LA GRANDE RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GRANDE RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE"

Transcript

1 LA GRANDE RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Pierluigi BUCCI - Piero LENCI - Giuliano PASSAGLIA Introduzione Abbiamo voluto parlare della legislazione che ha determinato le innovazioni nella Pubblica Amministrazione poiché in tutti questi cambiamenti siamo stati coinvolti in prima persona come dipendenti dell Amministrazione stessa, ma anche e soprattutto come cittadini. Quando entrammo nell Ente Locale l aria che tirava era completamente diversa; il Dirigente contava relativamente poco, il Sindaco non aveva i grandi poteri di adesso, gli Amministratori erano gli ultimi sottoscrittori di ogni atto e potevano sindacare su ogni decisione in merito al personale, provvedimenti, disposizioni, ecc. Per il cittadino l accesso agli atti era particolarmente difficoltoso in quanto essi erano rivestiti da una specie di segreto istruttorio e nascosti nella loro integrità. A partire dagli anni 90, invece, il diritto di accesso diventa un principio generale dell attività amministrativa finalizzato a favorire la partecipazione dei cittadini, l imparzialità, la semplificazione e la trasparenza dell azione amministrativa. La leale cooperazione fra soggetti pubblici e privati diventa prioritaria e il rapporto, dunque, fra dipendenti della Pubblica Amministrazione e cittadini cambia radicalmente. I politici vengono ridimensionati; mantengono i poteri decisionali iniziali ma non possono più interferire nell esecuzione dei provvedimenti. Il Dirigente diventa il responsabile ultimo dell attività amministrativa ed il gestore del budget assegnatogli. Prima degli anni 90, infine, nemmeno si parlava di informatizzazione e tantomeno di Internet che oggi, invece, fanno parte della nostra quotidianità. La trasparenza diventa, quindi, la base dei rapporti con gli utenti e noi dipendenti ci siamo adeguati, con piacere, a queste novità. La Riforma della Pubblica Amministrazione La grande riforma della Pubblica Amministrazione, se vogliamo fissare un punto d inizio, parte con la L. 142/90 sulle Autonomie Locali (successivamente modificata dalla L. 265 del 3 agosto 1999) e con la L. 241

2 dello stesso anno sui procedimenti amministrativi e sul diritto di accesso, che pongono l accento sui cittadini e sui loro diritti ad avere servizi trasparenti, efficienti e rapidi. Viene affermato il principio fondamentale che la Pubblica Amministrazione è retta da criteri di economicità, efficacia e pubblicità (Art. 1 L. 241/90). Un altro traguardo importante è stata l approvazione del D.L. del 3 febbraio 93 n. 29, che ha previsto l introduzione dei sistemi informativi nelle Pubbliche Amministrazioni come strumento essenziale per accrescerne l efficienza, razionalizzare i costi e fornire servizi efficaci. Insieme a questo viene approvato il D.L. 39 del 12 febbraio 1993, che ha istituito l Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione o A.I.P.A. (art. 4), quale strumento tecnico ed operativo per realizzare, nei tempi più rapidi, l introduzione nelle nuove tecnologie e la conseguente riorganizzazione della Pubblica Amministrazione, coordinando gli interventi. Realizzazione della Rete Unitaria Una condizione essenziale per realizzare il progetto di tele amministrazione, è quella di collegare in rete le varie articolazioni della Pubblica Amministrazione, integrando e facendo cooperare i vari sistemi informativi che la compongono. Si arriva così alla direttiva del Consiglio dei Ministri del 5 settembre 1995, sulla realizzazione della Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione o R.U.P.A, che connette tutta la P.A. centrale e quella degli Enti Locali al resto del mondo, attraverso Internet. La realizzazione è stata avviata nel 1996, dopo un approfondito studio di fattibilità; la nuova normativa sul protocollo prevede la trasmissioni attraverso la R.U.P.A. (nel 2005 con il D.Lgs.42 verrà sostituita dal Sistema Pubblico di Connettività ). Le leggi Bassanini Le modifiche più sostanziali all insieme delle normative della Pubblica Amministrazione, sono avvenute con l approvazione delle Leggi così dette Bassanini e dei successivi provvedimenti attuativi. Dal punto di vista dei cittadini le riforme Bassanini, che presero nome dall allora Ministro della Funzione Pubblica che le mise in cantiere, vollero introdurre semplificazioni delle procedure, meno burocrazia, più trasparenza e risposte più rapide ed efficienti. Furono varate 4 leggi: la n 59 del 1997 (Bassanini 1) la n 127 del 1997 (Bassanini Bis)

3 la n 191 del 1998 (bassanini Ter) la n 50 del 1999 (Bassanini Quarter) Erano leggi molto vaste e complesse, che riformarono praticamente tutta la legislazione precedente, in molti casi rimandando per la precisa regolamentazione di un provvedimento a successive Leggi Delega o a Regolamenti attuativi o tecnici. Le nuove tecnologie: i mattoni per le riforme Nel disegno di Riforma della Pubblica Amministrazione l utilizzo intensivo delle nuove tecnologie assunse un valore strategico; l effettivo passaggio da una Amministrazione basata su relazioni personali e documenti cartacei ad una tele-amministrazione basata su relazioni telematiche e documenti informatici fu condizione indispensabile per conseguire gli obbiettivi principali della riforma. Si potrebbe dire che le nuove tecnologie rappresentarono i mattoni su cui costruire il nuovo edificio dell Amministrazione Pubblica Italiana. Come affermato dallo stesso Senatore Bassanini, la L.59/97 introdusse il massimo del federalismo possibile, compatibilmente con l attuale Costituzione Italiana, e fu compito del Governo individuare il modo chiaro le poche competenze dello Stato, delegando tutto il resto alle Regione ed agli Enti Locali. Quando la riforma trovò attuazione in tutte le parti, allo Stato restarono solo competenze ben definite, quali affari esteri, forze armate, pubblica sicurezza, giustizia, ricerca scientifica e poche altre. Tutto il resto passò alle Regioni ed agli Enti Locali a cominciare dai Comuni. La Pubblica Amministrazione, da struttura piramidale, si trasformò gradualmente in una costruzione orizzontale, con l Ente Locale che ha una ampia autonomia e responsabilità primaria in tutti i principali aspetti del rapporto con i cittadini e con le imprese. Un Amministrazione distribuita, che garantisce livelli qualitativi e quantitativi di servizi omogenei su tutto il territorio nazionale; una tale struttura di base per poter funzionare efficacemente doveva avere a sua disposizione tutto il patrimonio informatico e informativo presente nella Pubblica Amministrazione. Ciò presuppone una forte capacità di scambio di informazioni e di comunicazioni tra i vari uffici di una stessa Amministrazione e tra questi e le altre Amministrazioni, competenti per territorio o per specializzazione (sanità, sicurezza, ambiente, ecc.). Era il concetto di interoperabilità, alla base della Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione, che garantisce inoltre un rapido accesso a numerosi fonti informative esterne alla Pubblica Amministrazione (Associazione di Categorie, Ordini Professionali, Organi di informazioni, ecc,).

4 Il nuovo protocollo informatico è funzionale a questa costruzione, ed introduce un sistema automatizzato che consente di individuare e recuperare rapidamente ogni pratica ed ogni documento, in qualunque parte della Pubblica Amministrazione. La semplificazione Un secondo punto strategico alla base della riforma era la così detta semplificazione, avviata con decisione con la L.127/97 (Bassanini bis Misure urgenti per lo svolgimento dell attività amministrativa e dei procedimenti di decisione e di controllo), e proseguita con le altre due Leggi Bassanini, la 121/98 (Bassanini ter Modifiche ed integrazioni alle L.59 del e L.127 del , nonché norme in materia di formazione del personale dipendente e di lavoro a distanza nelle Pubbliche Amministrazioni) e la n.50/99 (Bassanini quater Delegificazione e testi unici di norme concernenti procedimenti amministrativi). Lo scopo è stato quello di semplificare l attività amministrativa ed eliminare le barriere burocratiche, per fornire servizi efficienti e rapidi ai cittadini ed alle imprese e per snellire il lavoro delle Amministrazioni anche nei loro rapporti reciproci. La legge semplifica le procedure, rivede il sistema di controlli, modifica le figure professionali esistenti nelle Amministrazioni (a cominciare dalla previsione del Manager pubblico ); per i cittadini viene semplificato ed esteso lo strumento dell auto certificazione e ridotto il numero dei certificati, i quali assumono durata illimitata. Viene anche introdotta la Carta di Identità magnetica. Il principio di base è semplice; Le procedure inutili e non essenziali vanno eliminate, quelle essenziali vanno semplificate. Semplificare una procedura significa ridurre il numero delle operazioni necessarie per completarla, ottenendo così risultato finale a costi più bassi ed in tempi più rapidi. Le tecnologie dell informazione sono i più potenti fattori di semplificazione delle procedure che prevedono il trattamento e la trasmissione delle informazioni. Il ruolo dell informatica e della telematica Le riforme delineano quindi un Amministrazione unitaria ma a rete, in quanto basata su enti autonomi, che inoltre dispongono di numerose parti specializzate. Unitaria in quanto si rapporta con i cittadini e con le imprese come struttura unica (sportello unico), fornendo servizi semplificati ed efficienti.

5 A rete in quanto ogni sua parte deve poter interoperare rapidamente con ciascun altra; la nuova Pubblica Amministrazione, infine, opera in un contesto sociale dove i cittadini e le imprese comunicano fra di loro, in misura crescente, con sistemi informatici e telematici. Da qui deriva il ruolo strategico delle nuove tecnologie informatiche nel disegno complessivo della riforma; il protocollo informatico, la firma digitale e il documento elettronico, di cui parleremo più avnti, rappresentano la base per informatizzare tutte le operazioni di trattamento e trasmissione di dati nella pubblica amministrazione e tra questa e l esterno. Il cambiamento è iniziato Sarà forse la consapevolezza di un nuovo millennio, ma la pubblica amministrazione italiana è cambiata davvero, almeno nelle leggi che la governano. Come ha scritto l OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico), i grandi cambiamenti nella pubblica amministrazione sono un viaggio, non una destinazione. L importante è non stare fermi, ma muoversi anche sperimentalmente; la direzione e la destinazione si potranno stabilire lungo il percorso, se si hanno come guide principi ed obiettivi ben definiti. L esigenza del cambiamento Le procedure tradizionali della Pubblica Amministrazione sono diventate difficilmente sostenibili in un mondo in cui i cittadini possono, per via telematica, gestire il loro conto corrente, comprare e vendere azioni, fare acquisti, prenotare alberghi e vacanze. Non è facile spiegare perché non possono nello stesso modo, ottenere un certificato, segnalare all anagrafe il cambiamento di indirizzo, pagare le imposte comunali com è oramai possibile in molte parti del mondo, anche fra quelli non ricchi come il Brasile, ma arriveremo anche a questo. La società dell informazione ridefinisce il concetto di tempo; un azienda che non risponda nell arco di qualche ora alle dei propri clienti, rischia di perderli. La Pubblica Amministrazione non può impiegare settimane o mesi per dare risposte alle richieste dei propri cittadini. Nel nuovo millennio i servizi di informazione, certificazione ed autorizzazione sono forniti all interno del villaggio globale multimediale rappresentato da Internet. La Pubblica Amministrazione stessa sta diventando uno dei maggiori fornitori di informazioni e di servizi telematici per i cittadini, se vuole mantenere il suo ruolo. Ecco perché è indispensabile che cambi, bene, nel più breve tempo possibile.

6 L introduzione massiccia dell informatica e della telematica nella Pubblica Amministrazione richiede non solo nuove metodologie operative, ma anche profondi cambiamenti organizzativi, una revisione spesso radicale dei processi, nuove professionalità e competenze. Per capire la direzione di marcia delle riforme che sono state approvate in questi ultimi anni, è essenziale avere una chiara visione che il legislatore ha inteso perseguire, dal punto di vista del ridisegno della Pubblica Amministrazione e dell introduzione delle tecnologie. Le leggi di riforma definiscono una nuova struttura ed un nuovo modello di Pubblica Amministrazione che, gradualmente, sostituisce l esistente non più aderente alla realtà e non in grado di rispondere alle esigenze ed alle nuove dinamiche della società moderna. Schematizzando, possiamo dire che la riforma intende perseguire almeno quattro obiettivi generali, di grande rilevanza: Centralità del cittadino e dell imprese: il grado di soddisfazione del cittadino per la tipologia, qualità e quantità di servizi erogati ed il valore aggiunto dei servizi forniti all imprese, diventano parametri fondamentali per misurare l adeguatezza dell operatività degli uffici pubblici. Si stanno sviluppando nuove forme di relazione fra P.A. e utenti, che garantiranno una efficace partecipazione di questi ultimi ai processi decisionali ed un rapido accesso alle informazioni. Decentramento: sostituzione del modello a piramide con una struttura orizzontale o a rete che assegna un ruolo fondamentale alle autonomie locali senza rinunciare a perseguire livelli di uniformità nella qualità ed efficienza dei servizi. Ciò ha come presupposto un efficiente interoperabilità fra i diversi comparti della P. A. Efficienza: da ottenere con la semplificazione delle procedure e l introduzione dei meccanismi tipici del mercato, per garantire efficacia, flessibilità ed aderenza alle esigenze reali dei cittadini. Passaggio da un Amministrazione che crea, elabora e produce documenti cartacei, e con questi dialoga con altre Amministrazioni e con cittadini e le imprese, ad una tele amministrazione, che cioè crea, elabora e produce documenti digitali e dialoga principalmente per via telematica con cittadini e con le imprese. Questi obiettivi sono tra loro collegati; i diritti del cittadino e dell impresa possono diventare centrali solo se le strutture locali hanno poteri e responsabilità primarie. A sua volta il decentramento sarà efficace se introdurrà procedure semplici, efficienti e dai costi accettabili, che si potranno ottenere con l introduzione progressiva delle nuove tecnologie. Il protocollo informatico, generale e distribuito, rappresenta la struttura di base per l avvio di una tele amministrazione unitaria ed il centro di gestione dell intero flusso documentale della Pubblica Amministrazione italiana.

7 Dalla carta da bollo alla tele amministrazione Il tema dell introduzione delle nuove tecnologie nella Pubblica Amministrazione non si riduce al semplice utilizzo del PC e delle reti telematiche per rendere più rapido ed efficiente il lavoro. Si deve invece attuare una modifica radicale di tutti i processi amministrativi, prefigurando il passaggio da un modello di amministrazione basata su documenti cartacei, trasmessi manualmente, ad uno nuovo basato su documenti e dati elettronici trasmessi per via telematica. Già oggi, in molte amministrazioni italiane, le affissioni all albo pretorio, le delibere, i manifesti, le ordinanze ed i documenti pubblici in genere sono reperibili sul web ed ormai tutte le Pubbliche Amministrazioni, medie e grandi, sono su Internet. Anche il numero dei comuni piccoli e perfino piccolissimi che forniscono servizi web per i propri cittadini sta crescendo in maniera esponenziale, tanto da far pensare che in pochi anni la maggior parte dei comuni italiani fornirà ai propri cittadini servizi su Internet. Ovviamente i cambiamenti conseguenti all espandersi della società dell informazione non investiranno solo la Pubblica Amministrazione; l economia sarà coinvolta in maniera ancora più massiccia, ma anche le stesse istituzioni politiche dovranno modificarsi inglobando in maniera crescente i principi della democrazia elettronica. La legislazione del terzo millennio Questa svolta diventa determinante all inizio del terzo millennio con la Legge 150/2000 ed i successivi D.Lgs. 267/2000 (Testo Unico delle leggi sull ordinamento degli Enti Locali) e DPR 445/2000 Disposizioni legislative in materia di documentazione amministrativa, che danno il la alla nuova comunicazione negli enti e fra pubblico e privato. La nuova disciplina delle attività di informazione e comunicazione delle P.A. è volta al conseguimento dell informazione tramite mezzi di comunicazione di massa quali stampa, audiovisivi e strumenti telematici favorendo l accesso ai servizi pubblici di cittadini, collettività ed altri enti, illustrando le attività delle istituzioni ed il loro funzionamento. La semplificazione delle procedure e la modernizzazione degli apparati, il percorso dei procedimenti amministrativi e la promozione dell immagine delle Amministrazioni sono alla base della Legge 150. La formazione del personale è tesa al raggiungimento della professionalità necessaria ai nuovi mezzi di comunicazione. Viene istituita la figura del portavoce che collabora direttamente con l organo principale della P.A. e vengono ridisegnati i compiti degli uffici per le relazioni con il pubblico (URP).

8 Indirizzata ai mezzi di informazione di massa é l attività degli uffici stampa con personale iscritto all albo nazionale dei giornalisti. Le direttive del Ministro per la funzione pubblica del 2002 relative alle attività di comunicazione delle Pubbliche Amministrazioni e sulla semplificazione del linguaggio dei testi amministrativi completano il cambiamento globale della comunicazione. In particolare quella sulla semplificazione dei testi sostituisce il linguaggio tecnico e specialistico rifacendosi alla lingua parlata dai cittadini che sono i principali destinatari. Si assiste, in questa fase, persino alla riscrizione dei principali atti e documenti amministrativi in vigore per uniformarli alle nuove disposizioni. Il Codice dell Amministrazione Digitale Il Codice dell Amministrazione Digitale (CAD), in vigore dal 1 Gennaio 2006, raccoglie e sistematizza tutta la precedente normativa completando ed integrando lo stesso Testo Unico DPR 445/2000 senza modificarne l impianto. In seguito all emanazione di queste norme è oggi possibile archiviare e conservare qualunque tipologia di documento in formato elettronico. I vantaggi più rilevanti che derivano dal primato della gestione informatizzata su quella cartacea sono quelli di una significativa riduzione dei costi e dei tempi di gestione degli archivi documentali con un conseguente generale miglioramento dell efficienza e dell organizzazione. Il CAD è l ultimo frutto della stagione di incessante ed incalzante normativa sul tema della informatizzazione dei documenti e dunque degli archivi delle pubbliche amministrazioni; già la Bassanini 1 (59/97) all art.15, comma 2 stabiliva che gli atti, dati e documenti formati dalla Pubblica Amministrazione e dai privati con strumenti informatici o telematici, i contratti stipulati nelle medesime forme, nonché la loro archiviazione e trasmissione con strumenti informatici, sono validi e rilevanti a tutti gli effetti di legge. Il CAD stabilisce il principio che i cittadini e le imprese hanno il diritto ad avvalersi di una amministrazione amica ed efficiente e, in particolare, si propone di incoraggiare l uso delle nuove tecnologie consolidandone la validità giuridica. In attesa di rivoluzioni nella gestione integrata dei documenti cartacei e digitali, la prima sfida che il CAD ha proposto è stata quella, molto concreta, della gestione delle comunicazioni per mezzo di . Le Pubbliche Amministrazioni sono state chiamate a confrontarsi con un vasto quadro normativo e si sono trovate a dover ripensare, nel confronto con la realtà informatica, la propria cultura di protocollazione e di archiviazione cartacea.

9 Il CNIPA (Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione) ha identificato gli obiettivi: evitare la produzione di nuova carta, eliminare il cartaceo esistente non di interesse storico e culturale per ottenere risparmi diretti (carta, spazi, ecc.) ed attivare risparmi indiretti (tempo, efficienza, ecc.). Le indicazioni del CAD e gli obiettivi indicati dal CNIPA hanno però dovuto affrontare il contrasto evidente sul piano pratico. Soprattutto nell incertezza operativa che inevitabilmente accompagna questo tipo di cambiamenti. Ad esempio se occorre includere le nel processo di gestione del protocollo era evidentemente assurdo utilizzare allo scopo stampe su cartaceo delle trasmesse o ricevute! Si sarebbe ottenuto l esatto contrario di quanto inteso dal Codice dell Amministrazione Digitale. Nel 2006, pochi mesi dopo l entrata in vigore, il Codice è stato, quindi, oggetto di una serie di correttivi, disposti con il Decreto Legislativo 159/2006 la cui emanazione era stata autorizzata dalla medesima Legge Delega n 229 del Il Decreto correttivo, oltre a modificare in diversi punti l articolazione del Decreto 82/2005, traspone nel Codice l intero testo già contenuto nel D.Lgs. n 42/2005 (contestualmente abrogato), disciplinante il Sistema Pubblico di Connettività e la Rete Internazionale delle Pubbliche Amministrazioni. L emanazione del CAD ha suscitato impressioni contrastanti presso gli osservatori e presso la dottrina giuridica. Da un lato vi sono coloro che ne hanno accolto positivamente l uscita, considerandolo un importante atto di riordino della materia. Dall altro lato una parte (non minoritaria) della dottrina, si è mostrata alquanto scettica sulla effettiva portata innovativa del decreto, per diverse ragioni. In primo luogo perché sostengono i critici il CAD conterrebbe numerose enunciazioni di principio, spesso piuttosto solenni, senza accompagnarle però con disposizioni operative che ne consentano la concreta attuazione. In secondo luogo perché avrebbe scorporato un assetto normativo che già era organico; la disciplina del documento informatico, secondo tale opinione, trovava infatti la propria sede naturale nel Testo Unico sulla documentazione amministrativa (DPR 445/2000), dove l atto elettronico era disciplinato contestualmente all atto cartaceo in un regime di perfetta alternativa tra i due supporti. Infine, secondo la dottrina più scettica, con il codice sarebbe degenerato l intento iniziale di usare l informatica come strumento per la semplificazione amministrativa, facendo diventare la digitalizzazione un fine a sé stante, sottovalutando i rischi di un passaggio non sufficientemente graduale dal cartaceo

10 all elettronico, primo fra tutti l acuirsi del digital divide fra cittadini dotati di confidenza con lo strumento informatico e cittadini che per ragioni sociali o anagrafiche hanno difficoltà a rapportarsi telematicamente con l amministrazione. La Posta Elettronica Certificata (PEC) e la Firma Digitale hanno aiutato a superare queste barriere anche se la strada da percorrere è ancora lunga e la fine del viaggio ancora lontana. Il Sistema Pubblico di Connettività Il Sistema Pubblico di Connettività (SPC) è la rete che collega tra loro tutte le Amministrazioni Pubbliche Italiane, consentendo loro di condividere e scambiare dati e risorse informative. Istituito e disciplinato dal D.Lgs. del 28 Febbraio 2005 n 42, confluito a sua volta nel CAD e nel D.Lgs. n 82, viene definito come l insieme di infrastrutture tecnologiche e di regole tecniche per lo sviluppo, la condivisione, l integrazione e la diffusione del patrimonio informativo e dei dati della Pubblica Amministrazione, necessarie per assicurare l interoperabilità di base ed evoluta e la cooperazione applicativa dei sistemi informatici e dei flussi informativi, garantendo la sicurezza, la riservatezza delle informazioni, nonché la salvaguardia e l autonomia del patrimonio informativo di ciascuna P.A. Il Sistema Pubblico di Connettività indicato a volte come Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione - viene gestito dal CNIPA (Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione). La Posta Elettronica Certificata La Posta Elettronica Certicata (PEC) è uno strumento che permette di dare, ad un messaggio di posta elettronica, lo stesso valore di una raccomandata con ricevuta di ritorno tradizionale. La PEC aggiunge inoltre la certificazione circa il contenuto del messaggio. Al momento dell invio di una mail PEC, infatti, il gestore PEC del mittente si occuperà di inviare al mittente stesso una ricevuta che costituirà valore legale dell avvenuta (o mancata) trasmissione del messaggio con precisa indicazione temporale del momento in cui la mail PEC è stata inviata. In egual modo il gestore del destinatario, dopo aver depositato il messaggio PEC nella casella del destinatario, fornirà al mittente una ricevuta di avvenuta consegna, con l indicazione del momento temporale nel quale tale consegna è avvenuta. In caso di smarrimento di una delle ricevute presenti nel sistema PEC è possibile disporre, presso i gestori del servizio, di una traccia informatica avente lo stesso valore legale in termini di invio e ricezione, per un periodo di trenta mesi, secondo quanto previsto dalle normative.

11 Dal punto di vista dell utente una casella di posta elettronica certificata non si differenzia da una casella di posta normale; cambia solo per quello che riguarda il meccanismo di comunicazione sul quale si basa la PEC e sulla presenza di alcune ricevute inviate dai gestori PEC mittente e destinatario. Esistono anche sistemi semplici ed economici che non richiedono formazione del personale che, certificati dal CNIPA e dall AIPA, consentono la gestione delle in maniera indipendente dai sistemi informatici e dalle procedure amministrative adottate. Si tratta di sistemi per l archiviazione automatizzata delle che non interferiscono con i processi di lavorazione dei documenti, elettronici e non e che consentono invece l attribuzione del corretto riferimento di protocollo a quelle che lo necessitano. Senza quindi bisogno di istruire il personale che continua a lavorare come è abituato. In concreto questi sistemi consistono in un semplice apparecchio che viene collegato tra la presa di accesso ad Internet e la rete dell ufficio. Il software preinstallato, senza bisogno di configurazione e senza interferire con la rete già esistente, memorizza le in ingresso ed in uscita assegnando loro un indice d archivio interno al quale può essere riferito in automatico, per i casi specificati, il corretto codice di protocollo. Le sono quindi al sicuro, in un area riservata accessibile solo per mezzo di doppia autorizzazione, pronte ad essere recuperate in caso di necessità ed univocamente identificate. Senza carta ed in accordo con le leggi! Una soluzione pratica, ma al tempo stesso di alto profilo che consentirà alla P.A. di procedere in direzione degli obiettivi indicati dal Codice dell Amministrazione Digitale senza rischi. La Firma Digitale La Firma Digitale, o firma elettronica qualificata, basata sulla tecnologia della crittografia a chiavi asimmetriche, è un sistema di autenticazione di documenti digitali analogo alla firma autografa su carta. La firma digitale è un sistema di autenticazione forte in quanto si basa sull uso di un Certificato Digitale memorizzato su un dispositivo hardware. Il sistema per la creazione e la verifica di firme digitali sfrutta le caratteristiche della crittografia asimmetrica. Un sistema crittografico garantisce la riservatezza del contenuto dei messaggi rendendoli incomprensibili a che non sia in possesso di una chiave (intesa secondo la definizione crittologica) per interpretarli.

12 Nei sistemi crittografici a chiave pubblica, detti anche a chiave asimmetrica, ogni utente ha una coppia di chiavi; una chiave privata, da non svelare a nessuno, con cui può decifrare i messaggi che gli vengono inviati e firmare i messaggi che invia, e una chiave pubblica che altri utenti utilizzano per cifrare i messaggi da inviargli e per decifrare la sua firma e stabilirne quindi l autenticità. Per ogni utente le due chiavi vengono generate da un apposito algoritmo con la garanzia che la chiave privata sia la sola in grado di poter decifrare correttamente i messaggi cifrati con la chiave pubblica associata e viceversa. Lo scenario in cui un mittente vuole spedire un messaggio ad un destinatario in modalità sicura è il seguente: il mittente utilizza la chiave pubblica del destinatario per la cifratura del messaggio da spedire, quindi spedisce il messaggio cifrato al destinatario; il destinatario riceve il messaggio cifrato e adopera la propria chiave privata per ottenere il messaggio in chiaro. Grazie alla proprietà delle due chiavi, inversa rispetto a quella appena descritta, un sistema di questo tipo è adatto anche per ottenere dei documenti firmati. Infatti la chiave pubblica di un utente è la sola in grado di poter decifrare correttamente i documenti cifrati con la chiave privata di quell utente. Se un utente vuole creare una firma per un documento, procede nel modo seguente: con l ausilio di una funzione hash (pubblica) ricava l impronta digitale del documento, detta anche message digest, un file di dimensioni relativamente piccole che contiene una sorta di codice di controllo relativo al documento stesso, dopodichè utilizza la propria chiave privata per cifrare l impronta digitale; il risultato di questa codifica è la firma. La funzione hash è fatta in modo da rendere minima la probabilità che da testi diversi si possa ottenere il medesimo valore dell impronta, inoltre è one-way, a senso unico; questo significa che dall impronta è impossibile ottenere nuovamente il testo originario. La firma prodotta dipende dall impronta digitale del documento e, quindi, dal documento stesso, oltre che dalla chiave privata dell utente. A questo punto la firma viene allegata al documento. Chiunque può verificare l autenticità di un documento; per farlo, ecifra la firma del documento con la chiave pubblica del mittente, ottenendo l impronta digitale del documento e quindi confronta quest ultima con quella che si ottiene applicando la funzione hash al documento ricevuto; se le due impronte sono uguali l autenticità e l integrità del documento sono garantite. La firma digitale assicura inoltre il non ripudio; il firmatario di un documento trasmesso non può negare di averlo inviato, né può il ricevente negare di averlo ricevuto.

13 Detta in altre parole significa che l informazione non può essere disconosciuta, come nel caso di una firma convenzionale su un documento cartaceo in presenza di testimoni. Le operazioni di firma e di verifica possono essere demandate ad un apposito programma rilasciato dall ente certificatore oppure al proprio client di posta elettronica che, con una semplice configurazione, le effettuerà automaticamente. Conclusione È notizia di questi giorni l intenzione dell attuale Ministro della Funzione Pubblica di far scomparire la carta nelle P.A. entro il Il piano si chiama E-GOV 2012 ; a regime prevede che ogni italiano sia dotato di una casella di posta elettronica attraverso cui dialogare con la Pubblica Amministrazione. Il problema, ovviamente, rimane sempre il digital divide ; ad oggi l 83% delle famiglie italiane non usa Internet e nei paesi europei più avanzati (Francia e Germania) la percentuale scende al 60%. A complicare le cose e ad allontanare il sogno del Ministro ha contribuito il Governo stesso azzerando i fondi del SISTEMA PUBBLICO DI CONNETTIVITA!!! (realizzata con i contributi di

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Direzione generale degli affari generali e riforma La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Dematerializzazione dei document i dell Amministrazione Regionale Conferenza stampa dell Assessore Massimo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. INTRODUZIONE ALL ARGOMENTO. A cura di: Eleonora Brioni, Direzione Informatica e Telecomunicazioni ATI NETWORK.

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina

Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina Commissione Ingegneria dell Informazione La Firma Digitale e La PEC Come Strumenti di Comunicazione Nell era digitale GdL:Ingg Luigi Di Santo Filippo Filippella

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Il presente manuale è adottato ai sensi dell art. 3, primo comma, lettera c) del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 31 ottobre

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI DEL MUNICIPIO II

MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI DEL MUNICIPIO II MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI DEL MUNICIPIO II Indice 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... 8 1.1 PREMESSA... 8 1.2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 9 1.3 SISTEMA DI MONITORAGGIO E AGGIORNAMENTO DEL MANUALE...

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA

Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale -

Dettagli

Avv. Andrea Ricuperati. (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015)

Avv. Andrea Ricuperati. (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015) Avv. Andrea Ricuperati (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015) 1 Tramite il servizio postale A mani Mediante posta elettronica certificata 2 24 maggio 2013 (= quindicesimo giorno successivo alla pubblicazione

Dettagli

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio Deutsche Bank db Corporate Banking Web Guida al servizio INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. SPECIFICHE DI SISTEMA... 4 3 MODALITÀ DI ATTIVAZIONE E DI PRIMO COLLEGAMENTO... 4 3. SICUREZZA... 5 4. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Titolo I - AMBITO DI APPLICAZIONE, DEFINIZIONI ED ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Titolo I - AMBITO DI APPLICAZIONE, DEFINIZIONI ED ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche per il protocollo informatico ai sensi degli articoli 40-bis, 41, 47, 57-bis

Dettagli

Comoda, sicura, conveniente. Legale.

Comoda, sicura, conveniente. Legale. Comoda, sicura, conveniente. Legale. 80.000 caselle attivate. E voi, cosa aspettate? InfoCert è il più importante gestore di Posta Elettronica Certificata. Legalmail è il servizio pensato per professionisti,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE

CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE (redatto al solo fine di facilitare la lettura del Codice dell amministrazione digitale a seguito delle modifiche

Dettagli

CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE

CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE (redatto al solo fine di facilitare la lettura del Codice dell amministrazione digitale a seguito delle modifiche

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

QUESITI FREQUENTI AFFERENTI LA GESTIONE DOCUMENTALE

QUESITI FREQUENTI AFFERENTI LA GESTIONE DOCUMENTALE QUESITI FREQUENTI AFFERENTI LA GESTIONE DOCUMENTALE Aree tematiche: 1. Classificazione e fascicolazione 2. Conservazione & accreditamento 3. Dematerializzazione 4. Documenti informatici 5. Fatturazione

Dettagli

COMUNE DI PADOVA. Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale

COMUNE DI PADOVA. Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale COMUNE DI PADOVA Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale Padova 2003 Questo manuale è stato scritto dal Comitato di progetto, nominato dalla Giunta comunale

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Cos è il protocollo? Valore giuridico e gestionale. Contenuti. Il servizio di protocollo informatico ed i flussi documentali

Cos è il protocollo? Valore giuridico e gestionale. Contenuti. Il servizio di protocollo informatico ed i flussi documentali Contenuti Il servizio di protocollo informatico ed i flussi documentali Le indicazioni e gli obiettivi fondamentali Gli scenari Il servizio di protocollo informatico in ASP del CNIPA Le check list Protocollo

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INVIO TRAMITE PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA) DI ISTANZE, COMUNICAZIONI E DOCUMENTI

ISTRUZIONI PER L INVIO TRAMITE PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA) DI ISTANZE, COMUNICAZIONI E DOCUMENTI ISTRUZIONI PER L INVIO TRAMITE PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA) DI ISTANZE, COMUNICAZIONI E DOCUMENTI Firenze, mercoledì 10 Maggio 2011 VERSIONE 1.2 DEL 10 Maggio2011 Pagina 2 di 8 In queste pagine

Dettagli

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani Un commento sugli effetti del decreto legge n. 138 del 2011 in antitesi alle teorie che vorrebbero una vacatio legis nel campo del trasporto dei rifiuti anche pericolosi L ABROGAZIONE DEL SISTRI NON CREA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

[05/05/2008 NOTA 11] Le note sono elencate dalla più recente alla meno recente.

[05/05/2008 NOTA 11] Le note sono elencate dalla più recente alla meno recente. Questo documento riporta delle note integrative ai documenti di riferimento della Posta Elettronica Certificata (PEC). Nello specifico le seguenti note fanno riferimento a: Decreto del Presidente della

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

La posta elettronica certificata

La posta elettronica certificata La posta elettronica certificata Redazione a cura di Claudio Petrucci Marco Orazi Francesco Tortorelli Con la collaborazione di Progetto Europa Consulting Supplemento al n. 1/2007 del periodico Innovazione,

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Direzione Regionale delle Marche Ufficio Gestione Tributi Ancona, 22 marzo 2013 Ai Comuni della Regione Marche LORO SEDI e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Reg. Uff. n. 7446 - All. n. 1 OGGETTO: Codice

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 867/A39 Brescia, 03/02/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge 7 agosto 1990 n.241, e successive modificazioni; VISTO il T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria. Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice

Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria. Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice Sommario INTRODUZIONE... 3 IL PROCESSO CIVILE TELEMATICO... 3 OBBLIGO DEL DEPOSITO

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Logo pagopa per il sistema dei pagamenti elettronici a favore delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di pubblici servizi. Premessa L Agenzia per l Italia Digitale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK LA TUA POSTA IN UN CLICK Clicca&Posta è una soluzione software per la gestione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI VIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Approvato con deliberazione di G.C. n. 73 del 28.11.2000 INDICE TITOLO 1 ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A.

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A. Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA di Namirial S.p.A. Entrata in vigore degli obblighi di legge 2 Dal 6 giugno 2014 le

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

LA CRITTOGRAFIA Le applicazioni della crittografia e della firma digitale a cura di Sommaruga Andrea Guido

LA CRITTOGRAFIA Le applicazioni della crittografia e della firma digitale a cura di Sommaruga Andrea Guido INDICE LA FIRMA DIGITALE O ELETTRONICA...2 LA LEGISLAZIONE IN MATERIA...5 NOTA SUI FORMATI DI FILE...6 COME FUNZIONA IL MECCANISMO DELLE FIRME ELETTRONICHE...7 FIRMA DI PIÙ PERSONE... 7 DOCUMENTO SEGRETO...

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA

PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA DA BOLLO DIGITALE Allineato alla versione 1.7 delle Specifiche Attuative del Nodo dei Pagamenti-SPC Versione 1.0 - febbraio 2015 STATO DEL DOCUMENTO revisione data note

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

GUIDA ALLA REGISTRAZIONE

GUIDA ALLA REGISTRAZIONE PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA ALLA REGISTRAZIONE PER LE AMMINISTRAZIONI E GLI ENTI PUBBLICI Versione 1.1 del 06/12/2013 Sommario Premessa... 3 Passo 1 - Registrazione dell Amministrazione/Ente...

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli