Festival d Europa. 9 maggio ore 10:30 Sala dei Gigli Palagio, Firenze

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Festival d Europa. 9 maggio ore 10:30 Sala dei Gigli Palagio, Firenze"

Transcript

1 Festival d Europa 9 maggio ore 10:30 Sala dei Gigli Palagio, Firenze LA TUTELA DEI MINORI NELL ECOSISTEMA DIGITALE 1. È con grande piacere che intervengo stamane a questo stimolante dibattito. Ringrazio TIA-Formazione internazionale per aver promosso, con il patrocinio di Agcom, un confronto su un tema d estrema attualità come la tutela dei minori in Rete. Sono particolarmente grato di poter parlare nella città, Firenze, che, al pari di Roma, custodisce i Trattati dell Unione (allora, delle Comunità ), ovvero l animo dell Europa e delle sue regole di convivenza civile. La giornata del 9 maggio, per tutti gli europeisti, rappresenta più di un simbolo. È un monito a non dimenticare e a fare tesoro della lungimiranza dei padri fondatori, in un ponte ideale che oggi, da questa sala, ci congiunge agli insegnamenti di Robert Schumann. 2. La Rete è uno straordinario mezzo di comunicazione per le immense potenzialità ma anche per i rischi che può arrecare soprattutto a soggetti che stanno formando la loro personalità come sono i nostri ragazzi. Le potenzialità della Rete nel consentire ai nostri ragazzi di crearsi una loro identità e capacità di auto-esprimersi, per la loro formazione, la loro creatività e attitudine a diventare cittadini a pieno titolo, sono un fattore determinante di crescita sociale. Sonia LIVINGSTONE ed Leslie HADDON, nel loro EU Kids online report, parlano di una vera e propria ladder of online opportunities. Il consumo di web e ormai in crescita esponenziale, proprio da parte dei più piccoli. E la multimedialità è sempre più emergente. 1

2 Molte sono, però, le insidie che i nostri ragazzi incontrano su Internet. Per comodità di analisi, possiamo dividerle in tre categorie, come ci suggerisce l OCSE: a) Rischi legati ai contenuti illegali online, inclusa la pedopornografia, il cybergrooming e il cyberbullismo, l incitazione alla violenza; b) Rischi in quanto consumatori, da tenere a mente in quanto i ragazzi sono più esposti perché utenti deboli; c) Rischi per la privacy e la sicurezza dei dati personali e della identità digitale. Precisate le categorie di riferimento, vediamo qualche dato effettivo, col quale possiamo toccare con mano il fenomeno e comprendere l ecosistema in cui ci troviamo. Come ricordato dal Telefono Azzurro proprio questa settimana (nell ambito della Giornata nazionale per la lotta alla pedofilia/pedopornografia), alcuni dati sono più che preoccupanti: solo negli ultimi due anni, i casi di adescamento sono passati dal 4,2 al 14%. Le segnalazioni di vittime adolescenti, poi, sono passate dal 16,7% del 2012 al 25% del Le ragazze sono colpite nel 71% dei casi, mentre i minori oggetto di abusi sotto gli 11 anni rappresentano il 43,8% dei casi. Se guardiamo al Libro Bianco Media e Minori del 2014 (e a una recente ricerca effettuata dal Co.re.com. Lazio, in collaborazione con il CENSIS), osserviamo che il 26% dei bambini accede da solo a Internet e la percentuale sale al 51% per i bambini con almeno 10 anni. Oltre il 70% viene poi lasciato solo dalla famiglia davanti la tv la cosiddetta tv baby sitter, fenomeno che va di pari passo con l ipad baby sitter. I bambini fra anni trascorrono sei volte più degli adulti il loro tempo guardando brevi videoclip on line su siti come YouTube (ricerca OFCOM). È chiaro, dinanzi a tali evidenze, come sia necessario mettere al riparo i più piccoli, e dunque più indifesi, dalle insidie del mondo interconnesso. Infatti, questi fenomeni 2

3 rappresentano insidie reali del web. L anonimato produce conseguenze sociali come i bulli elettronici, i cui effetti però sono reali! Nella dinamica tra ambiente digitale e ambiente reale, non possiamo essere spettatori passivi. Perché sono le inside a non esserlo: sono pericolosamente attive. E, se vogliamo stare al passo con i tempi, comprendendo che tali insidie rappresentano tecniche sottilissime e raffinatissime, ci rendiamo subito conto dell esigenza di un nuovo approccio. Un approccio che deve essere olistico, pena la sua inefficacia. Servono interventi forti ed articolati che possiamo sintetizzare in tre livelli: a) gli anticorpi sociali con azioni che integrino i vari ruoli e responsabilità degli stakeholder; b) il sistema delle regole; c) il ruolo di Agcom. 3. Gli anticorpi sociali. L influenza della Rete sui ragazzi si accompagna necessariamente a filtri sociali, come i valori offerti dal sistema scolastico e dal contesto familiare e sociale in cui crescono. Più forti sono i valori, minore è la possibilità di insidia. I media, e la Rete in particolare, costituiscono a loro volta ambienti sociali in cui i giovani si conoscono, fanno esperienze, e avviano processi di socializzazione e partecipazione alla società. E dunque ci vuole un duro lavoro, che concerne istituzioni e famiglie. Oltre il 60% dei giovani italiani tra gli 11 e i 18 anni naviga online tutti i giorni e oltre il 70% lo fa con uno smartphone. E così i genitori vengono bypassati perché i ragazzi hanno accesso diretto alla Rete senza mediazioni. 3

4 Insomma, sono cambiate le dinamiche: i ragazzi sono soli davanti al mezzo. Diventano dipendenti dal mezzo, ma allo stesso si pensano anche onnipotenti per l uso che possono farne. E, pensandosi onnipotenti, si espongono a comportamenti rischiosi. Questi ragazzi sono i nostri figli. È allora sulle famiglie che grava la responsabilità: e alle famiglie occorre fornire gli strumenti tecnici e informativi per conoscere al meglio i nuovi media, i modi per orientarne e gestirne l utilizzo. Perché non favorire tecnologie facili da usare per gli adulti, interoperabili e operative su tutti i siti? Comunque, anche la scuola è centrale. Sulla scuola viene scaricata un enorme responsabilità educativa, anche quella che le famiglie non riescono o non vogliono assumersi. Occorre educare gli insegnanti, non solo a come far usare internet ma soprattutto a come proporre un uso sicuro ai ragazzi, mettendoli in guardia dai rischi. Non solo. Come ci ricorda l OCSE (nella sua raccomandazione del 2012 sulla protezione dei ragazzi online), anche tutti gli stakeholders hanno importanti responsabilità. Intanto, devono creare un ambiente online sicuro per i ragazzi, riducendo le minacce; inoltre, devono sostenere il ruolo cruciale delle famiglie nel ridurre il rischio di un utilizzo pericoloso di Internet in modo che sia utile; infine, in modo diametralmente opposto, devono costruire un ambiente sano. Pensiamo ai Giganti di Internet, che altrove ho anche definito I Padroni della Rete. Pensiamo al loro ruolo. Un attore come Google, in questo campo, può divenire un vero e proprio attore istituzionale. Ma può farlo solo se orienta la propria condotta all interesse della società, dei ragazzi in questo caso, e non solo dell impresa. 4

5 Così, esso può bandire alcuni risultati dalle ricerche; può facilitare le autorità nella individuazione di determinati link pericolosi; può consentire la diffusione di contenuti benefici (come le mappe geografiche). Veniamo, qui, a un punto focale. Tutti siete a conoscenza del recente intervento della Commissione europea, che ha contestato a Mountain View una indagine per il suo abuso di posizione dominante. E vi domanderete: cosa c entra? Quelle sono dinamiche economiche! E invece no! È uno dei caratteri dell ecosistema: non solo la rete connette le persone, ma connette anche profili e interessi. Quello che avviene in ambito economico si ripercuote anche in ambito sociale. Se Google, con la sua dominanza, offre solo particolari tipi di risultati, è evidente che può condizionare le possibilità conoscitive del singolo. Dei bambini. Dei ragazzi e delle ragazze. Del resto, ciò avviene anche con noi adulti. Anche per questo, l attività della Commissione va salutata con favore. Come forse qualcuno avrà intuito, questo tema dimostra anche una possibile intersezione tra quello che avviene ai ragazzi e quello che avviene agli adulti. Anche gli adulti possono essere fuorviati da risultati di ricerca basati su interessi pubblicitari o simili, e non su algoritmi neutri. Ma è certo che un minore, un ragazzo, è senz altro più influenzabile. Emerge, sotto questo profilo, una diversa forma di interconnessione: quella tra interessi degli adulti e interessi dei ragazzi. Un ultimo spunto su corpi e anticorpi sociali. Per dire che la protezione dei nostri ragazzi non può passare attraverso la proibizione o il non uso delle nuove tecnologie, ma attraverso un processo di responsabilizzazione. Un operazione difficile. Perché è più facile proibire. Ma non ha senso farlo perché la Rete ha potenzialità importanti, come abbiamo visto. E poi le proibizioni sarebbero travolte, bypassate, derise. 4. Il sistema delle regole. 5

6 Internet rappresenta uno spazio di libertà e opportunità, ma occorrono regole che evitino le insidie. Le regole sono strumento di libertà (il paradosso è solo apparente) perché consentono alle libertà di ognuno di realizzarsi impedendo la sopraffazione del più forte sul più debole. La natura iper-libertaria con cui la rete si è sviluppata ci insegna che quando si parla del web entriamo in un terreno minato, dove le regole sono ancora tutte da scrivere, seppure siano passati ormai 25 anni dalla creazione del world wide web di Tim Berners Lee. Non dimentichiamo, però, che anche per la Tv sono stati necessari decenni Oggi, infatti, la tutela dei minori nei mezzi di informazione tradizionali, come la televisione, viene garantita da norme europee e nazionali. Esiste un consolidato sistema di protezione basato sulla classificazione dei programmi, sul rispetto delle fasce orarie e sui sistemi di parental control. Queste norme, però, sono pensate per un ambiente analogico statico e per questo poco riproducibile a Internet e social network. Pensiamo, ad esempio, alla cd. fascia protetta (h ), ci rendiamo immediatamente conto di come sia superata: ci si può connettere in qualsiasi ora del giorno Si impone dunque un nuovo approccio. I principi, mutatis mutandis, sono gli stessi, ma il contesto tecnologico è nuovo. E il nuovo approccio deve rifletterlo. Due, a mio avviso, gli strumenti con cui intervenire: a) la regolazione; b) altre forme come self-regulation, coregulation ed educazione. 4.1 Il primo aspetto concerne la regolazione. A sua volta, esso può essere distinto in due sotto-temi: uno specifico, sulle modifiche della normazione vigente, e uno generale, sulle regole e sulla loro efficacia. Partiamo allora dalla normativa primaria e dalle sue modifiche. Un nodo cruciale da sciogliere è la definizione di fornitore di servizi di media audiovisivi e la distinzione tra servizi lineari e non lineari previste dalla direttiva sui servizi media e 6

7 che ormai sono superate. Come lo sono a mio avviso l esclusione dal campo di applicazione della direttiva ed in particolare dalla responsabilità editoriale di motori di ricerca e aggregatori. Che forniscono servizi del tutto analoghi a quelli dei broadcaster senza essere sottoposti alle stesse regole. Con una doppia ingiustizia: sul piano concorrenziale (che certo oggi rileva meno), ma soprattutto (e oggi rileva molto) sul piano della tutela dei ragazzi che vanno online. Peraltro, il Digital Single Market adottato mercoledì scorso indica la volontà della Commissione europea di andare oltre anche in questo settore. Ma il cammino è solo tracciato. Tutto è da fare ancora. 4.2 Veniamo quindi al tema generale delle regole. Al riguardo, ritengo che dobbiamo condividere, in primis, un principio generale: diritti ed obblighi offline si applicano anche online. Certo, occorrono i dovuti adattamenti ma, così come le insidie sono reali, così devono esserlo anche le prescrizioni normative. Questo è un principio ormai acquisito: ce lo ribadisce il Consiglio d Europa, nella sua Guida ai diritti online dell aprile Non basta, però, adottare le norme. Serve anche la loro applicazione. Qui intervengono i pubblici poteri. La sfida di amministrazioni regolatrici come le Autorità indipendenti è trovare il giusto equilibrio tra due valori fondamentali: la protezione dei ragazzi e la libertà di espressione. Internet è una piattaforma aperta e tale deve rimanere. Un equilibrio delicato, che si fonda sulla proporzionalità delle misure, sulla loro specificità in relazione al rischio da evitare. Ad esempio, la tutela della privacy dei minori (che negli Usa trova da anni previsioni normative specifiche, il COPPA) non può impedire il libero flusso dell informazione. È una constatazione quasi evidente. 7

8 Pensiamo comunque ad alcuni casi concreti: la pedo-pornografia, i giochi online violenti, i contenuti illegittimi come il diritto d autore. Seppur dannosi tutti e tre, richiedono interventi di intensità diversa. La risposta normativa deve individuare categorie diverse di intervento; la risposta regolatoria non può essere appiattita sullo stesso livello, ma ricalcare il terreno ondulato di cui è composta la Rete. Nel caso della pedo-pornografia, non solo servono sanzioni penali, ma una attività di vigilanza e ricerca da parte delle Autorità competenti. Con un uso di mezzi coercitivi netti, se necessario. Nel caso dei giochi online, di natura violenta, occorre una seria preparazione psicologica, che fornisca ai ragazzi quegli strumenti che consentano di discernere il mondo virtuale da quello reale. E che consenta di tenere sempre bene a mente i valori da perseguire, nella società di oggi che, ogni tanto, sembra perdere la direzione. Infine, nel caso del diritto d autore serve sia una attività di enforcement, sia la diffusione di una cultura della legalità che insegni che è un bene che le opere siano diffuse (proprio grazie a Internet), ma che questo non deve avvenire a discapito dei titolari, proprietari o artisti. Un conto è regolare la diffusione di contenuti come la musica, adattandola al nuovo contesto, e dunque facilitandone la fruizione (abbonamenti complessivi e diminuzione dei prezzi: il caso di SPOTIFY è evidente); un conto è ventilare le possibilità di diffusione senza freni, che portano a fruire illegittimamente delle opere. Questo deve insegnarsi, con calma, ai giovani: differenziare le situazioni, distinguere, acuire lo spirito critico e non appiattirsi su pensieri generalisti. E questo devono riflettere anche gli interventi regolatori, tesi a dettare nuove discipline. Che devono essere caute, ragionevoli e proporzionate. Mai massimaliste. 4.3 Il secondo aspetto citato riguarda l autoregolamentazione, la coregolamentazione e l educazione a un uso consapevole dei media. 8

9 L Unione europea ha sostenuto questo sistema integrato di interventi nell ambito della Strategia europea per un Internet migliore per i ragazzi. Anche il quadro normativo nazionale prevede l autoregolamentazione. La legge 249/1997, istitutiva dell Agcom, conferisce espressamente ad essa una competenza di tutela dei minori anche tenendo conto dei codici di autoregolamentazione. È su questa base che, nel 2002, è nato il Codice tv e minori (oggi Media e Minori). Il modello del Codice è stato fatto proprio dal legislatore che con la legge n. 112 del 2004, poi trasmessa nel Tusmar. È anche grazie al Codice se la Tv è uno spazio dove tutti si sentono a casa, con regole condivise. A distanza di anni dalla sua emanazione possiamo dire che il Codice ha funzionato (pur con qualche limite). Ha funzionato perché le scelte valoriali che ne costituiscono la base sono condivise dalle emittenti RAI, nazionali e locali che lo hanno sottoscritto e sono consapevoli del loro ruolo e delle loro responsabilità giuridiche e sociali. L efficacia e l effettività di questi strumenti è legata all adesione degli stakeholder e al loro committment. I Codici di autoregolamentazione nel settore tv, in Italia hanno funzionato perché i soggetti erano attenti alla loro reputation. Vale lo stesso per Internet? Forse per i grandi players, non certo per coloro che fanno del free riding un modello di business. E in rete sono moltissimi. La concentrazione del mercato è molto inferiore e questa condizione deve essere sempre ricordata se si intendono adottare soluzioni adeguate. Sistemi come notice and take down o il filtraggio volontario da parte di operatori possono contribuire a contenere il fenomeno. Operando non con il vecchio metodo del command and control, ma con la cooperazione e la condivisione. L autoregolazione deve trovare a mio avviso una copertura legislativa che ne garantisca in ultima analisi l enforcement da parte di un soggetto pubblico. Come avvenuto, appunto, con il Codice prima richiamato. Infatti è stata la copertura legislativa a renderlo vincolante, anche per le emittenti non firmatarie. E a 9

10 consentire che le violazioni al Codice fossero sanzionate (sia dall Autorità che dal Comitato di applicazione del Codice). La copertura legislativa non serve ad aumentare il tasso di rigidità ; al contrario, serve a condividere valori e finalità, attraverso gli strumenti della rappresentanza politica. Perché sono le istituzioni di rappresentanza a far confluire i diversi interessi nel testo legislativo, sancendo quindi in sede applicativa gli indirizzi da prendere, la direzione da seguire, il bene ultimo da perseguire. In altri termini, la auto-regolamentazione non significa abdicare ogni iniziativa lasciando tutto nelle mani dei privati; al contrario, significa integrare i diversi approcci, rafforzare anche l intervento pubblico e, da ultimo, inserire il discorso all interno del circuito democratico. Infine, è essenziale promuovere l educazione. Già ne ho accennato con riferimento ai casi dei videogiochi violenti o del diritto d autore. In senso più generale, le campagne pubbliche debbono far capire che la conoscenza della Rete è qualcosa di più del semplice navigare in Internet. Perché significa sapere come si trova e cosa si trova su Internet. Accanto a questa essenziale forma educativa, in cui anche i privati possono fare la loro parte, ritengo che un ruolo centrale debba essere rivestito dalle politiche pubbliche, che dovrebbero offrire contenuti online di elevata qualità e innovativi per i ragazzi. In poche parole, un servizio pubblico anche per Internet. Una proposta ancora da definire, ma che mi piace lanciare oggi. Forse sarebbe il momento di pensarci. 5. Gli interventi tecnici. Al piano delle regole si associano anche i possibili interventi tecnici. Che sono i contenuti delle regole. Ad esempio, Internet cum grano salis potrebbe essere dotata di sistemi analoghi a quelli della Tv, come il bloccaggio dei siti sulla base 10

11 dell etichettatura dei contenuti, per consentire il filtraggio mediante software; la memorizzazione della navigazione sulle reti, che consenta ai genitori di sorvegliare l uso effettivo dei servizi da parte dei minori; l impostazione di un servizio DNS, che consenta il filtraggio degli indirizzi; l identificazione sistematica dei contenuti, che consenta di intercettare automaticamente quelli problematici. È necessario, però, come dicevo, un serio bilanciamento degli interessi, per non eccedere con fenomeni di controllo preventivo o di compressione delle libertà. Una protezione mirata e intelligente, e non massimalismi aprioristici: questo è quello di cui abbiamo bisogno. Una soluzione intelligente e modulare potrebbe essere quella ideata da un giovane start upper italiano: una chiavetta Usb, che trasforma il pc in un computer per bambini. Ciò permette ai più giovani di avvicinarsi in modo graduale e calibrato al digitale, e consente ai grandi di non dover filtrare costantemente ogni contenuto esterno. Anche l innovazione tecnologica e il ruolo attivo dei produttori possono quindi offrire soluzioni concrete. 6. Il ruolo dell Autorità. Veniamo al terzo punto. Nel nuovo ecosistema digitale, la mission di Agcom per la tutela dei minori è cruciale (e noi ci crediamo)! Connessa com è al dovere di assicurare il rispetto dei diritti fondamentali dell individuo (come ci insegna il Tusmar, in una disposizione forse non troppo valorizzata). Per avere il polso costante della situazione, l Autorità ha creato un Osservatorio permanente sulla tutela dei minori sulla rete 1. 1 Istituito con delibera n. 481/14/CONS del 23 settembre

12 L Osservatorio è realizzato a costo zero ma presenta un alto valore aggiunto, approfittando dell expertise dell Autorità, sfruttando tutte le relazioni di Agcom con tutti gli stakeholders del settore. Esso si articola in tre fasi. Fase uno (tuttora in corso), prevede la predisposizione di una banca dati dei comportamenti degli utenti. Gli interlocutori sono di tutto rilievo: Censis, Istat o Audiweb; vi è anche un accordo con la Polizia Postale, per usare semestralmente i loro dati e giungere a quantificare il numero di condanne per denuncia d aggressione online. La fase due, che sarà avviata dopo l estate, prevede il monitoraggio delle politiche adottate dai principali siti e social network e la loro analisi comparata. Qui l interlocuzione sarà disposta attraverso tavoli di confronto. La fase tre, infine, concerne la redazione Linee guida, per lo sviluppo di codici di condotta. Esattamente ciò che abbiamo identificato come azione modello operativo parlando delle regole, del soft law e della co-regolamentazione, e della sua capacità di stare dietro alla realtà in modo celere. L obiettivo, come si vede, è duplice: 1) da una parte, la raccolta, l elaborazione e la pubblicazione dei dati relativi al comportamento degli utenti rispetto a internet e ai social network, in particolare dei bambini e degli adolescenti; 2) dall altra, la ricognizione delle policies adottate dagli operatori per la salvaguardia dei valori e degli utenti più sensibili (minacce, molestie, bullismo, hate speech, contenuti deplorevoli: sono tutti oggetti di regolazione). In questo modo, Agcom diventa pivot di sistema; raccoglie informazioni e si confronta con gli stakeholder; procede con metodi innovativi. Forse è davvero l inizio di una nuova fase per le funzioni stesse del regolatore. Come si vede, il compito di ritrovare la bussola spetta dunque soprattutto alle istituzioni chiamate a vigilare sul sistema della comunicazione. 12

13 7. Concludo. Obiettivo prioritario di tutti mercato e istituzioni deve comunque essere quello di rendere Internet un mezzo più sicuro, pensando soprattutto ai nostri ragazzi. Una sicurezza a 360 che contrasti attività illecite e manipolazioni. E consenta, quindi, di fruire dei benefici di cui la Rete è capace in termini informativi e educativi. Siamo davanti a una grande sfida, di ordine sociale e culturale. Possiamo raggiungere risultati soddisfacenti solo coinvolgendo tutti gli attori coinvolti, istituzionali e non. Agcom è pronta a mettere in campo tutto il proprio know-how. Ma tutti sono chiamati a fare la propria parte. Vi ringrazio per l attenzione. 13

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Tv e minori

Codice di autoregolamentazione Tv e minori PREMESSA Le Imprese televisive pubbliche e private e le emittenti televisive aderenti alle associazioni firmatarie (d ora in poi indicate come imprese televisive) considerano: a) che l utenza televisiva

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE IT Security Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard IT Security. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

PRIVACY POLICY. Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come "SI") è titolare del sito

PRIVACY POLICY. Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come SI) è titolare del sito PRIVACY POLICY Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come "SI") è titolare del sito www.stonexsmart.com ( Sito ) e tratta i tuoi dati personali nel rispetto della normativa

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Tutela dei dati personali Vi ringraziamo per aver visitato il nostro sito web e per l'interesse nella nostra società. La tutela dei vostri dati privati riveste per noi grande importanza e vogliamo quindi

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

INFORMATIVA PRIVACY AI VISITATORI DEL SITO www.wdc-international.com

INFORMATIVA PRIVACY AI VISITATORI DEL SITO www.wdc-international.com INFORMATIVA PRIVACY AI VISITATORI DEL SITO www.wdc-international.com La presente Informativa è resa, anche ai sensi del ai sensi del Data Protection Act 1998, ai visitatori (i Visitatori ) del sito Internet

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Introduzione Questa guida è stata realizzata per aiutare la vostra azienda a garantire l utilizzo legale del software di Siemens. Il documento tratta

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

FARE IN MODO EHE SI REALIZZI. Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club

FARE IN MODO EHE SI REALIZZI. Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club FARE IN MODO EHE SI REALIZZI Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club FARLO ACCADERE! I Lions clubs che organizzano progetti di servizio utili alla comunità hanno un impatto considerevole sulle persone

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO TEMA Il concorso Un mondo tutto mio è dedicato all ambiente in cui vivono i bambini, come è e come lo vorrebbero. L idea è far descrivere agli alunni il posto ideale

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Workshop. Small Business Act, Statuto delle imprese e condizionalità 2014-2020: AIR e Test PMI

Workshop. Small Business Act, Statuto delle imprese e condizionalità 2014-2020: AIR e Test PMI Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Servizio analisi e verifica dell impatto della regolamentazione Programma Operativo di Assistenza Tecnica alle

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. Termini d uso aggiuntivi di Business Catalyst Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. L uso dei Servizi Business Catalyst è soggetto

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli