NOICOMIT NO ALLE MANI LIBERE SULLE MICHELI E ICHINO A CURA DI A. MASIA. G. COZZI - PUNTURE DI SPILLO - Oh, COMIT CIAO! OVVERO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOICOMIT NO ALLE MANI LIBERE SULLE MICHELI E ICHINO A CURA DI A. MASIA. G. COZZI - PUNTURE DI SPILLO - Oh, COMIT CIAO! OVVERO"

Transcript

1 NOICOMIT Un appuntamento fra memorie, attualità e futuro del mondo Comit Periodico trimestrale dell Anpecomit - numero 2 - luglio 2008 BANCA COMMERCIALE ITALIANA SEDE DI ROMA, VIA DEL CORSO 226 NO ALLE MANI LIBERE SULLE AZIENDE INVOCATE DA MICHELI E ICHINO A CURA DI A. MASIA FILATELIA: IL PENNY BLACK - DI F. MAZZOTTA G. COZZI - PUNTURE DI SPILLO - Oh, COMIT CIAO! OVVERO AD ALGHERO ANCH IO C ERO

2 Noicomit 2 Luglio 2008 Gli organi direttivi ANPECOMIT Consiglio Direttivo Antonio Maria Masia - Presidente Francesco Basilico - Vice Presidente Catello Califano - Tesoriere Gianfranco Mascini - Segretario Giuliano Boer - Consigliere Gioacchino Costantino - Consigliere Fulvio Fabrici - Consigliere Alfredo Izeta - Consigliere Sergio Marini - Consigliere Maria Pia Monarca - Consigliere Gianni Virdis - Consigliere Collegio dei Probiviri Pasqualino Menchise - Presidente Giuseppe Folesani Francesco Greco Collegio dei Revisori Mauro Luparelli - Presidente Ermanno Santilli Filippo Vasta L ANPECOMIT (da una storia di oltre 100 anni!) Denominazione sociale Associazione Nazionale fra Pensionati ed Esodati della Banca Commerciale Italiana - A.N.P.E.C. Sede sociale: Roma Via Cesare Balbo 35 Telefono / Telefax: Sito web: Codice fiscale: Aderente alla FAP CREDITO - Federazione Nazionale Sindacale delle Associazioni dei Pensionati del Credito L Anpecomit è nata a Roma il 20 novembre 2003 su iniziativa di soci fondatori Salvatore Bono, Catello Califano, Roberto Ciccolini, Mario Saverio Cozzoli, Salvatore Diana, Fulvio Fabrici, Francesco Greco, Massimo Grotti, Mauro Luparelli, Giovanni Maniscalco, Antonio Maria Masia, Pasqualino Menchise, Roberto Migliaccio, Maria Pia Monarca, Raffaele Montemarano, Roberto Peracchi, Francesco Perrini, Pasquale Piccirillo, Giancarlo Renzetti, Gavino Ruggiu, Graziella Tonon, Fernando Umena. Motivo fondante dell associazione è tenere vivo e valorizzare il patrimonio di memorie, storia e cultura della Banca Commerciale Italiana, fare riferimento ed unità di indirizzo nella tutela dei diritti e degli interessi dei soci, e comunque di tutti i soggetti del mondo Comit interessati, a prescindere dai gradi, appartenenze politiche, di movimento e sindacali. NON VOGLIAMO un sistema bancario che abbia il solo fine del profitto e che ne ignori la funzione sociale! NON VOGLIAMO una banca che trascuri i valori della relazione, della formazione, della solidarietà e della cultura! NON VOGLIAMO una gestione del risparmio avida di commissioni, priva di controlli e con continui incrementi delle spese bancarie! VOGLIAMO difendere i diritti acquisiti a cominciare dal nostro Fondo Pensione! VOGLIAMO un'adeguata ed efficiente assistenza da parte delle Cassa Sanitaria! VOGLIAMO rispetto, considerazione e risorse a favore di chi ha dedicato una vita all'interno della Comit

3 Luglio Noicomit No alle mani libere sulle aziende invocate da Micheli e Ichino A proposito delle seguenti due circostanze - Intervista a Francesco Micheli, 62 anni, Direttore generale di Intesa- Sanpaolo, del Sole 24OrePlus del Conferenza dibattito a Roma sul tema il Riformismo e le nuove frontiere del lavoro, organizzato dal PD/Communitas 2002, con il Sen. Pietro Ichino, l On.le Pier Paolo Barretta, e il Sen. Tiziano Treu alcune valutazioni, partendo dalle dichiarazioni di Micheli, alle quali replicherò inviando al Sole24Plus questa nota,.sperando ( anche se nutro qualche dubbio) nella pubblicazione: - è del tutto inaccettabile, per i lavoratori, e lo dovrebbe essere per i Sindacati che presumono di rappresentarli, e così pure per i Media e per le Istituzioni, il punto di vista di Micheli. Cioè che il Fondo Esuberi, pur sostenuto, solo finanziariamente, dalle Banche (perchè le ricadute sociali, familiari, reddituali etc..sono invece a carico dei lavoratori e della collettività) serve "anche per accelerare il turn-over". Come si può accettare che aziende bancarie floride e ricche di stock option parzialmente defiscalizzate ai managers e super dividendi agli azionisti riciclino in quantità industriale (termine che troviamo anche in qualche sentenza giudiziaria sul tema) mano d'opera da 50 anni in su, per assumere un pugno di ragazzi spesso in forma precaria o in apprendistato? E nel contempo politici, giornali ed illustri opinionisti ci dicono che occorre allungare la vita lavorativa. Dove? Nelle panchine dei giardinetti pubblici? - le volontarietà a lasciare il servizio di cui si fa vanto il Dr. Micheli, (nonché il suo A.D. Dr. Passera, fra l altro in occasione dell Assemblea azionisti IntesaSanpaolo del 2007 per rispondere ad una mia osservazione) e il sistema bancario in generale, contrasta nettamente e clamorosamente con quanto sin qui avvenuto. Oltre un migliaio di licenziamenti diretti, e migliaia di uscite solo apparentemente volontarie, meglio sarebbe dire spintanee : effetto diretto del clima preventivo e preoccupato indotto su chi, avendo certi requisiti, era opportuno farsi dimettere, al fine di evitare soluzioni peggiori. Prendiamo l'ultimo caso, a seguito della fusione Intesa SanPaolo. Si era detto e propagandato, in sede di annuncio in pompa magna della fusione quale grande evento di visione e politica manageriale, che tutto si sarebbe svolto in assoluta libertà di decisione del personale interessato. Invece non è stato così, visto che, in mancanza di un dato numero di volontari predestinati, si è messo in moto il meccanismo di ricorso al fondo esuberi, che prevede l obbligatorietà prima esclusa, quale strumento di pressione per esigere e arrotondare il budget dei "volontari" ( si fa per dire) al macero. E nell'articolo lo stesso Micheli continua ad ipotizzare il ricorso all'bbligatorietà: sulle regole non tratto, manda a dire senza contradditorio. - inaccettabile infine che si voglia infrangere il principio di solidarietà intergenerazionale fra attivi e pensionati a proposito della Cassa Sanitaria, facendo così ricadere sulla categoria debole e più esposta al ricorso del servizio sanitario gli inevitabili disavanzi. Si domanda retoricamente il Dr. Micheli: "come si può chiedere agli attivi di utilizzare i loro versamenti per ripianare eventuali disavanzi dei pensionati?" Provi il Dr. Micheli a porsi in senso civico ed etico, la seguente domanda : come chiedere oggi ai pensionati (gli attivi che ieri hanno versato i loro contributi anche per i pensionati della loro giovinezza lavorativa) di rinunciare alla solidarietà degli attivi di oggi (i pensionati di domani)? Si consulti per la risposta con il Suo Presidente, Prof. Giovanni Bazoli che nei suoi excursus conferenziali richiama spesso (sarà sincero?) l etica e la solidarietà cattolica. O con il cardinale Tettamanzi, che invece di questo fà un credo. A questo punto penso proprio che tanto manager si meriti l'abi, e così da quell'alto pulpito potrà meglio far valere le " sue non negoziabili regole" su tutto il sistema bancario. Il prof Ichino, neo nominato senatore nella lista PD, ha sostenuto con decisione il concetto che il lavoratore singolo o in gruppo, utilizzando al meglio l intelligenza singola o collettiva debba fare la scelta giusta per un imprenditore giusto. La scelta = forza è il suo nuovo verbo. La scelta da parte del mondo del lavoro se fatta bene sull imprenditore buono significa escludere quello cattivo. E per supportare questa tesi cita gli errori sindacali a proposito del caso attuale Alitalia e del vecchio caso Alfa Romeo di Arese, quando, secondo lui, la scarsa intelligenza del lavoro escluse il possibile intervento della Nissan, per far posto alla FIAT. E così Air France è scappata e la Nissan in Inghilterra paga i suoi il doppio che non la FIAT in Italia. Ho fatto presente all illustre Professore che la sua visione è assolutamente teorica, seppure suggestiva: un sogno, un enunciazione fine a se stessa. Come si possono infatti mettere sullo stesso piano di forza, di potere decisionale e di governance il soggetto debolissimo del Lavoro, oberato da problemi di salario, di precariato, di scarse tutele anche sul piano della sicurezza e non solo, e l Impresa? E quindi come è possibile questa scelta = forza che lui evoca?

4 Noicomit 4 Luglio 2008 E per passare dai sogni alla realtà gli ho ricordato, come Presidente dell Anpecomit e della FAP, che le migliaia di bancari costretti fuori dal lavoro, a tutto vantaggio degli utili e dei premi di cui sopra (Micheli), non sono allegri e gioiosi lavoratori finalmente felici ed appagati per aver scelto il giusto imprenditore. Tutt altro! Conclusione: - per Ichino. Proporre suggestioni va bene, Professore, ma qualche sua autorevole parolina di critica al sistema confindustriale, aziendale, bancario etccc MAI?. Non è facile glielo riconosco per chi per sua legittima stimata e capace professione difende, in tutte le sedi giudiziare previste, la controparte forte, non certo i lavoratori. - per Micheli. La regola del 50enne a riposo forzato per lui non vale perché ritiene di essere il depositario, dopo la folgorazione sarda del 94 sulla via degli ESU- BERI, della verità e dell esigenza di farla applicare senza trattative? O non pensa invece che anche per lui siagiunta l ora di lasciare spazio a nuove leve? Sperando che i nuovi si pongano delle riflessioni sulle tesi, ora imperanti purtroppo, delle mani libere alle aziende su tutto e su tutti, che si traducono in pratiche gestionali ciniche e visioni solamente mercantili e lontane un mondo da un mondo solidale e meno diseguale. Riflessioni che inducano a gestioni più vicine alla relazione, alla formazione, alla condivisione e al concetto sociale del profitto (caro a Raffaele Mattioli). Antonio Maria Masia Roma ATTIVITA DI SOSTEGNO ALLA SOLUZIONE DELLE PROBLEMATICHE DI CATEGORIA Recupero (4% e 12,50%) delle maggiori imposte applicate dal Fondo Pensioni sulle somme capitalizzate a favore dei titolari della pensione del Fondo PensioniComit, rispetto a quelle previste dalla legge tributaria: sono pertanto esclusi i casi relativi agli ex dipendenti che hanno incassato gli zainetti, gli esodati e ogni altra controversia con la Banca ( contestazione del TFR, mancato riconoscimento di altri diritti, ecc. ). Si è per ora deciso di iniziare con una o due pratiche pilota per capire come è meglio muoversi, almeno sino alla conclusione della fase amministrativa, prima di coinvolgere molte più persone. A tempo debito torneremo in argomento con le istruzioni dettagliate che ciascun ricorrente dovrà seguire per iniziare la pratica di rimborso; si prega di evitare telefonate o invio di che al momento non troverebbero risposte definitive. Per ora è indispensabile richiedere al Fondo la dichiarazione dei contributi versati e di tenere a disposizione eventuali altri documenti afferenti il pregresso rapporto di lavoro (statini di stipendio, Ecocert, estratto c/ INPS o altro). Recupero interessi per ritardato accredito zainetti a favore dei colleghi andati in esodo: dopo un primo tentativo di resistenza, il Fondo ha liquidato un importo medio di poco meno di Euro a oltre 400 soci che hanno inoltrato le relative richieste. Liquidazione plusvalenze a favore dei pensionati del Fondo ante 98, ai 98/99, agli attivi: finalmente a distanza di ben 20 mesi dalla erogazione del saldo della parte ritenuta ordinaria della ex pensione del Fondo, e dopo nostre ripetute richieste (compresa la petizione di fine 2007, a firme di circa 200 nostri soci pensionati, al Presidente del Tribunale di Milano ed alla Covip) i Liquidatori del Fondo, informando le Fonti Istitutive, hanno deciso di procedere alla distribuzione, a titolo di ACCONTO, di una parte della quota residua ritenuta straordinaria (plusvalenze) ricavata dalla cessione del patrimonio del Fondo. Nei giorni scorsi è giunta a tutti una lettera del Fondo pensioni che preannunciava l accredito, in conto plusvalenze: - del 35% di quanto specificato ( orientativamente ) nella precedente lettera datata 4 settembre 2006, ai pensionati ante di quasi l intero (siamo nell ordine del 90%) ai pensionati Gli accrediti sono stati effettuati il 26 maggio con valuta 23/5. Nella sottostante tabella abbiamo cercato di fare un raffronto tra quanto percepito in linea capitale liquidato ( fatto 100) e acconto plusvalenze ( mediamente pari all 80%) : Pensionati ante 1998 Cap. Liquidato 100 Plusvalenze 80 Plusv. Erogate 35% di Tot. 128 Ragazzi Cap. Liquidato 74,30 (100-25,70) Plusvalenze 59,44 (80% di 74,30) Plusv. Erogate 53,50 il 90% di 59,44 Tot. 127,8

