M E D I T E R R A N EA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "M E D I T E R R A N EA"

Transcript

1 MEDITERRANEA

2 Rivista annuale fondata da Francesco Roncalli diretta da Filippo Delpino * Comitato scientifico Maria Giulia Amadasi Marìa Eugenia Aubet Sandro Filippo Bondì Dominique Briquel Giovannangelo Camporeale Giovanni Colonna Carlo de Simone Françoise Gaultier Dieter Mertens Annette Rathje Francesco Roncalli Redazione Laura Ambrosini Vincenzo Bellelli Massimo Botto Ida Oggiano Giorgia Rubera (Segretaria) * «Mediterranea» is an International Peer-Reviewed Journal. The econtent is Archived with Clockss and Portico.

3 MEDITERRANEA quaderni annuali dell istituto di studi sulle civiltà italiche e del mediterraneo antico del consiglio nazionale delle ricerche già «quaderni di archeologia etrusco-italica» xi 2014 pisa roma fabrizio serra editore mmxiv

4 Amministrazione e abbonamenti Fabrizio Serra editore Casella postale n. 1, Succursale n. 8, i Pisa, tel , fax , I prezzi ufficiali di abbonamento cartaceo e/o Online sono consultabili presso il sito Internet della casa editrice Print and/or Online official subscription rates are available at Publisher s website I pagamenti possono essere effettuati tramite versamento su c.c.p. n o tramite carta di credito (American Express, Visa, Eurocard, Mastercard) * Autorizzazione del Tribunale di Pisa: n. 21/08 in data 1 ottobre 2008 Direttore responsabile: Filippo Delpino * Sono rigorosamente vietati la riproduzione, la traduzione, l adattamento, anche parziale o per estratti, per qualsiasi uso e con qualsiasi mezzo effettuati, compresi la copia fotostatica, il microfilm, la memorizzazione elettronica, ecc., senza la preventiva autorizzazione scritta della Fabrizio Serra editore, Pisa Roma. Ogni abuso sarà perseguito a norma di legge. Proprietà riservata All rights reserved Copyright 2014 by Fabrizio Serra editore, Pisa Roma Fabrizio Serra editore incorporates the Imprints Accademia editoriale, Edizioni dell Ateneo, Fabrizio Serra editore, Giardini editori e stampatori in Pisa, Gruppo editoriale internazionale and Istituti editoriali e poligrafici internazionali. * issn issn elettronico

5 SOMMARIO studi e ricerche a tarquinia e in etruria atti del simposio internazionale in ricordo di francesca romana serra ridgway tarquinia, settembre 2010 a cura di maria donatella gentili e lorella maneschi parte ii Judith Swaddling, Susan Woodford, Lokrian Ajax and the new face of Troilos: the Troilos mirror in the British Museum 11 Ingrid Edlund-Berry, Etruscan mouldings and Tarquinian sarcophagi 27 Giovanna Bagnasco Gianni, Lo specchio della tomba 65 del Fondo Scataglini e la questione dell apoteosi di Hercle a Tarquinia 41 Federica Chiesa, Scene di una battaglia eroica. Lastra fittile con guerriero combattente dal complesso monumentale di Tarquinia 63 Maria Donatella Gentili, I sarcofagi dall area di Villa Tarantola: esemplari inediti e nuove osservazioni 79 Maria Bonghi Jovino, Sui rapporti Tarquinia-Tuscania. Spunti di ricerca e implicazioni culturali 97 Giovanni Colonna, Tra Etruria e Roma: storia di una parola (e forse di un istituzione) 123 Nancy T. de Grummond, The cult of Lur: prophecy and human sacrifice? 141 Larissa Bonfante, Conversando con Francesca del tabù del sacrificio umano 153 Maria Cataldi, Le pendici sud-occidentali della necropoli dei Monterozzi. Conoscenza e tutela 163 Lorella Maneschi, Lo scavo in località Madonna del Pianto a Tarquinia 177 Abstracts 213 Recapiti dei collaboratori 217 Sommario generale 219 Norme redazionali 221

6 L LO SPECCHIO DELLA TOMBA 65 DEL FONDO SCATAGLINI E LA QUESTIONE DELL APOTEOSI DI HERCLE A TARQUINIA «a signora a cui il corredo era destinato non sembra aver mai occupato la tomba, che si trovò del tutto priva di resti umani, inumati o cremati»1 così Francesca Romana Serra Ridgway studiando la necropoli del Fondo Scataglini Giovanna Bagnasco Gianni* osservava la singolarità dello specchio (Fig. 1), uno dei pochi raffiguranti l apoteosi di Hercle mediante adozione per allattamento, nel contesto di rinvenimento della tomba 65 (=4883) (Figg. 2-3).2 La sua accurata indagine è preziosa Fig. 1. Specchio 1. * Università degli Studi di Milano. 1 Serra Ridgway 1997, p Serra Ridgway 1986.

7 42 giovanna bagnasco gianni Fig. 2. Planimetria schematica delle tombe scavate nel Fondo Scataglini, in grigio la tomba 65, da Linington-Serra Ridgway 1997, Tav. iv. attribuzioni predeterminate suggerite dalle singole forme.1 Partendo dallo specchio da lei studiato e con il piacere di ritrovare nelle sue pagine il valore e la tenacia della sua pionieristica ricerca, intendo dedicare alla memoria di Francesca Romana il mio contributo sulla questione dell apoteosi di Hercle a Tarquinia e verificarne la Fig. 3. Planimetria e sezione della tomba 65, da Linington-Serra Ridgway 1997, Tav. xviii, particolare. anche perché è una delle prime a valutare il ruolo degli oggetti in base alle loro relazioni reciproche viste nel loro contesto e contenitore architettonico, senza 1 Considerazioni in merito a una procedura che si basi sulla ricerca di confronti contestuali e sulla differenza fra funzione e ruolo degli oggetti: G. Bagnasco Gianni, Introduzione, in Cerveteri. Importazioni e contesti nelle necropoli ceretane, a cura di G. Bagnasco Gianni, Quaderni di Acme 52, Milano, 2002, pp. xiii-xx; Eadem, Archaeology as research engine in the field of cultural heritage. The case of the T.Arc.H.N.A. Project, in Bridging Archaeological and Information Technology Culture for community accessibility (Milan, July, 10-11, 2007), ed. G. Bagnasco Gianni, Roma, 2008, pp , in part. p. 42.

8 lo specchio della tomba 65 e la questione dell apoteosi 43 portata nel più ampio orizzonte tarquiniese, anche alla luce delle indagini in corso nella città. Il contesto (Fig. 4) F. R. Serra Ridgway esprime così la particolarità del contesto in rapporto agli altri della necropoli del Fondo Scataglini: «Il corredo raccolto in questa camera, fra le pochissime rinvenute intatte a Tarquinia, si compone quasi esclusivamente di oggetti di bronzo pertinenti al mundus muliebris e databili uniformemente agli anni intorno al 300 a.c.: attribuibili quindi ad un unica deposizione, di persona forse non dei più alti ranghi, ma certamente non modesta».1 Sono di particolare interesse le annotazioni sul ruolo degli oggetti che vanno oltre la semplice deduzione della loro funzione ricavata in base alle forme. È il caso ad esempio dell insieme della brocca e del bacile considerati recipienti per abluzioni: «Questa funzione appare del resto l unica accettabile per quanto concerne il nostro corredo 4883, che non contiene alcun elemento riferibile ad attività conviviale, bensì tutti oggetti indispensabili alla toeletta femminile, dallo specchio alla scatola per gioielli o cosmetici, agli strigili, all unguentario».2 In questa prospettiva e in attesa di ulteriori confronti contestuali sono le annotazioni su posizioni e condizioni di rin - venimento degli oggetti. Queste fanno escludere ad esempio che il distacco del manico del bacile fosse dovuto a «azione volontaria rituale», infatti: «una parte 1 Serra Ridgway 1997, p. 45; per la pubblicazione del corredo: Serra Ridgway 1996, pp Serra Ridgway 1986, p degli oggetti doveva essere originariamente appesa ai chiodi nelle pareti, e caduta sulla banchina in seguito agli sfaldamenti e crolli della roccia: fra questi quasi certamente il bacile, rinvenuto sulla banchina di fondo e contenente il manico staccato, all interno del quale aderiva, unito all ossidazione, un grosso frammento di ferro ( probably a nail )».3 Gli elementi del corredo sono dunque nuclei associativi che riguardano il mundus muliebris e l insieme funzionale oinochoe bronzea e bacile metallico con ansa ad anello che ricorre nei contesti di un certo tenore, così come il tor ciere.4 Potrebbero contribuire a stabilire il ruolo degli oggetti, nella singolarità di questo contesto, i materiali in osso attentamente valutati da F.R. Serra Ridgway: per i dischetti veniva proposto il confronto con quelli della tomba 94 della stessa necropoli dove sono uniti da un asticella, di solito interpretati come fusi,5 mentre per gli elementi tubolari di dimensioni diverse, a parte l esemplare n. 28 nel quale la Studiosa riconosceva il manico dello specchio, il giudizio rimaneva sospeso. Il cannello troncoconico (n. 29) e quelli sottili (nn. 32 e 33) le avevano infatti suggerito cautela nell attribuirli a conocchie perché diversi da quelle ben riconoscibili di Monte Bibele,6 ove è presente il disco da inserire nell asta. Pertanto, indipendentemente dai motivi che non è dato conoscere, l assenza 3 Linington-Serra Ridgway 1997, p L associazione si discosta dalla norma delle deposizioni di inumati di cui, più in generale, si è occupata F. Chiesa: F. Chiesa, Tarquinia. Archeologia e prosopografia tra ellenismo e romanizzazione, Roma, 2005, pp. 91, Serra Ridgway 1996, p Serra Ridgway 1996, p. 303.

9 44 giovanna bagnasco gianni Fig. 4a. Elementi del corredo della tomba 65, da Serra Ridgway 1996, Tav. cxxxix, cxli.

10 lo specchio della tomba 65 e la questione dell apoteosi 45 Fig. 4b. Elementi del corredo della tomba 65, da Serra Ridgway 1996, Tav. cxxxix, cxli.

11 46 giovanna bagnasco gianni di resti umani e gli oggetti pertinenti esclusivamente al mundus muliebris indicano che lo specchio di questa signora a cui il corredo era destinato deve essere studiato secondo una prospettiva contestuale diversa rispetto a quella in genere applicata ai nuclei tombali veri e propri, ove sono compresi anche oggetti che fanno parte del banchetto. Lo specchio figurato (1)1 Lo specchio a codolo, che F.R. Serra Ridgway data non oltre la metà del iv secolo a.c.,2 è stato recentemente attribuito da L. Ambrosini a fabbrica volsiniese3 e accostato, sulla base di stringenti analogie stilistiche, a un gruppo a suo tempo individuato da E. Mangani, da collocare tra il Gruppo di San Francisco e quello del Maestro di Telefo.4 La scena a quattro personaggi «mostra una sorprendente incongruenza fra la composizione sapiente, evidentemente ispirata a un modello di grande valore, e l incisione sciatta e incompetente, piena di incertezze e autentici errori».6 Elementi cardine della descrizione accuratamente condotta da F. R. Serra Ridgway7 sono: - al centro Uni seduta allatta il giovane Hercle - dietro a Hercle una figura femminile alata, armata di lancia e dotata di uno 1 Da questo numero in grassetto in poi si consulti per i riferimenti la Tab Serra Ridgway 1996, pp L. Ambrosini, Specchi volsiniesi e vulcenti. Contributo ad una definizione preliminare della produzione volsiniese, «AnnFaina», x, 2003, pp , in part. pp e nt. 122 (con bibliografia relativa). 4 Mangani 2002, p Serra Ridgway 1996, p Serra Ridgway 1996, pp scudo sollevato da un volatile, porge una corona o patera - dietro a Uni una figura stante e panneggiata osserva la scena. La scena ricorre su altri tre specchi con provenienze diverse (2-4),7 databili su basi stilistiche al iv secolo a.c., con l unica attestazione da contesto archeologico rappresentata dallo specchio in esame, e su una terracotta orvietana.8 L attenzione è sul superamento della condizione mortale attraverso l atto conclusivo della vicenda eraclea, nella fattispecie dell apoteosi per adozione da parte di Uni, variando età dell eroe, ambientazioni e numero dei personaggi. In uno di questi specchi (4) è stato colto anche un contenuto profetico per la scena di lekanomanzia sull esergo in alto e per la citazione del compimento del destino di Hercle nella targhetta sospesa accanto a Tinia.9 Il tema dell adozione per allattamento è diffuso nel Mediterraneo antico.10 A 17 G. Sassatelli ha proposto per questi specchi una cronologia al iv secolo a.c. in base a confronti stilistici, collocando ai primi decenni del secolo lo specchio da Bologna (2) e nella seconda metà gli altri due (3-4): Sassatelli A. E. Feruglio, Hercle e Uni a Orvieto, in AEIMNH TO. Miscellanea di studi per Mauro Cristofani, Firenze, 2005, pp de Grummond 2000, p. 48. Questa osservazione potrebbe essere avvalorata dai dischetti non ben definibili che tiene in mano il fanciullo alato e accovacciato nell esergo inferiore dello specchio: sia nel caso in cui fossero sortes (Rasmussen 2005, p. 31), sia nel caso in cui fossero uova, il richiamo potrebbe essere alla divinazione e alle attese future dei personaggi raffigurati nel presente della scena (Bagnasco Gianni 2012, p. 294). Per questi fanciulli nell esergo degli specchi e il loro rapporto con Tagete e Vegoia, da ultimo: F. Roncalli, L anello di Vegoia, «Mediterranea», iii, 2006, pp , in part. pp Monaco 1932; C. Jourdain-Annequin, Héraclès et les divinités féminines, in IIe Rencontre

12 lo specchio della tomba 65 e la questione dell apoteosi 47 Fig. 5. Specchio 2. Fig. 6. Specchio 3. partire dall opera di J. Bayet1 la descrizione delle fonti letterarie greche con protagonisti Herakles, di età diverse, e Hera è stata lungamente dibattuta per identità e differenze con quella delle immagini etrusche: le uniche rappresentate in un certo numero a fronte di soli due esempi di area magno greca. Si tratta di due vasi databili prima della metà del iv secolo a.c.: una squat lekythos a figure rosse apula da Anzi (Londra, British Museum) e un cratere a figure rosse falisco (Roma, Villa Giulia).2 héracléenne. Héraclès, les femmes et le féminin, Actes du colloque (Grenoble, octobre 1992), a cura di C. Bonnet, C. Jourdain-Annequin, Bruxelles, 1996, pp , in part. p. 273 e nt. 25; F. Calisti, L allattamento simbolico, «Oebalus», 4, 2009, pp Bayet 1926, pp In seguito, nell ampia bibliografia: A. Stibbe-Twist, Herakles in Etrurien, in Thiasos. Sieben archäologische Arbeiten, Amsterdam, 1978, pp , in part. pp ; Rasmussen 2005, p. 32, nt. 21 e 22; Domenici 2009, pp Fig. 7. Specchio 4. 2 Da ultimo: Rasmussen 2005, p. 36; su una possibile presenza della scena su una kalpis da Vulci erano già stati a suo tempo espressi dubbi: Monaco 1932, p. 174.

13 48 giovanna bagnasco gianni Per verificare la portata di questa particolare apoteosi di Hercle per allattamento pare opportuno esaminare ora anche le altre accuratamente raccolte da S. Schwarz nella voce del limc e nel suo recente aggiornamento.1 Apoteosi di Hercle 1 Schwarz 1990; Schwarz van Kampen 2012; F. Nicosia, M. C. Bettini, Gli avori da Comeana (Firenze), tumulo di Montefortini, tomba a tholos, in Principi etruschi tra Mediterraneo ed Europa, Catalogo della Mostra (Bologna 1 ottobre aprile 2001), Venezia, 2000, pp , spec. nn. 295, 299; Schwarz 2009, p Da ultimo nell ampia bibliografia: V. Bellelli, Un bronzetto etrusco, Cerveteri e le Acque di Ercole, «Mediterranea», iii, 2006, pp ; Schwarz 2009, pp Bayet 1926, pp ; A. Maggiani, Qualche osservazione sul fegato di Piacenza, «StEtr», l (1982), 1984, pp , in part. pp. 79 e 85 (anche per gli spunti inerenti al rapporto con Maris); Massa- Pairault 1998, p Da ultimo con ampia rassegna delle posizioni, a partire soprattutto dalla prima metà del secolo scorso: Domenici Antichità e ampiezza di diffusione della vicenda eraclea sono ormai definitivamente confermate dai rinvenimenti di Veio ( entro il primo quarto del vii secolo a.c.), di Montefortini (640 a.c.)2 e dai suoi santuari disseminati in tutta Etruria,3 tanto da domandarsi quale portata potesse aver avuto la sua apoteosi tra i temi a lui propri circolanti in queste terre. Parimenti l origine di Hercle, unico prestito greco sul fegato di Piacenza,4 si inscrive nel costante e fecondo dibattito riguardante l interpretazione di scene che coniugano personaggi greci e non greci su prodotti etruschi fabbricati e rinvenuti in Etruria. Non essendo qui la sede per affrontare il problema interpretativo a vasto raggio,5 si farà solo un rapido cenno a come si è proceduto nel trattare il tema dell apoteosi di Hercle, secondo una prassi sperimentata in altri casi. Basandosi sulle costanti di associazione e ricorrenze, sembra poter prendere corpo la tesi secondo la quale fattispecie greche possono essere state chiamate di volta in volta a rappresentare situazioni e ruoli genuinamente etruschi il cui collante immaginifico sembrerebbe riconducibile al tronco più autentico della religione etrusca. Esigenza primaria parrebbe la necessità di esprimere il funzionamento della religione etrusca, talché una ricerca di unità di senso e nuclei minimi finalizzati a comporre esclusivamente miti e storie etrusche sembrerebbe potersi ridimensionare.6 6 Per un punto di vista che parte dalla rappresentazione delle forme concrete dell Etrusca Disciplina, volte a interpretare il volere soprannaturale utilizzando personaggi del mito greco, indipendentemente dalla narrazione a essi correlata: G. Bagnasco Gianni, The importance of being Umaele, in Etruscan by Definition, Papers in Honour of Sybille Haynes, eds. J. Swaddling, P. Perkins, mbe, London, 2009, pp ; Eadem, Lettere e immagini: esempi etruschi di parola ispirata, in Corollari. Scritti di antichità etrusche e italiche in omaggio all opera di Giovanni Colonna, a cura di D. F. Maras, Pisa-Roma 2011, pp ; Bagnasco Gianni2012. Importante è la messa a punto di N. de Grummond che dopo aver ridefinito in senso etrusco i concetti mutuati da M. Eliade di mitologema e mitemi, suoi costituenti, (de Grummond 2006, pp. xiii-xiv) passa di fatto all applicazione pratica nell esegesi delle singole situazioni etrusche. Pur rimanendo ancorata al concetto di mito etrusco la Studiosa riesce di fatto a raccogliere unità minime come le teste oracolari, di volta in volta inserite in contesti narrativi e - truschi, così come recentemente riconosciuto (Domenici 2009, p. 58), che prescindono da una ricerca del mito greco d origine: de Grummond Su questa linea, a proposito del tema inerente a Tagete che verrà trattato oltre, recentemente: Roncalli 2010, p. 117.

14 lo specchio della tomba 65 e la questione dell apoteosi 49 1 Massa-Pairault 1998, p Schwarz 1990, nn e pp ; Schwarz 2009, p. 246 e add. 51 (Hercules Triumphalis), Si veda in proposito: J. Boardman, s.v. Herakles, limc, iv, 1988, 1, pp , pp. 122 e 165 (allattamento). 4 Schwarz 1990, nn Ivi, nn Ivi, nn Ivi, nn ; Schwarz 2009, add Schwarz 1990, nn Ivi, n Perciò se in Etruria si può, come pare evidente, parlare di «un tronco religioso comune sul quale si innestano alcune varianti locali»,1 il nucleo minimo riconoscibile dell apoteosi di Hercle poteva funzionare come espressione di un segmento dell Etrusca Disciplina? Per contribuire in qualche modo a rispondere a questa domanda si procederà dunque distinguendo fra contesti narrativi integralmente riconducibili al racconto mitico greco e combinazioni costanti di aspetti greci e etruschi, che potrebbero avere invece veicolato riferimenti simbolici inspiegabili in prospettiva greca. Partendo dunque dai paragrafi che S. Schwarz titola V. Hercle s later life, death and apotheosis, in entrambe le versioni della voce del limc,2 si potrà muovere dalle raffigurazioni sorrette dal racconto mitico greco:3 incinerazione sulla pira sul Monte Oeta;4 viaggio su carro per lo più con Atena;5 introduzione all Olimpo;6 adozione per allattamento da parte di Uni;7 incoronazione all Olimpo da parte di figure femminili,8 di cui fa parte lo specchio con Hercle incoronato da una figura femminile alata (7).9 Alle precedenti sembra tuttavia possibile aggiungere altre scene che nelle due versioni del limc sono distribuite invece nei paragrafi dedicati alla vicenda eraclea in generale e di cui si dirà in seguito: Hercle in scene diverse in cui è denominato Calanice, prestito dall epiteto greco K ÏÏ ÓÈÎÔ (5-7);10 Hercle e il fanciullo denominato due volte Epiur (8-12).11 In queste scene ricorrono inoltre figure che hanno attinenza sia con il trionfo, sia con la divinazione. Nel primo caso si tratta di creature che sembrano aver sostituito in Etruria le Nikai della Magna Grecia,12 come ad esempio Mean,13 epigraficamente attestata, o la creatura alata con patera dello specchio della tomba 65 del Fondo Scataglini, già definita da F.R. Serra Ridgway come Vittoria, che con - tribuisce all intonazione trionfale della scena.14 Nel secondo caso si tratta di Menerva, dea oracolare per eccellenza Oltre alla scena summenzionata dello specchio 7, inserita nel paragrafo V. Hercle s later life, death and apotheosis, le altre scene dove l epiteto compare sono variamente distribuite in altre sezioni: ivi, O. Non-narrative. 8. With Tinas Cliniar (senza n.); Q. Dodekathlon. 1. Nemean Lion (n. 176f ) e 11. Hesperides (n. 259); S. Hercle, other principal adversaries. 12. With Prumathe (n. 316). 11 Le scene sono nella sezione che raccoglie quelle a carattere narrativo : ivi, pp P. Hercle and family life. 3. With Epiur, nn ; Schwarz 2009, add. 46, add. 49; p. 250, 8. Hercle and Tinas Cliniar/ Dioskouroi; p. 260, 9. With Epiur, Mar hercles. 12 de Grummond 2006, pp e Schwarz 1990, p Serra Ridgway 1996, p. 80. Per l associazione fra Hercle e la patera F.H. Massa Pairault propone il confronto con scene figurate del repertorio attico in cui è rappresentata Atena che offre a Hercle il vino dell immortalità in una patera, garantendo a Hercle il suo passaggio all Olimpo (Massa Pairault 2000, pp ). Per un ulteriore associazione fra Hercle e la patera a Tarquinia si vedano le osservazioni di L. Neri su uno specchio molto rovinato: L. Neri, Gli specchi etruschi, Roma, 2002, p Torelli 1986, p. 193; G. Colonna, Note preli-

15 50 giovanna bagnasco gianni Calanice (5-7) L epiteto Calanice, prestito dal greco K ÏÏ ÓÈÎÔ, ovvero dalla bella vittoria è acquisito da Herakles dopo la sua assunzione all Olimpo, sin dalla prima circolazione dell epos, fin dai tempi di Eumelo di Corinto. Inoltre nella Titanomachia contenuta nella Teogonia di Esiodo la vittoria di Eracle contro i Giganti è connessa direttamente alla sua apoteosi, come già anticipato in altra sede.1 Trattandosi dunque di un chiaro riferimento all apoteosi, è possibile osservare insieme da questo punto di vista i tre specchi con scene differenti che recano la stessa iscrizione. Due, provenienti da Vulci e databili al v secolo a.c., alludono a due episodi di Gigantomachia in cui è coinvolto l eroe con Prometeo (5)2 e Atlante (6)3 mentre un terzo specchio, di provenienza ignota e incluso come già detto nel gruppo dell incoronazione all Olimpo da S. Schwarz (7), reca iscritti accanto ai rispettivi personaggi il nome Mean sinistrorso e Calanice destrorso con la lettera n sinistrorsa.4 Oltre che sugli specchi menzionati, l epiteto compare su uno scarabeo con scena di lotta fra l eroe e un leone (Calanic), mentre Hercle sta compiendo una delle sue fatiche più note. Ciò potrebbe spiegarsi nel quadro di quanto osservato da N. de Grummond a proposito della targhetta dello specchio (4) dove si dichiara il compimento del destino di Hercle.5 Sulla base della provenienza vulcente dei primi due specchi, M. Martelli ha ritenuto evidente che l arrivo in Etruria di quest epiteto di Herakles fosse da inquadrare nel tardo arcaismo, in particolare a Vulci, nel momento in cui nella città vigeva il culto di Fufluns Pa ies pure caratterizzato da un epiteto di origine greca.6 Tale affermazione sembrava ai tempi rafforzata dall attribuzione di tutti e tre gli specchi a botteghe vulcenti sulla base di uno studio di U. Fischer-Graf,7 che ascriveva alla città la serie degli specchi con corona d edera. Secondo G. Sassatelli invece tale tentativo di considerare la corona d edera elemento identificativo dell officina, è stato vanificato dalla semplice constatazione che in alcuni di questi specchi (Fischer-Graf 1980, v, 42 e v, 70) la grafia delle iscrizioni è di tipo settentrio - nale.8 minari sui culti del santuario di Portonaccio a Veio, «Scienze dell Antichità» 1, 1987, pp , in part. pp.420 e Bagnasco Gianni 2010, pp Sassatelli 1997, p A. Rallo, Motivi ispiratori greci nella decorazione di alcuni specchi etruschi, in Aspetti e problemi 2000, pp , in part. pp ; M. Sannibale, Le tecniche di incisione nella produzione degli specchi etruschi. Indagini archeometriche nella collezione del Museo Gregoriano etrusco, in Aspetti e problemi 2000, pp , in part. pp Pandolfini Schwarz 1990, p. n. 176f; J. D. Beazley, The Lewes House Collection of ancient gems, now at the Museum of Fine Arts, Boston, J. Boardman, M. B. Comstock, C.C. Vermeule, British archaeological reports. International series, 1074, Oxford, 2002, n. 89; de Grummond 2000, p M. Martelli, Calanice, «StEtr», liv (1986), 1988, pp , in part. p. 167, seguita da Schwarz 1990, p U. Fischer-Graf, Spiegelwerkstätten in Vulci (Archäologische Forschungen 8), Berlin, Sassatelli 1997, p. 350.

16 lo specchio della tomba 65 e la questione dell apoteosi 51 Fig. 8. Specchio 5. Fig. 9. Specchio 6. Hercle con Epiur (8-13) Il tema dell apoteosi torna nella critica a proposito di tre specchi che legano Hercle a un personaggio di età variabile denominato nello stesso modo. Due di essi riportano Hercle con in braccio un fanciullo in tenera età denominato Epiur o Epeur (8-9) e hanno attinenza, concorde la critica, con altri tre specchi anepigrafi con scena simile (10-12). Resta invece finora isolato uno specchio con Hercle alle prese con Epiur giovane (13) e in relazione diversa rispetto a quella in essere con gli infanti. Nel caso di questi ultimi non vi è dubbio che si tratti di una scena di apoteosi perché ha luogo tre volte in presenza di Mean o Munthuch in atto di incoronare Hercle1 Fig. 10. Specchio 7. 1 Per il ruolo di Munthuch, non limitato a sola ornatrice e nella dimensione della divinazione, si vedano le considerazioni sullo specchio dove compare con Hinthial (Rebuffat-Emmanuel 1973, n. 17): Richardson 2008; Bagnasco Gianni 2012, pp

17 52 giovanna bagnasco gianni Fig. 11. Specchio 8. Fig. 13. Specchio 10. (8-10), cui una volta si aggiunge Tinia (8). Presenze affini non sono deducibili sullo specchio frammentario (11) e su Fig. 12. Specchio 9. quello perduto (12), che secondo la descrizione riportata (cie 10727) recava altri nomi (Thalna, Hercle, Than[r]). Menerva fa parte invece della scena in quattro specchi su cinque (9, 10, 11, 13). Nel suo recente contributo I. Domenici offre un accurato regesto delle diverse tesi finora avanzate in merito alla possibilità di identificare il fanciullo Epiur sia con il giovane dallo stesso nome, sia con Tagete, il puer senex, proponendo a sua volta una lettura in chiave narrativa, come risulta nella tabella impostata sul divenire delle azioni.1 I dispareri partono già dalla descrizione della relazione fra Epiur e Hercle. F. H. Massa Pairault interpreta la scena con l eroe in atto di estrarre con forza il giovane che fuoriesce dalla terra, a motivo della posizione delle sue gambe e della sua aria assente, e perviene alla 1 Per il commento sulle varie personificazioni: Domenici 2009, p. 201 (tabella) e pp ;

18 lo specchio della tomba 65 e la questione dell apoteosi 53 Fig. 14. Specchio 11. conclusione che l omonimia fra fanciulli e giovane non implichi necessariamente una loro identità.1 I. Domenici resta invece sulla linea del ratto nella dimensione della paideia, garante Menerva: data la somiglianza di condizione fra fanciulli e adolescente un omonimia anche di fatto sembrerebbe sostenibile, ma in contesti narrativi differenti.2 Per quanto riguarda l identificazione di Epiur con Tagete, uno degli elementi 1 In un primo tempo la Studiosa aveva riconosciuto un athlon: «La prova che sta superando Eracle significa quindi verosimilmente che egli conquisterà la padronanza del suolo, della terra, e inoltre, conquisterà un responsum o una sors di immortalità che si estrae dalla terra come Epiur» (Massa- Pairault 1998, p. 199). Successivamente, perfezionando questa lettura, apre alle considerazioni sulla fuoruscita dalla terra che derivano dalla posizione delle gambe di Epiur: Massa Pairault 2000, pp I. Domenici, soffermandosi esclusivamente su una delle precedenti letture (Massa-Pairault 1998, p. 199), propone per la scena un atterraggio, rispettivamente: Domenici 2009, pp. 213 e 261. Fig. 15. Specchio 13. considerati da M. Torelli e F. H. Massa Pairault per sostenerla, è l evidente calvizie che caratterizza il fanciullo come puer senex.3 I. Domenici considera invece questo elemento debole per proporre tale identificazione, in quanto le fonti letterarie menzionano solo i tratti senili di Tagete,4 senza accenni a canizie o calvizie. Sarebbe inoltre quest ultimo un tratto non particolarmente caratterizzante la senilità, perché frequente nei bimbi appena nati.5 Partendo da questi specifici argomenti, si tenterà ora di riproporre la tesi dell identità di nome e di fatto fra i fan- 3 Torelli 1986, p. 193; Pairault Massa 1992, pp Per la citazione delle fonti e una dettagliata disamina dei tratti senili: Wood 1980, pp , in part. pp , nt. 1 e gli argomenti discussi ai nn. 11, 15, 16, 22, 23. Per alcune annotazioni sull iconografia: J. Penny Small, s.v. Tages, LIMC, VII, 1994, 1, pp Domenici 2009, p. 79.

19 54 giovanna bagnasco gianni ciulli e il giovane coinvolti con Hercle, nonché fra tutti questi e Tagete, il puer senex di Tarquinia, nel quadro dell apoteosi dell eroe. La procedura seguita fonda, come anticipato più sopra, sulla ricerca di occorrenze di associazioni minime, come in questo caso la relazione fra Hercle e Epiur/Epeur, fanciullo o adolescente/ giovane, e la componente oracolare espressa da Menerva. Tali denominatori comuni vengono qui intesi come unità simboliche associate,1 indipendentemente dall origine individuale, greca o etrusca, di ogni personaggio chiamato a concorrere alla scena. Pertanto, onde verificare la possibilità sia di un omonimia di fatto fra Epiur/ Epeur fanciullo e giovane sia di un nucleo di riferimento unico, pare ora opportuno esaminare uno per uno i temi dell estrazione dalla terra di Epiur, della calvizie di Epiur fanciullo e dell apoteosi implicata dalla componente oracolare, perché potrebbero sembrare meno perspicui dei precedenti: - Estrazione di Epiur dalla terra da parte di Hercle Le summenzionate osservazioni di F. H. Massa Pairault risolvono in positivo il dubbio sul fatto che Hercle stia estraendo dalla terra il giovane. - Calvizie di Epiur fanciullo La summenzionata affermazione di I. Domenici sull irrilevanza della calvizie come tratto senile merita una considerazione più dettagliata, a livello degli strumenti impiegati per dare questo tipo di informazione. Si potrebbe infatti facilmente sostenere l incommensurabilità fra descrizione della fonte letteraria e figurativa, in quanto rese in maniera diversa, dipendendo dal mezzo espressivo di chi si serve della parola e di chi decora.2 Pertanto a una generica descrizione della senilità di Tagete nella fonte letteraria, avrebbe potuto corrispondere la resa della calvizie con la tecnica dell incisione sugli specchi: del resto la calvizie dei fanciulli compare proprio laddove è assente il nome del fanciullo (10, 11). Non sussistendo dunque convincenti controindicazioni in merito alla natura di puer senex di Epiur, si apre la possibilità da un lato di un suo confronto con il puer senex Tagete, che nasce da una zolla di terra a Tarquinia,3 e dall altro di un e - ventuale proprietà transitiva di tratti simbolici e nomi: se Epiurè puer senex, come Tagete, e Tagete nasce dalla terra, allora anche Epiur nasce dalla terra. Pertanto Epiur fanciullo tenuto in braccio da Hercle e Epiur giovane estratto dalla terra da Hercle, potrebbero essere la stessa persona.4 Questo stesso collegamento con la terra, potrebbe richiamare suggestivamente la coincidenza fra una paretimo- 1 Per una procedura simile, applicata a documenti più antichi: A. Maggiani, Aspetti del linguaggio figurativo tardo-orientalizzante a Tarquinia. Dalla metafora al simbolo, in Der Orient und Etrurien. Zum Phänomen des Orientalisierens im westlichen Mittelmeerraum, Jh. v.chr., Akten des Kolloquiums (Tübingen, 12-3 Juni 1997), Pisa, 2000, pp , in part. p Come emerge molto opportunamente nel libro della stessa I. Domenici: Domenici 2009, p Così come del resto già a suo tempo osservato: E. Mavleev, s.v. Epiur, limc, iii, 1986, pp Sulla velocità nel passaggio di età di Tagete da infante a adolescente: Wood 1980, pp. 338 (single day) e 339 («infancy and adolescens») e l argomento n. 16 (miraculous speed).

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014 LA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA ORVIETO Un po di storia La collezione Faina si formò nel 1864, ad opera di due esponenti importanti della famiglia: i conti Mauro ed Eugenio. Secondo una tradizione

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO?

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? regolazione SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? Raffaele Lener * Gli strumenti finanziari di tipo partecipativo, che il diritto societario ha consentito

Dettagli

Due strumenti della comunicazione scientifica

Due strumenti della comunicazione scientifica 4 CAPITOLO 1 visto, l offerta in Internet, sostenuta da un crescente numero di docenti e di università, di pubblicazioni scientifiche digitali ad accesso libero e gratuito. Mutano anche i contenuti? A

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI»

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» 1 Caterina Samà via Gregorio Aracri, 24, Squillace 88069 (CZ), 0961 912117 / 338 1791895 e-mail : caterinasama@libero.it Al Magnifico Rettore dell

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N.262 DEL 28 DICEMBRE 2005 CONCERNENTE I PROCEDIMENTI PER L ADOZIONE DI ATTI DI REGOLAZIONE Il presente documento, recante lo schema di

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti»

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» SPERIMENTAZIONI LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale GREEN JOBS Formazione e Orientamento L idea Si tratta di un esperienza di ricerca

Dettagli

I Pinakes di Locri Epizefiri

I Pinakes di Locri Epizefiri I Pinakes di Locri Epizefiri tavolette votive in terracotta prodotte a Locri fra il VI e il V sec. a.c. Il corpus analitico di 5360 frammenti dei pinakes è stato pubblicato, suddiviso in tre parti, in

Dettagli

Avocats sans Frontières Italia

Avocats sans Frontières Italia Avocats sans Frontières Italia BAMBINI SOLDATO IN AFRICA UN DRAMMA NEL DRAMMA Presentazione del Rapporto di Amnesty International 21.000 bambini soldato in Liberia Roma 8 Novembre 2004 Processabilità e

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.I.S. ADRIANO PETROCCHI Tel. 06/121125195 - Fax 0774/637441 - Distretto 33 C.M. RMIS05800Q C.F. 94052870584

Dettagli

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ANTIQUARIUM PITINUM MERGENS Approvato con Delibera 1 Art.1 Costituzione dell Antiquarium Pitinum Mergens e sue finalità

Dettagli

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010.

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. L occasione mi è gradita per ricordare che la Società Dante

Dettagli

Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1

Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1 Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1 Ordine di scuola Scuola Primaria De Amicis Santa Maria Nuova di Jesi: classe IV B Insegnante Silvia Cherubini Tempi A discrezione

Dettagli

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia,

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, in tutte le sue varie forme, dal punto di vista storico,

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina Anno XV n. 85 Settembre Ottobre 2010 Pubblicazione Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione AL VIA LE AZIONI SINDACALI 26Primo piano Intervista Senatore Divina 52 Giurisprudenza Il caso Global 102 Speciale

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 03349/2010 REG.DEC. N. 01524/2006 REG.RIC. N. 02314/2006 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Comunicare con una mostra. Pratiche culturali di integrazione

Comunicare con una mostra. Pratiche culturali di integrazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea in Scienze della Comunicazione pubblica, sociale e politica Comunicare con una mostra Pratiche culturali di integrazione

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Le terrecotte architettoniche nelle coperture degli edifici templari arcaici sicelioti.

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga

Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga La Sede espositiva è divisa in diverse sezioni: la prima ripercorre, attraverso sculture e dipinti 2000 anni di storia

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca U.R.S.T. - DIPARTIMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE, IL COORDINAMENTO E GLI AFFARI ECONOMICI SERVIZIO PER L AUTONOMIA UNIVERSITARIA E GLI STUDENTI Prot.: 1216 Roma, 8/8/2003 Ai Rettori delle Università LORO

Dettagli

XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CASSINELLI

XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CASSINELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1921 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CASSINELLI Modifiche all articolo 1 della legge 7 marzo 2001, n. 62, in materia di definizioni

Dettagli

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI)

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) Nei primi mesi del 2004 la sezione pecciolese del Gruppo Archeologico Tectiana, fino a qual momento presente come realtà locale ma ancora

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

QUALE HERCLE NELLA ROMA DI TARQUINIO IL SUPERBO? GIOVANNA BAGNASCO GIANNI*

QUALE HERCLE NELLA ROMA DI TARQUINIO IL SUPERBO? GIOVANNA BAGNASCO GIANNI* QUALE HERCLE NELLA ROMA DI TARQUINIO IL SUPERBO? GIOVANNA BAGNASCO GIANNI* Alla questione della dimensione da restituire alla figura di Eracle a Roma sotto i Tarquini è stata data attenzione in numerosi

Dettagli

SERVIZI EDUCATIVI MUSEALI E DOMANDA DELLE SCUOLE

SERVIZI EDUCATIVI MUSEALI E DOMANDA DELLE SCUOLE 1 SERVIZI EDUCATIVI MUSEALI E DOMANDA DELLE SCUOLE Come i musei si aprono alla società: l organizzazione dei servizi educativi I Servizi educativi dei Musei si collocano nel progetto di valorizzazione

Dettagli

SOCIETA BOTANICA ITALIANA ONLUS COLLEZIONI VEGETALI SPECIALIZZATE REGOLAMENTO

SOCIETA BOTANICA ITALIANA ONLUS COLLEZIONI VEGETALI SPECIALIZZATE REGOLAMENTO SOCIETA BOTANICA ITALIANA ONLUS COLLEZIONI VEGETALI SPECIALIZZATE REGOLAMENTO Le collezioni vegetali specializzate sono raccolte di piante vive appartenenti ad un determinato taxon (collezioni sistematiche)

Dettagli

CONCORSO GRAFICO DI IDEE NAZIONALE

CONCORSO GRAFICO DI IDEE NAZIONALE CONCORSO GRAFICO DI IDEE NAZIONALE PER LA CREAZIONE DEGLI ELABORATI SEZIONE PORTFOLIO SITO DEDICATO AL PROGETTO ITALIA CREATIVA ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMUNI ITALIANI Premessa: Il presente Concorso

Dettagli

BIZZARONE Quale stemma?

BIZZARONE Quale stemma? BIZZARONE Quale stemma? Gli stemmi sono stati creati al tempo delle Crociate come segni di riconoscimento dei corpi armati al seguito di un condottiero. Sugli scudi dei suoi uomini veniva dipinta una figura

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE 1 Cittadinanza e Costituzione COMPETENZE CHIAVE: Competenze sociali e civiche NUCLEO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

Dettagli

UNITA 1 COSA CONOSCO DEL PASSATO DELLA MIA CITTA? ATTIVITA TEMPI OBIETTIVI DIDATTICI E MODALITA DI SOMMINISTRAZIONE Presentazione e patto formativo

UNITA 1 COSA CONOSCO DEL PASSATO DELLA MIA CITTA? ATTIVITA TEMPI OBIETTIVI DIDATTICI E MODALITA DI SOMMINISTRAZIONE Presentazione e patto formativo Corsi di formazione per docenti delle scuole di ogni ordine e grado: Didattica orientativa e percorsi di orientamento con approccio narrativo MICROPROGETTAZIONE DI UN PERCORSO DI DIDATTICA ORIENTATIVA

Dettagli

Nome della rivista: Nome del direttore: Nome/i del/i condirettori: Indirizzo del sito web: Eventuale casa editrice:

Nome della rivista: Nome del direttore: Nome/i del/i condirettori: Indirizzo del sito web: Eventuale casa editrice: SCHEDA DI RILEVAZIONE SULLE RIVISTE DI SOCIOLOGIA ITALIANE Nome della rivista: Nome del direttore: Nome/i del/i condirettori: Indirizzo del sito web: Eventuale casa editrice: Componenti il comitato di

Dettagli

Assunta Pieralli nasce nel 1807 in un piccolo paese chiamato Lippiano appartenente alla diocesi di Città di Castello.

Assunta Pieralli nasce nel 1807 in un piccolo paese chiamato Lippiano appartenente alla diocesi di Città di Castello. Biografia e Opere Assunta Pieralli nasce nel 1807 in un piccolo paese chiamato Lippiano appartenente alla diocesi di Città di Castello. Assunta Pieralli era di costituzione fragile e dall aspetto pallido

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL RICONOSCIMENTO DI CREDITI FORMATIVI UNIVERSITARI

LINEE GUIDA PER IL RICONOSCIMENTO DI CREDITI FORMATIVI UNIVERSITARI LINEE GUIDA PER IL RICONOSCIMENTO DI CREDITI FORMATIVI UNIVERSITARI Nell'intento di assicurare omogeneità di trattamento a tutti gli studenti dell'ateneo e, nel contempo, di uniformare le procedure amministrative,

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione giuridica e per il mercato interno DOCUMENTO DI LAVORO. Commissione giuridica e per il mercato interno

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione giuridica e per il mercato interno DOCUMENTO DI LAVORO. Commissione giuridica e per il mercato interno PARLAMENTO EUROPEO 1999 2004 Commissione giuridica e per il mercato interno 8 giugno 2001 DOCUMENTO DI LAVORO sulla proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alle macchine e

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Premio Nazionale di Letteratura Neri Pozza II edizione 2014/2015

Premio Nazionale di Letteratura Neri Pozza II edizione 2014/2015 IL REGOLAMENTO DEL PREMIO Premio Nazionale di Letteratura Neri Pozza II edizione 2014/2015 1.ª I PARTECIPANTI Il Premio Nazionale di Letteratura Neri Pozza è riservato agli autori, esordienti e noti, under

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA

COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA ART. 12 L. 7.8.1990 N. 241 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CESSIONE DI FINANZIAMENTI E DI BENEFICI ECONOMICI A PERSONE, AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI Approvato

Dettagli

Insegnanti, diversità culturale, questioni di genere

Insegnanti, diversità culturale, questioni di genere Carla Roverselli Insegnanti, diversità culturale, questioni di genere Fatema Mernissi: educare a superare i confi ni ISBN: 9788867092307 Prima edizione: dicembre 2015 2015 - Editoriale Anicia s.r.l. Via

Dettagli

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari Michele Galeotti Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

Consiglio di Stato, n. 11/2010 Incentivi alle fonti di energia rinnovabile

Consiglio di Stato, n. 11/2010 Incentivi alle fonti di energia rinnovabile Consiglio di Stato, n. 11/2010 Incentivi alle fonti di energia rinnovabile Ai sensi del D.Lgs n. 79/1999, non vi è decadenza dalle incentivazioni previste per le fonti di energia rinnovabile se le autorizzazioni

Dettagli

Psicologia sociale delle religioni

Psicologia sociale delle religioni Psicologia sociale delle religioni 0-Presentazione del corso (secondo semestre) vers. 0.2 (3 marzo 2014) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Dettagli

VERBALE N. 2 VALUTAZIONE DELLE PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE, DEL CURRICULUM, DELL ATTIVITA DIDATTICA

VERBALE N. 2 VALUTAZIONE DELLE PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE, DEL CURRICULUM, DELL ATTIVITA DIDATTICA PROCEDURA VALUTATIVA DI CHIAMATA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI PROFESSORE ASSOCIATO AI SENSI DELL ART. 24, COMMA 6 DELLA LEGGE N.240/2010 - PER IL SETTORE CONCORSUALE 10/B1, SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE

Dettagli

ARCHEODIDATTICA ARCHEODIDATTICA. Attività 2014-2015. Francesca Germini 3383856043 - Monica Lupparelli 3479483789

ARCHEODIDATTICA ARCHEODIDATTICA. Attività 2014-2015. Francesca Germini 3383856043 - Monica Lupparelli 3479483789 ARCHEODIDATTICA ARCHEODIDATTICA Attività 2014-2015 COS È ARCHEODIDATTICA Costituita nel 2006 da personale specializzato in archeologia con esperienza nella didattica museale, propone attività scientifiche

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

La cappella di Santa Teresa di Le Case

La cappella di Santa Teresa di Le Case Elisa Maccioni La cappella di Santa Teresa di Le Case una collettività socio-religiosa in terra toscana (1871-2010) con prefazione di Amleto Spicciani Edizioni ETS www.edizioniets.com Copyright 2013 EDIZIONI

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

La nuova classificazione dei rifiuti alla luce della Sentenza della Corte di Cassazione n. 5300/02 del 30.5.2002 Mauro Sanna

La nuova classificazione dei rifiuti alla luce della Sentenza della Corte di Cassazione n. 5300/02 del 30.5.2002 Mauro Sanna La nuova classificazione dei rifiuti alla luce della Sentenza della Corte di Cassazione n. 5300/02 del 30.5.2002 Mauro Sanna Ai fini dell applicazione della nuova classificazione dei rifiuti, introdotta

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile RELAZIONE FINALE PROGETTO COMPETENZE IN CRESCITA. Laboratorio 2 1) TITOLO: Il gusto della lettura 2) CLASSE: Classi della scuola dell infanzia (solo bambini di 5 anni) Classi prime, seconde e quarte della

Dettagli

1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE

1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE 1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE Il fondo Casino dei Nobili dell Archivio di Stato di Arezzo, ASAR, (1) contiene tutti i documenti rimasti

Dettagli

IL FOGLIO ITALIANO. Lo Stile Italiano Nel Mondo

IL FOGLIO ITALIANO. Lo Stile Italiano Nel Mondo IL FOGLIO ITALIANO Lo Stile Italiano Nel Mondo IL FOGLIO ITALIANO È il mensile interamente in italiano dedicato ai connazionali che vivono all estero. Partito circa 10 anni fa con sole 1.500 copie, il

Dettagli

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Ai Dirigenti scolastici delle Istituzioni scolastiche statali e paritarie di ogni ordine

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA STATUTO Art. 1 Origine e sede Su iniziativa del Parco Regionale del Delta del Po Emilia Romagna, con la collaborazione della

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Camillo Riccio Architetto di Monica Montesi, Relatore: Micaela Viglino Correlatore: Elena

Dettagli

LAPIDE AI CADUTI. * A cura di Beatrice Fraschini (Liceo Berchet, a.s. 2011-2012)

LAPIDE AI CADUTI. * A cura di Beatrice Fraschini (Liceo Berchet, a.s. 2011-2012) LAPIDE AI CADUTI * A cura di Beatrice Fraschini (Liceo Berchet, a.s. 2011-2012) La lapide nell'attuale criptoportico, l'antico atrio di ingresso del Berchet oggi, come allora, al numero civico 24 di via

Dettagli

ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ISTITUTO DI ALTA CULTURA diretta da Margherita Parrilla

ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ISTITUTO DI ALTA CULTURA diretta da Margherita Parrilla ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ISTITUTO DI ALTA CULTURA diretta da Margherita Parrilla Prot. n. 3094 del 3.05.2013 REGOLAMENTO DI RICONOSCIMENTO TITOLI ACCADEMICI STRANIERI IL DIRETTORE Vista la Convenzione

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

UNIDROIT CONVENZIONE UNIDROIT. sul FACTORING INTERNAZIONALE. (Ottawa, 26 maggio 1988)

UNIDROIT CONVENZIONE UNIDROIT. sul FACTORING INTERNAZIONALE. (Ottawa, 26 maggio 1988) UNIDROIT ISTITUTO INTERNAZIONALE PER L UNIFICAZIONE DEL DIRITTO PRIVATO ============================================================= CONVENZIONE UNIDROIT sul FACTORING INTERNAZIONALE (Ottawa, 26 maggio

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE S.M.O.M.

REGOLAMENTO GENERALE S.M.O.M. PREFAZIONE L associazione SMOM è un luogo, un punto d incontro di sensibilità e progettualità comuni, a sostegno della riduzione delle disparità sociali esistenti fra i popoli. Quindi per il diritto alla

Dettagli

Il provvedimento e le linee guida del Garante privacy in materia di biometria

Il provvedimento e le linee guida del Garante privacy in materia di biometria Il provvedimento e le linee guida del Garante privacy in materia di biometria di Valentina Fiorillo * Lo scorso novembre il Garante per la protezione dei dati personali ha adottato un provvedimento prescrittivo

Dettagli

3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini

3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini Le specificità dei singoli servizi. Offerta fuori sede e tecniche di comunicazione a distanza 161 3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini Per la prestazione del servizio di ricezione e trasmissione

Dettagli

ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE TRADUZIONE NON UFFICIALE ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Il Governo della Repubblica di San Marino e il Governo

Dettagli

Come scrivere un articolo scientifico La bibliografia: citare da Internet

Come scrivere un articolo scientifico La bibliografia: citare da Internet scrivere in medicina Come scrivere un articolo scientifico La bibliografia: citare da Internet L emergere di Internet come fonte preziosa di informazioni, ha reso necessaria la definizione di alcune regole

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 16 GENNAIO 2014 2/2014/E/EEL DECISIONE DEL RECLAMO PRESENTATO DA DE STERN 11 S.R.L. NEI CONFRONTI DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.P.A. L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli

Software a supporto della Gestione amministrativa dello Sportello Unico Versione 2.1

Software a supporto della Gestione amministrativa dello Sportello Unico Versione 2.1 Pag. 1 di 9 Software a supporto della Gestione amministrativa dello Sportello Unico Versione 2.1 Interventi sul software RE V. REDAZIONE VERIFICHE ED APPROVAZIONI CONTROLLO APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Chiesa cattolica e imposta ICI. Decaduto il decreto 163/2005 resta in vigore la legge 504/1992

Chiesa cattolica e imposta ICI. Decaduto il decreto 163/2005 resta in vigore la legge 504/1992 Chiesa cattolica e imposta ICI. Decaduto il decreto 163/2005 resta in vigore la legge 504/1992 Nota dell'ufficio Avvocatura della Diocesi di Milano Con la rinuncia da parte del Governo a richiedere alla

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

Cinque per mille: trattamento contabile e fiscale del contributo e obbligo della rendicontazione

Cinque per mille: trattamento contabile e fiscale del contributo e obbligo della rendicontazione Cinque per mille: trattamento contabile e fiscale del contributo e obbligo della rendicontazione di Sergio Ricci Introduzione Come noto, il trattamento contabile (ed il conseguente trattamento fiscale)

Dettagli

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di

Dettagli

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci Qualcosa che va nella direzione giusta ogni tanto c è. Domenica scorsa avevamo parlato del Cavalier Tanzi e del suo presunto tesoro nascosto. GIORNALISTA Io

Dettagli

Non dimentichiamoci di Dio

Non dimentichiamoci di Dio Angelo Scola Non dimentichiamoci di Dio Libertà di fedi, di culture e politica Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06129-2 Prima edizione: marzo 2013 Prefazione

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia

Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia Dr.ssa Valentina Panella Psicologa - Psicoterapeuta Firenze, 6

Dettagli

OFFERTA DIDATTICA 2013/2014

OFFERTA DIDATTICA 2013/2014 L archeologia, il cui nome deriva dal greco e significa discorso sulle cose antiche, e la scienza che studia la storia dell uomo e le civiltà del passato tramite l analisi dei reperti archeologici rinvenuti

Dettagli

Alessandro Ciandella Liturgia e prassi in Santa Maria del Fiore. Proprietà letteraria riservata. 2015 Alessandro Ciandella

Alessandro Ciandella Liturgia e prassi in Santa Maria del Fiore. Proprietà letteraria riservata. 2015 Alessandro Ciandella Alessandro Ciandella Liturgia e prassi in Santa Maria del Fiore Proprietà letteraria riservata. 2015 Alessandro Ciandella 2015 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione

Dettagli