STUDIO DEL CUORE E DELLE ARTERIE CORONARIE CON TECNICA T.C MULTISLICE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDIO DEL CUORE E DELLE ARTERIE CORONARIE CON TECNICA T.C MULTISLICE"

Transcript

1 STUDIO DEL CUORE E DELLE ARTERIE CORONARIE CON TECNICA T.C MULTISLICE INTRODUZIONE L evoluzione tecnologica dei sistemi di tomografia computerizzata spirale, oltre a migliorare notevolmente l imaging vascolare non invasivo (angio T.C), ha reso possibile un nuovo approccio alla valutazione dell anatomia del cuore ed alla sua vascolarizzazione. Dai sistemi a singolo strato, si è passato ad apparecchiature multistrato a 2,4,8,16,32 e 40 detettori, aumentando notevolmente sia la risoluzione temporale che la risoluzione spaziale lungo l asse longitudinale. Quest ultima, è resa possibile anche dalla possibilità di utilizzare collimazioni sottili in acquisizioni volumetriche estese. (fig.1) Tali sistemi, associati all iniezione endovenosa di mezzo di contrasto iodato ed in sinergia con sistemi di rilevazione del ciclo cardiaco, consentono di ottenere acquisizioni prive di artefatti da movimento e con una copertura totale del volume del fig.1 cuore (15x15x15 cm), in un unica apnea. Allo stato attuale, questa nuova tecnica di imaging ancora in fase preliminare di studio, sta riscuotendo risultati estremamente incoraggianti. L utilizzo di scanner a 16\32 canali, ha permesso un ulteriore miglioramento della risoluzione spaziale, 1

2 temporale e di contrasto, fornendo una buona rappresentazione delle arterie coronarie e dei loro rami di suddivisione, mettendo in evidenza eventuali stenosi e caratterizzando la loro composizione. Attualmente, questa metodica oltre ad essere potenzialmente idonea al follow-up non invasivo delle procedure chirurgico-interventistiche (fig.2) può rivestire un ruolo determinante nello screening di massa, distinguendo quei pazienti che pur presentando una dubbia sintomatologia hanno delle arterie coronarie normali, da quelli che, fig.2 con sintomatologia analoga, presentano immagini sospette o stenosi chiaramente definite, da valutare successivamente ricorrendo ad esame coronarografico tradizionale. 1 - CONSIDERAZIONI ANATOMO-FISIOLOGICHE Per una ottimale visualizzazione e valutazione dell anatomia cardiaca e dei vasi coronarici è indispensabile ottenere la massima qualità dell imaging. Tenendo conto di alcuni parametri di carattere anatomico e fisiologico, sarà possibile in fase di acquisizione, ottenere immagini di qualità, riducendo al minimo gli artefatti da movimento. Pertanto, la comprensione delle dinamiche cardiache, è di fondamentale importanza per un corretto approccio all esecuzione dell esame cardio-t.c m\s In primo luogo va considerato che Il cuore, intorno al suo asse, ha un movimento di rotazione e contrazione, 2

3 apprezzabile durante la fase sistolica e un periodo di rilassamento durante la fase diastolica. In sistole infatti, l apertura delle valvole aortiche ed il flusso di eiezione ventricolare, creano una depressione a livello dei seni coronarici. Questa condizione, non agevola il passaggio del sangue attraverso l ostio delle arterie coronarie, pertanto in questa fase del ciclo cardiaco, non si ha una soddisfacente risoluzione di contrasto. La diastole invece, è caratterizzata da un momento di silenzio valvolare coincidente con un periodo di immobilità cardiaca, ed è in questa fase peraltro, che si ha il massimo riempimento delle arterie coronarie. Questo periodo di stasi del muscolo cardiaco, corrispondente al periodo centrale della fase diastolica, si estende sul tracciato elettrocardiografico da subito dopo l onda T, fino all onda Q. Questo momento, favorevole ad una corretta acquisizione priva di artefatti da movimento, è individuato intorno al 70% del complesso R-R. (fig. n 1 e 2) Fig.1 fig. 2 La seconda considerazione, deve tenere conto che in condizioni di normalità, la durata della circolazione coronarica dall ostio ai capillari miocardici, avviene in 1, 2 o 3 complessi sisto-diastolici e che 3

4 il tempo necessario affinché il letto vascolare coronarico sia completamente riempito, è di circa 5-10 secondi. Da questo si può dedurre, che all aumentare della frequenza cardiaca corrisponde un aumento del tempo di riempimento dei vasi coronarici con conseguente allungamento della durata dell acquisizione T.C m\s. Pertanto, al fine di ottenere frequenze cardiache ottimali, tali da garantire una buona riuscita dell esame cardio T.C m\s in pazienti con più di 65 battiti per minuto e per favorire il riempimento delle coronarie, si può far ricorso (su indicazione del cardiologo) ad ossigenoterapia, o in alternativa ad agenti ipotensivi o a farmaci ad azione betabloccante. E comunque doveroso aggiungere, che le nuove tecnologie applicate ai sistemi T.C m\s della più recente generazione, hanno reso possibile l esecuzione di esami cardio T.C privi di artefatti da movimento, anche su pazienti con valori di frequenza cardiaca fino a 120\140 bpm. Senza l ausilio di betabloccanti. Questo è possibile grazie all utilizzo del metodo di segmentazione che verrà illustrato in seguito. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI RELATIVI ALLA PARTE ANATOMICA: 1. Torsten B. Moller, Emil Reif Cross-sectional Anatomy Volume 2 2. Ricci Maccarini P., Fattori R., Brusori S., Atlante di arteriografia coronaria 3. Brochure Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Tor Vergata Diagnostica per immagini del cuore con TC Multistrato 4

5 2 - BASI ANATOMICHE Uno degli aspetti fondamentali della T.C cardiaca, è legato al post-processing. Pertanto, l elaborazione delle immagini finalizzata ad una corretta rappresentazione iconografica delle diverse strutture anatomiche in esame, comporta da parte dell operatore, una perfetta conoscenza delle varie tecniche di ricostruzione e dei software che le gestiscono. D altro canto, tali capacità tecniche non rivestono carattere di utilità se non sono associate ad una buona conoscenza anatomica e topografica del cuore e delle arterie coronarie. 1\2 - Il cuore Il cuore, è un organo muscolare cavo di forma ovoidale, inserito in posizione asimmetrica con apice diretto anteriormente, inferiormente e verso sinistra nella gabbia toracica. Esso comprende quattro cavità dette atrio e ventricolo destro, atrio e ventricolo sinistro. Tali cavità sono appaiate a due a due e divise dal setto cardiaco. Il contorno destro dell ovoide cardiaco è determinato dall atrio destro, il ventricolo destro poggia sul diaframma, il ventricolo sinistro rappresenta il margine sinistro del cuore e l atrio sinistro è situato posteriormente. Il cuore e la porzione prossimale dei grossi vasi, sono vascolarizzati dalle arterie coronarie. 5

6 2\2 - Origine delle arterie coronarie Nella porzione sopravalvolare, l aorta toracica ascendente presenta un segmento dilatato, detto bulbo aortico, il quale è delimitato dalla rimanente aorta dall anello valvolare. Tale anello, comprende i seni di Valsava (destro sinistro e non coronarico), dai quali originano le arterie coronarie (fig.3). Gli osti di queste, sono generalmente situati al centro dei seni di Valsava. fig.3 3\2 - Arteria coronaria di destra L arteria coronaria di destra (RCA), dopo la sua origine dal seno di Valsava destro, decorre lungo il solco atrio-ventricolare destro (anteriore), che percorre in tutta la sua lunghezza, fino alla superficie diaframmatica del cuore. Fig.4 All altezza della crux (unione tra solco atrioventricolare e solco interventricolare posteriore fig.4), si divide in due rami terminali: Ramo discendente posteriore (che da origine ai rami settali). Rami per la parete del ventricolo sinistro. 6

7 DECORSO DELL ARTERIA CORONARIA DI DESTRA NEL SOLCO ATRIO-VENTRICOLARE ANTERIORE Sono visibili: 1. il ramo del cono (per l infundibulo del ventricolo destro) 2. il ramo del margine acuto (per il ventricolo destro) 1 2 DECORSO DELL ARTERIA CORONARIA DI DESTRA NEL SOLCO ATRIO-VENTRICOLARE POSTERIORE ED INTER-VENTRICOLARE POSTERIORE 4 Divisione dell arteria coronaria destra Nei suoi rami terminali: 3. ramo discendente posteriore che decorre nel solco inter-ventricolare posteriore. 4. terzo distale dell arteria coronaria destra che decorre nel solco atrioventricolare posteriore 5. rami per la parete posteriore del ventricolo sinistro

8 Durante il suo decorso, l arteria coronaria destra, emette i seguenti rami: 1. Arteria del cono 2. Arteria seno-atriale 3. Rami per la parete ant. del ventricolo destro 4. Ramo del margine acuto 5. Ramo del nodo atrio-ventricolare 6. Rami per la parete post. del ventricolo destro 7. Rami atriali intermedi 4\2 - Arteria coronaria di sinistra L arteria coronaria sinistra (LCA), dopo la sua origine dal seno di Valsava sinistro, presenta un tronco comune (left main coronary artery): (LMCA fig.8) che decorre per 5\20 mm tra l arteria polmonare e la parete anteriore dell atrio sinistro, per poi dividersi nei due rami principali: Ramo discendente anteriore (left anterior descending: LAD, fig.6) che decorre nel solco interventricolare anteriore, fino a raggiungere la punta del cuore. Tale arteria, durante il suo decorso emette due diversi tipi di ramificazioni: i rami settali (che irrorano il fascio di His) ed i rami diagonali (con decorso obliquo). (Fig.6) Ramo circonflesso ( Circumflex: CX, fig.7), che decorre lungo il solco atrio-ventricolare sinistro. Tale vaso, durante il suo percorso continua nel ramo postero- 8

9 laterale (che si distribuisce sulla parete posteriore del ventricolo sinistro) e nel ramo atriale sinistro. (fig.7) Entrambe le arterie coronarie, come indica il loro nome, descrivono nel loro decorso due distinte corone: Corona anteriore, composta dall arteria discendente anteriore (LAD) fig.8 e dall arteria discendente posteriore destra (RPD) Corona posteriore, composta dal tronco comune della coronaria sinistra, arteria circonflessa (LCX) e suoi rami terminali, branca postero-laterale sinistra e arteria coronaria destra(rca). Entrambe le corone vascolari sono ampiamente anastomizzate fra loro, attraverso rami terminali e collaterali. Fig.8 1) coronaria destra 2) tronco comune 3) circonflessa 4) discendente anteriore 5) discendente posteriore 6) branca postero-laterale

10 DECORSO DELL ARTERIA CORONARIA DI SINISTRA Il tronco comune si divide in due rami: 1. discendente anteriore (LAD) che decorre nel solco atrio-ventricolare anteriore 2. circonflesso (CX) che decorre nel solco atrio-ventricolare sinistro 3. del margine ottuso che decorre appunto sul margine ottuso del cuore 4. settali 5. diagonali ========================== 4 Dal ramo circonflesso originano i seguenti rami: 6. postero-laterale 7.discendente anteriore che decorre nel solco inter-ventricolare posteriore 6 7 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI RELATIVI ALLA PARTE ANATOMICA: 1. Torsten B. Moller, Emil Reif Cross-sectional Anatomy Volume 2 2. Ricci Maccarini P., Fattori R., Brusori S., Atlante di arteriografia coronaria 3. Brochure Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Tor Vergata Diagnostica per immagini del cuore con TC Multistrato 10

11 3 - ANATOMIA ASSIALE A A 1 2A 2A 1 3 1P 1) ARTERIA CORONARIA DI DESTRA 1P) ARTERIA CORONARIA DI DESTRA BRANCA POSTERIORE 2A) ARTERIA CORONARIA DI SINISTRA BRANCA ANTERIORE 2) ARTERIA CORONARIA DI SINISTRA 3) ARTERIA CIRCONFLESSA Per ottenere una buona visualizzazione e di conseguenza una corretta valutazione dell anatomia cardiaca e dei vasi coronarici, è indispensabile conoscere e saper ottimizzare alcuni parametri tecnici, posti tra loro in stretta relazione. 11

12 4 - Risoluzione di contrasto I vasi coronarici, di ridottissimo diametro, sono immersi in tessuto adiposo epicardico. Pertanto, una volta iniettati di mezzo di contrasto, hanno la stessa densità delle camere cardiache. Tale caratteristica, (più evidente nella parte prossimale dell arteria circonflessa che decorre a stretto contatto con l atrio sinistro nel solco coronarico sinistro), richiede una elevata risoluzione di contrasto al fine di poter differenziare, in un tempo di acquisizione molto corto, sia i vasi arteriosi dalle camere cardiache, che eventuali calcificazioni o placche mobili, presenti nel lume del vaso stesso. 12

13 5 - Risoluzione spaziale Visto il ridottissimo diametro delle arterie coronarie, che può variare da un massimo di 5,0 mm (LCA) ad un minimo di 1,0 mm (RCA) e vista anche la loro disposizione spaziale rispetto all asse Z del tavolo, una buona qualità dell immagine può essere ottenuta esclusivamente a fronte di una elevatissima risoluzione spaziale. Tale parametro, è ottenibile mediante l impostazione di acquisizioni volumetriche con collimazioni a strato molto sottile, (1,25 mm) e con incrementi non superiori al 50% (0,65 mm) fra uno strato e l altro. Tale sovrapposizione è indispensabile nel post-processing, allo scopo di ottenere voxel quasi isotropici. 6 - Risoluzione temporale Durante il ciclo cardiaco, il cuore e di conseguenza le arterie coronarie, si trovano in una condizione di movimento determinata dall attività cardiaca stessa. L alternarsi di fasi diastoliche e sistoliche, così come la variazione di flusso 13

14 ematico durante il ciclo cardiaco, determinano un cambiamento di posizione e di calibro sia del muscolo cardiaco che delle arterie coronarie. Tali variazioni, impongono che l acquisizione, controllata da speciali apparecchiature di rilevazione dell E.C.G (gated), avvenga elusivamente durante la fase diastolica. Tale accorgimento, consente di garantire l assoluta immobilità del cuore ed il massimo riempimento delle arterie coronarie, al fine di poter estrapolare immagini qualitativamente soddisfacenti e prive di artefatti da movimento. L acquisizione gated dei dati, consiste infatti nel far coincidere la velocità del gantry (0,5\1,0 sec. per rotazione, in incrementi di 0,1 mm.) con la frequenza cardiaca del paziente. 14

15 7 - MATERIALI E METODI 1\7 Routine preliminare La scarsa invasività della cardio T.C, richiede soltanto la somministrazione endovenosa di un bolo di mezzo di contrasto iodato e limitatamente alla sola fase angiografica. Pertanto, il paziente dovrà produrre una serie di analisi del sangue effettuate non oltre i tre mesi antecedenti la data dell esame, attestanti una buona funzionalità renale; elemento questo indispensabile, per una eliminazione fisiologica del mezzo di contrasto iodato. La batteria completa delle analisi di laboratorio richieste per essere sottoposti a cardio t.c è la stessa che viene utilizzata per tutti gli accertamenti diagnostici, nei quali è previsto l utilizzo di mezzo di contrasto iodato, ed è la seguente: E.C.G GLICEMIA AZOTEMIA CREATININEMIA PROTIDOGRAMMA. Al momento dell esame il paziente verrà informato su tutti i dettagli inerenti l esame a cui verrà sottoposto e sarà invitato a sottoscrivere il consenso all esecuzione dello stesso. 15

16 2\7 - Controindicazioni all utilizzo della Cardio T.C Le controindicazioni all utilizzo della Cardio T.C, si riferiscono esclusivamente alla fase angiografica e possono essere suddivise in tre categorie: Assolute (che escludono la possibilità di essere sottoposti a tale indagine) ovvero: Allergia nota al mezzo di contrasto iodato Insufficienza renale Fibrillazione atriale (vedi anche controindicazioni limitanti) 2. Relative (risolvibili con interventi farmacologici): Pazienti con frequenza cardiaca (F.C) superiore ai 65 battiti per minuto (bpm) Come è stato descritto in precedenza, la frequenza cardiaca elevata pregiudica la qualità diagnostica della Cardio T.C. Pertanto, la regolazione della F.C a valori inferiori a 65 bpm, viene indotta mediante agenti ipotensivi o betabloccanti e tramite ossigenoterapia. Tali interventi vengono disposti dal cardiologo ed in alcuni casi devono essere attuati per un periodo di 4\5 giorni precedenti la data dell esame. 3. Limitanti: Pazienti con fibrillazione atriale, ma a bassa risposta ventricolare. Tali pazienti, possono essere sottoposti a Cardio T.C, ma lo studio verrà mirato esclusivamente e limitatamente alla 16

17 valutazione del muscolo cardiaco, del pericardio, della funzione miocardia e dell anatomia dei grossi vasi. 8 - POSIZIONAMENTO DEL PAZIENTE Il paziente, disteso supino sul tavolo radiologico, verrà posizionato in obliqua posteriore sinistra di circa 20. Tale obliquità, determina uno spostamento in avanti della arteria coronaria di destra, con conseguente scarico della pressione esercitata su di essa da parte delle strutture circostanti. Le braccia verranno posizionate al di sopra della testa. 9 - SINCRONIZZAZIONE T.C\ECG Come già descritto in precedenza, per ottenere dei risultati diagnostici qualitativamente apprezzabili, l acquisizione del volume cardiaco deve essere necessariamente associata ad una rilevazione del tracciato elettrocardiografico. A tal proposito verrà utilizzato un sincronizzatore cardio- T.C, che collegato al paziente mediante degli elettrodi adesivi opportunamente posizionati, consentirà di ottenere una derivazione E.C.G, corrispondente a D1. Tale sincronizzatore, mediante un cavo di collegamento interfaccerà con l apparecchiatura T.C e verrà posto in posizione craniale sul tavolo porta-paziente. Questo accorgimento è indispensabile al fine di evitare artefatti da sovrapposizione, dovuti al passaggio dei cavi degli elettrodi sul volume anatomico di interesse. 17

18 La posizione sollevata delle braccia del paziente, determina una contrazione dei grandi muscoli del torace (gran dorsale e gran pettorale). Tale condizione, se gli elettrodi venissero posizionati a contato dei suddetti muscoli, potrebbe produrre una irregolarità della linea basale dell E.C.G. Pertanto, la corretta ubicazione degli elettrodi del vettore di derivazione (che va da spalla a spalla), deve essere necessariamente a livello dei cavi ascellari. La massa si posiziona a livello della parete addominale o del fianco sinistro. Generalmente gli elettrodi sono contraddistinti da diversi colori, allo scopo di facilitarne il posizionamento: Bianco, cavo ascellare di destra. Nero, cavo ascellare di sinistra. Rosso (massa), superficie addominale 10 - PREPARAZIONE ALLA FASE ANGIOGRAFICA L iniezione endovenosa sincronizzata, del bolo di mezzo di contrasto utile alla fase angiografica, deve essere necessariamente affidata all ausilio di un iniettore automatico in grado di erogare un flusso di almeno 5ml\sec. Tale dispositivo deve essere preferibilmente fornito di doppia testata, in modo da poter disporre di un bolo secondario a base di soluzione salina da 40\50ml, utile alla funzione di spinta del mdc nelle vene del braccio. Il collegamento dell iniettore alla vena del paziente, sarà affidato ad un dispositivo per infusione spiraloide, di lunghezza adeguata e munito di valvola antireflusso. L agocannula da utilizzare sarà di un calibro di almeno 18\20G. (Gauge) 18

19 La particolare anatomia della vena anonima di destra, suggerisce di prediligere la vena antecubitale del braccio omolaterale. Questo accorgimento, eviterà artefatti dovuti ad elevata densità di contrasto a livello venoso, che potrebbero compromettere la visualizzazione dell arco aortico e dell origine dei tronchi sovra-aortici CONDUZIONE DELL ESAME Lo studio agiografico coronarico non invasivo con Tomografia Computerizzata spirale multistrato, consta di due fasi di acquisizione ben distinte. La prima, effettuata senza mezzo di contrasto è finalizzata alla scelta del volume di studio, ed alla valutazione qualitativa e quantitativa dell eventuale calcio intracoronarico. La seconda, eseguita con l ausilio del mezzo di contrasto, è la vera e propria fase angiografica, i cui dati verranno successivamente elaborati in sede di post-processing. 1\11 - PRIMA FASE Protocollo di scansione Solitamente gli scanner dotati della funzione cardio, sono provvisti di protocolli di acquisizione specifici per la valutazione del calcio. Tali protocolli, sono in grado di 19

20 generare risultati ottimali ed interfacciano automaticamente con i software di calcolo utilizzati per tale applicazione. E da ricordare, che per studi di follow-up, si deve necessariamente utilizzare sempre lo stesso protocollo di scansione. L impostazione manuale dei parametri di scansione da utilizzare, in un protocollo di valutazione del calcio, sono i seguenti (per scanner a 4 file di detettori): Campo di vista 180mm Risoluzione ultra fast Incremento 10mm Kv 120 Thickness 4x2.5 Rotazione 0,5 I para metri di scansione e la durata dell acquisizione variano a seconda dello scanner che si utilizza e più precisamente dal numero di detettori a corredo di dette apparecchiature. L acquisizione, dovrà partire dall aorta ascendente a livello della biforcazione polmonare ed estendersi fino all apice cardiaco. Il volume così acquisito, verrà inviato ad una work-station di elaborazione, che grazie ad un applicativo dedicato sarà in grado di fornire un punteggio della quantità di calcio intracoronarico per ogni singola arteria coronaria. 2\11 - Procedura di calcolo del punteggio La procedura di scoring, o calcolo dei punteggi richiede le seguenti procedure: 1. Apertura dell applicazione di valutazione del calcio e selezione delle immagini da elaborare. 2. Marcatura delle aree da elaborare (ROI) su ciascuna immagine. 20

21 Impostando un valore di densità opportuno, le calcificazioni e tutte le altre strutture con un valore di densità simile, verranno marcate in rosa. 3. selezionare eventualmente un altro organo da marcare e ripetere la procedura al punto due 4. Calcolo del punteggio. ESEMPIO DI PUNTEGGIO DELLA QUANTITA DI CALCIO, OTTENUTO CON UN APPLICATIVO CARDIAC SCORING PHILIPS Contenuto della Score Table (Tabella punteggio) Weight (Incidenza) Incidenza dell organo sulla somma totale. #Rgns (N Regioni) Numero di ROI (Regioni d interesse) sulle quali è stato eseguito il calcolo. Area Score (Punteggio) Area totale dell organo identificato. Punteggio cardiaco finale per quell organo. 21

22 3\11 - Controllo della qualità dell immagine nella valutazione del calcio intracoronarico. Le prestazioni di imaging dello scanner vengono controllate sottoponendo a scansione un fantoccio ed effettuando le misurazioni sulle immagini acquisite. Questa procedura è simile, in alcune parti, alla procedura delle normali prove di controllo di qualità raccomandate dal costruttore dell apparecchiatura in uso. Dal momento che l applicativo per la valutazione del calcio fornisce risultati quantitativi, l esecuzione della procedura di Controllo di qualità è obbligatoria. Per testare la qualità dell immagine, si dovrebbe calibrare adeguatamente il sistema, e si dovrebbero eseguire tutte le altre prove di Controllo di qualità relative ai test quotidiani e mensili, come descritto nel manuale dell operatore dello scanner in uso. 4\11 - Riferimenti bibliografici relativi alla rilevazione del calcio intracoronarico: 1. Agatston A., Janowitz W., Hindler F., et al., Quantification of Coronary Artery Calcification using UltraFast Computed Tomography: J Am College Cardiol 1990; 15; Shemesh J., Apter S., Rosenman J., et al., Calcification of Coronary Arteries: Detection and Quantification with Double Helix CT: Radiology 1995; 197; Broderick L.S., Shemesh J., Wilensky R.L., et al., Measurement of Coronary Artery Calcium with Dual-Slice Helical CT Compared with Coronary Angiography: Evaluation of CT Scoring Methods, Interobserver Variations, and Reproducibility: AJR 1996; 167; Wexler L., Brundage B., Crouse J., et al., Coronary Artery Calcification: Pathophysiology, Epidemiology, Imaging Methods, and Clinical Implications: A Statement for Health Professionals from the American Heart Association. Circulation 1996; 94; Philips MX8000 manuale dell operatore. 22

23 5\11 - SECONDA FASE (ANGIOGRAFICA) L acquisizione angiografica, opportunamente sincronizzata con l ECG e con l iniezione di mdc, deve comprendere nella sua estensione, l aorta a livello della biforcazione della polmonare ed il cuore nella sua totalità. Verrà predisposto un volume di m.d.c non ionico, pari a circa 100\125ml ad una velocità di flusso di 4\5ml\s. Nel caso si disponga di un iniettore a due testate, si dovrà aggiungere un bolo accessorio di circa 50ml a base di soluzione salina, con una velocità di flusso pari a quella del bolo principale. Il ritardo da impostare tra l inizio della somministrazione del mezzo di contrasto e l acquisizione angiografica vera e propria, è subordinato dalle condizioni emodinamiche del paziente. 6\11 - SISTEMI DI CALCOLO DEL RITARDO ARTERIOSO DEL MEZZO DI CONTRASTO IN RELAZIONE DEL PICCO DI ENHANCEMENT Al fine di ottenere una corretta opacizzazione delle arterie coronarie, il calcolo del ritardo dell acquisizione rispetto all iniezione del mdc, viene affidato ad un software applicativo, che può variare nelle sue funzioni a seconda del tipo di scanner che si utilizza. In alcuni casi è possibile utilizzare un sistema semiautomatico di test, che consente di scansionare in 23

24 modo continuo e ad intervalli di tempo prestabiliti dall operatore, un determinato piano anatomico. Tale piano, deciso in fase di programmazione dell acquisizione, dovrà comprendere l aorta ascendente. All avvio della scansione test, si farà partire simultaneamente l iniezione di m.d.c. In questo modo, l operatore sarà in grado di valutare visivamente l arrivo del m.d.c nell aorta ascendente e potrà quindi (tenendo conto del ritardo di acquisizione dovuto ai comandi relativi alla respirazione), dare inizio alla scansione definitiva. Alcuni programmi consentono la gestione del ritardo dell acquisizione in modo completamente automatico. In questo caso si procederà all acquisizione di un piano anatomico comprendente l aorta ascendente e si collocherà nella stessa una roi (regione di interesse), in modo da valutare il valore di densità in tale zona. Dopodiché si chiederà allo scanner di iniziare l acquisizione angiografica, solo nel momento in cui nella suddetta regione di interesse (aorta ascendente) sarà presente un valore di densità di +100 HU (unità Hounsfield). A questo punto, simultaneamente all iniezione del m.d.c, il programma effettuerà delle scansioni continue ad intervalli di tempo ravvicinati, sul piano selezionato in precedenza. L acquisizione avrà luogo esclusivamente quando nella roi sarà rilevato il valore di densità programmato. E da ricordare che le calcificazioni aortiche, hanno una densità simile a quella del m.d.c, pertanto per non incorrere in partenze accidentali dell acquisizione, è da evitare il posizionamento della roi in prossimità di queste. 24

25 In presenza di dette condizioni, è consigliabile per il posizionamento della roi, scegliere un piano anatomico diverso e privo di materiale calcifico. Un altro sistema di valutazione del ritardo arterioso, consiste nel somministrare al paziente una piccola quantità di m.d.c (bolo test) sufficiente ad iniettare per un breve lasso di tempo l aorta ascendente. Il suddetto bolo, dovrà avere la medesima velocità di flusso del m.d.c che si intende utilizzare successivamente, per l acquisizione vera e propria. Durante l iniezione del bolo test, lo scanner effettuerà delle scansioni continue su di un piano anatomico prestabilito e comprendente l aorta ascendente. A questo punto l operatore, a seguito di una valutazione visiva, annoterà il tempo intercorso dall inizio del bolo test alla visualizzazione dello stesso in sede aortica ascendente. Tale ritardo, verrà riproposto successivamente in fase di acquisizione angiografica. 7\11 - PARAMETRI DI SCANSIONE DELLA FASE ANGIOGRAFICA A seconda del tipo di scanner utilizzato e dal numero di linee di detettori presenti nel sistema, i parametri di scansione possono variare notevolmente. Lo studio del cuore e delle arterie coronarie viene effettuato con apparecchiature da (ultimamente si è arrivati a 40) linee di detettori, in grado di ottenere altrettanti tagli anatomici per ogni rotazione del tubo. La durata complessiva dell acquisizione, può variare dai 40 secondi per tomografi a 4 linee a meno di 20 secondi per quelli a 16 linee. 25

26 I protocolli di scansione angiografica relativi all utilizzo di scanner a 4 linee sono i seguenti: Detettori 4 Collimazione 1 mm KiloVolt 120 MilliAmpere/s 400 Tempo di rotazione 500ms Modulazione mas Sistolica Risoluz. Temporale effettiva 250 ms Risoluz. Temporale massima 125 ms Avanzamento\rotazione 1,5 mm Avanzamento\secondo 3.0 mm Pitch del detettore 1,5 Pitch conico 0,375 Tempo di scansione ( mm) 40-45s Ricostruzione Spessore effettivo di strato 1.25 mm Intervallo di ricostruzione 0,8 mm Campo di vista mm Filtro di convoluzione Medio Finestra (ampiezza\centro) 600\200 I risultati ottenuti con apparecchiature a 4 linee hanno dato risultati incoraggianti. Tuttavia, non possono essere utilizzati nella routine in quanto presentano una buona percentuale di vasi esclusi dalla valutazione, a causa di artefatti da movimento e\o da calcificazioni coronariche. L avvento della tecnologia a 16 linee, ha risolto brillantemente il problema, apportando un notevole miglioramento a livello di risoluzione temporale, spaziale e di contrasto. La riduzione sia del tempo di rotazione da 500 a 420 ms che dello spessore di strato da 1,25 a 0,75 mm, ha infatti permesso una miglior valutazione delle eventuali stenosi coronariche, tale da proporne l utilizzo clinico su larga scala. 26

27 I protocolli di scansione angiografica relativi all utilizzo di scanner a 16 linee sono i seguenti: Detettori 16 Collimazione 0,75 mm KiloVolt 120 MilliAmpere/s Tempo di rotazione 420ms Modulazione mas Sistolica Risoluz. Temporale effettiva 210 ms Risoluz. Temporale massima 105 ms Avanzamento\rotazione 3,0 mm Avanzamento\secondo 7,1 mm Pitch del detettore 4,0 Pitch conico 0,25 Tempo di scansione ( mm) 17-20s Ricostruzione Spessore effettivo di strato 0,75-1mm Intervallo di ricostruzione 0,5-0,6 mm Campo di vista mm Filtro di convoluzione Medio Finestra (ampiezza\centro) 600\ DOSE ASSORBITA La dose di radiazioni che viene somministrata durante l acquisizione, può variare a seconda del volume di studio, del sesso del paziente e dei parametri di scansione utilizzati. Mediamente, la dose assorbita durante una acquisizione non controllata dalla modulazione prospettica del milliamperaggio, è di circa 6,80mSv nel maschio e di circa 10,10 msv nella femmina. Nel caso in cui l emissione dei raggi X, viene invece sincronizzata prospetticamente all ECG mediante la modulazione della corrente del tubo radiogeno, le dosi 27

QUESTIONARIO TECNICO DITTA PRODUTTRICE: MODELLO OFFERTO

QUESTIONARIO TECNICO DITTA PRODUTTRICE: MODELLO OFFERTO QUESTIONARIO TECNICO DITTA PRODUTTRICE: MODELLO OFFERTO 1 GANTRY Diametro del tunnel Angoli inclinazione dello stativo (indicare se comandabile dalla consolle principale) Distanza fuoco-rivelatori in mm

Dettagli

FORNITURA DI APPARECCHIATURE DI RADIOLOGIA: CONFIGURAZIONI E CARATTERISTICHE TECNICHE, OPERATIVE E FUNZIONALI MINIME

FORNITURA DI APPARECCHIATURE DI RADIOLOGIA: CONFIGURAZIONI E CARATTERISTICHE TECNICHE, OPERATIVE E FUNZIONALI MINIME ALLEGATO 3 FORNITURA DI APPARECCHIATURE DI RADIOLOGIA: CONFIGURAZIONI E CARATTERISTICHE TECNICHE, OPERATIVE E FUNZIONALI MINIME LOTTO APPARECCHIATURA SPESA COMPLESSIVA IVA ESCLUSA 1 FORNITURA DI N. 1 APPARECCHIATURA

Dettagli

"TC DEL TORACE E DEL MEDIASTINO"

TC DEL TORACE E DEL MEDIASTINO Updating 09 - Aggiornamento e cultura professionale VI Alberobello 23, 24,25 marzo 2009 La diagnostica per Immagini Bodytrend "TC DEL TORACE E DEL MEDIASTINO" TSRM : OSCAR BRAZZO ASL BA P.O. DI VENERE

Dettagli

Corso di laurea in. Tecniche di radiologia medica per immagine e radioterapia

Corso di laurea in. Tecniche di radiologia medica per immagine e radioterapia Corso di laurea in Tecniche di radiologia medica per immagine e radioterapia 1 Storia La Tomografia Assiale Computerizzata è il primo esempio di tecnica radiologica digitale che converte le informazioni

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE

SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: MODALITA DI FORMAZIONE DELL IMMAGINE SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE: ACQUISIZIONE DELL IMMAGINE TC Un

Dettagli

Requisiti minimi richiesti:

Requisiti minimi richiesti: AT-01-SR APPARECCHIATURA CARDIO TC MULTISLICE DI ULTIMA GENERAZIONE A ROTAZIONE CONTINUA CON SCANSIONE VOLUMETRICA, DOPPIA ENERGIA E WORKSTATION INDIPENDENTE Le Ditte dovranno proporre apparecchiature

Dettagli

TAC SPIRALE MULTISTRATO DA ALMENO 32 STRATI COMPLETA DI WORKSTATION DI POST-ELABORAZIONE INDIPENDENTE

TAC SPIRALE MULTISTRATO DA ALMENO 32 STRATI COMPLETA DI WORKSTATION DI POST-ELABORAZIONE INDIPENDENTE TAC SPIRALE MULTISTRATO DA ALMENO 32 STRATI COMPLETA DI WORKSTATION DI POST-ELABORAZIONE INDIPENDENTE CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI MINIME PENA L ESCLUSIONE SARANNO VALUTATI I SEGUENTI REQUISITI

Dettagli

FUNZIONAMENTO DI CUORE E CORONARIE

FUNZIONAMENTO DI CUORE E CORONARIE Lega Friulana per il Cuore FUNZIONAMENTO DI CUORE E CORONARIE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della Lega

Dettagli

L apparato cardio-vascolare. Dr.ssa Federica Sozio U.O. Malattie Infettive

L apparato cardio-vascolare. Dr.ssa Federica Sozio U.O. Malattie Infettive L apparato cardio-vascolare Dr.ssa Federica Sozio U.O. Malattie Infettive L apparato cardiovascolare è costituito dal cuore e dai vasi sanguigni, nelle cui cavità il sangue circola in continuazione. Il

Dettagli

Università degli Studi di L Aquila Corso di Laurea Triennale in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia

Università degli Studi di L Aquila Corso di Laurea Triennale in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia Università degli Studi di L Aquila Corso di Laurea Triennale in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia Riconoscimento Crediti A.A. 2007-2008 Tesina: Studio delle Rocche Petrose con

Dettagli

CAPITOLATO SIMULATORE

CAPITOLATO SIMULATORE AZIENDA OSPEDALIERA PUGLIESE - CIACCIO AREA ACQUISIZIONE BENI E SERVIZI Sede legale: Via V. Cortese, 10 88100Catanzaro Via V. Cortese, 25-88100 CATANZARO Tel. 0961.883582 Fax 0961.883505 P.IVA 01991520790

Dettagli

Il sistema cardiovascolare: il cuore

Il sistema cardiovascolare: il cuore Il sistema cardiovascolare: il cuore SEDE: Occupa +/- centro cavità Toracica Base: in alto, a destra, indietro Forma di Cono Apice: in basso, a sinistra, in avanti (5 spazio intercostale ) Peso: circa

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO TC RACHIDE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO TC RACHIDE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO TC RACHIDE INTRODUZIONE TC La TC è una metodica radiologica che sfruttando la rotazione del tubo radiogeno intorno ad un oggetto fornisce immagini tomografiche pressochè

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA LE TECNOLOGIE PIU AVANZATE: TDI PULSATO E COLORE 2D SPECKLE TRACKING 3D

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA LE TECNOLOGIE PIU AVANZATE: TDI PULSATO E COLORE 2D SPECKLE TRACKING 3D AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA U.O. Ambulatori Cardiologici Specialistici di Screening e Pre-ospedalizzazione LE TECNOLOGIE PIU AVANZATE: TDI PULSATO E COLORE 2D SPECKLE TRACKING 3D Federica Sambugaro DOPPLER

Dettagli

TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA

TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA Storia Negli anni 30 il radiologo italiano Alessandro Vallebona propose un metodo per rappresentare un solo strato del corpo sulla pellicola radiografica: la stratigrafia. Sfruttando

Dettagli

Tecniche di Post-processing. Tsrm Dr. Daniele Di Di Feo Dir U.O. Dr C.Fonda A.O.U. Meyer Firenze

Tecniche di Post-processing. Tsrm Dr. Daniele Di Di Feo Dir U.O. Dr C.Fonda A.O.U. Meyer Firenze Tecniche di Post-processing Tsrm Dr. Daniele Di Di Feo Dir U.O. Dr C.Fonda A.O.U. Meyer Firenze introduzioni Gli algoritmi di visualizzazione tridimensionale richiedono l uso di dati di tipo volumetrico,,

Dettagli

STUDIO DELLE VALVULOPATIE AORTICHE

STUDIO DELLE VALVULOPATIE AORTICHE AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA U.O. Ambulatori Cardiologici Specialistici di Screening e Pre-ospedalizzazione STUDIO DELLE VALVULOPATIE AORTICHE Federica Sambugaro VALVOLA AORTICA Aspetto normale Parasternale

Dettagli

Materiale del sito http://www.lezionidimedicina.altervista.org/ L ECOCARDIOGRAMMA

Materiale del sito http://www.lezionidimedicina.altervista.org/ L ECOCARDIOGRAMMA L ECOCARDIOGRAMMA E uno strumento che serve a comprendere l anatomia cardiaca ( fisiologica e patologica ) e a dare informazioni sullo stato delle valvole e sulla contrazione ventricolare. PRINCIPI L orecchio

Dettagli

LA TENTAZIONE DELLA CT SPIRALE ED IL RISCHIO DELLE RADIAZIONI

LA TENTAZIONE DELLA CT SPIRALE ED IL RISCHIO DELLE RADIAZIONI Rel. 03/2009 13-02-2009 13:36 Pagina 25 LA TENTAZIONE DELLA CT SPIRALE ED IL RISCHIO DELLE RADIAZIONI F. Cademartiri*, E. Maffei*, A. Palumbo*, C. Martini* *Dipartimento di Radiologia, Azienda Ospedaliero-Universitaria,

Dettagli

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CROCE ROSSA ITALIANA GRUPPO DI TRENTO APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO V.d.S. I.P. Franco Onere CORSO PER ASPIRANTI VOLONTARI DEL SOCCORSO Il sistema circolatorio è preposto alla circolazione del sangue ed

Dettagli

CARDIO TC TECNICA FLASH VS STEP AND SHOOT

CARDIO TC TECNICA FLASH VS STEP AND SHOOT CARDIO TC TECNICA FLASH VS STEP AND SHOOT Manoj Palapurackal TRM 3 Scuola superiore medico tecnica Lavoro di diploma 2010/2011 Abstract Il panorama diagnostico nella lotta contro le patologie cardiovascolari

Dettagli

STENOSI MITRALICA. 5 mm) Ispessimento esteso per 1/3 della lunghezza delle corde

STENOSI MITRALICA. 5 mm) Ispessimento esteso per 1/3 della lunghezza delle corde STENOSI MITRALICA Valutazione anatomica La valvola mitralica è facilmente esplorabile con tecnica ecocardiografica sia dall'approccio parasternale che apicale. La causa di gran lunga più frequente della

Dettagli

Coronarografia non invasiva: indicazioni e requisiti professionali

Coronarografia non invasiva: indicazioni e requisiti professionali POSITION PAPER Coronarografia non invasiva: indicazioni e requisiti professionali Tale documento è frutto del lavoro della Commissione istituita dalla Federazione Italiana di Cardiologia sull uso delle

Dettagli

ALLEGATO A SCHEDA TECNICA

ALLEGATO A SCHEDA TECNICA CARATTERISTICHE MINIME (PENA L ESCLUSIONE E LA NON AMMISSIONE ALLA GARA) Destinazione d uso: Impiego di tecnologie radiologiche 3D (TC) per la realizzazione di dispositivi protesici custom made Ubicazione:

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA Le 12 derivazioni dell ECG di superficie completo. Caratteristiche di un vettore: Grandezza Direzione Polarità

Dettagli

Informazioni per il PAZIENTE SPECT miocardica di perfusione a riposo o dopo stimolo cod. 92.05.4

Informazioni per il PAZIENTE SPECT miocardica di perfusione a riposo o dopo stimolo cod. 92.05.4 Informazioni per il PAZIENTE SPECT miocardica di perfusione a riposo o dopo stimolo cod. 92.05.4 Che cos è la SPET miocardica di perfusione? E una indagine diagnostica che permette di studiare quanto sangue

Dettagli

L acquisizione delle immagini: Uso del contrasto, Passo, Controllo del respiro T. Magli M. Magli E. D Ettorre F. Boccuzzi

L acquisizione delle immagini: Uso del contrasto, Passo, Controllo del respiro T. Magli M. Magli E. D Ettorre F. Boccuzzi L acquisizione delle immagini: Uso del contrasto, Passo, Controllo del respiro T. Magli M. Magli E. D Ettorre F. Boccuzzi S.S.D. Radiologia Ospedale S.Giuseppe Moscati Taranto Struttura Complessa di Radiologia

Dettagli

Il problema delle calcificazioni. Este 29.11.2013

Il problema delle calcificazioni. Este 29.11.2013 Il problema delle calcificazioni Este 29.11.2013 il tratto extracranico delle arterie carotidi si presta in maniera ottimale allo studio mediante eco-color-doppler I miglioramenti tecnologici apportati

Dettagli

PARAMETRI DI VALUTAZIONE QUALITATIVA

PARAMETRI DI VALUTAZIONE QUALITATIVA PARAMETRI DI VALUTAZIONE QUALITATIVA LOTTO n. 1 - KIT OSSIGENANTE PER PAZIENTI DI PESO DA A 40 Kg Dimensioni superficie della membrana. MAX10 - minore o uguale a 1,3 m 2 10 - da 1,3 m 2 a 1,5 m 2 5 Minimo

Dettagli

L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO

L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO L' APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO è un sistema complesso costituito dal cuore e da una serie di condotti, i vasi sanguigni dentro i quali scorre il sangue. Il modo più semplice

Dettagli

La TC. e il mezzo di. contrasto

La TC. e il mezzo di. contrasto Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 La TC e il mezzo di contrasto INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV AL6-0 03/10/2011 INDICE Che cosa è la TAC o meglio la TC? 4 Tutti possono essere

Dettagli

L ELETTROCARDIOGRAFIA DI BASE

L ELETTROCARDIOGRAFIA DI BASE Ospedale san Giovanni Battista di Torino L ELETTROCARDIOGRAFIA DI BASE cpsi Mazzini Diana cpsi Bonanno Vita s.c. cardiologia ospedaliera dott. Marra s.c. cardiologia universitaria prof. Gaita Il cuore:

Dettagli

IL CUORE NORMALE. La sua circolazione e il suo sviluppo

IL CUORE NORMALE. La sua circolazione e il suo sviluppo CAPITOLO THE NORMAL HEART: Its circulation and development 1 IL CUORE NORMALE La sua circolazione e il suo sviluppo Il cuore e i polmoni sono situati nel torace, protetti dallo sterno, dalla gabbia toracica

Dettagli

Posizionamento acquisizioni e tecniche di acquisizione

Posizionamento acquisizioni e tecniche di acquisizione Queste diapositive fanno parte di un corso completo e sono a cura dello staff di rm-online.it E vietata la riproduzione anche parziale Posizionamento acquisizioni e tecniche di acquisizione Centratura

Dettagli

03/05/14 ERASMO DI MACCO SCUOLA DI ECOGRAFIA GENERALISTA SIEMG - FIMMG

03/05/14 ERASMO DI MACCO SCUOLA DI ECOGRAFIA GENERALISTA SIEMG - FIMMG 03/05/14 La patologia dei grossi vasi addominali Vibo Valenzia 01-03 maggio 2014 La patologia dei grossi vasi addominali Lo studio dei vasi addominali costituisce parte integrante dello studio ecografico

Dettagli

Introduzione alla Tomografia Assiale Computerizzata (T.A.C.)

Introduzione alla Tomografia Assiale Computerizzata (T.A.C.) Introduzione alla Tomografia Assiale Computerizzata (T.A.C.) di Ilaria Cacciotti, Federica Caselli, Santina Iudicello Lavoro coordinato dal prof. Gaspare Galati nell ambito dell insegnamento Rappresentazione

Dettagli

EMODINAMICA DEL FLUSSO EMATICO

EMODINAMICA DEL FLUSSO EMATICO EMODINAMICA DEL FLUSSO EMATICO FLUSSO LAMINARE SI OSSERVA PER VELOCITA DI FLUSSO CONTENUTE E COSTANTI. LE MOLECOLE DEL FLUIDO TENDONO A DISPORSI IN LAMELLE DI SCORRIMENTO CONCENTRICHE, IL CUI MOTO RISULTA

Dettagli

Sequenza di insorgenza dei potenziali d azione d varie parti del cuore

Sequenza di insorgenza dei potenziali d azione d varie parti del cuore Sequenza di insorgenza dei potenziali d azione d nelle varie parti del cuore NSA NAV NSA Atri NAV Fascio His Fibre Purkinje Miociti ventricoli ELETTROCARDIOGRAMMA (ECG) L ECG è la registrazione, nel tempo,

Dettagli

COLONSCOPIA VIRTUALE - stato dell arte - Dr. P. QUADRI Dip. Diagnostica per Immagini Ospedale S.Paolo - SV -

COLONSCOPIA VIRTUALE - stato dell arte - Dr. P. QUADRI Dip. Diagnostica per Immagini Ospedale S.Paolo - SV - COLONSCOPIA VIRTUALE - stato dell arte - Dr. P. QUADRI Dip. Diagnostica per Immagini Ospedale S.Paolo - SV - La TC spirale multistrato consente di ottenere un volume di dati dell intero addome in una unica

Dettagli

Fondamenti della Tomosintesi della Mammella:

Fondamenti della Tomosintesi della Mammella: Fondamenti della Tomosintesi della Mammella: Miglioramento delle prestazioni in mammografia Andrew Smith Ph.D. Introduzione La tomosintesi della mammella è una tecnologia di visualizzazione tridimensionale

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE DEL CANE

CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE DEL CANE CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE DEL CANE www.clinicaveterinariagransasso.it www.veterinaryechocardiography.eu TRATTAMENTO DEL DOTTO ARTERIOSO PERVIO (PDA) Patent Ductus Arteriosus

Dettagli

SISTEMA DIAGNOSTICO GAMMA CAMERA 1

SISTEMA DIAGNOSTICO GAMMA CAMERA 1 ALLEGATO A Azienda USL n. 8 Cagliari SISTEMA DIAGNOSTICO GAMMA CAMERA 1 Descrizione della fornitura ed esigenze cliniche: 1 Apparecchiature da fornire ed esigenze cliniche: 1 Esigenze cliniche 1 Caratteristiche

Dettagli

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini L ECG: che fare oggi? Benche l Elettrocardiogramma abbia 100 anni e ancora al centro della Medicina cardiovascolare! A CONDIZIONE CHE L ECG VENGA COMPUTERIZZATO, LA SUA ANALISI VENGA CENTRALIZZATA E QUINDI

Dettagli

Matematica e Ecocardiografia

Matematica e Ecocardiografia Matematica e Ecocardiografia Un primo approccio al C++ di Andrea Centomo Liceo F. Corradini di Thiene Email: andrea.centomo@istruzione.it 2 febbraio 2009 1 Introduzione Nell indagine ecocardiografica Doppler

Dettagli

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1 L apparato circolatorio e l attività sportiva a.s. 2004/2005 1 L apparato cardiocircolatorio Se riempiamo una vetta contenente del sangue e la mettiamo in una centrifuga, possiamo osservare che si separano

Dettagli

L APPARATO CIRCOLATORIO

L APPARATO CIRCOLATORIO L APPARATO CIRCOLATORIO Tutte le cellule del nostro corpo hanno bisogno di sostanze nutritive e di ossigeno per svolgere le loro funzioni vitali. Così, esiste il sangue, un tessuto fluido che porta in

Dettagli

I SOFFI CARDIACI approfondimenti

I SOFFI CARDIACI approfondimenti Semeiotica e Metodologia Clinica 5 I SOFFI CARDIACI approfondimenti A cura di FV Costa & C.Ferri Soffi cardiaci 1. DEFINIZIONE: Rumori cardiaci generati da moti vorticosi del flusso ematico, di durata

Dettagli

PARLIAMO DI. ECG Normale Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.

PARLIAMO DI. ECG Normale Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact. PARLIAMO DI ECG Normale Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.com Lettura di Elettrocardiogramma a dodici derivazioni! Lettura di Elettrocardiogramma

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

SELEZIONE DEI PAZIENTI. MATERIALI Stent autoespandibili Filtri di protezione cerebrale distale TECNICHE

SELEZIONE DEI PAZIENTI. MATERIALI Stent autoespandibili Filtri di protezione cerebrale distale TECNICHE SELEZIONE DEI PAZIENTI MATERIALI Stent autoespandibili Filtri di protezione cerebrale distale TECNICHE SELEZIONE DEL PAZIENTE COMPLICANZE 0-1% SELEZIONE DEL PAZIENTE Valutazione polispecialistica: Collaborazione

Dettagli

1.1 Apparato circolatorio 1.1.1 CUORE

1.1 Apparato circolatorio 1.1.1 CUORE 1.1 Apparato circolatorio L apparato cardiocircolatorio è assimilabile ad un circuito idraulico, in cui la pompa è il cuore, arterie e vene sono le condutture ed il liquido circolante è il sangue. La circolazione

Dettagli

RISONANZA MAGNETICA DELLA MAMMELLA

RISONANZA MAGNETICA DELLA MAMMELLA Trattamento ed assistenza alla donna con neoplasia mammaria nella sua globalità AZIENDA ULSS n. 7 Regione Veneto Dip. di Diagnostica per Immagini Conegliano U.O. Risonanza Magnetica RISONANZA MAGNETICA

Dettagli

TOMOGRAFIA TIPI DI TOMOGRAFIA

TOMOGRAFIA TIPI DI TOMOGRAFIA TOMOGRAFIA Il termine tomografia deriva dal Greco antico e significa rappresentazione di un corpo tridimensionale (3D) mediante una serie di sue sezioni trasverse bidimensionali (2D). Nell imaging medico

Dettagli

TC del Massiccio Facciale

TC del Massiccio Facciale TC del Massiccio Facciale Anatomicamente, il massiccio facciale è composto da strutture ossee che contengono e circoscrivono cavità aeree che, rivestite da mucose, formano i seni paranasali. Grazie a queste

Dettagli

Principali Funzioni dell App. Cardiovascolare

Principali Funzioni dell App. Cardiovascolare Principali Funzioni dell App. Cardiovascolare Distribuzione (ossigeno e sostanze nutritive) Rimozione (anidride carbonica e scorie del metabolismo) Trasporto (ormoni) Mantenimento (temperatura corporea,

Dettagli

Tecnica dello studio Body in R.M.N.

Tecnica dello studio Body in R.M.N. Tecnica dello studio Body in R.M.N. Collo in R.M.N. Utilizzo della bobina neurovascular. Centraggio sulla cartilagine tiroidea. Viene invitato il Pz. a deglutire il meno possibile al fine di evitare artefatti

Dettagli

Brevi linee guida sulle indicazioni all esecuzione di un esame Cardio TC (revisione 2012)

Brevi linee guida sulle indicazioni all esecuzione di un esame Cardio TC (revisione 2012) 0861429310 0861429309 Brevi linee guida sulle indicazioni all esecuzione di un esame Cardio TC (revisione 2012) Introduzione Le evoluzioni tecnologiche recenti hanno permesso alla cardio TC di inserirsi

Dettagli

CPR Rianimazione cardiopolmonare

CPR Rianimazione cardiopolmonare Tema 04 CPR Rianimazione cardiopolmonare Articolo n. 1402 Csocc Tema 04 Sequenza 01 Pagina 01 Versione 200610i Schema ABCD Respirazione artificiale Situazione di partenza/posizione del paziente Se al punto

Dettagli

Dispositivi medici per diagnostica e terapia Dott.ssa Alessandra Bernardini

Dispositivi medici per diagnostica e terapia Dott.ssa Alessandra Bernardini Dispositivi medici per diagnostica e terapia Dott.ssa Alessandra Bernardini 1 Apparecchiature radiologiche medicali In medicina le apparecchiature radiografiche vengono utilizzate per: diagnosi dentale

Dettagli

Teoria di riferimento per il funzionamento del Contropulsatore Aortico. Sergio del Rosso, Luigi Grisoni

Teoria di riferimento per il funzionamento del Contropulsatore Aortico. Sergio del Rosso, Luigi Grisoni Teoria di riferimento per il funzionamento del Contropulsatore Aortico Novara, Maggio 2012 Sergio del Rosso, Luigi Grisoni Le componenti del sistema Le prestazioni della terapia sono soggette e alle caratteristiche

Dettagli

M. Spadafora,* L. Mansi

M. Spadafora,* L. Mansi MEDICINA NUCLEARE Potenziale informativo e modalità di rappresentazione della scintigrafia miocardica di perfusione con tecnica gated-spect attraverso la descrizione di un singolo caso clinico M. Spadafora,*

Dettagli

CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI. - sessione teorica - IL CORPO UMANO : L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO

CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI. - sessione teorica - IL CORPO UMANO : L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI - sessione teorica - IL CORPO UMANO : L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO IL SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO L'apparato cardiocircolatorio è costituito

Dettagli

Da: Schmidt et al.. Fisiologia Umana

Da: Schmidt et al.. Fisiologia Umana Da: Schmidt et al.. Fisiologia Umana 1 ASSE ELETTRICO CARDIACO Nella diagnostica è importante valutare l orientamento del vettore elettrico ventricolare (asse elettrico cardiaco), che dà un indicazione

Dettagli

hystamina@hackmed.org John Hampton - CAPITOLO 4 http://www.hackmed.org

hystamina@hackmed.org John Hampton - CAPITOLO 4 http://www.hackmed.org CAPITOLO 4 ANOMALIE DELL'ONDA P, QRS E T Quando si interpreta un ECG, si analizza prima di tutto il ritmo e la frequenza. Poi bisogna porsi le seguenti domande, sempre nello stesso ordine: 1. Ci sono delle

Dettagli

L ecocardiografia nel Policlinico di Bari: oggi è possibile guardare nel cuore anche in tre dimensioni

L ecocardiografia nel Policlinico di Bari: oggi è possibile guardare nel cuore anche in tre dimensioni ASSISTENZA L ecocardiografia nel Policlinico di Bari: oggi è possibile guardare nel cuore anche in tre dimensioni Paolo Colonna, Ennio Michelotto, Margherita Sorino, Vittoria Ostuni, Maria Ida Pansini,

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Implementation of finite element models for the biomechanical analysis of the atrioventricular heart valves Marco Stevanella

Implementation of finite element models for the biomechanical analysis of the atrioventricular heart valves Marco Stevanella Implementation of finite element models for the biomechanical analysis of the atrioventricular heart valves Marco Stevanella Dipartimento di Bioingegneria, Politecnico di Milano, Milano, Italy Anatomia

Dettagli

Dimensioni, aree e volumi intracavitari Massa e stress parietale Funzione globale Segmentazione e funzione regionale Funzione ventricolare dx

Dimensioni, aree e volumi intracavitari Massa e stress parietale Funzione globale Segmentazione e funzione regionale Funzione ventricolare dx CORSO DI ECOCARDIOGRAFIA di I Livello 23-24-25 Gennaio 2014 Palermo Grand Hotel Piazza Borsa PRIMO GIORNO 23 GENNAIO 2014 8,30 Registrazione dei partecipanti e consegna del materiale didattico ECM Presentazione

Dettagli

AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA PEDIATRICA ULSS 16 Padova - Distretto 2. Relazione dei primi 18 mesi di attività

AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA PEDIATRICA ULSS 16 Padova - Distretto 2. Relazione dei primi 18 mesi di attività AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA PEDIATRICA ULSS 16 Padova - Distretto 2 Relazione dei primi 18 mesi di attività Per cardiopatia congenita si intende comunemente una importante anomalia strutturale del cuore

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO A CURA DI:

OPUSCOLO INFORMATIVO A CURA DI: OPUSCOLO INFORMATIVO A CURA DI: Dott. Riccardo Cappato Presidente ANA-Aritmie Prof. Francesco Furlanello Coordinatore Nazionale Attività Formativa ANA-Aritmie Silvia Siminelli Segretario Generale ANA-Aritmie

Dettagli

Appunti di Cardiochirurgia Direttore: Prof. Giuseppe Di Benedetto

Appunti di Cardiochirurgia Direttore: Prof. Giuseppe Di Benedetto DIPARTIMENTO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Appunti di Cardiochirurgia Direttore: Prof. Giuseppe Di Benedetto Dipartimento Cuore Anatomia cardiaca II parte dr. Antonio

Dettagli

Un modo completamente nuovo di vedere i vostri pazienti. Sistema di radiografia digitale 3D a fascio conico (Cone Beam) per applicazione dentale

Un modo completamente nuovo di vedere i vostri pazienti. Sistema di radiografia digitale 3D a fascio conico (Cone Beam) per applicazione dentale Un modo completamente nuovo di vedere i vostri pazienti. Sistema di radiografia digitale 3D a fascio conico (Cone Beam) per applicazione dentale Riduzione dei costi e produzione di immagini ad alto contenuto

Dettagli

SOSTITUZIONE VALVOLARE AORTICA

SOSTITUZIONE VALVOLARE AORTICA SOSTITUZIONE VALVOLARE AORTICA CHE COS E LA VALVOLA AORTICA La valvola aortica e' posta tra il ventricolo sinistro e l'arteria aorta. Il ventricolo sinistro e' la parte del cuore che ha il compito di pompare

Dettagli

L elettrocardiogramma nel paziente con soffio

L elettrocardiogramma nel paziente con soffio L elettrocardiogramma nel paziente con soffio Dott. Roberto Santilli Med.Vet., PhD, D.E.C.V.I.M.-C.A. (Cardiology) Clinica Veterinaria Malpensa Samarate Varese - Italy Tecnica Elettrocardiografia Monitoraggio

Dettagli

L Ascoltazione del Cuore Toni cardiaci fisiologici e patologici. www.fisiokinesiterapia.biz

L Ascoltazione del Cuore Toni cardiaci fisiologici e patologici. www.fisiokinesiterapia.biz L Ascoltazione del Cuore Toni cardiaci fisiologici e patologici www.fisiokinesiterapia.biz FOCOLAI DI AUSCULTAZIONE ANATOMICI E ELETTIVI M- F. MITRALE > itto T- F.TRICUSPIDE > IV spazio intercostale (S.I.),

Dettagli

ALLEGATO D (da allegare alla documentazione tecnica) SISTEMA PER ANGIOGRAFIA MULTIDISCIPLINARE QUESTIONARIO TECNICO

ALLEGATO D (da allegare alla documentazione tecnica) SISTEMA PER ANGIOGRAFIA MULTIDISCIPLINARE QUESTIONARIO TECNICO ALLEGATO D (da allegare alla documentazione tecnica) QUESTIONARIO TECNICO SISTEMA PER ANGIOGRAFIA MULTIDISCIPLINARE 1 DITTA PRODUTTRICE 2 DITTA DISTRIBUTRICE 3 MODELLO 4 ANNO DI PRIMA IMMISSIONE SUL MERCATO

Dettagli

Si palpa con il paziente supino o in decubito laterale sinistro.

Si palpa con il paziente supino o in decubito laterale sinistro. Ispezione: si va a vedere sulla parete toracica il sollevamento protosistolico del VS, di breve durata, di piccola ampiezza (itto della punta: V spazio intercostale sull emiclaveare*, area < 3 cm) che

Dettagli

Elettrocardiografia per Immagini: Rapido Apprendimento Tramite CD-ROM. Gian Piero Carboni

Elettrocardiografia per Immagini: Rapido Apprendimento Tramite CD-ROM. Gian Piero Carboni Elettrocardiografia per Immagini: Rapido Apprendimento Tramite CD-ROM Gian Piero Carboni Il Prof Gian Piero Carboni lavora presso il Policlinico Universitario sin dalla sua fondazione risalente a primi

Dettagli

Diagnostica per immagini

Diagnostica per immagini Diagnostica per immagini Risonanza magnetica TAC Radiografia Mammografia O.P.T. Ecografia Visite specialistiche Prove sotto sforzo Holter cardiaco e pressorio Un contesto che vuole offrire serenità e comprensione

Dettagli

ECG FACILE. Traduzione della 5 edizione inglese di: The ECG made easy

ECG FACILE. Traduzione della 5 edizione inglese di: The ECG made easy ECG FACILE Traduzione della 5 edizione inglese di: The ECG made easy John R. Hampton Professore di cardiologia Università di Nottingham, Nottingham, UK Versione italiana a cura di hystamina@hackmed.org

Dettagli

Introduzione. Introduzione 7

Introduzione. Introduzione 7 Introduzione In Italia angina e infarto uccidono più uomini di qualsiasi altra malattia e le donne ne sono colpite sei volte più del tumore al seno. Alla base di queste patologie c è una malattia delle

Dettagli

L apparato cardiocircolatorio

L apparato cardiocircolatorio L apparato cardiocircolatorio L apparato cardio-circolatorio E costituito da tre strutture diverse: Il cuore I vasi sanguigni Il sangue Il cuore Funziona come una pompa premente (ventricoli) e aspirante

Dettagli

Apparato Cardiocircolatorio 2 cuore

Apparato Cardiocircolatorio 2 cuore Apparato Cardiocircolatorio 2 cuore Il cuore Fisiologia cellulare e generale (4.3 pg 127) Il cardiomiocita Elettrofisiologia: canali ionici, PDA Contrattilità: calcio, miosina. Diversi tipi di cardiomiociti

Dettagli

Parete Addominale Muscoli Fasce - Vascolarizzazione

Parete Addominale Muscoli Fasce - Vascolarizzazione Muscoli Fasce - Vascolarizzazione Cute Fascia superficiale (di Camper) Tessuto sottocutaneo Aponeurosi o fascia dei m. retti Fascia trasversale dell addome Tessuto adiposo preperitoneale Foglietto parietale

Dettagli

Procedura aperta per la fornitura mediante la formula dell acquisto e del noleggio di apparecchiature per tomografia computerizzata TC

Procedura aperta per la fornitura mediante la formula dell acquisto e del noleggio di apparecchiature per tomografia computerizzata TC Procedura aperta per la fornitura mediante la formula dell acquisto e del noleggio di apparecchiature per tomografia computerizzata TC CIG n 019464956E B-CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 OGGETTO ED AMMONTARE

Dettagli

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO TURBE del SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI APP. CARDIOCIRCOLATORIO OBIETTIVI Cenni di ANATOMIA e FISIOLOGIA dell APP. CARDICIRCOLATORIO il

Dettagli

L Immagine Digitale e RM

L Immagine Digitale e RM L Immagine Digitale e RM Queste diapositive fanno parte di un corso completo e sono a cura dello staff di rm-online.it E vietata la riproduzione anche parziale Intro Tutto il lavoro effettuato in risonanza

Dettagli

L apparato circolatorio. Prof.ssa Paola Sirigu

L apparato circolatorio. Prof.ssa Paola Sirigu L apparato circolatorio COME SIAMO FATTI? Il nostro corpo è composto da milioni e milioni di cellule. Le cellule che svolgono funzioni simili sono organizzate in tessuti. Un insieme di diversi tessuti

Dettagli

La prevenzione dell Arresto Cardiaco. Napoli 6 Giugno 2008

La prevenzione dell Arresto Cardiaco. Napoli 6 Giugno 2008 La prevenzione dell Arresto Cardiaco Napoli 6 Giugno 2008 Prevenzione delle morti improvvise nel giovane e nello sport Giuseppe Palazzo Obiettivi Epidemiologia morte improvvisa ed attività fisica Prevenzione

Dettagli

LA RISONANZA MAGNETICA

LA RISONANZA MAGNETICA LA RISONANZA MAGNETICA La Risonanza Magnetica è la tecnica che consente di analizzare il corpo umano basandosi sull'esame degli effetti di un campo magnetico stabile, perturbato da impulsi di radiofrequenza.

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II. C.d.L specialistico in Ingegneria Biomedica

Università degli Studi di Napoli Federico II. C.d.L specialistico in Ingegneria Biomedica Università degli Studi di Napoli Federico II C.d.L specialistico in Ingegneria Biomedica CORSO INTEGRATO DI Biochimica Applicata, Fisiopatologia Diagnostica per Immagini e Radioterapia Anno 2011-2012 C.

Dettagli

" IL NUOVO INFERMIERE DI CADIOLOGIA"

 IL NUOVO INFERMIERE DI CADIOLOGIA " IL NUOVO INFERMIERE DI CADIOLOGIA" Novara, 10 maggio 2013 Altomare Consiglia Ospedale Luigi Sacco Milano Ablazione con Catetere Singolo Tradizionale Irrigato Non Irrigato Ablazione con Device One-Shot

Dettagli

INDAGINE SUI CONSUMI ENERGETICI DELLE GRANDI APPARECCHIATURE OSPEDALIERE

INDAGINE SUI CONSUMI ENERGETICI DELLE GRANDI APPARECCHIATURE OSPEDALIERE INDAGINE SUI CONSUMI ENERGETICI DELLE GRANDI APPARECCHIATURE OSPEDALIERE CONVEGNO NAZIONALE Maria Margherita Obertino Università del Piemonte Orientale 1 Obiettivi dello studio Analizzare il consumo energetico

Dettagli

L ECCELLENZA NEI CONTROLLI NON DISTRUTTIVI

L ECCELLENZA NEI CONTROLLI NON DISTRUTTIVI L ECCELLENZA NEI CONTROLLI NON DISTRUTTIVI TOMOGRAFIA INDUSTRIALE M. Reggiani - M. Moscatti TEC Eurolab Srl - Campogalliano (MO) Nel 1979 l'ingegnere inglese Godfrey Hounsfield e il fisico sudafricano

Dettagli

ECOCARDIOGRAFIA CLINICA BASE

ECOCARDIOGRAFIA CLINICA BASE ECOCARDIOGRAFIA CLINICA BASE 1 Giornata Mercoledì 05 Marzo 2014 09,00-11,00 - Serie di Relazioni su Tema Preordinato Presentazione del Seminario Fisica degli Ultrasuoni Dott. P. Trambaiolo /A. Posteraro

Dettagli

new Per l innesto osseo... I prodotti 3D M e d sono creati per rendere il lavoro del professionista più semplice e più veloce.

new Per l innesto osseo... I prodotti 3D M e d sono creati per rendere il lavoro del professionista più semplice e più veloce. new Per l innesto osseo... I prodotti 3D M e d sono creati per rendere il lavoro del professionista più semplice e più veloce. Combinano un elevata usabilità ad una curva di apprendimento estremamente

Dettagli

Fusione di immagini PET, CT, MR: dalla clinica alle applicazioni avanzate. Dott. Roberto Sghedoni Dott.ssa Federica Fioroni Servizio di Fisica Medica

Fusione di immagini PET, CT, MR: dalla clinica alle applicazioni avanzate. Dott. Roberto Sghedoni Dott.ssa Federica Fioroni Servizio di Fisica Medica Fusione di immagini PET, CT, MR: dalla clinica alle applicazioni avanzate Dott. Roberto Sghedoni Dott.ssa Federica Fioroni Servizio di Fisica Medica L evoluzione tecnologica ha reso disponibili numerose

Dettagli

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk Cardiomiopatia Ipertrofica Malattia miocardica primitiva Geneticamente determinata Ampio spettro di presentazione morfologica, fisiopatologica, i i molecolare l Prevalenza 1/500 della popolazione generale

Dettagli