LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC"

Transcript

1 LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio CHE COSA E UN PROGRAMMA DI SCREENING? E un intervento sanitario organizzato che si attua su una popolazione sana, o apparentemente sana, ritenuta a rischio di sviluppare una malattia, se è dimostrato che anticipare la diagnosi modifica in positivo la storia naturale di quella malattia. Vengono offerti, gratuitamente, un test di 1 livello (test di screening ) e, se necessario, anche esami di approfondimento (2 livello) ed eventuali trattamenti. Il programma di screening è, quindi, una complessiva presa in carico della persona, per tutto l iter diagnostico-terapeutico, da parte dell istituzione che propone di sottoporsi al test. 2-PERCHE SI ATTUA UN PROGRAMMA DI SCREENING? Per diagnosticare precocemente una malattia quando è in fase iniziale e, comunque, prima della comparsa dei sintomi e per avviare tempestivamente il trattamento terapeutico, se è dimostrato che ciò ridurrà l incidenza e/o la mortalità per quella malattia. La diagnosi precoce permette una terapia meno invasiva e spesso anche di ottenere la guarigione completa. 3-PERCHÉ LO SCREENING MAMMOGRAFICO? a) Perché il carcinoma della mammella è un tumore per il quale è possibile fare la diagnosi precoce. b) Perché la diagnosi precoce di questo tumore permette di impostare un programma terapeutico che può portare alla guarigione completa. c) Perché il carcinoma della mammella è la prima causa di morte per la donna. In Italia, ogni anno, si registrano circa nuovi casi e oltre donne muoiono per questo tumore e, a tutt oggi, non sono conosciute cause certe prevenibili del tumore della mammella. *4-QUALI SONO I FATTORI DI RISCHIO PER IL TUMORE DELLA MAMMELLA? Avere più di 50 anni Avere in famiglia casi di tumore alla mammella Avere già avuto un carcinoma della mammella Non avere avuto figli Prima gravidanza dopo i 30 anni di età Età della prima mestruazione anticipata Menopausa tardiva Obesità Vita sedentaria Consumo eccessivo di alcool Anche una dieta povera di frutta, verdura cruda, cereali integrali, legumi, vitamine A, E, D e Calcio, ricca di grassi di origine animale e zuccheri semplici, sembra rappresentare un fattore di rischio.

2 L INVITO 5-PERCHE CHIAMATE DAI 50 AI 69 ANNI? Perché il rischio di ammalarsi di tumore della mammella aumenta con l età. In questa fascia di età il test di screening (la mammografia), fatto ogni due anni, è sufficiente per la diagnosi precoce, pertanto risulta positivo il bilancio tra benefici e costi sia individuali che per la collettività. La diagnosi precoce del tumore permette una riduzione della mortalità di circa il 35%. *6-CHE COSA DEBBO FARE PRIMA DEI 50 ANNI? E opportuno rivolgersi al proprio medico o al Consultorio Familiare di riferimento. Nelle donne più giovani il bilancio tra vantaggi e svantaggi, anche in termini economici, e meno favorevole: a)perché è possibile che un solo test non sia sufficiente per le caratteristiche proprie della mammella a questa età b)perché i controlli devono essere più ravvicinati c) perché la malattia è meno frequente. Le linee guida del Ministero della Salute (nov. 2006) raccomandano di eseguire una mammografia ogni mesi alle donne tra i 40 e i 49 anni. La legge 388/2000 art. 85 comma 4 riportata nella Finanziaria del 2001 dispone l esenzione dal pagamento del ticket per una mammografia ogni due anni per le donne dai 45 ai 69 anni, per favorire l accesso spontaneo dove lo screening non è ancora attivo. *7-CHE COSA DEBBO FARE DOPO I 69 ANNI? Le donne tra i 70 e i 74 anni possono, comunque, beneficiare dell esenzione dal ticket per reddito e per età. Si sta valutando la possibilità di estendere lo screening mammografico alla fascia di età compresa tra 70 e 74 anni (visto l aumento dell aspettativa di vita delle donne). A questa età il test di screening (la mammografia) ha una maggiore sensibilità e la durata della fase preclinica e maggiore, dati che aumentano le possibilità di una diagnosi anticipata. Queste valutazioni sono però condizionate dalle risorse economiche disponibili (personale, strutture etc.) 8-POSSO ADERIRE AL PROGRAMMA DI SCREENING SE SONO STRANIERA NON IN REGOLA CON IL PERMESSO DI SOGGIORNO? Si, se in possesso del tesserino STP (Straniera Temporaneamente Presente), se in fascia di età da 50 a 69 anni e se domiciliata in uno dei Municipi della ASL RMC. Per ottenere il tesserino STP deve rivolgersi all ufficio preposto nel distretto del Municipio di appartenenza. Intanto si può prenotare ma, al momento dell esame, è necessario esibire il tesserino.

3 9-POSSO ADERIRE AL PROGRAMMA DI SCREENING SE NON SONO RESIDENTE? Ogni donna può essere chiamata nel luogo di residenza perché il programma di screening dovrebbe essere attivo in tutta Italia. Se nella sua ASL di residenza non è ancora attivo, le ricordiamo che la Finanziaria del 2001 dispone l esenzione dal pagamento del ticket per una mammografia ogni due anni, alle donne da 45 a 69 anni, ovunque questa venga effettuata. Le donne non residenti possono aderire al programma di screening se sono solo domiciliate ma in attesa di cambio di residenza oppure se non vivono nel luogo di residenza per motivi di lavoro, studio,etc. *10-SONO STATA OPERATA PER CANCRO ALLA MAMMELLA, POSSO RISPONDERE ALL INVITO? Se non è seguita dalla struttura dove è stata operata o dove ha effettuato la terapia, verrà prenotata direttamente al 2 livello, presso l Ambulatorio di Radiologia dell Ospedale S. Eugenio, dove eseguirà la mammografia ed eventuali altri accertamenti e poi indirizzata all Ambulatorio di Oncologia Medica dell Ospedale S. Eugenio. E opportuno che porti con sé la cartella clinica del suo ricovero, qualora ne sia in possesso. 11-PERCHE DEBBO FARE LA MAMMOGRAFIA ANCHE SE MI SENTO BENE? Perché il test di screening si attua sulla popolazione sana o apparentemente sana per avere la conferma del proprio stato di benessere o per scoprire la malattia, qualora presente, prima che manifesti qualsiasi sintomo. 12-OGNI QUANTO TEMPO SI DEVE RIPETERE? Ogni due anni. 13-PERCHE L INTERVALLO E COSI LUNGO? Studi scientifici hanno dimostrato che un intervallo più breve non ha un effetto significativo sulla riduzione della mortalità in questa fascia di età. 14-PERCHE L INTERVALLO E COSI BREVE? Un intervallo più lungo di due anni renderebbe più tardiva la diagnosi di un tumore che potrebbe insorgere successivamente. *15-PUO UNA MAMMOGRAFIA NON EVIDENZIARE UN TUMORE? E raro ma è possibile per le seguenti ragioni: a) per difficoltà di interpretazione dovute alle caratteristiche del tessuto della mammella b) perché la lesione è talmente piccola da non essere riconoscibile c) per possibili errori interpretativi da parte del/la radiologo/a. Tra un esame e l altro si possono dunque sviluppare, molto raramente, i cosiddetti tumori di intervallo. Pertanto è molto importante eseguire periodicamente l autoesame del seno, prestando attenzione ad eventuali cambiamenti che debbono essere riferiti tempestivamente al proprio medico. Il programma di screening mammografico è sottoposto a costante monitoraggio e a continui controlli di qualità, anche al fine di contenere la frequenza di questi eventi che sono ridotti al minimo possibile con l utilizzo della doppia lettura della mammografia e la formazione specifica del personale.

4 16-PERCHE RIPETERE L ESAME OGNI DUE ANNI SE LA MAMMOGRAFIA E NORMALE? Perché la malattia può comparire nel corso degli anni successivi. RISULTATA 17-PUO ESSERE DANNOSO ESEGUIRE QUESTO ESAME PIU VOLTE? Come per qualsiasi radiografia vi è una esposizione ai raggi X ma, con le apparecchiature utilizzate che vengono periodicamente sottoposte a controlli di qualità, la dose di radiazioni somministrata è assolutamente bassa. 18-HO FATTO LA MAMMOGRAFIA PRIVATAMENTE, DOPO QUANTO TEMPO POSSO FARLA CON VOI? Dopo un anno da una mammografia eseguita al di fuori di un programma di screening organizzato. *19 HO PRENOTATO UNA MAMMOGRAFIA AL CUP, COSA FARE? Va deciso in base alla data dell appuntamento preso con il CUP, ai tempi dell invito e alla data di effettuazione della precedente mammografia. 20 HO LA MAMMELLA PICCOLA, E NECESSARIO FARE LA MAMMOGRAFIA? Si, perché la ghiandola mammaria è comunque presente. *21-HO UNA PROTESI MAMMARIA, POSSO FARE LA MAMMOGRAFIA? Si, in questo caso dovrà essere integrata dalla ecografia o da altri esami, quindi verrà prenotata direttamente per il centro di 2 livello. (Se la protesi non ha solo un significato estetico ma è successiva a chirurgia per cancro della mammella, vedi domanda n 10) 22-POSSO METTERE LA CREMA PER IL CORPO? E assolutamente sconsigliato solo l uso del talco che può dare false immagini. 23-DEVO SOSPENDERE L ASSUNZIONE DI FARMACI? No, non è necessario sospendere l assunzione di farmaci compresa la chemioterapia (se è assunta per cancro della mammella vedi domanda n 10). 24-DEVO SOSPENDERE L ASSUNZIONE DEL CONTRACCETTIVO ORALE? No 25-DEVO SOSPENDERE L ASSUNZIONE DI ORMONI IN MENOPAUSA? No

5 *26-DEBBO RIPETERE LA MAMMOGRAFIA PIU SPESSO SE ASSUMO ORMONI PER LA MENOPAUSA? Gli studi sono ancora in corso, pertanto attualmente lo screening prevede, anche in questi casi, l invito ogni due anni. E' possibile che verrà chiamata per eseguire esami di approfondimento, come l ecografia, a causa delle caratteristiche strutturali che assume la ghiandola mammaria in corso di terapia ormonale e, se il/la radiologo/a lo riterrà opportuno, l'invito successivo potrebbe essere anticipato. Ricordiamo l importanza di eseguire sempre l autoesame del seno nell intervallo tra i controlli mammografici. *27-HO AVUTO DEI CASI DI CANCRO AL SENO IN FAMIGLIA, E SUFFICIENTE LA MAMMOGRAFIA? Bisogna valutare le caratteristiche di questi casi (l età di comparsa, se in parenti di 1 o 2 grado, se in associazione con altri tumori). Sarà comunque prenotata al 1 livello per la mammografia e, se al momento della refertazione il/la radiologo/a valuterà dalla sua scheda che lei rientra nelle condizioni a rischio, sarà chiamata al 2 livello per l integrazione con altri esami. 28-HO LA MASTOPATIA FIBROCISTICA, E SUFFICIENTE LA MAMMOGRAFIA? Si. Se sarà necessario eseguire approfondimenti, le verrà comunicato un invito al 2 livello. 29-COME SI PRENOTANO LE MAMMOGRAFIE DEL PROGRAMMA DI SCREENING? Al numero verde: dal lunedì al venerdì dalle ore 8,00 alle ore 18,00 30-SERVE LA RICHIESTA DEL MIO MEDICO? No 31-POSSO PRENOTARE ANCHE ALTRE VISITE ED ESAMI? No, si deve rivolgere al numero verde del CUP (Centro Unico di Prenotazione): oppure dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30 alle ore 19,30; il sabato dalle ore 7,30 alle ore 13,00 32 POSSO PRENOTARE PER UN AMICA? No, deve chiamare la diretta interessata perché è necessario controllare alcuni dati anagrafici. 33-QUALE E IL CRITERIO DI CHIAMATA? Attualmente viene data la priorità alle signore che hanno effettuato la mammografia su invito della ASL RMC negli anni precedenti e debbono essere richiamate. Sono accolte anche le adesioni spontanee. 34 SONO IN FASCIA DI ETA, NON HO RICEVUTO L INVITO, POSSO PRENOTARE? Limitatamente alla disponibilità dei turni di screening, avrà un appuntamento in base alla data della sua ultima mammografia. *35 VORREI UN APPUNTAMENTO URGENTE, POSSO ANTICIPARE? Se è in fascia di età da 50 a 69 anni ed è residente nella ASLRMC possiamo darle noi un appuntamento, altrimenti si rivolga al suo medico di Medicina Generale che attiverà la procedura d urgenza.

6 36-DOVE SI EFFETTUA LA MAMMOGRAFIA? Sarà invitata ad eseguire la mammografia presso il Centro della ASLRMC più vicino alla sua residenza. Il risultato le verrà inviato a casa con una lettera. 37-POSSO CAMBIARE CENTRO PER EFFETTUARE LA MAMMOGRAFIA? Si, in casi eccezionali. 38-COME CI ARRIVO? Possiamo darle noi tutte le indicazioni. E, comunque, in previsione la stampa di una piccola mappa sulla lettera d invito. 39 POSSO CAMBIARE DATA E ORA DELL'APPUNTAMENTO PREFISSATO? Si. La preghiamo di telefonare al Numero Verde ( ) dal lunedì al venerdì dalle 8,00 alle 18,00 se vuole modificare la data, l ora e, in casi eccezionali, anche il luogo dell appuntamento. Se non si presenterà all appuntamento fissato o modificato, riceverà un altro invito dopo due anni. Se desidera effettuare la mammografia prima, può telefonare al Numero Verde e le sarà fissato un appuntamento. 40-CHE COSA DEBBO FARE SE NON DESIDERO EFFETTUARE LA MAMMOGRAFIA? Se non desidera ricevere l invito per la mammografia, deve inviare una lettera di autoesclusione e la fotocopia di un documento d identità al Centro di Coordinamento dello screening mammografico in via Monza,2 cap anche via fax al numero: Partecipare ad un programma di screening organizzato è un diritto, per questo è necessario documentare un esclusione con l autocertificazione dell interessata. Le ricordiamo, comunque, che in qualsiasi momento può chiedere di essere reinserita nel programma di screening, con le stesse modalità (dichiarazione e copia di un documento d identità). 41 DEBBO PORTARE GLI ESAMI PRECEDENTI? Si, sono utili per un confronto con l esame in corso. 42-POSSO RECUPERARE I MIEI ESAMI PRECEDENTI ALL IFO REGINA ELENA? Attualmente quei radiogrammi possono essere ritirati previa richiesta da parte del Coordinamento (chiedere alla signora i dati anagrafici). Potrà recarsi presso il Servizio di Radiologia dell IFO dopo essere stata contattata telefonicamente dal nostro referente. 43 QUANTO COSTA FARE LA MAMMOGRAFIA? La mammografia e gli eventuali accertamenti sono gratuiti.

7 IL TEST DI SCREENING 44-QUAL E IL TEST USATO PER LO SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA? La mammografia. 45-CHE COSA E LA MAMMOGRAFIA? E un indagine che, utilizzando i raggi X, consente uno studio molto accurato delle mammelle. Viene eseguita mediante un apparecchiatura appositamente progettata, il mammografo. Vengono eseguite due radiografie per ogni mammella e di norma l esame dura minuti. 46-CHI ESEGUE LA MAMMOGRAFIA? Un/a tecnico/a di radiologia formato/a per l esecuzione di questo esame. 47-È DOLOROSA? Per eseguire una mammografia è necessario comprimere la mammella su un piano, con un apposito compressore per ottenere immagini ben definite e ricche di informazioni. La compressione della mammella avviene in modo delicato e graduale affinché l esame sia perfettamente tollerato. Questa compressione, che non altera i tessuti, può talvolta causare dolore di breve durata, ma permette di utilizzare basse dosi di radiazioni. *48-PERCHÉ LA MAMMOGRAFIA? La mammografia è il metodo più affidabile per individuare un tumore molto tempo prima di quanto possa essere rilevato attraverso la semplice palpazione (ossia di dimensioni inferiori ad 1 cm). La diagnosi precoce consente un trattamento il più possibile conservativo. Le linee guida europee raccomandano l offerta attiva di una mammografia ogni 2 anni dai 50 ai 69 anni. Dagli anni 60 l accuratezza diagnostica della mammografia continua a migliorare anche se il 10-15% dei tumori presenti non vengono scoperti da questa metodica. E dimostrato comunque che i programmi di screening mammografico hanno portato ad una riduzione delle morti per tumore della mammella pari al 35%. *49 POSSO FARE L ECOGRAFIA AL POSTO DELLA MAMMOGRAFIA? L ecografia è un esame di complemento, serve per verificare immagini radiografiche che non sono chiare. Viene eseguita, quindi, durante gli accertamenti. Da sola, generalmente, non è sufficiente per la diagnosi precoce di cancro della mammella, soprattutto nella fascia di età che viene interessata dallo screening. *50-LA MAMMOGRAFIA E SUFFICIENTE PER UNA DIAGNOSI ACCURATA? La mammografia è l esame più efficace attualmente disponibile per diagnosticare precocemente i tumori al seno. È un indagine che, utilizzando i raggi X, consente uno studio molto accurato delle mammelle. Ogni mammografia viene valutata separatamente da due medici radiologi per garantire una maggiore precisione e accuratezza della diagnosi. Nei casi controversi può intervenire anche il parere di un terzo medico radiologo o si decide l invio al 2 livello per effettuare esami complementari.

8 Tuttavia la mammografia non è sempre sufficiente per una diagnosi definitiva in quanto le caratteristiche del tessuto della mammella possono non permettere una identificazione chiara di una eventuale lesione. In caso di esito dubbio, verrà contattata telefonicamente dal centro di 2 livello, per eseguire ulteriori accertamenti che consentano di escludere o confermare la presenza di alterazioni. Se non è rintracciabile telefonicamente, le verrà inviata una lettera raccomandata con l appuntamento prefissato. L invito ad eseguire questi esami di approfondimento può comprensibilmente provocare ansia e timore; tuttavia va tenuto presente che, nella maggior parte dei casi, tali accertamenti escludono la presenza di un tumore. 51-CHE COSA VIENE EVIDENZIATO CON LA MAMMOGRAFIA? Vengono evidenziate lesioni della mammella anche molto piccole, spesso non palpabili, sulle quali intervenire precocemente con un trattamento terapeutico. 52-POSSO ESEGUIRE LA MAMMOGRAFIA IN QUALSIASI MOMENTO DEL CICLO? E preferibile entro i primi 10 giorni del ciclo. E sconsigliato il periodo premestruale, per la maggiore tensione mammaria che può rendere l esame doloroso. 53-POSSO ESEGUIRE LA MAMMOGRAFIA IN GRAVIDANZA? No, come per qualsiasi altro esame radiografico, in gravidanza viene eseguita solo se è necessario un controllo urgente su indicazione del medico curante. 54-POSSO ESEGUIRE LA MAMMOGRAFIA DURANTE L ALLATTAMENTO? Si *55-POSSO ESEGUIRE LA MAMMOGRAFIA SE HO LA MASTITE? E opportuno prima completare la terapia prescritta dal medico. *56-POSSO ESEGUIRE LA MAMMOGRAFIA SE HO SECREZIONE DAL CAPEZZOLO? Si, può essere urgente. ( vedi domanda n 35) 57- HO SUBITO UN INTERVENTO DI ANGIOPLASTICA / HO UNA VALVOLA CARDIACA ARTIFICIALE, POSSO FARE LA MAMMOGRAFIA? Si, può eseguire la mammografia 58- HO IL PACE MAKER, POSSO FARE LA MAMMOGRAFIA? Si, può fare la mammografia. Al momento della refertazione il radiologo deciderà se è il caso di richiamarla per l approfondimento qualora il pace maker sia posizionato in modo tale da non permettere una completa visualizzazione della ghiandola mammaria. 59- HO RICEVUTO LA LETTERA CON L INVITO A FARE LA MAMMOGRAFIA MA HO ANCHE UN APPUNTAMENTO PER ESEGUIRE UNA SCINTIGRAFIA TIROIDEA, CI SONO PROBLEMI? Può fare la mammografia dopo una settimana dalla scintigrafia (la stessa cosa vale per altri esami radiologici eseguiti con mezzo di contrasto), se necessario spostiamo l appuntamento.

9 60-QUANTO DURA L ESAME? Circa 15 minuti. 61-VIENE ESEGUITA ANCHE LA VISITA SENOLOGICA? No, verrà eseguita solo se saranno necessari esami di approfondimento e sarà perciò chiamata al 2 livello. 62-POTRO AVERE UN ATTESTATO PER GIUSTIFICARE L ASSENZA DAL LAVORO? Si, su richiesta dove sarà specificato l orario della prestazione. LA RISPOSTA 63-IN QUANTO TEMPO AVRO LA RISPOSTA? Generalmente entro un mese. 64 COME AVRO LA RISPOSTA? Per posta, al domicilio che ci ha indicato. 65 CHE COSA TROVO SCRITTO NELLA RISPOSTA? Troverà scritto che l esame è risultato normale e il successivo controllo sarà a due anni. La lettera di risposta verrà inviata soltanto per gli esami con esito normale. 66 POSSO RITIRARE PERSONALMENTE LA RISPOSTA? Si, in casi eccezionali, presso il Centro di Coordinamento in via Monza,2. Dovrà comunicare la sua intenzione telefonando al Numero Verde appena ha eseguito l esame. Non verranno comunque anticipati i tempi di risposta. 67-POSSO AVERE LA RISPOSTA PER E.MAIL O PER FAX? Per e.mail ancora non è possibile, per fax è possibile se si autorizza il Coordinamento con una comunicazione (via fax, corredata da documento, in cui viene indicato anche il numero del fax al quale deve essere inviato il referto). 68 POSSO AVERE UNA RISPOSTA IMMEDIATA? I tempi richiesti sono necessari per garantire la doppia lettura della mammografia. 69 SE LA RISPOSTA NON E NORMALE SARO CHIAMATA PER EFFETTUARE ALTRI ESAMI? Si, sarà chiamata dalla caposala del Servizio di Radiologia dell Ospedale S. Eugenio che le fisserà l appuntamento per gli esami di approfondimento, anche questi gratuiti, che verranno eseguiti in quella sede

10 70 POSSO AVERE I RADIOGRAMMI? Il programma di screening non prevede la consegna dei radiogrammi in quanto serviranno per un confronto nei successivi controlli. Eventuali copie potranno essere richieste, anche con delega, presso l Ospedale S. Eugenio, Archivio di Radiologia (Istituto B) dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle 12,30. E previsto un ticket di 10,00 Euro se copia in CD o di 15,48 Euro se copia con radiogrammi. *71-POSSO RIPETERE LA MAMMOGRAFIA PRIMA DI 2 ANNI? No, se l esame è risultato normale e se l indicazione del/la radiologo/a è stata di una ripetizione a due anni. Se, nei mesi successivi alla mammografia di screening rileverà con l autoesame qualsiasi alterazione, potrà telefonare al Numero Verde del Coordinamento e sarà valutato un eventuale invio direttamente al 2 livello. 72-POSSO PRENDERE UN APPUNTAMENTO CON IL CUP PER LE MAMMOGRAFIE SUCCESSIVE? Non è necessario in quanto verrà richiamata dal Centro di Coordinamento dello Screening dopo due anni. GLI ACCERTAMENTI 73-QUALI SONO GLI ESAMI DI APPROFONDIMENTO DIAGNOSTICO DOPO LA MAMMOGRAFIA? Gli esami di approfondimento possono essere: visita senologica ecografia mammaria mammografie particolareggiate e, a volte, con ingrandimento delle alterazioni mammografie con diverse e ulteriori proiezioni (proiezioni accessorie) agoaspirato per esame citologico biopsia e microbiopsia per esame istologico altro ( Risonanza Magnetica, Galattografia, etc. ). Il/la radiologo/a valuta di volta in volta l opportunità di utilizzare uno o più esami di approfondimento sulla base delle caratteristiche delle alterazioni evidenziate dalla mammografia di screening. 74-DOVE SI EFFETTUANO GLI ESAMI DI APPROFONDIMENTO? Il Centro di 2 livello dello screening mammografico della ASL RMC è la UOC Radiodiagnostica e Radiologia Interventistica dell Ospedale S. Eugenio ma, nel rispetto di ogni singola decisione personale, se lo desidera può optare per un'altra struttura di sua scelta. 75 COME AVRO LA RISPOSTA DEGLI ACCERTAMENTI? La risposta verrà data dal/la radiologo/a subito dopo l esame, per gli accertamenti che permettono una risposta immediata (p. es. l ecografia), oppure nel corso di un successivo incontro, se sono stati eseguiti

11 prelievi citologici o istologici per i quali sono necessari tempi di lettura. *76-CHE COSA E UNA MAMMOGRAFIA ANORMALE? La mammografia risulta anormale quando evidenzia la presenza di alterazioni: opacità nodulari, addensamenti o distorsioni del disegno mammario, microcalcificazioni, etc. *77-IN CHE COSA CONSISTE LA VISITA SENOLOGICA? E un esame clinico durante il quale le mammelle vengono esaminate con la donna in posizione seduta e successivamente in posizione sdraiata. Vengono prima valutate la forma, le dimensioni, la simmetria e la cute di entrambe le mammelle. Successivamente, viene eseguita la palpazione per una valutazione più approfondita e completa. *78-CHE COSA E L ECOGRAFIA? È un metodo d indagine che utilizza un apparecchio, l ecografo, che non usa radiazioni ma ultrasuoni. Nel programma di screening viene usata a completamento diagnostico se con la mammografia è stata evidenziata una lesione o un alterazione della struttura mammaria. Permette di vedere, ad esempio, se un nodulo, rilevato con la palpazione o con la mammografia, è solido o liquido ( cisti ). Una piccola quantità di gel, posta sulla cute della mammella, favorisce il passaggio degli ultrasuoni dalla sonda alla superficie cutanea della mammella. L immagine che si ottiene viene visualizzata sul monitor dell ecografo e stampata. Durante l esame la donna è in posizione supina. L esame è indolore. *79-CHE COSA E L AGOASPIRATO? L agoaspirato consiste nel prelievo di un campione di cellule per un esame citologico. Si effettua in ambulatorio ed è di semplice esecuzione. Se il risultato è negativo, consente di ridurre la necessità di ricorrere a biopsia mammaria (prelievi di tessuto per l analisi istologica). Viene eseguito con modalità diverse in relazione al tipo di lesione, ma utilizzando sempre un ago sottilissimo montato su una siringa o un apparecchio automatico. In caso di lesioni non palpabili, si esegue l agoaspirato sotto guida ecografica oppure sottoguida radiologica (agoaspirato sotto guida stereotassica), in relazione al tipo di lesione riscontrata. Questo tipo di lesione si riscontra più frequentemente nei programmi di screening, poiché i tumori sempre più vengono diagnosticati in fase precoce e quindi di piccole dimensioni. In caso di lesioni palpabili si può eseguire anche un agoaspirato a mano libera, così chiamato poiché il medico non utilizza alcuno strumento di guida. Nella quasi totalità dei casi la procedura di agoaspirazione, comunque eseguita, dura pochi secondi, non determina alcun significativo dolore né complicanze successive. In qualche raro caso possono formarsi piccoli ematomi (raccolta di sangue nella sede del prelievo). I possibili risultati sono: NEGATIVO (C2): non vengono evidenziate cellule anormali DUBBIO (C3): l esito, pur evidenziando una lesione probabilmente benigna, non consente una definizione precisa in quanto alcune cellule non hanno caratteristiche normali SOSPETTO (C4): vengono evidenziate alcune cellule con caratteristiche indicative della probabile presenza di neoplasia

12 POSITIVO (C5): il campione presenta cellule tumorali INADEGUATO (C1): nel caso di piccole lesioni, spesso fibrose e non palpabili, può accadere che il campione prelevato non permetta di formulare una diagnosi, generalmente per lo scarso numero di cellule presenti. *80-CHE COSA E LA BIOPSIA MAMMARIA? La biopsia della mammella viene eseguita quando è necessario avere una diagnosi più precisa del tessuto mammario corrispondente alla lesione individuata, nel caso in cui gli esami eseguiti non abbiano fornito una chiarezza definitiva. Nel caso di lesioni palpabili, per prelevare alcuni frammenti di tessuto si possono usare aghi un poco più grossi di quelli utilizzati per l esame citologico. Per le lesioni molto piccole, e non palpabili, si possono utilizzare strumentazioni tecnologicamente avanzate che, sotto la guida radiografica o ecografica, consentono di prelevare il tessuto necessario per l esame istologico con precisione millimetrica. Il prelievo è eseguito in ambulatorio, in anestesia locale e quindi in modo indolore. Le complicanze dovute ad una biopsia sono rare: talora può presentarsi un modesto dolore nella sede del prelievo che può persistere per alcune ore, per il quale generalmente non è necessaria alcuna terapia. In alcuni casi si può formare un piccolo ematoma per il quale non è richiesta alcuna terapia. 81 DEBBO PAGARE GLI ESAMI DI APPROFONDIMENTO? No, anche gli accertamenti sono gratuiti. 82-CHE COSA FARE DOPO GLI ESAMI DI APPROFONDIMENTO? Nella grande maggioranza dei casi il percorso di approfondimento della diagnosi termina con un risultato rassicurante. Potranno essere necessari controlli ravvicinati sempre gratuiti (follow-up) per un periodo limitato, prima di rientrare nel routinario percorso di screening, con l invito per una mammografia biennale. Solo in alcuni casi, i controlli eseguiti durante il follow-up potranno suggerire la necessità di un approfondimento chirurgico. Se invece i risultati degli esami eseguiti avranno confermato il sospetto iniziale della possibile presenza del tumore, il radiologo ed il chirurgo decideranno, assieme alla donna interessata, il percorso di diagnosi e di cura successivo. I TRATTAMENTI *83-IN CHE CONSISTE LA LOCALIZZAZIONE DELLA LESIONE? Qualora la lesione individuata richieda un intervento, risulta necessario localizzare con precisione la lesione. Si possono inserire nella mammella frammenti di carbone, sonde uncinate, microclip metalliche, ovuli di gel, sostanze o materiali utili a fare da reperti per eventuali accertamenti chirurgici successivi. Una delle più recenti metodiche di localizzazione è la R.O.L.L. (Radioguided Occult Lesion Localization) ossia la localizzazione radioguidata di una lesione non palpabile. *84-QUALE CHIRURGIA? Nella maggioranza dei casi, poiché le indagini diagnostiche effettuate (dalla mammografia di screening

13 agli accertamenti successivi) permettono di accertare la presenza di un eventuale tumore anche quando è ancora di dimensione ridotte e non apprezzabile alla palpazione, l intervento chirurgico non sarà esteso a tutta la mammella, ma a porzioni ridotte di essa (intervento chirurgico conservativo) con evidenti risvolti positivi sul piano fisico e psicologico della donna e con un migliore risultato estetico. L intervento chirurgico conservativo (quadrantectomia) nei tumori in stadio iniziale e al di sotto dei 2 cm, è efficace nel controllare la malattia come un intervento di asportazione totale della mammella (mastectomia). Durante l intervento chirurgico di quadrantectomia, il chirurgo asporta anche le ghiandole linfatiche (linfoadenectomia) dell ascella per sapere con certezza, con un esame istologico, se qualche cellula tumorale è arrivata a questi linfonodi. Fino a qualche tempo fa le ghiandole ascellari venivano tolte sempre e completamente, in tutti i casi. Da qualche anno invece, se il tumore non supera i 3 cm e se non si palpano linfonodi ascellari aumentati di volume e di consistenza, è possibile togliere solo un linfonodo: il cosiddetto linfonodo sentinella, chiamato così in quanto è il primo dove eventualmente si localizzano le cellule tumorali. Se tale linfonodo risulterà completamente negativo all esame istologico, non sarà necessario asportare gli altri linfonodi ascellari. Questa tecnica ha il grande vantaggio di permettere di accertare correttamente lo stato dei linfonodi ascellari evitando in 2/3 dei casi la linfoadenectomia (asportazione totale dei linfonodi) e le sue complicanze, quali dolore al braccio, formicolii sotto l ascella, riduzione della forza e gonfiore del braccio (molto raro comunque). La conoscenza dell interessamento di ghiandole linfatiche ascellari è importante per decidere le eventuali terapia successive all intervento chirurgico (ormonoterapia, chemioterapia). Nei pochi casi in cui la localizzazione e la dimensione del tumore rendono necessaria una mastectomia è possibile eseguire una ricostruzione della mammella asportata durante lo stesso intervento chirurgico (chirurgia ricostruttiva). Altre volte l intervento di ricostruzione potrà essere espletato con modalità e tempi diversi e dovrà essere concordato con il medico curante oncologo e/o chirurgo. In alcuni casi ben identificati, le attuali conoscenze scientifiche indicano di effettuare, prima dell intervento chirurgico, un trattamento chemioterapico, definito neoadiuvante, al fine di ridurre la dimensione del tumore e di rendere quindi più semplice l intervento chirurgico conservativo. 85 DOVE VIENE ESEGUITO L INTERVENTO CHIRURGICO? Il 3 livello dello screening mammografico della ASL RMC è la UOC Chirurgia Oncologica dell Ospedale S. Eugenio per il trattamento chirurgico e la UOC Oncologia Medica per il trattamento medico ma, come per gli accertamenti, se lo desidera può optare per altre strutture di sua scelta. *86-CHE COSA SI DEVE FARE DOPO L INTERVENTO CHIRURGICO? Per una valutazione complessiva della situazione e per valutare le eventuali necessità di terapie successive all intervento chirurgico, la donna viene indirizzata dal chirurgo all oncologo di riferimento. L oncologo valuta tutti gli esami ed i referti istologici verificando le dimensioni del tumore asportato, l interessamento o meno dei linfonodi, eventuali metastasi presenti (stadiazione). Dopo la visita specialistica, l oncologo propone il percorso terapeutico più idoneo alla specifica situazione. La decisione viene assunta in accordo e con il pieno consenso della donna. Il raggiungimento della piena guarigione può richiedere o meno trattamenti chemioterapici,

14 ormonoterapici, radioterapici o immunoterapici. *87-CHE COSA E LA RADIOTERAPIA? La radioterapia consiste nell uso di radiazioni ad alta energia precisamente localizzate per eliminare le cellule tumorali e danneggiare il meno possibile i tessuti sani circostanti. La radioterapia ha lo scopo di ridurre al minimo il rischio di recidive locali, ossia delle riprese del tumore dovute ad eventuali microscopici focolai tumorali residui. L irradiazione avviene, di norma, entro 12 settimane dall intervento chirurgico per le donne che non debbano eseguire chemioterapia. Per queste ultime, la radioterapia può essere effettuata al termine della chemioterapia, dato che la concomitanza di chemioterapia e radioterapia può aumentare il rischio di effetti collaterali. Le sedute radioterapiche si svolgono in regime ambulatoriale e si concludono generalmente in giorni: una seduta al giorno per cinque giorni alla settimana. Ogni seduta ha la durata di qualche minuto ed è assolutamente indolore. La radioterapia è di solito ben tollerata: può causare a volte un temporaneo arrossamento cutaneo\ (dermatite da raggi) che si risolve dopo qualche settimana e che viene trattato con apposite pomate. In caso di dermatite da raggi è opportuno evitare esposizioni al sole o a lampade, detergenti aggressivi sulla pelle, profumi alcolici e indumenti stretti. Il radioterapista fornisce le indicazioni necessarie per risolvere questo problema. *88 IN CHE COSA CONSISTE LA TERAPIA MEDICA PER IL CANCRO DELLA MAMMELLA? La terapia medica si avvale di due tipi di trattamento: la chemioterapia e la terapia ormonale. La decisione sull opportunità o meno di effettuare una terapia medica è assunta dallo specialista oncologo, assieme alla donna interessata, dopo la valutazione di alcuni fattori prognostici: la dimensione del tumore il tipo istologico: - il grado di differenziazione del tumore - la cinetica cellulare, cioè la velocità di replicazione delle cellule lo stato linfonodale (cioè se la malattia è estesa ad alcuni linfonodi ascellari) lo stato recettoriale (cioè se le cellule tumorali presentano recettori per gli ormoni femminili) lo stato di salute generale della donna Lo scopo di una terapia medica è eliminare eventuali cellule diffuse dal tumore, siano esse manifeste o meno. *89 CHE COSA E LA CHEMIOTERAPIA? La chemioterapia consiste nella somministrazione di farmaci che distruggono, con un attività tossica selettiva, le cellule tumorali. Sono tanto più efficaci quanto più è elevata la proliferazione cellulare e per questo possono purtroppo danneggiare anche i tessuti normali attivamente proliferanti (midollo osseo, cellule intestinali, bulbo pilifero, ecc.). La chemioterapia è sempre consigliabile in caso di malattia estesa ai linfonodi ascellari invece, nei casi senza interessamento dei linfonodi, si procede alla valutazione di tutte le altre caratteristiche del tumore per poi decidere la terapia più adatta. I farmaci disponibili per la chemioterapia sono numerosi: l oncologo valuta la combinazione di farmaci (il

15 regime chemioterapico) più appropriata per ogni donna. Per la somministrazione dei farmaci viene elaborato un piano di trattamento che prevede diversi cicli, il cui numero totale dipende dal tipo di tumore e dai tipi di farmaci somministrati. Tra un ciclo ed il successivo è previsto un intervallo di qualche settimana per consentire all organismo di smaltire gli eventuali effetti collaterali della chemioterapia ( riduzione dei globuli bianchi, perdita di capelli, disturbi gastrointestinali, etc.), strettamente legati al trattamento, che, nella maggioranza dei casi, si risolvono completamente al termine del trattamento. *90 CHE COSA E LA TERAPIA ORMONALE? La terapia ormonale consiste nella somministrazione di farmaci che contrastano l azione degli estrogeni sul tumore. L ormonoterapia è consigliata per le donne il cui tumore risponde alla stimolazione ormonale, in particolare degli estrogeni. Si ritiene infatti che gli estrogeni siano coinvolti nell insorgenza e nello sviluppo di almeno un terzo dei tumori della mammella. Il farmaco più utilizzato è il tamoxifen. Esso è utilizzato da molti anni perché riduce sensibilmente il pericolo di metastasi. *91-CHE COSA E LA TERAPIA IMMUNOLOGICA? Le terapie immunologiche si avvalgono dei cosiddetti anticorpi monoclonali che attaccano cellule tumorali con caratteristiche biomolecolari specifiche. 92-COME AVVERRANNO I CONTROLLI SUCCESSIVI? Ogni donna è invitata ad eseguire periodicamente controlli programmati, specifici e mirati (follow-up) presso l Unità di Oncologia dell Ospedale S. Eugenio o di sua scelta. Si definisce follow-up l insieme degli accertamenti clinici e degli esami programmati periodicamente dopo il trattamento del tumore per la verifica dello stato di salute complessivo della donna.

16 PER SAPERNE DI PIU.. PICCOLO DIZIONARIO AGOASPIRATO (o CITOASPIRATO): prelievo di cellule per mezzo di un ago sottile montato su una siringa o su un apparecchio automatico. E un esame semplice che si esegue in ambulatorio senza anestesia. BIOPSIA: prelievo di piccole quantità di tessuto per mezzo di aghi più grossi di quelli utilizzati per l agoaspirato. Si esegue in ambulatorio, in anestesia locale. CALCIFICAZIONI E MICROCALCIFICAZIONI: piccoli depositi di sali di calcio visibili con la mammografia. Sono rilevati frequentemente e spesso sono associati a patologie benigne della mammella come la mastopatia fibrocistica. Le microcalcificazioni, in base alle caratteristiche che presentano, a volte possono effettivamente costituire un reale elemento di sospetto. DIAGNOSI PRECLINICA: riconoscere la malattia prima della comparsa di sintomi e di segni evidenti. DIAGNOSI PRECOCE: riconoscere la malattia in fase iniziale. ESAME CITOLOGICO: osservazione al microscopio delle cellule prelevate con l agoaspirato. ESAME ISTOLOGICO: osservazione al microscopio di frammenti di tessuto ottenuti con la biopsia. ECOGRAFIA: metodo di indagine che utilizza gli ultrasuoni, la cui esecuzione può essere opportuna come completamento diagnostico qualora alla mammografia sia stata evidenziata una lesione o una alterazione della struttura mammaria. Permette di vedere, ad esempio, se un nodulo, rilevato con la palpazione o con la mammografia, è solido o liquido (cisti). Per eseguire l ecografia viene utilizzato un apparecchio ( ecografo ) che non usa radiazioni ma ultrasuoni. Una piccola quantità di gel favorisce il passaggio degli ultrasuoni dalla sonda alla superficie cutanea della mammella. L immagine che si ottiene viene visualizzata sul monitor dell ecografo e stampata. Durante l esame la donna è in posizione supina. L esame è indolore. Da sola, generalmente, non è sufficiente per la diagnosi precoce di cancro, è piuttosto un esame di approfondimento eseguito durante gli accertamenti per una mammografia con esito dubbio. GALATTOGRAFIA: esame che utilizza i raggi X ed un mezzo di contrasto ( un liquido visibile ai raggi X ) che viene iniettato nei piccoli canali presenti nella ghiandola mammaria ( dotti galattofori: che portano il latte ) attraverso i loro sbocchi sulla superficie del capezzolo. MASTITE: infiammazione della ghiandola mammaria che si manifesta con dolore intenso sia spontaneo che alla palpazione della mammella o di parte di essa; la pelle sovrastante è calda e arrossata, a volte c è febbre. MASTECTOMIA: asportazione chirurgica totale della mammella.

17 MASTOPATIA FIBROCISTICA: malattia della ghiandola mammaria caratterizzata dalla presenza di una eccessiva quantità di tessuto fibroso e dalla dilatazione di alcune delle strutture da cui è composta. OPACITA NODULARE: è una zona circoscritta della mammella che alla mammografia appare come un area opaca. Con gli esami di approfondimento può rivelarsi un nodulo solido o una cisti. QUADRANTECTOMIA: asportazione chirurgica del settore di mammella in cui è localizzato il tumore, corrispondente ad 1/4 della mammella, detto quadrante. RISONANZA MAGNETICA: esame che utilizza un campo magnetico. Permette di localizzare aree di neoformazione di vasi sanguigni e di indagare strutture situate più in profondità nella mammella (per esempio: può essere necessaria per esaminare la struttura di mammelle con protesi estetiche, se l ecografia da sola non è sufficiente). SENO DENSO: é una mammella in cui la ghiandola è ben rappresentata e contiene poco grasso. E più frequente nelle donne giovani e nelle donne in menopausa che fanno uso di ormoni per la terapia sostitutiva. TERAPIA ORMONALE SOSTITUTIVA (TOS oppure HRT: HORMONE REPLACEMENT THERAPY): terapia che utilizza farmaci ormonali che vengono somministrati a donne in menopausa o in perimenopausa in sostituzione degli ormoni che non vengono più prodotti fisiologicamente dall organismo o sono prodotti in minore quantità ed in modo irregolare. TUMORECTOMIA: asportazione chirurgica del solo nodulo tumorale.

18 Centri del programma di screening della ASL RMC CENTRO DI COORDINAMENTO via Monza,2 Tel.: 06/ Fax:06/ e.mail: CENTRI PER IL TEST DI 1 LIVELLO (per l esecuzione della mammografia di screening): Distretto Sanitario Presidio Integrato S. Caterina della Rosa via N. Forteguerri,4 Tel.: 06/ In questo presidio verranno chiamate le donne residenti nei Municipi 6 e 9 Centro di Senologia - U.O.C. Radiodiagnostica Ospedale S. Eugenio (ospedale nuovo, piano terra) P.le dell Umanesimo,11 tel In questo presidio verranno chiamate le donne residenti nei Municipi 11 e 12 CENTRO DI 2 LIVELLO (per gli esami di approfondimento): U.O.C Radiodiagnostica e Radiologia Interventistica Ospedale S.Eugenio P.le dell Umanesimo,11 Tel.: 06/ U.O.C Anatomia e Istologia Patologica Ospedale s.eugenio Prof. G.Santeusanio tel CENTRI DI 3 LIVELLO (per il trattamento terapeutico e il follow up): Chirurgia Oncologica Ospedale S.Eugenio UOC Oncologia Medica Ospedale S.Eugenio

Pubblicazione in collaborazione con l'azienda Unità sanitaria locale di Ravenna

Pubblicazione in collaborazione con l'azienda Unità sanitaria locale di Ravenna Coordinamento editoriale e di redazione: Marta Fin, Alba Carola Finarelli, Carlo Naldoni Redazione testi: Gianni Saguatti, Debora Canuti, Marilena Manfredi, Mario Taffurelli Grafica: Tracce, Modena Stampa:

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico*) AGGIORNATO A Novembre 2010 1. CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

E SE MI RICHIAMANO... DOPO LA MAMMOGRAFIA?

E SE MI RICHIAMANO... DOPO LA MAMMOGRAFIA? E SE MI RICHIAMANO... DOPO LA MAMMOGRAFIA? Informazioni sui percorsi di trattamento chirurgico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

.E SE MI DEVO OPERARE?

.E SE MI DEVO OPERARE? Regione Lazio A cura di: U.O.C. Screening Oncologici dell ASL Roma C, via Monza2 U.O.C. Oncologia Medica Ospedale S. Eugenio.E SE MI DEVO OPERARE? Tel. 06.51008021 fax 06.51003771 email: screening.mammografico@aslrmc.it

Dettagli

SERVIZIO DI SENOLOGIA E MAMMOGRAFIA

SERVIZIO DI SENOLOGIA E MAMMOGRAFIA SERVIZIO DI SENOLOGIA E MAMMOGRAFIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA Questo testo intende fornire in maniera semplice utili informazioni su un tema di particolare importanza

Dettagli

Screening per il tumore al seno e al collo dell utero

Screening per il tumore al seno e al collo dell utero Screening per il tumore al seno e al collo dell utero SCREENING PER LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI PRECOCE DEL TUMORE DEL SENO E DEL COLLO DELL UTERO. UN APPUNTAMENTO DA RICORDARE La Regione Valle d Aosta,

Dettagli

1IEO - Istituto Europeo di Oncologia. Il tumore al seno

1IEO - Istituto Europeo di Oncologia. Il tumore al seno la Speranza, l Amore, la cura 1 Il tumore al seno Il tumore al seno 2 Introduzione La mammella è una ghiandola con funzioni importanti: produce il latte, ma è anche un organo in cui alcuni ormoni si trasformano

Dettagli

SCREENING MAMMOGRAFICO

SCREENING MAMMOGRAFICO PROMOSSO DAL MINISTERO DELLA SALUTE E DAL COMUNE DI SEGRATE SCREENING MAMMOGRAFICO PERSONALIZZATO NELLE DONNE 40-49ENNI PREVENZIONE SECONDARIA DEL CANCRO MAMMARIO: STUDIO OSSERVAZIONALE DI FATTIBILITÀ

Dettagli

CONOSCERE 1. IL SENO COME E FATTO. Il seno è costituito da un insieme di ghiandole e tessuto adiposo ed è posto tra la pelle e la parete del torace.

CONOSCERE 1. IL SENO COME E FATTO. Il seno è costituito da un insieme di ghiandole e tessuto adiposo ed è posto tra la pelle e la parete del torace. 1. IL SENO COME E FATTO CONOSCERE Il seno è costituito da un insieme di ghiandole e tessuto adiposo ed è posto tra la pelle e la parete del torace. La ghiandola mammaria ha la funzione di produrre latte

Dettagli

Tumore al seno risposte alle domande più frequenti

Tumore al seno risposte alle domande più frequenti risposte al Un opuscolo informativo di mamazone - Alto Adige Frauen und Forschung gegen Brustkrebs Onlus Donne e ricerca contro il tumore al seno A un certo momento della nostra esistenza, perdiamo il

Dettagli

MultiMedica. Tumore al seno: il nostro percorso diagnostico terapeutico. IRCCS Istituto di Ricovero e Cura. m Istituto di Ricovero e Cura

MultiMedica. Tumore al seno: il nostro percorso diagnostico terapeutico. IRCCS Istituto di Ricovero e Cura. m Istituto di Ricovero e Cura COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE m IRCCS MultiMedica m Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300 - Sesto S. Giovanni (Mi) MultiMedica Castellanza Viale Piemonte, 70 - Castellanza

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SCREENING MAMMOGRAFICO

IL PROGRAMMA DI SCREENING MAMMOGRAFICO IL PROGRAMMA DI SCREENING MAMMOGRAFICO PROVINCIA DI VARESE Il TERRITORIO di riferimento ESTENSIONE TERRITORIALE: 1.1.99 Kmq DENSITÀ ABITATIVA: 740,39 abitanti per Kmq TOTALE COMUNI: 141 POPOLAZIONE RESIDENTE

Dettagli

ore al Tumore al seno: dalla prevenzione alla terapia

ore al Tumore al seno: dalla prevenzione alla terapia ore al Tumore al seno: dalla prevenzione alla terapia rapia RCCS ultimedica Cosa è un Centro di Senologia Il Centro di Senologia dell Ospedale MultiMedica di Castellanza è un luogo di cura studiato per

Dettagli

l'aeroporto per la salute delle donne. Progetto di diagnosi precoce della patologia mammaria

l'aeroporto per la salute delle donne. Progetto di diagnosi precoce della patologia mammaria l'aeroporto per la salute delle donne. Progetto di diagnosi precoce della patologia mammaria Introduzione Tu Donna, sai bene quante ansie o dubbi ti assalgono nel momento in cui decidi di sottoporti ad

Dettagli

ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente

ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente diagnosi differenziale: carcinoma della mammella sono elementi di sospetto: monolateralità, rapido sviluppo Primitiva: puberale,

Dettagli

LA PREVENZIONE SENOLOGICA A TUTTE LE ETÀ

LA PREVENZIONE SENOLOGICA A TUTTE LE ETÀ LA PREVENZIONE SENOLOGICA A TUTTE LE ETÀ 1 2 3 SOMMARIO 3 Il tumore della mammella: dati epidemiologici 4 I fattori di rischio 6 I sintomi 7 La prevenzione 12 La terapia e la prognosi 15 Domande&Risposte

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Direzione Sanitaria PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Il carcinoma della mammella rappresenta la neoplasia più frequente nel sesso femminile, in tutte le fasce

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI A CURA DI Centro screening - Dipartimento di Sanità Pubblica Programma Screening per la prevenzione dei tumori-direzione Sanitaria AUSL Bologna I tumori rappresentano

Dettagli

Le proponiamo un appuntamento per il giorno alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via , Roma

Le proponiamo un appuntamento per il giorno <gg/mm/aaa> alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via <indirizzo>, Roma La Regione Lazio e la ASL Roma XY La invitano a partecipare ad un programma di prevenzione del tumore del collo dell utero rivolto alle donne di età compresa fra i 25 e 64 anni. Il programma ha lo scopo

Dettagli

IL TUMORE DELLA PROSTATA

IL TUMORE DELLA PROSTATA IL TUMORE DELLA PROSTATA Dott. CARMINE DI PALMA Andrologia, Urologia, Chirurgia Andrologica e Urologica, Ecografia Che cos è il cancro della prostata? Cancro significa crescita incontrollata di cellule

Dettagli

Unità Multidisciplinare di Senologia. Dedicato a te, donna. Percorso Senologico. con la collaborazione dell'associazione

Unità Multidisciplinare di Senologia. Dedicato a te, donna. Percorso Senologico. con la collaborazione dell'associazione Percorso Senologico Dedicato a te, donna Unità Multidisciplinare di Senologia con la collaborazione dell'associazione Percorso Senologico dedicato a te, donna Percorso senologico E' un percorso di accoglienza

Dettagli

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO Combattere i tumori è possibile. Prima di tutto prevenendone la comparsa attraverso la riduzione dei fattori di rischio, adottando stili di vita sani come evitare il

Dettagli

tumore della mammella: una risposta alle domande più frequenti della paziente. Collana per saperne di più

tumore della mammella: una risposta alle domande più frequenti della paziente. Collana per saperne di più tumore della mammella: una risposta alle domande più frequenti della paziente. Collana per saperne di più Cos è la mammella? La mammella è una ghiandola esocrina, la cui funzione è quella di produrre il

Dettagli

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno A PESCARA NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno LILT La LILT è l unico ente pubblico su base associativa impegnato nella lotta contro i tumori dal 1922 e operante sul territorio

Dettagli

SCREENING MAMMOGRAFICO

SCREENING MAMMOGRAFICO Informazioni sullo SCREENING MAMMOGRAFICO Programma per la diagnosi precoce del tumore al seno per le donne tra i 50 e i 69 anni 1 PERCHÉ MI VIENE OFFERTA UNA MAMMOGRAFIA? Se ha un età compresa tra i 50

Dettagli

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING Relatore: Brunella Spadafora Epidemiologia e prevenzione dei tumori maligni I tumori nel loro insieme, costituiscono la seconda causa di morte,

Dettagli

Neoplasie della mammella - 1

Neoplasie della mammella - 1 Neoplasie della mammella - 1 Patologia mammaria FIBROADENOMA CISTI ASCESSO ALTERAZIONI FIBROCISTICHE NEOPLASIA NEOPLASIA RETRAZIONE CUTANEA Carcinoma mammario Incidenza per 100.000 donne Western Europe

Dettagli

Sommario. 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso. PERCORSO Codice DVA 09 Rif. P 01. Pag.

Sommario. 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso. PERCORSO Codice DVA 09 Rif. P 01. Pag. Rif. P 01 Pag. 1 Sommario 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso REVISIONI N REV. DATA STESURA DESCRIZIONE Rif. PARAGR. Rif. PAGINA 00 20/10/2009 Prima emissione

Dettagli

RASSEGNA STAMPA martedì 9 dicembre 2014

RASSEGNA STAMPA martedì 9 dicembre 2014 RASSEGNA STAMPA martedì 9 dicembre 2014 02/12/2014 - TUMORE DEL SENO E DELLA TIROIDE, CONVEGNO GIOVEDÌ IN CHIESA Campobasso. Giovedì 4 dicembre alle 18 e 30 nella chiesa di S.Antonio Abate, a Campobasso,

Dettagli

CAMPAGNA NASTRO ROSA PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE AL SENO LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI

CAMPAGNA NASTRO ROSA PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE AL SENO LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI CAMPAGNA NASTRO ROSA PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE AL SENO CAMPAGNA NASTRO ROSA La Campagna Nastro Rosa, ideata nel 1989 negli Stati Uniti da Evelyn Lauder, Presidente di Estée Lauder Companies, nasce

Dettagli

SCREENING MAMMOGRAFICO

SCREENING MAMMOGRAFICO Informazioni sullo SCREENING MAMMOGRAFICO Programma per la diagnosi precoce del carcinoma mammario per donne d età fra i 50 e i 69 anni 1 DI CHE COSA SI TRATTA? Unitamente all invito per lo screening mammografico,

Dettagli

Cancro del seno. Cause. Sintomi. Diagnosi. Terapia. Prognosi. Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro

Cancro del seno. Cause. Sintomi. Diagnosi. Terapia. Prognosi. Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro Cancro del seno Cause Sintomi Diagnosi Terapia Prognosi Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro Cancro del seno (carcinoma della mammella) Il cancro del seno è una neoplasia maligna originata

Dettagli

IL CANCRO DELLA MAMMELLA

IL CANCRO DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA IL CANCRO DELLA MAMMELLA In Italia si verificano 40.000 nuovi casi di Carcinoma Mammario (CM) all anno L incidenza è più alta al Nord, intermedia al Centro e bassa al Sud con un incidenza

Dettagli

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Informazione per pazienti Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Questo opuscolo è stato realizzato per fornire alcune utili informazioni sul percorso seguito

Dettagli

SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Il tumore della mammella è il più frequente nella popolazione femminile. E asintomatico per un lungo periodo di tempo; la tempestività della diagnosi e della terapia

Dettagli

Percorso Clinico-Assistenziale della Paziente con Tumore della Mammella

Percorso Clinico-Assistenziale della Paziente con Tumore della Mammella DIPARTIMENTO EMATOLOGIA, ONCOLOGIA E MEDICINA DI LABORATORIO - DIRETTORE: PROF. F.W. GRIGIONI DIPARTIMENTO EMERGENZA/URGENZA, CHIRURGIA GENERALE E DEI TRAPIANTI - DIRETTORE: PROF. A.D. PINNA DIPARTIMENTO

Dettagli

PREVENZIONE: Tumori del Seno

PREVENZIONE: Tumori del Seno PREVENZIONE: Tumori del Seno Francesco Paolo Pantano (Chirurgo Oncologo) Il tumore al seno rappresenta il 27% dei tumori del sesso femminile. Ogni anno vi sono circa 36.000 nuovi casi distribuiti nelle

Dettagli

RADIOTERAPIA INFORMAZIONI

RADIOTERAPIA INFORMAZIONI RADIOTERAPIA INFORMAZIONI Lo scopo di questo opuscolo è fornire al paziente e ai familiari alcune semplici informazioni per conoscere meglio la radioterapia e affrontare il trattamento nel modo più sereno

Dettagli

possibile La prevenzione LA SALUTE Seno: i progressi scientifici non bastano senza una cultura della prevenzione obiettivo sicurezza

possibile La prevenzione LA SALUTE Seno: i progressi scientifici non bastano senza una cultura della prevenzione obiettivo sicurezza a cura di Pompeo Pindozzi LA La prevenzione possibile Seno: i progressi scientifici non bastano senza una cultura della prevenzione Dopo i 25 anni Tra i 25 e i 40 anni Verso i 40 anni Dopo i 40 anni La

Dettagli

Per vincere la paura del tumore al seno. Pianeta Donna

Per vincere la paura del tumore al seno. Pianeta Donna POLIAMBULATORIO Per vincere la paura del tumore al seno Pianeta Donna DIAGNOSTICA FISIOTERAPIA RADIOLOGIA Pianeta Donna Iter senologico preventivo-diagnostico, terapeutico e riabilitativo del tumore al

Dettagli

Imaging in Senologia. Venezia-Mestre, 21.4.2015. Ulss 12 Radiologia Venezia

Imaging in Senologia. Venezia-Mestre, 21.4.2015. Ulss 12 Radiologia Venezia Imaging in Senologia Paolo Sartori Direttore UOC Radiologia Ospedale SS Giovanni e Paolo - Venezia 335 7067283 paolo.sartori@ulss12.ve.it Presidente Nazionale SNR Presidente Sezione Gestione Risorse Società

Dettagli

CONSULTORIO FAMILIARE VENOSA PROGETTO VENERE

CONSULTORIO FAMILIARE VENOSA PROGETTO VENERE CONSULTORIO FAMILIARE VENOSA PROGETTO VENERE Screening senologico INTRODUZIONE Il Progetto Venere nasce quale attenzione alla salute della donna in tutte le sue fasi ed età ed è il prosieguo di una collaborazione

Dettagli

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia 11 Incontro di Oncologia ed Ematologia Sestri Levante, 18 maggio 2013 Maria Sironi C è ancora un ruolo per la citologia da agoaspirato con ago sottile nella diagnostica dei noduli mammari? 1 mm Quali tecniche

Dettagli

Il melanoma: diagnosi e trattamento. Informazioni per pazienti. Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Dermatologia

Il melanoma: diagnosi e trattamento. Informazioni per pazienti. Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Dermatologia Il melanoma: Informazioni per pazienti diagnosi e trattamento Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Dermatologia Dott. Giuseppe Albertini - Direttore Gentile Signora/e, in questo opuscolo

Dettagli

Regione Toscana e ASL 1 di Massa e Carrara Servizio Sanitario della Toscana Liceo Artistico Statale Artemisia Gentileschi Progetto per migliorare l informazione ed il rapporto con i cittadini, attuato

Dettagli

GLOSSARIO DEI TERMINI Interventi e trattamenti

GLOSSARIO DEI TERMINI Interventi e trattamenti GLOSSARIO DEI TERMINI Interventi e trattamenti A cura del D r.g.antonini RIASSUNTO Questo capitolo tratta in maniera semplice e comprensibile i termini utilizzati dai medici, spiegando sommariamente il

Dettagli

PINK TUMORE AL SENO. Per sconfiggerlo scegli la prevenzione e sostieni la ricerca. IS GOOD

PINK TUMORE AL SENO. Per sconfiggerlo scegli la prevenzione e sostieni la ricerca. IS GOOD UN PROGETTO DI FONDAZIONE UMBERTO VERONESI TUMORE AL SENO PINK IS GOOD TUMORE AL SENO. Per sconfiggerlo scegli la prevenzione e sostieni la ricerca. I NUMERI OLTRE 48 mila OGNI ANNO IL NUMERO DELLE DONNE

Dettagli

PERCORSO CLINICO PER CASI CHE NECESSITANO DI UN TRATTAMENTO CHIRURGICO (III LIVELLO)... 5

PERCORSO CLINICO PER CASI CHE NECESSITANO DI UN TRATTAMENTO CHIRURGICO (III LIVELLO)... 5 AZIENDA SANITARIA LOCALE ROMA F Via Terme di Traiano 39/A - 00053 Civitavecchia (RM) www.aslrmf.it P.E.C.: protocollo@pec.aslrmf.it aggiornata al 13 novembre 2015 1 Sommario INTRODUZIONE... 3 1) FATTORI

Dettagli

Titolo del progetto AMAZZONE (Esperienza dell Ambulatorio di Senologia: dieci anni di prevenzione, diagnosi e cura)

Titolo del progetto AMAZZONE (Esperienza dell Ambulatorio di Senologia: dieci anni di prevenzione, diagnosi e cura) Titolo del progetto AMAZZONE (Esperienza dell Ambulatorio di Senologia: dieci anni di prevenzione, diagnosi e cura) Aree di intervento Decentramento amministrativo Semplificazione amministrativa Miglioramento

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI - INDAGINI DIAGNOSTICHE

INFORMAZIONI GENERALI - INDAGINI DIAGNOSTICHE INFORMAZIONI GENERALI - INDAGINI DIAGNOSTICHE A cura del Dr.G.Antonini RIASSUNTO In questo capitolo sarà trattato in maniera sintetica lo stato dell arte delle indagini diagnostiche impiegate per lo studio

Dettagli

Cancro. Ecco i 3 screening salva vita.

Cancro. Ecco i 3 screening salva vita. Cancro. Ecco i 3 screening salva vita. Come tenersi aggiornati sui test offerti dal Ssn per il tumore del seno, della cervice uterina e del colon retto. Il vademecum del ministero Il ministero della Salute

Dettagli

tumore al seno Ciss Consorzio intercomunale per i servizi socio sanitari

tumore al seno Ciss Consorzio intercomunale per i servizi socio sanitari tumore al seno Ciss Consorzio intercomunale per i servizi socio sanitari Il Ciss, Consorzio Intercomunale per i Servizi Socio Sanitari, ha un ruolo strategico all interno dei Comuni associati, poiché attraverso

Dettagli

GRUPPO INTEGRATO OSPEDALE TERRITORIO (D.G.R. N. 3535/2004) Raggruppamenti di Attesa Omogenei RADIOLOGIA

GRUPPO INTEGRATO OSPEDALE TERRITORIO (D.G.R. N. 3535/2004) Raggruppamenti di Attesa Omogenei RADIOLOGIA GRPPO INTEGRATO OSPEDALE TERRITORIO (D.G.R. N. 3535/2004) Raggruppamenti di Attesa Omogenei RADIOLOGIA ECOGRAFIA ADDOME SPERIORE NELL ADLTO 3 gg Colica reno-ureterale. Macroematuria Colica biliare con

Dettagli

IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO

IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO In tutto il mondo il carcinoma della mammella è il tumore più frequente nella popolazione femminile, sia per incidenza sia per mortalità. L Organizzazione Mondiale della

Dettagli

Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia

Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia Complessità Sistema Sanitario e Sociosanitario Natura delle patologie stadio ed evoluzione necessità assistenziali Domanda popolazione che esprime

Dettagli

Il Tumore al seno Saperne di più

Il Tumore al seno Saperne di più Il Tumore al seno Saperne di più Il seno è un insieme di ghiandole e tessuto adiposo. Le strutture ghiandolari sono unite tra loro a formare un lobo. In un seno ci sono tra 15 e 20 lobi. Il latte giunge

Dettagli

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea.

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. 8 maggio2014 Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. Aiutaci ad abbattere il muro del silenzio Ognuno di noi ha una donna che ama e che ci ama: una mamma,

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. La guida rosa per la prevenzione. screening femminile. Programma di screening dei tumori femminili

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. La guida rosa per la prevenzione. screening femminile. Programma di screening dei tumori femminili LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA La guida rosa per la prevenzione dei tumori femminili screening femminile prevenzione del tumore del collo dell utero Ogni donna residente fra i 25 e i 64 anni ha

Dettagli

SENOLOGIA: un percorso completo di prevenzione, diagnosi e cura

SENOLOGIA: un percorso completo di prevenzione, diagnosi e cura SENOLOGIA: un percorso completo di prevenzione, diagnosi e cura G. B. Mangioni Lecco Sistema Sanitario UN PERCORSO DEDICATO PER IL TUMORE AL SENO Il tumore al seno, la neoplasia più frequente nella donna,

Dettagli

Cos'è il tumore al seno

Cos'è il tumore al seno Cos'è il tumore al seno Il seno è costituito da un insieme di ghiandole e tessuto adiposo ed è posto tra la pelle e la parete del torace. In realtà non è una ghiandola sola, ma un insieme di strutture

Dettagli

www.italyontheroad.it

www.italyontheroad.it www.italyontheroad.it PREVENTION BREAST S CANCER PREVENZIONE DEL CANCRO AL SENO Informazioni generali e consigli. DIRITTO ALLA SALUTE PER TUTTE LE DONNE: partecipa ai programmi di prevenzione gratuiti

Dettagli

La mammografia compare, come tecnica diagnostica, intorno al 1930, e i suoi padri possono

La mammografia compare, come tecnica diagnostica, intorno al 1930, e i suoi padri possono La mammografia La mammografia compare, come tecnica diagnostica, intorno al 1930, e i suoi padri possono essere considerati A. Salomon e Stafford L. Warren; all epoca la donna che si sottoponeva a questo

Dettagli

N u o v o P r o g r a m m a d i S c r e e n i n g 2 0 1 4 - S e n o l o g i a D i a g n o s t i c a -

N u o v o P r o g r a m m a d i S c r e e n i n g 2 0 1 4 - S e n o l o g i a D i a g n o s t i c a - N u o v o P r o g r a m m a d i S c r e e n i n g 2 0 1 4 - S e n o l o g i a D i a g n o s t i c a - Di seguito si intende riportare, in sequenza non ordinata, i vari elementi che incidono sul primo approccio

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SCREENING COLON RETTALE

IL PROGRAMMA DI SCREENING COLON RETTALE IL PROGRAMMA DI SCREENING COLON RETTALE TERRITORIO di riferimento PROVINCIA DI VARESE ESTENSIONE TERRITORIALE: 1.199 Kmq DENSITÀ ABITATIVA: 744,48 abitanti per Kmq (01/01/2015) TOTALE COMUNI: 139 POPOLAZIONE

Dettagli

AGOASPIRATO ECO-GUIDATO DI TESSUTI E ORGANI SUPERFICIALI

AGOASPIRATO ECO-GUIDATO DI TESSUTI E ORGANI SUPERFICIALI AGOASPIRATO ECO-GUIDATO DI TESSUTI E ORGANI SUPERFICIALI Data di acquisizione: 1 - Generalità del Paziente Cognome Nome Data di nascita Etichetta Paziente 2 - Quale procedura mi viene proposta? La presente

Dettagli

PREVENZIONE E DIAGNOSI PRECOCE DEL MELANOMA

PREVENZIONE E DIAGNOSI PRECOCE DEL MELANOMA PREVENZIONE E DIAGNOSI PRECOCE DEL MELANOMA Il Melanoma è un tumore maligno della pelle che può insorgere su un neo preesistente o su una cute sana. In Italia, negli ultimi anni si è registrato un rapido

Dettagli

CARCINOMA MAMMARIO: terapia chirurgica. Dott. Luca Rotunno

CARCINOMA MAMMARIO: terapia chirurgica. Dott. Luca Rotunno CARCINOMA MAMMARIO: terapia chirurgica Dott. Luca Rotunno LE DONNE VANNO INFORMATE SU: Scopi della terapia chirurgica. Possibili opzioni (chirurgia conservativa-demolitiva demolitiva- ricostruttiva). Vantaggi

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SCREENING REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLLO DELL'UTERO

IL PROGRAMMA DI SCREENING REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLLO DELL'UTERO SCREENING DEL TUMORE DEL COLLO DELL'UTERO IL TUMORE DEL COLLO DELL UTERO Il tumore del collo dell utero (o della cervice) è uno dei tumori più frequenti nella donna. In Italia ogni anno ci sono 3.500 nuovi

Dettagli

ore al Tumore al seno: dalla prevenzione alla terapia Senologia ultimedica

ore al Tumore al seno: dalla prevenzione alla terapia Senologia ultimedica ore al Tumore al seno: dalla prevenzione alla terapia rapia ruppo Senologia ultimedica Dove siamo Sede di Milano Sede di Sesto San Giovanni Ospedale San Giuseppe IRCCS MultiMedica Via San Vittore, 12 -

Dettagli

Il Punto Senologico. Dott.ssa Elda Longhitano. 25 settembre 2009. Direttore di Presidio Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena

Il Punto Senologico. Dott.ssa Elda Longhitano. 25 settembre 2009. Direttore di Presidio Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena Il Punto Senologico Dott.ssa Elda Longhitano Direttore di Presidio Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena 25 settembre 2009 XIII Conferenza Nazionale della Rete HPH Ospedali e Servizi

Dettagli

Programma di screening per la diagnosi precoce del carcinoma mammario (cancro al seno) per le donne in età compresa tra i 50 e i 69 anni

Programma di screening per la diagnosi precoce del carcinoma mammario (cancro al seno) per le donne in età compresa tra i 50 e i 69 anni Programma di screening per la diagnosi precoce del carcinoma mammario (cancro al seno) per le donne in età compresa tra i 50 e i 69 anni Troverete questo opuscolo esplicativo in allegato all invito personale

Dettagli

Sviluppo di un tumore

Sviluppo di un tumore TUMORI I tumori Si tratta di diversi tipi di malattie, che hanno cause diverse e che colpiscono organi e tessuti differenti Caratteristica di tutti i tumori è la proliferazione incontrollata di cellule

Dettagli

L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA:

L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: LO SCREENING DEL CANCRO COLON-RETTALE AIGO PER I PAZIENTI: INFORMAZIONE SANITARIA A CURA DELLE COMMISSIONI AIGO

Dettagli

Analisi organizzativa

Analisi organizzativa Dott.ssa Cristina Nicolai Responsabile Organizzativa Screening Analisi organizzativa Revisione 05/04/2011 Revisione gennaio 2015 Massa Carrara, 9/07/2009 Protocollo organizzativo Mammografia Screening

Dettagli

Gentile signora, Carlo Lusenti

Gentile signora, Carlo Lusenti Gentile signora, I programmi di screening per la prevenzione e la diagnosi precoce dei tumori della mammella e del collo dell utero sono in corso nella nostra regione dal 1996, rappresentando un elemento

Dettagli

Centro di Prevenzione Oncologica

Centro di Prevenzione Oncologica Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Oncoematologico Centro di Prevenzione Oncologica Guida ai Servizi Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Oncoematologico Centro di Prevenzione Oncologica

Dettagli

La prevenzione in oncologia: considerazioni per il medico di famiglia

La prevenzione in oncologia: considerazioni per il medico di famiglia La prevenzione in oncologia: considerazioni per il medico di famiglia Negli ultimi anni nel campo della prevenzione in oncologia si è verificato un processo di profonda maturazione e sviluppo, che ha migliorato

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

opuscolo_2015_2.indd 1 31/08/15 12:49

opuscolo_2015_2.indd 1 31/08/15 12:49 opuscolo_2015_2.indd 1 31/08/15 12:49 opuscolo_2015_2.indd 2 31/08/15 12:49 Indice Lettera del Presidente Prefazione del Ministro della Salute La mammella Conoscere il tumore al seno Il cancro al seno

Dettagli

LE MASTOPLASTICHE E GLI INTERVENTI DI SIMMETRIZZAZIONE CONTROLATERALI ALLA RICOSTRUZIONE POSSONO OSTACOLARE L IMAGING NEL FOLLOW UP?

LE MASTOPLASTICHE E GLI INTERVENTI DI SIMMETRIZZAZIONE CONTROLATERALI ALLA RICOSTRUZIONE POSSONO OSTACOLARE L IMAGING NEL FOLLOW UP? LE MASTOPLASTICHE E GLI INTERVENTI DI SIMMETRIZZAZIONE CONTROLATERALI ALLA RICOSTRUZIONE POSSONO OSTACOLARE L IMAGING NEL FOLLOW UP? Carlo Alberto Mori Dipartimento di Diagnostica per Immagini Azienda

Dettagli

OBIETTIVO SCONFIGGERE IL TUMORE CON LA PREVENZIONE SI PUÒ...PASSAPAROLA FRANCESCA SENETTE

OBIETTIVO SCONFIGGERE IL TUMORE CON LA PREVENZIONE SI PUÒ...PASSAPAROLA FRANCESCA SENETTE OBIETTIVO SCONFIGGERE IL TUMORE CON LA PREVENZIONE SI PUÒ...PASSAPAROLA FRANCESCA SENETTE AMBULATORIO DI SENOLOGIA PRESIDIO OSPEDALIERO DI TERAMO 15 e 29 OTTOBRE ORE 15:00-20:00 Testo a cura dell Area

Dettagli

nastro rosa Ministero della Salute Sconfiggiamo il tumore al seno. SIAMO PIÙ FORTI INSIEME. www.lilt.it

nastro rosa Ministero della Salute Sconfiggiamo il tumore al seno. SIAMO PIÙ FORTI INSIEME. www.lilt.it SOTTO L ALTO PATRONATO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Con il Patrocinio di Ministero della Salute Sconfiggiamo il tumore al seno. SIAMO PIÙ FORTI INSIEME. Margherita Buy per LILT Foto: Francesca Moscheni

Dettagli

La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo).

La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo). COS'È IL TUMORE ALLA TIROIDE La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo). Ha la forma di una farfalla con le due ali poste ai lati della

Dettagli

Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale - Mammella

Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale - Mammella Opuscolo informativo Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale PDTA Mammella 1 Gentilissima Signora, lei è stata invitata ad eseguire esami di accertamento perché dopo aver visto l ultima mammografia

Dettagli

Azienda USL di Modena Direzione Sanitaria Ospedale di Carpi Breast Unit

Azienda USL di Modena Direzione Sanitaria Ospedale di Carpi Breast Unit FORUMPA SANITA' 2001 Azienda USL di Modena Direzione Sanitaria Ospedale di Carpi Breast Unit Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: Breast Unit Amministrazione proponente: Azienda USL di Modena Unità

Dettagli

A CURA DEL DOTT. GUARDO S. RAUL

A CURA DEL DOTT. GUARDO S. RAUL A CURA DEL DOTT. GUARDO S. RAUL ONLUS (D.Lgs. 460/97) 1 Tumore al seno A cura del dott. Raul Guardo Salinas Conoscere meglio il seno Il seno è costituito da un insieme di ghiandole e tessuto adiposo ed

Dettagli

Tumori ossei. Cause. Sintomi. Diagnosi. Terapia. Prognosi. Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro

Tumori ossei. Cause. Sintomi. Diagnosi. Terapia. Prognosi. Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro Tumori ossei Cause Sintomi Diagnosi Terapia Prognosi Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro Tumori ossei I tumori ossei si formano quasi sempre all'interno di un osso e solo molto raramente

Dettagli

LAB-NEWS Anno 1 n 6 Giugno 2006

LAB-NEWS Anno 1 n 6 Giugno 2006 1 IL CARCINOMA DELLA PROSTATA Il carcinoma della prostata rappresenta una grave questione di sanità pubblica e la sua incidenza è destinata ad aumentare nei prossimi anni, a causa del costante aumento

Dettagli

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo?

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo? Società Italiana di Endocrinologia Le informazioni presenti sul sito non intendono sostituire il programma diagnostico, il parere ed il trattamento consigliato dal vostro medico. Poiché non esistono mai

Dettagli

Prefazione pag. 3. Cos'è il tumore della mammella? pag. 4. Quali sono i principali fattori di rischio? pag. 5

Prefazione pag. 3. Cos'è il tumore della mammella? pag. 4. Quali sono i principali fattori di rischio? pag. 5 Indice Prefazione pag. 3 Cos'è il tumore della mammella? pag. 4 Quali sono i principali fattori di rischio? pag. 5 È possibile prevenire il tumore della mammella? pag. 8 Quali sono i segni che devono indurre

Dettagli

NODULO MAMMELLA. Ermanno Rondini IRCCS - ASMN Reggio Emilia DIVISIONE di ONCOLOGIA 23-09 - 11

NODULO MAMMELLA. Ermanno Rondini IRCCS - ASMN Reggio Emilia DIVISIONE di ONCOLOGIA 23-09 - 11 NODULO MAMMELLA Ermanno Rondini IRCCS - ASMN Reggio Emilia DIVISIONE di ONCOLOGIA 23-09 - 11 Anamnesi essenziale fattori di rischio Numero dei familiari con CM o CO Storia di precedente neoplasia mammaria

Dettagli

Perché mi devo sottoporre ad intervento di chirurgia mammaria?

Perché mi devo sottoporre ad intervento di chirurgia mammaria? Dir. Gen. e Sede Amm.va: Ospedale Policlinico Via Brunamonti, 51 06122 Perugia Sede Legale: Ospedale Silvestrini S. Andrea delle Fratte 06156 PERUGIA Partita IVA 02101050546 DIPARTIMENTO DI SCIENZE CHIRURGICHE

Dettagli

INDICE. Lettera del Presidente 4 Prefazione del Ministro della Salute 6. La mammella 8

INDICE. Lettera del Presidente 4 Prefazione del Ministro della Salute 6. La mammella 8 1 INDICE Lettera del Presidente 4 Prefazione del Ministro della Salute 6 La mammella 8 Conoscere il tumore al seno 9 Il cancro al seno 9 Le lesioni preneoplastiche 11 E possibile prevenire il tumore della

Dettagli

Gentile signora, Giovanni Bissoni Assessore alle politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna

Gentile signora, Giovanni Bissoni Assessore alle politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna Gentile signora, dal 1 gennaio 2010 in Emilia Romagna il programma di screening per la diagnosi precoce dei tumori della mammella è esteso a tutte le donne dai 45 ai 74 anni. La Giunta regionale ha preso

Dettagli

FIBROADENOMA. Che cosa è un Fibroadenoma?

FIBROADENOMA. Che cosa è un Fibroadenoma? FIBROADENOMA Che cosa è un Fibroadenoma? Il fibroadenoma è un tumore benigno che si forma più frequentemente negli anni in cui la donna è fertile; si riscontra nel 25 % donne asintomatiche. Due i tipi

Dettagli

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA 1. Background Epidemiologico Il tumore della mammella, all interno del gruppo delle malattie neoplastiche, rappresenta di gran lunga il

Dettagli

05/02/2015. Malattie della mammella. Roberto Caronna. roberto.caronna@uniroma1.it. Richiami di Anatomia

05/02/2015. Malattie della mammella. Roberto Caronna. roberto.caronna@uniroma1.it. Richiami di Anatomia Dipartimento di Scienze Chirurgiche Sezione di Chirurgia Interdisciplinare «F. Durante» UOC di Chirurgia Generale N Corso di Laurea Infermieristica J Malattie della mammella Roberto Caronna roberto.caronna@uniroma1.it

Dettagli