Oculistica di confine - La parola a: il Radiologo VALUTAZIONE TC DELLE ORBITE NEI PAZIENTI AFFETTI DA OFTALMOPATIA DI BASEDOW

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Oculistica di confine - La parola a: il Radiologo VALUTAZIONE TC DELLE ORBITE NEI PAZIENTI AFFETTI DA OFTALMOPATIA DI BASEDOW"

Transcript

1 Oculistica di confine - La parola a: il Radiologo VALUTAZIONE TC DELLE ORBITE NEI PAZIENTI AFFETTI DA OFTALMOPATIA DI BASEDOW Dr Salvatore Mazzeo CT EVALUATION IN GRAVES OPHTHALMOPATHY Mazzeo S, Cappelli C, Torri P, Salvatori L, *Sellari Franceschini S, **Marcocci C Divisione di Radiologia Diagnostica e Interventistica, *Istituto di Otorinolaringoiatria, **Istituto di Endocrinologia, Università di Pisa RIASSUNTO L oftalmopatia infiltrativa rappresenta una complicanza frequente della malattia di Basedow ed è caratterizzata principalmente dall aumento di volume del connettivo intraorbitario e dalla compromissione dei muscoli estrinseci oculomotori. Il ruolo del radiologo è diretto non solo a stabilire il grado e gli effetti della compromissione dei tessuti orbitari, ma anche a valutare la progressione dei segni di malattia ed i risultati dopo terapia medica, radiante o chirurgica. La TC spirale rappresenta un mezzo diagnostico accurato nella valutazione dell oftalmopatia basedowiana e presenta una buona correlazione con i reperti clinicooftalmologici. Lo studio dell orbita con TC permette di fornire informazioni riguardo il grado di proptosi oculare, lo spessore dei muscoli oculomotori estrinseci, l eventuale compressione sui nervi ottici, l interessamento del tessuto adiposo retroorbitario e le complicanze a carico delle cavità paranasali. Lo studio TC con tecnica volumetrica inoltre consente, grazie alla possibilità di effettuare ricostruzioni tridimensionali, di ottenere un modello delle pareti ossee dell orbita, utile per la valutazione delle brecce chirurgiche nei pazienti sottoposti a intervento di decompressione orbitaria. 76 PAROLE CHIAVE: Morbo di Basedow, Oftalmopatia, Tomografia Computerizzata Spirale SUMMARY Graves disease, the most common cause of hyperthyroidism worldwide, is an autoimmune disorder characterized by thyroid-stimulating hormone receptor antibody production. Shared antigenicity between thyroid receptors and orbital tissue is believed to be responsible for the ophthalmopathy, clinically observed in 50% of patients. The role of the radiologic evaluation is to establish the severity of the ophthalmopathy, the progression of pathologic signs and to assess the therapeutic response. CT allows a careful evaluation about the degree of ophthalmopathy without contrast administration, avoiding patient s exposure to the effects of a iodine load. The CT examination provides information about the following parameters: ocular proptosis; thickness of extrinsic oculomotor muscles; signs of optic nerves compression; infiltration of the orbital adipose tissue; paranasal sinuses involvement. Volumetric acquisition is also suitable for many reformatting approaches such as volume rendering to obtain the three dimensional representation of bony orbital walls in patients treated with surgical decompression. KEYWORDS: Graves disease, Ophthalmopathy, Spiral Computed Tomography INTRODUZIONE Il morbo di Basedow è una patologia ad eziologia ignota, la cui prevalenza è stimata intorno allo 0,4% ed è caratterizzata da ipertiroidismo associato a gozzo diffuso, oftalmopatia e dermopatia (1). L oftalmopatia infiltrativa rappresenta la principale manifestazione della malattia di Basedow ed è clinicamente presente in circa il 50% dei pazienti (1, 2). Questa si presenta in circa il 90% dei pazienti con ipertiroidismo, ma può insorgere occasional-

2 mente anche in assenza di tireotossicosi (oftalmopatia eutiroidea) o in associazione ad un ipotiroidismo autoimmune (1, 2). La patogenesi della oftalmopatia basedowiana non è ancora del tutto chiarita, sebbene l ipotesi autoimmunitaria sia quella più accreditata sulla base delle alterazioni istopatologiche che caratterizzano tale affezione. Quest ultime sono rappresentate da un aumento di volume del contenuto orbitario (ipertrofia dei muscoli extraoculari e proliferazione della componente connettivale ed adiposa) per aumentata produzione di glicosaminoglicani idrofilici da parte dei fibroblasti e per l infiltrazione di cellule del sistema immunocompetente (linfociti T-CD4+, macrofagi e fibroblasti). Le fibre muscolari si presentano inizialmente normali, ma separate da un eccesso di tessuto connettivo e da componenti idrofilici della matrice extracellulare, mentre in fase più avanzata esse degenerano, con perdita delle striature fino alla fibrosi (1, 3, 4). Le manifestazioni cliniche della oftalmopatia infiltrativa sono legate all aumento di volume del connettivo intraorbitario e alla riduzione dei movimenti della muscolatura extra-oculare, quest ultima causata dalla fibrosi prodotta in fase più avanzata dalla stimolazione fibroblastica. L esoftalmo basedowiano in particolare è presente in circa un terzo dei pazienti ed è dovuto ad un incremento di volume dei tessuti intraorbitari ed è la causa più frequente di proptosi dell adulto. Esso si presenta più spesso bilateralmente, ma risulta responsabile anche dell 80% dei casi di interessamento monolaterale (5). I pazienti presentano inoltre tipici segni oculari dovuti all iperstimolazione simpatica, che solitamente regrediscono con la correzione della tireotossicosi e che devono essere distinti dalle manifestazioni dell oftalmopatia infiltrativa. La gravità dell oftalmopatia è suddivisa in lieve, moderata o severa, in rapporto alla diversa combinazione dei tre segni clinici più importanti quali la proptosi, la diplopia e la neuropatia ottica. L attività della malattia viene invece definita prendendo in considerazione una serie di segni clinici, ciascuno dei quali è contraddistinto da un punteggio, dalla cui somma viene poi stabilito il grado di attività (Clinical Activity Score) e, da qui, la migliore opzione terapeutica (6, 7). Esistono tre tipologie di pazienti affetti da oftalmopatia di Basedow che sintetizzano tre diversi momenti nei quali può essere utile l intervento del radiologo. Al primo gruppo appartengono pazienti con grado di attività di malattia moderato/severo, tale da richiedere un trattamento medico mediante glucocorticoidi ad alte dosi o radiante. Il secondo gruppo è costituito da pazienti in precedenza trattati con radioterapia esterna nei quali lo studio TC appare finalizzato in particolare alla valutazione di eventuali complicanze radio-indotte a distanza. L ultimo gruppo comprende pazienti con oftalmopatia severa nei quali l insuccesso delle terapie convenzionali rende necessario l intervento chirurgico di decompressione orbitaria. Il ruolo del radiologo in tutti e tre i casi è diretto non solo a stabilire il grado e gli effetti della compromissione dei tessuti orbitari, ma anche a valutare la progressione dei segni di malattia e la risposta terapeutica. VALUTAZIONE RADIOLOGICA Le tecniche radiologiche per la valutazione dell oftalmopatia basedowiana sono rappresentate dall ecografia, dalla tomografia assiale computerizzata (TC) e dalla Risonanza Magnetica (RM). L uso dell ecografia è in pratica limitato solo alla valutazione dello stato dei muscoli estrinseci oculomotori, offre scarse informazioni sull apice orbitario sede di emergenza del nervo e nessun dato sul grado di proptosi. Utilizzando l eco-color Doppler è possibile effettuare una valutazione della vascolarizzazione sia sul versante venoso (per es. l aumento di calibro della vena oftalmica) che arterioso, utilizzando i parametri flussimetrici (IR, IP, velocità media, etc) per esprimere un giudizio sull eventuale grado di attività di malattia e di risposta terapeutica. Sia la TC che la RM rappresentano invece le metodiche di riferimento per lo studio dell oftamopatia, in quanto riproducibili e non operatore-dipendenti. Entrambe consentono una valutazione accurata del grado di proptosi, la visualizzazione dei muscoli estrinseci oculomotori con possibilità di misurarne lo spessore e permettono di evidenziare eventuali segni di compressione del nervo ottico. La RM sembra presentare maggiori possibilità nella tipizzazione tissutale evidenziando precocemente fenomeni degenerativi a carico dei muscoli oculomotori e variazioni struttu- OCULISTICA DI CONFINE 77

3 rali del cellulare lasso retro-orbitario. I limiti principali della RM sono rappresentati dai lunghi tempi di acquisizione e dal fatto che la metodica non è applicabile a tutti i pazienti (portatori di clips metalliche, portatori di pace-maker, claustrofobici, etc). Presso il nostro Istituto i pazienti affetti da oftalmopatia di Basedow vengono solitamente valutati con esame TC delle orbite. La TC consente infatti di ottenere una valutazione adeguata del quadro oftalmopatico senza la necessità di somministrare il mezzo di contrasto, non esponendo pertanto il paziente tireopatico ai possibili effetti del carico iodico. Le apparecchiature TC spirale a singolo strato o multistrato offrono maggiore affidabilità, in termini di accuratezza diagnostica, rispetto alle precedenti macchine TC convenzionali a tecnologia assiale, in quanto permettono di effettuare acquisizioni con tecnica volumetrica di tutta l orbita utilizzando spessori di strato molto sottili (1 mm) con tempi di acquisizione molto rapidi e di poter effettuare ricostruzioni bidimensionali e tridimensionali. 78 TECNICA DI STUDIO Gli esami TC vengono effettuati con TC a singolo detettore o multidetettore solo in condizioni basali, utilizzando acquisizioni sul piano assiale e coronale, ponendo il paziente rispettivamente in posizione supina e prona. Nel primo caso il piano di scansione viene inclinato di 0-10 rispetto al piano canto-meatale ed il criterio di correttezza è definito da una scansione orbitaria media nella quale vengono rappresentati insieme il cristallino, tutto decorso del nervo ottico fino al suo apice ed i muscoli retto mediale e retto laterale. Le scansioni coronali vengono effettuate secondo un piano il più ortogonale possibile rispetto al decorso del nervo ottico. Il campo di esplorazione TC comprende le orbite ed include i seni paranasali frontali e mascellari. Per le acquisizioni con tecnica volumetrica si utilizzano i seguenti parametri: TC a singolo detettore: collimazione del fascio di 3 mm, intervallo di ricostruzione 2 mm, pitch 1, 120 Kv, ma. TC multidetettore: spessore di strato 1,25 mm, intervallo di ricostruzione 0,6 mm, pitch 3 (modalità HQ), velocità di rotazione del tubo radiogeno 0.8 sec, 120 kv, ma. Tutte le immagini TC native acquisite vengono successivamente trasferite ad una stazione di lavoro post-processing che permette di effettuare ricostruzioni bidimensionali secondo piani sagittali ed obliqui oppure, mediante un algoritmo di ricostruzione tridimensionale (Rendering Volumetrico), di ottenere modelli tridimensionali delle pareti ossee dell orbita in particolare nei pazienti sottoposti ad intervento di decompressione orbitaria. PARAMETRI DI VALUTAZIONE TC Nello studio TC dell orbita vengono considerati i seguenti parametri: Proptosi oculare Questa viene valutata nelle immagini assiali, a livello della scansione orbitaria media, tracciando la perpendicolare alla linea di congiunzione tra i due zigomi (linea interzigomatica) comprendente i globi oculari e diretta all apice della cornea (Figura 1).

4 Viene considerata la distanza di 18 mm quale cut-off tra normale e patologico (8). Oltre al grado di proptosi deve essere sempre valutata anche la simmetria della proptosi stessa (Figura 2). Muscoli oculomotori estrinseci Vengono misurati i muscoli retti mediali, laterali, superiori e inferiori. Lo spessore dei muscoli retti mediali e laterali viene valutato sia nelle immagini assiali che coronali (Figure 3-4) e, nei casi in cui si ottengono valori discordanti, viene considerata la media delle misurazioni. La misurazione dei muscoli retti superiori ed inferiori è effettuata nelle acquisizioni coronali (Figura 5); quest ultime oltre a consentire una visione panoramica di tutti i gruppi muscolari, permettono inoltre di dimostrare l eventuale coinvolgimento dei muscoli obliqui ed elevatore della palpebra. Per i muscoli retti mediali e laterali viene considerato normale uno spessore 4 mm, mentre per i muscoli retti superiori ed inferiori tale valore è 6 mm (8). OCULISTICA DI CONFINE Densità del tessuto adiposo retro-orbitario Tale misurazione viene effettuata sia nelle acquisizioni assiali che coronali. Nelle scansioni assiali vengono eseguite misurazioni a 3 livelli, rispettivamente al di sopra del piano dei nervi ottici, a livello dei nervi ottici e subito al di sotto di essi; nelle scansioni coronali la valutazione densitometrica viene effettuata solo agli sfondati postero-laterali dell orbita. La valutazione densitometrica deve essere mirata alle aree di tessuto adiposo non comprendenti strutture vascolari, con un volume di campionamento (ROI) adeguato (diametro compreso tra 3-5 mm). I valori standard di normalità della densità del grasso orbitario sono stati ottenuti valutando un gruppo di 50 pazienti, non affetti da tireopatia nè da oftalmopatia, giunti nel nostro Istituto per eseguire TC del massiccio facciale. In tali pazienti i valori di densità del grasso retro-orbitario ai vari livelli sopra considerati, erano compresi tra 85 e 127 U.H. (media 103 U.H; SD 15±34). È stato pertanto da noi considerato quale range di normalità di tale tessuto adiposo, valori compresi tra 90 e 105 U.H. Viene inoltre espresso un giudizio di eventuale disomogeneità del tessuto adiposo stesso, in presenza di valori di densità nettamente discordanti nelle diverse zone campionate. Il rilievo di tessuto adiposo disomogeneo o con valori di densità patologici rappresenta, per i pazienti candidati all intervento chirurgico, un elemento sfavorevole, in quanto la sua rimozione risulta più limitata a svantaggio dell effetto decompressivo. Nervi ottici La valutazione dell eventuale compressione sui nervi ottici viene eseguita nella scansione assiale media (Figura 6), nelle immagini coronali e, in casi selezionati, nelle immagini bidimensionali multiplanari ricostruite sul piano assiale obliquo e sagittale per visualizzare il nervo ottico lungo tutto il suo decorso (Figura 7). Al fine di ottenere la rettilineizzazione e quindi la corretta valutazione del decorso 79

5 del nervo ottico il paziente viene invitato, limitatamente alle acquisizioni in modalità spirale, a fissare lo sguardo verso l alto. Vengono considerati il decorso, lo spessore, l omogeneità densitometrica ed i rapporti tra il nervo ed i muscoli estrinseci oculomotori a livello dell apice orbitario. Viene espresso un giudizio diagnostico di compressione a livello del cono di emergenza (apice orbitario) in presenza di riduzione o scomparsa del piano di clivaggio adiposo tra il nervo ottico ed i muscoli stessi (Figure 8 e 9). 80 Seni paranasali I seni paranasali vengono valutati sia nelle acquisizioni assiali che coronali. I caratteri considerati sono la morfologia, l integrità e l eventuale presenza di reperti compatibili con lesioni neoproduttive (polipi) o flogistiche (ispessimento delle pareti, materiale al loro interno), che possono essere presenti nei pazienti con oftalmopatia di Basedow trattati con radioterapia o terapia corticosteroidea (Figure 10-11). Strutture ossee L analisi delle strutture ossee viene eseguito nei pazienti sottoposti ad intervento di decompressione orbitaria ed è finalizzata alla caratterizzazione delle brecce chirurgiche. Quest ultime possono essere presenti nella parete posteriore dell orbita (grande ala dello sfenoide), laterale (grande ala dello sfenoide e processo orbitario dell osso zigomatico), superiore (processo orbitario del frontale) e mediale (lamina papi-

6 racea dell etmoide) e nel pavimento orbitario. La valutazione TC delle brecce ossee delle pareti superiore, posteriore e laterale viene eseguita nelle immagini tridimensionali di rendering volumetrico (Figure 12-15) che permette evidenziarle come difetti di parete ben evidenti e delineabiil nel contesto delle strutture ossee; è possibile inoltre calcolare la superficie della breccia stessa tracciando manualmente una linea lungo i suoi contorni (Figura 18). OCULISTICA DI CONFINE 81 In tali casi la TC permette un analisi qualitativa delle immagini e permette di effettuare, in modo rapido un confronto tra i due lati, verificare l ampiezza della breccia e correlare il dato clinico con la superficie stessa asportata. Nei casi di scarsa demolizione di una o più pareti, associata ad un eventuale asimmetria del contenuto orbitario (spesso causa di diplopia), il chirurgo può decidere per un reintervento, pianificando il miglior approccio in base alle informazioni ottenute dal modello tridimensionale. In caso di demolizione della parete mediale (lamina papiracea dell etmoide) e del pavimento dell orbita le informazioni ottenute dal modello tridimensionale risultano più limitate a causa della sovrapposizione di strutture ossee sottostanti, le quali non permettono di visualizzare come difetto di parete la breccia chirurgica; il loro

7 studio si limita pertanto alle informazioni ottenibili nelle immagini native assiali o coronali (Figure 16 e 17). Recentemente, per alcuni pazienti sottoposti a decompressione orbitaria, è stato possibile analizzare i datasets delle TC pre e post operatorie mediante trasferimento delle immagini ad una workstation grafica dove sono stati elaborati con algoritmo di Rendering Volumetrico. I modelli tridimensionali pre e post operatori così ottenuti sono stati poi visualizzati tramite un sistema di visione stereoscopica e quindi tra loro fusi grazie ad un software di fusione di immagini presente nella macchina; sottraendo dal volume pre operatorio il volume post operatorio, è stato possibile calcolare i volumi di osso e tessuto adiposo asportati. 82 CONCLUSIONI In conclusione la decisione terapeutica nei pazienti affetti da oftalmopatia di Basedow deve tener conto della severità e dell attività della malattia e coinvolge una task force di figure specialistiche dalla cui integrazione dipende la scelta ed il successo terapeutico. La valutazione TC dell orbita rappresenta un momento diagnostico importante ed il recente utilizzo di macchine multidetettore ha permesso di migliorare la compliance del paziente e le informazioni diagnostiche, consentendo inoltre una buona correlazione con i reperti clinico-oftalmologici. Essa inoltre, grazie alla possibilità di ricostruzioni tridimensionali, si pone come metodica di riferimento nella valutazione dei pazienti sottoposti a decompressione orbitaria. BIBLIOGRAFIA 1) Ingbar SH, Woeber KA. The tyroid gland. In: Williams RH. Textbook of endocrinology. Edizione W.B. Saunders Company (Philadelphia, London, Toronto) 1981, ) Weetman AP. Graves disease. New Eng J Med 2000,343(17): ) Wartofsky L. Malattie della tiroide. In: Harrison TR, Isselbacher KJ, Braunwald E et al. Principi di medicina interna. Edizione McGraw-Hill Libri Italia srl (Milano) 1995, ) Bahn RS, Heufelder AE. Pathogenesis of Graves ophthalmopathy. New Eng J Med 1993,329(20): ) Kanski JJ. Clinical Ophthalmology: a systematic approach Butterworth & Co. London 6) Bartalena L, Pinchera A, Marcocci C. Management of Graves ophthalmopathy: reality and perspectives. Endocrine Reviews 2000,21(2): ) Marcocci C, Bartalena L, Marinò M et al. Current medical management of Graves ophthalmopathy. Ophthalmic Plast Reconstruct Surg 2002,18(6): ) Bagnolesi P, Cilotti A, Bartalena L et al. La TC dell orbita nell oftalmopatia di Graves. La Radiologia Medica- Radiol Med 1990,79:

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Tecniche. Policlinico. prodotta ad. particolare letteratura

Tecniche. Policlinico. prodotta ad. particolare letteratura 15 CONGRESSO NAZIONALE FNCPTSRM 19 21 aprile 2013 Palazzo dei congressi di Riccione CORSO ECM G a cura della AITNR Tecniche di Studio delle Orbite con principalii reperti osservabili metodica R.M. e Riccardo

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO Risultati di una ricerca su un campione di 135 bambini Massimiliano Petrillo Magda Di Renzo CAMPIONE DI RICERCA 135 bambini (106 M / 29 F) Età compresa tra 2,5-16,5

Dettagli

1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011

1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011 1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011 DETERMINAZIONE DEI PARAMETRI DI CAPTAZIONE DEI NUCLEI DELLA BASE DA ESAME DATSCAN CON I 123 TRAMITE SOFTWARE BASAL GANGLIA MATCHING

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali S.C. Fisica Sanitaria S.C. Medicina Nucleare Pietra Ligure S.C. Neuroradiologia Diagnostica ed Interventistica S.C. Radiologia Diagnostica

Dettagli

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA Per prenotare ed eseguire un esame è necessario: 1. Il paziente deve avere una richiesta medica completa che comprenda cognome e nome, data di nascita, numero

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife è un metodo ampiamente diffuso per il trattamento di un area selezionata del cervello, detta bersaglio.

Dettagli

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M TI R OIDIT E P O S T PA RT U M La tiroidite po st partum è una particolare forma di tiroidite autoimmune che si caratterizza per avere una precisa collocazione temporale. Si manifesta, infatti, nelle donne

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015 Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA 26 marzo - 16 aprile - 7 maggio 18 giugno - 9 luglio - 24 settembre 8 ottobre - 19 novembre Relatori Dr. Alessandro Ceccherini,

Dettagli

SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF

SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF Dr. Vincenzo Piazza La Sindrome da resistenza agli ormoni tiroidei,descritta per la prima volta da Refetoff, è una patologia molto

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 Cisteina di 3 gruppo (176) Unità ripetute ricche di leucina Cisteine di 2 gruppo

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

IL TRATTAMENTO RADIOMETABOLICO DELL'IPERTIROIDISMO***

IL TRATTAMENTO RADIOMETABOLICO DELL'IPERTIROIDISMO*** IL TRATTAMENTO RADIOMETABOLICO DELL'IPERTIROIDISMO*** Massimo E. Dottorini*, Eugenio Inglese*, Massimo Salvatori*, Alberto Signore*, Sebastiano Squatrito e Paolo Vitti * Associazione Italiana di Medicina

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli.

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Tecnica chirurgica Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Sommario Indicazioni e controindicazioni 3 Impianti 4 Strumenti 4 Piano

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

CELLULITI ORBITARIE E ALTRE MALATTIE ORL DI INTERESSE OCULISTICO

CELLULITI ORBITARIE E ALTRE MALATTIE ORL DI INTERESSE OCULISTICO CELLULITI ORBITARIE E ALTRE MALATTIE ORL DI INTERESSE OCULISTICO MDA NEUROSCENZE UNITA OPERATIVA COMPLESSA ORL B. TRENTO Primario dott. F. Barbieri Nazarena Mesiano CELLULITI CELLULITI ORBITARIE ORBITARIE

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Garanzia di qualità in radioterapia. Linee guida in relazione agli aspetti clinici e tecnologici

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Garanzia di qualità in radioterapia. Linee guida in relazione agli aspetti clinici e tecnologici ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Garanzia di qualità in radioterapia. Linee guida in relazione agli aspetti clinici e tecnologici Gruppo di studio Istituto Superiore di Sanità Assicurazione di Qualità in Radioterapia

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli