File system distribuito

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "File system distribuito"

Transcript

1 File System Distribuiti Sistemi di memorizzazione e alcune proprietà Replicazione dei dati: gestione e manutenzione di un insieme di copie dei dati otivazioni: - disponibilità - tolleranza ai guasti - prestazioni Un file system distribuito permette di memorizzare ed accedere a file remoti come se fossero locali Emula le funzionalità di un file system non distribuito Specifica di interfacce Gestione della eterogeneità eccanismi di controllo di accesso ai dati e condivisione dei dati odello architettura di un f.s.d. Casi di studio: NFS (Sun network File System), AFS (Andrew File System), CODA emoria principale File system File system distribuito Web emoria condivisa distribuita Oggetti remoti (RI/ORB) condivisione persistenza cache/repliche distribuite consistenza Esempio RA UNIX file system Sun NFS Web server Ivy (DS) CORBA agazzino di oggetti permanenti 1 CORBA Persistent Object Service Sistema di memoria peer-to-peer D OceanStore Tipi di consistenza 1: esattamente una copia. : garanzia media D: garanzia debole S. Balsamo A.A Università Ca Foscari di Venezia SD12.2 Requisiti di un file system oduli del file system Sistemi monoutente: monoprogrammato: consistenza dello spazio dei nomi interfaccia per le applicazioni mapping nome testuale ->indirizzo fisico integrità multiprogrammato: + controllo della concorrenza Sistemi multiutente multiprogrammato: + sicurezza, protezione dei dati (e.g. Unix) Sistema distribuito: + interfaccia per gli utenti trasparenza tolleranza ai guasti (disponibilità) Uso di tecniche di progettazione dei sistemi distribuiti caching replicazione trasferimenti a blocchi (granularità) crittografia Un file system gestisce - l organizzazione, memorizzazione e accesso a file - la gestione dei nomi - la condivisione e la protezione dei file Un file system è organizzato in moduli Ogni file contiene dati e un insieme di attributi odulo Directory : Associa i nomi di file a IDs odulo File : associa ID a file particolari odulo Controllo Accesso: Controlla il permesso delle operazioni richieste odulo Accesso al File: Letture o scritture di dati o attributi di file odulo Blocchi: Accede e alloca blocchi di dischi odulo periferiche: operazioni I/O su disco e buffering SD12.3 SD12.4 1

2 Struttura dei record di attributi di file Operazioni dello UNIX file system Lunghezza File Timestamp di creazione Read timestamp Write timestamp Timestamp dell attributo Reference count Proprietario Tipo di file List di controllo degli accessi filedes = open(name, mode) filedes = creat(name, mode) status = close(filedes) count = read(filedes, buffer, n) count = write(filedes, buffer, n) pos = lseek(filedes, offset, whence) status = unlink(name) status = link(name1, name2) status = stat(name, buffer) Apre un file esistente con dato name. Crea un nuovo file con un dato name. Entrambe le op. restituiscono un rif. a descrittore di file con mode è read, write o entrambi Chiude il file aperto filedes. Trasferice n bytes dal file rif. da filedes al buffer. Trasferice n bytes dal file rif. da filedes dal buffer. Entrambe le op. restituiscono il numero di bytes trasferiti realmente e avanzano il puntatore read-write Spostano il punt. read-write all offset (relativo o assoluto, in base a whence). Rimuove il file name dalla struttura della directory. Se il file non ha altri nomi, è cancellato Aggiunge un nuovo nome (name2) ad un file (name1). Restituisce gli attributi del file name nel buffer. SD12.5 SD12.6 Requisiti di un file system distribuito Architettura del file service Nei f.s. non distribuiti le funzioni sono solitamente eseguite da funzioni di libreria per l I/O e dal supporto del s.o., incluse le informazioni sullo stato dei file. Requisiti di un f.s.d. trasparenza di accesso uso di interfacce omogenee di locazione modificabilità e indipendenza dalla locazione di mobilità di prestazioni variazioni del carico di scalabilità concorrenza replicazione per requisiti di prestazioni e affidabilità eterogenteità piattaforme (hw e s.o.) diverse consistenza semantica e gestione delle replicazioni tolleranza ai guasti tolleranza di errori di accesso, uso di op. idempotenti serventi stateless, per ripristinare il servizio senza stato sicurezza controllo della autorizzazione all accesso efficienza SD12.7 odello architetturale per f.s. componenti: Applicativo Client computer Applicativo odulo cliente Interfaccia per l accesso ai dati modulo cliente modulo servente: flat file service modulo servente: directory service Server computer Directory service Operazioni sul contenuto del file UFID Unique File IDentifier Flat file service apping fra nomi testuali e UFID SD12.8 2

3 Operazioni del servizio flat file Operazioni del directory service Read(FileId, i, n) -> Data throws BadPosition Write(FileId, i, Data) throws BadPosition Create() -> FileId Delete(FileId) Se 1 i Length(File): legge una sequenza fino ad n pos. da un file a partire dalla posizione i e restituisce in Data. Se 1 i Length(File)+1: scrive una sequenza di Data in un file, dalla posizione i, e se necessario estende il file. Crea un nuovo file di lunghezza 0 e restituisce un UFID Elimina il file GetAttributes(FileId) -> Attr Restituisce gli attributi del file SetAttributes(FileId, Attr) Imposta gli attributi del file Note: Operazioni idempotenti (eccetto create) Interfaccia per possibile uso di server senza stato Lookup(Dir, Name) -> FileId throws NotFound AddName(Dir, Name, FileId) throws NameDuplicate UnName(Dir, Name) throws NotFound GetNames(Dir, Pattern) -> NameSeq Cerca il nome testuale della directory e restituisce UFID, se esiste, altrimenti una eccezione Se Name non è nella directory vi aggiunge (Name, File) e aggiorna il record di attributo del file Se Name è già nella directory: eccezione. Se Name è nella directory: rimuove Name Se Name non è nella directory: eccezione Restituisce tutti i nomi della directory Dir che corrispondono alla espressione regolare Pattern SD12.9 SD12.10 Architettura NFS Architettura NFS Client computer Server computer identificatori di file: file handle derivati dall i-node di Unix Filesystem ID i-node number del file i-node generation number UNIX system calls applicativo applicativo Virtual file system Local Remote Virtual file system I clienti NFS sono integrati nel nucleo Accesso ad NFS con semplici chiamate di sistema Un solo cliente serve tutti processi sulla u.e. ed usa una sola cache UNIX file system Altri file system NFS client NFS protocol NFS server UNIX file system Sicurezza uso della chiave da parte di servente NFS per autenticare i clienti NFS il servente senza stato verifica che il cliente si autorizzato ogni volta Protocollo NFS: comunicazione client-server basata su Sun RPC su TCP oppure UDP varie versioni Trasparenza per l accesso a file remoti per clienti in sistemi Unix o altri Interfaccia identica per diversi file system locali e remoti Eterogeneità: progetto indipendente dal s.op. (e.g. Windows, acos, Unix, Linux, ) SD12.11 SD

4 Operazioni del server NFS 1/2 Operazioni del server NFS 2/2 lookup(dirfh, name) -> fh, attr create(dirfh, name, attr) -> newfh, attr remove(dirfh, name) status getattr(fh) -> attr setattr(fh, attr) -> attr read(fh, offset, count) -> attr, data write(fh, offset, count, data) -> attr rename(dirfh, name, todirfh, toname) -> status link(newdirfh, newname, dirfh, name) -> status Restituisce il file handle e attributi del file name nella directory dirfh Crea un nuovo nome di file nella directory dirfh con attributi attr e restituisce il nuovo file handle e gli attributi Elimina il file name dalla directory dirfh. Restituisce gli attributi del file fh Pone gli attributi (mode, user id, group id, size, access time e modify time di un file). Porre la dimensione a 0 tronca il file Restituisce fino a count bytes di dati da un file iniziando a offset e restituisce gli ultimi attributi del file. Scrive count bytes di dati nel file iniziando a offset. Restituisce gli attributi del file dopo la write odifica il nome del file name nella directory dirfh in toname nella directory todirfh. Crea un record newname nella directory newdirfh riferito al file name nella directory dirfh symlink(newdirfh, newname, string) -> status readlink(fh) -> string mkdir(dirfh, name, attr) -> newfh, attr rmdir(dirfh, name) -> status readdir(dirfh, cookie, count) -> entries statfs(fh) -> fsstats Crea un record newname nella directory newdirfh di tipo link simbolico con valore string. Il server non interpreta la string ma crea un file link simbolico Restituisce la stringa associata al symbolic link file identificato da fh. Crea una nuova directory name con attributi attr e restituisce il nuovo file handle e attributi Cancella la directory name vuota dal padre dirfh. Errore se la dir. non è vuota. Restituisce fino a count bytes di record di directory dalla directory dirfh. Ognuno ha il nome di un file, un file handle, e un opaque pointer al record successivo, detto cookie, che è usato in successive chiamate readdir per iniziare a leggere dal punto seguente Se il valore del cookie è 0, legge dall inizio. Restituisce informazioni del file system (es. dimensione blocchi, no. di blocchi liberi) che contiene il file fh. SD12.13 SD12.14 File systems locale e remoto accessible su un cliente NFS File systems locale e remoto accessible su un cliente NFS Per usare un f.s. remoto si usa il processo mount service disponibile su ogni servente NFS Ogni server ha il file di configurazione /etc/export con la lista dei f.s. esportabili Ogni cliente monta un f.s. remoto con mount indicando il - nome del server, - i percorsi nei f.s. locale (dove montare) e remoto (dove si trova) delle directory Server 1 (root) Client Server 2 (root) (root) export... vmunix usr nfs people Remote mount students x staff Remote mount users big jon bob... jim ann jane joe Note: Il file system montato a /usr/students nel cliente è in realtà un sottoalbero a /export/people nel Server 1; il file system montato a /usr/staff nel cliente è in realtà un sottoalbero a /nfs/users nel Server 2. SD12.15 SD

5 Caching in NFS: servente Caching in NFS: cliente Le implementazioni di NFS sfruttano una cache sia nel client che nel server Caching nel server Per il server, la cache funziona come di consueto - blocchi di files appartenenti ai filesystem esportati sono trattenuti in memoria -> diminuisce il tempo di risposta al client per richieste consecutive dello stesso blocco Consistenza in scrittura: Due meccanismi per garantire la consistenza Write Through i blocchi vengono scritti su disco quando il serve riceve la richiesta di scrittura da un client Write Back i blocchi non vengono subito scritti su disco al ricevimento della richiesta di scrittura. NFS versione 3, usa questo tipo di cache, implementa una nuova primitiva commit( ) con la quale il client può chiedere la scrittura di tutti i blocchi in cache Caching nel cliente - Il cliente trattiene in cache i risultati delle operazioni di lettura e scrittura -> riduce il numero di richieste spedite al server Possibile problema: esistenza di versioni differenti dello stesso file in nodi diversi della rete (le operazioni di scrittura di un cliente possono non venire propagate immediatamente nel server e alle copie trattenute in cache da altri clienti) Soluzione: assegnare al cliente la responsabilità di verificare la consistenza dei dati nella sua cache nota: ad ogni accesso ad un file condiviso occorre verificare la condizione di validità della cache SD12.17 SD12.18 Caching in NFS: cliente Andrew File System Caching nel cliente condizione di validità della cache ogni elemento nella cache del cliente ha Tc tempo dell'ultima validazione Tm tempo dell'ultima modifica (T-Tc < t) ( Tm(server) = Tm(client) ) Il tempo trascorso dall'ultima Il tempo dell'ultima modifica registrata dal server validazione non deve superare deve coincidere con un dato valore t il tempo dell'ultima modifica registrata dal cliente Prestazioni di NFS Limitazioni alle prestazioni su server NFS - frequente uso di getattr(), per ricevere da ogni cliente per validare la propria cache, controllando il tempo dell'ultima modifica nel server. - limite dell efficienza delle operazioni di scrittura sul server, a causa del write-through - Sviluppato nel 1983 da Carnegie ellon University e IB AFS - come NFS, consente alle applicazioni l'accesso a file system remoti, senza bisogno di ricompilazioni - AFS rispetto a NFS pone maggiore enfasi sulla scalabilità - diverse scelte implementative e architettura rispetto ad NFS. - caratteristiche principali: - i file vengono trasferiti interamente dai server ai clienti in un unica operazione (in AFS-3, file più grandi di 64K vengono trasferiti in blocchi di 64K) - i clienti mantengono nella cache locale copie dei file (interi) ricevuti dai server SD12.19 SD

