Castel Monte Società Cooperativa Sociale - onlus

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Castel Monte Società Cooperativa Sociale - onlus"

Transcript

1 CODICE DI CONDOTTA DEL PERSONALE DELLA CASTEL MONTE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS Montebelluna, Piazza Parigi n. 7 Registro delle Imprese di Treviso n Premessa Premesso che in data 13 settembre 2011 il Consiglio di Amministrazione ha approvato il Codice Etico, di cui al D.Lgs. 231/2001, con presente si intende regolare buona parte dei comportamenti che il personale deve tenere nell esecuzione dei vari servizi. Il è obbligatorio per tutti i soci, lavoratori e collaboratori della Castel Monte Società Cooperativa Sociale onlus, al fine di meglio definirne i comportamenti e gli atteggiamenti al lavoro. Il è stato approvato nell assemblea soci del 22/04/2014, riguarda tutti i lavoratori e collaboratori ed entra in vigore con effetto immediato. Per quanto non espressamente previsto dal presente si rimanda al C.C.N.L. delle Cooperative Sociali, ai contratti di collaborazione professionale e/o alle circolari/disposizioni di servizio. Art. 1 ABBIGLIAMENTO E DECORO Tutto il personale è tenuto ad indossare al lavoro, se non prevista la dotazione di divise aziendali, un abbigliamento consono e decoroso. Sono vietati ad esempio: bermuda, pantaloncini, ciabatte, canottiere. In ogni caso, ogni lavoratore deve indossare correttamente la divisa che gli viene fornita dalla Castel Monte, non deve effettuare modifiche, né indossare una divisa diversa da quella assegnata, né indossare combinazioni di capi di diverse divise. Art. 2 DIVISE DI LAVORO, CARTELLINO DI RICONOSCIMENTO E DPI Dove necessario ed in modo differenziato a secondo del servizio, al personale verranno consegnate almeno 2 dotazioni complete di divise, scarpe ed accessori se previsti (la dotazione minima cambia a seconda del servizio). In alcuni casi la divise di lavoro si configurano quale DPI (ad esempio: la divisa ad alta visibilità). Il personale è tenuto a tenere sempre in ordine la propria divisa. Le divise verranno sostituite solo se rovinate per l uso, in caso contrario verranno addebitati al lavoratori i costi di acquisto dei capi chiesti in sostituzione. Eventuali richieste di capi aggiuntivi a quelle ritenute quali dotazioni minime per servizio, vanno addebitati ai costi di acquisto al lavoratore richiedente. In ogni caso tutto il personale è tenuto ad indossare al lavoro la propria divisa in dotazione, sempre pulita ed in ordine. Tutto il personale in servizio presso clienti deve esibire in modo visibile il cartellino di riconoscimento dato in dotazione. In caso di cessazione del rapporto di lavoro, il lavoratore deve restituire, entro 10 giorni, lavate e stirate le divise, oltre che le dotazioni avute. La mancata restituzione nei termini previsti comporta l addebito in busta paga del loro valore di acquisto. Art. 3 AUTOMEZZI PERSONALI In caso di utilizzo di automezzi personali per usi aziendali verrà riconosciuto: 1

2 - Il rimborso pari ad 1/5 del costo carburante aggiornato mensilmente per ogni chilometro percorso - Il rimborso delle spese vive sostenute (pedaggi, parcheggi) In ogni caso eventuali multe per infrazioni rimangono a completo carico del lavoratore. Art. 4 AUTOMEZZI AZIENDALI Essendo gli automezzi utilizzati da più lavoratori, devono essere tenuti sempre in ordine, pulizie ed in corretto stato, tenuto conto sia della diversità dei vari automezzi in dotazione, anche di tipo speciale, sia dei diversi piani di lavoro dei servizi. Ogni automezzo è dotato di: - una scheda riassuntiva degli spostamenti con indicazione dei dati principali (data, orari, percorso, km, ), la stessa dovrà essere aggiornata in modo costante e veritiero. - Una scheda/tessera per il rifornimento del carburante; la stessa dovrà essere utilizzata in modo corretto e non fraudolento, oltre che ad essere usata compilando in modo preciso gli scontrini e le schede cartacee. Ogni lavoratore/collaboratore utilizzatore degli automezzi (conducente) è dovuto a fare rifornimento (pieno) nei casi in cui l automezzo sia in prossimità della riserva, compatibilmente con l orario di apertura dei distributori delle reti convenzionate. In caso di ricorso a distributori non convenzionati, il lavoratore è tenuto a pagare con cassa (all occorrenza anche con anticipo del lavoratore con proprio denaro), farsi rilasciare lo scontrino per la giustifica del rifornimento e dell eventuale richiesta di rimborso. In caso di sinistro e/o danni a mezzi e/o a cose e persone, il lavoratore interessato dovrà: - Compilare e sottoscrivere il verbale di constatazione amichevole (cosiddetto CID), dove necessario e se concordato con la controparte; in caso contrario il lavoratore deve chiamare le forze dell ordine per avviare l iter di verifica della responsabilità del sinistro. Tale modello, nella copia di competenza, deve essere poi consegnato prontamente agli uffici amministrativi. In ogni caso il lavoratore dovrà prendere nota delle generalità dell altro conducente (dati anagrafici, patente, recapiti telefonici.), del numero di targa e della polizza assicurativa RC Auto. - Fare una dichiarazione di danno arrecato, al fine di avviare l iter di riparazione e di eventuale recupero del costo. In caso di accertamento di mancata dichiarazione spontanea ed immediata del lavoratore/collaboratore o di dichiarazione mendace non corrispondente al vero, la Castel Monte avvierà l iter del procedimento di esclusione da socio, con conseguente cessazione del rapporto mutualistico pendente, ovvero della cessazione del rapporto di lavoro e/o rapporto di collaborazione professionale. Nel caso di dipendenti non soci, si avvierà una contestazione preventiva di addebito. Nel caso di collaboratori non soci si chiuderà la collaborazione in essere. In ogni caso il lavoratore/collaboratore, che sia stato responsabile per propria colpa di un sinistro e/o danno ad automezzi aziendale non coperti da polizza Kasko, è tenuto a rimborsare la Cooperativa per il costo della riparazione fatta, secondo questo schema di compartecipazione al danno, nel particolare: valore complessivo del danno sofferto dalla Cooperativa Fino ad 1.000,00 Da 0 % a 100 % % di compartecipazione al danno del lavoratore 2

3 Da 1.001,00 a 3.000,00 Oltre 3.001, ,00 + da 0 % a 75 % parte eccedente 3.000,00 + da 0 % a 50 % parte eccedente Si intende, che la Direzione valuterà caso per caso tenuto conto del tipo di servizio, delle circostanze e della recidività del personale interessato ai singoli sinistri concedendo, se ritenuto oggettivamente opportuno, eventuali deroghe, anche di tipo parziale. Nei casi in cui l automezzo sia coperto da polizza Kasko, il lavoratore rimborserà alla Cooperativa il valore della franchigia prevista. Anche in questo caso, la Direzione valuterà caso per caso tenuto conto del tipo di servizio, delle circostanze e della recidività del personale interessato ai sinistri concedendo, se ritenuto oggettivamente opportuno, eventuali deroghe, anche di tipo parziale. Si intende che nel caso in cui il sinistro sia stato provocato per grave colpa del lavoratore (come ad esempio: nei casi di guida in stato di ebrezza, in situazione di assunzione di droghe, in eccesso di velocità, il divieto di accesso e/o transito, andamento contromano), il danno sarà totalmente a carico del lavoratore. Eventuali infrazioni del codice della strada devono essere pagate direttamente dal lavoratore, salvo nei casi in cui l importo della multa è pagato direttamente dalla Cooperativa (in questi casi il lavoratore si vedrà detratto tale importo dalla propria busta paga). Il personale con mansioni di autista o conducente di automezzi aziendali nell espletamento delle proprie mansioni, è obbligato a comunicare tempestivamente qualsiasi provvedimento limitativo o sospensivo emesso da Autorità o Organi dello Stato; è obbligato altresì a consegnare copia delle patenti e/o certificati di abilitazione professionali e/o iscrizioni in albi professionali in caso di nuovo ottenimento e/o di rinnovo e/o variazioni intercorse. Art. 5 UTILIZZO ATTREZZATURE E MATERIALE DI CONSUMO Ogni lavoratore è tenuto ad utilizzare, le attrezzature in dotazione, ai fini aziendali, secondo le prassi d uso normali e tenuto conto delle condizioni di sicurezza previste. Eventuali danni per incuria, perdita, uso difforme verranno addebitati ai responsabili. Tutti i materiali d uso messi a disposizione dei lavoratori, vanno utilizzati ai fini aziendali. Non sono ammesse appropriazioni di materiali per motivi personali o comunque non utilizzati ai fini aziendali e/o sovra utilizzi non giustificabili. Eventuali danni economici sofferti dalla Cooperativa, per appropriazioni e/o utilizzo improprio di materiali d uso verranno addebitati ai responsabili. In caso di mancato rispetto del presente articolo si potranno addebitare multe, a titolo di penale, pari ad 50,00= per infrazione da recuperare dalla busta paga. In caso di recidiva la multa, per singola infrazione, potrà essere elevata fino a 5 volte il valore iniziale. Art. 6 POSTAZIONE DI LAVORO Ogni lavoratore è tenuto a mantenere in ordine la propria postazione di lavoro, gli spazi e i locali di che lo ospitano. Ci deve essere un utilizzo corretto di luce, acqua, condizionamento d aria e riscaldamento, secondo circolari interne di utilizzo o, comunque, mantenendo la diligenza del buon padre di famiglia. Il telefono cellulare personale, durante l orario di lavoro, deve essere spento e/o in modalità silenziosa; il suo utilizzo potrà avvenire solo in caso di urgenza e/o necessità. Art. 7 - COMPUTER, TABLET, SMARTPHONE, POSTA ELETTRONICA, RETE INTERNET 3

4 Il computer (fisso o portatile) è un particolare strumento di lavoro che è dato in dotazione personalizzata ai singoli lavoratori; come tale va utilizzato esclusivamente per assolvere alle proprie funzioni lavorative, senza che quindi ci sia un suo utilizzo privato. Sono, pertanto, vietati: - Portare a casa il pc o le sue periferiche collegate, salvo nei casi di autorizzazione per i portatili. - L installazione di programmi non autorizzati o ritenuti illegali; - gestire file personali o scambiare file infetti da virus, anche attraverso l utilizzo di chiavette USB; - Modificare le impostazioni predefinite; - Utilizzare la mail di lavoro per fini personali o farla divenire veicolante di catene ; - Installare caselle di posta elettronica esterne a quella aziendale; - Utilizzare la rete internet aziendale per fini personali; - E vietata l esplorazione di siti internet non riguardanti l attività lavorativa; sono vietate le operazioni on-line non collegabili all attività lavorativa. - E vietata l esplorazione (ricercare, visualizzare, scaricare, memorizzare, trasmettere, scambiare documenti e/o file) di siti web di natura illegale e/o pornografia; saranno previsti, all occorrenza, filtri per la navigazione internet. Si intende che, solo eventuali autorizzazioni ad hoc possano fare derogare a tali divieti. Per una migliore resa e durata dei computer, si raccomanda di spegnerli alla fine della giornata di lavoro. Non si può per nessun modo diffondere la password di accesso a terzi o, comunque, di non rispettare le procedure previste per garantire il sistema di sicurezza informatico. Nel caso si violino i divieti relativi all esplorazione (ricercare, visualizzare, scaricare, memorizzare, trasmettere, scambiare documenti e/o file) di siti web di natura pornografica, sarà immediatamente avviata la procedura di licenziamento per giusta causa, ai sensi della L. 300/70, oppure interrotta immediatamente la collaborazione professionale, oltre che avviata la procedura di tutela aziendale quale la rivalsa per danni morali ed immateriali subiti. Nel pieno rispetto della normativa sulla privacy, ogni postazione informatica o strumento informatico (tablet, smartphone, hard disk portatili, ) potrà essere soggetto a controlli di manutenzione (si intende senza nessun fine di controllo per l attività lavorativa), tramite il responsabile dei sistemi informatici. Sono naturalmente salvi i controlli che potranno essere fatti dagli organi di polizia in relazione ad indagini e verifiche di sicurezza. E vietato trasferire qualsiasi materiale aziendale, diretto e indiretto, della propria attività o di altri di natura prettamente aziendale su Ipad, telefonini o altri strumenti elettronici che non siano di proprietà della cooperativa e inerenti alla natura della collaborazione. Deroghe a questo, per motivate esigenze di servizio, possono essere date solo, per iscritto, dal Direttore Generale. Queste devono essere dettagliate nell'uso, nel tempo e specificate sulla loro esigenza aziendale. Si ricorda che la casella mail aziendale, i messaggi e gli allegati da essa derivanti, sono di esclusivo utilizzo aziendale/lavorativo e mai personale. Si avvisa i fruitori di casella mail aziendale che le sue comunicazioni potranno essere lette dall intera azienda / ufficio / servizio di appartenenza del mittente, oltre che ovviamente dalla nostra cooperativa. Art. 8 UTILIZZO TELEFONIA FISSA E TELEFONIA MOBILE 4

5 Tutti i telefoni aziendali di utenza fissa (compresi apparecchi telefax) e di telefonia mobile non devono essere utilizzati per fini personali, salvo nei casi di particolare urgenza e/o necessità o se singolarmente autorizzato. Eventuali danni economici sofferti dalla Cooperativa, per utilizzo improprio della telefonia fissa e/o mobile verranno addebitati ai responsabili. Art. 9 DIVIETO DI FUMO Conformemente a quanto previsto dalla normativa vigente, non si può fumare nei locali aziendali e/o nei locali relativi alle commesse in corso. In caso di infrazione sarà prevista l applicazione della multa prevista nei termini di legge; Non si può fumare: 1. nei locali aziendali e/o nei locali relativi alle commesse in corso neanche con l utilizzo delle cosiddette sigarette elettroniche. 2. all interno degli automezzi aziendali, anche se in sosta e/o fermi. Per entrambe le tipologie di trasgressione, in caso di mancato rispetto del presente divieto si potranno addebitare multe, a titolo di penale, pari ad 50,00= per infrazione, da recuperare dalla busta paga. In caso di recidiva la multa, per singola infrazione, potrà essere elevata fino a 5 volte il valore iniziale. Art.10 CONSUMO DI ALCOL E SOSTANZE STUPEFACENTI E vietato il consumo di alcol e sostante stupefacenti durante l orario di lavoro o nelle ore antecedenti la presa in carico del servizio; per il personale autista di automezzi aziendali si ricorda che il limite del tasso alcolico è pari a 0 (zero) per litro. In nessun caso, comunque, il personale si può presentare al lavoro in situazione di evidente alterazione. Per l assunzione moderata di alcol sono previste delle deroghe / eccezioni in caso di festeggiamenti e/o eventi autorizzati (a tipo di esempio compleanni, feste aziendali); il consumo deve essere limitato e, dove possibile, fatto al termine del proprio orario di lavoro. Chi ha disturbi di dipendenza per alcol e droga verrà sollevato dal proprio incarico lavorativo, senza che abbia diritto a nessun tipo di retribuzione per il periodo di assenza. Art. 11 GESTIONE CHIAVI E CODICI/CHIAVETTE DI ACCESSO A SISTEMI DI ALLARME Tutto il personale dovrà custodire le chiavi date in dotazione, sia per l accesso ai locali interni alle sedi della Cooperativa, che per l acceso ai locali delle sedi dei clienti (avute in consegna per lo svolgimento delle attività dei servizi affidati). Eventuali perdite delle chiavi stesse comporteranno l addebito totale sofferto per la loro sostituzione, compresi i costi dell eventuale sostituzione di intere serrature e kit di chiavi. Stessi obblighi ha il personale che è in possesso di codici/chiavette di accesso a sistemi di allarme anti intrusione. In tal caso il personale non dovrà mai in nessun caso comunicare codici a terzi. Art. 12 TUTELA AMBIENTALE Tutto il personale è tenuto ad osservare in servizio un comportamento idoneo alla tutela ambientale, in particolare dovrà evitare l inquinamento di suolo, acqua ed aria. Dove possibile il personale dovrà ricorrere a procedure di archiviazione informatica e non cartacea, oltre che a stampare solo quando è prettamente necessario. Art. 13 ATTIVITA PERSONALI DI RILEVANZA AZIENDALE 5

6 In servizio sono vietate lo svolgimento di attività di natura privata a proprio interesse, oltre che l esercizio di attività secondarie. Non si possono vendere merci a fini privati. Non si possono utilizzare, senza autorizzazione, per fini privati, macchinari e dispositivi in dotazione (quali a titolo di esempio: auto, attrezzature, pc, fotocopiatrici). In caso di mancato rispetto del presente articolo si potranno addebitare multe, a titolo di penale, pari ad 50,00= per infrazione, da recuperare dalla busta paga. In caso di recidiva la multa, per singola infrazione, potrà essere elevata fino a 5 volte il valore iniziale. Art. 14 PRIVACY E SEGRETO D UFFICIO Tutto il personale è tenuto sia al rispetto della Privacy ai sensi del D.Lgs. 196/03, sia al segreto d ufficio per la non divulgazione a terzi della avvenuta conoscenza di fatti e/o documenti in ambito lavorativo (a titolo di esempio: dati, situazioni lavorative, piani di lavoro, materiale di progettazione, dati interni). Art. 15 SCONTI, PREMI ED OMAGGI Ogni forma di sconto, di premio, di cortesia di fornitori o altri referenti della cooperativa è vietata. Così come sono vietati i regali e gli omaggi di qualsiasi tipo, anche quelli collegati alle ricorrenze festive generali (Natale, Pasqua, periodi feriali, etc). La stessa cosa vale per compleanni e/o onomastici. Qualora questo avvenga, malgrado la non disponibilità al riceverlo dell'interessato, occorre dare immediata comunicazione al Direttore delle Risorse Umane, che valuterà cosa è opportuno fare, nell'interesse prioritario aziendale e della trasparenza della collaborazione con il donante. Si ritiene, comunque, non vietato ricevere doni (in forma di: sconti, premi ed omaggi), fino ad un controvalore economico inferiore e/o pari ad 10,00=, per singolo dono. Art. 16 CONTROLLO, ISPEZIONI E APPLICAZIONE DI MULTE A TITOLO DI PENALE L'azienda nella persona del Direttore Generale (o suo delegato) è autorizzato a fare ispezioni e controlli, anche non motivati e in via preventiva, sull'utilizzo corretto dei computer e degli altri strumenti di lavoro della cooperativa e in uso al personale e ai collaboratori. Questo per visionare che le disposizione e le regole aziendali siano usate e applicate correttamente; In caso di mancato rispetto dei presenti articoli, dove non diversamente già previsto negli stessi articoli, si potranno addebitare multe, a titolo di penale, pari ad 25,00= per infrazione da recuperare direttamente dalla busta paga o da trattenere nella liquidazione del compenso/corrispettivo. In caso di recidiva la multa, per singola infrazione, potrà essere elevata fino a 5 volte il valore iniziale. Si intende che oltre alla multa a titolo di penale verranno recuperati i danni materiali sofferti in conseguenza dell infrazione. La Castel Monte si riserva in ogni caso di avvalersi del diritto di rivalsa per danni materiali ed immateriali alla propria immagine. Art. 17 APPLICAZIONE CODICE DI CONDOTTA Ai fini della corretta applicazione del presente del personale è data facoltà al al Direttore Generale di provvedere a commisurare le penali previste previa istruttoria da parte del Responsabile delle Risorse Umane delle pratiche, seguendo tale iter: - a seguito delle segnalazioni ricevute dell infrazione, il Responsabile delle Risorse Umane istruisce la pratica e, se necessario, propone l addebito dell eventuale penale; - invio della raccomandata (a mano, A/R o via PEC) per la contestazione; 6

7 - termine di 5 giorni entro i quali il socio e/o dipendente ha il tempo per fornire le giustificazioni; - termine di 15 giorni entro i quali il Direttore Generale deve comunicare, sempre con raccomandata o PEC l'eventuale adozione del provvedimento disciplinare della penale; trascorso il termine dei 15 giorni sopra indicato, senza che il provvedimento venga preso, le giustificazioni rese si intendono tacitamente accolte. - L intestatario del provvedimento potrà ricorrere, al Presidente del CDA, in caso di applicazione delle penali entro 30 giorni dalla comunicazione scritta del provvedimento stesso. Lo stesso CDA deve dare risposta scritta definitiva entro 60 giorni dal ricevimento del ricorso. Il CDA potrà istituire una commissione interna, di nomina diretta, a cui delegare la valutazione dei ricorsi. Montebelluna, lì 22/04/2014 Il Presidente Dott. Giuseppe Possagnolo 7

REGOLAMENTO UTILIZZO INTERNET E POSTA ELETTRONICA

REGOLAMENTO UTILIZZO INTERNET E POSTA ELETTRONICA REGOLAMENTO UTILIZZO INTERNET E POSTA ELETTRONICA (Provvedimento del Garante per la Privacy pubblicato su G.U. n. 58 del 10/3/2007 - Circolare Presidenza Consiglio dei Ministri Dipartimento Funzione Pubblica

Dettagli

COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PRE REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSA ART. 1 Caratteri generali Il presente regolamento viene emanato in base al provvedimento

Dettagli

SEGEN SpA REGOLAMENTO AUTOMEZZI AZIENDALI. (deliberazione del CdA n. 29 del 28/06/2013)

SEGEN SpA REGOLAMENTO AUTOMEZZI AZIENDALI. (deliberazione del CdA n. 29 del 28/06/2013) SEGEN SpA REGOLAMENTO AUTOMEZZI AZIENDALI (deliberazione del CdA n. 29 del 28/06/2013) INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Fabbisogno Art. 3 Acquisto o noleggio automezzi Art. 4 Adempimenti conseguenti all acquisto

Dettagli

Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco

Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco 1 COMUNE DI PISA Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco (approvato con Deliberazione della G.C. n. 124 del 1/09/2009) 2 Art. 1 Principi generali e definizioni 1. Le presenti norme

Dettagli

Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco

Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco COMUNE DI PISA Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco (approvato con Deliberazione della G.C. n. 124 del 2009) Art. 1 - Principi generali e definizioni 1. Le presenti norme disciplinano

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Oggetto del disciplinare

Art. 1 Finalità. Art. 2 Oggetto del disciplinare Disciplinare per la concessione in uso gratuito alle autoscuole e/o centri di istruzione della provincia di Agrigento di autovettura multiadattata, di proprietà dell ente, per le esercitazioni pratiche

Dettagli

CITTA' DI ALCAMO ************

CITTA' DI ALCAMO ************ ALLEGATO B CITTA' DI ALCAMO PROVINCIA DI TRAPANI ************ REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE E RAZIONALIZZAZIONE DELL AUTOPARCO (allegato alla delibera di C.C. n. 92 del 21/7/2011) Art. 1 Principi generali

Dettagli

La vettura noleggiata è dotata delle seguenti coperture assicurativa incluse nel prezzo di noleggio e riportate sul contratto di noleggio.

La vettura noleggiata è dotata delle seguenti coperture assicurativa incluse nel prezzo di noleggio e riportate sul contratto di noleggio. CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO 1.QUALIFICAZIONE RICHIESTA PER IL NOLEGGIO - Ogni guidatore deve presentare la sua patente di guida (patente categoria B in corso di validità) valida per il paese in cui

Dettagli

Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. / in data / /

Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. / in data / / REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. / in data / / INDICE CAPO I FINALITA - AMBITO DI APPLICAZIONE - PRINCIPI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE:

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE: REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE: Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Destinazione degli autoveicoli Art. 4 - Uso degli autoveicoli destinati ai

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI

DISPOSIZIONI GENERALI Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale di Bosisio Parini Via A. Appiani, 10-23842 BOSISIO PARINI (LC) Tel.: 031 865644 Fax: 031 865440 e-mail: lcic81000x@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI DI PROPRIETA DEL MUSEO TRIDENTINO DI SCIENZE NATURALI. Disposizioni generali

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI DI PROPRIETA DEL MUSEO TRIDENTINO DI SCIENZE NATURALI. Disposizioni generali REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI DI PROPRIETA DEL MUSEO TRIDENTINO DI SCIENZE NATURALI Disposizioni generali Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina l utilizzo degli automezzi di rappresentanza

Dettagli

REGOLAMENTO DELL AUTOPARCO DEL CONSIGLIO REGIONALE DEL LAZIO 1

REGOLAMENTO DELL AUTOPARCO DEL CONSIGLIO REGIONALE DEL LAZIO 1 REGOLAMENTO DELL AUTOPARCO DEL CONSIGLIO REGIONALE DEL LAZIO 1 (Approvato con deliberazione dell Ufficio di presidenza 28 luglio 2010, n. 66) TESTO VIGENTE Il testo qui riportato, coordinato con le modifiche

Dettagli

COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO

COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO SETTORE TECNICO P.zza Avv. P. Miserendino snc - 90020 tel.: 0921558232 Fax 0921762007 PEC: tecnico@pec.comune.castellana-sicula.pa.it e-mail: pconoscenti@comune.castellana-sicula.pa.it

Dettagli

Istituto Comprensivo "F. Pappalardo" di Vittoria (RG) Allegato al Piano dell'offerta Formativa 2014/2015

Istituto Comprensivo F. Pappalardo di Vittoria (RG) Allegato al Piano dell'offerta Formativa 2014/2015 Istituto Comprensivo "F. Pappalardo" di Vittoria (RG) Allegato al Piano dell'offerta Formativa 2014/2015 REGOLAMENTO per L UTILIZZO dei DISPOSITIVI INFORMATICI e dei LABORATORI MULTIMEDIALI 2014/2015 Premessa

Dettagli

COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO AUTOMEZZI COMUNALI

COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO AUTOMEZZI COMUNALI COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO AUTOMEZZI COMUNALI Art. 1 Scopo del regolamento e disposizioni generali. Il seguente regolamento disciplina limiti, criteri e modalità per l acquisizione,

Dettagli

Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI IN VIGORE DAL 01.06.2012 INDICE Premessa Art. 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera

COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI (Approvato con delibera di C.C. n.34 del 37/11/2009 ) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO

COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO SETTORE TECNICO P.zza Avv. P. Miserendino snc - 90020 tel.: 0921558232 Fax 0921762007 PEC: tecnico@pec.comune.castellana-sicula.pa.it e-mail: pconoscenti@comune.castellana-sicula.pa.it

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI AMMINISTRAZIONE E SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATIVI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI AMMINISTRAZIONE E SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATIVI 84 REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI AMMINISTRAZIONE E SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATIVI ADOTTATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 310/215 PROP.DEL. NELLA SEDUTA

Dettagli

ORDINE DEI FARMACISTI DELLA PROVINCIA DIBELLUNO

ORDINE DEI FARMACISTI DELLA PROVINCIA DIBELLUNO ORDINE DEI FARMACISTI DELLA PROVINCIA DIBELLUNO REGOLAMENTO INTERNO PER I LAVORATORI 1. ORGANIZZAZIONE INTERNA 1.1 Orari 1. Ogni servizio deve garantire la copertura oraria stabilita dal Consiglio Direttivo

Dettagli

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e Linee guida per il TRATTAMENTO E GESTIONE DEI DATI PERSONALI Articolo 1 Oggetto e ambito di applicazione e principi di carattere generale 1. Il presente documento disciplina le modalità di trattamento

Dettagli

COMUNE TERTENIA DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSI A DISPOSIZIONE DALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE TERTENIA DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSI A DISPOSIZIONE DALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE TERTENIA Allegato G.C. 32/2013 DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSI A DISPOSIZIONE DALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Finalità Il presente disciplinare persegue

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO

REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO (ART. 153, comma 7 d.lgs. 18 agosto 2000 n. 267 e successive modificazioni e integrazioni) Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. del INDICE ANALITICO CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Comune di Nola Provincia di Napoli. Disciplinare interno per l utilizzo di Internet e posta elettronica da parte dei dipendenti

Comune di Nola Provincia di Napoli. Disciplinare interno per l utilizzo di Internet e posta elettronica da parte dei dipendenti Comune di Nola Provincia di Napoli Disciplinare interno per l utilizzo di Internet e posta elettronica da parte dei dipendenti Sommario 1. Oggetto... 2 2. Modalità di utilizzo delle postazioni di lavoro...

Dettagli

DISCIPLINARE PER L'USO DELL'AUTOMEZZO PERSONALE O DELL AUTO DI SERVIZIO PER RAGIONI DI LAVORO

DISCIPLINARE PER L'USO DELL'AUTOMEZZO PERSONALE O DELL AUTO DI SERVIZIO PER RAGIONI DI LAVORO MAGNIFICA COMUNITA DEGLI ALTIPIANI CIMBRI e-mail: segreteria@comunita.altipianicimbri.tn.it pec: comunita@pec.comunita.altipianicimbri.tn.it Fraz. Gionghi n. 107-38046 LAVARONE - C.F. 96085530226 P.IVA

Dettagli

Comune di Legnaro Provincia di Padova

Comune di Legnaro Provincia di Padova Comune di Legnaro Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI (Regolamento a latere del Regolamento sull Ordinamento Uffici e Servizi)

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI COMUNE DI VITTORIA (Provincia di RAGUSA) REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPENDICE N. 2 DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA GESTIONE, ALL UTILIZZO ED ALLA GUIDA DEGLI AUTOMEZZI DI PROPRIETA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELLE AUTOVETTURE E DEI CICLOMOTORI DI SERVIZIO DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELLE AUTOVETTURE E DEI CICLOMOTORI DI SERVIZIO DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELLE AUTOVETTURE E DEI CICLOMOTORI DI SERVIZIO DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA Capo I Autovetture e ciclomotori di servizio dell Amministrazione

Dettagli

Benvenuto nel mondo ES mobility

Benvenuto nel mondo ES mobility Benvenuto nel mondo ES mobility Gentile Cliente, benvenuto alla guida di una vettura Attraverso la sottoscrizione del contratto di Noleggio a Lungo Termine, avrà a disposizione un veicolo con durata e

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI DI SERVIZIO ASL 4 LANUSEI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI DI SERVIZIO ASL 4 LANUSEI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI DI SERVIZIO ASL 4 LANUSEI ART 1 Gli automezzi Aziendali sono di proprietà o in affitto. L uso dell'automezzo è riservato esclusivamente ai dipendenti dell Azienda

Dettagli

SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE

SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE ISTITUTO COLLEGIO DIMESSE PADOVA SCUOLE D INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA DI I GRADO SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE Premessa. Le scuole dell Istituto sono una comunità educante impegnata a collaborare con le

Dettagli

REGOLAMENTO AUTO AZIENDALI

REGOLAMENTO AUTO AZIENDALI REGOLAMENTO AUTO AZIENDALI IL PRESENTE REGOLAMENTO HA LO SCOPO DI DISCIPLINARE L USO, LA GESTIONE E LA MANUTENZIONE, SIA ORDINARIA CHE STRAORDINARIA, DEI VEICOLI DI PROPRIETÀ O IN DOTAZIONE DELL AGENZIA

Dettagli

1 COSTITUZIONE E FINALITÀ

1 COSTITUZIONE E FINALITÀ REGOLAMENTO LIBRI@AK Articolo 1 COSTITUZIONE E FINALITÀ Il Sistema LIBRI@AK è istituito ai sensi dell art. 5 dello Statuto. La biblioteca ha la finalità di organizzare e sviluppare in modo coordinato i

Dettagli

Prot. 4663 B/15 Bari 01 agosto 2012. Oggetto: AVVISO PUBBLICO PER ASSISTENZA INFORMATICA E MANUTENZIONE HARDWARE / SOFTWARE IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Prot. 4663 B/15 Bari 01 agosto 2012. Oggetto: AVVISO PUBBLICO PER ASSISTENZA INFORMATICA E MANUTENZIONE HARDWARE / SOFTWARE IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prot. 4663 B/15 Bari 01 agosto 2012 ALBO del IX C.D. SITO WEB del IX C.D. A tutti gli interessati Oggetto: AVVISO PUBBLICO PER ASSISTENZA INFORMATICA E MANUTENZIONE HARDWARE / SOFTWARE IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALE del Centro d Aggregazione Giovanile Via Giardini n. 31- Zoppola

MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALE del Centro d Aggregazione Giovanile Via Giardini n. 31- Zoppola MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALE del Centro d Aggregazione Giovanile Via Giardini n. 31- Zoppola (approvate con delibera della Giunta Comunale n. 190 del 28.09.2009) Premessa Il Comune di

Dettagli

Allegato alla delibera n. del

Allegato alla delibera n. del Allegato alla delibera n. del Articolo 1 Campo di applicazione II presente regolamento disciplina le modalità di gestione, impiego ed uso degli automezzi dell Azienda Sanitaria Provinciale di Vibo Valentia.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE USO FURGONE PER TRASPORTO PERSONE PER FINALITA SOCIALI ED ASSOCIAZIONISTICHE LOCALI

REGOLAMENTO COMUNALE USO FURGONE PER TRASPORTO PERSONE PER FINALITA SOCIALI ED ASSOCIAZIONISTICHE LOCALI http://www.comune.pontebba.ud.it/ REGOLAMENTO COMUNALE USO FURGONE PER TRASPORTO PERSONE PER FINALITA SOCIALI ED ASSOCIAZIONISTICHE LOCALI Adottato con delib. C.C. n. 40 del 18 giugno 2008. Regolamento

Dettagli

Condizioni Generali e di Partecipazione Safety Park

Condizioni Generali e di Partecipazione Safety Park Condizioni Generali e di Partecipazione Safety Park Sommario 1. Condizioni generali... 2 1.1 Validità delle condizioni generali... 2 1.2 Prestazioni contrattuali... 2 1.3 Organizzazione e svolgimento delle

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE

COMUNE DI SANSEPOLCRO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE COMUNE DI SANSEPOLCRO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con delibera di Giunta Municipale n. 9 del 10.01.2011 INDICE 1. Premessa 2. Accesso al servizio 3. Finalità della

Dettagli

REGOLAMENTO SULL UTILIZZO DELLE RISORSE INFORMATICHE, INTERNET E POSTA ELETTRONICA

REGOLAMENTO SULL UTILIZZO DELLE RISORSE INFORMATICHE, INTERNET E POSTA ELETTRONICA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Rivanazzano Terme Via XX Settembre n. 45-27055 - Rivanazzano Terme - Pavia Tel/fax. 0383-92381 Email pvic81100g@istruzione.it

Dettagli

Regolamento interno del personale dell OMCeO di Monza e Brianza

Regolamento interno del personale dell OMCeO di Monza e Brianza Regolamento interno del personale dell OMCeO di Monza e Brianza 1. Applicabilità. Il presente regolamento interno viene predisposto dall OMCeO di Monza e Brianza al fine di regolarizzare lo svolgimento

Dettagli

Regolamento aziendale

Regolamento aziendale Regolamento aziendale Premessa Scopo di tale regolamento è la definizione dei criteri secondo i quali Cooperativa Sociale Società Dolce intende trattare il riconoscimento delle spese connesse all utilizzo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MEZZI COMUNALI, PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MEZZI COMUNALI, PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MEZZI COMUNALI, PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI (Regolamento a latere del Regolamento sull Ordinamento

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNET DELLA BIBLIOTECA DI LURATE CACCIVIO

REGOLAMENTO INTERNET DELLA BIBLIOTECA DI LURATE CACCIVIO REGOLAMENTO INTERNET DELLA BIBLIOTECA DI LURATE CACCIVIO INDICE DEI CONTENUTI: Regolamento del servizio internet della biblioteca Modulo per la richiesta di accesso alla rete internet Modulo di autorizzazione

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO UTILIZZO PARCO AUTO COMUNALE. (Regolamento approvato con deliberazione C.C. n. 32 del 6.08.

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO UTILIZZO PARCO AUTO COMUNALE. (Regolamento approvato con deliberazione C.C. n. 32 del 6.08. COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO UTILIZZO PARCO AUTO COMUNALE (Regolamento approvato con deliberazione C.C. n. 32 del 6.08.2010) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina la

Dettagli

GUIDA AL SERVIZIO INTERNET

GUIDA AL SERVIZIO INTERNET ASSESSORADU DE S ISTRUTZIONE PÙBLICA, BENES CULTURALES, INFORMATZIONE, ISPETÀCULU E ISPORT ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Direzione Generale dei

Dettagli

Norme e linee guida (regolamento) per un uso corretto delle Risorse Tecnologiche e di Rete dell Istituto Comprensivo Teodoro Ciresola.

Norme e linee guida (regolamento) per un uso corretto delle Risorse Tecnologiche e di Rete dell Istituto Comprensivo Teodoro Ciresola. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA LOMBARDIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO TEODORO CIRESOLA V.LE BRIANZA

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l uso degli automezzi

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l uso degli automezzi PROVINCIA DI LECCE Regolamento per l uso degli automezzi Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l uso e la gestione degli autoveicoli a disposizione della Provincia di Lecce. Art. 2 Parco

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERNA N. 39 Parma, 10/10/2012

COMUNICAZIONE INTERNA N. 39 Parma, 10/10/2012 DIREZIONE DIDATTICA DI VIA F.LLI BANDIERA Via F.lli Bandiera n. 4/a 43125 PARMA Tel. 0521/984604 - Fax 0521/1910846 - E-mail corazza@scuole.pr.it C.F. n.. 92144100341 - Cod. Min.: PREE020007 COMUNICAZIONE

Dettagli

disciplinare per l utilizzo degli strumenti informatici

disciplinare per l utilizzo degli strumenti informatici Direzione Generale Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Risorse Umane Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 03/12/2012 Circolare n. 135 Ai Dirigenti centrali e periferici

Dettagli

Università degli Studi di Udine. Modalità e limiti di utilizzo della rete telematica dell Università di Udine

Università degli Studi di Udine. Modalità e limiti di utilizzo della rete telematica dell Università di Udine Università degli Studi di Udine Modalità e limiti di utilizzo della rete telematica dell Università di Udine Gruppo di lavoro istituito il 16 aprile 2004 con decreto rettorale n. 281 Pier Luca Montessoro,

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO - FERMO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DI UTENZE DI TELEFONIA MOBILE

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO - FERMO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DI UTENZE DI TELEFONIA MOBILE AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO - FERMO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DI UTENZE DI TELEFONIA MOBILE Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo nella seduta del 14 aprile 2015 INDICE: Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO A INTERNET ED AL SERVIZIO WIFI IN BIBLIOTECA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO A INTERNET ED AL SERVIZIO WIFI IN BIBLIOTECA REGOLAMENTO PER L ACCESSO A INTERNET ED AL SERVIZIO WIFI IN BIBLIOTECA Art. 1 Obiettivi del servizio Art. 2 Modalità di accesso al servizio Art. 3 Servizi disponibili Parte prima REGOLAMENTO DI ACCESSO

Dettagli

MODALITA DI ACCESSO E DI UTILIZZAZIONE DEI LABORATORI DI INFORMATICA DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E DELLA SCUOLA PRIMARIA

MODALITA DI ACCESSO E DI UTILIZZAZIONE DEI LABORATORI DI INFORMATICA DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO OLGA ROVERE DI RIGNANO FLAMINIO (RM) A.S. 2011-2012 MODALITA DI ACCESSO E DI UTILIZZAZIONE DEI LABORATORI DI INFORMATICA DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

Benvenuto nel mondo ESmobility

Benvenuto nel mondo ESmobility Benvenuto nel mondo ESmobility Gentile Cliente, benvenuto alla guida di una vettura Attraverso la sottoscrizione del contratto di Noleggio a Lungo Termine, avrà a disposizione un veicolo con durata e chilometraggio

Dettagli

CODICE ETICO E DI CONDOTTA

CODICE ETICO E DI CONDOTTA SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 - PROTEZIONE DEI BENI E RISORSE DELLA COOPERATIVA O AD ESSA AFFIDATI 3 3 - UTILIZZO DI SISTEMI INFORMATICI E DI COMUNICAZIONE...4 4 - CONFLITTI D INTERESSE E SFRUTTAMENTO A PROPRIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DEI CIRCHI EQUESTRI, DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO E DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI (Legge 18 marzo 1968, n.

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DEI CIRCHI EQUESTRI, DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO E DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI (Legge 18 marzo 1968, n. COMUNE DI FARA GERA D ADDA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DEI CIRCHI EQUESTRI, DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO E DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI (Legge 18 marzo 1968, n. 337) Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI APPROVATO

REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI APPROVATO REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 13 DELL 08.04.2008 ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina la gestione e l uso

Dettagli

COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese

COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese MODALITA PER IL CORRETTO UTILIZZO DEL SISTEMA INFORMATICO COMUNALE Approvato con delib. G.C. n. 9 del 21.01.2006 - esecutiva Per l utilizzo corretto del sistema informatico,

Dettagli

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA (Provincia di Bologna) DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA GESTIONE, ALL UTILIZZO E ALLA GUIDA DELLE AUTO DI PROPRIETÀ COMUNALE Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 109

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni TITOLO

Dettagli

GE.SE.CO. ARZACHENA SRL REGOLAMENTO PER USO AUTOMEZZI GE.SE.CO. ARZACHENA SRL MODALITÀ DI UTILIZZO DEL MEZZO PROPRIO PER RAGIONI DI SERVIZIO

GE.SE.CO. ARZACHENA SRL REGOLAMENTO PER USO AUTOMEZZI GE.SE.CO. ARZACHENA SRL MODALITÀ DI UTILIZZO DEL MEZZO PROPRIO PER RAGIONI DI SERVIZIO GE.SE.CO. ARZACHENA SRL REGOLAMENTO PER USO AUTOMEZZI GE.SE.CO. ARZACHENA SRL E MODALITÀ DI UTILIZZO DEL MEZZO PROPRIO PER RAGIONI DI SERVIZIO Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 24 gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di SAN GIOVANNI LIPIONI (Provincia di CHIETI) Via Roma, 35-66050 SAN GIOVANNI LIPIONI (CH) * Codice Fiscale e Partita IVA: 00249220690 Telefono e Fax: 0873/952231-0873/952244 * Indirizzo E Mail:

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DISCIPLINARE DEI VEICOLI DI SERVIZIO

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DISCIPLINARE DEI VEICOLI DI SERVIZIO Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DISCIPLINARE DEI VEICOLI DI SERVIZIO DISCIPLINARE DEI VEICOLI DI SERVIZIO Indice Parte Prima - Regole generali Articolo 1 - Oggetto

Dettagli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO ART. 1 - OGGETTO E FINALITA 1. Il presente Regolamento disciplina l utilizzo

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE. Testo approvato dalla Giunta Provinciale nella seduta del 30/01/2003 con delibera n. di prot. 8685/03; in vigore dal 17/02/2003.

PROVINCIA DI UDINE. Testo approvato dalla Giunta Provinciale nella seduta del 30/01/2003 con delibera n. di prot. 8685/03; in vigore dal 17/02/2003. PROVINCIA DI UDINE Regolamento per la provvista, la destinazione e l uso degli automezzi, dei mezzi speciali e dei natanti di proprieta della provincia di udine Testo approvato dalla Giunta Provinciale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AUTOVETTURE DI PROPRIETA PROVINCIALE. Approvato con Deliberazione consiliare n. 8792/1 del 4 aprile 1984

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AUTOVETTURE DI PROPRIETA PROVINCIALE. Approvato con Deliberazione consiliare n. 8792/1 del 4 aprile 1984 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AUTOVETTURE DI PROPRIETA PROVINCIALE Approvato con Deliberazione consiliare n. 8792/1 del 4 aprile 1984 Articolo 1 - Competenze degli uffici provinciali sul servizio autovetture

Dettagli

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 170 del 07.11.2011 Indice

Dettagli

SCOOTER FOR RENT CLAUSOLE

SCOOTER FOR RENT CLAUSOLE SCOOTER FOR RENT CLAUSOLE 1_condizioni di accessibilità al noleggio di ciclomotori e motoveicoli Per il noleggio di ciclomotori di 50cc è richiesta un età minima di 14 anni, un documento d identità valido

Dettagli

Regolamento per la concessione e l uso dei telefoni cellulari

Regolamento per la concessione e l uso dei telefoni cellulari Regolamento per la concessione e l uso dei telefoni cellulari Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 109 del 12/05/2009, modificato con Delibera di Giunta Comunale n. 156 del 09/07/2009 1 SOMMARIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE AUTOVETTURE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE AUTOVETTURE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE AUTOVETTURE DI SERVIZIO DELL'ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA-ROMAGNA BRUNO UBERTINI. Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Il presente Regolamento

Dettagli

I.C. ALDO MORO - CAROSINO a.s. 2012-2013 REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL LABORATORIO DI INFORMATICA

I.C. ALDO MORO - CAROSINO a.s. 2012-2013 REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL LABORATORIO DI INFORMATICA I.C. ALDO MORO - CAROSINO a.s. 2012-2013 REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL LABORATORIO DI INFORMATICA Norme di accesso: 1) l accesso al laboratorio di informatica è subordinato all accettazione del presente

Dettagli

Considerato il Regolamento del personale di NetSpring e il Protocollo d Intesa siglato con le OO. SS. in data 16/01/2014 si dispone quanto segue:

Considerato il Regolamento del personale di NetSpring e il Protocollo d Intesa siglato con le OO. SS. in data 16/01/2014 si dispone quanto segue: Grosseto, lì 25/11/2014 Circolare modalità gestione cartellino presenze, documentazione predisposizione buste paga, orario aziendale, spostamenti in ambito cittadino, missioni, traferte e rimborsi, utilizzo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DELL EX MAGAZZINO IDRAULICO

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DELL EX MAGAZZINO IDRAULICO COMUNE DI VILLANOVA MARCHESANA Provincia di Rovigo Piazza Marconi, 2 45030 Villanova Marchesana (RO) REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DELL EX MAGAZZINO IDRAULICO CENTRO RICREATIVO

Dettagli

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL LABORATORIO DI INFORMATICA. Norme di accesso:

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL LABORATORIO DI INFORMATICA. Norme di accesso: REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL LABORATORIO DI INFORMATICA Norme di accesso: 1) L accesso al laboratorio di informatica è subordinato all accettazione del presente regolamento; 2) L accesso è riservato ai

Dettagli

11/08/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 64. Regione Lazio. Regolamenti Regionali

11/08/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 64. Regione Lazio. Regolamenti Regionali Regione Lazio Regolamenti Regionali Regolamento 7 agosto 2015, n. 9 Misure a favore delle Organizzazioni di Volontariato di protezione civile. LA GIUNTA REGIONALE ha adottato IL PRESIDENTE DELLA REGIONE

Dettagli

Guida a SaraFree. Garanzia RCA

Guida a SaraFree. Garanzia RCA Guida a SaraFree Garanzia RCA Mod. 269/C ed. 01/2006 1 Condizioni Particolari di Assicurazione SaraFreeDay (cod. 272/B) 2 GARANZIE DI RESPONSABILITÀ CIVILE 1. Regolamentazione contrattuale La presente

Dettagli

Gli interventi sono gestiti nel rispetto del principio di libera scelta del cittadino, attraverso l utilizzo del voucher sociale.

Gli interventi sono gestiti nel rispetto del principio di libera scelta del cittadino, attraverso l utilizzo del voucher sociale. REQUISITI PER L ACCREDITAMENTO DI SOGGETTI PROFESSIONALI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI ED INTERVENTI SOCIO ASSISTENZIALI DOMICILIARI IN FAVORE DI ANZIANI, DISABILI E MINORI E LORO FAMIGLIE DELSERVIZIO DI

Dettagli

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:.

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:. REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:. Al fine di chiarire l applicazione amministrativa dello Statuto vigente ed in ossequio allo stesso ed alle norme vigenti, nella seduta del

Dettagli

COMUNE DI CARLOFORTE Provincia di Carbonia Iglesias

COMUNE DI CARLOFORTE Provincia di Carbonia Iglesias ALLEGATO A COMUNE DI CARLOFORTE Provincia di Carbonia Iglesias REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI art. 1 - oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina le modalità

Dettagli

AZIENDA USL N. 6 LIVORNO Unità Operativa FORMAZIONE Viale Alfieri, 36-57125 Livorno AVVISO PUBBLICO

AZIENDA USL N. 6 LIVORNO Unità Operativa FORMAZIONE Viale Alfieri, 36-57125 Livorno AVVISO PUBBLICO AZIENDA USL N. 6 LIVORNO Unità Operativa FORMAZIONE Viale Alfieri, 36-57125 Livorno AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER SOLI TITOLI PER L AMMISSIONE AL TIROCINIO POST LAUREAM RISERVATO AI LAUREATI IN PSICOLOGIA

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO DEGLI UTENTI PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI TRASPORTO LINEA LECCE-NAPOLI

NORME DI COMPORTAMENTO DEGLI UTENTI PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI TRASPORTO LINEA LECCE-NAPOLI NORME DI COMPORTAMENTO DEGLI UTENTI PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI TRASPORTO LINEA LECCE-NAPOLI Le presenti CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO si applicano ai servizi di trasporto di concessione Ministeriale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE RISORSE E DEI SERVIZI INFORMATICI AZIENDALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE RISORSE E DEI SERVIZI INFORMATICI AZIENDALI 1 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE RISORSE E DEI SERVIZI INFORMATICI AZIENDALI PREMESSA La progressiva diffusione delle nuove tecnologie ICT ed in particolare l utilizzo della posta elettronica ed il libero

Dettagli

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Indice Art. 1 Servizio di Economato Art. 2 Economo Comunale Art. 3 Funzioni del Servizio di Economato Art. 4 Indennità

Dettagli

ALLEGATO 1. al Regolamento del servizio Car Sharing Firenze

ALLEGATO 1. al Regolamento del servizio Car Sharing Firenze ALLEGATO 1 al Regolamento del servizio Car Sharing Firenze Condizioni assicurative Penali per inadempienze e indennità amministrative Prenotazioni oltre 3 giorni - Tariffe - Rimborsi In vigore dal 14 marzo

Dettagli

Sez. Albano Laziale Vademecum Arbitri OTS Stagione 2013/2014 SEZIONE DI ALBANO LAZIALE VADEMECUM ORGANO TECNICO SEZIONALE S.S.

Sez. Albano Laziale Vademecum Arbitri OTS Stagione 2013/2014 SEZIONE DI ALBANO LAZIALE VADEMECUM ORGANO TECNICO SEZIONALE S.S. SEZIONE DI ALBANO LAZIALE VADEMECUM ORGANO TECNICO SEZIONALE S.S. 2013/2014 ARBITRI INVIO DESIGNAZIONI: Le designazioni verranno caricate dall Organo Tecnico Sezionale su SINFONIA4YOU ed inviate a mezzo

Dettagli

Guida al Noleggio Smile Rent

Guida al Noleggio Smile Rent Guida al Noleggio Smile Rent Requisiti per la guida del veicolo Per noleggiare un veicolo Smile Rent, il conducente deve avere 25 anni compiuti e possedere la patente di guida da almeno un anno. Età Minima

Dettagli

CARTA SCONTO METANO/GPL

CARTA SCONTO METANO/GPL ALLEGATO 1 alla dgr 19596 del 26 novembre 2004 CARTA SCONTO METANO/GPL Finalità La presente iniziativa si inquadra nell insieme dei provvedimenti adottati per il miglioramento della qualità dell aria,

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ANTINCENDIO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO V.

CAPITOLATO TECNICO DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ANTINCENDIO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO V. ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ANTINCENDIO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO V. CERVELLO 1 ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO PAG. 3 ART. 2PRESCRIZIONI

Dettagli

COMUNE DI SAGRADO Provincia di Gorizia

COMUNE DI SAGRADO Provincia di Gorizia COMUNE DI SAGRADO Provincia di Gorizia REGOLAMENTO D USO DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE Approvato con deliberazione consiliare n. 43 del 27.10.2008. - 1 - Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 68/27.06.2013 In vigore dal 1 agosto 2013 SOMMARIO Articolo 1 - Organizzazione

Dettagli

Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente contratto disciplina la concessione del

Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente contratto disciplina la concessione del COMUNE DI LECCO SETTORE LAVORI PUBBLICI SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI SERVIZIO RELATIVA ALL AREA DI PARCHEGGIO PUBBLICO DI PIAZZA SASSI. Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL AUTOPARCO DELLA PROVINCIA DI LATINA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL AUTOPARCO DELLA PROVINCIA DI LATINA Provincia di Latina REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL AUTOPARCO DELLA PROVINCIA DI LATINA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL AUTOPARCO DELLA PROVINCIA DI LATINA Indice Articolo 1 - Oggetto Articolo 2 - Determinazione

Dettagli

Comune di Viagrande (Provincia di Catania) SITO INTERNET ISTITUZIONALE

Comune di Viagrande (Provincia di Catania) SITO INTERNET ISTITUZIONALE Comune di Viagrande (Provincia di Catania) REGOLAMENTO SITO INTERNET ISTITUZIONALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 del 28/01/2010 INDICE Art. 1 Scopo ed oggetto Art. 2 - Principi

Dettagli

DISCIPLINARE INTERNO PER UTILIZZO INTERNET E POSTA ELETTRONICA

DISCIPLINARE INTERNO PER UTILIZZO INTERNET E POSTA ELETTRONICA DISCIPLINARE INTERNO PER UTILIZZO INTERNET E POSTA ELETTRONICA 1 INTRODUZIONE Il presente disciplinare interno sostituisce il precedente Regolamento Aziendale Utilizzo Internet e recepisce le indicazioni

Dettagli

Deposito cauzionale Carta di Credito

Deposito cauzionale Carta di Credito TORINO, li... La Società/Impresa di autonoleggio TOMMASINO AUTONOLEGGI S.R.L. (Locatrice) concede in noleggio al/alla Sig./... nato/a i... a... Residente... Via... Tipo di documento...cat...validità...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO DIGITALE Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 34 del 14/4/2011 Depositato

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione POLITICHE DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA PER GLI UTENTI STANDARD DEL DOMINIO istruzione.it 1 INTRODUZIONE La presente politica disciplina l utilizzo del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 67 del 28/05/2010 I ND I C E art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento art. 2 - Funzioni

Dettagli