CAPO I Riferimenti normativi, ambito di applicazione, definizioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPO I Riferimenti normativi, ambito di applicazione, definizioni"

Transcript

1 DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO CAPO I Riferimenti normativi, ambito di applicazione, definizioni Art. 1 Riferimenti Normativi La materia del presente regolamento è ispirata a: - DPR n. 445 del ; - DPR n. 428 del ; - D.L.vo n. 196 del ; - DPCM 6 maggio 2009; Art. 2 Ambito di applicazione 1. Il presente regolamento disciplina la gestione e la tutela dei documenti ricevuti e trasmessi dall Azienda per il diritto allo studio di Benevento, di seguito denominata Adisu o Azienda. 2. I documenti dell Adisu sono quelli prodotti e acquisiti ovvero la rappresentazione, in qualsiasi modo formata, del contenuto di atti, anche interni, utilizzati nello svolgimento della propria attività amministrativa istituzionale. 3. L Ufficio Protocollo dell Adisu di Benevento afferisce funzionalmente ed organizzativamente al Servizio Amministrativo. 4. I documenti dell Adisu sono inalienabili. Art. 3 Cassificazione dei documenti 1. I documenti si distinguono in: - documenti in arrivo; - documenti in partenza; - documenti interni. Art. 4 - Documento in arrivo 1. Il documento in arrivo è il documento avente rilevanza giuridico-probatoria formato e trasmesso all Adisu da un altra Pubblica Amministrazione o da altro soggetto esterno, registrato dall Ufficio Protocollo. Art. 5 - Documento in partenza 1. Il documento in partenza è il documento di valenza giuridico-probatoria formato dal personale interno all Adisu nell'esercizio delle proprie funzioni e destinato a terzi, registrato dall Ufficio Protocollo. Art. 6 - Documento interno 1. I documenti interni, ovvero quelli scambiati all interno dell Azienda sono distinti in: 1

2 a) documenti interni di carattere giuridico probatorio, e per l effetto soggetti a registrazione. b) documenti interni di carattere informativo, ovvero memorie informali, appunti, brevi comunicazioni di rilevanza meramente informativa tra uffici o operatori aziendali e per l effetto non soggetti a registrazione. Art. 7 Supporti dei documenti 1. I documenti possono essere cartacei e informatici. 2. Per documento informatico s intende la rappresentazione informatica di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti. 3. Per documento analogico si intende la rappresentazione di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti prodotta su supporto non informatico; in genere il documento analogico è un documento cartaceo. 4. Per versione analogica di un documento informatico si intende la sua riproduzione su supporto non informatico. 5. Per versione informatica di un documento analogico si intende una copia informatica di esso. Art. 8 - Minuta del documento 1. Per minuta di un documento s intende la sua stesura provvisoria o in bozza, soggetta a integrazioni e a modifiche prima della redazione definitiva. Art. 9 - Documento avente valore di atto pubblico 1. Deliberazioni, determine dirigenziali, verbali, decreti, contratti e qualunque altro documento avente valore di atto pubblico sono redatti, di norma, sia su supporto cartaceo sia su supporto informatico purché ne sia garantita la conservazione illimitata. Art. 10 Diritto all accesso e diritto alla consultazione 1. L Adisu garantisce i principi della trasparenza dell azione amministrativa, il diritto di accesso ed il diritto alla consultazione al registro di protocollo e ai documenti detenuti secondo la normativa vigente e nel rispetto della normativa in materia di tutela dei dati personali e dal relativo regolamento aziendale di attuazione per il rispetto della privacy. Art. 11 Protocollo e registro di protocollo 1. Il protocollo è l insieme degli elementi e delle procedure che attribuiscono al documento la valenza giuridica, procedimentale e probatoria. 2. Il registro di protocollo è un atto pubblico che fa fede, fino a prova di falso, dell effettivo ricevimento o spedizione di un documento e produce effetti giuridici a favore o a danno delle parti. Il registro si rinnova ogni anno solare. Art. 12 Registri, repertori e serie documentali 1. Il registro è un documento amministrativo costituito dalla registrazione, in sequenza cronologica predefinita e in unica entità documentaria, di una pluralità di atti giuridici. 2. Il repertorio è un registro di una specifica serie documentale. 3. Per serie documentale si intende un raggruppamento, dettato da esigenze funzionali di documenti con caratteristiche omogenee in relazione alla natura e alla forma dei documenti, o in relazione all oggetto o alla materia. Art. 13 Firma digitale e firma elettronica 1. Per firma digitale si intende la validazione di un documento informatico, secondo il disposto dell art.1, comma 1 lettera n) e dell art.27 del DPR 445/2000. La firma digitale certifica sia la provenienza di un documento elettronico sia l integrità dello stesso. 2

3 2. La firma elettronica è definita ai sensi dell art.2, comma 1 lettera a) del D.Lgs. 10/2002, essa assicura la provenienza di un documento ma non l integrità del suo contenuto. CAPO II La gestione dei documenti in entrata e uscita Art. 14 Ufficio protocollo e Protocollo Informatico 1. L attività di registrazione dei documenti in arrivo ed in uscita compete all Ufficio protocollo, che funzionalmente ed organizzativamente afferisce al Servizio Amministrativo dell Adisu. 2. L Adisu si avvale, di norma, di un protocollo informatico unico utilizzato per tutti i documenti in entrata e in uscita. Art. 15 Documenti in partenza 1. Il documento in uscita deve contenere le seguenti indicazioni: - logo dell'azienda; - il Servizio che produce il documento; - numero di protocollo e relativa data; - oggetto del documento; - collegamento ad un eventuale precedente; - sigla del Responsabile del Procedimento Amministrativo (R.P.A) - sigla del responsabile della composizione del testo, se diverso dal R.P.A.; - numero degli allegati; - indirizzo della sede legale dell'azienda; - numero telefonico e di fax aziendale; - indirizzo di posta elettronica aziendale; 2. I documenti in uscita dall Azienda per potere essere registrati e spediti devono essere firmati dal Direttore Amministrativo, o dal responsabile del procedimento, ovvero da parte di altro soggetto, previa delega del Direttore Amministrativo comunicata all Ufficio Protocollo. 3. Il documento cartaceo in partenza, di norma è redatto in originale, che viene spedito al destinatario, mentre una copia è conservata agli atti del Servizio competente ovvero agli atti del Servizio Amministrativo, nel fascicolo cronologico dei documenti in uscita. 4. Sia l'originale sia la copia devono contenere gli elementi informativi del documento. 5. Se i destinatari diretti sono più di uno, saranno spedite più originali. 6. Se i destinatari per conoscenza sono più di uno, saranno spedite più copie degli originali. ART Documenti in arrivo 1. I documenti ricevuti dal servizio di protocollo informatico, dopo essere stati registrati, sono assegnati dal Direttore Amministrativo al Servizio o all Ufficio competente e quindi al responsabile del procedimento. 2. Una copia del documento registrato in arrivo è conservata agli atti del Servizio competente ovvero agli atti del Servizio Amministrativo, nel fascicolo cronologico dei documenti in arrivo. 3. In caso di erroneo smistamento ad un Servizio o un Ufficio non competente, quest'ultimo avrà cura di rimettere il documento al Servizio ovvero all Ufficio competente, dandone comunicazione al Protocollo. Art Documenti soggetti a registrazione particolare I documenti soggetti a registrazione particolare (repertorio) sono: delibere, determine, verbali, contratti, registro del patrimomio immobilare, albi, ordinativi di pagamento e riscossione, gli atti interni e fra i servizi dell'azienda. 3

4 Art Documenti esclusi dalla registrazione Sono esclusi dalla registrazione: G.U.R.I., - B.U.R.C, notiziari, libri, riviste, giornali, materiali pubblicitari, inviti a manifestazioni, materiale statistico, atti preparatori interni ai servizi e fra i servizi e gli uffici dell'azienda, documenti di altri enti relativi ad avvisi pubblici e bandi di concorso, dichiarazioni fiscali, documenti soggetti a registrazione autonoma (deliberazioni del C.d.A., decreti, autorizzazioni, verbali, attestati, contratti, certificati ecc.), corrispondenza restituita da soggetti esterni a vario titolo (indirizzo inesatto, rifiuto del mittente ecc.); Art Originale e copia del documento informatico 1. Il documento informatico, redatto nel rispetto delle disposizioni vigenti, è da considerarsi a tutti gli effetti di legge, un documento originale. 2. La copia, l estratto e il duplicato del documento informatico, che riproducono e rappresentano letteralmente e integralmente un altro documento informatico o un documento cartaceo, sono validi a tutti gli effetti di legge se conformi alle vigenti disposizioni in materia. 3. Le copie informatiche di documenti originariamente cartacei sostituiscono i loro originali purché il notaio o altro pubblico ufficiale ne attesti la conformità con dichiarazione allegata al documento informatico. 4. La firma digitale, apposta sul documento da parte del soggetto che spedisce o rilascia documenti informatici contenenti copia di atti pubblici, scritture private e atti amministrativi, è l elemento che attribuisce efficacia giuridica al documento. Art Telefax 1. Il documento trasmesso tramite fax ha valore probatorio giuridico, risponde al requisito della forma scritta e, di regola, non richiede l invio del documento originale. 2. Il documento in partenza via fax dovrà indicare la seguente dicitura il presente documento, ai sensi del comma 6, art. 43 del T.U. 445/2000, non sarà seguito dal documento originale. 3. Il documento ricevuto tramite fax non richiede l invio del documento originale qualora sia possibile verificare la fonte di provenienza ovvero se contiene la dicitura del comma 6, art. 43 del T.U. 445/ Nel caso in cui non sia possibile verificare la fonte di provenienza di un telefax, esso viene trattato come corrispondenza anonima o senza firma. 5. Se il documento ricevuto via fax viene seguito da una trasmissione dello stesso documento con altri mezzi, a questo, se possibile, sarà assegnato lo stesso numero di protocollo della prima ricezione; in caso di difformità anche lievi, il documento successivo è da considerarsi diverso e avrà un nuovo numero di protocollo. Art. 21 Lettere anonime o documenti privi di firma 1. La corrispondenza anonima o i documenti in arrivo privi di firma seguono il regime di protocollo previsto per gli altri generi di documenti, ma di regola non dà avvio ad una procedura. Art Automatismi del protocollo 1. La procedura informatica assegna il numero progressivo di protocollo al momento della registrazione del documento in maniera automatica e immodificabile. 2. La numerazione viene rinnovata ogni anno solare. 3. A ciascun documento è assegnato un unico ed esclusivo numero di protocollo e una data di registrazione anch'essa immodificabile. 4

5 Art Registrazione e segnatura di protocollo 1. Il sistema di protocollazione prevede le operazioni di registrazione e segnatura di protocollo esse, oltre al numero di protocollo e alla data di registrazione, sono: mittente/destinatario la cui registrazione non è modificabile; oggetto del documento, registrato in forma non modificabile; data e numero di protocollo del documento ricevuto, se disponibili; data di arrivo, se diversa da quella di protocollazione; mezzo di ricevimento/spedizione; numero degli allegati; eventuale descrizione sintetica degli allegati ai documenti su supporto cartaceo. Art Segnatura di protocollo 1. Su ciascun atto deve essere riportato con etichetta: la denominazione Adisu, la data ed il numero della registrazione nel registro di protocollo. Art Annullamento delle registrazioni di protocollo 1. Le registrazioni di protocollo errate possono essere annullate, con una specifica funzione del sistema informatico a cura dell Ufficio Protocollo. 2. Le registrazioni annullate rimangono memorizzate nella base dati e sono opportunamente evidenziate dal sistema. Art Situazioni di emergenza e differimento dei termini di registrazione. e registro di emergenza 1. Di regola la registrazione dei dati sul registro di protocollo avviene nella giornata di ricezione. 2. Poichè le attività di protocollazione sono condizionate da: apertura dell'ufficio, consegna della posta, ricevimento di fax carico di lavoro degli addetti, presenza degli addetti, corretto funzionamento del sistema di protocollo informatico, il Responsabile del Servizio Amministrativo può autorizzare la registrazione in tempi diversi conferendo valore probatorio alla ricezione o all uscita di documenti con apposito timbro a mano. 3. In caso di situazioni di emergenza che si protraggano oltre le 24 ore il Responsabile del Servizio Amministrativo provvederà all adozione di un registro di emergenza cartaceo. 4. Le informazioni relative ai documenti protocollati in emergenza sono inserite nel sistema informatico tempestivamente al momento della sua riattivazione, recuperando i dati. In caso di prolungata emergenza, o di un numero eccessivo di protocollazioni, ovvero nel caso i dati siano in numero tale da creare rallentamento alle procedure e impedimento alle attività, è possibile protocollare come unico documento il registro di emergenza, avendo cura di riportare il numero di segnature ivi effettuare e il periodo di utilizzo. Art Orario di Apertura dell Ufficio Protocollo. 1. L orario di apertura al pubblico dell Ufficio Protocollo è concordato dal Responsabile del Servizio Amministrativo con il Dirigente dell Unità di Coordinamento dei Servizi, comunicata al Direttore Amministrativo e reso pubblico. Art. 28 Uso della posta elettronica L uso della posta elettronica è consentito per lo scambio di informazioni in/verso/dall Azienda ed è valido a tutti gli effetti di legge se conforme alle vigenti disposizioni in materia. 1. I messaggi di posta elettronica, corredati di firma digitale e formulati nel rispetto della normativa vigente, vanno protocollati. 2. Il documento di posta elettronica non corrispondente al formato stabilito dal CNIPA (ex AIPA) il cui contenuto è rilevante ai fini giuridici e probatori, dovrà essere stampato con l apposizione della dicitura documento ricevuto per posta elettronica ; successivamente è 5

6 protocollato come un normale documento cartaceo. 3. L Adisu provvede alla definizione di una casella di posta elettronica e la comunica al CNIPA (ex AIPA) per l inserimento nell indice delle amministrazioni pubbliche. 4. Sono protocollati solo i messaggi di posta elettronica che pervengono nella casella ufficiale di posta elettronica ed aventi rilievo istituzionale. 5. Se il messaggio è inviato ad una casella di posta elettronica diversa da quella istituzionale dovrà essere inviato per la protocollazione alla casella istituzionale e per conoscenza al mittente o, anche, semplicemente restituito ad esso con l indicazione della casella istituzionale di posta elettronica. 6. Se il documento ricevuto via posta elettronica viene seguito da una trasmissione dello stesso documento con altri mezzi, a questo successivo invio sarà, se possibile, assegnato lo stesso numero di protocollo della prima ricezione; in caso di difformità anche lievi, il documento successivo è da considerarsi diverso e avrà un nuovo numero di protocollo. 7. I documenti elettronici in entrata o in uscita dall Azienda, se provvisti di firma digitale, vengono collegati in maniera immodificabile alla registrazione di protocollo. Art. 30 Fonogrammi 1. I fonogrammi, sia in arrivo che in partenza, devono recare le seguenti indicazioni: a) data e numero di registrazione nel registro del protocollo; b) data di ricezione o trasmissione; c) nominativo dell addetto alla ricezione e alla trasmissione; d) orario di arrivo o di trasmissione. Art. 31 Ricezione di raccomandate, pacchi, plichi, comunicazioni giudiziarie, ecc. 1. L addetto all Ufficio Protocollo rilascia ricevuta dei plichi raccomandati o assicurati o quant altro comporti una dichiarazione di ricevimento. Art. 32 Gare e concorsi 1. La busta o il plico che reca le indicazioni "offerta", "gara" o qualunque altro elemento che indica la partecipazione ad una procedura concorsuale o di gara, non deve essere aperto ma protocollato in arrivo con l'apposizione delle segnature di protocollo direttamente sulla busta o plico. 2. In caso di gara, offerta o concorso per cui si prevede un afflusso straordinario di documenti, per non paralizzare le attività di protocollo, è possibile istituire un registro apposito relativo ad ogni singola gara, offerta o concorso. 3. In caso di gara, offerta o concorso, il Servizio competente avrà cura di comunicare all ufficio di Protocollo Generale data e ora di scadenza. L addetto alla protocollazione provvederà a segnalare sul plico stesso dei documenti la corrispondenza pervenuta fuori termine utile, trascrivendo su di esso l orario di ricezione e apponendo timbro e firma. 4. I documenti relativi a gara, offerta o concorso che dovessero pervenire in modalità diverse da quelle richieste non saranno ammessi alla procedure, anche se protocollati. Art. 33 Ipotesi particolari 2. Qualora si accerti il cattivo stato di sigilli o mezzi di chiusura di plichi, lettere o pacchi, tale da far temere danni o manomissioni, l addetto all Ufficio Protocollo redige immediatamente apposito verbale descrivente lo stato della corrispondenza e ne invia copia al servizio ricevente in uno alla corrispondenza danneggiata. 3. Il funzionario responsabile dell Ufficio Protocollo o altro dipendente delegato, riceve anche gli atti notificati dagli ufficiali giudiziari; in caso di chiusura dell ufficio, qualsiasi dipendente dell'azienda presente in servizio può ricevere gli atti giudiziari avendo cura di consegnarli all Ufficio Protocollo appena possibile. 6

7 4. L addetto all Ufficio Protocollo non è tenuto al rilascio immediato del numero di protocollo alla presentazione del documento ma, su richiesta, avranno cura di rilasciare ricevuta dell avvenuta consegna. Il numero di protocollo potrà essere comunicato ai richiedenti portatori di legittimo interesse una volta concluse le attività di protocollazione della giornata. CAPO III Stesura, gestione e tenuta documenti con valore di atto pubblici Art. 34 Determine 1. Le determine dirigenziali hanno un numero progressivo e vengono registrate con criterio cronologico su un apposito registro annuale a cura del Servizio Amministrativo ovvero della Segreteria della Direzione amministrativa. Art. 35 Delibere 1. Le delibere del Consiglio di Amministrazione fanno parte integrante dei verbali delle riunioni di tale organo, vengono redatti su fogli con numerazione progressiva, firmati dal Direttore Amministrativo e dal Presidente del C.d.A. e detenuti dal Servizio Amministrativo. 2. In caso di impedimento o assenza il Direttore Amministrativo verrà sostituito nelle funzioni di verbalizzazione da un dipendente appositamente individuato dal Direttore stesso, mentre in caso di impedimento o assenza il Presidente del C.d.A. viene sostituito dal Vicepresidente. Art. 36 Testo dei documenti con valore di atto pubblico 1.Il testo di delibere, determine, verbali, decreti, contratti e qualunque altro documento avente valore di atto pubblico di regola non contiene abbreviazioni, correzioni, abrasioni, lacune, aggiunte, acronimi non estesamente descritti ed espressioni in lingua straniera se non di uso comune non tradotte in lingua italiana. 2. Qualora si renda necessario apportare delle variazioni o correzioni, la stesura precedente deve essere leggibile. Art Titolario di classificazione. 1. Il titolario di classificazione è un sistema logico che suddivide i documenti amministrativi secondo la funzione esercitata, in titoli, categorie, classi e fascicoli, permettendo di organizzare in maniera omogenea i documenti che si riferiscono a medesimi affari o a medesimi procedimenti amministrativi. 2. L adozione del presente regolamento non prevede l adozione anche di un titolario di classificazione, in quanto funzionalmente non necessario rispetto alla struttura organizzativa dell Adisu di Benevento. Art. 37 Norme di rinvio 1. Il presente regolamento annulla e sostituisce qualsiasi norma regolamentare precedente e verrà adeguato all evoluzione normativa in materia. 2. Per tutto quanto non previsto, si fa rinvio alla normativa vigente. 7

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI APPROVATO CON DELIBERA DELLA G.C. N. 209 DEL 12/12/2011 COMUNE DI TORRE PELLICE -------------- PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI INDICE

Dettagli

MANUALE di GESTIONE del PROTOCOLLO INFORMATICO

MANUALE di GESTIONE del PROTOCOLLO INFORMATICO MANUALE di GESTIONE del PROTOCOLLO INFORMATICO Approvato con Delibera di G.C. n. 164 del 30.12.2004 1 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 OGGETTO DELLA DISCIPLINA ART. 2 FINALITA ART. 3 IL SERVIZIO

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI COMUNE DI MARINEO (PROV. DI PALERMO) MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI (approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 106 del 24/11/04) 1 PARTE PRIMA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, LA TENUTA E LA TUTELA DEI DOCUMENTI DELLE AZIENDE SANITARIE E OSPEDALIERE DAL PROTOCOLLO ALL ARCHIVIO STORICO *

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, LA TENUTA E LA TUTELA DEI DOCUMENTI DELLE AZIENDE SANITARIE E OSPEDALIERE DAL PROTOCOLLO ALL ARCHIVIO STORICO * REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, LA TENUTA E LA TUTELA DEI DOCUMENTI DELLE AZIENDE SANITARIE E OSPEDALIERE DAL PROTOCOLLO ALL ARCHIVIO STORICO * CAPO I Ambito di applicazione Art. 1 Ambito di applicazione

Dettagli

COMUNE DI BORGOMANERO MANUALE DI GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO

COMUNE DI BORGOMANERO MANUALE DI GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO COMUNE DI BORGOMANERO MANUALE DI GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO SOMMARIO TITOLO I PRINCIPI GENERALI...4 ART. 1 OGGETTO DELLA DISCIPLINA... 4 ART. 2 FINALITÀ... 4 ART. 3 IL SERVIZIO DEL PROTOCOLLO... 4

Dettagli

COMUNE DI MASSA MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI

COMUNE DI MASSA MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI COMUNE DI MASSA MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI 1 CAPO I AMBITO DI APPLICAZIONE Art.1 Ambito di applicazione 1. Il presente manuale, nell ambito dell ordinamento

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA REGOLAMENTO DELL UFFICIO DI PROTOCOLLO, DEGLI ARCHIVI E DELL UFFICIO SPEDIZIONE

PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA REGOLAMENTO DELL UFFICIO DI PROTOCOLLO, DEGLI ARCHIVI E DELL UFFICIO SPEDIZIONE PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA REGOLAMENTO DELL UFFICIO DI PROTOCOLLO, DEGLI ARCHIVI E DELL UFFICIO SPEDIZIONE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 132 DEL 16 SETTEMBRE 2003 E DIVENUTO

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI

MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI 1 INDICE SEZIONE I Articolo 1 Articolo 2 SEZIONE II Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 SEZIONE III Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 SEZIONE IV Articolo

Dettagli

- 1 - Manuale di gestione. del protocollo informatico. (art. 5 DPCM 31 ottobre 2000) Approvato con deliberazione giuntale n. 44 del 24.02.

- 1 - Manuale di gestione. del protocollo informatico. (art. 5 DPCM 31 ottobre 2000) Approvato con deliberazione giuntale n. 44 del 24.02. - 1 - Manuale di gestione del protocollo informatico (art. 5 DPCM 31 ottobre 2000) Approvato con deliberazione giuntale n. 44 del 24.02.2005 Esecutivo dal 1.04.2005 - 2 - INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI

MANUALE DI GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI COMUNE DI SANTARCANGELO DI ROMAGNA Provincia di Rimini MANUALE DI GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI Man. Gest.1/87 Premessa Ai sensi della normativa vigente, l'amministrazione Comunale di Santarcangelo

Dettagli

Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi (artt. 3 e 5 DPCM 31/10/2000)

Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi (artt. 3 e 5 DPCM 31/10/2000) Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi (artt. 3 e 5 DPCM 31/10/2000) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 41 del 19.02.2008 In vigore

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI COMUNE DI SAN PELLEGRINO TERME Provincia di Bergamo MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI SEZIONE I - AMBITO DI APPLICAZIONE E DEFINIZIONE...1 Articolo 1 - Ambito di

Dettagli

C O M U N E DI A S S E M I N I

C O M U N E DI A S S E M I N I C O M U N E DI A S S E M I N I PROVINCIA DI CAGLIARI SERVIZIO ICT MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEL FLUSSO DOCUMENTALE (artt. 3 e 5 DPCM 3/12/2013) SEZIONE 1. DISPOSIZIONI GENERALI Ambito

Dettagli

CITTA DI VIZZINI. Città Metropolitana di Catania MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEL SERVIZIO ARCHIVISTICO COMUNALE SOMMARIO

CITTA DI VIZZINI. Città Metropolitana di Catania MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEL SERVIZIO ARCHIVISTICO COMUNALE SOMMARIO CITTA DI VIZZINI Città Metropolitana di Catania MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEL SERVIZIO ARCHIVISTICO COMUNALE SOMMARIO PARTE PRIMA AMBITO DI APPLICAZIONE DEL MANUALE E DEFINIZIONI

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Regolamento per la gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Regolamento per la gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale COMUNE DI CIVITAVECCHIA Regolamento per la gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale Sommario PARTE PRIMA - Ambito di applicazione del manuale e definizioni... 3 Articolo

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato Generale Ufficio del Segretario Generale Manuale di gestione per l archivio e il protocollo informatico Presidenza del Consiglio dei Ministri Manuale

Dettagli

Regione Siciliana. Assessorato Industria Dipartimento Industria. Area Affari Generali e Comuni

Regione Siciliana. Assessorato Industria Dipartimento Industria. Area Affari Generali e Comuni Regione Siciliana Assessorato Industria Dipartimento Industria Area Affari Generali e Comuni MANUALE DEL PROTOCOLLO UNICO INFORMATICO (Documento soggetto a continuo aggiornamento) (art. 5 del DPCM 31.10.2000)

Dettagli

Comune di Campogalliano Provincia di Modena

Comune di Campogalliano Provincia di Modena Comune di Campogalliano Provincia di Modena Manuale di gestione del protocollo informatico e di conservazione dei documenti Approvato con delibera di Giunta comunale n. 86 del 28 dicembre 2005 Modificato

Dettagli

R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE. Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale. Servizio Segreteria della Giunta

R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE. Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale. Servizio Segreteria della Giunta R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale Servizio Segreteria della Giunta Disciplinare sull utilizzo della posta elettronica certificata

Dettagli

Regolamento per la gestione, tenuta e tutela dei documenti amministrativi del Collegio IPASVI di Siena

Regolamento per la gestione, tenuta e tutela dei documenti amministrativi del Collegio IPASVI di Siena Pag. 1 Prot. 10/2016 Rep. D. I.02 documenti amministrativi del Collegio IPASVI di Siena Adottato dal Consiglio Direttivo con Delibera n. 10 del 26/01/2016 Pag. 2 Sommario CAPO I - AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO DEI DOCUMENTI E DEGLI ARCHIVI. (Deliberazione della Giunta Comunale n. 569 del 29 dicembre 2011)

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO DEI DOCUMENTI E DEGLI ARCHIVI. (Deliberazione della Giunta Comunale n. 569 del 29 dicembre 2011) DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO DEI DOCUMENTI E DEGLI ARCHIVI (Deliberazione della Giunta Comunale n. 569 del 29 dicembre 2011) PARTE PRIMA - AMBITO DI APPLICAZIONE DEL MANUALE E DEFINIZIONI...3

Dettagli

Manuale di gestione del sistema informatico di gestione documentaria Approvato con deliberazione Giunta Provinciale del 29.11.2010 n.

Manuale di gestione del sistema informatico di gestione documentaria Approvato con deliberazione Giunta Provinciale del 29.11.2010 n. Manuale di gestione del sistema informatico di gestione documentaria Approvato con deliberazione Giunta Provinciale del 29.11.2010 n.319 Il presente Manuale è stato redatto dal Gruppo di lavoro dell Università

Dettagli

Introduzione alla gestione informatica Riccardo Righi

Introduzione alla gestione informatica Riccardo Righi Introduzione alla gestione informatica Riccardo Righi Area gestione documentale dei documenti 15 giugno 2010 Pag. 1 Titulus Programma della sessione Il progetto Titulus L archivio Il registro di protocollo

Dettagli

Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate

Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate aggiornato al 22 aprile 2015 INDICE DEI CONTENUTI 1. PREMESSA, DEFINIZIONI, RIFERIMENTI NORMATIVI... 1 1.1. Il Manuale di Gestione documentale

Dettagli

REGIONE SICILIA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO - PIEMONTE"

REGIONE SICILIA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO - PIEMONTE REGIONE SICILIA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO - PIEMONTE" Ctr. Papardo tel.090-3991 Messina Contrada Papardo - 98158 Messina - C.F. e Partita IVA 03051880833 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI

Dettagli

PARTE PRIMA - AMBITO DI APPLICAZIONE E DEFINIZIONI...

PARTE PRIMA - AMBITO DI APPLICAZIONE E DEFINIZIONI... I N D I C E PARTE PRIMA - AMBITO DI APPLICAZIONE E DEFINIZIONI... 3 ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE......3 ART. 2 DEFINIZIONI... 3 ART. 3 INDIVIDUAZIONE DELL AREA ORGANIZZATIVA OMOGENEA (AOO)....4 ART. 4

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI

MANUALE DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI MANUALE DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI Approvato dalla Giunta Comunale con Deliberazione n. 170 del _08/10/2015 SOMMARIO SEZIONE I - Disposizioni di carattere generale... 4 Articolo 1: ambito di

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA GESTIONE, LA TENUTA E LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA GESTIONE, LA TENUTA E LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Emanato con Decreto Rettorale n. 87, prot. n. 6624/I3 del 24 luglio 2015 REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA GESTIONE, LA TENUTA E LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI INDICE Capo I Ambito di applicazione

Dettagli

Manuale di gestione del Protocollo informatico e dei flussi documentali (DPCM 31/10/2000 e DPCM 03/12/2013)

Manuale di gestione del Protocollo informatico e dei flussi documentali (DPCM 31/10/2000 e DPCM 03/12/2013) Manuale di gestione del Protocollo informatico e dei flussi documentali (DPCM 31/10/2000 e DPCM 03/12/2013) Approvato con deliberazione G.C. n. 204 del 08/10/2015 Sommario SEZIONE 1. DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

Manuale di gestione del protocollo informatico

Manuale di gestione del protocollo informatico AGENZIA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO (A.Di.S.U.) Manuale di gestione del protocollo informatico Pag. 1 di 44 INDICE 1. Ambito di applicazione del manuale e definizioni pag. 5 1.1 Descrizione

Dettagli

Manuale di Gestione del Protocollo Informatico

Manuale di Gestione del Protocollo Informatico COMUNE DI CAPOLONA (Provincia di Arezzo) Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei Documenti e dell Archivio (artt. 3 e 5 DPCM 31/10/2000) Sommario SEZIONE 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1 Ambito

Dettagli

Provincia di Forlì-Cesena

Provincia di Forlì-Cesena Provincia di Forlì-Cesena Servizio Affari Generali e istituzionali Ufficio Affari Generali e Istituzionali, Archivio e Protocollo MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI

Dettagli

UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI

UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI C I T T A' D I F I S C I A N O (Provincia di Salerno) UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI Approvato con deliberazione della C.C. N. 44 del

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO E ARCHIVIO

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO E ARCHIVIO MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO E ARCHIVIO Pagina 1 di 22 Il presente manuale di gestione dei documenti è adottato ai sensi degli articoli 3 e 5 del DPCM 31 ottobre 2000, recante le regole tecniche

Dettagli

DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO

DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Manuale di gestione del protocollo informatico, dei documenti e dell archivio

Manuale di gestione del protocollo informatico, dei documenti e dell archivio Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Direzione Generale Ambito Territoriale per la Provincia di Perugia Ufficio III. Manuale di gestione

Dettagli

NOTE TECNICO-OPERATIVE (di cui alla Circolare n. 153 del 20 dicembre 2010 - Prot. n. 0025823)

NOTE TECNICO-OPERATIVE (di cui alla Circolare n. 153 del 20 dicembre 2010 - Prot. n. 0025823) NOTE TECNICO-OPERATIVE (di cui alla Circolare n. 153 del 20 dicembre 2010 - Prot. n. 0025823) L Ateneo ha istituito dal 1 gennaio 2011, ai fini di una gestione unica e coordinata della documentazione amministrativa,

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA DISCIPLINA DEL SERVIZIO PER LA TENUTA DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

REGOLAMENTO SULLA DISCIPLINA DEL SERVIZIO PER LA TENUTA DEL PROTOCOLLO INFORMATICO REGOLAMENTO SULLA DISCIPLINA DEL SERVIZIO PER LA TENUTA DEL PROTOCOLLO INFORMATICO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 59 del 3 novembre 2005 Pag. 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo

Dettagli

Sommario. Manuale di Gestione del Protocollo Informatico

Sommario. Manuale di Gestione del Protocollo Informatico Comune di Sesto Calende Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei Documenti e dell Archivio (artt. 3 e 5 DPCM 31/10/2000; DPCM 3/12/2013) Sommario SEZIONE 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 4 1.1 Ambito

Dettagli

Manuale di Gestione del protocollo informatico dell Azienda U.S.L. 3 di Pistoia

Manuale di Gestione del protocollo informatico dell Azienda U.S.L. 3 di Pistoia Manuale di Gestione del protocollo informatico dell Azienda U.S.L. 3 di Pistoia 1 Art. 1 Ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina la gestione e la tenuta del protocollo informatico dell

Dettagli

COMUNE DI IMBERSAGO PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI IMBERSAGO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI IMBERSAGO PROVINCIA DI LECCO MANUALE di GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO e SERVIZIO ARCHIVISTICO Allegato alla deliberazione della Giunta Comunale n. 45 del 28.07.2011 INDICE Sezione 1 Disposizioni

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DA PARTE DELL UFFICIO PROTOCOLLO

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DA PARTE DELL UFFICIO PROTOCOLLO Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DA PARTE DELL UFFICIO PROTOCOLLO Approvato dalla G.C. con deliberazione n. 201 del 7.9.2000 INDICE CAPO

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO COMUNE DI BONATE SOPRA Provincia di Bergamo MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO - Sezione 1 - Disposizioni generali 1.1 Ambito di applicazione 1.2 Definizioni dei termini 1.3 Area organizzativa

Dettagli

Il protocollo informatico

Il protocollo informatico La dematerializzazione dei documenti amministrativi Il protocollo informatico Notaio Gea Arcella garcella@notariato.it Udine 22 novembre 2012 1 1.1 L'obbligo di registrazione dei documenti amministrativi

Dettagli

SEZIONE 1. DISPOSIZIONI GENERALI

SEZIONE 1. DISPOSIZIONI GENERALI Sommario SEZIONE 1. DISPOSIZIONI GENERALI 3 1.1 Ambito di applicazione 3 1.2 Definizioni dei termini 3 1.3 Area organizzativa omogenea 3 1.4 Servizio per la gestione informatica del protocollo, dei documenti,

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI E DEL CORRETTO FUNZIONAMENTO DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

MANUALE DI GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI E DEL CORRETTO FUNZIONAMENTO DEL PROTOCOLLO INFORMATICO COMUNE DI CASTELLO DI CISTERNA CITTA METROPOLITANA DI NAPOLI SERVIZIO SEGRETERIA AA.GG. MANUALE DI GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI E DEL CORRETTO FUNZIONAMENTO DEL PROTOCOLLO INFORMATICO (Regolamento

Dettagli

Manuale di gestione del protocollo informatico

Manuale di gestione del protocollo informatico Manuale di gestione del protocollo informatico ALLEGATO A 1. Ambito di applicazione del manuale e definizioni...2 2. Le tipologie documentarie...3 2.1. Documenti in arrivo...3 2.2. Documenti in partenza...4

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE

MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE Comune di Cimitile Provincia di Napoli MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE SOMMARIO Parte prima Organizzazione del Comune e del protocollo 1.1 Il protocollo 1.2 Individuazione dell Area Organizzativa Omogenea

Dettagli

SEZIONE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...

SEZIONE 1. DISPOSIZIONI GENERALI... Comune di Abbiategrasso Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei Documenti e dell Archivio (artt. 3 e 5 dpcm 31/10/2000) Sommario SEZIONE 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 4 1.1 Ambito di applicazione...

Dettagli

COMUNE DI OSIMO Provincia di ancona MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

COMUNE DI OSIMO Provincia di ancona MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO COMUNE DI OSIMO Provincia di ancona MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO INDICE AMBITO DI APPLICAZIONE DEL MANUALE E DEFINISIONE Pag. 1 Definizione dei termini usati

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Manuale di gestione ed archiviazione dei documenti del Comune di Foligno

CITTÀ DI FOLIGNO. Manuale di gestione ed archiviazione dei documenti del Comune di Foligno CITTÀ DI FOLIGNO Manuale di gestione ed archiviazione dei documenti Approvato con D.G.C. n. 465 del 29/12/2003 Integrato con D.G.C. n. 374 del 31/10/2007 SEZIONE I - AMBITO DI APPLICAZIONE E DEFINIZIONI

Dettagli

COMUNE DI CUNEO MANUALE DI GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI

COMUNE DI CUNEO MANUALE DI GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI COMUNE DI CUNEO MANUALE DI GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI VERSIONE DEL 21 MAGGIO 2002 Versione del 21.05.2002 2 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...5 2. STRUTTURA DEL MANUALE...6 3. INDIVIDUAZIONE DELL

Dettagli

Allegato alla determinazione n. 1066/000/DIG/15/0008 del 9 ottobre 2015

Allegato alla determinazione n. 1066/000/DIG/15/0008 del 9 ottobre 2015 Allegato alla determinazione n. 1066/000/DIG/15/0008 del 9 ottobre 2015 Regione Piemonte AZIENDA SANITARIA LOCALE CN2 VIA VIDA N. 10 12051 ALBA (CN) C.F./Partita I.V.A. n.: 02419170044 MANUALE DI GESTIONE

Dettagli

1. LE FASI DELLA GESTIONE DEI DOCUMENTI

1. LE FASI DELLA GESTIONE DEI DOCUMENTI Testo estratto da STEANO PIGLIAPOCO, La gestione informatica dei documenti: aspetti archivistici e organizzativi, in OMENICO PIAZZA (a cura di), Il protocollo informatico per la pubblica amministrazione,

Dettagli

Tribunale Militare della Spezia Manuale di Gestione del Protocollo Informatico MANUALE DI GESTIONE

Tribunale Militare della Spezia Manuale di Gestione del Protocollo Informatico MANUALE DI GESTIONE MANUALE DI GESTIONE Il Manuale di Gestione è l insieme di regole necessarie per la gestione ed il corretto funzionamento del sistema di protocollo, dei procedimenti amministrativi informatici e del sistema

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INDICE

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INDICE MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI ALL. A) INDICE PARTE PRIMA AMBITO DI APPLICAZIONE DEL MANUALE E DEFINIZIONI 1.1 Introduzione 1.2 Finalità del manuale 1.3

Dettagli

Consiglio regionale della Calabria ARCHIVI MANUALE DI GESTIONE

Consiglio regionale della Calabria ARCHIVI MANUALE DI GESTIONE Consiglio regionale della Calabria ARCHIVI MANUALE DI GESTIONE Consiglio regionale della Calabria ARCHIVI MANUALE DI GESTIONE A cura di Laura Gentile Contributi di: Angelo Daniele Scopelliti, Fortunato

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO .. MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO Pag. 0 INDICE Capitolo I Principi generali ed organizzativi...4 1.1 Premesse...4 1.2 Riferimenti normativi...4 1.3 Definizioni...4 1.4 Modello Organizzativo.5 1.5

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO COMUNE DI CASTELFIDARDO ********* MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO - I N D I C E - INTRODUZIONE Pag. 5 Premessa Individuazione di una unica Area Organizzativa Omogenea

Dettagli

Adottato con Delibera di Giunta Municipale n. 58 del 19.2.2008. Modificato con Delibera di Giunta Municipale n. 497 del 4.11.2008

Adottato con Delibera di Giunta Municipale n. 58 del 19.2.2008. Modificato con Delibera di Giunta Municipale n. 497 del 4.11.2008 MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI (Regolamento adottato ai sensi degli artt. 3 e 5 del DPCM 31.10.2000) Adottato con Delibera di Giunta Municipale n.

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE

MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE Comune di COMUNE DI MASLIANICO Provincia di CO MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE Cod. 850365.d Grafiche E. Gaspari Pag. 1 di 63 SOMMARIO Parte prima Organizzazione del Comune e del protocollo 1.1 Il protocollo

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE INFORMATICA DEL PROTOCOLLO, DEI DOCUMENTI E DEGLI ARCHIVI

MANUALE DI GESTIONE INFORMATICA DEL PROTOCOLLO, DEI DOCUMENTI E DEGLI ARCHIVI MANUALE DI GESTIONE INFORMATICA DEL PROTOCOLLO, DEI DOCUMENTI E DEGLI ARCHIVI SOMMARIO 1.PREMESSA...1 1.1. Ambito di applicazione...1 1.2. Definizioni...1 1.3. Principale normativa di riferimento...5 2.ORGANIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI VALENZANO. Provincia di Bari REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO

COMUNE DI VALENZANO. Provincia di Bari REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO COMUNE DI VALENZANO Provincia di Bari REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO Approvato con deliberazione consiliare n. 09 del 15 febbraio 2011 diventata esecutiva in data

Dettagli

Comune di Sansepolcro Provincia di Arezzo

Comune di Sansepolcro Provincia di Arezzo Comune di Sansepolcro Provincia di Arezzo Manuale di Gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi (artt. 3 e 5 DPCM 3/12/2013) Approvato con Delibera di Giunta Municipale

Dettagli

Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna (IZSLER) Manuale di gestione dei documenti

Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna (IZSLER) Manuale di gestione dei documenti Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna (IZSLER) Manuale di gestione dei documenti 1 SOMMARIO 1. Ambito di applicazione del manuale, ruoli, responsabilita e riferimenti

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI DELL IRES PIEMONTE

MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI DELL IRES PIEMONTE MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI DELL IRES PIEMONTE SOMMARIO SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Ambito di Applicazione Definizioni Efficacia dei documenti

Dettagli

SEZIONE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...

SEZIONE 1. DISPOSIZIONI GENERALI... Comune di Lentate sul Seveso Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei Documenti e dell Archivio (artt. 3 e 5 DPCM 31/10/2000; DPCM 3/12/2013) Sommario SEZIONE 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 4 1.1

Dettagli

Schede operative PEC. I soggetti che interagiscono con il sistema di posta elettronica certificata

Schede operative PEC. I soggetti che interagiscono con il sistema di posta elettronica certificata PEC Il servizio di posta elettronica certificata Il presente lavoro si propone di illustrare le principali caratteristiche del nuovo servizio di posta elettronica certificata, che rappresenta uno dei sistemi

Dettagli

MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO DELL AMMINISTRAZIONE GENERALE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA. Bozza 4

MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO DELL AMMINISTRAZIONE GENERALE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA. Bozza 4 MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO DELL AMMINISTRAZIONE GENERALE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA Bozza 4 MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO DELL AMMINISTRAZIONE GENERALE

Dettagli

Manuale di gestione. del Protocollo Informatico e del Servizio Archivistico comunale

Manuale di gestione. del Protocollo Informatico e del Servizio Archivistico comunale Manuale di gestione del Protocollo Informatico e del Servizio Archivistico comunale Approvato con Delibera di G.C. n. 235 del 24/12/2008 Parte Prima: Ambito di applicazione e Definizioni 1.1 Ambito di

Dettagli

COMUNE DI GATTEO MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI

COMUNE DI GATTEO MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI COMUNE DI GATTEO MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA GESTIONE DEI FLUS DOCUMENTALI E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI 1 INDICE INDICE 2 INTRODUZIONE 5 SEZIONE I PRINCIPI GENERALI 7 Articolo

Dettagli

COMUNE DI PIAGGE MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

COMUNE DI PIAGGE MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO COMUNE DI PIAGGE MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO (Regolamento adottato ai sensi dell'art. 5 del D.P.C.M. 3/12/2013) Adottato con Delibera di Giunta Comunale n. 68 del 21.11.2015 1 Indice

Dettagli

COMUNE DI PADOVA. Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale

COMUNE DI PADOVA. Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale COMUNE DI PADOVA Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale Padova 2003 Questo manuale è stato scritto dal Comitato di progetto, nominato dalla Giunta comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, TENUTA E TUTELA DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DAL PROTOCOLLO ALL ARCHIVIO STORICO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, TENUTA E TUTELA DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DAL PROTOCOLLO ALL ARCHIVIO STORICO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, TENUTA E TUTELA DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DAL PROTOCOLLO ALL ARCHIVIO STORICO (emanato con decreto rettorale 12 marzo 2004, n.3909) INDICE TITOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

Manuale per la gestione del protocollo, dei flussi documentali e degli archivi

Manuale per la gestione del protocollo, dei flussi documentali e degli archivi COMUNE DI COMO Servizio Archivio e Protocollo Manuale per la gestione del protocollo, dei flussi documentali e degli archivi (Artt. 3 e 5 DPCM 31 ottobre 2000) Allegato n. 9 Gestione dei flussi documentali

Dettagli

Manuale per la tenuta del protocollo informatico e dell archivio

Manuale per la tenuta del protocollo informatico e dell archivio Comune di Lavena Ponte Tresa Provincia di Varese Via Libertà n. 28 LAVENA PONTE TRESA Tel. 0332/524111 Fax 0332/551754 - C.F. 00405070129 Manuale per la tenuta del protocollo informatico e dell archivio

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE

MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE SEZIONE A) DEFINIZIONE E FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI PROTOCOLLO GENERALE. SEZIONE B) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI CONSERVAZIONE DIGITALE DEI DOCUMENTI

Dettagli

Comune di Netro Regione Piemonte Provincia di Biella. Manuale di Gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi

Comune di Netro Regione Piemonte Provincia di Biella. Manuale di Gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi Comune di Netro Regione Piemonte Provincia di Biella Manuale di Gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi (artt. 3 e 5 DPCM 3/12/2013) Comune di Netro- Manuale di gestione

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO COMUNE DI MONASTERO DI LANZO Città Metropolitana di Torino Tel. 0123 4301- Fax. 0123 422900 - E-mail comunedimonastero.to@libero.it Frazione Capoluogo n.43 10070 Monastero di Lanzo www.comune.monasterodilanzo.to.it

Dettagli

Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei Flussi documentali e degli Archivi

Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei Flussi documentali e degli Archivi Comune di Atrani borgo della costiera amalfitana Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei Flussi documentali e degli Archivi (artt. 3 e 5 dpcm 31/10/2000; dpcm 3/12/2013) Approvato con Delibera

Dettagli

Comune di Mazzano Provincia di Brescia

Comune di Mazzano Provincia di Brescia Comune di Mazzano Provincia di Brescia Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi del Comune di Mazzano (artt. 3 e 5 DPCM 31/10/2000) Aprile 2013 Sommario

Dettagli

Comune di Campi Salentina Provincia di Lecce

Comune di Campi Salentina Provincia di Lecce Provincia di Lecce MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO www.comune.campi-salentina.le.it Adottato con deliberazione della Giunta Comunale n. 78 del 22/03/2005 2 35 SOMMARIO 1 MODIFICHE DOCUMENTO...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n 2 del 20.01.2011 INDICE CAPO I - AMBITO DI APPLICAZIONE E DEFINIZIONI art. 1 Ambito

Dettagli

MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI

MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia) C.F. - P.I. 00185430477 MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI (approvato con deliberazione G.C.

Dettagli

COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia ---------------------- Piazza Guglielmo Marconi, 18 27042 Bressana Bottarone

COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia ---------------------- Piazza Guglielmo Marconi, 18 27042 Bressana Bottarone COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia ---------------------- Piazza Guglielmo Marconi, 18 27042 Bressana Bottarone Servizio 1: Amministrazione Generale e Servizi alla Persona MANUALE DI GESTIONE

Dettagli

Comune di SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA. Manuale di gestione. dei flussi documentali e del Protocollo informatico

Comune di SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA. Manuale di gestione. dei flussi documentali e del Protocollo informatico Comune di SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Manuale di gestione dei flussi documentali e del Protocollo informatico Approvato con Deliberazione della Giunta comunale n.77 del 13.10.2015 Struttura Manuale di

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL SISTEMA DI PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA GESTIONE DOCUMENTALE (versione 3.1)

MANUALE DI GESTIONE DEL SISTEMA DI PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA GESTIONE DOCUMENTALE (versione 3.1) MANUALE DI GESTIONE DEL SISTEMA DI PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA GESTIONE DOCUMENTALE (versione 3.1) AOO: UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO PRESSO IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 4 marzo 2016 Firma

Dettagli

Manuale di gestione del protocollo informatico emanato con D.D. del 2.01.04 n.1 ed aggiornato con D.D. del 16.10.07 n.1239

Manuale di gestione del protocollo informatico emanato con D.D. del 2.01.04 n.1 ed aggiornato con D.D. del 16.10.07 n.1239 Università degli Studi del Sannio Manuale di gestione del protocollo informatico emanato con D.D. del 2.01.04 n.1 ed aggiornato con D.D. del 16.10.07 n.1239 1 I N D I C E Capo I Capo II Capo III Capo IV

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI MANUALE DI PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI (Regolamento adottato ai sensi degli artt. 3 e 5 del DPCM 31.10.000) Adottato con Delibera di Giunta Comunale n. xxxxx del xx.xx.xxxx

Dettagli

MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI (art. 5 del D.P.C.M. 31 ottobre 2000)

MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI (art. 5 del D.P.C.M. 31 ottobre 2000) MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI (art. 5 del D.P.C.M. 31 ottobre 2000) Approvato dalla Giunta camerale con deliberazione n. 125 del 18/10/2012

Dettagli

del Consiglio Nazionale delle Ricerche Area Organizzativa Omogenea Amministrazione Centrale

del Consiglio Nazionale delle Ricerche Area Organizzativa Omogenea Amministrazione Centrale Manuale di gestione del protocollo informatico del Consiglio Nazionale delle Ricerche Area Organizzativa Omogenea Amministrazione Centrale 1 Sommario Parte Prima - Introduzione e atti preliminari Premessa

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL SISTEMA DI PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA GESTIONE DOCUMENTALE (versione 3.1)

MANUALE DI GESTIONE DEL SISTEMA DI PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA GESTIONE DOCUMENTALE (versione 3.1) MANUALE DI GESTIONE DEL SISTEMA DI PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA GESTIONE DOCUMENTALE (versione 3.1) AOO: UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO PRESSO IL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Firma del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, TENUTA E TUTELA DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DAL PROTOCOLLO ALL ARCHIVIO STORICO PER L AMMINISTRAZIONE CENTRALE E PER LE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, TENUTA E TUTELA DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DAL PROTOCOLLO ALL ARCHIVIO STORICO PER L AMMINISTRAZIONE CENTRALE E PER LE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, TENUTA E TUTELA DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DAL PROTOCOLLO ALL ARCHIVIO STORICO PER L AMMINISTRAZIONE CENTRALE E PER LE STRUTTURE DIDATTICHE, DI RICERCA E DI SERVIZIO CAPO

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO DELLA FEDERAZIONE SOVRAZONALE PIEMONTE 2 TORINO NORD

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO DELLA FEDERAZIONE SOVRAZONALE PIEMONTE 2 TORINO NORD FEDERAZIONE SOVRAZONALE PIEMONTE 2 TORINO NORD s.c. a r.l. MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO DELLA FEDERAZIONE SOVRAZONALE PIEMONTE 2 TORINO NORD Tel. 011/2402632

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico

Manuale di Gestione Protocollo Informatico Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale PRA di Padova Aprile 2012 Versione 3.0 SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...3 2. DEFINIZIONE E COMPITI...3 3.

Dettagli

COMUNE DI MONTE URANO Provincia di Fermo

COMUNE DI MONTE URANO Provincia di Fermo MANUALE DI GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO allegato H del regolamento comunale ordinamento uffici e servizi Parte I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Oggetto 1. Il presente Manuale di Gestione disciplina, ai

Dettagli

Comune di Codogno. Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi

Comune di Codogno. Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi Comune di Codogno Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi (Articoli 3 e 5 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 3 dicembre 2013) VERSIONE

Dettagli