LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC"

Transcript

1 LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio CHE COSA E UN PROGRAMMA DI SCREENING? E un intervento sanitario organizzato che si attua su una popolazione sana, o apparentemente sana, ritenuta a rischio di sviluppare una malattia, se è dimostrato che anticipare la diagnosi modifica in positivo la storia naturale di quella malattia. Vengono offerti, gratuitamente, un test di 1 livello (test di screening ) e, se necessario, anche esami di approfondimento (2 livello) ed eventuali trattamenti. Il programma di screening è, quindi, una complessiva presa in carico della persona, per tutto l iter diagnostico-terapeutico, da parte dell istituzione che propone di sottoporsi al test. 2-PERCHE SI ATTUA UN PROGRAMMA DI SCREENING? Per diagnosticare precocemente una malattia quando è in fase iniziale e, comunque, prima della comparsa dei sintomi e per avviare tempestivamente il trattamento terapeutico, se è dimostrato che ciò ridurrà l incidenza e/o la mortalità per quella malattia. La diagnosi precoce permette una terapia meno invasiva e spesso anche di ottenere la guarigione completa. 3-PERCHÉ LO SCREENING MAMMOGRAFICO? a) Perché il carcinoma della mammella è un tumore per il quale è possibile fare la diagnosi precoce. b) Perché la diagnosi precoce di questo tumore permette di impostare un programma terapeutico che può portare alla guarigione completa. c) Perché il carcinoma della mammella è la prima causa di morte per la donna. In Italia, ogni anno, si registrano circa nuovi casi e oltre donne muoiono per questo tumore e, a tutt oggi, non sono conosciute cause certe prevenibili del tumore della mammella. *4-QUALI SONO I FATTORI DI RISCHIO PER IL TUMORE DELLA MAMMELLA? Avere più di 50 anni Avere in famiglia casi di tumore alla mammella Avere già avuto un carcinoma della mammella Non avere avuto figli Prima gravidanza dopo i 30 anni di età Età della prima mestruazione anticipata Menopausa tardiva Obesità Vita sedentaria Consumo eccessivo di alcool Anche una dieta povera di frutta, verdura cruda, cereali integrali, legumi, vitamine A, E, D e Calcio, ricca di grassi di origine animale e zuccheri semplici, sembra rappresentare un fattore di rischio.

2 L INVITO 5-PERCHE CHIAMATE DAI 50 AI 69 ANNI? Perché il rischio di ammalarsi di tumore della mammella aumenta con l età. In questa fascia di età il test di screening (la mammografia), fatto ogni due anni, è sufficiente per la diagnosi precoce, pertanto risulta positivo il bilancio tra benefici e costi sia individuali che per la collettività. La diagnosi precoce del tumore permette una riduzione della mortalità di circa il 35%. *6-CHE COSA DEBBO FARE PRIMA DEI 50 ANNI? E opportuno rivolgersi al proprio medico o al Consultorio Familiare di riferimento. Nelle donne più giovani il bilancio tra vantaggi e svantaggi, anche in termini economici, e meno favorevole: a)perché è possibile che un solo test non sia sufficiente per le caratteristiche proprie della mammella a questa età b)perché i controlli devono essere più ravvicinati c) perché la malattia è meno frequente. Le linee guida del Ministero della Salute (nov. 2006) raccomandano di eseguire una mammografia ogni mesi alle donne tra i 40 e i 49 anni. La legge 388/2000 art. 85 comma 4 riportata nella Finanziaria del 2001 dispone l esenzione dal pagamento del ticket per una mammografia ogni due anni per le donne dai 45 ai 69 anni, per favorire l accesso spontaneo dove lo screening non è ancora attivo. *7-CHE COSA DEBBO FARE DOPO I 69 ANNI? Le donne tra i 70 e i 74 anni possono, comunque, beneficiare dell esenzione dal ticket per reddito e per età. Si sta valutando la possibilità di estendere lo screening mammografico alla fascia di età compresa tra 70 e 74 anni (visto l aumento dell aspettativa di vita delle donne). A questa età il test di screening (la mammografia) ha una maggiore sensibilità e la durata della fase preclinica e maggiore, dati che aumentano le possibilità di una diagnosi anticipata. Queste valutazioni sono però condizionate dalle risorse economiche disponibili (personale, strutture etc.) 8-POSSO ADERIRE AL PROGRAMMA DI SCREENING SE SONO STRANIERA NON IN REGOLA CON IL PERMESSO DI SOGGIORNO? Si, se in possesso del tesserino STP (Straniera Temporaneamente Presente), se in fascia di età da 50 a 69 anni e se domiciliata in uno dei Municipi della ASL RMC. Per ottenere il tesserino STP deve rivolgersi all ufficio preposto nel distretto del Municipio di appartenenza. Intanto si può prenotare ma, al momento dell esame, è necessario esibire il tesserino.

3 9-POSSO ADERIRE AL PROGRAMMA DI SCREENING SE NON SONO RESIDENTE? Ogni donna può essere chiamata nel luogo di residenza perché il programma di screening dovrebbe essere attivo in tutta Italia. Se nella sua ASL di residenza non è ancora attivo, le ricordiamo che la Finanziaria del 2001 dispone l esenzione dal pagamento del ticket per una mammografia ogni due anni, alle donne da 45 a 69 anni, ovunque questa venga effettuata. Le donne non residenti possono aderire al programma di screening se sono solo domiciliate ma in attesa di cambio di residenza oppure se non vivono nel luogo di residenza per motivi di lavoro, studio,etc. *10-SONO STATA OPERATA PER CANCRO ALLA MAMMELLA, POSSO RISPONDERE ALL INVITO? Se non è seguita dalla struttura dove è stata operata o dove ha effettuato la terapia, verrà prenotata direttamente al 2 livello, presso l Ambulatorio di Radiologia dell Ospedale S. Eugenio, dove eseguirà la mammografia ed eventuali altri accertamenti e poi indirizzata all Ambulatorio di Oncologia Medica dell Ospedale S. Eugenio. E opportuno che porti con sé la cartella clinica del suo ricovero, qualora ne sia in possesso. 11-PERCHE DEBBO FARE LA MAMMOGRAFIA ANCHE SE MI SENTO BENE? Perché il test di screening si attua sulla popolazione sana o apparentemente sana per avere la conferma del proprio stato di benessere o per scoprire la malattia, qualora presente, prima che manifesti qualsiasi sintomo. 12-OGNI QUANTO TEMPO SI DEVE RIPETERE? Ogni due anni. 13-PERCHE L INTERVALLO E COSI LUNGO? Studi scientifici hanno dimostrato che un intervallo più breve non ha un effetto significativo sulla riduzione della mortalità in questa fascia di età. 14-PERCHE L INTERVALLO E COSI BREVE? Un intervallo più lungo di due anni renderebbe più tardiva la diagnosi di un tumore che potrebbe insorgere successivamente. *15-PUO UNA MAMMOGRAFIA NON EVIDENZIARE UN TUMORE? E raro ma è possibile per le seguenti ragioni: a) per difficoltà di interpretazione dovute alle caratteristiche del tessuto della mammella b) perché la lesione è talmente piccola da non essere riconoscibile c) per possibili errori interpretativi da parte del/la radiologo/a. Tra un esame e l altro si possono dunque sviluppare, molto raramente, i cosiddetti tumori di intervallo. Pertanto è molto importante eseguire periodicamente l autoesame del seno, prestando attenzione ad eventuali cambiamenti che debbono essere riferiti tempestivamente al proprio medico. Il programma di screening mammografico è sottoposto a costante monitoraggio e a continui controlli di qualità, anche al fine di contenere la frequenza di questi eventi che sono ridotti al minimo possibile con l utilizzo della doppia lettura della mammografia e la formazione specifica del personale.

4 16-PERCHE RIPETERE L ESAME OGNI DUE ANNI SE LA MAMMOGRAFIA E NORMALE? Perché la malattia può comparire nel corso degli anni successivi. RISULTATA 17-PUO ESSERE DANNOSO ESEGUIRE QUESTO ESAME PIU VOLTE? Come per qualsiasi radiografia vi è una esposizione ai raggi X ma, con le apparecchiature utilizzate che vengono periodicamente sottoposte a controlli di qualità, la dose di radiazioni somministrata è assolutamente bassa. 18-HO FATTO LA MAMMOGRAFIA PRIVATAMENTE, DOPO QUANTO TEMPO POSSO FARLA CON VOI? Dopo un anno da una mammografia eseguita al di fuori di un programma di screening organizzato. *19 HO PRENOTATO UNA MAMMOGRAFIA AL CUP, COSA FARE? Va deciso in base alla data dell appuntamento preso con il CUP, ai tempi dell invito e alla data di effettuazione della precedente mammografia. 20 HO LA MAMMELLA PICCOLA, E NECESSARIO FARE LA MAMMOGRAFIA? Si, perché la ghiandola mammaria è comunque presente. *21-HO UNA PROTESI MAMMARIA, POSSO FARE LA MAMMOGRAFIA? Si, in questo caso dovrà essere integrata dalla ecografia o da altri esami, quindi verrà prenotata direttamente per il centro di 2 livello. (Se la protesi non ha solo un significato estetico ma è successiva a chirurgia per cancro della mammella, vedi domanda n 10) 22-POSSO METTERE LA CREMA PER IL CORPO? E assolutamente sconsigliato solo l uso del talco che può dare false immagini. 23-DEVO SOSPENDERE L ASSUNZIONE DI FARMACI? No, non è necessario sospendere l assunzione di farmaci compresa la chemioterapia (se è assunta per cancro della mammella vedi domanda n 10). 24-DEVO SOSPENDERE L ASSUNZIONE DEL CONTRACCETTIVO ORALE? No 25-DEVO SOSPENDERE L ASSUNZIONE DI ORMONI IN MENOPAUSA? No

5 *26-DEBBO RIPETERE LA MAMMOGRAFIA PIU SPESSO SE ASSUMO ORMONI PER LA MENOPAUSA? Gli studi sono ancora in corso, pertanto attualmente lo screening prevede, anche in questi casi, l invito ogni due anni. E' possibile che verrà chiamata per eseguire esami di approfondimento, come l ecografia, a causa delle caratteristiche strutturali che assume la ghiandola mammaria in corso di terapia ormonale e, se il/la radiologo/a lo riterrà opportuno, l'invito successivo potrebbe essere anticipato. Ricordiamo l importanza di eseguire sempre l autoesame del seno nell intervallo tra i controlli mammografici. *27-HO AVUTO DEI CASI DI CANCRO AL SENO IN FAMIGLIA, E SUFFICIENTE LA MAMMOGRAFIA? Bisogna valutare le caratteristiche di questi casi (l età di comparsa, se in parenti di 1 o 2 grado, se in associazione con altri tumori). Sarà comunque prenotata al 1 livello per la mammografia e, se al momento della refertazione il/la radiologo/a valuterà dalla sua scheda che lei rientra nelle condizioni a rischio, sarà chiamata al 2 livello per l integrazione con altri esami. 28-HO LA MASTOPATIA FIBROCISTICA, E SUFFICIENTE LA MAMMOGRAFIA? Si. Se sarà necessario eseguire approfondimenti, le verrà comunicato un invito al 2 livello. 29-COME SI PRENOTANO LE MAMMOGRAFIE DEL PROGRAMMA DI SCREENING? Al numero verde: dal lunedì al venerdì dalle ore 8,00 alle ore 18,00 30-SERVE LA RICHIESTA DEL MIO MEDICO? No 31-POSSO PRENOTARE ANCHE ALTRE VISITE ED ESAMI? No, si deve rivolgere al numero verde del CUP (Centro Unico di Prenotazione): oppure dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30 alle ore 19,30; il sabato dalle ore 7,30 alle ore 13,00 32 POSSO PRENOTARE PER UN AMICA? No, deve chiamare la diretta interessata perché è necessario controllare alcuni dati anagrafici. 33-QUALE E IL CRITERIO DI CHIAMATA? Attualmente viene data la priorità alle signore che hanno effettuato la mammografia su invito della ASL RMC negli anni precedenti e debbono essere richiamate. Sono accolte anche le adesioni spontanee. 34 SONO IN FASCIA DI ETA, NON HO RICEVUTO L INVITO, POSSO PRENOTARE? Limitatamente alla disponibilità dei turni di screening, avrà un appuntamento in base alla data della sua ultima mammografia. *35 VORREI UN APPUNTAMENTO URGENTE, POSSO ANTICIPARE? Se è in fascia di età da 50 a 69 anni ed è residente nella ASLRMC possiamo darle noi un appuntamento, altrimenti si rivolga al suo medico di Medicina Generale che attiverà la procedura d urgenza.

