Raccolta delle documentazioni necessarie per l esportazione del vino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Raccolta delle documentazioni necessarie per l esportazione del vino"

Transcript

1 Raccolta delle documentazioni necessarie per l esportazione del vino ANNO 2014

2 INDICE EUROPA ALBANIA. Pag. 5 BELGIO. 11 BOSNIA ERZEGOVINA. 13 BULGARIA.. 15 CROAZIA.. 17 DANIMARCA. 19 FRANCIA.. 22 KOSOVO.. 24 MACEDONIA. 25 MONTENEGRO 26 PAESI BASSI 27 POLONIA.. 29 REGNO UNITO.. 31 ROMANIA. 35 RUSSIA 37 SERBIA 40 SLOVENIA. 41 SPAGNA. 46 SVEZIA. 47 TURCHIA 50 UCRAINA 52 UNGHERIA 54 AMERICHE ARGENTINA Pag. 57 BOLIVIA. 61 BRASILE. 65 CANADA 70 CILE.. 72 COLOMBIA.. 78 MESSICO 81 PANAMA 86 PERU 87 STATI UNITI D AMERICA.. 94 VENEZUELA.. 97

3 ASIA AZERBAIJAN.. Pag. 100 CINA 102 COREA DEL SUD EMIRATI ARABI UNITI GIAPPONE 112 GIORDANIA. 117 HONG KONG. 119 INDIA 121 INDONESIA LIBANO 132 MALAYSIA. 134 OMAN SINGAPORE SIRIA TAILANDIA. 148 TAIWAN VIETNAM 155 AFRICA ALGERIA Pag. 158 EGITTO MAROCCO 162 MOZAMBICO 164 SUD AFRICA. 166 TUNISIA OCEANIA AUSTRALIA.. Pag. 172 Paesi in cui è vietata l importazione di alcolici e superalcolici ARABIA SAUDITA CISGIORDANIA IRAN IRAQ KUWAIT LIBIA QUATAR Ufficio Agroalimentari e Vini anno

4 EUROPA Ufficio Agroalimentari e Vini anno

5 ALBANIA FATTURA EXPORT DICHIARAZIONE DOGANALE DOCUMENTI DI TRASPORTO CERTIFICATO DI ORIGINE CERTIFICATI DI ANALISI ETICHETTATURA DEL VINO DICHIARAZIONE DOGANALE DI IMPORTAZIONE DAZI E ALTRE IMPOSTE A CARICO IMPORTATORE NEL PAESE ALTRI EVENTUALI DOCUMENTI NECESSARI SECONDO IL PAESE IMPORTATORE Fattura Commerciale Deve contenere gli elementi sotto indicati: - destinatario - data di emissione e numero progressivo - data dell ordine - descrizione della merce e voce doganale - valore della merce - numero dei colli, peso lordo - peso netto o numero di pezzi - porto di destinazione - ammontare spese di trasporto - ammontare spese di assicurazione - condizioni di pagamento Si - trasporto ferroviario: lettera di vettura - trasporto via mare: polizza di carico (Bill of Lading) - trasporto per via aerea: lettera di vettura aerea (Air way Bill) - trasporto stradale: Carnet TIR, CMR Si - certificato sanitario per prodotti zootecnici, alimentari, farmaceutici - certificato fitosanitario per prodotti chimici ed agricoli In Albanese Si IVA 20% Dazio doganale: codice doganale I prodotti di origine europea sono esenti dal dazio doganale. Per i prodotti di origine non europea il dazio è del 15%. (Per l accisa consultare il documento allegato di seguito). Bollo fiscale: 32/1000 bolli Per effettuare le procedure doganali di importazione è necessario una partita IVA Albanese. Le bottiglie devono avere il bollo fiscale prima di entrare nel territorio albanese. Pertanto, è necessario acquistare i bolli fiscali, compilando l apposito Ufficio Agroalimentari e Vini anno

6 ALBANIA - ACCISE PER LE BEVANDE ALCOLICHE formulario presso la Direzione Generale delle Imposte, e pagare l accisa, compilando l apposito formulario presso l Ufficio Regionale delle Imposte dove l azienda è/o si registrerà, prima di esportare in Albania. Certificato di origine EUR da produttori locali o stranieri in quantità fino al ettolitri/anno - da produttori locali o stranieri in quantità da fino al ettolitri/anno - da produttori locali o stranieri in quantità da fino al ettolitri/anno - da produttori locali o stranieri in quantità piu' di ettolitri/anno 1000 lekë/hl (circa 7,12 /hl) per la birra con forza alcolica fino al 6 per cento e 1200 lekë/hl (circa 8,54 /hl) per la birra con forza alcolica piu' di 6 per cento 1200 lekë/hl(circa 8,54 /hl) per la birra con forza alcolica fino al 6 per cento e 1440 lekë/hl(circa 10,25 /hl) per la birra con forza alcolica piu' di 6 per cento 1500 lekë/hl(circa 10,67 /hl) per la birra con forza alcolica fino al 6 per cento e 1800 lekë/hl (circa 12,81 /hl) per la birra con forza alcolica piu' di 6 per cento da produttori locali o stranieri meno o pari a < = ettolitri/anno - da produttori locali o stranieri in quantità piu' di ettolitri/anno 3000 lekë/hl(circa 21,35 /hl) per la birra con forza alcolica fino al 6 per cento e 3600 lekë/hl (circa 25,62 /hl) per la birra con forza alcolica piu' di 6 per cento 3000 lek/ettolitro (circa 21,35 /hl) per i vini con forza alcolica fino al 12,5 % 4000 lek/ettolitro (circa 28,46 /hl) per i vini con forza alcolica piu' di 12,5 % lek/ettolitro (circa 71,15 /hl) per i vini con forza alcolica fino al 12,5 % Ufficio Agroalimentari e Vini anno

7 lek/ettolitro (circa 85,38 /hl) per i vini con forza alcolica più di 12,5 % lek/ettolitro (circa 14,23 /hl) 2000 lek/ettolitro (circa 14,23 /hl) Ufficio Agroalimentari e Vini anno

8 da produttori locali o stranieri meno o pari a < = ettolitri/anno - da produttori locali o stranieri in quantità piu' di ettolitri/anno lek/ettolitro alcol anidro (circa 355,77 /hl) lek/ettolitro alcol anidro (circa 462,50 /hl) Ufficio Agroalimentari e Vini anno

9 Alcole etilico non denaturato con titolo alocolometrico volumico uguale o superiore a 80% vol lek/ettolitro alcol anidro (circa 320,19 /hl) Alcole etilico denaturato 0 (zero) Grappe lek/ettolitro alcol anidro (circa 142,31 /hl) Ufficio Agroalimentari e Vini anno

10 Capitoli 17 fino al 22 della Nomenclatura Tutti i prodotti che hanno una scala alcolometrica effettivamente piu' dell' 1,2 per cento del volume, indipendentemente dal sistema di classificazione NC, ai sensi dell'articolo 64 della legge lek/ettolitro alcol anidro (circa 320,19 /hl) Ufficio Agroalimentari e Vini anno

11 BELGIO FATTURA EXPORT Si DICHIARAZIONE DOGANALE DOCUMENTI DI TRASPORTO V. documento di trasporto Documento DAA elettronico (sistema EMCS- Excise Movement and Control System per merce sottoposta ad accise) PACKING LIST CERTIFICATO DI ORIGINE Non richiesto CERTIFICATI DI ANALISI Non richiesto ETICHETTATURA DEL VINO V. normativa UE * IMBALLAGGI V. normativa UE * DOCUMENTI DI IMPORTAZIONE DICHIARAZIONE DOGANALE DI IMPORTAZIONE Si, ambito regolamento accise DOCUMENTI DI SPEDIZIONE ALL IMPORTAZIONE documento di transito comunitario T1 ** CONTINGENTE DOGANALE No BIOTERRORISM ACT Non di applicazione NOTIFICA PREVENTIVA No REGISTRAZIONE ETICHETTE No DAZI E ALTRE IMPOSTE A CARICO IMPORTATORE Oltre l I.V.A. (del 21%), gli alcolici e le bevande NEL PAESE alcoliche sono sottoposti ai dazi d accisa comunitaria (=dazio comune all UEBL+ dazio speciale proprio allo Stato belga). Vino (NC 2204, NC 2205) : - vino con titolo alcolometrico effettivo inferiore all 8,5% vol. : 18,0360 Euro/hl - vino con titolo alcolometrico effettivo uguale o superiore all 8,5% vol. : a) vini spumanti : 194,9400 Euro/hl b) altri vini : 56,9700 Euro/hl Esempio: per una bottiglia di vino tranquillo da 0,75l: 0,75 x 56,9700/100 = 0, Da rilevare che anche i campioni sono sottoposti ai dazi d'accisa in vigore per il vino. Attualmente la tassa va pagata nel paese di destinazione, in questo caso in Belgio (all'atto di sdoganamento). Ufficio Agroalimentari e Vini anno

12 ALTRI EVENTUALI DOCUMENTI NECESSARI SECONDO IL PAESE IMPORTATORE nessuno *Riassunto normative UE in materia di etichettatura e imballaggi disponibile su (http://europa.eu/legislation_summaries/consumers/product_labelling_and_packaging **http://www.agenziadogane.it/wps/wcm/connect/internet/ed/operatore/restituzioni+esportazione/documentazio ne/documento+di+trasporto Ufficio Agroalimentari e Vini anno

13 BOSNIA ERZEGOVINA FATTURA EXPORT DICHIARAZIONE DOGANALE DOCUMENTI DI TRASPORTO PACKING LIST CERTIFICATO DI ORIGINE CERITIFICATI DI ANALISI ETICHETTATURA DEL VINO La fattura commerciale deve contenere le seguenti informazioni: - Data di emissione e numero progressivo - Nominativo ed indirizzo dell acquirente e del fornitore, - Data dell ordine, - Descrizione della merce e voce doganale, - Prezzo unitario e valore/prezzo complessivo della merce (specificare se cif, fob, ecc.), - Peso lordo e numero dei colli, - Peso netto (numero di pezzi e peso kg/pezzo), - Modalità di trasporto. RICHIESTA SI,CMR OBBLIGATORIO - Il certificato di origine viene rilasciato ovvero autenticato dall ente competente del Paese da cui viene realizzata l importazione; - Il certificato di origine deve contenere tutti i dati necessari per l identificazione della merce a cui si riferisce ed in particolare devono essere indicati i seguenti elementi: il numero di pacchi, la loro tipologia, le diciture e i numeri apportati sui pacchi, la tipologia di merce, la quantità (peso lordo e netto, numero, volume, ecc.), la denominazione e la sede del fornitore; - Ai fini doganali l origine della merce viene comprovata tramite l EUR1. OBBLIGATORI Rapporto sull analisi del vino (normativa CE 883/2001) SI (etichetta con la traduzione in lingua locale) IMBALLAGGI - DOCUMENTO DI IMPORTAZIONE DICHIARAZIONE DOGANALE DI IMPORTAZIONE Dichiarazione doganale di importazione (viene compilata alla dogana). Documenti di importazione dello spedizioniere (si ottengono in Bosnia Erzegovina durante la procedura di sdoganamento da parte dello spedizioniere). Ufficio Agroalimentari e Vini anno

14 CERTIFICATI SANITARI E DI QUALITA ALL IMPORTAZIONE CONTINGENTE DOGANALE - DISPOSIZIONE - NOTIFICA PREVENTIVO - Il certificato sanitario non serve; Il certificato di qualita viene ottenuto in Bosnia Erzegovina. REGISTRAZIONE ETICHETTE DAZI E ALTRE IMPOSTE A CARICO IMPORTATORE NEL PAESE ALTRI EVENTUALI DOCUMENTI NECESSARI SECONDO IL PAESE ESPORTATORE Obbligatoria etichetta con la traduzione in lingua locale. L etichetta deve riportare: - la denominazione del prodotto, - la % di alcol, - il peso netto, - il numero di serie della produzione, - l anno di imbottigliamento e/o produzione, - la scadenza, - la denominazione del produttore, - il paese d origine, - il paese di produzione, - la denominazione e - l indirizzo completo dell importatore. A) Se l importazione rientra nella quota prestabilita per i vini provenienti dall UE (8.000 ettolitri per il 2013) : - il dazio e 0%; - non c e nessuna tassa aggiuntiva; - l accisa e pari a 0,25 KM/litro; - l IVA e del 17%. Nota: 1KM=0,51 B) se non rientra nella quota: - il dazio e del 15%+1%; - la tassa aggiuntiva (prelevman) e pari a 0,50KM/litro; - l accisa e 0,25KM/litro; - l IVA e del 17%. EUR 1 o autorizzazione (obbligatorio quando il valore della merce supera il valore di ). Se il valore della merce e inferiore ai essa deve essere accompagnata dalla dichiarazione di origine preferenziale. Ufficio Agroalimentari e Vini anno

15 BULGARIA FATTURA EXPORT DICHIARAZIONE DOGANALE DOCUMENTI DI TRASPORTO PACKING LIST CERTIFICATO DI ORIGINE CERTIFICATI DI ANALISI ETICHETTATURA DEL VINO IMBALLAGGI DOCUMENTI IMPORTAZIONE CONTINGENTE DOGANALE BIOTERRORISM ACT NOTIFICA PREVENTIVA REGISTRAZIONE ETICHETTE ACCISE ALTRI EVENTUALI DOCUMENTI NECESSARI SECONDO IL PAESE IMPORTATORE Fattura pro-forma NO NO NO SI SI - Certificato di analisi del prodotto e Certificato di controllo sanitario Conforme alla normativa dell UE. Indicazioni obbligatorie in bulgaro: 1. Categoria del prodotto; 2. Indicazioni se il prodotto e DOC oppure DOCG; 3. Contenuto alcolico; 4. Indicazione del luogo di provenienza del prodotto; 5. Nome del produttore, o dell imbottigliatore, o del commerciante; 6 Nome dell importatore nel caso di vino importato; 7. Contenuto di zucchero; 8. Quantita del prodotto; 9. Numero di serie del prodotto; 10. Indicazioni nel caso di presenza di solfiti; Conformi alla normativa U.E. Non previsto Non previsto SI 2 settimane prima dell arrivo alla Dogana Non obbligatoria SI 0 Leva PAD Documento per le accise L azienda che invia i prodotti alcoli deve avere un contratto firmato con un deposito fiscale in Bulgaria, deve pagare le tasse e le accise e informare la Dogana del Paese di origine che intende inviare i prodotti alcolici in Bulgaria. L Agenzia delle Dogane bulgara deve essere Ufficio Agroalimentari e Vini anno

16 avvertita della spedizione dei vini almeno due settimane prima del loro arrivo. Ufficio Agroalimentari e Vini anno

17 CROAZIA FATTURA EXPORT DICHIARAZIONE DOGANALE Richiesta la fattura commerciale Dal 1 luglio 2013 la Croazia fa parte dell Unione Europea; considerato che è entrata nell area doganale unica dell UE non è necessario procedere allo sdoganamento ai fini dell immissione del vino sul mercato croato, qualora si tratti di merce prodotta (o acquistata) in un altro Paese dell UE. Le consegne nel territorio della Repubblica di Croazia provenienti direttamente dai paesi terzi devono essere munite dal documento VI 1 contenete il certificato di qualità ed il rapporto sulle analisi. DOCUMENTI DI TRASPORTO CMR Lettera di vettura internazionale Il trasporto di vino è accompagnato dai documenti specifici conformemente quanto prescritto dall art. 24 (1) del Regolamento (CE) N. 436/2009 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 479/2008 del Consiglio in ordine allo schedario viticolo, alle dichiarazioni obbligatorie e alle informazioni per il controllo del mercato, ai documenti che scortano il trasporto dei prodotti e alla tenuta dei registri nel settore vitivinicolo. DAZI E ALTRE IMPOSTE A CARICO IMPORTATORE NEL PAESE Premesso che l entrata nell UE ha abolito i dazi doganali, alle frontiere interne rimane, comunque, l obbligo del versamento dell IVA la cui aliquota ordinaria in Croazia è del 25%. Nella nuova Legge sulle accise, entrata in vigore il giorno dell adesione della Croazia all UE, sono state recepite tutte le disposizioni legislative dell UE sulle accise; le disposizioni della Legge in merito agli importi minimimi obbligatori delle accise sono conformi a quelle prescritte dalle Direttive Europee. In base alle disposizioni vigenti l accisa non grava sull alcol nel vino. ALTRI EVENTUALI DOCUMENTI Nel corso dell armonizzazione della legislazione Ufficio Agroalimentari e Vini anno

18 NECESSARI SECONDO IL PAESE IMPORTATORE nazionale con la legislazione vigente nell Unione Europea (Acquis communitaire) la Croazia ha implementato nella propria normativa sul vino le disposizioni della seguente normativa Europea: Regolamento (CE) N. 1234/2007 del 22 ottobre recante organizzazione comune dei mercati agricoli e disposizioni specifiche per taluni prodotti agricoli (regolamento unico OCM) Regolamento (CE) N. 491/2009 del 25 maggio 2009 che modifica il Regolamento (CE) n. 1234/2007 Regolamento (CE) N. 436/2009 del 26 maggio 2009 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 479/2008 del Consiglio in ordine allo schedario viticolo, alle dichiarazioni obbligatorie e alle informazioni per il controllo del mercato, ai documenti che scortano il trasporto dei prodotti e alla tenuta dei registri nel settore vitivinicolo Regolamento (CE) N. 607/2009 del 14 luglio 2009 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 479/2008 del Consiglio per quanto riguarda le denominazioni di origine protette e le indicazioni geografiche protette, le menzioni tradizionali, l etichettatura e la presentazione di determinati prodotti vitivinicoli Premesso che la normativa croata in merito all etichettatura del vino è conforme alle disposizioni Comunitarie va ribadito che alcune indicazioni sono obbligatorie per qualsiasi tipologia di vino, mentre altre sono obbligatorie solo per alcune tipologie. Ci sono poi le indicazioni facoltative che la legge prevede come possibili opzioni non vincolanti. Le menzioni/indicazioni tradizionali che gli altri Paesi membri utilizzano per la Denominazione di Origine Protetta o per l Indicazione Geografica Protetta non vanno tradotte. Ufficio Agroalimentari e Vini anno

19 DANIMARCA FATTURA EXPORT Contenuti : Dati anagrafici sia del venditore che del compratore Data di emissione Numero fattura Tipo e numero di colli Tipologia di prodotto Quantita Prezzo del prodotto Condizioni di consegna Condizioni di pagamento DICHIARAZIONE DOGANALE DOCUMENTI DI TRASPORTO PACKING LIST CERTIFICATO DI ORIGINE CERTIFICATI DI ANALISI ETICHETTATURA DEL VINO VEDI DOCUMENTO DI TRASPORTO Documento Accompagnamento Accise DAA- che deve essere emesso prima della consegna o della spedizione della merce con l'indicazione degli elementi principali dell'operazione.il regime sospensivo vige nella circolazione delle merci tra un deposito fiscale mittente e un operatore registrato destinatario, che garantisce il pagamento dell'accisa per i prodotti che riceve. Nel caso in cui il destinatario non abbia un codice di accisa, il mittente può servirsi di un proprio rappresentante fiscale, munito di codice di accisa, che svolga le operazioni fiscali in luogo del destinatario, oppure il destinatario può farsi autorizzare per la singola operazione. Nessun vincolo di compilazione NO NO Per quanto riguarda l etichettatura dei vini, la normativa danese si rifà alle direttive europee in materia e prevede che l etichetta deve riportare i seguenti dati: - nome del produttore o dell azienda imbottigliatrice; - nome del vino; - paese di provenienza; - gradazione alcolica; - contenuto netto in ml/cl; - denominazione del vino secondo il regolamento CE. Quantità di ossido di zolfo e/o solfiti in concentrazione superiore a 10 mg/kg o 10 mg/l devono essere dichiarate. È infine raccomandabile, sotto l aspetto del marketing, che l etichettatura riporti anche tutte le caratteristiche organolettiche utili al consumatore per una corretta Ufficio Agroalimentari e Vini anno

20 IMBALLAGGI DOCUMENTI DI IMPORTAZIONE DICHIARAZIONE DOGANALE DI IMPORTAZIONE DOCUMENTI DI SPEDIZIONE ALL IMPORTAZIONE CONTINGENTE DOGANALE BIOTERRORISM ACT NOTIFICA PREVENTIVA REGISTRAZIONE ETICHETTE DAZI E ALTRE IMPOSTE A CARICO IMPORTATORE NEL PAESE ALTRI EVENTUALI DOCUMENTI NECESSARI SECONDO IL PAESE IMPORTATORE valutazione del prodotto: tipo di vino annata - area di produzione - bouquet, etc. Vedi Normativa UE NO NO NO NO NO NO VEDI TABELLA SOTTOSTANTE* No - Come per tutti i Paese dell UE è in vigore il Reg. CE 1234/2007 del 22/10/2007 La tassazione delle bevande alcoliche In Danimarca le bevande alcoliche sono soggette ad una specifica accisa, punktafgift (accisa sull alcol), che viene applicata sia in funzione della tipologia delle bevande che in funzione della loro gradazione alcolica: Modello di applicazione della accisa sulle bevande alcoliche in Danimarca 2014 Birra DKK/Litro alcool /Litro alcool 2,8%< DKK 0,00 0,00 >2,8% DKK 56,02 7,52 Alcopops DKK 150,00 20,13 + DKK 3,56 + 0,48 litro/alcopops litro/alcopops Vini DKK/Litro vino /Litro vino >1,2 %- 6 % DKK 5,06 0,68 > 6 %- 15 % DKK 11,01 1,48 > 15 %- 22 % DKK 14,74 1,9 Liquori e distillati DKK/Litro alcool /Litro alcool > 22 % DKK 150,00 20,13 Fonte: Skat (www.skat.dk) E da tenere presente anche la sovratassa addizionale per: Ufficio Agroalimentari e Vini anno

21 - vini spumanti con sovrapressione misurata in co 2, superiore a 3 BAR 3,06 DKK ( 0,41) per litro. Per quanto concerne l imballaggio esiste una specifica accisa pari a 1,60 DKK ( 0,20) per bottiglia in vetro. DKK = 0,1342 Euro al 03/03/2014 (tasso di cambio fisso) In Danimarca l aliquota I.V.A. sulle bevande alcoliche è pari al 25% Ufficio Agroalimentari e Vini anno

22 FRANCIA FATTURA EXPORT DICHIARAZIONE DOGANALE DOCUMENTI DI TRASPORTO PACKING LIST CERTIFICATO DI ORIGINE CERTIFICATI DI ANALISI ETICHETTATURA DEL VINO / SUPERALCOLICI Si V. documento di trasporto DAE DAA DSA Regolamento CEE n 684/2009 della Commissione del 24 luglio 2009 Regolamento CEE della Commissione n 3649/92 del 11 settembre 1992 code général des impôts (CGI) articoli 302 B e successivi Si No No Regolamento (CE) n 1234/2007 del 22 ottobre 2007 «regolamento unico OCM» Regolamento (CE) n 607/2009 del 14 luglio 2009 sulle DOC sulle denominazioni di origine, le indicazioni geografiche protette, le menzioni tradizionali, l'etichettatura e la presentazione di determinati prodotti del settore vitivinicolo Decreto n del 4 maggio 2012 riguardante l etichettatura dei vini e la tracciabilita dei prodotti vitivinicoli Sono obbligatorie le seguenti menzioni : - denominazione di vendita - volume netto - titolo alcolometrico volumico effettivo - data limite d utilizzo ottimale - nome o ragione sociale ed indirizzo del produttore o dell imbottigliatore - il lotto di produzione - gli allergeni - il tenore di zucchero Ricordiamo che secondo l ordinanza del 02/10/2006, il logo della donna incinta è obbligatorio su tutte le etichette di bevande alcoliche (+1,2% Vol.) vendute in Francia. Il testo completo della legislazione è consultabile sul seguente link : Ufficio Agroalimentari e Vini anno

23 IMBALLAGGI DOCUMENTI DI IMPORTAZIONE DICHIARAZIONE DOGANALE DI IMPORTAZIONE DOCUMENTI DI SPEDIZIONE ALL IMPORTAZIONE CONTINGENTE DOGANALE BIOTERRORISM ACT NOTIFICA PREVENTIVA REGISTRAZIONE ETICHETTE DAZI E ALTRE IMPOSTE A CARICO IMPORTATORE NEL PAESE No No No Direttiva 92/83/CEE del Consiglio del 19 ottobre 1992 Direttiva 2008/118/CE del 16 dicembre 2008 La tabella riepilogativa dei diritti d accisa per le bevande alcoliche applicabili a partire dal 01 Gennaio 2014 è disponibile sul seguente link : Inoltre, esiste in particolare in Francia, una tassa speciale chiamata Cotisation sécurité sociale per tutte le bevande alcoliche. ALTRI EVENTUALI DOCUMENTI NECESSARI SECONDO IL PAESE IMPORTATORE NOTA BENE Link: Ministère de l'économie et des finances : (Regolamentazione) DGCCRF Bureau des marchés des produits d origine végétale et des boissons 4C bureau- Amministrazioni incaricate della sorveglianza del mercato / Ministère de l'économie et des finances : DGCCRF Bureau des marchés des produits d origine végétale et des boissons 4C bureau- DGDDI (Dogane) Bureau F3 Ufficio Agroalimentari e Vini anno

24 KOSOVO FATTURA EXPORT DICHIARAZIONE DOGANALE DOCUMENTI DI TRASPORTO Fattura Commerciale Deve contenere gli elementi sotto indicati: - mittente e destinatario - data di emissione - descrizione della merce e voce doganale - valore della merce - numero dei colli, peso lordo - peso netto o numero di pezzi - condizioni di pagamento - marchio commerciale - percentuale di alcool Si - trasporto ferroviario: CIM - trasporto via mare: KONOSMAN - trasporto per via aerea: lettera di vettura aerea ((Air way Bill) - trasporto stradale:fattura, CMR CERTIFICATO DI ORIGINE CERTIFICATI DI ANALISI Si - Certificato fitosanitario - Certificato di conformità ETICHETTATURA DEL VINO DICHIARAZIONE DOGANALE DI IMPORTAZIONE DAZI E ALTRE IMPOSTE A CARICO IMPORTATORE NEL PAESE In Albanese Si IVA 16% Dazio doganale: 10 % per tutti prodotti I prodotti di origine non sono esenti dal dazio doganale. L'accisa secondo il percentuale di alcool, norma attuale 500 / Hlabs.alc. 100% vol in 20 oc (1 ) ALTRI EVENTUALI DOCUMENTI NECESSARI SECONDO IL PAESE IMPORTATORE Il bollo fiscale pari a circa 0,067 euro/bollo Le bottiglie possono avere il bollo fiscale prima di entrare nel territorio kosovaro, altrimenti l importatore deve essere fornito con bollo fiscale entro 10 gg dal giorno del importazione dei prodotti Ufficio Agroalimentari e Vini anno

25 MACEDONIA FATTURA EXPORT DICHIARAZIONE DOGANALE DOCUMENTI DI TRASPORTO PACKING LIST CERTIFICATO DI ORIGINE CERTIFICATI DI ANALISI ETICHETTATURA DEL VINO IMBALLAGGI DOCUMENTI DI IMPORTAZIONE DICHIARAZIONE DOGANALE DI IMPORTAZIONE DOCUMENTI DI SPEDIZIONE ALL IMPORTAZIONE CONTINGENTE DOGANALE BIOTERRORISM ACT NOTIFICA PREVENTIVA REGISTRAZIONE ETICHETTE DAZI E ALTRE IMPOSTE A CARICO IMPORTATORE NEL PAESE ALTRI EVENTUALI DOCUMENTI NECESSARI SECONDO IL PAESE IMPORTATORE SI SI SI SI, EUR1 SI SI, in lingua locale SI NO SI NO NO NO Obbligatorie etichette in lingua macedone, o sull etichetta originale o in forma di etichetta adesiva. L etichetta deve contenere i seguenti dati: la denominazione del prodotto, nome della società ed indirizzo completo del produttore, anno di produzione, scadenza, peso netto, paese d origine, paese di produzione, nome della società ed indirizzo completo dell importatore. Il dazio doganale per vini è 50% ad valorem. Per vini spumanti il dazio doganale è 0% fino al contingente di l (per primi tre mesi), esaurita la quota, si applica il dazio doganale dal 45% ad valorem. L IVA è del 18%. Certificato sulla provenienza geografica Certificato sanitario Ufficio Agroalimentari e Vini anno

26 MONTENEGRO FATTURA EXPORT Richiesta DICHIARAZIONE DOGANALE Non obbligatoria DOCUMENTI DI TRASPORTO Richiesta PACKING LIST CERTIFICATO DI ORIGINE Richiesto EUR 1 CERTIFICATI DI ANALISI Richiesti ETICHETTATURA DEL VINO Richiesta etichettatura in lingua locale. Bollo di accise rilasciato dal Ministero delle Finanze del Montenegro, presente sulla bottiglia al momento dello sdoganamento, ad eccezione di vini fermi per i quali non viene richiesto bollo di accise IMBALLAGGI Richiesti DOCUMENTI DI IMPORTAZIONE DICHIARAZIONE DOGANALE DI IMPORTAZIONE Richiesta. Viene preparata dallo spedizioniere e timbrata per autorizzazione dalla Dogana montenegrina (documento JCI) DOCUMENTI DI SPEDIZIONE Richiesti ALL IMPORTAZIONE CONTINGENTE DOGANALE hl all anno BIOTERRORISM ACT No NOTIFICA PREVENTIVA No REGISTRAZIONE ETICHETTE Obbligatorie etichette in lingua locale, o sull etichetta originale o in forma di etichetta adesiva in montenegrino. L etichetta deve contenere i seguenti dati: la denominazione del prodotto e del produttore,anno di produzione, scadenza, peso netto, paese d origine, paese di produzione, denominazione e indirizzo completo dell importatore, % di alcool DAZI E ALTRE IMPOSTE A CARICO Dazio 0% fino al contingente di hl, IMPORTATORE NEL PAESE esaurita la quota, si applica il dazio del 30%+0,20 /kg. In ambedue i casi l IVA e 19%. ALTRI EVENTUALI DOCUMENTI NECESSARI SECONDO IL PAESE IMPORTATORE NOTA BENE Certificato sulla provenienza geografica (tradotta in montenegrino) Certificato sanitario (tradotto in montenegrino). Al confine vengono rifatte le analisi sanitarie e di qualita delle competenti Autorita locali, per ogni tipo di vino importato. Accise per vini: 1) Vino fermo 0 (Zero) euro/ ettolitro 2) Vino frizzante 35 Euro/ettolitro Ufficio Agroalimentari e Vini anno

27 PAESI BASSI FATTURA EXPORT Si DICHIARAZIONE DOGANALE DOCUMENTI DI TRASPORTO V. documento di trasporto Documento DAA elettronico (sistema EMCS - Excise Movement and Control System per merce sottoposta ad accise) PACKING LIST CERTIFICATO DI ORIGINE Non richiesto CERTIFICATI DI ANALISI Non richiesto ETICHETTATURA DEL VINO V. normativa UE* IMBALLAGGI V. normativa UE* DOCUMENTI DI IMPORTAZIONE DICHIARAZIONE DOGANALE DI IMPORTAZIONE Si, ambito regolamento accise DOCUMENTI DI SPEDIZIONE ALL IMPORTAZIONE Documento di transito comunitario T1 ** CONTINGENTE DOGANALE No BIOTERRORISM ACT Non di applicazione NOTIFICA PREVENTIVA No REGISTRAZIONE ETICHETTE No DAZI E ALTRE IMPOSTE A CARICO IMPORTATORE Oltre l I.V.A. (del 21%), gli alcolici e le bevande NEL PAESE alcoliche sono sottoposti ai dazi d accisa Vino (NC 2204, NC 2205) : - vino con titolo alcolometrico effettivo inferiore all 8,5% vol. : 44,18 Euro/hl - vino con titolo alcolometrico effettivo compreso tra 8,5% e 15% vol: 88,36 Euro/hl - vini spumanti con titolo alcolometrico effettivo inferiore all 8,5% vol. : 48,25 Euro/hl - vini spumanti con titolo alcolometrico effettivo superiore a 8,5% vol. : 254,41 Euro/hl Esempio: per una bottiglia di vino tranquillo da 0,75l, 12 : 0,75 x 88,36/100 = 0,6627 Da rilevare che anche i campioni sono sottoposti ai dazi d'accisa in vigore per il vino. Attualmente la tassa va pagata nel paese di destinazione, in questo caso i Paesi Bassi (all'atto di sdoganamento). Ufficio Agroalimentari e Vini anno

28 ALTRI EVENTUALI DOCUMENTI NECESSARI SECONDO IL PAESE IMPORTATORE nessuno *Riassunto normative UE in materia di etichettatura e imballaggi disponibile su (http://europa.eu/legislation_summaries/consumers/product_labelling_and_packaging **http://www.agenziadogane.it/wps/wcm/connect/internet/ed/operatore/restituzioni+esportazione/documentazio ne/documento+di+trasporto Ufficio Agroalimentari e Vini anno

29 POLONIA FATTURA EXPORT DICHIARAZIONE DOGANALE DOCUMENTI DI TRASPORTO PACKING LIST CERTIFICATO DI ORIGINE CERTIFICATI DI ANALISI ETICHETTATURA DEL VINO IMBALLAGGI DOCUMENTI DI IMPORTAZIONE DICHIARAZIONE DOGANALE DI IMPORTAZIONE DOCUMENTI DI SPEDIZIONE ALL IMPORTAZIONE CONTINGENTE DOGANALE BIOTERRORISM ACT NOTIFICA PREVENTIVA REGISTRAZIONE ETICHETTE DAZI E ALTRE IMPOSTE A CARICO IMPORTATORE NEL PAESE Si, sempre obbligatoria Documento di trasporto DAA cioè Documento Amministrativo di Accompagnamento, per la circolazione in regime sospensivo dei prodotti soggetti ad accise, DAS cioè Documento di Accompagnamento Semplificato, per i prodotti già assoggettati ad accise ovvero ad accisa assolta. No, non è richiesto per i prodotti dei Paesi UE. No, non è richiesto per i prodotti dei Paesi UE. No, non sono richiesti per i prodotti dei Paesi UE, li può chiedere l importatore. Normativa UE. Va comunque incollato nel retro bottiglia un adesivo in lingua polacca dove devono essere riportate almeno queste informazioni: Denominazione (vino prodotto di uva - bianco, rosato, rosso, frizzante, secco, dolce, etc.); Paese di provenienza; I dati identificativi del soggetto che introduce vino sul mercato; La frase contiene solfiti nel caso li contenga. Normativa UE. No, non sono richiesti per i prodotti dei Paesi UE. Si, nell ambito delle normative sull accisa. No, non sono richiesti per i prodotti dei Paesi UE. No, non è richiesto per i prodotti dei Paesi UE. No, non è richiesto per i prodotti dei Paesi UE. No, non è richiesta per i prodotti dei Paesi UE. No, non è richiesta per i prodotti dei Paesi UE. L ACCISA sui vini è di 158 PLN per 1 ettolitro. Su tutte le tipologie di vino grava l imposta sul valore aggiunto del 23%. Un importatore di vini (ditta di diritto polacco) deve possedere apposita licenza per la commercializzazione dei vini all ingrosso. Secondo le leggi vigenti, è necessario apporre le fascette dell accisa (c.d. banderuole) sulle bottiglie di vini importate o prodotte nel Paese e destinate alla commercializzazione in Polonia. L importatore polacco fornisce le fascette dell accisa al produttore che dovrà incollarle sulle bottiglie. Ufficio Agroalimentari e Vini anno

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Bergamo, 6 maggio 2013 GLI ADEMPIMENTI DOGANALI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE Dott.ssa

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

Ultimo aggiornamento: luglio 2008. TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU. Pagina 1

Ultimo aggiornamento: luglio 2008. TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU. Pagina 1 TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU Pagina 1 ELENCO DELLE ABBREVIAZIONI E DEGLI ACRONIMI UTILIZZATI NEGLI ORIENTAMENTI DAU ACP CDC CCIP NC DG TAXUD CE UE EUR.1 Gruppo di Stati dell Africa, dei Caraibi

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Express Import system

Express Import system Express Import system Manuale del mittente Sistema Express Import di TNT Un semplice strumento on-line che consente a mittente e destinatario di organizzare le spedizioni in importazione. Il sistema Express

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Leimportazioni italianedimaterieprime

Leimportazioni italianedimaterieprime Leimportazioni italianedimaterieprime Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Francesco Livi

Dettagli

FedEx Ship Manager at fedex.com

FedEx Ship Manager at fedex.com FedEx Ship Manager at fedex.com Registrarsi Per spedire con FedEx Ship Manager occorrono: 1 il Codice Cliente FedEx di 9 cifre. 2 il Codice Identificazione Utente e la password. Per registrarvi, andate

Dettagli

DIRETTIVA 92/12/CEE DEL CONSIGLIO del 25 febbraio 1992 relativa al regime generale, alla detenzione, alla circolazione ed ai controlli dei prodotti

DIRETTIVA 92/12/CEE DEL CONSIGLIO del 25 febbraio 1992 relativa al regime generale, alla detenzione, alla circolazione ed ai controlli dei prodotti DIRETTIVA 92/12/CEE DEL CONSIGLIO del 25 febbraio 1992 relativa al regime generale, alla detenzione, alla circolazione ed ai controlli dei prodotti soggetti ad accisa IL CONSIGLIO DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI RACCOLTA NORMATIVA PER GLI ADDETTI AL CONTROLLO UFFICIALE E GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI Parte Generale Dott. Mauro Bardelli Tecnico della prevenzione nell ambiente

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

Pacchetto verticale vitivinicolo

Pacchetto verticale vitivinicolo Pacchetto verticale vitivinicolo Descrizione della soluzione Pag. 1 La Cooperativa Seled ha realizzato una completa copertura delle procedure informatiche per Cooperative Vitivinicole in ambiente Windows,

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Dott.ssa Luigia Scimonelli ISS - Min. del lavoro, della salute e delle politiche sociali Roma, 26 novembre 2008 Indice Convenzione di

Dettagli

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL D.V.1 Di cosa si tratta Il modello D.V.1 è un particolare stampato da allegare alla dichiarazione doganale, nel quale vanno dichiarati gli elementi relativi al valore in dogana

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

A ORGANISMO PAGATORE UFFICIO MONOCRATICO Via Palestro, 81 00185 R O M A TEL.06/ Tel.49499.1 Fax 06/4453940

A ORGANISMO PAGATORE UFFICIO MONOCRATICO Via Palestro, 81 00185 R O M A TEL.06/ Tel.49499.1 Fax 06/4453940 A ORGANISMO PAGATORE UFFICIO MONOCRATICO Via Palestro, 81 00185 R O M A TEL.06/ Tel.49499.1 Fax 06/4453940 Prot. N. DAPU.2015.003 Roma li, 12/01/2015 Istruzioni Operative N. 5/OCM Oggetto: Modalità per

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia. in occasione di:

Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia. in occasione di: Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia in occasione di: 1 Agenda 1 PROGETTO EXPO IS NOW! 2 PROGETTO CIBUS E' ITALIA PADIGLIONE CORPORATE FEDERALIMENTARE/FIERE DI PARMA 3

Dettagli

FOCUS CINA SPEDIZIONI E SOLUZIONI LOGISTICHE PER IL MERCATO CINESE

FOCUS CINA SPEDIZIONI E SOLUZIONI LOGISTICHE PER IL MERCATO CINESE FOCUS CINA SPEDIZIONI E SOLUZIONI LOGISTICHE PER IL MERCATO CINESE TUVIA IN CINA Il Gruppo TUVIA è presente in Cina dal 2008 con uffici diretti a Shanghai, Pechino e Hong Kong. PECHINO Oltre alle filiali,

Dettagli

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale Freight&Shipping www.sp1.it marittimo AEREO VIA TERRA dogana magazzino doganale business intelligence SP1, il Freight & Shipping entra spedito nel futuro SP1 è un nuovo applicativo web. Non si installa

Dettagli

Evola. Evolution in Logistics.

Evola. Evolution in Logistics. Evola. Evolution in Logistics. Viaggiamo nel tempo per farvi arrivare bene. Siamo a vostra disposizione ed operiamo per voi dal 1993, inizialmente specializzati nel mercato italiano e successivamente come

Dettagli

di Antonio Di Meo Estero>> Commercio internazionale

di Antonio Di Meo Estero>> Commercio internazionale PAGARE L IMPORTAZIONE CON LETTERA DI CREDITO DOCUMENTARIO QUALI I RISCHI E COME CAUTELARSI di Antonio Di Meo Estero>> Commercio internazionale La gran parte delle forniture di merci e/o di servizi che

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

Immatricolazione dei veicoli provenienti dall estero

Immatricolazione dei veicoli provenienti dall estero Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento Per I Trasporti Terrestri E Per I Sistemi Informativi E Statistici Ufficio di Coordinamento per la Lombardia Circolare interna n. 1 Milano 18/04/2004

Dettagli

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO LA NORMATIVA COMUNITARIA E I CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEL MADE IN Merci interamente ottenute o sostanzialmente trasformate La

Dettagli

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" Nota bene: la presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS ISTRUZIONI MOD.COM6BIS COMMERCIO ELETTRONICO 2 AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM6BIS, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA DELLA CIRCOLARE, ALLA QUALE

Dettagli

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE Il più grande evento del mondo. Un brand universale (4 expo ogni 10 anni in 5 Continenti). Un evento nazionale e non locale. Un organizzazione non-profit degli Stati Nazionali

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

Contenuti della presentazione. Import EU di legno illegale. Introduzione al Regolamento EUTR 01/07/14

Contenuti della presentazione. Import EU di legno illegale. Introduzione al Regolamento EUTR 01/07/14 FSC Italia TOUR # 6 Matera, 25 giugno 2014 Contenuti della presentazione Introduzione al Regolamento (UE) 995/2010 (EUTR) EUTR e certificazione forestale EUTR e certificazione FSC Alcune premesse Il Regolamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 10 /D. Roma, 25 marzo 2009. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE N. 10 /D. Roma, 25 marzo 2009. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Protocollo: Rif.: Allegati: 42030/RU CIRCOLARE N. 10 /D Roma, 25 marzo 2009 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI e, p. c.: Agli Uffici di diretta

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Reg. CE 1234/07 Assessorato Agricoltura Centro Agrochimico Regionale G.L. Marcazzan CRA-API di Bologna M. Stefàno A.S.S.A.M. Regione

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria LA SICUREZZA DEI GIOCATTOLI Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile Commissione europea Imprese e industria Fotolia Orange Tuesday L Unione europea (UE) conta circa 80 milioni di bambini

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme.

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. 1. Normativa di riferimento Legge 20 dicembre 1966, n. 1253 Ratifica ed esecuzione della Convenzione firmata a l

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04 SWIM SKF World-class Invoice Matching Specifiche SKF per fatture e documenti di consegna Rev 04 Indice 1 Scopo...3 2 Introduzione...3 3 Dati contenuti in fattura...3 4 Dati obbligatori richiesti in una

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

ORIGINE PREFERENZIALE E NON PREFERENZIALE DELLE MERCI. Risvolti doganali

ORIGINE PREFERENZIALE E NON PREFERENZIALE DELLE MERCI. Risvolti doganali ORIGINE PREFERENZIALE E NON PREFERENZIALE DELLE MERCI Risvolti doganali ORIGINE PREFERENZIALE E NON PREFERENZIALE DELLE MERCI Risvolti doganali Luglio 2007 Il presente lavoro è stato realizzato da: Andrea

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

GUIDA ALLE NORME SULL ETICHETTATURA DEI VINI IN ITALIA

GUIDA ALLE NORME SULL ETICHETTATURA DEI VINI IN ITALIA GUIDA ALLE NORME SULL ETICHETTATURA DEI VINI IN ITALIA Michele A. Fino con un contributo di Nicola Perullo Michele A. Fino con un contributo di Nicola Perullo Università degli Studi di Scienze Gastronomiche,

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008)

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Disposizioni atte a regolamentare l'emissione di aldeide formica da pannelli a base di legno e manufatti con essi realizzati in

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI GUIDA PRATICA PER IL FARMACISTA BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI La vendita o cessione, a qualsiasi titolo, anche gratuito, delle sostanze e dei medicinali compresi nelle tabelle I e II, sezioni A, B e C, è

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali Allegato A Legenda Elenco degli enti autorizzati per paese straniero: L asterisco (*) sta ad indicare l obbligo di accreditamento nel Paese straniero secondo una specifica procedura. In questo caso e stato

Dettagli

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

GUIDA ALLE SPEDIZIONI CON

GUIDA ALLE SPEDIZIONI CON 1 Validità a partire dal: 02 ottobre 2012 GUIDA ALLE SPEDIZIONI CON 2 INDICE 1. CONDIZIONI PER L ACCESSO AL SERVIZIO 1.1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO 1.2. PESO E DIMENSIONI 1.3. CONFEZIONAMENTO 1.4. NORMATIVA

Dettagli

Note pratiche di etichettatura dei vini

Note pratiche di etichettatura dei vini Note pratiche di etichettatura dei vini Regole generali Fanno parte dell etichettatura: i termini, le diciture, i marchi di fabbrica o di commercio, le immagini o i simboli figuranti su qualsiasi imballaggio,

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO QUICK PACK EUROPE

CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO QUICK PACK EUROPE Validità a partire dal: 05 agosto 2013 CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO QUICK PACK EUROPE Le presenti Condizioni Generali, che si compongono di 13 articoli, disciplinano il Servizio Quick Pack Europe (di

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

PIANO DI CONTROLLO DI CONFORMITÀ DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRE TARENTINE

PIANO DI CONTROLLO DI CONFORMITÀ DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRE TARENTINE PIANO DI CONTROLLO DI CONFORMITÀ DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRE TARENTINE REV. DATA REDATTO Il Responsabile Tecnico VERIFICATO Responsabile di Certificazioni di prodotti Agroalimentari 00

Dettagli

Termini e Condizioni

Termini e Condizioni Termini e Condizioni I presenti termini e condizioni si applicano a tutti gli ordini effettuati dal cliente (di seguito definito come Lei ) con COS attraverso H & M Hennes & Mauritz GBC AB ( COS o noi

Dettagli

Per trasporto internazionale di cose s intende lo spostamento, a carico o a vuoto, del veicolo fra due o più Stati.

Per trasporto internazionale di cose s intende lo spostamento, a carico o a vuoto, del veicolo fra due o più Stati. I TRASPORTI INTERNAZIONALI Per trasporto internazionale di cose s intende lo spostamento, a carico o a vuoto, del veicolo fra due o più Stati. Per effettuare trasporti internazionali di merci su strada

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA a) operazioni nel campo IVA Si tratta delle operazioni nelle quali sono presenti tutti i presupposti di applicazione dell imposta, e cioè: presupposto soggettivo = esercizio di impresa, arte o professione;

Dettagli

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

Regolamento di certificazione di prodotti vitivinicoli DOP e IGP e dei vini varietali

Regolamento di certificazione di prodotti vitivinicoli DOP e IGP e dei vini varietali Regolamento di certificazione di prodotti Rev Data emissione Motivo/Modifica 00 20 11 2009 Prima emissione 01 18 02 2010 Integrazione 6.5.2 per comunicazione resa uva/vino minore al massimo consentito

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti a marchio Church s conclusa a distanza attraverso il sito web www.churchfootwear.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli