La contravvenzione. Nei casi in cui l'importo della contravvenzione va da un minimo a un

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La contravvenzione. Nei casi in cui l'importo della contravvenzione va da un minimo a un"

Transcript

1 La contravvenzione Nei casi in cui l'importo della contravvenzione va da un minimo a un massimo, in base a quale criterio viene fissata la somma da pagare? Si tiene conto della gravità della violazione, dell'opera svolta dall'autore di essa per l'eliminazione o l'attenuazione delle sue conseguenze, della personalità del trasgressore e delle sue condizioni economiche (art. 195, comma 2). Quand'è che si può essere ammessi a pagare in misura ridotta? Premesso che per misura ridotta s'intende quella, minima, prevista dalla norma, la regola è che il trasgressore è sempre ammesso a pagare in questa misura, tranne che in alcune situazione e per alcuni tipi di violazione. In particolare, questa possibilità è esclusa quando il trasgressore non abbia obbedito all'invito a fermarsi, o, trattandosi di conducente di veicolo a motore, si sia rifiutato di esibire il documento di circolazione, la patente di guida o qualsiasi altro documento che debba avere con sé a norma del codice della strada. Inoltre il pagamento in misura ridotta non è consentito per alcuni tipi di violazione: per esempio guida senza patente, trasporto di merci pericolose senza autorizzazione (art. 202, commi 1, 3 e 3-bis) e nei casi in cui è prevista la sanzione accessoria della confisca. Come va effettuato il pagamento in misura ridotta? Il pagamento va fatto, entro 60 giorni dalla contestazione o dalla notificazione, presso l'ufficio dal quale dipende l'agente accertatore, o mediante versamento in conto corrente postale, o, se l'amministrazione lo prevede, mediante conto corrente bancario (art. 202,

2 commi 1 e 2). Il pagamento effettuato in misura ridotta preclude la possibilità di presentare ricorso avverso la contravvenzione? Il pagamento effettuato nei 60 giorni dalla contestazione o dalla notifica del verbale preclude, ai sensi degli artt. 202 e 203, comma 1, la possibilità di ricorrere avverso la contravvenzione. Se però il pagamento viene effettuato dopo la presentazione del ricorso al Prefetto o all A.G., anche se intervenuto prima della scadenza dei 60 giorni non influisce sul giudizio in corso, a meno che non si accompagni ad una formale rinuncia all impugnazione (Cass. 10/1/2007, n. 291). Quali sono i vizi formali in presenza dei quali si può impugnare una contravvenzione? I casi più frequenti sono, con riferimento al verbale: l'errata indicazione del numero di targa o della marca o del modello del veicolo; l omessa o errata indicazione della data in cui è stata commessa l infrazione; l omessa o errata indicazione della norma violata o delle generalità del proprietario del veicolo; la notifica del verbale eseguita dopo che sia scaduto il termine di 90 giorni dall'accertamento dell'infrazione (360 giorni per i residenti all'estero, art. 201); la notifica dell'ingiunzione di pagamento relativa a un'infrazione ritualmente contestata, eseguita dopo che sia scaduto il termine quinquennale di prescrizione, o eseguita senza che sia stata preceduta dalla contestazione dell'infrazione; l'invio per posta di una contravvenzione relativa a un'infrazione che, pur potendo essere immediatamente contestata, non lo sia stato; la notifica fatta da una società privata di recapito, alla quale il Comune abbia affidato il servizio di consegna di atti giudiziari, che

3 equivalendo ad omessa notifica produce l estinzione dell obbligazione di pagare la somma dovuta per la violazione (Cass. SS.UU. 21/9/2006, n ). Illegittima anche la contravvenzione elevata da un vigile della Polizia Municipale al di fuori dell orario di servizio (Cass. 3/3/2008, n. 5771). E valida la contravvenzione contestata oralmente se l accertatore è sprovvisto dell apposito modulario? Sì, dal momento che il verbale può essere compilato in un secondo momento (Cass. 3/6/2008, n ). Se, dopo aver effettuato il pagamento in misura ridotta, ci accorgiamo che la contravvenzione poteva essere impugnata per nullità della notifica, possiamo chiedere e ottenere la restituzione di quanto pagato? No, poiché il pagamento è riguardabile come tacita accettazione dell'accertamento notificato (Giu. pa. Torino 29/1/1999). Se, per un errore di trascrizione del numero di targa o di lettura delle risultanze del PRA, ci viene notificato un verbale relativo ad un'infrazione che non abbiamo commesso, cosa dobbiamo fare? Si deve, entro 60 giorni dalla notifica, presentare un'istanza all'ufficio o Comando procedente, che farà gli opportuni accertamenti (art. 386 reg., commi 3 e 4).

4 Se ci viene notificata una contravvenzione per un'infrazione che siamo certi di non aver commesso, magari perché quel giorno il veicolo era da tutt'altra parte, dobbiamo pagare? Se si vuole evitare di pagare si deve impugnare la contravvenzione dimostrando in modo inoppugnabile che il veicolo si trovava altrove. La Polizia Municipale può elevare contravvenzioni su un tratto di strada che non sia di proprietà del Comune in cui opera? I Corpi di Polizia Locale non possono effettuare accertamenti di violazioni di norme del codice della strada su tracciati che non siano di proprietà degli enti locali di cui essi sono organi. Ciò anche nel caso in cui i tracciati in questione attraversino i territori degli enti locali interessati (Giu.pa. Cosenza 15/6/2004, n. 1575). La polizia municipale può elevare contravvenzioni fuori del centro abitato? Sì, purché si tratti di infrazioni commesse nell ambito del territorio comunale; ciò in quanto il terzo comma dell art. 11, che demanda al Ministero dell Interno i servizi di polizia stradale, con la sola salvezza delle attribuzioni dei Comuni per quanto concerne i centri abitati, attiene alla direzione, all apprestamento e al coordinamento di tali servizi, ma non alla delimitazione delle competenze della Polizia Municipale, che è regolata dagli artt. 3, 4, comma 1, n. 3 e 5 L. 7/3/1986, n. 65, con riferimento all intero territorio dell ente di appartenenza (Cass. 1/3/2002, n. 3019).

5 Cosa si deve fare se s'intende impugnare una contravvenzione? Prima che intervenisse la sentenza della Corte Costituzionale n. 255 del 20/6/1994, si poteva soltanto presentare ricorso al Prefetto. Dopo questa pronuncia si può scegliere fra il presentare ricorso al Prefetto e il presentare ricorso al Giudice di pace. Scegliere l una o l altra soluzione dipende dalle esigenze dell interessato: questi i pro e i contro dell una e dell altra. Il Prefetto deve pronunciarsi entro 120 giorni dal ricevimento degli atti da parte dell Ufficio o del Comando che ha accertato l infrazione, altrimenti il ricorso s intende accolto, mentre per il Giudice di pace non è previsto un termine, tutto dipendendo dalla sua solerzia e dal carico di lavoro. Sia il ricorso al Prefetto che il ricorso al Giudice di pace possono essere consegnati direttamente o spediti mediante raccomandata con avviso di ricevimento (l invio per posta del ricorso al Giudice di pace è divenuto possibile in seguito alla sentenza della Corte Costituzionale n. 98 del 18/3/2004, che ha dichiarato l illegittimità costituzionale dell art. 22 della L. 24/11/1981, n. 689 (Modifiche al sistema penale), nella parte in cui non consente l utilizzo del servizio postale per la proposizione dell opposizione. Il ricorso al Giudice di pace, a differenza di quello presentato al Prefetto, doveva essere accompagnato, pena inammissibilità, dal deposito in cancelleria di una cauzione pari alla metà della sanzione massima prevista dalla norma violata (questo importo, in caso di accoglimento del ricorso, veniva restituito al ricorrente). Parliamo al passato perché il deposito cauzionale è stato dichiarato incostituzionale dalla Corte Costituzionale con sentenza n. 114 del 5/4/2004. Il ricorrente deve necessariamente presentarsi al Giudice di pace per essere sentito (incombenza che può presentare costi e difficoltà se l infrazione è stata accertata in località

6 molto distante dal luogo di residenza), mentre può essere ascoltato dal Prefetto solo se lo desidera. Sia il ricorso al Prefetto che quello al Giudice di pace possono essere impostati e gestiti in prima persona, senza che occorra l assistenza di un avvocato. Il Prefetto esamina soltanto la regolarità formale della contravvenzione, mentre il Giudice di pace entra anche nel merito della vicenda. Se il Prefetto respinge il ricorso condanna il ricorrente al pagamento di una somma non inferiore al doppio del minimo previsto dalla legge, oltre alle spese, mentre se il ricorso viene respinto dal Giudice di pace l importo della sanzione, cui si aggiungono le spese del giudizio, non può essere inferiore al minimo previsto dalla norma violata (cosiddetto minimo edittale); in entrambi i casi non possono essere evitate l applicazione delle sanzioni accessorie o la decurtazione dei punti della patente. La decisione del Prefetto può essere impugnata davanti all Autorità Giudiziaria (con o senza l assistenza di un avvocato, a seconda del valore della controversia, retro), mentre la sentenza del Giudice di pace può essere impugnata (occorre sempre l assistenza di un avvocato) davanti al Tribunale. Indipendentemente dalla strada che s intende seguire, se la violazione viene contestata immediatamente dopo che è stata commessa, è consigliabile far inserire nel verbale la sommaria descrizione delle ragioni poste a fondamento dell impugnazione che s intende presentare. Va detto infine che, se l impugnazione non ha per oggetto l ordinanza-ingiunzione emessa dal Prefetto, ma direttamente il verbale di contestazione della violazione, la legittimazione passiva spetta, secondo le regole ordinarie, all organo di vertice dell Amministrazione da cui dipende il Corpo di polizia che ha proceduto alla verbalizzazione (al Ministro dell Interno se il verbale è stato redatto dalla Polizia stradale, Cass. 5/7/2006, n ).

7 Come si procede per la presentazione del ricorso al Prefetto? Entro 60 giorni dalla contestazione o dalla notifica, qualora non sia stato effettuato il pagamento in misura ridotta ove consentito, si deve proporre ricorso al Prefetto del luogo in cui è stata commessa la violazione. Il ricorso, di cui riportiamo uno schema, può essere consegnato o spedito a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento (fa fede la data di spedizione) all Ufficio o Comando cui appartiene l organo accertatore, oppure presentato direttamente al Prefetto mediante raccomandata con avviso di ricevimento. Nel primo caso il responsabile dell'ufficio o del Comando cui appartiene l'organo accertatore è tenuto a trasmettere gli atti al Prefetto entro 60 giorni dal deposito o dal ricevimento del ricorso, con la prova dell avvenuta contestazione o notificazione, e con le deduzioni tecniche dell'organo accertatore utili a confutare o confermare le risultanze del ricorso. Se invece il ricorso è stato presentato direttamente al Prefetto, questi deve trasmettere all'ufficio o al Comando cui appartiene l'organo accertatore, per la necessaria istruttoria, il ricorso, corredato degli eventuali documenti allegati dal ricorrente, entro 30 giorni dalla sua ricezione, e l Ufficio o Comando deve provvedere, nei successivi 60 giorni, a trasmettergli gli atti come sopra. Con il ricorso, al quale come anticipato devono essere allegati gli eventuali documenti posti a sostegno dello stesso, si può chiedere di essere ascoltati dal Prefetto (art. 203, commi 1 e 1-bis); nel qual caso il termine di 120 giorni entro il quale il Prefetto deve emettere ordinanza d ingiunzione o di archiviazione, s interrompe con la notifica, al ricorrente, dell'invito a presentarsi all'audizione, e resta sospeso fino alla data di espletamento di questa; o, se il ricorrente non si presenta, comunque fino alla data fissata per l'audizione stessa. Se poi il ricorrente non si presenta alla data fissata, e non giustifica l assenza, il Prefetto decide sul ricorso senza ulteriori formalità (art. 204, comma 1-ter).

8 AL SIG. PREFETTO DI... RICORSO AVVERSO SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA Il sottoscritto..., nato a... il..., residente a... Via... n..., C.F..., titolare della patente di guida Cat..., n..., emessa dal Sig. Prefetto di... in data..., elettivamente domiciliato, ai fini del presente atto, in, PREMESSO - che con verbale in data..., che si unisce in copia al presente ricorso come allegato 1, è stata contestata, da parte (indicare l'organo che ha accertato la violazione: per es. Polizia stradale),l'infrazione al nuovo codice della strada in esso meglio descritta, con conseguente applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria di euro...; - che detta contestazione è da considerarsi illegittima perché (indicare dettagliatamente le ragioni poste a fondamento del ricorso), quanto premesso, ai sensi e per gli effetti del combinato disposto degli artt. 196 e 203 del nuovo codice della strada, il sottoscritto, nella qualità di (indicare se proprietario, usufruttuario, acquirente con patto di riservato dominio, utilizzatore a titolo di locazione finanziaria o persona alla quale è stata contestata la violazione), come in epigrafe generalizzato e domiciliato, propone formale RICORSO avverso detta contestazione e chiede che la S. V. Ill.ma, previa sospensione della stessa, voglia pronunciarne l'annullamento.

9 Si allega: 1) copia verbale di accertamento in data...; 2) *..., lì (firma) * Indicare gli eventuali altri documenti posti a fondamento del ricorso. E valida l ordinanza-ingiunzione di pagamento emessa dal Prefetto senza aver previamente sentito l interessato che ne abbia fatto richiesta? La mancata audizione dell'interessato, che ne abbia fatto richiesta, da parte dell'autorità competente a ricevere il rapporto, costituisce una violazione di regola procedimentale, il cui rispetto è prescritto dall'art. 18 L. 24/11/1981, n. 689 a garanzia del diritto di difesa del presunto trasgressore nella fase amministrativa, e questa violazione rende illegittima l'ordinanza - ingiunzione emanata a conclusione del procedimento stesso (Cass. 21/7/2004 n ). Cosa accade se il ricorso viene accolto? Se il ricorso viene accolto il Prefetto emette ordinanza motivata di archiviazione, comunicandola all'ufficio o Comando cui appartiene l'organo accertatore, che a sua volta ne darà notizia al ricorrente (art. 204, comma 1).

10 E se il ricorso viene respinto? Il Prefetto, entro 120 giorni dal ricevimento degli atti da parte dell Ufficio o del Comando che ha accertato l infrazione, emette ordinanza motivata con la quale ingiunge il pagamento di una somma non inferiore al doppio del minimo previsto dalla norma per ogni singola violazione, oltre alle spese. L'ordinanza-ingiunzione dev essere notificata, entro 150 giorni dalla sua adozione, all effettivo trasgressore o, se questi non è stato identificato e si tratta di violazione commessa dal conducente di un veicolo a motore munito di targa, al proprietario o, in sua vece, all usufruttuario, all acquirente con patto di riservato dominio o all utilizzatore a titolo di locazione finanziaria, quali risultanti dai pubblici registri alla data dell accertamento. Se si tratta di ciclomotore la notifica va fatta all intestatario del contrassegno d identificazione (artt. 201 e 204, commi 1 e 2). Se il ricorso al Prefetto è stato respinto e abbiamo di conseguenza pagato il doppio della sanzione, possiamo ricorrere al Giudice di pace? Sì, perché il pagamento della somma portata dall'ordinanza-ingiunzione, potendo ricollegarsi alla volontà dell'intimato di sottrarsi all'esecuzione forzata esperibile in base a detto provvedimento (che è titolo esecutivo e la cui efficacia non è di regola sospesa dall opposizione), non comporta di per sé acquiescenza, né incide sull'interesse ad insorgere avverso il provvedimento medesimo, con il rimedio contemplato dall'art. 22 L. 24/11/1981, n. 689 (Cass. 25/2/2004, n. 3735). Cosa accade se l ordinanza-ingiunzione non viene emanata nel termine?

11 Decorso il termine senza che il Prefetto abbia adottato l ordinanza, il ricorso s intende accolto (art. 204, comma 1-bis). Questo termine è di 180 giorni dalla presentazione del ricorso se questo è stato presentato all organo accertatore (vale a dire 60 giorni per la trasmissione degli atti dall organo accertatore al Prefetto, più 120 giorni per l emanazione dell ordinanza-ingiunzione), e di 210 giorni se il ricorso è stato presentato direttamente al Prefetto (ossia 30 giorni per la trasmissione degli atti da questi all organo accertatore per la necessaria istruttoria, 60 giorni per la restituzione degli atti dall organo accertatore al Prefetto e 120 giorni per l emanazione dell ordinanza-ingiunzione). La Cassazione (sentenza n del 23/7/1997) ha stabilito che il termine previsto dall art. 204 affinché il Prefetto possa emettere l ordinanza-ingiunzione è di natura perentoria e, ove non rispettato, produce l inefficacia del provvedimento che dovesse essere emanato successivamente. Ai fini del rispetto del termine in oggetto rileva la data di adozione del provvedimento e non la data di notifica dello stesso (Cass. 18/8/2004, n ). E valida l ordinanza del Prefetto priva di motivazione? L ordinanza-ingiunzione di rigetto dev essere, a pena d illegittimità, motivata, sia pure succintamente, sia in relazione alla sussistenza della violazione, sia in relazione alla infondatezza dei motivi allegati con il ricorso (Cass. 13/1/2005, n. 519). Ci si può opporre all'ordinanza-ingiunzione del Prefetto? Entro 30 giorni dalla notifica (60 se l'interessato risiede all'estero) è possibile proporre opposizione all'ordinanza-ingiunzione davanti al Giudice di pace del luogo in cui è stata commessa la violazione, presentando (o inviando per posta) un ricorso (ne riportiamo uno schema) con allegata copia dell'ordinanza-ingiunzione notificata (art. 205).

12 UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI... RICORSO AVVERSO ORDINANZA-INGIUNZIONE DI PAGAMENTO DI SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA Il sottoscritto..., nato a... il..., residente a... Via... n..., C.F..., titolare della patente di guida Cat..., n..., emessa dal Sig. Prefetto di... in data..., selettivamente domiciliato, ai fini del presente atto, in. PREMESSO - che con verbale in data..., che si unisce in copia al presente ricorso come allegato 1, è stata contestata, da parte (indicare l'organo che ha accertato la violazione: per es. polizia stradale),l'infrazione al nuovo codice della strada in esso meglio descritta; - che a seguito di ciò, con ordinanza in data..., che si unisce al presente ricorso come allegato 2, il Sig. Prefetto di...ha ingiunto il pagamento, a titolo di sanzione pecuniaria amministrativa, della somma di euro...; - che detto provvedimento è da considerarsi illegittimo perché (indicare dettagliatamente le ragioni poste a fondamento dell'opposizione), quanto premesso, ai sensi e per gli effetti dell'art. 205 del nuovo codice della strada, il sottoscritto, nella qualità di (indicare se proprietario, usufruttuario, acquirente con patto di riservato dominio, utilizzatore a titolo di locazione finanziaria o persona alla quale è stata contestata la violazione), come in epigrafe generalizzato e domiciliato, propone formale OPPOSIZIONE avverso detto provvedimento e chiede che la S. V. Ill.ma, previa sospensione dello stesso,

13 voglia pronunciarne l'annullamento. Si allega: 1) copia verbale di accertamento in data...; 2) copia ordinanza-ingiunzione di pagamento in data...; 3) *..., lì (firma) * Indicare gli eventuali altri documenti posti a fondamento dell'opposizione. Occorre l'assistenza di un legale? No. Se però si vuole evitare che gli atti ci vengano notificati mediante deposito in cancelleria, occorre la dichiarazione di residenza o l'elezione di domicilio nel Comune in cui ha sede il Giudice di pace. Il ricorso al Giudice di pace sospende l'esecuzione dell'ordinanzaingiunzione? No, salvo che il giudice, ricorrendo gravi motivi, non disponga diversamente (art. 22, comma 7, L. 24/11/1981, n. 689). Se non viene proposto ricorso al Giudice di pace entro quanto tempo va eseguito il pagamento di cui all ordinanza-ingiunzione?

14 Il pagamento di cui all'ordinanza-ingiunzione va eseguito entro 30 giorni dalla notifica, all'ufficio del registro o al diverso ufficio indicato nella stessa ingiunzione (art. 204, comma 2). Cosa accade se non si paga nel termine? L'ordinanza-ingiunzione costituisce titolo esecutivo per l'ammontare della somma ingiunta e delle relative spese (art. 204, comma 3). Di conseguenza il debitore deve pagare se vuole evitare il pignoramento dei beni e le conseguenti, ulteriori spese. Cosa accade se, nel termine previsto, non si esegue il pagamento della contravvenzione in misura ridotta e non si propone ricorso? In tal caso il verbale costituisce titolo esecutivo per una somma pari alla metà del massimo della sanzione prevista dalla legge e per le spese di procedimento (art. 204, comma 3), con le conseguenze di cui al quesito che precede. Se si vuol fare opposizione contro la cartella esattoriale emessa per la riscossione di una contravvenzione, eccependo la mancanza di contestazione immediata, di notifica del verbale e degli atti successivi, chi si deve chiamare in causa? Si deve evocare in giudizio il Comune, in persona del legale rappresentante pro tempore, o la diversa Amministrazione (sempre in persona del legale rappresentante pro tempore) da cui dipendono gli agenti accertatori della violazione (Cass. 13/7/2004, n ).

15 Se ci viene fatta una contravvenzione ingiusta possiamo chiedere il risarcimento del danno esistenziale? Premesso che per danno esistenziale s intende il fastidio, lo stress, la perdita di tempo e simili conseguenti al fatto di aver subìto un torto ingiusto, la possibilità di chiedere questo tipo di risarcimento è stata riconosciuta dal Giudice di pace Bologna (sentenza 8/2/2001) nei confronti della Pubblica Amministrazione che si era rifiutata di accogliere l istanza di revoca d ufficio della contravvenzione, nonostante la palese illegittimità della stessa, con conseguente disagio dell interessato a causa della procedura affrontata. La Cassazione, con sentenza n del 12/2/2004, ha a sua volta sancito il diritto al risarcimento del danno esistenziale in favore dell automobilista che, nonostante le sue giuste rimostranze, era stato costretto a presentare ricorso al Prefetto, con esito favorevole, di fronte all intransigenza dell organo accertatore. Come si procede per la presentazione del ricorso direttamente al Giudice di pace? Il ricorso, di cui riportiamo una traccia, dev essere depositato (o inviato per posta) alla cancelleria del giudice del luogo in cui è stata contestata l infrazione, pena inammissibilità, entro 30 giorni dalla contestazione o dalla notifica del verbale (60 se si risiede all estero). Il giudice, entro cinque giorni dal deposito del ricorso, fissa con decreto l udienza di discussione e ordina all'autorità che ha emesso il provvedimento impugnato di depositare in cancelleria, dieci giorni prima di detta udienza, copia del rapporto con gli atti relativi all'accertamento, nonché alla contestazione o notificazione della violazione. Il ricorso e il decreto sono notificati, a cura della cancelleria, all'opponente e al Prefetto o al

16 Sindaco, a seconda dell organo che ha accertato la violazione. L interessato può stare in giudizio personalmente, ossia senza l assistenza di un avvocato. Il Giudice di pace di Ostia, con ordinanza del 9/2/2004, ha sottolineato l evidente disparità di trattamento fra cittadini abbienti e cittadini meno abbienti, operata dalla norma che obbliga il ricorrente ad adire il giudice del luogo della commessa violazione. Il ricorso al Giudice di pace è inammissibile se in precedenza era stato presentato ricorso al Prefetto (art. 204-bis). Se l'opponente o il suo difensore non si presentano senza addurre alcun legittimo impedimento, il giudice convalida con ordinanza appellabile il provvedimento opposto e provvede sulle spese, salvo che l illegittimità del provvedimento risulti dalla documentazione allegata dall'opponente, o l Autorità che ha emesso il provvedimento impugnato abbia omesso il deposito dei documenti. Con la sentenza che accoglie l'opposizione il giudice può annullare in tutto o in parte il provvedimento opposto, mentre con la sentenza che rigetta l'opposizione determina l'importo della sanzione in una misura compresa tra il minimo e il massimo stabilito dalla legge per la violazione accertata. Quando rigetta l'opposizione il giudice non può escludere l'applicazione delle sanzioni accessorie o la decurtazione dei punti dalla patente di guida. Il pagamento della somma deve avvenire entro i 30 giorni successivi alla notifica della sentenza. UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI... RICORSO IN OPPOSIZIONE A SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA Il sottoscritto..., nato a... il..., residente a...

17 Via... n..., C.F..., titolare della patente di guida Cat..., n..., emessa dal Sig. Prefetto di... in data..., selettivamente domiciliato, ai fini del presente atto, in. PREMESSO - che con verbale in data..., che si unisce in copia al presente ricorso come allegato 1, è stata contestata, da parte (indicare l'organo che ha accertato la violazione: per es. polizia stradale),l'infrazione al nuovo codice della strada in esso meglio descritta, con conseguente applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria di euro ; - che detto provvedimento è da considerarsi illegittimo perché (indicare dettagliatamente le ragioni poste a fondamento del ricorso), quanto premesso, il sottoscritto, nella qualità di (indicare se proprietario, usufruttuario, acquirente con patto di riservato dominio, utilizzatore a titolo di locazione finanziaria o persona alla quale è stata contestata la violazione), come in epigrafe generalizzato e domiciliato, propone formale OPPOSIZIONE avverso il summenzionato provvedimento e, ai sensi e per gli effetti dell art. 98 D. Lgs. 30/12/1999, n. 507, e della L. n. 689/1991, chiede che la S. V. Ill.ma, previa sospensione dell eventuale dello stesso, voglia pronunciarne l'annullamento totale o, in via subordinata, la riduzione dell importo nella misura effettivamente dovuta. Si allega: 1) n. 3 copie del provvedimento impugnato; 2) n. 3 copie del ricorso; 3) *

18 ..., lì.... (firma) * Indicare gli eventuali altri documenti posti a fondamento dell opposizione. La sentenza del Giudice di pace può essere impugnata? Le sentenze che decidono sulle opposizione avverso le sanzioni amministrative pecuniarie irrogate per violazioni del codice della strada possono essere impugnate, con l assistenza di un avvocato, davanti al Tribunale. In particolare, se il ricorso viene rigettato il giudice determina l'importo della sanzione e lo assegna, con sentenza immediatamente eseguibile, all'amministrazione cui appartiene l'organo accertatore. Dopo quanto tempo si prescrive il diritto della Pubblica Amministrazione a riscuotere l importo delle contravvenzioni elevate per violazione delle norme del codice stradale? Questo tipo di diritto si prescrive in 5 anni al giorno in cui è stata commessa la violazione (art. 28 L. 24/11/1981, n. 689). Se però l infrazione non è stata contestata immediatamente, l obbligo di pagare la sanzione amministrativa si estingue nei confronti della persona cui il verbale di accertamento non sia stato notificato entro 90 giorni (360 per i residenti all estero, art. 201, commi 1 e 4).

19 E' possibile pagare una multa a rate? Sì, ma a patto che si versi in condizioni economiche disagiate. In tal caso, dimostrando l'esistenza di questo presupposto, si può chiedere al Prefetto nella cui Provincia è stata commessa la violazione di essere ammessi a pagare in rate mensili (questa vanno da un minimo di 3 a un massimo di 30 euro e non possono essere inferiori a 15 euro). Se, dopo aver venduto l'autoveicolo, ci viene notificata una multa presa dal nostro acquirente o da chi per lui, siamo tenuti al pagamento? Se si vuole evitare di pagare si deve presentare all'ufficio o Comando procedente una dichiarazione dalla quale risulti che, alla data in cui fu accertata l'infrazione, non si era più proprietari del veicolo, indicando a tal fine gli estremi dell'atto notarile (art. 386 reg., comma 1). Se l'infrazione viene commessa dalla persona alla quale abbiamo prestato l'auto, chi deve pagare la relativa contravvenzione? Per il principio di solidarietà previsto dal primo comma dell'art. 196, il proprietario del veicolo o, in sua vece, l'usufruttuario, l'acquirente con patto di riservato dominio o l'utilizzatore a titolo di locazione finanziaria, è obbligato al pagamento in solido con l'autore della violazione, se non prova che la circolazione del veicolo è avvenuta contro la sua volontà. Se è lui a pagare, potrà rivalersi nei confronti dell'autore della violazione (comma 4). La comunicazione dev essere effettuata a carico del conducente responsabile della violazione; se questi non viene identificato, il proprietario del veicolo, oppure altro

20 obbligato in solido ai sensi dell'art. 196 (sia questo persona fisica o giuridica), deve fornire all'organo di polizia procedente, entro 60 giorni dalla data di notifica del verbale di contestazione, i dati personali e della patente del conducente al momento della commessa violazione. L omessa comunicazione, senza giustificato e documentato motivo, dei suddetti dati, comporta la sanzione amministrativa da 269 a euro (artt. 126-bis, comma 2, e 180, comma 8). E se il veicolo prestato era stato preso a noleggio? In tale ipotesi è il locatario a rispondere in solido con l'autore della violazione (se si tratta di ciclomotore a rispondere in solido è l'intestatario del contrassegno di identificazione), salvo a rivalersi nei suoi confronti se è stato lui a pagare (artt. 84 e 196, comma 1). Chi risponde del pagamento se l'infrazione è stata commessa da persona incapace d'intendere e di volere? Se la violazione è commessa da persona incapace d'intendere e di volere soggetta all'altrui autorità, direzione o vigilanza, la persona rivestita dell'autorità o incaricata della direzione o della vigilanza è obbligata al pagamento in solido con l'autore dell'infrazione, salvo che non provi di non aver potuto impedire il fatto, e con diritto di rivalersi nei suoi confronti se sia stata lei a pagare (art. 196, commi 2 e 4). Se l ordinanza-ingiunzione di pagamento è stata emessa nei confronti della madre del minore, l opposizione avverso il provvedimento può essere proposta dal padre, o viceversa?

IL PROCEDIMENTO DI OPPOSIZIONE AVVERSO SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA AVV. S. VIRGILIO CORSO AVVOCATI

IL PROCEDIMENTO DI OPPOSIZIONE AVVERSO SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA AVV. S. VIRGILIO CORSO AVVOCATI CORSO AVVOCATI MODULO FORMAZIONE GIOVANI AVVOCATI OPPOSIZIONE SANZIONE AMMINISTRATIVA QUADERNO N. 6 1 Il procedimento di opposizione avverso sanzioni amministrative per violazioni al Codice della Strada

Dettagli

COMUNE DI OLMEDO. Provincia di Sassari REGOLAMENTO

COMUNE DI OLMEDO. Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNE DI OLMEDO Provincia di Sassari REGOLAMENTO APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE ALLE VIOLAZIONI AI REGOLAMENTI COMUNALI ED ALLE ORDINANZE SINDACALI (Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada).

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Aggiornamento 12.07.2014 COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Praticamente esistono due modi per proporre

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE. TITOLO I Giudicato. Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali.

CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE. TITOLO I Giudicato. Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali. CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE TITOLO I Giudicato Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali. 1. Sono irrevocabili le sentenze pronunciate in giudizio

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari.

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Preambolo La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

Copia tratta da: SanzioniAmministrative.it

Copia tratta da: SanzioniAmministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 20 novembre 1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari Preambolo (G.U.

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 4 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 7 9 9 9 9 9 9 10 10 10 10 10 10 11 12 12 12 12 12 12 12 12 13 13 14 14 15 PREMESSA 1 Capitolo Procedimento disciplinare di competenza del Consiglio

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

OPPOSIZIONI ALLE CARTELLE DI PAGAMENTO E OPPOZISIONI ALL ESECUZIONE ESATTORIALE

OPPOSIZIONI ALLE CARTELLE DI PAGAMENTO E OPPOZISIONI ALL ESECUZIONE ESATTORIALE OPPOSIZIONI ALLE CARTELLE DI PAGAMENTO E OPPOZISIONI ALL ESECUZIONE ESATTORIALE 1 INDICE 1. PREMESSA 2. LE OPPOSIZIONI ALLE CARTELLE DI PAGAMENTO ED ALL ESECUZIONE ESATTORIALE 3. CONCLUSIONI PREMESSA 2

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

COMUNE DI MASSA DI SOMMA Provincia di Napoli www.comunedimassadisomma.na.gov.it PEC: protocollo.massadisomma@cstnapoli.legalmail.

COMUNE DI MASSA DI SOMMA Provincia di Napoli www.comunedimassadisomma.na.gov.it PEC: protocollo.massadisomma@cstnapoli.legalmail. COMUNE DI MASSA DI SOMMA Provincia di Napoli www.comunedimassadisomma.na.gov.it PEC: protocollo.massadisomma@cstnapoli.legalmail.it bollo di 16,00 da apporre solo se si richiedono copie conformi Al Responsabile

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie INDICE GENERALE Allegato 1 Codice del processo amministrativo Allegato 2 Norme di attuazione Allegato 3 Norme transitorie Allegato 4 Norme di coordinamento e abrogazioni 1 INDICE SOMMARIO ALLEGATO 1 Codice

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

COMUNE DI NAPOLI. Testo Coordinato del regolamento per l accesso agli atti e ai documenti del Comune di Napoli

COMUNE DI NAPOLI. Testo Coordinato del regolamento per l accesso agli atti e ai documenti del Comune di Napoli COMUNE DI NAPOLI Testo Coordinato del regolamento per l accesso agli atti e ai documenti del Comune di Napoli (approvato con delibera di Consiglio comunale n. 238 del 10.7.02) TITOLO I Art. 1 - Oggetto

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

D.P.R. 15 luglio 1988, n. 574

D.P.R. 15 luglio 1988, n. 574 D.P.R. 15 luglio 1988, n. 574 NORME DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO SPECIALE PER LA REGIONE TRENTINO- ALTO ADIGE IN MATERIA DI USO DELLA LINGUA TEDESCA E DELLA LINGUA LADINA NEI RAPPORTI DEI CITTADINI CON

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI Ufficio di Piano dei Servizi e degli Interventi Sociali dei Comuni appartenenti al Distretto di Menaggio REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan-

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan- Civile Sent. Sez. 1 Num. 26065 Anno 2014 Presidente: SALVATORESALVAGO Relatore: Data pubblicazione: SENTENZA sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA GRAZIA Elettivamente

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli