LA GRANDE RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GRANDE RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE"

Transcript

1 LA GRANDE RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Pierluigi BUCCI - Piero LENCI - Giuliano PASSAGLIA Introduzione Abbiamo voluto parlare della legislazione che ha determinato le innovazioni nella Pubblica Amministrazione poiché in tutti questi cambiamenti siamo stati coinvolti in prima persona come dipendenti dell Amministrazione stessa, ma anche e soprattutto come cittadini. Quando entrammo nell Ente Locale l aria che tirava era completamente diversa; il Dirigente contava relativamente poco, il Sindaco non aveva i grandi poteri di adesso, gli Amministratori erano gli ultimi sottoscrittori di ogni atto e potevano sindacare su ogni decisione in merito al personale, provvedimenti, disposizioni, ecc. Per il cittadino l accesso agli atti era particolarmente difficoltoso in quanto essi erano rivestiti da una specie di segreto istruttorio e nascosti nella loro integrità. A partire dagli anni 90, invece, il diritto di accesso diventa un principio generale dell attività amministrativa finalizzato a favorire la partecipazione dei cittadini, l imparzialità, la semplificazione e la trasparenza dell azione amministrativa. La leale cooperazione fra soggetti pubblici e privati diventa prioritaria e il rapporto, dunque, fra dipendenti della Pubblica Amministrazione e cittadini cambia radicalmente. I politici vengono ridimensionati; mantengono i poteri decisionali iniziali ma non possono più interferire nell esecuzione dei provvedimenti. Il Dirigente diventa il responsabile ultimo dell attività amministrativa ed il gestore del budget assegnatogli. Prima degli anni 90, infine, nemmeno si parlava di informatizzazione e tantomeno di Internet che oggi, invece, fanno parte della nostra quotidianità. La trasparenza diventa, quindi, la base dei rapporti con gli utenti e noi dipendenti ci siamo adeguati, con piacere, a queste novità. La Riforma della Pubblica Amministrazione La grande riforma della Pubblica Amministrazione, se vogliamo fissare un punto d inizio, parte con la L. 142/90 sulle Autonomie Locali (successivamente modificata dalla L. 265 del 3 agosto 1999) e con la L. 241

2 dello stesso anno sui procedimenti amministrativi e sul diritto di accesso, che pongono l accento sui cittadini e sui loro diritti ad avere servizi trasparenti, efficienti e rapidi. Viene affermato il principio fondamentale che la Pubblica Amministrazione è retta da criteri di economicità, efficacia e pubblicità (Art. 1 L. 241/90). Un altro traguardo importante è stata l approvazione del D.L. del 3 febbraio 93 n. 29, che ha previsto l introduzione dei sistemi informativi nelle Pubbliche Amministrazioni come strumento essenziale per accrescerne l efficienza, razionalizzare i costi e fornire servizi efficaci. Insieme a questo viene approvato il D.L. 39 del 12 febbraio 1993, che ha istituito l Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione o A.I.P.A. (art. 4), quale strumento tecnico ed operativo per realizzare, nei tempi più rapidi, l introduzione nelle nuove tecnologie e la conseguente riorganizzazione della Pubblica Amministrazione, coordinando gli interventi. Realizzazione della Rete Unitaria Una condizione essenziale per realizzare il progetto di tele amministrazione, è quella di collegare in rete le varie articolazioni della Pubblica Amministrazione, integrando e facendo cooperare i vari sistemi informativi che la compongono. Si arriva così alla direttiva del Consiglio dei Ministri del 5 settembre 1995, sulla realizzazione della Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione o R.U.P.A, che connette tutta la P.A. centrale e quella degli Enti Locali al resto del mondo, attraverso Internet. La realizzazione è stata avviata nel 1996, dopo un approfondito studio di fattibilità; la nuova normativa sul protocollo prevede la trasmissioni attraverso la R.U.P.A. (nel 2005 con il D.Lgs.42 verrà sostituita dal Sistema Pubblico di Connettività ). Le leggi Bassanini Le modifiche più sostanziali all insieme delle normative della Pubblica Amministrazione, sono avvenute con l approvazione delle Leggi così dette Bassanini e dei successivi provvedimenti attuativi. Dal punto di vista dei cittadini le riforme Bassanini, che presero nome dall allora Ministro della Funzione Pubblica che le mise in cantiere, vollero introdurre semplificazioni delle procedure, meno burocrazia, più trasparenza e risposte più rapide ed efficienti. Furono varate 4 leggi: la n 59 del 1997 (Bassanini 1) la n 127 del 1997 (Bassanini Bis)

3 la n 191 del 1998 (bassanini Ter) la n 50 del 1999 (Bassanini Quarter) Erano leggi molto vaste e complesse, che riformarono praticamente tutta la legislazione precedente, in molti casi rimandando per la precisa regolamentazione di un provvedimento a successive Leggi Delega o a Regolamenti attuativi o tecnici. Le nuove tecnologie: i mattoni per le riforme Nel disegno di Riforma della Pubblica Amministrazione l utilizzo intensivo delle nuove tecnologie assunse un valore strategico; l effettivo passaggio da una Amministrazione basata su relazioni personali e documenti cartacei ad una tele-amministrazione basata su relazioni telematiche e documenti informatici fu condizione indispensabile per conseguire gli obbiettivi principali della riforma. Si potrebbe dire che le nuove tecnologie rappresentarono i mattoni su cui costruire il nuovo edificio dell Amministrazione Pubblica Italiana. Come affermato dallo stesso Senatore Bassanini, la L.59/97 introdusse il massimo del federalismo possibile, compatibilmente con l attuale Costituzione Italiana, e fu compito del Governo individuare il modo chiaro le poche competenze dello Stato, delegando tutto il resto alle Regione ed agli Enti Locali. Quando la riforma trovò attuazione in tutte le parti, allo Stato restarono solo competenze ben definite, quali affari esteri, forze armate, pubblica sicurezza, giustizia, ricerca scientifica e poche altre. Tutto il resto passò alle Regioni ed agli Enti Locali a cominciare dai Comuni. La Pubblica Amministrazione, da struttura piramidale, si trasformò gradualmente in una costruzione orizzontale, con l Ente Locale che ha una ampia autonomia e responsabilità primaria in tutti i principali aspetti del rapporto con i cittadini e con le imprese. Un Amministrazione distribuita, che garantisce livelli qualitativi e quantitativi di servizi omogenei su tutto il territorio nazionale; una tale struttura di base per poter funzionare efficacemente doveva avere a sua disposizione tutto il patrimonio informatico e informativo presente nella Pubblica Amministrazione. Ciò presuppone una forte capacità di scambio di informazioni e di comunicazioni tra i vari uffici di una stessa Amministrazione e tra questi e le altre Amministrazioni, competenti per territorio o per specializzazione (sanità, sicurezza, ambiente, ecc.). Era il concetto di interoperabilità, alla base della Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione, che garantisce inoltre un rapido accesso a numerosi fonti informative esterne alla Pubblica Amministrazione (Associazione di Categorie, Ordini Professionali, Organi di informazioni, ecc,).

4 Il nuovo protocollo informatico è funzionale a questa costruzione, ed introduce un sistema automatizzato che consente di individuare e recuperare rapidamente ogni pratica ed ogni documento, in qualunque parte della Pubblica Amministrazione. La semplificazione Un secondo punto strategico alla base della riforma era la così detta semplificazione, avviata con decisione con la L.127/97 (Bassanini bis Misure urgenti per lo svolgimento dell attività amministrativa e dei procedimenti di decisione e di controllo), e proseguita con le altre due Leggi Bassanini, la 121/98 (Bassanini ter Modifiche ed integrazioni alle L.59 del e L.127 del , nonché norme in materia di formazione del personale dipendente e di lavoro a distanza nelle Pubbliche Amministrazioni) e la n.50/99 (Bassanini quater Delegificazione e testi unici di norme concernenti procedimenti amministrativi). Lo scopo è stato quello di semplificare l attività amministrativa ed eliminare le barriere burocratiche, per fornire servizi efficienti e rapidi ai cittadini ed alle imprese e per snellire il lavoro delle Amministrazioni anche nei loro rapporti reciproci. La legge semplifica le procedure, rivede il sistema di controlli, modifica le figure professionali esistenti nelle Amministrazioni (a cominciare dalla previsione del Manager pubblico ); per i cittadini viene semplificato ed esteso lo strumento dell auto certificazione e ridotto il numero dei certificati, i quali assumono durata illimitata. Viene anche introdotta la Carta di Identità magnetica. Il principio di base è semplice; Le procedure inutili e non essenziali vanno eliminate, quelle essenziali vanno semplificate. Semplificare una procedura significa ridurre il numero delle operazioni necessarie per completarla, ottenendo così risultato finale a costi più bassi ed in tempi più rapidi. Le tecnologie dell informazione sono i più potenti fattori di semplificazione delle procedure che prevedono il trattamento e la trasmissione delle informazioni. Il ruolo dell informatica e della telematica Le riforme delineano quindi un Amministrazione unitaria ma a rete, in quanto basata su enti autonomi, che inoltre dispongono di numerose parti specializzate. Unitaria in quanto si rapporta con i cittadini e con le imprese come struttura unica (sportello unico), fornendo servizi semplificati ed efficienti.

5 A rete in quanto ogni sua parte deve poter interoperare rapidamente con ciascun altra; la nuova Pubblica Amministrazione, infine, opera in un contesto sociale dove i cittadini e le imprese comunicano fra di loro, in misura crescente, con sistemi informatici e telematici. Da qui deriva il ruolo strategico delle nuove tecnologie informatiche nel disegno complessivo della riforma; il protocollo informatico, la firma digitale e il documento elettronico, di cui parleremo più avnti, rappresentano la base per informatizzare tutte le operazioni di trattamento e trasmissione di dati nella pubblica amministrazione e tra questa e l esterno. Il cambiamento è iniziato Sarà forse la consapevolezza di un nuovo millennio, ma la pubblica amministrazione italiana è cambiata davvero, almeno nelle leggi che la governano. Come ha scritto l OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico), i grandi cambiamenti nella pubblica amministrazione sono un viaggio, non una destinazione. L importante è non stare fermi, ma muoversi anche sperimentalmente; la direzione e la destinazione si potranno stabilire lungo il percorso, se si hanno come guide principi ed obiettivi ben definiti. L esigenza del cambiamento Le procedure tradizionali della Pubblica Amministrazione sono diventate difficilmente sostenibili in un mondo in cui i cittadini possono, per via telematica, gestire il loro conto corrente, comprare e vendere azioni, fare acquisti, prenotare alberghi e vacanze. Non è facile spiegare perché non possono nello stesso modo, ottenere un certificato, segnalare all anagrafe il cambiamento di indirizzo, pagare le imposte comunali com è oramai possibile in molte parti del mondo, anche fra quelli non ricchi come il Brasile, ma arriveremo anche a questo. La società dell informazione ridefinisce il concetto di tempo; un azienda che non risponda nell arco di qualche ora alle dei propri clienti, rischia di perderli. La Pubblica Amministrazione non può impiegare settimane o mesi per dare risposte alle richieste dei propri cittadini. Nel nuovo millennio i servizi di informazione, certificazione ed autorizzazione sono forniti all interno del villaggio globale multimediale rappresentato da Internet. La Pubblica Amministrazione stessa sta diventando uno dei maggiori fornitori di informazioni e di servizi telematici per i cittadini, se vuole mantenere il suo ruolo. Ecco perché è indispensabile che cambi, bene, nel più breve tempo possibile.

6 L introduzione massiccia dell informatica e della telematica nella Pubblica Amministrazione richiede non solo nuove metodologie operative, ma anche profondi cambiamenti organizzativi, una revisione spesso radicale dei processi, nuove professionalità e competenze. Per capire la direzione di marcia delle riforme che sono state approvate in questi ultimi anni, è essenziale avere una chiara visione che il legislatore ha inteso perseguire, dal punto di vista del ridisegno della Pubblica Amministrazione e dell introduzione delle tecnologie. Le leggi di riforma definiscono una nuova struttura ed un nuovo modello di Pubblica Amministrazione che, gradualmente, sostituisce l esistente non più aderente alla realtà e non in grado di rispondere alle esigenze ed alle nuove dinamiche della società moderna. Schematizzando, possiamo dire che la riforma intende perseguire almeno quattro obiettivi generali, di grande rilevanza: Centralità del cittadino e dell imprese: il grado di soddisfazione del cittadino per la tipologia, qualità e quantità di servizi erogati ed il valore aggiunto dei servizi forniti all imprese, diventano parametri fondamentali per misurare l adeguatezza dell operatività degli uffici pubblici. Si stanno sviluppando nuove forme di relazione fra P.A. e utenti, che garantiranno una efficace partecipazione di questi ultimi ai processi decisionali ed un rapido accesso alle informazioni. Decentramento: sostituzione del modello a piramide con una struttura orizzontale o a rete che assegna un ruolo fondamentale alle autonomie locali senza rinunciare a perseguire livelli di uniformità nella qualità ed efficienza dei servizi. Ciò ha come presupposto un efficiente interoperabilità fra i diversi comparti della P. A. Efficienza: da ottenere con la semplificazione delle procedure e l introduzione dei meccanismi tipici del mercato, per garantire efficacia, flessibilità ed aderenza alle esigenze reali dei cittadini. Passaggio da un Amministrazione che crea, elabora e produce documenti cartacei, e con questi dialoga con altre Amministrazioni e con cittadini e le imprese, ad una tele amministrazione, che cioè crea, elabora e produce documenti digitali e dialoga principalmente per via telematica con cittadini e con le imprese. Questi obiettivi sono tra loro collegati; i diritti del cittadino e dell impresa possono diventare centrali solo se le strutture locali hanno poteri e responsabilità primarie. A sua volta il decentramento sarà efficace se introdurrà procedure semplici, efficienti e dai costi accettabili, che si potranno ottenere con l introduzione progressiva delle nuove tecnologie. Il protocollo informatico, generale e distribuito, rappresenta la struttura di base per l avvio di una tele amministrazione unitaria ed il centro di gestione dell intero flusso documentale della Pubblica Amministrazione italiana.

7 Dalla carta da bollo alla tele amministrazione Il tema dell introduzione delle nuove tecnologie nella Pubblica Amministrazione non si riduce al semplice utilizzo del PC e delle reti telematiche per rendere più rapido ed efficiente il lavoro. Si deve invece attuare una modifica radicale di tutti i processi amministrativi, prefigurando il passaggio da un modello di amministrazione basata su documenti cartacei, trasmessi manualmente, ad uno nuovo basato su documenti e dati elettronici trasmessi per via telematica. Già oggi, in molte amministrazioni italiane, le affissioni all albo pretorio, le delibere, i manifesti, le ordinanze ed i documenti pubblici in genere sono reperibili sul web ed ormai tutte le Pubbliche Amministrazioni, medie e grandi, sono su Internet. Anche il numero dei comuni piccoli e perfino piccolissimi che forniscono servizi web per i propri cittadini sta crescendo in maniera esponenziale, tanto da far pensare che in pochi anni la maggior parte dei comuni italiani fornirà ai propri cittadini servizi su Internet. Ovviamente i cambiamenti conseguenti all espandersi della società dell informazione non investiranno solo la Pubblica Amministrazione; l economia sarà coinvolta in maniera ancora più massiccia, ma anche le stesse istituzioni politiche dovranno modificarsi inglobando in maniera crescente i principi della democrazia elettronica. La legislazione del terzo millennio Questa svolta diventa determinante all inizio del terzo millennio con la Legge 150/2000 ed i successivi D.Lgs. 267/2000 (Testo Unico delle leggi sull ordinamento degli Enti Locali) e DPR 445/2000 Disposizioni legislative in materia di documentazione amministrativa, che danno il la alla nuova comunicazione negli enti e fra pubblico e privato. La nuova disciplina delle attività di informazione e comunicazione delle P.A. è volta al conseguimento dell informazione tramite mezzi di comunicazione di massa quali stampa, audiovisivi e strumenti telematici favorendo l accesso ai servizi pubblici di cittadini, collettività ed altri enti, illustrando le attività delle istituzioni ed il loro funzionamento. La semplificazione delle procedure e la modernizzazione degli apparati, il percorso dei procedimenti amministrativi e la promozione dell immagine delle Amministrazioni sono alla base della Legge 150. La formazione del personale è tesa al raggiungimento della professionalità necessaria ai nuovi mezzi di comunicazione. Viene istituita la figura del portavoce che collabora direttamente con l organo principale della P.A. e vengono ridisegnati i compiti degli uffici per le relazioni con il pubblico (URP).

8 Indirizzata ai mezzi di informazione di massa é l attività degli uffici stampa con personale iscritto all albo nazionale dei giornalisti. Le direttive del Ministro per la funzione pubblica del 2002 relative alle attività di comunicazione delle Pubbliche Amministrazioni e sulla semplificazione del linguaggio dei testi amministrativi completano il cambiamento globale della comunicazione. In particolare quella sulla semplificazione dei testi sostituisce il linguaggio tecnico e specialistico rifacendosi alla lingua parlata dai cittadini che sono i principali destinatari. Si assiste, in questa fase, persino alla riscrizione dei principali atti e documenti amministrativi in vigore per uniformarli alle nuove disposizioni. Il Codice dell Amministrazione Digitale Il Codice dell Amministrazione Digitale (CAD), in vigore dal 1 Gennaio 2006, raccoglie e sistematizza tutta la precedente normativa completando ed integrando lo stesso Testo Unico DPR 445/2000 senza modificarne l impianto. In seguito all emanazione di queste norme è oggi possibile archiviare e conservare qualunque tipologia di documento in formato elettronico. I vantaggi più rilevanti che derivano dal primato della gestione informatizzata su quella cartacea sono quelli di una significativa riduzione dei costi e dei tempi di gestione degli archivi documentali con un conseguente generale miglioramento dell efficienza e dell organizzazione. Il CAD è l ultimo frutto della stagione di incessante ed incalzante normativa sul tema della informatizzazione dei documenti e dunque degli archivi delle pubbliche amministrazioni; già la Bassanini 1 (59/97) all art.15, comma 2 stabiliva che gli atti, dati e documenti formati dalla Pubblica Amministrazione e dai privati con strumenti informatici o telematici, i contratti stipulati nelle medesime forme, nonché la loro archiviazione e trasmissione con strumenti informatici, sono validi e rilevanti a tutti gli effetti di legge. Il CAD stabilisce il principio che i cittadini e le imprese hanno il diritto ad avvalersi di una amministrazione amica ed efficiente e, in particolare, si propone di incoraggiare l uso delle nuove tecnologie consolidandone la validità giuridica. In attesa di rivoluzioni nella gestione integrata dei documenti cartacei e digitali, la prima sfida che il CAD ha proposto è stata quella, molto concreta, della gestione delle comunicazioni per mezzo di . Le Pubbliche Amministrazioni sono state chiamate a confrontarsi con un vasto quadro normativo e si sono trovate a dover ripensare, nel confronto con la realtà informatica, la propria cultura di protocollazione e di archiviazione cartacea.

9 Il CNIPA (Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione) ha identificato gli obiettivi: evitare la produzione di nuova carta, eliminare il cartaceo esistente non di interesse storico e culturale per ottenere risparmi diretti (carta, spazi, ecc.) ed attivare risparmi indiretti (tempo, efficienza, ecc.). Le indicazioni del CAD e gli obiettivi indicati dal CNIPA hanno però dovuto affrontare il contrasto evidente sul piano pratico. Soprattutto nell incertezza operativa che inevitabilmente accompagna questo tipo di cambiamenti. Ad esempio se occorre includere le nel processo di gestione del protocollo era evidentemente assurdo utilizzare allo scopo stampe su cartaceo delle trasmesse o ricevute! Si sarebbe ottenuto l esatto contrario di quanto inteso dal Codice dell Amministrazione Digitale. Nel 2006, pochi mesi dopo l entrata in vigore, il Codice è stato, quindi, oggetto di una serie di correttivi, disposti con il Decreto Legislativo 159/2006 la cui emanazione era stata autorizzata dalla medesima Legge Delega n 229 del Il Decreto correttivo, oltre a modificare in diversi punti l articolazione del Decreto 82/2005, traspone nel Codice l intero testo già contenuto nel D.Lgs. n 42/2005 (contestualmente abrogato), disciplinante il Sistema Pubblico di Connettività e la Rete Internazionale delle Pubbliche Amministrazioni. L emanazione del CAD ha suscitato impressioni contrastanti presso gli osservatori e presso la dottrina giuridica. Da un lato vi sono coloro che ne hanno accolto positivamente l uscita, considerandolo un importante atto di riordino della materia. Dall altro lato una parte (non minoritaria) della dottrina, si è mostrata alquanto scettica sulla effettiva portata innovativa del decreto, per diverse ragioni. In primo luogo perché sostengono i critici il CAD conterrebbe numerose enunciazioni di principio, spesso piuttosto solenni, senza accompagnarle però con disposizioni operative che ne consentano la concreta attuazione. In secondo luogo perché avrebbe scorporato un assetto normativo che già era organico; la disciplina del documento informatico, secondo tale opinione, trovava infatti la propria sede naturale nel Testo Unico sulla documentazione amministrativa (DPR 445/2000), dove l atto elettronico era disciplinato contestualmente all atto cartaceo in un regime di perfetta alternativa tra i due supporti. Infine, secondo la dottrina più scettica, con il codice sarebbe degenerato l intento iniziale di usare l informatica come strumento per la semplificazione amministrativa, facendo diventare la digitalizzazione un fine a sé stante, sottovalutando i rischi di un passaggio non sufficientemente graduale dal cartaceo

10 all elettronico, primo fra tutti l acuirsi del digital divide fra cittadini dotati di confidenza con lo strumento informatico e cittadini che per ragioni sociali o anagrafiche hanno difficoltà a rapportarsi telematicamente con l amministrazione. La Posta Elettronica Certificata (PEC) e la Firma Digitale hanno aiutato a superare queste barriere anche se la strada da percorrere è ancora lunga e la fine del viaggio ancora lontana. Il Sistema Pubblico di Connettività Il Sistema Pubblico di Connettività (SPC) è la rete che collega tra loro tutte le Amministrazioni Pubbliche Italiane, consentendo loro di condividere e scambiare dati e risorse informative. Istituito e disciplinato dal D.Lgs. del 28 Febbraio 2005 n 42, confluito a sua volta nel CAD e nel D.Lgs. n 82, viene definito come l insieme di infrastrutture tecnologiche e di regole tecniche per lo sviluppo, la condivisione, l integrazione e la diffusione del patrimonio informativo e dei dati della Pubblica Amministrazione, necessarie per assicurare l interoperabilità di base ed evoluta e la cooperazione applicativa dei sistemi informatici e dei flussi informativi, garantendo la sicurezza, la riservatezza delle informazioni, nonché la salvaguardia e l autonomia del patrimonio informativo di ciascuna P.A. Il Sistema Pubblico di Connettività indicato a volte come Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione - viene gestito dal CNIPA (Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione). La Posta Elettronica Certificata La Posta Elettronica Certicata (PEC) è uno strumento che permette di dare, ad un messaggio di posta elettronica, lo stesso valore di una raccomandata con ricevuta di ritorno tradizionale. La PEC aggiunge inoltre la certificazione circa il contenuto del messaggio. Al momento dell invio di una mail PEC, infatti, il gestore PEC del mittente si occuperà di inviare al mittente stesso una ricevuta che costituirà valore legale dell avvenuta (o mancata) trasmissione del messaggio con precisa indicazione temporale del momento in cui la mail PEC è stata inviata. In egual modo il gestore del destinatario, dopo aver depositato il messaggio PEC nella casella del destinatario, fornirà al mittente una ricevuta di avvenuta consegna, con l indicazione del momento temporale nel quale tale consegna è avvenuta. In caso di smarrimento di una delle ricevute presenti nel sistema PEC è possibile disporre, presso i gestori del servizio, di una traccia informatica avente lo stesso valore legale in termini di invio e ricezione, per un periodo di trenta mesi, secondo quanto previsto dalle normative.

11 Dal punto di vista dell utente una casella di posta elettronica certificata non si differenzia da una casella di posta normale; cambia solo per quello che riguarda il meccanismo di comunicazione sul quale si basa la PEC e sulla presenza di alcune ricevute inviate dai gestori PEC mittente e destinatario. Esistono anche sistemi semplici ed economici che non richiedono formazione del personale che, certificati dal CNIPA e dall AIPA, consentono la gestione delle in maniera indipendente dai sistemi informatici e dalle procedure amministrative adottate. Si tratta di sistemi per l archiviazione automatizzata delle che non interferiscono con i processi di lavorazione dei documenti, elettronici e non e che consentono invece l attribuzione del corretto riferimento di protocollo a quelle che lo necessitano. Senza quindi bisogno di istruire il personale che continua a lavorare come è abituato. In concreto questi sistemi consistono in un semplice apparecchio che viene collegato tra la presa di accesso ad Internet e la rete dell ufficio. Il software preinstallato, senza bisogno di configurazione e senza interferire con la rete già esistente, memorizza le in ingresso ed in uscita assegnando loro un indice d archivio interno al quale può essere riferito in automatico, per i casi specificati, il corretto codice di protocollo. Le sono quindi al sicuro, in un area riservata accessibile solo per mezzo di doppia autorizzazione, pronte ad essere recuperate in caso di necessità ed univocamente identificate. Senza carta ed in accordo con le leggi! Una soluzione pratica, ma al tempo stesso di alto profilo che consentirà alla P.A. di procedere in direzione degli obiettivi indicati dal Codice dell Amministrazione Digitale senza rischi. La Firma Digitale La Firma Digitale, o firma elettronica qualificata, basata sulla tecnologia della crittografia a chiavi asimmetriche, è un sistema di autenticazione di documenti digitali analogo alla firma autografa su carta. La firma digitale è un sistema di autenticazione forte in quanto si basa sull uso di un Certificato Digitale memorizzato su un dispositivo hardware. Il sistema per la creazione e la verifica di firme digitali sfrutta le caratteristiche della crittografia asimmetrica. Un sistema crittografico garantisce la riservatezza del contenuto dei messaggi rendendoli incomprensibili a che non sia in possesso di una chiave (intesa secondo la definizione crittologica) per interpretarli.

12 Nei sistemi crittografici a chiave pubblica, detti anche a chiave asimmetrica, ogni utente ha una coppia di chiavi; una chiave privata, da non svelare a nessuno, con cui può decifrare i messaggi che gli vengono inviati e firmare i messaggi che invia, e una chiave pubblica che altri utenti utilizzano per cifrare i messaggi da inviargli e per decifrare la sua firma e stabilirne quindi l autenticità. Per ogni utente le due chiavi vengono generate da un apposito algoritmo con la garanzia che la chiave privata sia la sola in grado di poter decifrare correttamente i messaggi cifrati con la chiave pubblica associata e viceversa. Lo scenario in cui un mittente vuole spedire un messaggio ad un destinatario in modalità sicura è il seguente: il mittente utilizza la chiave pubblica del destinatario per la cifratura del messaggio da spedire, quindi spedisce il messaggio cifrato al destinatario; il destinatario riceve il messaggio cifrato e adopera la propria chiave privata per ottenere il messaggio in chiaro. Grazie alla proprietà delle due chiavi, inversa rispetto a quella appena descritta, un sistema di questo tipo è adatto anche per ottenere dei documenti firmati. Infatti la chiave pubblica di un utente è la sola in grado di poter decifrare correttamente i documenti cifrati con la chiave privata di quell utente. Se un utente vuole creare una firma per un documento, procede nel modo seguente: con l ausilio di una funzione hash (pubblica) ricava l impronta digitale del documento, detta anche message digest, un file di dimensioni relativamente piccole che contiene una sorta di codice di controllo relativo al documento stesso, dopodichè utilizza la propria chiave privata per cifrare l impronta digitale; il risultato di questa codifica è la firma. La funzione hash è fatta in modo da rendere minima la probabilità che da testi diversi si possa ottenere il medesimo valore dell impronta, inoltre è one-way, a senso unico; questo significa che dall impronta è impossibile ottenere nuovamente il testo originario. La firma prodotta dipende dall impronta digitale del documento e, quindi, dal documento stesso, oltre che dalla chiave privata dell utente. A questo punto la firma viene allegata al documento. Chiunque può verificare l autenticità di un documento; per farlo, ecifra la firma del documento con la chiave pubblica del mittente, ottenendo l impronta digitale del documento e quindi confronta quest ultima con quella che si ottiene applicando la funzione hash al documento ricevuto; se le due impronte sono uguali l autenticità e l integrità del documento sono garantite. La firma digitale assicura inoltre il non ripudio; il firmatario di un documento trasmesso non può negare di averlo inviato, né può il ricevente negare di averlo ricevuto.

13 Detta in altre parole significa che l informazione non può essere disconosciuta, come nel caso di una firma convenzionale su un documento cartaceo in presenza di testimoni. Le operazioni di firma e di verifica possono essere demandate ad un apposito programma rilasciato dall ente certificatore oppure al proprio client di posta elettronica che, con una semplice configurazione, le effettuerà automaticamente. Conclusione È notizia di questi giorni l intenzione dell attuale Ministro della Funzione Pubblica di far scomparire la carta nelle P.A. entro il Il piano si chiama E-GOV 2012 ; a regime prevede che ogni italiano sia dotato di una casella di posta elettronica attraverso cui dialogare con la Pubblica Amministrazione. Il problema, ovviamente, rimane sempre il digital divide ; ad oggi l 83% delle famiglie italiane non usa Internet e nei paesi europei più avanzati (Francia e Germania) la percentuale scende al 60%. A complicare le cose e ad allontanare il sogno del Ministro ha contribuito il Governo stesso azzerando i fondi del SISTEMA PUBBLICO DI CONNETTIVITA!!! (realizzata con i contributi di

POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Questo vademecum ha lo scopo di riassumere i concetti relativi alla PEC. Per approfondimenti e verifiche, si rimanda alla legislazione vigente. 1 COS E ED A COSA SERVE PEC

Dettagli

La Firma Digitale La sperimentazione nel Comune di Cuneo. Pier Angelo Mariani Settore Elaborazione Dati Comune di Cuneo

La Firma Digitale La sperimentazione nel Comune di Cuneo. Pier Angelo Mariani Settore Elaborazione Dati Comune di Cuneo La Firma Digitale La sperimentazione nel Comune di Cuneo Pier Angelo Mariani Settore Elaborazione Dati Comune di Cuneo Perchè questa presentazione Il Comune di Cuneo, aderente alla RUPAR, ha ricevuto due

Dettagli

IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE

IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE SCHEDA Il Codice è il risultato di oltre due anni di lavoro, di continue interazioni con tutti i livelli istituzionali, con le Regioni e le Autonomie Locali. È stato

Dettagli

Posta Elettronica Certificata e Firma Digitale. CST Monterraneo, 9 Febbraio 2011

Posta Elettronica Certificata e Firma Digitale. CST Monterraneo, 9 Febbraio 2011 Posta Elettronica Certificata e Firma Digitale CST Monterraneo, 9 Febbraio 2011 Agenda Posta Elettronica Certificata Cos è Riferimenti normativi Soggetti Flusso dei messaggi Vantaggi PEC nella Pubblica

Dettagli

L ufficio senza carta: ora si può

L ufficio senza carta: ora si può Organizzazione L ufficio senza carta: ora si può Renata Bortolin Negli ultimi anni, abbiamo assistito al susseguirsi di annunci di leggi che semplificano i procedimenti amministrativi, fiscali e tributari

Dettagli

La gestione documentale nel Codice delle Amministrazioni Digitali

La gestione documentale nel Codice delle Amministrazioni Digitali La gestione documentale nel Codice delle Amministrazioni Digitali Artt. 4 e 6 Diritti di cittadini e imprese Art4. 1)... 2) Ogni atto e documento può essere trasmesso alle pubbliche amministrazioni con

Dettagli

Il nuovo codice della PA digitale

Il nuovo codice della PA digitale Il nuovo codice della PA digitale 1. Cosa è e a cosa serve Le pubbliche amministrazioni sono molto cambiate in questi ultimi anni: secondo i sondaggi i cittadini stessi le vedono mediamente più veloci

Dettagli

Seminario Formativo. La Posta Elettronica Certificata (PEC)

Seminario Formativo. La Posta Elettronica Certificata (PEC) Comune di Viterbo Prefettura di Viterbo Provincia di Viterbo Coordinamento territoriale per l Amministrazione Digitale della provincia di Viterbo Seminario Formativo La Posta Elettronica Certificata: aspetti

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATICI CONSERVAZIONE e RIPRODUZIONE ai FINI degli OBBLIGHI FISCALI

DOCUMENTI INFORMATICI CONSERVAZIONE e RIPRODUZIONE ai FINI degli OBBLIGHI FISCALI Circolare informativa per la clientela Settembre Nr. 2 DOCUMENTI INFORMATICI CONSERVAZIONE e RIPRODUZIONE ai FINI degli OBBLIGHI FISCALI In questa Circolare 1. Codice dell amministrazione digitale 2. Modifiche

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATICI, POSTA CERTIFICATA E DEMATERIALIZZAZIONE

DOCUMENTI INFORMATICI, POSTA CERTIFICATA E DEMATERIALIZZAZIONE Prof. Stefano Pigliapoco DOCUMENTI INFORMATICI, POSTA CERTIFICATA E DEMATERIALIZZAZIONE s.pigliapoco@unimc.it Codice dell amministrazione digitale Il codice dell amministrazione digitale (Co.A.Di.) è contenuto

Dettagli

Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione

Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione Prof. Avv. Giusella Finocchiaro Studio legale Finocchiaro www. studiolegalefinocchiaro.it 1 Il quadro normativo Percorso lungo e complesso: normativa

Dettagli

Firma digitale INTRODUZIONE

Firma digitale INTRODUZIONE Firma digitale INTRODUZIONE La firma digitale costituisce uno dei dieci obiettivi del Piano per l e-government. Per quanto riguarda la PA, l obiettivo, abilitante allo sviluppo dei servizi on line, si

Dettagli

Intervento Inforav rinnovamento modernizzazione maggiore effettività cogenza

Intervento Inforav rinnovamento modernizzazione maggiore effettività cogenza Intervento Inforav Il 25 gennaio 2011 è entrato in vigore il decreto legislativo n. 235 del 2010 che, in attuazione della delega contenuta nella legge n. 69 del 2009, ha profondamente modificato e innovato

Dettagli

La PEC e interoperabilità di protocollo

La PEC e interoperabilità di protocollo La PEC e interoperabilità di protocollo Contenuti (1) La Pec La PEC nella normativa Gli attori coinvolti Utenti Gestori La rete di comunicazione Il documento informatico Il punto di vista dell utente Il

Dettagli

DOCUMENTO ELETTRONICO E FIRMA DIGITALE

DOCUMENTO ELETTRONICO E FIRMA DIGITALE DOCUMENTO ELETTRONICO E FIRMA DIGITALE CHE COSA È LA CRITTOGRAFIA LA CRITTOLOGIA È SCIENZA CHE STUDIA LE SCRITTURE SEGRETE 2 CRITTOGRAFIA STUDIA I SISTEMI DI PROTEZIONE DEI MESSAGGI CRITTOANALISI STUDIA

Dettagli

LA FIRMA DIGITALE E LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Dario Obizzi

LA FIRMA DIGITALE E LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Dario Obizzi LA FIRMA DIGITALE E LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Dario Obizzi Premessa L utilizzo sempre più diffuso delle nuove tecnologie e quindi di elaboratori e di sistemi informatici e telematici ha creato profondi,

Dettagli

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI Approvato con deliberazione n. 463 del 10.08.2015

Dettagli

Click to edit Master title style

Click to edit Master title style Click to edit Master title style Gli strumenti di semplificazione dei rapporti tra professionisti e PA Francesco Tortorelli 22 Gennaio 2010 Gli strumenti di semplificazione dei rapporti tra professionisti

Dettagli

La firma digitale CHE COSA E'?

La firma digitale CHE COSA E'? La firma digitale La Firma Digitale è il risultato di una procedura informatica che garantisce l autenticità e l integrità di messaggi e documenti scambiati e archiviati con mezzi informatici, al pari

Dettagli

Documento informatico e dematerializzazione: normativa attuale, modalità operative, evoluzioni

Documento informatico e dematerializzazione: normativa attuale, modalità operative, evoluzioni Documento informatico e dematerializzazione: normativa attuale, modalità operative, evoluzioni massella@cnipa.it Seminario Confindustria Firenze Firenze, 15 gennaio 2009 1 La gestione dei documenti informatici

Dettagli

Progetto dematerializzazione

Progetto dematerializzazione Progetto dematerializzazione -1- Contesto di riferimento Il progetto dematerializzazione si inserisce nelle linee di programmazione dell Area Amministrativa e Tecnica tra i progetti trasversali che nel

Dettagli

Le comunicazioni telematiche in Toscana

Le comunicazioni telematiche in Toscana Le comunicazioni telematiche in Toscana Stampa Centro stampa Giunta Regione Toscana I N D I C E Le comunicazioni telematiche I canali di comunicazioni InterPRO e le Amministrazioni Pubbliche Come attivare

Dettagli

LA FIRMA DIGITALE. Estratto dal sito web del Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione (CNIPA) 1

LA FIRMA DIGITALE. Estratto dal sito web del Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione (CNIPA) 1 LA FIRMA DIGITALE Estratto dal sito web del Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione (CNIPA) 1 COPYRIGHT NOTES: I contenuti del sito codice di script, grafica, testi, tabelle,

Dettagli

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE IX IL DOCUMENTO ELETTRONICO E LA FIRMA DIGITALE PROF. SIMONE OREFICE Indice 1 Il Documento Elettronico e La Firma Digitale ----------------------------------------------------------------------------

Dettagli

La scrittura privata fa piena prova, fino a querela di falso, della provenienza delle dichiarazioni da chi l ha scritta

La scrittura privata fa piena prova, fino a querela di falso, della provenienza delle dichiarazioni da chi l ha scritta La firma digitale, nel mondo informatico, sostituisce la FIRMA AUTOGRAFA CARATTERISTICA della firma autografa è che essa è ricollegabile in maniera UNIVOCA al soggetto che l ha apposta, essendo quasi impossibile

Dettagli

PROGETTO DI RIORDINO DELL ARCHIVIO CORRENTE E DI MIGLIORAMENTO DELLA GESTIONE INFORMATICA DEI FLUSSI DOCUMENTALI.

PROGETTO DI RIORDINO DELL ARCHIVIO CORRENTE E DI MIGLIORAMENTO DELLA GESTIONE INFORMATICA DEI FLUSSI DOCUMENTALI. Comune di Lavagna Provincia di Genova Unità Autonoma Ufficio Relazioni con il Pubblico Servizi Demografici PROGETTO DI RIORDINO DELL ARCHIVIO CORRENTE E DI MIGLIORAMENTO DELLA GESTIONE INFORMATICA DEI

Dettagli

Partner di www.2essedigital.it

Partner di  www.2essedigital.it Partner di PEC obbligatoria per tutti!!! Rivoluzione nel decreto legge anti-crisi : PEC obbligatoria per tutti Il decreto legge anti-crisi approvato il 28 novembre 2008, dal Consiglio di Ministri, contiene

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATICI E ARCHIVI DIGITALI

DOCUMENTI INFORMATICI E ARCHIVI DIGITALI Prof. Stefano Pigliapoco DOCUMENTI INFORMATICI E ARCHIVI DIGITALI s.pigliapoco@unimc.it Il nuovo codice dell amministrazione digitale (CAD) Il decreto legislativo 30 dicembre 2010, n. 235, adottato a norma

Dettagli

Dematerializzazione dei documenti amministrativi, utilizzo della PEC e delle firme digitali nell'informatizzazione e automazione dei procedimenti

Dematerializzazione dei documenti amministrativi, utilizzo della PEC e delle firme digitali nell'informatizzazione e automazione dei procedimenti Dematerializzazione dei documenti amministrativi, utilizzo della PEC e delle firme digitali nell'informatizzazione e automazione dei procedimenti Il ciclo di vita del documento informatico e le comunicazioni

Dettagli

La Firma Digitale e la Posta Elettronica Certificata. Centro Tecnico RUPAR Puglia - Tecnopolis Csata Chiara Valerio Bari, 14 dicembre 2006

La Firma Digitale e la Posta Elettronica Certificata. Centro Tecnico RUPAR Puglia - Tecnopolis Csata Chiara Valerio Bari, 14 dicembre 2006 La Firma Digitale e la Posta Elettronica Certificata Centro Tecnico RUPAR Puglia - Tecnopolis Csata Chiara Valerio Bari, 14 dicembre 2006 INNOVAZIONE DELLA P.A. Quadro normativo Il Codice dell Amministrazione

Dettagli

Il Codice dell Amministrazione Digitale LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.

Il Codice dell Amministrazione Digitale LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro. Il Codice dell Amministrazione Digitale LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it 1 Il Codice dell Amministrazione Digitale Capo IV - Trasmissione

Dettagli

L EMAIL: ISTRUZIONI PER L USO Strumenti, metodi e criticità per creare, gestire e conservare la posta elettronica

L EMAIL: ISTRUZIONI PER L USO Strumenti, metodi e criticità per creare, gestire e conservare la posta elettronica Prof. Stefano Pigliapoco L EMAIL: ISTRUZIONI PER L USO Strumenti, metodi e criticità per creare, gestire e conservare la posta elettronica s.pigliapoco@unimc.it Posta Elettronica (PE) [DPCM 31/10/2000]:

Dettagli

POSTA ELETTRONICA (TRADIZIONALE e CERTIFICATA) FIRMA DIGITALE PROTOCOLLO INFORMATICO. Maurizio Gaffuri 11 ottobre 2007

POSTA ELETTRONICA (TRADIZIONALE e CERTIFICATA) FIRMA DIGITALE PROTOCOLLO INFORMATICO. Maurizio Gaffuri 11 ottobre 2007 POSTA ELETTRONICA (TRADIZIONALE e CERTIFICATA) FIRMA DIGITALE PROTOCOLLO INFORMATICO Maurizio Gaffuri 11 ottobre 2007 1 POSTA ELETTRONICA TRADIZIONALE e POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA 2 POSTA ELETTRONICA

Dettagli

Il diritto nell Informatica

Il diritto nell Informatica Il diritto nell Informatica Introduzione L utilizzazione sempre più diffusa dell Informatica nel corso degli anni ha investito tutti gli ambiti della vita sociale. La raccolta, l elaborazione e la trasmissione

Dettagli

Appendice 2 POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

Appendice 2 POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Versione 1.0 Aggiornato al 29 Luglio 2009 www.to.camcom.it/guideregistroimprese Appendice 2 POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA ANAGRAFE ECONOMICA - REGISTRO IMPRESE REGISTRO IMPRESE CAMERA DI COMMERCIO DI TORINO

Dettagli

NOZIONI INTRODUTTIVE DI CARATTERE DEFINITORIO DEL DOCUMENTO ELETTRONICO E DELLA FIRMA ELETTRONICA. RIFERIMENTI NORMATIVI

NOZIONI INTRODUTTIVE DI CARATTERE DEFINITORIO DEL DOCUMENTO ELETTRONICO E DELLA FIRMA ELETTRONICA. RIFERIMENTI NORMATIVI IL DOCUMENTO ELETTRONICO E LA FIRMA ELETTRONICA (PARTE PRIMA) PROF.SSA FRANCESCA MITE Indice 1 NOZIONI INTRODUTTIVE DI CARATTERE DEFINITORIO DEL DOCUMENTO ELETTRONICO E DELLA FIRMA ELETTRONICA. RIFERIMENTI

Dettagli

Prot. n 169 Salerno, lì 24 Febbraio 2016

Prot. n 169 Salerno, lì 24 Febbraio 2016 Prot. n 169 Salerno, lì 24 Febbraio 2016 A tutti gli iscritti all Albo e nell Elenco Speciale LORO SEDI OGGETTO: Circolare n 38/2016. Libera professione. Nuove Tecnologie. La P.E.C. (Posta Elettronica

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ----------------------------------------------

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- DIREZIONE CENTRALE Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- Protocollo d Intesa tra Il Comune di Milano e l Ordine dei Consulenti del

Dettagli

Valore probatorio: posta tradizionale 2 PEC

Valore probatorio: posta tradizionale 2 PEC Valore probatorio: posta tradizionale 2 PEC Il messaggio di posta tradizionale viene comunque ricevuto dal titolare della casella di PEC, imbustato in una anomalia messaggio Al mittente non certificato

Dettagli

Corso di formazione sulle novità in tema di digitalizzazione amministrativa, innovazione dei processi e dematerializzazione dei documenti introdotte

Corso di formazione sulle novità in tema di digitalizzazione amministrativa, innovazione dei processi e dematerializzazione dei documenti introdotte Corso di formazione sulle novità in tema di digitalizzazione Corso di formazione sulle novità in tema di digitalizzazione amministrativa, innovazione dei processi e dematerializzazione dei documenti introdotte

Dettagli

PROGETTO COMUNICAZIONE LEGISLATIVA. Luglio 2003. Dipartimento Consiglio regionale

PROGETTO COMUNICAZIONE LEGISLATIVA. Luglio 2003. Dipartimento Consiglio regionale PROGETTO COMUNICAZIONE LEGISLATIVA Luglio 2003 Dipartimento Consiglio regionale - a diffusione interna - 2/19 INDICE 1. I contenuti essenziali della legge regionale 25 giugno 2002, n. 22 (Norme e interventi

Dettagli

Decreto anticrisi: ulteriore spinta alla dematerializzazione dei documenti

Decreto anticrisi: ulteriore spinta alla dematerializzazione dei documenti Focus di pratica professionale di Marco Thione Decreto anticrisi: ulteriore spinta alla dematerializzazione dei documenti Considerazioni introduttive: la dematerializzazione come opportunità La cosiddetta

Dettagli

CHE COS E LA FIRMA DIGITALE

CHE COS E LA FIRMA DIGITALE CHE COS E LA FIRMA DIGITALE La firma digitale può essere definita l'equivalente elettronico di una tradizionale firma apposta su carta, assumendone lo stesso valore legale. E' associata stabilmente al

Dettagli

Firma Digitale per il il Consiglio Nazionale degli Ingegneri. Roma 15 ottobre 2009

Firma Digitale per il il Consiglio Nazionale degli Ingegneri. Roma 15 ottobre 2009 Firma Digitale per il il Consiglio Nazionale degli Ingegneri Roma 15 ottobre 2009 :: Firma Digitale :: La Firma Digitale è il risultato di una procedura informatica che garantisce l autenticità e l integrità

Dettagli

LA PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA)

LA PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA) LA PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA) La "posta elettronica certificata", meglio conosciuta con l'acronimo PEC, è uno strumento di trasmissione elettronica di documenti informatici che permette di parificare

Dettagli

La Firma Digitale. Manuale d uso Fornitore. Introduzione alla Firma Digitale. Aprile 2015

La Firma Digitale. Manuale d uso Fornitore. Introduzione alla Firma Digitale. Aprile 2015 Manuale d uso Fornitore Introduzione alla Firma Digitale Cenni generali sulla Firma Digitale La firma digitale può essere definita come un sistema di autenticazione di documenti digitali tale da garantire

Dettagli

Posta elettronica certificata: per le raccomandate rivoluzione in un «click»

Posta elettronica certificata: per le raccomandate rivoluzione in un «click» Posta elettronica certificata: per le raccomandate rivoluzione in un «click» di Salvatore Mattia (*) Per professionisti e imprese arriva finalmente la svolta nella gestione di fatture e raccomandate: entra

Dettagli

PEC un obbligo che semplifica

PEC un obbligo che semplifica PEC un obbligo che semplifica Obbligatorietà della PEC. Risvolti organizzativi e opportunità per lo studio professionale STEFANO STRINGA Ordine Dottori Commercialisti e Esperti Contabili di Mantova Da

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA

REGOLAMENTO DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA REGOLAMENTO DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 64/2009, modificato con delibera C.C.n.61/2010 e con delibera C.C.n.109/2010 Art.1 Principi e strumenti. Il Comune

Dettagli

Gli strumenti del Codice dell Amministrazione Digitale. Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it

Gli strumenti del Codice dell Amministrazione Digitale. Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it Gli strumenti del Codice dell Amministrazione Digitale Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it Programma Il Codice dell Amministrazione Digitale Il Documento Informatico

Dettagli

Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC.

Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC. Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC. Avviso di mancata consegna L avviso, emesso dal sistema, per indicare l anomalia

Dettagli

La conservazione della fattura elettronica e della pec

La conservazione della fattura elettronica e della pec Confindustria Firenze 17 luglio 2014 La conservazione della fattura elettronica e della pec Relatore Avv. Chiara Fantini Of Counsel Studio Legale Frediani - Partner DI & P Srl Indice Quadro normativo in

Dettagli

Posta Elettronica Certificata e Firma Digitale

Posta Elettronica Certificata e Firma Digitale Posta Elettronica Certificata e Firma Digitale Utilizzo pratico Ing. Solieri Matteo 6 Febbraio 2010 OBIETTIVI Il servizio PEC fornito dal CNI Come si utilizza con particolare riferimento ad alcune funzionalità

Dettagli

L'ARCHIVIO DIGITALE Documento Elettronico e Firma Digitale

L'ARCHIVIO DIGITALE Documento Elettronico e Firma Digitale L'ARCHIVIO DIGITALE Documento Elettronico e Firma Digitale Docente: http:// massimo@massimofarina.it 1 Documento Elettronico & Firma Digitale La forma elettronica Forma libera e Forma vincolata Firma elettronica

Dettagli

Direttive concernenti le comunicazioni con le pubbliche amministrazioni e lo scambio di documenti per via telematica.

Direttive concernenti le comunicazioni con le pubbliche amministrazioni e lo scambio di documenti per via telematica. ALLEGATO A) Direttive concernenti le comunicazioni con le pubbliche amministrazioni e lo scambio di documenti per via telematica. 1. Premessa Le presenti direttive disciplinano le comunicazioni telematiche

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Prot. n. 02/ALBO/CN 11 SETTEMBRE 2013 Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 11 settembre 2013 Regolamento per la gestione telematica

Dettagli

( P R O V I N C I A D I N A P O L I ) REGOLAMENTO. PER L'UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE e-mail E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC)

( P R O V I N C I A D I N A P O L I ) REGOLAMENTO. PER L'UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE e-mail E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) C I T T À D I B A C O L I C I T T A D I B A C O L I ( P R O V I N C I A D I N A P O L I ) REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE e-mail E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) (adottato con

Dettagli

PROTOCOLLO INFORMATIZZATO, PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DOCUMENTALE. Maggio 2006

PROTOCOLLO INFORMATIZZATO, PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DOCUMENTALE. Maggio 2006 PROTOCOLLO INFORMATIZZATO, PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DOCUMENTALE Maggio 2006 1 Evoluzione tecnologica 1 Negli ultimi anni le P.A. si sono fortemente impegnate nello sviluppo di reti di computer

Dettagli

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile L. 18 giugno 2009, n. 69 1 e 2 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile (Estratto relativo all Amministrazione digitale) Art. 24

Dettagli

FRANCOPOST PEC. (Posta Elettronica Certificata) L e mail come le raccomandate postali, anzi meglio!

FRANCOPOST PEC. (Posta Elettronica Certificata) L e mail come le raccomandate postali, anzi meglio! FRANCOPOST PEC (Posta Elettronica Certificata) L e mail come le raccomandate postali, anzi meglio! La PEC è un sistema di trasporto di documenti informatici che consente di avere un riscontro certo dell

Dettagli

Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale

Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Un nuovo Codice dell amministrazione digitale per una nuova PA Il nuovo Codice dell amministrazione digitale (CAD) stabilisce le regole per la digitalizzazione

Dettagli

che, diversamente dalla raccomandata, nella ricevuta di avvenuta consegna sono presenti anche i contenuti del messaggio originale.

che, diversamente dalla raccomandata, nella ricevuta di avvenuta consegna sono presenti anche i contenuti del messaggio originale. Di seguito sono riportate le risposte relative a quesiti pervenuti circa i seguenti aspetti del servizio: caratteristiche generali; funzionamento; attivazione; gestori; Indice PA. 1. Introduzione Che cos'è?

Dettagli

Firma Digitale per il il Consiglio Nazionale degli Ingegneri

Firma Digitale per il il Consiglio Nazionale degli Ingegneri Firma Digitale per il il Consiglio Nazionale degli Ingegneri :: Firma Digitale :: La Firma Digitale è il risultato di una procedura informatica che garantisce l autenticità e l integrità di messaggi e

Dettagli

Vent anni di corsi a Bressanone. Il Protocollo Informatico e la Sicurezza Informatica. Dott. ssa Floretta Rolleri

Vent anni di corsi a Bressanone. Il Protocollo Informatico e la Sicurezza Informatica. Dott. ssa Floretta Rolleri Vent anni di corsi a Bressanone Il Protocollo Informatico e la Sicurezza Informatica XX Corso Dott. ssa Floretta Rolleri CNIPA Bressanone (Bz), 19-22 maggio 2009 Il Protocollo Informatico e la Sicurezza

Dettagli

IL RUOLO DEL TESORIERE NEL SUPPORTO ALLA P.A.

IL RUOLO DEL TESORIERE NEL SUPPORTO ALLA P.A. IL RUOLO DEL TESORIERE NEL SUPPORTO ALLA P.A. Claudio Mauro Direttore Centrale Business Genova, 11 Novembre 2010 1 Agenda Scenario Pubblica Amministrazione Locale Ordinativo Informatico Locale Gestione

Dettagli

Anagrafica progetto Nome progetto Stato Responsabile Obiettivi generali Obiettivi specifici

Anagrafica progetto Nome progetto Stato Responsabile Obiettivi generali Obiettivi specifici Anagrafica progetto Nome progetto Stato Responsabile Obiettivi generali Obiettivi specifici Firma Digitale Firma Raffaello In fase di avviamento In corso Sospeso Completato In esercizio Donatella Settimi

Dettagli

COMUNE DI CASTELFIDARDO Provincia di Ancona

COMUNE DI CASTELFIDARDO Provincia di Ancona COMUNE DI CASTELFIDARDO Provincia di Ancona Tempestività dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni. Relazione tecnica sulle misure organizzative da adottare in attuazione dell articolo 9 del decreto

Dettagli

Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it

Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it La timeline del quadro normativo (1) 1998 2000 2004 2005 Protocollo informatico Regole tecniche per il protocollo informatico di cui al decreto del Presidente

Dettagli

Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi

Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi CNIPA massella@cnipa.it Workshop per dirigenti responsabili dei servizi di protocollo e flussi documentali CNIPA 9 novembre 2007 1 Alcuni numeri

Dettagli

DIRETTIVE CONCERNENTI L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DA PARTE DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE.

DIRETTIVE CONCERNENTI L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DA PARTE DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. Allegato A) DIRETTIVE CONCERNENTI L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DA PARTE DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. 1. LA POSTA ELETTRONICA TRADIZIONALE E LA POSTA ELETTRONICA

Dettagli

L addetto all Ufficio Protocollo riceve quotidianamente la posta pervenuta tramite servizio postale

L addetto all Ufficio Protocollo riceve quotidianamente la posta pervenuta tramite servizio postale Tempestività dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni. Relazione tecnica sulle misure organizzative da adottare in attuazione dell articolo 9 del decreto legge 1 luglio 2009, n. 78, convertito con

Dettagli

Schede operative PEC. I soggetti che interagiscono con il sistema di posta elettronica certificata

Schede operative PEC. I soggetti che interagiscono con il sistema di posta elettronica certificata PEC Il servizio di posta elettronica certificata Il presente lavoro si propone di illustrare le principali caratteristiche del nuovo servizio di posta elettronica certificata, che rappresenta uno dei sistemi

Dettagli

Dire, fare, azienda digitale

Dire, fare, azienda digitale Dire, fare, azienda digitale Strumenti nuovi nella innovazione Prima parte Condino, 19 aprile 2010 Iniziamo con alcuni numeri Largo Consumo scenario tradizionale: 69 euro scenario intermedio: 50,9 euro

Dettagli

PROGETTO ATTIVAZIONE NELLE SCUOLE DELLA PROVINCIA DI PISA DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

PROGETTO ATTIVAZIONE NELLE SCUOLE DELLA PROVINCIA DI PISA DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO PROGETTO ATTIVAZIONE NELLE SCUOLE DELLA PROVINCIA DI PISA DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO PREMESSA Il Codice dell Amministrazione Digitale (D.Lgs 82/2005, modificato con

Dettagli

La disciplina della firma digitale

La disciplina della firma digitale La disciplina della firma digitale La «firma digitale» è un software, cioè un programma informatico che permette al suo titolare di firmare dei documenti informatici (files) ed, in questo modo, attribuire

Dettagli

AWN ArchiWorld Network * * * * * FD Firma Digitale PEC Posta Elettronica Certificata CARATTERISTICHE E FUNZIONALITÀ

AWN ArchiWorld Network * * * * * FD Firma Digitale PEC Posta Elettronica Certificata CARATTERISTICHE E FUNZIONALITÀ Pag. 1 / 9 * * * * * FD Firma Digitale PEC Posta Elettronica Certificata Roma, rev. 1 13 marzo 2008 INDICE 1. FD > Caratteristiche...2 1.1 Note generali...2 1.2 La normativa di riferimento...2 2. FD >

Dettagli

Inquadramento giuridico della Posta Elettronica Certificata (PEC) Avv. Pierluigi Perri

Inquadramento giuridico della Posta Elettronica Certificata (PEC) Avv. Pierluigi Perri Inquadramento giuridico della Posta Elettronica Certificata (PEC) Avv. Pierluigi Perri Dottore di ricerca in Informatica giuridica e diritto dell informatica - Università di Milano Definizione Una casella

Dettagli

GESTIONE DEL PROTOCOLLO D.P.R. 445 / 2000

GESTIONE DEL PROTOCOLLO D.P.R. 445 / 2000 GESTIONE DEL PROTOCOLLO D.P.R. 445 / 2000 La soluzione proposta, conforme alle normative vigenti in materia, permette l amministrazione completa di tutte le informazioni relative al protocollo di un Ente

Dettagli

PEC e Firma Digitale. Relatore dott. Andrea Mazzini

PEC e Firma Digitale. Relatore dott. Andrea Mazzini PEC e Firma Digitale Relatore dott. Andrea Mazzini PEC Posta Elettronica Certificata PEC e Firma Digitale - 2 PEC Posta Elettronica Certificata La posta elettronica certificata è un sistema attraverso

Dettagli

Documenti cartacei e digitali. Autenticità. Cosa si vuole garantire? Riservatezza. Integrità 11/12/2012. PA digitale: documenti e firme (I.

Documenti cartacei e digitali. Autenticità. Cosa si vuole garantire? Riservatezza. Integrità 11/12/2012. PA digitale: documenti e firme (I. Università degli studi di Catania Pubblica Amministrazione digitale Elementi tecnici sulla firma digitale Ignazio Zangara Agatino Di Bella Area della Formazione Gestione dell archivio (novembre dicembre

Dettagli

COMUNE DI BORGOMANERO MANUALE DI GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO

COMUNE DI BORGOMANERO MANUALE DI GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO COMUNE DI BORGOMANERO MANUALE DI GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO SOMMARIO TITOLO I PRINCIPI GENERALI...4 ART. 1 OGGETTO DELLA DISCIPLINA... 4 ART. 2 FINALITÀ... 4 ART. 3 IL SERVIZIO DEL PROTOCOLLO... 4

Dettagli

La fattura elettronica

La fattura elettronica La fattura elettronica L. 69 del 2009 art. 32 Eliminazione degli sprechi relativi al mantenimento di documenti in forma cartacea Dal 1 gennaio 2010 Pubblicazione sui siti web con effetti legali..salvo

Dettagli

PARCO OGLIO NORD ENTE DI DIRITTO PUBBLICO

PARCO OGLIO NORD ENTE DI DIRITTO PUBBLICO PARCO OGLIO NORD ENTE DI DIRITTO PUBBLICO ISTRUZIONI PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC Che cos è la Posta Elettronica Certificata? La Posta Elettronica Certificata (PEC) è una soluzione

Dettagli

Posta Elettronica Certificata & Firma Digitale

Posta Elettronica Certificata & Firma Digitale Posta Elettronica Certificata & Firma Digitale Introduzione Sicurezza nelle comunicazioni digitali Obbligo per Professionisti (entro 1 anno) e Aziende (3 anni) di dotarsi di caselle di Posta Elettronica

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Articolo 1

RELAZIONE TECNICA. Articolo 1 RELAZIONE TECNICA Articolo 1 L articolo 1 modifica le definizioni contenute nel Codice dell amministrazione digitale, introducendone alcune nuove in linea con le evoluzioni tecnologiche e con i più recenti

Dettagli

COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano

COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano 20060 Trezzano Rosa Piazza XXV Aprile, 1 C.F. 83502090158 P.IVA 04670940156 info@comune.trezza norosa.mi.it www.comune.trezzanorosa.mi.it Tel. 02 920199 Tecnico

Dettagli

Firma digitale e posta elettronica certificata

Firma digitale e posta elettronica certificata Firma digitale e posta elettronica certificata Agostino Olivato Sommario InfoCert Documenti digitali vantaggi, ciclo di vita Firma digitale norme, caratteristiche, Business Key Posta elettronica certificata

Dettagli

FORMAZIONE, GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI

FORMAZIONE, GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI FORMAZIONE, GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI ART. 40. FORMAZIONE DI DOCUMENTI INFORMATICI LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI CHE DISPONGONO DI IDONEE RISORSE TECNOLOGICHE FORMANO GLI ORIGINALI

Dettagli

(estratto da) 3. Firma digitale, posta elettronica certificata e dematerializzazione Daniela Redolfi

(estratto da) 3. Firma digitale, posta elettronica certificata e dematerializzazione Daniela Redolfi (estratto da) 3. Firma digitale, posta elettronica certificata e dematerializzazione Daniela Redolfi (...) 3.2 Elementi della tecnologia e aspetti legali Il documento cartaceo sottoscritto possiede alcuni

Dettagli

PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI: PRESENTAZIONE BASE

PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI: PRESENTAZIONE BASE PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI: PRESENTAZIONE BASE Guglielmo LONGOBARDI Centro di Competenza Trasparenza e gestione elettronica dei documenti ALL ORIGINE DEI SISTEMI DOCUMENTARI

Dettagli

IL NUOVO CODICE DELLA

IL NUOVO CODICE DELLA IL NUOVO CODICE DELLA AMMINISTRAZIONE DIGITALE Il nuovo CAD in pillole Collana di Minigrafie Tecnologia dei Processi Documentali fondazione siav academy Il Nuovo Codice dell amministrazione digitale in

Dettagli

Fatturazione Elettronica e CAD

Fatturazione Elettronica e CAD Fatturazione Elettronica e CAD Agenzia per l Italia Digitale fabio.massimi@agid.gov.it Processo fatturazione elettronica PA Sistema di Interscambio OPERATORI ECONOMICI INTERMEDIARI INTERMEDIARI PA Fattura

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 7/2016 del 30 marzo 2016

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 7/2016 del 30 marzo 2016 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 7/2016 del 30 marzo 2016 SCHEMA DI PROVVEDIMENTO RECANTE MODIFICHE AL REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA E RIASSICURATIVA

Dettagli

IL SEGRETARIO GENERALE ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni

IL SEGRETARIO GENERALE ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni Determinazione dirigenziale n. 1 del 07/01/2013 Oggetto : Servizio di supporto alle attività di digitalizzazione dei flussi documentali dell'albo Gestori Ambientali. Affidamento all'unioncamere Molise

Dettagli

Dal 1 gennaio 2006 è in vigore il Codice dell amministrazione

Dal 1 gennaio 2006 è in vigore il Codice dell amministrazione ICT E DIRITTO Rubrica a cura di Antonio Piva, David D Agostini Scopo di questa rubrica è di illustrare al lettore, in brevi articoli, le tematiche giuridiche più significative del settore ICT: dalla tutela

Dettagli