Luci/Ombre. YAFARAY motore di rendering Open Source. Federico Frittelli aka fredfrittella. SUTURA-studio di progettazione.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Luci/Ombre. YAFARAY motore di rendering Open Source. Federico Frittelli aka fredfrittella. SUTURA-studio di progettazione."

Transcript

1 Luci/Ombre YAFARAY motore di rendering Open Source Federico Frittelli aka fredfrittella SUTURA-studio di progettazione LinuxDay, 2010 fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

2 Luci/Ombre 1 Metodi per la produzione di immagini 3D scan line ray casting ray tracing 2 Il ray tracing nel dettaglio albero di raggi ricorsivo i raggi secondari non finiscono qui 3 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) la vera GI altre tecniche alternative 4 E finalmente un po di Yafaray fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

3 Luci/Ombre 1 Metodi per la produzione di immagini 3D scan line ray casting ray tracing 2 Il ray tracing nel dettaglio albero di raggi ricorsivo i raggi secondari non finiscono qui 3 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) la vera GI altre tecniche alternative 4 E finalmente un po di Yafaray fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

4 Luci/Ombre 1 Metodi per la produzione di immagini 3D scan line ray casting ray tracing 2 Il ray tracing nel dettaglio albero di raggi ricorsivo i raggi secondari non finiscono qui 3 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) la vera GI altre tecniche alternative 4 E finalmente un po di Yafaray fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

5 Luci/Ombre 1 Metodi per la produzione di immagini 3D scan line ray casting ray tracing 2 Il ray tracing nel dettaglio albero di raggi ricorsivo i raggi secondari non finiscono qui 3 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) la vera GI altre tecniche alternative 4 E finalmente un po di Yafaray fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

6 Luci/Ombre Metodi per la produzione di immagini 3D scan line 1 Metodi per la produzione di immagini 3D scan line ray casting ray tracing 2 Il ray tracing nel dettaglio albero di raggi ricorsivo i raggi secondari non finiscono qui 3 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) la vera GI altre tecniche alternative 4 E finalmente un po di Yafaray fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

7 Metodi per la produzione di immagini 3D scan line lavora ricostruendo l immagine riga per riga i poligoni da rappresentare vengono processati in base alla coordinata Y alla quale vengono incontrati il calcolo viene effettuato usando l intersezione della riga con i poligoni che si trovano primi classificati è spesso integrato con gli algoritmi di Phong (riflessione e stima del colore) e di Z-buffer (gestione delle profondita dell immagine) viene usato per video game e come metodo di rendering delle librerie OpenGL fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

8 Metodi per la produzione di immagini 3D scan line lavora ricostruendo l immagine riga per riga i poligoni da rappresentare vengono processati in base alla coordinata Y alla quale vengono incontrati il calcolo viene effettuato usando l intersezione della riga con i poligoni che si trovano primi classificati è spesso integrato con gli algoritmi di Phong (riflessione e stima del colore) e di Z-buffer (gestione delle profondita dell immagine) viene usato per video game e come metodo di rendering delle librerie OpenGL redfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

9 Metodi per la produzione di immagini 3D scan line lavora ricostruendo l immagine riga per riga i poligoni da rappresentare vengono processati in base alla coordinata Y alla quale vengono incontrati il calcolo viene effettuato usando l intersezione della riga con i poligoni che si trovano primi classificati è spesso integrato con gli algoritmi di Phong (riflessione e stima del colore) e di Z-buffer (gestione delle profondita dell immagine) viene usato per video game e come metodo di rendering delle librerie OpenGL redfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

10 Metodi per la produzione di immagini 3D scan line lavora ricostruendo l immagine riga per riga i poligoni da rappresentare vengono processati in base alla coordinata Y alla quale vengono incontrati il calcolo viene effettuato usando l intersezione della riga con i poligoni che si trovano primi classificati è spesso integrato con gli algoritmi di Phong (riflessione e stima del colore) e di Z-buffer (gestione delle profondita dell immagine) viene usato per video game e come metodo di rendering delle librerie OpenGL redfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

11 Metodi per la produzione di immagini 3D scan line lavora ricostruendo l immagine riga per riga i poligoni da rappresentare vengono processati in base alla coordinata Y alla quale vengono incontrati il calcolo viene effettuato usando l intersezione della riga con i poligoni che si trovano primi classificati è spesso integrato con gli algoritmi di Phong (riflessione e stima del colore) e di Z-buffer (gestione delle profondita dell immagine) viene usato per video game e come metodo di rendering delle librerie OpenGL redfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

12 Metodi per la produzione di immagini 3D scan line areo B-58, uno dei primi modelli realizzati dall Università dello Utah per mostrare le tecniche di ombreggiatura fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

13 Luci/Ombre Metodi per la produzione di immagini 3D ray casting 1 Metodi per la produzione di immagini 3D scan line ray casting ray tracing 2 Il ray tracing nel dettaglio albero di raggi ricorsivo i raggi secondari non finiscono qui 3 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) la vera GI altre tecniche alternative 4 E finalmente un po di Yafaray fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

14 Metodi per la produzione di immagini 3D ray casting consiste nel fare partire il raggio dal punto di ripresa per ogni pixel e trovare l oggetto più vicino che ne blocca il passaggio l oggetto colpito è quello che si vede attraverso quel pixel non computa la nuova direzione presa dal raggio dopo che questo ha intercettato una superficie nel suo procedere dall occhio alla sorgente di luce diversamente dallo scan line gestisce facilmente superfici solide o non piane fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

15 Metodi per la produzione di immagini 3D ray casting consiste nel fare partire il raggio dal punto di ripresa per ogni pixel e trovare l oggetto più vicino che ne blocca il passaggio l oggetto colpito è quello che si vede attraverso quel pixel non computa la nuova direzione presa dal raggio dopo che questo ha intercettato una superficie nel suo procedere dall occhio alla sorgente di luce diversamente dallo scan line gestisce facilmente superfici solide o non piane fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

16 Metodi per la produzione di immagini 3D ray casting consiste nel fare partire il raggio dal punto di ripresa per ogni pixel e trovare l oggetto più vicino che ne blocca il passaggio l oggetto colpito è quello che si vede attraverso quel pixel non computa la nuova direzione presa dal raggio dopo che questo ha intercettato una superficie nel suo procedere dall occhio alla sorgente di luce diversamente dallo scan line gestisce facilmente superfici solide o non piane fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

17 Metodi per la produzione di immagini 3D ray casting consiste nel fare partire il raggio dal punto di ripresa per ogni pixel e trovare l oggetto più vicino che ne blocca il passaggio l oggetto colpito è quello che si vede attraverso quel pixel non computa la nuova direzione presa dal raggio dopo che questo ha intercettato una superficie nel suo procedere dall occhio alla sorgente di luce diversamente dallo scan line gestisce facilmente superfici solide o non piane fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

18 Metodi per la produzione di immagini 3D ray casting Light Cycle - immagine tratta dal film TRON (1982) fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

19 Metodi per la produzione di immagini 3D ray casting Light Cycle - Tron (1982) Tron (1982) fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

20 Metodi per la produzione di immagini 3D ray casting immagine tratta dal film TRON (1982) fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

21 Metodi per la produzione di immagini 3D ray casting immagine tratta dal film TRON (1982) fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

22 Luci/Ombre Metodi per la produzione di immagini 3D ray tracing 1 Metodi per la produzione di immagini 3D scan line ray casting ray tracing 2 Il ray tracing nel dettaglio albero di raggi ricorsivo i raggi secondari non finiscono qui 3 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) la vera GI altre tecniche alternative 4 E finalmente un po di Yafaray fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

23 Metodi per la produzione di immagini 3D ray tracing l algoritmo di ray tracing lavora, come per il ray casting, tracciando il percorso di un raggio a ritroso dal punto di osservazione fino alla sorgente di luce diversamente dal ray casting il raggio viene inseguito oltre il primo contatto con un oggetto quando un raggio colpisce un oggetto può dare origine a tre nuovi tipi di raggio: riflessione, rifrazione ed ombra effetti come riflessione rifrazione ed ombra mentre sono naturalmente derivati da questo algoritmo, sono difficilmente simulabili con altri metodi fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

24 Metodi per la produzione di immagini 3D ray tracing l algoritmo di ray tracing lavora, come per il ray casting, tracciando il percorso di un raggio a ritroso dal punto di osservazione fino alla sorgente di luce diversamente dal ray casting il raggio viene inseguito oltre il primo contatto con un oggetto quando un raggio colpisce un oggetto può dare origine a tre nuovi tipi di raggio: riflessione, rifrazione ed ombra effetti come riflessione rifrazione ed ombra mentre sono naturalmente derivati da questo algoritmo, sono difficilmente simulabili con altri metodi redfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

25 Metodi per la produzione di immagini 3D ray tracing l algoritmo di ray tracing lavora, come per il ray casting, tracciando il percorso di un raggio a ritroso dal punto di osservazione fino alla sorgente di luce diversamente dal ray casting il raggio viene inseguito oltre il primo contatto con un oggetto quando un raggio colpisce un oggetto può dare origine a tre nuovi tipi di raggio: riflessione, rifrazione ed ombra effetti come riflessione rifrazione ed ombra mentre sono naturalmente derivati da questo algoritmo, sono difficilmente simulabili con altri metodi redfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

26 Metodi per la produzione di immagini 3D ray tracing l algoritmo di ray tracing lavora, come per il ray casting, tracciando il percorso di un raggio a ritroso dal punto di osservazione fino alla sorgente di luce diversamente dal ray casting il raggio viene inseguito oltre il primo contatto con un oggetto quando un raggio colpisce un oggetto può dare origine a tre nuovi tipi di raggio: riflessione, rifrazione ed ombra effetti come riflessione rifrazione ed ombra mentre sono naturalmente derivati da questo algoritmo, sono difficilmente simulabili con altri metodi redfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

27 Luci/Ombre Il ray tracing nel dettaglio albero di raggi ricorsivo 1 Metodi per la produzione di immagini 3D scan line ray casting ray tracing 2 Il ray tracing nel dettaglio albero di raggi ricorsivo i raggi secondari non finiscono qui 3 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) la vera GI altre tecniche alternative 4 E finalmente un po di Yafaray fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

28 Il ray tracing nel dettaglio albero di raggi ricorsivo E = raggio emesso Li = sorgente luminosa Si = raggio ombra Ri = raggio riflesso Ti = raggio rifratto fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

29 Il ray tracing nel dettaglio albero di raggi ricorsivo E = raggio emesso Li = sorgente luminosa Si = raggio ombra Ri = raggio riflesso Ti = raggio rifratto fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

30 Il ray tracing nel dettaglio albero di raggi ricorsivo E = raggio emesso Li = sorgente luminosa Si = raggio ombra Ri = raggio riflesso Ti = raggio rifratto fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

31 Il ray tracing nel dettaglio albero di raggi ricorsivo E = raggio emesso Li = sorgente luminosa Si = raggio ombra Ri = raggio riflesso Ti = raggio rifratto fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

32 Il ray tracing nel dettaglio albero di raggi ricorsivo E = raggio emesso Li = sorgente luminosa Si = raggio ombra Ri = raggio riflesso Ti = raggio rifratto fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

33 Il ray tracing nel dettaglio albero di raggi ricorsivo E = raggio emesso Li = sorgente luminosa Si = raggio ombra Ri = raggio riflesso Ti = raggio rifratto fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

34 Il ray tracing nel dettaglio albero di raggi ricorsivo a volte il raggio non colpisce oggetti fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

35 Il ray tracing nel dettaglio albero di raggi ricorsivo a volte il raggio colpisce oggetti fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

36 Il ray tracing nel dettaglio albero di raggi ricorsivo se il raggio colpisce un oggetto bisogna sapere se il punto è in ombra oppure no, quando un raggio colpisce un oggetto viene emesso un altro raggio in direzione della sorgente luminosa, chiamato shadow ray fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

37 Il ray tracing nel dettaglio albero di raggi ricorsivo se questo raggio incontra un altro oggetto prima di raggiungere la sorgente luminosa, allora il primo punto e in ombra fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

38 Il ray tracing nel dettaglio albero di raggi ricorsivo quando un raggio colpisce un oggetto viene generato anche un raggio riflesso che viene testato anche esso per vedere se si scontra con qualche oggetto nella scena fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

39 Il ray tracing nel dettaglio albero di raggi ricorsivo il contributo del raggio riflesso fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

40 Il ray tracing nel dettaglio albero di raggi ricorsivo se l oggetto incontrato dal raggio e trasparente viene generato un raggio di rifrazione e viene testato anche questo con tutti gli altri oggetti che compongono la scena fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

41 Il ray tracing nel dettaglio albero di raggi ricorsivo il contributo del raggio riflesso e di quello rifratto fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

42 Luci/Ombre Il ray tracing nel dettaglio i raggi secondari non finiscono qui 1 Metodi per la produzione di immagini 3D scan line ray casting ray tracing 2 Il ray tracing nel dettaglio albero di raggi ricorsivo i raggi secondari non finiscono qui 3 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) la vera GI altre tecniche alternative 4 E finalmente un po di Yafaray fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

43 Il ray tracing nel dettaglio i raggi secondari non finiscono qui percorsi path tracing ad ogni intersezione del raggio primario con gli oggetti vengono emessi raggi casuali se un raggio incontra una sorgente luminosa, viene calcolato il contributo della illuminazione indiretta lungo il suo percorso questo metodo e inefficiente, poiché la maggior parte dei raggi non contribuiscono alla formazione dell immagine se la luce è di grandi dimensioni aumenta la probabilità che il raggio la incontri, con luci piccole aumenta il rumore, punti vicini ottengono diversi risultati fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

44 Il ray tracing nel dettaglio i raggi secondari non finiscono qui percorsi path tracing ad ogni intersezione del raggio primario con gli oggetti vengono emessi raggi casuali se un raggio incontra una sorgente luminosa, viene calcolato il contributo della illuminazione indiretta lungo il suo percorso questo metodo e inefficiente, poiché la maggior parte dei raggi non contribuiscono alla formazione dell immagine se la luce è di grandi dimensioni aumenta la probabilità che il raggio la incontri, con luci piccole aumenta il rumore, punti vicini ottengono diversi risultati fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

45 Il ray tracing nel dettaglio i raggi secondari non finiscono qui percorsi path tracing ad ogni intersezione del raggio primario con gli oggetti vengono emessi raggi casuali se un raggio incontra una sorgente luminosa, viene calcolato il contributo della illuminazione indiretta lungo il suo percorso questo metodo e inefficiente, poiché la maggior parte dei raggi non contribuiscono alla formazione dell immagine se la luce è di grandi dimensioni aumenta la probabilità che il raggio la incontri, con luci piccole aumenta il rumore, punti vicini ottengono diversi risultati fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

46 Il ray tracing nel dettaglio i raggi secondari non finiscono qui percorsi path tracing ad ogni intersezione del raggio primario con gli oggetti vengono emessi raggi casuali se un raggio incontra una sorgente luminosa, viene calcolato il contributo della illuminazione indiretta lungo il suo percorso questo metodo e inefficiente, poiché la maggior parte dei raggi non contribuiscono alla formazione dell immagine se la luce è di grandi dimensioni aumenta la probabilità che il raggio la incontri, con luci piccole aumenta il rumore, punti vicini ottengono diversi risultati fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

47 Il ray tracing nel dettaglio i raggi secondari non finiscono qui percorsi path tracing ad ogni intersezione del raggio primario con gli oggetti vengono emessi raggi casuali se un raggio incontra una sorgente luminosa, viene calcolato il contributo della illuminazione indiretta lungo il suo percorso questo metodo e inefficiente, poiché la maggior parte dei raggi non contribuiscono alla formazione dell immagine se la luce è di grandi dimensioni aumenta la probabilità che il raggio la incontri, con luci piccole aumenta il rumore, punti vicini ottengono diversi risultati fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

48 Il ray tracing nel dettaglio i raggi secondari non finiscono qui percorsi path tracing AeroRobo by Artiztz, path tracing + IBL (image-based lighting) fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

49 Il ray tracing nel dettaglio i raggi secondari non finiscono qui photon map - mappa di fotoni no photons 1000 photons 2000 photons 6000 photons mappa di fotoni processo indipendente dall albero dei raggi ricorsivi raggi emessi dalle sorgenti luminose l urto dei fotoni crea una mappa della radianza metodo approssimato ma coerente produce caustiche e sub surface scattering più efficentemente del path tracing la mappa di fotoni viene interpolata sui punti di Final Gather (algoritmo di interpolazione) vengono prodotte due mappe: Global e Caustic fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

50 Il ray tracing nel dettaglio i raggi secondari non finiscono qui photon map - mappa di fotoni no photons 1000 photons 2000 photons 6000 photons mappa di fotoni processo indipendente dall albero dei raggi ricorsivi raggi emessi dalle sorgenti luminose l urto dei fotoni crea una mappa della radianza metodo approssimato ma coerente produce caustiche e sub surface scattering più efficentemente del path tracing la mappa di fotoni viene interpolata sui punti di Final Gather (algoritmo di interpolazione) vengono prodotte due mappe: Global e Caustic fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

51 Il ray tracing nel dettaglio i raggi secondari non finiscono qui photon map - mappa di fotoni no photons 1000 photons 2000 photons 6000 photons mappa di fotoni processo indipendente dall albero dei raggi ricorsivi raggi emessi dalle sorgenti luminose l urto dei fotoni crea una mappa della radianza metodo approssimato ma coerente produce caustiche e sub surface scattering più efficentemente del path tracing la mappa di fotoni viene interpolata sui punti di Final Gather (algoritmo di interpolazione) vengono prodotte due mappe: Global e Caustic fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

52 Il ray tracing nel dettaglio i raggi secondari non finiscono qui photon map - mappa di fotoni no photons 1000 photons 2000 photons 6000 photons mappa di fotoni processo indipendente dall albero dei raggi ricorsivi raggi emessi dalle sorgenti luminose l urto dei fotoni crea una mappa della radianza metodo approssimato ma coerente produce caustiche e sub surface scattering più efficentemente del path tracing la mappa di fotoni viene interpolata sui punti di Final Gather (algoritmo di interpolazione) vengono prodotte due mappe: Global e Caustic fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

53 Il ray tracing nel dettaglio i raggi secondari non finiscono qui photon map - mappa di fotoni no photons 1000 photons 2000 photons 6000 photons mappa di fotoni processo indipendente dall albero dei raggi ricorsivi raggi emessi dalle sorgenti luminose l urto dei fotoni crea una mappa della radianza metodo approssimato ma coerente produce caustiche e sub surface scattering più efficentemente del path tracing la mappa di fotoni viene interpolata sui punti di Final Gather (algoritmo di interpolazione) vengono prodotte due mappe: Global e Caustic fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

54 Il ray tracing nel dettaglio i raggi secondari non finiscono qui photon map - mappa di fotoni no photons 1000 photons 2000 photons 6000 photons mappa di fotoni processo indipendente dall albero dei raggi ricorsivi raggi emessi dalle sorgenti luminose l urto dei fotoni crea una mappa della radianza metodo approssimato ma coerente produce caustiche e sub surface scattering più efficentemente del path tracing la mappa di fotoni viene interpolata sui punti di Final Gather (algoritmo di interpolazione) vengono prodotte due mappe: Global e Caustic fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

55 Il ray tracing nel dettaglio i raggi secondari non finiscono qui photon map - mappa di fotoni no photons 1000 photons 2000 photons 6000 photons mappa di fotoni processo indipendente dall albero dei raggi ricorsivi raggi emessi dalle sorgenti luminose l urto dei fotoni crea una mappa della radianza metodo approssimato ma coerente produce caustiche e sub surface scattering più efficentemente del path tracing la mappa di fotoni viene interpolata sui punti di Final Gather (algoritmo di interpolazione) vengono prodotte due mappe: Global e Caustic fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

56 Il ray tracing nel dettaglio i raggi secondari non finiscono qui photon map - mappa di fotoni no photons 1000 photons 2000 photons 6000 photons mappa di fotoni processo indipendente dall albero dei raggi ricorsivi raggi emessi dalle sorgenti luminose l urto dei fotoni crea una mappa della radianza metodo approssimato ma coerente produce caustiche e sub surface scattering più efficentemente del path tracing la mappa di fotoni viene interpolata sui punti di Final Gather (algoritmo di interpolazione) vengono prodotte due mappe: Global e Caustic fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

57 Il ray tracing nel dettaglio i raggi secondari non finiscono qui path tracing bidirezionale vengono prodotti raggi casuali sia dalla punto di ripresa che dalle sorgenti di luce questi sono connessi con raggi di visibilità per assicurare che siano mutuamente visibili combina i vantaggi del path tracing (illuminazione globale) e del photon mapping (caustiche) fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

58 Il ray tracing nel dettaglio i raggi secondari non finiscono qui path tracing bidirezionale vengono prodotti raggi casuali sia dalla punto di ripresa che dalle sorgenti di luce questi sono connessi con raggi di visibilità per assicurare che siano mutuamente visibili combina i vantaggi del path tracing (illuminazione globale) e del photon mapping (caustiche) fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

59 Il ray tracing nel dettaglio i raggi secondari non finiscono qui path tracing bidirezionale vengono prodotti raggi casuali sia dalla punto di ripresa che dalle sorgenti di luce questi sono connessi con raggi di visibilità per assicurare che siano mutuamente visibili combina i vantaggi del path tracing (illuminazione globale) e del photon mapping (caustiche) fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

60 Luci/Ombre Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) la vera GI 1 Metodi per la produzione di immagini 3D scan line ray casting ray tracing 2 Il ray tracing nel dettaglio albero di raggi ricorsivo i raggi secondari non finiscono qui 3 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) la vera GI altre tecniche alternative 4 E finalmente un po di Yafaray fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

61 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) la vera GI GI - Illuminazione Globale I metodi di illuminazione globale: path tracing photon map path tracing bidirezionale senza GI solo luce diretta fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

62 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) la vera GI GI - Illuminazione Globale I metodi di illuminazione globale: path tracing photon map path tracing bidirezionale senza GI solo luce diretta fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

63 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) la vera GI GI - Illuminazione Globale I metodi di illuminazione globale: path tracing photon map path tracing bidirezionale senza GI solo luce diretta redfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

64 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) la vera GI GI - Illuminazione Globale I metodi di illuminazione globale: path tracing photon map path tracing bidirezionale senza GI solo luce diretta redfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

65 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) la vera GI GI - Illuminazione Globale La GI produce: luce indiretta emessa dalle superfici in maniera diffusa diffusione cromatica tra superfici caustiche (concentrazione flusso luminoso) con GI fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

66 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) la vera GI GI - Illuminazione Globale La GI produce: luce indiretta emessa dalle superfici in maniera diffusa diffusione cromatica tra superfici caustiche (concentrazione flusso luminoso) con GI fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

67 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) la vera GI GI - Illuminazione Globale La GI produce: luce indiretta emessa dalle superfici in maniera diffusa diffusione cromatica tra superfici caustiche (concentrazione flusso luminoso) con GI fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

68 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) la vera GI GI - Illuminazione Globale La GI produce: luce indiretta emessa dalle superfici in maniera diffusa diffusione cromatica tra superfici caustiche (concentrazione flusso luminoso) con GI redfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

69 Luci/Ombre Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) altre tecniche alternative 1 Metodi per la produzione di immagini 3D scan line ray casting ray tracing 2 Il ray tracing nel dettaglio albero di raggi ricorsivo i raggi secondari non finiscono qui 3 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) la vera GI altre tecniche alternative 4 E finalmente un po di Yafaray fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

70 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) altre tecniche alternative Background lighting Render by Enrico Cerica cupola luminosa che illumina verso l interno metodo adatto alla produzione di immagini in esterno può essere un immagine IBL o un modello completo di illuminazione solare fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

71 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) altre tecniche alternative Background lighting Render by Enrico Cerica cupola luminosa che illumina verso l interno metodo adatto alla produzione di immagini in esterno può essere un immagine IBL o un modello completo di illuminazione solare fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

72 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) altre tecniche alternative Background lighting Render by Enrico Cerica cupola luminosa che illumina verso l interno metodo adatto alla produzione di immagini in esterno può essere un immagine IBL o un modello completo di illuminazione solare fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

73 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) altre tecniche alternative Background lighting Render by Enrico Cerica cupola luminosa che illumina verso l interno metodo adatto alla produzione di immagini in esterno può essere un immagine IBL o un modello completo di illuminazione solare redfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

74 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) altre tecniche alternative Ambient Occlusion - AO simula l illuminazione globale in maniera artefatta molto piu veloce dei metodi per la GI non rispecchia il comportamento reale della luce dato un punto di una superficie si proiettano raggi in ogni direzione i raggi che raggiungono una maggiore distanza aumentano la luminosità del punto dal quale provengono prima viene interrotto il raggio, minore sarà la luminosità acquistata dal punto esaminato fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

75 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) altre tecniche alternative Ambient Occlusion - AO simula l illuminazione globale in maniera artefatta molto piu veloce dei metodi per la GI non rispecchia il comportamento reale della luce dato un punto di una superficie si proiettano raggi in ogni direzione i raggi che raggiungono una maggiore distanza aumentano la luminosità del punto dal quale provengono prima viene interrotto il raggio, minore sarà la luminosità acquistata dal punto esaminato fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

76 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) altre tecniche alternative Ambient Occlusion - AO simula l illuminazione globale in maniera artefatta molto piu veloce dei metodi per la GI non rispecchia il comportamento reale della luce dato un punto di una superficie si proiettano raggi in ogni direzione i raggi che raggiungono una maggiore distanza aumentano la luminosità del punto dal quale provengono prima viene interrotto il raggio, minore sarà la luminosità acquistata dal punto esaminato fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

77 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) altre tecniche alternative Ambient Occlusion - AO simula l illuminazione globale in maniera artefatta molto piu veloce dei metodi per la GI non rispecchia il comportamento reale della luce dato un punto di una superficie si proiettano raggi in ogni direzione i raggi che raggiungono una maggiore distanza aumentano la luminosità del punto dal quale provengono prima viene interrotto il raggio, minore sarà la luminosità acquistata dal punto esaminato fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

78 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) altre tecniche alternative Ambient Occlusion - AO simula l illuminazione globale in maniera artefatta molto piu veloce dei metodi per la GI non rispecchia il comportamento reale della luce dato un punto di una superficie si proiettano raggi in ogni direzione i raggi che raggiungono una maggiore distanza aumentano la luminosità del punto dal quale provengono prima viene interrotto il raggio, minore sarà la luminosità acquistata dal punto esaminato fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

79 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) altre tecniche alternative Ambient Occlusion - AO simula l illuminazione globale in maniera artefatta molto piu veloce dei metodi per la GI non rispecchia il comportamento reale della luce dato un punto di una superficie si proiettano raggi in ogni direzione i raggi che raggiungono una maggiore distanza aumentano la luminosità del punto dal quale provengono prima viene interrotto il raggio, minore sarà la luminosità acquistata dal punto esaminato fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

80 Illuminazione Globale - GI (Global Illumination) altre tecniche alternative Ambient Occlusion - AO simula l illuminazione globale in maniera artefatta molto piu veloce dei metodi per la GI non rispecchia il comportamento reale della luce dato un punto di una superficie si proiettano raggi in ogni direzione i raggi che raggiungono una maggiore distanza aumentano la luminosità del punto dal quale provengono prima viene interrotto il raggio, minore sarà la luminosità acquistata dal punto esaminato fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre / 39

IR(3): Illuminazione Globale

IR(3): Illuminazione Globale IR(3): Illuminazione Globale Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 21 Dicembre 2011 IR(3): Illuminazione Globale Illuminazione e Rendering: Principi di Illuminazione Rendering Real-Time

Dettagli

Introduzione alla Computer Graphics

Introduzione alla Computer Graphics Introduzione alla Computer Graphics Informatica Grafica CdLS a ciclo unico in Ingegneria Edile-Architettura a.a. 2008/09 Computer Graphics e Image Processing Image processing Insieme di teorie ed algoritmi

Dettagli

Capitolo 8 Rendering Globale. Dal modello locale ai modelli globali. Cap. 8 - Contenuti. Rendering Locale. Sezione 8.1. Limitazioni del modello locale

Capitolo 8 Rendering Globale. Dal modello locale ai modelli globali. Cap. 8 - Contenuti. Rendering Locale. Sezione 8.1. Limitazioni del modello locale Cap. 8 - Contenuti Capitolo 8 Rendering Globale 8.1 Dal modello locale ai modelli globali Limitazioni del modello locale, effetti globale e modi per approssimarli in un contesto locale 8.2 Ray-tracing

Dettagli

Grafica computazionale

Grafica computazionale Grafica computazionale Lezione 5 (slide parzialmente basate su Computer Graphics - MIT Opencourseware Grafica Computazionale - Massimiliano Corsini Università di Siena) 1 L'Equazione di Rendering La luce

Dettagli

Usando 64 segmenti e 48 sides, in modo da renderlo più smussato, scalatelo lungo l asse Z, in modo da ottenere l anello.

Usando 64 segmenti e 48 sides, in modo da renderlo più smussato, scalatelo lungo l asse Z, in modo da ottenere l anello. Motori rendering alternativi fotorealistici by Joyrayd Brazil/Mental Ray e illuminazione HDRI Giusto per prendere la mano a Brazil, creiamo un anello. Apriamo Max e facciamo un bel toroide(torus) Usando

Dettagli

Interazione luce - materia

Interazione luce - materia Interazione luce - materia 1 Modelli di illuminazione Il modello di illuminazione descrive l interazione tra la luce e gli oggetti della scena Descrive i fattori che determinano il colore di un punto della

Dettagli

Dalla Sfera a Luigi del film Cars L Algoritmo di Ray Tracing

Dalla Sfera a Luigi del film Cars L Algoritmo di Ray Tracing Dalla Sfera a Luigi del film Cars L Algoritmo di Ray Tracing Ing. Federico Bergenti E-mail federico.bergenti@unipr.it Telefono +39 0521 90 6929 Sintesi di Immagini Digitali Generazione automatica di immagini

Dettagli

di tecniche della modellazione digitale computer 3D A.A. 2011/2012 docente Arch. Emilio Di Gristina

di tecniche della modellazione digitale computer 3D A.A. 2011/2012 docente Arch. Emilio Di Gristina 16corso di tecniche della modellazione digitale computer 3D A.A. 2011/2012 docente Arch. Emilio Di Gristina Mental Ray Mental Ray Mental Ray Mental Ray Mental Ray Mental Ray Mental Ray Mental Ray introduzione

Dettagli

ScuolaSI computer grafica 3d

ScuolaSI computer grafica 3d ScuolaSI computer grafica 3d pagina stampata dal sito ScuolaSI http://www.scuolasi.it pubblicato il 22/04/2011 Grafica - La computer grafica 3D è un ramo della computer grafica che basa la creazione di

Dettagli

Shading Rendering. IUAV dcp corso Disegno Digitale. Camillo Trevisan

Shading Rendering. IUAV dcp corso Disegno Digitale. Camillo Trevisan Shading Rendering IUAV dcp corso Disegno Digitale Camillo Trevisan Modelli di illuminazione Obiettivo: non tanto simulare il vero comportamento della luce, ma piuttosto riprodurre realisticamente l effetto

Dettagli

Rendering & ray tracing. Implementazione e applicazione pratica

Rendering & ray tracing. Implementazione e applicazione pratica Rendering & ray tracing Implementazione e applicazione pratica Che cos e CG(computer graphics)? Quando si parla di CG si intendono immagini, o video creati al computer. CG e una branca dell informatica

Dettagli

Rendering ed illuminazione

Rendering ed illuminazione Rendering ed illuminazione Dove si introduce un metodo per ottenere una immagine a partire da una descrizione degli oggetti tridimensionali e si presenta la legge fondamentale che governa l illuminazione.

Dettagli

Corso di Visione Artificiale. Radiometria. Samuel Rota Bulò

Corso di Visione Artificiale. Radiometria. Samuel Rota Bulò Corso di Visione Artificiale Radiometria Samuel Rota Bulò Come vediamo? Teorie della visione Teoria emissionista Teoria emissionista (o visione tattile ): l'occhio emette un fascio di raggi che, viaggiando

Dettagli

AutoCAD 2012. Modellazione 3D e Rendering. Rendering avanzato

AutoCAD 2012. Modellazione 3D e Rendering. Rendering avanzato AutoCAD 2012 Modellazione 3D e Rendering Rendering avanzato AutoCAD 2012 3D, molto più di una grande guida! Cari lettori della guida AutoCAD 2012 -Modellazione 3D e rendering, vi avevamo lasciato con la

Dettagli

Il rendering fotorealistico. Conferimento ad oggetti 3D di un aspetto particolarmente fotorealistico

Il rendering fotorealistico. Conferimento ad oggetti 3D di un aspetto particolarmente fotorealistico Il rendering fotorealistico Conferimento ad oggetti 3D di un aspetto particolarmente fotorealistico Rendering fotorealistico Gli oggetti sottoposti a rendering devono essere facce 3D o essere tridimensionali.

Dettagli

La Pipeline Grafica. Vediamo come avviene il rendering, ovvero la visualizzazione di oggetti. Introduzione. La Pipeline Grafica.

La Pipeline Grafica. Vediamo come avviene il rendering, ovvero la visualizzazione di oggetti. Introduzione. La Pipeline Grafica. La Pipeline Grafica Vediamo come avviene il rendering, ovvero la visualizzazione di oggetti. Introduzione La Pipeline Grafica Spazio vista Spazio 3D-screen Shading Rasterizzazione Rimozione delle facce

Dettagli

Illuminazione avanzata

Illuminazione avanzata Informatica Grafica per le arti Illuminazione avanzata E' possibile applicare una bitmap ad una luce. Una luce a cui e' applicata una bitmap proietta l'immagine associata nello spazio. Marco Gribaudo marcog@di.unito.it

Dettagli

InstantRender Versione 12 MANUALE OPERATIVO

InstantRender Versione 12 MANUALE OPERATIVO InstantRender Versione 12 MANUALE OPERATIVO A cura di ARCPLUS ITALIA - Horae srl, via C.Colombo 19 p/6 Perugia www.arcplus.it info@arcplus.it Stampato a Settembre 2010 Capitolo 1 Introduzione 1. 2. 3.

Dettagli

Grafica al calcolatore. Computer Graphics. 6 Modelli di illuminazione 18/11/12

Grafica al calcolatore. Computer Graphics. 6 Modelli di illuminazione 18/11/12 Grafica al calcolatore Computer Graphics 6 Modelli di illuminazione 18/11/12 Grafica 2013 1 Ray casting e colore Tornando al problema della formazione dell'immagine, possiamo creare le immagini se sappiamo

Dettagli

LA SIMULAZIONE E LA COMUNICAZIONE DEL PROGETTO ILLUMINOTECNICO: IL CASO DI PALAZZO MADAMA IN TORINO

LA SIMULAZIONE E LA COMUNICAZIONE DEL PROGETTO ILLUMINOTECNICO: IL CASO DI PALAZZO MADAMA IN TORINO Politecnico di Torino,, Facoltà di Architettura - Dipartimento di Energetica Virtuality 2002 Annual Virtual Reality Conference - 2 Convegno MIMOS Torino 28-29 ottobre LA SIMULAZIONE E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

Grafica al Calcolatore Fotorealismo - 1. Introduzione

Grafica al Calcolatore Fotorealismo - 1. Introduzione Fotorealismo Dove si elecano trucchi sagaci ed effetti speciali che servono ad aumentare con poca spesa il fotorealismo. Introduzione Environment map Light map Ombre geometriche Trasparenza Multi-pass

Dettagli

STUDIO DEL MOTORE GRAFICO OGRE 3D PER L'INTEGRAZIONE DI UNO SHADER DI GESTIONE DELL'ILLUMINAZIONE

STUDIO DEL MOTORE GRAFICO OGRE 3D PER L'INTEGRAZIONE DI UNO SHADER DI GESTIONE DELL'ILLUMINAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali CORSO DI LAUREA IN: Comunicazione Digitale STUDIO DEL MOTORE GRAFICO OGRE 3D PER L'INTEGRAZIONE DI UNO SHADER DI GESTIONE

Dettagli

Grafica al calcolatore - Computer Graphics

Grafica al calcolatore - Computer Graphics Grafica al calcolatore - Computer Graphics 7 Pipeline di rasterizzazione 23/11/13 Grafica 2013 1 Rasterization pipeline Sappiamo implementare ray casting (o ray tracing). Abbiamo tuttavia già visto che

Dettagli

Informatica Grafica. Prof. Massimiliano Dellisanti Fabiano Vilardi. (2a parte) a.a. 2011/2012

Informatica Grafica. Prof. Massimiliano Dellisanti Fabiano Vilardi. (2a parte) a.a. 2011/2012 Informatica Grafica (2a parte) a.a. 2011/2012 Prof. Massimiliano Dellisanti Fabiano Vilardi 1 Grafica 3D Con Grafica 3D si indicano quelle tecniche informatiche finalizzate alla descrizione (e rappresentazione

Dettagli

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html RADIOSITY TUTORIAL La "Profondità Diffusione" che si imposta nella finesta Settaggi Radiosity (render- >parametri rendering->radiosity) stabilisce quante volte una fonte di illuminazione andrà a riflettersi

Dettagli

Franco Gugliermetti, Fabio Bisegna. Report RSE/2009/40

Franco Gugliermetti, Fabio Bisegna. Report RSE/2009/40 Integrazione luce naturale/luce artificiale in ambito industriale Parte 6: Tecniche di modellazione avanzate e tradizionali per l analisi dell ambiente visivo in presenza di sistemi tradizionali e innovativi

Dettagli

FOTOGRAFIA E RENDER con V-Ray

FOTOGRAFIA E RENDER con V-Ray ANTEPRIMA SOMMARIO FOTOGRAFIA E RENDER con V-Ray Un rendering è esattamente come una foto: un immagine bidimensionale il cui effetto di tridimensionalità è solo un illusione generata da giochi di luci,

Dettagli

Calendario delle lezioni

Calendario delle lezioni Modellazione Virtuale per l Architettura (77) 0/4 (00) 00/ _ introduzione Rev. rev0 0 4/09/0 0/0/00 Modellazione Virtuale per l Architettura (77) 0/4 PARTE I PARTE DATA GG ORE MAT/POM AULA DOCENTE TEORIA

Dettagli

Manuale Utente Manuale utente

Manuale Utente Manuale utente Manuale Utente Copyright 2011 Caravaggio E-mail: info@caravaggio3d.com Web: http://www.caravaggio3d.com Tutti i diritti sono riservati a norma di legge e a norma delle convenzioni internazionali. Nessuna

Dettagli

Applicazioni 3D avanzate

Applicazioni 3D avanzate Azienda Ospedaliera Card. G. Panico Applicazioni 3D avanzate VR e segmentazione delle articolazioni: campi applicativi Indice Applicazioni 3D avanzate Articolazioni e grandi macchine 1. Definizioni 2.

Dettagli

Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica

Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica Università degli Studi di Palermo Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Fisica Progetto Lauree Scientifiche Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica Antonio Maggio

Dettagli

Le ombre in OpenGl. Daniele Varin LS Ing. Informatica Corso di Elementi di Grafica Digitale http://varindaniele.altervista.org

Le ombre in OpenGl. Daniele Varin LS Ing. Informatica Corso di Elementi di Grafica Digitale http://varindaniele.altervista.org Le ombre in OpenGl Daniele Varin LS Ing. Informatica Corso di Elementi di Grafica Digitale http://varindaniele.altervista.org Punto di partenza In OpenGl le luci non proiettano ombre 2 Perché si introducono

Dettagli

Grafica al calcolatore. Computer Graphics. 5 - Rendering 19/11/12

Grafica al calcolatore. Computer Graphics. 5 - Rendering 19/11/12 Grafica al calcolatore Computer Graphics 5 - Rendering 19/11/12 Grafica 2013 1 Rendering Il termine rendering indica la serie di algoritmi, geometrici e non, a cui si sottopone una data descrizione di

Dettagli

Daniele Pantaleo. Daniele Pantaleo, Blender Tutorial: 2ª parte Cagliari, 25 Ottobre 2008

Daniele Pantaleo. Daniele Pantaleo, Blender Tutorial: 2ª parte Cagliari, 25 Ottobre 2008 LBlender Tutorial: 2ª parte o Daniele Pantaleo 1 Percorso 1) Introduzione e teoria; (20 ) 2) Pratica e presentazione di immagini realizzate dagli utenti; (10 ) 3) Domande. (10 ) 2 Introduzione Il motore

Dettagli

Corso di Rendering (Vray 3.0+3dStudio)

Corso di Rendering (Vray 3.0+3dStudio) L Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e promuove, per i suoi iscritti, il primo: Corso di Rendering (Vray 3.0+3dStudio) Il Corso, immaginato per un numero di 30 iscritti per ciclo, si articola

Dettagli

Tecniche di Post-processing. Tsrm Dr. Daniele Di Di Feo Dir U.O. Dr C.Fonda A.O.U. Meyer Firenze

Tecniche di Post-processing. Tsrm Dr. Daniele Di Di Feo Dir U.O. Dr C.Fonda A.O.U. Meyer Firenze Tecniche di Post-processing Tsrm Dr. Daniele Di Di Feo Dir U.O. Dr C.Fonda A.O.U. Meyer Firenze introduzioni Gli algoritmi di visualizzazione tridimensionale richiedono l uso di dati di tipo volumetrico,,

Dettagli

Rendering. Dove si descrivono i principali metodi di alto livello utilizzati per ottenere una immagine a partire da una descrizione degli oggetti 3D

Rendering. Dove si descrivono i principali metodi di alto livello utilizzati per ottenere una immagine a partire da una descrizione degli oggetti 3D Rendering Dove si descrivono i principali metodi di alto livello utilizzati per ottenere una immagine a partire da una descrizione degli oggetti 3D Introduzione Rendering di mesh poligonali 3D Viewing

Dettagli

Capitolo 6 Interazione luce-materia

Capitolo 6 Interazione luce-materia Capitolo 6 Interazione luce-materia Modelli di illuminazione Modello di illuminazione: formulazione matematica dell equazione del trasporto dell energia luminosa L equazione che risolve questo problema:

Dettagli

Introduzione. Se la scena non ne contiene, Maya ombreggia ed effettua il rendering con la luce di default.

Introduzione. Se la scena non ne contiene, Maya ombreggia ed effettua il rendering con la luce di default. Introduzione Le luci sono oggetti atti a simulare le lampade per l illuminazione delle case, i riflettori e proiettori degli allestimenti teatrali e cinematografici, il sole ecc. Se la scena non ne contiene,

Dettagli

High Dynamic Range Rendering in OpenGL

High Dynamic Range Rendering in OpenGL Università degli Studi di Trieste Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Elementi di Grafica Digitale High Dynamic Range Rendering in OpenGL Studente: Alberto Dotta - 81700080 Docente:

Dettagli

Confronto tra software illuminotecnici

Confronto tra software illuminotecnici Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Confronto tra software illuminotecnici F. Bisegna, F. Gugliermetti, M. Barbalace, L.

Dettagli

Modellazione e rendering di un Loft

Modellazione e rendering di un Loft Tutorial modellazione di un loft Disegnare un rettangolo di dimensioni x=10,y=6. Con il comando wall impostando uno spessore 0,3 e un'altezza 6 corrispondente a 2 piani tracciare il muro con giustificazione

Dettagli

Grafica al calcolatore - Computer Graphics

Grafica al calcolatore - Computer Graphics Grafica al calcolatore - Computer Graphics 8 Pipeline di rasterizzazione - 2 12/12/14 Grafica 2014 1 Riepilogo Operazioni geometriche Pixel processing 12/12/14 Grafica 2014 2 Rasterizzazione/scan connversion

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio Ottica geometrica Sommario 1) Cos è la luce

Dettagli

Lezione1. Cos è la computer grafica. Lezione del 10 Marzo 2010. Michele Antolini Dipartimento di Ingegneria Meccanica Politecnico di Milano

Lezione1. Cos è la computer grafica. Lezione del 10 Marzo 2010. Michele Antolini Dipartimento di Ingegneria Meccanica Politecnico di Milano Lezione1 Informatica Grafica Cos è la computer grafica Lezione del 10 Marzo 2010 Grafica OpenGL vs Direct Dipartimento di Ingegneria Meccanica Politecnico di Milano 1.1 Tubo a Raggi Catodici Cathode Ray

Dettagli

Pipeline di rendering. Pipeline di rendering. Outline. Grafica off-line vs Grafica real-time

Pipeline di rendering. Pipeline di rendering. Outline. Grafica off-line vs Grafica real-time Pipeline di rendering Davide Gadia Corso di Programmazione Grafica per il Tempo Reale Laurea Magistrale in Informatica per la Comunicazione a.a. 2013/2014 Outline Grafica off-line vs Grafica real-time

Dettagli

Cycles per Blender 3D

Cycles per Blender 3D Francesco Milanese Cycles per Blender 3D Guida pratica Cycles per Blender 3D Guida pratica Introduzione. Cos'è Cycles Shaders e Nodi Approfondimento: Global Illumination e Direct Lighting; Samples e Light

Dettagli

La nascita di un corto

La nascita di un corto La nascita di un corto Short Animated Movie in 3D Vertici Modellazione Modellare significa disegnare nello spazio 3D ciò che prima è stato progettato. Lati Una mesh è un reticolo poligonale che definisce

Dettagli

Laboratorio per il corso Scienza dei Materiali II

Laboratorio per il corso Scienza dei Materiali II UNIVERSITÀ DI CAMERINO Corso di Laurea Triennale in Fisica Indirizzo Tecnologie per l Innovazione Laboratorio per il corso Scienza dei Materiali II a.a. 2009-2010 Docente: E-mail: Euro Sampaolesi eurosampaoesi@alice.it

Dettagli

Generazione di Ambienti Urbani Sintetici e Rendering Parallelo

Generazione di Ambienti Urbani Sintetici e Rendering Parallelo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Telecomunicazioni Tesi di Laurea Generazione di Ambienti Urbani Sintetici e Rendering Parallelo Relatore: Prof. Francesco De Natale

Dettagli

Luce e colore A cura di Ornella Pantano e Enrica Giordano

Luce e colore A cura di Ornella Pantano e Enrica Giordano Cosa serve per vedere Didattica della Fisica A.A. 2009/10 Luce e colore A cura di Ornella Pantano e Enrica Giordano Per poter vedere un oggetto è necessario che un fascio di luce emesso da una sorgente

Dettagli

ShareGrid Una piattaforma di calcolo condivisa per Grid Computing

ShareGrid Una piattaforma di calcolo condivisa per Grid Computing ShareGrid Una piattaforma di calcolo condivisa per Grid Computing Distributed Computing Systems Group Università del Piemonte Orientale http://dcs.di.unipmn.it sharegrid.admin@topix.it Cos è ShareGrid

Dettagli

Fondamenti di Grafica Tridimensionale

Fondamenti di Grafica Tridimensionale Fondamenti di Grafica Tridimensionale La Pipeline Grafica Marco Di Benedetto marco.dibenedetto@isti.cnr.it Visualizzazione dell Informazione noi siamo qui Informazione mondo reale (es: 3D scans) creazione

Dettagli

3.1 CAPITOLO 3 FORMAZIONE DELLE IMMAGINI

3.1 CAPITOLO 3 FORMAZIONE DELLE IMMAGINI 3.1 CAPITOLO 3 FORMAZIONE DELLE IMMAGINI Il processo di formazione di una immagine da parte di un sistema ottico è facilmente descrivibile in termini di raggi. In figura la scatola rappresenta un generico

Dettagli

Tecniche di mappatura

Tecniche di mappatura Tecniche di mappatura Dove si discute l utile tecnica di texture mapping che consente di aggiungere dettagli alle superfici senza gravare sulla geometria. Introduzione Texture mapping Bump mapping Grafica

Dettagli

Claudio Gussini Programma dei Corsi I e II Livello

Claudio Gussini Programma dei Corsi I e II Livello Claudio Gussini Programma dei Corsi I e II Livello Livello I - Modellazione Base - In questi primi tre giorni di corso, gli allievi impareranno a disegnare e modificare accuratamente modelli in NURBS-3D.

Dettagli

Modelli di illuminazione

Modelli di illuminazione Modelli di illuminazione Dove si discutono modelli per l interazione della luce con le superfici. Introduzione Modello di Phong Modello di Cook-Torrance Tipi di luci Ray tracing Radiosity Grafica al Calcolatore

Dettagli

L illuminazione in Kray le impostazioni di base di Matt Vanni

L illuminazione in Kray le impostazioni di base di Matt Vanni L illuminazione in Kray le impostazioni di base di Matt Vanni con la collaborazione di Gianandrea Ghirri - LAV In questo tutorial basico tenterò di spiegare come impostare una illuminazione basica principalmente

Dettagli

Modelli per i materiali

Modelli per i materiali Texture mapping 1 Modelli per i materiali Il realismo visivo può essere ottenuto mediante i modelli di illuminazione e dei materiali Per modellare i materiali si possono utilizzare delle immagini dette

Dettagli

Materiali Applicare i Materiali ai modelli Stili TERIALI Imperfezioni Il tocco finale

Materiali Applicare i Materiali ai modelli Stili TERIALI Imperfezioni Il tocco finale MATERIALI MATERIALI 233 Materiali Contenuti: Applicare i Materiali ai modelli canali dei Materiali in CINEMA 4D Mappatura Texture Metodi di Mappatura Texture Mappatura ad Etichetta Applicare i Materiali

Dettagli

Di Blasi Gianpiero - D.M.I. - Università di Catania. Lezione 6. Luci

Di Blasi Gianpiero - D.M.I. - Università di Catania. Lezione 6. Luci Di Blasi Gianpiero - D.M.I. - Università di Catania Java3D Lezione 6 Luci Cosa impareremo oggi? Il modello di illuminazione di Java3D Come creare luci Come fare interagire gli oggetti visuali con le luci

Dettagli

Scienze integrate (Biologia con elem.di biologia marina) Prof.ssa Rosa Domestico Lavoro degli alunni della classe IIG a.s.

Scienze integrate (Biologia con elem.di biologia marina) Prof.ssa Rosa Domestico Lavoro degli alunni della classe IIG a.s. LA LUCE Scienze integrate (Biologia con elem.di biologia marina) Prof.ssa Rosa Domestico Lavoro degli alunni della classe IIG a.s. 2012_2013 La luce è una forma di energia che ci fa vedere le forme, i

Dettagli

L utilizzo di altri motori di rendering

L utilizzo di altri motori di rendering L utilizzo di altri motori di rendering 1 Mental ray, il motore di render più utilizzato, non è l unico tra quelli integrati in 3ds Max 2012; accanto ad esso troviamo innanzitutto lo Scanline, il motore

Dettagli

Tecniche avanzate. Quello che avanza... Image-based rendering. Quaternioni e rotazioni 3D. Intersezioni

Tecniche avanzate. Quello che avanza... Image-based rendering. Quaternioni e rotazioni 3D. Intersezioni Tecniche avanzate Quello che avanza... Image-based rendering Quaternioni e rotazioni 3D Intersezioni Grafica al Calcolatore Tecniche avanzate - 1 Image-based rendering Il problema è della grafica interattiva

Dettagli

1.1 Modello di un Processo di Rendering. Gestore delle Geometrie (Ricostruzione delle Geoemtrie e Clipping)

1.1 Modello di un Processo di Rendering. Gestore delle Geometrie (Ricostruzione delle Geoemtrie e Clipping) Capitolo 1 Esercizi sulla Pipeline di Rendering 1.1 Modello di un Processo di Rendering Componenti dell Architettura di Rendering: Processore Bus di Comunicazione Scheda Grafica Moduli della Pipeline di

Dettagli

Ma t e m a t i c a nascosta 1

Ma t e m a t i c a nascosta 1 15 Ma t e m a t i c a nascosta 1 Riccardo Ricci Dipartimento di Matematica, Università di Firenze Nell esperienza quotidiana l espressione digitale è talmente comune che forse si è perduto il senso di

Dettagli

POLITECNICO DI BARI DIPARTIMANTO DI DISEGNO TECNICO E DELLA RAPPRESENTAZIONE DISEGNO ASSISTITO DAL CALCOLATORE. Ing. Giovanni Mongiello

POLITECNICO DI BARI DIPARTIMANTO DI DISEGNO TECNICO E DELLA RAPPRESENTAZIONE DISEGNO ASSISTITO DAL CALCOLATORE. Ing. Giovanni Mongiello POLITECNICO DI BARI DIPARTIMANTO DI DISEGNO TECNICO E DELLA RAPPRESENTAZIONE DISEGNO ASSISTITO DAL CALCOLATORE Ing. Giovanni Mongiello LA GRAFICA 3D (V.1.0) Passare dalla grafica bidimensionale alla creazione

Dettagli

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo Luce e acqua La fotografia subacquea Ora cercheremo di comprendere come la luce, elemento fondamentale per la fotografia, si comporta in ambiente acquoso e quali sono le sue differenze con il comportamento

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE

SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: MODALITA DI FORMAZIONE DELL IMMAGINE SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE: ACQUISIZIONE DELL IMMAGINE TC Un

Dettagli

user manual rendering

user manual rendering user manual rendering Release 8.5 Manuale Utente Rendering 1993-2011 solidthinking Inc. Part N. 80-25041-10301 Copyright 1993-2011 solidthinking Inc. Tutti I diritti riservati. solidthinking e renderthinking

Dettagli

Indice generale Introduzione... xv Parte I I principi fondamentali del disegno 3D...1 Capitolo 1 Introduzione al disegno tridimensionale...

Indice generale Introduzione... xv Parte I I principi fondamentali del disegno 3D...1 Capitolo 1 Introduzione al disegno tridimensionale... Indice generale Introduzione... xv Parte I I principi fondamentali del disegno 3D...1 Capitolo 1 Introduzione al disegno tridimensionale...3 I fondamenti del disegno 3D... 3 Le barre degli strumenti del

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Corso di Elaborazione Elettronica di Immagini IL COLORE PARTE 2 Gabriele Guarnieri Sommario Spazi colore percettivamente uniformi 1 Spazi colore percettivamente uniformi:

Dettagli

Prof. Gian Piero Pugliese Lezioni di Fisica

Prof. Gian Piero Pugliese Lezioni di Fisica Prof. Gian Piero Pugliese Lezioni di Fisica Il miraggio Fin dai tempi più remoti, il miraggio è stato un fenomeno che ha destano nell uomo paura e al tempo stesso meraviglia, proprio perché non conosciuto

Dettagli

Computer Graphics. La disciplina fornisce metodi per creare elaborare memorizzare visualizzare. immagini di oggetti o scene mediante un computer

Computer Graphics. La disciplina fornisce metodi per creare elaborare memorizzare visualizzare. immagini di oggetti o scene mediante un computer Computer Graphics La disciplina fornisce metodi per creare elaborare memorizzare visualizzare immagini di oggetti o scene mediante un computer Image Processing La disciplina fornisce metodi per acquisire

Dettagli

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica.

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica. FOTODIDATTICA CONOSCERE LA LUCE Le caratteristiche fisiche, l analisi dei fenomeni luminosi, la temperatura di colore. Iniziamo in questo fascicolo una nuova serie di articoli che riteniamo possano essere

Dettagli

OTTICA TORNA ALL'INDICE

OTTICA TORNA ALL'INDICE OTTICA TORNA ALL'INDICE La luce è energia che si propaga in linea retta da un corpo, sorgente, in tutto lo spazio ad esso circostante. Le direzioni di propagazione sono dei raggi che partono dal corpo

Dettagli

tradizione e rivoluzione nell insegnamento delle scienze Istruzioni dettagliate per gli esperimenti mostrati nel video La Fisica nella TV

tradizione e rivoluzione nell insegnamento delle scienze Istruzioni dettagliate per gli esperimenti mostrati nel video La Fisica nella TV tradizione e rivoluzione nell insegnamento delle scienze Istruzioni dettagliate per gli esperimenti mostrati nel video La Fisica nella TV prodotto da Reinventore con il contributo del MIUR per la diffusione

Dettagli

Ricostruzione stereo. Il nostro obiettivo. Ricostruzione del Cenacolo Vinciano. Ricostruire la profondità. d Y

Ricostruzione stereo. Il nostro obiettivo. Ricostruzione del Cenacolo Vinciano. Ricostruire la profondità. d Y Il nostro obiettivo Daniele Marini Ricostruzione stereo Ricostruire scenari 3D da più immagini per inserire oggetti di sintesi Ricostruire la profondità Ricostruzione del Cenacolo Vinciano Solo se abbiamo

Dettagli

LA SIMULAZIONE ILLUMINOTECNICA CON RADIANCE MEDIANTE ECOTECT

LA SIMULAZIONE ILLUMINOTECNICA CON RADIANCE MEDIANTE ECOTECT A02 059 Laura Bellia Carla Di Martino Gennaro Spada LA SIMULAZIONE ILLUMINOTECNICA CON RADIANCE MEDIANTE ECOTECT L ILLUMINAZIONE DI UNA CHIESA DI INTERESSE STORICO ARTISTICO Copyright MMX ARACNE editrice

Dettagli

Grafica e Geometria Computazionale

Grafica e Geometria Computazionale Grafica e Geometria Computazionale Andrea Torsello e Giuseppe Maggiore DAIS, CdL Informatica Via Torino, 155, Venezia Mestre Slides scaricabili da http://www.dsi.unive.it/~grafica/pls/slides.pdf Cos è

Dettagli

Realizzare la VR: i software. Piattaforme per la VR: VRML. Il più diffuso: VRML (Virtual Reality Modeling Language)

Realizzare la VR: i software. Piattaforme per la VR: VRML. Il più diffuso: VRML (Virtual Reality Modeling Language) Lezione 5.1 Realizzare la VR: i software Piattaforme per la VR: VRML Il più diffuso: VRML (Virtual Reality Modeling Language) Rappresentazioni 3D interattive anche per web Rendering di poligoni tridimensionali

Dettagli

Realtà Virtuali Prof. Raffaella Folgieri, aa 2013/2014. Realizzare la VR: i software

Realtà Virtuali Prof. Raffaella Folgieri, aa 2013/2014. Realizzare la VR: i software Realtà Virtuali Prof. Raffaella Folgieri, aa 2013/2014 Realizzare la VR: i software Piattaforme per la VR: VRML Il più diffuso: VRML (Virtual Reality Modeling Language) Rappresentazioni 3D interattive

Dettagli

Benvenuti. Tutorial per iniziare

Benvenuti. Tutorial per iniziare Benvenuti Brazil for Rhino è nato dalla collaborazione con Splutterfish, LLC per dotare Rhinoceros dell'ultima tecnologia di rendering a livello professionale. Tutorial per iniziare Per iniziare Esterno

Dettagli

Illuminazione ILLUMINAZIONE

Illuminazione ILLUMINAZIONE ILLUMINAZIONE ILLUMINAZIONE 293 Illuminazione Argomenti: Basi dell illuminazione Creazione della profondità Luci principali, luci di riempimento e luci di sfondo Intensità e decadenza Posizionamento delle

Dettagli

Teoria dell immagine

Teoria dell immagine Archivi fotografici: gestione e conservazione Teoria dell immagine Elementi di base: la luce, l interazione tra luce e materia, il colore Mauro Missori Cos è la fotografia? La fotografia classica è un

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Corso di Elaborazione Elettronica di Immagini CENNI DI FOTOMETRIA E ILLUMINOTECNICA Fotometria Motivazione: Dare una misura dell intensità luminosa che rispecchi il funzionamento

Dettagli

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra 2: Lo strumento di luce/ombra Scostamento Luce a «0%» e Ombra a «100%» Con lo strumento di luce/ombra possono essere fissati il punto più chiaro, il punto medio e quello più scuro dell immagine. Sotto

Dettagli

Che cos'è la profondità di colore

Che cos'è la profondità di colore Che cos'è la profondità di colore 1 Vediamo che cos'è la Profondità di Bit e di Colore di una immagine o di un filmato video; vediamo inoltre cosa sono Gamma dinamica e Gamma di densità. La profondità

Dettagli

INDICE - 3D STUDIO MAX 2010 - AVANZATO. Lezione14. Lezione 13 LEZ.13 LE CINEPRESE LEZ.14 SUPERFICI CURVE

INDICE - 3D STUDIO MAX 2010 - AVANZATO. Lezione14. Lezione 13 LEZ.13 LE CINEPRESE LEZ.14 SUPERFICI CURVE INDICE - 3D STUDIO MAX 2010 - AVANZATO Lezione 13 LEZ.13 LE CINEPRESE A. CINEPRESE 1. Cos è una cinepresa Tipi di cineprese : target e free 2. I parametri 3. Multipass effect B. LE ICONE CAMBIANO 1. Introduzione

Dettagli

GVol: software libero per la manipolazione e visualizzazione di dati volumetrici

GVol: software libero per la manipolazione e visualizzazione di dati volumetrici GVol: software libero per la manipolazione e visualizzazione di dati volumetrici Tesi di laurea di Alceste Scalas Anno Accademico 2002 2003 Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Cagliari

Dettagli

Le luci. L'illuminazione diretta. Informatica Grafica per le arti. L'illuminazione diretta. L'illuminazione diretta. L'illuminazione diretta

Le luci. L'illuminazione diretta. Informatica Grafica per le arti. L'illuminazione diretta. L'illuminazione diretta. L'illuminazione diretta Informatica Grafica per le arti Per poter produrre delle immagini che diano il senso della tridimensionalita', i programmi di grafica 3D si servono di tecniche per simulare l'illuminazione degli oggetti

Dettagli

Politecnico di Milano - Facoltà del design - Laboratorio di computer grafica C2 Michele Zannoni Giovanni Gigante Tutorial 05: Materiali in Maya

Politecnico di Milano - Facoltà del design - Laboratorio di computer grafica C2 Michele Zannoni Giovanni Gigante Tutorial 05: Materiali in Maya Introduzione I materiali conferiscono un maggiore realismo alla scena. Un materiale descrive come un oggetto riflette o trasmette la luce. Le proprietà dei materiali sono strettamente associate a quelle

Dettagli

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA. Lezione n 3:

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA. Lezione n 3: CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA Lezione n 3: Elementi caratterizzanti il colore Grandezze fotometriche qualitative Le Sorgenti Luminose artificiali Ing. Oreste Boccia 1 Elementi caratterizzanti

Dettagli

A step by step V-ray for Rhinoceros Tutorial

A step by step V-ray for Rhinoceros Tutorial A step by step V-ray for Rhinoceros Tutorial Buongiorno a tutti, Inizio con questo tutorial su V-Ray for Rhino, la scena presente è un interno e utilizzeremo per iniziare una sola luce solare che filtrerà

Dettagli

ELABORAZIONE MATEMATICA DI SEGNALI E IMMAGINI

ELABORAZIONE MATEMATICA DI SEGNALI E IMMAGINI ELABORAZIONE MATEMATICA DI SEGNALI E IMMAGINI INFORMAZIONI Prof. M. Picardello picard@mat.uniroma2.it www.mat.uniroma2.it/~picard/emsi www.segnali-immagini.uniroma2.it Corso di Laurea Specialistica in

Dettagli

Visualizzazione in ambienti di Realtà Virtuale di scenari fotorealistici basati su dati e calcoli illuminotecnici. Applicazione agli Esterni Urbani

Visualizzazione in ambienti di Realtà Virtuale di scenari fotorealistici basati su dati e calcoli illuminotecnici. Applicazione agli Esterni Urbani Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Visualizzazione in ambienti di Realtà Virtuale di scenari fotorealistici basati su dati

Dettagli

LUCE, VISIONE, OMBRA, COLORE

LUCE, VISIONE, OMBRA, COLORE Dipartimento di scienze umane per la Formazione Corso di Laurea in Scienze dell educazione LUCE, VISIONE, OMBRA, COLORE Aspetti scientifici e attività laboratoriali Per il corso di Osservazioni Scientifiche

Dettagli

Livello di approfondimento della lezione. Texture mapping di solito spiegato in corsi di CG di base

Livello di approfondimento della lezione. Texture mapping di solito spiegato in corsi di CG di base Texture mapping Davide Gadia, Daniele Marini Corso di Programmazione Grafica per il Tempo Reale Laurea Magistrale in Informatica per la Comunicazione a.a. 2013/2014 Livello di approfondimento della lezione

Dettagli

Ricostruzione e visualizzazione 3D di un cervello da acquisizioni manuali di sezioni istologiche

Ricostruzione e visualizzazione 3D di un cervello da acquisizioni manuali di sezioni istologiche Ricostruzione e visualizzazione 3D di un cervello da acquisizioni manuali di sezioni istologiche Sergio Demelio e Enrico Gobbetti CRS4 Centro di Ricerca, Sviluppo e Studi Superiori in Sardegna VI Strada

Dettagli