La Posta elettronica. ed i suoi aspetti nel mondo aziendale. di Paola Scardino. Parte II Pronunce giurisprudenziali e rilievi critici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Posta elettronica. ed i suoi aspetti nel mondo aziendale. di Paola Scardino. Parte II Pronunce giurisprudenziali e rilievi critici"

Transcript

1 La Posta elettronica ed i suoi aspetti nel mondo aziendale di Paola Scardino Parte II Pronunce giurisprudenziali e rilievi critici La produzione giurisprudenziale in tema di posta elettronica, soprattutto in riferimento alla posta elettronica aziendale, è davvero esigua. Ciò è certamente sintomo della giovinezza della materia, ma la scarsa produzione, a parere di chi scrive, non dimostra certo avanguardia di pensiero dei Giudicanti. La raccolta che segue ha l intento modesto di porre in evidenza l orientamento dei Giudici e fornirne una giovane critica. L orientamento della Giurisprudenza la Corte di Cassazione, sez. lavoro, sent. n del : In tema di licenziamento disciplinare e/o per giusta causa, la valutazione della gravità del fatto ( ) non va operata in astratto, bensì con riferimento agli aspetti concreti afferenti alla natura ed alla qualità del singolo rapporto, alla posizione della parti, al grado di affidabilità richiesto dalle specifiche mansioni del dipendente, nonché alla portata soggettiva del fatto ( ) (nella specie, la Suprema Corte ha confermato la sentenza di merito che aveva ritenuto la sanzione del licenziamento non proporzionata, in quanto eccessiva, alla gravità dell addebito contestato al dipendente Sip che, in seguito ad un guasto alla linea della propria utenza, aveva collegato provvisoriamente quest ultima al telefono di servizio per avere notizie della figlia ammalata, ancorché il c.c.n.l. prevedesse come fatto giustificativo del licenziamento la falsificazione di apparecchiature al fine di ottenere indebiti vantaggi personali) ; la Corte di Cassazione, sez. lavoro, con sentenza n del ha stabilito che la continua reiterazione di una condotta vietata (nel caso di specie uso indebito dei telefoni aziendali) non solo dal codice disciplinare, ma anche da specifici richiami dell azienda all osservanza del

2 divieto, fa venir meno uno degli elementi essenziali del rapporto di lavoro, la fiducia del datore di lavoro nella collaborazione del lavoratore, rendendo legittimo il licenziamento ; P. Milano, : Ai fini della sussistenza della giusta causa o del giustificato motivo soggettivo di licenziamento ( ) intimato per avere il dipendente utilizzato il computer aziendale per l esecuzione di lavori personali estranei all attività aziendale, il datore di lavoro deve provare che l attività contestata sia stata svolta durante l orario di lavoro e, per la configurabilità della giusta causa, che tale utilizzo sia stato di entità rilevante, poiché il semplice utilizzo del computer aziendale è circostanza di per sé insufficiente a giustificare il licenziamento disciplinare ; P. Roma, : Il reiterato indebito uso del telefono di proprietà aziendale per motivi personali costituisce infrazione pienamente percepibile quale gravemente lesiva degli obblighi lavorativi e come tale integra giusta causa di licenziamento ; T. Padova, : L uso del telefono aziendale per fini personali ovvero la promessa di farlo utilizzare ad altri costituisce un fatto rilevante disciplinarmente e tuttavia inidoneo a ritenere legittimo il licenziamento, stante la sproporzione tra questa sanzione e l offesa arrecata al datore di lavoro ; Assimilato l uso di internet a quello del telefono e del computer aziendale, appare possibile affermare che la Giurisprudenza sembra mantenere un orientamento costante: l uso non legittimato di questi beni aziendali per fini privati del lavoratore, non appare essere condotta da sola sufficiente a giustificare il licenziamento. È richiesto dalla Cassazione un bilanciamento tra gli interessi in gioco, una valutazione proporzionale tra il danno provocato dalla condotta del lavoratore e la sanzione disciplinare comminata. Il datore deve adoperarsi attivamente per fornire prova che l attività lesiva sia stata dal lavoratore posta in essere durante l orario di lavoro, nonostante precedenti richiami e abbia comportato un danno di rilevante entità. Solo la reiterata condotta, con portata lesiva grave, è idonea a giustificare la massima sanzione disciplinare del licenziamento. Le pronunce che riguardano in maniera specifica l uso di internet e della posta elettronica per fini privati del lavoratore sono davvero esigue: Corte dei Conti, Sez. Giurisdizionale per la Regione Piemonte del : il problema è stato valutato dal punto di vista del danno erariale ed è stata affermata la possibilità di registrare gli accessi ad internet dei dipendenti al fine di reprimere comportamenti illeciti e controllare la spesa 1 ; T.A.R. Lazio, Sez. I ter, n del : La corrispondenza trasmessa per via informatica o telematica, c.d. posta elettronica, deve essere tutelata alla stregua della 1 Si deve comunque tenere presente che secondo il Codice di comportamento dei dipendenti pubblici, il dipendente non utilizza le linee telefoniche dell ufficio per esigenze personali, salvo casi d urgenza. La formulazione precedente dell art. 10 del citato Codice, prevedeva per il lavoratore l onere di informare preventivamente il dirigente dell ufficio.

3 corrispondenza epistolare o telefonica ed è quindi caratterizzata dalla segretezza. Questa pronuncia si ricollega sia ai pareri del Garante che alla tesi della dottrina secondo cui, fin quando il lavoratore non apre i messaggi telematici ricevuti accedendo alla propria casella di posta, il messaggio si deve ritenere chiuso alla stregua dell art. 616 c.p.; Ordinanza di archiviazione del Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Milano, : in seguito alla denuncia querela per violazione della corrispondenza, presentata da una lavoratrice nei confronti del responsabile di reparto e del legale rappresentante della società presso cui prestava servizio, il G.I.P. decideva di accogliere la richiesta di archiviazione del P.M. La esponente, che veniva anche licenziata per presunta violazione dei doveri inerenti al rapporto di lavoro, deduceva che la condotta del responsabile di reparto e del legale rappresentante dell azienda violava l art. 616 c.p. ed il principio costituzionale contenuto all art. 15 Cost. ad esso sotteso. Sosteneva inoltre la lavoratrice, che nell occasione non ricorrevano cause di giustificazione, atteso che al datore di lavoro è consentito controllare il contenuto dei messaggi solo se abbia motivo di ritenere che in essi siano contenute prove del compimento di fatti illeciti da parte del lavoratore. Inoltre il controllo della posta della lavoratrice era avvenuto in un periodo di assenza della stessa per ferie, in un periodo in cui anche i clienti-mittenti erano in ferie, usando la password e la ID a lei attribuite ma dalla stessa comunicate ad altri lavoratori,come da prassi aziendale. Il Pubblico Ministero, invece, chiedeva l archiviazione, non essendosi verificata alcuna fattispecie delittuosa. La casella di posta elettronica formata da nome del dell azienda.it deve ritenersi di titolarità esclusiva del datore di lavoro, nonostante l accesso sia possibile solo dopo aver digitato password ed ID attribuite al singolo lavoratore, e per questo accessibile da questi e dai superiori di reparto del lavoratore in ogni momento 2. Il G.I.P. ha ritenuto di dover archiviare sulla scorta di alcune considerazioni, ed in particolare: a - pur non negando il carattere personale dell indirizzo di posta elettronica del lavoratore, si è ritenuto di non dover riconoscere ad esso la caratteristica della privatezza ed ha quindi escluso ogni forma di tutela garantita dal Codice Penale e dal Codice in materia di protezione dei dati personali 3 ; b - si è sottolineato che, se la corrispondenza tradizionale ricevuta dal destinatario al domicilio di lavoro non cessa di avere il carattere di privatezza, questo non può valere anche per la posta elettronica, dato che solo la prima può essere contenuta in busta chiusa; 2 "Le caselle di posta elettronica recanti quali estensioni nell'indirizzo seppur contraddistinte da diversi "username" di identificazione e password di accesso, sono da ritenersi equiparate ai normali strumenti di lavoro della società e quindi soltanto in uso ai singoli dipendenti per lo svolgimento dell'attività aziendale agli stessi demandata; considerando quindi che la titolarità di detti spazi di posta elettronica debba ritenersi riconducibile esclusivamente alla società. p.q.m..omissis". 3 ( ) Personalità dell indirizzo non significa necessariamente privatezza del medesimo, dal momento che, salve le ipotesi in cui la qualifica del lavoratore lo consenta o addirittura lo imponga ( ), l indirizzo aziendale, proprio perché tale, può sempre essere nella disponibilità di accesso e lettura da parte di persone diverse dall utilizzatore consuetudinario ( ).

4 c - data l impossibilità di configurare un diritto di utilizzo esclusivo dell , ogni lavoratore decida di utilizzarlo per fini diversi da quelli lavorativi, assume su di sé il rischio che anche altri lavoratori possano entrare nella propria casella e leggerne il contenuto, senza però commettere alcuna violazione di legge; d - detto rischio, inoltre, non deve essere configurato al lavoratore che deve invece averne percezione e contezza per il solo fatto di saper utilizzare lo strumento informatico 4 ; e - si è ritenuto che la password necessaria per accedere alla casella non abbia la finalità di proteggere la segretezza dei dati in essa contenuti bensì solo quella di impedire che ai predetti strumenti possano accedere persone estranee alla società ; f - non si è ritenuto conferente ogni ulteriore argomentazione che, facendo leva sul carattere di assoluta assimilazione della posta elettronica alla posta tradizionale, cerchi di superare le strutturali diversità dei due strumenti comunicativi ( )per giungere a conclusioni differenti da quelle ritenute da questo giudice ; g - è stata assolutamente esclusa la possibilità che il datore di lavoro, attraverso l apertura della casella di posta elettronica attribuita al dipendente, possa effettuare ogni qualsiasi sorta di controllo sulle attività svolte da quest ultimo atteso che l uso delle costituisce un semplice strumento aziendale a disposizione dell utente-lavoratore al solo fine di consentire al medesimo di svolgere la propria funzione aziendale ( ) e che, come tutti gli altri strumenti di lavoro forniti dal datore di lavoro, rimane nella completa e totale disponibilità del medesimo senza alcuna limitazione 5. Rilievi critici Dalla lettura dell Ordinanza di archiviazione del G.I.P. di Milano, ciò che agli occhi di chi scrive risulta evidente è una non adeguata considerazione della modernità dello strumento posta elettronica, una reticenza a volgere lo sguardo sulla necessità di giurisdicere in modo innovativo e operare una ricerca a tuttotondo tra le norme applicabili alla materia. Se poche erano le sentenze a cui il G.I.P. poteva far riferimento, non poche erano le norme, anche a livello europeo, a cui invece avrebbe potuto attingere. 4 ( ) Che detto rischio, per essere operativo, non debba essere preventivamente ed espressamente ricordato al lavoratore è una evenienza che può ritenersi consequenziale alle doverose ed imprescindibili conoscenze informatiche del lavoratore che, proprio perché utilizzatore di detto strumento, non può ignorare questa evidente e palese implicazione. 5 ( ) Di qui l'inconferenza dell'assunto in ordine all'asserito preteso divieto assoluto del datore di lavoro di "entrare" nelle cartelle "private" del lavoratore ed individuabili come tali, che verosimilmente contengano messaggi privati indirizzati o inviati al lavoratore e che solo ragioni di discrezione ed educazione imporrebbero al datore di lavoro/lavoratore non destinatario di astenersi da ogni forma di curiosità.

5 Il G.I.P. dice chiaramente che la posta elettronica aziendale non può avere il carattere della privatezza. Ma questo non è vero in assoluto. Il T.A.R. Lazio, Sez. I ter, n del , riconosce ad esempio alla posta elettronica, inviata in ambiente pubblico, il carattere della segretezza. Il Garante per la Privacy, nel comunicato stampa del 12 luglio del 1999 ha messo in rilievo il carattere segreto della posta aziendale, carattere che deve essere riconosciuto almeno fino al momento in cui il datore non comunichi al lavoratore la possibilità che tutti i messaggi aziendali siano da considerare nella disponibilità dell azienda e come tali accessibili da chiunque. Certo, in Italia le sentenze non costituiscono precedente, così come i comunicati stampa del Garante non hanno valore di legge, ma possono pur sempre essere tenute in conto da ogni giudice nell esercizio del potere discrezionale che gli spetta. In via subordinata, si dovrebbe poi valutare la prassi di ogni singola azienda, perché non è assolutamente questo un settore dove si può operare una generalizzazione. Si potrebbe ben verificare che un titolare d azienda, crei due indirizzi elettronici per ogni lavoratore, uno per scopi privati ed uno per adempiere ai compiti lavorativi, così come suggerito dal Gruppo Europeo per la tutela del trattamento dei dati. Oppure potrebbe essere riconosciuta al lavoratore la possibilità di utilizzare saltuariamente, o anche con regolarità ma entro certi limiti, la casella elettronica per fini privati. Al lavoratore non viene riconosciuto nessun diritto ad un uso esclusivo della casella di posta elettronica, data la natura di strumento aziendale della stessa, ma far ricadere per questo sul lavoratore il rischio che anche altri possano leggere la corrispondenza, sembra eccessivo. Sarebbe più opportuno che il lavoratore fosse informato di questa eventualità, egli dovrebbe essere reso edotto anche delle eventuali conseguenze di un abuso che, così come stabilito dallo Statuto dei Lavoratori, e come sottolineato dalla Suprema Corte, devono assolutamente essere proporzionate. Da un singolo abuso non potrà derivare il licenziamento, semmai dopo una serie di richiami, conseguenti ad abusi reiterati, si potrà parlare di proporzionalità tra gli interessi in gioco se dovesse essere comminato un licenziamento. Nell Ordinanza si parla anche della funzione della password, che non sarebbe quella di garantire la privatezza della corrispondenza ma piuttosto la sicurezza della società. Se così fosse non ci sarebbe bisogno di una differenziazione delle password da lavoratore a lavoratore. Data la possibilità di sceglierla, il datore di lavoro potrebbe individuarne una, uguale per tutta l azienda. Ma un eventualità del genere non è possibile: nell ambito di una sola azienda è necessario differenziare la password anche in base alle funzioni che devono essere svolte da ogni singolo

6 lavoratore; con un unica password tutti potrebbero accedere alla posta dei dipendenti di ogni settore, e si sa che questo non è possibile. Si avrebbe una totale trasparenza che spesso non è utile ai fini aziendali. Dunque la funzione della password non sarà solo quella di strumento di tutela contro intrusioni provenienti dal di fuori dell azienda, ma ostacolo per chiunque non sia titolare di quello specifico indirizzo elettronico o di una specifica funzione. Del resto, la prassi di rivelare la propria parola di accesso, che il G.I.P. non ha difficoltà a ritenere addirittura universale, non può da sola sminuire la funzione protettiva che è largamente riconosciuta alla password. Si tenga anche conto del fatto che il lavoratore può comunque cambiarla in ogni momento, senza per questo doverla necessariamente comunicare ai colleghi o superiori. In caso contrario occorrerebbe parlare di obbligo di comunicazione della password e non di facoltà! Il G.I.P. asserisce che la posta tradizionale che presenti caratteri inequivoci di "privatezza", non cess(a) di assumere detto carattere se fatta recapitare al suo destinatario sul posto di lavoro anziché al proprio domicilio. Questo assunto non è valido per la posta elettronica perché essa, a parere del Giudice, non può essere contenuta in una busta chiusa con il nominativo del solo destinatario. Ciò equivale a dire che la posta elettronica è priva del carattere della segretezza poichè non è contenuta in una busta chiusa. Se è vero che non esiste un involucro materiale, non è detto che non possa esistere un involucro virtuale, che però abbia la stessa valenza e capacità di conferire all il carattere della segretezza, proprio della missiva cartacea in busta chiusa. La lettera elettronica, quando giunge al destinatario, viene inserita in una cassetta virtuale insieme a tutte le ancora non aperte, e normalmente viene utilizzata anche una particolare grafica che faccia risaltare, per chiunque apra quella casella, il carattere dell attualità della comunicazione. È da aggiungere che lo stesso mittente conferisce personalità e privatezza alla missiva elettronica, semplicemente indicando il personale indirizzo del destinatario. Senza considerare la possibilità di utilizzare espressioni del tipo all attenzione di che sono fortemente connotative del carattere della riservatezza. È legittimo inoltre chiedersi quali siano gli ostacoli che impediscono la assoluta assimilazione della posta elettronica a quella cartacea. Il legislatore, nel Codice Penale, ha sottolineato, seppur in tema di tutela, questa equiparazione, ha dedicato il 4 comma dell art. 616 a questo argomento! Anche il Garante per la privacy non poche volte ha sostenuto questa uguaglianza 6. 6 Come già analizzato nelle pagine precedenti.

7 E non è certo il presunto carattere della istantaneità a privare la posta elettronica di questa tutela. Anzi, come già osservato in precedenza, la posta elettronica ha certamente un momento statico, rappresentato dal messaggio in memoria nel server o nel pc del soggetto o nella cartella virtuale di posta ricevuta, ed uno dinamico, che può durare anche attimi, data la velocità di trasmissione. Il momento statico viene tutelato dall art. 616 c.p., proprio come la posta cartacea, mentre il momento dinamico dall art. 617 quater. È innegabile che ci siano delle diversità tra i due strumenti comunicativi, ma non per questo è impossibile equipararli nella tutela e nella disciplina. A ben guardare anche la comunicazione telefonica, che viaggia sugli stessi cavi della posta elettronica, ed è anch essa istantanea, è tutelata sul fronte della riservatezza. Nel corso delle indagini, poi, il G.I.P. dice di aver potuto appurare che nel normale uso dello strumento viene anche tollerato un uso extra-lavorativo della senza tuttavia che si verifichi un mutamento della destinazione dello strumento, che è quello esclusivo della comunicazione con colleghi e clienti: in ogni caso non viene consentito, anzi è assolutamente vietato, l'utilizzo dello spazio di posta elettronica per motivi personali. Senza sembrare polemici, ci si chiede: quale è il confine tra un uso extra-lavorativo, tollerato, ed un uso per motivi personali, che invece non sarebbe consentito? Ed inoltre, nel caso di specie, il lavoratore era stato portato a conoscenza del divieto di utilizzare l indirizzo elettronico per motivi personali, tramite una circolare o tramite un regolamento scritto? Ed il lavoratore, sapeva che la sanzione disciplinare prevista, in caso di mancato rispetto della regola, sarebbe stata quella più grave del licenziamento? Non è dato sapere. Il G.I.P. nella sua Ordinanza esclude che il datore di lavoro, attraverso la lettura delle del dipendente, possa effettuare un non consentito controllo sull attività del lavoratore. Ad un osservatore attento non può sfuggire il fatto che il pc è in grado di memorizzare dei dati attraverso cui il datore può avere contezza dell attività del dipendente. Si pensi, ad esempio al numero di missive scambiate con un cliente, alla rapidità di risposta del lavoratore, alla mole di corrispondenza adempiuta al giorno, e così via. Per non parlare del contenuto delle stesse missive: la posta elettronica può contenere diverse tipologie di dati tra cui anche dati sensibili. Non è quindi difficile qualificare come trattamento, così come disciplinato dal Codice in materia di protezione dei dati personali, ogni registrazione di dati inerenti alle ed alla navigazione in internet. Questi messaggi rimangono nel server dell azienda finchè non vengono scaricati nel pc dell utente o inviati al destinatario e dunque nella completa disponibilità del datore di lavoro.

8 A parer nostro il G.I.P. avrebbe dovuto operare una lettura più attenta dell art. 4 dello Statuto dei Lavoratori, che appunto vieta l'uso di impianti audiovisivi e di altre apparecchiature per finalità di controllo a distanza, e pervenire a considerazioni diverse da quelle in commento. Inoltre si sarebbe potuto allargare lo sguardo anche sull art. 8 dello stesso Statuto perché è innegabile che attraverso le , il datore di lavoro può conoscere anche delle opinioni del dipendente e delle sue attitudini. Purtroppo, secondo il G.I.P. di Milano, l unico limite che il datore incontra all apertura delle e- mail, è quello della propria discrezione ed educazione. Ragionando in questo modo si cancellano quasi quarant anni di vigenza dello Statuto dei Lavoratori e si sminuisce il valore di un nuovo Codice, che è quello In materia di protezione dei dati personali, che tanto inorgoglisce noi ed il nostro Garante per la Privacy. Conclusioni La posta elettronica, così come tutte le innovazioni telematiche che la affiancano, risulta essere uno strumento innovativo e di indubbia utilità. Ciò che però appare evidente, dopo l analisi che si è effettuata dell argomento, è la necessità di una normativa più precisa, che chiarisca maggiormente la natura della posta elettronica e ne fornisca una tutela non solo penalistica. Dal punto di vista giuslavoristico emergono grosse lacune, dovute sicuramente all età della normativa di riferimento. Questi vuoti lasciano spazi troppo ampi ad abusi dei datori di lavoro, e perché no?, anche dei lavoratori, o a decisioni giurisdizionali che sembrano non essere adeguate ovvero affrettate e, al contempo, troppo legate ad una concezione vetusta degli strumenti di lavoro. Del resto, di rischi connaturati all uso della posta elettronica nel contesto lavorativo, ce ne sono e non pochi. Dal danno economico per l impresa, dovuto all abuso dello strumento, al pericolo per il datore di dover trattare dati personali sensibili di terzi, mittenti, senza la possibilità di ottenere un loro consenso informato che lo metta al riparo da qualsiasi violazione della privacy. E occorrerebbe badare anche all affidamento di questi terzi che, in fattispecie come quelle oggetto dell Ordinanza commentata, potrebbero vedere violate da chiunque le proprie missive, senza nemmeno esserne a conoscenza. Un primo passo, espressione di una nascente consapevolezza della rilevanza della questione, sembra essere stato fatto con un recentissimo (luglio 2004) schema di disegno di legge.

9 Il disegno avrebbe per oggetto Disposizioni in materia di uso da parte dei dipendenti degli strumenti tecnologici in ambiente lavorativo. Le innovazioni legislative potrebbero riguardare sia il dipendente pubblico che il dipendente privato. In particolare potrebbe essere previsto per il lavoratore che, per motivi di servizio o in ragione delle mansioni attribuitegli, abbia la disponibilità dei c.d. strumenti tecnologici, di proprietà della Pubblica Amministrazione o del datore di lavoro, la possibilità di usarli anche per scopi privati. Questo dovrebbe però avvenire nei limiti e con le modalità previste dai contratti collettivi, dai codici di comportamento o dai regolamenti interni di servizio. Per il dipendente pubblico ci sarebbe poi la possibilità di utilizzare comunque lo strumento ove si presentassero ragioni di necessità od urgenza. Il dipendente che trasgredisce alle regole sarebbe poi punito, ammesso che il fatto non costituisca più grave reato, con una sanzione amministrativa da 25 a 125 euro. La sanzione dovrebbe essere applicata con un ordinanza-ingiunzione della Direzione provinciale del lavoro, sezione ispettorato del lavoro, secondo la procedura prevista dalla legge 24 novembre 1981, n. 689 e successive modificazioni. Nel caso di reiterazione della violazione si applicherebbe l art. 8-bis della legge già citata così come modificato dall art. 94 del decreto legislativo 30 dicembre 1999 n Nello schema di disegno di legge sono state incluse anche alcune possibili modifiche alla legge 29 marzo 1983, n. 93, ed alla legge 20 maggio 1970, n Nella legge n. 93/83 dovrebbe essere inserito un art. 24-bis rubricato Uso da parte dei dipendenti pubblici degli strumenti tecnologici in dotazione. 7 Dopo l'articolo 8 della legge 24 novembre 1981, n. 689 è inserito il seguente: "Art. 8-bis. (Reiterazione delle violazioni) - Salvo quanto previsto da speciali disposizioni di legge, si ha reiterazione quando, nei cinque anni successivi alla commissione di una violazione amministrativa, accertata con provvedimento esecutivo, lo stesso soggetto commette un'altra violazione della stessa indole. Si ha reiterazione anche quando più violazioni della stessa indole commesse nel quinquennio sono accertate con unico provvedimento esecutivo. Si considerano della stessa indole le violazioni della medesima disposizione e quelle di disposizioni diverse che, per la natura dei fatti che le costituiscono o per le modalità della condotta, presentano una sostanziale omogeneità o caratteri fondamentali comuni. La reiterazione è specifica se è violata la medesima disposizione. Le violazioni amministrative successive alla prima non sono valutate, ai fini della reiterazione, quando sono commesse in tempi ravvicinati e riconducibili ad una programmazione unitaria. La reiterazione determina gli effetti che la legge espressamente stabilisce. Essa non opera nel caso di pagamento in misura ridotta. Gli effetti conseguenti alla reiterazione possono essere sospesi fino a quando il provvedimento che accerta la violazione precedentemente commessa sia divenuto definitivo. La sospensione è disposta dall'autorità amministrativa competente, o in caso di opposizione dal giudice, quando possa derivare grave danno. Gli effetti della reiterazione cessano di diritto, in ogni caso, se il provvedimento che accerta la precedente violazione è annullato".

10 Secondo questo articolo sarà necessario prevedere, nei codici di comportamento dei dipendenti pubblici, ma anche nel regolamento di servizio interno di cui ogni Pubblica Amministrazione si dovrà dotare, dei principi relativi all uso da parte dei dipendenti degli strumenti elettronici di cui hanno la disponibilità. Dovranno essere disciplinate anche le modalità del controllo che potrà essere effettuato dal responsabile per il trattamento dei dati o dal responsabile della sicurezza dei dati e dei sistemi, in ordine all uso di questi strumenti da parte dei dipendenti. Il controllo dovrà avvenire esclusivamente per finalità di sicurezza dei dati e dei sistemi ed inoltre per scopi inerenti al regolare svolgimento dell attività lavorativa ed alla tutela del patrimonio pubblico. La modifica della legge n. 300/70 dovrebbe prevedere l inserimento di un art. 4-bis rubricato Uso degli strumenti tecnologici posti a disposizione dei dipendenti. Anche nel settore privato si prevede l adozione di un regolamento di servizio inerente sia l uso degli strumenti tecnologici a disposizione dei dipendenti, sia le modalità del controllo che potrà essere effettuato, da parte dello stesso datore di lavoro, per finalità di sicurezza e di tutela del patrimonio dell azienda. In entrambi i settori il regolamento di servizio dovrà essere adottato previo accordo con le relative rappresentanze sindacali e secondo le disposizioni del decreto legislativo 30 giugno 2003 n Questo progetto di legge, se fosse sviluppato ed approvato, andrebbe a riempire quasi tutto il vuoto normativo che, con il passare del tempo e con la maggiore diffusione degli strumenti elettronici e telematici, diventa sempre più pesante e problematico. Sarebbe auspicabile l inserimento di norme che, richiamando la disciplina sulla Privacy e quella lavoristica, chiariscano e delimitino gli effettivi poteri di controllo del datore e prevedano chiare sanzioni in caso di straripamento. Un ulteriore argomento che meriterebbe un approfondimento è certamente l affidamento e la tutela dei terzi estranei al rapporto di lavoro. In questo senso gioverebbe specificare i limiti della responsabilità del datore di lavoro che, in sede di controllo del lavoratore, venga in possesso o si trovi a trattare dati personali e sensibili di soggetti da cui non potrà ottenere nessun consenso. La specificazione si rende necessaria sia per non gravare il datore di lavoro di una responsabilità dai confini indefiniti, sia per garantire al terzo che veda lesi i propri diritti, una tutela effettiva e proporzionata. In attesa di un intervento legislativo completo le aziende possono comunque redigere dei regolamenti, seguendo anche gli spunti offerti dall Unione Europea, che possono fare luce sull utilizzo di questi problematici strumenti.

11

Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo

Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo Argomenti 1) Trattamento dei dati personali. Cenno ai principi generali per il trattamento e la protezione

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE. Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi.

L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE. Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi. L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi.it INDICE: 1) Considerazioni preliminari 1.1) La portata giuridico-formale

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014)

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) Legge federale sulla protezione dei dati (LPD) 235.1 del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 95, 122 e 173 capoverso 2 della Costituzione

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Nel lento e accidentato percorso verso un diritto penale minimo, l opportunità di introdurre anche nel procedimento ordinario,

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web L art.32, comma 1 della legge 18 giugno 2009, n.69 ha fissato al 1 gennaio 2010 [la data in cui], gli obblighi di pubblicazione

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art.

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. 1, comma 1, lett. m, della legge 28 aprile 2014, n. 67 RELAZIONE Lo

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani Un commento sugli effetti del decreto legge n. 138 del 2011 in antitesi alle teorie che vorrebbero una vacatio legis nel campo del trasporto dei rifiuti anche pericolosi L ABROGAZIONE DEL SISTRI NON CREA

Dettagli

ART. 1 (Modifiche al codice penale)

ART. 1 (Modifiche al codice penale) ART. 1 (Modifiche al codice penale) 1. Dopo l articolo 131 del codice penale, le denominazioni del Titolo V e del Capo I sono sostituite dalle seguenti: «Titolo V Della non punibilità per particolare tenuità

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

ai sensi del D.Lgs 231/2001

ai sensi del D.Lgs 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO GASPARINA DI SOPRA Società Cooperativa Sociale Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Sistema Disciplinare 1 ELENCO DELLE

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli