ISTRUZIONI PER LA PREPARAZIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTRUZIONI PER LA PREPARAZIONE"

Transcript

1 ISTRUZIONI PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE DEL SERVIZIO SOCIALE Facoltà di Sociologia, Università Cattolica del Sacro Cuore

2 INDICE 1. PERCHÉ QUESTE ISTRUZIONI? 1.1. Cosa è la prova finale di laurea? 1.2. Cosa posso imparare dalla prova finale di laurea? 2. COME INIZIARE? 2.1. Scelta dell argomento 2.2. Docente di riferimento 2.3. Contatti, tempistiche e segreteria. 3. ATTENZIONE: COSA FARE E COSA NON FARE! 3.1. Le fasi 3.2. I tempi 4. COME PROCEDERE 4.1. La raccolta bibliografica 4.2. L indice ragionato 5. LA STESURA DELL ELABORATO 5.1. Quali sono le parti di una rassegna della letteratura? 5.2. Come si scrive un elaborato? 5.3. Quali sono le parti di un elaborato? 5.4. Gli accorgimenti formali 5.5. I riferimenti bibliografici

3 1. PERCHÉ QUESTE ISTRUZIONI? Il Regolamento di Facoltà (http://brescia.unicatt.it/sociologia_regolamentolaureetriennali_sociologia.pdf) prevede per lo svolgimento della prova finale di Laurea Triennale l impiego di uno strumento a scelta tra l elaborato scritto, la presentazione in power point o strumenti multimediali. Queste istruzioni sono rivolte in modo particolare a chi ha scelto di utilizzare lo strumento dell elaborato scritto come supporto alla presentazione dell argomento prevista in sede d esame e forniscono alcuni consigli pratici fondamentali per affrontarne al meglio lo svolgimento.

4 1.1. Cosa è la prova finale di laurea? La prova finale di laurea triennale è il momento conclusivo dei primi tre anni del percorso universitario. Il lavoro deve essere condotto in autonomia e sarà poi discusso davanti ad una commissione di professori (per la durata di 20 minuti) che valuterà il tuo grado di preparazione e di maturità. Ricorda inoltre che la prova finale di laurea triennale può non essere superata, e in tal caso andrà ripetuta in una sessione successiva, come ogni altro esame Cosa posso imparare dalla prova finale di laurea? La prova finale di laurea è un momento importante per testare le abilità e le competenze che hai acquisito durante il percorso universitario; ti consente di acquisire i 6 crediti formativi necessari per il completamento del percorso accademico triennale. Un buon elaborato richiede infatti: Capacità di approfondimento; Conoscenza di metodi e tecniche dei fenomeni sociali; Autonomia nell attività di ricerca bibliografica; Capacità di analisi critica autonoma; Originalità del proprio lavoro; Rispetto delle tempistiche/scadenze.

5 2. COME INIZIARE? 2.1. Scelta dell argomento Il primo passo è l individuazione di un tema (preferibilmente del tirocinio o stage) che nel tempo ha attirato la tua attenzione e il tuo interesse. Ripensa alla tua esperienza di tirocinio\ stage o corsi che hai seguito. Se decidi di partire dalla tua esperienza pratica non dovrai fare una mera descrizione degli steps eseguiti, ma cogliere una tematica sperimentata in tale occasione e costruire un apparato teorico e multidisciplinare che renda valida la tua riflessione. Per trattare un tema legato all esperienza pratica, individua lo stimolo esperienziale che più ti ha portato a riflettere; oppure pensa a uno dei corsi che hai seguito e individua quello che più ti ha stimolato, scegli un argomento trattato e che vorresti approfondire. Prova a chiederti: Quale ricchezza mi ha lasciato l esperienza del tirocinio o stage? Quali difficoltà ho incontrato nel tirocinio o stage? Quali risultati sorprendenti si sono verificati nel tirocinio o stage e come sono stati ottenuti? In che campo mi sono potuta sperimentare? OPPURE: Quale corso ha maggiormente attirato il mio interesse e la mia curiosità? Quale argomento mi piacerebbe approfondire? Quali competenze mi possono essere utili in vista dei miei obiettivi? Dopo aver individuato l esperienza o la materia in cui ti interessa svolgere un approfondimento e aver individuato un argomento generico di interesse è importante restringere il campo ad un tema più circoscritto e specifico. Per fare questo ti consigliamo di: Cominciare a leggere qualche documento sul tema che hai scelto Iniziare a selezionare le fonti e gli autori che in maniera più autorevole ed estesa si sono occupati di quel tema Successivamente proponi ad uno o più docenti un confronto in merito al tema scelto prendendo appuntamento via mail per un incontro.

6 2.2. Docente di riferimento Il nuovo regolamento di Facoltà non prevede la presenza della tradizionale figura del relatore. È tuttavia prevista la presenza di un docente che ti fornirà le indicazioni iniziali necessarie per valutare l adeguatezza dell argomento scelto, per elaborare la struttura dell' elaborato e per darti una prima lista di riferimenti bibliografici da sviluppare poi in autonomia. Una volta individuata la materia di interesse, inizia a leggere qualche documento sul tema scelto e comincia ad elaborare una struttura per il tuo lavoro. Contatta quindi via il docente per fissare un incontro. Presentati e descrivi in modo chiaro e sintetico la tua idea. Ricorda: dovrai svolgere l elaborato finale della laurea triennale in autonomia. Come per ogni altro esame sostenuto durante il tuo corso di laurea, dovrai dimostrare non soltanto la tua preparazione, ma soprattutto la maturità acquisita nello studio e la capacità di organizzare e svolgere un lavoro di approfondimento e di ricerca. Nella facoltà è attivo un servizio di tutorato per assistere gli studenti nelle fasi di stesura dell elaborato o delle slide della prova finale (non hanno la facoltà di correggere l elaborato, ma di aiutarti rispetto alla struttura del testo e alle note tecniche di scrittura da rispettare in un documento). Per maggiori informazioni (orari di ricevimento, contatti, etc.), consultare il seguente link:

7 2.3. Contatti, tempistiche e segreteria. Impara a distinguere gli aspetti di contenuto e quelli amministrativi. Per entrambi dovrai rispettare i tempi ed informarti. I tuoi interlocutori cambieranno di conseguenza. Per tutto quello che riguarda la modulistica e le scadenze amministrative dovrai rivolgerti alla Segreteria Studenti, oppure scrivendo attraverso il canale I-Catt. La SEGRETERIA STUDENTI ti fornirà ogni informazione relativa al calendario degli esami di laurea e agli adempimenti (e relativa tempistica) da espletare per essere ammesso a sostenere la prova finale. ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO Lunedì, martedì e giovedì: dalle 9.30 alle Mercoledì: dalle alle Venerdì: dalle 9.30 alle e dalle alle UBICAZIONE Via Trieste, Brescia

8 3. ATTENZIONE: COSA FARE E COSA NON FARE! Prima di procedere con la preparazione dell elaborato, devi considerare alcuni aspetti di fondamentale importanza. COSA FARE Rispettare le tempistiche Realizzare un lavoro originale e personale COSA NON FARE Non rispettare le tempistiche Copiare! 3.1. Le fasi Le tempistiche che devi rispettare sono relative ad alcuni passaggi che ti sarà utile seguire per ricevere dal docente le indicazioni necessarie a svolgere il tuo lavoro. Fai quindi attenzione alle fasi qui di seguito elencate. Dopo aver definito l argomento e il titolo provvisorio (fase 1) con il docente, dovrai produrre un indice ragionato (fase 2). Ricorda bene: hai la possibilità di concordare con il docente l argomento e il titolo dell elaborato; il docente ti fornirà indicazioni ulteriori, in particolare in relazione all argomento scelto: sfrutta questa occasione! Il suo supporto è tuttavia limitato nel prosieguo del lavoro. Il docente ti fornirà infatti le indicazioni iniziali necessarie per elaborare un indice ben strutturato e sarà a disposizione in itinere per eventuali consulenze.

9 3.2. I tempi È importante rispettare rigorosamente i tempi previsti dallo scadenziario annuale esami conclusivi del ciclo di studi (http://brescia.unicatt.it/sociologia_70.html). Fai molta attenzione ai tempi sin dall inizio e organizzati adeguatamente. In questo modo ridurrai al minimo il rischio di non riuscire a sfruttare il supporto del docente e/o di dover posticipare la sessione di laurea. Ciascuna delle fasi previste per lo svolgimento dell elaborato è quindi scandita da precise tempistiche. 4. COME PROCEDERE A questo punto puoi procedere con il tuo lavoro. Una buona rassegna della letteratura deve prevedere lo svolgimento di 4 tappe. La formulazione della tematica che sarà per te motivo di studio. Individua la letteratura e analizza gli aspetti che compongono l argomento da te scelto; La selezione del materiale da analizzare. Concentrati sulla letteratura che si occupa strettamente dell argomento circoscritto che hai individuato; L estrazione dei dati e dello studio condotto. Procedi con la lettura del materiale selezionato e alla seconda lettura isola le parti principali di ciascun articolo/libro/ricerca: la metodologia, l approccio, i dati utilizzati, i risultati, le conclusioni; L interpretazione e l analisi. Classifica il materiale raccolto, scegliendo un criterio: cronologico, metodologico, sulla base dei risultati o dell approccio teorico, e così via. Elabora quindi una sintesi critica delle ricerche lette e analizzate, giungendo a realizzare un quadro completo ed esaustivo della letteratura esistente sull argomento La raccolta bibliografica Il lavoro di rassegna della letteratura si basa su una buona ed efficiente raccolta bibliografica. La raccolta di materiale inizia non appena hai scelto l argomento di ricerca, che va ulteriormente circoscritto dopo che avrai letto i primi documenti sul tema. Quando avrai definito l argomento specifico su cui svolgere l elaborato, potrai continuare a raccogliere la bibliografia mirata e a consultare le fonti rilevanti.

10 Il docente ti fornirà in aiuto alcune indicazioni bibliografiche iniziali, che dovrai poi sviluppare in autonomia Obiettivi Gli obiettivi della raccolta bibliografica sono: Imparare Dimostrare conoscenza nel settore Acquisire credibilità Sintetizzare le conoscenze in campo Fasi Ti sarà utile organizzare la raccolta bibliografica in alcune fasi: Prima raccolta: consiste nella raccolta preliminare e generale di materiale, attraverso l individuazione di alcune parole-chiave, nel reperimento delle fonti generali. Si consiglia di: Utilizzare diverse parole-chiave Cercare in manuali diversi Diffidare di Internet o comunque usarlo con criticità COS É UNA PAROLA-CHIAVE (KEYWORD)? È una parola, o una stringa di parole (di 2, al massimo 4 parole), utilizzata per cercare determinati oggetti sui motori di ricerca online. COME SI SCEGLIE UNA PAROLA-CHIAVE? Nella fase iniziale della ricerca bibliografica sarà utile utilizzare parole-chiave generiche. Man mano che si va avanti nella ricerca sarà invece sempre più importante utilizzare parole-chiave più specifiche e mirate. Si consiglia comunque sempre di utilizzare parole-chiave brevi e il più possibile rappresentative dell argomento di ricerca. Prima lettura e registrazione: in questa seconda fase della raccolta bibliografica, leggi i materiali raccolti nella fase precedente, selezionali sia in base all argomento che all autorevolezza della fonte e schedali in cartelle (fisiche e/o elettroniche) separate. Ti consigliamo inoltre di: Partire dai documenti più generali e più recenti Leggere attentamente titolo e abstract dei documenti reperiti Scorrere prima tutto il documento Osservare la struttura del documento Individuare l oggetto di studio SISTEMA BIBLIOTECARIO DI ATENEO SEDE DI BRESCIA Biblioteca Centrale Via Trieste, BRESCIA Orari di apertura: dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 18.00

11 Individuare le considerazioni fatte a proposito Leggere i passaggi centrali e importanti Analizzare attentamente la bibliografia riportata in ciascun documento e utilizzarla come spunto per la seconda raccolta Registrare tutte le informazioni disponibili relative ad un documento (autore, titolo, editore, luogo e data, pagine) Seconda raccolta: adesso che hai fatto una prima selezione dei materiali, puoi procedere con la seconda raccolta. Ovvero con la ricerca e raccolta dei documenti individuati analizzando i materiali della prima raccolta e la loro bibliografia e dei documenti non disponibili presso la tua biblioteca di riferimento. Ti consigliamo inoltre di rinnovare la ricerca nelle banche-dati, per eventuali aggiornamenti e novità. Lettura approfondita e registrazione: a questo punto, scarta i materiali poco rilevanti e leggi approfonditamente quelli rilevanti (procedendo dal generale allo specifico). Classifica poi questi documenti e registrali per temi/argomenti/parti del tuo elaborato. Ti consigliamo inoltre di: Leggere, annotare e sottolineare in modo critico; Utilizzare parole-chiave in fase di sottolineatura; Abbondare con le note; Leggere in maniera scientifica ed efficace; Porsi scadenze e obiettivi; Avere un archivio di file/fotocopie ordinato. Analisi: dopo aver raccolto, letto, classificato e registrato il materiale bibliografico per la tua ricerca, procedi con la fase di analisi critica dei contenuti reperiti. Ti consigliamo quindi di: Suddividere i documenti per argomenti dell elaborato; Individuare conformità/difformità di analisi e risultati; Comprendere la metodologia, l approccio, la rilevanza ed il background di ciascun documento/autore.

12 DOVE TROVO LE FONTI? Biblioteche (materiale cartaceo) Banche - dati (risorse informatiche) Riviste scientifiche (elettroniche o cartacee) Internet (da ultimo) COME PROCEDO NELLA RICERCA DELLE FONTI? Si consiglia sempre di seguire alcuni steps nella ricerca delle fonti: 1. Svolgere la prima ricerca per parole-chiave nell OPAC (Online Public Access Catalogue), il Catalogo informatizzato della biblioteca dell Università Cattolica: 2. Cercare per parole-chiave all interno delle banche dati. Alcuni esempi di Banche dati: <http://millennium.unicatt.it/search*ita/y> <http://www.ingentaconnect.com/> <http://www.springer.com/> 3. Procedere con la ricerca di articoli scientifici sui cataloghi di e-journals 4. Proseguire la ricerca di materiale bibliografico sul web attraverso parole-chiave, attraverso i servizi offerti su: < <http://books.google.it/books> Oltre che sul motore di ricerca di google

13 4.2. L indice ragionato Dopo aver raccolto e iniziato ad analizzare criticamente il materiale bibliografico, dovrai redarre l indice ragionato del tuo elaborato. L indice ragionato non consiste in una semplice elencazione dei capitoli e dei paragrafi, ma in un articolato ragionamento sugli stessi. Nel proporre una struttura dovrai anche fornire una breve spiegazione dei contenuti delle varie parti (capitoli e paragrafi) e dei collegamenti fra le stesse. L indice ragionato di una rassegna della letteratura si basa sulla struttura che intendi dare alla tua rassegna, ovvero all ordine logico con cui decidi di classificare, analizzare e presentare la letteratura selezionata. Per scegliere un criterio di ordine logico prova a farti queste domande: Nella mia rassegna della letteratura voglio focalizzarmi sull approccio teorico utilizzato nel materiale selezionato? Sulla loro successione cronologica? Sulla metodologia? Sui risultati? Sull efficacia delle politiche proposte? Scegli quindi su quale aspetto focalizzare la tua rassegna della letteratura, classifica sulla base del criterio scelto il materiale selezionato e sviluppa l indice dell elaborato utilizzando questo criterio. L indice ragionato deve svilupparsi quindi come segue: Elencazione delle parti, capitoli e paragrafi, in cui si intende strutturare la rassegna; Spiegazione, per ciascuna parte (ciascun capitolo e pa ragrafo previsto), dei contenuti che si intendono analizzare; Riferimento puntuale alle fonti consultate per ciascuna parte, suddivise anch esse secondo l articolazione generale della rassegna. Ricorda inoltre che: Ad ogni capitolo deve corrispondere un tema; Tra ogni capitolo e ogni paragrafo deve essere ben chiaro il collegamento logicoconcettuale; Le parti dell elaborato (capitoli e paragrafi) vanno presentate in 2-3 righe.

14 5. LA STESURA DELL ELABORATO 5.1. Quali sono le parti di una rassegna della letteratura? Sulla base dell indice ragionato potrai ora procedere con la realizzazione del tuo elaborato. Una rassegna della letteratura deve comprendere alcuni elementi principali: Una presentazione d insieme dell argomento che è oggetto della rassegna La suddivisione della letteratura oggetto della rassegna, secondo quanto indicato nella sezione precedente (4.2) L analisi critica della letteratura selezionata e la presentazione delle differenze tra ciascun gruppo di ricerche/studi L interpretazione critica conclusiva dei materiali che all interno della letteratura selezionata risultano maggiormente fondati da un punto di vista scientifico e forniscono il maggiore contributo per la comprensione e lo sviluppo della materia oggetto della ricerca Nell interpretazione degli studi e delle ricerche selezionate tieni presenti alcuni aspetti in particolar modo: La fonte. Quali sono le credenziali dell autore? La tesi dell autore è supportata da prove scientifiche (casi studio, statistiche, materiale storico, )? L oggettività. La prospettiva dell autore è libera da preconcetti? Le posizioni e i dati contrari alla tesi esposta dall autore sono presentati o invece sono stati trascurati per provare la sua tesi? Il valore. Le conclusioni e la tesi dell autore sono convincenti? Il suo lavoro ha contribuito in modo significativo alla comprensione dell argomento oggetto della ricerca? 5.2. Come si scrive un elaborato? Ti sarà utile a questo punto utilizzare la classificazione del materiale raccolto in cartelline (fisiche e/o elettroniche), una per ogni parte. Questa organizzazione ti facilita il lavoro di scrittura dei singoli capitoli/parti. Il linguaggio deve essere tecnico, ovvero impersonale e diretto, chiaro e lineare, ben comprensibile anche al lettore non esperto, oltre che grammaticalmente e sintatticamente corretto. Per questo cerca di evitare frasi troppo lunghe, troppo complesse ed eccessivamente tecniche. Cerca di prendere spunto dai documenti che hai trovato nella raccolta bibliografica. Nell elaborato dovresti utilizzare un linguaggio simile a quello di un articolo o di un libro scientifico.

15 Se hai scelto lo strumento dell elaborato scritto, ti consigliamo di seguire alcune fasi nella stesura. Arrivati a questo punto dovresti avere le idee abbastanza chiare su come strutturare il tuo lavoro e sul materiale da utilizzare. Non è facile tuttavia superare la inevitabile sindrome da pagina bianca! Ecco quindi alcuni consigli pratici per superare le difficoltà iniziali e procedere con la prima stesura dell elaborato: Utilizzare la classificazione della bibliografia realizzata in precedenza: se fatta bene sarà di enorme aiuto in questa fase Riflettere con calma prima di scrivere Non rimanere troppo a lungo con il foglio bianco davanti! Cerca di mettere per iscritto le tue osservazioni ed i tuoi pensieri seguendo un discorso logico, come se dovessi presentare l argomento o rispondere ad una domanda ad un esame Non preoccuparsi eccessivamente, in questa fase, di rifinire e rileggere quanto scritto; Prendersi delle pause e non pretendere mai la perfezione, men che meno in questo momento Non preoccuparsi eccessivamente di formattazione, citazioni, note, bibliografia nella fase della prima stesura. Impostare però gli elementi generali di formattazione prima di iniziare a scrivere Dare un ordine logico ai concetti, discuterne spesso con qualcuno Ricordare che: ogni periodo deve coincidere con un concetto, e che la frase iniziale di un periodo è quella fondamentale Acquisire una certa padronanza del word processor La prima stesura deve essere seguita da una revisione di quanto scritto. Dopo aver abbozzato una prima versione dell elaborato, ti consigliamo di: Rileggere e correggere errori: grammatica, punteggiatura, sintassi ecc.. Verificare la struttura logica di ciascun periodo e ciascun paragrafo Riempire i buchi logici Ogni capitolo (e a volte paragrafo) deve avere un introduzione che ne esponga il contenuto Controllare le parole e i concetti chiave (devono essere uguali in tutto il documento) Controllare lo stile, la forma, il registro linguistico In genere, TAGLIARE il più possibile le parti non strettamente attinenti all argomento Controllare, arricchire, completare le citazioni e le note a piè di pagina Verificare eventuali aggiornamenti di dati e nuove pubblicazioni Scrivere introduzione generale e conclusioni

16 Completare la bibliografia Rileggere Per scrivere una tesi è necessario utilizzare un programma di videoscrittura. Il programma di videoscrittura più utilizzato è Microsoft Word, che permette di svolgere molteplici funzioni automaticamente e in maniera rapida. È utile quindi acquisire la padronanza nell uso di Word fin da subito, per non perdere ulteriore tempo alla fine del lavoro per la formattazione del testo. Online si trovano diverse guide all uso di Microsoft Word. Tra tutte si veda: CITAZIONI È estremamente importante che l elaborato sia rigorosamente e scientificamente fondato in ogni sua parte: è quindi fondamentale citare in maniera puntuale e rigorosa. CITAZIONI TRA VIRGOLETTE: parole o frasi pronunciate da un autore/personaggio e riferite sotto forma di discorso diretto; o brani ripresi da altre pubblicazioni. Si consiglia di: Usarle raramente Per periodi brevi (2-3 righe) Citare SEMPRE autore e pagina CITAZIONI DI SUPPORTO (si veda p.20, riferimenti bibliografici): un indicazione (inserita nel testo, tra parentesi) che specifica la fonte di quanto riportato. Si consiglia di: - Usarle molto spesso Anche più di una citazione Per supportare OGNI affermazione scientifica, presentazione di dati, argomentazione complessa NOTE A PIE DI PAGINA Le note a piè di pagine vanno inserite con la funzione apposita del word processor (riferimenti -inserisci nota a piè di pagina) subito dopo la frase che si desidera ampliare, spiegare, chiarire. Alcuni consigli pratici su quando utilizzare le note a piè di pagina: Aggiungere ulteriori riferimenti bibliografici Rinvii interni, ad altre parti dell elaborato, o rinvii esterni, ad altri testi Introdurre ulteriori argomentazioni/citazioni senza appesantire il testo Ampliare, correggere, aggiustare le affermazioni del testo Presentare opinioni minoritarie differenti Per ulteriori chiarimenti sulle citazioni si veda più avanti, pp Si veda anche: Eco, U 2000, Come si fa una tesi di laurea: le materie umanistiche, Milano: Bompiani.

17 In conclusione del lavoro di stesura dell elaborato, ti consigliamo infine alcuni accorgimenti per la finalizzazione: Verificare ed applicare correttamente gli stili di formattazione a tutte le parti del documento Controllare spelling delle parole straniere Verificare che tabelle, grafici ed altri elementi abbiano tutti: titolo numerato e fonte; Controllare la numerazione e la struttura dei titoli Inserire il sommario, le intestazioni, il piè di pagina (funzioni di Microsoft word).

18 5.3. Quali sono le parti di un elaborato? Un elaborato scritto comprende i seguenti elementi: 1. Frontespizio; 2. Indice; 3. Introduzione; 4. Corpo centrale; 5. Conclusioni; 6. Bibliografia; 7. Eventuali allegati Indice Si tratta dell elenco delle parti nelle quali è suddiviso l elaborato. Si consiglia caldamente di realizzarlo con il programma di videoscrittura Word (o altri programmi analoghi), che consente di velocizzare l elaborazione dell indice con la numerazione delle pagine e di aggiornalo automaticamente Introduzione L introduzione è una parte fondamentale dell elaborato. Deve essere lunga intorno alle 3-5 pagine e deve contenere gli elementi necessari a far comprendere il lavoro svolto anche a chi non possa leggerne tutte le parti. Tutto ciò che è contenuto nell elaborato deve essere menzionato nell introduzione, per cui si consiglia di tenerla tra le ultime cose da scrivere. L introduzione è la prima parte che verrà letta da chi deve valutare l elaborato e deve quindi risultare chiara ed esaustiva. È necessario inoltre utilizzare un linguaggio semplice, senza terminologie complesse, completo, in modo che anche chi non è esperto della materia trattata sia messo nelle condizioni di capire i punti salienti dell elaborato anche leggendo soltanto l introduzione. Nell introduzione devono quindi essere illustrati, in maniera sintetica ma puntuale ed esaustiva: L argomento della rassegna, le domande, gli obiettivi che ti sei posto/a Alcuni accenni alla letteratura rilevante I criteri utilizzati per lo svolgimento della rassegna L organizzazione essenziale dell elaborato, in parti e capitoli

19 5.3.3 Corpo centrale È costituito dai capitoli in cui si articola l elaborato. Una buona esposizione della rassegna deve seguire un ordine logico e una concatenazione coerente degli argomenti. Ad ogni capitolo corrisponderà quindi un tema e i nessi logici tra un tema e l altro devono risultare chiari e lineari. Allo stesso modo, anche i passaggi da un paragrafo all altro devono essere logici e garantire fluidità al discorso. L elaborazione di un buon indice ragionato nella fase preliminare alla stesura dell elaborato agevola tale concatenazione, evitando la presenza di salti logici e/o concettuali Conclusioni Devono conseguire direttamente dalla trattazione svolta nel corpo centrale dell elaborato. Se l elaborato è stato organizzato in maniera logica e coerente, le conclusioni deriveranno in modo quasi automatico. Le conclusioni devono riassumere i punti che sono stati toccati nel corso dell elaborato e fare una sintesi degli aspetti che sono stati affrontati in maniera esaustiva, e possono quindi considerarsi chiusi, e degli aspetti che invece sono stati affrontati solo marginalmente o con risultati poco soddisfacenti. Nonostante si sia portati a credere che chi legge le conclusioni abbia quindi letto anche il corpo centrale dell elaborato, non sempre è così. Spesso chi visiona e valuta un elaborato ha ben poco tempo a disposizione, per cui concentrerà la sua attenzione sull Introduzione e sulle Conclusioni. È bene quindi utilizzare anche nelle Conclusioni un linguaggio il più possibile semplice, chiaro e lineare, e riportare in maniera esaustiva e completa una sintesi dei risultati ottenuti, degli aspetti analizzati e dei possibili sviluppi futuri stimolati dalla ricerca stessa Bibliografia Dovrà contenere l elenco alfabetico di tutte le fonti citate nell elaborato e seguire le indicazioni indicate in seguito (sezione 5.5, i riferimenti bibliografici).

20 5.4. Gli accorgimenti formali Formattazione del testo È consigliabile impostare correttamente il foglio di lavoro fin dall inizio, per evitare perdite di tempo e avere sempre presente il numero delle pagine e dei paragrafi scritti. Le impostazioni generali a cui si consiglia di attenersi sono le seguenti: margine superiore: 3,5 cm margine inferiore: 3,5 cm margine sinistro: 3,5 cm margine destro: 3,5 cm Il carattere da utilizzare è Times New Roman, dimensione 13, interlinea 1,5, rientro 1. Le note sono nello stesso carattere, dimensione 11, interlinea singola, rientro 0,5. Vanno inseriti tre spazi tra la fine di ogni paragrafo ed il titolo di quello successivo, e due dopo ogni titolo. Le pagine vanno numerate progressivamente e visibilmente con cifre arabe. Rientrare ad ogni capoverso servendosi del rientro automatico o del tasto tabulatore (tab) e non della barra spaziatrice. Suddividere i capitoli in paragrafi e sottoparagrafi, ciascuno con un titolo corrispondente. La numerazione di titoletti e sottotitoletti riparte da 1 all interno di ogni capitolo Tabelle Devono essere numerate per capitolo, indicando prima il numero del capitolo e poi quello progressivo della tabella (tab. 1.1., 1.2. ecc.). È fondamentale che le cifre delle diverse colonne vengano separate usando il tasto tabulatore. Non usare assolutamente a questo scopo spazi, trattini, linee verticali. La didascalia delle tabelle va inserita sopra la tabella stessa, preceduta da Tab. e dalla relativa numerazione, senza il punto alla fine della didascalia (poiché la didascalia apre la tabella). Es.: Tab Percentuali di voto alle elezioni politiche del 6 giugno Figure/Grafici Come le tabelle, anche le figure vanno numerate per capitolo. Anche i grafici vanno intesi come figure e devono rientrare nella numerazione di queste ultime. Fornire originali o fotocopie chiari e riproducibili; se si allegano anche su disco, salvarli a parte (indicando chiaramente il programma utilizzato) e riportare nel testo, alla posizione prevista, le didascalie. La didascalia delle figure va inserita sotto la figura stessa, preceduta da Fig. e dalla relativa numerazione, con il punto alla fine della didascalia, poiché la didascalia chiude la figura. Es.: FIGURA - Fig Situazione sperimentale usata da Posner per lo studio dell'attenzione.

21 5.4.4 Maiuscole Attenersi alla massima uniformità, cercando di ridurre l uso delle maiuscole all'essenziale. La cosa più importante, in ogni caso, è che, una volta compiuta una scelta, essa venga rispettata rigorosamente in tutto il volume. Evitare le maiuscole per i termini comuni, aventi caratteristiche di generalità: stato, governo, parlamento, regione, provincia, consiglio d'amministrazione, giunta comunale, comitato centrale, sindacato, pretore, magistrato, vescovo, polizia, carabinieri, esercito, marina. Non usare la maiuscola per gli aggettivi e i sostantivi indicanti nazionalità: gli italiani, i francesi. Nell uso della terminologia politico-amministrativa adottare il seguente criterio: ministero della Giustizia, ministro della Pubblica istruzione, sottosegretario agli Esteri, commissione Difesa, assessore ai Lavori pubblici ecc. Nel caso di una locuzione di più termini usare la maiuscola soltanto per il primo: Banca nazionale del lavoro, Parlamento europeo, Consorzio per le sovvenzioni industriali, Partito democratico della sinistra, Repubblica federale tedesca. Evitare assolutamente in ogni sede (testo, note, indice dei nomi) di scrivere il nome degli autori tutto in maiuscolo Sigle Le sigle andranno in tondo alto e basso (cioè con l'iniziale maiuscola e il resto minuscolo) e senza puntini tra una lettera e l'altra: Fiat, Usa, Acli, Pds Corsivi Per i corsivi servirsi dell'apposita opzione offerta da tutti i word processor; solo in subordine ricorrere alla sottolineatura. L'uso del corsivo è riservato ai termini stranieri, ma non a quelli entrati ormai nell'uso comune italiano (élite, leader, partner). Nel primo caso le parole avranno il plurale della lingua cui appartengono, nel secondo caso sono invece invariabili (le élite, i leader, i partner). Si userà il corsivo, inoltre, con le parole che l'autore vuole evidenziare in maniera particolare e con i titoli di volumi o di articoli citati nel testo. I nomi di associazione e istituzioni varie, anche se straniere, vanno in tondo e non in corsivo Accentazione Si raccomanda la correttezza nell'accentazione delle vocali: cioè, è (con accento grave); né, sé, perché, affinché, poiché, giacché (con accento acuto) Trattini I trattini che come in questo caso individuano un inciso dovranno essere preceduti e seguiti da spazio.

22 5.4.9 Citazioni Di ogni citazione da opere di cui esiste una traduzione italiana va rintracciata e riportata la traduzione esistente. Le citazioni brevi (3-4 righe) vanno fra virgolette. Le citazioni più lunghe (infratesto) vanno invece separate chiaramente dal testo e non vanno fra virgolette Convenzioni varie Si raccomanda anche il rispetto di alcune convenzioni come le seguenti: - p. e pp. (e non pag. o pagg.) - s. e ss. (e non seg. e segg.) - cap. e capp. - vol. e voll. - n. e nn. - tab. e tabb. - fig. e figg. Raccomandiamo inoltre: - p. 24 (cioè con lo spazio) e non p.24; - A. Manzoni (cioè con lo spazio) e non A.Manzoni; - J.M. Keynes (cioè senza spazio tra le due iniziali del nome) e non J. M. Keynes. - Cit. andrà in tondo; in corsivo andranno invece et al., ibidem, passim, supra e infra. I numeri di nota, collocati in apice, dovranno sempre precedere i segni di interpunzione (punti, virgole, punti e virgole, due punti ecc.), ma seguire le eventuali virgolette di chiusura. Es.: E vissero felici e contenti 1.

