BOZZA. Regolamento per l utilizzo. dei servizi informatici aziendali. Data di applicazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BOZZA. Regolamento per l utilizzo. dei servizi informatici aziendali. Data di applicazione"

Transcript

1 Regolamento per l utilizzo dei servizi informatici aziendali Data di applicazione Redazione: U.O. Progettazione e Gestione dei Servizi Informatici e di Rete BOZZA 31/12/2011

2 Sommario 1. OGGETTO E CAMPO DI APPLICAZIONE RESPONSABILITA DEFINIZIONI DOCUMENTO DI RIFERIMENTO... Errore. Il segnalibro non è definito. 5. CONTENUTO INCARICO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI IDENTIFICAZIONE DELL UTENTE CONFIGURAZIONI HARDWARE E SOFTWARE MODALITA DI PRESTAZIONE DEI SERVIZI BACKUP E ARCHIVIAZIONE PUBBLICAZIONE DI CONTENUTI E REALIZZAZIONE DI SITI PERSONALI CONNESSIONE A PROVIDER DIVERSI DA QUELLO AZIENDALE ACCESSO ALLA RETE VIA VPN O SISTEMI DI TUNNELING SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA ACCESSO ALLA RETE DA POSTAZIONI INTERNE CESSAZIONE DELLA DISPONIBILIT DEI SERVIZI INFORMATICI AZIENDALI DISMISSIONE ATTREZZATURE INFORMATICHE INFORMATIVA Finalita e modalita del trattamento: Comunicazione e diffusione Titolarità Diritti dell utente interessato DOCUMENTI COLLEGATI Alcuni esempi di applicazione del regolamento MODULISTICA Allegato Allegato Allegato Allegato Allegato

3 1. Premesse L'utilizzo delle risorse informatiche e telematiche aziendali, in applicazione di quanto disposto dagli artt e 2105 c.c., deve avvenire nell ambito del generale contesto di diligenza, fedeltà e correttezza che caratterizza il rapporto lavorativo fra l AUSL di Ravenna e i propri dipendenti e adottando tutte le cautele e le precauzioni necessarie per evitare le possibili conseguenze dannose alle quali un utilizzo non avveduto di tali strumenti può produrre, anche in considerazione della difficoltà di tracciare una netta linea di confine tra l attività lavorativa e la sfera personale e la vita privata del lavoratore e di terzi che interagiscono con quest ultimo. In tale contesto, il Garante ha emanato la Deliberazione n. 13 del 1 marzo 2007 Lavoro: le linee guida del Garante per posta elettronica e internet con la quale ha inteso prescrivere ai datori di lavoro alcune misure per conformare alle disposizioni vigenti il trattamento di dati personali effettuato per verificare il corretto utilizzo, nello svolgimento del rapporto di lavoro, della posta elettronica e della rete internet. Nel presente regolamento si tiene inoltre conto della direttiva 02 del 2009 del Dipartimento Funzione Pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri. La progressiva diffusione delle nuove tecnologie informatiche, le maggiori possibilità di interconnessione tra computer e l aumento di informazioni trattate con strumenti elettronici aumentano infatti i rischi legati alla sicurezza e all integrità delle informazioni oltre alle conseguenti responsabilità previste dalla normativa vigente in materia. Il presente Regolamento è adottato al fine di richiamare le indicazioni e le misure necessarie e opportune per il corretto utilizzo nel rapporto di lavoro dei personal computer (fissi e portatili), dei dispositivi elettronici aziendali in generale, della posta elettronica e di internet, definendone le modalità di utilizzo nell ambito dell attività lavorativa e dando la massima diffusione alla cultura sulla sicurezza informatica. Le disposizioni e le prescrizioni qui indicate vanno affiancate e integrano quelle già previste nel Documento Programmatico sulla Sicurezza (DPS). In particolare, l utilizzo delle risorse e dei servizi informatici deve avvenire: - nel rispetto delle leggi e norme vigenti e in particolare delle leggi in materia di sicurezza, privacy, copyright, accesso e uso dei sistemi informatici e telematici; - nel rispetto dei diritti alla riservatezza e alla dignità come sanciti dallo Statuto dei lavoratori e dal Codice sulla privacy, al fine di garantire la massima efficienza delle risorse informatiche e del loro utilizzo; - nel rispetto delle norme e procedure lavorative generali definite dall AUSL di Ravenna - nel rispetto dei diritti degli altri utenti e di terzi. L AUSL deve provvedere a garantire un servizio continuativo, nel suo stesso interesse, e assicurare la riservatezza delle informazioni e dei dati, in maniera tale da evitare che comportamenti inconsapevoli possano innescare problemi o minacce alla sicurezza nel trattamento dei dati o diminuire l efficienza delle risorse informatiche. L Azienda USL di Ravenna riconosce il valore fondamentale dell utilizzo di strumenti di comunicazione sia nella comunicazione interna che con l utenza esterna, anche al fine di ridurre i tempi di risposta e di migliorare pertanto l efficienza del proprio operato. 1. OGGETTO E CAMPO DI APPLICAZIONE Questo regolamento ha per oggetto le norme per l accesso e l utilizzo dei seguenti servizi: 1) posta elettronica 2) rete Internet 3) Procedure e sistemi informativi aziendali 4) Attrezzature hardware aziendali di seguito indicati nel loro complesso come servizi informatici aziendali Questo regolamento è rivolto ai dipendenti dell Azienda U.S.L. di Ravenna ed ai collaboratori esterni espressamente autorizzati a compiere operazioni di trattamento per conto dell Azienda in virtù di qualsiasi tipologia di rapporto. 3

4 Il presente Regolamento contiene le disposizioni relative alle corrette modalità di utilizzo della rete informatica dell AUSL e di tutte le risorse informatiche, in conformità e nel rispetto di quanto previsto dalla specifica normativa di settore e dalle ulteriori disposizioni emanate dall AUSL. Gli strumenti informatici oggetto del presente Regolamento sono tutti i servizi e gli apparati di proprietà dell AUSL messi a disposizione degli Utenti al fine di permettere il quotidiano svolgimento delle proprie prestazioni lavorative. Essi sono essenzialmente individuabili nei computer, negli apparati removibili, nei sistemi di identificazione e di autenticazione informatica, Internet e negli strumenti di scambio di comunicazioni e file, nella posta elettronica e in qualsiasi altro programma e apparecchiatura informatica destinata a memorizzare o a trasmettere dati e informazioni. E responsabilità di tutti i soggetti che utilizzano gli strumenti informatici messi a disposizione, di applicare e rispettare puntualmente le disposizioni del presente Regolamento. Ferme restando le disposizioni normative in materia, e tutte le prescrizioni previste per il trattamento dei dati sensibili o giudiziari, il contenuto del presente Regolamento costituisce disposizione di servizio e deve considerarsi integrativo di quanto previsto dal Documento Programmatico sulla Sicurezza (DPS). Il presente Regolamento si applica a tutto il personale dipendente dell AUSL, senza distinzione di ruolo e/o livello, nonché a tutti i collaboratori a prescindere dal rapporto contrattuale con la stessa intrattenuto (collaboratori a progetto, stagisti e borsisti, liberi professionisti, collaboratori terzi, ecc.). Per qualsiasi dubbio relativo all applicazione pratica o all interpretazione autentica delle disposizione contenute nel presente Regolamento, è possibile rivolgersi al personale della u.o. Progettazione e gestione servizi informatici e di rete. 2. RESPONSABILITA Questo regolamento è redatto dalla U.O. Progettazione e Gestione dei Servizi Informatici e di Rete (da ora Sistema Informativo) ed è approvato con atto specifico dalla Direzione Generale, che ne è responsabile. Il documento, così come ogni sua modifica, è condiviso con la U.O. Affari Generali per gli aspetti di competenza e in ragione della attribuzione delle funzioni connesse all applicazione della normativa di riferimento in ambito aziendale. Il presente Regolamento entra in vigore alla data della sua approvazione, che avviene mediante Decreto del Direttore Generale, e sarà pubblicato sulla Intranet aziendale fornendo apposita comunicazione a tutto il personale. Il Regolamento potrà essere soggetto a revisione sulla base dell evoluzione normativa e tecnologica nonché sulla base delle nuove esigenze di sicurezza e di azioni correttive che si dovranno eventualmente intraprendere. Le eventuali revisioni apportate verranno approvate mediante Decreto del Direttore Generale e di tali revisioni sarà data tempestiva comunicazione ai dipendenti. 3. DEFINIZIONI Ai sensi del D.Lgs.196/03 e del Provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali del 27 novembre 2008 intitolato misure e accorgimenti prescritti ai Titolari dei trattamenti effettuati con strumenti elettronici relativamente alle attribuzioni delle funzioni di amministratore di sistema, si intende per: "trattamento", qualunque operazione o complesso di operazioni, effettuati anche senza l'ausilio di strumenti elettronici, concernenti la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, la consultazione, l'elaborazione, la modificazione, la selezione, l'estrazione, il raffronto, l'utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distruzione di dati, anche se non registrati in una banca di dati; 4

5 trattamento informatico, trattamento effettuato con l ausilio di strumenti elettronici; dato personale", qualunque informazione relativa a persona fisica, persona giuridica, ente od associazione, identificati o identificabili, anche indirettamente, mediante riferimento a qualsiasi altra informazione, ivi compreso un numero di identificazione personale; "dati identificativi", i dati personali che permettono l'identificazione diretta dell'interessato; "dati sensibili", i dati personali idonei a rivelare l'origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l'adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale; "dati giudiziari", i dati personali idonei a rivelare provvedimenti di cui all'articolo 3, comma 1, lettere da a) a o) e da r) a u), del d.p.r. 14 novembre 2002, n. 313, in materia di casellario giudiziale, di anagrafe delle sanzioni amministrative dipendenti da reato e dei relativi carichi pendenti, o la qualità di imputato o di indagato ai sensi degli articoli 60 e 61 del codice di procedura penale; "titolare", la persona fisica, la persona giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente, associazione od organismo cui competono, anche unitamente ad altro titolare, le decisioni in ordine alle finalità, alle modalità del trattamento di dati personali e agli strumenti utilizzati, ivi compreso il profilo della sicurezza; "responsabile", la persona fisica, la persona giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente, associazione od organismo preposti dal titolare al trattamento di dati personali; in riferimento al trattamento dei dati con strumenti elettronici particolare rilevanza assume il responsabile del trattamento dei dati informatici e telematici, di cui al punto successivo; responsabile del trattamento dati informatici e telematici ( denominato D.I.T.), per le sue specifiche competenze è identificato nel Responsabile della Struttura Semplice Informatica e Innovazione Tecnologica. Le competenze del Responsabile di cui sopra riguardano l attività di controllo e gestione degli impianti di elaborazione o di sue componenti, di basi di dati, di reti, di apparati di sicurezza e di sistemi di software complessi (nella misura in cui consentono di intervenire su dati), l individuazione e attuazione di tutte le procedure fisiche, logiche e organizzative per tutelare la sicurezza e la riservatezza nel trattamento dei dati informatici. Il Responsabile del trattamento dati informatici e telematici designa, per iscritto, gli amministratori di sistema, previa individuazione delle caratteristiche di esperienza, capacità e affidabilità del soggetto designato, il quale deve fornire idonea garanzia del pieno rispetto delle vigenti disposizioni in materia di trattamento, ivi compreso il profilo relativo alla sicurezza. "incaricati", le persone fisiche autorizzate a compiere operazioni di trattamento dal titolare o dal responsabile; amministratore di sistema, la persona fisica dedicata alla gestione e alla manutenzione di impianti di elaborazione o di sue componenti e tutte le figure equiparabili dal punto di vista dei rischi relativi alla protezione dei dati personali, quali gli amministratori di basi di dati, di reti informatiche, di apparati di sicurezza e di sistemi di software complessi, nella misura in cui consentano di intervenire sui dati personali; soggetti che, pur non essendo preposti ordinariamente a operazioni implicanti una comprensione del dominio applicativo (significato dei dati, formato delle rappresentazioni e semantica delle funzioni), possono, nelle loro consuete attività, essere concretamente responsabili di specifiche fasi lavorative comportanti elevate criticità rispetto alla protezione dei dati personali; Vanno considerati a tutti gli effetti alla stregua di trattamenti di dati personali il salvataggio dei dati (backup/recovery), l organizzazione dei flussi di rete, la gestione dei supporti di 5

6 memorizzazione e la manutenzione hardware, anche quando non consultati in chiaro dall amministratore. "interessato", la persona fisica, la persona giuridica, l'ente o l'associazione cui si riferiscono i dati personali; utente, soggetto che accede e utilizza i servizi e gli strumenti del sistema informatico dell Agenzia; "comunicazione", il dare conoscenza dei dati personali a uno o più soggetti determinati diversi dall'interessato, dal rappresentante del titolare nel territorio dello Stato, dal Responsabile e dagli incaricati, in qualunque forma, anche mediante la loro messa a disposizione o consultazione; "diffusione", il dare conoscenza dei dati personali a soggetti indeterminati, in qualunque forma, anche mediante la loro messa a disposizione o consultazione; "dato anonimo", il dato che in origine, o a seguito di trattamento, non può essere associato ad un interessato identificato o identificabile; "banca di dati", qualsiasi complesso organizzato di dati personali, ripartito in una o più unità dislocate in uno o più siti; "comunicazione elettronica", ogni informazione scambiata o trasmessa tra un numero finito di soggetti tramite un servizio di comunicazione elettronica accessibile al pubblico. Sono escluse le informazioni trasmesse al pubblico tramite una rete di comunicazione elettronica, come parte di un servizio di radiodiffusione, salvo che le stesse informazioni siano collegate ad un abbonato o utente ricevente, identificato o identificabile; "reti di comunicazione elettronica", i sistemi di trasmissione, le apparecchiature di commutazione o di instradamento e altre risorse che consentono di trasmettere segnali via cavo, via radio, a mezzo di fibre ottiche o con altri mezzi elettromagnetici, incluse le reti satellitari, le reti terrestri mobili e fisse a commutazione di circuito e a commutazione di pacchetto, compresa Internet, le reti utilizzate per la diffusione circolare dei programmi sonori e televisivi, i sistemi per il trasporto della corrente elettrica, nella misura in cui sono utilizzati per trasmettere i segnali, le reti televisive via cavo, indipendentemente dal tipo di informazione trasportato; "rete pubblica di comunicazioni", una rete di comunicazioni elettroniche utilizzata interamente o prevalentemente per fornire servizi di comunicazione elettronica accessibili al pubblico; "misure minime", il complesso delle misure tecniche, informatiche, organizzative, logistiche e procedurali di sicurezza che configurano il livello minimo di protezione richiesto in relazione ai rischi previsti nell'articolo 31; risorse informatiche : i server; le wokstation, i personal computer, i notebook e qualsiasi altra tipologia di elaboratore elettronico; le stampanti, i plotter, i fotocopiatori; tutti gli strumenti informatici interconnessi con la rete; gli apparati i rete; tutto il software e i dati acquisiti o prodotti da parte degli utenti o di terzi autorizzati; file di qualsiasi natura, archivi di dati anche non strutturati e applicazioni informatiche. servizi informatici aziendali, posta elettronica, rete Internet, sistemi informativi aziendali e computer aziendali; "credenziali di autenticazione", i dati ed i dispositivi, in possesso di una persona, da questa conosciuti o ad essa univocamente correlati, utilizzati per l' autenticazione informatica; 6

7 "parola chiave (password)", componente di una credenziale di autenticazione associata ad una persona ed a questa nota, costituita da una sequenza di caratteri o altri dati in forma elettronica; "firma digitale", un particolare tipo di firma elettronica qualificata, basata su un sistema di chiavi crittografiche, una pubblica e una privata, correlate tra loro. 4. CONTENUTO 4.1. INCARICO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI I servizi informatici aziendali sono strumenti di lavoro forniti dall Azienda. Ai fini dell applicazione del presente regolamento, per utenti si intendono i dipendenti dell Azienda ed i collaboratori esterni autorizzati i quali, in qualità di incaricati del trattamento dei dati personali, devono attenersi alle istruzioni impartite con l atto di designazione a incaricato del trattamento. Per quanto concerne l utilizzo dei servizi informatici aziendali, gli utenti devono inoltre attenersi alle istruzioni di seguito specificate. I dati possono essere trattati limitatamente alle operazioni indispensabili per l esercizio delle funzioni degli utenti. Per accedere ai servizi informatici aziendali il nuovo utente dovrà fornire i propri dati personali, prendere visione del presente regolamento e compilare il modulo (Allegato 1) Richiesta di abilitazione alle procedure aziendali IDENTIFICAZIONE DELL UTENTE L utilizzo dei servizi informatici aziendali richiede, da parte di tutti gli utenti, le credenziali di autenticazione, che consentono il superamento di una procedura di autenticazione relativa a uno specifico servizio informatico o a un insieme di servizi. I dipendenti hanno in automatico, salvo diversa disposizione del responsabile, la creazione del loro utente di dominio che gli permette, tramite l inserimento di una password (la password scade ogni 90 giorni e deve essere lunga almeno 8 caratteri alfanumerici), di autentificarsi sui computer aziendali e di avere accesso a internet e alla posta elettronica. Il personale che non essendo assunto non ha l attribuzione di una matricola aziendale (volontari, stagisti, ecc ) per avere accesso al dominio aziendale tramite una userid dovrà compilare il modulo Richiesta di abilitazione al Dominio Aziendale (Allegato 2) firmato dal Responsabile della struttura organizzativa a cui l utente appartiene. Il Direttore della Unità Operativa Amministrazione del personale attiva d ufficio la procedura per la richiesta di abilitazione dei neoassunti al sistema di consultazione del cartellino marcatempo e dei dati stipendiali. Le credenziali di autenticazione consistono in un codice di identificazione personale (userid) ed una parola chiave segreta (password) oppure in un dispositivo di firma digitale in possesso e uso esclusivo dell utente, associato a una parola chiave segreta (PIN). Sia nel caso di disattivazione delle credenziali di autenticazione che nel caso in cui l utente si dimentichi la propria password, per riottenere l accesso ai servizi l utente dovrà compilare nuovamente il modulo Richiesta di abilitazione appropriato (Allegato 1 o Allegato 2) e consegnarlo al Sistema Informativo firmato dal Responsabile della struttura organizzativa a cui l utente appartiene. La password non potrà essere ceduta a terzi, neppure temporaneamente e dovrà essere mantenuta segreta. Qualsiasi azione svolta sotto l autorizzazione offerta dalle credenziali di autenticazione sarà attribuita in termini di responsabilità all utente titolare di tali credenziali, salvo che l utente dia prova di illecito utilizzo della sua autorizzazione da parte di terzi. Non è possibile utilizzare codici di accesso anonimi nelle applicazioni, salvo casi eccezionali dovuti a problemi tecnico/amministrativi, valutati e autorizzati dal Sistema Informativo L utente deve conservare la password con la massima riservatezza e con la massima diligenza. La password deve essere composta da almeno otto caratteri, non deve essere 7

8 banale né contenere riferimenti facilmente riconducibili all utente. E modificata da quest ultimo al primo utilizzo e successivamente almeno ogni tre mesi. L utente non deve lasciare incustodita o facilmente accessibile la postazione di lavoro, una volta collegata al sistema, e deve disattivare la connessione qualora si debba allontanare dalla postazione di lavoro. Non deve rendere facilmente accessibili informazioni concernenti la sua password. Dopo sei mesi di non utilizzo dei servizi, o nel caso in cui l utente perda la qualità che gli consentiva di accedere ai servizi informatici aziendali, le credenziali di autenticazione vengono disattivate. In quest ultimo caso, i messaggi di posta elettronica in giacenza vengono eliminati. L utente si impegna a comunicare immediatamente al Sistema Informativo l eventuale furto, smarrimento, perdita ovvero appropriazione a qualsivoglia titolo da parte di terzi della password o del dispositivo di firma digitale. Nel caso di prolungata assenza dell utente e in caso di urgenza, qualora si renda necessario accedere alla posta elettronica o alla postazione di lavoro con le credenziali dell utente, a giudizio del responsabile dell unità operativa, quest ultimo chiederà l abilitazione in modo esplicito e formale al Sistema Informativo. Al proprio rientro in servizio l'utente potrà richiedere al Sistema Informativo di ottenere copia della richiesta di abilitazione formulata dal proprio responsabile ed il relativo periodo di utilizzo CONFIGURAZIONI HARDWARE E SOFTWARE Le stazioni di lavoro utente (PC) vengono predisposte e configurate per il corretto uso dei servizi informatici aziendali dal Sistema Informativo L utente si impegna a mantenere la corretta configurazione della stazione di lavoro che utilizza. Un inventario dell'hardware e del software presenti sui personal computer è eseguito in modo automatico all accensione di ogni singola stazione. L elenco dei prodotti hardware e software rilevati è disponibile presso il Sistema Informativo. Il Sistema Informativo quando possibile esegue aggiornamenti e installazioni di software sulle stazioni di lavoro tramite la rete aziendale. Nel caso in cui sia necessario installare programmi informatici anche gratuiti, oppure scaricarli dalla rete, l utente dovrà formulare una richiesta al Sistema Informativo che provvederà a valutarne la conformità agli standard aziendali ed eventualmente a consegnarli al richiedente. Nel caso venissero trovati software non forniti o autorizzati dal Sistema Informativo, questi verranno cancellati e segnalati al dirigente di riferimento. E vietato connettere qualunque dispositivo (personal computer, portatili, stampanti ecc..) alla rete aziendale se non fornito o comunque autorizzato dal Sistema Informativo. Nel caso venissero trovate attrezzature non fornite o autorizzate dal Sistema Informativo, queste verranno scollegate e segnalate alla Direzione Generale. I documenti elaborati tramite strumenti di office automation che contengono dati personali devono essere ospitati sui server centrali e resi fruibili agli utenti tramite meccanismi di condivisione. Per tale fine è stato predisposto un sistema informatico (DFS) che mette spazio server a disposizione di ogni singolo utente. In generale è vietata la condivisione diretta fra PC di cartelle che contengono dati personali. Solo in situazioni di particolari problematiche tecniche, dopo una richiesta scritta, su autorizzazione del Sistema Informativo, potranno essere attivate condivisioni fra PC MODALITA DI PRESTAZIONE DEI SERVIZI L Azienda si impegna a fornire continuità ai servizi informatici, riservandosi la possibilità d interromperli per le manutenzioni ordinarie. Qualora possibile le interruzioni saranno comunicate agli utenti. La manutenzione alle stazioni di lavoro viene effettuata mediante sistemi software di manutenzione remota, per mezzo dei quali i tecnici di manutenzione possono prendere via rete il controllo del personal computer ed operare come se fossero in loco. 8

9 Solo nel caso di mancata soluzione del problema in modalità remota, viene effettuato un intervento in loco. L'utente può verificare l'attività effettuata da remoto dal tecnico rimanendo presso la postazione; inoltre, il tecnico, su richiesta, può lasciare visibile sul desktop del personal computer un messaggio con identificativo del tecnico stesso. Gli interventi sono eseguiti da personale identificato ed autorizzato dal Sistema Informativo. Per migliorare la qualità o la sicurezza dei servizi e dei sistemi informatici attualmente predisposti, l Azienda valuterà con attenzione eventuali osservazioni, suggerimenti ed indicazioni che gli utenti faranno pervenire al Sistema Informativo BACKUP E ARCHIVIAZIONE Il Sistema Informativo provvede al salvataggio dei dati, registrati sui server dalle procedure aziendali, tramite sistemi di backup centralizzato, mentre non si occupa del backup dei dati presenti sui singoli PC sia per le difficoltà tecnico-organizzative che questo comporta sia per l enorme quantità di spazio di storage che questo richiederebbe. E responsabilità dell utente effettuare il salvataggio dei dati sensibili memorizzati localmente sul proprio Personal Computer. Il Sistema Informativo a questo scopo fornisce l infrastruttura.hardware (chiavi USB, masterizzatori, hard disk rimovibili e spazio disco su server) per la gestione di documenti quali presentazioni, elaborazioni statistiche o documentazione di procedure. Per utilizzare i supporti rimovibili l utente dovrà fornire i propri dati personali, prendere visione del presente regolamento e compilare il modulo (Allegato 3) Richiesta di supporti rimovibili. Il modulo dovrà essere consegnato al Sistema Informativo, firmato dal Responsabile della struttura organizzativa a cui l utente appartiene. L utente deve conservare i supporti rimovibili con la massima diligenza e non deve lasciare incustoditi o facilmente accessibili tali supporti. L utente risponde della perdita e della diffusione dei dati memorizzati. L utente si impegna a comunicare immediatamente al proprio Responsabile e a denunciare all autorità giudiziaria l eventuale furto o smarrimento di detti supporti rimovibili contenenti dati riservati. Copia della denuncia deve essere inviata al Sistema Informativo. Ogni responsabilità derivante dall utilizzo di supporti rimovibili e dei dati in essi contenuti, da parte di persone non autorizzate, sarà attribuita all utente a cui il supporto è stato consegnato. Le istruzioni del presente articolo si applicano anche ai supporti rimovibili di consumo (CD e DVD scrivibili ) non forniti dal Sistema Informativo PUBBLICAZIONE DI CONTENUTI E REALIZZAZIONE DI SITI PERSONALI L utente non è autorizzato in alcun caso a produrre ed a pubblicare siti Web personali o della struttura di appartenenza mediante la rete aziendale. Ogni eventuale necessità di realizzare siti Web personali o di struttura mediante rete aziendale dovrà essere espressamente autorizzata dalla Direzione Generale. E fatto divieto agli utenti di utilizzare il logo aziendale nei siti personali senza autorizzazione della Direzione Generale. E fatto divieto agli utenti di inserire nei siti personali collegamenti (link) al sito aziendale senza autorizzazione della Direzione Generale. Si applicano in ogni caso le norme dei Codici deontologici professionali. E fatto assoluto divieto di realizzare funzioni di hosting CONNESSIONE A PROVIDER DIVERSI DA QUELLO AZIENDALE E vietato l utilizzo di accessi internet mediante Internet Provider diversi da quello scelto ufficialmente dalla Azienda e la connessione di stazioni di lavoro aziendali alle reti di detti Provider, anche con abbonamenti privati. 9

10 4.8. ACCESSO ALLA RETE VIA VPN O SISTEMI DI TUNNELING Accessi alla rete dati dell AUSL Ravenna via VPN o meccanismi di tunneling analoghi sono vietati, a meno di casi particolari da coordinarsi con il Sistema Informativo dell AUSL Ravenna. Sono consentiti singoli tunnel VPN da parte di utenti autorizzati per permettere l accesso da reti esterne. L autorizzazione da parte del Sistema Informativo per l accesso VPN verrà concessa alle richieste con le seguenti finalità: Assistenza software/sistemistica da parte di ditte esterne Assistenza software/sistemistica da parte di personale dell AUSL Ravenna Personale dell AUSL Ravenna avente in dotazione computer portatili di proprietà dell azienda Enti esterni all azienda che necessitano dell utilizzo di procedure aziendali La richiesta da parte del personale dell AUSL Ravenna o dell ente/ditta esterna interessato al servizio dovrà pervenire al Sistema Informativo che provvederà a valutare la coerenza con le finalità sopra descritte riservandosi di approvare o meno l accesso alla rete dati aziendale. In seguito all approvazione dell accesso, il richiedente dovrà compilare in tutte le sue parti il relativo modulo (allegato 4) inviandolo per posta elettronica all indirizzo indicato nell allegato stesso. Non saranno presi in considerazione moduli compilati parzialmente od inoltrati tramite mezzo diverso da posta elettronica. In seguito alla ricezione del modulo il Sistema Informativo dell AUSL Ravenna provvederà a fornire il software e le istruzioni necessarie all attivazione della VPN. Ulteriori modifiche alla configurazione di VPN già in uso andranno inoltrate all indirizzo mail indicato nel modulo. Ogni utilizzo inappropriato dell accesso VPN fornito comporterà il suo immediato blocco. Il mancato utilizzo da parte del richiedente della connessione VPN per un periodo superiore ai 6 mesi comporterà l eliminazione automatica della VPN SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Tutti i dipendenti dell Azienda USL di Ravenna hanno la possibilità di utilizzare una casella di posta elettronica ( ) personale creata al momento dell assunzione. Le credenziali di accesso a tale casella sono quelle di dominio. Per le caselle generiche, ad esempio quelle relative a segreterie o reparti, la creazione avverrà in modo manuale compilando il modulo apposito Richiesta di posta elettronica ( ) riferita ad ambito organizzativo (allegato 5) Ad eccezione delle comunicazioni provenienti dalla Direzione Generale e dalle Strutture che utilizzano i servizi messi a disposizione dal sistema di gestione del protocollo informatico, è raccomandato l invio di messaggi ad un massimo di 50 indirizzi di alla volta, per evitare sovraccarichi del server. La posta elettronica è uno strumento di lavoro pertanto sono vietate tecniche di mail spamming quali ad esempio l invio, da parte di un utente, a tutti i dipendenti, di messaggi d auguri, soprattutto se contengono allegati, inoltre è buona norma utilizzare la posta elettronica aziendale solo per fini lavorativi. L invio massivo di comunicazioni a liste di distribuzione aziendali, extra aziendali o di azioni equivalenti può essere effettuato esclusivamente dal Sistema Informativo, tramite la casella di e sarà sottoposto all approvazione del Direttore del Sistema Informativo nonché delle strutture aziendali preposte alla comunicazione interna ed esterna ACCESSO ALLA RETE DA POSTAZIONI INTERNE Gli accessi alla rete aziendale devono avvenire tramite le prese di rete installate e testate dal Servizio Tecnico. Qualora in un locale servissero urgentemente più prese di rete, dopo aver fatto tale richiesta e in attesa che il servizio Tecnico porti tali prese, è possibile farsi installare temporaneamente un replicatore di porte (switch) richiedendolo al Call Center (6752) del Sistema Informativo. Nel caso venissero trovate attrezzature di rete non fornite o autorizzate dal Sistema Informativo, queste verranno scollegate e segnalate alla Direzione Generale. E fatto divieto di installare e utilizzare access point per connessioni wireless, che non siano stati forniti e configurati dal Sistema Informativo. 10

Questo regolamento ha per finalità di stabilire le norme per l accesso e l utilizzo dei seguenti servizi:

Questo regolamento ha per finalità di stabilire le norme per l accesso e l utilizzo dei seguenti servizi: 5(*2/$0(1723(5 / 87,/,==2'(,6(59,=,,1)250$7,&,$=,(1'$/, $SSURYDWRFRQGHOLEHUDQGHO $UW±2JJHWWR Questo regolamento ha per finalità di stabilire le norme per l accesso e l utilizzo dei seguenti servizi: 3RVWDHOHWWURQLFD

Dettagli

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 2003 - CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 2003 - CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI 1 Informativa Privacy Fondazione Ettore Sansavini per Ricerca Scientifica Onlus INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 2003 - CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

Dettagli

PROCEDURA PRIVACY PER RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

PROCEDURA PRIVACY PER RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Pag. 1 di 11 PROCEDURA PRIVACY PER RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI REV. DATA REDATTO APPROVATO Rev. 2 aprile 2014 Dr. Egidio Sesti Referente Aziendale Privacy Dr. Vitaliano De Salazar Direttore

Dettagli

Regolamento per la videosorveglianza Titolare dei dati dott.ssa Giuseppina Presutto

Regolamento per la videosorveglianza Titolare dei dati dott.ssa Giuseppina Presutto Regolamento per la videosorveglianza Titolare dei dati dott.ssa Giuseppina Presutto INDICE Introduzione TITOLO I - Descrizione Art. 1. Definizioni specifiche Art. 2. Definizioni D.Lgs. n. 196/03 TITOLO

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Leonardo. Regolamento per l utilizzo di telecamere nelle aree all aperto di pertinenza dell Istituto

Liceo Scientifico Statale Leonardo. Regolamento per l utilizzo di telecamere nelle aree all aperto di pertinenza dell Istituto Liceo Scientifico Statale Leonardo liceo artistico - liceo linguistico liceo scientifico delle scienze applicate Via F. Balestrieri, 6-25124 Brescia Regolamento per l utilizzo di telecamere nelle aree

Dettagli

Tutela e informativa sulla Privacy

Tutela e informativa sulla Privacy Tutela e informativa sulla Privacy Informazioni in materia di protezione dei dati personali. Art. 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali) Ai

Dettagli

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e Linee guida per il TRATTAMENTO E GESTIONE DEI DATI PERSONALI Articolo 1 Oggetto e ambito di applicazione e principi di carattere generale 1. Il presente documento disciplina le modalità di trattamento

Dettagli

COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 07.06.2007 Comune

Dettagli

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (D.Lgs. 196/2003) ====================== Incontri Formativi con il Personale della Direzione Didattica del 7 Circolo Didattico G. Carducci di Livorno

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO SOMMARIO: CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Finalità e definizioni Art. 2 - Ambito di applicazione Art. 3 -

Dettagli

COMPENDIO DELLA NORMATIVA SULLA PRIVACY PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

COMPENDIO DELLA NORMATIVA SULLA PRIVACY PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA Allegato 2) COMPENDIO DELLA NORMATIVA SULLA PRIVACY PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PREMESSA La presente trattazione, che si colloca nell ambito delle attività

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ALLEGATO 2 ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Con questo documento si intende offrire: - una precisazione in ordine ai termini ed ai concetti più frequentemente richiamati dalla normativa

Dettagli

Azienda Sanitaria di Cagliari

Azienda Sanitaria di Cagliari Azienda Sanitaria di Cagliari Regolamento per la protezione dei dati personali in attuazione del D.lgs. n. 196/2003 e ss. mm. ed ii. Codice in materia di protezione dei dati personali INDICE TITOLO I Articolo

Dettagli

COMUNE DI NERVIANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI NERVIANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI NERVIANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO 1 INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI SOGGETTI RESPONSABILI Art. 1 Finalità e definizioni P.

Dettagli

Strumenti digitali e privacy. Avv. Gloria Galli

Strumenti digitali e privacy. Avv. Gloria Galli Strumenti digitali e privacy Avv. Gloria Galli Codice in materia di protezione dei dati personali: Decreto legislativo n. 196 del 30/06/2003 Art. 4. Definizioni trattamento, qualunque operazione o complesso

Dettagli

U.O.C. FACILITY MANAGEMENT UFFICIO PRIVACY OGGETTO: Vademecum per gli Incaricati dei Trattamenti.

U.O.C. FACILITY MANAGEMENT UFFICIO PRIVACY OGGETTO: Vademecum per gli Incaricati dei Trattamenti. Servizio Sanitario Nazionale Regione Siciliana VIA MAZZINI, 1 91100 TRAPANI TEL.(0923) 805111 - FAX (0923) 873745 Codice Fiscale P. IVA 02363280815 U.O.C. FACILITY MANAGEMENT UFFICIO PRIVACY OGGETTO: Vademecum

Dettagli

Jesolo Patrimonio S.r.l.

Jesolo Patrimonio S.r.l. Jesolo Patrimonio S.r.l. Regolamento per il riutilizzo e lo smaltimento di apparecchiature elettroniche e supporti di memorizzazione Titolo documento: Codice documento: Nome file: Stato documento: Versione:

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI E PER L'ADOZIONE DI

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI E PER L'ADOZIONE DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI E PER L'ADOZIONE DI MISURE MINIME DI SICUREZZA INDICE Articolo 1 - Ambito

Dettagli

Informativa sulla politica per la tutela della privacy attuata da Occhioviterbese

Informativa sulla politica per la tutela della privacy attuata da Occhioviterbese Informativa sulla politica per la tutela della privacy attuata da Occhioviterbese (Informativa ex articolo 13 del D.Lgs. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali) Nella presente informativa

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA

REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Martino Longhi di VIGGIÙ Via Indipendenza 18, Loc. Baraggia 21059 VIGGIU (VA) Tel. 0332.486460 Fax 0332.488860 C.F.

Dettagli

Disclaimer Privacy Portale Convegno Genova 6 Novembre 2015

Disclaimer Privacy Portale Convegno Genova 6 Novembre 2015 Disclaimer Privacy Portale Convegno Genova 6 Novembre 2015 L accesso, la consultazione e l utilizzo delle pagine del presente sito web di WEB-X comportano l accettazione, da parte dell utente (di seguito

Dettagli

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DI PERSONAL COMPUTER, DISPOSITIVI ELETTRONICI AZIENDALI, POSTA ELETTRONICA E INTERNET

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DI PERSONAL COMPUTER, DISPOSITIVI ELETTRONICI AZIENDALI, POSTA ELETTRONICA E INTERNET DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DI PERSONAL COMPUTER, DISPOSITIVI ELETTRONICI AZIENDALI, POSTA ELETTRONICA E INTERNET INDICE 1. Premesse. 2. Adozione del Disciplinare e sua efficacia. 3. Principi generali.

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

La tutela della Privacy. Annoiatore: Stefano Pelacchi

La tutela della Privacy. Annoiatore: Stefano Pelacchi La tutela della Privacy Annoiatore: Stefano Pelacchi 1 Appunti Le organizzazioni del volontariato possono assumere qualsiasi forma giuridica prevista dal Libro I del Codice Civile compatibile con il proprio

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

Normativa sulla privacy negli. USA: http://aspe.hhs.gov/admnsimp/pl104191.htm Italia: http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?

Normativa sulla privacy negli. USA: http://aspe.hhs.gov/admnsimp/pl104191.htm Italia: http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp? Normativa sulla privacy negli USA e in Italia USA: http://aspe.hhs.gov/admnsimp/pl104191.htm Italia: http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?id=1042761 Complementi di Informatica Medica 1. Anno Accademico

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INDICE 1 OGGETTO... 2 2 DEFINIZIONI... 2 3 ORGANIZZAZIONE, COMPITI E RESPONSABILITA... 3 4 TRATTAMENTI EFFETTUATI... 4 4.1 TRATTAMENTI INTERNI... 4 4.2

Dettagli

Istruzioni Incaricati

Istruzioni Incaricati L articolo 30, comma 1 del d. lgs. 196/2003 (codice della privacy) prevede che le operazioni di trattamento dei dati personali possono essere svolte solo da incaricati, che operano sotto la diretta autorità

Dettagli

Piano per la sicurezza dei documenti informatici

Piano per la sicurezza dei documenti informatici Allegato 1 Piano per la sicurezza dei documenti informatici 1 Sommario 1 Aspetti generali...3 2 Analisi dei rischi...3 2.1 Misure di sicurezza... 4 3 Misure Fisiche...4 3.1 Controllo accessi... 4 3.2 Sistema

Dettagli

Regolamento per la Videosorveglianza

Regolamento per la Videosorveglianza Regolamento per la Videosorveglianza Art. 1 Il sistema di videosorveglianza è installato per le seguenti finalità: a. la sicurezza urbana, stradale e della circolazione e per le attività di polizia giudiziaria

Dettagli

DISCIPLINARE AZIENDALE IN MATERIA DI UTILIZZO E CONTROLLO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI

DISCIPLINARE AZIENDALE IN MATERIA DI UTILIZZO E CONTROLLO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI DISCIPLINARE AZIENDALE IN MATERIA DI UTILIZZO E CONTROLLO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI Entrata in vigore:02/03/10 PREMESSO CHE La Società (di seguito indicata anche come titolare ) mette a disposizione

Dettagli

Il presente regolamento entra in vigore in data: 01/03/2011

Il presente regolamento entra in vigore in data: 01/03/2011 ISTITUTO MAGISTRALE STATALE Regina Margherita Licei: Soc. Psico Pedagogico - Linguistico Aziendale Motorio Sportivo Sc. Sociali e Musicali Piazzetta SS. Salvatore, 1-90134 Palermo - Cod. Fisc. 80019900820

Dettagli

COMUNE DI FANO ADRIANO

COMUNE DI FANO ADRIANO COMUNE DI FANO ADRIANO Provincia di Teramo DISCIPLINARE INTERNO PER L UTILIZZO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA DA PARTE DEI DIPENDENTI (Approvato con Delibera di G.C. n 44 del 12.11.2010 1 Art. 1

Dettagli

Comune di Cicciano (Provincia di Napoli) Regolamento per l utilizzo delle attrezzature informatiche comunali a disposizione dei dipendenti

Comune di Cicciano (Provincia di Napoli) Regolamento per l utilizzo delle attrezzature informatiche comunali a disposizione dei dipendenti Comune di Cicciano (Provincia di Napoli) Regolamento per l utilizzo delle attrezzature informatiche comunali a disposizione dei dipendenti Approvato con deliberazione commissariale n 38 del 11/04/2011

Dettagli

Documento unico. composto da numero di pagine. Si richiede l apposizione del timbro postale per la data certa. Data. Firma del Presidente

Documento unico. composto da numero di pagine. Si richiede l apposizione del timbro postale per la data certa. Data. Firma del Presidente Documento unico composto da numero di pagine Si richiede l apposizione del timbro postale per la data certa. Data Firma del Presidente PROCEDURA PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI E DOCUMENTO PROGRAMMATICO

Dettagli

Le informazioni contenute nel sito sono prodotte da WEB-X, se non diversamente indicato.

Le informazioni contenute nel sito sono prodotte da WEB-X, se non diversamente indicato. Disclaimer L accesso, la consultazione e l utilizzo delle pagine del presente sito web di WEB-X comportano l accettazione, da parte dell utente (di seguito l Utente ), del contenuto del presente Disclaimer.

Dettagli

PRIVACY POLICY DEL SITO WWW.MARVASI.IT. Di seguito vengono indicate le modalità di raccolta e trattamento dei dati.

PRIVACY POLICY DEL SITO WWW.MARVASI.IT. Di seguito vengono indicate le modalità di raccolta e trattamento dei dati. PRIVACY POLICY DEL SITO WWW.MARVASI.IT Premessa La L. Marvasi s.r.l., ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n.196/2003, fornisce la presente policy sulla privacy al fine di descrivere le modalità di gestione

Dettagli

Regolamento al trattamento dati per la piattaforma "Sofia" e Misure di Sicurezza adottate

Regolamento al trattamento dati per la piattaforma Sofia e Misure di Sicurezza adottate Regolamento al trattamento dati per la piattaforma "Sofia" e Pagina 1 di 10 INDICE 1. Definizioni 3 2. Individuazione dei tipi di dati e di operazioni eseguibili 4 3. Titolare del trattamento, oneri informativi

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA

REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore "LUDOVICO GEYMONAT" http://www.itisgeymonat.va.it - email: info@itisgeymonat.va.it Via Gramsci 1-21049 TRADATE (VA) Cod.Fisc. 95010660124 - Tel.0331/842371

Dettagli

COMUNE TERTENIA DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSI A DISPOSIZIONE DALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE TERTENIA DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSI A DISPOSIZIONE DALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE TERTENIA Allegato G.C. 32/2013 DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSI A DISPOSIZIONE DALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Finalità Il presente disciplinare persegue

Dettagli

LE REGOLE PER L UTILIZZO DEI SISTEMI

LE REGOLE PER L UTILIZZO DEI SISTEMI LE REGOLE PER L UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI Approvato con Deliberazione della Giunta Provinciale n. 107 del 21 maggio 2009 Indice Premessa... 2 1. Entrata in vigore del regolamento e pubblicità...

Dettagli

Privacy. parte del Garante, in quanto si è presentata la necessità di leggerlo in una chiave consona

Privacy. parte del Garante, in quanto si è presentata la necessità di leggerlo in una chiave consona Privacy Il tema della privacy è stato oggetto di diverse interpretazioni e successivi chiarimenti da parte del Garante, in quanto si è presentata la necessità di leggerlo in una chiave consona alle realtà

Dettagli

Documento n. 9 del 19 marzo 2004. Via G. Paisiello, 24 00198 Roma tel.: 06/85.440.1 (fax 06/85.440.223) C.F.:80459660587

Documento n. 9 del 19 marzo 2004. Via G. Paisiello, 24 00198 Roma tel.: 06/85.440.1 (fax 06/85.440.223) C.F.:80459660587 Fondazione Luca Pacioli CODICE DELLA PRIVACY TESTO UNICO IN MATERIA DI DATI PERSONALI (D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 169) Documento n. 9 del 19 marzo 2004 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma tel.: 06/85.440.1

Dettagli

Riservatezza e protezione dei dati personali negli enti locali in relazione al codice Privacy: l esperienza del Comune di Treviglio

Riservatezza e protezione dei dati personali negli enti locali in relazione al codice Privacy: l esperienza del Comune di Treviglio Riservatezza e protezione dei dati personali negli enti locali in relazione al codice Privacy: l esperienza del Comune di Treviglio Ambito di applicazione e finalità Art. 1 (Diritto alla protezione dei

Dettagli

Comune di Casatenovo Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASATENOVO

Comune di Casatenovo Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASATENOVO Comune di Casatenovo Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASATENOVO Approvato con Deliberazione Consiliare N 18 del 17/03/2008 SOMMARIO : CAPO I

Dettagli

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali Manuale Informativo Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali INDEX Il D.Lgs. 196/2003 Termini e Fondamenti Gli attori Organizzazione e Responsabilità

Dettagli

Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. / in data / /

Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. / in data / / REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. / in data / / INDICE CAPO I FINALITA - AMBITO DI APPLICAZIONE - PRINCIPI GENERALI

Dettagli

MANSIONARIO PRIVACY. 1 Generalità 1. 2 Incaricati 3. 3 Incaricato all Amministrazione del Sistema 5. 4 Incaricato alla Custodia della Parole Chiave 6

MANSIONARIO PRIVACY. 1 Generalità 1. 2 Incaricati 3. 3 Incaricato all Amministrazione del Sistema 5. 4 Incaricato alla Custodia della Parole Chiave 6 1 Generalità 1 2 Incaricati 3 3 all Amministrazione del Sistema 5 4 alla Custodia della Parole Chiave 6 5 al Salvataggio dei Dati 7 6 alla Custodia della Sede Operativa 8 A Elenco degli Incaricati 9 B

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI IN OSSERVANZA DEL PROVVEDIMENTO GENERALE DEL GARANTE DELLA PRIVACY DEL 01/03/2007

DISCIPLINARE IN MATERIA DI UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI IN OSSERVANZA DEL PROVVEDIMENTO GENERALE DEL GARANTE DELLA PRIVACY DEL 01/03/2007 DISCIPLINARE IN MATERIA DI UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI IN OSSERVANZA DEL PROVVEDIMENTO GENERALE DEL GARANTE DELLA PRIVACY DEL 01/03/2007 Premessa Gentile Signora/Egregio Signor., L utilizzo delle

Dettagli

Regolamento informatico

Regolamento informatico Regolamento informatico Premessa La progressiva diffusione delle nuove tecnologie informatiche ed, in particolare, il libero accesso alla rete Internet dai Personal Computer, espone Ismea ai rischi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. FERRARIS Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di I Grado Tel. 0742 651248-301635. Fax. 0742 651375

ISTITUTO COMPRENSIVO G. FERRARIS Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di I Grado Tel. 0742 651248-301635. Fax. 0742 651375 DISCIPLINARE INTERNO PER L UTILIZZO DI INTERNET E POSTA ELETTRONICA DA PARTE DEI DIPENDENTI. 1. OGGETTO Il presente disciplinare, adottato sulla base delle indicazioni contenute nel provvedimento generale

Dettagli

CHECK LIST PER LE VERIFICHE SULL OPERATO DEGLI AMMINISTRATORI DI SISTEMA

CHECK LIST PER LE VERIFICHE SULL OPERATO DEGLI AMMINISTRATORI DI SISTEMA CHECK LIST PER LE VERIFICHE SULL OPERATO DEGLI AMMINISTRATORI DI SISTEMA Una proposta per rispondere alla misura 4.4 (o e ) del Provvedimento del Garante del 28 novembre 2008. E' possibile dare il proprio

Dettagli

La protezione dei dati personali

La protezione dei dati personali La protezione dei dati personali PER GLI ENTI NO-PROFIT Comitato di Gestione per il Fondo Speciale per il Volontariato Provincia Autonoma di Bolzano Alto Adige Presidenza Ufficio Affari di Gabinetto I

Dettagli

PRIVACY POLICY. Aggiornata al 01/04/2011

PRIVACY POLICY. Aggiornata al 01/04/2011 PRIVACY POLICY Aggiornata al 01/04/2011 Benvenuto sul Sito web di Lualdi Spa. La Sua privacy è per noi molto importante, per questo desideriamo comunicarle le modalità con le quali raccogliamo e usiamo

Dettagli

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E DI INTERNET ( Norme di sicurezza conformi alla normativa vigente in tema di trattamento dei dati personali,

Dettagli

Informazioni in materia di protezione dei dati personali. - Art. 13 del Decreto Legislativo 30 maggio 2003 n. 196.

Informazioni in materia di protezione dei dati personali. - Art. 13 del Decreto Legislativo 30 maggio 2003 n. 196. Informazioni in materia di protezione dei dati personali. - Art. 13 del Decreto Legislativo 30 maggio 2003 n. 196. Ai sensi dell articolo 13 del decreto legislativo 30 maggio 203 n.196:

Dettagli

Comune di Nola Provincia di Napoli. Disciplinare interno per l utilizzo di Internet e posta elettronica da parte dei dipendenti

Comune di Nola Provincia di Napoli. Disciplinare interno per l utilizzo di Internet e posta elettronica da parte dei dipendenti Comune di Nola Provincia di Napoli Disciplinare interno per l utilizzo di Internet e posta elettronica da parte dei dipendenti Sommario 1. Oggetto... 2 2. Modalità di utilizzo delle postazioni di lavoro...

Dettagli

Regolamentazione telefonia fissa

Regolamentazione telefonia fissa Regolamentazione telefonia fissa Regole per il corretto utilizzo della telefonia fissa Provv. Dir. Gen. n 1631 del 22.12.2011 PREMESSA Premesso che l'utilizzo delle risorse telematiche ed informatiche

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI I NORME COMPORTAMENTALI PER GLI INCARICATI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI I NORME COMPORTAMENTALI PER GLI INCARICATI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI I DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Università - 2 - PREMESSA Scopo della presente procedura è illustrare le norme comportamentali/tecniche cui gli Incaricati devono

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO

COMUNE DI ROBASSOMERO COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Mons. Gagliano Via Nazario Sauro, 4 90010 Altavilla Milicia Cod. Fiscale 8700145082

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Mons. Gagliano Via Nazario Sauro, 4 90010 Altavilla Milicia Cod. Fiscale 8700145082 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Mons. Gagliano Via Nazario Sauro, 4 90010 Altavilla Milicia Cod. Fiscale 8700145082 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI

Dettagli

ALLEGATO N. 4. Premessa

ALLEGATO N. 4. Premessa 1 ALLEGATO N. 4 PIANO DI SICUREZZA RELATIVO ALLA FORMAZIONE, ALLA GESTIONE, ALLA TRASMISSIONE, ALL INTERSCAMBIO, ALL ACCESSO, ALLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI Premessa Il presente piano di

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia

Laboratorio di Informatica. Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia Laboratorio di Informatica Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia Il diritto alla tutela della privacy non trova esplicito riferimento nella Costituzione italiana, ma si ricava dal contenuto

Dettagli

Il Documento Programmatico sulla Sicurezza in base Normativa sulla privacy applicabile agli studi professionali (D. Lgs 196/03)

Il Documento Programmatico sulla Sicurezza in base Normativa sulla privacy applicabile agli studi professionali (D. Lgs 196/03) Il Documento Programmatico sulla Sicurezza in base Normativa sulla privacy applicabile agli studi professionali (D. Lgs 196/03) A cura di Gianfranco Gargani A seguito delle diverse richieste degli iscritti

Dettagli

Glossario minimo della protezione dei dati

Glossario minimo della protezione dei dati minimo della protezione dei dati www.garanteprivacy.it Glossario minimo della protezione dei dati N.B. Il glossario e le principali domande in tema di dati personali sono schematizzati e hanno una finalità

Dettagli

Quadro di riferimento

Quadro di riferimento ENEA Frascati sala Bruno Brunelli 14 e 17 ottobre 2005 ore 9,30 formazione in materia di Protezione dei dati personali punto 19.6 del Discplinare tecnico in materia di misure minime di sicurezza del d.lg.

Dettagli

Documento Programmatico sulla Sicurezza dei dati personali e sensibili DPS 2011

Documento Programmatico sulla Sicurezza dei dati personali e sensibili DPS 2011 Documento Programmatico sulla Sicurezza dei dati personali e sensibili DPS 2011 Redatto in base alla disposizione di cui al punto 19 del DISCIPLINARE TECNICO IN MATERIA di MISURE MINIME di SICUREZZA del

Dettagli

CRITERI E MODALITA OPERATIVE PER L ACCESSO E L UTILIZZO DEI SERVIZI INFORMATICI E TELEMA- TICI DELLA RETE DELL ISTITUTO AGRARIO S.

CRITERI E MODALITA OPERATIVE PER L ACCESSO E L UTILIZZO DEI SERVIZI INFORMATICI E TELEMA- TICI DELLA RETE DELL ISTITUTO AGRARIO S. ISTITUTO AGRARIO DI SAN MICHELE ALL ADIGE CRITERI E MODALITA OPERATIVE PER L ACCESSO E L UTILIZZO DEI SERVIZI INFORMATICI E TELEMA- TICI DELLA RETE DELL ISTITUTO AGRARIO S.MICHELE ALL ADIGE INFORMATIVA

Dettagli

L'anno il giorno del mese di, nella sede municipale del Comune di Nome_Ente

L'anno il giorno del mese di, nella sede municipale del Comune di Nome_Ente CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI NOME_ENTE E PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI O GESTORI DI PUBBLICO SERVIZIO, PER L'ACCESSO IN CONSULTAZIONE DELLA BANCA DATI DELL ANAGRAFE DELLA POPOLAZIONE L'anno il giorno del mese

Dettagli

La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale

La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale Forlì, 25 gennaio 2007 1 Adempimenti previsti dal Codice della Privacy per le APS 2 Codice della Privacy Nel 1996 la legge n. 675 regolamentò la tutela

Dettagli

Regolamento per la protezione dei dati personali in attuazione del D. Lgs. n. 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali.

Regolamento per la protezione dei dati personali in attuazione del D. Lgs. n. 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali. Regolamento per la protezione dei dati personali in attuazione del D. Lgs. n. 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali. 1 INDICE INTRODUZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI CALLIANO Provincia Autonoma di Trento REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 di data 28 novembre 2013 CAPO I Principi Generali

Dettagli

FORMAZIONE PRIVACY 2015

FORMAZIONE PRIVACY 2015 Intervento formativo per rendere edotti gli incaricati del trattamento di dati personali dei rischi che incombono sui dati e delle relative misure di sicurezza ai sensi dell art. 130 del D.Lgs. 196/2003

Dettagli

Trattamento dei dati personali

Trattamento dei dati personali Trattamento dei dati personali CODICE DELLA PRIVACY II 1 GENNAIO 2004 E ENTRATO IN VIGORE IL D.Lgs. N.196 DEL 30 GIUGNO 2003. TALE DECRETO E IL NUOVO TESTO UNICO PER LA PRIVACY. IL NUOVO CODICE IN MATERIA

Dettagli

Energy Auditing S.r.l.

Energy Auditing S.r.l. Energy Auditing S.r.l. Regolamento per l utilizzo delle risorse informatiche e telefoniche (redatto dal U.O. Sistemi Informativi di AMG Energia S.p.a.) 1 Indice: Premessa Riferimenti normativi Definizioni

Dettagli

Regolamento per l utilizzo della rete informatica

Regolamento per l utilizzo della rete informatica Istituto di Istruzione Superiore Piero Martinetti Caluso Regolamento per l utilizzo della rete informatica 1 Sommario Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione... 3 Art. 2 - Principi generali Diritti e

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DELLA POSTA ELETTRONICA E DI INTERNET (POLICY AZIENDALE)

REGOLAMENTO SULL USO DELLA POSTA ELETTRONICA E DI INTERNET (POLICY AZIENDALE) REGOLAMENTO SULL USO DELLA POSTA ELETTRONICA E DI INTERNET (POLICY AZIENDALE) PREMESSA Il Garante per la protezione dei dati personali, con Provvedimento 1.03.2007 pubblicato sulla G. U. R.I. 10.03.2007,

Dettagli

Legge sulla PRIVACY Dlgs 196/2003 INDICE

Legge sulla PRIVACY Dlgs 196/2003 INDICE Legge sulla PRIVACY Dlgs 196/2003 Dal 01.01.2004 e' entrato in vigore il DLgs 196 del 30.06.2003 cosiddetto Testo Unico sulla Privacy. Di seguito un breve riepilogo dei principali aspetti della norma che

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER ASCENSORISTA (SOGGETTO A NORMATIVA)

MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER ASCENSORISTA (SOGGETTO A NORMATIVA) MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER ASCENSORISTA (SOGGETTO A NORMATIVA) DATI ALLIEVO La/il sottoscritta/o Sesso F M Codice Fiscale Nata/o a Provincia il Nazionalità Residente a CAP Provincia Via/C.so/P.zza

Dettagli

CAPO I PRINCIPI GENERALI

CAPO I PRINCIPI GENERALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DELLA RETE INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA Emanato con D.R. n. 1087 del 27 maggio 2010 Pubblicato all Albo Ufficiale d Ateneo al n. 379 il

Dettagli

LICEO STATALE REGINA MARGHERITA Scienze Umane Linguistico Scientifico

LICEO STATALE REGINA MARGHERITA Scienze Umane Linguistico Scientifico LICEO STATALE REGINA MARGHERITA Scienze Umane Linguistico Scientifico Liceo delle Scienze Umane; Liceo delle Scienze Umane opzione Economico Sociale Liceo Linguistico; Liceo Scientifico opzione Scienze

Dettagli

Allo stesso modo il Decreto citato garantisce i diritti delle persone giuridiche e d ogni altro ente o associazione.

Allo stesso modo il Decreto citato garantisce i diritti delle persone giuridiche e d ogni altro ente o associazione. PRIVACY POLICY PRIVACY POLICY GENERALE RIVOLTA AI NAVIGATORI DEL SITO WWW.ITALIANCONVERTER.IT RESA AI SENSI DELl ART. 13 DEL D.LGS. 196/2003 Il D. Lgs 196/2003, denominato Codice in materia di protezione

Dettagli

REGOLAMENTO UTILIZZO INTERNET E POSTA ELETTRONICA

REGOLAMENTO UTILIZZO INTERNET E POSTA ELETTRONICA REGOLAMENTO UTILIZZO INTERNET E POSTA ELETTRONICA (Provvedimento del Garante per la Privacy pubblicato su G.U. n. 58 del 10/3/2007 - Circolare Presidenza Consiglio dei Ministri Dipartimento Funzione Pubblica

Dettagli

1. Conoscenza dei dati trattati. 2. Conoscenza degli strumenti utilizzati. 3. Conoscenza del proprio ruolo all interno della struttura

1. Conoscenza dei dati trattati. 2. Conoscenza degli strumenti utilizzati. 3. Conoscenza del proprio ruolo all interno della struttura Corso 196/03 per i Responsabili e gli Incaricati del Trattamento Dati Percorso Formativo per l Incaricato del Trattamento Dati: Pre-requisiti: 1. Conoscenza dei dati trattati 2. Conoscenza degli strumenti

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA Ed.1 Rev.3 30/09/11 Pag.1 di 16 SULLA SICUREZZA Redatto ai sensi e per gli effetti dell art.34, co.1, lettera G) del D.Lgs. 196/2003 e del disciplinare tecnico allegato al medesimo decreto sub b) e aggiornato

Dettagli

Il diritto nell Informatica

Il diritto nell Informatica Il diritto nell Informatica Introduzione L utilizzazione sempre più diffusa dell Informatica nel corso degli anni ha investito tutti gli ambiti della vita sociale. La raccolta, l elaborazione e la trasmissione

Dettagli

Disciplinare per l uso dei sistemi informativi nell Unione Reno Galliera e nei comuni aderenti

Disciplinare per l uso dei sistemi informativi nell Unione Reno Galliera e nei comuni aderenti Disciplinare per l uso dei sistemi informativi nell Unione Reno Galliera e nei comuni aderenti Approvato con Delibera di Giunta N. 19 del 29/06/2010 Parte I Aspetti generali e comportamentali... 2 Art.

Dettagli

9. Aggiornamento e revisione 9.1 Il presente Regolamento potrà essere soggetto a revisione sulla base dell evoluzione normativa e/o tecnologica,

9. Aggiornamento e revisione 9.1 Il presente Regolamento potrà essere soggetto a revisione sulla base dell evoluzione normativa e/o tecnologica, Regolamento per l'utilizzo dei sistemi di telefonia fissa di Arpa Piemonte Premessa... 1 1. Entrata in vigore del regolamento e pubblicità... 1 2. Campo di applicazione del regolamento... 1 3. Gestione

Dettagli

Privacy e rapporto di lavoro. Controlli del datore di lavoro su internet ed e-mail. Sistemi di videosorveglianza, geolocalizzazione e biometria.

Privacy e rapporto di lavoro. Controlli del datore di lavoro su internet ed e-mail. Sistemi di videosorveglianza, geolocalizzazione e biometria. Aspetti pratici della corretta gestione degli adempimenti necessari. Privacy e rapporto di lavoro. Controlli del datore di lavoro su internet ed e-mail. Sistemi di videosorveglianza, geolocalizzazione

Dettagli

Regolamento. per l utilizzo della rete informatica. delibera del Consiglio di Istituto 29 aprile 2010

Regolamento. per l utilizzo della rete informatica. delibera del Consiglio di Istituto 29 aprile 2010 Regolamento per l utilizzo della rete informatica delibera del Consiglio di Istituto 29 aprile 2010 Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina le modalità di accesso, di

Dettagli

Informazioni ai sensi del d.lgs. 9 aprile 2003. n. 70

Informazioni ai sensi del d.lgs. 9 aprile 2003. n. 70 Informazioni ai sensi del d.lgs. 9 aprile 2003. n. 70 Il nome a dominio www.albertplaza.it è registrato dalla ditta Plaza Group di Alberto Piazza, corrente in Via Padule n 153 (81034) Mondragone. Per ogni

Dettagli

COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese

COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese MODALITA PER IL CORRETTO UTILIZZO DEL SISTEMA INFORMATICO COMUNALE Approvato con delib. G.C. n. 9 del 21.01.2006 - esecutiva Per l utilizzo corretto del sistema informatico,

Dettagli

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 170 del 07.11.2011 Indice

Dettagli

COMUNE DI CASAZZA. Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio comunale

COMUNE DI CASAZZA. Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio comunale COMUNE DI CASAZZA Comune di Casazza Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio comunale in ottemperanza del D.Lgs. 196/2003 e s.m. Adottato con DCC n.

Dettagli

Informativa ex art. 13 del Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196)

Informativa ex art. 13 del Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196) Informativa ex art. 13 del Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196) Desideriamo informarla, ai sensi dell articolo 13 del Decreto Legislativo 30 Giugno

Dettagli

COMUNE DI MARCIGNAGO

COMUNE DI MARCIGNAGO COMUNE DI MARCIGNAGO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI MARCIGNAGO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 27.09.2011 SOMMARIO:

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE RETE CIVICA COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE RETE CIVICA COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA RETE CIVICA COMUNALE Approvato con delibera di C.C. n. 93 del 4.11.2009 Modificato con delibera di C.C. n. 90 del 18.12.2014 ART.1 OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI VERZUOLO AREA DI VIGILANZA Comando Polizia Municipale

COMUNE DI VERZUOLO AREA DI VIGILANZA Comando Polizia Municipale COMUNE DI VERZUOLO AREA DI VIGILANZA Comando Polizia Municipale SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE (Decreto Legislativo n. 196 del 30.6.2003) 1 REGOLAMENTO PER L

Dettagli