6 36-DOVE SI EFFETTUA LA MAMMOGRAFIA? Sarà invitata ad eseguire la mammografia presso il Centro della ASLRMC più vicino alla sua residenza. Il risultato le verrà inviato a casa con una lettera. 37-POSSO CAMBIARE CENTRO PER EFFETTUARE LA MAMMOGRAFIA? Si, in casi eccezionali. 38-COME CI ARRIVO? Possiamo darle noi tutte le indicazioni. E, comunque, in previsione la stampa di una piccola mappa sulla lettera d invito. 39 POSSO CAMBIARE DATA E ORA DELL'APPUNTAMENTO PREFISSATO? Si. La preghiamo di telefonare al Numero Verde ( ) dal lunedì al venerdì dalle 8,00 alle 18,00 se vuole modificare la data, l ora e, in casi eccezionali, anche il luogo dell appuntamento. Se non si presenterà all appuntamento fissato o modificato, riceverà un altro invito dopo due anni. Se desidera effettuare la mammografia prima, può telefonare al Numero Verde e le sarà fissato un appuntamento. 40-CHE COSA DEBBO FARE SE NON DESIDERO EFFETTUARE LA MAMMOGRAFIA? Se non desidera ricevere l invito per la mammografia, deve inviare una lettera di autoesclusione e la fotocopia di un documento d identità al Centro di Coordinamento dello screening mammografico in via Monza,2 cap anche via fax al numero: Partecipare ad un programma di screening organizzato è un diritto, per questo è necessario documentare un esclusione con l autocertificazione dell interessata. Le ricordiamo, comunque, che in qualsiasi momento può chiedere di essere reinserita nel programma di screening, con le stesse modalità (dichiarazione e copia di un documento d identità). 41 DEBBO PORTARE GLI ESAMI PRECEDENTI? Si, sono utili per un confronto con l esame in corso. 42-POSSO RECUPERARE I MIEI ESAMI PRECEDENTI ALL IFO REGINA ELENA? Attualmente quei radiogrammi possono essere ritirati previa richiesta da parte del Coordinamento (chiedere alla signora i dati anagrafici). Potrà recarsi presso il Servizio di Radiologia dell IFO dopo essere stata contattata telefonicamente dal nostro referente. 43 QUANTO COSTA FARE LA MAMMOGRAFIA? La mammografia e gli eventuali accertamenti sono gratuiti.

7 IL TEST DI SCREENING 44-QUAL E IL TEST USATO PER LO SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA? La mammografia. 45-CHE COSA E LA MAMMOGRAFIA? E un indagine che, utilizzando i raggi X, consente uno studio molto accurato delle mammelle. Viene eseguita mediante un apparecchiatura appositamente progettata, il mammografo. Vengono eseguite due radiografie per ogni mammella e di norma l esame dura minuti. 46-CHI ESEGUE LA MAMMOGRAFIA? Un/a tecnico/a di radiologia formato/a per l esecuzione di questo esame. 47-È DOLOROSA? Per eseguire una mammografia è necessario comprimere la mammella su un piano, con un apposito compressore per ottenere immagini ben definite e ricche di informazioni. La compressione della mammella avviene in modo delicato e graduale affinché l esame sia perfettamente tollerato. Questa compressione, che non altera i tessuti, può talvolta causare dolore di breve durata, ma permette di utilizzare basse dosi di radiazioni. *48-PERCHÉ LA MAMMOGRAFIA? La mammografia è il metodo più affidabile per individuare un tumore molto tempo prima di quanto possa essere rilevato attraverso la semplice palpazione (ossia di dimensioni inferiori ad 1 cm). La diagnosi precoce consente un trattamento il più possibile conservativo. Le linee guida europee raccomandano l offerta attiva di una mammografia ogni 2 anni dai 50 ai 69 anni. Dagli anni 60 l accuratezza diagnostica della mammografia continua a migliorare anche se il 10-15% dei tumori presenti non vengono scoperti da questa metodica. E dimostrato comunque che i programmi di screening mammografico hanno portato ad una riduzione delle morti per tumore della mammella pari al 35%. *49 POSSO FARE L ECOGRAFIA AL POSTO DELLA MAMMOGRAFIA? L ecografia è un esame di complemento, serve per verificare immagini radiografiche che non sono chiare. Viene eseguita, quindi, durante gli accertamenti. Da sola, generalmente, non è sufficiente per la diagnosi precoce di cancro della mammella, soprattutto nella fascia di età che viene interessata dallo screening. *50-LA MAMMOGRAFIA E SUFFICIENTE PER UNA DIAGNOSI ACCURATA? La mammografia è l esame più efficace attualmente disponibile per diagnosticare precocemente i tumori al seno. È un indagine che, utilizzando i raggi X, consente uno studio molto accurato delle mammelle. Ogni mammografia viene valutata separatamente da due medici radiologi per garantire una maggiore precisione e accuratezza della diagnosi. Nei casi controversi può intervenire anche il parere di un terzo medico radiologo o si decide l invio al 2 livello per effettuare esami complementari.

8 Tuttavia la mammografia non è sempre sufficiente per una diagnosi definitiva in quanto le caratteristiche del tessuto della mammella possono non permettere una identificazione chiara di una eventuale lesione. In caso di esito dubbio, verrà contattata telefonicamente dal centro di 2 livello, per eseguire ulteriori accertamenti che consentano di escludere o confermare la presenza di alterazioni. Se non è rintracciabile telefonicamente, le verrà inviata una lettera raccomandata con l appuntamento prefissato. L invito ad eseguire questi esami di approfondimento può comprensibilmente provocare ansia e timore; tuttavia va tenuto presente che, nella maggior parte dei casi, tali accertamenti escludono la presenza di un tumore. 51-CHE COSA VIENE EVIDENZIATO CON LA MAMMOGRAFIA? Vengono evidenziate lesioni della mammella anche molto piccole, spesso non palpabili, sulle quali intervenire precocemente con un trattamento terapeutico. 52-POSSO ESEGUIRE LA MAMMOGRAFIA IN QUALSIASI MOMENTO DEL CICLO? E preferibile entro i primi 10 giorni del ciclo. E sconsigliato il periodo premestruale, per la maggiore tensione mammaria che può rendere l esame doloroso. 53-POSSO ESEGUIRE LA MAMMOGRAFIA IN GRAVIDANZA? No, come per qualsiasi altro esame radiografico, in gravidanza viene eseguita solo se è necessario un controllo urgente su indicazione del medico curante. 54-POSSO ESEGUIRE LA MAMMOGRAFIA DURANTE L ALLATTAMENTO? Si *55-POSSO ESEGUIRE LA MAMMOGRAFIA SE HO LA MASTITE? E opportuno prima completare la terapia prescritta dal medico. *56-POSSO ESEGUIRE LA MAMMOGRAFIA SE HO SECREZIONE DAL CAPEZZOLO? Si, può essere urgente. ( vedi domanda n 35) 57- HO SUBITO UN INTERVENTO DI ANGIOPLASTICA / HO UNA VALVOLA CARDIACA ARTIFICIALE, POSSO FARE LA MAMMOGRAFIA? Si, può eseguire la mammografia 58- HO IL PACE MAKER, POSSO FARE LA MAMMOGRAFIA? Si, può fare la mammografia. Al momento della refertazione il radiologo deciderà se è il caso di richiamarla per l approfondimento qualora il pace maker sia posizionato in modo tale da non permettere una completa visualizzazione della ghiandola mammaria. 59- HO RICEVUTO LA LETTERA CON L INVITO A FARE LA MAMMOGRAFIA MA HO ANCHE UN APPUNTAMENTO PER ESEGUIRE UNA SCINTIGRAFIA TIROIDEA, CI SONO PROBLEMI? Può fare la mammografia dopo una settimana dalla scintigrafia (la stessa cosa vale per altri esami radiologici eseguiti con mezzo di contrasto), se necessario spostiamo l appuntamento.

9 60-QUANTO DURA L ESAME? Circa 15 minuti. 61-VIENE ESEGUITA ANCHE LA VISITA SENOLOGICA? No, verrà eseguita solo se saranno necessari esami di approfondimento e sarà perciò chiamata al 2 livello. 62-POTRO AVERE UN ATTESTATO PER GIUSTIFICARE L ASSENZA DAL LAVORO? Si, su richiesta dove sarà specificato l orario della prestazione. LA RISPOSTA 63-IN QUANTO TEMPO AVRO LA RISPOSTA? Generalmente entro un mese. 64 COME AVRO LA RISPOSTA? Per posta, al domicilio che ci ha indicato. 65 CHE COSA TROVO SCRITTO NELLA RISPOSTA? Troverà scritto che l esame è risultato normale e il successivo controllo sarà a due anni. La lettera di risposta verrà inviata soltanto per gli esami con esito normale. 66 POSSO RITIRARE PERSONALMENTE LA RISPOSTA? Si, in casi eccezionali, presso il Centro di Coordinamento in via Monza,2. Dovrà comunicare la sua intenzione telefonando al Numero Verde appena ha eseguito l esame. Non verranno comunque anticipati i tempi di risposta. 67-POSSO AVERE LA RISPOSTA PER E.MAIL O PER FAX? Per e.mail ancora non è possibile, per fax è possibile se si autorizza il Coordinamento con una comunicazione (via fax, corredata da documento, in cui viene indicato anche il numero del fax al quale deve essere inviato il referto). 68 POSSO AVERE UNA RISPOSTA IMMEDIATA? I tempi richiesti sono necessari per garantire la doppia lettura della mammografia. 69 SE LA RISPOSTA NON E NORMALE SARO CHIAMATA PER EFFETTUARE ALTRI ESAMI? Si, sarà chiamata dalla caposala del Servizio di Radiologia dell Ospedale S. Eugenio che le fisserà l appuntamento per gli esami di approfondimento, anche questi gratuiti, che verranno eseguiti in quella sede

10 70 POSSO AVERE I RADIOGRAMMI? Il programma di screening non prevede la consegna dei radiogrammi in quanto serviranno per un confronto nei successivi controlli. Eventuali copie potranno essere richieste, anche con delega, presso l Ospedale S. Eugenio, Archivio di Radiologia (Istituto B) dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle 12,30. E previsto un ticket di 10,00 Euro se copia in CD o di 15,48 Euro se copia con radiogrammi. *71-POSSO RIPETERE LA MAMMOGRAFIA PRIMA DI 2 ANNI? No, se l esame è risultato normale e se l indicazione del/la radiologo/a è stata di una ripetizione a due anni. Se, nei mesi successivi alla mammografia di screening rileverà con l autoesame qualsiasi alterazione, potrà telefonare al Numero Verde del Coordinamento e sarà valutato un eventuale invio direttamente al 2 livello. 72-POSSO PRENDERE UN APPUNTAMENTO CON IL CUP PER LE MAMMOGRAFIE SUCCESSIVE? Non è necessario in quanto verrà richiamata dal Centro di Coordinamento dello Screening dopo due anni. GLI ACCERTAMENTI 73-QUALI SONO GLI ESAMI DI APPROFONDIMENTO DIAGNOSTICO DOPO LA MAMMOGRAFIA? Gli esami di approfondimento possono essere: visita senologica ecografia mammaria mammografie particolareggiate e, a volte, con ingrandimento delle alterazioni mammografie con diverse e ulteriori proiezioni (proiezioni accessorie) agoaspirato per esame citologico biopsia e microbiopsia per esame istologico altro ( Risonanza Magnetica, Galattografia, etc. ). Il/la radiologo/a valuta di volta in volta l opportunità di utilizzare uno o più esami di approfondimento sulla base delle caratteristiche delle alterazioni evidenziate dalla mammografia di screening. 74-DOVE SI EFFETTUANO GLI ESAMI DI APPROFONDIMENTO? Il Centro di 2 livello dello screening mammografico della ASL RMC è la UOC Radiodiagnostica e Radiologia Interventistica dell Ospedale S. Eugenio ma, nel rispetto di ogni singola decisione personale, se lo desidera può optare per un'altra struttura di sua scelta. 75 COME AVRO LA RISPOSTA DEGLI ACCERTAMENTI? La risposta verrà data dal/la radiologo/a subito dopo l esame, per gli accertamenti che permettono una risposta immediata (p. es. l ecografia), oppure nel corso di un successivo incontro, se sono stati eseguiti

11 prelievi citologici o istologici per i quali sono necessari tempi di lettura. *76-CHE COSA E UNA MAMMOGRAFIA ANORMALE? La mammografia risulta anormale quando evidenzia la presenza di alterazioni: opacità nodulari, addensamenti o distorsioni del disegno mammario, microcalcificazioni, etc. *77-IN CHE COSA CONSISTE LA VISITA SENOLOGICA? E un esame clinico durante il quale le mammelle vengono esaminate con la donna in posizione seduta e successivamente in posizione sdraiata. Vengono prima valutate la forma, le dimensioni, la simmetria e la cute di entrambe le mammelle. Successivamente, viene eseguita la palpazione per una valutazione più approfondita e completa. *78-CHE COSA E L ECOGRAFIA? È un metodo d indagine che utilizza un apparecchio, l ecografo, che non usa radiazioni ma ultrasuoni. Nel programma di screening viene usata a completamento diagnostico se con la mammografia è stata evidenziata una lesione o un alterazione della struttura mammaria. Permette di vedere, ad esempio, se un nodulo, rilevato con la palpazione o con la mammografia, è solido o liquido ( cisti ). Una piccola quantità di gel, posta sulla cute della mammella, favorisce il passaggio degli ultrasuoni dalla sonda alla superficie cutanea della mammella. L immagine che si ottiene viene visualizzata sul monitor dell ecografo e stampata. Durante l esame la donna è in posizione supina. L esame è indolore. *79-CHE COSA E L AGOASPIRATO? L agoaspirato consiste nel prelievo di un campione di cellule per un esame citologico. Si effettua in ambulatorio ed è di semplice esecuzione. Se il risultato è negativo, consente di ridurre la necessità di ricorrere a biopsia mammaria (prelievi di tessuto per l analisi istologica). Viene eseguito con modalità diverse in relazione al tipo di lesione, ma utilizzando sempre un ago sottilissimo montato su una siringa o un apparecchio automatico. In caso di lesioni non palpabili, si esegue l agoaspirato sotto guida ecografica oppure sottoguida radiologica (agoaspirato sotto guida stereotassica), in relazione al tipo di lesione riscontrata. Questo tipo di lesione si riscontra più frequentemente nei programmi di screening, poiché i tumori sempre più vengono diagnosticati in fase precoce e quindi di piccole dimensioni. In caso di lesioni palpabili si può eseguire anche un agoaspirato a mano libera, così chiamato poiché il medico non utilizza alcuno strumento di guida. Nella quasi totalità dei casi la procedura di agoaspirazione, comunque eseguita, dura pochi secondi, non determina alcun significativo dolore né complicanze successive. In qualche raro caso possono formarsi piccoli ematomi (raccolta di sangue nella sede del prelievo). I possibili risultati sono: NEGATIVO (C2): non vengono evidenziate cellule anormali DUBBIO (C3): l esito, pur evidenziando una lesione probabilmente benigna, non consente una definizione precisa in quanto alcune cellule non hanno caratteristiche normali SOSPETTO (C4): vengono evidenziate alcune cellule con caratteristiche indicative della probabile presenza di neoplasia

12 POSITIVO (C5): il campione presenta cellule tumorali INADEGUATO (C1): nel caso di piccole lesioni, spesso fibrose e non palpabili, può accadere che il campione prelevato non permetta di formulare una diagnosi, generalmente per lo scarso numero di cellule presenti. *80-CHE COSA E LA BIOPSIA MAMMARIA? La biopsia della mammella viene eseguita quando è necessario avere una diagnosi più precisa del tessuto mammario corrispondente alla lesione individuata, nel caso in cui gli esami eseguiti non abbiano fornito una chiarezza definitiva. Nel caso di lesioni palpabili, per prelevare alcuni frammenti di tessuto si possono usare aghi un poco più grossi di quelli utilizzati per l esame citologico. Per le lesioni molto piccole, e non palpabili, si possono utilizzare strumentazioni tecnologicamente avanzate che, sotto la guida radiografica o ecografica, consentono di prelevare il tessuto necessario per l esame istologico con precisione millimetrica. Il prelievo è eseguito in ambulatorio, in anestesia locale e quindi in modo indolore. Le complicanze dovute ad una biopsia sono rare: talora può presentarsi un modesto dolore nella sede del prelievo che può persistere per alcune ore, per il quale generalmente non è necessaria alcuna terapia. In alcuni casi si può formare un piccolo ematoma per il quale non è richiesta alcuna terapia. 81 DEBBO PAGARE GLI ESAMI DI APPROFONDIMENTO? No, anche gli accertamenti sono gratuiti. 82-CHE COSA FARE DOPO GLI ESAMI DI APPROFONDIMENTO? Nella grande maggioranza dei casi il percorso di approfondimento della diagnosi termina con un risultato rassicurante. Potranno essere necessari controlli ravvicinati sempre gratuiti (follow-up) per un periodo limitato, prima di rientrare nel routinario percorso di screening, con l invito per una mammografia biennale. Solo in alcuni casi, i controlli eseguiti durante il follow-up potranno suggerire la necessità di un approfondimento chirurgico. Se invece i risultati degli esami eseguiti avranno confermato il sospetto iniziale della possibile presenza del tumore, il radiologo ed il chirurgo decideranno, assieme alla donna interessata, il percorso di diagnosi e di cura successivo. I TRATTAMENTI *83-IN CHE CONSISTE LA LOCALIZZAZIONE DELLA LESIONE? Qualora la lesione individuata richieda un intervento, risulta necessario localizzare con precisione la lesione. Si possono inserire nella mammella frammenti di carbone, sonde uncinate, microclip metalliche, ovuli di gel, sostanze o materiali utili a fare da reperti per eventuali accertamenti chirurgici successivi. Una delle più recenti metodiche di localizzazione è la R.O.L.L. (Radioguided Occult Lesion Localization) ossia la localizzazione radioguidata di una lesione non palpabile. *84-QUALE CHIRURGIA? Nella maggioranza dei casi, poiché le indagini diagnostiche effettuate (dalla mammografia di screening

13 agli accertamenti successivi) permettono di accertare la presenza di un eventuale tumore anche quando è ancora di dimensione ridotte e non apprezzabile alla palpazione, l intervento chirurgico non sarà esteso a tutta la mammella, ma a porzioni ridotte di essa (intervento chirurgico conservativo) con evidenti risvolti positivi sul piano fisico e psicologico della donna e con un migliore risultato estetico. L intervento chirurgico conservativo (quadrantectomia) nei tumori in stadio iniziale e al di sotto dei 2 cm, è efficace nel controllare la malattia come un intervento di asportazione totale della mammella (mastectomia). Durante l intervento chirurgico di quadrantectomia, il chirurgo asporta anche le ghiandole linfatiche (linfoadenectomia) dell ascella per sapere con certezza, con un esame istologico, se qualche cellula tumorale è arrivata a questi linfonodi. Fino a qualche tempo fa le ghiandole ascellari venivano tolte sempre e completamente, in tutti i casi. Da qualche anno invece, se il tumore non supera i 3 cm e se non si palpano linfonodi ascellari aumentati di volume e di consistenza, è possibile togliere solo un linfonodo: il cosiddetto linfonodo sentinella, chiamato così in quanto è il primo dove eventualmente si localizzano le cellule tumorali. Se tale linfonodo risulterà completamente negativo all esame istologico, non sarà necessario asportare gli altri linfonodi ascellari. Questa tecnica ha il grande vantaggio di permettere di accertare correttamente lo stato dei linfonodi ascellari evitando in 2/3 dei casi la linfoadenectomia (asportazione totale dei linfonodi) e le sue complicanze, quali dolore al braccio, formicolii sotto l ascella, riduzione della forza e gonfiore del braccio (molto raro comunque). La conoscenza dell interessamento di ghiandole linfatiche ascellari è importante per decidere le eventuali terapia successive all intervento chirurgico (ormonoterapia, chemioterapia). Nei pochi casi in cui la localizzazione e la dimensione del tumore rendono necessaria una mastectomia è possibile eseguire una ricostruzione della mammella asportata durante lo stesso intervento chirurgico (chirurgia ricostruttiva). Altre volte l intervento di ricostruzione potrà essere espletato con modalità e tempi diversi e dovrà essere concordato con il medico curante oncologo e/o chirurgo. In alcuni casi ben identificati, le attuali conoscenze scientifiche indicano di effettuare, prima dell intervento chirurgico, un trattamento chemioterapico, definito neoadiuvante, al fine di ridurre la dimensione del tumore e di rendere quindi più semplice l intervento chirurgico conservativo. 85 DOVE VIENE ESEGUITO L INTERVENTO CHIRURGICO? Il 3 livello dello screening mammografico della ASL RMC è la UOC Chirurgia Oncologica dell Ospedale S. Eugenio per il trattamento chirurgico e la UOC Oncologia Medica per il trattamento medico ma, come per gli accertamenti, se lo desidera può optare per altre strutture di sua scelta. *86-CHE COSA SI DEVE FARE DOPO L INTERVENTO CHIRURGICO? Per una valutazione complessiva della situazione e per valutare le eventuali necessità di terapie successive all intervento chirurgico, la donna viene indirizzata dal chirurgo all oncologo di riferimento. L oncologo valuta tutti gli esami ed i referti istologici verificando le dimensioni del tumore asportato, l interessamento o meno dei linfonodi, eventuali metastasi presenti (stadiazione). Dopo la visita specialistica, l oncologo propone il percorso terapeutico più idoneo alla specifica situazione. La decisione viene assunta in accordo e con il pieno consenso della donna. Il raggiungimento della piena guarigione può richiedere o meno trattamenti chemioterapici,

14 ormonoterapici, radioterapici o immunoterapici. *87-CHE COSA E LA RADIOTERAPIA? La radioterapia consiste nell uso di radiazioni ad alta energia precisamente localizzate per eliminare le cellule tumorali e danneggiare il meno possibile i tessuti sani circostanti. La radioterapia ha lo scopo di ridurre al minimo il rischio di recidive locali, ossia delle riprese del tumore dovute ad eventuali microscopici focolai tumorali residui. L irradiazione avviene, di norma, entro 12 settimane dall intervento chirurgico per le donne che non debbano eseguire chemioterapia. Per queste ultime, la radioterapia può essere effettuata al termine della chemioterapia, dato che la concomitanza di chemioterapia e radioterapia può aumentare il rischio di effetti collaterali. Le sedute radioterapiche si svolgono in regime ambulatoriale e si concludono generalmente in giorni: una seduta al giorno per cinque giorni alla settimana. Ogni seduta ha la durata di qualche minuto ed è assolutamente indolore. La radioterapia è di solito ben tollerata: può causare a volte un temporaneo arrossamento cutaneo\ (dermatite da raggi) che si risolve dopo qualche settimana e che viene trattato con apposite pomate. In caso di dermatite da raggi è opportuno evitare esposizioni al sole o a lampade, detergenti aggressivi sulla pelle, profumi alcolici e indumenti stretti. Il radioterapista fornisce le indicazioni necessarie per risolvere questo problema. *88 IN CHE COSA CONSISTE LA TERAPIA MEDICA PER IL CANCRO DELLA MAMMELLA? La terapia medica si avvale di due tipi di trattamento: la chemioterapia e la terapia ormonale. La decisione sull opportunità o meno di effettuare una terapia medica è assunta dallo specialista oncologo, assieme alla donna interessata, dopo la valutazione di alcuni fattori prognostici: la dimensione del tumore il tipo istologico: - il grado di differenziazione del tumore - la cinetica cellulare, cioè la velocità di replicazione delle cellule lo stato linfonodale (cioè se la malattia è estesa ad alcuni linfonodi ascellari) lo stato recettoriale (cioè se le cellule tumorali presentano recettori per gli ormoni femminili) lo stato di salute generale della donna Lo scopo di una terapia medica è eliminare eventuali cellule diffuse dal tumore, siano esse manifeste o meno. *89 CHE COSA E LA CHEMIOTERAPIA? La chemioterapia consiste nella somministrazione di farmaci che distruggono, con un attività tossica selettiva, le cellule tumorali. Sono tanto più efficaci quanto più è elevata la proliferazione cellulare e per questo possono purtroppo danneggiare anche i tessuti normali attivamente proliferanti (midollo osseo, cellule intestinali, bulbo pilifero, ecc.). La chemioterapia è sempre consigliabile in caso di malattia estesa ai linfonodi ascellari invece, nei casi senza interessamento dei linfonodi, si procede alla valutazione di tutte le altre caratteristiche del tumore per poi decidere la terapia più adatta. I farmaci disponibili per la chemioterapia sono numerosi: l oncologo valuta la combinazione di farmaci (il

15 regime chemioterapico) più appropriata per ogni donna. Per la somministrazione dei farmaci viene elaborato un piano di trattamento che prevede diversi cicli, il cui numero totale dipende dal tipo di tumore e dai tipi di farmaci somministrati. Tra un ciclo ed il successivo è previsto un intervallo di qualche settimana per consentire all organismo di smaltire gli eventuali effetti collaterali della chemioterapia ( riduzione dei globuli bianchi, perdita di capelli, disturbi gastrointestinali, etc.), strettamente legati al trattamento, che, nella maggioranza dei casi, si risolvono completamente al termine del trattamento. *90 CHE COSA E LA TERAPIA ORMONALE? La terapia ormonale consiste nella somministrazione di farmaci che contrastano l azione degli estrogeni sul tumore. L ormonoterapia è consigliata per le donne il cui tumore risponde alla stimolazione ormonale, in particolare degli estrogeni. Si ritiene infatti che gli estrogeni siano coinvolti nell insorgenza e nello sviluppo di almeno un terzo dei tumori della mammella. Il farmaco più utilizzato è il tamoxifen. Esso è utilizzato da molti anni perché riduce sensibilmente il pericolo di metastasi. *91-CHE COSA E LA TERAPIA IMMUNOLOGICA? Le terapie immunologiche si avvalgono dei cosiddetti anticorpi monoclonali che attaccano cellule tumorali con caratteristiche biomolecolari specifiche. 92-COME AVVERRANNO I CONTROLLI SUCCESSIVI? Ogni donna è invitata ad eseguire periodicamente controlli programmati, specifici e mirati (follow-up) presso l Unità di Oncologia dell Ospedale S. Eugenio o di sua scelta. Si definisce follow-up l insieme degli accertamenti clinici e degli esami programmati periodicamente dopo il trattamento del tumore per la verifica dello stato di salute complessivo della donna.

16 PER SAPERNE DI PIU.. PICCOLO DIZIONARIO AGOASPIRATO (o CITOASPIRATO): prelievo di cellule per mezzo di un ago sottile montato su una siringa o su un apparecchio automatico. E un esame semplice che si esegue in ambulatorio senza anestesia. BIOPSIA: prelievo di piccole quantità di tessuto per mezzo di aghi più grossi di quelli utilizzati per l agoaspirato. Si esegue in ambulatorio, in anestesia locale. CALCIFICAZIONI E MICROCALCIFICAZIONI: piccoli depositi di sali di calcio visibili con la mammografia. Sono rilevati frequentemente e spesso sono associati a patologie benigne della mammella come la mastopatia fibrocistica. Le microcalcificazioni, in base alle caratteristiche che presentano, a volte possono effettivamente costituire un reale elemento di sospetto. DIAGNOSI PRECLINICA: riconoscere la malattia prima della comparsa di sintomi e di segni evidenti. DIAGNOSI PRECOCE: riconoscere la malattia in fase iniziale. ESAME CITOLOGICO: osservazione al microscopio delle cellule prelevate con l agoaspirato. ESAME ISTOLOGICO: osservazione al microscopio di frammenti di tessuto ottenuti con la biopsia. ECOGRAFIA: metodo di indagine che utilizza gli ultrasuoni, la cui esecuzione può essere opportuna come completamento diagnostico qualora alla mammografia sia stata evidenziata una lesione o una alterazione della struttura mammaria. Permette di vedere, ad esempio, se un nodulo, rilevato con la palpazione o con la mammografia, è solido o liquido (cisti). Per eseguire l ecografia viene utilizzato un apparecchio ( ecografo ) che non usa radiazioni ma ultrasuoni. Una piccola quantità di gel favorisce il passaggio degli ultrasuoni dalla sonda alla superficie cutanea della mammella. L immagine che si ottiene viene visualizzata sul monitor dell ecografo e stampata. Durante l esame la donna è in posizione supina. L esame è indolore. Da sola, generalmente, non è sufficiente per la diagnosi precoce di cancro, è piuttosto un esame di approfondimento eseguito durante gli accertamenti per una mammografia con esito dubbio. GALATTOGRAFIA: esame che utilizza i raggi X ed un mezzo di contrasto ( un liquido visibile ai raggi X ) che viene iniettato nei piccoli canali presenti nella ghiandola mammaria ( dotti galattofori: che portano il latte ) attraverso i loro sbocchi sulla superficie del capezzolo. MASTITE: infiammazione della ghiandola mammaria che si manifesta con dolore intenso sia spontaneo che alla palpazione della mammella o di parte di essa; la pelle sovrastante è calda e arrossata, a volte c è febbre. MASTECTOMIA: asportazione chirurgica totale della mammella.

17 MASTOPATIA FIBROCISTICA: malattia della ghiandola mammaria caratterizzata dalla presenza di una eccessiva quantità di tessuto fibroso e dalla dilatazione di alcune delle strutture da cui è composta. OPACITA NODULARE: è una zona circoscritta della mammella che alla mammografia appare come un area opaca. Con gli esami di approfondimento può rivelarsi un nodulo solido o una cisti. QUADRANTECTOMIA: asportazione chirurgica del settore di mammella in cui è localizzato il tumore, corrispondente ad 1/4 della mammella, detto quadrante. RISONANZA MAGNETICA: esame che utilizza un campo magnetico. Permette di localizzare aree di neoformazione di vasi sanguigni e di indagare strutture situate più in profondità nella mammella (per esempio: può essere necessaria per esaminare la struttura di mammelle con protesi estetiche, se l ecografia da sola non è sufficiente). SENO DENSO: é una mammella in cui la ghiandola è ben rappresentata e contiene poco grasso. E più frequente nelle donne giovani e nelle donne in menopausa che fanno uso di ormoni per la terapia sostitutiva. TERAPIA ORMONALE SOSTITUTIVA (TOS oppure HRT: HORMONE REPLACEMENT THERAPY): terapia che utilizza farmaci ormonali che vengono somministrati a donne in menopausa o in perimenopausa in sostituzione degli ormoni che non vengono più prodotti fisiologicamente dall organismo o sono prodotti in minore quantità ed in modo irregolare. TUMORECTOMIA: asportazione chirurgica del solo nodulo tumorale.

18 Centri del programma di screening della ASL RMC CENTRO DI COORDINAMENTO via Monza,2 Tel.: 06/ Fax:06/ e.mail: CENTRI PER IL TEST DI 1 LIVELLO (per l esecuzione della mammografia di screening): Distretto Sanitario Presidio Integrato S. Caterina della Rosa via N. Forteguerri,4 Tel.: 06/ In questo presidio verranno chiamate le donne residenti nei Municipi 6 e 9 Centro di Senologia - U.O.C. Radiodiagnostica Ospedale S. Eugenio (ospedale nuovo, piano terra) P.le dell Umanesimo,11 tel In questo presidio verranno chiamate le donne residenti nei Municipi 11 e 12 CENTRO DI 2 LIVELLO (per gli esami di approfondimento): U.O.C Radiodiagnostica e Radiologia Interventistica Ospedale S.Eugenio P.le dell Umanesimo,11 Tel.: 06/ U.O.C Anatomia e Istologia Patologica Ospedale s.eugenio Prof. G.Santeusanio tel CENTRI DI 3 LIVELLO (per il trattamento terapeutico e il follow up): Chirurgia Oncologica Ospedale S.Eugenio UOC Oncologia Medica Ospedale S.Eugenio

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI 14 Fondazione Umberto Veronesi - Piazza Velasca 5, 20122 Milano Tel. +39 02

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Lo screening mammografico La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Indice 03 Gli esperti raccomandano la mammografia nell ambito di un programma di screening 04 Che

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

La Chirurgia Senologica. Istituto Oncologico Veneto. Unità Operativa di Chirurgia Senologica. Regione del Veneto

La Chirurgia Senologica. Istituto Oncologico Veneto. Unità Operativa di Chirurgia Senologica. Regione del Veneto I.O.V. ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico La Chirurgia Senologica Unità Operativa di Chirurgia Senologica

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. La radioterapia. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA Per prenotare ed eseguire un esame è necessario: 1. Il paziente deve avere una richiesta medica completa che comprenda cognome e nome, data di nascita, numero

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife è un metodo ampiamente diffuso per il trattamento di un area selezionata del cervello, detta bersaglio.

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port Che cos è il Port? Le informazioni fornite in questo opuscolo vi aiuteranno a capire meglio che cosa sono i port e a trovare risposta ad alcuni quesiti riguardanti i port sottocutanei Bard Access. Sommario

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti A Si ringraziano la dottoressa in Scienze Naturali Stephanie Züllig, il dottore in

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

10 DOMANDE E 10 RISPOSTE PER CAPIRE LA RADIOTERAPIA

10 DOMANDE E 10 RISPOSTE PER CAPIRE LA RADIOTERAPIA 10 DOMANDE E 10 RISPOSTE PER CAPIRE LA RADIOTERAPIA ISTITUTO NAZIONALE PER LO STUDIO E LA CURA DEI TUMORI DI MILANO Dieci domande e dieci risposte per far capire che cosa è la radioterapia Dedicato a tutti

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali S.C. Fisica Sanitaria S.C. Medicina Nucleare Pietra Ligure S.C. Neuroradiologia Diagnostica ed Interventistica S.C. Radiologia Diagnostica

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro Come affrontare il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il tumore del pancreas colpisce ogni anno in Italia circa 12.200 persone. Purtroppo si tratta di una malattia complessa, aggressiva, diagnosticata

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa Scheda informativa Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa I preparati ormonali vengono impiegati da anni nelle donne durante e dopo la menopausa per alleviare i disturbi del climaterio.

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli