Bologna 22 maggio 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bologna 22 maggio 2014"

Transcript

1 FRANCESCO CIRIANNI L'ESCLUSIONE DEL SOCIO MOROSO O PER CAUSE STATUTARIE: TECNICHE DI ATTUAZIONE. norma di riferimento art c.c. Bologna 22 maggio I - ESCLUSIONE DEL SOCIO MOROSO ARTICOLO N.2466 Mancata esecuzione dei conferimenti (1). [I]. Se il socio non esegue il conferimento nel termine prescritto, gli amministratori diffidano il socio moroso ad eseguirlo nel termine di trenta giorni. [II]. Decorso inutilmente questo termine gli amministratori, qualora non ritengano utile promuovere azione per l'esecuzione dei conferimenti dovuti, possono vendere agli altri soci in proporzione della loro partecipazione la quota del socio moroso. La vendita è effettuata a rischio e pericolo del medesimo per il valore risultante dall'ultimo bilancio approvato. In mancanza di offerte per l'acquisto, se l'atto costitutivo lo consente, la quota è venduta all'incanto. [III]. Se la vendita non può aver luogo per mancanza di compratori, gli amministratori escludono il socio, trattenendo le somme riscosse. Il capitale deve essere ridotto in misura corrispondente. [IV]. Il socio moroso non può partecipare alle decisioni dei soci. [V]. Le disposizioni dei precedenti commi si applicano anche nel caso in cui per qualsiasi motivo siano scadute o divengano inefficaci la polizza assicurativa o la garanzia bancaria prestate ai sensi dell'articolo Resta salva in tal caso la possibilità del socio di sostituirle con il versamento del corrispondente importo di danaro. L esclusione del socio costituisce una causa di scioglimento del rapporto sociale, per impulso della società, quale manifestazione di un potere discrezionale che la legge riconosce in capo ad essa. natura del termine per il versamento dei decimi e sua derogabilità Un socio si intende moroso quando non abbia effettuato il versamento dei decimi mancanti all integrale liberazione della partecipazione sottoscritta nei termini indicati dagli Amministratori a seguito di richiesta degli stessi, con precisazione che intendendosi i termini per il versamento fissati nell interesse della società (e non del socio) non varrebbe ad evitare la morosità l eventuale diverso (e più lungo) termine di versamento indicato al momento nella delibera di aumento del capitale o al momento della sottoscrizione (Cacchi Pessani che cita Campobasso, Spolidoro, Ferrara; contra Bianca) questo perché gli amministratori hanno il potere/dovere di richiamare i decimi mancanti quando sia necessario ed opportuno sulla base delle esigenze della società con una valutazione di natura gestionale che solo a loro spetta (Cacchi Pessani); 1

2 a meno che, come a me sembra possibile, la delibera stessa non precisi che il termine è stabilito anche nell interesse del socio. PROCEDIMENTO: - diffida: diffida ad eseguire i versamenti dovuti entro 30 giorni ATTO DOVUTO pena inefficacia degli atti successivi - vendita a rischio e pericolo: decorsi i 30 giorni gli Amministratori possono vendere agli altri soci la quota; o gli Amministratori procederanno alla vendita solo qualora non ritengano utile promuovere l esecuzione: il procedimento di vendita esclusione è, pertanto, facoltativo per gli Amministratori che possono decidere di agire per l inadempimento ove ritengano vi siano buone possibilità di successo in relazione al patrimonio del socio moroso; o per Tassinari gli Amministratori potrebbero anche valutare che è opportuno attendere sviluppi futuri ed, entro certi limiti temporali, soprassedere alle fasi successive - la vendita è effettuata: o a rischio e pericolo del socio o per il valore risultante dall'ultimo bilancio approvato - vendita all incanto: deve essere consentita dallo statuto altrimenti non è possibile (normalmente non è mai prevista in relazione ai limiti alla circolazione delle partecipazioni che nelle Srl a base personale sono molto frequenti) - esclusione del socio e riduzione capitale COROLLARIO: Il socio moroso non può partecipare alle decisioni dei soci. VENDITA A RISCHIO E PERICOLO - Vendita ai soci La vendita ai soci è il primo e spesso il più importante passo per gli Amministratori devono compiere, analizziamone gli elementi salienti: 1) CHI VENDE: Sono gli Amministratori a procedere alla vendita della partecipazione del socio moroso; la norma affida agli stessi un potere che, a seconda delle ricostruzioni, individua una sostituzione legale, o gli amministratori come organi di giustizia ovvero come dei mandatari ex lege del socio. Cosa succede se gli Amministratori sono anche soci? possono vendere a se stessi? di questo si è occupata la massima I.I.8 del Triveneto dando risposta positiva, nello stesso senso lo studio CNN /I, che, ovviamente, raccomanda molta attenzione alla trasparenza del procedimento che gli 2

3 amministratori dovranno porre in essere; sicuramente utile sarebbe una clausola statutaria che ribadisca la facoltà degli amministratori di contrarre con se stessi confermando il mandato. La posizione di conflitto di interesse in cui si trovano gli Amministratori sarà più delicata a seconda della soluzione che si da al problema della determinazione del prezzo di vendita come presto vedremo. Comitato Triveneto Massima I.I.8 (ART. 2466, II COMMA, C.C. E CONFLITTO DI INTERESSI - 1 pubbl. 9/04) La disposizione del secondo comma dell art c.c., nella parte in cui autorizza gli amministratori a vendere le quote del socio moroso per il valore risultante dall ultimo bilancio, autorizza anche i medesimi amministratori a contrarre con se stessi qualora intendano acquistare dette quote nella qualità di soci o rappresentanti di enti soci. Non si applica in ogni caso l art ter c.c.. 2) A CHI SI VENDE I destinatari sono gli altri soci in proporzione della loro partecipazione; ci si chiede quale sia il significato di questa espressione ed in particolare se gli altri soci devono necessariamente acquistare tutti in proporzione alla partecipazione vantata (in assonanza a quello che alcuni avevano ipotizzato in relazione al disposto dell art quater) ovvero se sia possibile che all acquisto procedano solo alcuni soci. Sicuramente gli amministratori dovranno mettere tutti i soci in condizione di acquistare una parte della partecipazione posta in vendita in proporzione a quella da ciascuno vantata, ma questo non impedisce che all acquisto possano procedere solo alcuni dei soci e non altri, dovendosi ritenere operante un meccanismo simile a quello previsto per gli aumenti di capitale per i quali sia stata prevista la prelazione sull inoptato di cui al II comma dell art bis e ciò nonostante che detta ultima norma configuri tale ulteriore offerta ai soci come eventuale necessitando di un espressa previsione nella decisione che delibera l aumento. In realtà nella nostra fattispecie il collocamento presso i soci è prioritario rispetto a qualsiasi altro meccanismo e si può passare alla fase successiva del percorso individuato dal legislatore solo in mancanza di compratori di tutta o parte la quota del socio moroso. Ne consegue che la vendita a rischio e pericolo può comportare la ridefinizione delle proporzioni in cui soci partecipano alla società 1. A mio avviso un apposita previsione statutaria potrebbe anche consentire, in queste ipotesi, che gli amministratori possano collocare l inoptato presso terzi non soci concordemente individuati dai soci riprendendo la previsione del II comma dell art in tema di recesso richiamato per l esclusione volontaria dall art bis. 3) A CHE PREZZO SI VENDE Quello del prezzo di vendita è un aspetto molto delicato e parte sin dall individuazione del compito degli amministratori: ci si chiede se gli amministratori debbano offrire la quota agli altri soci (ed eventualmente ai terzi come visto sopra) ad un prezzo pari a quello risultante dall ultimo bilancio 1 F. Tassinari Commento all art in Commentario Maffei Alberti; S. Cacchi Pessani Commento all art in Commentario alla Riforma del Diritto Societario diretto da Marchetti, Bianchi, Ghezzi, Notari. 3

4 (che può essere anche infrannuale, ma deve essere un bilancio, quindi composto da stato patrimoniale, conto economico e nota integrativa e deve essere approvato dai soci) ovvero se gli Amministratori debbano comunicare ai soci un invito ad offrire ad un prezzo non inferiore a quello risultante dall ultimo bilancio approvato. Parte della dottrina accogliendo un interpretazione letterale, ritiene che il valore di bilancio sia un prezzo imposto 2 quale sanzione per il socio che si è reso moroso e per evitare che gli amministratori possano avere discrezionalità nella determinazione dello stesso (si ricordi che nel sistema previgente si riteneva che gli amministratori fossero responsabili verso il socio per non aver fatto tutto quanto possibile per vendere al meglio la partecipazione); questa dottrina evidenzierebbe quindi una scelta del legislatore di segno diametralmente opposto a quella effettuata per la SPA dall art che prevede che le azioni del socio in mora nei versamenti debbano essere vendute per un corrispettivo non inferiore ai conferimenti ancora dovuti. La dottrina preferibile 3 ritiene che il valore risultante dall ultimo bilancio approvato sia un minimo legale, una base al di sotto della quale non è possibile scendere per consentire alla società di recuperare i valori su cui ha fatto affidamento ai fini dell integrità del capitale. Opinare diversamente comporterebbe che nel prezzo di vendita sarebbe vietato tener conto dell avviamento, che dal bilancio non emerge (ove non acquistato), sia di tutti quei valori contabilmente non espressi, ma spesso molto rilevanti, con evidente danno per il socio (danno che sarebbe poi amplificato nel caso si accogliesse la tesi della vendita anche della parte di quota già integralmente liberata) ed inoltre non sarebbe in sintonia con il successivo potenziale incanto che detti valori potrebbe invece realizzare, quasi che il legislatore avesse, in qualche modo, voluto avvantaggiare gli altri soci. Se la tesi qui negata fosse corretta sarebbe difficile sostenere l ammissibilità di un collocamento privato della partecipazione del socio moroso a terzi concordemente individuati dai soci sopra accennata. 4) COSA SI VENDE Oggetto di vendita sarà la quota del socio moroso; cosa accade se il socio sia già titolare di una partecipazione già integralmente liberata (sottoscritta in sede di costituzione o acquistata da chi aveva già versato l intero) e la incrementi sottoscrivendo un aumento di capitale del quale abbia provveduto a versare solo il 25%? Dovrà essere venduta solo la porzione non liberata o l intera partecipazione? La risposta al quesito non è pacifica e vede schierati autorevoli sostenitori da entrambe le parti 4. Sulla risoluzione della questione hanno influenza alcuni elementi che devono essere coordinati: - la rilevanza del socio nella srl riformata 2 S. Cacchi Pessani Commento all art in Commentario alla Riforma del Diritto Societario diretto da Marchetti, Bianchi, Ghezzi, Notari. 3 F. Tassinari Commento all art in Commentario Maffei Alberti; CNN /I 4 CNN 5396/I, Masturzi Commento all art in Commentario Sandulli - Santoro 4

5 - la natura unitaria della partecipazione nella srl riformata che prevede che ogni socio sia titolare di un unica quota e che sia vietata la standardizzazione delle partecipazioni in srl (salvo il caso della startup innovativa) - il fatto che, in conseguenza di quanto sopra, non sia ammissibile il recesso parziale nella srl, come invece nella spa (salvo ritenere ammissibile una previsione statutaria che lo consenta) - la discussione sulla divisibilità della quota 5 - il fatto che nella ricostruzione astratta della riforma la SPA è la società in cui i soci investono, mentre la SRL è quella in cui i soci si scelgono per le loro caratteristiche individuali il cui venir meno può portare anche all esclusione o al recesso (a seconda che sia data ai soci la facoltà di estromettere chi non risponde più al canone predeterminato o di uscire se detto canone non è più rispettato) - il fatto che se si arrivasse all esclusione con annullamento dell intera partecipazione (e non solo della parte in mora ) si dovrebbe corrispondere denaro al socio per il valore da lui correttamente pagato (con possibile applicazione delle regole ex art bis in tema di esclusione volontaria come vedremo) e invece l art prevede che, in questa ipotesi, al socio nulla è dovuto perché la società trattiene le somme riscosse. tesi dell indivisibilità Per Ferri 6 (e la dottrina tradizionale formatasi prima della Riforma) dall unicità della quota non può che farsi discendere che sia in caso di vendita che in caso di esclusione con riduzione del capitale occorra procedere sull intera partecipazione non essendo possibile procedere diversamente, altrimenti si arriverebbe all assurdo di rendere possibile l acquisto della partecipazione venduta allo stesso socio moroso in quanto titolare solvente di un altra quota. (in realtà dal tenore dell art che impone agli amministratori di offrire in vendita la quota agli altri soci sembra possibile evitare tale circolo vizioso). Neanche la divisibilità della quota, qualora affermata, potrebbe essere di aiuto ad una diversa soluzione perché un inadempimento parziale non sarebbe idoneo a dividere la quota. A questa ricostruzione può essere opposto: Tesi della divisibilità a) gli istituti di cui ci stiamo occupando sono tesi alla tutela dell effettività del capitale sociale e una scelta che pretendesse di vendere o escludere il socio per l intera quota avrebbe sicuramente un impatto maggiore sul capitale; in particolare in caso si arrivi all esclusione occorrerebbe affrontare e risolvere il problema della liquidazione della porzione integralmente liberata che non potrebbe sottrarsi alle regole previste dall art bis per l esclusione volontaria e quindi: la parte liberata dovrebbe essere rimborsata al socio moroso da parte dell acquirente, oppure tramite utilizzo di riserve disponibili (non essendo possibile, per questa parte, la riduzione 5 M. Maltoni La partecipazione sociale in Caccavale Magliulo Maltoni Tassinari La Riforma della Società a Responsabilità Limitata. 6 G. Ferri jr. Le Società in Trattato Vassalli 5

6 del capitale sociale) e solo la parte non liberata potrebbe essere oggetto di riduzione del capitale sociale. Tuttavia dalla lettura della norma non si ha l impressione che il legislatore si sia posto in un ottica così complessa ma si sia più semplicemente limitato e disciplinare la sorte di ciò che non è stato liberato senza particolari sovrastrutture concettuali. b) Neanche l unicità della quota (sicuramente condivisibile) può però essere troppo esaltata al punto da ritenere la stessa assolutamente indivisibile; come la migliore dottrina 7 ha dimostrato la quota pur unica e non standardizzabile (eccezion fatta per il caso della startup innovativa) è naturalmente divisibile (salvo diversa previsione dell atto costitutivo) e quindi non esiste un impedimento concettuale alla sua divisione in due porzioni distinte (liberata e non). Se è sicuramente inammissibile distinguere tra parte liberata e non liberata di un unica partecipazione acquisita nell ambito di un unico evento genetico (costituzione della società, acquisto, aumento capitale) - (vedi pero Valzer in nota 8 ) - non è altrettanto eretico distinguere tra porzioni nascenti da diversi eventi (costituzione, acquisto, aumento capitale); porzioni che vanno si a formare un unicum, ma conservano ciascuna il proprio DNA sotto l aspetto dei rapporti contrattuali da cui sono sorte ed anche della liberazione dei decimi. A conferma di ciò si può notare che per dottrina prevalente la sottoscrizione di un aumento di capitale fa sorgere una nuova obbligazione e non comporta una modifica di quella precedentemente assunta consentendo, quindi, di tenere in qualche modo distinte le posizioni. In conclusione ritengo che sia la vendita che l esclusione debbano essere riferite solo alla porzione di quota rimasta non liberata non potendo il (pur innegabile) principio di unicità della partecipazione comportare il trascinamento anche della porzione di già liberata. ESCLUSIONE E RIDUZIONE DEL CAPITALE Se con la vendita a rischio e pericolo (e con il successivo eventuale incanto) gli Amministratori non riescono a cedere tutta o parte la quota in oggetto non resta che procedere all esclusione del socio ai sensi del III comma dell art Procedimento Organi competenti 7 M. Maltoni La partecipazione sociale in Caccavale Magliulo Maltoni Tassinari La Riforma della Società a Responsabilità Limitata. 8 CNN /I ricorda che: recentemente è stata avanzata una soluzione diversa (da parte di A. VALZER, La mancata esecuzione dei conferimenti, sub art. 2466, in S.r.l., Commentario Dolmetta Presti dedicato a Portale, Milano, 2011, 233 ss.), secondo la quale dovrebbe procedersi alla riduzione solo della parte relativa ai centesimi non liberati, mentre i centesimi versati andrebbero ad accrescere proporzionalmente il valore delle quote degli altri soci. La tesi si fonda sull osservazione che non vi sono ragioni per mutare il vincolo di destinazione impresso su risorse già imputate a capitale e che comunque restano investite nel patrimonio sociale, andando ad incrementare il valore patrimoniale della partecipazione degli altri soci ma attuando così una riclassificazione di parte del patrimonio da valore indisponibile senza l opposizione dei creditori a valore disponibile (sul punto, v. anche le riflessioni di BUSI, S.p.a. s.r.l. Operazioni sul capitale, Milano, 2004, 412 ss., ove si osserva che, per la riduzione relativa alla parte di capitale già liberata dall escluso dovrebbe ritenersi applicabile l opposizione dei creditori ex art cod. civ.). 6

7 la dichiarazione di esclusione è di competenza dell Organo Amministrativo, ma la decisione di ridurre il capitale deve essere adottata con decisione dei soci. 9 Riduzione del capitale (disciplina applicabile) L esclusione prevista per il socio moroso è ben diversa da quelle prevista dall art bis per i casi di esclusione volontaria sia per i presupposti, nell una inderogabilmente definiti dal legislatore (la mora nei versamenti) nell altra volontariamente stabiliti dai soci, ma ancor più nelle conseguenze: l esclusione ex art bis non consente mai di procedere alla riduzione del capitale sociale nemmeno se i soci tutti lo volessero, quella ex art impone alla società di procedere alla riduzione del capitale in misura corrispondente alla partecipazione annullata (ergo: al suo valore nominale) trattenendo le somme riscosse che, a questo punto, devono essere appostate a riserva non contribuendo più a formare il capitale; Nulla è dovuto al socio escluso. Ci si interroga sulla natura della riduzione del capitale imposta dall art e sulle regole ad essa applicabile, se cioè la stessa rientri nel novero delle riduzioni reali e quindi nella previsione dell art con le dovute conseguenze in tema di opposizione dei creditori e relativi termini, ovvero se la stessa debba essere considerata dovuta essendo la società obbligata ad adottare i provvedimenti relativi con conseguente applicazione delle regole dettate dagli art bis e 2482 ter pur con i dovuti correttivi 10. A me sembra di dover aderire a tale ultima tesi: dal tenore della norma e dalle caratteristiche tutte del fenomeno della morosità si ricava l impressione che il legislatore detti un percorso obbligato che deve essere inderogabilmente intrapreso così come nei casi di riduzione del capitale per perdite. Ne consegue che gli amministratori dovranno senza indugio convocare l assemblea per procedere alla riduzione del capitale nella misura del valore nominale della partecipazione non liberata, presentando una relazione che descriva non tanto la situazione patrimoniale della società (che se non vi sono elementi ulteriori qui non viene in gioco) ma le cause ed il procedimento dell esclusione; ovviamente in questo caso non è possibile ipotizzare altri opportuni provvedimenti stante l obbligatorietà del procedimento Vedi CNN /I: Nel dichiarare l esclusione, tuttavia, l amministratore non può dare atto dell avvenuta riduzione del capitale sociale, in quanto la modificazione statutaria interverrà solo successivamente, ad opera della decisione dei soci verbalizzata ed iscritta ex art cod. civ. Non è espressamente affrontata, in dottrina, quale sia la sorte della partecipazione sociale nell arco di tempo che va dall esclusione alla riduzione del capitale sociale: per Trimarchi (op. cit., 452) essa resterebbe quiescente. L organo amministrativo ha il dovere di fare in modo che questo lasso di tempo sia ridotto nella massima misura possibile (ZANARONE, op. cit., 424, ritiene necessario che l esclusione sia immediatamente seguita dalla riduzione del capitale in misura corrispondente ). 10 G.A.M. Trimarchi Le riduzioni del capitale sociale 11 Nello stesso senso CNN /I: La deliberazione di riduzione del capitale ex art cod. civ. è una riduzione obbligatoria, cui si applica analogicamente il disposto dell art cod. civ. (in questo senso, prima della riforma, SANTINI, Della società a responsabilità limitata, in Commentario Scialoja Branca, Bologna Roma, 1992, 103; NOBILI SPOLIDORO, La riduzione di capitale, in Trattato delle s.p.a. diretto da Colombo e Portale, Torino, 1993, 454; dopo la riforma NOBILI, La riduzione del capitale, in Il nuovo diritto delle società, Liber amicorum G. F. Campobasso, diretto da Abbadessa e Portale, vol. 3, Torino, 2007, 344 ZANARONE, op. cit., 424): così, sarà necessaria una relazione dell organo amministrativo, corredata dalle osservazioni dell organo di controllo, se esistente, mentre non si ravvisa l esigenza della redazione di una situazione patrimoniale (TRIMARCHI, op. cit., 450). 7

8 Ipotizzare una diversa soluzione e quindi l applicazione delle regole dettate in tema di riduzione reale comporterebbe di dover coordinare l obbligatorietà dell azione degli amministratori con le conseguenze dell eventuale opposizione fatta da un creditore. Cosa accadrebbe in questa ipotesi? posto che la riduzione è obbligatoria, ma che l eventuale opposizione la bloccherebbe quali sarebbero le conseguenze? lo scioglimento della società? Mi sembra che non sia stato questo l intento del legislatore quando ha previsto il meccanismo dell art allo stesso modo di quello previsto dall art per la SPA. A sostegno della tesi qui accolta si può notare che in un altro caso di riduzione obbligata e cioè quello relativo all annullamento delle azioni proprie acquistate in violazione dei limiti di legge, l art IV comma richiama espressamente il procedimento previsto per la riduzione per perdite dall art IL DIVIETO DI PARTECIPARE ALLE DECISIONI DEI SOCI L art IV comma prevede che Il socio moroso non può partecipare alle decisioni dei soci. Da questa norma sorgono, tra le altre, 4 questioni: 1. il socio moroso può intervenire in assemblea? 2. nel caso in cui la morosità sia limitata a una porzione della partecipazione la sospensione del diritto di partecipare alle decisioni dei soci è totale o limitata alla parte non liberata? 3. cosa ne è dei diritti particolari ex art III comma? 4. la partecipazione del socio moroso si computa nel quorum costitutivo? 1) il socio moroso può intervenire in assemblea? su questo aspetto se da una parte vi è chi ritiene che la dizione del IV comma dell art (Il socio moroso non può partecipare alle decisioni dei soci), diversa rispetto a quella dettata per la SPA dal combinato disposto degli artt e , sia dovuta alla possibilità per la SRL di adottare decisioni in forma non collegiale e che quindi tale dizione non sia decisiva nell impedire al socio in mora nei versamenti l intervento in assemblea che continuerebbe a spettargli (massima I.B.24 Triveneto 13 ), dall altra la dottrina che sembra maggioritaria 14 ritiene che la nuova dizione comporti che al socio moroso sia inibito anche l intervento in assemblea. Tale conclusione è, come vedremo, invero strettamente connessa con quella che si darà alla successiva domanda circa il computo dei quorum in assemblea. 12 La previsione dell art (il socio in mora nei versamenti non può esercitare il diritto di voto) va letta unitamente al I comma dell art (Possono intervenire all assemblea coloro ai quali spetto il diritto di voto), intendendosi per colui cui spetta come colui alla cui azione è connesso il diritto di voto, con la conseguenza di ritenere inibito l intervento in assemblea all azionista moroso. 13 I.B.24 - (QUORUM COSTITUTIVI E DELIBERATIVI IN PRESENZA DI SOCI MOROSI 1 pubbl. 9/09 motivato 9/11) La disposizione di cui al comma 4 dell art c.c., in forza della quale il socio moroso non può partecipare alle decisioni dei soci, deve essere interpretata, nel caso di decisione assembleare, nel senso che detto socio ha comunque il diritto di intervento in assemblea e, se intervenuto, di essere computato tra i presenti. Nelle decisioni assembleari, dunque, la partecipazione del socio moroso deve essere computata per il calcolo del quorum costitutivo, mentre non deve essere computata per il calcolo delle maggioranze e della quota di capitale richiesta per l approvazione della deliberazione. 14 Tassinari, Zanarone, Perrino, Magliulo, CNN /I 8

9 2) nel caso in cui la morosità sia limitata a una porzione della partecipazione la sospensione del diritto di partecipare alle decisioni dei soci è totale o limitata alla parte non liberata? In risposta a questa domanda non può che condividersi la massima I.B.25 del Triveneto I.B.25 (DIRITTO DI VOTO DEL SOCIO TITOLARE DI UNA PARTECIPAZIONE INTERAMENTE LIBERATA CHE INCREMENTI LA MEDESIMA CON UNA QUOTA PER LA QUALE VENGA MESSO IN MORA CON I VERSAMENTI 1 pubbl. 9/09 motivato 9/11) La disposizione di cui al comma 4 dell art c.c., in base alla quale il socio in mora con i versamenti non può partecipare alle decisioni dei soci, deve essere interpretata nel senso che tale diritto è sospeso per l intera partecipazione, anche nel caso che la stessa sia stata inizialmente liberata integralmente e successivamente incrementata con una quota per la quale si sia verificata la mora nei versamenti. In questo ambito la unitarietà della partecipazione non può in alcun modo essere superata, il socio è titolare di un unica partecipazione cui sono connessi diritti patrimoniali ed amministrativi, il divieto di esercitare alcuni di essi non può che essere relativo all intera quota, non essendo nella SRL nemmeno ipotizzabile l ipotesi del voto disgiunto. 3) cosa ne è dei diritti particolari ex art III comma? I diritti amministrativi riservati ad un socio ex art III comma che in qualsiasi modo possano influire sui processi decisionali e gestionali della società che sono o possano essere rimessi alla decisione dei soci restano sospesi; si intendono pertanto sospesi i diritti inerenti la nomina e la revoca degli amministratori, l assunzione di particolari decisioni inerenti la gestione della società, il diritto di veto relativo a particolari atti gestori, ecc.. 4) la partecipazione del socio moroso si computa nel quorum costitutivo? Ci si chiede che influenza ha la partecipazione del socio moroso sui quorum assembleari ed in particolare sul quorum costitutivo; posto che il socio non può votare, cosa accade se lo statuto della società prevede un quorum costitutivo dell assemblea tale che senza la presenza del detto socio non sia possibile nemmeno aprire i lavori? la situazione si complica ulteriormente se, come ritengo, il socio moroso non ha nemmeno diritto di partecipare all assemblea. La dottrina prevalente ritiene applicabile alla fattispecie il III comma dell art dettato in tema di SPA: III]. Salvo diversa disposizione di legge le azioni per le quali non può essere esercitato il diritto di voto sono computate ai fini della regolare costituzione dell'assemblea. Le medesime azioni e quelle per le quali il diritto di voto non è stato esercitato a seguito della dichiarazione del soggetto al quale spetta il diritto di voto di astenersi per conflitto di interessi non sono computate ai fini del calcolo della maggioranza e della quota di capitale richiesta per l'approvazione della deliberazione Si veda anche l art. 14, quinto comma, del T.U.F., dispone che le partecipazioni per le quali non può essere esercitato il diritto di voto sono computate ai fini della regolare costituzione dell assemblea. 9

10 Ma a fronte di un medesimo richiamo diverse sono le letture che di questa norma vengono date: da una parte abbiamo la dottrina prevalente 16 che ritiene che la previsione per la quale le azioni del socio moroso (e comunque tutte le azioni cui il diritto di voto spetta, ma non può essere esercitato) sono computate ai fini della regolare costituzione dell'assemblea comporta che le stesse vadano poste al denominatore in cui si traduce il quoziente costitutivo andando quindi a far parte del capitale sul quale la verifica della presenza di tale quorum deve essere effettuata, anche alla luce dell esigenza di astratta conoscibilità in qualunque momento, da parte di ciascun socio, della propria ed altrui possibilità di influire sulla valida costituzione dell assemblea, a prescindere da ogni vicenda soggettiva e contingente. Conseguenza di tale posizione è che, non potendo il socio partecipare all assemblea in virtù del combinato disposto degli articoli 2343 e 2470 c.c. 17 la sua assenza potrebbe comportare, in caso di partecipazione particolarmente rilevante o di quorum costitutivi particolarmente elevati, l impossibilità di procedere financo all apertura dei lavori assembleari. Impossibilità che, peraltro, potrebbe essere vista come fisiologica e non particolarmente rilevante stante la brevità dei tempi di espletamento delle procedure per risolvere la crisi dovuta alla mora a fronte, tuttavia, della salvaguardia dell esigenza di evitare uno sconvolgimento degli assetti societari discendente da una temporanea impossibilità di votare di un socio. Dall altra parte abbiamo chi ha rilevato 18 che il tenore letterale dell art è teso ad evitare che la mancanza del socio moroso possa rendere più difficile raggiungere i quorum necessari per costituire l assemblea e deliberare. La norma creerebbe, quindi una finzione giuridica che consente di considerare le azioni del socio moroso comunque presenti in assemblea (a prescindere dal materiale intervento dello stesso) al fine di consentire l apertura dei lavori assembleari. La ratio sarebbe, appunto, quella di rendere il socio moroso quanto più innocuo per la vita sociale sterilizzandone la partecipazione che sarà, appunto, considerata presente per la costituzione dell assemblea, ma non influirà ai fini del calcolo del quorum deliberativo. Conseguenza di questa lettura è, tuttavia, che stante la necessaria presenza in assemblea delle azioni del socio moroso vi sia la possibilità che decisioni rilevanti vengano assunte con il voto di una minoranza esigua, sconvolgendo, quindi, gli assetti societari che la prima lettura di cui sopra tende invece a salvaguardare. Con riferimento alla Srl ha preso espressa posizione la Commissione dei Notai del Triveneto 19, che, nel riconoscere comunque al socio moroso il diritto di intervento in assemblea, ha ritenuto che, nelle decisioni assembleari di Srl, la partecipazione del socio moroso deve essere computata ai fini del calcolo del quorum costitutivo solo se lo stesso è intervenuto, in assemblea. 16 Per tutti Tassinari in Commentario Romano al Nuovo Diritto delle Società, Padova 2010, sub artt La previsione dell art (il socio in mora nei versamenti non può esercitare il diritto di voto) va letta unitamente al I comma dell art (Possono intervenire all assemblea coloro ai quali spetto il diritto di voto), intendendosi per colui cui spetta come colui alla cui azione è connesso il diritto di voto, con la conseguenza di ritenere inibito l intervento in assemblea all azionista moroso. 18 Busi Assemblea e decisioni dei soci nelle S.P.A. e nelle S.R.L. p COMITATO TRIVENETO DEI NOTAI IN MATERIA DI ATTI SOCIETARI - Massima I.B.24 - (QUORUM COSTITUTIVI E DELIBERATIVI IN PRESENZA DI SOCI MOROSI 1 pubbl. 9/09 motivato 9/11) La disposizione di cui al comma 4 dell art c.c., in forza della quale il socio moroso non può partecipare alle decisioni dei soci, deve essere interpretata, nel caso di decisione assembleare, nel senso che detto socio ha comunque il diritto di intervento in assemblea e, se intervenuto, di essere computato tra i presenti. Nelle decisioni assembleari, dunque, la partecipazione del socio moroso deve essere computata per il calcolo del quorum costitutivo, mentre non deve essere computata per il calcolo delle maggioranze e della quota di capitale richiesta per l approvazione della deliberazione. 10

Direttore generale e responsabilità da amministratore

Direttore generale e responsabilità da amministratore 2/2009 Il Caso Direttore generale e responsabilità da amministratore IN BREVE L inquadramento della figura del direttore generale di S.p.A. rimane una questione aperta, che non è stata del tutto risolta

Dettagli

Clausole limitative della circolazione delle azioni

Clausole limitative della circolazione delle azioni Clausole limitative della circolazione delle azioni * * * Purché contenuta entro il limite di cinque anni, è legittima una clausola statutaria che preveda qualsiasi forma di limitazione alla circolazione

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE AZIONI E DELLE QUOTE DI SOCIETÀ IN IPOTESI DI RECESSO. Avv. Giovanni AGRUSTI

LA VALUTAZIONE DELLE AZIONI E DELLE QUOTE DI SOCIETÀ IN IPOTESI DI RECESSO. Avv. Giovanni AGRUSTI LA VALUTAZIONE DELLE AZIONI E DELLE QUOTE DI SOCIETÀ IN IPOTESI DI RECESSO Avv. Giovanni AGRUSTI Diretta 21 giugno 2010 LA FUNZIONE DEL RECESSO NELLA S.P.A. E NELLA S.R.L. La attuale configurazione del

Dettagli

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto (1) La causa di scioglimento della s.p.a. e della s.r.l. di cui all art. 2484 n. 4) c.c. non opera allorché, in presenza

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO. PARERE N. 02 DEL 12 gennaio 2011 IL QUESITO. Unica Partecipazione in SRL appartenente a più soggetti

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO. PARERE N. 02 DEL 12 gennaio 2011 IL QUESITO. Unica Partecipazione in SRL appartenente a più soggetti FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 02 DEL 12 gennaio 2011 IL QUESITO Unica Partecipazione in SRL appartenente a più soggetti Quando più eredi acquisiscono la

Dettagli

LEZIONE 10 GENNAIO 2014

LEZIONE 10 GENNAIO 2014 LEZIONE 10 GENNAIO 2014 SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA> Come noto, è un ente dotato di personalità giuridica che rientra nel novero delle società di capitali. La riforma ha portato un integrale revisione

Dettagli

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l.

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Studio n. 836-2014/I Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Approvato dall Area Scientifica Studi d Impresa il 10 ottobre 2014 Approvato dal CNN nella seduta del 9 gennaio 2015

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 59-2006/I Acquisto di quote o azioni proprie da parte di un confidi operante in forma di società cooperativa Approvato dal Gruppo di Studio Consorzi Fidi il

Dettagli

Avv. Cristina BAUCO. Avvocato Ricercatore area giuridica IRDCEC

Avv. Cristina BAUCO. Avvocato Ricercatore area giuridica IRDCEC LA LIQUIDAZIONE DI SOCIETÀ DI CAPITALI: ASPETTI DI INTERESSE Avv. Cristina BAUCO Avvocato Ricercatore area giuridica IRDCEC Diretta 17 ottobre 2011 SCIOGLIMENTO E LIQUIDAZIONE DI SOCIETÀ DI CAPITALI Disciplina

Dettagli

L acquisto di azioni proprie

L acquisto di azioni proprie L acquisto di azioni proprie 1 Le azioni proprie Sono titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa. 2 L acquisto di azioni proprie Le principali motivazioni alla

Dettagli

Introduzione alle società di capitali

Introduzione alle società di capitali Appunti di Economia Società per azioni Introduzione alle società di capitali... 1 Società per azioni (S.p.A.)... 2 Diritto di voto... 3 Diritto agli utili ed al dividendo... 4 Diritto di opzione... 5 Le

Dettagli

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B.1 (DELIBERAZIONI SULLE PERDITE DI SOCIETÀ SOGGETTA A CONCORDATO PREVENTIVO O AD ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI OMOLOGATI 1 pubbl.

Dettagli

S.R.L. Nel Codice Civile del 1942, si atteggiava come sorella minore della S.p.A.

S.R.L. Nel Codice Civile del 1942, si atteggiava come sorella minore della S.p.A. Società a responsabilità limitata 1 S.R.L. Nel Codice Civile del 1942, si atteggiava come sorella minore della S.p.A. A seguito della riforma organica del diritto societario (D. Lgs. 6/2003) si differenzia

Dettagli

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio Nozione (2325 c.c.) Solo la società con il suo patrimonio risponde delle obbligazioni sociali Capitale sociale di almeno 120.000 euro Sola garanzia offerta ai creditori Creditori forti e deboli - gruppi

Dettagli

RECESSO DEL SOCIO DI SOCIETA DI PERSONE. A cura di Andrea Silla e Flavia Silla

RECESSO DEL SOCIO DI SOCIETA DI PERSONE. A cura di Andrea Silla e Flavia Silla RECESSO DEL SOCIO DI SOCIETA DI PERSONE A cura di Andrea Silla e Flavia Silla Generalità I soci possono recedere dalla società di persone in qualsiasi momento: se la società è a tempo indeterminato; quando

Dettagli

Le azioni proprie. Sono titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa.

Le azioni proprie. Sono titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa. Le azioni proprie 1 Le azioni proprie Sono titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa. 2 L acquisto di azioni proprie Le principali motivazioni alla base dell

Dettagli

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA INTRODUZIONE 1) Generalità Limitazione della responsabilità dei soci; Cenni storici: codice del 1942 (piccola s.p.a., rinvio alle norme); riforma 2003 (soc. di persone,

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II)

DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II) DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II) CODICE CIVILE Artt. 14-42 CAPO II Delle associazioni e delle fondazioni Art. 14. Atto costitutivo Art. 15.Revoca dell atto costitutivo della

Dettagli

1. Il nuovo art. 182-sexies l. fall. e gli orientamenti precedenti

1. Il nuovo art. 182-sexies l. fall. e gli orientamenti precedenti SPECIALE DECRETO SVILUPPO I LIMITI ALLA DISCIPLINA SOCIETARIA SULLA PERDITA DI CAPITALE di Giacomo D Attorre, Avvocato Sommario: 1. Il nuovo art. 182-sexies l. fall. e gli orientamenti precedenti - 2.

Dettagli

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Una delle questioni che la lettura e l interpretazione delle regole contenute nel nuovo

Dettagli

LA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO E GLI EFFETTI DELLA ISCRIZIONE DEGLI ATTI NEL REGISTRO DELLE IMPRESE

LA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO E GLI EFFETTI DELLA ISCRIZIONE DEGLI ATTI NEL REGISTRO DELLE IMPRESE LA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO E GLI EFFETTI DELLA ISCRIZIONE DEGLI ATTI NEL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. L iscrizione della società nel Registro delle imprese. 2. L iscrizione

Dettagli

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.4 Gli organi sociali 4.4.1 I soci e l'assemblea

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.4 Gli organi sociali 4.4.1 I soci e l'assemblea 4. La Società di Mutuo Soccorso 4.4 Gli organi sociali 4.4.1 I soci e l'assemblea In considerazione del particolare scopo per il quale le Società di mutuo soccorso vengono costituite, appare chiaro che

Dettagli

Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista

Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Il candidato illustri il processo di liquidazione delle società di capitali soffermandosi sugli adempimenti civilistici, contabili e fiscali antecedenti

Dettagli

REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Art. 1 Ambito di applicazione 1. Lo svolgimento dell assemblea ordinaria e straordinaria dei soci della Banca

Dettagli

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA ART. 1 DENOMINAZIONE SEDE 1. Il Centro di Firenze per la Moda Italiana, in forma abbreviata CENTRO MODA, costituito il 6 novembre 1954, è una Associazione

Dettagli

poter procedere al suo aumento 6.8 L obbligo di dimostrare in sede di aumento del capitale che il capitale originario è interamente versato e integro

poter procedere al suo aumento 6.8 L obbligo di dimostrare in sede di aumento del capitale che il capitale originario è interamente versato e integro 1 CAPITALE E PATRIMONIO 1.1 Il capitale sociale: nozione e caratteri 1.2 Funzione del capitale sociale 1.3 Capitale e patrimonio: classificazioni 1.4 Il nuovo concetto di capitale alla luce delle esperienze

Dettagli

ABC DELLA START-UP QUESTIONI LEGALI DA AFFRONTARE NELLA COSTITUZIONE DI UNA SOCIETÀ

ABC DELLA START-UP QUESTIONI LEGALI DA AFFRONTARE NELLA COSTITUZIONE DI UNA SOCIETÀ ABC DELLA START-UP QUESTIONI LEGALI DA AFFRONTARE NELLA COSTITUZIONE DI UNA SOCIETÀ Avv. Luca Scarselli Avv. Augusto Praloran SISB Studio legale Bernascone & Soci con Studio legale Ughi e Nunziante Milano,

Dettagli

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO?

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? regolazione SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? Raffaele Lener * Gli strumenti finanziari di tipo partecipativo, che il diritto societario ha consentito

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

I conferimenti dei soci nelle Società di Capitali

I conferimenti dei soci nelle Società di Capitali Concas Alessandra I conferimenti dei soci nelle Società di Capitali Con la parola "conferimento" si indica l'apporto di beni da parte del socio alla società che siano effettivamente imputati al capitale

Dettagli

Finanziamento soci. Le diverse forme di finanziamento della società da parte dei soci impongono l adozione di adempimenti specifici

Finanziamento soci. Le diverse forme di finanziamento della società da parte dei soci impongono l adozione di adempimenti specifici Finanziamento soci Le diverse forme di finanziamento della società da parte dei soci impongono l adozione di adempimenti specifici A fronte della frequente sottocapitalizzazione, le società tendono a risolvere

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 04 29.01.2014 Srl a capitale minimo Studio n. 892-2013 del Consiglio Nazionale del Notariato Categoria: Società Sottocategoria: Varie Come noto, il D.L.

Dettagli

Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Regime legale della successione mortis causa della partecipazione liquidare

Dettagli

Conferimenti e finanziamenti dei soci

Conferimenti e finanziamenti dei soci Conferimenti e finanziamenti dei soci di Cinzia De Stefanis - Carmine Cicala Aspetti generali Per quanto non previsto dall art. 2463-bis c.c., sussiste uno specifico rimando alle norme generali in tema

Dettagli

Applicazione n. 5. La destinazione e la distribuzione dell utile. Acconti su dividendi. L inadempimento del socio

Applicazione n. 5. La destinazione e la distribuzione dell utile. Acconti su dividendi. L inadempimento del socio Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Scienze Economiche e Metodi Matematici Insegnamento di Ragioneria Applicata (a. a. 2012-2013) Corso di Laurea in Economia e Commercio Applicazione

Dettagli

Statuto di World Vision Italia Onlus (4 marzo 2008 e successive modifiche)

Statuto di World Vision Italia Onlus (4 marzo 2008 e successive modifiche) Statuto di World Vision Italia Onlus (4 marzo 2008 e successive modifiche) 1. Denominazione 1.1 L associazione è denominata: World Vision Italia ONLUS 1.2 Il nome e il logo di World Vision Italia ONLUS

Dettagli

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti 1 Le operazioni sul capitale Il capitale può subire, nel corso della gestione aziendale, variazioni di due tipi: Aumenti di capitale Riduzioni

Dettagli

Cerved Information Solutions S.p.A.

Cerved Information Solutions S.p.A. Cerved Information Solutions S.p.A. Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea degli Azionisti Unica convocazione: 27 aprile 2015 CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Gli aventi diritto di

Dettagli

Assemblea ordinaria: 29 aprile 2014

Assemblea ordinaria: 29 aprile 2014 Assemblea ordinaria: 29 aprile 2014 Relazione degli Amministratori sul terzo punto all ordine del giorno Relazione degli Amministratori redatta ai sensi dell art. 73 del Regolamento Emittenti, adottato

Dettagli

AVVISO AGLI AZIONISTI DI NAVALE ASSICURAZIONI S.p.A.

AVVISO AGLI AZIONISTI DI NAVALE ASSICURAZIONI S.p.A. AVVISO AGLI AZIONISTI DI NAVALE ASSICURAZIONI S.p.A. Modalità e termini di esercizio del diritto di recesso ai sensi dell art. 2437 e seguenti del codice civile e di esercizio del diritto di vendita ai

Dettagli

Con riguardo alla predetta assemblea, [ società A ] ha promosso una sollecitazione di deleghe di voto nei confronti dei propri azionisti.

Con riguardo alla predetta assemblea, [ società A ] ha promosso una sollecitazione di deleghe di voto nei confronti dei propri azionisti. Comunicazione n. DCG/12002448 del 12-1-2012 Inviata alla società... Oggetto: Richiesta di parere in merito all applicabilità dell esenzione da obbligo di offerta pubblica di acquisto di cui agli artt.

Dettagli

RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI CAPITALI. a cura di Andrea Silla e Flavia Silla

RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI CAPITALI. a cura di Andrea Silla e Flavia Silla a cura di Andrea Silla e Flavia Silla Generalità L istituto del recesso nasce nelle società di capitali per equilibrare la possibilità di modificare da parte della maggioranza dei soci alcune essenziali

Dettagli

SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DI STATUTO ASSOCIAZIONE

SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DI STATUTO ASSOCIAZIONE SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DI STATUTO ASSOCIAZIONE La formulazione del testo del presente statuto-tipo è puramente esemplificativa. Nell ambito dell esercizio del proprio potere di autonomia privata, i costituenti

Dettagli

STRATEGIE DI COOPERAZIONE INTERNAZIONALE LE FORME GIURIDICHE DI ESERCIZIO DELL ATTIVITA D IMPRESA.

STRATEGIE DI COOPERAZIONE INTERNAZIONALE LE FORME GIURIDICHE DI ESERCIZIO DELL ATTIVITA D IMPRESA. STRATEGIE DI COOPERAZIONE INTERNAZIONALE LE FORME GIURIDICHE DI ESERCIZIO DELL ATTIVITA D IMPRESA. 1. I CONSORZI FRA IMPRENDITORI. 1.1. Premessa. I consorzi trovano la propria disciplina nel Libro V, Titolo

Dettagli

SPECIALE RIFORMA DIRITTO SOCIETARIO SOCIETA COOPERATIVE

SPECIALE RIFORMA DIRITTO SOCIETARIO SOCIETA COOPERATIVE SPECIALE RIFORMA DIRITTO SOCIETARIO SOCIETA COOPERATIVE Approfondimenti connessi alla predisposizione delle modifiche statutarie necessarie in seguito alla riforma del Codice, introdotta dal D.Lgs. 17/1/2003

Dettagli

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** ***

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** *** FACTORING La legittimità della clausola contrattuale sulla revoca della garanzia del pro soluto nel caso di contestazioni, da parte del debitore ceduto, sulle forniture effettuate dal cedente a cura di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO RISOLUZIONE N. 366/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 dicembre 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale dei piani di stock option Opzioni esercitate anteriormente alla data del 5 luglio 2006

Dettagli

ORIENTAMENTI IN MATERIA DI CESSIONI DEI DIRITTI DI CREDITO VERSO LE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI 1

ORIENTAMENTI IN MATERIA DI CESSIONI DEI DIRITTI DI CREDITO VERSO LE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI 1 ORIENTAMENTI IN MATERIA DI CESSIONI DEI DIRITTI DI CREDITO VERSO LE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI 1 Premessa In relazione alle richieste di chiarimenti pervenute in merito alle modalità applicative

Dettagli

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili Corso di Amministratore di condominio L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili 1 Assemblea E la sede deliberativa del condominio Attribuzioni dell assemblea (art. 1135 c.c.)

Dettagli

Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni

Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni Edizioni Simone - Vol. 26 Compendio di Diritto delle Società Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni Sommario Z 1. I controlli amministrativi. - 2. La Commissione nazionale per le società

Dettagli

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti 1 Perché un prezzo di emissione maggiore del valore nominale? Come determinare il prezzo di emissione? Funzione del sovrapprezzo 2 Funzione

Dettagli

VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10. Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n.

VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10. Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n. VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10 Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n. 461019 Capitale Sociale di Euro 43.797.505 i.v. RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AGLI AZIONISTI AI SENSI DELL ARTICOLO 73 DEL REGOLAMENTO CONSOB N.

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AGLI AZIONISTI AI SENSI DELL ARTICOLO 73 DEL REGOLAMENTO CONSOB N. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AGLI AZIONISTI AI SENSI DELL ARTICOLO 73 DEL REGOLAMENTO CONSOB N. 11971 DEL 14 MAGGIO 1999 RECANTE NORME DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO N.

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Regione Lazio 25/11/2015 Oggetto: AG 84/2015/AC - Regione Lazio fusione di società interamente partecipate dalla regione - nomina del consiglio di amministrazione e del presidente della società Lazio Crea

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI PORTATORI DI AZIONI DI RISPARMIO DI CATEGORIA A

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI PORTATORI DI AZIONI DI RISPARMIO DI CATEGORIA A UnipolSai Assicurazioni S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via Stalingrado 45 Capitale sociale Euro 1.996.129.451,62 i.v. Codice Fiscale e Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bologna 00818570012

Dettagli

CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE INDICE 1. Premessa...3 2. Definizioni...3 3. Individuazione delle Operazioni di maggiore rilevanza...4 4. Operazioni esenti...5 4.1 Piani di compensi

Dettagli

Revisione e Ragioneria Societaria

Revisione e Ragioneria Societaria Revisione e Ragioneria Societaria Ragioneria Societaria Lezioni 5 6 Prof.ssa Anna Paris Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici Università degli Studi di Siena anna.paris@unisi.it A.A. 2014-2015 La

Dettagli

studio zaniboni Dottori Commercialisti - Consulenti Aziendali

studio zaniboni Dottori Commercialisti - Consulenti Aziendali N protocollo News08/03 Argomento Riforma del diritto societario Titolo La società a responsabilità limitata - Parte I Data 9 dicembre 2003 Lo Studio, con l approssimarsi del 2004 riprende, dopo una pausa

Dettagli

Relazione degli Amministratori, redatta ai sensi dell articolo 125 ter Testo Unico della Finanza, sull unico punto all ordine del giorno dell

Relazione degli Amministratori, redatta ai sensi dell articolo 125 ter Testo Unico della Finanza, sull unico punto all ordine del giorno dell Relazione degli Amministratori, redatta ai sensi dell articolo 125 ter Testo Unico della Finanza, sull unico punto all ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria degli Azionisti del 27 febbraio 2015

Dettagli

TITOLO PRIMO: COSTITUZIONE TITOLO SECONDO: FINALITA

TITOLO PRIMO: COSTITUZIONE TITOLO SECONDO: FINALITA STATUTO Coordinamento Nazionale per la tutela dai campi elettromagnetici CO.NA.CEM. ONLUS TITOLO PRIMO: COSTITUZIONE Art. 1 - Costituzione e denominazione. 1 E costituita l Associazione denominata «Coordinamento

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

SOCIETA MUTUA PER L AUTOGESTIONE - MAG

SOCIETA MUTUA PER L AUTOGESTIONE - MAG SOCIETA MUTUA PER L AUTOGESTIONE - MAG STATUTO ART. 1 E costituita a norma della legge 15 aprile 1886 n. 3818 una società di mutuo soccorso, denominata Società Mutua per l Autogestione - MAG. La società

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

Assemblea Straordinaria e Ordinaria del 16 luglio 2012 in convocazione unica

Assemblea Straordinaria e Ordinaria del 16 luglio 2012 in convocazione unica Assemblea Straordinaria e Ordinaria del 16 luglio 2012 in convocazione unica Relazione del Consiglio di Amministrazione sulle materie all ordine del giorno 1 - Annullamento delle azioni proprie in portafoglio,

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DEL SINDACO UNICO NELLE S.R.L. ED I SUOI RIFLESSI NELLE SOCIETÀ COOPERATIVE

LA NUOVA DISCIPLINA DEL SINDACO UNICO NELLE S.R.L. ED I SUOI RIFLESSI NELLE SOCIETÀ COOPERATIVE Studio di Impresa n. 113-2012/I LA NUOVA DISCIPLINA DEL SINDACO UNICO NELLE S.R.L. ED I SUOI RIFLESSI NELLE SOCIETÀ COOPERATIVE Approvato dalla Commissione studi d Impresa il 13 aprile 2012 Approvato dal

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 4. I brevetti: trattamento fiscale Le quote di ammortamento relative al costo sostenuto per acquisizione di marchi di impresa,

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

Società cooperative e studi di settore di Sara Armella

Società cooperative e studi di settore di Sara Armella Società cooperative e studi di settore di Sara Armella Un tema spesso controverso e dibattuto, che ogni anno torna di grande attualità con la presentazione della dichiarazione dei redditi, è quello dell

Dettagli

RISOLUZIONE N. 70/E. Roma, 29 febbraio 2008

RISOLUZIONE N. 70/E. Roma, 29 febbraio 2008 RISOLUZIONE N. 70/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 febbraio 2008 Oggetto: Istanza di interpello - ALFA S.p.a. - Cessione di crediti pro soluto - Deducibilità delle perdite - Articolo

Dettagli

Firenze, 25 marzo 2013.

Firenze, 25 marzo 2013. Firenze, 25 marzo 2013. Con lettera del Presidente del Consiglio Regionale datata 13.03.2013, è stata sottoposta a questo Collegio di Garanzia Statutaria, ai sensi dell art. 14 bis della L.R. n. 24/2008,

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A.

CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. Iscritta all albo delle Banche: 5099 Sede legale e Direzione generale: Via Matteotti 8/b - 44042 CENTO (Fe) Capitale Sociale: Euro 67.498.955,88 Codice Fiscale, Partita

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 6 EFFICACIA OBBLIGATORIA O REALE DEL PREAVVISO DI RECESSO IL QUESITO Si chiede quale sia la natura del preavviso

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE ARTICOLO 1 = COSTITUZIONE E' costituita, senza scopo di lucro, tra 48 soci promotori un'associazione sotto la denominazione: PROCOSTA- Associazione per lo sviluppo e la

Dettagli

Il Codice Civile Italiano

Il Codice Civile Italiano Il Codice Civile Italiano LIBRO PRIMO DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA Art. 14 Atto costitutivo CAPO II Delle associazioni e delle fondazioni Le associazioni e le fondazioni devono essere costituite con

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell articolo 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera 17221 del 12 marzo 2010, e successive

Dettagli

IL COLLEGIO SINDACALE NELLE PERDITE D IMPRESA

IL COLLEGIO SINDACALE NELLE PERDITE D IMPRESA IL COLLEGIO SINDACALE NELLE PERDITE D IMPRESA Luciano De Angelis 11 marzo 2011 Hotel Maggior Consiglio - Treviso RIDUZIONE DEL CAPITALE PER PERDITE SPA SRL 2446 2482-bis 2447 2482-ter Il capitale sociale

Dettagli

Spett.le. Commissione Nazionale per le Società e la Borsa Divisione Strategie Regolamentari Via G.B. Martini, n. 3 00198 ROMA

Spett.le. Commissione Nazionale per le Società e la Borsa Divisione Strategie Regolamentari Via G.B. Martini, n. 3 00198 ROMA Spett.le Commissione Nazionale per le Società e la Borsa Divisione Strategie Regolamentari Via G.B. Martini, n. 3 00198 ROMA Roma, 26 novembre 2014 A mezzo SIPE (Sistema Integrato per l Esterno) Oggetto:

Dettagli

LA DESTINAZIONE DEL RISULTATO DELL ESERCIZIO 2014

LA DESTINAZIONE DEL RISULTATO DELL ESERCIZIO 2014 INFORMATIVA N. 141 13 MAGGIO 2015 BILANCIO LA DESTINAZIONE DEL RISULTATO DELL ESERCIZIO 2014 Artt. 2430, 2432, 2433, 2482-bis e 2482-ter, C.c. Principio contabile OIC n. 28 Con la chiusura del bilancio

Dettagli

ORIENTAMENTI IN MATERIA DI ATTI SOCIETARI 2015

ORIENTAMENTI IN MATERIA DI ATTI SOCIETARI 2015 COMITATO INTERREGIONALE DEI CONSIGLI NOTARILI DELLE TRE VENEZIE ORIENTAMENTI IN MATERIA DI ATTI SOCIETARI 2015 PRESENTAZIONE Semplificare ed agevolare le attività delle imprese per aumentare la competitività

Dettagli

Da «Diritto Fallimentare e delle Società Commerciali», 2001, n. 1.

Da «Diritto Fallimentare e delle Società Commerciali», 2001, n. 1. Sul problema concernente la modifica del rapporto di cambio nella conversione delle obbligazioni convertibili in azioni, dopo la riduzione del capitale sociale per perdite ai sensi dell Art. 2420 bis,

Dettagli

SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DI STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO

SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DI STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DI STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO La formulazione del testo del presente statuto-tipo è puramente esemplificativa; nell ambito dell esercizio del proprio potere di autonomia

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali- Gli aumenti

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali- Gli aumenti Le operazioni sul capitale nelle società di capitali- Gli aumenti Le operazioni sul capitale Il capitale può subire, nel corso della gestione aziendale, variazioni di due tipi: Aumenti di capitale Riduzioni

Dettagli

LEZIONE 20 dicembre 2013

LEZIONE 20 dicembre 2013 1 LEZIONE 20 dicembre 2013 Società per azioni (S.P.A.) > è una persona giuridica, cioè un soggetto di diritto autonomo, dotato di capacità giuridica e di agire e di autonomia patrimoniale perfetta. La

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI. 22 aprile 2015 - Prima Convocazione ed occorrendo 23 aprile 2015 Seconda Convocazione

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI. 22 aprile 2015 - Prima Convocazione ed occorrendo 23 aprile 2015 Seconda Convocazione Servizi Italia S.p.A. Sede legale: Via S. Pietro, 59/b 43019 Castellina di Soragna (PR) Capitale sociale: Euro 28.371.486,00 i.v. Numero Iscrizione Registro Imprese di Parma, C.F. 08531760158, Partita

Dettagli

TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE

TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE N O E S Le società Ripassare ed esercitarsi TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE Società di persone Società di capitali Società semplice Società in accomandita semplice Società cooperativa Società di mutua

Dettagli

Verbale di mediazione e accordo di conciliazione

Verbale di mediazione e accordo di conciliazione Verbale di mediazione e accordo di conciliazione PASQUALE MACCHIARELLI Notaio Il procedimento di mediazione può avere tre diverse conclusioni: - le prime due positive, se le parti raggiungono un accordo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

*** L art. 182 l. fall., infatti, dispone quanto segue:

*** L art. 182 l. fall., infatti, dispone quanto segue: Quesito n. 299-2013/I-E - trasferimento posto in essere dal liquidatore di un concordato preventivo e normativa sulla conformità catastale, urbanistica ed edilizia Si pone i seguenti quesiti relativi all

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE STUDENTESCA UNIVERSITARIA StudentiGiurisprudenza.it

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE STUDENTESCA UNIVERSITARIA StudentiGiurisprudenza.it Allegato A al contratto costitutivo dell Associazione StudentiGiurisprudenza.it STATUTO DELL ASSOCIAZIONE STUDENTESCA UNIVERSITARIA StudentiGiurisprudenza.it Articolo 1. Denominazione e sede È costituita

Dettagli

ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI DI AZIONI DI RISPARMIO DI CATEGORIA B. 6 maggio 2014 Milano, Via Angelo Rizzoli n. 8.

ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI DI AZIONI DI RISPARMIO DI CATEGORIA B. 6 maggio 2014 Milano, Via Angelo Rizzoli n. 8. Sede legale in Milano - Via Angelo Rizzoli n. 8 Capitale sociale Euro 475.134.602,10 interamente versato Registro delle Imprese di Milano e Codice Fiscale n. 12086540155 ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI

Dettagli

Le fasi iniziali del processo esecutivo

Le fasi iniziali del processo esecutivo Capitolo 4 Le fasi iniziali del processo esecutivo Caso 4.1 Come si procede alla stima dei beni pignorati? A norma dell art. 569, comma 1, c.p.c. il giudice nomina l esperto per procedere alla stima del

Dettagli