Sito ufficiale della Regione Liguria Pagina 1 di 7

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sito ufficiale della Regione Liguria Pagina 1 di 7"

Transcript

1 Sito ufficiale della Regione Liguria Pagina 1 di 7 Progetto Il progetto nazionale Il progetto regionale Gli obiettivi La gestione del progetto Le macrofasi del progetto Punti di criticità e problemi aperti Carichi di lavoro derivanti dal progetto Formazione degli operatori Informazione ai soggetti sociali Definizione del campione ed anagrafe delle aziende Data entry ed elaborazione dati Stima dei costi del progetto Verifica dei risultati Risultati attesi Il progetto nazionale La Conferenza dei Presidenti delle Regioni, nella seduta del , ha approvato il Progetto "Piano triennale di monitoraggio e controllo sull'applicazione del D. Lgs. 626/94" che si pone l'obiettivo di monitorare, nel triennio , l'applicazione del decreto da parte dei datori di lavoro nelle diverse tipologie lavorative e organizzative. L'indagine dovrà interessare tutto il territorio nazionale e quindi le diverse realtà regionali, pur con le gradualità e le specificità delle situazioni locali. Il progetto è scaturito dalla necessità ed urgenza, ad alcuni anni dall'entrata in vigore del D. Lgs. 626/94, di una verifica delle modalità e delle dinamiche d'applicazione della norma cogliendo sia il rispetto formale sia il grado di reale trasformazione dei modelli di prevenzione aziendale. Il nuovo impianto normativo, com'è noto, contiene aspetti fortemente innovativi ed anche d'evidente complessità per i diversi soggetti coinvolti nel processo di prevenzione aziendale. L'individuazione di specifiche modalità organizzative del sistema di prevenzione aziendale, l'informazione e la formazione dei lavoratori, la pianificazione del processo di prevenzione per la progressiva riduzione dei rischi rappresentano gli aspetti salienti e specifici della norma. Approvando il progetto, le Regioni hanno inteso svolgere, concordemente, un ruolo attivo e di stimolo che si inserisce e dà seguito ad importanti iniziative già assunte con l'approvazione e la pubblicazione delle "Linee Guida per l'applicazione del Decreto Legislativo 626/94" ( ). Il progetto rappresenta un'ulteriore iniziativa delle Regioni che intendono porsi, attraverso le proprie Strutture e la rete di servizi delle Aziende Sanitarie Locali, quali interlocutori autorevoli in coerenza con l'impegno assunto con i Ministeri competenti, con la Commissione d'indagine Parlamentare sulla specifica materia e con le stesse Parti Sociali. L'inserimento del progetto nella programmazione dell'attività dei Servizi Territoriali di Prevenzione rappresenta inoltre, per gli operatori interessati, un'importante occasione di incontro e confronto con i datori di lavoro e con i lavoratori oltre che un'opportunità per l'esercizio delle funzioni di controllo e di vigilanza secondo procedure e modelli uniformi sul territorio regionale e nazionale. E' indubbio, infatti, che l'attività proposta rappresenta una utile occasione di qualificazione del ruolo degli operatori che, inseriti in un progetto di valenza nazionale, sono portati ad utilizzare strumenti e metodologie di lavoro che possono divenire, tra l'altro, importanti linee guida per una corretta applicazione della nuova normativa sulla tutela della salute nei luoghi di lavoro. Nel corso del 1998 il Coordinamento Tecnico degli Assessori alla Sanità delle Regioni e delle Province Autonome ha formalizzato gli aspetti operativi del progetto stesso definendo la tipologia delle aziende da sottoporre ad indagine e le caratteristiche delle schede questionario da utilizzare. La gestione tecnica ed il coordinamento nazionale del progetto è assegnata al Coordinamento Tecnico degli Assessori alla Sanità delle Regioni e delle Province Autonome attraverso momenti di confronto e verifica già programmati con cadenza semestrale per l'intero triennio. Nella fase attuale il progetto nazionale prevede di sottoporre ad indagine su tutto il territorio nazionale un campione rappresentativo di aziende suddivise per tipologia di lavoro e per numero di addetti. La rilevazione viene svolta, seguendo modalità omogenee fra i diversi operatori dei Servizi di Prevenzione delle Aziende UU.SS.LL., sulla base di un questionario articolato in nove schede finalizzate ad evidenziare le modalità di attuazione degli adempimenti contenuti nel titolo I del D. Lgs. 626/94 (schede 1'- 9' del progetto nazionale, allegate). Il progetto regionale Il progetto regionale si inserisce nelle linee generali di indirizzo e nelle metodologie contenute nel Progetto Nazionale, richiamato in premessa, secondo le specificità e le modalità contenute in questo documento. Il progetto ha una proiezione temporale triennale Scopo del progetto è quello di giungere ad un monitoraggio delle modalità di attuazione delle norme contenute nel Titolo I del D. Lgs. 626/94 nella nostra regione. I tti i lti di tt t l tt i t l R i Li i tt il

2 Sito ufficiale della Regione Liguria Pagina 2 di 7 I soggetti coinvolti direttamente nel progetto sono sicuramente la Regione Liguria, attraverso il Servizio Igiene Pubblica e Veterinaria e le Aziende USL., attraverso le proprie Unità Operative Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro (UU.OO. PSAL) che si dovranno rapportare con gli altri attori del processo di prevenzione rappresentati dai Datori i Lavoro e dal Lavoratori con le loro rispettive Organizzazioni. Un importante ruolo di supporto potrà essere svolto anche dal sistema delle Autonomie Locali. Gli obiettivi Rappresentano obiettivi specifici del progetto regionale, in stretta analogia con quello nazionale: Monitoraggio dell'applicazione del D. Lgs. 626/94 su tutto il territorio regionale nelle diverse tipologie di aziende finalizzato all'individuazione delle modalità di applicazione della norma da parte dei soggetti aziendali coinvolti. L'approccio a tale verifica si configura non tanto come controllo della mera applicazione del dettato di legge, ma come occasione per verificare il vero impatto che la nuova normativa ha avuto nelle imprese e le dinamiche innovative che ha attivato anche sull'organizzazione aziendale (obiettivo conoscitivo). Attuazione di azioni correttive delle criticità esistenti nell'applicazione del decreto da parte dei soggetti aziendali attori del processo di prevenzione quale conseguenza dell'iniziativa delle UU.O.PSAL (obiettivo trasformativo). Disponibilità, per gli operatori delle UU.OO.PSAL, di uno strumento condiviso ed uniforme per verificare l'applicazione sostanziale del decreto (obiettivo formativo). Miglioramento delle conoscenze, delle competenze e delle abilità degli operatori di fronte alle nuove problematiche poste dal decreto stesso (obiettivi formativo). Si individuano, inoltre, i seguenti obiettivi indiretti che peraltro si configurano quali aspetti preliminari ed importanti per il miglioramento complessivo dell'azione di prevenzione nei luoghi di lavoro: Definizione di criteri ed attuazione di iniziative finalizzate alla omogeneizzazione dei sistemi informativi ed informatici delle UU. OO. PSAL ed alla loro integrazione con quelli regionali. Disponibilità, da parte delle UU.OO. PSAL, di un'anagrafe completa delle aziende presenti nel territorio di competenza, aggiornata periodicamente, integrabile con i sistemi informativi delle UU.OO. afferenti all'area Dipartimentale di Prevenzione delle Aziende UU.SS. LL. e con quello del Servizio di Igiene Pubblica e Veterinaria della Regione Liguria. Rafforzamento della consapevolezza negli operatori delle UU. OO. PSAL sull'impor-tanza di utilizzare adeguatamente i diversi modelli operativi in loro possesso sinteticamente riconducibili all'informazione, alla formazione, all'assistenza ed alla vigilanza; rafforzamento complessivo della motivazione degli operatori. La gestione del progetto Nell'ambito del Servizio Igiene Pubblica e Veterinaria della Regione Liguria viene costituito il Gruppo Regionale per la Gestione e la Verifica del progetto costituito dal coordinatore del progetto, individuato in un dirigente di una U.O.PSAL delle Aziende USL., da un funzionario del Servizio Igiene Pubblica e Veterinaria della Regione e da un rappresentante per ciascuna U.O. PSAL delle Aziende USL; la formalizzazione del gruppo è demandata al Dirigente del Servizio regionale mediante apposito provvedimento. Il gruppo ha i compiti di sviluppare la progettazione esecutiva delle varie fasi, controllare il buon andamento delle stesse, coordinare la produzione dei materiali, verificare le fasi d'attuazione con conseguente quantificazione delle spese ed il raggiungimento degli obiettivi attraverso la definizione di criteri, indicatori e standard, rapportarsi con Il Coordinamento Tecnico degli Assessori alla Sanità delle Regioni e delle Province Autonome che rappresenta il momento di confronto e di verifica per la gestione del progetto nazionale (vedi fig. n'1). Fig. 1 Le macrofasi del progetto Il progetto si svilupperà, a partire dal gennaio 1999 al dicembre 2001 con una proiezione temporale nei primi mesi del 2002 secondo lo schema indicato nella fig n' 2

3 Sito ufficiale della Regione Liguria Pagina 3 di 7 nei primi mesi del 2002, secondo lo schema indicato nella fig. n Progettazione esecutiva, gestione e verifica da parte del Gruppo Regionale: rappresenta la fase della continuità del progetto nello sviluppo temporale complessivo. 2. Formazione degli operatori. 3. Informazione ai soggetti sociali. 4. Rilevazione: a partire dall'anagrafe delle aziende questa fase si articola nella definizione del campione di aziende da sottoporre ad indagine e nella effettiva esecuzione dell'indagine stessa. 5. Data entry - Elaborazione - Report: da effettuare a livello di Aziende USL ed a livello Regionale in raccordo con criteri ed indicazioni del coordinamento interregionale. Fig. 2 Punti di criticità e problemi aperti La situazione delle UU.OO. PSAL delle USL liguri rende difficile, nella fase attuale, l'introduzione di nuove attività e iniziative che comportino un aumento dei carichi di lavoro, per la coesistenza di alcuni aspetti critici che possono essere così riepilogati: 1. Il sommarsi contemporaneamente di nuove incombenze derivanti dall'entrata in vigore delle nuove norme (D. Lgs. 626/94, D. Lgs. 494/96, direttiva macchine,...), dall'avvio di altre iniziative con forti ricadute sull'attività dei servizi (piano amianto, per es.), dall'esecuzione di interventi di vigilanza nei comparti a maggior rischio infortunistico e dall'avvio di piani mirati per determinati comparti. 2. I nuovi compiti di programmazione previsti in materia di verifiche periodiche degli impianti derivanti dal trasferimento all'arpal del personale del PMP-LIA e le conseguenti ricadute in termini operativi per le UU.OO. PSAL. 3. Le diffuse iniziative delle Aziende U.S.L. di riorganizzazione nel contesto dei principi del controllo di gestione e della qualità dei processi con forti ricadute in termini di impegno del personale. A tale proposito occorre evidenziare la disomogeneità dei modelli organizzativi e dei sistemi informativi esistenti nelle UU.OO. PSAL delle Aziende USL. 4. La consistenza numerica dei servizi fortemente differente da USL ad USL, ma complessivamente limitata ed insufficiente. Nella tabella n. 1 sono riportati sinteticamente alcuni dati finalizzati a fornire una prima base di riferimento sulle caratteristiche del territorio e del tessuto produttivo esistente nelle Aziende USL. liguri nonché sulla consistenza numerica degli operatori addetti ai compiti di prevenzione nelle UU.OO. PSAL. In particolare i dati relativi alle aziende ed agli addetti devono essere considerati di larga massima e quindi da rideterminare una volta giunti in possesso di una anagrafe aggiornata delle aziende liguri che rappresenta, peraltro, uno degli obiettivi indiretti del progetto regionale. Tabella n' 1: Popolazione, Imprese, Operatori UU.OO. PSAL. per Azienda USL. e totale Regione Liguria. (^) Elaborazione Ufficio Statistica Regione Liguria su dati ISTAT. (*) Totale imprese con dipendenti dichiarati iscritte a C.C.I.A.A. e (**) relativi addetti, 1' semestre Elaborazione su dati Servizi e Sistemi per l'impiego Regione Liguria. (') Dicembre 1998 Carichi di lavoro derivanti dal progetto Secondo le indicazioni contenute nel progetto nazionale, rapportate alla realtà produt-tiva della Liguria, l'ordine di grandezza del numero di aziende che costituiranno il campione da esaminare e le

4 Sito ufficiale della Regione Liguria Pagina 4 di 7 conseguenti ricadute in termini di operatività possono essere quantificati come indicato nella tabella n' 2. Nella seconda colonna è indicato, per ciascun'azienda USL, il numero totale di aziende che si stima debbano essere sottoposte ad indagine nel triennio. Il dato, indicativo, è stato elaborato in analogia ai documenti scaturiti dalla fase sperimentale del progetto nazionale che prevede il riferimento ai dati del tessuto produttivo riconducibili al censimento ISTAT 91. Nella terza colonna è riportata la quantificazione delle ore necessarie per l'intervento di rilevazione nelle aziende oggetto dell'indagine comprensive di sopralluoghi, incontri con i soggetti aziendali, riscontri documentali, compilazione dello strumento informativo, ecc. Il dato è stato determinato applicando il parametro di quindici ore per azienda e per operatore che rappresenta il valore medio scaturito nella fase sperimentale del progetto nazionale. Nella quarta colonna è stato riportato l'ulteriore impegno da prevedersi per le fasi preliminari e conseguenti alla rilevazione stessa, nonché per la progettazione, individuazione del campione, formazione degli operatori, elaborazione dei risultati e delle azioni eventualmente conseguenti alle rilevazioni stesse (prescrizioni, atti amministrativi, ecc.). Tabella n. 2: Campione aziende da sottoporre a rilevazione e relativi carichi di lavoro Il progetto non può rappresentare lo strumento per superare le gravi disomogeneità in termini di numeri e qualifiche esistenti tra le diverse UU.OO., che dovranno trovare adeguata soluzione nella definizione delle dotazioni organiche e successivi adempimenti, i cui tempi di attuazione si ritengono comunque non congrui rispetto alle esigenze di questo progetto. In questa fase, per colmare i bisogni che si determineranno con le ricadute sull'attività delle UU.OO. PSAL e del Servizio Regionale si ritiene in ogni caso indispensabile assicurare loro, in questa fase, almeno la potenzialità minima necessaria per consentire la realizzazione del programma attraverso l'attivazione di un progetto nell'ambito del Lavoro Socialmente Utile (LSU). Gli operatori acquisiti tramite il LSU dovranno svolgere un'importante ed indispensabile azione di supporto, in tutte le fasi del progetto, agli operatori delle UU.OO.PSAL ed al Servizio Regionale, rendendo in tal modo più fruibile e disponibili per il progetto di monitoraggio le qualificate risorse umane ivi operanti. È opportuno precisare che, qualora per gli anni successivi al 1999 il progetto del LSU non fosse più operativo, si dovrà ricorrere ad idonei strumenti. In alternativa, in presenza di difficoltà nell'attuazione dell'istituto del LSU, le Aziende USL potranno, sin dal 1999, garantire l'apporto operativo al progetto attraverso l'attivazione di strumenti contrattuali vigenti finalizzati al raggiungimento di obiettivi dati utilizzando, a tal fine, in parte, le risorse assegnate al progetto. Nella tabella n' 3 si riporta la quantificazione del numero e dell'impegno orario degli operatori nell'ambito del LSU da acquisire al progetto per ciascun riferimento territoriale. Occorre precisare che il loro numero e l'impegno orario mensile previsto per ciascuno di essi è stato calcolato, oltre che sul conteggio dei carichi di lavoro previsti per lo svolgimento del progetto, anche tenendo conto di assicurare un livello minimo di continuità e di presenza di operatori specificamente impegnati nel progetto nelle diverse realtà territoriali. Ciò ha spinto a prevedere di finanziare con risorse economiche proprie del progetto regionale l'incremento di dieci ore settimanali per ciascun lavoratore oltre alle venti settimanali già fruibili attraverso il progetto del LSU. Oltre a ciò, si è ritenuto indispensabile prevedere l'assegnazione all'u.o. PSAL dell'azienda USL n' 3 un operatore per ciascuno dei quattro ambiti territoriali. Una considerazione a parte e specifica è stata fatta per l'azienda USL n'1: l'evidente carenza di personale ed il maggior valore della ricaduta in termini di attività sul singolo operatore giustificano la previsione di quote di LSU più alte rispetto ai tempi di progetto. La soluzione qui proposta deve configurarsi quale prima ed urgente integrazione operativa per quell'u.o. PSAL che dovrà in ogni caso essere rapidamente messa in condizione, anche attraverso incrementi organici del personale, di garantire il buon esito nell'attuazione del progetto. Tabella n' 3: Integrazione operativa del personale delle UU.OO. e del Servizio Regionale attraverso il progetto del Lavoro Socialmente Utile.

5 Sito ufficiale della Regione Liguria Pagina 5 di 7 (*) per ciascuna persona L.S.U. Formazione degli operatori Si è detto, in premessa, che il progetto rappresenta, per il personale delle UU.OO. PSAL, un'importante strumento per l'esercizio delle funzioni di controllo e di vigilanza secondo procedure e modelli uniformi sul territorio regionale e nazionale: utile occasione di qualificazione del ruolo degli operatori inseriti in un progetto di valenza nazionale basato su metodi di rilevazione che possono costituire importanti linee guida per una corretta applicazione del decreto legislativo in argomento. Dovrà perciò essere posta particolare enfasi nei momenti formativi indirizzati a tutti gli operatori già in servizio presso le UU.OO. PSAL ed alle nuove figure che si affian-cheranno attraverso il LSU. Il personale dovrà essere messo in condizione di conoscere le finalità e le modalità operative del progetto per ottenere sin dalle prime fasi della rilevazione comportamenti e motivazioni omogenei. Al momento formativo iniziale seguiranno due fasi di formazione intermedie ed una conclusiva, al termine nel progetto, secondo la scansione temporale indicata in figura n'2. Il Gruppo Regionale di Gestione e di Verifica ha il compito di coordinare le iniziative che dovranno essere assunte nei diversi livelli regionale e locale valorizzando le capacità e le risorse formative ivi presenti ed avvalendosi di risorse formative extraregionali. La prima fase si articola in due giornate di lavoro per ciascun operatore: una prima giornata di inquadramento con la partecipazione di docenti esterni esperti, che potranno essere individuati tra operatori di realtà extraregionali interessate al monitoraggio; una seconda giornata di approfondimento sulle singole schede e sulla metodologia specifica di rilevamento. Dovrà essere favorita la massima partecipazione degli operatori e lo scambio tra operatori di diverse U.O. PSAL. ed assicurata idonea formazione alle persone acquisite attraverso il progetto del L.S.U. Con analoghi criteri saranno organizzati i momenti formativi intermedi e finali che si configurano come occasione di verifica del cambiamento indotto nelle competenze e nelle abilità degli operatori di fronte alle problematiche poste dal decreto stesso, oltre che nelle motivazioni stessa degli operatori. Per l'anno 1999 l'azienda USL n' 3 "Genovese" si fa carico di sostenere gli oneri finanziari inerenti la formazione, sulla base degli indirizzi del Gruppo Regionale di Gestione e Verifica, per la realizzazione di quelle attività che dallo stesso gruppo saranno considerate di carattere comune. Informazione ai soggetti sociali Particolare importanza riveste l'informazione, iniziale e durante lo svolgimento dell'indagine, ai diversi soggetti sociali (datori di lavoro e lavoratori), attraverso soprattutto le loro organizzazioni (Associazione Industriali, Organizzazioni Sindacali, Organizzazioni degli Artigiani, Commercianti, ecc.) ed all'opinione pubblica (campagna informativa anche ai fini di una più generale sensibilizzazione al problema). In particolare, le iniziative sono mirate ad orientare i datori di lavoro ed i lavoratori, veri attori del processo preventivo nelle aziende, fornendo forti indicazioni di riferimento per la migliore e più efficace applicazione del D. Lgs. attraverso anche un'esplicitazione diffusa dei criteri su cui si basa il monitoraggio - verifica previsto con il progetto. Sarà favorita l'attivazione di canali di comunicazioni formali ed informali, perseguendo la valorizzazione delle risorse a tal fine disponibili nei livelli decentrati e delle potenzialità che potranno essere poste in campo dalle Aziende USL e dal sistema delle Autonomie Locali. Anche per questa macrofase la scansione temporale è indicata in figura n' 2 ed i contenuti specifici saranno oggetto della progettazione esecutiva e della verifica del Gruppo Regionale di Gestione e Verifica. Per il 1999 le Aziende USL n' 2 - Savonese e USL n' 3 - Genovese, si fanno carico di sostenere gli oneri finanziari connessi a talune attività che saranno considerate di carattere comune da parte del Gruppo Regionale di Gestione e Verifica. Definizione del campione ed anagrafe delle aziende S'intende seguire la metodologia proposta nel progetto nazionale a partire dalla definizione e dimensionamento del campione di aziende da sottoporre all'indagine. A tal fine, in raccordo con il gruppo nazionale, è necessario elaborare le informazioni sul numero, tipo e dimensioni delle unità locali acquisibili dall'istat e relative al censimento '91: per raggruppamenti d'attività economiche e produttive, come precisato nell'allegato n' 1, è stabilito il numero di aziende che compongono il campione (pari al 2% delle aziende con addetti ed al 20 % di quelle con più di 200 addetti). Il dato sintetico, stimato per la nostra regione, delle aziende da sottoporre ad esame è stato già illustrato in tabella 1. La fase successiva prevede la necessità di attribuire al campione i nominativi delle aziende da sottoporre all'indagine da individuarsi, da parte delle UU.OO. PSAL, randomizzando la scelta (sorteggio casuale) al fine di garantire la massima obiettività della rilevazione ed attingendo ad una anagrafe aziendale aggiornata, con informazioni di dettaglio relative alle caratteristiche produttive e di i li d ll t P t i d i di bil i i l' f d ll i d i itt

6 Sito ufficiale della Regione Liguria Pagina 6 di 7 dimensionali delle stesse. Per questo si rende indispensabile acquisire l'anagrafe delle aziende iscritte nel Registro delle Imprese istituito presso le Camere di Commercio della regione Liguria, con aggiornamenti periodici attraverso l'attivazione di appropriate procedure presso l'amministrazione Regionale. Si prevede che, nonostante tale base dati rappresenti un riferimento sufficientemente attendibile e completo, si renderanno necessarie integrazioni informative per colmare le deficienze presenti nella stessa e relative a determinati settori di attività. L'acquisizione dell'anagrafe aziendale potrà rappresentare una importante utilità anche per altre UU.OO. afferenti all'area Dipartimentale di Prevenzione delle Aziende USL per i loro fini istituzionali. Le precitate disomogeneità presenti nelle UU.OO. PSAL in termini di sistemi informatizzati (hardware e software) dovranno essere colmate attraverso la dotazione di elaboratori di tipo e in numero adeguato, in grado altresì di garantire raccordi informatici con il Servizio Regionale che dovrà essere a tal fine strutturato. Nel prospetto finale dei costi è compresa la stima delle risorse economiche necessarie ad assicurare ai livelli locali le dotazioni necessarie mentre al Gruppo Regionale compete la funzione di attivare, su tale aspetto, le necessarie verifiche affinché le scelte operative e strumentali siano adeguate e raccordate con i sistemi informativi e le procedure esistenti. Data entry ed elaborazione dati La raccolta il controllo e l'elaborazione dei dati rappresenta uno strumento indispensabile per conoscere in modo dinamico l'andamento della rilevazione a livello locale e le ricadute informative regionali. Ciò richiede la disponibilità di strumenti quali il l'hardware ed il software per il data-entry, per la descrizione del fenomeno rilevato attraverso report periodici (semestrali e annuali) e per la relazione finale. Il Gruppo Regionale di Gestione e Verifica valuterà la necessità e le modalità per acquisire al progetto capacità nel campo dell'analisi, della statistica e dell'informatica, in relazione anche alle decisioni ed ai contributi che, su tali aspetti, potranno venire dal confronto in sede nazionale. A livello locale, coincidente con l'azienda U.S.L., avverrà il data-entry che dovrà essere omogeneo per tutto il territorio ragionale e conforme ai parametri del progetto nazionale, sarà caratterizzato da aspetti di semplicità, agilità e di controllo degli errori. Il livello locale disporrà inoltre di un programma regionale standard per la produzione di semplici tabelle riepilogative (per numero di addetti, per settore, per comparto, ecc). Il livello regionale di elaborazione dati dovrà fungere da centro di raccolta dei dati prodotti dalle singole USL, di elaborazione e di controllo degli stessi per giungere alla produzione di report semestrali dei dati regionali (da diffondere alle U.O. PSAL delle Aziende USL e da rendere disponibili per l'elaborazione nazionale) nonché della relazione finale riferibile al livello regionale. Anche per questa macrofase, per garantire lo svolgimento delle fasi sopra indicate relative all'elaborazione e trasmissione dei dati, si rimanda a quanto precisato a conclusione del precedente paragrafo per quanto si riferisce alla dotazione strumentale hardware e software da integrare con i sistemi informativi esistenti. Stima dei costi del progetto Nella tabella n' 4 si riportano i costi, per l'anno 1999, riconducibili all'attuazione del progetto a carico delle Aziende USL. I costi per gli anni successivi potranno essere meglio definiti al compimento del primo anno di progetto. Tabella n' 4: Costi, in lire, del progetto regionale per l'anno di riferimento 1999, a carico delle Aziende USL. Verifica dei risultati Si pone particolare enfasi su questo aspetto del progetto poiché la verifica dei risultati conseguiti dovrà rappresentare una costante nelle modalità di approccio nello svolgimento del lavoro da parte dei diversi livelli interessati, a cominciare dal Gruppo Regionale di Gestione e Verifica. Saranno individuati criteri, indicatori e standard su cui si baserà la verifica dei risultati che dovrà riguardare almeno i seguenti aspetti: Rispetto dei tempi di attuazione delle macrofasi di progetto e delle loro artico-lazioni specifiche. Qualità dei metodi di formazione del campione, rilevazione ed elaborazione dei dati. Entità e natura dei cambiamenti indotti nei datori di lavoro, nei lavoratori e negli operatori. Congruità delle risorse di progetto rispetto al loro effettivo utilizzo. In via generale le modalità di attuazione delle verifiche di progetto dovranno trovare un adeguato riscontro e raccordo con le iniziative che su tale aspetto verranno assunte dal Coordinamento Tecnico degli Assessori alla Sanità delle Regioni e delle Province Autonome al fine di favorire la più ampia

7 Sito ufficiale della Regione Liguria Pagina 7 di 7 omogeneità del progetto regionale con le finalità ed i risultati di quello nazionale. Risultati attesi Il raggiungimento degli obiettivi di progetto rafforzerà complessivamente l'azione di prevenzione da parte dei diversi soggetti, aziendali ed istituzionali, che intervengono nel processo di prevenzione e di tutela della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. Da parte dei soggetti aziendali si attende una migliore conoscenza e consapevolezza dei principi della tutela della salute dei lavoratori quale conseguenza dell'azione di informazione, di assistenza e di controllo da parte delle UU.OO. PSAL che il progetto si propone di attuare. Tale consapevolezza porterà ad una maggiore capacità ed interesse delle imprese ad attuare misure di prevenzione nei luoghi di lavoro finalizzate ad una progressiva riduzione del rischio. Questa azione positiva, tuttavia, potrà essere condizionata dall'evolvere delle linee di tendenza della condizione socio-economica regionale. Tra i soggetti istituzionali, un ruolo primario è riservato alle UU.OO. PSAL delle Aziende USL che dall'attuazione del progetto conseguiranno migliori capacità d'intervento sia in termini di efficacia che di efficienza oltre che di visibilità e d'impatto nei confronti degli attori del processo di prevenzione nei luoghi di lavoro. Per ulteriori informazioni Az. U.S.L. n. 1 - U.O. PSAL Tel Az. U.S.L. n. 2 - U.O. PSAL Tel Az. U.S.L. n. 3 - U.O. PSAL Tel Az. U.S.L. n. 4 - U.O. PSAL Tel Az. U.S.L. n. 5 - U.O. PSAL Tel

(L.R. n. 13/2007, artt. 28 e 31, come modificati dalla L.R. n. 17/2011).

(L.R. n. 13/2007, artt. 28 e 31, come modificati dalla L.R. n. 17/2011). ALLEGATO A (costituito da n. 8 pagine complessive) Linee guida concernenti modalità e termini di comunicazione, per via telematica - tramite il Portale del Turismo e del Made in Lazio www.ilmiolazio.it

Dettagli

Art. 1 Oggetto del regolamento

Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 1 Oggetto del regolamento Allegato alla Delibera n Il presente regolamento disciplina l organizzazione interna del Dipartimento della Prevenzione (di seguito chiamato Dipartimento), ai sensi di quanto

Dettagli

AUSL Modena Dipartimento di Sanità Pubblica prevenzionet

AUSL Modena Dipartimento di Sanità Pubblica prevenzionet FORUMPA SANITA' 2001 AUSL Modena Dipartimento di Sanità Pubblica prevenzionet Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: prevenzionet Amministrazione proponente: AUSL Modena Unità organizzativa (dipartimento,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 1 Premessa Sempre di più la Pubblica Amministrazione sta proseguendo nell opera di riorganizzazione e revisione del proprio assetto organizzativo e

Dettagli

L'Organismo Paritetico dell'artigianato per la Provincia di (OPTA)

L'Organismo Paritetico dell'artigianato per la Provincia di (OPTA) PROCEDURA PER LA COLLABORAZIONE CON L'ORGANISMO PARITETICO LINEE DI INDIRIZZO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI E DEI LORO RAPPRESENTANTI AZIENDALI, DEI PREPOSTI E DEI DIRIGENTI. L'Organismo Paritetico dell'artigianato

Dettagli

DOCUMENTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN EDILIZIA 2008-2010 29 novembre 2007

DOCUMENTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN EDILIZIA 2008-2010 29 novembre 2007 DOCUMENTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN EDILIZIA 2008-2010 29 novembre 2007 1. Premessa: a) la Commissione Salute delle Regioni e Province Autonome ha approvato il

Dettagli

PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI

PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI Allegato B PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI 1. FINALITA Il presente documento definisce, ai sensi degli articoli 8 bis e 8 quater, del decreto legislativo

Dettagli

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A.

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. (APPROVATE DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ NELLA RIUNIONE DEL 10 MAGGIO 2012) TOD S S.P.A.

Dettagli

TITOLO II PROGRAMMAZIONE REGIONALE SEZIONE I OBIETTIVI E SOGGETTI DELLA PROGRAMMAZIONE

TITOLO II PROGRAMMAZIONE REGIONALE SEZIONE I OBIETTIVI E SOGGETTI DELLA PROGRAMMAZIONE LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 16-11-2001 REGIONE PUGLIA "Riforma dell'ordinamento regionale in materia di programmazione, bilancio, contabilità regionale e controlli" (Pubblicata nel Bollettino Ufficiale n.

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 6. IL PROCESSO SEGUITO E LE AZIONI DI MIGLIORAMENTO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 6.1 Fasi, soggetti e tempi del processo di redazione del Piano Analogamente a quanto avvenuto per il 2012, il

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (ART. 1, COMMA 8, LEGGE 6 NOVEMBRE 2012, N.

PIANO TRIENNALE PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (ART. 1, COMMA 8, LEGGE 6 NOVEMBRE 2012, N. PIANO TRIENNALE PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (ART. 1, COMMA 8, LEGGE 6 NOVEMBRE 2012, N. 190) INDICE Premessa 1. La formazione: strumento di promozione della

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO IC SAN SPERATO CARDETO ISTITUTO COMPRENSIVO San Sperato - Cardeto Via Riparo Cannavò, 24-89133 Reggio Calabria Telefono 0965/672052-683088 - 673553 - Fax 0965/673650 COD. MEC. RCIC875006- Cod. Fisc. 92081250802

Dettagli

Programma per la trasparenza e l integrità

Programma per la trasparenza e l integrità Programma per la trasparenza e l integrità Periodo 2015-2017 ARAN - Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni Approvato dal Collegio di indirizzo e controllo con delibera

Dettagli

Programma Triennale della Trasparenza e Integrità. Anni 2015-2017

Programma Triennale della Trasparenza e Integrità. Anni 2015-2017 Programma Triennale della Trasparenza e Integrità Anni 2015-2017 Le novità normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli enti locali la revisione e la

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE. n. 04 del 30/01/2012 IL DIRETTORE

DECRETO DEL DIRETTORE. n. 04 del 30/01/2012 IL DIRETTORE DECRETO DEL DIRETTORE n. 04 del 30/01/2012 Oggetto: Adozione progetto di telelavoro ed assegnazione di una postazione. Dipendente Valeria Di Fabrizio. IL DIRETTORE Vista la legge regionale 24 febbraio

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI COMUNE DI BRINDISI PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2013-2014-2015 (Attuazione dell art.10, comma 1, D.Lgs 14 marzo 2013, n.33) Premessa Con la redazione del presente Programma Triennale

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI BOTTICINO (Provincia di Brescia) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art 7 Decreto Legislativo 150/2009 Giugno 2013 INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 3 I CARATTERISTICHE DELL

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 rilasciato da: Direttore Sanitario & data dell autorizzazione: 01.02.2013 ID: 148/13 Direttore Tecnico-Assistenziale Rev Nr. 00 revisione

Dettagli

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 1. PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO 2015/2017 (approvato con decreto n. 10 del 29.1.

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO 2015/2017 (approvato con decreto n. 10 del 29.1. --- PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO (approvato con decreto n. 10 del 29.1.2015) 1 --- Indice (redatto in conformità alle indicazioni fornite

Dettagli

Le linee guida regionali per l esecuzione del controllo ufficiale sul reg. REACH

Le linee guida regionali per l esecuzione del controllo ufficiale sul reg. REACH Le linee guida regionali per l esecuzione del controllo ufficiale sul reg. REACH Il regolamento REACH: il ruolo dei vari soggetti coinvolti per la sua applicazione 28 ottobre 2010, Firenze a cura di Piergiuseppe

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33)

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33) Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33) INTRODUZIONE Il decreto legislativo 14.03.2013 n. 33 avente ad oggetto il Riordino della disciplina

Dettagli

Programma per la trasparenza e l integrità

Programma per la trasparenza e l integrità Programma per la trasparenza e l integrità Periodo 2014-2016 ARAN - Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni Approvato dal Collegio di indirizzo e controllo con delibera

Dettagli

COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana

COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana Comune di Ascoli Piceno Regolamento comunale sul sistema dei controlli interni COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana REGOLAMENTO COMUNALE SUL SISTEMA DEI CONTROLLI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE 1. Inquadramento 1 2. Budget: definizione 2 3. Budget: finalità 2 4. Budget: struttura 2 4.1 Centri di tà () 2 4.1.1 Centri di Attività (CdA)

Dettagli

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale Protocollo Titolo CONVENZIONE QUADRO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO NELLE COOPERATIVE SOCIALI DEI LAVORATORI DISABILI CON GRAVI DIFFICOLTA

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 COMUNE DI FERRERA DI VARESE PROVINCIA DI VARESE PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 Approvato con deliberazione di G.C. n. del INDICE 1. PREMESSA NORMATIVA 2. CONTENUTO DEL PROGRAMMA

Dettagli

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e COMUNE DI GIOVINAZZO Regolamento di disciplina della misurazione e valutazione della performance Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n. del 1 Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Le disposizioni

Dettagli

CONTROLLI INTERNI DI GESTIONE

CONTROLLI INTERNI DI GESTIONE CONTROLLI INTERNI DI GESTIONE INTRODUZIONE L art.4 della L.R. 20/2001 ha disposto che nell Amministrazione della Regione Siciliana si applica la disciplina di cui agli artt.1,2,4,5,6,9 del decreto legislativo

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Allegato A SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Il giorno., dell anno. alle ore., presso la sede

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 17 dicembre 2008 Istituzione del sistema informativo per il monitoraggio dell'assistenza domiciliare (GU n. 6 del 9-1-2009 ) IL MINISTRO

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI. eseguibile.

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI. eseguibile. REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 4 del eseguibile. 06 marzo 2013, resa immediatamente ENTRATO IN VIGORE IL 06 MARZO 2013 1 REGOLAMENTO DEI CONTROLLI

Dettagli

196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154

196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154 196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154 Linee di indirizzo Modello di convenzione fra Provincie, Aziende UU.SS.LL., Società della Salute/

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA

ACCORDO DI PROGRAMMA CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME COMMISSIONE PROTEZIONE CIVILE SOTTO-COMMISSIONE: CONCORSO DELLE REGIONI ALLE EMERGENZE NAZIONALI ED INTERNAZIONALI Approvato dalla Commissione Interregionale

Dettagli

Coordinamento regionale CT

Coordinamento regionale CT DIREZIONE REGIONALE INAIL TOSCANA Coordinamento regionale CT Progetto RICOSTRUIRE SICURO Realizzare opere di restauro e ristrutturazione edile in condizioni di sicurezza a tutela delle maestranze in tutti

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Prot. n. (SSR/05/113691) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visti: - la direttiva 91/271/CEE, concernente il trattamento delle acque reflue urbane; - il D.Lgs. 11 maggio 1999, n. 152 "Disposizioni

Dettagli

PROCESSO DI BUDGET PARTE SANITARIA METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET

PROCESSO DI BUDGET PARTE SANITARIA METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET PROCESSO DI BUDGET PARTE SANITARIA METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET Il budget è un importante strumento operativo per la gestione aziendale, ha la funzione di definire

Dettagli

COMUNE DI GRAGNANO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI GRAGNANO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI GRAGNANO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI ADOTTATO CON DELIBERA DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA N DEL 1 COMUNE DI GRAGNANO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE. n. 24 del 22/07/2010 IL DIRETTORE

DECRETO DEL DIRETTORE. n. 24 del 22/07/2010 IL DIRETTORE DECRETO DEL DIRETTORE n. 24 del 22/07/2010 Oggetto: Adozione progetto di telelavoro ed assegnazione di una postazione. IL DIRETTORE Vista la legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del servizio

Dettagli

PROCESSO DI BUDGET PARTE AMMINISTRATIVA,TECNICA E PROFESSIONALE METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET

PROCESSO DI BUDGET PARTE AMMINISTRATIVA,TECNICA E PROFESSIONALE METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET PROCESSO DI BUDGET PARTE AMMINISTRATIVA,TECNICA E PROFESSIONALE METODOLOGIA DI ASSEGNAZIONE E VARIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET Il budget è un importante strumento operativo per la gestione aziendale,

Dettagli

ASSESSORATO FORMAZIONE, RICERCA, SCUOLA, UNIVERSITÀ

ASSESSORATO FORMAZIONE, RICERCA, SCUOLA, UNIVERSITÀ ASSESSORATO FORMAZIONE, RICERCA, SCUOLA, UNIVERSITÀ DIREZIONE REGIONALE FORMAZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE, SCUOLA E UNIVERSITA', DIRITTO ALLO STUDIO ALLEGATO 1) INDICAZIONI IN MATERIA DI ESAMI DI QUALIFICA

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

proposta di legge n. 302

proposta di legge n. 302 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 302 a iniziativa della Giunta regionale presentata in data 17 febbraio 2009 NORME IN MATERIA DI TUTELA DEI CONSUMATORI E DEGLI UTENTI (669) REGIONE

Dettagli

CAPO I ASPETTI FORMATIVI DEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

CAPO I ASPETTI FORMATIVI DEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Legge Regionale 19 febbraio 2008, n. 3: "Disciplina in materia di apprendistato" Pubblicato nel Bollettino ufficiale della Regione Molise n. 5 del 1 marzo 2008 CAPO I ASPETTI FORMATIVI DEL CONTRATTO DI

Dettagli

CPNA Comitato Paritetico Nazionale Artigiano

CPNA Comitato Paritetico Nazionale Artigiano Gli Organismi Paritetici CPNA Comitato Paritetico Nazionale II decreto Legislativo 626/94 e le successive modificazioni apportate nel 1996 hanno attribuito al sistema della bilateralità numerose competenze

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI VOBARNO (Provincia di Brescia) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art 7 Decreto Legislativo 150/2009 Revisione del 2 novembre 2011 INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 3 I CARATTERISTICHE

Dettagli

Romagna preposto all esercizio delle funzioni tecniche per la prevenzione collettiva e per i controlli ambientali, nonché all erogazione di

Romagna preposto all esercizio delle funzioni tecniche per la prevenzione collettiva e per i controlli ambientali, nonché all erogazione di Prot. N. (PRC/07/58324) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visti: - la Legge Regionale 12 luglio 1994 n. 27 "Disciplina dello smaltimento dei rifiuti", così come successivamente modificata ed integrata;

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

PIANO DELLA PERFORMANCE

PIANO DELLA PERFORMANCE PIANO DELLA PERFORMANCE PROGRAMMI E PROGETTI DELL AMMINISTRAZIONE PER IL PERIODO 2011-2012 - 2013 L Albero della Performance Consiglio Comunale Piano di mandato Sindaco e Giunta Comunale Piano della Performance

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA (Approvato con deliberazione n. 5 del 1 febbraio 2013) Azienda Speciale Comunale CREMONA SOLIDALE Settore Affari Generali PREMESSA INTRODUTTIVA La trasparenza è intesa come

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI SULLA SICUREZZA DEL LAVORO NEI PORTI DI CARRARA, LIVORNO E PIOMBINO Tra Regione Toscana e

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI SULLA SICUREZZA DEL LAVORO NEI PORTI DI CARRARA, LIVORNO E PIOMBINO Tra Regione Toscana e PROTOCOLLO D INTESA PER LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI SULLA SICUREZZA DEL LAVORO NEI PORTI DI CARRARA, LIVORNO E PIOMBINO Tra Regione Toscana e Autorità Portuali di Marina di Carrara, Livorno e Piombino,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO ALLEGATO M Regolamento per la sicurezza e la salute sul luogo di lavoro. Capo I Disposizioni generali

REGOLAMENTO DI ISTITUTO ALLEGATO M Regolamento per la sicurezza e la salute sul luogo di lavoro. Capo I Disposizioni generali ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometri Liceo Linguistico/Linguistico Moderno Liceo

Dettagli

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI SI.VA.DI.S. IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI Criteri generali CRITERI GENERALI PER LA COSTRUZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI (SI.VA.DI.S.) 1. Sistema

Dettagli

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 2

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 2 Lucidi prima parte 2.1.1.1 ~ 2.2.1.3 Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 2 Pag. 8 Quale è lo scopo principale della norma UNI EN ISO 9001:2000/2008? A. Garantire il controllo della

Dettagli

PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA

PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA Denominazione del Piano QUALIFICAZIONE DEL SERVIZIO DI COLLOCAMENTO MIRATO DELLE PERSONE CON DISABILITA Responsabile: Cognome:_BORELLINI Telefono: 059-209051 Nome:LUCIANA E-mail:

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO «DVR _ STRESS LAVORO CORRELATO» Pagina 1 di 9 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO (Art. 28 comma 1 D. Lgs. 9 aprile 2008 n.81 così come modificato dal D.Lgs. 106/09) conforme

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB PAVIA REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA

AUTOMOBILE CLUB PAVIA REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA AUTOMOBILE CLUB PAVIA REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA Approvato con Delibera del C.D. n. 8 del 7 Settembre 2009 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Articolo 1 Principi generali...

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Ministero delle Finanze DIPARTIMENTO DELLE ENTRATE DIR.CENTRALE: ACCERTAMENTO E PROGRAMMAZIONE Circolare del 17/11/2000 n. 210 Oggetto: Attivita' di verifica nei confronti di contribuenti che, per il periodo

Dettagli

RELAZIONE SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELL AZIENDA ASL ROMA H

RELAZIONE SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELL AZIENDA ASL ROMA H RELAZIONE SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELL AZIENDA ASL ROMA H Art. 14, comma 4, lettera a) del D.Lgs. n. 150/2009 INDICE 1 PROCESSO DI ATTUAZIONE DEL CICLO DELLA PERFORMANCE...3

Dettagli

ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ufficio di Presidenza. 3) Corradi Roberto Consigliere Segretario

ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ufficio di Presidenza. 3) Corradi Roberto Consigliere Segretario IX Legislatura Progr.Num. 133/2013 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ufficio di Presidenza Questo giorno mercoledì 25 del mese di settembre dell' anno 2013 si è riunito nella residenza

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 www.comune.bottanuco.bg.it mail: comune.bottanuco@tin.it p.e.c. : comune.bottanuco@postecert.it PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 (Art. 11, comma 2, del D.Lgs 27.10.2009,

Dettagli

RAPPORTO INDIVIDUALE SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE PER L ANNUALITÀ 2013

RAPPORTO INDIVIDUALE SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE PER L ANNUALITÀ 2013 Giugno 2013 RAPPORTO INDIVIDUALE SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE PER L ANNUALITÀ 2013 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Il presente documento fornisce informazioni di dettaglio

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017. (allegato al piano triennale anticorruzione)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017. (allegato al piano triennale anticorruzione) COMUNE DI CELLAMARE (Prov. di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 (allegato al piano triennale anticorruzione) Approvato con deliberazione di G.C. n. 3 del 29/01/2015

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 60/ 25 DEL 5.11.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 60/ 25 DEL 5.11.2008 IBERAZIONE N. 60/ 25 5.11.2008 Oggetto: LR3/2008, art. 8, comma 5. Programma di interventi sulla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali della Sardegna. Euro 4.000.000 (UPB S05.01.013)

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica

Dettagli

Le modalità di collaborazione alla valutazione e gestione del rischio in azienda

Le modalità di collaborazione alla valutazione e gestione del rischio in azienda Le modalità di collaborazione alla valutazione e gestione del rischio in azienda Premessa Il Comitato Regionale di Coordinamento in attuazione a quanto previsto nel Documento programmatico per la promozione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Riferimenti normativi e oggetto Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI MESAGNE PROVINCIA DI BRINDISI

COMUNE DI MESAGNE PROVINCIA DI BRINDISI COMUNE DI MESAGNE PROVINCIA DI BRINDISI INDICE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA (ALLEGATO AL PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE) ANNI 2014 2015 2016 PARTE I Introduzione 1.1 Organizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ Emanato con D.R. n. 159 del 22 febbraio 2016 INDICE TITOLO I NORME GENERALI... 4 Art. 1 Principi e finalità del regolamento... 4 Art. 2 Principi e

Dettagli

CIRCOLARE DEL MINISTERO DELLA SANITÀ

CIRCOLARE DEL MINISTERO DELLA SANITÀ CIRCOLARE DEL MINISTERO DELLA SANITÀ 14 MAGGIO 2001, N. 5 (Attuazione della legge 14 agosto 1991, n. 281 - legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo) (Gazzetta ufficiale

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA DIREZIONE ATTIVITA AMMINISTRATIVA SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE UFFICIO ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA Report finali

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione PROVINCIA DI ROMA Regolamento per il Controllo di Gestione Adottato con delibera della Giunta Provinciale n. 498/23 del 09/04/2003 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione 1. Il presente

Dettagli

Sistema di valutazione delle prestazioni del personale

Sistema di valutazione delle prestazioni del personale Manuale operativo Rev. 1 SOMMARIO 1. FINALITÀ DEL SISTEMA E AMBITI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE... 3 1.1. La metodologia... 4 2. SOGGETTI E RESPONSABILITÀ... 4 2.1. Il Direttore

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLE COMPETENZE DEI DIRIGENTI

VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLE COMPETENZE DEI DIRIGENTI VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLE COMPETENZE DEI DIRIGENTI INDICE 1. IL SISTEMA DI VALUTAZIONE 1.1 Oggetto del Regolamento 1.2 Finalità e criteri 1.3 Soggetti interessati 1.4 Oggetto e criteri della verifica

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

LINEE GUIDA PREMESSO

LINEE GUIDA PREMESSO LINEE GUIDA PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, DEL SOSTEGNO ALL'OCCUPAZIONE E DELLA ECOSOSTENIBILITÀ NELL'AMBITO DELL AFFIDAMENTO DI SERVIZI SANITARI E SOCIALI DI CUI ALLA CAT. 25 DELL'

Dettagli

Decreto Legislativo. 9 aprile 2008 n. 81

Decreto Legislativo. 9 aprile 2008 n. 81 Decreto Legislativo Attuazione dell art. 1 della L. 123/2007 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro 9 aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 81/2008 ABROGA: D.P.R. 27 aprile 1955,

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA NOMINA E IL FUNZIONAMENTO DEI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI

REGOLAMENTO PER LA NOMINA E IL FUNZIONAMENTO DEI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI Il Co.N.U.E.R. R.L.S pone all attenzione dei R.L.S. dell Università e della Ricerca la proposta del seguente Regolamento, espressione dei lavori dell ultima sessione del III Convegno Nazionale RLS. I partecipanti

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INFORMATICA

DIPARTIMENTO DI INFORMATICA REGOLAMENTO PER I TIROCINI FORMATIVI DEL DIPARTIMENTO Art. 1 Definizioni, termini e glossario Ai fini del presente Regolamento si intendono per i seguenti termini: Tirocini formativi: tirocini curriculari,

Dettagli

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 DEFINIZIONE DI BUDGET Il Budget è lo strumento per attuare la pianificazione operativa che l Istituto intende intraprendere nell anno di esercizio

Dettagli

Allegato 11 Modello di Rapporto annuale di controllo

Allegato 11 Modello di Rapporto annuale di controllo Allegato 11 Modello di Rapporto annuale di controllo Modello di Rapporto annuale di controllo a norma dell articolo 62 par. 1, lettera d) punto i) del Regolamento (CE) n. 1083/2006 e dell articolo 18 paragrafo

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Allegato A PROVINCIA DI COMO SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE E POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

Allegato A PROVINCIA DI COMO SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE E POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO Allegato A PROVINCIA DI COMO SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE E POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE FORMALE ESTERNA DEGLI APPRENDISTI A FINANZIAMENTO PUBBLICO IN PROVINCIA

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-FINANZIARIA ED ILLUSTRATIVA CONTRATTO DECENTRATO PERSONALE NON DIRIGENTE C.C.I.A.A. DI VIBO VALENTIA PARTE ECONOMICA - ANNO 2011

RELAZIONE TECNICO-FINANZIARIA ED ILLUSTRATIVA CONTRATTO DECENTRATO PERSONALE NON DIRIGENTE C.C.I.A.A. DI VIBO VALENTIA PARTE ECONOMICA - ANNO 2011 RELAZIONE TECNICO-FINANZIARIA ED ILLUSTRATIVA CONTRATTO DECENTRATO PERSONALE NON DIRIGENTE C.C.I.A.A. DI VIBO VALENTIA PARTE ECONOMICA - ANNO 2011 L art. 40 comma 3 sexies del dlgs.n.165/2001 dispone che

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013

Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013 (Fondo FESR) MISURE PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE DEL POR (ai sensi degli

Dettagli

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMUNE DI FIRENZE. Manuale applicativo

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMUNE DI FIRENZE. Manuale applicativo IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMUNE DI FIRENZE Manuale applicativo Firenze, 23 luglio 2009 INDICE 1. PREMESSA 2. I PRINCIPI DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE 3. COSA SI VALUTA 4. LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI

Dettagli

Istituto Italiano Arte Artigianato e Restauro Srl

Istituto Italiano Arte Artigianato e Restauro Srl Istituto Italiano Arte Artigianato e Restauro Srl CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA Il presente documento si propone di esplicitare e comunicare gli impegni che l'istituto Italiano Arte e Artigianato

Dettagli

Progetto Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione

Progetto Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE, I SERVIZI PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema Fondo Sociale Europeo - Obiettivo Convergenza 2007-2013

Dettagli

Regolamento di Audit ALLEGATO 8 AL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE 231/2001

Regolamento di Audit ALLEGATO 8 AL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE 231/2001 ALLEGATO 8 AL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE 231/2001 Conforme alla Norma UNI EN ISO 9001:2008 Conforme alla Norma UNI EN ISO 14001:2004 Conforme al D.Lgs 231/01 Conforme a: L. 190/12; D.Lgs 33/2013; D.Lgs

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA DI SVILUPPO E QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER BAMBINI N ETA 0-3 ANNI INDIRIZZI GENERALI PER IL TRIENNIO 2001-2003 Approvato con atto C.P. 29.10.2001 n.133 Ufficio Politiche

Dettagli