Regolamento aziendale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento aziendale"

Transcript

1 I:\Risorse Umane\regolamento aziendale\regolamento 1.0.doc Regolamento aziendale Versione 1.0 del 17/06/2015 Pagina 1 di 11

2 Caro dipendente, Benvenuti in Marinello Tende ti porgiamo il benvenuto in Marinello Tende. Sei invitato alla lettura del regolamento aziendale per comprendere appieno cosa possiamo offrirti e cosa ci aspettiamo da te. Abbiamo preparato questa guida per voi, attuali e futuri dipendenti, per fare in modo di raggiungere un alto grado di fiducia ed evitare ogni possibile fraintendimento in futuro. Un pizzico della nostra storia: Marinello Tende nasce nel 1979 a Padova, come piccolo laboratorio artigiano per il nascente mercato della protezione solare, all epoca caratterizzato soprattutto dalle tende alla veneziana in alluminio. Nei primi anni 80 si affianca la produzione di zanzariere su misura, e negli anni 2000 le tende tecniche, settore nel quale abbiamo sviluppato una gamma completa grazie ad un eccellente conoscenza delle potenzialità tecniche. Nel 2004 abbiamo inaugurato lo stabilimento produttivo di Ponte San Nicolò, progettato secondo le nostre esigenze e dotato di tutti i confort per incrementare il benessere nel lavoro, ottimizzare i flussi produttivi, essere ospitale per tutti. Oggi l azienda si pone l obiettivo di incrementare il numero di clienti in Italia e nei principali paesi Europei che ci scelgono per la qualità del prodotto offerto, l ampiezza di gamma, l efficacia della comunicazione e la bontà nel rapporto qualità/prezzo. Con una piccola differenza rispetto ai concorrenti: manteniamo ciò che promettiamo. Crediamo nel capitale umano, nel valore aggiunto di ognuno dei nostri dipendenti. Un clima aziendale positivo è la premessa per poter guardare al futuro con serenità per poterci meritare il nostro posto nel Mondo. In caso vogliate aggiungere qualcosa a questa guida, o abbiate qualche suggerimento riguardo il contenuto, siete invitati a farcelo sapere. Siamo qui per rendervi la vita più facile! Cordialmente, Marta Zanella Mauro Marinello Pagina 2 di 11

3 Cos è per noi la cultura aziendale Responsabilità Principio di responsabilità significa aiutare il collega e non dire non è compito mio a prescindere. Principio di causatività significa cercare in sé il miglioramento. Per chi applica costantemente il principio di responsabilità e causatività, vengono riconosciuti aumenti contributivi. Educazione E normale, durante l attività professionale, avere vedute e posizioni divergenti: l educazione è il comportamento da tenere per risolvere i problemi. Comportamenti come alzare il tono della voce sono segno di arroganza e prepotenza e quindi chi li applica è in torto a prescindere. Rispetto per le persone Non sono tollerate in alcun modo offese personali, né dirette né rivolte a chi in quel momento è assente. Chi chiamiamo tra di noi con i nostri nomi di battesimo. Si parla l italiano o l inglese, il dialetto è proibito. Incoraggiare il miglioramento continuo Ci sforziamo per creare un ambiente tollerante all errore. Sappiamo che l errore fa parte del nostro lavoro, soprattutto nella nostra realtà basata sul dinamismo, velocità ed innovazione incrementale continua. L errore viene punito solamente se viene tenuto nascosto e mentito. E gradito non solo dirlo, ma condividerlo con il team per imparare ognuno dagli errori degli altri e crescere di più insieme. Automotivazione ed autonomia Siamo in pochi, c è sempre tanto da fare e ci sono sempre più opportunità che tempo. Incoraggiamo personalità autonome che capiscano obiettivi e metodi e si muovano trovando la loro strada e modalità. Lavorare in una piccola azienda richiede una forte dose di auto motivazione; per coltivarla, possono essere utili i libri a disposizione in libreria. Professionalità Non siamo e non crediamo al motto fasso tutto mi. Non esistono persone migliori di altre, ci sono solo talenti diversi. Crediamo nel fare, nei risultati che richiedono impegno, studio e lavoro, e ripagano in soddisfazione, e non nelle cose facili e furbe. Pagina 3 di 11

4 SOMMARIO Validità...5 Campo di applicazione...5 Disposizioni generali...5 Obblighi di servizio...5 Rapporti in azienda...6 Obblighi del lavoratore...6 Uso degli autoveicoli aziendali...6 Attività collaterali...7 Segreto professionale...7 Parcheggio esterno...8 Uso del telefono...8 Posto di lavoro...8 Radio...8 Libreria aziendale...9 Abbigliamento...9 Orario di lavoro, assenze, ferie e permessi...9 Orario di lavoro...9 Pause...9 Malattia ed infortunio...10 Modalità di pagamento...10 Convenzione per pranzi...10 Uso di sistemi informatici e telematici...10 Utilizzo del personal computer...10 Wifi aziendale...11 Pagina 4 di 11

5 Validità Campo di applicazione Il presente Regolamento Aziendale è il documento di riferimento per l attuazione di comportamenti e disposizioni che Marinello Tende ha definito per i propri dipendenti. I destinatari di tale regolamento sono tutti i dipendenti Marinello Tende. Il regolamento non ha limiti temporali di validità, ma potrà essere modificato, quando se ne individuasse la necessità, alla luce di variazioni della normativa derivanti dell azienda, dai contratti collettivi nazionali e dalle leggi. Il presente regolamento si riferisce e integra quanto definito dal CCNL Artigianato Metalmeccanica e dalla legislazione corrente. Il contratto collettivo stabilisce la paga oraria ordinaria e straordinaria in base al livello, le ferie di diritto, maternità, assenze giustificate. Disposizioni generali Obblighi di servizio Il dipendente è tenuto ad adempiere conscienziosamente alle mansioni affidategli e tutelare gli interessi dell azienda in ogni circostanza, sia durante l orario di lavoro, sia al di fuori di esso. Il dipendente è tenuto a svolgere la sua attività in modo ordinato e disciplinato, evitando comportamenti che rechino pregiudizio all immagine dell azienda. E assolutamente vietato alzare il tono della voce, per qualsiasi motivo. Durante il lavoro è vietato il consumo di bevande alcoliche. Pagina 5 di 11

6 Rapporti in azienda I rapporti tra i lavoratori, a tutti i livelli di responsabilità della Marinello Tende, saranno improntati a reciproca correttezza ed educazione. Il dipendente in tutte le manifestazioni del rapporto di lavoro dipende dai superiori come previsto dall organizzazione aziendale. L organigramma aziendale è deciso dalla Direzione e verrà pubblicato in bacheca e periodicamente aggiornato. Obblighi del lavoratore Il lavoratore deve avere diligente cura delle macchine, strumenti, arnesi, attrezzature e tutto quanto viene messo a sua disposizione, senza apportarvi nessuna modifica se non dopo averne chiesta e ottenuta autorizzazione dal Responsabile. Il lavoratore deve fare uso dei dispositivi di protezione individuale ricevuti in dotazione e utilizzarli in considerazione delle mansioni che è tenuto a svolgere. Il lavoratore è tenuto ad osservare tutte le norme di prevenzione infortuni che sono state impartite dalla Marinello Tende sia per la propria incolumità sia per quella dei collaboratori. Inoltre è tenuto a segnalare immediatamente al proprio Responsabile diretto eventuali deficienze o mancanze in ordine alla sicurezza degli impianti e delle attrezzature delle quali dovesse venire a conoscenza. Uso degli autoveicoli aziendali Il lavoratore dovrà osservare tutte le norme e i regolamenti sulla circolazione come previsto dalla legge. La guida del mezzo dovrà essere effettuata unicamente dal lavoratore autorizzato dalla Direzione. Alla consegna del mezzo ed al suo rientro in azienda, va compilato l apposito registro. Pagina 6 di 11

7 Nel caso di contravvenzioni comminate all azienda, è dovuto da parte del dipendente il totale dell ammontare della multa, con conseguente trattenuta dalla busta paga nel mese seguente. Il lavoratore non dovrà far salire sul mezzo, come trasportato, alcuna persona né dell azienda né estranea salvo che ciò non venga espressamente consentito con autorizzazione della Direzione. Il mezzo dovrà essere utilizzato solo per ragioni di lavoro e nell ambito della prestazione autorizzata. Non sarà consentito, pertanto, utilizzare il mezzo per motivi personali né per conto terzi. Il mezzo durante le ore notturne dovrà essere ricoverato presso l azienda. Le spese sostenute dal lavoratore per conto dell azienda (benzina, autostrada, ecc ) verranno rimborsate solo se autorizzate e con documentazione in regola con le vigenti disposizioni fiscali. Gli automezzi aziendali sono muniti di rilevatore GPS; tutte le attività del conducente sono tracciate ed a disposizione della Direzione. Non è consentito fumare all interno dei veicoli. Attività collaterali Il dipendente non ha diritto di eseguire lavori per conto proprio o di terzi, durante l orario di lavoro, salvo permesso della Direzione. Segreto professionale Il dipendente è tenuto a osservare la più assoluta discrezione e segretezza su tutte le attività dell azienda venute a sua conoscenza in seguito allo svolgimento delle sue mansioni. La diffusione di informazioni confidenziali e/o riservate, è perseguita dal codice penale, dal CCNL e dal presente regolamento. Pertanto è vietato: Divulgare informazioni e/o file inerenti alle attività di fabbricazione. Fotografare o filmare disegni, processi produttivi, attrezzature. Pagina 7 di 11

8 Parcheggio esterno Il dipendente è pregato di posteggiare le auto in modo ordinato, all interno degli appositi spazi dedicati nel lato destro dell edificio. E vietato ostruire con la propria auto o moto il tombino colorato di rosso, situato nel lato frontale di fronte alla cabina del gas. Uso del telefono Durante l orario di lavoro, compresi i periodi di pausa, non è consentito l uso di telefoni cellulari, smartphone, tablet, smartwatch ed ogni apparecchio elettronico per uso personale. Il telefono aziendale affidato all utente è uno strumento di lavoro. Ne viene concesso l uso esclusivamente per lo svolgimento dell attività lavorativa, non essendo quindi consentite comunicazioni a carattere personale o comunque non strettamente inerenti l attività lavorativa stessa. La ricezione o l effettuazione di telefonate personali è consentito solo nel caso di comprovata necessità e urgenza. Eventuali imprescindibili esigenze personali dovranno essere preventivamente autorizzate dalla Direzione. E consigliato lasciare il numero del centralino ( ) ai propri familiari e a quanti potrebbero aver bisogno di fare comunicazioni urgenti con i dipendenti durante l orario di lavoro. Posto di lavoro Radio La Direzione non risponde della perdita o dello smarrimento di oggetti di valore di qualsiasi tipo. Allo scopo di incrementare il confort e il benessere sul luogo di lavoro, in tutti gli ambienti dello stabilimento sono in funzione diffusori sonori. Il volume e l emittente della radio sono scelti esclusivamente dalla Direzione. E vietato l uso di ogni altro apparecchio radio. Pagina 8 di 11

9 Libreria aziendale E consentito e consigliato l uso della libreria aziendale. La libreria accetta donazioni di libri che si vogliono condividere con i colleghi. Abbigliamento Il lavoratore dovrà usare preferibilmente gli abiti forniti dall azienda. Non sono ammessi abiti che lascino scoperte spalle, addome. Orario di lavoro, assenze, ferie e permessi Orario di lavoro Pause L orario di lavoro è il seguente: dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 12:30 e dalle 14:00 alle 18:00. Il sabato dalle 8:30 alle 12:30. L orario d ingresso in azienda è previsto 10 minuti prima dell inizio del proprio turno di lavoro. All orario di inizio il lavoratore dovrà trovarsi pronto a svolgere la propria attività. E proibito l accesso in azienda o la permanenza oltre l orario di lavoro fissato se non autorizzati dalla Direzione. Le ore di lavoro straordinario devono essere esplicitamente autorizzate dalla Direzione. I ritardi non potranno essere recuperati e costituiscono assenza non retribuita, con una decurtazione minima di 30 minuti. E consentita una pausa di 15 minuti ogni 2 ore di lavoro. Anche durante le pause ogni funzione aziendale deve rimanere pienamente operativa. Pagina 9 di 11

10 Malattia ed infortunio In caso di malattia il lavoratore deve avvertire l azienda entro le ore 12:30 del primo giorno di assenza. Entro il secondo giorno dall inizio o prosecuzione dell assenza, il lavoratore deve comunicare all azienda il numero di protocollo identificativo del certificato inviato dal medico per via telematica all INPS. Modalità di pagamento La corresponsione della paga viene effettuata il giorno 20 di ogni mese, per la retribuzione del mese precedente, salvo cause di forza maggiore che saranno preventivamente comunicate dalla Direzione. Convenzione per pranzi L azienda ha stipulato una convenzione con Trattoria Roma per la pausa pranzo. La trattoria può essere raggiunta in auto con mezzi propri del lavoratore. Il costo stabilito per pranzo sarà suddiviso al 50% tra azienda e lavoratore con trattenuta in busta paga. Il lavoratore dovrà segnalare nell apposito calendario esposto in bacheca i giorni in cui ha usufruito del servizio. Uso di sistemi informatici e telematici Utilizzo del personal computer Non è consentita l installazione di programmi diversi da quelli autorizzati dalla Direzione. Non è consentito aprire files personali da memorie USB, CD, DVD o scaricati da Internet. La Direzione si riserva di modificare le impostazioni e di eliminare software e files ritenuti potenzialmente pericolosi e/o non consoni all attività lavorativa in ogni momento e senza ulteriore preavviso. Pagina 10 di 11

11 L uso delle password per accesso alla rete aziendale, per l accesso della casella aziendale e di altri servizi telematici devono essere comunicate alla Direzione. Nell uso della posta elettronica, in caso di mittenti sconosciuti o messaggi insoliti, per non correre il rischio di essere infettati da virus occorrerà cancellare i messaggi senza aprirli. E consentito l accesso alla web mail personale solo per motivi di massima urgenza al di fuori dell orario di lavoro e sempre e comunque sotto sorveglianza della Direzione. Wifi aziendale La rete wifi aziendale è da utilizzare esclusivamente per device di proprietà aziendale. Pagina 11 di 11

Regolamento interno del personale dell OMCeO di Monza e Brianza

Regolamento interno del personale dell OMCeO di Monza e Brianza Regolamento interno del personale dell OMCeO di Monza e Brianza 1. Applicabilità. Il presente regolamento interno viene predisposto dall OMCeO di Monza e Brianza al fine di regolarizzare lo svolgimento

Dettagli

Via Guido Rossa, 1 40033 Casalecchio di Reno (BO) Tel 051.598364. Regolamento interno. Il Direttore generale. Ing. Serse Luigi Catani

Via Guido Rossa, 1 40033 Casalecchio di Reno (BO) Tel 051.598364. Regolamento interno. Il Direttore generale. Ing. Serse Luigi Catani Via Guido Rossa, 1 40033 Casalecchio di Reno (BO) Tel 051.598364 Regolamento interno Il Direttore generale Ing. Serse Luigi Catani 19 marzo 2014 Sommario 1. Riferimenti legislativi... 3 2. Modalità di

Dettagli

Allegato C Codice Disciplinare

Allegato C Codice Disciplinare Allegato C Codice Disciplinare Art. 1 Obblighi del prestatore di lavoro 52 Art. 2 Divieti 52 Art. 3 Giustificazione delle assenze 52 Art. 4 Rispetto orario di lavoro 53 Art. 5 Comunicazione mutamento di

Dettagli

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico SERVIZIO DI VIGILANZA E VERIFICA ACCESSI PER L ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO DI PADOVA * * * * * * CAPITOLATO

Dettagli

ORDINE DEI FARMACISTI DELLA PROVINCIA DIBELLUNO

ORDINE DEI FARMACISTI DELLA PROVINCIA DIBELLUNO ORDINE DEI FARMACISTI DELLA PROVINCIA DIBELLUNO REGOLAMENTO INTERNO PER I LAVORATORI 1. ORGANIZZAZIONE INTERNA 1.1 Orari 1. Ogni servizio deve garantire la copertura oraria stabilita dal Consiglio Direttivo

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwert yuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui opasdfghjklzxcvbnmqwertyuiop asdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwert yuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui opasdfghjklzxcvbnmqwertyuiop asdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwert yuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui opasdfghjklzxcvbnmqwertyuiop asdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd REGOLAMENTO AZIENDALE fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfgh Prima

Dettagli

COMUNE TERTENIA DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSI A DISPOSIZIONE DALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE TERTENIA DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSI A DISPOSIZIONE DALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE TERTENIA Allegato G.C. 32/2013 DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSI A DISPOSIZIONE DALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Finalità Il presente disciplinare persegue

Dettagli

CODICE ETICO DI FREE WORK SERVIZI S.R.L. APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE CON DELIBERA DEL 29 novembre 2010

CODICE ETICO DI FREE WORK SERVIZI S.R.L. APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE CON DELIBERA DEL 29 novembre 2010 CODICE ETICO DI FREE WORK SERVIZI S.R.L. APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE CON DELIBERA DEL 29 novembre 2010 1. PREMESSA Free Work Servizi S.r.l. ha ritenuto necessario definire il proprio Codice

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO INDICE

REGOLAMENTO INTERNO INDICE INDICE 1. REVISIONI... 3 2. SCOPO... 4 3. CAMPO DI APPLICAZIONE... 5 4. RIFERIMENTI NORMATIVI... 6 5. REGOLE GENERALI... 7 5.1 ACCESSO AI LOCALI DELLA SEDE DEI DIPENDENTI E DEI COLLABORATORI 7 5.2 ACCESSO

Dettagli

E.N.P.A. ONLUS REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI VOLONTARIATO PRESSO LA SEZIONE DI MONZA E BRIANZA

E.N.P.A. ONLUS REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI VOLONTARIATO PRESSO LA SEZIONE DI MONZA E BRIANZA E.N.P.A. ONLUS REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI VOLONTARIATO PRESSO LA SEZIONE DI MONZA E BRIANZA Il presente regolamento contiene le norme che devono seguire coloro che intendono prestare

Dettagli

REGOLAMENTO. Gestione dei dispositivi informatici dell Istituto e degli strumenti multimediali (dispositivi, rete, Internet, mail, ecc.

REGOLAMENTO. Gestione dei dispositivi informatici dell Istituto e degli strumenti multimediali (dispositivi, rete, Internet, mail, ecc. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca LICEO SCIENTIFICO STATALE Donato Bramante Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) - MIUR: MIPS25000Q Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97220275 Sito:

Dettagli

NOTE INFORMATIVE PER LO STUDENTE

NOTE INFORMATIVE PER LO STUDENTE CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA Sede di FERRARA Anno accademico 2015-2016 http://www.unife.it/medicina/fisioterapia NOTE INFORMATIVE PER LO STUDENTE 1 ANNO DI CORSO A cura

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DISCIPLINARE DEI VEICOLI DI SERVIZIO

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DISCIPLINARE DEI VEICOLI DI SERVIZIO Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DISCIPLINARE DEI VEICOLI DI SERVIZIO DISCIPLINARE DEI VEICOLI DI SERVIZIO Indice Parte Prima - Regole generali Articolo 1 - Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE rev.1 del 15.10.2014

REGOLAMENTO AZIENDALE rev.1 del 15.10.2014 SEUS SICILIA EMERGENZA-URGENZA SANITARIA SCpA Sede Legale: Via Villagrazia, 46 Edificio B - 90124 Palermo Registro delle Imprese di Palermo Codice Fiscale e Partita Iva. 05871320825 REGOLAMENTO AZIENDALE

Dettagli

SIA Area Sistemi Informativi Aziendali

SIA Area Sistemi Informativi Aziendali SIA Area Sistemi Informativi Aziendali PROGETTAZIONE E SVILUPPO REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELL'ESERCIZIO DELLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E DI UTILIZZO DEI DATI Ottobre 2014 (Ver.2.0) 1 Sommario 1.

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA. Regolamento per la sicurezza e l'utilizzo delle postazioni di informatica individuale

COMUNE DI PAGLIETA. Regolamento per la sicurezza e l'utilizzo delle postazioni di informatica individuale COMUNE DI PAGLIETA Regolamento per la sicurezza e l'utilizzo delle postazioni di informatica individuale Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 19 del 01/02/2013 Regolamento per la sicurezza

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Art. 1 Finalità.2 Art. 2 Orario di Lavoro 2 Art. 3 Flessibilità autorizzata.. 2 Art. 4 Recuperi e trattenute....3 Art. 5 Ferie e Permessi......3 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI LAVORATORI E DEI SOCI LAVORATORI DELLA COOPERATIVA SOCIALE. SOTTOSOPRA

REGOLAMENTO DEI LAVORATORI E DEI SOCI LAVORATORI DELLA COOPERATIVA SOCIALE. SOTTOSOPRA REGOLAMENTO DEI LAVORATORI E DEI SOCI LAVORATORI DELLA COOPERATIVA SOCIALE. SOTTOSOPRA In vigore dal luglio 2009 2 PREMESSA Il presente regolamento approvato dal consiglio di amministrazione della cooperativa

Dettagli

ORDINE degli AVVOCATI di MILANO. Regolamento della Biblioteca Avv. Giorgio AMBROSOLI

ORDINE degli AVVOCATI di MILANO. Regolamento della Biblioteca Avv. Giorgio AMBROSOLI ORDINE degli AVVOCATI di MILANO Regolamento della Biblioteca Avv. Giorgio AMBROSOLI Approvato dal Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Milano in data 15 ottobre 2009 DISPOSIZIONI GENERALI L accesso

Dettagli

Capitolo IX - Norme comportamentali e disciplinari

Capitolo IX - Norme comportamentali e disciplinari Capitolo IX - Norme comportamentali e disciplinari Art. 46 Rapporti in impresa I rapporti tra i lavoratori ai diversi livelli di responsabilità nell organizzazione aziendale saranno improntati a reciproca

Dettagli

INFORMATICA TRENTINA SpA Codice Etico e di comportamento interno

INFORMATICA TRENTINA SpA Codice Etico e di comportamento interno INFORMATICA TRENTINA SpA Codice Etico Approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 29/03/2010 PRINCIPALI MODIFICHE RISPETTO ALLA VERSIONE PRECEDENTE Data Versione Modifiche apportate 06/07/2009

Dettagli

Guida all utilizzo dei servizi hometao. Domande frequenti

Guida all utilizzo dei servizi hometao. Domande frequenti Guida all utilizzo dei servizi hometao Domande frequenti 1 Guida all utilizzo dei servizi hometao REQUISITI NECESSARI PER USUFRUIRE DEL SERVIZIO HOMETAO VIA MAIL La richiesta di iscrizione al servizio

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. Regolamento della Fraternità di Misericordia di Pescara revisione ed aggiornamento seduta del C.D. Del 07/01/2014.

REGOLAMENTO INTERNO. Regolamento della Fraternità di Misericordia di Pescara revisione ed aggiornamento seduta del C.D. Del 07/01/2014. C.F. 91041370684 Associazione con Personalità Giuridica Riconosciuta con D.P.G.R. Abruzzo 70/2007 Autorizzazione Presidente Giunta Regionale n. 653 del 16/10/1996 REGOLAMENTO INTERNO Regolamento della

Dettagli

DOVERI del DIPENDENTE

DOVERI del DIPENDENTE Prot.4067/C2 14.11.2015 Poppi Albo sito della scuola Al Personale di Segreteria Ai Collaboratori Scolastici All'Assistente Tecnico Isis Galilei di Poppi Loro sedi p.c.al DSGA Paola Gallastroni sede p.c.

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI IN OSSERVANZA DEL PROVVEDIMENTO GENERALE DEL GARANTE DELLA PRIVACY DEL 01/03/2007

DISCIPLINARE IN MATERIA DI UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI IN OSSERVANZA DEL PROVVEDIMENTO GENERALE DEL GARANTE DELLA PRIVACY DEL 01/03/2007 DISCIPLINARE IN MATERIA DI UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI IN OSSERVANZA DEL PROVVEDIMENTO GENERALE DEL GARANTE DELLA PRIVACY DEL 01/03/2007 Premessa Gentile Signora/Egregio Signor., L utilizzo delle

Dettagli

LE REGOLE PER L UTILIZZO DEI SISTEMI

LE REGOLE PER L UTILIZZO DEI SISTEMI LE REGOLE PER L UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI Approvato con Deliberazione della Giunta Provinciale n. 107 del 21 maggio 2009 Indice Premessa... 2 1. Entrata in vigore del regolamento e pubblicità...

Dettagli

olume 1 Conforme alle linee guida impartite da VERITAS relative al Sistema di Gestione di Gruppo

olume 1 Conforme alle linee guida impartite da VERITAS relative al Sistema di Gestione di Gruppo olume 1 Codice disciplinare Conforme alle linee guida impartite da VERITAS relative al Sistema di Gestione di Gruppo INDICE 1 DOVERI E RESPONSABILITA E DISCIPLINA 5 1.1 Doveri e divieti 5 1.2 Doveri e

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale

REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale Questo documento contiene le norme che regolano la vita interna dei Centri di Formazione Professionale di ABF; tutti devono

Dettagli

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Approvato dal CONSIGLIO DIRETTIVO nella seduta del 3 marzo 2009,

Dettagli

Circ. n.6 alunni San Zenone degli Ezzelini, 15 /09/2014

Circ. n.6 alunni San Zenone degli Ezzelini, 15 /09/2014 SAN ZENONE DEGLI EZZELINI Via A.Canova,2 Tel. 0423/567080 Fax0423/964574 e-mail tvic862003@istruzione.it TVIC862003@pec.istruzione.it - sito web www.comprensivosanzenone.gov.it CM.TVIC862003 CF.92026890266

Dettagli

CODICE ETICO AZIENDALE

CODICE ETICO AZIENDALE CODICE ETICO AZIENDALE 1. Introduzione La Bruzzi Autotrasporti è un azienda di trasporti c/terzi inserita nel settore del mercato siderurgico, opera con le principali aziende di produzione e commercializzazione

Dettagli

Settore Gestione e Organizzazione Risorse Umane

Settore Gestione e Organizzazione Risorse Umane Settore Gestione e Organizzazione Risorse Umane REGOLAMENTO PER L USO DEI VEICOLI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L USO DEI VEICOLI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA. Art. 1 1. Il presente regolamento

Dettagli

TERMINI DI USO DEL SITO

TERMINI DI USO DEL SITO TERMINI DI USO DEL SITO TERMINI DI USO DEL SITO Benvenuti sul sito internet di Loro Piana ( Sito ). Il Sito è di proprietà ed è gestito da Loro Piana S.p.A. Società soggetta a direzione e coordinamento

Dettagli

Contratto CyberTribu rev. 141015!

Contratto CyberTribu rev. 141015! Contratto CyberTribu rev. 141015 1. Il presente contratto costituisce un accordo fra l autore di CLICKTRIBU (il sig. Vincenzo Monno con partita IVA 04212820262, d ora innanzi per brevità chiamato CLICKTRIBU)

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI AMMINISTRAZIONE E SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATIVI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI AMMINISTRAZIONE E SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATIVI 84 REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI AMMINISTRAZIONE E SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATIVI ADOTTATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 310/215 PROP.DEL. NELLA SEDUTA

Dettagli

Versione: 02 del 03/03/2006. Procedura Rimborso Spese Impiegati Quadri Dirigenti. Pag. 1 di 14

Versione: 02 del 03/03/2006. Procedura Rimborso Spese Impiegati Quadri Dirigenti. Pag. 1 di 14 RIMBORSO SPESE IMPIEGATI - QUADRI - DIRIGENTI Pag. 1 di 14 INDICE 1. GENERALITA... 3 2. RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE.... 3 2.1. Principi generali....3 2.2. Definizione della richiesta...3 2.3. Modalità

Dettagli

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DI POSTA ELETTRONICA, INTERNET,TELEFONI E FAX ALL INTERNO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI TREVISO

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DI POSTA ELETTRONICA, INTERNET,TELEFONI E FAX ALL INTERNO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI TREVISO Allegato alla delibera di Giunta n. 185 del 18.11.2010 DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DI POSTA ELETTRONICA, INTERNET,TELEFONI E FAX ALL INTERNO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI TREVISO INDICE Premessa Art. 1:

Dettagli

Le norme della Responsabilità Sociale

Le norme della Responsabilità Sociale COOP. SOCIALE ONLUS Via Petrarca 45/bis Sant Antioco S.A 8000- NORME RESPONSABILITÀ SOCIALE INDICE: Il sistema SA8000 Il comportamento in azienda Norme disciplinari Regole di sicurezza sul posto di lavoro

Dettagli

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA E DELLA RETE INTERNET

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA E DELLA RETE INTERNET L2010-1 Comunità Montana VALLI ORCO E SOANA AGENZIA di SVILUPPO del TERRITORIO (Art. 9-ter L.R. n. 16/99) DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA E DELLA RETE INTERNET DECRETO LEGISLATIVO 30

Dettagli

CODICE ETICO E DI CONDOTTA

CODICE ETICO E DI CONDOTTA SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 - PROTEZIONE DEI BENI E RISORSE DELLA COOPERATIVA O AD ESSA AFFIDATI 3 3 - UTILIZZO DI SISTEMI INFORMATICI E DI COMUNICAZIONE...4 4 - CONFLITTI D INTERESSE E SFRUTTAMENTO A PROPRIO

Dettagli

a- Via Autostrada Roma Napoli, uscita Valmontone (RM) b- Via tuscolana-via Ateniese c- Via Casilina Valmontone-Artena

a- Via Autostrada Roma Napoli, uscita Valmontone (RM) b- Via tuscolana-via Ateniese c- Via Casilina Valmontone-Artena CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno strumento con cui la casa di riposo Il Chiostro intende instaurare un dialogo con i propri utenti, promuovendone l informazione, la tutela e la partecipazione.

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO NELL AMBITO DEI SERVIZI COMUNALI PER LA PRIMA INFANZIA (Approvate con Determinazione n. 1719 del 27 agosto 2013)

NORME DI COMPORTAMENTO NELL AMBITO DEI SERVIZI COMUNALI PER LA PRIMA INFANZIA (Approvate con Determinazione n. 1719 del 27 agosto 2013) NORME DI COMPORTAMENTO NELL AMBITO DEI SERVIZI COMUNALI PER LA PRIMA INFANZIA (Approvate con Determinazione n. 1719 del 27 agosto 2013) I servizi comunali per la prima infanzia sono luoghi educativi dove

Dettagli

REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA

REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA Servizio di prenotazione telefonica (call center) delle prestazioni specialistiche ambulatoriali erogate dalle strutture pubbliche e private accreditate dell'ulss

Dettagli

MANUALE DELL UTENTE DEL SISTEMA DI POSTA VOCALE

MANUALE DELL UTENTE DEL SISTEMA DI POSTA VOCALE MANUALE DELL UTENTE DEL SISTEMA DI POSTA VOCALE AVVISO Le informazioni contenute in questo documento sono ritenute accurate sotto tutti i punti di vista, ma non sono garantite da Mitel Networks Corporation

Dettagli

Risorse Sabine S.p.A. - Regolamento Informatico Interno

Risorse Sabine S.p.A. - Regolamento Informatico Interno Regolamento Informatico Interno ai sensi del D.Lgs 196/2003 e delle Linee guida del Garante della privacy per posta elettronica ed internet (Gazzetta Ufficiale n. 58 del 10 Marzo 2007). Pagina 1 di 12

Dettagli

Il sistema disciplinare

Il sistema disciplinare ALLEGATO 2a Il sistema disciplinare Si fa riferimento alle vigenti norme di legge e di contratto, tra cui: D.Lgs 81/08 - Art. 20 - Obblighi dei lavoratori 1. Ogni lavoratore deve prendersi cura della propria

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI TERMINI E CONDIZIONI GENERALI I Termini e Condizioni di seguito riportate costituiscono una parte integrante del contratto tra il cliente, da ora in avanti chiamato PARTECIPANTE e SERVICIOS TURISTICOS

Dettagli

ASSOCIAZIONE NAZIONALE CONSULENTI TRIBUTARI. Codice deontologico

ASSOCIAZIONE NAZIONALE CONSULENTI TRIBUTARI. Codice deontologico ASSOCIAZIONE NAZIONALE CONSULENTI TRIBUTARI Codice deontologico CODICE DEONTOLOGICO DEL CONSULENTE TRIBUTARIO Iscritto all Associazione Nazionale Consulenti Tributari- A.N.CO.T PREAMBOLO Il Consulente

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE AZIENDALE GENERALE. (Riapprovato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 28 ottobre 2011)

CODICE DISCIPLINARE AZIENDALE GENERALE. (Riapprovato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 28 ottobre 2011) CODICE DISCIPLINARE AZIENDALE GENERALE (Riapprovato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 28 ottobre 2011) 1) Diligenza del prestatore di lavoro Il prestatore di lavoro deve usare la diligenza

Dettagli

Codice disciplinare Cda 5 luglio 2013

Codice disciplinare Cda 5 luglio 2013 Codice disciplinare Cda 5 luglio 2013 Indice Il lavoratore deve tenere un contegno rispondente ai doveri inerenti all esplicazione delle mansioni affidategli e in particolare, a titolo esemplificativo

Dettagli

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DELLA RETE INFORMATICA

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DELLA RETE INFORMATICA Carpi Campogalliano - Novi di Modena - Soliera DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DELLA RETE INFORMATICA Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n.2/9 del 23.12.2011 ASP Azienda dei Servizi

Dettagli

REGOLAMENTO ESPOSITORI

REGOLAMENTO ESPOSITORI REGOLAMENTO ESPOSITORI ART.1 Denominazione e organizzazione Il festival internazionale dell ambiente e dell ecologia Ecocity Expo 2014 è organizzata dall associazione no profit Città Ecocompatibile. La

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI E DEGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE DEL C.I.S.A.

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI E DEGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE DEL C.I.S.A. REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI E DEGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE DEL C.I.S.A. Approvato con deliberazione dell Assemblea Consortile n. 8 del 20.04.2010 PREMESSE La progressiva diffusione

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico CODICE ETICO Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico Revisionato e approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 11.12.2014 INDICE PREMESSA pag. 04 1. Ambito di applicazione pag. 05 2. Valore contrattuale

Dettagli

REGOLAMENTO DEI VOLONTARI DEL CANILE E.N.P.A. DI VIA GERMAGNANO, 8

REGOLAMENTO DEI VOLONTARI DEL CANILE E.N.P.A. DI VIA GERMAGNANO, 8 Sezione Provinciale di Torino, Via Germagnano, 8 10156 Torino Tel-Fax: 011/2620397 mail: enpa_torino@yahoo.it REGOLAMENTO DEI VOLONTARI DEL CANILE E.N.P.A. DI VIA GERMAGNANO, 8 QUALIFICA Art. 1) Alla qualifica

Dettagli

INFORMATICA Alto Adige SPA

INFORMATICA Alto Adige SPA Approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 20/03/2012 INFORMATICA Alto Adige SPA Codice Etico e di comportamento interno Pagina 1 di 12 PRINCIPALI MODIFICHE RISPETTO ALLA VERSIONE PRECEDENTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DI MISSIONE DEL PERSONALE DI ARPA PIEMONTE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DI MISSIONE DEL PERSONALE DI ARPA PIEMONTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DI MISSIONE DEL PERSONALE DI ARPA PIEMONTE Art. 1 - Oggetto CAPO I PRINCIPI GENERALI 1. Il presente regolamento, nel rispetto dei principi stabiliti in materia

Dettagli

RICHIESTA DI PRENOTAZIONE VISITA

RICHIESTA DI PRENOTAZIONE VISITA RICHIESTA DI PRENOTAZIONE VISITA (da inviare via fax a: 0423 871047) Al responsabile delle attività didattiche della Fattoria Didattica Nino il contadino Sig. Osellame Marco Nome della Scuola/Istituzione

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ART. 1 NORME DI COMPORTAMENTO OGNI ALUNNO È TENUTO AL MASSIMO RISPETTO DELLE PERSONE E DELL AMBIENTE

Dettagli

FONDAZIONE TERZO PILASTRO ITALIA E MEDITERRANEO CODICE ETICO FONDAZIONE TERZO PILASTRO - ITALIA E MEDITERRANEO 1/9 VIA M. MINGHETTI 17 00187 ROMA

FONDAZIONE TERZO PILASTRO ITALIA E MEDITERRANEO CODICE ETICO FONDAZIONE TERZO PILASTRO - ITALIA E MEDITERRANEO 1/9 VIA M. MINGHETTI 17 00187 ROMA FONDAZIONE TERZO PILASTRO ITALIA E MEDITERRANEO VIA M. MINGHETTI 17 00187 ROMA Tel. 0039.06.97625591 Fax. 0039.06.98380693 mail: fondazione@fondazioneterzopilastro.it CODICE ETICO 1/9 Sommario 1.Generalità...

Dettagli

n. 17 del 7 maggio 2001 Sommario

n. 17 del 7 maggio 2001 Sommario Notiziario settimanale della Segreteria Nazionale del Sindacato Italiano Unitario Lavoratori Polizia Sede legale e redazione: via Vicenza 26, 00185 Roma - tel. 06/4455213 r.a. - telefax 06/4469841 Direttore

Dettagli

COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese

COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese MODALITA PER IL CORRETTO UTILIZZO DEL SISTEMA INFORMATICO COMUNALE Approvato con delib. G.C. n. 9 del 21.01.2006 - esecutiva Per l utilizzo corretto del sistema informatico,

Dettagli

Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE

Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE COMITATO DI CONTROLLO DEL CODICE ETICO DENUNCIA DELLE VIOLAZIONI 2 3 3

Dettagli

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Pro Senectute Via Valdirivo, 11- Trieste. Regolamento della Casa Albergo Enrico Caratti. Art.

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Pro Senectute Via Valdirivo, 11- Trieste. Regolamento della Casa Albergo Enrico Caratti. Art. Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Pro Senectute Via Valdirivo, 11- Trieste Regolamento della Casa Albergo Enrico Caratti Art. 1 Definizione Nel rispetto delle finalità previste dall art. 2 dello

Dettagli

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 170 del 07.11.2011 Indice

Dettagli

DEFINIZIONI Ai fini del presente contratto i termini successivamente indicati avranno il seguente significato:

DEFINIZIONI Ai fini del presente contratto i termini successivamente indicati avranno il seguente significato: CONDIZIONI E TERMINI DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DEFINIZIONI Ai fini del presente contratto i termini successivamente indicati avranno il seguente significato: Contratto: le presenti condizioni generali;

Dettagli

Festa del vino 2015 - Regolamento Espositori

Festa del vino 2015 - Regolamento Espositori Pro Loco Castelvenere Via del Genio 15, 82037 Castelvenere (BN) Tel. 3407943165 e-mail prolococastelvenere@libero.it castelvenere@unplibenevento.it Sito: www.prolococastelvenere.org Festa del vino 2015

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO EMANUELE ARTOM

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO EMANUELE ARTOM SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO EMANUELE ARTOM R E G O L A M E N T O anno scolastico 2009/2010 ORARIO SCOLASTICO inizio delle lezioni : lunedì, martedì e giovedì alle ore 8.20 mercoledì e venerdì alle

Dettagli

KEY SOLUTION S.R.L. IL CODICE ETICO E DISCIPLINARE DI COMPORTAMENTO SOMMARIO: 1. Premessa. 2. I principi generali. 3. Il Sistema di controllo interno.

KEY SOLUTION S.R.L. IL CODICE ETICO E DISCIPLINARE DI COMPORTAMENTO SOMMARIO: 1. Premessa. 2. I principi generali. 3. Il Sistema di controllo interno. KEY SOLUTION S.R.L. IL CODICE ETICO E DISCIPLINARE DI COMPORTAMENTO SOMMARIO: 1. Premessa. 2. I principi generali. 3. Il Sistema di controllo interno. 4. I rapporti con i Dipendenti e con i Collaboratori.

Dettagli

GETICA S.r.l. con socio unico

GETICA S.r.l. con socio unico GETICA S.R.L. REGOLAMENTO AZIENDALE 1 GETICA S.R.L. - REGOLAMENTO AZIENDALE - Premessa Il Regolamento Aziendale (nel seguito anche Regolamento ) è il documento che intende disciplinare in maniera organica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. FERRARIS Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di I Grado Tel. 0742 651248-301635. Fax. 0742 651375

ISTITUTO COMPRENSIVO G. FERRARIS Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di I Grado Tel. 0742 651248-301635. Fax. 0742 651375 DISCIPLINARE INTERNO PER L UTILIZZO DI INTERNET E POSTA ELETTRONICA DA PARTE DEI DIPENDENTI. 1. OGGETTO Il presente disciplinare, adottato sulla base delle indicazioni contenute nel provvedimento generale

Dettagli

DISPOSIZIONI SULL ACCESSO AL LABORATORIO E UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE INFORMATICHE

DISPOSIZIONI SULL ACCESSO AL LABORATORIO E UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE INFORMATICHE DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO Via Matteotti, 9 12084 MONDOVI (Cn) - Tel. 0174 43144 - Fax n.0174 553935e-mail: cnee03700g@istruzione.it Sito: www.2circolomondovi.it ALLEGATO n 3 DISPOSIZIONI SULL

Dettagli

PERSEO FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE REGIONI E AUTONOMIE LOCALI E SANITÀ

PERSEO FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE REGIONI E AUTONOMIE LOCALI E SANITÀ PERSEO FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE REGIONI E AUTONOMIE LOCALI E SANITÀ Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 164 Sede Legale: Via Cesare Beccaria, 29 00196 ROMA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AUTOVETTURE DI PROPRIETA PROVINCIALE. Approvato con Deliberazione consiliare n. 8792/1 del 4 aprile 1984

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AUTOVETTURE DI PROPRIETA PROVINCIALE. Approvato con Deliberazione consiliare n. 8792/1 del 4 aprile 1984 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AUTOVETTURE DI PROPRIETA PROVINCIALE Approvato con Deliberazione consiliare n. 8792/1 del 4 aprile 1984 Articolo 1 - Competenze degli uffici provinciali sul servizio autovetture

Dettagli

Comitato CASA Comitato di Coordinamento delle Attività Studentesche e Associative. Documento tecnico a.a. 15/16

Comitato CASA Comitato di Coordinamento delle Attività Studentesche e Associative. Documento tecnico a.a. 15/16 Comitato CASA Comitato di Coordinamento delle Attività Studentesche e Associative Documento tecnico a.a. 15/16 1. EVENT BUREAU (EB) L accesso ad Event Bureau è legato all account Bocconi creato per l associazione

Dettagli

REGOLAMENTO. della. Scuola Primaria Paritaria. Istituto Parrocchiale IMMACOLATA

REGOLAMENTO. della. Scuola Primaria Paritaria. Istituto Parrocchiale IMMACOLATA REGOLAMENTO della Scuola Primaria Paritaria Istituto Parrocchiale IMMACOLATA Anno scolastico 2015-2016 INDICE PREMESSA 1 PARTE PRIMA: I RUOLI A) Alunni 2 1. Diritti 2 2. Doveri 3 3. Disciplina 4 4. Norme

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO DI ALANNO (PE) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di Primo Grado, Istituto Tecnico Agrario Statale, Istituto

Dettagli

ACCESSO ALLA STRUTTURA...

ACCESSO ALLA STRUTTURA... REGOLAMENTO INTERNO ACCESSO ALLA STRUTTURA... 1 Iscrizione... 1 Quota d iscrizione... 2 Tessera di iscrizione... 2 Ospiti... 2 Calendario delle attivita... 2 UTILIZZO DELLA STRUTTURA... 3 Norme generali...

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Paolo Ruffini Via del Poggio,30-01018 Valentano (VT) 0761/422558 e-mail vtic80100@istruzione.it

Istituto Comprensivo Statale Paolo Ruffini Via del Poggio,30-01018 Valentano (VT) 0761/422558 e-mail vtic80100@istruzione.it MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Comprensivo Statale Paolo Ruffini Via del Poggio,30-01018 Valentano (VT) 0761/422558 e-mail

Dettagli

Regolamento informatico

Regolamento informatico Regolamento informatico Premessa La progressiva diffusione delle nuove tecnologie informatiche ed, in particolare, il libero accesso alla rete Internet dai Personal Computer, espone Ismea ai rischi di

Dettagli

La Cronoscalata...inMTB Regolamento Edizione 2015

La Cronoscalata...inMTB Regolamento Edizione 2015 La Cronoscalata...inMTB Regolamento Edizione 2015 2 Edizione: 5 settembre 2015 1. Diritto di partecipazione: Vi possono partecipare tutti i ciclisti di ambo i sessi in regola con il tesseramento per l

Dettagli

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 Messaggio della Bruschi Spa attraverso il suo CEO A distanza di 1 anno dalla prima adesione all iniziativa Global Compact siamo lieti di confermare il nostro impegno a proseguire

Dettagli

SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE

SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE ISTITUTO COLLEGIO DIMESSE PADOVA SCUOLE D INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA DI I GRADO SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE Premessa. Le scuole dell Istituto sono una comunità educante impegnata a collaborare con le

Dettagli

Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni.

Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni. CAMPO DI APPLICAZIONE Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni. FIGURE INTERESSATE Datore di Lavoro Lavoratore

Dettagli

Castel Monte Società Cooperativa Sociale - onlus

Castel Monte Società Cooperativa Sociale - onlus CODICE DI CONDOTTA DEL PERSONALE DELLA CASTEL MONTE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS Montebelluna, Piazza Parigi n. 7 Registro delle Imprese di Treviso n. 02338180264 Premessa Premesso che in data 13

Dettagli

Regolamento del Centro di Ricerca ed Elaborazione Audiovisiva (CREA) del Conservatorio Statale di Musica Licinio Refice di Frosinone

Regolamento del Centro di Ricerca ed Elaborazione Audiovisiva (CREA) del Conservatorio Statale di Musica Licinio Refice di Frosinone Prot. n. 4668/A-2 Frosinone, 15 luglio 2015 Regolamento del Centro di Ricerca ed Elaborazione Audiovisiva (CREA) del Conservatorio Statale di Musica Licinio Refice di Frosinone Art. 1 Il presente Regolamento

Dettagli

DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI CON RIGUARDO ALLA TUTELA DEI DATI PERSONALI PER IL

DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI CON RIGUARDO ALLA TUTELA DEI DATI PERSONALI PER IL DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI CON RIGUARDO ALLA TUTELA DEI DATI PERSONALI PER IL COMUNE DI FERMO Capo I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del disciplinare 1. Il presente disciplinare

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO G.A.I.B.

REGOLAMENTO INTERNO G.A.I.B. REGOLAMENTO INTERNO G.A.I.B. PREMESSA: Nel presentare al socio Volontario l immagine dell organizzazione G.A.I.B. si fa esplicito richiamo a tutte le norme statuarie vigenti al 01/06/2001 e si specifica

Dettagli

Gestione dei Servizi Medicali Condizioni di Servizio Sito Web www.piro2med.com versione 1.0 del 01/06/2010

Gestione dei Servizi Medicali Condizioni di Servizio Sito Web www.piro2med.com versione 1.0 del 01/06/2010 Gestione dei Servizi Medicali Condizioni di Servizio Sito Web www.piro2med.com versione 1.0 del 01/06/2010 Art. 1 Definizione delle parti Il presente viene stipulato tra il cliente, quale richiedente l

Dettagli

Roma, 21 dicembre 2009

Roma, 21 dicembre 2009 Roma, 21 dicembre 2009 Professionisti alle prese con la configurazione e la gestione quotidiana della PEC. Dopo essersene dotati ed averne comunicato l indirizzo all Ordine, entro lo scorso 29 novembre,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CASA PER FERIE

REGOLAMENTO DELLA CASA PER FERIE REGOLAMENTO DELLA CASA PER FERIE Soggiorno Alpino Don Bosco Carisolo (TN) La Casa per Ferie La Casa per Ferie SOGGIORNO ALPINO DON BOSCO è gestita dall Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente ecclesiastico

Dettagli

La vettura noleggiata è dotata delle seguenti coperture assicurativa incluse nel prezzo di noleggio e riportate sul contratto di noleggio.

La vettura noleggiata è dotata delle seguenti coperture assicurativa incluse nel prezzo di noleggio e riportate sul contratto di noleggio. CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO 1.QUALIFICAZIONE RICHIESTA PER IL NOLEGGIO - Ogni guidatore deve presentare la sua patente di guida (patente categoria B in corso di validità) valida per il paese in cui

Dettagli

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute REGOLAMENTO Fondo mètasalute 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente regolamento disciplina il funzionamento di mètasalute, il Fondo di assistenza sanitaria integrativa per i lavoratori dell industria metalmeccanica

Dettagli

Energy Auditing S.r.l.

Energy Auditing S.r.l. Energy Auditing S.r.l. Regolamento per l utilizzo delle risorse informatiche e telefoniche (redatto dal U.O. Sistemi Informativi di AMG Energia S.p.a.) 1 Indice: Premessa Riferimenti normativi Definizioni

Dettagli

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI DA PARTE DEL PERSONALE DELL ACI. Art. 1 Oggetto, finalità ed ambito di applicazione

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI DA PARTE DEL PERSONALE DELL ACI. Art. 1 Oggetto, finalità ed ambito di applicazione DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI DA PARTE DEL PERSONALE DELL ACI Art. 1 Oggetto, finalità ed ambito di applicazione 1. Il presente Disciplinare regolamenta l utilizzo degli strumenti

Dettagli

PROCEDURA PI 4.3.1-16 Procedura per la definizione dei requisiti della Responsabilità Sociale

PROCEDURA PI 4.3.1-16 Procedura per la definizione dei requisiti della Responsabilità Sociale PROCEDURA PI 4.3.1-16 Procedura per la definizione dei requisiti della Sociale Emissione 25/06/2010 1 di 11 1. SCOPO Lo scopo della presente procedura è di individuare e specificare i requisiti derivanti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI. Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 40 del 20/03/2014. REGOLAMENTO PER LA

Dettagli

Regolamento ENAIP VENETO. REGOLAMENTO ENAIP VENETO Centro Servizi Formativi di DOLO (VE)

Regolamento ENAIP VENETO. REGOLAMENTO ENAIP VENETO Centro Servizi Formativi di DOLO (VE) REGOLAMENTO ENAIP VENETO Centro Servizi Formativi di DOLO (VE) 1 ANNO FORMATIVO 2015-2016 Il presente Regolamento è stato definito dal Collegio Formatori del Centro Servizi Formativi di DOLO (VE) e dalla

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA PER PARTNER COMMERCIALI ARROW ELECTRONICS, INC.

CODICE DI CONDOTTA PER PARTNER COMMERCIALI ARROW ELECTRONICS, INC. 7459 South Lima Street Englewood, Colorado 80112 Agosto 2013 P 303 824 4000 F 303 824 3759 arrow.com CODICE DI CONDOTTA PER PARTNER COMMERCIALI ARROW ELECTRONICS, INC. Gentile Partner, il successo di Arrow

Dettagli