U-Coach, la rivoluzione nel mondo del nuoto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "U-Coach, la rivoluzione nel mondo del nuoto"

Transcript

1 U-Coach, la rivoluzione nel mondo del nuoto Una piccola grande rivoluzione nel mondo del nuoto. Sta per essere commercializzato in Italia U-Coach, un sistema trasmittente-ricevente a conduzione ossea impermeabile. A portarlo sul mercato nazionale è la Shot, una nuova azienda italiana attiva nel settore dello sviluppo tecnologico applicato al nuoto. «I miei studi come ricercatore e la grande attenzione per le tecnologie internazionali mi hanno portato a sperimentare nuovi metodi e sistemi d allenamento spiega Gian Maria D Amici Product Dev. & Marketing della Shot -. U-Coach è il primosistema di trasmissione radio vocale studiato per facilitare la comunicazione tra il tecnico che sta a bordo vasca e l atleta che invece è in azione in acqua. In questo modo il nuotatore potrà ricevere continuamente dal proprio allenatore tutte le informazioni di cui necessita». Il sistema è composto da una ricevente impermeabile, che l atleta indossa sotto la cuffia in modo che sia stabile in tutte le fasi della nuotata comprese virata e tuffo, e da una trasmittente a tre canali, dotata di microfono. Il suono viene percepito dal nuotatore attraverso una tecnologia a conduzione ossea, che sfrutta in pratica il diffondersi delle vibrazioni dall osso temporale alla coclea. In questo modo il condotto uditivo rimane libero, permettendo la contemporanea percezione dei suoni provenienti dall ambiente esterno, e allo stesso tempo l ascolto è chiaro e non risente di rumori esterni. Si tratta di un sistema che apporterà notevoli vantaggi nelle discipline natatorie. Ma come è nata questa idea dell U-Coach? «Anni di esperienza come nuotatore prima e come allenatore poi mi hanno spinto a cercare di migliorare molti aspetti della comunicazione tra tecnico e atleta continua Giovanni Pistelli Sale Head Manager della Shot -. U-coach in particolare avrà una fondamentale applicazione negli sport acquatici, perché l allenatore potrà impartire correzioni tecniche alla nuotata dell atleta, dargli riscontri cronometrici, spronarlo e consigliarlo in tutte le fasi degli allenamenti e delle gare». Cecilia Camellini, nuotatrice non vedente, campionessa europea, mondiale e paralimpica nello stile libero e nel dorso, vincitrice di due ori e due bronzi a Londra 2012, è stata la prima atleta a provare U-coach e ne ha costatato i grandi vantaggi. Il sistema, infatti, sarà un aiuto importantissimo per idiversamente abili. Ad esempio nuotatori non vedenti o non udenti per lesione all orecchio interno potranno essere guidati in tutte le fasi dal proprio tecnico. «Da molti anni seguo Cecilia spiega il tecnico Matteo Poli che è non vedente dalla nascita e l utilizzo di questa trasmittente-ricevente ci ha permesso di migliorare sensibilmente lacomunicazione durante l allenamento. Parlare con lei in ogni momento mi consente di lavorare in modo profondo sullo sviluppo della tecnica, di eliminare il tapper (un asta con la punta morbida che si utilizza con i nuotatori non vedenti per segnalare la distanza dal muro o dai pericoli, ndr) nei lavori aerobici e aumentare la sicurezza dell allenamento. Ora, infatti, Cecilia non rischia più di farsi male colpendo il muro o la corsia perché posso avvisarla io per tempo. U-coach è uno strumento utilissimo». Significativa la testimonianza di Cecilia Camellini, che dopo aver provato U-coach non solo conferma quanto detto dal suo tecnico, ma si sente più al sicuro avendo una voce che la guida: «Pratico nuoto agonistico da quasi otto anni per me racconta la campionessa -, essendo non vedente, è fondamentale ricevere indicazioni verbali dal mio tecnico durante gli allenamenti.

2 Questo nuovo sistema si è rivelato molto utile perché il mio allenatore può segnalarmi in tempo reale quali sono i miglioramenti o le modifiche da fare nella tecnica della nuotata. Per un non vedente è inoltre importante sia avere informazioni sulla propria posizione e sulla presenza di eventuali ostacoli, sia ricevere un adeguato segnale al momento della virata. Il sistema trasmittente ricevente mi permette di udire in maniera chiara e nitida le parole anche se mi trovo con la testa sott acqua o a distanza dall allenatore e ciò è un vantaggio per la mia sicurezza». U-Coach sarà un punto di forza anche nel nuoto in acque libere. Grazie al suo raggio di azione di circa 75 metri, infatti, l allenatore potrà comunicare direttamente dalla spiaggia o dalla barca con il proprio atleta, suggerendo la scia, la fuga o le tattiche. Il nuovo sistema di comunicazione potrà essere applicato inoltre nel nuoto sincronizzato, sia perché funziona fino a una profondità massima di 1,5 metri, e sia perché può essere collegato a un lettore mp3 trasmettendo musica. Vantaggi anche nella pallanuoto, dove il tecnico potrà dare indicazioni per gli schemi di attacco e difesa; oppure nelle scuole nuoto, garantendo un insegnamento all avanguardia. fonte: sordionline.com 9 maggio 2013

3 Uno smartphone in Braille per chi non vede Ideato da un designer indiano, per ora è un prototipo: sarà in commercio entro fine anno Uno smartphone in Braille che permetterà a chi è cieco o ipovedente di "leggere" testi e immagini sul telefonino e fare chiamate in completa autonomia. Il nuovo cellulare, che per ora è un prototipo, dovrebbe essere in commercio entro fine anno. Gli ultimi test sono in corso al Prasad Eye Institute in India, dove risiede un quinto di tutti i ciechi nel mondo. L invenzione, infatti, è di un designer indiano, Sumit Dagar, che tre anni fa ha deciso di progettare il "Braille Smartphone" perché il mercato della telefonia ignora gli utenti non vedenti. Ma come funziona? Grazie a un innovativa tecnologia touch screen converte parole e immagini nel linguaggio che porta il nome dell inventore, il francese Braille, divenuto cieco all età di tre anni in seguito a un incidente. TESTI E IMMAGINI 3D - Lo smartphone trasforma le informazioni sullo schermo, proiettandole sulla superficie. Le immagini diventano tridimensionali e lo stesso accade per i testi, che assumono la forma di bassorilievi in Braille. Lo schermo è composto da una griglia di punti, come i pixel: si solleva in base al contenuto da visualizzare. Nella parte bassa del dispositivo ci sono i classici tasti: "chiama", "accendi", "cancella", "seleziona". Per comporre i numeri di telefono compare sullo schermo un tastierino numerico ed è disponibile una tastiera qwerty come quella dello smartphone tradizionale. IL COMMENTO - «Le modifiche fisiche di superfici di materiali piezoelettrici, mediante impulsi elettrici, sono utilizzate da circa vent anni per far emergere i punti della scrittura braille da righe di speciali display che così riproducono ciò che è scritto sullo schermo del computer - spiega Giulio Nardone, presidente dell Associazione disabili visivi -. Nel caso dello smartphone, è lo stesso schermo che ha la capacità di creare sporgenze percepibili al tatto». RIVOLUZIONE? - Si apre dunque un mondo nuovo per chi non vede? Nardone è cauto. «Oggi noi ciechi utilizziamo il cellulare servendoci del sintetizzatore vocale che legge tutto ciò che appare sullo schermo - dice -. Anche quando si cammina per strada, per esempio, è possibile parlare al telefono con l auricolare o ascoltare i messaggi, lasciando l'apparecchio in tasca e reggendo una borsa con una mano e il bastone bianco nell'altra. Non riesco ancora a immaginare i vantaggi sotto il profilo pratico - osserva il presidente dell Associazione disabili visivi -. Per esempio, un sms di 20 parole, che la voce legge in 5 secondi, occuperebbe almeno 3 schermate del display e ci costringerebbe a usare entrambe le mani, una per reggere l'apparecchio, l'altra per scorrere con i polpastrelli le righe Braille». fonte: corriere.it 9 maggio 2013

4 Quando una app migliora la vita Per molti utenti smartphone e internet sono sinonimo di distrazione, frettoloso multitasking, informazione consumata come uno snack. Ma per un ampia categoria di persone, con problemi vivisi, motori, di apprendimento o di comunicazione, accessori e applicazioni hitech sono tutto fuorché un diversivo. Anzi, possono diventare uno strumento di integrazione, approfondimento, aiuto e superamento di barriere, fisiche e mentali. In questo senso, l arrivo in massa sul mercato di smartphone, tablet ed ereader è stato un fattore rivoluzionario che ha aperto nuove possibilità per i disabili. E ovviamente non si può prescindere dal mondo delle app, sempre più ricco di soluzioni e idee anche su questo fronte. Come l applicazione Immaginario, che si rivolge a persone affette da autismo o con disabilità cognitive, realizzata dalla società italiana App42, col contributo di educatori, logopedisti e neuropsichiatri, e lanciata sull App Store poche settimane fa, gratuita nella versione Lite e a 14,99 euro in quella Premium. Questo programma cerca di aiutare l adulto a entrare in contatto con il bambino o la persona con autismo attraverso una serie di funzioni che agevolano la comunicazione visiva. In altre parole, permette di costruire frasi usando delle carte digitali, servendosi di un database che comprende 1200 simboli, suddivisi per aree semantiche, con la possibilità di crearne anche di nuovi. Non è il primo software italiano del settore: da qualche tempo esisteva già IoParlo, una app gratuita di comunicazione assistita per iphone, scritta in collaborazione con la onlus Genitori e Autismo. Ma sugli store per telefonini e tablet non mancano anche applicazioni volte a migliorare la vita delle persone con problemi motori che incontrano ostacoli insormontabili nelle barriere architettoniche. Software come Easyway, ad esempio, sviluppato da Fish, la Federazione Italiana per il Superamento dell Handicap insieme a Vodafone. Anche qui si tratta di una app gratuita, sia per iphone che per dispositivi Android, che permette di valutare il grado di accessibilità di un posto, un ristorante, un museo, una stazione, un supermercato, leggendo le valutazioni e le informazioni lasciate da altri utenti, attraverso un meccanismo crowdsourced. E i dati sono modulati anche in base alle specifiche necessità delle persone e alle varie tipologie di disabilità motorie. Sulla stessa falsariga H-Enable Ztl (3,90 euro), che però si concentra sulle zone a traffico limitato delle città, agevolando la possibilità, per chi usa una carrozzina ad esempio, di ottenere il via libera per l auto e l accesso al centro. Basterà comunicare via mail il proprio passaggio all ufficio interessato e, una volta scaricata l app e inseriti i propri dati, scrivere la zona dove si deve andare, l orario e la targa. Ancora sul fronte mobilità va segnalata Taxi Sordi, una app gratuita sviluppata dall Ente Nazionale Sordi e Unione Radiotaxi Italiani per chi non è in grado di parlare al telefono e deve prenotare un taxi in qualsiasi città italiana. Ma non sono solo le città e le strade che devono essere aperte ai disabili. Anche i libri possono diventare accessibili. Prendiamo gli ebook. La tecnologia per farli diventare fruibili da parte di lettori non vedenti o ipovedenti, rendendo facile ed efficace il voice over, ovvero l ascolto del testo, ovviamente c è già: si tratta solo di usarla ed estenderla.

5 Proprio a questo sta lavorando il progetto Lia-Libri italiani accessibili dell Associazione italiana editori: in pratica a partire da fine giugno verrà messo online un catalogo di tremila titoli digitali, tra narrativa e saggistica, marchiati con uno speciale bollino che ne indica l accessibilità. Su questi ebook è stato fatto un lavoro sotterraneo, che non si vede esternamente, ma che li rende leggibili attraverso varie funzioni, oltre che dal voice over di gran parte delle applicazioni e degli ereader. «Perché i software possano leggere ad alta voce il testo, gli ebook devono essere fatti in modo tale da consentirlo, e seguire alcune linee guida», spiega Marianna Albini dell Associazione Italiana Editori. E questo vale anche per i siti online, molti dei quali non rispettano ancora i criteri di accessibilità stilati dal W3C, il consorzio internazionale che definisce gli standard di sviluppo del web. fonte: ilsecoloxix.it 14 maggio 2013

6 Arriva Editouch, il tablet che aiuta i ragazzi dislessici È un assistente virtuale che si adatta alle specifiche esigenze di chi impara, soprattutto per la lettura e il calcolo aritmetico creato con un team di esperti informatici, logopedisti e ricercatori Il tablet, la tavoletta luminosa entrata ormai nelle nostre abitudini quotidiane, diventa anche un valido strumento per aiutare chi ha problemi di apprendimento. A individuare queste potenzialità didattiche è stato Marco Iannacone, ingegnere milanese nonché manager di Vodafone Italia. Trasformando un tradizionale tablet in ausilio per suo figlio di nove anni, affetto da dislessia. «Un disturbo, ma non chiamiamola malattia - precisa Marco nel video di presentazione - che in media può colpire un ragazzo in ogni classe delle scuole primarie. Rendendogli difficoltoso studio e apprendimento». Così con l aiuto di un team di esperti informatici, logopedisti e ricercatori universitari ha messo a punto Editouch, un assistente virtuale che si adatta alle specifiche esigenze di chi impara. Uno strumento pensato in generale per i bambini affetti da DSA, cioè i Disturbo Specifico dell Apprendimento (dislessia, disgrafia e discalculia) che spesso comporta seri problemi tra le mura scolastiche. «Il nome Edi è stato scelto perché ricorda il solerte assistente di Archimede Pitagorico». LETTURA CON AIUTI VOCALI - L idea di partenza è quella di semplificare l uso del tablet, che ha uno schermo da 9,7 pollici, ponendo le attività in homepage, sotto forma di icone colorate. Sappiamo che le maggiori difficoltà di un bambino dislessico sono relative a lettura e calcoli. Dunque Editouch si trasforma in versatile lettore di ebook, per fruire sullo schermo i libri digitali per didattica e narrativa. Con la possibilità di adattare la dimensione dei caratteri e la luminosità. Inoltre la presenza di un sistema text-to-speech, trasforma qualunque documento in audio-libro, con una voce narrate che aiuta il ragazzo nella lettura. Si possono inserire appunti e usare segnalibri per riprendere in qualunque momento le pagine interrotte. CALCOLI INCOLONNATI - Le operazioni aritmetiche di Editouch prevedono invece l uso di una calcolatrice, anche in questo caso con supporto vocale, per guidare la digitazione delle singole cifre e indicare i risultati finali. La procedure di calcolo seguono il sistema di incolonnamento delle operazioni a cui sono abituati i bambini della scuola primaria. Inoltre per focalizzare i concetti dei vari argomenti, è stato introdotta un applicazione che crea e visualizza mappe grafiche sfruttando l inserimento di immagini, icone e note. Seguendo i principi con cui scriviamo appunti sparsi su una pagina cartacea. Editouch presenta comunque le complete potenzialità di un tablet, quindi attraverso sistemi di parental control, insegnanti e genitori, possono decidere quali siti web rendere accessibili al bambino. Con l obiettivo di focalizzare l attenzione, limitando le distrazioni per lo svolgimento delle attività didattiche. IL TABLET VODAFONE - Nello specifico il nome esatto del prodotto che si trova in commercio è "Vodafone Smart Tab II A Scuola, powered by Editouch". Di fatto una versione del tablet Vodafone sviluppata nell'ambito dell acceleratore di idee Vodafone Xone. Si acquista online a questo indirizzo, con due possibilità. In abbonamento con Internet incluso a partire da 25 al mese, oppure a 399 con Sim ricaricabile. fonte: corriere.it 16 maggio 2013

7 Dislessia: strumenti tecnologici di supporto alla didattica Gli allievi con Disturbi Specifici di Apprendimento aumentano ogni anno. Per intervenire adeguatamente occorrono competenze e strumenti innovativi, soprattutto tecnologici In tutto il mondo, sempre più bambini e ragazzi mostrano di avere Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA), soprattutto dislessia. Non sono affetti da alcuna patologia, non hanno bisogno di cure mediche, sono intelligenti e creativi, però imparano in modo diverso. In Italia la loro specificità è stata riconosciuta dalla L. 170/10 e riguarda il 5% della popolazione scolastica. Ancora più alta è la percentuale nei Paesi anglosassoni. La nostra è infatti una lingua con pochi grafemi e fonemi e fra la fonologia e l'ortografia la sovrapposizione è pressoché totale; nell'inglese, invece, a fronte di 40 fonemi, vi sono grafemi; si tratta perciò una lingua complessa per chi ha problemi con la lettura. Il disturbo sembra essere dovuto ad una neurodiversità, che consente di leggere e scrivere solo impegnando al massimo capacità ed energie. Poiché risulta difficile leggere in maniera automatica, chi ha tale disturbo si stanca rapidamente, commette errori, rimane indietro, non impara. Occorre pertanto che sia seguito in modo attento. Gli esperti dell'istituto di ortofonologia sottolineano la necessità di un corretto approccio terapeutico, che preveda interventi psicologici, di ambito specialistico e didattico, in modo da creare un contesto motivante e con competenze diffuse. Nelle scuole, in particolare, dev'essere definito un Piano Didattico Personalizzato per ciascun allievo con DSA, mettendo al centro la cultura dell'accoglienza e la valorizzazione delle potenzialità individuali. STRUMENTI DI SUPPORTO ALLA DIDATTICA - Il bambino oggi viene aiutato con vari strumenti: registratori, programmi di videoscrittura, con correttore ortografico ecc. Cominciano inoltre ad essere disponibili libri studiati per dislessici, che facilitano la lettura attraverso espedienti di colore, di maggiore distanza fra le frasi o di sottolineatura di parole chiave. Si possono inoltre usare particolari caratteri di scrittura: Abelardo Gonzales, designer di applicazioni per smartphone, ha disegnato un nuovo font da utilizzare sui cellulari, più facile da leggere per i dislessici e scaricabile gratuitamente. L'app si chiama openweb ed è disponibile per iphone e Ipad. Tutte le informazioni sono disponibili all'indirizzo L'importanza della tecnologia è stata recentemente confermata anche da uno studio condotto dall'università di Padova, secondo cui i videogiochi d'azione migliorano la capacità di lettura, poiché potenziano l'attenzione visiva e favoriscono l'estrazione di informazioni dall'ambiente. I risultati dello studio sarebbero una conferma che i deficit di attenzione visiva sono alla base della dislessia. Ciò però dovrà eventualmente essere confermato da ulteriori studi. fonte: disabili.com 16 maggio 2013

8 Matematica, che musica Math melodies utilizza un metodo sonoro per insegnare a fare i conti Per Bertrand Russell «la matematica, vista nella giusta luce, possiede non soltanto verità ma anche suprema bellezza. Una bellezza fredda e austera, come quella della scultura». Questa immagine estetica della matematica la rende ancor più una materia essenziale, irrinunciabile. Ecco dunque che un'app che insegna la matematica ai bambini non vedenti e ipovedenti delle scuole primarie si carica di importanza non solo didattica. Math melodies è l'oggetto di una campagna di crowdfunding promossa da EveryWare Technologies, spin off dell'università degli Studi di Milano specializzato in sviluppo di applicazioni innovative per smartphone e tablet. L'applicazione per ipad aiuterà tutti i bambini (solo in Italia sono oltre da fonti Istat riferibili all'anno scolastico ) che si trovano in difficoltà con gli approcci tradizionali allo studio. Attualmente in fase di prototipo, questo strumento utilizza l'audio per guidare il bimbo nello svolgimento degli esercizi di aritmetica mentre scorre il suo dito sul tablet. I tre giovani fondatori, Sergio Mascetti, Cristian Bernareggi e Andrea Gerino, hanno maturato questa idea durante gli studi di dottorato a partire dall'esperienza di Cristian e di altri studenti con disabilità visive. L'app si basa su un metodo di insegnamento intuitivo che permette di affrontare operazioni, esercizi di conteggio e confronti. «Abbiamo ottenuto un ottimo risultato nei primi test effettuati con bambini non vedenti e ipovedenti delle elementari», ha spiegato Cristian Bernareggi, «guidati dal riscontro sonoro, i piccoli sono riusciti a svolgere esercizi come le somme in colonna. Per i non vedenti, abituati soprattutto alle righe del Braille, l'app si è rivelata uno strumento efficace anche per migliorare le abilità visuospaziali». La raccolta fondi, che terminerà il 6 luglio, ha un obiettivo di 15 mila euro. Si tratta di una campagna a finanziamento prestabilito, quindi solo nel caso in cui venga raccolta l'intera somma il progetto potrà essere realizzato. Dopo questo passo fondamentale gli studi e i test sull'applicazione dureranno circa 4 mesi. Il prototipo preliminare vanta già alcuni esercizi, ma sono necessarie altre competenze come quelle di insegnanti, copywriter, esperti di grafica e musicisti. Gli esercizi saranno suddivisi per tipologia, dalle operazioni in colonna, ossia le addizioni, le sottrazioni e le moltiplicazioni, alla divisione, dalle operazioni in tabella (addizioni e moltiplicazioni) alle tabelle con numeri mancanti (addizione e moltiplicazione), fino alle posizioni relative e assolute (equazioni), il conteggio e le cifre mancanti (addizione, sottrazione e moltiplicazione). «Ci auguriamo di terminare il lavoro entro l'inizio dell'anno prossimo, quando l'applicazione sarà disponibile gratuitamente sull'app store in tutto il mondo in italiano e inglese. Chi finanzierà il progetto con mille euro o più potrà richiedere la traduzione in altre lingue», ha commentato Sergio Mascetti. La donazione privata può variare da 10 a 300 euro, mentre associazioni, club o aziende possono donare fino a euro. Il progetto Math melodies è patrocinato dall'associazione nazionale subvedenti e da Retina Italia onlus. Info: fonte: milanofinanza.it 28 maggio 2013

1) Istituti aggregati Aldini Valeriani e Sirani

1) Istituti aggregati Aldini Valeriani e Sirani 1) Istituti aggregati Aldini Valeriani e Sirani Via Bassanelli, 9-11 40129 Bologna Leggere per Piacere http://www.iav.it/leggereperpiacere/index.htm Lettore di testi in PDF con la sintesi vocale Silvia

Dettagli

Il software Crealibro

Il software Crealibro Istituto Comprensivo Borgoncini Duca, Roma Il software Crealibro Un progetto di letteratura accessibile per l infanzia Documentazione didattica Cura della dott.sa Francesca Caprino 1 1. Premessa: il diritto

Dettagli

Ausili per i disturbi della letto-scrittura

Ausili per i disturbi della letto-scrittura Disturbi Specifici dell Apprendimento: dalle basi fisiologiche agli ausili Aula Magna Centro Affari e Convegni Arezzo 13 Dicembre 2014 Ausili per i disturbi della letto-scrittura Valentina Scali, Simona

Dettagli

E SE? DOMANDE E RISPOSTE PER

E SE? DOMANDE E RISPOSTE PER Sommario E SE? DOMANDE E RISPOSTE PER L ACCESSIBILITÀ 1. all improvviso non vedessi più? 2. all improvviso non sentissi più? 3. all improvviso non parlassi più? 4. all improvviso non mi muovessi più? 5.

Dettagli

Ausili e applicazioni software per dispositivi mobili

Ausili e applicazioni software per dispositivi mobili 1 Ausili e applicazioni software per dispositivi mobili Valerio Gower 2 I dispositivi ICT mobili: tablet e smartphone 3 I principali sistemi operativi Android (Google) ios (Apple) Symbian (Nokia) Blackberry

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi. Istituto Comprensivo Castellani. Docenti referenti : R.Bartoletti P.Saletti

Istituto Comprensivo Gandhi. Istituto Comprensivo Castellani. Docenti referenti : R.Bartoletti P.Saletti Istituto Comprensivo Gandhi Istituto Comprensivo Castellani Docenti referenti : R.Bartoletti P.Saletti DISLESSIA, DISGRAFIA, DISORTOGRAFIA E DISCALCULIA COSA SONO? COME SI MANIFESTANO CONSEGUENZE INTERVENTI

Dettagli

TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA)

TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA) Modena, dicembre 2007 Presenta TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA) INTRODUZIONE...2 COME UTILIZZARE LA TASTIERA...5 DETTAGLI TASTIERE...7 1 INTRODUZIONE Assieme ad altre tastiere

Dettagli

Ausili e applicazioni software per dispositivi iti i mobili. I principali sistemi operativi. Esempio di dispositivo Smartphone

Ausili e applicazioni software per dispositivi iti i mobili. I principali sistemi operativi. Esempio di dispositivo Smartphone 1 2 I dispositivi ICT mobili: tablet e smartphone Ausili e applicazioni software per dispositivi iti i mobili Valerio Gower 3 4 Android (Google) ios (Apple) Symbian (Nokia) Blackberry (RIM) Windows Phone

Dettagli

GLI STRUMENTI COMPENSATIVI

GLI STRUMENTI COMPENSATIVI GLI STRUMENTI COMPENSATIVI La Sintesi Vocale Le mappe concettuali e mentali I programmi di Video Scrittura I Software delle Cooperativa Anastasis LA SINTESI VOCALE Un sintetizzatore vocale è un software

Dettagli

TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA)

TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA) Modena, Maggio 2011 Presenta TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA) INTRODUZIONE... 2 COME UTILIZZARE LA TASTIERA... 6 DETTAGLI TASTIERE... 8 1 INTRODUZIONE Assieme ad altre tastiere

Dettagli

Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione

Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione Istituto Professionale Zenale e Buttinone" Treviglio (BG) Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione Modulo 7: INTEGRAZIONE DEI DISABILI E TIC

Dettagli

COSA SONO I D.S.A.? circoscritte

COSA SONO I D.S.A.? circoscritte D.S.A. COSA SONO I D.S.A.? Si parla di D.S.A.quando un bambino mostra delle difficoltàcircoscrittenella lettura, nella scrittura o nel calcolo, in una situazione in cui lo sviluppo intellettivo ènella

Dettagli

Gli strumenti informatici: possibili aiuti per l'autonomia 18 aprile 2015

Gli strumenti informatici: possibili aiuti per l'autonomia 18 aprile 2015 Gli strumenti informatici: possibili aiuti per l'autonomia 18 aprile 2015 Attilio Milo insegnante di Scuola Secondaria di I grado GENITORE - formatore AID Il bambino con Disturbo Specifico dell Apprendimento

Dettagli

Il software didattico ELSE e il suo ruolo nella riabilitazione di studenti affetti da disturbi specifici dell apprendimento

Il software didattico ELSE e il suo ruolo nella riabilitazione di studenti affetti da disturbi specifici dell apprendimento 1 Erika Firpo Il software didattico ELSE e il suo ruolo nella riabilitazione di studenti affetti da disturbi specifici dell apprendimento INTRODUZIONE I software sono i veri protagonisti degli interventi

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI DSA Decreto n. 5669 del 12 luglio 2011, attuativo della legge 170 dell 8 ottobre 2010

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI DSA Decreto n. 5669 del 12 luglio 2011, attuativo della legge 170 dell 8 ottobre 2010 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ Viale della Libertà, 14-Tel. 0543-28620 -Fax 0543-26363 - -DISTRETTO 42 e mail itisfo@itisforli.it SITO www.itisforli.it PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

Dettagli

La Dislessia. Sintesi da materiali tratti dal sito http://www.aiditalia.org, sito dell Associazione Italiana Dislessia

La Dislessia. Sintesi da materiali tratti dal sito http://www.aiditalia.org, sito dell Associazione Italiana Dislessia La Dislessia Sintesi da materiali tratti dal sito http://www.aiditalia.org, sito dell Associazione Italiana Dislessia La Dislessia è un Disturbo Specifico dell'apprendimento (DSA), cioè un disturbo che

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

Quando parliamo di ambienti inclusivi per tutti non possiamo prescindere

Quando parliamo di ambienti inclusivi per tutti non possiamo prescindere 7. L aula digitale inclusiva: proposte operative Accezione larga del concetto di disabilità di Paola Angelucci e Piero Cecchini Quando parliamo di ambienti inclusivi per tutti non possiamo prescindere

Dettagli

I. C. I. NIEVO CAPRI. Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico

I. C. I. NIEVO CAPRI. Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico I. C. I. NIEVO CAPRI Scuola secondaria di I grado Classe Coordinatore di classe 1. DATI RELATIVI ALL ALUNNO: Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico Cognome e nome Data e luogo di nascita

Dettagli

Perché il Libro Parlato nell era del e-book

Perché il Libro Parlato nell era del e-book HANDIMATICA 2012 Seminario Tecnologie e approcci innovativi con anziani ospiti di strutture Centro Internazionale del Libro Parlato Adriano Sernagiotto - ONLUS Perché il Libro Parlato nell era del e-book

Dettagli

Incontro Scuola-Genitori

Incontro Scuola-Genitori Incontro Scuola-Genitori Verso l autonomia l degli alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento Porcia, 2 novembre 2011 Contenuti dell incontro Informazioni sulla Legge 170, 8 ottobre 2010 sui DSA Strumenti

Dettagli

DISTURBO SE APPRENDO? io... Apprendo disturbando

DISTURBO SE APPRENDO? io... Apprendo disturbando Centro Territoriale per l Integrazione DISTURBO SE APPRENDO? io... Apprendo disturbando D. S. A. e B.E.S. Disturbi Specifici dell'apprendimento Incontro con KIT_PC_DSA Prof. Fusillo Francesco Autore del

Dettagli

UNA DIDATTICA PER I DSA UNA DIDATTICA PER TUTTI GLI ALUNNI

UNA DIDATTICA PER I DSA UNA DIDATTICA PER TUTTI GLI ALUNNI Piazza Martiri 1/2-40121 Bologna - Tel. 051/243358 - Fax 051/6393194 Partita IVA / cod. fiscale 04344650371 - conto corrente postale n 159400 coordinate bancarie: CARISBO Ag. Lame c/c 1551 ABI 06385 CAB

Dettagli

Sezione AID di Salerno Via Manganario, 34/A

Sezione AID di Salerno Via Manganario, 34/A Sezione AID di Salerno Via Manganario, 34/A Tel. 089233546 - Cell. 3401449889 E-mail: salerno@dislessia.it Indirizzo web: www.aiditalia.org PRESIDENTE GRAZIA THEA QUARANTA Sorta a Bologna nel 1997, l Associazione

Dettagli

INDICAZIONI SULL UTILIZZO DEGLI STRUMENTI ICT NELLA DIDATTICA CON I BES

INDICAZIONI SULL UTILIZZO DEGLI STRUMENTI ICT NELLA DIDATTICA CON I BES INDICAZIONI SULL UTILIZZO DEGLI STRUMENTI ICT NELLA DIDATTICA CON I BES a cura della F.S. Area 2 Maria De Francesco Nella stesura del PDP per gli alunni BES è richiesta la messa a punto di strategie didattiche

Dettagli

Le tecnologie assistive: superare le difficoltà causate dalla disabilità grazie agli ausili

Le tecnologie assistive: superare le difficoltà causate dalla disabilità grazie agli ausili 1 Erika Firpo Le tecnologie assistive: superare le difficoltà causate dalla disabilità grazie agli ausili INTRODUZIONE Le tecnologie assistive si inseriscono a pieno diritto tra le innovazioni che, recentemente,

Dettagli

Il lavoro condotto ha portato alla realizzazione di tre sistemi: - Ingranditore e Lettore di testi - Controller digitale - Comunicatore

Il lavoro condotto ha portato alla realizzazione di tre sistemi: - Ingranditore e Lettore di testi - Controller digitale - Comunicatore Il progetto Freedom è nato dalla volontà di applicare alcune moderne ed innovative tecnologie alle semplici attività giornaliere. L obiettivo del progetto è stato quello di fornire nuovi e semplici strumenti

Dettagli

E DEL PROGRAMMA TUTOREDATTILO PRO

E DEL PROGRAMMA TUTOREDATTILO PRO USO DEL MANUALE "SCRIVERE CON DIECI DITA" E DEL PROGRAMMA TUTOREDATTILO PRO PRIME LEZIONI Senza alcuna pretesa di volersi sostituire all abilità di ogni insegnante nel presentare l approccio alla scrittura

Dettagli

LA DIDATTICA DELLA MATEMATICA PER STUDENTI CON BES SPUNTI TEORICI E ESEMPI OPERATIVI

LA DIDATTICA DELLA MATEMATICA PER STUDENTI CON BES SPUNTI TEORICI E ESEMPI OPERATIVI LA DIDATTICA DELLA MATEMATICA PER STUDENTI CON BES SPUNTI TEORICI E ESEMPI OPERATIVI LA DISCALCULIA EVOLUTIVA Secondo quanto indicato nell ICD-10 ed in accordo con quanto descritto nel DSM-IV, i sintomi

Dettagli

La piattaforma per preparare e valutare i tuoi studenti con pochi clic e per affrontare la Prova INVALSI con successo

La piattaforma per preparare e valutare i tuoi studenti con pochi clic e per affrontare la Prova INVALSI con successo La piattaforma per preparare e valutare i tuoi studenti con pochi clic e per affrontare la Prova INVALSI con successo È una piattaforma online per la creazione, la personalizzazione e la somministrazione

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità»

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità» DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità» PROGRAMMA Obiettivi dell incontro: Conoscenza reciproca e condivisione di obiettivi e strategie Aspetti normativi ed implicazioni

Dettagli

Dislessia e mappe semantiche

Dislessia e mappe semantiche Dislessia e mappe semantiche Sperimentazione formale dell uso di Knowledge Master per l apprendimento dello studente dislessico Sarah Traversin Cos è la dislessia È un Disturbo Specifico dell Apprendimento

Dettagli

Quick-Manual. Comfort VS4

Quick-Manual. Comfort VS4 Quick-Manual Comfort VS4 Contenuto 1. Come inserire la carta SIM 35 2. Come caricare la batteria 36 3. Le funzioni dei tasti 38 4. Come aggiungere contatti alla Rubrica 40 5. Come fare e ricevere chiamate

Dettagli

Diario Amico, perché?

Diario Amico, perché? Diario Amico, perché? Il progetto Diario Amico nasce nel 2010 presso l Istituto Comprensivo Pietro Carmine di Cannobio, Cannero Riviera e Valle Cannobina, quando si decide di realizzare uno strumento per

Dettagli

LINEE GUIDA PER UN CORRETTO INSERIMENTO DEGLI ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

LINEE GUIDA PER UN CORRETTO INSERIMENTO DEGLI ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO LINEE GUIDA PER UN CORRETTO INSERIMENTO DEGLI ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Tratte da: Progetto A scuola di dislessia Teramo 28 Ottobre 2010 I.T.C. Pascal Seminario di studio Prospettive

Dettagli

VADEMECUM PROCEDURE RAGAZZI DSA MAJORANA

VADEMECUM PROCEDURE RAGAZZI DSA MAJORANA VADEMECUM PROCEDURE RAGAZZI DSA MAJORANA - DIAGNOSI E PROFILO DI FUNZIONALITA - All atto dell iscrizione portare in segreteria la diagnosi DSA dell alunno e farla protocollare, accompagnata possibilmente

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

PROPOSTE SECONDARIA STORIA, SCIENZE PERO BISOGNA ESSERE COLLEGATI IN RETE INTERNET E ISCRIVERSI, ISCRIZIONE GRATIS WWW.PIANETINO.

PROPOSTE SECONDARIA STORIA, SCIENZE PERO BISOGNA ESSERE COLLEGATI IN RETE INTERNET E ISCRIVERSI, ISCRIZIONE GRATIS WWW.PIANETINO. PROPOSTE SECONDARIA STORIA, SCIENZE PERO BISOGNA ESSERE COLLEGATI IN RETE INTERNET E ISCRIVERSI, ISCRIZIONE GRATIS WWW.PIANETINO.IT MATEMATICA, GEOMETRIA, PIANI CARTESIANO, TRIGONOMETRIA www.ripmat.it

Dettagli

Il contributo dei CTS (Centri Territoriali di Supporto) per migliorare la qualità dell inclusione nelle scuole. venerdì 23 novembre 2012, 11:30-13:30

Il contributo dei CTS (Centri Territoriali di Supporto) per migliorare la qualità dell inclusione nelle scuole. venerdì 23 novembre 2012, 11:30-13:30 Il contributo dei CTS (Centri Territoriali di Supporto) per migliorare la qualità dell inclusione nelle scuole venerdì 23 novembre 2012, 11:30-13:30 Non basta dire formato digitale. Il problema, ancora

Dettagli

S.M.S. A.Canova Grugnera (Pn)

S.M.S. A.Canova Grugnera (Pn) S.M.S. A.Canova Grugnera (Pn) Page 1 Prof. Docente Scuola Secondaria Docente Scuola Secondaria COMPENSARE gli STRUMENTI COMPENSATIVI permettono di raggiungere un buon grado di AUTONOMIA,, cioè la possibilità

Dettagli

Nuova ECDL ONLINE COLLABORATION

Nuova ECDL ONLINE COLLABORATION PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER Nuova ECDL ONLINE COLLABORATION CONCETTI FONDAMENTALI USO DI DISPOSITIVI MOBILI APPLICAZIONI SINCRONIZZAZIONE 4. COLLABORAZIONE MOBILE 4.1. Concetti fondamentali 4.1.1 Identificare

Dettagli

LE APPS DEL PROGETTO UN TABLET PER COMUNICARE

LE APPS DEL PROGETTO UN TABLET PER COMUNICARE LE APPS DEL PROGETTO UN TABLET PER COMUNICARE Immaginario Immaginario è un supporto giornaliero: permette di portare con sé su iphone o ipad le carte che associano immagine e concetto da mostrare al bambino

Dettagli

I.C. G. MAMAELI - a.s. 2014/2015. docenti

I.C. G. MAMAELI - a.s. 2014/2015. docenti docenti bbiamo scelto di dare un taglio più semplice e pratico ad una tematica così vasta e piena di variabili quale è quella degli alunni con D.S.A., evitando il più possibile termini tecnici o specialistici

Dettagli

KIT AOL PARLA CON UN CLICK PROTETTO

KIT AOL PARLA CON UN CLICK PROTETTO KIT AOL PARLA CON UN CLICK PROTETTO Prezzi a partire da 509,00 + iva Parla con un click è ora disponibile nel Kit Protetto, dove il vostro ipad è al sicuro grazie alla nuova custodia rugged antiurto con

Dettagli

Radio R 4.0 IntelliLink Domande frequenti. Italiano. Ottobre 2015. Elenco dei contenuti

Radio R 4.0 IntelliLink Domande frequenti. Italiano. Ottobre 2015. Elenco dei contenuti Elenco dei contenuti 1. Audio... 1 2. Phone... 2 3. Apple CarPlay... 3 4. Android Auto... 3 5. Gallery... 5 6. Other... 5 1. Audio D: Come posso passare da una sorgente audio all altra (ad es. tra radio

Dettagli

STRUMENTI COMPENSATIVI E DISPENSATIVI. A cura della prof.ssa Giusi Piras

STRUMENTI COMPENSATIVI E DISPENSATIVI. A cura della prof.ssa Giusi Piras STRUMENTI COMPENSATIVI E DISPENSATIVI A cura della prof.ssa Giusi Piras Gli strumenti compensativi e dispensativi sono strumenti di facilitazione che danno a coloro che hanno delle difficoltà l opportunità

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

Tecnologie per la riduzione degli handicap - Laurea in Pedagogia

Tecnologie per la riduzione degli handicap - Laurea in Pedagogia Provate a leggere Probabilmente risulterà difficile leggere queste poche righe. Qualcuno si appellerà agli errori di stampa. Effettivamente abbiamo sostituito qualche lettera, omesso qualcosa, aggiunto

Dettagli

STRUMENTI COMPENSATIVI E MISURE DISPENSATIVE. Di cosa hanno bisogno gli alunni con DSA?

STRUMENTI COMPENSATIVI E MISURE DISPENSATIVE. Di cosa hanno bisogno gli alunni con DSA? STRUMENTI COMPENSATIVI E MISURE DISPENSATIVE Di cosa hanno bisogno gli alunni con DSA? Definizioni Strumenti compensativi Strumenti finalizzati alla manifestazione del proprio potenziale; tutto ciò che

Dettagli

Verso nuovi strumenti di uguaglianza digitale

Verso nuovi strumenti di uguaglianza digitale Verso nuovi strumenti di uguaglianza digitale Informatici Senza Frontiere è una realtà sociale con dieci sezioni regionali e più di 300 soci e socie, informatici e non, che contribuiscono alla vita dell

Dettagli

utili alla stesura e al monitoraggio del PDP

utili alla stesura e al monitoraggio del PDP Questionario per favorire la raccolta di informazioni utili alla stesura e al monitoraggio del PDP Da compilarsi a cura dei genitori Istituzione scolastica. DATI DELL ALUNNO/A Cognome.. Nome. Classe..

Dettagli

WEB. Piccolo dizionarietto tecnologico

WEB. Piccolo dizionarietto tecnologico WEB Piccolo dizionarietto tecnologico NATIVI DIGITALI - IMMIGRATI DIGITALI- TARDIVI L a distinzione fra nativi e migranti digitali fu introdotto nel 2001dallo studioso americano Marc Prensky: NATIVI DIGITALI

Dettagli

Progetto Insegnare ad imparare le strategie metacognitive nei DSA UST Belluno / Associazione Soroptimist

Progetto Insegnare ad imparare le strategie metacognitive nei DSA UST Belluno / Associazione Soroptimist I Disturbi Specifici di Apprendimento Interventi nella Scuola Secondaria: applicazione delle misure compensative e dispensative in riferimento alle discipline di ambito umanistico Progetto Insegnare ad

Dettagli

Laboratorio: Tecnologie assistive per disabili motori

Laboratorio: Tecnologie assistive per disabili motori Laboratorio: Tecnologie assistive per disabili motori Andrea Mangiatordi - 29 marzo 2008 Tecnologia Funzionalità Vantaggi Svantaggi Può essere utile anche a Combinata con un chi ha problemi di qualunque

Dettagli

Il progetto classi 2.0

Il progetto classi 2.0 classe classe 2.0 2.0 Didattica innovativa Il progetto classi 2.0 Il progetto Cl@ssi 2.0, attivato nel 2009 dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, ha l obiettivo di promuovere

Dettagli

(spazio per carta intestata della scuola)

(spazio per carta intestata della scuola) (spazio per carta intestata della scuola) Modello di Piano Didattico Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)* Documento da compilare e riadattare seguendo gli esempi inseriti

Dettagli

Progetto Generazione Web al Liceo Manzoni

Progetto Generazione Web al Liceo Manzoni Progetto Generazione Web al Liceo Manzoni Anno Scolastico 2014-2015 Si ringrazia per la concessione dell Auditorium Bando Regione Lombardia! Classi 2.0 dispositivi individuali per gli studenti! Finanziamento

Dettagli

N.ARTIC. TITOLO ARGOMENTO ORDINE DI NOTE SCUOLA 001 * Ascolto è crescere Per alunni stranieri,

N.ARTIC. TITOLO ARGOMENTO ORDINE DI NOTE SCUOLA 001 * Ascolto è crescere Per alunni stranieri, N.ARTIC. TITOLO ARGOMENTO ORDINE DI NOTE SCUOLA 001 * Ascolto è crescere Per alunni stranieri, con sostegno e casi di bullismo 002 Insieme per crescere Troppo teorico 003 Costruire una comunità accogliente

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/15

ANNO SCOLASTICO 2014/15 ANNO SCOLASTICO 2014/15 VADEMECUM PER IL DOCENTE CON ALUNNI CHE RIENTRANO NELL AREA BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI BES (H, DSA, ADHD, difficoltà psicologiche) A cura della prof.ssa Annarita Caponera Il coordinatore

Dettagli

Associazione Nazionale Subvedenti sede operativa L.go Volontari del Sangue, 1 - Milano tel/fax: 02 70 63 28 50 e-mail: info@subvedenti.

Associazione Nazionale Subvedenti sede operativa L.go Volontari del Sangue, 1 - Milano tel/fax: 02 70 63 28 50 e-mail: info@subvedenti. Associazione Nazionale Subvedenti sede operativa L.go Volontari del Sangue, 1 - Milano tel/fax: 02 70 63 28 50 e-mail: info@subvedenti.it Web: www.subvedenti.it Panoramica sulle tecnologie assistive e

Dettagli

PDP dell'alunno/a. non richiedere lettura a voce alta in pubblico se l alunno/a non vuole farlo

PDP dell'alunno/a. non richiedere lettura a voce alta in pubblico se l alunno/a non vuole farlo PDP dell'alunno/a. Attenzione: si ricorda che gli strumenti compensativi e dispensativi qui elencati vanno adottati tenendo conto delle particolari situazioni e delle esigenze del singolo alunno. L uso

Dettagli

Università di Trieste

Università di Trieste Università di Trieste Dipartimento di Scienze Umane Sussidi e Ausili Laboratorio gestione problematiche legate ai disturbi visivi a.a. 2012-2013 Fabio Corsi, Ph.D. Due sinonimi? Ora inizieremo a trattare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MADDALENA-BERTANI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO 1.DATI RELATIVI ALL ALUNNO

ISTITUTO COMPRENSIVO MADDALENA-BERTANI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO 1.DATI RELATIVI ALL ALUNNO ISTITUTO COMPRENSIVO MADDALENA-BERTANI SCUOLA PRIMARIA... CLASSE... Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO 1.DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome Diagnosi specialistica 1 Tipologia del disturbo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

App per disabili, quando la tecnologia diventa di aiuto

App per disabili, quando la tecnologia diventa di aiuto App per disabili, quando la tecnologia diventa di aiuto Non sempre maggiore tecnologia significa maggiore benessere. Così é stato, ad esempio, per anziani e diversamente abili che con l avvento degli smartphone

Dettagli

KIT AOL PARLA CON UN CLICK

KIT AOL PARLA CON UN CLICK KIT AOL PARLA CON UN CLICK Nuovo software per la Comunicazione aumentativa alternativa (CAA), per sistemi ios. Disponibile per ipod Touch e per ipad Varie versioni disponibili: software, base, premium,

Dettagli

Impariamo a conoscerla

Impariamo a conoscerla Impariamo a conoscerla Centro AP - Psicologia e Psicosomatica Piazza Trasimeno, 2-00198 Roma - Tel: 06 841.41.42 - www.centroap.it 1 Che cosa è? La dislessia evolutiva è un disturbo specifico che riguarda

Dettagli

Anno Scolastico.. Stesura (data).. Aggiornamento (data)...

Anno Scolastico.. Stesura (data).. Aggiornamento (data)... PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico.. Stesura (data).. Aggiornamento (data)... Indirizzo di studio.. Classe.. Sezione. Referente DSA Coordinatore di classe. Pag.1 di 16 1. DATI RELATIVI ALL

Dettagli

DSA ausili e software

DSA ausili e software DSA ausili e software LABORATORIO DIDATTICO TECNOLOGICO SUL METODO DI STUDIO CON SOFTWARE DIDATTICI COMPENSATIVI Cenni sulla normativa. Art. 5 della legge n.170/2010 (Nuove norme in materia di disturbi

Dettagli

sophigraphic p. iva 04489850281

sophigraphic p. iva 04489850281 sophigraphic p. iva 04489850281 Padova, Maggio 2013 Trascrizioni braille/caratteri ingranditi stampati o su supporto informatico Buongiorno, mi chiamo Giorgio Callegari e sono il titolare di un'impresa

Dettagli

Eventi organizzati presso lo STAND CENTRO LEONARDO (10 posti utili)

Eventi organizzati presso lo STAND CENTRO LEONARDO (10 posti utili) INIZIATIVE ORGANIZZATE ABCD 2012: info@centroleonardo.net Eventi organizzati presso lo STAND CENTRO LEONARDO (10 posti utili) MERCOLEDI 14 NOVEMBRE 10:00/10.30 Centro Leonardo workshop Analisi logica:

Dettagli

La Dislessia è uno dei disturbi specifici di apprendimento, di seguito denominati «DSA» (LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 ) Lucia Scuteri 30.06.

La Dislessia è uno dei disturbi specifici di apprendimento, di seguito denominati «DSA» (LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 ) Lucia Scuteri 30.06. La Dislessia è uno dei disturbi specifici di apprendimento, di seguito denominati «DSA» (LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 ) Alla base della dislessia ci sarebbe una comunicazione carente fra le aree cerebrali

Dettagli

Piano didattico personalizzato DSA

Piano didattico personalizzato DSA Piano didattico personalizzato DSA Anno Scolastico 2014/2015 Indirizzo di studio Classe Sezione Dati dello studente Cognome e nome Data e luogo di nascita Diagnosi specialistica 1 Redatta da Sintesi diagnostica

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO SCUOLA SECONDARIA

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO SCUOLA SECONDARIA PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO SCUOLA SECONDARIA Anno Scolastico 2015-16 1. DATI GENERALI Nome e cognome Data di nascita Classe Insegnante coordinatore della classe Diagnosi medico-specialistica redatta

Dettagli

City Camp D.S.A. 2013 2 edizione Verso l AUTONOMIA

City Camp D.S.A. 2013 2 edizione Verso l AUTONOMIA Laboratorio didattico-tecnologico per l AUTONOMIA dei DSA Dati del/la ragazzo/a: City Camp D.S.A. 2013 2 edizione Domanda di partecipazione al Campus D.S.A. 2013 Alla Coordinatrice del campus Dott.ssa

Dettagli

INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra. l importanza di una diagnosi precoce

INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra. l importanza di una diagnosi precoce INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra l importanza di una diagnosi precoce GLI INSEGNANTI DICONO CHE mio figlio.. è troppo frettoloso o lento; è intelligente ma svogliato, è distratto,

Dettagli

APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO (Novak, J.)

APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO (Novak, J.) Studio di PsicologiaAmaltea Dr.ssa Dr.ssa Veronica Melucci chiara.dellabetta@studioamaltea.it www.studioamaltea.it METODO DI STUDIO E STRUMENTI COMPENSATIVI 1 APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO (Novak, J.) Processo

Dettagli

ATTIVITÀ PRATICHE PER DISCALCULICI

ATTIVITÀ PRATICHE PER DISCALCULICI ATTIVITÀ PRATICHE PER DISCALCULICI (Indicazioni di Cristiana Zucca, insegnante referente per la dislessia nella scuola primaria di Argentera Canavese. Spunti tratti da "La discalculia evolutiva" Biancardi-

Dettagli

lingue: non funzionano gli audio senza linea. Difficoltà dopo l'aggiornamento delle app nel caricare i libri.

lingue: non funzionano gli audio senza linea. Difficoltà dopo l'aggiornamento delle app nel caricare i libri. Libr@ Verifica anno 2013/14 ASPETTI PUNTI DI FORZA LIMITI MIGLIORAMENTO Motivazione e organizzazione Interesse, motivazione e coinvolgimento da parte di tutti. Uso del web Possibilità di reperire in Internet

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA EDUCAZIONE ALLA DISABILITA PROGETTI DI SENSIBILIZZAZIONE ALL HANDICAP PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE La Fondazione Placido Puliatti onlus promuove, sostiene e svolge attività per la prevenzione, la cura,

Dettagli

bisogno degli altri, di sentirsi più sicuri, di aver voglia di provare a fare attività che altrimenti non avrebbero voglia di provare.

bisogno degli altri, di sentirsi più sicuri, di aver voglia di provare a fare attività che altrimenti non avrebbero voglia di provare. Strumenti compensativi e dispensativi Gli strumenti compensativi e dispensativi sono strumenti di facilitazione che danno a coloro che hanno delle difficoltà l opportunità di raggiungere molti obiettivi

Dettagli

DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO E NUOVE TECNOLOGIE

DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO E NUOVE TECNOLOGIE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO E NUOVE TECNOLOGIE IL SOFTWARE DIDATTICO PER INTERVENTI SULLE ABILITA Prof.ssa Silvia Antimiani Cos è il software didattico È un software che permette di sviluppare competenze

Dettagli

INFORMATICA E DSA L'USO PRATICO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI. Dr. Enrico Rialti

INFORMATICA E DSA L'USO PRATICO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI. Dr. Enrico Rialti INFORMATICA E DSA L'USO PRATICO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI Dr. Enrico Rialti INFORMATICA NEI DSA COME MAI COMPITI COGNITIVI COMPITI ASSOCIATIVI STRUMENTO COMPENSATIVO PER LA LETTURA LA SCRITTURA IL RAGIONAMENTO

Dettagli

B.E.S. Anno 2014. Fortunata Daniela Vetri. Daniela Vetri

B.E.S. Anno 2014. Fortunata Daniela Vetri. Daniela Vetri B.E.S. Anno 2014 Fortunata Daniela Vetri Daniela Vetri DISTURBI SPECIFICI D APPRENDIMENTO D. S. A. FONTI NORMATIVE LEGGE 8 OTTOBRE 2010 N. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici d apprendimento

Dettagli

Dislessia e altri Disturbi dell Apprendimento. Proposte didattiche per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado

Dislessia e altri Disturbi dell Apprendimento. Proposte didattiche per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA Sezione di Parma Dislessia e altri Disturbi dell Apprendimento. Proposte didattiche per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado San Secondo (PR) 23 novembre

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 15 Telefono cellulare e scheda prepagata In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come ricaricare il telefono cellulare con la scheda prepagata parole relative all

Dettagli

Applicativi che potrebbero essere utili alle persone con DSA che hanno un ipad Apple

Applicativi che potrebbero essere utili alle persone con DSA che hanno un ipad Apple A cura di, Enrico Angelo Emili - Referente DSA per l Ufficio Scolastico Regionale Emilia-Romagna vers.01/02/2013 enricoangelo.emili@gmail.com Applicativi che potrebbero essere utili alle persone con DSA

Dettagli

Dislessia e D.S.A : tecnologia e informatica per l autonomia scolastica

Dislessia e D.S.A : tecnologia e informatica per l autonomia scolastica Angelo Magoga CTI Treviso Centro Dislessia e D.S.A : tecnologia e informatica per l autonomia scolastica SERATA A TEMA Ospedale Ca Foncello - Treviso 21 aprile 2009 Centro Territoriale per l Integrazione

Dettagli

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva 1 Indice dei materiali Quadro normativo di riferimento Didattica tradizionale

Dettagli

R. Rovaris Istituto Comprensivo di Verzellino Scuola Primaria "Fratelli Cervi", Zingonia. rita.rovaris@scuoleverdellino.it

R. Rovaris Istituto Comprensivo di Verzellino Scuola Primaria Fratelli Cervi, Zingonia. rita.rovaris@scuoleverdellino.it L'esperienza del Centro per l'intervento Didattico sugli Alunni Dislessici (C.I.D.A.D.) come esempio di buona prassi di intervento coordinato sul territorio R. Rovaris Istituto Comprensivo di Verzellino

Dettagli

scaricato liberamente da matemangano.wordpress.com

scaricato liberamente da matemangano.wordpress.com CHE COS E LA DISCALCULIA scaricato liberamente da matemangano.wordpress.com La discalculia è una difficoltà specifica nell apprendimento del calcolo che si manifesta nel riconoscimento e nella denominazione

Dettagli

2011 - Giunti Editore 1

2011 - Giunti Editore 1 Come leggere la dislessia e i DSA: Materiali e Strumenti per gli insegnanti 2011 - Giunti Editore 1 Scrivendo questo libro ci siamo interrogati su quale sia il ruolo di un bambino con Disturbo Specifico

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO CODEVIGO Via Garubbio 43, 35020 Codevigo (PD) - Tel. 049/5817860 - Fax 049/5817883 C.F. 80013420288 - C.M. PDIC 87000X e-mail: pdic87000x@istruzione.it PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

Dettagli

La nostra soluzione integrata

La nostra soluzione integrata Avagliano ischool nasce dalla consolidata esperienza in campo editoriale di Avagliano editore, marchio di prestigio dell editoria libraria tradizionale che vanta più di trent anni di attività La casa editrice

Dettagli

Come l aspetto ludico possa essere utile all apprendimento: il software didattico Sorpasso!

Come l aspetto ludico possa essere utile all apprendimento: il software didattico Sorpasso! 1 Erika Firpo Come l aspetto ludico possa essere utile all apprendimento: il software didattico Sorpasso! INTRODUZIONE Sempre più spesso i bambini e i ragazzi passano parte del loro tempo a giocare coi

Dettagli

TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA)

TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA) Modena, Maggio 2011 Presenta TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA) INTRODUZIONE... 2 COME UTILIZZARE LA TASTIERA... 6 DETTAGLI TASTIERE... 8 1 INTRODUZIONE Assieme ad altre tastiere

Dettagli

Scheda di recensione delle App per la comunicazione

Scheda di recensione delle App per la comunicazione Scheda di recensione delle App per la comunicazione Il numero di app per la comunicazione acquistabili anche in Italia è cresciuto molto in questi anni. Fra le app, si trovano soluzioni semplici e con

Dettagli

dai D.S.A. ai B.E.S. 3-10-2013

dai D.S.A. ai B.E.S. 3-10-2013 dai D.S.A. ai B.E.S. 3-10-2013 DSA - disturbi specifici dell apprendimento L apprendimento Ciascun allievo impara in maniera diversa, ognuno con un proprio stile di apprendimento. L insegnamento deve tener

Dettagli

ISTITUTO CARDARELLI 6 SETTEMBRE 2011 Dott.ssa Bernabò Elisabetta Dott.ssa Passano Francesca

ISTITUTO CARDARELLI 6 SETTEMBRE 2011 Dott.ssa Bernabò Elisabetta Dott.ssa Passano Francesca ISTITUTO CARDARELLI 6 SETTEMBRE 2011 Dott.ssa Bernabò Elisabetta Dott.ssa Passano Francesca I Disturbi dell Apprendimento: classificazione DSM IV ICD 10 Disturbi evolutivi specifici delle abilità scolastiche

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO SPECIFICO PER ALUNNI CON DSA. DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome: Data e luogo di nascita: Istituto: Classe:

PERCORSO DIDATTICO SPECIFICO PER ALUNNI CON DSA. DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome: Data e luogo di nascita: Istituto: Classe: PERCORSO DIDATTICO SPECIFICO PER ALUNNI CON DSA DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome: Data e luogo di nascita: Istituto: Classe: 1. DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO DELLE ABILITÀ STRUMENTALI (situazione

Dettagli