media 4.1. La distrazione di massa Capitolo 4. La violenza nel tempo dei

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "media 4.1. La distrazione di massa Capitolo 4. La violenza nel tempo dei"

Transcript

1 Come sarà il futuro? Ce lo domandiamo spesso riguardo al benessere economico, molto più raramente in relazione ai valori in cui credere, ai princìpi da considerare davvero importanti. È innegabile che in questo modello di sviluppo i mass media avranno un ruolo determinante. Sulla base dei risultati forniti dall ampia produzione scientifica internazionale che Elisa Manna ha monitorato nel corso di tre decadi il libro intende far emergere i possibili effetti negativi dei media sulla concezione della vita da parte dei giovani: tendenza al consumismo, banalizzazione dei sentimenti, paura, indifferenza e diffidenza sociale, aggressività, impoverimento linguistico, visione riduttiva del ruolo della donna e così via. Nello sforzo di accrescere la sensibilità specialmente di genitori e insegnanti, perché sviluppino maggiore consapevolezza e capacità di interagire con i messaggi mediatici, il volume offre un contributo, sereno ma rigoroso, all elaborazione di una critica costruttiva al modello culturale veicolato dai media. 4 di copertina

2 Capitolo 4. La violenza nel tempo dei media 4.1. La distrazione di massa Il 2012 verrà ricordato come l'anno in cui abbiamo scoperto che una società fondata sull'egoismo e sull'individualismo è una società senza futuro: perché la rincorsa bruciante del successo personale porta a percorsi di arricchimento sempre più temerari e rischiosi, perché un'economia basata su questi principi produce inevitabilmente bolle speculative che finiscono con l'esplodere, travolgendo tutto, anche l'economia reale. Lo dicono i sociologi più avvertiti, lo echeggiano seminari e convegni di economisti innovativi, lo ripetono perfino quelli che fino a poco tempo fa ostentavano il liberismo più convinto, quelli che ognuno è padrone assoluto della sua vita e vinca il più forte. Oggi no, il crack in agguato ci ha convinto a rimettere in discussione teorie economiche e ideologie, che abbiamo frequentato con più o meno convinta adesione per qualche decennio. E lascia comunque sconfortati il fatto che, se il rischio di default non ci avesse indotti all autocritica, se quei valori avessero comunque prodotto ricchezza, avremmo continuato imperterriti a ignorare ogni dubbio ed incertezza sulla bontà del modello. L egoismo, l indifferenza rispetto ai bisogni dell altro, l aggressività sono tante facce di una stessa medaglia, una società violenta che si è imposta nel giro di pochi decenni, senza quasi che ce ne accorgessimo. E i media non sono proprio estranei a tutto questo. Proprio no

3 A dire la verità molti, quelle ideologie le hanno solo subite: ma questa, davvero, è un'altra storia. Oggi ci troviamo a rimettere insieme i cocci di una convivenza collettiva che ha perso il collante, il motivo per stare insieme, ma che, al tempo stesso, manifesta segnali significativi di voglia di partecipazione: le comunità, dovremmo ricordarcelo sempre, non si reggono sui soldi o sulle ricchezze che girano, ma su un sistema condiviso di valori e di espressioni simboliche. Anche quando sembra che non ci siano. E' così dall'alba dei tempi, sarà così, necessariamente, nei tempi futuri. Il sacco I ragazzi sono euforici, ridono forte, pacche sulle spalle e complicità, allusioni pesanti e timidezze spavalde; non arrivano a 20 anni, ma la natura è stata generosa con loro; sono atletici, slanciati, spalle larghe: il freddo lo vincono con giubbotti striminziti e qualche berretto, i passanti intorno a loro sono blindati in piumoni polari. La serata è gelida, ma la luna piena e qualche stella illuminano la notte e i loro occhi. Il passo dei ragazzi è frettoloso: la paghetta e qualche lavoretto, ce n'è abbastanza per l'agognato iphone. Con quello ci puoi fare tutto, pure il caffé grida uno di loro eccitato. Ormai sono arrivati, il negozietto è in fondo a un vicolo con poca luce, è un po' fuori mano, ma fa prezzi buoni. Nel buio quasi inciampano in una cosa a terra, proprio vicino all'ingresso del negozio. Sembra un sacco, è un uomo. Non si capisce se dorme, sta male, è stato picchiato e lasciato a terra o è ubriaco: semplicemente è immobile. Uno dei ragazzi stringe gli occhi a fessura per guardare meglio, si avvicina cauto alla sagoma a terra,prova a toccarlo con un piede; ma un altro lo riprende: Ma che stai a fa', muoviti che il negozio sta chiudendo!....e scavalca il sacco.

4 I ragazzi che scavalcano il sacco sono la metafora estrema della loro dipendenza dai media: niente può fermare la corsa ad acquistare uno smartphone. Ma l'indifferenza mostruosa che manifestano, questa no, non c'entra niente con i media in sé. O meglio, mi correggo, non con l'hardware. Mi dispiace, il famoso sociologo McLuhan in parte si sbagliava: il mezzo sarà pure il messaggio, sarà pure vero che sono i media in sé a costituire il messaggio, ma bisogna vedere il medium che cosa trasmette. Certo, può cambiare la modalità, la sintassi, la grammatica, i ritmi del modello di civiltà in cui si vive: ma la questione vera sono i contenuti. L'indifferenza, l'egoismo, sono figli anche dei contenuti che sono stati trasmessi attraverso i media per decenni, senza che nessuno a livello istituzionale prendesse la cosa sul serio, senza che nessuna parte politica mettesse seriamente in agenda la questione. In una sorta di incomprensibile, colpevole distrazione di massa. E non c è solo indifferenza, purtroppo. Si registrano anche comportamenti aberranti, crudeli: che cos è il cyber bullismo, che miete vittime innocenti, oppure anche solo che cosa sono i giochi di ruolo su You Tube in cui uno fa la vittima, uno il prevaricatore e gli altri guardano se non l affermazione di un gioco disperato che conosce la violenza come unico linguaggio per divertirsi, una cosa che francamente trent anni fa avrebbe fatto consultare lo psichiatra alle prime avvisaglie? Avevano ragione le grandi antropologhe americane degli inizi del secolo scorso, la Margaret Mead, la Ruth Benedict di Pattern of Culture: esistono culture che sono patogene: un guerriero di una tribù di cacciatori di teste debitamente abbigliato sarebbe una visione terrificante per noi, ma nella sua cultura sarebbe degno di ammirazione!questo non è relativismo, anzi ; vuol dire che se una determinata cultura sostiene una pratica incivile (come l ostentazione di teste tagliate o la violenza o le mutilazioni sessuali femminili) contiene germi strutturali di inciviltà e barbarie, non che quella pratica è giustificabile! Non che in tutti questi anni nessuno si sia accorto che qualcosa stava virando al nero. Ma quasi tutti, stampa, opinionisti, politici hanno fatto orecchie da mercante (sarà spiacevole, ma forse è proprio il caso di dirlo). Anzi, ogni qualvolta associazioni di genitori, di educatori o anche singoli esperti hanno sollevato la questione dei contenuti potenzialmente nocivi per i più giovani trasmessi a tutte le ore del giorno son stati tacciati di moralismo. Oggi Il Comitato Media e Minori, l unica istituzione che negli ultimi 10 anni ha cercato di mettere un argine con le pur spuntate armi che la legge gli dava, è stato ibernato, mandato in sonno, semplicemente non

5 rinnovando le cariche alla scadenza delle stesse. Eppure è una legge dello Stato che lo prevede. Come se avere una morale conducesse inevitabilmente ad un ismo un eccesso, un errore. Erano gli anni (Ottanta) in cui la caduta del Muro sanciva la crisi definitiva e inappellabile di ogni forma di pensiero forte. E, come spesso accade, si fece di tutta l'erba un fascio, si decise che il pensiero debole, dubitativo, relativista, inconsistente era l'unica forma di pensiero veramente moderno. Il bello (anzi il brutto) è che quel modello ha messo radici: che il pensiero debole si è fatto forte: Basti pensare che neanche carismatici esponenti della Chiesa cattolica dal carisma universale, un nome per tutti, il Cardinal Martini, con la sua profetica pastorale Il lembo del mantello sono stati sufficienti a richiamare quanti avevano responsabilità ad un'attenzione serena, ma seria, a quello che si andava trasmettendo, in nome di un relativismo mediatico (e chi dice che questo programma o questo film può nuocere?) che ha finito con il prendere il comando. Verrebbe da chiedersi, ora che la nostra cultura si è fatta segmento, pagliuzza, inconsistenza antropologica con quale bagaglio ci presenteremo al confronto, a livello mondiale, con forme di pensiero compatte e autoreferenti di altre culture? Lasciandoci assorbire?

6 4.2. La questione dei contenuti: le tante facce della violenza Quando si parla di violenza nei media bisogna sforzarsi di non semplificare: la violenza non è solo il film con la scazzottata pesante o il giallo con il sangue: le facce della violenza sono tante e anche i possibili impatti sulle fragile personalità in evoluzione degli adolescenti E neanche si può parlare solo di televisione, di videogiochi o di Internet: se oggi si parla con un produttore di videogiochi o con un rappresentante di un 'emittente televisiva in un tavolo istituzionale contestandogli contenuti troppo volenti, si fa la parte di quello che vive fuori dal mondo. Le televisioni dicono State a cavillare su di noi quando i videogiochi trasbordano di violenza? ; i provider dicono E che, volete mettere la museruola a Internet come in Cina, dove va a finire la libertà, la democrazia, cominciate ad occuparvi di quello che vedono nel salotto di casa davanti alla tv. I produttori di videogiochi non sono da meno Ma lo sapete che siti ci sono su Internet che i ragazzi vanno a visitare per farsi grossi e che contengono cose orribili? Insomma, ognuno scarica le responsabilità sull'altro. Tutte queste persone, sul piano personale certamente ineccepibili, sembrano ignorare quello che la ricerca scientifica internazionale (un patrimonio di conoscenze imponente, migliaia di studi prodotti dai migliori ricercatori a livello internazionale) evidenzia. Risultati da prendere seriamente e da non sottovalutare. Cercherò di fare sintesi (i casi della vita e della professione mi hanno portato a monitorare questa produzione scientifica per oltre trent'anni) e di mettere a patrimonio comune quello che ho capito.

7 4.3. Aggressivi, insensibili, impauriti a causa dei media: cosa dice la ricerca scientifica Una sociologa svedese, Cecilia von Feilitzen ha censito le ricerche sugli effetti della violenza mediatica nei soli Stati Uniti: al 2010 ammontavano a circa (personalmente, penso che siano anche di più). A metà gennaio 2013 il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama firma un pacchetto di misure per la limitazione della vendita di armi da fuoco, trantatré giorni dopo la tragica strage nella scuola elementare di Newtown. E tra le misure previste c è anche lo scongelamento dei fondi già stanziati per promuovere la ricerca sulle cause e la prevenzione della violenza. In particolare Obama ritiene importante approfondire l impatto che i film e i videogiochi più violenti possono avere sui giovani e sull aumento della criminalità in generale. Non è la prima volta che si affronta il problema dell impatto della violenza nei media; in passato il Congresso degli Stati Uniti ha commissionato impegnativi e autorevoli Rapporti per fare il punto sulla questione dal punto di vista delle conoscenze scientifiche a disposizione. Del resto,il moltiplicarsi dei nuovi media non ha fatto che acuire la problematica: come afferma il Rapporto ISRA (International society for Reserch on Aggression) del 2012 I territori mediatici stanno cambiando molto rapidamente, con nuove tecnologie che accrescono enormemente l interattività, sono più piccole, vantano una grafica superiore e sono più potenti. Si tratta di tecnologie veramente fantastiche per l apprendimento e la conoscenza. Rispetto ai media tradizionali, grazie alla combinazione con Internet possono offrire stimolanti, nuovi modi di giocare e contenuti audiovisivi interessanti come mai prima d ora. Ma ci sono dei rischi. Oggi i ragazzi possono scaricare, guardare, ascoltare, giocare con materiale violento ad ogni ora del giorno e della notte, nel chiuso della loro stanza, con una capacità di supervisione da parte dei genitori praticamente insignificante. Con le nuove tecnologie,la fruizione di contenuti violenti, che prima avveniva in spazi pubblici (il cinema) o comunque condivisi (il salotto di casa) oggi diventa sempre più privata. Sempre più difficile da contenere. Credo che queste brevi considerazioni siano sufficienti per delineare lo spessore del problema, che davvero non può essere bypassato, sottovalutato con supponenza e colpevole superficialità.

8 Sono circa cinquant'anni che la comunità scientifica (psicologi, psichiatri, sociologi e così via) studia gli effetti della violenza nei media. In particolare negli Stati Uniti, in cui la violenza spadroneggia da sempre in tv e la comunità degli psicologi è molto forte e combattiva. Sulle dimensioni del fenomeno non ci sono dubbi: già a metà degli anni Novanta (per la precisione nel 1996) il National Television Violence Study, uno studio statunitense molto importante, aveva evidenziato che nel 66 % dei programmi dedicati ai minori negli USA erano presenti scene di violenza. In circa il 75 % dei programmi in cui erano registrati atti violenti, questi ultimi restavano impuniti. Il 46 % di tutta la violenza veicolata dai programmi televisivi risultava presente nei cartoni animati per bambini. Più recentemente, una ricerca condotta dal Parents Television Council (2006) ha realizzato una vastissima Analisi del Contenuto (una tecnica rigorosa) che comprendeva i programmi di intrattenimento per bambini dai 5 ai 10 anni dei canali televisivi americani: ABC, Fox, NBC, WB, ABC Family, Cartoon Network, Disney Channel e Nickelodeon. I risultati hanno evidenziato che la violenza è notevolmente cresciuta negli anni: nel 2002, in prima serata, c'erano in media 4, 7 atti violenti per ora, nel 2006 sono diventati 7, 9 %. Quasi il doppio. Secondo il sito dell American Academy of Pediatrics,i ragazzi arrivano a 18 anni avendo visto in tv la simulazione di assassini e atti violenti (2012)! Basteranno queste poche cifre per rappresentare l'entità della cosa, che sfugge naturalmente alla gran parte di noi che abbiamo molte cose da fare e dunque non possiamo davvero dedicare tempo a monitorare la violenza in tv (e non siamo troppo interessati, se non quelli che hanno figli piccoli.) Tutta questa violenza, in Italia lievemente inferiore, ma in sostanza ugualmente presente a tutte le ore del giorno e della notte produce, secondo la gran parte della comunità scientifica internazionale che si è occupata di questo argomento, sostanzialmente 3 effetti: - Primo effetto: la desensibilizzazione; - Secondo effetto: l aggressività; - Terzo effetto: la cosiddetta vittimizzazione, cioè la continua paura di essere aggrediti, anche in casa,. Vediamo di che si tratta. a) La desensibilizzazione, che i ricercatori anglosassoni definiscono

9 Bystander effect, è sostanzialmente una più debole risposta psicologica alla violenza presente nel mondo reale per un avvenuta assuefazione alla violenza stessa, assuefazione maturata però nel mondo virtuale(videogiochi, televisione, internet). A quanto pare, la continua esposizione a contenuti mediatici violenti comporta la diminuzione degli stati empatici verso le vittime di violenza: i ragazzi che scavalcano il sacco a terra della nostra piccola storia rappresentativa sono semplicemente desensibilizzati, non crudeli; sono anestetizzati, non mostri senza cuore nati chissà perché in questo modo. Questo non diminuisce la nostra preoccupazione, ma ci fa vedere le cose da un altro punto di vista: l'assuefazione non è il Male assoluto, ( ricordiamo la banalità del male della Arendt?); con molto sforzo ci si può disintossicare, certo non è facile come girare un interruttore, ma, se si mette un freno alla dieta mediatica nociva, la cultura collettiva potrebbe recuperare l'uso, almeno parziale, della compassione ( come fosse l uso di un arto contratto) E si può impedire che altri perdano questo stato meraviglioso dell anima (o della psiche, fate voi) che è, appunto, il sentire insieme, la com-passione (cum-patior). b) Quanto a quello che i ricercatori definiscono aggressor effect, l altro tipo di effetto, con buona pace di quanti affermano che non ci sono prove empiriche (ma perché le persone, soprattutto se appartengono alla classe dirigente, non si documentano e studiano prima di parlare?), esiste un consenso generalizzato nella comunità scientifica internazionale : sono centinaia le ricerche che pervengono alla stessa conclusione, evidenziando una vera e propria relazione causale tra l'esposizione ripetuta a contenuti mediatici violenti e i comportamenti aggressivi. C'è una cosa che i ricercatori dicono e che mi colpisce molto: il motivo per cui ciò si verificherebbe è che la visione ripetuta di atti violenti rende accessibili pensieri violenti (cfr. volume sulla violenza della statunitense Encyclopedia of Children, Adolescents and Media,del 2007). E questo vale qualunque medium si usi: Internet, tv, videogiochi, smartphone. Che poi oggi sono tutti intrecciati, dal punto di vista tecnologico Indubbiamente, c'è alla base una carica di aggressività personale o sociale che favorisce l accettazione e l interiorizzazione del messaggio aggressivo, ma è anche vero che questa aggressività spontanea, in assenza di illustrazione ripetuta di comportamenti aggressivi e prevaricatori, potrebbe essere incanalata altrimenti. Dal punto di vista di un ricercatore, tutto ciò può anche risultare in un certo senso,

10 affascinante, perché rivela qualcosa dei meccanismi mentali dell'essere umano. Dal punto di vista dei genitori e degli educatori che si trovano a trattare con ragazzi iperaggressivi un po' meno. Dal punto di vista della società è drammatico. Ora, e bisogna dirlo a chiare lettere, è vero che molti di questi studi sono stati contestati perché condotti in condizioni artificiali (cioè in laboratorio); ma il fatto è che molti altri studi condotti con metodologie diverse sono giunti alle stesse conclusioni! Così come è vero che molte altre variabili agiscono: ad esempio se in famiglia c'è un alto livello di aggressività, il messaggio aggressivo proveniente dai media verrà accettato più facilmente; così pure se il gruppo dei pari (gli amici) accetta e condivide modelli di comportamento aggressivi; o se esiste un elevata conflittualità in famiglia; oppure ancora se il ragazzo è sottoposto, per diversi motivi, a una dose massiccia di frustrazioni. Un altro dato da sottolineare, e che le ricerche sottolineano, è che la violenza assorbita attraverso i media da piccoli produce personalità insolitamente aggressive in età adulta, in particolari tra i maschi E sembra che i media contino più dell aggressività dei genitori o delle punizioni ricevute da piccoli nel produrre questo tipo di personalità. Altri importanti studi longitudinali hanno recentemente messo in luce il fatto che una dieta mediatica violenta in età infantile è addirittura un predittore di comportamenti criminali intorno ai 20 anni: attenzione, questo non vale per i contenuti violenti fruiti da adulti: le radici dell aggressività si sviluppano durante l infanzia. Altri importanti studi longitudinali che hanno seguito negli anni gruppi di ragazzi in Paesi completamente diversi dal punto di vista socioculturale (Stati Uniti, Australia, Finlandia, Israele, Polonia) hanno fatto emergere una realtà ancora più sconcertante: i bambini che a 10/11 anni manifestano maggiore aggressività sono gli stessi che a 6/7 anni hanno preferito guardare programmi violenti in tv e che si sono identificati con i personaggi televisivi violenti; e questo accade in tutti i Paesi presi in esame dallo studio. Dunque l ambiente, la società non conta poi così tanto, conta quello che accade nel chiuso delle loro stanzette o nel salotto di casa Risultati simili sono stati ottenuti in Olanda e in Sud Africa (tutti Paesi che hanno modelli culturali molto diversi). Altri studi, sempre longitudinali, hanno evidenziato che uomini che durante l infanzia avevano avuto diete mediatiche violente sono più

11 propensi ad avere comportamenti trasgressivi o di prevaricazione nei confronti della partner. Lo stesso vale all inverso. Questo è un altro aspetto da sottolineare: il fatto che nei media si vadano diffondendo personaggi femminili aggressivi favorisce l identificazione delle ragazze e delle bambine e tende dunque ad estendere l aggressor effect anche tra le donne. Però solo tra i maschi si verifica l impatto congiunto su violenza e comportamento sessuale. Come ho già detto, molte ricerche di questo tipo sono state attaccate per le condizioni di artificiosità che lo studio prevedeva. Ma, è bene ripeterlo, studi condotti in condizioni naturali, che hanno il vantaggio di identificare relazioni causali in ambienti di vita reale, hanno dato gli stessi risultati. Paradigmatico lo studio ormai classico di Joy, Kimball e Zabrack del 1986, su tre cittadine canadesi, in cui sono state monitorate le condotte aggressive nei comportamenti di gioco dei bambini nella pausa dell orario scolastico: gli studiosi hanno registrato chiaramente un aumento delle condotte aggressive in ciascuna delle cittadine dopo un certo periodo dalla diffusione della televisione. Anche se, e questo è altrettante importante sottolinearlo, dove il controllo sociale (la svalutazione o la condanna dei comportamenti aggressivi) è adeguato, gli effetti dei contenuti mediatici vengono praticamente annullati. Un altro importante studio di tipo epidemiologico ha registrato l andamento del tasso di omicidi in tre Paesi molto diversi: Stati Uniti, Canada e Sudafrica. Si è evidenziata una costante: il tasso risulta in crescita dopo un intervallo di circa 10/15 anni dopo l introduzione della televisione in ogni Paese. Forse lo studio arriva a conclusioni troppo perentorie, ma si tratta di un fenomeno che certamente fa riflettere Un altro studio ancora, condotto su tre cittadine americane con un livello di penetrazione della tv alto, medio e basso, ha evidenziato come i bambini che abitavano nella cittadina con una radicata presenza della televisione manifestassero una conoscenza del crimine molto più articolata. E, sebbene una quota molto alta degli studi sia focalizzata sull impatto della televisione, effetti simili sono stati riscontrati dopo l esposizione anche ad altre forme di contenuti mediatici: in particolare musica e videogiochi violenti (dati confermati anche da recentissime ricerche americane e cinesi relativi agli effetti di Internet sullo sviluppo di disturbi mentali, di crisi ansiose, di sindromi aggressive).

12 c) Il terzo tipo di effetto viene definito dai ricercatori Victim Effect: consiste nell intensa paura di cadere vittima di atti violenti a seguito di un elevata fruizione di contenuti mediatici violenti. Una particolare modalità di questa correlazione è rappresentata dalla diffusa paura della criminalità in forti fruitori di notiziari/telegiornali. Questo tipo di atteggiamento si accompagna frequentemente ad ansia, pessimismo, visione irrealistica della violenza. Quest ultimo effetto è particolarmente inquietante: politologi contemporanei vanno sostenendo in maniera sempre più serrata come questa strategia sia intenzionale per indurre la richiesta,da parte della popolazione, di regimi forti, che dichiarino di voler duramente reprimere il crimine. Una politica della paura.(da leggere il bel libro di Frank Furedi, Politics of Fear, Continuum international,2005) Uno studio condotto dall Agenzia di ricerca del Congresso degli Stati Uniti era già a metà degli anni Novanta pervenuta a conclusioni su cui il consenso della comunità scientifica era amplissimo, che sono state ulteriormente confermate dagli studi successivi e si possono riassumere così: - atteggiamenti e profili di professionalità sono negativamente influenzati da una costante visione di contenuti televisivi violenti; vuol dire che non è necessario essere gravi psicopatici per essere influenzati dalla violenza mediatica, basta avere una personalità già lievemente aggressiva; - contenuti televisivi violenti incoraggiano comportamenti violenti e influenzano i valori morali e sociali di una comunità; - coloro che fruiscono grandi quantità di contenuti televisivi violenti sono più propensi a percepire il mondo come pericoloso e sovrastimano la possibilità di cadere vittima di atti violenti. Poco prima del 2010, l American Medical Association Journal ha pubblicato uno studio che evidenzia gli effetti negativi dei videogiochi violenti su diversi aspetti: si va dall aumento delle tendenze all isolamento, alla diffusione di sentimenti aggressivi, dal consumismo all induzione di false credenze e paure, fino al precocismo sessuale. I tentativi di arginare con filtri tecnologici l alto tasso di violenza, che attualmente in Italia vengono fortemente promossi dalle emittenti, così libere di mandare in onda qualunque cosa, si sono già dimostrati fallimentari

13 per una serie di motivi che sarebbe complesso elencare, in paesi più avanzati come gli Usa. Basterà ricordare che i filtri per funzionare hanno bisogno di un sistema di classificazione dei contenuti a monte che non sempre è possibile mettere in azione: si pensi ai programmi sportivi che non possono essere classificati preventivamente e che possono comunque contenere un alto tasso di violenza. Si pensi ai notiziari che è impossibile classificare preventivamente e possono contenere brevi filmati violenti, tanto più impressivi proprio perché percepiti come reali. Si pensi al fatto che quelli che classificano non dovrebbero essere semplici funzionari delle emittenti, ma psicologi, sociologi e soprattutto rappresentanti di associazioni di genitori, insegnanti, telespettatori(i cosiddetti stakeholders)si pensi ancora che il parental control per essere efficace ha bisogno di presupposti tecnici, che in Italia, ad esempio, non è possibile praticare.. L avvento dei nuovi media, che in primo tempo sembravano dover allentare la tensione e le preoccupazioni, in realtà le hanno alla fine accresciute.: infatti video digitali, computer games e cellulari hanno ulteriormente amplificato le occasioni e le modalità d offerta di contenuti a diverso titolo violenti. Del resto,l autoproduzione di video, e la successiva condivisione sui social network, che sembrava l ultima, liberatoria frontiera, di fatto non fa che amplificare le occasioni di insensatezza, narcisimo infantile o violenza che si sono già installati nelle personalità di tanti adolescenti. Ancora una volta, non conta il medium, contano i valori,il modello culturale k che si ha già in testa. Evidentemente, non si può parlare di un effetto meccanico della violenza e anche per quanto riguarda i nuovi media sembrano essere attive altre variabili, tra cui: la stessa personalità del minore, il coefficiente di aggressività/insicurezza e situazioni di oppressione all interno della famiglia, del gruppo degli amici, come pure variabili sociali come disoccupazione giovanile, droga, alcool, accesso alle armi, segregazione razziale, appartenenza a contesti consumistici. Questo, però, non sminuisce minimamente la responsabilità sociale dei media. Un filone di ricerca molto interessante è stato portato avanti in questo senso in Italia da Agata Piromallo Gambardella che ha evidenziato come la subcultura di alcuni contesti deprivati e con forte infiltrazione criminale interagisca in maniera deflagrante con i messaggi di violenza provenienti dai media

14 Un ultima considerazione: le rappresentazioni violente che spaventano di più sono quelle ambientate in un contesto familiare e quelle in cui è più facile identificarsi (ad esempio quando la vittima è un bambino).la violenza percepita come reale (quella dei notiziari) spaventa più di quella percepita come fictional e ancor di più se la violenza realistica avviene in un contesto ambientale simile a quello che vive il bambino (ad esempio, la notizia di un furto cruento in villa, per un bambino che vive in una villetta; saccheggi violenti dopo un disastro naturale, come un terremoto, per i bambini che vivono in una zona terremotata) La fascinazione della violenza Arrivati a questo punto c è da chiedersi: ma perché mai i ragazzi cercano la violenza nei media? Perché seguono film, visitano siti, giocano con videogiochi in cui la violenza è l unico, esasperato linguaggio? Molti ricercatori si sono dedicati a questo aspetto ( l approccio viene definito tecnicamente usi e gratificazioni, cioè per quali usi i ragazzi utilizzano i media e quali gratificazioni ne traggono.).questo tema, la ricerca attiva di violenza nei media da parte dei ragazzi, è particolarmente avvertito in Nord Europa, dove i Consigli governativi sulla Comunicazione (e non solo) hanno attivato linee permanenti di ricerca sull argomento. In realtà molti sono i motivi per cui la violenza nei media attrae i ragazzi: a cominciare da quello più semplice, il gusto di provare la cosiddetta paura allegra, quella che i bambini trovano da sempre nelle favole, uno spingersi sul gelido abisso rassicurati dal fatto di essere in realtà al sicuro e al caldo. Ma, e anche questo va sottolineato, assassini, ferimenti, coltelli, ambientazioni misteriose, mostri, maschere, buio, sangue, rumori orridi possono avere un impatto emotivo superiore a quanto preventivato dagli stessi ragazzi, con forme di turbamento che possono durare anche per molto tempo(con incubi notturni,sindromi ansiose). Cioè i ragazzi(in particolare i maschi) posssono sopravvalutare la propria capacità di elaborare contenuti forti ed esporsi a rappresentazioni che li turbano nel profondo). Ma ci sono altre motivazioni su cui varrebbe la pena di soffermarsi. Ad

15 esempio, la motivazione iniziatica; studi svedesi (Svedin 2006) hanno in particolare evidenziato come i teen agers si sfidino a guardare siti con immagini orribili di morte e deformità come prova iniziatica per posizionarsi all interno di una gang, per disegnare la gerarchia dei ruoli. Il che la dice lunga sull incapacità di vivere in maniera emotivamente coinvolgente riti iniziatici sani (le interrogazioni scolastiche, le prove sportive, la maturità).e anche della frequente incapacità degli adulti di proporre tali prove in maniera stimolante e desiderabile. Le ricerche hanno fatto emergere un altra realtà ancora: alcuni ragazzi, con una personalità marcatamente aggressiva, utilizzano esplicitamente e consapevolmente i contenuti mediatici violenti come un modo per confrontarsi con i propri problemi o per apprendere modalità di risoluzione rispetto a situazioni conflittuali in contesti sub culturali violenti (un arricchire la propria subcultura della violenza per padroneggiare determinate situazioni).il ragazzino che vive, ad esempio in una subcultura contigua alla criminalità organizzata, cercherà di studiare, attraverso film e telefilm violenti, nuove mosse, nuove strategie di alleanza o di ricatto. Oppure, più banalmente, nuovi modi per picchiarsi. Un discorso a parte meriterebbe la violenza trasbordante dei videogames. I ragazzi li usano come marker di appartenenza, ma anche come evasione da situazioni angoscianti, per sfogare aggressività, o ancora come forma di rivalsa sociale compensativa (essere un duro nella realtà virtuale a fronte di una debolezza reale nell interazione sociale).in pratica, chi non riesce ad affermarsi nel gruppo di amici, con le ragazze, a scuola, chi non riesce ad ottenere la stima dei propri genitori o il rispetto dei ragazzi del quartiere, cercherebbe nella progressione virtuale(in certi giochi on line si diventa colonnelli, generali, oppure cintura gialla,nera ecc)una gratificazione di status suppletiva. Vorrei sottolineare che stiamo descrivendo situazioni di relazionalità con il reale di grande tristezza, ma molto più diffuse di quanto si possa immaginare. I rischi della violenza su Internet sono anch essi un discorso molto serio. Cyberbullismo, siti con scene scioccanti, specie per le ragazze (persone o animali sanguinanti, persone morte ecc.):i rischi sono tanti e soprattutto in nord Europa ci si sta impegnando per allertare la popolazione sui pericoli più concreti: dare informazioni personali, guardare pornografia, in particolare violenta, cercare contenuti violenti e carichi di odio (secondo le ultime rilevazioni ufficiali europee lo fa un terzo dei teen europei); essere

16 attori di bullismo o vittime di stalking, ricevere commenti sessuali non voluti, incontrare dal vivo persone conosciute on line. Negli ultimi anni i ricercatori stanno cercando di capire come problemi della vita reale possano interagire con fruizioni problematiche dei nuovi media.(si possono confrontare su questo gli studi di Shannon del 2007 e quello di Svedin e Akerman del 2006). In realtà, l interazione non è poi così diversa da quanto accade con cinema e tv: stress emotivi, problemi scolastici, situazioni conflittuali familiari e nel quartiere, sollecitazioni sessuali vanno a sovrapporsi con messaggi ansiogeni o violenti, pornografia violenta, creando miscele micidiali. ****************************** Ora, la cosa su cui dobbiamo veramente riflettere è questa: i media non creano da soli violenza e paura, è vero, ce n è già molta nella società; ma se questi sentimenti sono già diffusi e accresciuti da altri fattori (ad esempio gli stress connessi alla crisi economica ), i contenuti diffusi dai media andranno a rinforzare questi sentimenti. Saranno confermate le attitudini aggressive di alcuni, indotti stati di paura in altri, desensibilizzazione in altri ancora. Che effetti secondari indesiderati ci possono essere sul sistema sociale? Quale scenario sociopolitico si profila? Masse crescenti di persone impaurite, altre iperaggressive, altre insensibili non evocano forse un clima che invece non vorremmo più neanche sentir nominare?

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

Responsabile e corretto utilizzo delle tecnologie digitali

Responsabile e corretto utilizzo delle tecnologie digitali Responsabile e corretto utilizzo delle tecnologie digitali Informazioni e indicazioni per i genitori Le tecnologie audiovisive e digitali sono strumenti molto utili per la formazione ed il divertimento

Dettagli

IL RUOLO DEL SOCIOLOGO NELLA SCUOLA ITALIANA 1 di Giuditta Castelli

IL RUOLO DEL SOCIOLOGO NELLA SCUOLA ITALIANA 1 di Giuditta Castelli IL RUOLO DEL SOCIOLOGO NELLA SCUOLA ITALIANA 1 di Giuditta Castelli La figura del sociologo non è contemplata dall ordinamento scolastico nazionale, a parte qualche isolata sperimentazione o progetto nell

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

McLuhan: il medium è il messaggio

McLuhan: il medium è il messaggio McLuhan: il medium è il messaggio L espressione sta ad indicare che il vero messaggio che ogni medium trasmette è costituito anche dalla natura del medium stesso. Ogni medium va quindi studiato in base

Dettagli

IL BULLISMO NELLA SCUOLA. Dott.ssa Michela Zancaner Dott.ssa Carolina Valentino

IL BULLISMO NELLA SCUOLA. Dott.ssa Michela Zancaner Dott.ssa Carolina Valentino IL BULLISMO NELLA SCUOLA Dott.ssa Michela Zancaner Dott.ssa Carolina Valentino IL BULLISMO CHE COS È IL BULLISMO? Elementi per riconoscere un vero atto di bullismo: L INTENZIONALITA dell atto avviene quando

Dettagli

Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare

Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare GRUPPO DI PARENT TRAINING PER GENITORI DI BAMBINI CON DDAI NELLA REGIONE LAZIO Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare Una presa in carico globale Come molti

Dettagli

Scuola e società: le politiche educative

Scuola e società: le politiche educative 1 Scuola e società: le politiche educative La chiesa per la scuola Laboratorio nazionale CEI Elisa Manna Responsabile Politiche Culturali Fondazione CENSIS 2 La scuola è l istituzione sociale fondamentale

Dettagli

I segreti della mente

I segreti della mente Vittorino Andreoli I segreti della mente Capire, riconoscere, affrontare i segnali della psiche Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06413-2 Prima edizione:

Dettagli

COMUNITA LA CRISALIDE

COMUNITA LA CRISALIDE COMUNITA LA CRISALIDE Via Aquila 144 80143 Napoli Tel. Fax. 081 269834 cell: 335235916 e-mail: ass.margherita@fastwebnet.it sito: www.casafamiglialacrisalide.it LA FALSA DOMANDA Quante volte abbiamo detto,

Dettagli

Progetto Cittadini della rete,

Progetto Cittadini della rete, Progetto Cittadini della rete, IIS G. Galilei di Crema Scuole Medie Galmozzi di Crema Scuole Medie di Sergnano. Coinvolti: 471 ragazze /i Età: tra i 12 ed i 16 anni, Silvio Bettinelli, 14 novembre 2012

Dettagli

Sintesi. Indagine Ipsos per San Patrignano Genitori e figli allo specchio

Sintesi. Indagine Ipsos per San Patrignano Genitori e figli allo specchio Embargo: 12 novembre 2008 ore 11.30 Sintesi Indagine Ipsos per San Patrignano Genitori e figli allo specchio Padri e madri incerti, insicuri, in difficoltà, incapaci di lottare contro una società che sembra

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento Riflessioni su tempo, sviluppo, regole, autonomia, fiducia, sostegno Dr.ssa Nadia Badioli IL SENSO DEI COMPITI STRUMENTO PER: incentivare

Dettagli

Si verifica quando qualcuno compie atti di

Si verifica quando qualcuno compie atti di CYBER BULLISMO E IL TERMINE USATO PER INDICARE IL BULLISMO ONLINE Si verifica quando qualcuno compie atti di vessazione, umiliazione, molestia, diffamazione, o azioni aggressive nei confronti di un altro,

Dettagli

TV e INTERNET i minori e i mezzi di comunicazione. Novara 10 novembre 2007

TV e INTERNET i minori e i mezzi di comunicazione. Novara 10 novembre 2007 TV e INTERNET i minori e i mezzi di comunicazione Novara 10 novembre 2007 Chi c è in casa? i libri, il giornale (1450 in Germania - 1600 in Inghilterra nasce il primo quotidiano), la fotografia ( 1827

Dettagli

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA Tra Educazione e comunicazione c è uno stretto rapporto, un rapporto originario, poiché si educa comunicando. Al tempo stesso, ci si educa a comunicare. Comunicazione ed

Dettagli

LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI

LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI Marco Deriu Direttore responsabile de Il Resegone docente di Etica della comunicazione all Università Cattolica Milano 20 gennaio 2007 Media e bambini I media si inseriscono

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOZIONALI DEL BULLISMO E DISAGIO GIOVANILE: COME CONTRASTARE IL FENOMENO

ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOZIONALI DEL BULLISMO E DISAGIO GIOVANILE: COME CONTRASTARE IL FENOMENO ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOZIONALI DEL BULLISMO E DISAGIO GIOVANILE: COME CONTRASTARE IL FENOMENO A cura di Dr.ssa Silvia Testi e Dr.ssa Valeria Salsi Aspetti psicologici del Bullo e della Vittima Quale

Dettagli

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa 22 novembre 2010 Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009 Sintesi per la stampa La diffusione dei reati: al Sud più rapine, scippi, minacce, furti di veicoli, al Centro-Nord più furti

Dettagli

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Nell ambito del progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti si è proceduto alla realizzazione di quattro focus

Dettagli

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Introduzione al fenomeno. Il bullo è un individuo che usa la propria forza o il proprio potere

Dettagli

Le relazioni tra pari

Le relazioni tra pari Le relazioni tra pari Al di fuori della famiglia Oltre ai genitori, altre persone influenzano lo sviluppo del bambino (in modo diretto o indiretto). I bambini passano Sviluppo cognitivo molto tempo con

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

IL DISAGIO ADOLESCENZIALE. L. Bernardo

IL DISAGIO ADOLESCENZIALE. L. Bernardo IL DISAGIO ADOLESCENZIALE L. Bernardo Presidente della Commissione Nazionale per la Prevenzione del Disagio e del Bullismo Direttore Dipartimento Materno - Infantile Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

Cuore Edmondo de Amicis, 1888

Cuore Edmondo de Amicis, 1888 È malvagio. Quando uno piange, egli ride. Provoca tutti i più deboli di lui e quando fa a pugni, s inferocisce e tira a far male. Non teme nulla, ride in faccia al maestro, ruba quando può, nega con una

Dettagli

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico 100 Como (CO) Milano 15/04/014 Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico Oggetto: relazione finale progetto Pochi pesci nella rete A.S.

Dettagli

Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori

Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori RISULTATI DELLA RICERCA GIOVANI E MEDIA. LA TELEVISIONE CHE VORREI ALESSANDRIA 21 MARZO 2014 L'indagine campionaria è stata realizzata

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori PROGETTO DI RELAZIONE

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2004 2009 Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori 2008/2173(INI) 20.11.2008 PROGETTO DI RELAZIONE sulla protezione dei consumatori, in particolare dei minori,

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Servizio di Psicologia Scolastica SPAZIO ASCOLTO I.C. via De Andreis. www.spazioascolto.it CRESCERE GENITORI

Servizio di Psicologia Scolastica SPAZIO ASCOLTO I.C. via De Andreis. www.spazioascolto.it CRESCERE GENITORI Servizio di Psicologia Scolastica SPAZIO ASCOLTO I.C. via De Andreis www.spazioascolto.it CRESCERE GENITORI I PROSSIMI INCONTRI 28 APRILE Bullismo: azioni efficaci per contrastarlo 19 MAGGIO Rapporto famiglia-scuola:

Dettagli

LA RICERCA DEL GIOCO

LA RICERCA DEL GIOCO Torna alla Ricerca completa LA RICERCA DEL GIOCO (Sintesi) Ricerca sul fenomeno del gioco d azzardo problematico tra la popolazione giovanile di Reggio Emilia La storia del gioco d azzardo è strettamente

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

Idee sui temi di ricerca UNIV 2016 L impronta della famiglia

Idee sui temi di ricerca UNIV 2016 L impronta della famiglia Idee sui temi di ricerca UNIV 2016 L impronta della famiglia Impostazione generale Apprendimento all interno della famiglia e formazione dell identità. La famiglia come il primo luogo dove si è apprezzati

Dettagli

AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA

AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA DR.SSA MAIORANO ANGELA (PSICOLOGA E PSICOTERAPEUTA) PUBBLICHE RELAZIONI PARCHETTI CRISTINA COREOGRAFA E BALLERINA VERGINELLI MAURA L ADOLESCENZA PORTA CON SÉ

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Comunicazione di massa

Comunicazione di massa Persuadere per prevenire: tecniche di comunicazione nelle campagne di prevenzione. Fiorenzo Ranieri 1 Le campagne di prevenzione in Italia sono fortemente condizionate dalla impostazione legislativa. Le

Dettagli

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT PROGETTO CHIOCCIOL@.IT Premessa: Secondo una ricerca condotta da Skuola.net, in Italia un giovane su tre (nella fascia di età che va dagli undici ai venti anni) sarebbe sempre connesso ai social network.

Dettagli

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività Stili educativi riferiti alle emozioni Di fronte alle emozioni, alla

Dettagli

Indice. Ringraziamenti 9

Indice. Ringraziamenti 9 Indice Ringraziamenti 9 I LA PAURA DELLA SCUOLA 11 Magda Di Renzo, Federico Bianchi di Castelbianco Per iniziare Le nuove esperienze sono fonte di paura La fobia scolare Eziologia La dinamica familiare

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

IL DISTURBO AUTISTICO

IL DISTURBO AUTISTICO LEZIONE: DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Bambini e Nuovi Media: una ricerca di People per Terre des Hommes

Bambini e Nuovi Media: una ricerca di People per Terre des Hommes Bambini e Nuovi Media: una ricerca di People per Terre des Hommes Come vedono i new media i bambini? E quanto i genitori sono in grado di capire e normare il rapporto, spesso caldissimo dei loro figli

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

Aggressività: violenza, furti e bullismo

Aggressività: violenza, furti e bullismo Aggressività: violenza, furti e bullismo Numero del Questionario Completato Attenzione! Ogni questionario completato deve riportare il numero progressivo di compilazione (es. per primo questionario completato

Dettagli

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità complesse della comunicazione che, in assenza di adeguati interventi, interferiscono in modo

Dettagli

La funzione dei centri antiviolenza e il loro osservatorio: il sostegno del bambino coinvolto nel percorso di protezione assieme alla madre A cura di Centri antiviolenza Demetra, Linea RosaeSos Donna Formazione

Dettagli

MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013

MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 1 CHE COS È INTERNET? INTERNET (connessione di rete) E' la "rete delle reti" perché collega fra

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA GENITORI-EMILIA-ROMAGNA. Prot. n.59/p Fidenza 28.05.014

ASSOCIAZIONE ITALIANA GENITORI-EMILIA-ROMAGNA. Prot. n.59/p Fidenza 28.05.014 ASSOCIAZIONE ITALIANA GENITORI-EMILIA-ROMAGNA Prot. n.59/p Fidenza 28.05.014 Oggetto=Ricerca Regionale. Al Forags Emilia-Romagna Al Consiglio Regionale Age Alle Age Locali Martedi 27 maggio,dalle ore 15

Dettagli

LA BALBUZIE RACCONTATA AGLI INSEGNANTI

LA BALBUZIE RACCONTATA AGLI INSEGNANTI ABC Balbuzie A cura delle Dott.sse Luisella COCCO - Monica ANISIO (Logopediste) e della Dott.ssa Simona Bernardini (Psicologa\Psicoterapeuta CBT) Specialiste nella Valutazione e Trattamento della Balbuzie

Dettagli

I pericoli di internet e della rete, sessione per genitori e docenti

I pericoli di internet e della rete, sessione per genitori e docenti I pericoli di internet e della rete, sessione per genitori e docenti Oggi purtroppo dobbiamo prendere atto che nella nostra società manca quasi totalmente una vera educazione ai pericoli della rete perché

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie Premessa Il trauma non cessa con il cessare della violenza esterna ma continua imperterrito nel mondo

Dettagli

CANOVACCIO PER LA CONDUZIONE DELL ANIMAZIONE TEATRALE NELLE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO

CANOVACCIO PER LA CONDUZIONE DELL ANIMAZIONE TEATRALE NELLE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO CANOVACCIO PER LA CONDUZIONE DELL ANIMAZIONE TEATRALE NELLE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO Durata complessiva: max. 1h30-2h Persone necessarie: un attore, un attrice, uno/due animatore/i (nel caso di

Dettagli

BU B L U LIS I MO: che h e cos'è?

BU B L U LIS I MO: che h e cos'è? Siamo convinti che di questi argomenti non se ne parli mai troppo ed abbiamo trovato molto utile la presenza a scuola degli adulti disponibili all'incontro perché ci fa capire che non siamo soli, nel bene

Dettagli

QUINTO VOLUME: GENITORI E INSEGNATI

QUINTO VOLUME: GENITORI E INSEGNATI QUINTO VOLUME: GENITORI E INSEGNATI La motivazione e la creatività, bambini disattenti e iperattivi, integrare gli alunni stranieri nella scuola a cura di Marco Rossi Doria Presentazione Tutti i bambini

Dettagli

CRISTINA LIVERANI Research Manager di Doxa

CRISTINA LIVERANI Research Manager di Doxa CRISTINA LIVERANI Research Manager di Doxa Buongiorno a tutti. Analizzeremo oggi alcuni dei risultati tratti dall indagine Doxa Junior&Teens, realizzata da oltre vent anni e che, in diverse occasioni,

Dettagli

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria Centro Studi Hänsel e Gretel onlus con il contributo della L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

Dettagli

a cura dott.ssa Maria Cristina Theis

a cura dott.ssa Maria Cristina Theis Essere genitori «nell era digitale: implicazioni delle nuove tecnologie (internet, cellulari, televisione, videogiochi) nella crescita dei bambini e modalità di approccio al loro utilizzo. a cura dott.ssa

Dettagli

Stefano Bartolini. Dal ben-avere al ben-essere. Colloqui di Dobbiaco 2011 01.10. 02.10.2011 Benessere senza crescita

Stefano Bartolini. Dal ben-avere al ben-essere. Colloqui di Dobbiaco 2011 01.10. 02.10.2011 Benessere senza crescita Stefano Bartolini Dal ben-avere al ben-essere SINTESI Come dimostrato dal paradosso di Easterlin, la crescita economica ha tradito largamente la sua promessa di aumentare il nostro benessere. Ma al di

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: VIOLENZA CONTRO LE DONNE Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti - Ufficio

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

I pericoli di internet e della rete, per genitori e docenti

I pericoli di internet e della rete, per genitori e docenti I pericoli di internet e della rete, per genitori e docenti Oggi Purtroppo dobbiamo prendere atto che nella nostra società manca quasi totalmente una vera educazione ai pericoli della rete perché spesso

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

Quando decidi di crescere? LE DIFFICOLTA EMOTIVO-RELAZIONALI

Quando decidi di crescere? LE DIFFICOLTA EMOTIVO-RELAZIONALI Quando decidi di crescere? LE DIFFICOLTA EMOTIVO-RELAZIONALI Le difficoltà emotivo-relazionali in ambito evolutivo Tutti quei segnali di disagio e di sofferenza, che coinvolgono la dimensione emotiva e

Dettagli

Torino, 18 ottobre 2013 - Centro Incontri della Regione Piemonte

Torino, 18 ottobre 2013 - Centro Incontri della Regione Piemonte Giammaria de Paulis Autore del libro Facebook: genitori alla riscossa Torino, 18 ottobre 2013 - Centro Incontri della Regione Piemonte in una stanza dove sia accesa soltanto una candela, basta una mano

Dettagli

La Rete siamo noi. L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico

La Rete siamo noi. L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico Elena Buccoliero, sociologa Ufficio del Difensore civico

Dettagli

speciale genitori per la scuola primaria

speciale genitori per la scuola primaria speciale genitori per la scuola primaria in collaborazione con Speciale Genitori Il patto di RCS EDUCATION con le famiglie Il successo formativo e scolastico delle giovani generazioni è, oggi più che mai,

Dettagli

6 maggio 2015 Undicesimo incontro Tre cose ci sono rimaste del Paradiso : le stelle, i fiori e i bambini.

6 maggio 2015 Undicesimo incontro Tre cose ci sono rimaste del Paradiso : le stelle, i fiori e i bambini. 6 maggio 2015 Undicesimo incontro Tre cose ci sono rimaste del Paradiso : le stelle, i fiori e i bambini. (Dante Alighieri) LUCIA RIZZI è una pedagogista, scrittrice e personaggio televisivo (reality «S.O.S.

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

Il nostro percorso...verso la scelta giusta!

Il nostro percorso...verso la scelta giusta! Il nostro percorso......verso la scelta giusta! Questo testo è nato dalle relazioni che la nostra prof di lettere ci ha assegnato come verifica finale del lavoro; descrive il percorso che abbiamo seguito,

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

Violenza assistita quando i bambini guardano

Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza Assistita Intrafamiliare Per violenza assistita intrafamiliare si intende qualsiasi atto di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale ed economica

Dettagli

Centro Formazione Insegnanti Rovereto. Relatrice: Dr.ssa Serena Valorzi www.serenavalorzi.it

Centro Formazione Insegnanti Rovereto. Relatrice: Dr.ssa Serena Valorzi www.serenavalorzi.it Centro Formazione Insegnanti Rovereto Relatrice: Dr.ssa Serena Valorzi www.serenavalorzi.it Gli uomini non vengono angosciati dalle cose, bensì dalle opinioni che si fanno su di esse. Epitteto, filosofo

Dettagli

Problematiche psicopatologiche dell'infanzia

Problematiche psicopatologiche dell'infanzia Problematiche psicopatologiche dell'infanzia La fasce di età di infanzia, preadolescenza e adolescenza rappresentano un processo evolutivo molto complesso : per questo motivo è importante rivolgere un

Dettagli

L EFFICACIA FORMATIVA DEL TEATRO SCIENTIFICO: UN ESPERIENZA NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EFFICACIA FORMATIVA DEL TEATRO SCIENTIFICO: UN ESPERIENZA NELLA SCUOLA PRIMARIA L EFFICACIA FORMATIVA DEL TEATRO SCIENTIFICO: UN ESPERIENZA NELLA SCUOLA PRIMARIA di Federica La Longa e Massimo Crescimbene psicologi del Laboratorio di Didattica e Divulgazione Scientifica INGV Roma

Dettagli

Servizio di Psicologia Scolastica SPAZIO ASCOLTO I.C. ASCOLI LA CARICA DEI GENITORI 20 MARZO 2012

Servizio di Psicologia Scolastica SPAZIO ASCOLTO I.C. ASCOLI LA CARICA DEI GENITORI 20 MARZO 2012 Servizio di Psicologia Scolastica SPAZIO ASCOLTO I.C. ASCOLI LA CARICA DEI GENITORI 20 MARZO 2012 I PROSSIMI INCONTRI 27 MARZO Rapporto famiglia-scuola: risorse e difficoltà I VIDEOGIOCHI Le principali

Dettagli

La Felicità con gli occhi di

La Felicità con gli occhi di La Felicità con gli occhi di Di Paolo Sichel, Giorgia Zanierato e Sidney Fontana Classe 4 BSU Indice Felicità: Con la spensieratezza di un bambino Con la grinta dell adolescente Con la serenità di un adulto

Dettagli

Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI

Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI Anno Scolastico 2013-2014 SITUAZIONE MOTIVANTE In una società dove le immagini proposte dai mass-media hanno un

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA 2015/16

OFFERTA FORMATIVA 2015/16 SERVIZIO DI PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO E DELL EDUCAZIONE IN ETÀ EVOLUTIVA UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO OFFERTA FORMATIVA 2015/16 www.spaee.it Sede di Milano via Nirone, 15 20123 Milano

Dettagli

VIOLENZA VIOLENZA DI GENERE

VIOLENZA VIOLENZA DI GENERE VIOLENZA Si intende un azione che reca un danno fisico o psicologico ad uno o più soggetti. Essa, quindi, non implica necessariamente ed esclusivamente un atto fisico (indurre un certo comportamento attraverso

Dettagli

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti In passato non era necessario che i padri e le madri favorissero lo sviluppo emotivo dei bimbi.

Dettagli

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo?

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? Il senso dei due incontri che vengono proposti sta nel riflettere sulla nostra

Dettagli

BAMBINI 2.0 LE NUOVE RELAZIONI TRA INTERNET, SOCIAL NETWORK E MONDO VIRTUALE

BAMBINI 2.0 LE NUOVE RELAZIONI TRA INTERNET, SOCIAL NETWORK E MONDO VIRTUALE BAMBINI 2.0 LE NUOVE RELAZIONI TRA INTERNET, SOCIAL NETWORK E MONDO VIRTUALE ISTITUTO MATER DIVINAE GRATIAE in collaborazione con ISTITUTO DI PSICOTERAPIA DEL BAMBINO E DELL ADOLESCENTE A cura di: Dott.ssa

Dettagli

COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO?

COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO? COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO? Perché cercare di prevenire il bullismo? Aggressività e passività sono condotte reattive, modalità inadeguate di rapportarsi agli altri. Nell immediato comportano

Dettagli

PRESTO E BENE. Il sostegno nelle situazioni di Pronto Intervento. Relazione di Margherita Gallina Assistente sociale

PRESTO E BENE. Il sostegno nelle situazioni di Pronto Intervento. Relazione di Margherita Gallina Assistente sociale PRESTOEBENE. IlsostegnonellesituazionidiProntoIntervento RelazionediMargheritaGallina Assistentesociale Iltemacheabbiamosceltoperquestocorsoèdinotevoleinteressepoichépresentanotevolidifficoltà perl operatoreeperiresponsabilideiservizi:siaperlagravitàdellesituazionichesipresentanosia

Dettagli

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo.

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo. La comunicazione Comunicare significa mettere in comune, entrare in relazione con gli altri per informare, chiedere, ordinare, scambiare idee, desideri, sentimenti, dubbi, pensieri, progetti Tutta la vita

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

SINTESI DELL ELABORAZIONE DEI DATI TELEFONO AMICO ITALIA RELATIVI ALLE OLTRE 100MILA TELEFONATE RICEVUTE NEL 2010

SINTESI DELL ELABORAZIONE DEI DATI TELEFONO AMICO ITALIA RELATIVI ALLE OLTRE 100MILA TELEFONATE RICEVUTE NEL 2010 SINTESI DELL ELABORAZIONE DEI DATI TELEFONO AMICO ITALIA RELATIVI ALLE OLTRE 100MILA TELEFONATE RICEVUTE NEL 2010 Anche quest anno AstraRicerche ha elaborato tutte le informazioni riferite alle ben 106.556

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1.

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1. RISULTATI INTERVISTE INTERNET GENERATION Allo scopo di valutare l impatto delle KMT sui pre-adolescenti, rispetto alle dimensioni di naturalizzazione, interattività, empowerment e gap culturale, sono state

Dettagli

Sondaggio sulla diffusione di pregiudizi e stereotipi tra i ragazzi fra i 14 e i 17 anni EXECUTIVE SUMMARY

Sondaggio sulla diffusione di pregiudizi e stereotipi tra i ragazzi fra i 14 e i 17 anni EXECUTIVE SUMMARY Sondaggio sulla diffusione di pregiudizi e stereotipi tra i ragazzi fra i 14 e i 17 anni EXECUTIVE SUMMARY Progetto N. 280-2014 Novembre 2014 METODOLOGIA L indagine è stata realizzata dal 5 al 12 Novembre

Dettagli

Quale metodologia è stata adottata per realizzare la ricerca?

Quale metodologia è stata adottata per realizzare la ricerca? Angela Mongelli, ordinario di Sociologia della formazione presso il Dipartimento di Scienze della formazione, psicologia, comunicazione dell'università di Bari ha curato ed è la responsabile scientifica

Dettagli