interventi, desiderando di progredire a livello di coerenza e di competenza. 14. La formazione pedagogica e metodologica è indispensabile. 15. L'educatore frequentemente si confronterà con gli educatori che operano con lui e con il responsabile primo. 16. Fa parte della sua preparazione la conoscenza dell'esperienza e delle mete educative dei volontari ed educatori che lo hanno preceduto. 17. La preparazione e l'aggiornamento riguardano anche alcuni aspetti specifici e settoriali nell'educazione perché nulla è secondario in questa fase di crescita. 18. Ci può essere l'educatore con particolare attitudine o carisma e colui che non ha dei doni particolari e sia tentato di fare solo il proprio dovere, il che sarebbe uno sbaglio. Nel momento delle difficoltà si sforzi di ascoltare e studiare più degli altri, e la sua carica di generosità lo aiuterà a raggiungere dei traguardi ottimi. 19. Saprà educare molto chi molto ama. 20. L'educatore deve avere raggiunto una eccellente maturità affettiva, e un serio dominio di se stesso, senza indulgere in pericolose simpatie che mortificano la trasparenza e la libertà del cuore. 21. L'educatore è colui che esige da se stesso tutto quanto è bene ed è vero indipendentemente dal fatto di avere la qualifica di educatore e perché vuole diventare sempre più umano e sempre più responsabile. 22. Un serio impegno educativo significa esigere il massimo dalle proprie capacità, senza cedere al male dell'orgoglio e della presunzione, perché questo inquinerebbe lo splendore del suo cuore compromettendo qualsiasi rapporto. Per questo si ricorderà l'invito del Maestro: "Imparate da me che sono mite e umile di cuore" (Mt 11,29). 23. L'educatore deve appartenere all'ambiente e sentirsi protagonista delle situazioni concrete che sono oggetto del suo intervento educativo, senza lasciarsi coinvolgere emotivamente e indiscriminatamente, ed esprimere una valutazione equilibrata e obbiettiva. 24. La superficialità e la leggerezza possono causare mali irreparabili. 25. In ogni tempo della storia della chiesa e fuori di essa, ci furono uomini grandi con un particolare carisma educativo, come Don Bosco e Don Orione, che con sapienza, sull'esempio del Maestro, hanno suscitato autentiche scuole di progresso, di crescita e di virtù cristiane. È consigliabile che l'educatore abbia a riferirsi a questi modelli validi, scoprendone le motivazioni e la saggezza. Questi gli saranno di stimolo e di conforto, se calati con senso critico nelle 3

4 proprie realtà giovanili. 26. Concretamente: come può un educatore formarsi alla fermezza e al rispetto, al coraggio e alla pazienza, all'ottimismo e all'allegria? Dovrà privilegiare la povertà dei mezzi, la vita spartana, il sacrificio, lo studio di questi intramontabili profeti dei giovani, e vivendo il suo impegno come una vocazione e un dono di Dio. 27. La sua personalità educativa si formerà soprattutto se accetterà di lottare aspramente per superare le sue difficoltà con l'aiuto della grazia e della preghiera. 28. L'educatore, per diventare forte, non deve cercare le cose facili ed uno stile comodo, ma deve appassionarsi alla sua crescita e a quella dei ragazzi. 29. Si deve far credito ai mezzi più naturali e semplici, come il gioco, le feste, il teatro, le escursioni. 30. Gli impegni caritativi e di solidarietà senza svalutare per questo certe tecniche educative moderne, per esempio gli audiovisivi. 31. Settimanalmente si valuteranno i programmi utili da vedersi in rapporto ai nostri criteri educativi cristiani con tempi ben precisi, per evitare anche il male dei condizionamenti e dei videodipendenti. 32. Un grave pericolo da evitare è l efficientismo perché porta a certe forme di discriminazione e di emarginazione. 33. Questi mezzi educativi non devono mai mortificare la creatività, la naturalezza del sacrificio e delle difficoltà, ma favorire la partecipazione e la socialità di tutti. Fermezza e comprensione 34. La preparazione dell'educatore esige la fermezza e questa è frutto di una personalità matura, ricca d'interiorità e di coerenza. L'interiorità facilita la scoperta del mondo interiore e il potenziale nascosto nel cuore del ragazzo. 35. La fortezza nasce dalla fedeltà che l'educatore vive facendo certe cose e vivendo certi impegni con continuità nonostante le antipatie e le difficoltà. 36. Quando il Signore ci ha fatto capire che siamo sulla strada giusta, allora dobbiamo perseguire quel giusto obiettivo con fermezza e umiltà, senza mai deflettere, costi quel che costi. 37. Se non sarà esigente con se stesso, difficilmente diventerà un educatore credibile e capace d'incoraggiare chi è demoralizzato e scoraggiato dai piccoli fallimenti. 38. Per favorire la comprensione, l educatore non dimenticherà che lui stesso ha dovuto faticare per superare certi ostacoli e che il tempo della semina non può coincidere con il raccolto, ma ci vogliono dei tempi non brevi di maturazione. 39. L'intolleranza è spesso frutto di un disagio interiore e di una non chiara 4

5 motivazione cristiana. Certi malcontenti sono il risultato di piccole schiavitù e di confusione interiore che possono essere pazientemente risolti con la guida spirituale e la grazia. 40. La fermezza deve rispecchiarsi nella chiarezza e nella bontà con i suoi momenti di comprensione, frutto di una concreta conoscenza del cuore del ragazzo. 41. Cosa fare quando il giovanissimo diventa troppo esigente, indisciplinato, scorretto? Fino a che punto si può e si deve essere comprensivi? Prima di tutto dobbiamo stare vicino al giovanissimo per conoscerlo e amarlo, permettendogli di conoscersi, per mezzo dei fatti, con la chiarezza della propria vita, aiutandolo a fare l'autocritica di se stesso senza scoraggiarsi. 42. È bene che il ragazzo conosca gradualmente e liberamente il valore del sacrificio e della libertà, dell'amicizia e ad amarsi al punto da esigere da se stesso degli atti di bontà e di altruismo per mezzo dei quali potrà raggiungere dei traguardi incoraggianti. 43. Se la tolleranza diventa una norma di vita e se deresponsabilizza, allora bisogna rivedere il rapporto educativo. 44. L'educatore deve accettare certi momentanei fallimenti, non passivamente, diversamente nascono dei meccanismi sbagliati di demotivazione o di rivalsa. 45. Dovrà vigilare perché nel minore non abbia ad annidarsi una concezione sbagliata della vita e della morale, qual è il soggettivismo e l'immanentismo che accettano il dato oggettivo. 46. Questa pericolosa visione della vita, porta a valutare il bene e il male solo in rapporto ad un giudizio strettamente personale, relativizzando la legge di Dio e le direttive della Chiesa e della sua morale cristiana. 47. Può capitare che per evitare l'insuccesso faccia delle concessioni all'ambizione e al favoritismo, ma queste scorrettezze aprono la strada all'ipocrisia e all'individualismo. 48. Queste precisazioni sono suggerite dall'esperienza e dalla chiara consapevolezza che il problema educativo è di enorme importanza per lo sviluppo armonico del ragazzo. 49. L'educatore deve accettare i suoi limiti senza rassegnarsi e armarsi di tanta pazienza e non cedere mai al compromesso in fatto di valori morali ed educativi. 50. L educatore non deve mai dimenticare che prima di tutto è un seminatore di libertà, da conquistare lentamente ma tenacemente, con tanti piccoli gesti di coraggio e di benevolenza. 51. L'educatore vivendo con i ragazzi a tempo pieno e alla pari, sarà facilitato a condividere tutto di tutti e a diventare una proposta di vita con la sua vita. 52. Una presenza educativa ad intermittenza non giova né al volontario né tantomeno al minore. Solo un impegno assiduo, disinteressato e pieno di 5

6 amore si fa esperienza determinante e incancellabile. Il "tempo pieno e alla pari" non esclude un tempo utile di distensione e di riposo, se questo è indispensabile al recupero della serenità e per la vivacità del suo impegno. L'educatore deve essere un amico 53. È un amico che vive con loro per scoprire gli aspetti positivi e negativi e per comprendere quanto non sa dire o non vuol dire il ragazzo, evidenziando così il valore di un rapporto sicuro che dia certezza e realismo alla sua vita. 54. La sua presenza deve essere attenta per stimolare a certe forme di altruismo che lui stesso deve vivere. 55. Con i suoi gesti di presenza cercherà di comprendere certe necessità e alcuni comprensibili desideri che possono far piacere e creare così un rapporto di stima e di simpatia. 56. Da vero amico, l'educatore deve suscitare e stimolare dei motivi di gioia e di ottimismo, di allegria, in un'ottica di crescita; questi valori sono da conquistare e da arricchire ogni giorno senza dimenticare Dio in quanto Padre che segue con amore provvidente le proprie creature. 57. L'educatore non deve vivere e proporre un ottimismo episodico e di circostanza, ma animare la vita con i suoi gesti e per suscitare nel ragazzo i valori del coraggio e della speranza nella comunità. 58. Così formerà un carattere capace di sanare certi momenti di depressione, di scoraggiamento e di disimpegno. 59. Questi momenti difficili per il minore non possono mancare, perché sono la conseguenza di tanti rifiuti e di troppe umiliazioni. 60. Pazientemente aiuterà il ragazzo ad accettare con realismo cristiano la propria situazione, con la prospettiva di costruirsi onestamente la propria vita, con l'aiuto di amici sinceri che non mancheranno mai. 61. L'educatore non deve essere un rintanato nelle sue sicurezze, ma un amico che vuole affrontare le situazioni non facili e rischiose senza spavalderia e temerarietà. 62. Solo se il suo servizio si farà esperienza personale, potrà favorire un cammino promozionale nel giovane; poiché si trasmette quello che si è. 63. L'educatore deve guadagnarsi l'amicizia del minore perché solamente con questa può affrontare in termini di concretezza e con realismo quel particolare problema. 64. L'amicizia si far ottimismo in chiave critica per attuare il nostro progetto di liberazione: questo non può esaurirsi nelle parole o in un semplice episodio come farebbe un buon camerata. 65. Altro motivo di gioia è il fatto che Gesù-Amico si è compromesso totalmente con noi: ha fatto quello che facciamo noi, tranne il peccato: lui è l amico che 6

7 come nessun altro ci conosce e ci ama. 66. Dobbiamo essere degli ottimisti per vocazione, perché il Maestro ci ricorda: Se uno mi ama e osserva la mia parola e faremo dimora presso di lui"(gv 14,23) e "Vi ho detto queste cose perché la vostra gioia sia piena"(gv 15,11). La nostra gioia sta nel fatto che Gesù è la via, la verità, la vita (Gv 14,6) e la nostra liberazione, purché non abbiamo ad ostacolare l'azione della grazia in noi. È la grazia che ci aiuta ad essere sempre amico, fedelmente amico, e responsabile amico, con un'amicizia solida e disinteressata tale da non più dimenticare. 67. L'educatore cristiano è un uomo che prega e non si risparmia mai specialmente quando si tratta di contestare il proprio peccato e le proprie evasioni. 68. I presupposti dell'amicizia sono la gentilezza, la premura, l'affabilità specialmente nel momento dell'accoglienza e nei momenti di sofferenza e di difficoltà del minore. 69. Se l'accoglienza sarà attenta e fraterna e se sapremo accogliere il nuovo arrivato con il cuore e molto affetto, allora il ragazzo si sentirà come a casa propria e supererà facilmente il trauma di certi distacchi e il suo inserimento sarà facilitato. 70. L'amicizia è il valore per mezzo del quale l'educatore, amando il ragazzo, insegna ad amare e amandolo, lo conquista e lo responsabilizza. 71. Chi non è amato gratuitamente, difficilmente imparerà ad amare da adulto, e quando non si ama e non si superano certe carenze affettive è compromesso il processo di crescita a tutti i livelli non ultimo quello intellettivo e di socializzazione. 72. L'amicizia può esistere anche tra una persona che crede in Dio e una che non crede ma è in un atteggiamento di ascolto, di ricerca e di stima. 73. L'educatore deve avere un senso cristiano dell'amicizia e il fatto che il giovane non l'abbia, non deve scoraggiarlo, ma renderlo più attento donandogli un amore disinteressato perché solo così comprenderà che Dio è amore nella verità. 74. L'educatore non deve preoccuparsi di convincere nessuno e tantomeno il minore, ma deve essere prima di tutto credibile e coerente con la propria fede. 75. Proprio perché cristiani dobbiamo proclamare Dio-Amore con la libertà della nostra vita e non con il proselitismo. 76. Quando sarà arrivata l'ora di Dio, la proposta di Cristo in termini di maturità e di libera scelta, non è solo utile ma doverosa, confidando non tanto nelle capacità umane ma nel misterioso valore della grazia. 77. L'amicizia deve essere: a. Gratuita e completamente disinteressata: frutto di una vera libertà interiore. 7

8 b. Deve conoscere certamente il valore della sincerità, della fedeltà, nonostante certi comprensibili rifiuti del ragazzo. Uno dei motivi per cui rifiuta l'amicizia potrebbe essere dovuto al fatto che in passato non è stato accettato e accolto con amore. Certi rifiuti diventano frustrazioni e tali da ostacolare un rapporto di crescita e di amicizia. c. Deve conoscere la dimensione della comprensione e del perdono e tale che lo aiuti a dimenticare ciò che precedentemente lo ha traumatizzato. Un passato doloroso non si può cancellare facilmente. d. Deve fondarsi non soltanto sulle qualità esteriori, ma deve crescere sui valori spirituali in un rapporto di corresponsabilità, non dimenticando che questo sarà un non facile punto di arrivo, ed esige tanta pazienza e costanza. Solo amando sarà a suo tempo riamato e dare così solidità all'amicizia. e. L'educatore dovrà conoscere la problematica del ragazzo per non chiedere meno o più di quanto di fatto può dare con l'amicizia. f. L'educatore deve stimolare, con gesti concreti, un desiderio e una conoscenza di libertà che lentamente si abbia a concretizzare. Il rapporto con il ragazzo non dovrà essere costrittivo, ma propositivo, e lentamente interiorizzato e assimilato. g. Ricorderà che l'amicizia più credibile sarà quella vissuta e donata senza nulla chiedere se non ciò che è bene per il ragazzo, nel momento della prova e delle difficoltà, con gesti di sincero affetto. h. È importante che il minore abbia a fare esperienza di amicizia e con una profondità tale da non più dimenticare questo tempo eccezionale. i. L'amicizia che sottovaluta l'importanza di una ragionevole disciplina, di un preciso orario che favorisce la scorrevolezza della giornata, è antieducativa. Ma guai se la disciplina non conoscesse la flessibilità e la dolcezza del cuore. c. Il dover essere dell'educatore Cosa non deve essere l educatore 78. Non deve essere complice del male e favorire la mediocrità e l'indifferenza. 79. Non deve essere un improvvisatore, un impreparato ed un incompetente, un disinformato, un intellettualista ed un teorico. 80. Non deve essere amante del quieto vivere, permissivo e opportunista. 81. Non deve vivere un'amicizia interessata e disimpegnata rispetto alle necessità del giovane. 82. Non deve credere di saper tutto e di essere il depositario della verità, di essere un infallibile. 8

9 83. Non deve spadroneggiare, ma si ricorderà che dpvrà rendere conto a Dio del come e del quanto si è donato. 84. Non deve essere insicuro, ma nemmeno un sicuro che non tiene conto del parere degli altri chiudendosi nelle sue proprie convinzioni. 85. Non deve scoraggiarsi di fronte all'insuccesso. 86. Non deve essere un triste, un sognatore e un soggettivista. 87. Non dovrà riprenderlo in pubblico, se non in casi eccezionali e qualora venisse a sapere qualche cosa che intacca alla radice lo spirito della Comunità oppure offendesse seriamente e volutamente la moralità. In questi casi, dopo seria valutazione, sarà dimesso dal responsabile della Comunità. 88. Non deve avere una mentalità anticomunitaria e antisociale, rifiutando il confronto, la progettazione e la crescita insieme. 89. Non deve manipolare e condizionare il ragazzo nella sua crescita e nelle sue scelte. 90. Non deve credersi capace di risolvere qualsiasi difficoltà e non deve escludere altre soluzioni fuori dal suo contesto comunitario. 91. Normalmente non dovrà agire al di fuori di certi criteri comunitari, educativi collaudati. 92. Non dovrà mai dimenticare che la sua presenza educativa deve tendere alla maturità e alla crescita della persona. 93. Non dovrà favorire, né permettere che si determinino situazioni di ghettizzare e certe larvate forme di emarginazione specialmente rispetto al più debole e al più povero. 94. Non deve fare una proposta cristiana, educativa e promozionale che lui stesso non vive. 95. Non dovrà proporre un Gesù riduttivo e impoverito dai propri limiti. 96. Se venisse a conoscenza di qualche fatto spiacevole e grave, non dovrà tacere ma riferirà con chiarezza quanto è accaduto al responsabile, facendo il possibile per verificare attentamente e personalmente quanto ha conosciuto. 97. Nella sua proposta cristiana impegnata, non dovrà sottovalutare la dimensione della gradualità e del rispetto e della generosità. 98. Non dovrà usare dei metodi repressivi me preventivi. 99. Non dovrà essere un vecchio e un violento ma un giovane con i giovani che sappia farsi rispettare ed amare. Cosa deve essere l educatore 100. Un maestro nell'arte della libertà che non sottovaluta mai il valore della chiarezza e della sincerità. Senza la sincerità e la confidenza, tutto sarebbe compromesso Un uomo con la mentalità aperta, possibilmente comunitaria e sociale, sempre attento perché il ragazzo sia impegnato. L'ozio e il disimpegno sono 9

10 un male pericoloso, che portano alla tristezza e alla noia Avrà fermezza e chiarezza circa i principi e i criteri educativi Sarà sempre pronto al perdono, come Gesù che perdonava per meglio educare al bene della sincerità e dell'amicizia È colui che s'impegna nell'aggiornamento circa le problematiche della realtà sociale del nostro tempo, per mezzo di letture e di corsi appropriati e di rapporti costruttivi con il sociale Con i fatti vivrà la sua fede cristiana e in tutti momenti della sua scelta e condivisione, e anche quando non fosse con i ragazzi Se per forza maggiore, dopo essersi consultato con il responsabile, dovesse punire l'allievo lo farà privatamente con il cuore d'amico e di padre senza togliergli la speranza del perdono e della fiducia, aiutandolo a capire il suo sbaglio e senza mai umiliarlo. Solo in casi eccezionali e dopo ripetuti richiami, punirà pubblicamente Sarà modello di coerenza e di fedeltà ai principi morali e cristiani, in qualsiasi posto venga a trovarsi Un animatore che trascina il gioco, che corre e sa dare il tono della festa a certi momenti di vita comunitaria Un impegnato nel divertimento e nello sport per favorire la disciplina e la buona salute fisica e spirituale Si sentirà sempre impegnato a vivere una forte armonia interiore e con gesti di premura e di riservatezza, di allegria e di compostezza per favorire un clima piacevole e disteso. Questo perché la crescita del ragazzo ha bisogno di aria pura. Un cuore turbolento e inquieto creerà un clima turbolento; un cuore mite e gioioso, creerà un clima di unità, di complementarietà e di serenità e svilupperà il senso dell'appartenenza. 2. CHE COSA DEVE DARE E RICEVERE L'EDUCATORE 111. Deve dare fiducia al giovane per permettergli di esprimere la sua capacità e la sua creatività Deve credere nel giovane per impegnarlo a livello di responsabilità L'educatore deve crearsi una coscienza dinamica del dare e del ricevere La molla di questa tensione educativa del dare e del ricevere ha la sua ragione d essere nella consapevolezza profonda della sua vocazione, che è la chiamata a svolgere un servizio per amore I ragazzi devono accorgersi di essere amati, e privilegerà i meno dotati e i più provati dalla sofferenza Il giovane deve ricevere non soltanto dall educatore, ma da tutto il contesto in cui vive; tutto sarà filtrato dai criteri educativi con elasticità mettendo sempre al centro la crescita integrale del ragazzo. 10

11 117. L'educatore deve mantenersi in atteggiamento di verifica e di ricerca per trasmettere certi valori, non dimenticando che incontrerà delle difficoltà Per trasmettere, deve ricercare continuamente la verità nella propria coscienza illuminata dalla grazia Sarà utile questo concetto: nel nostro mondo pluralista spesso si danno diverse interpretazioni a principi primi o principi etici universalmente riconosciuti, come la vita, la libertà, la ricerca della verità Queste diverse interpretazioni devono essere esaminate a livello di verifica comunitaria, per fare emergere la proposta educativa, con chiarezza, e per evitare la confusione e un pluralismo incontrollato che danneggerebbe il minore Una proposta educativa influenzata da posizioni intellettuali educative troppo personali, creerebbe un clima d'insicurezza, respirando, il quale il ragazzo sarebbe ostacolato nella sua crescita: le acrobazie e il dilettantismo non hanno senso La proposta educativa deve essere chiara e frutto di una saggia e paziente convergenza di atteggiamenti, di conseguenza è una anche se con modi diversi Questa unitarietà di proposta deve valorizzare le possibili e sane esperienze dei singoli educatori Tutte le esperienze possono essere buone ed utili purché siano chiaramente inclusi dei veri valori umani e cristiani, come la libertà-dono di Dio, la vita come vocazione, l'amicizia, l'impegno responsabile a livello di studio e di lavoro, l'interesse per il gioco e la fede come modo nuovo di vivere. a. Eventuali pericoli del rapporto educativo 125. Concretamente è bene precisare che il rapporto educatore-educando, pur rispettando il ruolo di ognuno, deve integrarsi e tendere ad essere partecipato da parte del giovane Si deve tendere ad un coinvolgimento reciproco, senza per questo essere incauti e imprudenti, agendo con superficialità e compromettendo la libertà e la chiarezza del ruolo personale Questo coinvolgimento dovrà articolarsi in chiave di responsabilità Il suo amore se vero, sarà rispettoso, delicato e paziente per non creare delle attese irrealizzabili e delle delusioni nel ragazzo L'educatore deve mirare in una vera maturità affettiva, facendosi aiutare in questo particolare aspetto L'affettività è parte integrante di tutte le personalità dell'uomo e deve esercitarsi con impegni di altruismo e di libertà e di generosità, perché questa acquisti solidità Il rapporto affettivo non deve essere iperprotettivo o emotivo, sentimentale, 11

12 immaturo Tanto meno deve creare dei legami possessivi, perché metterebbe in pericolo la virtù della fortezza e della libertà interiore e comprometterebbe seriamente la crescita del ragazzo L'amore di benevolenza esclude il ricatto affettivo, la frivolezza, l'istintività, la confidenza incontrollata e il paternalismo Il rapporto-dipendenza del giovane dall'educatore non deve essere spersonalizzante, ma stimolante, per una coscientizzazione sempre più valida Il rapporto, se sincero e disinteressato, deve favorire una vera autonomia nel minore tale da garantire un ascolto attento della propria coscienza Un altro pericolo per l'educatore potrebbe essere un'immagine troppo personale e limitata del modello di crescita: rischierebbe di soffocare oppure di ostacolare l'affermarsi della personalità del ragazzo L'educatore non dovrà reprimere, ma ricordarsi che il suo ruolo è prima di tutto quello di riscoprire e di animare, facendo emergere le potenzialità del minore e canalizzarle verso i veri valori La Comunità non è né la famiglia naturale, né un istituto, ed esige dall'educatore una sensibilità particolare che tenga in debito conto le scelte particolari della comunità Per rendere operativi i valori proposti non è sufficiente una presentazione a livello di ragionamento, ma dovranno seguire dei gesti concreti dai quali il giovane possa tradurre e assimilare lo stile e il modo di fare e di condurre quel certo impegno o quel certo lavoro La presenza dell'educatore deve essere continua, attenta, amichevole, tale da non indurre il ragazzo alla meccanicità e al formalismo, tanto nel momento del lavoro che in altri momenti comunitari, non ultimo il gioco Il lavoro manuale è un momento importante nel processo di crescita e dovrà essere programmato in modo da non poter sottovalutare le attitudini e le esperienze del minore Il lavoro e lo studio, come cultura e responsabilità personale e speciale, è garanzia per una vita onesta Senza un interesse per il lavoro, rischierebbe l'emarginazione un domani Qualsiasi impegno dovrà essere vivacizzato e guidato con saggezza, così che sia tutta la componente umana, nella sua natura, ad esprimersi L'intervento dell'educatore non deve essere prima di tutto professionale, ma motivato dall'amore e da un vero interesse per la crescita del minore, come se fosse il proprio figlio e il proprio fratello Se è vero che l'educatore deve fare tutto quello che farebbe un padre o una madre, è altrettanto vero che non dovrà mai pretendere che il ragazzo gli attribuisca questo ruolo e tanto meno enunciare frasi come questa: "ti faccio da padre, o da madre". 12

13 147. Le varie fasi del lavoro vanno seguite facendo attenzione perché nulla ci sia di pericoloso L educatore curerà attentamente l'ordine, la pulizia e la precisione Ci ricorderemo che il ragazzo è disposto a ricevere uno schiaffo o peggio da uno dei genitori ma, giustamente, si sentirà gravemente offeso se fosse picchiato da un educatore La nostra forza è la ragione e l'amore Il clima di responsabilizzazione deve tendere ad eliminare nel ragazzo la convinzione che tutto gli è dovuto gratuitamente Sarà aiutato a guadagnarsi la fiducia, la stima e quando è necessario alla sua vita di ogni giorno, per non scadere nell'assistenzialismo e per non alimentare nel ragazzo il disimpegno e l'indolenza Per evitare certe forme di assistenzialismo o di passività da parte del ragazzo, bisogna aiutarlo a recuperare il senso dell'appartenenza alla Comunità e coinvolgerlo in certe responsabilità e stimolarlo a portare un contributo, come se fosse nella propria famiglia Se il minore non impara dall'educatore ad amare la Comunità, come realtà scelta liberamente, difficilmente vivrà il suo processo di crescita, proprio perché si cresce nell'amore e amando Bisogna però rispettare e capire le difficoltà del ragazzo e non chiedergli l'impossibile o l'eroico: si valorizzerà il concetto della crescita graduale con dei tempi lunghi e tanta pazienza, senza per questo nascondergli la vetta che lo attende Le più alte vette e le più vere virtù si potranno raggiungere se saranno motivate con vivacità e molto affetto Un altro errore potrebbe essere quello di confondere i criteri educativi con le scelte del comunitario: l'educatore ha un livello di motivazioni, di maturità e di finalità diverse dal ragazzo, di conseguenza deve rispettare il piano educativo e il ritmo del medesimo È facile scoraggiarsi al punto di arrendersi quando il ragazzo rifiuta una certa proposta educativa, coinvolgendo in questo senso anche il gruppo o per lo meno i più insicuri Quando si verificasse questa situazione, tutto il gruppo educativo tenterà determinati interventi di emergenza con pazienza e coraggio, non dimenticando che da quel ragazzo difficile potrebbe nascere un impegno positivo e stimolante per il gruppo stesso Lottare con amore per superare le inevitabili difficoltà, può diventare un mezzo di crescita Se è vero che certe situazioni sembrano impossibili da gestire, è altrettanto vero che se avremo fiducia, Gesù Cristo, come primo responsabile, certamente ci aiuterà L educatore, in nome della propria scelta, deve rispettare, attendere e 13

14 seminare con fiducia, non dimenticando che il tempo della semina è il più faticoso e non è mai quello del raccolto Non bisogna sottovalutare l'importanza che il tempo dell'accoglienza del ragazzo abbia a coincidere con un momento di informazione e di conoscenza dell'ambiente e delle situazioni personali del medesimo Il capo gruppo oppure il responsabile, con prudenza e chiarezza, farà conoscere agli educatori quanto è utile a sapersi per la conoscenza e per il bene del ragazzo, con tutta la discrezione necessaria Sarebbe deplorevole per l'educatore, qualora trattasse il minore meno dotato come uno stupido, un incapace e un antipatico: certe violenze psicologiche sono inammissibili Sono molti i ragazzi che attendono di venire accolti in comunità perché sono scoraggiati e avviliti per tante umiliazioni, e li tradiremmo se anche qui trovassero un piccolo calvario e non l'accoglienza più chiara e affettivamente sicura e incoraggiante L'educatore che si comportasse in modo violento o per lo meno preoccupante, sarà ammonito severamente e se non desse segno di ravvedimento, potrà anche essere allontanato dal Responsabile, dopo attenta valutazione Anche per noi è valido l'ammonimento di Gesù: "Lasciate che i piccoli vengano a me" (Lc 18,16) e così pure: "chi ascolta voi, ascolta me e chi disprezza voi, disprezza me" (Lc 10,16) Solo l'amore vigile e indomabile e, se vogliamo, a volte esigente e impegnato, deve regnare da signore incontrastato nelle nostre comunità giovanili Se non abbiamo capito questo o non vogliamo comprenderlo, è perché non siamo fatti per questo servizio. 3. CIO CHE LA PROPOSTA EDUCATIVA DEVE CONSOLIDARE NEL GIOVANE 171. La comunità deve preparare il ragazzo a vivere il suo domani senza lasciarsi rimorchiare dalle situazioni ambigue Tutta la proposta educativa deve tendere a consolidarsi nel senso che il ragazzo abbia ad assimilare certi valori conosciuti e sperimentati, per affrontare il dono della comunità con una certa sicurezza L'esperienza comunitaria deve essere forte e convincente al punto da reggere l'urto delle inevitabili difficoltà che il ragazzo incontrerà fuori della medesima Se la proposta educativa deve avere una sua validità anche fuori della Comunità, l'educatore assolutamente non potrà prescindere dal fatto di 14

15 conoscere attentamente quella certa realtà sociale che il ragazzo dovrà incontrare Con l'interessato dovrà valutare l ambiente, i possibili rapporti e le difficoltà che il giovane potrebbe incontrare, specialmente in fatto di amicizia e di rapporti nel tempo libero Ci saranno dei tempi lunghi per stimolare il ragazzo ad assimilare le ideeforza, con i fatti e delle esperienze quotidiane Quel certo impegno e un forte senso critico, guidati da un rapporto amichevole con l'educatore, aiuteranno il minore a costruire delle solide convinzioni per il futuro Consolidare questa proposta educativa significa prendere la strada né facile né breve per diventare uomo maturo e tale da fare delle scelte concrete e precise, come il lavoro, un sano interesse per la cultura, la lettura, la musica, lo sport e i momenti di fede e di carità, di solidarietà vissuta, con il giusto senso della giustizia a livello sociale e politico Sarà nostro compito fare capire che la cultura e la politica e altre responsabilità, devono essere vissute secondo lo spirito cristiano del servizio e non come potere L'impegno educativo deve mirare a consolidare anche il senso della stabilità e, questa, per essere vera, ha bisogno d'impegni e di rapporti continui Le connotazioni della stabilità, sono: 182. Non il rigorismo, ma una intelligente flessibilità e un ponderato dinamismo La fermezza nei principi e dei veri valori umani e cristiani senza cedere alla tentazione del pendolarismo o di evadere dalla propria coscienza e dai propri impegni Per consolidare la propria formazione fuori dalla Comunità, il minore dovrà continuare il suo cammino possibilmente inserendosi in un gruppo o movimento che vive un'esperienza cristiana e avere con il medesimo dei momenti di confronto e di impegno, senza per questo interrompere i rapporti con i nostri educatori e con gli amici della Comunità. Per il ragazzo è bene che questa sia sempre un punto di riferimento sicuro Per consolidare certe idee-forza è bene seguire un particolare metodo che potrebbe così sintetizzarsi: vedere-conoscere-valutare-agire La preoccupazione dell'educatore non deve essere quella di voler convincere, ma di essere convincente e credibile nei fatti della vita Il minore deve essere aiutato dalla Comunità a scoprire in sé il suo potenziale e fare in modo che prendano vita alcune esperienze di ricerca e di corresponsabilità guidata Se ce ne fosse bisogno, con amorevolezza, sarà aiutato a superare certe forme di sfiducia e d'insicurezza che potrebbero diventare patologiche Senza il coraggio e la serenità non potrà superare certe difficoltà Un carattere aperto e cordiale con una buona educazione di base, lo 15

16 aiuteranno ad inserirsi con profitto e a diventare un onesto e un galantuomo; un cristiano che come lievito sappia far fermentare la massa, in questo nostro mondo tormentato da mille forme di potere e d'ingiustizia L'aspetto fondamentale, come sempre, rimane la credibilità dell'educatore; questo sarà un uomo o una donna che ha sete profonda di libertà vera e capace di animare i suoi giovani Solo allora il ragazzo si accorgerà che la sua vera sete può essere soddisfatta e potrà assumersi le responsabilità di certi impegni, specie a livello formativo, anche fuori dalla Comunità e in modo continuativo Anche per chi lascia la Comunità è raccomandabile una formazione permanente senza della quale è compromessa la propria crescita Il consolidamento della proposta comunitaria esige che l'educatore si sforzi di essere un ottimista e un uomo contento di vivere e di lottare, per conquistarsi e liberarsi, donandosi totalmente alla grande e unica causa per la quale vale la pena di lasciare tutto: l'uomo nuovo credente, vissuto da Gesù Cristo Il consolidamento della proposta comunitaria deve potenziare nel minore un amore libero per la Comunità e una fiducia in se stesso, tale da non renderlo dipendente da essa ma capace d'inserirsi e di vivere la propria storia nella società di oggi Se l'entrata del ragazzo in comunità è stata frutto di una libera scelta, tale deve essere anche la sua uscita da essa Se la Comunità, in una certa misura, deve assolvere alle funzioni educative dei genitori, allora come questi dovrà gioire che il proprio figlio, fatto adulto e capace del proprio destino, lasci la Comunità per la comunità del mondo Logicamente non mancheranno momenti di trepidazione, come molto bene esige l'amore, ma se il seme ha trovato un terreno fertile nella Comunitàfamiglia, i buoni frutti non possono mancare. 4. TEMPO LIBERO a. Educazione fisica 199. L'educazione dell'uomo avviene anche per mezzo di questi momenti fisici che impegnano tutto l'essere con il suo potenziale di intelligenza, di volontà, di conoscenza e di rapporti Educando il suo corpo, il ragazzo si educa ad entrare in comunicazione con il suo prossimo e ad esprimere la sua realtà interiore L'educazione fisica assolutamente non può mancare ed è un mezzo per ricreare continuamente equilibrio e armonia fisica, psichica e spirituale È bene precisare che questo impegno raggiunge il suo fine nella misura in 16

17 cui il soggetto non sottovaluta gli altri momenti educativi e di responsabilità della collettività. Questi fanno parte del quotidiano e di un modo di vivere corretto Può essere chiamato educazione fisica tutto quanto impegna l'uomo a crescere ad ogni livello: fisico, psichico, morale, sociale, lavorativo, razionale, di fede, di esperienza Per mezzo di questa educazione l'uomo può scoprire le proprie capacità, le proprie risorse e i propri limiti Pur avendo questa dimensione globale, l'educazione fisica presuppone che l'educatore con il ragazzo abbia a creare degli spazi particolari per determinati esercizi Questi seguiranno il metodo della gradualità per arrivare a momenti d'impegno completi e specifici È bene sottolineare l'importanza di una vita di essenzialità che non abusa di certe comodità e rifiuti decisamente l'agiatezza È sempre utile il tempo della fatica e del sacrificio e così pure i momenti esigiti da una vita semplice e corretta e meno sofisticata possibile Il ragazzo sarà educato anche ad una giusta espressività corporea e motoria attraverso la drammatizzazione ed altri momenti socializzanti È un fatto acquisito che il nostro mondo consumista compromette seriamente l'armonia umana e solo prendendone coscienza si può rimediare con momenti alternativi Uno di questi può essere il ritorno ad ammirare e scoprire la bellezza e l'armonia della natura per lasciarsi educare ad una vita semplice, obbediente e ordinata L'educatore per primo si sentirà impegnato a conoscere, rispettare e ad amare la natura, per scoprire le sue leggi, la sua bellezza e la sua obbedienza Questo esige delicatezza e buon gusto della vita e spirito di osservazione L'educatore deve tendere ad uno stile di vita essenziale che onori la libertà e la povertà, lasciando cadere tutto quanto è artificioso, consumistico e schiavizzante Per educare l'uomo a questa dimensione di socialità comunitaria e di povertà secondo il Vangelo è necessaria una forte motivazione interiore che tende ad imitare Gesù, il Maestro, favorita da una reale conoscenza delle necessità e delle miserie che ci circondano La vita dell'educatore deve fare luce ad una proposta semplice e ricca d'interiorità e di sobrietà L'educazione fisica esige un grande rispetto per il dono del proprio corpo come dono di Dio; pertanto saranno curate in modo particolare l'igiene e la pulizia, tanto necessarie allo sviluppo fisico e della propria dignità L'interesse per l'igiene fisica, se ben canalizzata, porterà ad una buona 17

18 igiene mentale e spirituale L'ordine e la pulizia personale sono anche segno di rispetto per le persone con cui si vive e per l'ambiente educativo della famiglia e della comunità Anche una sana alimentazione può armonizzare con una attenta povertà, favorendo così la salute fisica ed un buon equilibrio mentale La giusta misura nel mangiare favorisce l equilibrio del proprio corpo e porta alla serenità e all'autodominio Perché il tempo libero sia un momento di crescita per il giovane, occorre che l'educatore abbia certe connotazioni di base che potrebbero così sintetizzarsi: 223. un comportamento educato nel rapporto con piccoli gesti di premura, di delicatezza verso tutti, ma in modo particolare con i più deboli e i più bisognosi anche nel tempo libero la presenza dell'educatore deve essere discreta ma orientativa, infondendo sicurezza sarà buon osservatore e ascoltatore, amante del dialogo specialmente nel tempo del gioco l'educatore dovrà essere intraprendente e creativo, senza togliere nulla alla responsabilità del ragazzo L'educazione fisica dovrà coincidere con momenti di sana allegria, così da aiutare il ragazzo ad essere un estroverso e un ottimista, un altruista e non un rintanato in se stesso. b. Sport e gioco 228. Lo sport e il gioco sono espressioni dell'educazione fisica La peculiarità di questi due aspetti consiste nella partecipazione e nella socializzazione che possono aiutare il giovane ad uscire da se stesso e sentirsi sempre più protagonista Lo sport è un gioco, ma non sempre il gioco è sport Lo sport segue delle regole ben precise ed esige un minimo di struttura Medieremo i criteri di base dello sport con quelli comunitari in modo da creare una continuità nel nostro impegno educativo È importantissimo lo sport, perché stimola ad una ricerca della propria personalità e alla formazione del carattere, e per identificare le proprie attitudini e sviluppare le proprie potenzialità Lo sport deve essere visto con impegno e come tale richiede la virtù della costanza, dell'onestà, del sacrificio e della fedeltà, dello sforzo per vincere la timidezza e la paura che impediscono al minore di uscire allo scoperto È un mezzo per canalizzare la propria aggressività e la sessualità, potenziare la socialità e l'aspetto volitivo e altruistico della vita Si dovranno evitare certe forme esasperate di competitività, di arrivismo e di agonismo perché danneggiano un rapporto di cordialità e di amicizia e lo 18

19 spirito di famiglia proprio delle nostre comunità Il gioco per certi aspetti è diverso dallo sport ed è parte della componente umana. Si differenzia dallo sport per la sua creatività, l'immediatezza e la semplicità Il gioco ha lo scopo di sviluppare la creatività del soggetto aiutandolo ad esprimere con impegno se stesso ed un equilibrato senso del protagonismo. l'impegno poi porta alla responsabilità e alla socialità Dobbiamo vedere con sospetto e preoccupazione quel ragazzo troppo serio che non ha interesse per il gioco, perché viene privarsi di una stagione importante della sua vita qual é la primavera e la gioia della festa Il gioco è utile per conquistare una visione ottimistica e reale della vita e per relativizzare certe difficoltà Nel programma giornaliero comunitario non può assolutamente mancare il tempo per il gioco e l'educatore lo deve animare con la sua continua presenza, non accettando mai la passività e l'immobilismo che portano alla tristezza L'ambiente educativo, alla ricerca continua della serenità e della gioia, è tale nella misura in cui l'adulto sa essere modello valido, con momenti di distinzione e di gioco leale per il ragazzo La nostra scelta di povertà dovrà senz'altro tenere in debito conto le esigenze dei nostri ragazzi nel senso che ogni Comunità avrà degli spazi sufficienti per il gioco e lo sport, con cortile e sale debitamente e modestamente attrezzate. 5. LA PROPOSTA DI CRISTO GESÙ 244. Il punto di partenza e di arrivo del nostro servizio educativo e il grande ideale della nostra vita è portare l'allievo ad una profonda esperienza di Gesù Cristo, un'esperienza liberamente vissuta perché cercata, scoperta e proposta dal ragazzo ai suoi stessi compagni Ogni allievo deve farsi proposta verace ed entusiasmante del progetto Gesù Cristo con gesti credibili perché rivelano l'amicizia, la bontà, la premura, la purezza del Maestro Il progetto fede in Gesù Cristo dovrà significare un avvenimento e una scoperta inconfondibile che segua tutta la vita a tutti i livelli: una vita nuova che si fa scoperta continua di libertà e di generosità Il progetto educativo che la Comunità propone al giovane, in questo mondo pluralista, si fonda sulla fede in Gesù Cristo, Figlio di Dio e Figlio dell'uomo Il progetto è importante se garantito da un particolare livello di coerenza cristiana da parte dei membri della Comunità Questa proposta, nelle sue linee operative, non deve sottovalutare l'apporto 19

20 di una didattica della catechesi e di certi principi pedagogici Sarà una proposta il più possibile personificata, concreta e rispettosa, tale che aiuti il ragazzo ad incontrare Gesù È importante un'attenta valutazione della situazione esistenziale e della sensibilità del ragazzo nelle sue varie dimensioni Specialmente in questo delicato momento di crescita e di scelta di fede, l'educatore non dovrà far mancare il suo cordiale rapporto di amicizia con il ragazzo, caratterizzato da vivacità, chiarezza e verità Avrà la consapevolezza che normalmente Cristo si rivela all'uomo per mezzo dell'uomo La proposta cristiana, che presuppone un'adeguata metodologia e una conoscenza di Cristo come persona viva e attuale, deve favorire una completa evoluzione di tutto l'uomo La fede, la grazia, presuppongono questo impegno di crescita umana senza della quale l'azione di Dio rimane sterile I mezzi con cui si sostiene la proposta cristiana si possono così sintetizzare: 257. Valutazione della vita come dono e della libertà come una conquista coraggiosa Conoscenza ed accoglienza della parola di Dio come momento di riflessione, di preghiera, con conseguente impegno Preparare un buon terreno per ricevere il buon seme del vissuto, dei fatti positivi di ogni giorno Conoscenza della vita di Gesù in termini di catechesi, di riflessione e di dialogo, perché lui diventi il modello indiscusso della propria giovinezza Nutrire e fortificare la propria crescita spirituale con libri e riviste stimolanti Un impegno costante per combattere qualsiasi forma, anche leggera, di peccato e in modo particolare l'insincerità, l'egoismo e l'impurità, perché questi sono il peggior male della vita Una stima accentuata per i compagni più bisognosi di attenzione e di affetto Tenere in grande considerazione la vita caritativa e l'amore sincero e filiale alla Vergine, custode della nostra purezza, e del nostro progetto di vita La responsabilità, che porta a compiere gesti di solidarietà, di benevolenza e di carità nell'amicizia, per arrivare all'amico più importante, che è Gesù Cristo Impegno di una vita sacramentale fatta di riconciliazione, di preghiera personale e comunitaria con momenti liturgici e il canto gioioso e pieno di lode al Signore della vita La vita di grazia e di carità vissuta con l'aiuto dei Ritiri spirituali e della Madonna tenderanno ad essere una costante della nostra proposta cristiana chiederemo al Signore la grazia di capire, guidare e amare i nostri ragazzi come lui ci capiva e ci amava. 20

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto 1.Premessa La Scuola cattolica privilegia la promozione integrale della persona, adempie ad una funzione educativa e didattica ed è chiamata ad assolvere un compito

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

FORMAZIONE UMANO-AFFETTIVA

FORMAZIONE UMANO-AFFETTIVA ANNESSO 4 FORMAZIONE UMANO-AFFETTIVA 0. Introduzione Diventare capaci di amare con tutto il cuore fa parte dei desideri umani grandi e incancellabili. Là si trova la sorgente della gioia di vivere e del

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

L ALLEDUCATORE IN PREGHIERA. Preghiere e Celebrazioni

L ALLEDUCATORE IN PREGHIERA. Preghiere e Celebrazioni Preghiera dello sportivo (1) Signore, aiutami ad essere un vero sportivo. A vincere e restare modesto. A perdere e conservare il sorriso e la dignità. Ad accettare le decisioni dell'arbitro, giuste o ingiuste

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO PLESSI : Molinelli, Pantano e Orsomarso INSEGNANTI :Biondi Beatrice - D Aprile Carmelina - Di Santo Tiziana

Dettagli

Dal film Alla luce del sole

Dal film Alla luce del sole Dal film Alla luce del sole Don Pino ha capito quali sono le vere necessità della gente di Brancaccio. Non i compromessi con la mafia, non la prepotenza, non la smania di ricchezza per qualcuno, ma vivere

Dettagli

Sfida e attualità dell educare in stile salesiano

Sfida e attualità dell educare in stile salesiano Sfida e attualità dell educare in stile salesiano La persona è un essere relazionale La persona è un essere sociale La centralità della relazione interpersonale nell educazione La persona è un sistema

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO

IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO Aprile 2013 1 La Polisportiva San Marco è una realtà presente all interno dell Oratorio San Marco dal 1970 e si propone di educare ai valori cristiani attraverso la pratica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Titolo documento: IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Relatore/Autore: DON. DIEGO SEMENZIN Luogo e data: S. FLORIANO, 22 APR. 2001 Categoria Documento: Classificazione: Sintesi/Trasposizione di

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

Introduzione all animazione in oratorio

Introduzione all animazione in oratorio Corso animatori oratorio Canegrate Introduzione all animazione in oratorio Canegrate 9 ottobre 2005 Animatore: Premessa Cos è l oratorio? Per oratorio s intende quel luogo educativo ecclesiale che accoglie

Dettagli

Appartenenza e metodo nel MEC

Appartenenza e metodo nel MEC Appartenenza e metodo nel MEC Per un nuovo inizio del Movimento, per il rilancio della vita delle nostre Comunità Qual è il legame tra appartenenza e metodo? L APPARTENENZA CHE È PRIMA DI TUTTO UNA SCELTA

Dettagli

Anno Internazionale del Fanciullo

Anno Internazionale del Fanciullo Anno Internazionale del Fanciullo COMUNICATO DEL CONSIGLIO PERMANENTE In occasione dell'anno internazionale del fanciullo, sono molte le iniziative che si prendono da ogni parte anche nel nostro paese.

Dettagli

Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera?

Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera? Catechismo della Chiesa Cattolica Pregare oggi e perché Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera? Quali sono le

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

PROGETTO dell ORATORIO di Zanica

PROGETTO dell ORATORIO di Zanica PROGETTO dell ORATORIO di Zanica Gennaio 2015 2 Premessa a. Comunità cristiana e oratorio L oratorio è il luogo in cui la comunità cristiana esprime l attenzione e la cura per l accoglienza, l educazione

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Depressione e speranza cristiana Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Premessa Il mio punto di vista non sarà certo quello del medico, dello psicanalista, o del sociologo. (gli interventi)

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Per il nostro incontro mensile ho riflettuto su alcune intuizioni che, nella preghiera, hanno preso corpo pensando a voi:

Per il nostro incontro mensile ho riflettuto su alcune intuizioni che, nella preghiera, hanno preso corpo pensando a voi: 1 Lettera di don Fausto alle GIOVANI COPPIE Carissimi amici, mi capita spesso di pensare a voi, di affidare al Signore qualche vostra confidenza, di condividere con voi la gioia e la fatica e questo mi

Dettagli

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti (riflessione di un giovane) Considerazioni in merito agli incontri con giovani di una Scuola Media della Lombardia PRIMA DELL INCONTRO Secondo

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo d Istituto

P.E.I. Progetto Educativo d Istituto SCUOLA DELL INFANZIA SS. TRINITÀ PARROCCHIALE PARITARIA P.E.I. Progetto Educativo d Istituto Via Bernardi, 14-35135 Padova (PD) tel. 049 610071 fax 049 8642207 e-mail: direzione@scuolagesumaria.191.it

Dettagli

FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA Concorre all educazione armonica ed integrale dei bambini e delle bambine Contribuisce alla realizzazione del principio dell uguaglianza

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

EUCARESTIA E SANTA MESSA

EUCARESTIA E SANTA MESSA EUCARESTIA E SANTA MESSA Cari figli, Gesù, così come è nei Cieli, è anche qui sulla Terra, presente nell Eucarestia. Gesù è presente nell Eucarestia per fortificare lo spirito di ognuno di voi. Rendete

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità PRINCIPI GENERALI DELLA COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA Preambolo Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità Dio ci ama e ci salva L'azione dello Spirito Una storia di grazia PRINCIPIGENERALIDELLACOMUNITÀ

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 Il Progetto Educativo di Istituto (PEI) che definisce l identità e le finalità educative e culturali dell istituto Bertoni

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO

STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO Nell ultimo incontro ci siamo lasciati con l esortazione dei genitori di Anna rivolta a Tobi: Davanti al Signore ti affido mia figlia in

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16 Paternità di Dio Provvidenza San Giovanni Calabria, prendendo alla lettera il vangelo, ha vissuto e ci ha trasmesso uno

Dettagli

31 gennaio 2014. Foto di Renzo Bussio, Dario Prodan, Mario Notario, Giuseppe Verde

31 gennaio 2014. Foto di Renzo Bussio, Dario Prodan, Mario Notario, Giuseppe Verde Festa di Don Bosco 31 gennaio 2014 Foto di Renzo Bussio, Dario Prodan, Mario Notario, Giuseppe Verde Sognate in grande e seguite il vostro sogno Messaggio ai giovani del MGS 2014 Amatissimi giovani, non

Dettagli

LINEE GUIDA. Centri di Ascolto

LINEE GUIDA. Centri di Ascolto LINEE GUIDA Centri di Ascolto 1. LA COMUNITA CRISTIANA CHE ASCOLTA A. L ascolto come dimensione della comunità cristiana L ascolto è l atteggiamento fondamentale che ogni comunità deve assumere per far

Dettagli

IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE

IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE MEDITAZIONE IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE Nel cuore mi porto anche un altro desiderio: in questa terza tappa del Percorso pastorale ogni famiglia cristiana sia pronta a stare nel mondo per raccontare e

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli. Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana

EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli. Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli Alessandro Alessandro Ricci Ricci Psicologo Psicologo Psicoterapeuta Psicoterapeuta Università Università Salesiana

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu-

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- Vincent Van Gogh, Il Seminatore al tramonto, 1888 6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- to.

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

Vorrei avviare questa riflessione soffermandomi

Vorrei avviare questa riflessione soffermandomi Cammino di perfezione/20 Vinci le antipatie con l amore sii amico di tutti Vorrei avviare questa riflessione soffermandomi sull amore come anima di ogni comunità familiare, ecclesiale, sociale. Una comunità

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

LA RELAZIONE D AIUTO di: Sergio CARRARINI

LA RELAZIONE D AIUTO di: Sergio CARRARINI LA RELAZIONE D AIUTO di: Sergio CARRARINI Vi comunico un esperienza vissuta in tanti anni di impegno con persone in difficoltà e di verifiche con operatori che mi hanno aiutato a crescere. ora le vivo

Dettagli

DON BOSCO I GIOVANI E IL LAVORO. nanni.unisal.it

DON BOSCO I GIOVANI E IL LAVORO. nanni.unisal.it DON BOSCO I GIOVANI E IL LAVORO nanni.unisal.it I giovani = sostanza della vita di don Bosco= =«da mihi animas» La relazione educativa = il modo di Bosco di vivere insieme con i Giovani don Bosco: UN idea

Dettagli

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio X Forum Internazionale dei Giovani - Rocca di Papa (Roma), 24-28 marzo 2010 Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio Fabian Lair, Austria PREMESSA Viviamo in un mondo in cui tutto

Dettagli

PREMESSA. L educazione religiosa nell età compresa tra i tre e i cinque anni risponde al

PREMESSA. L educazione religiosa nell età compresa tra i tre e i cinque anni risponde al PREMESSA L educazione religiosa nell età compresa tra i tre e i cinque anni risponde al bisogno del bambino di dare un significato alla propria esistenza, favorendo la formazione della individuale personalità

Dettagli

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012.

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. II INCONTRO DI PASTORALE FAMILIARE 23.11.2013 [13] Un angelo del

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Presentazione. Principi ispiratori del Progetto Educativo

PROGETTO EDUCATIVO. Presentazione. Principi ispiratori del Progetto Educativo PROGETTO EDUCATIVO Presentazione Espressione della volontà della Chiesa Vittoriese di dare risposta ai molteplici bisogni che investono la vita nascente, il mondo dell infanzia, della donna e della famiglia

Dettagli

FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO

FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO S.M. Causa Pia d'adda di Settimo Milanese (MI) S.M. Causa Pia d'adda di Seguro di Settimo Milanese (MI) S.M. Causa Pia d'adda di Segrate (MI) S.M.

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori.

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori. CAMPO FAMIGLIE 2010 SI SEPPE CHE GESU ERA IN CASA LA CAMERA DA LETTO Luogo dell intimità Quando preghi entra nella tua camera Mt. 6,6 IL SIGNIFICATO ANTROPOLOGICO Sin dalla nostra nascita, la camera da

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

(Catechismo della Chiesa cattolica Compendio, 561).

(Catechismo della Chiesa cattolica Compendio, 561). PREGARE PER VIVERE IN PIENEZZA di Fr. Renato D Andrea O. P. La preghiera ci consente di metterci in comunione con Dio-Amore da cui si impara l amore. Solo imparando l amore e di conseguenza amando, si

Dettagli

Il Leader: discepolo di Gesù

Il Leader: discepolo di Gesù Il Leader: discepolo di Gesù Introduzione La dimensione del discepolato è essenziale nella vita cristiana, del battezzato e nel ministero di leader. Chi vuole annunciare il vangelo non può farlo se prima

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

La preparazione remota dei giovani alla formazione delle famiglie cristiane Note su un esperienza. Consiglio Pastorale Diocesano Roma, 5 maggio 2005

La preparazione remota dei giovani alla formazione delle famiglie cristiane Note su un esperienza. Consiglio Pastorale Diocesano Roma, 5 maggio 2005 La preparazione remota dei giovani alla formazione delle famiglie cristiane Note su un esperienza Consiglio Pastorale Diocesano Roma, 5 maggio 2005 Fabio e Tiziana PANCI Parrocchia dell Assunzione di Maria

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento Riflessioni su tempo, sviluppo, regole, autonomia, fiducia, sostegno Dr.ssa Nadia Badioli IL SENSO DEI COMPITI STRUMENTO PER: incentivare

Dettagli

Educare in spirito di famiglia

Educare in spirito di famiglia FESTA DELLA FAMIGLIA 26 GENNAIO 2014 Educare in spirito di famiglia È bello fare festa, dire sì con entusiasmo alla vita, ringraziare e lodare Colui che ne è l autore, godere per le cose belle che ci sono

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014

Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014 Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014 GENNAIO 2014 Perché venga promosso un autentico sviluppo economico, rispettoso della dignità di tutti gli uomini e di tutti i popoli. Perché i cristiani

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli Liturgia Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli C è un piacere nel credere e del credere insieme La fede non è solo un offerta

Dettagli

FESTA DELLA FAMIGLIA 2013

FESTA DELLA FAMIGLIA 2013 FESTA DELLA FAMIGLIA 2013 MATERIALE PER LA PREPARAZIONE SPIRITUALE Materiale, Catechesi, Questionario per le Comunità, Gruppi Famiglie, Famiglie singole in Preparazione al Convegno "La Famiglia Vince la

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Anno scolastico 2013-2014 Premessa Insegnare religione cattolica nella

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Cominciamo a comprendere che ciò che intende la Parola di Dio per elemosina ha poco a che vedere con ciò che spesso intendiamo noi.

Cominciamo a comprendere che ciò che intende la Parola di Dio per elemosina ha poco a che vedere con ciò che spesso intendiamo noi. L'elemosina o la misericordia verso gli uomini Secondo la Bibbia l'elemosina è gesto di bontà dell'uomo per il suo fratello, essa è imitazione degli atti di Dio che, per primo ha mostrato bontà verso l'uomo.

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli