Festival d Europa. 9 maggio ore 10:30 Sala dei Gigli Palagio, Firenze

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Festival d Europa. 9 maggio ore 10:30 Sala dei Gigli Palagio, Firenze"

Transcript

1 Festival d Europa 9 maggio ore 10:30 Sala dei Gigli Palagio, Firenze LA TUTELA DEI MINORI NELL ECOSISTEMA DIGITALE 1. È con grande piacere che intervengo stamane a questo stimolante dibattito. Ringrazio TIA-Formazione internazionale per aver promosso, con il patrocinio di Agcom, un confronto su un tema d estrema attualità come la tutela dei minori in Rete. Sono particolarmente grato di poter parlare nella città, Firenze, che, al pari di Roma, custodisce i Trattati dell Unione (allora, delle Comunità ), ovvero l animo dell Europa e delle sue regole di convivenza civile. La giornata del 9 maggio, per tutti gli europeisti, rappresenta più di un simbolo. È un monito a non dimenticare e a fare tesoro della lungimiranza dei padri fondatori, in un ponte ideale che oggi, da questa sala, ci congiunge agli insegnamenti di Robert Schumann. 2. La Rete è uno straordinario mezzo di comunicazione per le immense potenzialità ma anche per i rischi che può arrecare soprattutto a soggetti che stanno formando la loro personalità come sono i nostri ragazzi. Le potenzialità della Rete nel consentire ai nostri ragazzi di crearsi una loro identità e capacità di auto-esprimersi, per la loro formazione, la loro creatività e attitudine a diventare cittadini a pieno titolo, sono un fattore determinante di crescita sociale. Sonia LIVINGSTONE ed Leslie HADDON, nel loro EU Kids online report, parlano di una vera e propria ladder of online opportunities. Il consumo di web e ormai in crescita esponenziale, proprio da parte dei più piccoli. E la multimedialità è sempre più emergente. 1

2 Molte sono, però, le insidie che i nostri ragazzi incontrano su Internet. Per comodità di analisi, possiamo dividerle in tre categorie, come ci suggerisce l OCSE: a) Rischi legati ai contenuti illegali online, inclusa la pedopornografia, il cybergrooming e il cyberbullismo, l incitazione alla violenza; b) Rischi in quanto consumatori, da tenere a mente in quanto i ragazzi sono più esposti perché utenti deboli; c) Rischi per la privacy e la sicurezza dei dati personali e della identità digitale. Precisate le categorie di riferimento, vediamo qualche dato effettivo, col quale possiamo toccare con mano il fenomeno e comprendere l ecosistema in cui ci troviamo. Come ricordato dal Telefono Azzurro proprio questa settimana (nell ambito della Giornata nazionale per la lotta alla pedofilia/pedopornografia), alcuni dati sono più che preoccupanti: solo negli ultimi due anni, i casi di adescamento sono passati dal 4,2 al 14%. Le segnalazioni di vittime adolescenti, poi, sono passate dal 16,7% del 2012 al 25% del Le ragazze sono colpite nel 71% dei casi, mentre i minori oggetto di abusi sotto gli 11 anni rappresentano il 43,8% dei casi. Se guardiamo al Libro Bianco Media e Minori del 2014 (e a una recente ricerca effettuata dal Co.re.com. Lazio, in collaborazione con il CENSIS), osserviamo che il 26% dei bambini accede da solo a Internet e la percentuale sale al 51% per i bambini con almeno 10 anni. Oltre il 70% viene poi lasciato solo dalla famiglia davanti la tv la cosiddetta tv baby sitter, fenomeno che va di pari passo con l ipad baby sitter. I bambini fra anni trascorrono sei volte più degli adulti il loro tempo guardando brevi videoclip on line su siti come YouTube (ricerca OFCOM). È chiaro, dinanzi a tali evidenze, come sia necessario mettere al riparo i più piccoli, e dunque più indifesi, dalle insidie del mondo interconnesso. Infatti, questi fenomeni 2

3 rappresentano insidie reali del web. L anonimato produce conseguenze sociali come i bulli elettronici, i cui effetti però sono reali! Nella dinamica tra ambiente digitale e ambiente reale, non possiamo essere spettatori passivi. Perché sono le inside a non esserlo: sono pericolosamente attive. E, se vogliamo stare al passo con i tempi, comprendendo che tali insidie rappresentano tecniche sottilissime e raffinatissime, ci rendiamo subito conto dell esigenza di un nuovo approccio. Un approccio che deve essere olistico, pena la sua inefficacia. Servono interventi forti ed articolati che possiamo sintetizzare in tre livelli: a) gli anticorpi sociali con azioni che integrino i vari ruoli e responsabilità degli stakeholder; b) il sistema delle regole; c) il ruolo di Agcom. 3. Gli anticorpi sociali. L influenza della Rete sui ragazzi si accompagna necessariamente a filtri sociali, come i valori offerti dal sistema scolastico e dal contesto familiare e sociale in cui crescono. Più forti sono i valori, minore è la possibilità di insidia. I media, e la Rete in particolare, costituiscono a loro volta ambienti sociali in cui i giovani si conoscono, fanno esperienze, e avviano processi di socializzazione e partecipazione alla società. E dunque ci vuole un duro lavoro, che concerne istituzioni e famiglie. Oltre il 60% dei giovani italiani tra gli 11 e i 18 anni naviga online tutti i giorni e oltre il 70% lo fa con uno smartphone. E così i genitori vengono bypassati perché i ragazzi hanno accesso diretto alla Rete senza mediazioni. 3

4 Insomma, sono cambiate le dinamiche: i ragazzi sono soli davanti al mezzo. Diventano dipendenti dal mezzo, ma allo stesso si pensano anche onnipotenti per l uso che possono farne. E, pensandosi onnipotenti, si espongono a comportamenti rischiosi. Questi ragazzi sono i nostri figli. È allora sulle famiglie che grava la responsabilità: e alle famiglie occorre fornire gli strumenti tecnici e informativi per conoscere al meglio i nuovi media, i modi per orientarne e gestirne l utilizzo. Perché non favorire tecnologie facili da usare per gli adulti, interoperabili e operative su tutti i siti? Comunque, anche la scuola è centrale. Sulla scuola viene scaricata un enorme responsabilità educativa, anche quella che le famiglie non riescono o non vogliono assumersi. Occorre educare gli insegnanti, non solo a come far usare internet ma soprattutto a come proporre un uso sicuro ai ragazzi, mettendoli in guardia dai rischi. Non solo. Come ci ricorda l OCSE (nella sua raccomandazione del 2012 sulla protezione dei ragazzi online), anche tutti gli stakeholders hanno importanti responsabilità. Intanto, devono creare un ambiente online sicuro per i ragazzi, riducendo le minacce; inoltre, devono sostenere il ruolo cruciale delle famiglie nel ridurre il rischio di un utilizzo pericoloso di Internet in modo che sia utile; infine, in modo diametralmente opposto, devono costruire un ambiente sano. Pensiamo ai Giganti di Internet, che altrove ho anche definito I Padroni della Rete. Pensiamo al loro ruolo. Un attore come Google, in questo campo, può divenire un vero e proprio attore istituzionale. Ma può farlo solo se orienta la propria condotta all interesse della società, dei ragazzi in questo caso, e non solo dell impresa. 4

5 Così, esso può bandire alcuni risultati dalle ricerche; può facilitare le autorità nella individuazione di determinati link pericolosi; può consentire la diffusione di contenuti benefici (come le mappe geografiche). Veniamo, qui, a un punto focale. Tutti siete a conoscenza del recente intervento della Commissione europea, che ha contestato a Mountain View una indagine per il suo abuso di posizione dominante. E vi domanderete: cosa c entra? Quelle sono dinamiche economiche! E invece no! È uno dei caratteri dell ecosistema: non solo la rete connette le persone, ma connette anche profili e interessi. Quello che avviene in ambito economico si ripercuote anche in ambito sociale. Se Google, con la sua dominanza, offre solo particolari tipi di risultati, è evidente che può condizionare le possibilità conoscitive del singolo. Dei bambini. Dei ragazzi e delle ragazze. Del resto, ciò avviene anche con noi adulti. Anche per questo, l attività della Commissione va salutata con favore. Come forse qualcuno avrà intuito, questo tema dimostra anche una possibile intersezione tra quello che avviene ai ragazzi e quello che avviene agli adulti. Anche gli adulti possono essere fuorviati da risultati di ricerca basati su interessi pubblicitari o simili, e non su algoritmi neutri. Ma è certo che un minore, un ragazzo, è senz altro più influenzabile. Emerge, sotto questo profilo, una diversa forma di interconnessione: quella tra interessi degli adulti e interessi dei ragazzi. Un ultimo spunto su corpi e anticorpi sociali. Per dire che la protezione dei nostri ragazzi non può passare attraverso la proibizione o il non uso delle nuove tecnologie, ma attraverso un processo di responsabilizzazione. Un operazione difficile. Perché è più facile proibire. Ma non ha senso farlo perché la Rete ha potenzialità importanti, come abbiamo visto. E poi le proibizioni sarebbero travolte, bypassate, derise. 4. Il sistema delle regole. 5

6 Internet rappresenta uno spazio di libertà e opportunità, ma occorrono regole che evitino le insidie. Le regole sono strumento di libertà (il paradosso è solo apparente) perché consentono alle libertà di ognuno di realizzarsi impedendo la sopraffazione del più forte sul più debole. La natura iper-libertaria con cui la rete si è sviluppata ci insegna che quando si parla del web entriamo in un terreno minato, dove le regole sono ancora tutte da scrivere, seppure siano passati ormai 25 anni dalla creazione del world wide web di Tim Berners Lee. Non dimentichiamo, però, che anche per la Tv sono stati necessari decenni Oggi, infatti, la tutela dei minori nei mezzi di informazione tradizionali, come la televisione, viene garantita da norme europee e nazionali. Esiste un consolidato sistema di protezione basato sulla classificazione dei programmi, sul rispetto delle fasce orarie e sui sistemi di parental control. Queste norme, però, sono pensate per un ambiente analogico statico e per questo poco riproducibile a Internet e social network. Pensiamo, ad esempio, alla cd. fascia protetta (h ), ci rendiamo immediatamente conto di come sia superata: ci si può connettere in qualsiasi ora del giorno Si impone dunque un nuovo approccio. I principi, mutatis mutandis, sono gli stessi, ma il contesto tecnologico è nuovo. E il nuovo approccio deve rifletterlo. Due, a mio avviso, gli strumenti con cui intervenire: a) la regolazione; b) altre forme come self-regulation, coregulation ed educazione. 4.1 Il primo aspetto concerne la regolazione. A sua volta, esso può essere distinto in due sotto-temi: uno specifico, sulle modifiche della normazione vigente, e uno generale, sulle regole e sulla loro efficacia. Partiamo allora dalla normativa primaria e dalle sue modifiche. Un nodo cruciale da sciogliere è la definizione di fornitore di servizi di media audiovisivi e la distinzione tra servizi lineari e non lineari previste dalla direttiva sui servizi media e 6

7 che ormai sono superate. Come lo sono a mio avviso l esclusione dal campo di applicazione della direttiva ed in particolare dalla responsabilità editoriale di motori di ricerca e aggregatori. Che forniscono servizi del tutto analoghi a quelli dei broadcaster senza essere sottoposti alle stesse regole. Con una doppia ingiustizia: sul piano concorrenziale (che certo oggi rileva meno), ma soprattutto (e oggi rileva molto) sul piano della tutela dei ragazzi che vanno online. Peraltro, il Digital Single Market adottato mercoledì scorso indica la volontà della Commissione europea di andare oltre anche in questo settore. Ma il cammino è solo tracciato. Tutto è da fare ancora. 4.2 Veniamo quindi al tema generale delle regole. Al riguardo, ritengo che dobbiamo condividere, in primis, un principio generale: diritti ed obblighi offline si applicano anche online. Certo, occorrono i dovuti adattamenti ma, così come le insidie sono reali, così devono esserlo anche le prescrizioni normative. Questo è un principio ormai acquisito: ce lo ribadisce il Consiglio d Europa, nella sua Guida ai diritti online dell aprile Non basta, però, adottare le norme. Serve anche la loro applicazione. Qui intervengono i pubblici poteri. La sfida di amministrazioni regolatrici come le Autorità indipendenti è trovare il giusto equilibrio tra due valori fondamentali: la protezione dei ragazzi e la libertà di espressione. Internet è una piattaforma aperta e tale deve rimanere. Un equilibrio delicato, che si fonda sulla proporzionalità delle misure, sulla loro specificità in relazione al rischio da evitare. Ad esempio, la tutela della privacy dei minori (che negli Usa trova da anni previsioni normative specifiche, il COPPA) non può impedire il libero flusso dell informazione. È una constatazione quasi evidente. 7

8 Pensiamo comunque ad alcuni casi concreti: la pedo-pornografia, i giochi online violenti, i contenuti illegittimi come il diritto d autore. Seppur dannosi tutti e tre, richiedono interventi di intensità diversa. La risposta normativa deve individuare categorie diverse di intervento; la risposta regolatoria non può essere appiattita sullo stesso livello, ma ricalcare il terreno ondulato di cui è composta la Rete. Nel caso della pedo-pornografia, non solo servono sanzioni penali, ma una attività di vigilanza e ricerca da parte delle Autorità competenti. Con un uso di mezzi coercitivi netti, se necessario. Nel caso dei giochi online, di natura violenta, occorre una seria preparazione psicologica, che fornisca ai ragazzi quegli strumenti che consentano di discernere il mondo virtuale da quello reale. E che consenta di tenere sempre bene a mente i valori da perseguire, nella società di oggi che, ogni tanto, sembra perdere la direzione. Infine, nel caso del diritto d autore serve sia una attività di enforcement, sia la diffusione di una cultura della legalità che insegni che è un bene che le opere siano diffuse (proprio grazie a Internet), ma che questo non deve avvenire a discapito dei titolari, proprietari o artisti. Un conto è regolare la diffusione di contenuti come la musica, adattandola al nuovo contesto, e dunque facilitandone la fruizione (abbonamenti complessivi e diminuzione dei prezzi: il caso di SPOTIFY è evidente); un conto è ventilare le possibilità di diffusione senza freni, che portano a fruire illegittimamente delle opere. Questo deve insegnarsi, con calma, ai giovani: differenziare le situazioni, distinguere, acuire lo spirito critico e non appiattirsi su pensieri generalisti. E questo devono riflettere anche gli interventi regolatori, tesi a dettare nuove discipline. Che devono essere caute, ragionevoli e proporzionate. Mai massimaliste. 4.3 Il secondo aspetto citato riguarda l autoregolamentazione, la coregolamentazione e l educazione a un uso consapevole dei media. 8

9 L Unione europea ha sostenuto questo sistema integrato di interventi nell ambito della Strategia europea per un Internet migliore per i ragazzi. Anche il quadro normativo nazionale prevede l autoregolamentazione. La legge 249/1997, istitutiva dell Agcom, conferisce espressamente ad essa una competenza di tutela dei minori anche tenendo conto dei codici di autoregolamentazione. È su questa base che, nel 2002, è nato il Codice tv e minori (oggi Media e Minori). Il modello del Codice è stato fatto proprio dal legislatore che con la legge n. 112 del 2004, poi trasmessa nel Tusmar. È anche grazie al Codice se la Tv è uno spazio dove tutti si sentono a casa, con regole condivise. A distanza di anni dalla sua emanazione possiamo dire che il Codice ha funzionato (pur con qualche limite). Ha funzionato perché le scelte valoriali che ne costituiscono la base sono condivise dalle emittenti RAI, nazionali e locali che lo hanno sottoscritto e sono consapevoli del loro ruolo e delle loro responsabilità giuridiche e sociali. L efficacia e l effettività di questi strumenti è legata all adesione degli stakeholder e al loro committment. I Codici di autoregolamentazione nel settore tv, in Italia hanno funzionato perché i soggetti erano attenti alla loro reputation. Vale lo stesso per Internet? Forse per i grandi players, non certo per coloro che fanno del free riding un modello di business. E in rete sono moltissimi. La concentrazione del mercato è molto inferiore e questa condizione deve essere sempre ricordata se si intendono adottare soluzioni adeguate. Sistemi come notice and take down o il filtraggio volontario da parte di operatori possono contribuire a contenere il fenomeno. Operando non con il vecchio metodo del command and control, ma con la cooperazione e la condivisione. L autoregolazione deve trovare a mio avviso una copertura legislativa che ne garantisca in ultima analisi l enforcement da parte di un soggetto pubblico. Come avvenuto, appunto, con il Codice prima richiamato. Infatti è stata la copertura legislativa a renderlo vincolante, anche per le emittenti non firmatarie. E a 9

10 consentire che le violazioni al Codice fossero sanzionate (sia dall Autorità che dal Comitato di applicazione del Codice). La copertura legislativa non serve ad aumentare il tasso di rigidità ; al contrario, serve a condividere valori e finalità, attraverso gli strumenti della rappresentanza politica. Perché sono le istituzioni di rappresentanza a far confluire i diversi interessi nel testo legislativo, sancendo quindi in sede applicativa gli indirizzi da prendere, la direzione da seguire, il bene ultimo da perseguire. In altri termini, la auto-regolamentazione non significa abdicare ogni iniziativa lasciando tutto nelle mani dei privati; al contrario, significa integrare i diversi approcci, rafforzare anche l intervento pubblico e, da ultimo, inserire il discorso all interno del circuito democratico. Infine, è essenziale promuovere l educazione. Già ne ho accennato con riferimento ai casi dei videogiochi violenti o del diritto d autore. In senso più generale, le campagne pubbliche debbono far capire che la conoscenza della Rete è qualcosa di più del semplice navigare in Internet. Perché significa sapere come si trova e cosa si trova su Internet. Accanto a questa essenziale forma educativa, in cui anche i privati possono fare la loro parte, ritengo che un ruolo centrale debba essere rivestito dalle politiche pubbliche, che dovrebbero offrire contenuti online di elevata qualità e innovativi per i ragazzi. In poche parole, un servizio pubblico anche per Internet. Una proposta ancora da definire, ma che mi piace lanciare oggi. Forse sarebbe il momento di pensarci. 5. Gli interventi tecnici. Al piano delle regole si associano anche i possibili interventi tecnici. Che sono i contenuti delle regole. Ad esempio, Internet cum grano salis potrebbe essere dotata di sistemi analoghi a quelli della Tv, come il bloccaggio dei siti sulla base 10

11 dell etichettatura dei contenuti, per consentire il filtraggio mediante software; la memorizzazione della navigazione sulle reti, che consenta ai genitori di sorvegliare l uso effettivo dei servizi da parte dei minori; l impostazione di un servizio DNS, che consenta il filtraggio degli indirizzi; l identificazione sistematica dei contenuti, che consenta di intercettare automaticamente quelli problematici. È necessario, però, come dicevo, un serio bilanciamento degli interessi, per non eccedere con fenomeni di controllo preventivo o di compressione delle libertà. Una protezione mirata e intelligente, e non massimalismi aprioristici: questo è quello di cui abbiamo bisogno. Una soluzione intelligente e modulare potrebbe essere quella ideata da un giovane start upper italiano: una chiavetta Usb, che trasforma il pc in un computer per bambini. Ciò permette ai più giovani di avvicinarsi in modo graduale e calibrato al digitale, e consente ai grandi di non dover filtrare costantemente ogni contenuto esterno. Anche l innovazione tecnologica e il ruolo attivo dei produttori possono quindi offrire soluzioni concrete. 6. Il ruolo dell Autorità. Veniamo al terzo punto. Nel nuovo ecosistema digitale, la mission di Agcom per la tutela dei minori è cruciale (e noi ci crediamo)! Connessa com è al dovere di assicurare il rispetto dei diritti fondamentali dell individuo (come ci insegna il Tusmar, in una disposizione forse non troppo valorizzata). Per avere il polso costante della situazione, l Autorità ha creato un Osservatorio permanente sulla tutela dei minori sulla rete 1. 1 Istituito con delibera n. 481/14/CONS del 23 settembre

12 L Osservatorio è realizzato a costo zero ma presenta un alto valore aggiunto, approfittando dell expertise dell Autorità, sfruttando tutte le relazioni di Agcom con tutti gli stakeholders del settore. Esso si articola in tre fasi. Fase uno (tuttora in corso), prevede la predisposizione di una banca dati dei comportamenti degli utenti. Gli interlocutori sono di tutto rilievo: Censis, Istat o Audiweb; vi è anche un accordo con la Polizia Postale, per usare semestralmente i loro dati e giungere a quantificare il numero di condanne per denuncia d aggressione online. La fase due, che sarà avviata dopo l estate, prevede il monitoraggio delle politiche adottate dai principali siti e social network e la loro analisi comparata. Qui l interlocuzione sarà disposta attraverso tavoli di confronto. La fase tre, infine, concerne la redazione Linee guida, per lo sviluppo di codici di condotta. Esattamente ciò che abbiamo identificato come azione modello operativo parlando delle regole, del soft law e della co-regolamentazione, e della sua capacità di stare dietro alla realtà in modo celere. L obiettivo, come si vede, è duplice: 1) da una parte, la raccolta, l elaborazione e la pubblicazione dei dati relativi al comportamento degli utenti rispetto a internet e ai social network, in particolare dei bambini e degli adolescenti; 2) dall altra, la ricognizione delle policies adottate dagli operatori per la salvaguardia dei valori e degli utenti più sensibili (minacce, molestie, bullismo, hate speech, contenuti deplorevoli: sono tutti oggetti di regolazione). In questo modo, Agcom diventa pivot di sistema; raccoglie informazioni e si confronta con gli stakeholder; procede con metodi innovativi. Forse è davvero l inizio di una nuova fase per le funzioni stesse del regolatore. Come si vede, il compito di ritrovare la bussola spetta dunque soprattutto alle istituzioni chiamate a vigilare sul sistema della comunicazione. 12

13 7. Concludo. Obiettivo prioritario di tutti mercato e istituzioni deve comunque essere quello di rendere Internet un mezzo più sicuro, pensando soprattutto ai nostri ragazzi. Una sicurezza a 360 che contrasti attività illecite e manipolazioni. E consenta, quindi, di fruire dei benefici di cui la Rete è capace in termini informativi e educativi. Siamo davanti a una grande sfida, di ordine sociale e culturale. Possiamo raggiungere risultati soddisfacenti solo coinvolgendo tutti gli attori coinvolti, istituzionali e non. Agcom è pronta a mettere in campo tutto il proprio know-how. Ma tutti sono chiamati a fare la propria parte. Vi ringrazio per l attenzione. 13

IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI

IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI CONFERENZA INTERNAZIONALE IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI Roma, 29-30 novembre 2012 Sala delle Conferenze Internazionali P.le della Farnesina,

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Progetto Navigando nel web

Progetto Navigando nel web Istituto Scolastico Statale Comprensivo XX Settembre Via Signorelli,1-95128 Catania (CT) Tel/Fax 095434114 - Cod. Mecc CTIC89200C www.icxxsettembre.gov.it Progetto Navigando nel web Scuola Secondaria di

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

MIO FIGLIO SUL WEB: POSTA CON LA TESTA!

MIO FIGLIO SUL WEB: POSTA CON LA TESTA! FABRIZIO FANTONI psicologo psicoterapeuta LICEO CASIRAGHI - 8 NOVEMBRE 2014 MIO FIGLIO SUL WEB: POSTA CON LA TESTA! Le invarianti Gli adolescenti hanno sempre gli stessi compiti di sviluppo: pensare un

Dettagli

MAGAZINE, PROGETTI E SERVIZI FORMATO FAMIGLIA

MAGAZINE, PROGETTI E SERVIZI FORMATO FAMIGLIA MAGAZINE, PROGETTI E SERVIZI FORMATO FAMIGLIA FattoreFamiglia è il magazine dedicato alla famiglia è promotore di servizi e progetti a sostegno della famiglia è la Community formatofamiglia è FaFaNetwork:

Dettagli

a cura dott.ssa Maria Cristina Theis

a cura dott.ssa Maria Cristina Theis Essere genitori «nell era digitale: implicazioni delle nuove tecnologie (internet, cellulari, televisione, videogiochi) nella crescita dei bambini e modalità di approccio al loro utilizzo. a cura dott.ssa

Dettagli

Piano di studio. Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe

Piano di studio. Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe Piano di studio Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe Stato del documento: Approvato dalla Direzione DFA il 15 giugno 2011 Introduzione Il

Dettagli

YouLove Educazione sessuale 2.0

YouLove Educazione sessuale 2.0 YouLove Educazione sessuale 2.0 IL NOSTRO TEAM Siamo quattro ragazze giovani e motivate con diverse tipologie di specializzazione, due psicologhe, una dottoressa in Servizi Sociali e una dottoressa in

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

Attività a Tema in Branca L/C

Attività a Tema in Branca L/C in Branca L/C Queste note fanno seguito al laboratorio sulle del 13 marzo 2013 a Roma e riprendono il sussidio, ormai introvabile, concepito nel 1973 e rivisto nel 1982. Le nascono nella Branca Lupetti

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

I media e la famiglia - La tutela dei minori Intervento Antonio Preto, Commissario Agcom

I media e la famiglia - La tutela dei minori Intervento Antonio Preto, Commissario Agcom I media e la famiglia - La tutela dei minori Intervento Antonio Preto, Commissario Agcom Matera 24 ottobre 2015 Come voi sapete, quello dei diritti dei nostri bambini e ragazzi è un tema cruciale che seguo

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

LA RETE NAZIONALE DI CONFINDUSTRIA TRA GIOVANI, SCUOLA E IMPRENDITORI

LA RETE NAZIONALE DI CONFINDUSTRIA TRA GIOVANI, SCUOLA E IMPRENDITORI LA RETE NAZIONALE DI CONFINDUSTRIA TRA GIOVANI, SCUOLA E IMPRENDITORI IDEE DI IMPRESA IN GARA UN RACCONTO DI COSA SIGNIFICA FARE IMPRESA ATTRAVERSO UNA PIATTAFORMA WEB DEDICATA E UN VERO E PROPRIO CONTEST

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

Indagine sul Cyber-bullismo

Indagine sul Cyber-bullismo Indagine sul Cyber-bullismo Realizzata da O.N.F. Osservatorio Nazionale Federconsumatori sul comportamento dei ragazzi italiani dai 12 ai 17 anni RISULTATI DI SINTESI Più di 8 ragazzi su 10 possiedono

Dettagli

Politiche europee per i giovani

Politiche europee per i giovani Politiche europee per i giovani Roma, 25 maggio 2011 Natalja Montefusco della Commissione europea Base giuridica: Trattato di Lisbona Articolo 165 (ex articolo 149 del TCE) L'azione dell'unione è intesa

Dettagli

E ora, col cuore leggero per lo scampato pericolo, andiamo ad approfondire, e a scoprire:

E ora, col cuore leggero per lo scampato pericolo, andiamo ad approfondire, e a scoprire: di Pier Francesco Piccolomini 1 Dopo aver spiegato come si accende il computer e come si usano mouse e tastiera, con questa terza puntata della nostra guida entriamo trionfalmente all interno del PC, dove

Dettagli

La parola agli addetti ai lavori.

La parola agli addetti ai lavori. La parola agli addetti ai lavori. Il parere degli Amministratori condominiali sulla riforma. Commenti, critiche e consigli degli amministratori. (a cura dell Avv. Nicola Nicodemo Damiano) Intervista all

Dettagli

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano 1. I tempi cambiano 2. I dati del questionario 3. Bisogni e rischi 4. Istruzioni per l uso? 5. Indicazioni

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato LIVIA TURCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato LIVIA TURCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3047 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato LIVIA TURCO Norme per la promozione della partecipazione dei giovani immigrati al servizio

Dettagli

INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009)

INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009) INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009) Cari colleghi, autorità, gentili ospiti, voglio darvi

Dettagli

PROGETTO AULA DIGITALE

PROGETTO AULA DIGITALE ) PROGETTO AULA DIGITALE Egregio Sig. Preside, La scuola italiana vive oggi un momento di grande trasformazione. Molte sono le voci che si levano e che ne chiedono un profondo ammodernamento, una ridefinizione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

Il risultato atteso è quello di attivare forme di virtuosa cooperazione e sinergia tra le diverse anime scientifiche del Paese per mettere a punto

Il risultato atteso è quello di attivare forme di virtuosa cooperazione e sinergia tra le diverse anime scientifiche del Paese per mettere a punto Documento d intesa tra SIMLII, SItI e AIDII per l'elaborazione di strumenti scientifici, normativi e applicativi per la tutela e la promozione della salute e la sicurezza e qualità negli ambienti di lavoro

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Estratto da Autorità per le garanzie nelle comunicazioni RELAZIONE ANNUALE SULL ATTIVITÀ SVOLTA E SUI PROGRAMMI DI LAVORO Roma, 24 luglio 2007

Estratto da Autorità per le garanzie nelle comunicazioni RELAZIONE ANNUALE SULL ATTIVITÀ SVOLTA E SUI PROGRAMMI DI LAVORO Roma, 24 luglio 2007 Estratto da Autorità per le garanzie nelle comunicazioni RELAZIONE ANNUALE SULL ATTIVITÀ SVOLTA E SUI PROGRAMMI DI LAVORO Roma, 24 luglio 2007 2.11.La tutela dei minori Lo scenario normativo relativo al

Dettagli

GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO. A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale

GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO. A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale OBIETTIVI GENERALI DELLA RICERCA Produrre strumenti utili

Dettagli

BSC Brescia Smart City

BSC Brescia Smart City BSC Brescia Smart City Ruolo, programma, obiettivi 2014 > 2020 Smart City : di cosa parliamo Con il termine Smart City/Community (SC) si intende quel luogo e/o contesto territoriale ove l'utilizzo pianificato

Dettagli

Dichiarazione dei diritti in Internet

Dichiarazione dei diritti in Internet Dichiarazione dei diritti in Internet Questo documento costituisce il nuovo testo della Dichiarazione elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri relativi ad Internet a seguito della consultazione

Dettagli

Progetto Cittadini della rete,

Progetto Cittadini della rete, Progetto Cittadini della rete, IIS G. Galilei di Crema Scuole Medie Galmozzi di Crema Scuole Medie di Sergnano. Coinvolti: 471 ragazze /i Età: tra i 12 ed i 16 anni, Silvio Bettinelli, 14 novembre 2012

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

MAGAZINE, community Ed EvENtI FoRMAto FAMIGLIA

MAGAZINE, community Ed EvENtI FoRMAto FAMIGLIA MAGAZINE, community Ed EvENtI FoRMAto FAMIGLIA FattoreFamiglia è il Magazine online dedicato alla famiglia è la Community formato famiglia è Party Kids Events: eventi per privati e corporate è FaFaNetwork:

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze Il CORSO L uso delle nuove tecnologie a scuola ha trasformato la relazione comunicativa tra studenti ed insegnanti, modificando gli stili di apprendimento, le strategie formative e le metodologie educative.

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Crescere al Sud rappresenta un luogo d incontro tra realtà diverse, nazionali e locali, che hanno deciso di mettere in comune le

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

Educare alla cittadinanza il senso dell esperienza

Educare alla cittadinanza il senso dell esperienza Educare alla cittadinanza il senso dell esperienza Note esplicative del percorso..se c è di mezzo la pubblicità realizzato dalle classi quinte della Scuola Primaria N. Stigliani Insegnante Caterina Genovese

Dettagli

NAVIGARE IN SICUREZZA. Come guidare i bambini e i ragazzi ad un uso sicuro e consapevole dei nuovi mezzi di comunicazione

NAVIGARE IN SICUREZZA. Come guidare i bambini e i ragazzi ad un uso sicuro e consapevole dei nuovi mezzi di comunicazione NAVIGARE IN SICUREZZA Come guidare i bambini e i ragazzi ad un uso sicuro e consapevole dei nuovi mezzi di comunicazione Una grande rete di reti chiamata Internet Non esitono limiti anagrafici:bambini,

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ ANTONELLO VANNI ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ Manuale sulla prevenzione delle dipendenze per genitori, educatori e insegnanti INDICE Premessa: adolescenti al bivio, ma non più soli PARTE

Dettagli

6 Strategie per valorizzare ed espandere più velocemente la tua attività artiginale su Facebook. SPECIAL REPORT di Claudia Baruzzi

6 Strategie per valorizzare ed espandere più velocemente la tua attività artiginale su Facebook. SPECIAL REPORT di Claudia Baruzzi 6 Strategie per valorizzare ed espandere più velocemente la tua attività artiginale su Facebook SPECIAL REPORT di Claudia Baruzzi AVVISO NON HAI IL DIRITTO DI RISTAMPARE, MODIFICARE, COPIARE O RIVENDERE

Dettagli

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA Accompagnare i nostri figli nel cammino dell amore di Rosangela Carù QUALE EDUCAZIONE IN FAMIGLIA? Adolescenti Genitori- Educatori Educazione 1. CHI E L ADOLESCENTE?

Dettagli

Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015

Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015 Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015 INDICE CHI SIAMO E COSA FACCIAMO 3 CONTESTO E SITUAZIONE PROBLEMATICA 5 IL NOSTRO PROGETTO 5 2 CHI SIAMO E COSA FACCIAMO Siamo una rete di organizzazioni per l

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA SICUREZZA DEI MINORI IN RETE ad uso dei genitori

RACCOMANDAZIONI PER LA SICUREZZA DEI MINORI IN RETE ad uso dei genitori RACCOMANDAZIONI PER LA SICUREZZA DEI MINORI IN RETE ad uso dei genitori Le presenti Raccomandazioni sono destinate ai genitori, allo scopo di informarli sugli eventuali rischi nei quali i figli in età

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015 Internet istruzioni per l uso Marcallo, 29 Aprile 2015 Conoscere per gestire il rischio La Rete, prima ancora di essere qualcosa da giudicare, è una realtà: un fatto con il quale bisogna confrontarsi Internet

Dettagli

PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo

PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo Premessa Educare alla legalità significa elaborare e diffondere un'autentica cultura dei valori civili (Circolare Ministeriale n 302/93) Con tale progetto la

Dettagli

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE Carissime amiche, nel ringraziare ancora per avermi eletta nel ruolo di vice Presidente del Distretto Sud Est, vi saluto augurandovi un Anno Sociale all insegna dell impegno e dell amicizia vera. Il mio

Dettagli

Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA

Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA CHI È BAMA? Siamo un azienda tutta italiana che da oltre tre decenni rende la vostra quotidianità più comoda e più allegra, grazie a prodotti

Dettagli

PROGETTO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA

PROGETTO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA PROGETTO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA Docente referente: Maria Antonietta Galati La parola non può cambiare le cose, ma almeno ci prova Roberto Saviano L Educazione alla Legalità rappresenta, nell attuale

Dettagli

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Scheda progetto Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Il progetto si sviluppa in otto comuni delle province di Bergamo e Brescia. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA SUI CONTROLLI AMBIENTALI TRA COMUNE DI BENEVENTO ASSESSORATO ALL AMBIENTE CORPO FORESTALE DELLO STATO

PROTOCOLLO D INTESA SUI CONTROLLI AMBIENTALI TRA COMUNE DI BENEVENTO ASSESSORATO ALL AMBIENTE CORPO FORESTALE DELLO STATO Città di Benevento Ufficio Ambiente PROTOCOLLO D INTESA SUI CONTROLLI AMBIENTALI TRA COMUNE DI BENEVENTO ASSESSORATO ALL AMBIENTE CORPO FORESTALE DELLO STATO COMANDO PROVINCIALE DI BENEVENTO APRILE 2012

Dettagli

Cercare è per metà trovare

Cercare è per metà trovare Introduzione Cercare è per metà trovare Cercare su Internet Un Web nella Rete Struttura del libro I n t r o d u z i o n e La prima edizione del libro che avete tra le mani nasceva nel 2005. Si trattava

Dettagli

Che cos è Agenquadri

Che cos è Agenquadri 1 Che cos è Agenquadri Agenquadri intende rappresentare con autonomia politica, giuridica, amministrativa e di iniziativa, in forma organizzata, quadri, dirigenti e lavoratori di alta professionalità,

Dettagli

REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE. della Regione

REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE. della Regione REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE della Regione Art. 1 Costituzione E costituita su delibera della ConVol nazionale la Rete regionale ConVol della Regione come articolazione regionale della ConVol nazionale,

Dettagli

I pericoli di internet e della rete, sessione per genitori e docenti

I pericoli di internet e della rete, sessione per genitori e docenti I pericoli di internet e della rete, sessione per genitori e docenti Oggi purtroppo dobbiamo prendere atto che nella nostra società manca quasi totalmente una vera educazione ai pericoli della rete perché

Dettagli

MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013

MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 1 CHE COS È INTERNET? INTERNET (connessione di rete) E' la "rete delle reti" perché collega fra

Dettagli

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI SECONDO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B SECONDO INCONTRO Istituto:

Dettagli

Rischi e pericoli del mondo virtuale: accorgimenti per navigare sicuri

Rischi e pericoli del mondo virtuale: accorgimenti per navigare sicuri Incontro 3: Corso di aggiornamento sull uso di internet Rischi e pericoli del mondo virtuale: accorgimenti per navigare sicuri Istituto Alberghiero De Filippi Via Brambilla 15, 21100 Varese www.istitutodefilippi.it

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

Testo adottato dalla Conferenza Generale dell UNESCO nel corso della sua 32ª sessione svoltasi a Parigi e conclusasi il 17 ottobre 2003

Testo adottato dalla Conferenza Generale dell UNESCO nel corso della sua 32ª sessione svoltasi a Parigi e conclusasi il 17 ottobre 2003 CARTA SULLA CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO DIGITALE Testo adottato dalla Conferenza Generale dell UNESCO nel corso della sua 32ª sessione svoltasi a Parigi e conclusasi il 17 ottobre 2003 Traduzione non

Dettagli

I Servizi per la Famiglia: Aspetti psicosociali. CAMPAGNA Tam. Tam nidi. Grottaferrata 22 Novembre 2008. Patrizia Pisano

I Servizi per la Famiglia: Aspetti psicosociali. CAMPAGNA Tam. Tam nidi. Grottaferrata 22 Novembre 2008. Patrizia Pisano I Servizi per la Famiglia: Aspetti psicosociali CAMPAGNA Tam Tam nidi Grottaferrata 22 Novembre 2008 Patrizia Pisano C O M U N I ATTORI DEL TERRITORIO progettazione-realizzazione realizzazione Area Minori

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

1. Introduzione al corso

1. Introduzione al corso E107 WEB SYSTEM Corso on line di progettazione siti dinamici: livello base R E A L I Z Z A Z I O N E D I 1. Introduzione al corso By e107 Italian Team Sito web:http://www.e107italia.org Contatto: admin@e107italia.org

Dettagli

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI Documento riservato non riproducibile CHI SIAMO La XXL PALLACANESTRO è un associazione sportiva dilettantistica, nata ufficialmente nel 1989, che opera sul territorio

Dettagli

Responsabilità Sociale d Impresa

Responsabilità Sociale d Impresa Responsabilità Sociale d Impresa Sessione Formativa Modulo 1 1 CSR La competitività dell impresa è molto condizionata dalla capacità di dare al mercato un immagine di eccellenza. Un buon esempio di comunicazione

Dettagli

Generazione Web "Consapevolezza e prevenzione dei rischi in Rete Competenze e certificazioni informatiche nella scuola

Generazione Web Consapevolezza e prevenzione dei rischi in Rete Competenze e certificazioni informatiche nella scuola Generazione Web "Consapevolezza e prevenzione dei rischi in Rete Competenze e certificazioni informatiche nella scuola Castelfranco Veneto 19 gennaio 2015 Paola Stefanelli e Mara Quarisa Provincia di Treviso

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network Prof. Giuseppe Riva Università Cattolica del Sacro Cuore www.isocialnetwork.info 1-1 Indice I social network sono una moda? SN come

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE b. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email...

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email... Dott.ssa Vera Blasutti 1 FIGLI ALLE PRESE COI SOCIAL NETWORK: COME SENTIRSI AL SICURO Come i genitori possono educare i figli ad un utilizzo attento della rete COSA SONO I SOCIAL NETWORK Si tratta di siti

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

MESSAGGI IN BOTTIGLIA SOS contro la violenza

MESSAGGI IN BOTTIGLIA SOS contro la violenza MESSAGGI IN BOTTIGLIA SOS contro la violenza IL NOSTRO TEAM Siamo tre ragazze ed un ragazzo, studenti universitari di Giurisprudenza e Relazioni internazionali e Diritti umani. Siamo appassionati di musica,

Dettagli