Regione del Veneto - AZIENDA U.L.SS. N. 8 ASOLO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI APPARECCHI TELEFONICI CELLULARI DI SERVIZIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regione del Veneto - AZIENDA U.L.SS. N. 8 ASOLO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI APPARECCHI TELEFONICI CELLULARI DI SERVIZIO"

Transcript

1 Regione del Veneto - AZIENDA U.L.SS. N. 8 ASOLO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI APPARECCHI TELEFONICI CELLULARI DI SERVIZIO 1

2 INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità Art. 2 Principi di assegnazione e di utilizzo Art. 3 - Modalità di richiesta Art. 4 - Profili di abilitazione utenze e soggetti Art. 5 - Controllo sull'utilizzo degli apparecchi Art. 6 - Criteri di utilizzazione e Responsabilità Art. 7 Prima applicazione Art. 8 - Modalità Trattamento dei Dati 2

3 Art 1 - Oggetto e finalità II presente regolamento disciplina le modalità per l assegnazione e l uso delle apparecchiature di telefonia mobile al personale dipendente della Azienda ULSS 8 Asolo nel rispetto di quanto previsto (per le parti non modificate) dalla Circolare del Ministero della Funzione Pubblica n. 6 del , Direttiva della Funzione Pubblica dell 11 aprile 1997, Circolare del 30 ottobre 2001 e seguenti modificazioni. Art. 2 Principi di assegnazione e di utilizzo Ai fini del contenimento delle spese di funzionamento delle proprie strutture, l Amministrazione adotta misure dirette a circoscrivere l assegnazione di apparecchiature di telefonia mobile ai soli casi in cui il personale debba assicurare, per esigenze di servizio, pronta e costante reperibilità e limitatamente al periodo necessario allo svolgimento delle particolari attività che ne richiedono l uso, individuando, nel rispetto della normativa sulla tutela della riservatezza dei dati personali, forme di verifica, anche a campione, circa il corretto utilizzo delle relative utenze. Ciò premesso, il presente Regolamento stabilisce che il personale dipendente può essere dotato di telefono cellulare esclusivamente per i seguenti casi: - Esigenze connesse al servizio di pronta reperibilità; - Esigenze di immediata reperibilità di Dirigenti impegnati su più sedi, al fine di garantire il tempestivo intervento decisionale e le disposizioni operative; - Esigenze di immediata reperibilità di Dirigenti o di dipendenti del comparto, di tutti i ruoli, con compiti specifici professionali, caratterizzati dalla necessità di rapido intervento per attività urgenti ed indifferibili, nonché la continuità di erogazione dei servizi al cittadino, ed attività che necessitino di comunicazioni che non possono essere altrimenti soddisfatte con impianti di telefonia fissa e/o altri strumenti di comunicazione quali la posta elettronica o maggiori costi rispetto all uso del telefono cellulare; - Frequenti spostamenti tra plessi (reparti, servizi, uffici) diversi nell ambito dell Az. Ulss. Ove possibile, in relazione alle esigenze da assolvere, deve privilegiarsi l assegnazione di apparati di telefonia mobili destinati ad un utilizzo collettivo da parte dei dipendenti operanti nella medesima struttura. L assegnazione può essere permanente o limitata per specifiche esigenze a determinati intervalli di tempo. Il Direttore Generale, il Direttore Amministrativo, il Direttore Sanitario dell Azienda e il Direttore dei Servizi Sociali e della Funzione Territoriale sono dotati di un telefono cellulare di servizio per tutta la durata del loro incarico, in relazione ai compiti e alle particolari esigenze di servizio connesse all espletamento dell incarico. L'utilizzo di apparecchi telefonici cellulari da parte di dipendenti risponde alla finalità di facilitare i contatti nel corso dello svolgimento dell'attività lavorativa ed a consentire comunicazioni urgenti o di emergenza. La violazione del presente Regolamento potrà comportare l applicazione di sanzioni disciplinari. 3

4 Art 3 - Modalità di richiesta Gli apparecchi telefonici cellulari di proprietà dell'ente, relative SIM aziendali e le eventuali richieste di abilitazione ad ulteriori servizi ad essi correlati possono essere assegnati in dotazione a dipendenti dell Azienda ULSS previa compilazione dei relativi Moduli di richiesta (da richiedere al referente telefonia dell U.O. Servizi Tecnici e Patrimonio), esclusivamente da parte del Direttore/Responsabile competente previo parere favorevole dei competenti Direttore di Dipartimento; di Struttura Tecnico Funzionale e del Direttore Amministrativo. La domanda, previa autorizzazione, deve essere poi inoltrata all U.O. Servizi Tecnici e Patrimonio. Può essere richiesta, sempre dai soggetti di cui sopra, l assegnazione di uno o più telefoni cellulari per le esigenze di uno specifico Servizio, Struttura o Ufficio, da utilizzarsi alternativamente tra i dipendenti del medesimo Servizio, Struttura o Ufficio in ragione delle attività affidate, purchè rientranti tra quelle elencate all art. 3 del presente Regolamento. In tal caso il Responsabile della struttura provvederà all annotazione in apposito registro della data di consegna e riconsegna del dispositivo ai singoli dipendenti. Il Direttore/Responsabile deve specificatamente indicare i motivi della richiesta, precisando il grado di utilizzo previsto, la tipologia di chiamate che si intendono effettuare ed il relativo ambito territoriale, le caratteristiche dell'apparecchio e gli eventuali servizi particolari o accessori specifici richiesti. Allorquando venissero meno le motivazioni che hanno giustificato l assegnazione del cellulare al dipendente, il competente Direttore/Responsabile dovrà dare opportune istruzioni per la restituzione dell apparecchio e della SIM all U.O. Servizi Tecnici e Patrimonio. Art. 4 Profili abilitazione utenze e soggetti Ad ogni cellulare di servizio è assegnata una scheda telefonica. Le relative utenze di telefonia mobile si possono distinguere nei seguenti profili generali di abilitazione: A) Traffico rete aziendale on net (rete mobile e fissa inserite nella rete telefonica aziendale (R.T.A.)) + liste numeri consentiti (off net); B) Profilo A + chiamate verso numeri nazionali (eccetto 144, 166 e simili) e chiamate verso numero mobile non inclusi nella R.T.A. dell aulss; C) Profilo B + chiamate da e verso numeri internazionali. I profili sopra descritti sono analiticamente descritti nelle tabelle Consip (vedere tabelle allegate in calce al presente documento) attualmente in vigore e aggiornate di volta in volta che subiranno modifiche o integrazioni a seconda del tipo di contratto di telefonia mobile in essere presso questa Azienda Ulss. Le utenze con profilo C) sono assegnate di ufficio al direttore generale, al direttore amministrativo, al direttore sanitario e al direttore dei servizi sociali e della funzione territoriale. I collegamenti WAP (Wireless application protocol), Internet tramite UMTS (Universal mobile telecommunication system) e l utilizzo dei messaggi di testo verranno consentiti solo per interesse dell Amministrazione e per lo svolgimento dell attività di lavoro fuori sede. 4

5 L'apparecchio telefonico cellulare assegnato in dotazione ai sensi del presente disciplinare deve essere custodito dall'assegnatario sotto la propria responsabilità con la massima cura e diligenza al fine di evitare di evitare danni, smarrimenti o sottrazioni. Egli ne è a tutti gli effetti il custode e responsabile del suo corretto utilizzo dal momento della sua presa in consegna fino alla restituzione e/o revoca. Al venire meno dei requisiti di cui all art. 3) del presente Regolamento, ovvero in caso di cessazione del dipendente assegnatario del cellulare aziendale, il Dirigente della struttura interessata dovrà dare tempestiva e immediata comunicazione al Referente della Telefonia Aziendale presso l U.O. Servizi Tecnici e Patrimonio, che provvederà al ritiro e verifica del materiale fornito e al riutilizzo dell utenza. L apparato telefonico mobile assegnato è di uso personale, non può essere ceduto a terzi a nessun titolo e dovrà essere utilizzato solo per finalità istituzionali. In caso di uso collettivo del cellulare, la responsabilità è demandata al Responsabile dell U.O./Servizio assegnatario. E escluso l uso per motivi privati salvo l ipotesi descritta nel paragrafo successivo. Nel caso in cui il dipendente volesse utilizzare l'apparecchio dato in dotazione anche per chiamate personali, dovrà effettuare apposita richiesta al referente dell U.O. Servizi Tecnici e patrimonio, in modo da abilitare il servizio di dual billing, tramite il quale la chiamata sarà addebitata direttamente all'assegnatario dell'apparecchio. Gli assegnatari dei telefoni cellulari, affinchè possano essere immediatamente rintracciabili nei casi di necessità, hanno l obbligo di mantenere il telefono cellulare in funzione, attivo e raggiungibile, se le condizioni tecniche lo consentono, durante tutto l orario di lavoro, di reperibilità, ove prevista, o di rintracciabilità dell assegnatario ed in tutti i casi in cui le circostanze concrete lo rendano opportuno. E obbligatorio l uso del PIN di sicurezza della SIM. I dipendenti dovranno comunque utilizzare il telefono nei casi di effettiva necessità ponendo massima attenzione al contenimento della spesa. Al momento dell'attivazione della "scheda SIM", vengono disattivati in maniera automatica tutti i servizi multimediali a pagamento che comportano un ulteriore costo a carico dell'ulss. Sarà possibile riattivare i servizi su richiesta motivata del Dirigente. Art. 5 - Controllo sull utilizzo degli apparecchi Ai fini del contenimento della spesa, il responsabile dell u.o. servizi tecnici e patrimonio effettuerà e relazionerà alla direzione ogni sei mesi sull esito delle verifiche, nel rispetto della normativa sulla tutela della riservatezza dei dati personali, un sistema per la verifica a campione sul corretto utilizzo delle relative utenze. Su richiesta di ciascun Direttore/Responsabile o su iniziativa dell U.O. Servizi Tecnici e Patrimonio, sarà possibile procedere quindi a verifiche (a campione o mirate) sugli elenchi delle chiamate effettuate dai dipendenti dell U.O. di competenza assegnatari di apparecchi cellulari. Se in esito alle verifiche di cui sopra si accertasse che l'apparecchio è stato utilizzato per motivi diversi da quelli di servizio, il Dirigente deve darne immediata segnalazione con propria nota scritta all U.O. Servizi Tecnici e Patrimonio. Gli elenchi contenenti chiamate effettuate per motivi diversi da quelli di servizio, segnalate dal Direttore/Responsabile con la nota di cui al comma 3, dovranno essere trasmessi anche all U.O. Gestione economica e previdenziale del personale e relazioni sindacali al fine di provvedere alle corrispondenti ritenute sullo stipendio del dipendente. 5

6 Quanto sopra salvo diverse valutazioni del Dirigente Responsabile nel caso sia valutata l eventuale violazione di norme disciplinari. Art. 6 Criteri di utilizzazione e Responsabilità Il possesso del dispositivo telefonico dà luogo a delle forme di responsabilità previste dalla Legge e dal presente Regolamento. Al momento dell assegnazione delle apparecchiature saranno forniti, come dotazione di base per tutte le categorie di cellulari, i seguenti accessori: - Batteria; - Carica batteria; - Auricolare (ove necessario e/o appositamente richiesto); - Regolamento per l utilizzo di apparecchi telefonici cellulari di servizio e relativi allegati a disposizione sul portale dell Azienda Ulss. L utilizzatore dell apparecchiatura di telefonia mobile dovrà adottare, nell impiego di tale strumento, tutti gli accorgimenti per la sicurezza individuale. L Amministrazione non assume alcuna responsabilità per contravvenzioni o sinistri imputabili all uso del telefono cellulare durante la guida di autoveicoli o altro utilizzo improprio. In caso di malfunzionamento del cellulare o della relativa scheda SIM o dei relativi accessori, l utilizzatore ovvero il responsabile della struttura assegnataria dovrà consegnare l apparecchiatura completa al referente della Telefonia Aziendale presso l UO servizi Tecnici e Patrimonio, il quale provvederà alle verifiche di competenza e alla eventuale sostituzione del cellulare, nei tempi e nelle modalità stabilite. In caso di smarrimento o furto del cellulare e/o dei relativi accessori e/o della scheda SIM l utilizzatore è tenuto a sporgere immediata e formale denuncia alle autorità competenti e a darne tempestiva comunicazione scritta al referente della Telefonia Aziendale presso l UO servizi Tecnici e Patrimonio ai fini dell immediato blocco dell utenza. Nella comunicazione dovrà essere indicato in particolare, oltre al numero telefonico, il numero della SIM aziendale (ICCD) e il numero abbinato al telefono cellulare o CODICE IMEI al fine di consentire l operazione di blocco immediato della scheda SIM e/o del cellulare. L'utilizzo dell'apparecchio in difformità da quanto prescritto nel presente disciplinare può comportare a carico dell'assegnatario, oltre alla revoca immediata dell'assegnazione, ogni responsabilità giuridica, ivi comprese quella disciplinare e quella per risarcimento danni. Art. 7 Prima applicazione Entro 45 giorni dall entrata in vigore del presente regolamento, ogni Direttore/Responsabile di Struttura/Unità Operativa dovrà rinnovare, per i cellulari già in uso, la richiesta con le modalità definite dall art. 2. Decorso tale termine senza il rinnovo della richiesta nelle modalità indicate, l UO Servizi Tecnici e Patrimonio provvederà a disattivare le SIM già in uso ed a ritirare gli apparecchi eventualmente assegnati. ART. 8 Modalità di trattamento dei dati La normativa vigente in materia di trattamento dei dati personali è descritta nel Testo Unico del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, intitolato "Codice in materia di protezione dei dati personali" entrato in vigore il 1 gennaio 2004 e noto come Codice della privacy. Per trattamento dei dati personali, secondo il vigente Codice della privacy (art. 4 D.Lgs. 196/03), si intende qualunque operazione o complesso di operazioni, effettuati anche senza l'ausilio 6

7 di strumenti elettronici, concernenti la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, la consultazione, l'elaborazione, la modificazione, la selezione, l'estrazione, il raffronto, l'utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distruzione di dati, anche se non registrati in una banca di dati. Per Responsabile del trattamento dei dati si intende, ai sensi dell'art. 4, comma 1, lett. g) del vigente Codice della privacy (D.Lgs. 196/03), "la persona fisica, giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente, associazione od organismo preposti dal titolare al trattamento dei dati personali. Allegato 1): Tabelle Consip per profili abilitazione utenze 7

8 Tabelle piani tariffari CONSIP MOBILE 5 ALLEGATO 1) PROFILI CONNESSIONE INTERNET / DATI PROFILI CONNESSIONE FONIA 8

DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12.

DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12. N. 372 del Reg. Decreti del 15/06/2015 DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12.2012 OGGETTO: Approvazione

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE AZIENDALE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO - Art. 2 NORME DI RIFERIMENTO - Art.

Dettagli

Sistemi Informativi e Informatici Aziendali Ausl Viterbo Referente telefonia mobile: Federico Ricci (0761-236762) Alessandro Poleggi (0761 237037)

Sistemi Informativi e Informatici Aziendali Ausl Viterbo Referente telefonia mobile: Federico Ricci (0761-236762) Alessandro Poleggi (0761 237037) Sistemi Informativi e Informatici Aziendali Ausl Viterbo Referente telefonia mobile: Federico Ricci (0761-236762) Alessandro Poleggi (0761 237037) REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L USO DELLE APPARECCHIATURE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ASSEGNAZIONE E DELL USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ASSEGNAZIONE E DELL USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE UNIVERSITÀ PER STRANIERI DANTE ALIGHIERI Reggio Calabria REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ASSEGNAZIONE E DELL USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE MEDAlics Centro di Ricerca per le Relazioni

Dettagli

Servizio Tecnico Servizio Informatico Aziendale REVISIONE DELIBERA DI APPROVAZIONE N.1858 DEL 12.10.2011 1.0. Data ultima modifica:

Servizio Tecnico Servizio Informatico Aziendale REVISIONE DELIBERA DI APPROVAZIONE N.1858 DEL 12.10.2011 1.0. Data ultima modifica: REGOLAMENTO AZIIENDALE PER L UTIILIIZZO DELLA TELEFONIIA MOBIILE REVISIONE 1.0 Servizio Tecnico Servizio Informatico Aziendale DELIBERA DI APPROVAZIONE N.1858 DEL 12.10.2011 Data ultima modifica: REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENT0 PER LA GESTIONE DELLA TELEFONIA MOBILE DELL ASP DI ENNA

REGOLAMENT0 PER LA GESTIONE DELLA TELEFONIA MOBILE DELL ASP DI ENNA ALLEGATO alla delibera C.S. n.389 del 01/03/13 REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE ENNA REGOLAMENT0 PER LA GESTIONE DELLA TELEFONIA MOBILE DELL ASP DI ENNA Regolamento gestione telefonia mobile

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE REGIONE VENETO AZIENDA U.L.S.S. 16 PADOVA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina le modalità per l assegnazione

Dettagli

AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI LATINA

AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI LATINA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI LATINA REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI REGIONE LAZIO REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI AREA INNOVAZIONE TECNOLOGICA SETTORE SISTEMI INFORMATIVI REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

Referente Telefonia Mobile Aziendale Sig.Roberto Locci Tel.3484894301-0658703978

Referente Telefonia Mobile Aziendale Sig.Roberto Locci Tel.3484894301-0658703978 Referente Telefonia Mobile Aziendale Sig.Roberto Locci Tel.3484894301-0658703978 REGLAMENT PER L ASSEGNAZINE E L US DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFNIA MBILE SMMARI Art. 1 GGETT DEL REGLAMENT...... pag 2

Dettagli

DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE

DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE Allegato al Regolamento per l ordinamento degli Uffici e dei Servizi COMUNE DI PARMA DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE Approvata con deliberazione della Giunta

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 215/20.12.2012 In vigore dal 1 febbraio 2013

Dettagli

CITTA DI MODUGNO Servizio Provveditorato-Economato

CITTA DI MODUGNO Servizio Provveditorato-Economato CITTA DI MODUGNO Servizio Provveditorato-Economato REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA TELEFONIA MOBILE COMUNALE Approvato con atto di G.C. n 9 del 13.04.2011 1 INDICE GENERALE Art.1 Oggetto e ambito di applicazione

Dettagli

C O M U N E D I L E I N I

C O M U N E D I L E I N I Regolamento per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi di telefonia mobile dell Ente Indice Titolo 1 Definizioni...2 Articolo 1 Finalità...2 Articolo 2 Definizioni...2 Articolo 3 Suddivisione degli

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE N. 54 /G del 11/03/2015 ( CON I POTERI SPETTANTI ALLA GIUNTA COMUNALE) Oggetto: Modifica disciplinare telefonia mobile =====================================================================================

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO - FERMO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DI UTENZE DI TELEFONIA MOBILE

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO - FERMO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DI UTENZE DI TELEFONIA MOBILE AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO - FERMO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DI UTENZE DI TELEFONIA MOBILE Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo nella seduta del 14 aprile 2015 INDICE: Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO UTILIZZO TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO UTILIZZO TELEFONIA MOBILE REGOLAMENTO UTILIZZO TELEFONIA MOBILE INDICE: Articolo 1 Oggetto del regolamento Articolo 2 Norme di riferimento Articolo 3 Ambito di applicazione e finalità Articolo 4 Soggetti autorizzati Articolo 5

Dettagli

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE COMUNE DI LIMONE PIEMONTE Protocollo/Segreteria: 0171.925240 fax 0171.925249 Via Roma, 32 CAP 12015 Provincia di Cuneo P.IVA 00461550048 C.F.80003770049 http://www.limonepiemonte.it Comune Certificato

Dettagli

COMUNE DI SAN LORENZO NUOVO Provincia di Viterbo

COMUNE DI SAN LORENZO NUOVO Provincia di Viterbo COMUNE DI SAN LORENZO NUOVO Provincia di Viterbo Cod. Fisc e Part. IVA 00238480560 - Piazza Europa 32 - Tel.0763/72681 - Fax 0763/7268221 REGOLAMENTO DELL'ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI CERESETO. REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari

COMUNE DI CERESETO. REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari COMUNE DI CERESETO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 30 in data 21/11/2008) Art. 1 Oggetto

Dettagli

CONSERVATORIO DI MUSICA TITO SCHIPA. Istituto Superiore di Studi Musicali LECCE

CONSERVATORIO DI MUSICA TITO SCHIPA. Istituto Superiore di Studi Musicali LECCE CONSERVATORIO DI MUSICA TITO SCHIPA Istituto Superiore di Studi Musicali LECCE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE SPESE DI RAPPRESENTANZA; L USO DELLE CARTE DI CREDITO E DEI TELEFONI CELLULARI;DEL TAXI E DEL

Dettagli

n ~o 4 3-1 lael 0 6 lug. 2011

n ~o 4 3-1 lael 0 6 lug. 2011 ORDINANZA COMMISSARIALE n ~o 4 3-1 lael 0 6 lug. 2011 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO VISTO VISTO CONSIDERA TA 10 Statuto dell' Associazione Italiana della Croce Rossa approvato con DPCM n. 97 del 6 maggio

Dettagli

REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari (approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 122 del 29/09/2008)

REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari (approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 122 del 29/09/2008) COMUNE DI BORGOSATOLLO Provincia di Brescia REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari (approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 122 del 29/09/2008) Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE TERTENIA DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSI A DISPOSIZIONE DALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE TERTENIA DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSI A DISPOSIZIONE DALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE TERTENIA Allegato G.C. 32/2013 DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSI A DISPOSIZIONE DALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Finalità Il presente disciplinare persegue

Dettagli

COMUNE DI PINZOLO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI ART. 6 OPZIONE PER TELEFONATE DIVERSE DA QUELLE DI SERVIZIO

COMUNE DI PINZOLO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI ART. 6 OPZIONE PER TELEFONATE DIVERSE DA QUELLE DI SERVIZIO COMUNE DI PINZOLO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA ART. 3 SOGGETTI AUTORIZZATI ART. 4 UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI ART. 5 GRUPPI DI UTENTI UTILIZZATORI

Dettagli

COMUNE DI AGAZZANO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI AGAZZANO PROVINCIA DI PIACENZA PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DEI BENI E DELLE STRUTTURE COMUNALI 2010 2012 Art. 2 commi 594 e seguenti della Legge 244/2007 ( Legge Finanziaria 2008

Dettagli

Servizio di consulenza in convenzione (1) :

Servizio di consulenza in convenzione (1) : Servizio di consulenza in convenzione (1) : Riservata a tutti (1) gli Utenti www.collocamento-lavoro.org mediante compilazione della seguente richiesta ed invio a mezzo telefax : Analisi centralino telefonico

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n 14 del 30.06.2011) INDICE CAPO I - PRICIPI GENERALI Art. 1 Finalità e

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO, LA DESTINAZIONE E L USO DEGLI AUTOMEZZI DELL ULSS N. 5 OVEST VICENTINO

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO, LA DESTINAZIONE E L USO DEGLI AUTOMEZZI DELL ULSS N. 5 OVEST VICENTINO REGOLAMENTO PER L ACQUISTO, LA DESTINAZIONE E L USO DEGLI AUTOMEZZI DELL ULSS N. 5 OVEST VICENTINO Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 404 del 14.09.2009 Art. 1 Oggetto 1. Il presente

Dettagli

CONVENZIONE TRA COMUNE DI PRATO E... PER IL COLLEGAMENTO TELEMATICO AGLI ARCHIVI/SERVIZI INFORMATICI DEL COMUNE DI PRATO

CONVENZIONE TRA COMUNE DI PRATO E... PER IL COLLEGAMENTO TELEMATICO AGLI ARCHIVI/SERVIZI INFORMATICI DEL COMUNE DI PRATO CONVENZIONE TRA COMUNE DI PRATO E... PER IL COLLEGAMENTO TELEMATICO AGLI ARCHIVI/SERVIZI INFORMATICI DEL COMUNE DI PRATO Il COMUNE DI PRATO, con sede in Prato, Piazza del Comune, 2, in persona della Dirigente

Dettagli

Proposta di Sottoscrizione offerta

Proposta di Sottoscrizione offerta Proposta di Sottoscrizione offerta Soluzione Telefono / Rata Telefono Consigli per la compilazione della Proposta di Sottoscrizione offerta Soluzione Telefono / Rata Telefono per Aziende Di seguito potrà

Dettagli

REGOLAMENTO AUTOMEZZI AZIENDALI (allegato alla deliberazione del Direttore Generale n. 116 del 09.03.2012)

REGOLAMENTO AUTOMEZZI AZIENDALI (allegato alla deliberazione del Direttore Generale n. 116 del 09.03.2012) REGOLAMENTO AUTOMEZZI AZIENDALI (allegato alla deliberazione del Direttore Generale n. 116 del 09.03.2012) INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Fabbisogno Art. 3 Acquisto o noleggio automezzi Art. 4 Adempimenti

Dettagli

In particolare, gli artt. 34 35 36 TITOLO V rimandano all allegato B, che

In particolare, gli artt. 34 35 36 TITOLO V rimandano all allegato B, che Gli adempimenti normativi del d.lgs. 196/03 Le misure minime di sicurezza Edizione 2010 IL CONTESTO Il D. Lgs. 196/03, entrato in vigore il 1 gennaio 2004, aggiorna la disciplina in materia di sicurezza

Dettagli

Privacy. parte del Garante, in quanto si è presentata la necessità di leggerlo in una chiave consona

Privacy. parte del Garante, in quanto si è presentata la necessità di leggerlo in una chiave consona Privacy Il tema della privacy è stato oggetto di diverse interpretazioni e successivi chiarimenti da parte del Garante, in quanto si è presentata la necessità di leggerlo in una chiave consona alle realtà

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI SANT EGIDIO ALLA VIBRATA (Provincia di Teramo) Tel. 0861/846511 Fax 0861/840203 Part. IVA: 00196900674 e-mail: info@comune.santegidioallavibrata.te.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA

Dettagli

Privacy Policy del sito Web meseum.network

Privacy Policy del sito Web meseum.network Privacy Policy del sito Web meseum.network Informazioni aziendali I servizi menzionati e descritti in questo documento sono messi a disposizione ed offerti da Meseum, avente sede in Via Pier Carlo Boggio,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO TIM2GO

CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO TIM2GO CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO TIM2GO Le presenti Condizioni Generali unitamente agli Allegati costituiscono l'intera disciplina del rapporto contrattuale (di seguito il Contratto ) tra Telecom Italia

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI CERTIFICAZIONE IN FAVORE DI PERSONA FISICA

CONDIZIONI GENERALI PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI CERTIFICAZIONE IN FAVORE DI PERSONA FISICA CONDIZIONI GENERALI PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI CERTIFICAZIONE IN FAVORE DI PERSONA FISICA ART 1 DEFINIZIONI Ai fini della utilizzazione dei servizi oggetto del presente contratto, valgono ad ogni

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI E TERMINI DI UTILIZZO. Art.1 Oggetto dell accordo

CONDIZIONI GENERALI E TERMINI DI UTILIZZO. Art.1 Oggetto dell accordo CONDIZIONI GENERALI E TERMINI DI UTILIZZO Art.1 Oggetto dell accordo a- Le parti stipulano alle condizioni descritte un contratto della durata di un anno per i servizi espressamente scelti dal CLIENTE,

Dettagli

Registro elettronico scuola ospedaliera rel. 5.0

Registro elettronico scuola ospedaliera rel. 5.0 Registro elettronico scuola ospedaliera rel. 5.0 REGOLAMENTO SULL USO DEL REGISTRO ELETTRONICO E NORME SUL RISPETTO DELLA PRIVACY 1/8 DOCENTE AMMINISTRATORE SCUOLA OSPEDALIERA Riferimenti normativi I riferimenti

Dettagli

COMUNE DI NERVIANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI NERVIANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI NERVIANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO 1 INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI SOGGETTI RESPONSABILI Art. 1 Finalità e definizioni P.

Dettagli

PROCEDURA PRIVACY PER RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

PROCEDURA PRIVACY PER RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Pag. 1 di 11 PROCEDURA PRIVACY PER RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI REV. DATA REDATTO APPROVATO Rev. 2 aprile 2014 Dr. Egidio Sesti Referente Aziendale Privacy Dr. Vitaliano De Salazar Direttore

Dettagli

Strumenti digitali e privacy. Avv. Gloria Galli

Strumenti digitali e privacy. Avv. Gloria Galli Strumenti digitali e privacy Avv. Gloria Galli Codice in materia di protezione dei dati personali: Decreto legislativo n. 196 del 30/06/2003 Art. 4. Definizioni trattamento, qualunque operazione o complesso

Dettagli

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL SISTEMA C ENTRO IN BICI. 1) Il sottoscrittore del presente modulo dichiara di essere in possesso dei seguenti requisiti

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL SISTEMA C ENTRO IN BICI. 1) Il sottoscrittore del presente modulo dichiara di essere in possesso dei seguenti requisiti REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL SISTEMA C ENTRO IN BICI 1) Il sottoscrittore del presente modulo dichiara di essere in possesso dei seguenti requisiti che consentono l utilizzo della bicicletta pubblica alla

Dettagli

COMUNE DI TREMESTIERI ETNEO PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI VIDEO SORVEGLIANZA

COMUNE DI TREMESTIERI ETNEO PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI VIDEO SORVEGLIANZA COMUNE DI TREMESTIERI ETNEO PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI VIDEO SORVEGLIANZA Approvato con delibera consiliare n. 8 del 28.01.2010 Corretto dei refusi evidenziati

Dettagli

Informativa ex art. 13 del Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196)

Informativa ex art. 13 del Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196) Informativa ex art. 13 del Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196) Desideriamo informarla, ai sensi dell articolo 13 del Decreto Legislativo 30 Giugno

Dettagli

Regolamento interno del personale dell OMCeO di Monza e Brianza

Regolamento interno del personale dell OMCeO di Monza e Brianza Regolamento interno del personale dell OMCeO di Monza e Brianza 1. Applicabilità. Il presente regolamento interno viene predisposto dall OMCeO di Monza e Brianza al fine di regolarizzare lo svolgimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO Articolo 1 Servizio degli Ausiliari del traffico 1. Il servizio degli Ausiliari del Traffico è disciplinato dal presente regolamento nel rispetto

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA POSTECERT - Postemail Certificata

CONDIZIONI GENERALI PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA POSTECERT - Postemail Certificata CONDIZIONI GENERALI PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA POSTECERT - Postemail Certificata ART 1 DEFINIZIONI Ai fini della utilizzazione dei servizi oggetto del presente contratto,

Dettagli

Normativa sulla privacy negli. USA: http://aspe.hhs.gov/admnsimp/pl104191.htm Italia: http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?

Normativa sulla privacy negli. USA: http://aspe.hhs.gov/admnsimp/pl104191.htm Italia: http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp? Normativa sulla privacy negli USA e in Italia USA: http://aspe.hhs.gov/admnsimp/pl104191.htm Italia: http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?id=1042761 Complementi di Informatica Medica 1. Anno Accademico

Dettagli

Quadro di riferimento

Quadro di riferimento ENEA Frascati sala Bruno Brunelli 14 e 17 ottobre 2005 ore 9,30 formazione in materia di Protezione dei dati personali punto 19.6 del Discplinare tecnico in materia di misure minime di sicurezza del d.lg.

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Sistema di videosorveglianza di aree cittadine per finalità di sicurezza urbana - Informativa

Sistema di videosorveglianza di aree cittadine per finalità di sicurezza urbana - Informativa Sistema di videosorveglianza di aree cittadine per finalità di sicurezza urbana - Informativa INFORMATIVA SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DI AREE CITTADINE PER FINALITA DI SICUREZZA URBANA Informativa ai

Dettagli

NORME D USO (Aggiornamento giugno 2015) 1 La TIM Card può essere utilizzata sui telefonini GSM e sui telefonini di nuova generazione permettendo di

NORME D USO (Aggiornamento giugno 2015) 1 La TIM Card può essere utilizzata sui telefonini GSM e sui telefonini di nuova generazione permettendo di NORME D USO (Aggiornamento giugno 2015) 1 La TIM Card può essere utilizzata sui telefonini GSM e sui telefonini di nuova generazione permettendo di utilizzarne al meglio le potenzialità. Ogni TIM Card

Dettagli

REGOLAMENTO SOSTAMILANOSMS. Sistema di pagamento della sosta su strada tramite messaggi sms da cellulare

REGOLAMENTO SOSTAMILANOSMS. Sistema di pagamento della sosta su strada tramite messaggi sms da cellulare Milano, 1 febbraio 2010 REGOLAMENTO SOSTAMILANOSMS Sistema di pagamento della sosta su strada tramite messaggi sms da cellulare Premessa Dal 26.06.2006 ATM ha attivato la possibilità di pagare la sosta

Dettagli

COMUNE D I CALASCIBETTA

COMUNE D I CALASCIBETTA COMUNE D I CALASCIBETTA PROVINCIA DI ENNA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI CALASCIBETTA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 20 del 29/07/2013 INDICE CAPO

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INFORMATICI

COMUNE DI ROSSANO VENETO DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INFORMATICI COMUNE DI ROSSANO VENETO SERVIZI INFORMATICI DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INFORMATICI Allegato A) INDICE 1 INTRODUZIONE 2 ASPETTI GENERALI 2.1 Contenuti 2.2 Responsabilità 2.3 Applicabilità

Dettagli

Regolamento per la disciplina della videosorveglianza sul territorio comunale. (Approvato con deliberazione C.C.n. 27 del 29/11/2010)

Regolamento per la disciplina della videosorveglianza sul territorio comunale. (Approvato con deliberazione C.C.n. 27 del 29/11/2010) Regolamento per la disciplina della videosorveglianza sul territorio comunale (Approvato con deliberazione C.C.n. 27 del 29/11/2010) INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI AZIENDALI E DEGLI APPARATI DI TELEFONIA

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI AZIENDALI E DEGLI APPARATI DI TELEFONIA REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI AZIENDALI E DEGLI APPARATI DI TELEFONIA Oggetto: Informativa e autorizzazione all utilizzo della strumentazione elettronica; informazioni ed istruzioni

Dettagli

REGOLE DEL SISTEMA DI E-PROCUREMENT DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. CONSIP S.p.A.

REGOLE DEL SISTEMA DI E-PROCUREMENT DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. CONSIP S.p.A. REGOLE DEL SISTEMA DI E-PROCUREMENT DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CONSIP S.p.A. Versione 2.0 Novembre 2014-1 - 1 STORIA DEL DOCUMENTO Nel corso della vigenza, il presente documento è stato oggetto delle

Dettagli

DATI DEL RICHIEDENTE IL. Cognome: Nome: Sesso: Data di nascita: Luogo di nascita: Provincia: Località: C.A.P.: Provincia: Telefono Fisso*: Cellulare:

DATI DEL RICHIEDENTE IL. Cognome: Nome: Sesso: Data di nascita: Luogo di nascita: Provincia: Località: C.A.P.: Provincia: Telefono Fisso*: Cellulare: Regolamento CassaXpress Paga Smart DATI DEL RICHIEDENTE IL Cognome: Nome: Sesso: Data di nascita: Luogo di nascita: Provincia: Codice fiscale: Documento: Rilasciato da: Numero: il: Indirizzo: Località:

Dettagli

COMUNE DI CERRO AL LAMBRO

COMUNE DI CERRO AL LAMBRO COMUNE DI CERRO AL LAMBRO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con delibera del Consiglio Comunale nr. del 1 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (D.Lgs. 196/2003) ====================== Incontri Formativi con il Personale della Direzione Didattica del 7 Circolo Didattico G. Carducci di Livorno

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI NAGO TORBOLE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI NAGO TORBOLE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI NAGO TORBOLE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 43/2012 di data 22/11/2012 1 INDICE PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

disciplinare per l utilizzo degli strumenti informatici

disciplinare per l utilizzo degli strumenti informatici Direzione Generale Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Risorse Umane Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 03/12/2012 Circolare n. 135 Ai Dirigenti centrali e periferici

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA CARTA DI CREDITO. Art. 5 - Pagamenti di spese sostenute dal personale: inviato in missione.

REGOLAMENTO PER L USO DELLA CARTA DI CREDITO. Art. 5 - Pagamenti di spese sostenute dal personale: inviato in missione. REGOLAMENTO PER L USO DELLA CARTA DI CREDITO INDICE: Art. l - Oggetto del regolamento Art. 2 -Tipologie di spese Art. 3 - Acquisto di beni e servizi Art. 4 - Iscrizione a corsi di formazione, seminari

Dettagli

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 196 DEL 2003

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 196 DEL 2003 INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 196 DEL 2003 GLOBAL HUMANITARIA ITALIA ONLUS con sede in Viale Monza 59-20125 Milano, in qualità di "titolare"(1) del trattamento(2) dei dati

Dettagli

REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA

REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA servizio di prenotazione telefonica (call center) delle prestazioni specialistiche ambulatoriali erogate dalle strutture pubbliche e private accreditate dell ULSS

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2010/2012 PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO DELLE STRUTTURE

PIANO TRIENNALE 2010/2012 PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO DELLE STRUTTURE COMUNE DI POMPIANO PIANO TRIENNALE 2010/2012 PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO DELLE STRUTTURE Allegato D : RELAZIONE SULLE MISURE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE

Dettagli

Energy Auditing S.r.l.

Energy Auditing S.r.l. Energy Auditing S.r.l. Regolamento per l utilizzo delle risorse informatiche e telefoniche (redatto dal U.O. Sistemi Informativi di AMG Energia S.p.a.) 1 Indice: Premessa Riferimenti normativi Definizioni

Dettagli

COMUNE DI VERZUOLO AREA DI VIGILANZA Comando Polizia Municipale

COMUNE DI VERZUOLO AREA DI VIGILANZA Comando Polizia Municipale COMUNE DI VERZUOLO AREA DI VIGILANZA Comando Polizia Municipale SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE (Decreto Legislativo n. 196 del 30.6.2003) 1 REGOLAMENTO PER L

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ALFAVID INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI MORALI E QUALITA DEL SERVIZIO 3. SERVIZIO 4. RECLAMI 5. CORTESIA E CHIAREZZA 6.

CARTA DEI SERVIZI ALFAVID INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI MORALI E QUALITA DEL SERVIZIO 3. SERVIZIO 4. RECLAMI 5. CORTESIA E CHIAREZZA 6. CARTA DEI SERVIZI ALFAVID INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI MORALI E QUALITA DEL SERVIZIO 3. SERVIZIO 4. RECLAMI 5. CORTESIA E CHIAREZZA 6. PRIVACY 7. ONERI E PAGAMENTI 8. TEMPI DI ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E L ACCESSO AL SERVIZIO DEL SISTEMA MI MUOVO IN BICI NEL COMUNE DI FERRARA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E L ACCESSO AL SERVIZIO DEL SISTEMA MI MUOVO IN BICI NEL COMUNE DI FERRARA Servizio Mobilità e Traffico REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E L ACCESSO AL SERVIZIO DEL SISTEMA MI MUOVO IN BICI NEL COMUNE DI FERRARA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 7/20543/13 dell'8 aprile

Dettagli

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DLGS N. 196/2003 PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (PRIVACY)

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DLGS N. 196/2003 PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (PRIVACY) INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DLGS N. 196/2003 PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (PRIVACY) PREMESSA MetesDtn S.r.l. (di seguito denominata MetesDtn), con sede legale a Bologna in Viale Aldo Moro 16,

Dettagli

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DI POSTA ELETTRONICA, INTERNET,TELEFONI E FAX ALL INTERNO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI TREVISO

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DI POSTA ELETTRONICA, INTERNET,TELEFONI E FAX ALL INTERNO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI TREVISO Allegato alla delibera di Giunta n. 185 del 18.11.2010 DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DI POSTA ELETTRONICA, INTERNET,TELEFONI E FAX ALL INTERNO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI TREVISO INDICE Premessa Art. 1:

Dettagli

INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 DEL D.LGS. 30 GIUGNO 2003, N. 196 (CODICE DELLA PRIVACY)

INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 DEL D.LGS. 30 GIUGNO 2003, N. 196 (CODICE DELLA PRIVACY) INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 DEL D.LGS. 30 GIUGNO 2003, N. 196 (CODICE DELLA PRIVACY) Gentile Signore/a, desideriamo informarla, ai sensi dell articolo 13 del Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n.

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Leonardo. Regolamento per l utilizzo di telecamere nelle aree all aperto di pertinenza dell Istituto

Liceo Scientifico Statale Leonardo. Regolamento per l utilizzo di telecamere nelle aree all aperto di pertinenza dell Istituto Liceo Scientifico Statale Leonardo liceo artistico - liceo linguistico liceo scientifico delle scienze applicate Via F. Balestrieri, 6-25124 Brescia Regolamento per l utilizzo di telecamere nelle aree

Dettagli

PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI E DEGLI ALTRI STRUMENTI DI CONNETTIVITÀ IN MOBILITA'.

PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI E DEGLI ALTRI STRUMENTI DI CONNETTIVITÀ IN MOBILITA'. Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n. 16 del 14.04.2012 PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI E DEGLI ALTRI STRUMENTI DI CONNETTIVITÀ IN MOBILITA'. E' un adempimento

Dettagli

Allegato 1) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI MODICA. (Approvato con deliberazione di C.C. N...

Allegato 1) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI MODICA. (Approvato con deliberazione di C.C. N... Allegato 1) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI MODICA. (Approvato con deliberazione di C.C. N... del ) INDICE CAPO I: PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Oggetto Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L'UTILIZZO DI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L'UTILIZZO DI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 43 del 26 aprile 2007 Indice REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L'UTILIZZO DI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE art. 1 - finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI Art.1 Ambito di applicazione 1. Il presente regolamento è adottato in attuazione

Dettagli

COMUNE DI PORTO CERESIO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA VIDEOSORVEGLIANZA URBANA S O M M A R I O

COMUNE DI PORTO CERESIO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA VIDEOSORVEGLIANZA URBANA S O M M A R I O COMUNE DI PORTO CERESIO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA VIDEOSORVEGLIANZA URBANA (approvato con deliberazione consiliare n. 18 in data 11 luglio 2007) S O M M A R I O CAPO I - PRINCIPI GENERALI ART. 1 FINALITÀ

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Regolamento per la Videosorveglianza

Regolamento per la Videosorveglianza Regolamento per la Videosorveglianza Art. 1 Il sistema di videosorveglianza è installato per le seguenti finalità: a. la sicurezza urbana, stradale e della circolazione e per le attività di polizia giudiziaria

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina gli interventi diretti alla tutela della privacy in ambito sanitario. Esso si attiene alle disposizioni

Dettagli

COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia

COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 76 del 04.11.2005 Inviato al Garante per la protezione

Dettagli

COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 07.06.2007 Comune

Dettagli

SEGEN SpA REGOLAMENTO AUTOMEZZI AZIENDALI. (deliberazione del CdA n. 29 del 28/06/2013)

SEGEN SpA REGOLAMENTO AUTOMEZZI AZIENDALI. (deliberazione del CdA n. 29 del 28/06/2013) SEGEN SpA REGOLAMENTO AUTOMEZZI AZIENDALI (deliberazione del CdA n. 29 del 28/06/2013) INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Fabbisogno Art. 3 Acquisto o noleggio automezzi Art. 4 Adempimenti conseguenti all acquisto

Dettagli

CITTA DI MODUGNO Servizio Provveditorato-Economato

CITTA DI MODUGNO Servizio Provveditorato-Economato CITTA DI MODUGNO Servizio Provveditorato-Economato REGOLAMENTO PER UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 7 in data 13.04.2011 1 Art. 1 - Oggetto del regolamento

Dettagli

Sistemi OHSAS 18001:2007

Sistemi OHSAS 18001:2007 E T I C A E S I C U R E Z Z A Excellentia S.p.a. con professionisti, tecnici ed esperti assiste l'azienda negli adempimenti cogenti in materia di sicurezza e salute dei lavoratori: Redazione del Sistema

Dettagli

Città di Velletri CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DI VELLETRI

Città di Velletri CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DI VELLETRI CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DI VELLETRI Il /la sottoscritt Sesso [ ] M [ ] F consapevole delle responsabilità e delle pene previste dall articolo 76) del DPR 445/2000

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELLE AUTOVETTURE E DEI CICLOMOTORI DI SERVIZIO DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELLE AUTOVETTURE E DEI CICLOMOTORI DI SERVIZIO DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELLE AUTOVETTURE E DEI CICLOMOTORI DI SERVIZIO DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA Capo I Autovetture e ciclomotori di servizio dell Amministrazione

Dettagli

http://puntoeduft.indire.it/materialic/modulo1/modulo_1_pa_6.html PDF created with FinePrint pdffactory trial version http://www.pdffactory.

http://puntoeduft.indire.it/materialic/modulo1/modulo_1_pa_6.html PDF created with FinePrint pdffactory trial version http://www.pdffactory. Pagina 1 di 9 La tutela della privacy Il quadro normativo italiano 1.1. La cosiddetta "legge sulla privacy" La più importante legge italiana in materia di "privacy" è la l. 31 dicembre 1996, n. 675, "Tutela

Dettagli

Regolamento per l'utilizzo della CARTA STAROIL CARBURANTI

Regolamento per l'utilizzo della CARTA STAROIL CARBURANTI Regolamento per l'utilizzo della CARTA STAROIL CARBURANTI 1. Introduzione Il presente documento ( Regolamento ) regola l'utilizzo della carta fedeltà denominata STAROIL CARBURANTI che dà accesso ad attività

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Indice Art. 1 Servizio di Economato Art. 2 Economo Comunale Art. 3 Funzioni del Servizio di Economato Art. 4 Indennità

Dettagli

Condizioni Generali dei Servizi

Condizioni Generali dei Servizi ISCANET INTERNET SERVICES S.R.L. (indicata di seguito come Iscanet) metterà a disposizione i servizi indicati secondo le caratteristiche dettagliate in fase di preventivazione. 1. Le presenti del Servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Articolo 1 - OGGETTO Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti da Soci, in conformità all art. 4 dello Statuto Sociale ed ai sensi di quanto

Dettagli