23 5.5. I riferimenti bibliografici I riferimenti bibliografici (citazioni e n ote a piè di pagina, sezione 5.2) andranno tra parentesi quadra nel testo. Tra parentesi quadre va riportato il cognome dell'autore (omesso se già citato nel testo), seguito dall'anno di pubblicazione, senza virgola; segue poi, separato da una virgola, l'eventuale numero di pagina. Il numero di pagina va riportato per le citazioni tra virgolette o per quelle di supporto quando necessario. Es.: Come è stato affermato di recente [Rossi 1992, 34]... Come Rossi [1992, 34] ha affermato di recente... Nel caso di più opere dello stesso autore, gli anni vanno separati da un punto e virgola. Es.: [Rossi 1985; 1987; 1990] Se l'autore ha pubblicato diverse opere nello stesso anno, bisogna ordinare le pubblicazioni con le lettere a, b, c, ecc. Es.: [Rossi 1987a; 1987b] Se si tratta della citazione di più autori all'interno della stessa parentesi quadra, anche in questo caso si usa il punto e virgola. Es.: Come è stato affermato di recente [Rossi 1992; Verdi 1991] Infine, nel caso di un volume tradotto in italiano, seguire il seguente ordine: anno originale di pubblicazione, trad it., anno dell'edizione italiana, pagine dell'edizione italiana. Es.: [Smith 1921, trad. it. 1968, 72] Nella bibliografia finale vanno in corsivo i titoli di volumi, saggi, contributi, articoli di rivista, voci di enciclopedia, titoli delle leggi, atti dei congressi. Vanno tra virgolette tutte le pubblicazioni periodiche. I nomi del luogo di pubblicazione vanno in lingua originale (Paris, London, Berlin e non Parigi, Londra, Berlino). Le voci bibliografiche vanno elencate in ordine alfabetico e costruite secondo il seguente ordine: cognome dell autore, iniziale del nome, anno di pubblicazione tra parentesi, titolo del lavoro. A seconda dei casi, seguiranno poi diverse indicazioni. Nel caso di volumi: Barbagli, M. (1984), Sotto lo stesso tetto, Bologna, Il Mulino. Nel caso di volumi tradotti:

24 Fiedler, L.A. (1966), Love and Death in the American Novel, New York, Dell; trad. it. Amore e morte nel romanzo americano, Milano, Longanesi, Nel caso di contributi a volumi collettanei: Pasquino, G. (1970), Lo sviluppo politico, in Antologia di scienza politica, a cura di G. Sartori, Bologna, Il Mulino, pp Nel caso di articoli di rivista: Kellner, M.M. (1975), Democracy, in Journal of Politics, XVIII, n. 4, pp Nel caso di documenti online. Von Lampe, K. (2009), Organized Crime Research, retrieved on 14 december 2009 from

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA OBIETTIVI E SIGNIFICATO La preparazione della tesi di Laurea è un importante opportunità attraverso cui lo studente può esprimere le proprie capacità

Dettagli

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare:

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare: ADEMPIMENTI PER LAUREANDI Scadenze da rispettare per potersi laureare: 1) Prima della consegna della domanda di laurea il laureando dovrà accedere al sito di AlmaLaurea (http://www.unica.it/almalaurea),

Dettagli

ProgettoFuori Corso TESI DI LAUREA

ProgettoFuori Corso TESI DI LAUREA Università degli Studi di Urbino Carlo Bo DIPARTIMENTO DI STUDI INTERNAZIONALI (DISTI) SCUOLA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE ProgettoFuori Corso TESI DI LAUREA Cos èla tesi di laurea? Alla fine del

Dettagli

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea Brevi istruzioni su come fare una tesi I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea L inizio e la fine Una delle prime cose da fare per cominciare

Dettagli

«Filosofia» Norme redazionali. Titolo paragrafo: Times New Roman, corpo 12, 2 righe vuote sopra, 1 riga vuota sotto, interlinea 1,5

«Filosofia» Norme redazionali. Titolo paragrafo: Times New Roman, corpo 12, 2 righe vuote sopra, 1 riga vuota sotto, interlinea 1,5 «Filosofia» Norme redazionali Regole generali Autore: Times New Roman, corpo 14, corsivo, interlinea 1,5 Titolo saggio: Times New Roman, corpo 14, grassetto, interlinea 1,5 Titolo paragrafo: Times New

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA (a cura del Servizio Tutorato) La tesi di laurea è un momento importante nella carriera di tutti gli studenti perché rappresenta il momento finale del

Dettagli

Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese

Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese Scrivere la tesi di laurea Una premessa Il lavoro di tesi, oltre ad essere un documento amministrativo ufficiale, è un opera dell

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL S. CUORE MASTER IN MANAGEMENT AGRO-ALIMENTARE REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ DI STAGE

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL S. CUORE MASTER IN MANAGEMENT AGRO-ALIMENTARE REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ DI STAGE UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL S. CUORE MASTER IN MANAGEMENT AGRO-ALIMENTARE REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ DI STAGE FINALITÀ: lo stage costituisce un'attività formativa in cui assume un ruolo fondamentale l'integrazione

Dettagli

SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA IL CONTENUTO Attraverso la tesi di laurea lo studente deve elaborare in modo approfondito ed originale l argomento di ricerca assegnato. Il lavoro di tesi

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA

CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA OBIETTIVI E SIGNIFICATO La tesi di Laurea è parte integrante e conclusiva del percorso formativo dello studente.

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN OPTOMETRIA ISTRUZIONE GENERALI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN OPTOMETRIA ISTRUZIONE GENERALI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI ISTITUTO SUPERIORE DI OTTICA E OPTOMETRIA BENIGNO ZACCAGNINI SEDE DI «indicare la sede in cui si è frequentato il corso» Anno formativo «indicare l'ultimo anno di frequenza» [Digitare qui il titolo della

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

STRUTTURA DELLE TESI

STRUTTURA DELLE TESI Master in: Management per Funzioni di Coordinamento delle Professioni Sanitarie Tecniche A.A. 2010/2011 STRUTTURA DELLE TESI La modalità di svolgimento della prova finale consiste nella presentazione orale

Dettagli

lo schema di partenza

lo schema di partenza COSTRUZIONE DELLA TESI DI LAUREA lo schema di partenza Inquadrare l argomento Individuare l oggetto della ricerca Argomentare ogni affermazione Documentare correttamente i supporti tecnologici e bibliografici

Dettagli

UN ESEMPIO. Osservate come è stato scritto:

UN ESEMPIO. Osservate come è stato scritto: UN ESEMPIO Il testo che troverete qui sotto è un esempio di testo regolativo. Esso è stato scritto per facilitare la realizzazione di un testo tecnico di tipo particolare, la relazione di stage. Osservate

Dettagli

Norme redazionali HB

Norme redazionali HB Norme redazionali HB 1. Impostazioni di pagina Per il LAYOUT PAGINA, impostare: Formato pagina: A5 Margini: superiore cm 2,5 inferiore cm 2 sinistro cm 2 destro cm 2 piè di pagina: cm 2 rilegatura: 0 Per

Dettagli

Stesura tesi triennio e biennio di comunicazione e didattica dell'arte.

Stesura tesi triennio e biennio di comunicazione e didattica dell'arte. Stesura tesi triennio e biennio di comunicazione e didattica dell'arte. Tutte le altre informazioni, non contenute in questo documento, potete trovarle nel sito http://www.ababo.it/aba/tesi/ Caratteristiche

Dettagli

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi Facoltà di Studi Classici, Linguistici e della Formazione Linee guida per l elaborato di laurea del corso di laurea in Scienze della formazione primaria Art. 1 Introduzione La tesi è parte integrante del

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II VADEMECUM DEL TESISTA PREMESSA Questo scritto costituisce un supporto alla stesura dell elaborato finale. Per questo motivo, ciascun candidato è tenuto a prenderne visione prima di procedere alla redazione

Dettagli

Prova finale / Regole tipografiche

Prova finale / Regole tipografiche Prova finale / Regole tipografiche Copertina: scaricare dal sito http://www.unibg.it/provafinale il file della Facoltà di riferimento ed inserire i dati personali. Di seguito si forniscono indicazioni

Dettagli

Valutare e citare i documenti

Valutare e citare i documenti Valutare e citare i documenti di Stefania Fraschetta Corso di laurea Triennale in Comunicazione e Psicologia Prova finale - III modulo, 27 gennaio 2014 Sommario Cercare e valutare documenti in rete: La

Dettagli

INDICAZIONI E SUGGERIMENTI PER LA STESURA DI UNA TESINA. IIS V. Benini Prof. Marco Menna

INDICAZIONI E SUGGERIMENTI PER LA STESURA DI UNA TESINA. IIS V. Benini Prof. Marco Menna INDICAZIONI E SUGGERIMENTI PER LA STESURA DI UNA TESINA IIS V. Benini Prof. Marco Menna 1 NORME PER LO SVOLGIMENTO DEL COLLOQUIO D ESAME O.M. 37/2014, ART. 16 c. 2. Il colloquio ha inizio con un argomento

Dettagli

UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA GUIDA PRATICA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE. Facoltà di Scienze Politiche Sapienza Università di Roma

UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA GUIDA PRATICA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE. Facoltà di Scienze Politiche Sapienza Università di Roma UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE DIPARTIMENTO DI TEORIA ECONOMICA E METODI QUANTITATIVI PER LE SCELTE POLITICHE Facoltà di Scienze Politiche Sapienza Università di Roma GUIDA

Dettagli

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione 1 PREMESSA...3 PRIMA PARTE...4 1. Il Curriculum Vitae...4 Modello...5 Fac simile 1...6 2. Il Curriculum Europass...7

Dettagli

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DELLA COMUNICAZIONE ESTERNA NELLA SEDE DI SCIENZE DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DELLA COMUNICAZIONE ESTERNA NELLA SEDE DI SCIENZE DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DELLA COMUNICAZIONE ESTERNA NELLA SEDE DI SCIENZE DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO Relazione di tirocinio di Antonella Grasso matricola 42910 Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione

Dettagli

NOTE PER LA REDAZIONE DI TESTI DA PUBBLICARE SUL SITO SOCIETÀ AMICI DEL PENSIERO

NOTE PER LA REDAZIONE DI TESTI DA PUBBLICARE SUL SITO SOCIETÀ AMICI DEL PENSIERO NOTE PER LA REDAZIONE DI TESTI DA PUBBLICARE SUL SITO SOCIETÀ AMICI DEL PENSIERO Chiediamo a ciascun Autore di fornire i propri testi in file Word. Formato: mandare i testi in Word (o.doc o.docx), e.rtf.

Dettagli

Che cos'è la tesina? un testo scritto di tipo saggistico (argomento, documenti, lunghezza a discrezione dello studente)

Che cos'è la tesina? un testo scritto di tipo saggistico (argomento, documenti, lunghezza a discrezione dello studente) OBIETTIVI Migliorare le capacitàdi svolgimento di un progetto autonomo di scrittura documentata. Consolidare le abilità di ricerca delle fonti. Rafforzare le abilitàdi organizzazione dei contenuti. Che

Dettagli

FORMATO PROVA FINALE

FORMATO PROVA FINALE FORMATO PROVA FINALE Il Consiglio di Corso di Laurea in Scienze dell Amministrazione ha deliberato di adottare un nuovo format per le tesi cui occorre dunque attenersi. Quelle qui riportate sono le regole

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA INDICAZIONI GENERALI E CRITERI REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA INDICAZIONI GENERALI E CRITERI REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA Via A. Volta, 31 27100 Pavia Tel. 0382 399206 Fax 0382 399205 e-mail: vittadini @ comune.pv.it BIENNIO INTERPRETATIVO INDICAZIONI GENERALI E

Dettagli

LA «TESINA» PER GLI ESAMI DI STATO. Istruzioni perché non diventi un incubo

LA «TESINA» PER GLI ESAMI DI STATO. Istruzioni perché non diventi un incubo LA «TESINA» PER GLI ESAMI DI STATO Istruzioni perché non diventi un incubo DPR 323/1998 Regolamento sul nuovo Esame di Stato Art. 5 (Modalità di invio, formazione e svolgimento delle prove d'esame) Comma

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Indice Presentazione 4 Norme per il Corso di laurea specialistica in Disegno industriale del prodotto

Dettagli

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA Luglio, 2012 1 0. PREMESSA Le tesi di laurea essere di due tipi: Tesi di Ricerca Sperimentale: lavori che si caratterizzano per la raccolta e/o l'analisi

Dettagli

PER GLI AUTORI. Norme Redazionali

PER GLI AUTORI. Norme Redazionali PER GLI AUTORI Norme Redazionali Lunghezza Gli articoli, comprensivi di note e di riferimenti bibliografici, non devono superare le 7.000 parole. Le recensioni dei libri non devono superare le 1.500 parole.

Dettagli

Linee guida per la preparazione di una TESI DI LAUREA in Educazione Professionale

Linee guida per la preparazione di una TESI DI LAUREA in Educazione Professionale Linee guida per la preparazione di una TESI DI LAUREA in Educazione Professionale Nell'intento di uniformare il metodo di stesura delle tesi di laurea vengono qui di seguito fornite a tutti gli studenti

Dettagli

Dipartimento di Lettere Lingue Arti. Italianistica e culture comparate

Dipartimento di Lettere Lingue Arti. Italianistica e culture comparate Dipartimento di Lettere Lingue Arti. Italianistica e culture comparate Regolamento per la prova finale dei corsi di studio in Culture delle Lingue moderne e del Turismo (L-11) e Comunicazione linguistica

Dettagli

ÍTALSKA COME FARE LA TESI B.A. ÍTALSKA

ÍTALSKA COME FARE LA TESI B.A. ÍTALSKA HÁSKÓLI ÍSLANDS Hugvísindasvið Deild erlendra tungumála, bókmennta og málvísinda ÍTALSKA COME FARE LA TESI B.A. ÍTALSKA La tesi finale del corso di B.A. ítalska è un lavoro di approfondimento, su un argomento

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA TESI

LINEE GUIDA PER UNA TESI CONSORZIO EDITORIALE FRIDERICIANA LINEE GUIDA PER UNA TESI Indice degli argomenti 1. La scelta dell'argomento 2. La ricerca bibliografica 3. La schedatura dei testi 4. L'organizzazione delle idee 5. La

Dettagli

Linee guida per la redazione della prova finale della Laurea triennale in Scienze della comunicazione

Linee guida per la redazione della prova finale della Laurea triennale in Scienze della comunicazione Linee guida per la redazione della prova finale della Laurea triennale in Scienze della comunicazione I. Linee guida generali L elaborato finale va presentato, entro il termine perentorio di 30 giorni

Dettagli

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE... 1 1. Le parti di una tesi/tesina... 1 L indice-sommario... 1 L elenco delle abbreviazioni/sigle... 1 La introduzione...

Dettagli

Norme per gli autori e i collaboratori

Norme per gli autori e i collaboratori Norme per gli autori e i collaboratori Gli articoli vanno consegnati su file, e non devono superare le 20 cartelle (circa 3000 battute ciascuna, spazi inclusi). Le recensioni non devono superare le due

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA RICERCA BIBLIOGRAFICA. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche

INTRODUZIONE ALLA RICERCA BIBLIOGRAFICA. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche INTRODUZIONE ALLA RICERCA BIBLIOGRAFICA A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche La ricerca bibliografica: cos è? La ricerca bibliografica è quel complesso di attività volte ad accertare l'esistenza,

Dettagli

WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA

WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA PASSO 1 Per prima cosa pensiamo al formato generale della pagina: i margini richiesti da una tesi sono quasi sempre più ampi di quelli di un testo normale. Apriamo ora

Dettagli

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE 1. Le parti di una tesi/tesina... 2 L indice-sommario... 2 L elenco delle abbreviazioni/sigle... 2 La introduzione... 3 L elaborato... 3 Gli indici bibliografici...

Dettagli

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione VALUTAZIONE SOMMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA Verifica acquisizione conoscenze Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione SCOPO CARATTERE

Dettagli

Art. 4 - Relatore della tesi di laurea e assegnazione del correlatore Art. 5 Commissione di laurea e discussione dell elaborato

Art. 4 - Relatore della tesi di laurea e assegnazione del correlatore Art. 5 Commissione di laurea e discussione dell elaborato Indicazioni a cura del Consiglio di Corso di Studio di Scienze della Formazione Primaria concernente la tesi, le attività di tirocinio e l esame finale. Art. 1 Oggetto Il presente documento disciplina

Dettagli

TESI Laurea Triennale - Norme redazionali

TESI Laurea Triennale - Norme redazionali TESI Laurea Triennale - Norme redazionali Formattazione 1. I testi devono essere redatti utilizzando il font Times New Roman 2. Il corpo del carattere deve essere di 12 o 13 punti (le note vanno in corpo

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

Istituto Superiore di Scienze Religiose G. Toniolo - Pescara

Istituto Superiore di Scienze Religiose G. Toniolo - Pescara Istituto Superiore di Scienze Religiose G. Toniolo - Pescara Corso di Metodologia Teologica per gli studenti del primo anno Prof. Bruno Marien Lezione 4 16 novembre 2009 La descrizione dell'informazione

Dettagli

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Mirco Fasolo, Elisa Silvia Colombo, Federica Durante COME SCRIVERE LA TESI (E TESINA) DI LAUREA Una guida alla stesura degli elaborati scientifici www.booksprintedizioni.it

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE COMPLESSIVA CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO E SECONDO LIVELLO

SCHEDA DI VALUTAZIONE COMPLESSIVA CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO E SECONDO LIVELLO SCHEDA DI VALUTAZIONE COMPLESSIVA CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO E SECONDO LIVELLO Nota preliminare, avvertenza Il presente questionario prevede compilazione da parte degli studenti. La compilazione

Dettagli

Logo creato da Giancarlo Zucconelli UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO. Tandem@CLA. Tandem@CLA DIARIO D APPRENDIMENTO*

Logo creato da Giancarlo Zucconelli UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO. Tandem@CLA. Tandem@CLA DIARIO D APPRENDIMENTO* Logo creato da Giancarlo Zucconelli UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO Tandem@CLA Tandem@CLA DIARIO D APPRENDIMENTO* A.A. Semestre Nome Cognome Nome e Cognome del Partner di

Dettagli

LA CORRISPONDENZA COMMERCIALE

LA CORRISPONDENZA COMMERCIALE LA CORRISPONDENZA COMMERCIALE GLI ELEMENTI ESSENZIALI DELLA LETTERA COMMERCIALE Intestazione Individua il nome e il cognome o la ragione sociale di chi scrive; contiene inoltre l indirizzo e i recapiti

Dettagli

NOTE PER LA STESURA DELLA TESI FINALE DEL CORSO

NOTE PER LA STESURA DELLA TESI FINALE DEL CORSO NOTE PER LA STESURA DELLA TESI FINALE DEL CORSO 1- ART. 9 ESAME FINALE (D.M. 30/09/11) 1. Il corso si conclude con un esame finale al quale è assegnato uno specifico punteggio. 2. La commissione d'esame

Dettagli

Scrivere per il web in modo corretto ed efficace

Scrivere per il web in modo corretto ed efficace Scrivere per il web in modo corretto ed efficace Presentazione linee guida editoriali per il web Giovedì 29 gennaio 2015 Servizio Comunicazione Scrivere per il web Linee guida editoriali per il web Cosa

Dettagli

SCUOLA ITALIANA DI SCIENZE NATUROPATICHE

SCUOLA ITALIANA DI SCIENZE NATUROPATICHE 1 CENTRO STUDI E RICERCHE DI MEDICINA NATURALE E TECNICHE NATUROPATICHE SCUOLA ITALIANA DI SCIENZE NATUROPATICHE INDICAZIONI E CRITERI FORMALI PER LA COMPOSIZIONE DELL ELABORATO TESI IN NATUROPATIA PREMESSA

Dettagli

Laboratorio di Alfabetizzazione Informatica - Esame 20 settembre 2013.

Laboratorio di Alfabetizzazione Informatica - Esame 20 settembre 2013. Laboratorio di Alfabetizzazione Informatica - Esame 20 settembre 2013. Questo documento contiene le istruzioni per lo svolgimento dell esame. La durata della prova è 60 minuti e richiede lo svolgimento

Dettagli

utili alla stesura e al monitoraggio del PDP

utili alla stesura e al monitoraggio del PDP Questionario per favorire la raccolta di informazioni utili alla stesura e al monitoraggio del PDP Da compilarsi a cura dei genitori Istituzione scolastica. DATI DELL ALUNNO/A Cognome.. Nome. Classe..

Dettagli

CONSIGLI PER POTENZIARE L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA

CONSIGLI PER POTENZIARE L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA CONSIGLI PER POTENZIARE L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA Possiamo descrivere le strategie di apprendimento di una lingua straniera come traguardi che uno studente si pone per misurare i progressi nell apprendimento

Dettagli

VUOI PRENOTARE I LIBRI DA CASA E POI VENIRE A RITIRARLI IN BIBLIOTECA oppure ACCEDERE ALLA TUA AREA PERSONALE? ECCO COME FARE

VUOI PRENOTARE I LIBRI DA CASA E POI VENIRE A RITIRARLI IN BIBLIOTECA oppure ACCEDERE ALLA TUA AREA PERSONALE? ECCO COME FARE VUOI PRENOTARE I LIBRI DA CASA E POI VENIRE A RITIRARLI IN BIBLIOTECA oppure ACCEDERE ALLA TUA AREA PERSONALE? ECCO COME FARE Assicurati di avere la tessera della biblioteca abilitata al servizio, chiedendolo

Dettagli

LINEE GUIDA. per la partecipazione alla. LSE Digital Innovation Challenge

LINEE GUIDA. per la partecipazione alla. LSE Digital Innovation Challenge LINEE GUIDA per la partecipazione alla LSE Digital Innovation Challenge Condizioni di partecipazione La Sapienza Università di Roma partecipa alla seconda edizione 2014-2015 della competizione sull Innovazione

Dettagli

Il/La sottoscritto/a Nato/a il / / Domiciliato/a via Telefono cellulare e-mail Corso di Studi in. Materia: Relatore:Prof.

Il/La sottoscritto/a Nato/a il / / Domiciliato/a via Telefono cellulare e-mail Corso di Studi in. Materia: Relatore:Prof. BOLLO 16.00 RICHIESTA ASSEGNAZIONE TESI Al Preside del corso di studi di Scienze dell educazione e della Formazione Via Don Carlo Gnocchi 3 00166 Roma Matricola: Il/La sottoscritto/a Nato/a il / / Domiciliato/a

Dettagli

Introduzione alla Ricerca Bibliografica. User Education nella Biblioteca della Facoltà di Scienze della Formazione della LUMSA

Introduzione alla Ricerca Bibliografica. User Education nella Biblioteca della Facoltà di Scienze della Formazione della LUMSA Introduzione alla Ricerca Bibliografica on-line User Education nella Biblioteca della Facoltà di Scienze della Formazione della LUMSA DALL ORIENTAMENTO IN BIBLIOTECA ALLA USER EDUCATION SU RICHIESTA Le

Dettagli

Guida pratica al Copywriting sul web

Guida pratica al Copywriting sul web Guida pratica al Copywriting sul web Introduzione Iniziamo subito dicendo che scrivere per il web e scrivere per la carta stampata sono due cose diverse. Il motivo è molto semplice: cambia il target a

Dettagli

MS Word per la TESI. Barra degli strumenti. Rientri. Formattare un paragrafo. Cos è? Barra degli strumenti

MS Word per la TESI. Barra degli strumenti. Rientri. Formattare un paragrafo. Cos è? Barra degli strumenti MS Word per la TESI Barra degli strumenti Cos è? Barra degli strumenti Formattazione di un paragrafo Formattazione dei caratteri Gli stili Tabelle, figure, formule Intestazione e piè di pagina Indice e

Dettagli

Italiano Tecnico 2007-2008. Note e bibliografia Criteri redazionali

Italiano Tecnico 2007-2008. Note e bibliografia Criteri redazionali Italiano Tecnico 2007-2008 Note e bibliografia Criteri redazionali Le note Funzione e collocazione I testi professionali e scientifici possono essere corredati da note, testi generalmente brevi che accompagnano

Dettagli

Terminologie specialistiche e servizi di traduzione

Terminologie specialistiche e servizi di traduzione Terminologie specialistiche e servizi di traduzione Corso di Perfezionamento Formazione Permanente Facoltà di Scienze linguistiche e Letterature straniere Osservatorio di terminologie e politiche linguistiche

Dettagli

LAVORO AUTONOMO DI PRODUZIONE. Istruzione e documentazione

LAVORO AUTONOMO DI PRODUZIONE. Istruzione e documentazione LAVORO AUTONOMO DI PRODUZIONE Istruzione e documentazione Centro professionale commerciale di Chiasso Lavoro autonomo pag. 2 di 10 GENERALITÀ Ogni apprendista elabora, durante il terzo anno di tirocinio,

Dettagli

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA PREMESSA La struttura di una tesi è generalmente formata da: 1) frontespizio; 2) indice; 3) introduzione; 4) capitoli; 5) conclusioni; 6)

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE

IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE 1 INDICE 1...3 La biblioteca e il catalogo...3 2...4 Tipi di cataloghi...4 3...6 Cenno sulle fonti d informazione...6 4...7 Catalogo e bibliografia...7 5...8

Dettagli

Università della Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale

Università della Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale Università della Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale Standard editoriali per l impostazione della tesi di laurea (a cura di Carla Rossi) STRUTTURA DEL LAVORO FRONTESPIZIO

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

TESI DI LAUREA. 1. Questioni burocratiche. Quali sono le scadenze da rispettare? Bisogna pagare per laurearsi?

TESI DI LAUREA. 1. Questioni burocratiche. Quali sono le scadenze da rispettare? Bisogna pagare per laurearsi? TESI DI LAUREA 1. Questioni burocratiche... 1 2. Questioni contenutistiche... 3 3. Alcuni consigli... 5 1. Questioni burocratiche Quali sono le scadenze da rispettare? Tre mesi prima del giorno di discussione

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

COME PREPARARE UNA PRESENTAZIONE ORALE IN POWERPOINT

COME PREPARARE UNA PRESENTAZIONE ORALE IN POWERPOINT COME PREPARARE UNA PRESENTAZIONE ORALE IN POWERPOINT Da: http://mappingcompanysuccess.com CPC LOCARNO INTRODUZIONE Una presentazione orale efficace si basa su un processo di quattro fasi: PIANIFICARE PREPARARE

Dettagli

Istruzioni per l uso del Catalogo di Ateneo (OPAC)

Istruzioni per l uso del Catalogo di Ateneo (OPAC) Istruzioni per l uso del Catalogo di Ateneo (OPAC) A cura della Biblioteca di Scienze del Linguaggio Introduzione al nuovo OPAC Il nuovo catalogo online delle Biblioteche di Ca Foscari fa ora parte del

Dettagli

Laboratorio di Alfabetizzazione Informatica - Esame 8 luglio 2013 - Turno 1.

Laboratorio di Alfabetizzazione Informatica - Esame 8 luglio 2013 - Turno 1. Laboratorio di Alfabetizzazione Informatica - Esame 8 luglio 2013 - Turno 1. Questo documento contiene le istruzioni per lo svolgimento dell esame. La durata della prova è 60 minuti e richiede lo svolgimento

Dettagli

ARGOMENTI E PAGINE. Presentazione di Leo pag. 1. La TASTIERA pag. 2. Le LETTERE sulla tastiera pag. 3. I NUMERI sulla tastiera pag.

ARGOMENTI E PAGINE. Presentazione di Leo pag. 1. La TASTIERA pag. 2. Le LETTERE sulla tastiera pag. 3. I NUMERI sulla tastiera pag. ARGOMENTI E PAGINE Presentazione di Leo pag. 1 La TASTIERA pag. 2 Le LETTERE sulla tastiera pag. 3 I NUMERI sulla tastiera pag. 4 Il TASTIERINO NUMERICO pag. 5 La BARRA SPAZIATRICE pag. 6 I tasti che cancellano

Dettagli

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA PREMESSA La struttura di una tesi è generalmente formata da: 1) frontespizio; 2) indice; 3) introduzione; 4) capitoli; 5) conclusioni; 6)

Dettagli

Laboratorio di Alfabetizzazione Informatica - Esame 8 luglio 2013 - Turno 2.

Laboratorio di Alfabetizzazione Informatica - Esame 8 luglio 2013 - Turno 2. Laboratorio di Alfabetizzazione Informatica - Esame 8 luglio 2013 - Turno 2. Questo documento contiene le istruzioni per lo svolgimento dell esame. La durata della prova è 60 minuti e richiede lo svolgimento

Dettagli

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO PER 2009 SCUOLA - 2010 PRIMARIA Il di Centro Gruppo Matematica di ricerca F. Enriques sulla didattica dell'università della matematica degli Studi nella scuola di Milano,

Dettagli

BACHELOR OF SCIENCE DEGREE IN PHYSIOTHERAPY SINTESI REGOLAMENTO FISIOTERAPIA parte Didattica

BACHELOR OF SCIENCE DEGREE IN PHYSIOTHERAPY SINTESI REGOLAMENTO FISIOTERAPIA parte Didattica Campus Accreditato L.U.de.S., Lugano (Svizzera) Facoltà di Scienze Mediche BACHELOR OF SCIENCE DEGREE IN PHYSIOTHERAPY SINTESI REGOLAMENTO FISIOTERAPIA parte Didattica Premessa pto.01 La conoscenza e il

Dettagli

EXCEL. Per avere una visione globale delle ore trascorse dai vari dipendenti, cliente per cliente, utilizzi una tabella Pivot

EXCEL. Per avere una visione globale delle ore trascorse dai vari dipendenti, cliente per cliente, utilizzi una tabella Pivot EXCEL Tabelle pivot Se i dati da analizzare sono particolarmente numerosi, risulta opportuno utilizzare le tabelle pivot, che visualizzano solo i dati che ci interessano, li riepilogano e li filtrano in

Dettagli

Versione aggiornata al 11.11.2014

Versione aggiornata al 11.11.2014 Word Processing Versione aggiornata al 11.11.2014 A cura di Massimiliano Del Gaizo Massimiliano Del Gaizo Pagina 1 SCHEDA (RIBBON) HOME 1. I L G R U P P O C A R AT T E R E Word ci offre la possibilità,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A2

Università per Stranieri di Siena Livello A2 Unità 17 Il Centro Territoriale Permanente In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sui Centri Territoriali Permanenti per l istruzione e la formazione in età adulta parole

Dettagli

Indicazioni riferimenti bibliografici

Indicazioni riferimenti bibliografici Indicazioni riferimenti bibliografici Libri e pubblicazioni a stampa Indicazioni generali Volumi Volumi tradotti Saggi in volume collettaneo Curatele Saggi tradotti Articoli su rivista scientifica Interventi

Dettagli

Esame di professione per esperta in sviluppo immobiliare / esperto in sviluppo immobiliare Guida alla stesura del lavoro di progetto

Esame di professione per esperta in sviluppo immobiliare / esperto in sviluppo immobiliare Guida alla stesura del lavoro di progetto Esame di professione per esperta in sviluppo immobiliare / esperto in sviluppo immobiliare Guida alla stesura del lavoro di progetto Basata sulle istruzioni per lo svolgimento dell'esame di professione

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione

Facoltà di Scienze della Formazione Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea magistrale in Management delle Politiche e dei Servizi Sociali LINEE GUIDA PER LO SVOLGIMENTO DELLO STAGE Il percorso formativo del CdLM in Management

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

Terminologie specialistiche e servizi di traduzione

Terminologie specialistiche e servizi di traduzione Terminologie specialistiche e servizi di traduzione Corso di Perfezionamento Formazione Permanente Facoltà di Scienze linguistiche e Letterature straniere Osservatorio di terminologie e politiche linguistiche

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Domande frequenti a.a. 2014-2015 Corso di Studio triennale: Lingue e Letterature Straniere Moderne (LLSM) 1. Sono previsti test obbligatori? Sì. Benché il Corso di Studio non sia a numero chiuso, e dunque

Dettagli

Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14

Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14 Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14 Versione 26 dicembre 2013 Questa guida fornisce qualche consiglio di metodo per l impostazione e la stesura della tesi di laurea

Dettagli

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 125

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 125 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 125 Stampa unione buste: passaggio 2 di 6 Con il pulsante Sfoglia, come nei casi precedenti, seleziona il file elenco per i destinatari da stampare sulle buste. Nel quarto

Dettagli

Allegato 1. I Anno, 1 semestre - 3 CFU

Allegato 1. I Anno, 1 semestre - 3 CFU Allegato 1 I Anno, 1 semestre - 3 CFU Consultazione di banche dati (abilità linguistiche ed informatiche, 3CFU) Docente responsabile: Dr. Luigi Russi Per quanto riguarda le abilità linguistiche + informatiche,

Dettagli

COSA STAI CERCANDO? STRUMENTI E RISORSE PER LA RICERCA BIBLIOGRAFICA

COSA STAI CERCANDO? STRUMENTI E RISORSE PER LA RICERCA BIBLIOGRAFICA COSA STAI CERCANDO? STRUMENTI E RISORSE PER LA RICERCA BIBLIOGRAFICA Centro di Servizi di Biblioteca di Area umanistica [CSB] Biblioteca Giorgio Aprea Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale

Dettagli

Come lavorare alla tesi di laurea

Come lavorare alla tesi di laurea Come lavorare alla tesi di laurea Corso di Laurea magistrale in Comunicazione, Informazione e Editoria Università degli studi di Bergamo Seminario Anna Carola Freschi 11 Marzo 2013, Via Salvecchio - Aula

Dettagli

INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI STAGE DI FORMAZIONE AMBIENTALE

INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI STAGE DI FORMAZIONE AMBIENTALE Dipartimento per le Attività Bibliotecarie Documentali e per l Informazione Servizio Educazione e Formazione Ambientale INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI STAGE DI FORMAZIONE AMBIENTALE A cura

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli