Raccolta delle documentazioni necessarie per l esportazione del vino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Raccolta delle documentazioni necessarie per l esportazione del vino"

Transcript

1 Raccolta delle documentazioni necessarie per l esportazione del vino ANNO 2014

2 INDICE EUROPA ALBANIA. Pag. 5 BELGIO. 11 BOSNIA ERZEGOVINA. 13 BULGARIA.. 15 CROAZIA.. 17 DANIMARCA. 19 FRANCIA.. 22 KOSOVO.. 24 MACEDONIA. 25 MONTENEGRO 26 PAESI BASSI 27 POLONIA.. 29 REGNO UNITO.. 31 ROMANIA. 35 RUSSIA 37 SERBIA 40 SLOVENIA. 41 SPAGNA. 46 SVEZIA. 47 TURCHIA 50 UCRAINA 52 UNGHERIA 54 AMERICHE ARGENTINA Pag. 57 BOLIVIA. 61 BRASILE. 65 CANADA 70 CILE.. 72 COLOMBIA.. 78 MESSICO 81 PANAMA 86 PERU 87 STATI UNITI D AMERICA.. 94 VENEZUELA.. 97

3 ASIA AZERBAIJAN.. Pag. 100 CINA 102 COREA DEL SUD EMIRATI ARABI UNITI GIAPPONE 112 GIORDANIA. 117 HONG KONG. 119 INDIA 121 INDONESIA LIBANO 132 MALAYSIA. 134 OMAN SINGAPORE SIRIA TAILANDIA. 148 TAIWAN VIETNAM 155 AFRICA ALGERIA Pag. 158 EGITTO MAROCCO 162 MOZAMBICO 164 SUD AFRICA. 166 TUNISIA OCEANIA AUSTRALIA.. Pag. 172 Paesi in cui è vietata l importazione di alcolici e superalcolici ARABIA SAUDITA CISGIORDANIA IRAN IRAQ KUWAIT LIBIA QUATAR Ufficio Agroalimentari e Vini anno

4 EUROPA Ufficio Agroalimentari e Vini anno

5 ALBANIA FATTURA EXPORT DICHIARAZIONE DOGANALE DOCUMENTI DI TRASPORTO CERTIFICATO DI ORIGINE CERTIFICATI DI ANALISI ETICHETTATURA DEL VINO DICHIARAZIONE DOGANALE DI IMPORTAZIONE DAZI E ALTRE IMPOSTE A CARICO IMPORTATORE NEL PAESE ALTRI EVENTUALI DOCUMENTI NECESSARI SECONDO IL PAESE IMPORTATORE Fattura Commerciale Deve contenere gli elementi sotto indicati: - destinatario - data di emissione e numero progressivo - data dell ordine - descrizione della merce e voce doganale - valore della merce - numero dei colli, peso lordo - peso netto o numero di pezzi - porto di destinazione - ammontare spese di trasporto - ammontare spese di assicurazione - condizioni di pagamento Si - trasporto ferroviario: lettera di vettura - trasporto via mare: polizza di carico (Bill of Lading) - trasporto per via aerea: lettera di vettura aerea (Air way Bill) - trasporto stradale: Carnet TIR, CMR Si - certificato sanitario per prodotti zootecnici, alimentari, farmaceutici - certificato fitosanitario per prodotti chimici ed agricoli In Albanese Si IVA 20% Dazio doganale: codice doganale I prodotti di origine europea sono esenti dal dazio doganale. Per i prodotti di origine non europea il dazio è del 15%. (Per l accisa consultare il documento allegato di seguito). Bollo fiscale: 32/1000 bolli Per effettuare le procedure doganali di importazione è necessario una partita IVA Albanese. Le bottiglie devono avere il bollo fiscale prima di entrare nel territorio albanese. Pertanto, è necessario acquistare i bolli fiscali, compilando l apposito Ufficio Agroalimentari e Vini anno

6 ALBANIA - ACCISE PER LE BEVANDE ALCOLICHE formulario presso la Direzione Generale delle Imposte, e pagare l accisa, compilando l apposito formulario presso l Ufficio Regionale delle Imposte dove l azienda è/o si registrerà, prima di esportare in Albania. Certificato di origine EUR da produttori locali o stranieri in quantità fino al ettolitri/anno - da produttori locali o stranieri in quantità da fino al ettolitri/anno - da produttori locali o stranieri in quantità da fino al ettolitri/anno - da produttori locali o stranieri in quantità piu' di ettolitri/anno 1000 lekë/hl (circa 7,12 /hl) per la birra con forza alcolica fino al 6 per cento e 1200 lekë/hl (circa 8,54 /hl) per la birra con forza alcolica piu' di 6 per cento 1200 lekë/hl(circa 8,54 /hl) per la birra con forza alcolica fino al 6 per cento e 1440 lekë/hl(circa 10,25 /hl) per la birra con forza alcolica piu' di 6 per cento 1500 lekë/hl(circa 10,67 /hl) per la birra con forza alcolica fino al 6 per cento e 1800 lekë/hl (circa 12,81 /hl) per la birra con forza alcolica piu' di 6 per cento da produttori locali o stranieri meno o pari a < = ettolitri/anno - da produttori locali o stranieri in quantità piu' di ettolitri/anno 3000 lekë/hl(circa 21,35 /hl) per la birra con forza alcolica fino al 6 per cento e 3600 lekë/hl (circa 25,62 /hl) per la birra con forza alcolica piu' di 6 per cento 3000 lek/ettolitro (circa 21,35 /hl) per i vini con forza alcolica fino al 12,5 % 4000 lek/ettolitro (circa 28,46 /hl) per i vini con forza alcolica piu' di 12,5 % lek/ettolitro (circa 71,15 /hl) per i vini con forza alcolica fino al 12,5 % Ufficio Agroalimentari e Vini anno

7 lek/ettolitro (circa 85,38 /hl) per i vini con forza alcolica più di 12,5 % lek/ettolitro (circa 14,23 /hl) 2000 lek/ettolitro (circa 14,23 /hl) Ufficio Agroalimentari e Vini anno

8 da produttori locali o stranieri meno o pari a < = ettolitri/anno - da produttori locali o stranieri in quantità piu' di ettolitri/anno lek/ettolitro alcol anidro (circa 355,77 /hl) lek/ettolitro alcol anidro (circa 462,50 /hl) Ufficio Agroalimentari e Vini anno

9 Alcole etilico non denaturato con titolo alocolometrico volumico uguale o superiore a 80% vol lek/ettolitro alcol anidro (circa 320,19 /hl) Alcole etilico denaturato 0 (zero) Grappe lek/ettolitro alcol anidro (circa 142,31 /hl) Ufficio Agroalimentari e Vini anno

10 Capitoli 17 fino al 22 della Nomenclatura Tutti i prodotti che hanno una scala alcolometrica effettivamente piu' dell' 1,2 per cento del volume, indipendentemente dal sistema di classificazione NC, ai sensi dell'articolo 64 della legge lek/ettolitro alcol anidro (circa 320,19 /hl) Ufficio Agroalimentari e Vini anno

11 BELGIO FATTURA EXPORT Si DICHIARAZIONE DOGANALE DOCUMENTI DI TRASPORTO V. documento di trasporto Documento DAA elettronico (sistema EMCS- Excise Movement and Control System per merce sottoposta ad accise) PACKING LIST CERTIFICATO DI ORIGINE Non richiesto CERTIFICATI DI ANALISI Non richiesto ETICHETTATURA DEL VINO V. normativa UE * IMBALLAGGI V. normativa UE * DOCUMENTI DI IMPORTAZIONE DICHIARAZIONE DOGANALE DI IMPORTAZIONE Si, ambito regolamento accise DOCUMENTI DI SPEDIZIONE ALL IMPORTAZIONE documento di transito comunitario T1 ** CONTINGENTE DOGANALE No BIOTERRORISM ACT Non di applicazione NOTIFICA PREVENTIVA No REGISTRAZIONE ETICHETTE No DAZI E ALTRE IMPOSTE A CARICO IMPORTATORE Oltre l I.V.A. (del 21%), gli alcolici e le bevande NEL PAESE alcoliche sono sottoposti ai dazi d accisa comunitaria (=dazio comune all UEBL+ dazio speciale proprio allo Stato belga). Vino (NC 2204, NC 2205) : - vino con titolo alcolometrico effettivo inferiore all 8,5% vol. : 18,0360 Euro/hl - vino con titolo alcolometrico effettivo uguale o superiore all 8,5% vol. : a) vini spumanti : 194,9400 Euro/hl b) altri vini : 56,9700 Euro/hl Esempio: per una bottiglia di vino tranquillo da 0,75l: 0,75 x 56,9700/100 = 0, Da rilevare che anche i campioni sono sottoposti ai dazi d'accisa in vigore per il vino. Attualmente la tassa va pagata nel paese di destinazione, in questo caso in Belgio (all'atto di sdoganamento). Ufficio Agroalimentari e Vini anno

12 ALTRI EVENTUALI DOCUMENTI NECESSARI SECONDO IL PAESE IMPORTATORE nessuno *Riassunto normative UE in materia di etichettatura e imballaggi disponibile su (http://europa.eu/legislation_summaries/consumers/product_labelling_and_packaging **http://www.agenziadogane.it/wps/wcm/connect/internet/ed/operatore/restituzioni+esportazione/documentazio ne/documento+di+trasporto Ufficio Agroalimentari e Vini anno

13 BOSNIA ERZEGOVINA FATTURA EXPORT DICHIARAZIONE DOGANALE DOCUMENTI DI TRASPORTO PACKING LIST CERTIFICATO DI ORIGINE CERITIFICATI DI ANALISI ETICHETTATURA DEL VINO La fattura commerciale deve contenere le seguenti informazioni: - Data di emissione e numero progressivo - Nominativo ed indirizzo dell acquirente e del fornitore, - Data dell ordine, - Descrizione della merce e voce doganale, - Prezzo unitario e valore/prezzo complessivo della merce (specificare se cif, fob, ecc.), - Peso lordo e numero dei colli, - Peso netto (numero di pezzi e peso kg/pezzo), - Modalità di trasporto. RICHIESTA SI,CMR OBBLIGATORIO - Il certificato di origine viene rilasciato ovvero autenticato dall ente competente del Paese da cui viene realizzata l importazione; - Il certificato di origine deve contenere tutti i dati necessari per l identificazione della merce a cui si riferisce ed in particolare devono essere indicati i seguenti elementi: il numero di pacchi, la loro tipologia, le diciture e i numeri apportati sui pacchi, la tipologia di merce, la quantità (peso lordo e netto, numero, volume, ecc.), la denominazione e la sede del fornitore; - Ai fini doganali l origine della merce viene comprovata tramite l EUR1. OBBLIGATORI Rapporto sull analisi del vino (normativa CE 883/2001) SI (etichetta con la traduzione in lingua locale) IMBALLAGGI - DOCUMENTO DI IMPORTAZIONE DICHIARAZIONE DOGANALE DI IMPORTAZIONE Dichiarazione doganale di importazione (viene compilata alla dogana). Documenti di importazione dello spedizioniere (si ottengono in Bosnia Erzegovina durante la procedura di sdoganamento da parte dello spedizioniere). Ufficio Agroalimentari e Vini anno

14 CERTIFICATI SANITARI E DI QUALITA ALL IMPORTAZIONE CONTINGENTE DOGANALE - DISPOSIZIONE - NOTIFICA PREVENTIVO - Il certificato sanitario non serve; Il certificato di qualita viene ottenuto in Bosnia Erzegovina. REGISTRAZIONE ETICHETTE DAZI E ALTRE IMPOSTE A CARICO IMPORTATORE NEL PAESE ALTRI EVENTUALI DOCUMENTI NECESSARI SECONDO IL PAESE ESPORTATORE Obbligatoria etichetta con la traduzione in lingua locale. L etichetta deve riportare: - la denominazione del prodotto, - la % di alcol, - il peso netto, - il numero di serie della produzione, - l anno di imbottigliamento e/o produzione, - la scadenza, - la denominazione del produttore, - il paese d origine, - il paese di produzione, - la denominazione e - l indirizzo completo dell importatore. A) Se l importazione rientra nella quota prestabilita per i vini provenienti dall UE (8.000 ettolitri per il 2013) : - il dazio e 0%; - non c e nessuna tassa aggiuntiva; - l accisa e pari a 0,25 KM/litro; - l IVA e del 17%. Nota: 1KM=0,51 B) se non rientra nella quota: - il dazio e del 15%+1%; - la tassa aggiuntiva (prelevman) e pari a 0,50KM/litro; - l accisa e 0,25KM/litro; - l IVA e del 17%. EUR 1 o autorizzazione (obbligatorio quando il valore della merce supera il valore di ). Se il valore della merce e inferiore ai essa deve essere accompagnata dalla dichiarazione di origine preferenziale. Ufficio Agroalimentari e Vini anno

15 BULGARIA FATTURA EXPORT DICHIARAZIONE DOGANALE DOCUMENTI DI TRASPORTO PACKING LIST CERTIFICATO DI ORIGINE CERTIFICATI DI ANALISI ETICHETTATURA DEL VINO IMBALLAGGI DOCUMENTI IMPORTAZIONE CONTINGENTE DOGANALE BIOTERRORISM ACT NOTIFICA PREVENTIVA REGISTRAZIONE ETICHETTE ACCISE ALTRI EVENTUALI DOCUMENTI NECESSARI SECONDO IL PAESE IMPORTATORE Fattura pro-forma NO NO NO SI SI - Certificato di analisi del prodotto e Certificato di controllo sanitario Conforme alla normativa dell UE. Indicazioni obbligatorie in bulgaro: 1. Categoria del prodotto; 2. Indicazioni se il prodotto e DOC oppure DOCG; 3. Contenuto alcolico; 4. Indicazione del luogo di provenienza del prodotto; 5. Nome del produttore, o dell imbottigliatore, o del commerciante; 6 Nome dell importatore nel caso di vino importato; 7. Contenuto di zucchero; 8. Quantita del prodotto; 9. Numero di serie del prodotto; 10. Indicazioni nel caso di presenza di solfiti; Conformi alla normativa U.E. Non previsto Non previsto SI 2 settimane prima dell arrivo alla Dogana Non obbligatoria SI 0 Leva PAD Documento per le accise L azienda che invia i prodotti alcoli deve avere un contratto firmato con un deposito fiscale in Bulgaria, deve pagare le tasse e le accise e informare la Dogana del Paese di origine che intende inviare i prodotti alcolici in Bulgaria. L Agenzia delle Dogane bulgara deve essere Ufficio Agroalimentari e Vini anno

16 avvertita della spedizione dei vini almeno due settimane prima del loro arrivo. Ufficio Agroalimentari e Vini anno

17 CROAZIA FATTURA EXPORT DICHIARAZIONE DOGANALE Richiesta la fattura commerciale Dal 1 luglio 2013 la Croazia fa parte dell Unione Europea; considerato che è entrata nell area doganale unica dell UE non è necessario procedere allo sdoganamento ai fini dell immissione del vino sul mercato croato, qualora si tratti di merce prodotta (o acquistata) in un altro Paese dell UE. Le consegne nel territorio della Repubblica di Croazia provenienti direttamente dai paesi terzi devono essere munite dal documento VI 1 contenete il certificato di qualità ed il rapporto sulle analisi. DOCUMENTI DI TRASPORTO CMR Lettera di vettura internazionale Il trasporto di vino è accompagnato dai documenti specifici conformemente quanto prescritto dall art. 24 (1) del Regolamento (CE) N. 436/2009 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 479/2008 del Consiglio in ordine allo schedario viticolo, alle dichiarazioni obbligatorie e alle informazioni per il controllo del mercato, ai documenti che scortano il trasporto dei prodotti e alla tenuta dei registri nel settore vitivinicolo. DAZI E ALTRE IMPOSTE A CARICO IMPORTATORE NEL PAESE Premesso che l entrata nell UE ha abolito i dazi doganali, alle frontiere interne rimane, comunque, l obbligo del versamento dell IVA la cui aliquota ordinaria in Croazia è del 25%. Nella nuova Legge sulle accise, entrata in vigore il giorno dell adesione della Croazia all UE, sono state recepite tutte le disposizioni legislative dell UE sulle accise; le disposizioni della Legge in merito agli importi minimimi obbligatori delle accise sono conformi a quelle prescritte dalle Direttive Europee. In base alle disposizioni vigenti l accisa non grava sull alcol nel vino. ALTRI EVENTUALI DOCUMENTI Nel corso dell armonizzazione della legislazione Ufficio Agroalimentari e Vini anno

18 NECESSARI SECONDO IL PAESE IMPORTATORE nazionale con la legislazione vigente nell Unione Europea (Acquis communitaire) la Croazia ha implementato nella propria normativa sul vino le disposizioni della seguente normativa Europea: Regolamento (CE) N. 1234/2007 del 22 ottobre recante organizzazione comune dei mercati agricoli e disposizioni specifiche per taluni prodotti agricoli (regolamento unico OCM) Regolamento (CE) N. 491/2009 del 25 maggio 2009 che modifica il Regolamento (CE) n. 1234/2007 Regolamento (CE) N. 436/2009 del 26 maggio 2009 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 479/2008 del Consiglio in ordine allo schedario viticolo, alle dichiarazioni obbligatorie e alle informazioni per il controllo del mercato, ai documenti che scortano il trasporto dei prodotti e alla tenuta dei registri nel settore vitivinicolo Regolamento (CE) N. 607/2009 del 14 luglio 2009 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 479/2008 del Consiglio per quanto riguarda le denominazioni di origine protette e le indicazioni geografiche protette, le menzioni tradizionali, l etichettatura e la presentazione di determinati prodotti vitivinicoli Premesso che la normativa croata in merito all etichettatura del vino è conforme alle disposizioni Comunitarie va ribadito che alcune indicazioni sono obbligatorie per qualsiasi tipologia di vino, mentre altre sono obbligatorie solo per alcune tipologie. Ci sono poi le indicazioni facoltative che la legge prevede come possibili opzioni non vincolanti. Le menzioni/indicazioni tradizionali che gli altri Paesi membri utilizzano per la Denominazione di Origine Protetta o per l Indicazione Geografica Protetta non vanno tradotte. Ufficio Agroalimentari e Vini anno

19 DANIMARCA FATTURA EXPORT Contenuti : Dati anagrafici sia del venditore che del compratore Data di emissione Numero fattura Tipo e numero di colli Tipologia di prodotto Quantita Prezzo del prodotto Condizioni di consegna Condizioni di pagamento DICHIARAZIONE DOGANALE DOCUMENTI DI TRASPORTO PACKING LIST CERTIFICATO DI ORIGINE CERTIFICATI DI ANALISI ETICHETTATURA DEL VINO VEDI DOCUMENTO DI TRASPORTO Documento Accompagnamento Accise DAA- che deve essere emesso prima della consegna o della spedizione della merce con l'indicazione degli elementi principali dell'operazione.il regime sospensivo vige nella circolazione delle merci tra un deposito fiscale mittente e un operatore registrato destinatario, che garantisce il pagamento dell'accisa per i prodotti che riceve. Nel caso in cui il destinatario non abbia un codice di accisa, il mittente può servirsi di un proprio rappresentante fiscale, munito di codice di accisa, che svolga le operazioni fiscali in luogo del destinatario, oppure il destinatario può farsi autorizzare per la singola operazione. Nessun vincolo di compilazione NO NO Per quanto riguarda l etichettatura dei vini, la normativa danese si rifà alle direttive europee in materia e prevede che l etichetta deve riportare i seguenti dati: - nome del produttore o dell azienda imbottigliatrice; - nome del vino; - paese di provenienza; - gradazione alcolica; - contenuto netto in ml/cl; - denominazione del vino secondo il regolamento CE. Quantità di ossido di zolfo e/o solfiti in concentrazione superiore a 10 mg/kg o 10 mg/l devono essere dichiarate. È infine raccomandabile, sotto l aspetto del marketing, che l etichettatura riporti anche tutte le caratteristiche organolettiche utili al consumatore per una corretta Ufficio Agroalimentari e Vini anno

20 IMBALLAGGI DOCUMENTI DI IMPORTAZIONE DICHIARAZIONE DOGANALE DI IMPORTAZIONE DOCUMENTI DI SPEDIZIONE ALL IMPORTAZIONE CONTINGENTE DOGANALE BIOTERRORISM ACT NOTIFICA PREVENTIVA REGISTRAZIONE ETICHETTE DAZI E ALTRE IMPOSTE A CARICO IMPORTATORE NEL PAESE ALTRI EVENTUALI DOCUMENTI NECESSARI SECONDO IL PAESE IMPORTATORE valutazione del prodotto: tipo di vino annata - area di produzione - bouquet, etc. Vedi Normativa UE NO NO NO NO NO NO VEDI TABELLA SOTTOSTANTE* No - Come per tutti i Paese dell UE è in vigore il Reg. CE 1234/2007 del 22/10/2007 La tassazione delle bevande alcoliche In Danimarca le bevande alcoliche sono soggette ad una specifica accisa, punktafgift (accisa sull alcol), che viene applicata sia in funzione della tipologia delle bevande che in funzione della loro gradazione alcolica: Modello di applicazione della accisa sulle bevande alcoliche in Danimarca 2014 Birra DKK/Litro alcool /Litro alcool 2,8%< DKK 0,00 0,00 >2,8% DKK 56,02 7,52 Alcopops DKK 150,00 20,13 + DKK 3,56 + 0,48 litro/alcopops litro/alcopops Vini DKK/Litro vino /Litro vino >1,2 %- 6 % DKK 5,06 0,68 > 6 %- 15 % DKK 11,01 1,48 > 15 %- 22 % DKK 14,74 1,9 Liquori e distillati DKK/Litro alcool /Litro alcool > 22 % DKK 150,00 20,13 Fonte: Skat (www.skat.dk) E da tenere presente anche la sovratassa addizionale per: Ufficio Agroalimentari e Vini anno

21 - vini spumanti con sovrapressione misurata in co 2, superiore a 3 BAR 3,06 DKK ( 0,41) per litro. Per quanto concerne l imballaggio esiste una specifica accisa pari a 1,60 DKK ( 0,20) per bottiglia in vetro. DKK = 0,1342 Euro al 03/03/2014 (tasso di cambio fisso) In Danimarca l aliquota I.V.A. sulle bevande alcoliche è pari al 25% Ufficio Agroalimentari e Vini anno

22 FRANCIA FATTURA EXPORT DICHIARAZIONE DOGANALE DOCUMENTI DI TRASPORTO PACKING LIST CERTIFICATO DI ORIGINE CERTIFICATI DI ANALISI ETICHETTATURA DEL VINO / SUPERALCOLICI Si V. documento di trasporto DAE DAA DSA Regolamento CEE n 684/2009 della Commissione del 24 luglio 2009 Regolamento CEE della Commissione n 3649/92 del 11 settembre 1992 code général des impôts (CGI) articoli 302 B e successivi Si No No Regolamento (CE) n 1234/2007 del 22 ottobre 2007 «regolamento unico OCM» Regolamento (CE) n 607/2009 del 14 luglio 2009 sulle DOC sulle denominazioni di origine, le indicazioni geografiche protette, le menzioni tradizionali, l'etichettatura e la presentazione di determinati prodotti del settore vitivinicolo Decreto n del 4 maggio 2012 riguardante l etichettatura dei vini e la tracciabilita dei prodotti vitivinicoli Sono obbligatorie le seguenti menzioni : - denominazione di vendita - volume netto - titolo alcolometrico volumico effettivo - data limite d utilizzo ottimale - nome o ragione sociale ed indirizzo del produttore o dell imbottigliatore - il lotto di produzione - gli allergeni - il tenore di zucchero Ricordiamo che secondo l ordinanza del 02/10/2006, il logo della donna incinta è obbligatorio su tutte le etichette di bevande alcoliche (+1,2% Vol.) vendute in Francia. Il testo completo della legislazione è consultabile sul seguente link : Ufficio Agroalimentari e Vini anno

23 IMBALLAGGI DOCUMENTI DI IMPORTAZIONE DICHIARAZIONE DOGANALE DI IMPORTAZIONE DOCUMENTI DI SPEDIZIONE ALL IMPORTAZIONE CONTINGENTE DOGANALE BIOTERRORISM ACT NOTIFICA PREVENTIVA REGISTRAZIONE ETICHETTE DAZI E ALTRE IMPOSTE A CARICO IMPORTATORE NEL PAESE No No No Direttiva 92/83/CEE del Consiglio del 19 ottobre 1992 Direttiva 2008/118/CE del 16 dicembre 2008 La tabella riepilogativa dei diritti d accisa per le bevande alcoliche applicabili a partire dal 01 Gennaio 2014 è disponibile sul seguente link : Inoltre, esiste in particolare in Francia, una tassa speciale chiamata Cotisation sécurité sociale per tutte le bevande alcoliche. ALTRI EVENTUALI DOCUMENTI NECESSARI SECONDO IL PAESE IMPORTATORE NOTA BENE Link: Ministère de l'économie et des finances : (Regolamentazione) DGCCRF Bureau des marchés des produits d origine végétale et des boissons 4C bureau- Amministrazioni incaricate della sorveglianza del mercato / Ministère de l'économie et des finances : DGCCRF Bureau des marchés des produits d origine végétale et des boissons 4C bureau- DGDDI (Dogane) Bureau F3 Ufficio Agroalimentari e Vini anno

24 KOSOVO FATTURA EXPORT DICHIARAZIONE DOGANALE DOCUMENTI DI TRASPORTO Fattura Commerciale Deve contenere gli elementi sotto indicati: - mittente e destinatario - data di emissione - descrizione della merce e voce doganale - valore della merce - numero dei colli, peso lordo - peso netto o numero di pezzi - condizioni di pagamento - marchio commerciale - percentuale di alcool Si - trasporto ferroviario: CIM - trasporto via mare: KONOSMAN - trasporto per via aerea: lettera di vettura aerea ((Air way Bill) - trasporto stradale:fattura, CMR CERTIFICATO DI ORIGINE CERTIFICATI DI ANALISI Si - Certificato fitosanitario - Certificato di conformità ETICHETTATURA DEL VINO DICHIARAZIONE DOGANALE DI IMPORTAZIONE DAZI E ALTRE IMPOSTE A CARICO IMPORTATORE NEL PAESE In Albanese Si IVA 16% Dazio doganale: 10 % per tutti prodotti I prodotti di origine non sono esenti dal dazio doganale. L'accisa secondo il percentuale di alcool, norma attuale 500 / Hlabs.alc. 100% vol in 20 oc (1 ) ALTRI EVENTUALI DOCUMENTI NECESSARI SECONDO IL PAESE IMPORTATORE Il bollo fiscale pari a circa 0,067 euro/bollo Le bottiglie possono avere il bollo fiscale prima di entrare nel territorio kosovaro, altrimenti l importatore deve essere fornito con bollo fiscale entro 10 gg dal giorno del importazione dei prodotti Ufficio Agroalimentari e Vini anno

25 MACEDONIA FATTURA EXPORT DICHIARAZIONE DOGANALE DOCUMENTI DI TRASPORTO PACKING LIST CERTIFICATO DI ORIGINE CERTIFICATI DI ANALISI ETICHETTATURA DEL VINO IMBALLAGGI DOCUMENTI DI IMPORTAZIONE DICHIARAZIONE DOGANALE DI IMPORTAZIONE DOCUMENTI DI SPEDIZIONE ALL IMPORTAZIONE CONTINGENTE DOGANALE BIOTERRORISM ACT NOTIFICA PREVENTIVA REGISTRAZIONE ETICHETTE DAZI E ALTRE IMPOSTE A CARICO IMPORTATORE NEL PAESE ALTRI EVENTUALI DOCUMENTI NECESSARI SECONDO IL PAESE IMPORTATORE SI SI SI SI, EUR1 SI SI, in lingua locale SI NO SI NO NO NO Obbligatorie etichette in lingua macedone, o sull etichetta originale o in forma di etichetta adesiva. L etichetta deve contenere i seguenti dati: la denominazione del prodotto, nome della società ed indirizzo completo del produttore, anno di produzione, scadenza, peso netto, paese d origine, paese di produzione, nome della società ed indirizzo completo dell importatore. Il dazio doganale per vini è 50% ad valorem. Per vini spumanti il dazio doganale è 0% fino al contingente di l (per primi tre mesi), esaurita la quota, si applica il dazio doganale dal 45% ad valorem. L IVA è del 18%. Certificato sulla provenienza geografica Certificato sanitario Ufficio Agroalimentari e Vini anno

26 MONTENEGRO FATTURA EXPORT Richiesta DICHIARAZIONE DOGANALE Non obbligatoria DOCUMENTI DI TRASPORTO Richiesta PACKING LIST CERTIFICATO DI ORIGINE Richiesto EUR 1 CERTIFICATI DI ANALISI Richiesti ETICHETTATURA DEL VINO Richiesta etichettatura in lingua locale. Bollo di accise rilasciato dal Ministero delle Finanze del Montenegro, presente sulla bottiglia al momento dello sdoganamento, ad eccezione di vini fermi per i quali non viene richiesto bollo di accise IMBALLAGGI Richiesti DOCUMENTI DI IMPORTAZIONE DICHIARAZIONE DOGANALE DI IMPORTAZIONE Richiesta. Viene preparata dallo spedizioniere e timbrata per autorizzazione dalla Dogana montenegrina (documento JCI) DOCUMENTI DI SPEDIZIONE Richiesti ALL IMPORTAZIONE CONTINGENTE DOGANALE hl all anno BIOTERRORISM ACT No NOTIFICA PREVENTIVA No REGISTRAZIONE ETICHETTE Obbligatorie etichette in lingua locale, o sull etichetta originale o in forma di etichetta adesiva in montenegrino. L etichetta deve contenere i seguenti dati: la denominazione del prodotto e del produttore,anno di produzione, scadenza, peso netto, paese d origine, paese di produzione, denominazione e indirizzo completo dell importatore, % di alcool DAZI E ALTRE IMPOSTE A CARICO Dazio 0% fino al contingente di hl, IMPORTATORE NEL PAESE esaurita la quota, si applica il dazio del 30%+0,20 /kg. In ambedue i casi l IVA e 19%. ALTRI EVENTUALI DOCUMENTI NECESSARI SECONDO IL PAESE IMPORTATORE NOTA BENE Certificato sulla provenienza geografica (tradotta in montenegrino) Certificato sanitario (tradotto in montenegrino). Al confine vengono rifatte le analisi sanitarie e di qualita delle competenti Autorita locali, per ogni tipo di vino importato. Accise per vini: 1) Vino fermo 0 (Zero) euro/ ettolitro 2) Vino frizzante 35 Euro/ettolitro Ufficio Agroalimentari e Vini anno

27 PAESI BASSI FATTURA EXPORT Si DICHIARAZIONE DOGANALE DOCUMENTI DI TRASPORTO V. documento di trasporto Documento DAA elettronico (sistema EMCS - Excise Movement and Control System per merce sottoposta ad accise) PACKING LIST CERTIFICATO DI ORIGINE Non richiesto CERTIFICATI DI ANALISI Non richiesto ETICHETTATURA DEL VINO V. normativa UE* IMBALLAGGI V. normativa UE* DOCUMENTI DI IMPORTAZIONE DICHIARAZIONE DOGANALE DI IMPORTAZIONE Si, ambito regolamento accise DOCUMENTI DI SPEDIZIONE ALL IMPORTAZIONE Documento di transito comunitario T1 ** CONTINGENTE DOGANALE No BIOTERRORISM ACT Non di applicazione NOTIFICA PREVENTIVA No REGISTRAZIONE ETICHETTE No DAZI E ALTRE IMPOSTE A CARICO IMPORTATORE Oltre l I.V.A. (del 21%), gli alcolici e le bevande NEL PAESE alcoliche sono sottoposti ai dazi d accisa Vino (NC 2204, NC 2205) : - vino con titolo alcolometrico effettivo inferiore all 8,5% vol. : 44,18 Euro/hl - vino con titolo alcolometrico effettivo compreso tra 8,5% e 15% vol: 88,36 Euro/hl - vini spumanti con titolo alcolometrico effettivo inferiore all 8,5% vol. : 48,25 Euro/hl - vini spumanti con titolo alcolometrico effettivo superiore a 8,5% vol. : 254,41 Euro/hl Esempio: per una bottiglia di vino tranquillo da 0,75l, 12 : 0,75 x 88,36/100 = 0,6627 Da rilevare che anche i campioni sono sottoposti ai dazi d'accisa in vigore per il vino. Attualmente la tassa va pagata nel paese di destinazione, in questo caso i Paesi Bassi (all'atto di sdoganamento). Ufficio Agroalimentari e Vini anno

28 ALTRI EVENTUALI DOCUMENTI NECESSARI SECONDO IL PAESE IMPORTATORE nessuno *Riassunto normative UE in materia di etichettatura e imballaggi disponibile su (http://europa.eu/legislation_summaries/consumers/product_labelling_and_packaging **http://www.agenziadogane.it/wps/wcm/connect/internet/ed/operatore/restituzioni+esportazione/documentazio ne/documento+di+trasporto Ufficio Agroalimentari e Vini anno

29 POLONIA FATTURA EXPORT DICHIARAZIONE DOGANALE DOCUMENTI DI TRASPORTO PACKING LIST CERTIFICATO DI ORIGINE CERTIFICATI DI ANALISI ETICHETTATURA DEL VINO IMBALLAGGI DOCUMENTI DI IMPORTAZIONE DICHIARAZIONE DOGANALE DI IMPORTAZIONE DOCUMENTI DI SPEDIZIONE ALL IMPORTAZIONE CONTINGENTE DOGANALE BIOTERRORISM ACT NOTIFICA PREVENTIVA REGISTRAZIONE ETICHETTE DAZI E ALTRE IMPOSTE A CARICO IMPORTATORE NEL PAESE Si, sempre obbligatoria Documento di trasporto DAA cioè Documento Amministrativo di Accompagnamento, per la circolazione in regime sospensivo dei prodotti soggetti ad accise, DAS cioè Documento di Accompagnamento Semplificato, per i prodotti già assoggettati ad accise ovvero ad accisa assolta. No, non è richiesto per i prodotti dei Paesi UE. No, non è richiesto per i prodotti dei Paesi UE. No, non sono richiesti per i prodotti dei Paesi UE, li può chiedere l importatore. Normativa UE. Va comunque incollato nel retro bottiglia un adesivo in lingua polacca dove devono essere riportate almeno queste informazioni: Denominazione (vino prodotto di uva - bianco, rosato, rosso, frizzante, secco, dolce, etc.); Paese di provenienza; I dati identificativi del soggetto che introduce vino sul mercato; La frase contiene solfiti nel caso li contenga. Normativa UE. No, non sono richiesti per i prodotti dei Paesi UE. Si, nell ambito delle normative sull accisa. No, non sono richiesti per i prodotti dei Paesi UE. No, non è richiesto per i prodotti dei Paesi UE. No, non è richiesto per i prodotti dei Paesi UE. No, non è richiesta per i prodotti dei Paesi UE. No, non è richiesta per i prodotti dei Paesi UE. L ACCISA sui vini è di 158 PLN per 1 ettolitro. Su tutte le tipologie di vino grava l imposta sul valore aggiunto del 23%. Un importatore di vini (ditta di diritto polacco) deve possedere apposita licenza per la commercializzazione dei vini all ingrosso. Secondo le leggi vigenti, è necessario apporre le fascette dell accisa (c.d. banderuole) sulle bottiglie di vini importate o prodotte nel Paese e destinate alla commercializzazione in Polonia. L importatore polacco fornisce le fascette dell accisa al produttore che dovrà incollarle sulle bottiglie. Ufficio Agroalimentari e Vini anno

Raccolta delle documentazioni necessarie per l esportazione di grappe e distillati

Raccolta delle documentazioni necessarie per l esportazione di grappe e distillati Raccolta delle documentazioni necessarie per l esportazione di grappe e distillati ANNO 2014 INDICE EUROPA ALBANIA Pag. 5 BELGIO 11 BOSNIA ERZEGOVINA.. 13 BULGARIA. 15 CROAZIA. 16 DANIMARCA 18 FRANCIA.

Dettagli

Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli. (nuove regole dal 1 agosto 2013)

Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli. (nuove regole dal 1 agosto 2013) Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli (nuove regole dal 1 agosto 2013) 1 Regolamento CE 314/2012 del 12/04/2012 (è una modifica del Reg. CE 436/2009 sui documenti di accompagnamento del

Dettagli

ESPORTAZOINE DALL ITALIA IN NORVEGIA

ESPORTAZOINE DALL ITALIA IN NORVEGIA ESPORTAZOINE DALL ITALIA IN NORVEGIA Settore del vino Gennaio 2013 Ufficio di Oslo Inkognitogata 7 N-0244 Oslo T + 47 23 13 16 30 F +47 23 13 16 31 oslo@ice.it http://www.ice.it/paesi/europa/norvegia/

Dettagli

L allargamento dell Unione Europea: l abolizione delle frontiere doganali e gli aspetti di carattere transitorio

L allargamento dell Unione Europea: l abolizione delle frontiere doganali e gli aspetti di carattere transitorio Urbana Gaiotto Marzo 2004 L allargamento dell Unione Europea: l abolizione delle frontiere doganali e gli aspetti di carattere transitorio Comunità Europea dei 15: Austria Belgio Danimarca Finlandia Francia

Dettagli

ISTRUZIONE PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO MVV INDICAZIONI DA RIPORTARE SUL DOCUMENTO

ISTRUZIONE PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO MVV INDICAZIONI DA RIPORTARE SUL DOCUMENTO ISTRUZIONE PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO MVV INDICAZIONI DA RIPORTARE SUL DOCUMENTO Ogni indicazione deve essere apposta in modo da risultare leggibile, anche nel documento allegato al messaggio di

Dettagli

Raccolta delle documentazioni necessarie per l esportazione del vino

Raccolta delle documentazioni necessarie per l esportazione del vino Raccolta delle documentazioni necessarie per l esportazione del vino ANNO 2012 COPYRIGHT ICE AGENZIA PER LA PROMOZIONE ALL ESTERO E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ITALIANE La presente raccolta

Dettagli

NUOVA NORMATIVA SULL ETICHETTATURA DEL VINO

NUOVA NORMATIVA SULL ETICHETTATURA DEL VINO NUOVA NORMATIVA SULL ETICHETTATURA DEL VINO L etichetta è certamente la carta d identità di un prodotto che tutela sia il produttore che il consumatore e, accanto ad una generale disciplina applicabile

Dettagli

Norme generali per l esportazione di prodotti alimentari e prodotti alcolici in Germania (Ottobre 2007)

Norme generali per l esportazione di prodotti alimentari e prodotti alcolici in Germania (Ottobre 2007) Norme generali per l esportazione di prodotti alimentari e prodotti alcolici in Germania (Ottobre 2007) 1 Regime d importazione e legislazione Il regime d'importazione in Germania è quello previsto dalla

Dettagli

VADEMECUM NORMATIVO PER L ESPORTATOREL MERCATO ALIMENTARE SVIZZERO

VADEMECUM NORMATIVO PER L ESPORTATOREL MERCATO ALIMENTARE SVIZZERO I regolamenti sul commercio dei prodotti agricoli tra Svizzera e Unione Europea rientrano negli Accordi bilaterali I in vigore dal Giugno 2002 2 principi Mantenimento di un livello minimo di restrizioni

Dettagli

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC OTTOBRE 2009 PREMESSA La normativa in materia di classificazione ed etichettatura

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010 Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010 il caffè Direzione Dipartimento Promozione NOTA INTRODUTTIVA Le elaborazioni statistiche si propongono di fornire al Lettore uno strumento per

Dettagli

Etichettatura. Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo

Etichettatura. Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo Articolo 117 reg. 1308/13 Definizione Ai fini della presente sezione si intende per: a) etichettatura, i termini, le diciture, i marchi

Dettagli

SEMINARIO 5 e 6: I REGISTRI e DOCUMENTI DI TRASPORTO

SEMINARIO 5 e 6: I REGISTRI e DOCUMENTI DI TRASPORTO SEMINARIO 5 e 6: I REGISTRI e DOCUMENTI DI TRASPORTO La funzione delle registrazioni consiste: da un lato fornire informazioni sulla consistenza e qualità delle produzioni enologiche, dall altro assicurare

Dettagli

Raccolta delle documentazioni necessarie per l esportazione di grappe e distillati

Raccolta delle documentazioni necessarie per l esportazione di grappe e distillati Raccolta delle documentazioni necessarie per l esportazione di grappe e distillati ANNO 2010 Il Commercio internazionale ha sempre necessità di accurate informazioni, atte a migliorare le dinamiche nell

Dettagli

I Registri del settore vitivinicolo: La telematizzazione 24 Giugno 2015 Riccardo Minelli

I Registri del settore vitivinicolo: La telematizzazione 24 Giugno 2015 Riccardo Minelli I Registri del settore vitivinicolo: La telematizzazione 24 Giugno 2015 Riccardo Minelli I Registri del settore vitivinicolo Le modalità di tenuta La normativa di riferimento OGGI Modalità cartacea Reg.

Dettagli

Vademecum sulla certificazione di prodotto in Russia

Vademecum sulla certificazione di prodotto in Russia Vademecum sulla certificazione di prodotto in Russia 1. La valutazione della conformità di prodotto nell ambito del sistema GOST R La certificazione di prodotti è una forma di conferma della qualità. La

Dettagli

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE OFFERTA COMMERCIALE TISCALI BUSINESS SERVIZIO VOCE TISCALI AFFARI 2004 Tiscali Business Tiscali S.p.A. Loc. Sa Illetta S.S. 195 Km 2,300 09122 Cagliari Italy www.tiscalibusiness.it PAGE 1 OF 5 Il servizio

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Decreto n. 5389 del 1 agosto 2011 Attuazione dell articolo 17 del regolamento (CE) n. 110/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 gennaio 2008, concernente la definizione, la designazione,

Dettagli

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE OFFERTA COMMERCIALE TISCALI BUSINESS SERVIZIO VOCE TISCALI AFFARI OPEN 2004 Tiscali Business Tiscali S.p.A. Loc. Sa Illetta S.S. 195 Km 2,300 09122 Cagliari Italy www.tiscalibusiness.it PAGE 1 OF 5 Il

Dettagli

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE OFFERTA COMMERCIALE TISCALI BUSINESS SERVIZIO VOCE TISCALI AFFARI TRAFFIC 2004 Tiscali Business Tiscali S.p.A. Loc. Sa Illetta S.S. 195 Km 2,300 09122 Cagliari Italy www.tiscalibusiness.it PAGE 1 OF 5

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 l olio di oliva marzo 2012 Dipartimento Promozione dell'internazionalizzazione Area Agro-alimentare

Dettagli

PRODOTTI CONFEZIONATI PRODOTTI SFUSI. AMBITO DI CIRCOLAZIONE Circolazione con inizio dall Italia e destinazione in altro Stato membro della

PRODOTTI CONFEZIONATI PRODOTTI SFUSI. AMBITO DI CIRCOLAZIONE Circolazione con inizio dall Italia e destinazione in altro Stato membro della ALLEGATO 3 - QUADRO TTICO RIEPILOGATIVO DEI DOCUMENTI DI ACCOMPAGNAMENTO DEI TRASPORTI DI VITIVINICOLI CON INIZIO SUL TERRITORIO NAZIONALE CHE POTRAN ESSERE REDATTI ED UTILIZZATI DAL 1 AGOSTO 2013 PROSPETTO

Dettagli

CONSULTAZIONE TARIFFE DOGANALI

CONSULTAZIONE TARIFFE DOGANALI Guida alla banca dati doganale, a Taric e a Tares CONSULTAZIONE TARIFFE DOGANALI OFFICIAL PROGRAMS Contenuto 1. INTRODUZIONE 3 2. BANCA DATI DOGANALE (TARIFFE DOGANALI NEL MONDO) 4 2.1. Registrarsi alla

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEI CERTIFICATI DI ORIGINE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEI CERTIFICATI DI ORIGINE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEI CERTIFICATI DI ORIGINE Sommario: - 1- Norme di carattere generale. 2. Norme di carattere particolare. 3. Procedure richieste per le esportazioni in Egitto. 3.1. Norme di carattere

Dettagli

ALLEGATO 3 - QUADRO SINOTTICO RIEPILOGATIVO DEI DOCUMENTI DI ACCOMPAGNAMENTO DEI TRASPORTI DI PRODOTTI VITIVINICOLI CON INIZIO SUL TERRITORIO NAZIONALE CHE POTRANNO ESSERE REDATTI ED UTILIZZATI DAL 1 AGOSTO

Dettagli

Il mercato del vino a Hong Kong

Il mercato del vino a Hong Kong Il mercato del vino a Hong Kong Aprile 2012 Battistella A., Dal Bianco A. Mercato del vino imbottigliato a HONG KONG Andamento in MLN di $ delle importazioni a Hong Kong 1400 1200 Mondo 1000 800 Regno

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESPORTARE FOOD & WINE IN GIAPPONE

LINEE GUIDA PER ESPORTARE FOOD & WINE IN GIAPPONE LINEE GUIDA PER ESPORTARE FOOD & WINE IN GIAPPONE 1 DHL Express (Italy) s.r.l. Marketing 062014 LINEE GUIDA PER ESPORTARE FOOD & WINE IN GIAPPONE Tra i Paesi dell Asia orientale, dopo la Cina, il Giappone

Dettagli

RAPPORTO 2015. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo

RAPPORTO 2015. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo RAPPORTO 2015 sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo A CURA DELLA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI E DELL UFFICIO LAVORI ALL ESTERO E RELAZIONI INTERNAZIONALI Dieci anni

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI ETICHETTATURA DEI VINI. DARIO PANELLI UFFICIO VITIVINICOLO PROVINCIALE Febbraio 2011 dario.panelli@coldiretti.

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI ETICHETTATURA DEI VINI. DARIO PANELLI UFFICIO VITIVINICOLO PROVINCIALE Febbraio 2011 dario.panelli@coldiretti. NUOVE REGOLE IN MATERIA DI ETICHETTATURA DEI VINI DARIO PANELLI UFFICIO VITIVINICOLO PROVINCIALE Febbraio 2011 dario.panelli@coldiretti.it Dal 1 agosto 2009 è entrata in vigore la nuova classificazione

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

VISTO il regolamento (CE) del Consiglio n. 1493/99 del 17 maggio 1999, relativo all'organizzazione comune del mercato vitivinicolo;

VISTO il regolamento (CE) del Consiglio n. 1493/99 del 17 maggio 1999, relativo all'organizzazione comune del mercato vitivinicolo; MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Decreto 14 settembre 2001 Applicazione Reg. (CE) n. 1623/2000. Modalità per il rispetto dell'obbligo dei produttori vinicoli di consegnare le fecce e le vinacce

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESPORTARE IN RUSSIA

LINEE GUIDA PER ESPORTARE IN RUSSIA LINEE GUIDA PER ESPORTARE IN RUSSIA Per tutte le esportazioni dall Italia alla Russia, i documenti accompagnatori richiesti sono: AWB (lettera di vettura), Fattura (originale + 1 copia) in lingua inglese,

Dettagli

Visto uscire per non imponibilità Iva: prove alternative

Visto uscire per non imponibilità Iva: prove alternative Visto uscire per non imponibilità Iva: prove alternative L'apposizione del visto uscire è un adempimento espressamente attribuito all'autorità doganale competente qualunque sia il tipo o la modalità della

Dettagli

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce 2014-01-02 19:54:35 Il presente lavoro è tratto dalle guide: Imprese ed e-commerce. Marketing, aspetti legali e fiscali. e Il commercio elettronico

Dettagli

Fattispecie al ricorrere delle quali il contribuente è tenuto a compilare il quadro RW: esemplificazioni

Fattispecie al ricorrere delle quali il contribuente è tenuto a compilare il quadro RW: esemplificazioni Numero 29/2014 Pagina 1 di 8 Fattispecie al ricorrere delle quali il contribuente è tenuto a compilare il quadro RW: esemplificazioni Numero : 29/2014 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : DICHIARAZIONI

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

Iscrizione Concours Mondial de Bruxelles 2013 Modalità pratiche di partecipazione

Iscrizione Concours Mondial de Bruxelles 2013 Modalità pratiche di partecipazione Iscrizione Concours Mondial de Bruxelles 2013 Modalità pratiche di partecipazione 1. Iscrizioni Riempite, in modo leggibile, e per ogni prodotto presentato, un modulo d iscrizione. Oppure consultate il

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

RAPPORTO 2012. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo

RAPPORTO 2012. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo RAPPORTO 2012 sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo A CURA DELLA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI E DELL UFFICIO LAVORI ALL ESTERO E RELAZIONI INTERNAZIONALI Espansione

Dettagli

SERVIZI DIVERSI ESTERO

SERVIZI DIVERSI ESTERO Allegato PDF: Foglio N. 6.10.00 informativo Categoria Estero Redatto in ottemperanza al D.Lgs. 385 del 1 settembre 1993 Testo Unico delle leggi in materia bancarie creditizia (e successive modifiche ed

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

VANTAGGI IMPRESE ESTERE

VANTAGGI IMPRESE ESTERE IMPRESE ESTERE IMPRESE ESTERE è il servizio Cerved Group che consente di ottenere le più complete informazioni commerciali e finanziarie sulle imprese operanti in paesi europei ed extra-europei, ottimizzando

Dettagli

Settore d imposta del vino. Disciplina della circolazione. Documento di trasporto denominato modello MVV. Linee direttrici.

Settore d imposta del vino. Disciplina della circolazione. Documento di trasporto denominato modello MVV. Linee direttrici. CIRCOLARE N. 3 Roma, 07 aprile 2014 Protocollo: Rif.: Allegati: 36726/RU Alle Direzioni Interregionali e Regionali delle dogane Alla Direzione interprovinciale di Bolzano e Trento Agli Uffici delle Dogane

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE A seguito dell ingresso di Romania e Bulgaria nell Unione europea a decorrere dall 1.1.2007, le operazioni poste in essere con operatori residenti in tali Stati sono qualificate

Dettagli

CONVENZIONE REPlat Listino 2011

CONVENZIONE REPlat Listino 2011 CONVENZIONE REPlat 01. VISURE IMMOBILIARI VISURE IPOTECARIE TOTALE - 15% Visura Ipotecaria Light 26,00 22,10 Visura Ipotecaria Strong 48,00 40,80 Elenco Formalità 18,00 15,30 Visura Ipotecaria per Immobile

Dettagli

OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M.

OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M. Alle Aziende interessate Loro Sedi OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini /G ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M. 14 giugno 2012) G.le Aziende, in riferimento

Dettagli

Colli!Euganei! Denominazione!di!origine!Controllata. Colli!Euganei!Fior!d Arancio Denominazione!di!origine!controllata!e!garantita!

Colli!Euganei! Denominazione!di!origine!Controllata. Colli!Euganei!Fior!d Arancio Denominazione!di!origine!controllata!e!garantita! Colli!Euganei! Denominazione!di!origine!Controllata Colli!Euganei!Fior!d Arancio Denominazione!di!origine!controllata!e!garantita! ETICHETTATURA!E! PRESENTAZIONE Normativa!di!riferimento Regolamento! CE!

Dettagli

1) Soggetti obbligati alla compilazione e presentazione della dichiarazione di giacenza.

1) Soggetti obbligati alla compilazione e presentazione della dichiarazione di giacenza. NOTE ESPLICATIVE PER LA COMPILAZIONE DELLE DICHIARAZIONI DI GIACENZA DEI VINI E/O MOSTI. AVVERTENZE GENERALI Nella dichiarazione di giacenza sono indicati i volumi di vini e/o mosti detenuti dal dichiarante

Dettagli

È utilizzabile esclusivamente nei paesi che aderiscono alla Convenzione ATA.

È utilizzabile esclusivamente nei paesi che aderiscono alla Convenzione ATA. ISTRUZIONI PER IL RILASCIO DEL CARNET ATA e CPD CHINA-TAIWAN IL CARNET ATA Il carnet ATA è un documento di cauzione doganale (istituito dalla Convenzione di Ginevra del 6.12.1961, ratificata dall Italia

Dettagli

ACCISE modulo 1 Introduzione e figure professionali 27/11/2015. Fabio Castagnetti. Dott. Ing. Fabio Castagnetti www.accisa.it 1

ACCISE modulo 1 Introduzione e figure professionali 27/11/2015. Fabio Castagnetti. Dott. Ing. Fabio Castagnetti www.accisa.it 1 ACCISE modulo 1 Introduzione e figure professionali 27/11/2015 Fabio Castagnetti www.accisa.it 1 Introduzione al mondo delle ACCISE Breve storia sulle accise; dalle Imposte di Fabbricazione alle accise

Dettagli

RE start. La sfida possibile di un Italia più internazionale

RE start. La sfida possibile di un Italia più internazionale RE start. La sfida possibile di un Italia più internazionale Rapporto Export 2015/2018 Trasformare una geografia dei rischi in una geografia delle opportunità Il mondo ha mantenuto, nel suo complesso,

Dettagli

ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE

ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE Ministero degli Affari Esteri Dalla RELAZIONE GOVERNATIVA 2004 ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE Paese di destinazione

Dettagli

Convenzione Fonia Amavet (Gruppo Filo Diretto)

Convenzione Fonia Amavet (Gruppo Filo Diretto) Convenzione Fonia Amavet (Gruppo Filo Diretto) V 1.0 FASTWEB Business Unit Executive Strettamente confidenziale 1. Convenzione Fonia Amavet La presente offerta FONIA è valida per le sole Aziende Business

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Allegato 1 Sezione I - Modalità di tenuta del registro di cui all art. 7. Vidimazione 1. Il registro è tenuto: a) manualmente ed è costituito da non oltre 200 fogli fissi o da schede contabili mobili da

Dettagli

Spazio Informatico snc. Spazio Informatico snc

Spazio Informatico snc. Spazio Informatico snc 1 TELEMATICO ACCISE TELEMATICO ACCISE è la soluzione appositamente sviluppata per affrontare con sicurezza e serenità la telematizzazione delle accise. Grazie alla nostra quindicinale esperienza maturata

Dettagli

27.281 permessi rilasciati

27.281 permessi rilasciati Corso Libertà 66 / Freiheitsstraße 66 39100 Bolzano / Bozen Alto Adige / Südtirol Tel. ++39 0471 414 435 www.provincia.bz.it/immigrazione www.provinz.bz.it/einwanderung 10/09/2007 Riproduzione parziale

Dettagli

ESPORTAZIONE DALL ITALIA IN NORVEGIA

ESPORTAZIONE DALL ITALIA IN NORVEGIA ESPORTAZIONE DALL ITALIA IN NORVEGIA Settore agroalimentare Ottobre 2010 Ufficio di Oslo Henrik Ibsens gate 60A N-0255 Oslo T + 47 22 54 05 40 F +47 22 54 05 41 oslo@ice.it http://www.ice.it/paesi/europa/norvegia/

Dettagli

L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro: l 84% del totale

L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro: l 84% del totale Il commercio con l estero dell Italia: I vini Doc-Docg e PREVISIONI Igt nel 2014 di PRODUZIONE Il commercio con l estero dell Italia 14 aprile 2015 L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro:

Dettagli

Dogana Svizzera. Disposizioni doganali. Camera di commercio di Ancona - 23 marzo 2012 P. Prada Direzione delle dogane Lugano

Dogana Svizzera. Disposizioni doganali. Camera di commercio di Ancona - 23 marzo 2012 P. Prada Direzione delle dogane Lugano Dogana Svizzera Disposizioni doganali Camera di commercio di Ancona - 23 marzo 2012 P. Prada Direzione delle dogane Lugano Compiti La riscossione dei tributi (dazi, IVA, imposta sugli oli minerali, sugli

Dettagli

L industria del Made in Italy e la route to market verso l internazionalizzazione. Spunti su come l Europa ci può aiutare

L industria del Made in Italy e la route to market verso l internazionalizzazione. Spunti su come l Europa ci può aiutare Milano, 28 aprile 2014 L industria del Made in Italy e la route to market verso l internazionalizzazione. Spunti su come l Europa ci può aiutare Paolo De Castro Presidente Commissione Agricoltura e Sviluppo

Dettagli

BAROLI GROUP GUIDA AI DOCUMENTI PER L'ESPORTAZIONE DEL VINO IN CINA. Guida ai documenti per la Cina - Pag.!1

BAROLI GROUP GUIDA AI DOCUMENTI PER L'ESPORTAZIONE DEL VINO IN CINA. Guida ai documenti per la Cina - Pag.!1 BAROLI GROUP GUIDA AI DOCUMENTI PER L'ESPORTAZIONE DEL VINO IN CINA Guida ai documenti per la Cina - Pag.!1 Contenuto: 3 4 4 5 5 6 6 6 7 8 Riepilogo e reperibilità dei documenti per l'esportazione Certificato

Dettagli

Tavola 1 - Quote di mercato sulle esportazioni mondiali per area e paese (a)

Tavola 1 - Quote di mercato sulle esportazioni mondiali per area e paese (a) Quote di mercato Nel corso degli ultimi anni si è assistito ad una graduale erosione delle quote di mercato sulle esportazioni mondiali dell Unione europea, principalmente a vantaggio dei paesi dell Asia

Dettagli

Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina. Paese Visto richiesto/non richiesto Nota *

Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina. Paese Visto richiesto/non richiesto Nota * Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina Paese /non richiesto Nota * 1. Austria Visto non richiesto per un soggiorno 2. Afghanistan DP titolari di passaporti diplomatici SP titolari di

Dettagli

THAILANDIA NORMATIVA

THAILANDIA NORMATIVA THAILANDIA NORMATIVA In Thailandia può essere liberamente importata la maggior parte delle merci. Ciònonostante, alcune categorie di beni sono soggette a controlli e devono essere importate con una licenza

Dettagli

LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012

LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012 LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012 Uff. VII, DGSP, M.A.E. - Roma Tel. 06 3691 + Int. personale - Fax 06 3691 3790 dgsp7@esteri.it N.B.

Dettagli

LUSSEMBURGO Il contesto economico ed

LUSSEMBURGO Il contesto economico ed LUSSEMBURGO Il contesto economico ed il mercato agroalimentare Dott.ssa Luisa Castelli Segretario Generale CAMERA DI COMMERCIO ITALO-LUSSEMBURGHESE Roma, 3 marzo 2011 LUSSEMBURGO: posizione strategica

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 il caffè marzo 2012 Dipartimento Promozione dell'internazionalizzazione Area Agro-alimentare Tel.:

Dettagli

Il Regolamento Ce 18 dicembre 2006 n. 1875 e la prova di avvenuta esportazione

Il Regolamento Ce 18 dicembre 2006 n. 1875 e la prova di avvenuta esportazione ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 3 18 GENNAIO 2008 Il Regolamento Ce 18 dicembre 2006 n. 1875 e la prova di avvenuta esportazione

Dettagli

Rapporto sulla presenza delle imprese di costruzioni italiane nel mondo - 2015

Rapporto sulla presenza delle imprese di costruzioni italiane nel mondo - 2015 Rapporto sulla presenza delle imprese di costruzioni italiane nel mondo - 2015 Roma, 5 ottobre 2015 Direzione Affari Economici e Centro Studi Ufficio Lavori all Estero Relazioni Internazionali Le 38 imprese

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Riferimenti del soggetto con cui si entra in contatto in caso di offerta fuori sede: Nome e Cognome Indirizzo Telefono e-mail

Riferimenti del soggetto con cui si entra in contatto in caso di offerta fuori sede: Nome e Cognome Indirizzo Telefono e-mail Foglio Informativo del Servizio/Prodotto ESTERO CREDITI DOCUMENTARI E LETTERE DI CREDITO STAND- BY SU ALTRA BANCA FI0140 Condizioni praticate dal 01/02/2014 INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare del

Dettagli

DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13

DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13 DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13 - VENDITE PER PRODOTTO GENN- SETT 14 VS 13 2013 2014 var. var % Asti docg 38.220.269 37.358.438-861.831-2,3% Moscato d'asti docg 14.082.178

Dettagli

IL COMMERCIO U.E. ED EXTRA U.E. DEL VINO NEL REGIME DELLE ACCISE

IL COMMERCIO U.E. ED EXTRA U.E. DEL VINO NEL REGIME DELLE ACCISE Direzione Interregionale per il Piemonte e la Valle d Aosta IL COMMERCIO U.E. ED EXTRA U.E. DEL VINO NEL REGIME DELLE ACCISE Ing. Angelo Alibrandi Ufficio delle Dogane di Cuneo Edizione 2013 LA PRODUZIONE

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni 1992L0083 IT 01.01.2007 002.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni B DIRETTIVA 92/83/CEE DEL CONSIGLIO del 19 ottobre 1992 relativa

Dettagli

BIELLA 27 gennaio 2014. Road show - Internazionalizzazione

BIELLA 27 gennaio 2014. Road show - Internazionalizzazione BIELLA 27 gennaio 2014 Road show - Internazionalizzazione 1 3 4 6 8 9 13 18 22 Nota Metodologica Principali prodotti export e Paesi acquirenti del Piemonte Focus Biella Documenti e formalità per le cessioni

Dettagli

Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI

Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI DM MINPOLAF 10_11_09 Pag: 1 DECRETO MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI 10 novembre 2009. Disposizioni nazionali relative alle norme di commercializzazione dell olio di oliva. (10A00315).

Dettagli

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa PROSPETTIVE FUTURE I temi di approfondimento I consumi

Dettagli

RAPPORTO 2013. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo

RAPPORTO 2013. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo RAPPORTO 2013 sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo A CURA DELLA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI E DELL UFFICIO LAVORI ALL ESTERO E RELAZIONI INTERNAZIONALI Crescita

Dettagli

- ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE

- ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE Prot. 300/A/15634/09/108/44 Prot. 104497 del 3 dicembre 2009 Del 4 dicembre 2009 - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE - ALLE ZONE POLIZIA DI FRONTIERA - AI COMPARTIMENTI

Dettagli

Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Viticoltura ed Enologia. Il mercato del vino in Brasile. Aprile 2012. Dal Bianco A., Battistella A.

Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Viticoltura ed Enologia. Il mercato del vino in Brasile. Aprile 2012. Dal Bianco A., Battistella A. Il mercato del vino in Brasile Aprile 212 Dal Bianco A., Battistella A. Mercato del vino in BRASILE Andamento in MLN di $ delle importazioni brasiliane 3 3 2 2 1 1 26 27 28 29 21 Andamento in migliaia

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE, IPPICHE E DELLA PESCA DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DELLA QUALITÀ

Dettagli

IL MERCATO DELLA BIRRA IN BELGIO

IL MERCATO DELLA BIRRA IN BELGIO IL MERCATO DELLA BIRRA IN BELGIO Produzione La cultura della birra in Belgio, che per alcune birrerie risale al tardo Medioevo, si caratterizza da una grande diversità dell offerta, che comprende birre

Dettagli

Classifica delle esportazioni italiane di shampoo

Classifica delle esportazioni italiane di shampoo SHAMPOO 1 19.696 14,3% 2 16.443 11,9% 3 13.501 9,8% 4 10.683 7,7% 5 7.127 5,2% 6 6.262 4,5% 7 5.717 4,1% 8 5.370 3,9% 9 Belgio 3.622 2,6% 10 3.533 2,6% 11 Slovenia 3.057 2,2% 12 Svizzera 2.578 1,9% 13

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI 3. Requisiti organizzativi a. La presenza di uno o più farmacisti, abilitati all esercizio della professione e iscritti al relativo ordine, deve essere garantita per tutto l orario di apertura dell esercizio

Dettagli

DEPOSITI IVA: IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA CON INTRODUZIONE NEL DEPOSITO IVA REGISTRAZIONI CONTABILI

DEPOSITI IVA: IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA CON INTRODUZIONE NEL DEPOSITO IVA REGISTRAZIONI CONTABILI DEPOSITI IVA: IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA CON INTRODUZIONE NEL DEPOSITO IVA REGISTRAZIONI CONTABILI 1 Quesito La ditta Alfa Spa effettua l importazione in Italia di beni con immissione in libera pratica

Dettagli

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO COMPANY PROFILE CAP: CITTA : PROVINCIA:

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO COMPANY PROFILE CAP: CITTA : PROVINCIA: BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO MOD B COMPANY PROFILE 1) INFORMAZIONI GENERALI RAGIONE SOCIALE: P. IVA: INDIRIZZO: CAP: CITTA

Dettagli

Accordo sull esportazione di vini italiani in Svizzera

Accordo sull esportazione di vini italiani in Svizzera Traduzione 1 Accordo sull esportazione di vini italiani in Svizzera 0.946.294.541.4 Conchiuso il 25 aprile 1961 Approvato dal Consiglio federale il 1 agosto 1961 Entrato in vigore il 1 marzo 1962 In applicazione

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in G E R M A N I A

il mercato dei prodotti agroalimentari in G E R M A N I A (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in G E R M A N I A 1 R e g n o U n i t o G i a p p o n e G e r m a n i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F r a n

Dettagli

Roma, 13 dicembre 2007

Roma, 13 dicembre 2007 Roma, 13 dicembre 2007 Protocollo:7179 Rif.: Allegati: e per conoscenza: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici delle Dogane Alle Direzioni delle Circoscrizioni Doganali Agli Uffici

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 29/2012 DELLA COMMISSIONE del 13 gennaio 2012 relativo alle norme di commercializzazione dell olio d oliva

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 29/2012 DELLA COMMISSIONE del 13 gennaio 2012 relativo alle norme di commercializzazione dell olio d oliva L 12/14 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 14.1.2012 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 29/2012 DELLA COMMISSIONE del 13 gennaio 2012 relativo alle norme di commercializzazione dell olio d oliva (codificazione)

Dettagli

ISTRUZIONI DI SPEDIZIONE FIERA EXPORIVASCHUH 2010 - RIVA DEL GARDA 16/19 GENNAIO 2010

ISTRUZIONI DI SPEDIZIONE FIERA EXPORIVASCHUH 2010 - RIVA DEL GARDA 16/19 GENNAIO 2010 ISTRUZIONI DI SPEDIZIONE FIERA EXPORIVASCHUH 2010 - RIVA DEL GARDA 16/19 GENNAIO 2010 INFORMAZIONI GENERALI SPEDIZIONIERE UFFICIALE, BROKER DOGANALE E SERVIZI DI HANDLING : Fairs & Exhibitions Dept Milano

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

Disposizioni sulla elaborazione, confezionamento, designazione e presentazione dei vini frizzanti.

Disposizioni sulla elaborazione, confezionamento, designazione e presentazione dei vini frizzanti. D.M. 29 luglio 2004. Disposizioni sulla elaborazione, confezionamento, designazione e presentazione dei vini frizzanti. (pubbl. in Gazz. Uff. n. 238 del 9 ottobre 2004). IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE

Dettagli

Terre di Lambrusco. Concorso Enologico REGOLAMENTO - 6ª EDIZIONE

Terre di Lambrusco. Concorso Enologico REGOLAMENTO - 6ª EDIZIONE Terre di Lambrusco 2015 Concorso Enologico REGOLAMENTO - 6ª EDIZIONE REGOLAMENTO Articolo 1: La Camera di Commercio di Reggio Emilia promuove la sesta edizione del Concorso Enologico Matilde di Canossa

Dettagli

STATO CODICE ISO N.RO CARATTERE DEL CODICE IVA. Bulgaria BG 9 ovvero 10

STATO CODICE ISO N.RO CARATTERE DEL CODICE IVA. Bulgaria BG 9 ovvero 10 N. 2 del 2007 NOVITA IN MATERIA DI ELENCHI INTRASTAT ADESIONE ALL UNIONE EUROPEA DI DUE NUOVI STATI A decorrere dal 1 gennaio 2007, sono entrati a far parte dell Unione Europea due nuovi Stati: la Bulgaria

Dettagli

LA COMMERCIALIZZAZIONE E L ETICHETTATURA DEGLI OLI DI OLIVA IN ITALIA E NELL UNIONE EUROPEA.

LA COMMERCIALIZZAZIONE E L ETICHETTATURA DEGLI OLI DI OLIVA IN ITALIA E NELL UNIONE EUROPEA. LA COMMERCIALIZZAZIONE E L ETICHETTATURA DEGLI OLI DI OLIVA IN ITALIA E NELL UNIONE EUROPEA. 1. COMMERCIALIZZAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA Confezioni Il prodotto può essere venduto all utenza finale in imballaggi

Dettagli

micro¯o - mercati emergenti piccoli

micro&macro - mercati emergenti piccoli micro¯o - mercati emergenti Il vino è stato a lungo uno dei prodotti alimentari più scambiati al mondo. Dal 1980 il commercio internazionale del vino è risultato in continua e rapida espansione, nonostante

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO -Normativa Comunitaria: Direttiva 92/12, 92/83, 92/84, 2008/118 -Normativa Nazionale: D.L.s.v. 504/95, D.M. 210/96, D.M.

IL QUADRO NORMATIVO -Normativa Comunitaria: Direttiva 92/12, 92/83, 92/84, 2008/118 -Normativa Nazionale: D.L.s.v. 504/95, D.M. 210/96, D.M. IL QUADRO NORMATIVO -Normativa Comunitaria: Direttiva 92/12, 92/83, 92/84, 2008/118 -Normativa Nazionale: D.L.s.v. 504/95, D.M. 210/96, D.M. 153/2001 PRODOTTI SOGGETTI AL REGIME DELLE ACCISE - Art. 27

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PIANI DI CONTROLLO: GESTIONE ATTIVITA ISPETTIVA INF5_V_002_20150401

NOTA INFORMATIVA PIANI DI CONTROLLO: GESTIONE ATTIVITA ISPETTIVA INF5_V_002_20150401 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente nota descrive le modalità operative utilizzate da Valoritalia per la gestione del controllo ispettivo viticoltori, vinificatori, imbottigliatori ed intermediari.

Dettagli