Tutela del minore tra diritto alla riservatezza e dovere di vigilanza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tutela del minore tra diritto alla riservatezza e dovere di vigilanza"

Transcript

1 Eliana Flores tra diritto alla riservatezza e dovere di vigilanza L autonomia scolastica non solo non risulta essere stata propositiva, ma neppure ha saputo fornire risposte, soluzioni e garanzie proporzionate alle sue potenzialità sul versante del contemperamento dei contrapposti interessi tra il diritto alla riservatezza del minore ed il dovere di vigilanza che fa capo ai docenti. Il passaggio dal testo al touch ovvero dalla carta al bit viene vissuto come un fenomeno che coinvolge solo alcune discipline ovvero determinati contenuti, e tale criticità non passa nell indifferenza agli occhi degli alunni, che ricevono messaggi fuorvianti e contraddittori. A fronte della formazione sulle nuove tecnologie a macchia di leopardo, i netizen sono connessi h24 e i genitori sono impossibilitati a monitorare i dispositivi mobili dei propri figli. Con rapidi cenni ad alcune norme - non vuole essere questa una trattazione processualcivilistica/penalistica che richiederebbe altri spazi - vengono prospettate nuove frontiere per un cambio paradigmatico, negli organi collegiali della scuola e negli assetti organizzativi, attinenti alla libertà di insegnamento e al diritto all utilizzo attivo e consapevole di Internet. 1

2 Touch me! L utilizzo di internet e della quantità di connessione mobile negli ultimi tempi si è sviluppato in modo esponenziale, comportando un parallelo decremento di quella domestica; pertanto sempre più i ragazzi sono sottratti alla vigilanza dei genitori e per questi ultimi risulta impossibile, allo stato, dotare smartphone, tablet, netbook, ipad ed ogni altro dispositivo mobile di tutte quelle misure di controllo (c.d. parental control) agevolmente adottabili sul pc di casa, come il tracciamento della cronologia nelle impostazioni del browser, l impostazione di filtri ovvero il controllo dell hard-disk ed altro ancora. Tralasciando gli ambienti e le dinamiche familiari, le nuove tecnologie hanno dotato ogni alunno di una connessione individuale al web: al mattino si recano a scuola, oggi, non tanto con zaino, libri e quaderni, ombrello ed occhiali, ma soprattutto con il bagaglio del proprio mondo-internet fatto di contatti, community, app, alert, repository di messaggistica, foto, video stratificati nel tempo e testimonianti se stessi e la propria storia, pronti a rimpinguare, senza soluzione di continuità, del vissuto quotidiano sia le memorie fisiche che il cloud. Percorrono le stesse strade, frequentano gli stessi quartieri e la stessa scuola, prendono lo stesso tram, ma sono sempre anche con un piede di là, altrove, per vivere la seconda loro presenzialità, espressa con i nuovi linguaggi, iconico, acronimico, con funzioni semantiche e pragmatiche ristrette alla simbologia sintetica offerta dall interfaccia sw ed hw in dotazione allo smartphone. Il dispositivo mobile non è un dettaglio, un mero accessorio aggiuntivo! La scuola, in tutte le sue articolazioni, non sembra essersene accorta, o meglio, di fatto continua a non prendere in carico in modo strutturato tale oceanica massa di ragazzi col capo chino sul display, generazione che esiste (forse di più) nel mondo dei bit, generazione che conosce delle condizioni meteo non alzando più gli occhi al cielo, non scrutando più l orizzonte, bensì con qualche touch sull app di riferimento. Se si ha voglia di scendere nel dettaglio dei dati, si può consultare il 13 Rapporto Eurispes Telefono Azzurro, inesorabile indagine nazionale sulla condizione dell infanzia e dell adolescenza svolta nel 2012, la cui ricerca si è concentrata soprattutto sull utilizzo dei media (http://www.eurispes.eu/content/rapporto-nazionale-sulla-condizionedell%e2%80%99infanzia-e-dell%e2%80%99adolescenza) pur se non recentissimo, offre tutti i profili dei rischi cui risultano esposti bambini, adolescenti e ragazzi dai 7 ai 18 anni - su internet, non escluso quello di nuove dipendenze, la pressoché illimitata libertà di scegliere dove, come, con chi e quando navigare, i discutibili, banali, improvvisati controlli a singhiozzo delle agenzie educative, la percezione dell effettivo divario generazionale che si atteggia non tanto come gap tecnologico in senso stretto, bensì come percezione dell incapacità di genitori e docenti di gestire una situazione ormai fuori controllo e nella antinomica considerazione del concetto di privacy. È agevolmente intuibile come, dal 2012 ad oggi, la situazione complessiva possa essere solo aggravata! Offre spunti interessanti di riflessione comparativa la relazione sull alfabetizzazione mediatica dei bambini e ragazzi dai 3 ai 15 anni pubblicata nell ottobre 2014 in Gran Bretagna dall Authority nel settore della concorrenza e delle comunicazioni del Regno Unito (OFCOM), esponendo sull uso dei vecchi e nuovi media, sugli atteggiamenti e la conoscenza dei rischi di internet nonché le opinioni dei genitori sull utilizzo dei dispositivi 2

3 dei loro figli nonché le modalità che adottano per gestire ovvero limitare l impiego dei diversi tipi di media. 14/Childrens_2014_Report.pdf - sintesi in lingua italiana disponibile a questo indirizzo: Chi lascerebbe andare da solo in giro un minore? Chi lascerebbe un ragazzo con sostanze che creano dipendenza a portata di mano? Ma la touch-generation è già migrante e già dipendente! Il problema è posto, ma Da un ventennio ormai Organismi internazionali hanno iniziato a muoversi a vario titolo studiando i problemi e sollecitando i Governi locali a redigere policy e predisporre sistemi di governance. Dei minori si è occupato già dal 1998 il Consiglio dell Unione europea, con l emanazione di una Raccomandazione concernente lo sviluppo della competitività dell industria dei servizi audiovisivi e d informazione europei attraverso la promozione di strutture nazionali volte a raggiungere un livello comparabile e efficace di tutela dei minori e della dignità umana che ha svolto un importante funzione di orientamento per i governi locali. Il Parlamento europeo (deputata francese Marielle de Sarnez, relatrice del provvedimento) rivolse all Unione una proposta di raccomandazione al fine di rendere più sicura la navigazione su internet dei minori, sia mediante misure che li difendano da contenuti non adatti, che mediante l istituzione di un dominio apposito (.kid), ed infine mediante l istituzione di un numero verde europeo per avere informazioni appropriate; per i successivi sviluppi: &from=IT Decisione del Consiglio del 29 maggio 2000 relativa alla lotta contro la pornografia infantile su Internet Decisione del Parlamento europeo e del Consiglio del 16 giugno 2003 che adotta un piano pluriennale d azione comunitario per promuovere l uso sicuro di internet attraverso la lotta alle informazioni di contenuto illegale e nocivo diffuse attraverso le reti globali Relazione del 19 luglio 2005 sulla proposta di raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alla protezione dei minori e della dignità umana Negli Stati Uniti ci sono stati vari atti di legge di regolamentazione censoria, come il Telecomummunication Act del 1996 (http://thomas.loc.gov/cgibin/query/z?c104:s.652.enr), che incorporava i principi del Communication Decency Act del 1995, ma anche provvedimenti opposti, come quello del Sindaco di New York che ha emanato una disposizione secondo cui dal 2 marzo 2015 non vi 3

4 sarà alcun divieto nelle scuole e gli alunni potranno portare il cellulare sempre con sé (http://www.lastampa.it/2015/01/09/societa/cellulari-in-classe-new-york-vara-la-finedel-proibizionismo-vqqkpp2u7zraxcqtcvkkcp/pagina.html ). In Corea del Sud e Vietnam si è dovuti ricorrere a misure estreme di coprifuoco on line (http://punto-informatico.it/ /pi/news/vietnam-notte-cala-suigame.aspx) e in Cina sono stati emessi provvedimenti ancor più discutibili, come il Parents Guardian Project for Minors playing online games (http://www.china.org.cn/china/ /01/content_ htm), considerati gli effetti sulla salute direttamente collegati alla permanente connessione a internet. E in Italia come stanno le cose? Quali sono state le iniziative istituzionali, le misure ministeriali e quelle fornite dall autonomia scolastica per la governance del problema? Vi sono stati dei pregevoli tentativi: - ci si aspettava tanto dal (fallito tentativo del) Codice Internet e Minori, che poteva rappresentare un esempio di buona pratica sul versante dell autoregolamentazione anche per le istituzioni scolastiche, sottoscritto il 19 novembre 2003 dall Associazione Italiana Internet Provider AIIP, dall Associazione per la Convergenza dei Servizi di Comunicazione AnFoV, dall Associazione Provider Indipendenti Assoprovider, dalla Federazione delle Imprese delle Comunicazioni e dell Informatica Federcomin., dal Ministero delle Comunicazioni e dal Ministero per l Innovazione e le Tecnologie. Scritto sulla traccia di quello dedicato alla tv e ai minori, purtroppo ha mostrato subito alcune criticità, come la previsione di una navigazione differenziata, nonché lacune macroscopiche, come quella sull utilizzo dei dati dei minori raccolti on line, strumenti di difesa del minore dallo spamming ovvero dalle informazioni indesiderate dell e-commerce, la tutela dalla forma giuridica di certe dichiarazioni on line (contratti c.d. point and click). Il testo è ancora consultabile su altro sito governativo: (http://www1.interno.gov.it/mininterno/export/sites/default/it/sezioni/sala_stampa/not izie/minori/notizia_18980.html_ html); - ci si aspettava altro apporto anche dal Codice di autoregolamentazione per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo, in consultazione dal gennaio Concordato tra rappresentanti delle Istituzioni (Mise, Agcom, Polizia postale e delle comunicazioni, Direzione Centrale della Polizia Criminale, Autorità per la privacy, Garante per l'infanzia e Comitato media e minori), delle Associazioni (Confindustria digitale, Assoprovider ecc.), degli operatori (Google, Microsoft ecc.) e presieduto dal Vice Ministro dello Sviluppo economico Antonio Catricalà, è visibile ancora come bozza (http://www.sviluppoeconomico.gov.it/images/stories/documenti/codice_cyberbullis mo_8%20gennaio_2013.pdf). Generazione a km 0 Si parla già da anni di scuola senza zaino ovvero di scuola book-free, di nativi digitali con 4

5 accezione esclusivamente positiva, ma nel frattempo i netizen scorrazzano nel loro campo libero: sono alunni, consumatori, amici, nemici, agiscono da soli e fanno gruppo non muovendosi dalla stessa sedia; viceversa i migranti digitali, ossia coloro che non sono nati nell epoca dei bit, pur avendo in astratto minor propensione tecnologica, risultano avere maggior consapevolezza del potenziale internet. Orbene, la scuola dell autonomia quali scelte effettua, fin dove si è spinta nel darsi delle regole sull utilizzo dei dispositivi mobili all interno delle istituzioni scolastiche? Compiendo una semplice ricerca sul web delle centinaia di regolamenti scolastici, ci si può rendere conto che non emergono posizioni diverse più di tanto, pur se alcune orlate da qualche disposizione bizzarra; norme che dovrebbero garantire studenti, in particolar modo minori, docenti e genitori durante il tempo-scuola: È vietato tenere acceso il cellulare durante le attività didattiche; l utilizzo è consentito solo per un utilizzo didattico concordato con l insegnante (es.: acquisizione di documentazione durante un attività di laboratorio). Il docente che rileva l infrazione si farà consegnare il cellulare (o altro dispositivo elettronico indebitamente usato durante le attività didattiche) e lo metterà in una busta chiusa in Segreteria contrassegnandola sul sigillo di chiusura con una firma del personale di segreteria) e una dello studente; ciò garantirà la riservatezza dei dati contenuti nel dispositivo fino al ritiro dello strumento da parte di un genitore. USO DEI CELLULARI E VIDEOFONINI A SCUOLA: durante le ore di lezione i cellulari e i videofonini devono essere tenuti rigorosamente spenti, per evitare di interferire con lo svolgimento dell attività didattica, nonché per il rispetto della normativa vigente in tema di privacy. Sono severamente punite tutte le azioni di hackeraggio che mirino a carpire/falsificare/alterare informazioni relative a dati sensibili contenuti nei registri elettronici. L istituto non risponde di beni e oggetti lasciati incustoditi. È vietato: l uso del cellulare in classe; diffondere via web filmati, registrazioni audio, fotografie digitali riguardanti studenti, docenti e persone che operano all interno della comunità scolastica, senza la preventiva autorizzazione degli interessati (Legge sulla privacy). L inosservanza di tali obblighi espone gli studenti, o chi compia queste operazioni nella scuola, alle sanzioni previste dalla legge (pagamento da 3 a 18 mila euro, ovvero da 5 a 30 mila euro nei casi più gravi e a provvedimenti disciplinari). Uso del telefono cellulare e di altri dispositivi elettronici. Salvo casi eccezionali di assoluta gravità, necessità e urgenza, previa autorizzazione, nei quali, comunque, l'uso deve avvenire al di fuori dell aula, e per il tempo strettamente necessario, più breve possibile, è assolutamente vietato tenere accesi e utilizzare, in tutte le ore scolastiche, i cellulari e/o altri dispositivi elettronici da parte degli studenti. Tale divieto deve essere rispettato sia in classe, durante lo svolgimento delle attività didattiche, che in ogni altro ambiente scolastico (atri, corridoi, bagni, palestre, ingressi, zone comuni, ecc.). Ciò in quanto l uso del cellulare e degli altri dispositivi elettronici, comportando: a) grave elemento di distrazione per chi lo usa, per tutta la classe, e comunque, per i presenti e chi può comunque ascoltare; b) impossibilità, per lo studente, di assolvere assiduamente all'obbligo di attenzione e di studio necessario durante le lezioni; c) possibile, illegittima copiatura e diffusione di dati durante i compiti in classe; costituisce pertanto grave mancanza di rispetto e considerazione per i docenti, i compagni, le persone che lavorano nella Scuola, passibile di applicazione di sanzione disciplinare. ART.14 L uso dei telefonini all interno della scuola è assolutamente vietato durante le ore di lezione. È concesso telefonare dal proprio apparecchio solo durante l intervallo fra la terza e la quarta ora. In ogni altro momento il cellulare deve essere 5

6 spento, in modo che non arrechi disturbo alle lezioni. È vietato anche preparare e inviare SMS. È vietata la ripresa (con macchine fotografiche, videocamere, videofonini) e l uso di immagini di persone, luoghi e documenti senza l autorizzazione del D.S.. Non è consentito tenere acceso il telefono cellulare nei locali scolastici, effettuare telefonate o inviare messaggi con il medesimo. Nel caso in cui ciò non venga rispettato, il docente può farsi consegnare il cellulare e portarlo al Dirigente Scolastico che avverte immediatamente la famiglia tramite segreteria. I genitori potranno ritirare il cellulare in Presidenza. In caso di necessità effettiva, gli alunni possono comunicare con i familiari tramite il telefono della bidelleria. Disposizioni interne di tal genere garantiscono davvero? E chi? Leggendo, si ha l impressione di un disimpegno morale, di un collocamento in stand-by delle coscienze, si percepisce che tali norme interne siano state poste più per blindarsi in un alibi ex tunc- di aver adottato tutte le misure organizzative e disciplinari per evitare danni cagionati da fatti illeciti commessi con l utilizzo dei dispositivi mobili durante l orario scolastico - che non per prendere in carico responsabilmente il problema con l apporto costruttivo di tutte le componenti scolastiche in modo condiviso. La fa da padrone il proibizionismo puro e semplice e non pare che abbia sortito grossi effetti, considerato che sono raddoppiate nel 2014 le denunce che vedono il minore come soggetto passivo del reato (sintesi dell indagine consultabile in: sono in crescita impressionante anche le fattispecie di cyber-bullismo in cui il minore è sia soggetto attivo che passivo del reato. Risulta arduo comprendere quali siano i valori ispiratori dell azione scolastica, cioè il c.d. curricolo implicito (hidden agenda); come mai la scuola dell autonomia trovi risposte di tipo esclusivamente sanzionatorio-repressivo alla domanda sociale di formazione sulle nuove tecnologie; quale nuovo ruolo risulta assegnato al docente, visto che gli si chiede di vigilare sui cellulari; se tali previsioni normative stimolino un atteggiamento attivo nei confronti delle stesse; se, conclusivamente, sempre la scuola dell autonomia, al di là delle roboanti declaratorie posizionate sulla home del proprio sito istituzionale, in concreto ed in modo sistemico, lavori per competenze, secondo la definizione contenuta nella Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 23 aprile 2008, in termini di responsabilità e autonomia (http://www.isfol.it/sistemadocumentale/banchedati/normative/archivio/19991/raccoman dazioneeqf_gue pdf). I docenti sono particolarmente attenzionati perché la scuola è il luogo in cui, in particolare il minore non emancipato, deve esser protetto e i problemi conseguenti alla connessione personale di cui è dotato devono trovare composizione nelle sedi deputate, gli organi collegiali, altrimenti si rischia, basta guardarsi intorno, che ogni aula divenga un mondo a sé, una jungla nella jungla. E questa non certo può dirsi formazione ai nuovi media. È una soluzione, viene da chiedersi, la devolution integrale della culpa in vigilando sulle spalle di chi, al momento di un eventuale commissione di fatto illecito che può vedere il minore sia come soggetto attivo che passivo del reato - si trovi, magari occasionalmente, docente ovvero collaboratore, ad avere in carico l allievo? Possibile che la scuola dell autonomia non sia in grado di porre in essere diversi e migliori processi? 6

7 Può gravare su una singola persona fisica il peso del continuo destreggiarsi tra dovere di vigilanza e diritto dell alunno al rispetto della propria sfera di riservatezza? Quali sono oggi gli strumenti, i contributi, anche in termini normativi - senz altro non sufficienti -, di cui può servirsi la scuola per gestire diversamente la formazione sulle e alle nuove tecnologie, affinché non rimanga principalmente momento addestrativo e spesso affidato a un docente specifico, bensì trasversale a tutte le discipline e ambiti interdisciplinari, analogamente all educazione alla cittadinanza attiva e consapevole; anzi, si può rilevare un parallelismo tra la prima e la seconda: i futuri lavoratori della neweconomy dovranno avere entrambe le competenze! Impartire disposizioni generali spetta al Miur, e così è stato: ha emanato il Regolamento recante lo Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria, approvato con D.P.R. 24 giugno 1998, n in GU 29 luglio 1998, n (nelle cui premesse recepiva le indicazioni della legge 27 maggio 1991, n.176, di ratifica della Convenzione sui diritti del fanciullo, fatta a New York il 20 novembre 1989, che, all art. 16 e 17 tratta del diritto alla riservatezza, ma anche della rilevanza dei mass-media nella formazione del fanciullo rimandando all autonomia organizzativa le fattispecie sanzionabili che, per quanto riguarda i dispositivi mobili, attualmente sembrano scritte le une sulla falsariga delle altre, con effetti in alcuni casi davvero paradossali: poste tali norme interne, ci si chiede come possa il docente chiarire agli alunni le fattispecie di un download legittimo; proteggerli dalle esplorazioni selvagge del web; condurre l acquisizione delle risorse aggiuntive on line dei libri di testo in adozione ovvero utilizzarle quotidianamente senza i cellulari; far comprendere come l informazione senza alcun controllo moltiplica le notizie false e i contenuti di bassa/dubbia qualità e l informazione grigia intacca implacabilmente il dirittodovere di critica, il dibattito e quindi la cultura. I genitori, terminate le attività didattiche, metteranno al riparo i propri figli, nativi digitali, (?!?) dalle derive del web 2.0, espresse magistralmente dal guru americano Janor Lanier nel suo scritto: You are not a gadget, come quella che banali lamenti anonimi abbiano lo stesso peso specifico di asserzioni dei premi Nobel? Terminato il coprifuoco scolastico, chi insegnerà ai ragazzi a gestire la sconfinata libertà di internet degenerata popperianamente in licenza, in anarchia di massa, ove la discussione cede il posto all urlo ed all insulto (ed al reato), esercitabile a km 0? Ma internet non è terra di nessuno; è vero che la sua anima è anarchica, ma ciò non significa assenza di norme! L evoluzione tecnologica impressionante che ha tempi decisamente più accelerati di quelli del diritto fa sì che l antigiuridicità dei comportamenti virtuali non venga avvertita in modo sufficiente; un esempio per tutti: il fenomeno del peer-to-peer è noto, c.d. file sharing, e non è stato percepito per lunghissimo tempo come illegale dagli utenti della rete in quanto paragonato al prestito nel mondo reale. Ciò che preoccupa i docenti non è però il file-sharing, né le violazioni dei diritti morali e/o patrimoniali degli autori di e-contents che i minori, sottraendosi fraudolentemente alla vigilanza del docente, possono commettere durante l orario scolastico; lo spauracchio si chiama You-tube, Facebook, Whatsapp, community virtuali, chat e quant altro nel prossimo futuro consentirà la diffusione fuori controllo di user generated content. Se si compie una semplice ricerca su Google, vi è ancora ampia testimonianza dell episodio di Torino del 2006, di un minore affetto da autismo, ripreso in classe in un particolare momento, il cui video integrale fu caricato on line e vi rimase per mesi, prima di essere rimosso per ordine del Giudice. 7

8 Non occuparsi dell educazione ai nuovi media, non considerarla un diritto significa causare un danno ai minori di oggi e agli adulti di domani. Strepitoso esperimento dell adescamento di minori on line effettuato da Terre des hommes mediante la creazione di Sweetie, la bambina virtuale (http://terredeshommes.it/comunicati/il-mio-nome-esweetie-nuovo-report-di-terre-des-hommes-sulla-pedopornografia-online/). Il web, nella sua straordinaria potenza, può essere il luogo/mezzo privilegiato per la commissione di fattispecie ascrivibili alla violazione di norme penali: le nuove frontiere si chiamano sexting (diffusione arbitraria di parole/immagini/foto/video a sfondo sessuale), grooming (instaurazione di un rapporto via web di un adulto con un minore con scopi a sfondo sessuale oggi reato di adescamento telematico); flaming (accendere una discussione sul web a danno di terzi) diffusione di dati personali per scambio di identità (altra fattispecie già reato); utilizzo improprio di alias, nickname, avatar; meccanismi psicopatologici di dipendenza da internet (c.d. addiction); gioco d azzardo; prelevamenti da carte prepagate di importi superiori a quelli che appaiono sul monitor; diffusione di falsità, dicerie non più governabili dall autore dopo la pubblicazione; contenuti digitali pericolosi ed inappropriati che istigano al suicidio, xenofobia, razzismo, discriminazioni, reati in genere ovvero che dispensano pericolosi consigli alimentari, cyber-bullismo e cyber-stalking che comportino danno ingiusto; soprattutto le ultime due ipotesi sono molto più devastanti delle omologhe nella vita reale, in quanto il cyber-bullo/stalker può molestare la vittima anche mentre questa è in luogo potenzialmente sicuro, come la scuola, la casa ed inoltre, l impossibilità di cancellare definitivamente i contenuti digitali dannosi unitamente alla velocità di diffusione, aggravano maggiormente il fenomeno. Il minore, come già esposto, può non solo essere soggetto passivo del reato, ma anche soggetto attivo. Ogni atto illecito doloso o colposo che cagioni un danno ingiusto, dà luogo a responsabilità civile extracontrattuale, ex art del codice civile, cui consegue il risarcimento del danno patrimoniale e non patrimoniale. Se il cyber-bullo minorenne non emancipato commette tali atti quando non è affidato alla scuola, la responsabilità, e il risarcimento, sarà in via solidale dei genitori nei confronti della vittima, ex art c.c. (Responsabilità dei genitori, dei tutori, dei precettori e dei maestri d arte), primo comma, a meno che non provino di non aver potuto impedire il fatto terzo comma; sul versante processuale la prova deve essere fornita in positivo, ossia aver adottato ogni tipo di precauzione imposta dagli obblighi che gli competono, ex art. 30 Cost. ed art. 147 c.c.. E questo per giurisprudenza e dottrina prevalenti: vedi ultima Corte di Cassazione - Sez. III - sent. 18 novembre 2014, n , di accoglimento dell appello che ha condannato i genitori di un minore al pagamento della somma di ,32, oltre accessori; secondo la Corte omissis va ribadito il principio (Cass., n del 20 ottobre 2005) secondo cui in relazione all'interpretazione della disciplina prevista nell'art cod. civ., è necessario che i genitori, al fine di fornire una sufficiente prova liberatoria per superare la presunzione di colpa dalla suddetta norma desumibile, offrano non la prova legislativamente predeterminata di non aver potuto impedire il fatto (atteso che si tratta di prova negativa), ma quella positiva di aver impartito al figlio una buona educazione e di aver esercitato su di lui una vigilanza adeguata; il tutto in conformità alle condizioni sociali, familiari, all'età, al carattere e all'indole del minore. L'inadeguatezza dell'educazione impartita e della vigilanza esercitata su un minore, fondamento della responsabilità dei genitori per il fatto illecito dal suddetto commesso, può essere desunta, in mancanza di prova contraria, dalle modalità dello stesso fatto illecito, 8

9 che ben possono rivelare il grado di maturità e di educazione del minore, conseguenti al mancato adempimento dei doveri incombenti sui genitori, ai sensi dell'art. 147 cod. civ omissis. Nel tempo di affidamento alla scuola, la responsabilità solidale ricade sulla persona fisica che ha in consegna il minore; pertanto la scuola dell autonomia, ferme restando le considerazioni che attengono al curriculo implicito, deve regolamentare, evidentemente in modo diverso dalle ipotesi esposte, e prevedere ogni tipo di situazione, preferibilmente in modo condiviso da tutte le componenti scolastiche: compresenza, autogestione, assenza temporanea dei docenti, uscite didattiche a vario titolo, giornate di open day, assemblee studentesche, incontri pomeridiani per attività extracurriculari, colloqui con le famiglie, presenza dei minori dei locali di segreteria, nei cortili ovvero altri locali non destinati ad attività didattiche, etc. Visto che la norma è la stessa (2048 c.c.), se il fatto illecito avviene durante il temposcuola, analogamente sul piano processuale, quindi nel giudizio risarcitorio, vi è tale presunzione juris tantum (relativa) e il soggetto è liberato dalla responsabilità per culpa in vigilando solo se riesca a fornire al Giudice la prova di aver adottato tutte quelle precauzioni che, in relazione alle circostanze, apparivano idonee ad evitare il danno ed aver adempiuto ai propri doveri connessi alla funzione svolta. Sarà lo stesso Giudice a valutare, caso per caso, se la culpa in vigilando concorra solidalmente con la culpa in educando (Tribunale di Bologna - Sez. III - Sent. 3 luglio 2013 n ) ovvero possa addirittura prenderne il posto. Per i docenti sorprende, nell alluvionale produzione di fonti ministeriali, che l ultima disposizione che fa divieto di utilizzare il c.d. cellulare riguardi il 1998 (consultabile nell archivio storico Miur: quindi ancor prima dell autonomia scolastica, ed a nessuno sia venuto in mente altro, visto che ne viene ribadita la vigenza anche dopo l autonomia in altra nota ministeriale, del 15 marzo 2007 (http://archivio.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/allegati/prot30_07.pdf), redatta in un periodo emergenziale, a seguito di gravi fatti di bullismo e violenza nelle scuole. Il periodo è stato fecondo per quanto attiene la produzione normativa: è stato modificato in modo sostanziale il vecchio Statuto delle studentesse e degli studenti del 1998, con l emissione del D.P.R. 21 novembre 2007, n Regolamento recante modifiche e integrazioni al decreto del Presidente della Repubblica 24 giugno 1998, n. 249, concernente lo Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria (http://iostudio.pubblica.istruzione.it/alfresco/d/d/workspace/spacesstore/88261a4a-03f6-11de-a646-ab725d54ee0d/statuto%20studenti%20con%20modifiche%20dpr% % pdf), che, unitamente alla circolare esplicativa del 31 luglio 2008 (http://iostudio.pubblica.istruzione.it/alfresco/d/d/workspace/spacesstore/267f480d-bbc5-11dd-a033-c58cb9bba632/circolare%20esplicativa%20statuto.pdf) ha conferito un bel giro di vite alla scuola dell autonomia e portato alcune innovazioni nel senso dell affermazione del principio della corresponsabilità educativa, dettagliando sugli aspetti procedurali, affermando la vigenza anche in questo campo della legge sul procedimento amministrativo, l. 8 agosto 1990, n La direttiva del 30 novembre 2007, n. 104 che, in undici pagine, effettua un compendio delle norme del codice civile, penale, codice privacy, legge sul diritto d autore, n. 633 del 1941 (L.D.A.) per gli illeciti commessi attraverso lo scambio/produzione/diffusione di contenuti digitali 9

Regolamento per l uso dei telefoni cellulari e dispositivi mobili da parte degli alunni

Regolamento per l uso dei telefoni cellulari e dispositivi mobili da parte degli alunni Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Gino Capponi via Pestalozzi 13-20143 Milano Tel: 02 88444729 - Fax: 02 89123381 e-mail: miic8cy00p@istruzione.it - pec: miic8cy00p@pec.istruzione.it

Dettagli

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Roma, 30 novembre 2007 Direttiva n. 104 IL MINISTRO CONSIDERATO che il diritto alla protezione dei dati personali

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Roma, 30 novembre 2007 Direttiva n. 104 IL MINISTRO CONSIDERATO che il diritto alla protezione dei dati personali MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Roma, 30 novembre 2007 Direttiva n. 104 IL MINISTRO CONSIDERATO che il diritto alla protezione dei dati personali gode di specifiche forme di tutela stante la vigenza

Dettagli

LA DIRETTIVA SUL TELEFONINO IN AULA

LA DIRETTIVA SUL TELEFONINO IN AULA Occorre sempre rispettare il diritto alla privacy LA DIRETTIVA SUL TELEFONINO IN AULA (Direttiva Istruzione 104 del 30.11.2007) www.gildavenezia.it Chi diffonde immagini con dati personali altrui non autorizzate

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TEODORO BONATI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TEODORO BONATI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TEODORO BONATI Via Gardenghi 5 44012 Bondeno (FE) Tel.: 0532 898077 Fax: 0532 898232 feic802005@istruzione.it www.icbonatibondeno.gov.it REGOLAMENTO USO DEL CELLULARE E DEI

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como Prot. n. 5343/C51 - Anno scolastico 2015-2016 Como, lì 18.09.2015 Comunicazione n. 29 Ai docenti Agli alunni Ai genitori e coloro che esercitano la responsabilità genitoriale Ai docenti collaboratori del

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione Direttiva n. 104 CONSIDERATO CONSIDERATO CONSIDERATO CONSIDERATO CONSIDERATO IL MINISTRO Roma, 30 novembre 2007 che il diritto alla protezione dei dati personali gode di specifiche forme di tutela stante

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO Anni scolastici 2010/2011-2011/2012 2012/2013 Approvato con delibera n. 17 del Consiglio di Istituto del 23/11/2010 ( Validità triennale ) In considerazione del

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L USO delle RISORSE TECNOLOGICHE e di RETE (P.U.A. POLITICA D USO ACCETTABILE E SICURA di accesso ad INTERNET nella scuola) Il presente documento denominato PUA (Politica d Uso

Dettagli

(già notificata negli anni scolastici precedenti alle diverse componenti) recante linee

(già notificata negli anni scolastici precedenti alle diverse componenti) recante linee ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE, LINGUISTICO - AZIENDALE E PER GEOMETRI ARGENTIA 20064 GORGONZOLA (MI) Via Adda 2 tel. 02-9513518/539 fax 02-9511684 Sito internet: http://www.istitutoargentia.it e-mail:

Dettagli

esafety Policy (Politica di Sicurezza Informatica)

esafety Policy (Politica di Sicurezza Informatica) MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA TRIONFALE Via Trionfale n 7333-00135 ROMA (Distretto Scol. 27 ) 06/3054188 06/ 35059840 fax 06/35073104 rmic8gt00n@istruzione.it

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA F.SANTI, 65 ROMA. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DELIBERATO DAL CdI DEL 24 SETTEMBRE 2014

REGOLAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA F.SANTI, 65 ROMA. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DELIBERATO DAL CdI DEL 24 SETTEMBRE 2014 ISTITUTO VIA F. SANTI 65 Allegato Principi generali 1. Nel rispetto della normativa vigente in materia, il presente regolamento intende disciplinare il funzionamento dei servizi scolastici erogati dalle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO Anni scolastici 2010/2011-2011/2012 2012/2013 Approvato con delibera n. 17 del Consiglio di Istituto del 23/11/2010 ( Validità triennale ) In considerazione del

Dettagli

ISTITUTO ONNICOMPRENSIVO CELANO REGOLAMENTO PER L USO DEI CELLULARI E DEI DISPOSITIVI MOBILI

ISTITUTO ONNICOMPRENSIVO CELANO REGOLAMENTO PER L USO DEI CELLULARI E DEI DISPOSITIVI MOBILI ISTITUTO ONNICOMPRENSIVO CELANO REGOLAMENTO PER L USO DEI CELLULARI E DEI DISPOSITIVI MOBILI Adottato dal Commissario Straordinario con delibera n. 7 del 11/09/2015 INDICE Art. 1 - Soggetti Art. 2 Modalità

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DI TELEFONI CELLULARI ED ALTRI DISPOSITIVI ELETTRONICI IN AMBITO SCOLASTICO

REGOLAMENTO SULL USO DI TELEFONI CELLULARI ED ALTRI DISPOSITIVI ELETTRONICI IN AMBITO SCOLASTICO REGOLAMENTO SULL USO DI TELEFONI CELLULARI ED ALTRI DISPOSITIVI ELETTRONICI IN AMBITO SCOLASTICO PREMESSA L'uso improprio del cellulare e di altri dispositivi elettronici di comunicazione o di intrattenimento

Dettagli

Progetto Navigando nel web

Progetto Navigando nel web Istituto Scolastico Statale Comprensivo XX Settembre Via Signorelli,1-95128 Catania (CT) Tel/Fax 095434114 - Cod. Mecc CTIC89200C www.icxxsettembre.gov.it Progetto Navigando nel web Scuola Secondaria di

Dettagli

Il Regolamento di Istituto è integrato dal regolamento di disciplina di seguito riportato.

Il Regolamento di Istituto è integrato dal regolamento di disciplina di seguito riportato. Il Regolamento di Istituto è integrato dal regolamento di disciplina di seguito riportato. Regolamento di disciplina Il nostro Regolamento di disciplina è stata elaborata sulla base dello Statuto delle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MARGHERITA HACK SCUOLA PRIMARIA PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TRA SCUOLA E FAMIGLIA

ISTITUTO COMPRENSIVO MARGHERITA HACK SCUOLA PRIMARIA PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TRA SCUOLA E FAMIGLIA ISTITUTO COMPRENSIVO MARGHERITA HACK SCUOLA PRIMARIA PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TRA SCUOLA E FAMIGLIA PREMESSA La famiglia è il luogo dove i fondamentali valori morali vengono meglio assimilati

Dettagli

Prot. 4387/C-27 Brindisi, 22/10/2008. Art. 1 Vita della comunità scolastica

Prot. 4387/C-27 Brindisi, 22/10/2008. Art. 1 Vita della comunità scolastica Istituto di Istruzione Secondaria Superiore LICEO CLASSICO B. MARZOLLA - BRINDISI Sede Centrale: Via Nardelli, 2 - Tel./Fax 0831516102 - C.F. 80006060745 - e-mail: liceocla@liceoclassicomarzolla.it LICEO

Dettagli

Istituto Comprensivo Adolfo GANDIGLIO Piazzetta Grimaldi, 3-61032 Fano (PU)

Istituto Comprensivo Adolfo GANDIGLIO Piazzetta Grimaldi, 3-61032 Fano (PU) Visto il D.M. n. 5843/A3 del 16 ottobre 2006 Linee di indirizzo sulla cittadinanza democratica e legalità ; Visti i D.P.R. n. 249 del 24/6/1998 e D.P.R. n. 235 del 21/11/2007 Regolamento recante lo Statuto

Dettagli

EDUCAZIONE DIGITALE, UN EFFICACE ANTIVIRUS CONTRO IL CYBERBULLISMO

EDUCAZIONE DIGITALE, UN EFFICACE ANTIVIRUS CONTRO IL CYBERBULLISMO EDUCAZIONE DIGITALE, UN EFFICACE ANTIVIRUS CONTRO IL CYBERBULLISMO E-PRIVACY 2014 SPRING EDITION LA PRIVACY CHE VERRÀ Firenze, 4-5 aprile 2014 Avv. Valentina Longo Cyberbullismo 2 Cyberbullismo o cyber

Dettagli

Videofonini, Direttiva Fioroni alle scuole: attenzione, ecco cosa si rischia

Videofonini, Direttiva Fioroni alle scuole: attenzione, ecco cosa si rischia Videofonini, Direttiva Fioroni alle scuole: attenzione, ecco cosa si rischia SCHEDA 1 Roma, 30 novembre 2007 Chi diffonde immagini con dati personali altrui non autorizzate - tramite internet o mms - rischia

Dettagli

Norme e linee guida (regolamento) per un uso corretto delle Risorse Tecnologiche e di Rete dell Istituto Comprensivo Teodoro Ciresola.

Norme e linee guida (regolamento) per un uso corretto delle Risorse Tecnologiche e di Rete dell Istituto Comprensivo Teodoro Ciresola. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA LOMBARDIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO TEODORO CIRESOLA V.LE BRIANZA

Dettagli

E-mail monitoring e tutela della privacy: un difficile bilanciamento di interessi 24 Aprile 2015 Federico Torzo, Elisabetta Rebagliati Privacy

E-mail monitoring e tutela della privacy: un difficile bilanciamento di interessi 24 Aprile 2015 Federico Torzo, Elisabetta Rebagliati Privacy E-mail monitoring e tutela della privacy: un difficile bilanciamento di interessi 24 Aprile 2015 Federico Torzo, Elisabetta Rebagliati Privacy Sommario Introduzione La situazione italiana Il quadro europeo

Dettagli

La culpa in educando e la culpa in vigilando

La culpa in educando e la culpa in vigilando La culpa in educando e la culpa in vigilando Art. 30 della Costituzione E dovere e diritto dei genitori (mantenere, istruire ed) educare i figli. Art. 147 del Codice Civile prevede ( )l obbligo di (mantenere,

Dettagli

Regolamento per l'uso delle nuove tecnologie

Regolamento per l'uso delle nuove tecnologie All. 11 POF 2014-15 Regolamento per l'uso delle nuove tecnologie L uso delle nuove tecnologie e la possibilità di accedere da scuola alle risorse documentarie tramite Internet è un fattore che può migliorare

Dettagli

Regolamento interno sull'utilizzo di internet e della casella di posta elettronica istituzionale sul luogo di lavoro

Regolamento interno sull'utilizzo di internet e della casella di posta elettronica istituzionale sul luogo di lavoro Via Peruzzi, 9 Carpi (MO) Tel. +39 059 695241 Fax + 39 059 643028 Cod. Fisc. 81004250361 itivinci@itivinci.mo.it - motf030004@istruzione.it - motf030004@pec.istruzione.it - www.itivinci.mo.it - MIUR: MOTF030004

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria via Piria n 2, 89127 REGGIO CALABRIA - 0965 28547 0965 313252 Anno Scolastico 2011/2012 Premesso che Ai Genitori Agli Alunni Ai Docenti Al Personale ATA La scuola non è soltanto ambiente di apprendimento

Dettagli

Dalla Costituzione alla tutela civile e penale. Relatore: Avv. Maria Teresa ALTAMORE. (Insegnante scuola primaria)

Dalla Costituzione alla tutela civile e penale. Relatore: Avv. Maria Teresa ALTAMORE. (Insegnante scuola primaria) Dalla Costituzione alla tutela civile e penale Relatore: Avv. Maria Teresa ALTAMORE (Insegnante scuola primaria) La Legge tutela le Vittime e condanna il Bullo Spesso un atto di bullismo viene ignorato

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO STATALE NICOLA DA GUARDIAGRELE

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO STATALE NICOLA DA GUARDIAGRELE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO STATALE NICOLA DA GUARDIAGRELE Via G. Farina 1 66016 GUARDIAGRELE (CH) Tel. Presidenza 0871/801682 - Tel. Segreteria

Dettagli

Obiettivi formativi del documento

Obiettivi formativi del documento DIREZIONE DIDATTICA STATALE S.S. GIOVANNI PAOLO II SAN MARZANO SUL SARNO (SA) Piazza Amendola-84010-Tel. 081/955291- Fax: 081/5189080 C.F. 80047350659 Codice Meccanografico SAEE152003 Sito: www.ddsanmarzano.gov.it

Dettagli

REGOLAMENTO. di gestione e utilizzo delle reti informatiche e delle strutture multimediali. I.I.S. F.Orioli di Viterbo sede centrale via Villanova snc

REGOLAMENTO. di gestione e utilizzo delle reti informatiche e delle strutture multimediali. I.I.S. F.Orioli di Viterbo sede centrale via Villanova snc REGOLAMENTO di gestione e utilizzo delle reti informatiche e delle strutture multimediali I.I.S. F.Orioli di Viterbo sede centrale via Villanova snc I.I.S. F.Orioli di Viterbo sede Liceo Artistico via

Dettagli

«CYBERBULLISMO» LE INIZIATIVE DEL GARANTE DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA. Italo Tanoni www.ombudsman.marche.it

«CYBERBULLISMO» LE INIZIATIVE DEL GARANTE DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA. Italo Tanoni www.ombudsman.marche.it «CYBERBULLISMO» LE INIZIATIVE DEL GARANTE DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA Italo Tanoni www.ombudsman.marche.it Fermignano, 18/10/2013 DEFINIZIONE Con il termine cyberbullismo si identificano le azioni

Dettagli

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38)

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38) FAQ sul MOG 1. Che cos è il D. Lgs. 231/2001? Il D. Lgs. 231/2001 entrato in vigore il 4 luglio 2001, individua le disposizioni normative concernenti la disciplina della responsabilità amministrativa delle

Dettagli

P.U.A. Il documento del "liceo d Azeglio sulla Politica d'uso Accettabile della rete

P.U.A. Il documento del liceo d Azeglio sulla Politica d'uso Accettabile della rete P.U.A. Il documento del "liceo d Azeglio sulla Politica d'uso Accettabile della rete I Rappresentanti delle varie Componenti dell Istituto hanno elaborato questo documento sulla Politica d Uso Accettabile

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNI SCOLASTICI 2013/2016 ALUNNI

REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNI SCOLASTICI 2013/2016 ALUNNI Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo di Cellatica Collebeato Viale Risorgimento, 23 25060 Cellatica (BS) Tel: 030.2770188-0302774730 - Fax: 030.2525792 C. F.

Dettagli

Tecniche Informatiche di ricerca giuridica. Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it

Tecniche Informatiche di ricerca giuridica. Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it Tecniche Informatiche di ricerca giuridica Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it Lezioni nona e decima La responsabilità civile in internet Principali casi giurisprudenziali La responsabilità

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Caratteri e finalità Il presente Regolamento recepisce il principio generale sancito dall art. 1 1 del DPR 249/98 : la scuola è luogo di formazione e di educazione mediante lo

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (D.P.R. 21 novembre 2007 n 235) IL GENITORE/AFFIDATARIO ED IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTI: PRESO ATTO - Il DPR n.249 del 24 giugno 1998 Regolamento recante lo Statuto

Dettagli

Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in materia di protezione dei dati personali» Provvedimento garante privacy 27.11.

Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali» Provvedimento garante privacy 27.11. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in materia di protezione dei dati personali» Provvedimento garante privacy 27.11.2008 e successive modiche e integrazioni TRATTAMENTO DEI DATI NELLE ISTITUZIONI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 1. VADEMECUM PER IL DOCENTE - Scuola Primaria

ISTITUTO COMPRENSIVO 1. VADEMECUM PER IL DOCENTE - Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO 1 VADEMECUM PER IL DOCENTE - Scuola Primaria A.S. 2014/2015 PREMESSE Le seguenti disposizioni hanno lo scopo di richiamare le indicazioni normative per quanto attiene i doveri connessi

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ. Classi 4 a e 5 a Scuola Primaria Scuola secondaria di 1 grado. Premessa

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ. Classi 4 a e 5 a Scuola Primaria Scuola secondaria di 1 grado. Premessa PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ Classi 4 a e 5 a Scuola Primaria Scuola secondaria di 1 grado Premessa La scuola e la famiglia condividono un modello educativo basato sul rispetto della Costituzione,

Dettagli

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email...

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email... Dott.ssa Vera Blasutti 1 FIGLI ALLE PRESE COI SOCIAL NETWORK: COME SENTIRSI AL SICURO Come i genitori possono educare i figli ad un utilizzo attento della rete COSA SONO I SOCIAL NETWORK Si tratta di siti

Dettagli

Regolamento di Disciplina

Regolamento di Disciplina ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA DI I GRADO dei Comuni di Anghiari e Monterchi Tel. 0575/749269 e Fax 0575/787954-0575/789102 Via Bozia, 2 52031 ANGHIARI (AR) aree0100n@

Dettagli

Torino, 18 ottobre 2013 - Centro Incontri della Regione Piemonte

Torino, 18 ottobre 2013 - Centro Incontri della Regione Piemonte Giammaria de Paulis Autore del libro Facebook: genitori alla riscossa Torino, 18 ottobre 2013 - Centro Incontri della Regione Piemonte in una stanza dove sia accesa soltanto una candela, basta una mano

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2012/2013

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 1 PREMESSA Il presente regolamento, ai sensi di quanto previsto dal D.P.R. 24 giugno 1998, n. 249 (Statuto delle studentesse e degli studenti)

Dettagli

Lucantonio Porzio. saic873005@istruzione.it www.icsporzio.gov.it. IL PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (in base all art.

Lucantonio Porzio. saic873005@istruzione.it www.icsporzio.gov.it. IL PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (in base all art. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI POSITANO e PRAIANO Lucantonio Porzio Via PASITEA 308 84017 POSITANO (SA) saic873005@istruzione.it www.icsporzio.gov.it IL PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (in base all

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L USO DELLE RISORSE TECNOLOGICHE E DI RETE (P.U.A. POLITICA D USO ACCETTABILE E SICURA DELLA SCUOLA)

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L USO DELLE RISORSE TECNOLOGICHE E DI RETE (P.U.A. POLITICA D USO ACCETTABILE E SICURA DELLA SCUOLA) REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L USO DELLE RISORSE TECNOLOGICHE E DI RETE (P.U.A. POLITICA D USO ACCETTABILE E SICURA DELLA SCUOLA) Il presente documento denominato PUA (Politica d Uso Accettabile e Sicura

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO 1) PREMESSA

REGOLAMENTO DI ISTITUTO 1) PREMESSA VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI Via Madonna del Rosario, 148 35129 PADOVA Tel. 049/617932 fax 049/607023 - CF 92200190285 e-mail: pdic883002@istruzione.it sito web:6istitutocomprensivopadova.gov.it

Dettagli

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo La problematica. L introduzione dell informatica in azienda, in particolare nei processi produttivi modifica i rapporti

Dettagli

Oggetto: Disposizioni per la sicurezza e la vigilanza gli alunni

Oggetto: Disposizioni per la sicurezza e la vigilanza gli alunni Circolare n. 11 Muravera, 16/09/2015 Ai Docenti Agli ATA Loro Sedi E p.c. Al Dsga Agli Atti Oggetto: Disposizioni per la sicurezza e la vigilanza gli alunni La vigilanza è un obbligo che investe tutto

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

PUA (Politica d Uso Accettabile e Sicura della rete) Introduzione e processo di revisione

PUA (Politica d Uso Accettabile e Sicura della rete) Introduzione e processo di revisione PUA (Politica d Uso Accettabile e Sicura della rete) Introduzione e processo di revisione ( Questa versione (bozza iniziale) della PUA è stata creata da una Commissione, incaricata dal Dirigente Scolastico,

Dettagli

IL CONSIGLIO DI ISTITUTO DELIBERA. 1. l approvazione del variazione del programma annuale 2012 2. la ratifica del decreto del Dirigente del 1 /9/2012

IL CONSIGLIO DI ISTITUTO DELIBERA. 1. l approvazione del variazione del programma annuale 2012 2. la ratifica del decreto del Dirigente del 1 /9/2012 CONSIGLIO DI ISTITUTO delibera n. 52 del 29/11/2012 Visto il D Im n. 44/2001; Visto il D. Lvo n. 275/1999; Visto il Piano dell Offerta formativa Vista la delibera n. 31 del 14/2/2012 (approvazione del

Dettagli

Il mondo dei social network

Il mondo dei social network Il mondo dei social network ( in particolare) Prof. Danilo Piazza Premessa Il presente documento è una sintesi dell incontro svolto in presenza. Come tale esso diventa significativamente fruibile avendo

Dettagli

Nuove tecnologie tra scuola e famiglia

Nuove tecnologie tra scuola e famiglia Nuove tecnologie tra scuola e famiglia Dalla connessione alla relazione e ritorno Per cominciare Hikikomori È un termine giapponese usato per riferirsi a chi sceglie di ritirarsi dalla vita sociale, spesso

Dettagli

PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI INFORMATICI Approvato. Data. Rev C.d.A 02/01/2012

PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI INFORMATICI Approvato. Data. Rev C.d.A 02/01/2012 . PROT. 8 Pag 1/7 PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI E DEL TRATTAMENTO ILLECITO DEI DATI, PER LA PREVENZIONE DEI DELITTI IN MATERIA DI VIOLAZIONE DEL DIRITTO D AUTORE E DEI DELITTI CONTRO

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA PER GLI ALUNNI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA PER GLI ALUNNI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE J. TINTORETTO DI GRANTORTO (Provincia di Padova) REGOLAMENTO DI DISCIPLINA PER GLI ALUNNI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (Approvato dal Collegio Docenti nella seduta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO S. GIOVANNI ILARIONE Scuola dell infanzia, Primaria, Secondaria di I grado. P.E.C. Patto Educativo di Corresponsabilità

ISTITUTO COMPRENSIVO S. GIOVANNI ILARIONE Scuola dell infanzia, Primaria, Secondaria di I grado. P.E.C. Patto Educativo di Corresponsabilità ISTITUTO COMPRENSIVO S. GIOVANNI ILARIONE Scuola dell infanzia, Primaria, Secondaria di I grado P.E.C. Patto Educativo di Corresponsabilità anno scolastico 2008 2009 IC SAN GIOVANNI IL. P.E.C. pag.1 ISTITUTO

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO MINISTERO DELL ISTRUZIONE,DELL UNIVERSITA, DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO SCIENTIFICO STATALE A. LABRIOLA Via Capo Sperone 50 00122 - Roma 065662275 fax 065662340 rmps010004@istruzione.it

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE A.Diaz OLBIA

SCUOLA MEDIA STATALE A.Diaz OLBIA SCUOLA MEDIA STATALE A.Diaz OLBIA REGOLE PER UN USO ACCETTABILE E RESPONSABILE DI INTERNET La Commissione incaricata dal Dirigente Scolastico ha elaborato questo documento sull uso accettabile della rete

Dettagli

Progetto Cittadini della rete,

Progetto Cittadini della rete, Progetto Cittadini della rete, IIS G. Galilei di Crema Scuole Medie Galmozzi di Crema Scuole Medie di Sergnano. Coinvolti: 471 ragazze /i Età: tra i 12 ed i 16 anni, Silvio Bettinelli, 14 novembre 2012

Dettagli

I venerdì dell Avvocatura 2015/2016

I venerdì dell Avvocatura 2015/2016 Arcidiocesi di Milano I venerdì dell Avvocatura 2015/2016 La responsabilità civile connessa alla cura dei bambini Dott.ssa Cassano Cicuto Giudice del Tribunale di Milano 20 maggio 2016 Curia Arcivescovile

Dettagli

REGOLAMENTO SEMICONVITTO

REGOLAMENTO SEMICONVITTO REGOLAMENTO SEMICONVITTO Il Semiconvitto è un luogo di formazione e crescita degli alunni, favorisce la socializzazione e la partecipazione alla vita comunitaria. Il presente Regolamento si ispira alla

Dettagli

Internet e Social Networks: Sicurezza e Privacy

Internet e Social Networks: Sicurezza e Privacy Internet e Social Networks: Sicurezza e Privacy M. Claudia Buzzi, Marina Buzzi IIT-CNR, via Moruzzi 1, Pisa Marina.Buzzi@iit.cnr.it, Claudia.Buzzi@iit.cnr.it Nativi digitali: crescere nell'era di Internet

Dettagli

La tutela della privacy nei social network. I social network come Facebook, Twitter, My Space raggiungono oggi un livello di

La tutela della privacy nei social network. I social network come Facebook, Twitter, My Space raggiungono oggi un livello di La tutela della privacy nei social network di Stefano Santini I social network come Facebook, Twitter, My Space raggiungono oggi un livello di diffusione e di accesso pressoché illimitato, permettendo

Dettagli

CARI STUDENTI, GENTILI GENITORI

CARI STUDENTI, GENTILI GENITORI CARI STUDENTI, GENTILI GENITORI Vi proponiamo una sintetica Guida per orientarvi tra le molteplici attività ed iniziative della nostra scuola. Naturalmente attendiamo le vostre osservazioni, le vostre

Dettagli

REGOLAMENTO di POLITICA DI USO ACCETTABILE di INTERNET P.U.A.

REGOLAMENTO di POLITICA DI USO ACCETTABILE di INTERNET P.U.A. Allegato n. 9 del Regolamento d Istituto REGOLAMENTO di POLITICA DI USO ACCETTABILE di INTERNET P.U.A. REGOLAMENTO LABORATORIO DI INFORMATICA E UTILIZZO DI INTERNET SECONDO LE LINEE GUIDA DEL GARANTE (DM

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 DON BOSCO MELLONI

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 DON BOSCO MELLONI ISTITUTO COMPRENSIVO 1 DON BOSCO MELLONI Presidenza Corso Garibaldi,142 Portici (NA)Tel.Fax081/475580 Via Roma, 32 -Portici (NA) Tel. 081/482463 Fax 081/471036 C.F. 95169940632 - Cod. Istituto NAIC8CA00L

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ART. 1 NORME DI COMPORTAMENTO OGNI ALUNNO È TENUTO AL MASSIMO RISPETTO DELLE PERSONE E DELL AMBIENTE

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO DI ALANNO (PE) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di Primo Grado, Istituto Tecnico Agrario Statale, Istituto

Dettagli

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere LEGITTIMA DIFESA Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere Torino aprile 2013 LEGITTIMA DIFESA La legittima difesa, come disciplinata

Dettagli

REGOLAMENTO. Gestione dei dispositivi informatici dell Istituto e degli strumenti multimediali (dispositivi, rete, Internet, mail, ecc.

REGOLAMENTO. Gestione dei dispositivi informatici dell Istituto e degli strumenti multimediali (dispositivi, rete, Internet, mail, ecc. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca LICEO SCIENTIFICO STATALE Donato Bramante Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) - MIUR: MIPS25000Q Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97220275 Sito:

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cologno al Serio SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A. G. BRAVI

Istituto Comprensivo di Cologno al Serio SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A. G. BRAVI Istituto Comprensivo di Cologno al Serio Via Rosmini, 12 24055 Cologno al Serio (BG) Tel. e Fax 035896031-0354872415 e-mail ministeriale: bgic89900p@istruzione.it http://www.iccolognoalserio.gov.it SCUOLA

Dettagli

POLITICA D'USO ACCETTABILE DELLA RETE Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 11 dicembre 2014

POLITICA D'USO ACCETTABILE DELLA RETE Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 11 dicembre 2014 MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITA e della RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO CENTRO SERVIZI AMMINISTRATIVI UFFICIO X AMBITO TERRITORIALE PER LA PROVINCIA DI ROMA LICEO CLASSICO

Dettagli

PREMESSO CHE: Le misure organizzative di seguito riportate riguardano la vigilanza degli alunni:

PREMESSO CHE: Le misure organizzative di seguito riportate riguardano la vigilanza degli alunni: Prot. n Circ. n. Salò, 20 settembre 2014 Al D.S.G.A. Al personale docente e ATA Agli studenti e genitori All Albo e sito WEB Oggetto: Informativa sulla vigilanza sugli alunni. PREMESSO CHE: 1. la Scuola

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE DUCA DEGLI ABRUZZI CATANIA Viale Artale Alagona, 99 Tel. 095.6136225 - Fax 095.6136224 REGOLAMENTO D ISTITUTO A.S. 2015/2016 1 Tutti gli studenti dovranno munirsi

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA degli ALUNNI Principi e criteri in materia di applicazione delle sanzioni (ai sensi del DPR 249 /98 e DPR 235/2007)

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA degli ALUNNI Principi e criteri in materia di applicazione delle sanzioni (ai sensi del DPR 249 /98 e DPR 235/2007) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO PESCARA 9 Via di Sotto 56-65125 PESCARA - Tel. 085-413255 e-mail : peic 83700v@istruzione.it REGOLAMENTO DI DISCIPLINA degli

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO RECANTE DISPOSIZIONI RELATIVE ALLA VIGILANZA SUGLI ALUNNI. PIANIFICAZIONE GENERALE DELL ORGANIZZAZIONE DELLA VIGILANZA.

REGOLAMENTO INTERNO RECANTE DISPOSIZIONI RELATIVE ALLA VIGILANZA SUGLI ALUNNI. PIANIFICAZIONE GENERALE DELL ORGANIZZAZIONE DELLA VIGILANZA. Allegati 1 REGOLAMENTO INTERNO RECANTE DISPOSIZIONI RELATIVE ALLA VIGILANZA SUGLI ALUNNI. PIANIFICAZIONE GENERALE DELL ORGANIZZAZIONE DELLA VIGILANZA. Premesso che: - La custodia, il controllo e la vigilanza

Dettagli

PUA (Politica d Uso Accettabile della rete)

PUA (Politica d Uso Accettabile della rete) PUA (Politica d Uso Accettabile della rete) La Politica di Uso Accettabile della rete (PUA) si inserisce nel sistema di regole che il Collegio Bianconi autonomamente si dà per favorire, nel rispetto della

Dettagli

CIRCOLARE N. 13. Disposizioni sulla vigilanza. La vigilanza sugli alunni fa parte degli obblighi di servizio degli insegnanti.

CIRCOLARE N. 13. Disposizioni sulla vigilanza. La vigilanza sugli alunni fa parte degli obblighi di servizio degli insegnanti. CIRCOLARE N. 13 - Ai Sigg. Docenti (Copia individuale) e ai Collaboratori del D.S. - DSGA(Copia individuale) - Segreteria (Copia individuale) - Ai Collaboratori Scolastici (Copia individuale) - ALBO sede/succursale

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO MINISTERO DELL ISTRUZIONE UNIVERSITA RICERCA Direzione Didattica Statale Infanzia e Primaria III CIRCOLO SAN GIOVANNI BOSCO via Amando Vescovo, 2-76011 Bisceglie (BT) Codice Fiscale 83006560722 - Codice

Dettagli

POLITICA D USO ACCETTABILE E SICURO DELLA RETE A SCUOLA

POLITICA D USO ACCETTABILE E SICURO DELLA RETE A SCUOLA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VICCHIO Viale B. Angelico, 22 50039 VICCHIO (FI) Tel. 055.844254 FAX 055.8448641 E-mail scuolavicchio@tiscali.it POLITICA D USO ACCETTABILE E SICURO DELLA RETE A SCUOLA

Dettagli

Integrazione del Regolamento di Istituto per un Uso Corretto delle Risorse Tecnologiche e di Rete della Scuola 1

Integrazione del Regolamento di Istituto per un Uso Corretto delle Risorse Tecnologiche e di Rete della Scuola 1 Integrazione del Regolamento di Istituto per un Uso Corretto delle Risorse Tecnologiche e di Rete della Scuola 1 1 Leggi di riferimento: D.P.R. n. 275 del 25/02/1999 Legge 675 del 31/12/1996 relative alla

Dettagli

COMUNE TERTENIA DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSI A DISPOSIZIONE DALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE TERTENIA DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSI A DISPOSIZIONE DALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE TERTENIA Allegato G.C. 32/2013 DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSI A DISPOSIZIONE DALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Finalità Il presente disciplinare persegue

Dettagli

Pubblicizzazione Patto educativo di corresponsabilita TRIENNALE a.sc. 2012/13 SITO WEB

Pubblicizzazione Patto educativo di corresponsabilita TRIENNALE a.sc. 2012/13 SITO WEB LICEO STATALE REGINA MARGHERITA Scienze Umane Linguistico Scientifico Liceo Scienze Umane con opzione Economico Sociale Liceo Scientifico con opzione Scienze Applicate Via Cuomo n.6 84122 SALERNO Tel 089-224887

Dettagli

Regolamento. sulla gestione e l utilizzo delle reti informatiche e sulle strutture multimediali. dell Istituto Comprensivo di Capraia e Limite

Regolamento. sulla gestione e l utilizzo delle reti informatiche e sulle strutture multimediali. dell Istituto Comprensivo di Capraia e Limite 1 Regolamento sulla gestione e l utilizzo delle reti informatiche e sulle strutture multimediali dell Istituto Comprensivo di Capraia e Limite 2 Premessa: Il presente regolamento deve essere un punto di

Dettagli

ICAS FRANCOLISE A) DIRITTI

ICAS FRANCOLISE A) DIRITTI ICAS FRANCOLISE SCUOLA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA 1 Via Roma, 3 81050 S. Andrea del Pizzone Tel. 0823/884410 - COD.MECC. CEIC819004 E-mail: icas.francolise@virgilio.it U.R.L. : www.icasfrancolise.it

Dettagli

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano 1. I tempi cambiano 2. I dati del questionario 3. Bisogni e rischi 4. Istruzioni per l uso? 5. Indicazioni

Dettagli

La proprietà industriale e intellettuale nell era dell information technology

La proprietà industriale e intellettuale nell era dell information technology La proprietà industriale e intellettuale nell era dell information technology Il ruolo dei diritti di privativa per le aziende del web 2.0 Avv. Nicolò Ghibellini - www.avvghibellini.com I diritti di proprietà

Dettagli

REGOLAMENTO SITO WEB

REGOLAMENTO SITO WEB REGOLAMENTO SITO WEB Art 1. Sito Web Il sito dell Istituto Comprensivo di Montecorvino Pugliano, www.icpugliano.gov.it, è curato da responsabili incaricati dal dirigente scolastico. Per le caratteristiche

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola - Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola - Famiglia Appendice F Patto educativo di corresponsabilità Scuola - Famiglia PREMESSA L istituzione scolastica risulta luogo di crescita civile, culturale e di valorizzazione della persona quando vengono coinvolti

Dettagli

LA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA AZIENDALE: USO PERSONALE USO CONNESSO AD ATTIVITA SINDACALI

LA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA AZIENDALE: USO PERSONALE USO CONNESSO AD ATTIVITA SINDACALI LA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA AZIENDALE: USO PERSONALE USO CONNESSO AD ATTIVITA SINDACALI Premessa L uso improprio o l abuso da parte dei dipendenti degli strumenti informatici assegnati dall azienda

Dettagli

Riepilogo Vedi le risposte complete

Riepilogo Vedi le risposte complete 1 di 11 risposte Riepilogo Vedi le risposte complete 1. Quanti anni hai? 12 anni 77 16% 13 anni 75 16% 14 anni 134 28% 15 anni 150 32% 16 anni 27 6% Other 8 2% 2. Quale scuola stai frequentando? Medie

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62, art. 13;

Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62, art. 13; Direzione generale Direzione centrale risorse umane Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza Circolare n. 64 Roma, 28 luglio 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili

Dettagli

VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO

VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PAESE Viale Panizza 4-31038 - PAESE (TV) TEL. 0422.959057 - FAX 0422.959459 - Codice Fiscale 94131860267 e-mail: tvic868002@istruzione.it pec: tvic868002@pec.istruzione.it sito:

Dettagli

Obblighi art. 92 CCNL Comparto Scuola 2006-2009

Obblighi art. 92 CCNL Comparto Scuola 2006-2009 Obblighi art. 92 CCNL Comparto Scuola 2006-2009 1. Il dipendente adegua il proprio comportamento all obbligo costituzionale di servire esclusivamente la Repubblica con impegno e responsabilità e di rispettare

Dettagli

CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001

CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 Approvato dal CdA 15 dicembre 2010 INDICE 1. I PRINCIPI DI TORRICELLI S.R.L.... 5 1.1 Principi generali... 5 1.2 Selezione, gestione e formazione delle risorse

Dettagli

Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE

Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE COMITATO DI CONTROLLO DEL CODICE ETICO DENUNCIA DELLE VIOLAZIONI 2 3 3

Dettagli