Architettura a tre livelli. Lo scenario e l ambiente. HTML - Hyper Text Markup Language. Enrico Cavalli. Anno Accademico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Architettura a tre livelli. Lo scenario e l ambiente. HTML - Hyper Text Markup Language. Enrico Cavalli. Anno Accademico 2012-2013"

Transcript

1 HTML - Hyper Text Markup Language Enrico Cavalli Anno Accademico Lo scenario e l ambiente Architettura a tre livelli 1 Server 6 Web Php 4 Database Server DB 1. Il browser richiede una pagina Web a un server Web: 2. Il Web server invia al browser la pagina richiesta in formato HTML, ovvero un file di testo che viene interpretato dal browser 1

2 Riferimento ipertestuale Protocollo / percorso Server Path name del documento nel file system del server Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 4 HTML: Hyper Text Markup Language Linguaggio per la scrittura di documenti ipertestuali e multimediali di Internet, interpretati da un browser Una pagina Web è un documento ipertestuale (collegato ad altri mediante link) Una pagina Web è un testo di soli caratteri HTML è un linguaggio di marcatura HTML non è un linguaggio di programmazione Ogni prodotto office produce documenti HTML Ogni documento presentato corrisponde ad un file Terminologia Presentazione web: raccolta di una o più pagine web contenenti testo, grafica e altri materiali multimediali, collegate fra di loro Server web: macchina collegata in rete che invia le pagine richieste Pagina web: singolo elemento di una presentazione, contenuta in un singolo file - NomeFile.html Home page: punto di ingresso di una presentazione Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 6 2

3 Localizzazione dei documenti Il caso del server web dell università di Bergamo: Se, nel configurare il server web si è stabilito che i documenti HTML sono collocati, nella directory: /usr/www/lib/docs/ Poiché per definizione l home page ha nome: Index.html, la richiesta: causa l invio della pagina: /usr/www/lib/docs/index.html Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 7 Localizzazione dei documenti Inoltre, sempre nel caso dell università di Bergamo : / biblioteca visualizza la home page della biblioteca collocata in / usr / www / lib / docs / biblioteca / index.html La home page della biblioteca può essere indicata con: <A HREF = biblioteca / index.html > <A HREF = biblioteca > <A HREF = / biblioteca / index.html > Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 8 Struttura di una presentazione Gerarchie Strutture lineari o circolari Combinazioni di strutture lineari e gerarchie Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 9 3

4 Organizzazione gerarchica Home page Le Pagine sono legate ad una pagina indice (Es: Schede Tecniche) Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 10 Organizzazione Lineare (Circolare) Home Page Tutti i documenti sono collegati alla prima pagina ed alla successiva (Es: Libro) oppure alla pagina successiva e alla precedente (Es: Eventi di una manifestazione) Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 11 Combinazione di strutture Home page Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 12 4

5 Preparazione di pagine Web Un qualunque editor testuale (Notepad, Wordpad) Web integrato in Office Microsoft FrontPage (commerciale): Adobe PageMill, (commerciale): Prodotti professionali Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 13 Il linguaggio HTML Si veda anche: L aspetto dei file HTML Le pagine HTML contengono due tipi di oggetti: il testo del documento TAG HTML, le marcature tipografiche che specificano come deve essere visualizzato il testo medesimo Il documento si presenta come una successione di elementi ( se necessario annidati ) del tipo: <NomeTag> Testo influenzato dal Tag </NomeTag> Sintassi delle marcature definita dal: W3C World Wide Web Consortium Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 15 5

6 Struttura generale di un documento <HTML> <HEAD> <TITLE>Titolo</TITLE> <!-- Per riconoscere il documento--> </HEAD> <BODY>... <!-- Parte visualizzata del documento-->... </BODY> </HTML> Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 16 Meta Tag Meta Tag: tag con metadati che contengono informazioni sul contenuto della pagina, alcuni motori di ricerca usano i metadati per indicizzare i documenti <META NAME=.. CONTENT= > NAME: description, keywords, author,... <HEAD>... <META NAME= description CONTENT= Esempio sui link > <META NAME= keywords CONTENT= HTML, WEB,... > <META NAME= author CONTENT= > </HEAD> Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 17 Esempio Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 18 6

7 Visualizzare il codice HTML Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 19 Formattazione del testo di una pagina Formattazione della pagina <P> testo </P> - Identifica un paragrafo <BR> - Vai a capo <br /> <H1>testo</H1> <H6>testo</H6> <I> testo </I> <B> testo </B> <U> testo </U> - Titolo di dimensione max - Titolo di dimensione min - Corsivo - Grassetto - Sottolineato Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 21 7

8 Formattazione della pagina <HR> - Inserisce una riga <hr /> <S> testo </S> <PRE>..</PRE> - Testo sbarrato - Mantiene formattazione <SUP>..</SUP> - Esponente: 4 in 2 4 <SUB>..</SUB> <CITE>..</CITE> - Indice: 2 in H 2 O - Citazione.. Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 22 Colore dello sfondo o dei caratteri Colore RGB definito da 6 cifre esadecimali #hhhhhh Colore dello Sfondo: <BODY BGCOLOR= #hhhhhh > Colore del testo: <BODY TEXT= #hhhhhh > Colore dello Sfondo e del testo: <BODY BGCOLOR= #hhhhhh TEXT= #hhhhhh > Colore del testo: <FONT COLOR= #hhhhhh > Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 23 Colore dello sfondo o dei caratteri "#RRGGBB" 256 valori : 00.. FF "rgb(r,g,b)" 256 valori : "FFFFFF "rgb(255,255,255)" Bianco "FF0000" "rgb(255,0,0)" Rosso "00FF00" "rgb(0,255,0)" Verde "0000FF" "rgb(0,0,255)" Blu "000000" "rgb(0,0,0)" Nero <BODY BGCOLOR="#0000FF" TEXT="#FFFF00"> Produce uno sfondo blu e testo giallo Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 24 8

9 Colore dello sfondo o dei caratteri I colori possono essere indicati anche simbolicamente: <BODY BGCOLOR= blue TEXT= yellow > aqua #00FFFF navy # black olive blue purple fucsia red gray # silver #C0C0C0 green # teal lime #00FF00 yellow maroon white... Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 25 Caratteri speciali HTML usa solo i primi 128 caratteri ASCII. Per i caratteri accentati e molti altri bisogna ricorrere a sequenze di escape della forma: &nome; oppure &#codice; dette entità < < < > > > & & & " A A è è & & é è % % È È À À Ì Ì Codici decimali Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 26 Esercizio Preparare un documento HTML con un testo libero, organizzato in paragrafi, ricordandosi di definire <TITLE>. Il documento deve contenere del testo, i diversi paragrafi devono avere titoli evidenziati con <Hn> e devono essere incluse righe di separazione, con <HR>, ed a capo, con <BR>. Sviluppare il documento per passi controllando l effetto dei differenti tag In particolare controllare come va a capo, cosa succede omettendo <Title> e lasciandolo vuoto, come vengono trattati gli spazi Preparare un secondo documento con testo sottolineato, evidenziato in differenti modi e colorato. Preparare un terzo documento con testo preformattato e inserendo caratteri speciali. Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 27 9

10 Elenchi numerati e puntati <OL> <LI> Uno </LI> <LI> Due </LI> <LI> Tre </LI> </OL> <UL> <LI> Uno </LI> <LI> Due </LI> <LI> Tre </LI> </UL> 1. Uno 2. Due 3. Tre Uno Due Tre Le liste si possono annidare Vedi: Liste.html Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 28 Link tra pagine HTML Link tra documenti HTML file1 file2 <A HREF= file2 >... <A HREF= file2#sezione1 >.. <A NAME = sezione1 > xxx LINK <A HREF =..> ANCORA <A NAME=...> Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 30 10

11 Link tra documenti HTML <A HREF= NomeFile#Sezione1 >XXXXX</A> XXXXX viene visualizzato come : XXXXX Cliccando su: XXXXX si attua il trasferimento a NomeFile nel punto identificato come: Sezione1 tramite un ancora, definita con l attributo NAME del tag A nel file NomeFile: <A NAME= Sezione1 >Nome della sezione</a> Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 31 Link tra documenti HTML: esempi <A HREF= #prefazione >Prefazione</A> <A HREF= cap1.html >Capitolo 1</A> La collocazione di un file è specificata con un posizionamento relativo al file di partenza <A HREF= cap2.html >Capitolo 2</A> <A HREF= /figure/indice.html >Indice figure</a> <A HREF= >Bibliografia</A> <A HREF= >Bibliografia</A> <A HREF= >Bibliografia</A> Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 32 Inserimento di Immagini Per includere un immagine si usa il Tag: <IMG > definendo NomeFile (SRC), Allineamento Immagine rispetto al testo (ALIGN) e Titolo a scomparsa della figura (ALT). <IMG SRC= NomeFile ALIGN= Top ALT= Scritta > Esempi: <IMG SRC= Figura.gif ALT= Mappamondo > <IMG SRC= Figura.gif ALIGN= Bottom ALT= Mappamondo > <A HREF= AltroFile.html > <IMG SRC= Figura.gif ALT= Mappamondo > </A> Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 33 11

12 Esercizio Costruire una pagina che faccia da menu di scelte con link a altre pagine con esempi di liste ordinate, non ordinate, miste, annidate, con immagini e alle pagine preparate in precedenza Home Page Costruite un elenco di siti di vostro interesse e rendete il loro nome cliccabile Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 34 Tabelle, Frame e Form Tabelle <TABLE BORDER> <TR> <TD>1</TD> <TD>2</TD> <TD>3</TD> </TR> <TR> <TD>4</TD> <TD>5</TD> <TD>6</TD> </TR> <TR> <TD>7</TD> <TD>8</TD> <TD>9</TD> </TR> </TABLE> Intestazioni nella tabella: <TH>.. </TH> Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 36 12

13 Frame Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 37 Frame Contenuto di Frame_menu.htm... <a href= Frame_a.htm" target= FrameScelto">Frame a</a><br> <a href= Frame_b.htm" target= FrameScelto">Frame b</a><br> <a href= Frame_c.htm" target= FrameScelto">Frame c</a>... Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 38 Frame Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 39 13

14 Esercizio Una pagina con due frame: un menu nella colonna di sinistra e la pagina scelta nella colonna di destra. Le scelte includono alcune liste, la tabella in figura, la medesima tabella senza le celle sulla diagonale e alcune pagine preparate nei precedenti esercizi. Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 40 FORM: caselle di testo <FORM ACTION="http://server/programma" METHOD="GET"> Nome <INPUT Type="text" NAME="nome" SIZE="20"> Cognome <INPUT Type="text" NAME="cognome SIZE="20"> <BR> <HR> <BR> <INPUT TYPE="submit" VALUE="Spedisci modulo"> <INPUT TYPE="reset" VALUE="Cancella modulo"> </FORM> ACTION precisa il programma di risposta sul server Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 41 FORM: metodo GET METHOD precisa come inviare i parametri al server due metodi: GET e POST Nella modalità GET i parametri vengono codificati automaticamente dal browser come parte dell indirizzo e sono visualizzati insieme all URL della pagina Web. Modalità inadatta quando il dato da trasmettere è riservato oppure bisogna trasmettere molti dati I parametri vengono appesi alla URL inviata al server: Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 42 14

15 FORM: metodo POST Nella modalità POST i parametri non sono trasmessi come parte della URL ma con una modalità che li rende invisibili all utente. La modalità POST è utilizzata per spedire grandi quantità di dati in modo che non siano visibili all utente. Una pagina generata da un modulo che ha usato il metodo GET può essere salvata nei bookmarks con il corretto valore dei parametri trasmessi ( in quanto fanno parte della URL della pagina) Una pagina generata con il metodo POST non può essere salvata nei bookmarks. Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 43 FORM: radio C è anche un... TYPE = HIDDEN... Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 44 FORM: checkbox Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 45 15

16 FORM: casella combinata <SELECT NAME=lezioni> <OPTION VALUE="una">una <OPTION SELECTED="Selected">due <OPTION VALUE="tre">tre </SELECT> Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 46 FORM: password e textarea Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 47 FORM etabelle Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 48 16

17 Esercizio ( 1 ) Realizzare il modulo in figura cercando di migliorare il colore dello sfondo. Per la scelta dei colori si veda anche: Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 49 Esercizio ( 2 ) Realizzare un modulo analogo a quello in figura sfruttando una tabella per migliorare l aspetto del form e mantere i dati incolonnati Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 50 Pagine Dinamiche Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 51 17

18 Pagine Dinamiche Lato Server: Php, ASP, ASP.NET ASP usa VBScript <% Dim Cognome, Nome Nome=Request.Form( nome ) Cognome=Request.Form( cognome ) %> La richiesta di <%response.write Nome%> <%response.write Cognome%>... Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 52 I fogli di stile CSS Si veda anche: Fogli di stile CSS Il CSS ( Cascading Style Sheet, foglio di stile a cascata) è un documento che definisce la visualizzazione delle pagina HTML secondo una sintassi specificata nei documenti del W3C: In particolare i vantaggi nell uso dei fogli di stile sono: Separazione dei contenuti dalle caratteristiche di visualizzazione Maggiore controllo sulla rappresentazione di documenti omogenei Indipendenza dal dispositivo e quindi migliore accessibilità Utilizzo dei CSS all interno di documenti HTML: Fogli di stile inline Fogli di stile incorporati Fogli di stile collegati Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 54 18

19 Fogli di stile CSS - sintassi Sintassi: Esempi: TagSelettore {proprietà: valore} body {color: black} p {font-family: "sans serif"} p {text-align:center;color:red} p { text-align: center; color: black; font-family: arial } h1,h2,h3,h4,h5,h6 {color: green} input[type="text"] {background-color: blue} Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 55 Fogli di stile CSS : classe di stile Classe di stile: Esempi: selettore.classe {proprietà: valore}.classe {proprietà: valore} p.destra {text-align: right} p.centra {text-align: center}.sinistra {text-align: left} <p class= destra">paragrafo allineato a destra</p> <p class="centra">paragrafo centrato</p> <p class= sinistra">testo allineato a sinistra</p> <h1 class= sinistra">intestazione a sinistra</h1> Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 56 Fogli di stile CSS - reference Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 57 19

20 Fogli di stile inline <! - Uso degli stili inline --> <HTML> <HEAD> <TITLE>Fogli di stile inline</title> </HEAD> <BODY> <H2>Foglio di stile inline</h2> <P>Paragrafo al quale non è stato applicato alcun stile</p> <P STYLE="font-family: Arial; font-size: 9px; color: #FF0000; background-color: #FFFF33">Paragrafo con font Arial, dimensione e colore del carattere, colore dello sfondo</p> <P STYLE="font-size: 20pt"> Paragrafo al quale è stato applicato uno stile di 20 punti</p> <P>Paragrafo finale senza stile</p> </BODY> </HTML> Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 58 Fogli di stile incorporati <! - Uso degli stili incorporati --> <HTML> <HEAD> <TITLE>Fogli di stile incorporati</title> <STYLE TYPE="text/css"> H1 { font-family: Arial; font-size: 23pt; color: #0099CC } P { font-family: Arial; font-size: 14pt }.special { color: blue } </STYLE> </HEAD> <BODY> <H1>Foglio di stile incorporato</h1> <P>Primo paragrafo con stile incorporato</p> <H2 class = "special">titolo con stile special</h2> <P class = "special">paragrafo con stile special</p> <P>Ultimo paragrafo con stile incorporato</p> </BODY> </HTML> Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 59 Fogli di stile esterni Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 60 20

21 Esempi(1) Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 61 Esempi(2) Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 62 Esempi(3) Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 63 21

22 Esempi(4) Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 64 Esempi(5) <style type="text/css"> ol {list-style-type: decimal} ol ol ol{list-style-type: lower-roman} ol ol {list-style-type: lower-alpha} </style> Altri esempi in: Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 65 Fogli di stile CSS: priorità nei conflitti Fogli di stile a cascata In caso di conflitto di stile vale la seguente scala di priorità ( priorità crescenti ) 1. Lo stile definito dal Browser 2. Lo stile definito dal foglio collegato esterno 3. Lo stile definito dallo stile incorporato 4. Lo stile definito dagli stili inline Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 66 22

23 Grazie per la vostra attenzione Fine della presentazione Il linguaggio HTML - Enrico Cavalli - Università di Bergamo 67 23

I FORM. L'attributo action contiene l'url del file php a cui devono essere inviati i file per essere elaborati.

I FORM. L'attributo action contiene l'url del file php a cui devono essere inviati i file per essere elaborati. I FORM Che cosa sono e che caratteristiche hanno Un form contiene molti oggetti che permettono di inserire dati usando la tastiera. Tali dati verranno poi inviati alla pagina php che avrà il compito di

Dettagli

Questo é il link all altra pagina

<a href= page2.html > Questo é il link all altra pagina </a> <a href= page2.html > <img src= lamiaimmagine.jpg/> </a> Tutorial 4 Links, Span e Div È ora di fare sul serio! Che ci crediate o no, se sei arrivato fino a questo punto, ora hai solo bisogno di una cosa in più per fare un sito reale! Al momento hai una pagina

Dettagli

ESEMPI DI FORM (da www.html.it)

ESEMPI DI FORM (da www.html.it) ESEMPI DI FORM (da www.html.it) Vediamo, nel particolare, tutti i tag che HTML 4.0 prevede per la creazione di form. Questo tag apre e chiude il modulo e raccoglie il contenuto dello stesso,

Dettagli

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML La terza lezione, come le precedenti, ha avuto una durata di due ore, di cui una in aula e l altra in laboratorio, si è tenuta alla presenza della

Dettagli

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica PHP: form, cookies, sessioni e mysql Pasqualetti Veronica Form HTML: sintassi dei form 2 Un form HTML è una finestra contenente vari elementi di controllo che consentono al visitatore di inserire informazioni.

Dettagli

Analisi di massima: L utente dovrà inserire un numero limite, e tramite vari calcoli verrà stampato a video la sequenza.

Analisi di massima: L utente dovrà inserire un numero limite, e tramite vari calcoli verrà stampato a video la sequenza. Relazione tecnica Fibonacci ANDENA GIANMARCO Traccia: Creare un algoritmo che permetta, dato un valore intero e positivo, di stabilire la sequenza utilizzando la regola di fibonacci dei numeri fino al

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

WHITE PAPER TECNICO PER L ADVERTISER GUIDA AI MEZZI PUBBLICITARI

WHITE PAPER TECNICO PER L ADVERTISER GUIDA AI MEZZI PUBBLICITARI WHITE PAPER TECNICO PER L ADVERTISER GUIDA AI MEZZI PUBBLICITARI SOMMARIO 1. Mezzo pubblicitario... 3 1.1 Configurazione di mezzi pubblicitari... 3 1.1.1 Osservazioni generali... 3 1.1.2 Procedura... 4

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

Si prega di comunicare eventuali errori o inesattezze riscontrate, scrivendo una mail a: otebac@beniculturali.it

Si prega di comunicare eventuali errori o inesattezze riscontrate, scrivendo una mail a: otebac@beniculturali.it TEMPLATE IN MWCMS D A N I E L E U G O L E T T I - G R U P P O M E T A Si prega di comunicare eventuali errori o inesattezze riscontrate, scrivendo una mail a: otebac@beniculturali.it C ONTENTS I template

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Esercizi su HTML e JavaScript

Esercizi su HTML e JavaScript Linguaggi per il Web prof. Riccardo Rosati Corso di laurea in Ingegneria dei sistemi informatici Sapienza Università di Roma, a.a. 2014/2015 Esercizi su HTML e JavaScript Esercizio 1 (a) Scrivere un documento

Dettagli

Uso di form HTML per inviare dati nel web dinamico. I form HTML ed il web dinamico. Struttura di base dei form HTML. Form: controlli di input

Uso di form HTML per inviare dati nel web dinamico. I form HTML ed il web dinamico. Struttura di base dei form HTML. Form: controlli di input I form HTML ed il web dinamico Antonio Lioy < lioy@polito.it > Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica orario.html Uso di form HTML per inviare dati nel web dinamico partenza arrivo data browser

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8

GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 1) Introduzione Pg 3 2) L area amministratore Pg 3 2.1) ECM Pg 4 2.1.1) Sezione Struttura Pg 5 2.1.2) Sezione Documento Pg 7 2.1.3) Sezione Pubblicazione

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

MANUALE D USO LEXUN ver. 5.0. proprietà logos engineering - Sistema Qualità certificato ISO 9001 DNV Italia INDICE. 6. Flash top 6 C.

MANUALE D USO LEXUN ver. 5.0. proprietà logos engineering - Sistema Qualità certificato ISO 9001 DNV Italia INDICE. 6. Flash top 6 C. Pag. 1/24 INDICE A. AMMINISTRAZIONE pagina ADMIN Pannello di controllo 2 1. Password 2 2. Cambio lingua 2 3. Menù principale 3 4. Creazione sottomenù 3 5. Impostazione template 4 15. Pagina creata con

Dettagli

Parallels Plesk Panel

Parallels Plesk Panel Parallels Plesk Panel Notifica sul Copyright ISBN: N/A Parallels 660 SW 39 th Street Suite 205 Renton, Washington 98057 USA Telefono: +1 (425) 282 6400 Fax: +1 (425) 282 6444 Copyright 1999-2009, Parallels,

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Altre opzioni Optralmage

Altre opzioni Optralmage di Personalizzazione delle impostazioni............ 2 Impostazione manuale delle informazioni sul fax......... 5 Creazione di destinazioni fax permanenti................ 7 Modifica delle impostazioni di

Dettagli

ThemixInfo Gestione Informazione al Pubblico per Laboratori di analisi e Poliambulatori. Manuale d uso. themix Italia srl

ThemixInfo Gestione Informazione al Pubblico per Laboratori di analisi e Poliambulatori. Manuale d uso. themix Italia srl Gestione Informazione al Pubblico per Laboratori di analisi e Poliambulatori Manuale d uso Versione 08/07/2014 themix Italia srl tel. 06 35420034 fax 06 35420150 email info@themix.it LOGIN All avvio il

Dettagli

CORSO RETI INFORMATICHE

CORSO RETI INFORMATICHE CORSO RETI INFORMATICHE Che cos è una rete Una rete è un sistema di interconnessione non gerarchico tra diverse unità. Nel caso dei computer la rete indica l insieme delle strutture hadware, tra cui anche

Dettagli

Breve guida all uso di PubMed

Breve guida all uso di PubMed Breve guida all uso di PubMed http://www4.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/ I. Pagina iniziale A destra di appare una finestra di interrogazione dove è possibile inserire uno o più termini. Al di sotto di questa

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

P a s q u a l e t t i V e r o n i c a

P a s q u a l e t t i V e r o n i c a PHP: OOP Pasqualetti Veronica Oggetti Possiamo pensare ad un oggetto come ad un tipo di dato più complesso e personalizzato, non esistente fra i tipi tradizionali di PHP, ma creato da noi. 2 Gli oggetti

Dettagli

Istruzioni per il rilevamento delle cifre di tiratura (per donatori / stampa associazione)

Istruzioni per il rilevamento delle cifre di tiratura (per donatori / stampa associazione) Istruzioni per il rilevamento delle cifre di tiratura (per donatori / stampa associazione) 1. Aprite Internet Explorer (accesso a internet) e digitate il seguente link: https://auflagen-tirage.wemf.ch/

Dettagli

GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI

GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI Francesca Plebani Settembre 2009 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. WORD E L ASPETTO

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

Tecniche e Best Practice nella costruzione di Form accessibili per il Web. Roberto Zucchetto consulenza e formazione ICT

Tecniche e Best Practice nella costruzione di Form accessibili per il Web. Roberto Zucchetto consulenza e formazione ICT Tecniche e Best Practice nella costruzione di Form accessibili per il Web Roberto Zucchetto consulenza e formazione ICT Cos è IWA/HWG IWA/HWG è un Associazione professionale no profit riconosciuta leader

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

Excel basi e funzioni

Excel basi e funzioni Esercitazione di Laboratorio Excel basi e funzioni Contenuto delle celle 1. Testo 2. Numeri 3. Formule Formattazione delle celle (1) Formattazione del testo e dei singoli caratteri: Orientamento a 45 Allineamento

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database PROBLEMA Si vogliono inviare, periodicamente, i dati acquisiti da alcuni sensori ad un database presente su di un server. Arduino con shield Ethernet

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL.

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL. Data: 8 Ottobre 2013 Release: 1.0-15 Feb 2013 - Release: 2.0 - Aggiunta procedura per inviare email da Windows con php Release: 2.1-20 Mar 2013 Release: 2.2-8 Ottobre 2013 - Aggiunta procedura per inviare

Dettagli

Scrivere uno script php che, dato un array associativo PERSONE le cui chiavi sono i

Scrivere uno script php che, dato un array associativo PERSONE le cui chiavi sono i Esercizi PHP 1. Scrivere uno script PHP che produca in output: 1. La tabellina del 5 2. La tavola Pitagorica contenuta in una tabella 3. La tabellina di un numero ricevuto in input tramite un modulo. Lo

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Ora possiamo specificare la dimensione della casella di immissione dati.

Ora possiamo specificare la dimensione della casella di immissione dati. 1 di 6 17/04/2012 6.37 D'ora in poi, per maggiore chiarezza, scriverò solo quello che sta fra i due tag . Tralascerò i tag head, body, title e form. Ovviamente nei tuoi documenti è necessario che

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Firma Digitale Remota Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Versione: 0.3 Aggiornata al: 02.07.2012 Sommario 1. Attivazione Firma Remota... 3 1.1 Attivazione Firma Remota con Token YUBICO... 5

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

1.3c: Font BITMAP e Font SCALABILI

1.3c: Font BITMAP e Font SCALABILI Prof. Alberto Postiglione Dipartimento di Scienze della Comunicazione Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Salerno : Font BITMAP e Font SCALABILI Informatica Generale (Corso di Studio

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Famiglie di font. roman ( normale ) corsivo o italic grassetto o bold grassetto corsivo o bold italic

Famiglie di font. roman ( normale ) corsivo o italic grassetto o bold grassetto corsivo o bold italic Famiglie di font Nella maggior parte dei casi, un font appartiene a una famiglia I font della stessa famiglia hanno lo stesso stile grafico, ma presentano varianti Le varianti più comuni sono: roman (

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

come installare wordpress:

come installare wordpress: 9-10 DICEMBRE 2013 Istitiuto Nazionale Tumori regina Elena come installare wordpress: Come facciamo a creare un sito in? Esistono essenzialmente due modi per creare un sito in WordPress: Scaricare il software

Dettagli

Non tutto, ma un po di tutto

Non tutto, ma un po di tutto ALFREDO MANGIA Non tutto, ma un po di tutto Nozioni fondamentali per conoscere e usare un foglio di calcolo. Corso di alfabetizzazione all informatica Settembre 2004 SCUOLA MEDIA GARIBALDI Genzano di Roma

Dettagli

Guida all'impostazione

Guida all'impostazione Guida all'impostazione dello scanner di rete Guida introduttiva Definizione delle impostazioni dalla pagina Web Impostazione delle password Impostazioni di base per la scansione di rete Impostazioni del

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Documentazione tecnica

Documentazione tecnica Documentazione tecnica Come spedire via Post 1.1) Invio di Loghi operatore 1.2) Invio delle Suonerie (ringtone) 1.3) Invio di SMS con testo in formato UNICODE UCS-2 1.4) Invio di SMS multipli 1.5) Simulazione

Dettagli

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Laboratorio Database. Docente Prof. Giuseppe Landolfi

Laboratorio Database. Docente Prof. Giuseppe Landolfi Laboratorio Database Docente Prof. Giuseppe Landolfi Manuale Laboratorio Database Scritto dal Prof.Giuseppe Landolfi per S.M.S Pietramelara Access 2000 Introduzione Che cos'è un Database Il modo migliore

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

SID - GESTIONE FLUSSI SALDI

SID - GESTIONE FLUSSI SALDI Dalla Home page del sito dell Agenzia delle Entrate Cliccare sulla voce SID Selezionare ACCREDITAMENTO Impostare UTENTE e PASSWORD Gli stessi abilitati ad entrare nella AREA RISERVATA del sito (Fisconline

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC THOMSON SCIENTIFIC EndNote Web Quick Reference Card Web è un servizio online ideato per aiutare studenti e ricercatori nel processo di scrittura di un documento di ricerca. ISI Web of Knowledge, EndNote

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 Premessa. In questa nuova versione è stata modificata la risoluzione (dimensione) generale delle finestre. Per gli utenti che navigano nella modalità a Finestre, la dimensione

Dettagli

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni : criteri e indicazioni di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010 A) Sistema classico (autore-titolo) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro ¹ [N nota in apice] in nota a piè di pag.:

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Laboratorio di Statistica con Excel

Laboratorio di Statistica con Excel Università di Torino QUADERNI DIDATTICI del Dipartimento di Matematica G. Peano MARIA GARETTO Laboratorio di Statistica con Excel Soluzioni Corso di Laurea in Biotecnologie A.A. 2009/2010 Quaderno # 46

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

SCUOLANET UTENTE DOCENTE

SCUOLANET UTENTE DOCENTE 1 ACCESSO A SCUOLANET Si accede al servizio Scuolanet della scuola mediante l'indirizzo www.xxx.scuolanet.info (dove a xxx corrisponde al codice meccanografico della scuola). ISTRUZIONI PER IL PRIMO ACCESSO

Dettagli

Come recuperare il Citation Index di un articolo o di un autore: breve guida

Come recuperare il Citation Index di un articolo o di un autore: breve guida Come recuperare il Citation Index di un articolo o di un autore: breve guida A cura del Gruppo Informazione e comunicazione della Biblioteca Biomedica Redazione: Tessa Piazzini Premessa: Solitamente parlando

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli