La Posta elettronica. ed i suoi aspetti nel mondo aziendale. di Paola Scardino. Parte II Pronunce giurisprudenziali e rilievi critici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Posta elettronica. ed i suoi aspetti nel mondo aziendale. di Paola Scardino. Parte II Pronunce giurisprudenziali e rilievi critici"

Transcript

1 La Posta elettronica ed i suoi aspetti nel mondo aziendale di Paola Scardino Parte II Pronunce giurisprudenziali e rilievi critici La produzione giurisprudenziale in tema di posta elettronica, soprattutto in riferimento alla posta elettronica aziendale, è davvero esigua. Ciò è certamente sintomo della giovinezza della materia, ma la scarsa produzione, a parere di chi scrive, non dimostra certo avanguardia di pensiero dei Giudicanti. La raccolta che segue ha l intento modesto di porre in evidenza l orientamento dei Giudici e fornirne una giovane critica. L orientamento della Giurisprudenza la Corte di Cassazione, sez. lavoro, sent. n del : In tema di licenziamento disciplinare e/o per giusta causa, la valutazione della gravità del fatto ( ) non va operata in astratto, bensì con riferimento agli aspetti concreti afferenti alla natura ed alla qualità del singolo rapporto, alla posizione della parti, al grado di affidabilità richiesto dalle specifiche mansioni del dipendente, nonché alla portata soggettiva del fatto ( ) (nella specie, la Suprema Corte ha confermato la sentenza di merito che aveva ritenuto la sanzione del licenziamento non proporzionata, in quanto eccessiva, alla gravità dell addebito contestato al dipendente Sip che, in seguito ad un guasto alla linea della propria utenza, aveva collegato provvisoriamente quest ultima al telefono di servizio per avere notizie della figlia ammalata, ancorché il c.c.n.l. prevedesse come fatto giustificativo del licenziamento la falsificazione di apparecchiature al fine di ottenere indebiti vantaggi personali) ; la Corte di Cassazione, sez. lavoro, con sentenza n del ha stabilito che la continua reiterazione di una condotta vietata (nel caso di specie uso indebito dei telefoni aziendali) non solo dal codice disciplinare, ma anche da specifici richiami dell azienda all osservanza del

2 divieto, fa venir meno uno degli elementi essenziali del rapporto di lavoro, la fiducia del datore di lavoro nella collaborazione del lavoratore, rendendo legittimo il licenziamento ; P. Milano, : Ai fini della sussistenza della giusta causa o del giustificato motivo soggettivo di licenziamento ( ) intimato per avere il dipendente utilizzato il computer aziendale per l esecuzione di lavori personali estranei all attività aziendale, il datore di lavoro deve provare che l attività contestata sia stata svolta durante l orario di lavoro e, per la configurabilità della giusta causa, che tale utilizzo sia stato di entità rilevante, poiché il semplice utilizzo del computer aziendale è circostanza di per sé insufficiente a giustificare il licenziamento disciplinare ; P. Roma, : Il reiterato indebito uso del telefono di proprietà aziendale per motivi personali costituisce infrazione pienamente percepibile quale gravemente lesiva degli obblighi lavorativi e come tale integra giusta causa di licenziamento ; T. Padova, : L uso del telefono aziendale per fini personali ovvero la promessa di farlo utilizzare ad altri costituisce un fatto rilevante disciplinarmente e tuttavia inidoneo a ritenere legittimo il licenziamento, stante la sproporzione tra questa sanzione e l offesa arrecata al datore di lavoro ; Assimilato l uso di internet a quello del telefono e del computer aziendale, appare possibile affermare che la Giurisprudenza sembra mantenere un orientamento costante: l uso non legittimato di questi beni aziendali per fini privati del lavoratore, non appare essere condotta da sola sufficiente a giustificare il licenziamento. È richiesto dalla Cassazione un bilanciamento tra gli interessi in gioco, una valutazione proporzionale tra il danno provocato dalla condotta del lavoratore e la sanzione disciplinare comminata. Il datore deve adoperarsi attivamente per fornire prova che l attività lesiva sia stata dal lavoratore posta in essere durante l orario di lavoro, nonostante precedenti richiami e abbia comportato un danno di rilevante entità. Solo la reiterata condotta, con portata lesiva grave, è idonea a giustificare la massima sanzione disciplinare del licenziamento. Le pronunce che riguardano in maniera specifica l uso di internet e della posta elettronica per fini privati del lavoratore sono davvero esigue: Corte dei Conti, Sez. Giurisdizionale per la Regione Piemonte del : il problema è stato valutato dal punto di vista del danno erariale ed è stata affermata la possibilità di registrare gli accessi ad internet dei dipendenti al fine di reprimere comportamenti illeciti e controllare la spesa 1 ; T.A.R. Lazio, Sez. I ter, n del : La corrispondenza trasmessa per via informatica o telematica, c.d. posta elettronica, deve essere tutelata alla stregua della 1 Si deve comunque tenere presente che secondo il Codice di comportamento dei dipendenti pubblici, il dipendente non utilizza le linee telefoniche dell ufficio per esigenze personali, salvo casi d urgenza. La formulazione precedente dell art. 10 del citato Codice, prevedeva per il lavoratore l onere di informare preventivamente il dirigente dell ufficio.

3 corrispondenza epistolare o telefonica ed è quindi caratterizzata dalla segretezza. Questa pronuncia si ricollega sia ai pareri del Garante che alla tesi della dottrina secondo cui, fin quando il lavoratore non apre i messaggi telematici ricevuti accedendo alla propria casella di posta, il messaggio si deve ritenere chiuso alla stregua dell art. 616 c.p.; Ordinanza di archiviazione del Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Milano, : in seguito alla denuncia querela per violazione della corrispondenza, presentata da una lavoratrice nei confronti del responsabile di reparto e del legale rappresentante della società presso cui prestava servizio, il G.I.P. decideva di accogliere la richiesta di archiviazione del P.M. La esponente, che veniva anche licenziata per presunta violazione dei doveri inerenti al rapporto di lavoro, deduceva che la condotta del responsabile di reparto e del legale rappresentante dell azienda violava l art. 616 c.p. ed il principio costituzionale contenuto all art. 15 Cost. ad esso sotteso. Sosteneva inoltre la lavoratrice, che nell occasione non ricorrevano cause di giustificazione, atteso che al datore di lavoro è consentito controllare il contenuto dei messaggi solo se abbia motivo di ritenere che in essi siano contenute prove del compimento di fatti illeciti da parte del lavoratore. Inoltre il controllo della posta della lavoratrice era avvenuto in un periodo di assenza della stessa per ferie, in un periodo in cui anche i clienti-mittenti erano in ferie, usando la password e la ID a lei attribuite ma dalla stessa comunicate ad altri lavoratori,come da prassi aziendale. Il Pubblico Ministero, invece, chiedeva l archiviazione, non essendosi verificata alcuna fattispecie delittuosa. La casella di posta elettronica formata da nome del dell azienda.it deve ritenersi di titolarità esclusiva del datore di lavoro, nonostante l accesso sia possibile solo dopo aver digitato password ed ID attribuite al singolo lavoratore, e per questo accessibile da questi e dai superiori di reparto del lavoratore in ogni momento 2. Il G.I.P. ha ritenuto di dover archiviare sulla scorta di alcune considerazioni, ed in particolare: a - pur non negando il carattere personale dell indirizzo di posta elettronica del lavoratore, si è ritenuto di non dover riconoscere ad esso la caratteristica della privatezza ed ha quindi escluso ogni forma di tutela garantita dal Codice Penale e dal Codice in materia di protezione dei dati personali 3 ; b - si è sottolineato che, se la corrispondenza tradizionale ricevuta dal destinatario al domicilio di lavoro non cessa di avere il carattere di privatezza, questo non può valere anche per la posta elettronica, dato che solo la prima può essere contenuta in busta chiusa; 2 "Le caselle di posta elettronica recanti quali estensioni nell'indirizzo seppur contraddistinte da diversi "username" di identificazione e password di accesso, sono da ritenersi equiparate ai normali strumenti di lavoro della società e quindi soltanto in uso ai singoli dipendenti per lo svolgimento dell'attività aziendale agli stessi demandata; considerando quindi che la titolarità di detti spazi di posta elettronica debba ritenersi riconducibile esclusivamente alla società. p.q.m..omissis". 3 ( ) Personalità dell indirizzo non significa necessariamente privatezza del medesimo, dal momento che, salve le ipotesi in cui la qualifica del lavoratore lo consenta o addirittura lo imponga ( ), l indirizzo aziendale, proprio perché tale, può sempre essere nella disponibilità di accesso e lettura da parte di persone diverse dall utilizzatore consuetudinario ( ).

4 c - data l impossibilità di configurare un diritto di utilizzo esclusivo dell , ogni lavoratore decida di utilizzarlo per fini diversi da quelli lavorativi, assume su di sé il rischio che anche altri lavoratori possano entrare nella propria casella e leggerne il contenuto, senza però commettere alcuna violazione di legge; d - detto rischio, inoltre, non deve essere configurato al lavoratore che deve invece averne percezione e contezza per il solo fatto di saper utilizzare lo strumento informatico 4 ; e - si è ritenuto che la password necessaria per accedere alla casella non abbia la finalità di proteggere la segretezza dei dati in essa contenuti bensì solo quella di impedire che ai predetti strumenti possano accedere persone estranee alla società ; f - non si è ritenuto conferente ogni ulteriore argomentazione che, facendo leva sul carattere di assoluta assimilazione della posta elettronica alla posta tradizionale, cerchi di superare le strutturali diversità dei due strumenti comunicativi ( )per giungere a conclusioni differenti da quelle ritenute da questo giudice ; g - è stata assolutamente esclusa la possibilità che il datore di lavoro, attraverso l apertura della casella di posta elettronica attribuita al dipendente, possa effettuare ogni qualsiasi sorta di controllo sulle attività svolte da quest ultimo atteso che l uso delle costituisce un semplice strumento aziendale a disposizione dell utente-lavoratore al solo fine di consentire al medesimo di svolgere la propria funzione aziendale ( ) e che, come tutti gli altri strumenti di lavoro forniti dal datore di lavoro, rimane nella completa e totale disponibilità del medesimo senza alcuna limitazione 5. Rilievi critici Dalla lettura dell Ordinanza di archiviazione del G.I.P. di Milano, ciò che agli occhi di chi scrive risulta evidente è una non adeguata considerazione della modernità dello strumento posta elettronica, una reticenza a volgere lo sguardo sulla necessità di giurisdicere in modo innovativo e operare una ricerca a tuttotondo tra le norme applicabili alla materia. Se poche erano le sentenze a cui il G.I.P. poteva far riferimento, non poche erano le norme, anche a livello europeo, a cui invece avrebbe potuto attingere. 4 ( ) Che detto rischio, per essere operativo, non debba essere preventivamente ed espressamente ricordato al lavoratore è una evenienza che può ritenersi consequenziale alle doverose ed imprescindibili conoscenze informatiche del lavoratore che, proprio perché utilizzatore di detto strumento, non può ignorare questa evidente e palese implicazione. 5 ( ) Di qui l'inconferenza dell'assunto in ordine all'asserito preteso divieto assoluto del datore di lavoro di "entrare" nelle cartelle "private" del lavoratore ed individuabili come tali, che verosimilmente contengano messaggi privati indirizzati o inviati al lavoratore e che solo ragioni di discrezione ed educazione imporrebbero al datore di lavoro/lavoratore non destinatario di astenersi da ogni forma di curiosità.

5 Il G.I.P. dice chiaramente che la posta elettronica aziendale non può avere il carattere della privatezza. Ma questo non è vero in assoluto. Il T.A.R. Lazio, Sez. I ter, n del , riconosce ad esempio alla posta elettronica, inviata in ambiente pubblico, il carattere della segretezza. Il Garante per la Privacy, nel comunicato stampa del 12 luglio del 1999 ha messo in rilievo il carattere segreto della posta aziendale, carattere che deve essere riconosciuto almeno fino al momento in cui il datore non comunichi al lavoratore la possibilità che tutti i messaggi aziendali siano da considerare nella disponibilità dell azienda e come tali accessibili da chiunque. Certo, in Italia le sentenze non costituiscono precedente, così come i comunicati stampa del Garante non hanno valore di legge, ma possono pur sempre essere tenute in conto da ogni giudice nell esercizio del potere discrezionale che gli spetta. In via subordinata, si dovrebbe poi valutare la prassi di ogni singola azienda, perché non è assolutamente questo un settore dove si può operare una generalizzazione. Si potrebbe ben verificare che un titolare d azienda, crei due indirizzi elettronici per ogni lavoratore, uno per scopi privati ed uno per adempiere ai compiti lavorativi, così come suggerito dal Gruppo Europeo per la tutela del trattamento dei dati. Oppure potrebbe essere riconosciuta al lavoratore la possibilità di utilizzare saltuariamente, o anche con regolarità ma entro certi limiti, la casella elettronica per fini privati. Al lavoratore non viene riconosciuto nessun diritto ad un uso esclusivo della casella di posta elettronica, data la natura di strumento aziendale della stessa, ma far ricadere per questo sul lavoratore il rischio che anche altri possano leggere la corrispondenza, sembra eccessivo. Sarebbe più opportuno che il lavoratore fosse informato di questa eventualità, egli dovrebbe essere reso edotto anche delle eventuali conseguenze di un abuso che, così come stabilito dallo Statuto dei Lavoratori, e come sottolineato dalla Suprema Corte, devono assolutamente essere proporzionate. Da un singolo abuso non potrà derivare il licenziamento, semmai dopo una serie di richiami, conseguenti ad abusi reiterati, si potrà parlare di proporzionalità tra gli interessi in gioco se dovesse essere comminato un licenziamento. Nell Ordinanza si parla anche della funzione della password, che non sarebbe quella di garantire la privatezza della corrispondenza ma piuttosto la sicurezza della società. Se così fosse non ci sarebbe bisogno di una differenziazione delle password da lavoratore a lavoratore. Data la possibilità di sceglierla, il datore di lavoro potrebbe individuarne una, uguale per tutta l azienda. Ma un eventualità del genere non è possibile: nell ambito di una sola azienda è necessario differenziare la password anche in base alle funzioni che devono essere svolte da ogni singolo

6 lavoratore; con un unica password tutti potrebbero accedere alla posta dei dipendenti di ogni settore, e si sa che questo non è possibile. Si avrebbe una totale trasparenza che spesso non è utile ai fini aziendali. Dunque la funzione della password non sarà solo quella di strumento di tutela contro intrusioni provenienti dal di fuori dell azienda, ma ostacolo per chiunque non sia titolare di quello specifico indirizzo elettronico o di una specifica funzione. Del resto, la prassi di rivelare la propria parola di accesso, che il G.I.P. non ha difficoltà a ritenere addirittura universale, non può da sola sminuire la funzione protettiva che è largamente riconosciuta alla password. Si tenga anche conto del fatto che il lavoratore può comunque cambiarla in ogni momento, senza per questo doverla necessariamente comunicare ai colleghi o superiori. In caso contrario occorrerebbe parlare di obbligo di comunicazione della password e non di facoltà! Il G.I.P. asserisce che la posta tradizionale che presenti caratteri inequivoci di "privatezza", non cess(a) di assumere detto carattere se fatta recapitare al suo destinatario sul posto di lavoro anziché al proprio domicilio. Questo assunto non è valido per la posta elettronica perché essa, a parere del Giudice, non può essere contenuta in una busta chiusa con il nominativo del solo destinatario. Ciò equivale a dire che la posta elettronica è priva del carattere della segretezza poichè non è contenuta in una busta chiusa. Se è vero che non esiste un involucro materiale, non è detto che non possa esistere un involucro virtuale, che però abbia la stessa valenza e capacità di conferire all il carattere della segretezza, proprio della missiva cartacea in busta chiusa. La lettera elettronica, quando giunge al destinatario, viene inserita in una cassetta virtuale insieme a tutte le ancora non aperte, e normalmente viene utilizzata anche una particolare grafica che faccia risaltare, per chiunque apra quella casella, il carattere dell attualità della comunicazione. È da aggiungere che lo stesso mittente conferisce personalità e privatezza alla missiva elettronica, semplicemente indicando il personale indirizzo del destinatario. Senza considerare la possibilità di utilizzare espressioni del tipo all attenzione di che sono fortemente connotative del carattere della riservatezza. È legittimo inoltre chiedersi quali siano gli ostacoli che impediscono la assoluta assimilazione della posta elettronica a quella cartacea. Il legislatore, nel Codice Penale, ha sottolineato, seppur in tema di tutela, questa equiparazione, ha dedicato il 4 comma dell art. 616 a questo argomento! Anche il Garante per la privacy non poche volte ha sostenuto questa uguaglianza 6. 6 Come già analizzato nelle pagine precedenti.

7 E non è certo il presunto carattere della istantaneità a privare la posta elettronica di questa tutela. Anzi, come già osservato in precedenza, la posta elettronica ha certamente un momento statico, rappresentato dal messaggio in memoria nel server o nel pc del soggetto o nella cartella virtuale di posta ricevuta, ed uno dinamico, che può durare anche attimi, data la velocità di trasmissione. Il momento statico viene tutelato dall art. 616 c.p., proprio come la posta cartacea, mentre il momento dinamico dall art. 617 quater. È innegabile che ci siano delle diversità tra i due strumenti comunicativi, ma non per questo è impossibile equipararli nella tutela e nella disciplina. A ben guardare anche la comunicazione telefonica, che viaggia sugli stessi cavi della posta elettronica, ed è anch essa istantanea, è tutelata sul fronte della riservatezza. Nel corso delle indagini, poi, il G.I.P. dice di aver potuto appurare che nel normale uso dello strumento viene anche tollerato un uso extra-lavorativo della senza tuttavia che si verifichi un mutamento della destinazione dello strumento, che è quello esclusivo della comunicazione con colleghi e clienti: in ogni caso non viene consentito, anzi è assolutamente vietato, l'utilizzo dello spazio di posta elettronica per motivi personali. Senza sembrare polemici, ci si chiede: quale è il confine tra un uso extra-lavorativo, tollerato, ed un uso per motivi personali, che invece non sarebbe consentito? Ed inoltre, nel caso di specie, il lavoratore era stato portato a conoscenza del divieto di utilizzare l indirizzo elettronico per motivi personali, tramite una circolare o tramite un regolamento scritto? Ed il lavoratore, sapeva che la sanzione disciplinare prevista, in caso di mancato rispetto della regola, sarebbe stata quella più grave del licenziamento? Non è dato sapere. Il G.I.P. nella sua Ordinanza esclude che il datore di lavoro, attraverso la lettura delle del dipendente, possa effettuare un non consentito controllo sull attività del lavoratore. Ad un osservatore attento non può sfuggire il fatto che il pc è in grado di memorizzare dei dati attraverso cui il datore può avere contezza dell attività del dipendente. Si pensi, ad esempio al numero di missive scambiate con un cliente, alla rapidità di risposta del lavoratore, alla mole di corrispondenza adempiuta al giorno, e così via. Per non parlare del contenuto delle stesse missive: la posta elettronica può contenere diverse tipologie di dati tra cui anche dati sensibili. Non è quindi difficile qualificare come trattamento, così come disciplinato dal Codice in materia di protezione dei dati personali, ogni registrazione di dati inerenti alle ed alla navigazione in internet. Questi messaggi rimangono nel server dell azienda finchè non vengono scaricati nel pc dell utente o inviati al destinatario e dunque nella completa disponibilità del datore di lavoro.

8 A parer nostro il G.I.P. avrebbe dovuto operare una lettura più attenta dell art. 4 dello Statuto dei Lavoratori, che appunto vieta l'uso di impianti audiovisivi e di altre apparecchiature per finalità di controllo a distanza, e pervenire a considerazioni diverse da quelle in commento. Inoltre si sarebbe potuto allargare lo sguardo anche sull art. 8 dello stesso Statuto perché è innegabile che attraverso le , il datore di lavoro può conoscere anche delle opinioni del dipendente e delle sue attitudini. Purtroppo, secondo il G.I.P. di Milano, l unico limite che il datore incontra all apertura delle e- mail, è quello della propria discrezione ed educazione. Ragionando in questo modo si cancellano quasi quarant anni di vigenza dello Statuto dei Lavoratori e si sminuisce il valore di un nuovo Codice, che è quello In materia di protezione dei dati personali, che tanto inorgoglisce noi ed il nostro Garante per la Privacy. Conclusioni La posta elettronica, così come tutte le innovazioni telematiche che la affiancano, risulta essere uno strumento innovativo e di indubbia utilità. Ciò che però appare evidente, dopo l analisi che si è effettuata dell argomento, è la necessità di una normativa più precisa, che chiarisca maggiormente la natura della posta elettronica e ne fornisca una tutela non solo penalistica. Dal punto di vista giuslavoristico emergono grosse lacune, dovute sicuramente all età della normativa di riferimento. Questi vuoti lasciano spazi troppo ampi ad abusi dei datori di lavoro, e perché no?, anche dei lavoratori, o a decisioni giurisdizionali che sembrano non essere adeguate ovvero affrettate e, al contempo, troppo legate ad una concezione vetusta degli strumenti di lavoro. Del resto, di rischi connaturati all uso della posta elettronica nel contesto lavorativo, ce ne sono e non pochi. Dal danno economico per l impresa, dovuto all abuso dello strumento, al pericolo per il datore di dover trattare dati personali sensibili di terzi, mittenti, senza la possibilità di ottenere un loro consenso informato che lo metta al riparo da qualsiasi violazione della privacy. E occorrerebbe badare anche all affidamento di questi terzi che, in fattispecie come quelle oggetto dell Ordinanza commentata, potrebbero vedere violate da chiunque le proprie missive, senza nemmeno esserne a conoscenza. Un primo passo, espressione di una nascente consapevolezza della rilevanza della questione, sembra essere stato fatto con un recentissimo (luglio 2004) schema di disegno di legge.

9 Il disegno avrebbe per oggetto Disposizioni in materia di uso da parte dei dipendenti degli strumenti tecnologici in ambiente lavorativo. Le innovazioni legislative potrebbero riguardare sia il dipendente pubblico che il dipendente privato. In particolare potrebbe essere previsto per il lavoratore che, per motivi di servizio o in ragione delle mansioni attribuitegli, abbia la disponibilità dei c.d. strumenti tecnologici, di proprietà della Pubblica Amministrazione o del datore di lavoro, la possibilità di usarli anche per scopi privati. Questo dovrebbe però avvenire nei limiti e con le modalità previste dai contratti collettivi, dai codici di comportamento o dai regolamenti interni di servizio. Per il dipendente pubblico ci sarebbe poi la possibilità di utilizzare comunque lo strumento ove si presentassero ragioni di necessità od urgenza. Il dipendente che trasgredisce alle regole sarebbe poi punito, ammesso che il fatto non costituisca più grave reato, con una sanzione amministrativa da 25 a 125 euro. La sanzione dovrebbe essere applicata con un ordinanza-ingiunzione della Direzione provinciale del lavoro, sezione ispettorato del lavoro, secondo la procedura prevista dalla legge 24 novembre 1981, n. 689 e successive modificazioni. Nel caso di reiterazione della violazione si applicherebbe l art. 8-bis della legge già citata così come modificato dall art. 94 del decreto legislativo 30 dicembre 1999 n Nello schema di disegno di legge sono state incluse anche alcune possibili modifiche alla legge 29 marzo 1983, n. 93, ed alla legge 20 maggio 1970, n Nella legge n. 93/83 dovrebbe essere inserito un art. 24-bis rubricato Uso da parte dei dipendenti pubblici degli strumenti tecnologici in dotazione. 7 Dopo l'articolo 8 della legge 24 novembre 1981, n. 689 è inserito il seguente: "Art. 8-bis. (Reiterazione delle violazioni) - Salvo quanto previsto da speciali disposizioni di legge, si ha reiterazione quando, nei cinque anni successivi alla commissione di una violazione amministrativa, accertata con provvedimento esecutivo, lo stesso soggetto commette un'altra violazione della stessa indole. Si ha reiterazione anche quando più violazioni della stessa indole commesse nel quinquennio sono accertate con unico provvedimento esecutivo. Si considerano della stessa indole le violazioni della medesima disposizione e quelle di disposizioni diverse che, per la natura dei fatti che le costituiscono o per le modalità della condotta, presentano una sostanziale omogeneità o caratteri fondamentali comuni. La reiterazione è specifica se è violata la medesima disposizione. Le violazioni amministrative successive alla prima non sono valutate, ai fini della reiterazione, quando sono commesse in tempi ravvicinati e riconducibili ad una programmazione unitaria. La reiterazione determina gli effetti che la legge espressamente stabilisce. Essa non opera nel caso di pagamento in misura ridotta. Gli effetti conseguenti alla reiterazione possono essere sospesi fino a quando il provvedimento che accerta la violazione precedentemente commessa sia divenuto definitivo. La sospensione è disposta dall'autorità amministrativa competente, o in caso di opposizione dal giudice, quando possa derivare grave danno. Gli effetti della reiterazione cessano di diritto, in ogni caso, se il provvedimento che accerta la precedente violazione è annullato".

10 Secondo questo articolo sarà necessario prevedere, nei codici di comportamento dei dipendenti pubblici, ma anche nel regolamento di servizio interno di cui ogni Pubblica Amministrazione si dovrà dotare, dei principi relativi all uso da parte dei dipendenti degli strumenti elettronici di cui hanno la disponibilità. Dovranno essere disciplinate anche le modalità del controllo che potrà essere effettuato dal responsabile per il trattamento dei dati o dal responsabile della sicurezza dei dati e dei sistemi, in ordine all uso di questi strumenti da parte dei dipendenti. Il controllo dovrà avvenire esclusivamente per finalità di sicurezza dei dati e dei sistemi ed inoltre per scopi inerenti al regolare svolgimento dell attività lavorativa ed alla tutela del patrimonio pubblico. La modifica della legge n. 300/70 dovrebbe prevedere l inserimento di un art. 4-bis rubricato Uso degli strumenti tecnologici posti a disposizione dei dipendenti. Anche nel settore privato si prevede l adozione di un regolamento di servizio inerente sia l uso degli strumenti tecnologici a disposizione dei dipendenti, sia le modalità del controllo che potrà essere effettuato, da parte dello stesso datore di lavoro, per finalità di sicurezza e di tutela del patrimonio dell azienda. In entrambi i settori il regolamento di servizio dovrà essere adottato previo accordo con le relative rappresentanze sindacali e secondo le disposizioni del decreto legislativo 30 giugno 2003 n Questo progetto di legge, se fosse sviluppato ed approvato, andrebbe a riempire quasi tutto il vuoto normativo che, con il passare del tempo e con la maggiore diffusione degli strumenti elettronici e telematici, diventa sempre più pesante e problematico. Sarebbe auspicabile l inserimento di norme che, richiamando la disciplina sulla Privacy e quella lavoristica, chiariscano e delimitino gli effettivi poteri di controllo del datore e prevedano chiare sanzioni in caso di straripamento. Un ulteriore argomento che meriterebbe un approfondimento è certamente l affidamento e la tutela dei terzi estranei al rapporto di lavoro. In questo senso gioverebbe specificare i limiti della responsabilità del datore di lavoro che, in sede di controllo del lavoratore, venga in possesso o si trovi a trattare dati personali e sensibili di soggetti da cui non potrà ottenere nessun consenso. La specificazione si rende necessaria sia per non gravare il datore di lavoro di una responsabilità dai confini indefiniti, sia per garantire al terzo che veda lesi i propri diritti, una tutela effettiva e proporzionata. In attesa di un intervento legislativo completo le aziende possono comunque redigere dei regolamenti, seguendo anche gli spunti offerti dall Unione Europea, che possono fare luce sull utilizzo di questi problematici strumenti.

11

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo La problematica. L introduzione dell informatica in azienda, in particolare nei processi produttivi modifica i rapporti

Dettagli

PRIVACY ED INTERENT. Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi

PRIVACY ED INTERENT. Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi PRIVACY ED INTERENT Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi 2014 1 ART. 13 - L informativa all interessato L informativa deve contenere: - Finalità e modalità del trattamento; - Natura obbligatoria o meno;

Dettagli

Certi di garantire un sempre puntuale servizio, restiamo a disposizione per ogni eventuale

Certi di garantire un sempre puntuale servizio, restiamo a disposizione per ogni eventuale Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 14/04/2014 Oggetto: Informativa n. 3. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: Sanzioni per lavoro nero

Dettagli

Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA

Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA La tutela della riservatezza nella gestione del rapporto di lavoro è una tematica particolarmente complessa e delicata

Dettagli

E-mail monitoring e tutela della privacy: un difficile bilanciamento di interessi 24 Aprile 2015 Federico Torzo, Elisabetta Rebagliati Privacy

E-mail monitoring e tutela della privacy: un difficile bilanciamento di interessi 24 Aprile 2015 Federico Torzo, Elisabetta Rebagliati Privacy E-mail monitoring e tutela della privacy: un difficile bilanciamento di interessi 24 Aprile 2015 Federico Torzo, Elisabetta Rebagliati Privacy Sommario Introduzione La situazione italiana Il quadro europeo

Dettagli

Posta elettronica, Internet e controlli sui dipendenti Relatore Avv. Giampiero Falasca

Posta elettronica, Internet e controlli sui dipendenti Relatore Avv. Giampiero Falasca Area Professionale Posta elettronica, Internet e controlli sui dipendenti Relatore Avv. Giampiero Falasca Lo Statuto dei lavoratori Art. 4 La norma vieta l utilizzo di impianti audiovisivi per finalità

Dettagli

Regolamento attuativo delle linee guida del Garante in tema di utilizzo e controllo degli strumenti elettronici

Regolamento attuativo delle linee guida del Garante in tema di utilizzo e controllo degli strumenti elettronici Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena Regolamento attuativo delle linee guida del Garante in tema di utilizzo e controllo degli strumenti elettronici Testo adottato con delibera del Consiglio

Dettagli

2) PRIMO COMMENTO SULLA REVISIONE ART. 4 STATUTO SU CONTROLLI A DISTANZA (Modifiche all'art. 4, legge n. 300/1970 e all'art. 171 d.lgs. n.

2) PRIMO COMMENTO SULLA REVISIONE ART. 4 STATUTO SU CONTROLLI A DISTANZA (Modifiche all'art. 4, legge n. 300/1970 e all'art. 171 d.lgs. n. C O N FEDERAZIO NE G ENE RALE ITALIANA D EL LAVO RO Ufficio giuridico e vertenze Roma, 8 luglio 2015 2) PRIMO COMMENTO SULLA REVISIONE ART. 4 STATUTO SU CONTROLLI A DISTANZA (Modifiche all'art. 4, legge

Dettagli

SISTEMA SANZIONATORIO

SISTEMA SANZIONATORIO Sommario 1. Introduzione... 2 2. Criteri di valutazione della violazione... 2 3. Sanzioni... 2 3.1 Lavoratori dipendenti non dirigenti... 2 3.1.1 Sanzioni per i lavoratori dipendenti... 3 3.2 Soggetti

Dettagli

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A.

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A. CASALP S.p.A. SISTEMA SANZIONATORIO E DISCIPLINARE EX D.LGS. 231/2001 1 INDICE 1. Premessa.. 3 2. Violazioni.. 4 3. Soggetti destinatari... 4 4. Comitato che vigila sui comportamenti e formula le proposte

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Regolamento in materia di esercizio del potere sanzionatorio dell Autorità Nazionale Anticorruzione per l omessa adozione dei Piani triennali di prevenzione

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Parte Speciale Sezione Delitti informatici e trattamento illecito di dati ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA NATURA DELLE MODIFICHE

Dettagli

Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici

Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici WORKSHOP LE SFIDE DELLA SICUREZZA INFORMATICA Confindustria, Cuneo, 10 Luglio 2015 Avv. Marco Cuniberti 1 QUALI RISCHI LEGALI?

Dettagli

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi PRIVACY E SICUREZZA LA PRIVACY DI QUESTO SITO In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Tale politica

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

Circolare n. 2/09 del 27 aprile 2009*

Circolare n. 2/09 del 27 aprile 2009* Circolare n. 2/09 del 27 aprile 2009* PRIVACY E RAPPORTO DI LAVORO Il trattamento dei dati personali dei lavoratori per finalità di gestione del rapporto di lavoro costituisce una tematica molto complessa

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 RUCELLAI&RAFFAELLI Studio Legale Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 Roma Via dei Due Macelli, 47 Telefono: +39 06 6784778 Fax: +39 06 6783915 Bologna Via Cesare

Dettagli

LA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA AZIENDALE: USO PERSONALE USO CONNESSO AD ATTIVITA SINDACALI

LA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA AZIENDALE: USO PERSONALE USO CONNESSO AD ATTIVITA SINDACALI LA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA AZIENDALE: USO PERSONALE USO CONNESSO AD ATTIVITA SINDACALI Premessa L uso improprio o l abuso da parte dei dipendenti degli strumenti informatici assegnati dall azienda

Dettagli

Guardie Giurate. Art. 2 Statuto dei lavoratori.

Guardie Giurate. Art. 2 Statuto dei lavoratori. Guardie Giurate Art. 2 Statuto dei lavoratori. Il datore di lavoro può impiegare le guardie giurate, soltanto per scopi di tutela del patrimonio aziendale e non possono essere adibite alla vigilanza sull'attività

Dettagli

Il trattamento dei dati e le misure minime di sicurezza nelle aziende

Il trattamento dei dati e le misure minime di sicurezza nelle aziende Il trattamento dei dati e le misure minime di sicurezza nelle aziende Le linee guida del Garante per l'utilizzo sul lavoro della posta elettronica e di internet. Provvedimento a carattere generale 1 marzo

Dettagli

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni.

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. QUADRO NORMATIVO ( Stralcio in Allegato n.1): L art. 23 della L.62/2005 (Comunitaria 2004) ha

Dettagli

Circolare Informativa n 16/2014

Circolare Informativa n 16/2014 Circolare Informativa n 16/2014 Cassa integrazione e compatibilità con lo svolgimento di attività lavorativa Casi di decadenza Pagina 1 di 6 INDICE Premessa pag. 3 1) Comunicazione preventiva pag. 3 2)

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati:

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: dott. Antonio Cumin, presidente dott. Giovanni Frangipane,

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità

WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha

Dettagli

Il responsabile della prevenzione della corruzione. Ai collaboratori del Consorzio Ai rappresentanti degli organi di indirizzo politico del Consorzio

Il responsabile della prevenzione della corruzione. Ai collaboratori del Consorzio Ai rappresentanti degli organi di indirizzo politico del Consorzio Ai collaboratori del Consorzio Ai rappresentanti degli organi di indirizzo politico del Consorzio Circolare n.1 DEFINIZIONE LINEE PROCEDURALI PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI O IRREGOLARITÀ E DISCIPLINA

Dettagli

OGGETTO:Sanzioni amministrative non tributarie irrogate da AAMS Devoluzione al giudice tributario - Istruzioni operative.

OGGETTO:Sanzioni amministrative non tributarie irrogate da AAMS Devoluzione al giudice tributario - Istruzioni operative. Agli Uffici regionali AAMS Loro Sedi Prot. 198/Strategie/UPN e, p.c. Al Direttore della Direzione per i Giochi c.a. Dott. Antonio Tagliaferri Al Direttore della Direzione per le Accise c.a. Dott. Diego

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente DELIBERA N. 146 DEL 2014 IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE DI ORDINE NEL CASO DI MANCATA ADOZIONE DI ATTI O PROVVEDIMENTI RICHIESTI DAL PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE E DAL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE

Dettagli

32 8.10.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 41 DELIBERAZIONE 22 settembre 2008, n. 721

32 8.10.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 41 DELIBERAZIONE 22 settembre 2008, n. 721 32 8.10.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 41 DELIBERAZIONE 22 settembre 2008, n. 721 Disciplinare per l utilizzo della posta elettronica e di Internet. LA GIUNTA REGIONALE Visto l

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI CIRCOLARE 8 settembre 2005 Doveri degli enti di servizio civile e infrazioni punibili con le sanzioni amministrative previste dall art.3 bis della legge 6 marzo 2001,

Dettagli

INFORMATIVA GENERALE

INFORMATIVA GENERALE UNIMEC S.R.L. Via Palazzo, 36 Albano S. Alessandro Bg Informazioni rese ai sensi dell art. 13 del D. Lgs.vo 196/03 Codice in materia di protezione dei dati personali e successive modifiche ed integrazioni.

Dettagli

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 170 del 07.11.2011 Indice

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA

REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Martino Longhi di VIGGIÙ Via Indipendenza 18, Loc. Baraggia 21059 VIGGIU (VA) Tel. 0332.486460 Fax 0332.488860 C.F.

Dettagli

SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO

SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO SOMMARIO: 1. Introduzione 2. Primo periodo: opting out; 3. Primi provvedimenti: passaggio all opting in; 4. li provvedimento del Garante per

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per i Beni e le Attività Culturali IL SEGRETARIO GENERALE VISTO il D.Lgs. 20 ottobre 1998, n.368 e successive modificazioni, concernente l istituzione del Ministero per i beni e le attività culturali

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DELLA POSTA ELETTRONICA E DI INTERNET (POLICY AZIENDALE)

REGOLAMENTO SULL USO DELLA POSTA ELETTRONICA E DI INTERNET (POLICY AZIENDALE) REGOLAMENTO SULL USO DELLA POSTA ELETTRONICA E DI INTERNET (POLICY AZIENDALE) PREMESSA Il Garante per la protezione dei dati personali, con Provvedimento 1.03.2007 pubblicato sulla G. U. R.I. 10.03.2007,

Dettagli

Circolare n. 10/09 del 12 novembre 2009*

Circolare n. 10/09 del 12 novembre 2009* Circolare n. 10/09 del 12 novembre 2009* SICUREZZA DEL LAVORO NEI CANTIERI MINORI : IL MINISTERO SI PRONUNCIA Con la Circolare n. 30/2009 del 29 ottobre 2009, il Ministero del Lavoro si occupa per la prima

Dettagli

PROCEDURA TUTELA DEL DIPENDENTE Che denuncia illeciti WHISTLEBLOWER- l informatore (NOVEMBRE 2014)

PROCEDURA TUTELA DEL DIPENDENTE Che denuncia illeciti WHISTLEBLOWER- l informatore (NOVEMBRE 2014) SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE LIGURIA Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino Dipartimento di Prevenzione S.C. Attività giuridico- amministrative del Dipartimento di Prevenzione e Trasparenza dei

Dettagli

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Signori Giudici del Tribunale, Nelle conclusioni di questa mattina,

Dettagli

Il mantenimento dei figli maggiorenni

Il mantenimento dei figli maggiorenni Il mantenimento dei figli maggiorenni Di Germano Palmieri L articolo 30 della Costituzione italiana sancisce che è dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori

Dettagli

Regolamento per la gestione delle segnalazioni di illeciti da parte dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano e della relativa tutela

Regolamento per la gestione delle segnalazioni di illeciti da parte dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano e della relativa tutela Regolamento per la gestione delle segnalazioni di illeciti da parte dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano e della relativa tutela Art. 1 Finalità e oggetto 1. Il presente Regolamento è emesso

Dettagli

Circolare N.108 del 28 Giugno 2013

Circolare N.108 del 28 Giugno 2013 Circolare N.108 del 28 Giugno 2013 Lavoro a chiamata. Dal 3 luglio entrano in vigore le modalità di comunicazione on line e per sms Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che sono state

Dettagli

PRIVACY E GUIDA SISTEMI INFORMATICI LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI AZIENDALI

PRIVACY E GUIDA SISTEMI INFORMATICI LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI AZIENDALI PRIVACY E GUIDA SISTEMI INFORMATICI LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI AZIENDALI Premessa E possibile per l azienda controllare il corretto uso da parte dei propri dipendenti del personal

Dettagli

I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY

I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY E legittimo negare la comunicazione delle informazioni personali raccolte in fase di indagine prima dell avvio del processo a

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; Pm (conforme) Destro. LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE OMISSIONE DELLA COMUNICAZIONE DEI

Dettagli

GUIDA AL NUOVO LAVORO A PROGETTO

GUIDA AL NUOVO LAVORO A PROGETTO Associazione Nazionale Consulenti del Lavoro Riforma del Mercato del Lavoro Legge 92/2012 GUIDA AL NUOVO LAVORO A PROGETTO DI RENZO LA COSTA LUGLIO 2012 Il nuovo lavoro a progetto 1 Il contratto di lavoro

Dettagli

SICUREZZA DEGLI EDIFICI E DOMOTICA Linee guida e compiti in fase di progettazione Privacy

SICUREZZA DEGLI EDIFICI E DOMOTICA Linee guida e compiti in fase di progettazione Privacy Quali dati si possono raccogliere e come Molti sono per le aziende i punti critici: Quali dati si possono raccogliere? Quali si devono raccogliere? Quali controlli preventivi si possono fare? Con quale

Dettagli

Dichiarazione dei diritti in Internet

Dichiarazione dei diritti in Internet Dichiarazione dei diritti in Internet Questo documento costituisce il nuovo testo della Dichiarazione elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri relativi ad Internet a seguito della consultazione

Dettagli

PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E

PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ ( WHISTLEBLOWING POLICY ) Disciplina della tutela del dipendente che segnala illeciti e/o irregolarità (c.d. whistleblower) Redatta da: Paolo Zanoni, Anna Teneggi Codice procedura: PG004 Approvata

Dettagli

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e Linee guida per il TRATTAMENTO E GESTIONE DEI DATI PERSONALI Articolo 1 Oggetto e ambito di applicazione e principi di carattere generale 1. Il presente documento disciplina le modalità di trattamento

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Sommario 1.Le fattispecie dei Reati Presupposto (Art. 24 bis del D. Lgs. 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole generali...

Dettagli

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III LIBRO SECONDO Dei delitti in particolare TITOLO III Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III Della tutela arbitraria delle private ragioni Articolo 392 Esercizio arbitrario delle proprie

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. ARTICOLO 2 Rapporti di lavoro instaurabili e relative modalità di scelta

REGOLAMENTO INTERNO. ARTICOLO 2 Rapporti di lavoro instaurabili e relative modalità di scelta REGOLAMENTO INTERNO ARTICOLO 1 Scopo ed oggetto del regolamento Il presente regolamento ha lo scopo - ai sensi dell articolo 6 della legge 3 aprile 2001, n. 142, e dell articolo 39 dello statuto - di disciplinare

Dettagli

LEGAL DISCLAIMER AREA RISERVATA FORNITORI QUALIFICATI

LEGAL DISCLAIMER AREA RISERVATA FORNITORI QUALIFICATI LEGAL DISCLAIMER AREA RISERVATA FORNITORI QUALIFICATI Con l accesso all Area Riservata Fornitori Qualificati (l Area ), l Utente accetta integralmente i seguenti termini e condizioni di utilizzo (le Condizioni

Dettagli

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE A tutte le pubbliche amministrazioni di cui all articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 Oggetto:

Dettagli

I Soggetti responsabili.

I Soggetti responsabili. I Soggetti responsabili. Scorrendo l articolato, prima relativo al D.Lgs. n. 626/1994 ed ora al D.Lgs. n. 81/2008, risulta come alla chiara esposizione delle responsabilità di legge (D.Lgs. n. 81/2008

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

OFFERTA POSTEMAILBOX CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO ARCHIVIO

OFFERTA POSTEMAILBOX CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO ARCHIVIO OFFERTA POSTEMAILBOX CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO ARCHIVIO Le presenti Condizioni Generali di Servizio (di seguito CGS o Contratto ) disciplinano il servizio Archivio erogato da Poste Italiane S.p.A.

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY

WHISTLEBLOWING POLICY WHISTLEBLOWING POLICY Allegato C Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha

Dettagli

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Il presente documento ha lo scopo di illustrare il Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo adottato

Dettagli

Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE

Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE 1. Le Aziende sono tenute al rispetto dei principi di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della

Dettagli

LA DECISIONE DELLA CORTE DI GIUSTIZIA SUL CASO GOOGLE SPAIN:

LA DECISIONE DELLA CORTE DI GIUSTIZIA SUL CASO GOOGLE SPAIN: LA DECISIONE DELLA CORTE DI GIUSTIZIA SUL CASO GOOGLE SPAIN: PIÙ PROBLEMI CHE SOLUZIONI * di Franco Pizzetti (Professore ordinario di Diritto costituzionale Università di Torino) 10 giugno 2014 1. La decisione

Dettagli

Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003

Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003 Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 (codice in materia di protezione dei dati personali) prevede la tutela delle

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001. Sistema Disciplinare

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001. Sistema Disciplinare Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Sistema Disciplinare ELENCO DELLE REVISIONI 2 INDICE Introduzione... 4 Sistema disciplinare... 4 Dirigenti... 5 Amministratori...

Dettagli

L amministratore di sistema. di Michele Iaselli

L amministratore di sistema. di Michele Iaselli L amministratore di sistema di Michele Iaselli Definizione L Amministratore di sistema viene definito dal provvedimento dell Autorità Garante del 27 novembre 2008 come una figura professionale destinata

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE. Venis Venezia Informatica e Sistemi S.p.A.

SISTEMA DISCIPLINARE. Venis Venezia Informatica e Sistemi S.p.A. SISTEMA DISCIPLINARE Venis Venezia Informatica e Sistemi S.p.A. Versione: 3.0 Approvato con determinazione dell Amministratore Unico il 7 novembre 2014 MO231 - pag. 1 di 5 SISTEMA DISCIPLINARE 1. PREMESSA

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO Approvata con deliberazione della Giunta Comunale n. 309 in data 31/03/2011 SOMMARIO IL CONTESTO... 3 1. AMBITI DI RACCOLTA... 7 1.1 CONTACT

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 41/08. Alla Presidenza del Consiglio dei ministri Segretariato generale

Nota Circolare UPPA n. 41/08. Alla Presidenza del Consiglio dei ministri Segretariato generale UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SERVIZIO TRATTAMENTO DEL PERSONALE DFP-0027366-12/06/2008-1.2.3.3 Roma, 12 giugno 2008 Nota Circolare UPPA n. 41/08 Alla Presidenza del Consiglio dei ministri

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 12/05/2009) Sommario Art. 1.

Dettagli

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 FAQ TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 IDENTIFICATIVO VERSIONE Ed. 1 Rev. 0/04-01-2013 RTI : HP Enterprise Services Italia S.r.l. Selex ES S.p.A.

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

Bando di gara per l affidamento dei servizi di comunicazione del palinsesto di Expo in città

Bando di gara per l affidamento dei servizi di comunicazione del palinsesto di Expo in città Bando di gara per l affidamento dei servizi di comunicazione del palinsesto di Expo in città MODELLO DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONI E DELL ATTO DI NOTORIETA DEI REQUISITI DI ORDINE GENERALE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Allegato 1 LETTERA CIRCOLARE Roma, 1 dicembre 2004 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE PER L'ATTIVITA ISPETTIVA Ai Direttori delle Direzioni Regionali del Lavoro LORO SEDI

Dettagli

Allo stesso modo il Decreto citato garantisce i diritti delle persone giuridiche e d ogni altro ente o associazione.

Allo stesso modo il Decreto citato garantisce i diritti delle persone giuridiche e d ogni altro ente o associazione. PRIVACY POLICY PRIVACY POLICY GENERALE RIVOLTA AI NAVIGATORI DEL SITO WWW.ITALIANCONVERTER.IT RESA AI SENSI DELl ART. 13 DEL D.LGS. 196/2003 Il D. Lgs 196/2003, denominato Codice in materia di protezione

Dettagli

PROTOCOLO INTERNO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI RISERVATE

PROTOCOLO INTERNO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI RISERVATE . PROT 6 Pag 1/7 PROTOCOLO INTERNO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI RISERVATE PALLOTTA S.P.A. EMESSO APPROVATO REVISIONE DATA FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA CdA CdA . PROT 6 Pag 2/7 PARTE

Dettagli

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate - IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del CdA del 24 marzo 2006 e successivamente modificata in data

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO ARCHIVIO

CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO ARCHIVIO CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO ARCHIVIO Le presenti Condizioni Generali di Servizio (di seguito CGS o Contratto ) disciplinano il servizio Archivio erogato da Poste Italiane S.p.A., facente parte integrante

Dettagli

sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012

sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012 sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012 1 Indice Introduzione... 3 Sistema disciplinare... 3 2 Introduzione

Dettagli

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 Gli indici della natura subordinata del rapporto di lavoro Relazione dell Avv. Paolo Valla * * * Traccia dei casi da trattare Controversia

Dettagli

Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità (whistleblowing)

Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità (whistleblowing) Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità (whistleblowing) 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha inserito un nuovo

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ORGANISMO DI VIGILANZA PER L ATTUAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE GALILEO GALILEI CREMA (CR) Nomina componenti OdV edizione dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA ART. 1 FINALITÀ

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA ART. 1 FINALITÀ REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA ART. 1 FINALITÀ Il presente Regolamento disciplina la gestione e l utilizzo della posta elettronica all interno dell Arta Abruzzo (nel seguito

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 7 DEL 04.03. 2010

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 7 DEL 04.03. 2010 FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 7 DEL 04.03. 2010 POLIZZE ASSICURATIVE AMMINISTRATORI QUALI SONO ESENTI E DEDUCIBILI IL QUESITO E possibile avere un quadro delle problematiche fiscali

Dettagli

Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Asl di Bergamo e relative forme di tutela

Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Asl di Bergamo e relative forme di tutela Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Asl di Bergamo e relative forme di tutela Art. 1 Finalità, oggetto e natura dell istituto 1) L

Dettagli

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n del 2013 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 INDICE

Dettagli

Privacy - poteri di controllo del datore di lavoro e nuove tecnologie

Privacy - poteri di controllo del datore di lavoro e nuove tecnologie S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE Privacy - poteri di controllo del datore di lavoro e nuove tecnologie GIUSEPPE MANTESE 14 gennaio 2009 Milano Argomenti trattati nell intervento: Utilizzo degli strumenti

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società CIRCOLARE N. 2 DEL 29 GENNAIO 2010 DIRITTO SOCIETARIO Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società www.assonime.it ABSTRACT Questa circolare illustra le novità

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

1. FINALITA 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA E DIFFUSIONE 4. OGGETTO DELLA SEGNALAZIONE 5. PRINCIPI DI RIFERIMENTO 6.

1. FINALITA 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA E DIFFUSIONE 4. OGGETTO DELLA SEGNALAZIONE 5. PRINCIPI DI RIFERIMENTO 6. 1 1. FINALITA 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA E DIFFUSIONE 4. OGGETTO DELLA SEGNALAZIONE 5. PRINCIPI DI RIFERIMENTO 6. MODALITA DI SEGNALAZIONE 7. INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 D,LGS. 196/2003

Dettagli

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Formazione Laboratori Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Avv. Emanuele Montemarano Presidente dell Organismo di Vigilanza ACCREDIA 1 Un errore nel titolo... La normativa oggetto della

Dettagli

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina Anno XV n. 85 Settembre Ottobre 2010 Pubblicazione Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione AL VIA LE AZIONI SINDACALI 26Primo piano Intervista Senatore Divina 52 Giurisprudenza Il caso Global 102 Speciale

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Direttiva del 28 settembre 2009 Indirizzi interpretativi ed applicativi in materia di destinazione delle spese per l acquisto di spazi pubblicitari da parte delle Amministrazioni dello Stato ai sensi dell

Dettagli

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA Circolare n. 5/09 del 26 giugno 2009* CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO La Corte di Cassazione con la sentenza del 10 febbraio 2009, n. 3276 è recentemente intervenuta in materia di risoluzione anticipata

Dettagli

PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI INFORMATICI Approvato. Data. Rev C.d.A 02/01/2012

PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI INFORMATICI Approvato. Data. Rev C.d.A 02/01/2012 . PROT. 8 Pag 1/7 PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI E DEL TRATTAMENTO ILLECITO DEI DATI, PER LA PREVENZIONE DEI DELITTI IN MATERIA DI VIOLAZIONE DEL DIRITTO D AUTORE E DEI DELITTI CONTRO

Dettagli

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA PAG. 1 PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Edizione n 0 1 rev. 0 approvata dall Amministratore Unico con delibera del Questo manuale è di proprietà

Dettagli

La riforma forense: Il tirocinio professionale

La riforma forense: Il tirocinio professionale La riforma forense: Il tirocinio professionale A cura di Francesco Zigrino Premessa In data 2 febbraio 2013 è entrata ufficialmente in vigore la tanto attesa Legge 31 dicembre 2012 n. 247 rubricata: Nuova

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA (Art. 46 e 47 del D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000)

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA (Art. 46 e 47 del D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA (Art. 46 e 47 del D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000) Il sottoscritto, nato a (prov. ) il e residente a in Via

Dettagli