5 Luglio Noicomit I due diversi conteggi portano comunque allo stesso risultato: in realtà il Fondo ha inteso allineare le due categorie di pensionati. In altre parole se in questo momento dessimo come vinto il ricorso in cassazione dai ragazzi 98-99, o fosse applicato l art.27 dello Statuto, tutti i pensionati si troverebbero ad aver avuto lo stesso trattamento. Abbiamo anche saputo, da esponente del Fondo, che sarebbero bastati 80 milioni di (cifra vicina a quella da noi stimata) per sanare la situazione di tutti i circa 1300 pensionati Orbene, se teniamo conto dei 55 milioni (bloccati a favore Beni Stabili) poi interamente svincolata e dei 20 milioni di interessi maturati nel 2006 (altri 20 nel 2007), importi non compresi nel monte plusvalenze, si sarebbe potuto effettuare la sanatoria senza intaccare il monte sopravvenienze. No comment! Ritardato pagamento della liquidazione della parte ordinaria della pensione: Ragazzi del 98/99: a seguito di nostro intervento per il tramite dell avv. Mazzucchi, tutti coloro che hanno avuto ritardo per motivazione diverse rispetto alle date di erogazione del secondo acconto (giugno 2006) e terzo acconto (ottobre 2006), hanno ricevuto, in data 23/5/2008 valuta 19/5, l accredito degli interessi di ritardato pagamento, che i Liquidatori avevano annunciato entro il La cifra comprende anche gli interessi sugli interessi per l ulteriore ritardo. Precisiamo che il calcolo è stato eseguito sul capitale residuo lordo e che gli interessi, pare, siano stati assoggettati a ritenuta d acconto, il nostro legale ha subito provveduto a chiedere delucidazioni su tale detrazione fiscale. Causa Ragazzi 98/99 : la Corte d Appello di Milano il 18/3 ha riformato quella di 1 grado (Giudice Di Leo) a noi favorevole. Questo il punto espresso dai nostri Legali che condividiamo: si tratta di decisione invero sorprendente per la sua pochezza e per la intrinseca contraddittorietà: dal dato di fatto iniziale della inesistenza di un qualsiasi accordo delle fonti istitutive antecedenti il gennaio 2008 si arriva alla conclusione che, viceversa un tale accordo, magari verbale (sic!) in realtà sarebbe desumibile dalla successione degli eventi; con la conseguenza che non sarebbero maturati i famosi diritti quesiti. Un ricorso per cassazione, dunque, potrebbe anche avere successo... Sono già state impartite le necessarie istruzioni. Abbiamo avuto 144 adesioni sui 145 partecipanti alla causa. La notifica, che a detta dell avv. Ichino, doveva essere imminente, non è ancora avvenuta, comunque ricordiamo che i termini di legge per presentare il ricorso sono di 60 gg., saremo sicuramente pronti. Ricostituzione pensione: riguarda i colleghi, che a suo tempo hanno subito i controlli fiscali per i contributi foresteria e trasferimento. Gli stessi dovrebbero aver ricevuto, a suo tempo, da Banca Intesa un prospetto intitolato sistemazione pratica contributo differenza canone di locazione e/o indennità di trasferta. Potete comunque telefonare a Banca Intesa Uff. Normativo e Contenzioso del Lavoro n (7579) (7479) sigg. Stefani o Fascia, per verificare l esistenza di eventuali versamenti ed in caso ottenere copia del prospetto. Tale documento è da allegare al mod. Ricostituzione della Pensione da richiedere (anche via internet) all INPS, compilare e poi presentare all Ente stesso. Plusvalenze zainetti: causa in corso da parte dei colleghi entrati in fondo esodo nel 2003/2004, colleghi che hanno avuto anticipazioni per la 1 casa o per problemi di saluti, colleghi ceduti ad altri Istituti. La causa a nome di 588 nominativi e patrocinata dagli avvocati Pileggi, Civitelli e Fasano è stata depositata ed aspettiamo la fissazione della 1 udienza. Ultima nota: finalmente hanno distribuito un acconto sulle plusvalenze che sono venute alla luce anche grazie e per merito della nostra determinata e trasparente azione di contrasto allo scioglimento ingiustificato ed illegittimo di un Fondo. Che dato per spacciato valeva oro. Francesco Basilico (ha collaborato Mario Auterio)

6 Noicomit 6 Luglio 2008 L intervento di Antonio Maria Masia all Assemblea Annuale dell Associazione Pensionati del Banco di Napoli Care amiche e cari amici dell Associazione Pensionati del Banco di Napoli un caro saluto a tutti. E grazie di cuore ai Responsabili della Vostra prestigiosa Associazione per essere qui in occasione della Vostra Assemblea annuale. Questo incontro mi dà l opportunità e l onore di poter dire alcune cose che ritengo importanti e utili in nome dell Associazionismo in genere ed in particolare a sostegno delle nostre Associazioni e di quella Federale. Sono Presidente dell AnpeComit, nata e per riannodare i rapporti di amicizia e conoscenza fra i colleghi ex Comit, ed anche per difenderci da una crescente aggressione di Banca Intesa e del sistema in genere. Esperienza che ci accomuna. Siamo l equivalente della Vostra Unione Pensionati Banco di Napoli, seppure non ancora al Vostro livello di organizzazione e di efficienza: basta leggere il Vostra giornale Senatus per apprezzare l importanza del compito di servizio che Vi siete assegnato. Alto servizio a favore di migliaia di colleghi che i Vostri rappresentanti fanno tutti i giorni e con assoluto spirito di volontarietà. Compito che, come dico spesso ai miei colleghi, va riconosciuto e sostenuto con partecipazione, perché essenziale al fine di perseguire non solo l obiettivo emotivo di sentirsi parte di un categoria e di un gruppo che professionalmente deriva dalla stessa azienda, ma anche per poter difendere efficacemente interessi e diritti acquisiti in anni di lavoro. Difesa e baluardo, particolarmente importati nell epoca di non attività della nostra vita, quella più esposta ai disagi di rappresentanza, di salute e di capacità individuale di reazione. Vedete amici, l importanza di stare uniti in una società che ha sempre più una visione sociale cinica e mercantile del presente e del futuro è assolutamente indispensabile e determinante. Oggi tutto funziona e si muove in nome del PRO- FITTO. Dei superpremi defiscalizzati ai manager, dei maggiori dividendi da distribuire agli azionisti. E tutto ciò con il camuffamento del bene comune, della solidarietà intergenerazionale e del motto che più si produce e più c è benessere per tutti. NON e così!. Così ci fanno passare per i fessi richiamati dal vostro Mario De Bonis quando ieri ci ha recitato, da par suo, le poesie del grande Eduardo. Il cosiddetto libero mercato crea ingiustizie e disuguaglianze inaccettabili. E fra le tante vittime del sistema ci siamo noi PENSIONATI, che ISOLATI saremmo ancor più vittime della disuguaglianza e socialmente abusati, perché appunto deboli e individualmente non reattivi. Finito il nostro periodo attivo diventiamo immediatamente PASSIVI. Non più funzionali alle Istituzioni (tranne che per il voto), ai Sindacati che appena fuori dal mondo del lavoro ci scaricano, e ovviamente alle aziende di provenienza e riferimento. Ed allora oggi più che mai le nostre Associazioni direttamente devono rispondere alle grandi concentrazioni di potere del sistema bancario in particolare. Ma la risposta deve essere anche indiretta e più organizzata e compatta attraverso la FEDERAZIONE delle Associazioni che in questo momento io rappresento come Presidente, con il supporto prezioso del Vostro Carlo Della Ragione nel ruolo di Vicario e del Vice Presidente Sergio Fisco (Banco di Sicilia) quì presente. E voglio dunque richiamare in questa sede i grandi temi che la FAP ha scelto nell ambito della progettazione della sua attività e che ho elencato nella mia lettera ai Presidenti delle Associazioni all inizio del mio mandato e che trovate anche sul Vostro giornale Senatus, all interno di uno spazio Mondo Fap che ogni Associazione dedica all attività comune. Il tema della pensione in generale la cui capacità di tenuta del potere d acquisto va difesa e rafforzata da continue aggressioni, come l ultima relativa al blocco della perequazione per le pensioni otto volte superiori al minimo sociale. Le pensioni integrative tutte rimesse in discussione da appetiti immobiliari e aziendali. Le Casse Sanitarie e i sistemi di assistenza sanitaria ai pensionati con il pervicace ed insano tentativo di infrangere il sacrosanto principio di solidarietà intergenerazionale fra attivi e pensionati. Ed infine tutte le complicate tematiche, di carattere fiscale, burocratico e giuridico derivante dalle grandi e confuse operazioni di concentrazione del sistema (ESODI), che hanno visto e vedono migliaia di lavoratori ancor giovani spinti fuori dal mondo del lavoro. Mentre media e politici si riempiono la bocca dello specchietto incentrato sul cosiddetto necessario allungamento dell attività lavorativa. A queste tematiche stiamo lavorando con grande determinazione, pur nella ristrettezza di mezzi e di tempo, per tentare di dare a problemi comuni soluzioni ed alternative comuni. Il tutto nell ambito di una consapevolezza culturale e civile da difendere e diffondere: il Pensionato è una risorsa non un problema. Grazie per la vostra accoglienza ed attenzione. (Antonio Maria Masia - Napoli )

7 Luglio Noicomit LA BANCA COMMERCIALE ITALIANA A CURA DI ANTONIO MARIA MASIA (SECONDA PUNTATA) Durante e dopo la guerra la BCI continua la sua crescita estera rimanendo fedele alla propria innata vocazione internazionale. Nel 18 crea la BCI Francia a Parigi, poi si muove su Vienna, Praga, Ungheria, Istanbul, fonda la BCI Bulgara destinata a diventare uno dei più grandi Istituti di quel paese. Controlla insieme a Paribas la SUDA- MERIS, nel 20 ecco la Banca Ungaro- Italiana di Budapest, la BCI per l Egitto e la Grecia negli anni 21 e Giuseppe Toeplitz 28. Nel 25 normalizza i suoi rapporti finanziari con gli USA dopo che nel 24 aveva creato la BCI Trust Co. di New York, nel 26 Boston e Filadelfia, nel 26/ 27 Polonia. Nel 33 nonostante l autarchia che riduce gli scambi di merci e capitali controlla 11 affiliate estere ed ha partecipazioni di peso in altre Istituzioni bancarie straniere. All interno, superata la crisi degli anni 20/ 21 l economia riprende un altro lungo percorso di crescita sino alla ri- Banca Commerciale Italiana e Rumena - Bucarest valutazione della lira del 26. Nel contesto la Comit, sotto Toeplitz, si distingue specie nell assistenza e supporto allo sviluppo di aziende importanti quali la Terni, la Sip, la Breda, Montecatini, Orlando, Mira Lanza, Snia Viscosa, Dalmine, Franchi Gregoriano, Marzotto, Crespi, Chatillon. Nel 26 Mussolini, abbagliato da sogni di autarchica gloria introduce la famosa quota novanta di rivalutazione della lira fissando appunto in 90 (ex 150) lire il cambio per sterlina, lo stesso cambio esistente al tempo della marcia su Roma. La realizzazione della quota novanta, che voleva essere il preludio alla stabilizzazione della lira e alla rein troduzione della convertibilità in oro della moneta, comporta però un forte fenomeno di deflazione che incide ovviamente e negativamente sulla domanda di investimento e sull occupazione. Le imprese hanno difficoltà a rispettare gli obblighi assunti con le banche per finanziare gli investimenti espansivi del periodo precedente e sono costrette a cedere in molti casi le proprie azioni alle banche stesse a garanzia delle Sede di Costantinopoli esposizioni. La BCI a questo punto, quale grande banca finanziatrice, si trova ad essere fra le più esposte agli effetti negativi della congiuntura. Sul finire del 29 si apre una grave crisi a livello mondiale. Da noi, a maggior ragione, la crescita rallenta vistosamente e la borsa subisce un primo duro contraccolpo dal crack di Wall Street. Le imprese, che si stavano appena riprendendo dagli effetti della politica deflattiva del 26/ 27, vedono contrarsi di nuovo affari e redditività. Si affidano ancora ed inevitabilmente alle banche, che non possono esimersi di fronte alle ulteriori richieste di aziende delle quali, come abbiamo visto, dispongono ormai dei pacchetti azionari di controllo, rischiando di conseguenza il coinvolgimento nell eventuale fallimento di queste. Banca Commerciale Italiana e Si gonfia così il Bulgara - Sofia portafoglio azionario della BCI. A fronte, una non corrispondente crescita dei depositi ed una ereditata sottocapitalizzazione che la costringono, per non precipitare nell insolvenza, al ricorso al credito ed alle anticipazioni dell Istituto d emissione ed all indebitamento a breve sull estero.

8 Noicomit 8 Luglio 2008 La seconda metà del 30 vede l aggravarsi della crisi bancaria negli USA che accelera la fuga dei capitali americani dall Europa. A ruota numerose le banche europee, austriache (Creditanstalt di Vienna) tedesche ed italiane, compreso il Credito Italiano ed il Banco di Roma in difficoltà irreversibili. La Comit riduce gli stipendi dei dipendenti tra il 12% e il 15%. Ma non serve a niente l orgoglio di Toeplitz che dal 1925 si avvale della collaborazione preziosa ed illuminata del trentenne RAFFAELE MATTIOLI di Vasto, già Segretario della Camera di Commercio di Milano, a farcela da solo. Siamo alla gravissima crisi del 31/ 33 del modello operativo di banca mista della quale la BCI è l esempio maggiore. In questo periodo attraverso diverse e drammatiche fasi negoziate con la Banca d Italia e con il Governo, per mezzo del suo ministro Alberto Beneduce, da Toeplitz e soprattutto da Mattioli, la Banca è costretta a cedere prima i pacchetti di controllo delle aziende nel suo portafoglio in cambio di liquidità e poi il suo stesso capitale. Nasce così, imposto da Beneduce, l Istituto per la Ricostruzione Industriale I.R.I. che diventa l azionista di maggioranza non solo della Comit ma anche del Credito Italiano e del Banco di Roma. I tre Istituti assumono la denominazione di banche d interesse nazionale. L IRI si assume la responsabilità per il finanziamento a lungo termine delle grandi imprese nel nuovo contesto di specializzazione che verrà codificato nella legge bancaria del 36 che impone precisi ruoli e paletti agli intermediari bancari. Fine della seconda puntata (continua) TEMPO Ma che cos è il tempo? Intanto è quello che ti manca sempre, soprattutto per fare le cose meno gradite. Diciamocelo: quando non vogliamo fare qualche cosa è facile giustificarsi con un bel: Mi spiace, ma non ho tempo! Poi c è il tempo da cani. Perché da cani e non da gatti, forse che i gatti non si bagnano ed i cani sì? Ecco, ci sono: è un tempo da cani perché chi ha un cane, e non ha un giardino, deve per forza uscire per fargli fare i suoi bisognini, con il bello o il brutto tempo. Tempo meteorologico: gli inglesi sono maestri nell utilizzarlo nei discorsi. Avvantaggiati dal clima variabile della loro isola, è fonte di innumerevoli spunti di conversazione, tanto da indurli ad avere due differenti parole per il tempo orario (time) e quello climatico (weather). Loro sì che fanno piovere cani e gatti. C è poi il tempo delle mele. Se parliamo del frutto non ha significato, in quanto c è tutto l anno. Se invece parliamo del film, allora ci emozioniamo ricordando i primi amoretti, i batticuori, la mano nella mano, le stucchevoli poesie che scrivevamo e gli urlacci dei genitori se tornavi a casa con cinque, dico cinque minuti di ritardo!. Questo tempo non ha senso per i ragazzini di oggi che godono di una libertà di azione e di orari a noi sconosciuta. Passiamo al buon tempo antico. No, è meglio lasciar perdere perché se incomincio anch io a blaterare Ai miei tempi. vuol proprio dire che sono vecchia. Alt! non di deve dire vecchia, è una parola tabù, bisogna assolutamente dire anziana, pena sguardi di odio dei tuoi amici di pari generazone. Vogliamo parlare del tempo di Einstein? Lui sì che era un genio; riusciva a farsi comprendere anche da noi studenti con quell intuitivo paragone spaziotempo: il treno viaggia con i passeggeri a bordo e le persone a terra che lo vedono transitare: bellissima esemplificazione di due tempi diversi! Solo che, già allora, non avevo ben capito il percorso del treno e quindi in quali stazioni dovessi andare per vederlo passare. Però bello eh! Se invece vogliamo mostrarci acculturati, possiamo lanciarci in una dissertazione sui tempi verbali filosofando su passato, presente, futuro e, eventualmente, condizionale. Il congiuntivo non lo prenderei in considerazione dato che ormai lo si trova solo più in autori tipo Pico della Mirandola, Dante o Manzoni (quello che nei ritagli di tempo andava a sciacquare i panni in Arno, anche se a vederne il ritratto mi pareva persona poco adatta a tali lavori); da fonti ben informate ho saputo che verrà trasmesso in TV un format dal titolo Il congiuntivo, questo sconosciuto. Il tempo musicale fa bella mostra di sé prima delle note sul pentagramma: gavotta, polka, valzer, lento, adagio, veloce, ad libitum Ogni indicazione, ogni frazione (3/4 7/8 ecc.) indicano un ritmo, una cadenza che compie il miracolo di trarre la magia della musica da solo sette piccole note. Per concludere rivolgo un doveroso pensiero a tutti gli amati-odiati orologi che con il loro tic-tac hanno scandito a lungo il tempo delle nostre ore liete o tristi. Un poco mi manca quel ticchettio, tanto simile al battito del nostro cuore, ma infernale nel silenzio della notte. Ora è sostituito dalle silenziose pile, e le lancette dei secondi e dei minuti dai numeri e dobbiamo anche fare attenzione se siano AM o PM (ma non è più facile con le 24 ore?). Una cosa però resiste, fedele nei secoli: il segnale orario dall Istituto Galileo Ferraris di Torino che regola tutti gli italici tempi (caro vecchio uccellino della Rai!) e che mi ha detto or ora è tempo di chiudere e dire ciao. Mi ha anche suggerito il mio motto per il futuro: Non vogliamo fermare il tempo, solo bloccarne gli effetti collaterali. Perciò, dato che tempus fugit, do tempo al tempo sino alla prossima. Piera Favetto

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti Presentazione Diventare genitori è sicuramente un immenso dono di Dio, da accogliere con partecipazione e buona volontà. Purtroppo nessuno insegna ad una coppia di neo-genitori come educare i propri figli;

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO SOTTOLINEA IN NERO LE VOCI VERBALI AL CONGIUNTIVO E IN ROSSO QUELLE AL CONDIZIONALE Che cosa faresti se vincessi al totocalcio? Sarebbe opportuno che prendessero una decisione

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

1 Completate il cruciverba.

1 Completate il cruciverba. Esercizi 1 Completate il cruciverba. Orizzontali 1. Giulia scrive messaggini a tutti con il... 2. Che bello... gli amici! 3. Amo... lezione d italiano. 4. Il primo giorno di scuola conosco nuovi... Verticali

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù Poesia della mia prima elementare Sebbene faccio la classe prima Non mi è difficile parlare in rima, teco l augurio che il cuor mi detta

Dettagli

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA CAPITOLO XXVII IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA ENTRATO IN POSSESSO DI MANTOVA E DEL MONFERRATO,

Dettagli

Politica: la voce dei giovani

Politica: la voce dei giovani Politica: la voce dei giovani m a r e a p e r t o La cupola trasparente del Bundestag (Berlino) sede del parlamento federale tedesco. È completamente trasparente: con la ricostruzione tedesca e dopo due

Dettagli

Cristina Volpi BANDITI IN AZIENDA. La nobile arte di sabotare gli altri rovinando se stessi

Cristina Volpi BANDITI IN AZIENDA. La nobile arte di sabotare gli altri rovinando se stessi Cristina Volpi BANDITI IN AZIENDA La nobile arte di sabotare gli altri rovinando se stessi INCENDI FRA CENTRO E PERIFERIA 6 «Visto i giornali di oggi?» esordì Marco Cantelli con i suoi due assistenti.

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

1 Completate con i verbi dati. 2 Completate le frasi. 3 Completate la domanda o la risposta.

1 Completate con i verbi dati. 2 Completate le frasi. 3 Completate la domanda o la risposta. 1 Completate con i verbi dati. parlate partono preferiamo abitano pulisce lavora sono vivo aspetto 1. Stefania... tanto. 2. Io... una lettera molto importante. 3. Tu e Giacomo... bene l inglese. 4. Noi...

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Illustrato da Michele Bettio

Illustrato da Michele Bettio Da una conversazione avvenuta in viaggio Simona: Sai Giorgio, sono stata ad una conferenza di Eugenio Perazza, fondatore di Magis Design. Ha raccontato una bella storia, si intitola Martino Testadura.

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!!

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! Test your Italian This is the entrance test. Please copy and paste it in a mail and send it to info@scuola-toscana.com Thank you! BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! TEST DI INGRESSO Data di inizio del corso...

Dettagli

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA Grazie. Dirò anche due cose su Venezia, impiegherò dieci minuti. Fatemi ricominciare riprendendo da dove ci siamo fermati questa mattina. E difficile per una persona che per

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe Nei giorni 11 e 12 aprile sono andata in gita scolastica a Venezia. Prima di questo viaggio, nel mio immaginario, Venezia era una città triste,

Dettagli

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili.

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili. Testimonianza presentata al Convegno Amministrazione di sostegno e Volontariato svoltosi a Bologna il 14 ottobre 2011 Avvocato Carla Baiesi, Amministratore di Sostegno Mi è stato chiesto di dare al mio

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel?

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel? Solo un bambino... Che cosa era successo a Gabriel? Era arrivato a St. Cloud con un breve destino già scritto, crudele, di orfano. Avrebbe abitato dalla zia, l anziana signora Mitchell, la vecchia maestra

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016 Ci vuole tutta una città per.....il musical Cari tutti, piccoli e grandi. Questa lettura e questo invito sono per ciascuno

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

SOLEGGIATE ADOZIONI FORTUNATE!

SOLEGGIATE ADOZIONI FORTUNATE! Associazione Canili Milano Onlus www.canilimilano.it Tel 338/83.60.753 e-mail info@canilimilano.it C/C BANCARIO Canili Milano BANCA SELLA, Viale Monte Nero Filiale F5- Milano IBAN IT 39 L 03268 01604 052847586490

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano GABRIELLA tanti master,

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

La strada che non andava in nessun posto

La strada che non andava in nessun posto La strada che non andava in nessun posto All uscita del paese si dividevano tre strade: una andava verso il mare, la seconda verso la città e la terza non andava in nessun posto. Martino lo sapeva perché

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO Io racconto, tu mi ascolti. Noi ci conosciamo Istituto comprensivo n.8 ( Fe ) SCUOLA PRIMARIA DI BAURA Classe seconda Ins: Anna Maria Faggioli, Marcello Gumina, Stefania Guiducci.

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

St. Nicholas College. Boys Secondary Naxxar Half-Yearly Examinations February 2014. FORM 3 (First Year) ITALIAN Time: 1 h 30 mins

St. Nicholas College. Boys Secondary Naxxar Half-Yearly Examinations February 2014. FORM 3 (First Year) ITALIAN Time: 1 h 30 mins St. Nicholas College Boys Secondary Naxxar Half-Yearly Examinations February 2014 BS Naxxar FORM 3 (First Year) ITALIAN Time: 1 h 30 mins Name Class A. Grammatica / Funzioni / Lessico: 15 punti 1. Metti

Dettagli

ΟΝΟΜΑΤΕΠΩΝΥΜΟ ΜΑΘΗΤΗ/ΤΡΙΑΣ: ΤΟ ΕΞΕΤΑΣΤΙΚΟ ΔΟΚΙΜΙΟ ΑΠΟΤΕΛΕΙΤΑΙ ΑΠΟ ΕΠΤΑ ( 7) ΣΕΛΙΔΕΣ

ΟΝΟΜΑΤΕΠΩΝΥΜΟ ΜΑΘΗΤΗ/ΤΡΙΑΣ: ΤΟ ΕΞΕΤΑΣΤΙΚΟ ΔΟΚΙΜΙΟ ΑΠΟΤΕΛΕΙΤΑΙ ΑΠΟ ΕΠΤΑ ( 7) ΣΕΛΙΔΕΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ 2011-2012 Μάθημα: Iταλικά Επίπεδο: 3 Διάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία:

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

G igi si sveglia tutto eccitato perché sa che lo aspetta una lunga

G igi si sveglia tutto eccitato perché sa che lo aspetta una lunga Sogno di una vacanza d estate G igi si sveglia tutto eccitato perché sa che lo aspetta una lunga giornata di divertimento assoluto, insieme agli amici Michele, Carlo, Anna e Raffaele che ha trovato in

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

E quindi un emorragia di cervelli

E quindi un emorragia di cervelli Intervistato: Angelo Colaiacovo, Sindaco di Aliano Soggetto: prospettive per i giovani, Parco Letterario Carlo Levi, vivibilità di Aliano Luogo e data dell intervista: Aliano, agosto 2007 Audio file: Colaiacovo_2

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto.

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto. 1. La Mafia ormai sta nelle maggiori città italiane dove ha fatto grossi investimenti edilizi, o commerciali e magari industriali. A me interessa conoscere questa accumulazione primitiva del capitale mafioso,

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Le abilità sociali e le regole. La scuola diventa autorevole

Le abilità sociali e le regole. La scuola diventa autorevole Le abilità sociali e le regole La scuola diventa autorevole Il perché delle regole e delle abilità sociali? Le abilità sociali permettono di mettere in atto tutti quei comportamenti che fanno sì che si

Dettagli