6 Distribuzione dei processi nell Andrew File System Componenti di Andrew File System Workstations (Clienti) Venus utente Servers Vice AFS è formato da due componenti Venus è un cliente operante a livello utente su ogni workstation Venus utente Venus utente Network Vice Vice è un server, operante a livello utente Il filesystem di ogni workstation è diviso in due parti - la parte locale è visibile localmente, e non viene condivisa - la parte condivisa è memorizzata su un server, e può esistere in varie copie parziali sparse nelle cache dei cliente I file condivisi si trovano sempre nella sottodirectory /afs Scalabilità obbiettivo principale di AFS diminuire la comunicazione cliente-servente Trasferimento dei file in un unica operazione Uso di caching dei file ricevuti nei clienti CODA: evoluzione di AFS SD12.21 SD12.22 Spazio dei nomi di file visto dai clienti di AFS Funzionamento di Andrew File System Filesystem di ogni workstation è composta da f.s. locale visibile solo localmente f.s. condiviso memorizzato su un servente con eventuali copie nelle cache dei clienti i file condivisi sono nella sottodirectory /afs ed è un sottoalbero del servente Vice Locale / (root) tmp bin... vmunix afs Condiviso Funzionamento di AFS - Quando un processo su una WS cliente apre un file remoto, e non ne esiste una copia nella cache locale, il file viene localizzato e ne viene richiesta una copia La copia viene memorizzata nel file system locale alla WS - Successive operazioni di lettura/scrittura del processo agiscono sulla copia locale - Quando il processo chiude il file, se la copia locale è stata modificata, questa viene rispedita al server. La copia locale alla WS viene mantenuta, per eventuali successive richieste. Note: - I file raramente aggiornati, o utilizzati in lettura/scrittura da un solo utente, possono rimanere validi a lungo nella cache dei cliente Symbolic links bin - La cache locale di ciascuna WS può essere molto capiente (risiede sul disco locale) - L'implementazione di AFS si basa su alcune considerazioni sul presunto utilizzo dei file in UNIX: - La maggior parte dei file sono piccoli - Operazioni di lettura sono molto più frequenti di operazioni di scrittura - L'accesso sequenziale è quello comunemente usato - La maggior parte dei file vengono modificati da un solo utente - I file vengono usati in burst - I database tipicamente non hanno queste caratteristiche => non si prestano bene ad essere condivisi tramite AFS SD12.23 SD

7 Intercettazione delle chiamate di sistema in AFS Consistenza della cache in AFS 1/2 Workstation Consistenza della cache in AFS Quando un modulo Vice (server) fornisce un file a Venus (cliente), invia anche una utente UNIX file system calls UNIX kernel UNIX file system operazioni su file remoti Venus callback promise promessa da parte del server a ricontattare il cliente nel caso il file venga modificato da parte di altri client Ad ogni file nella cache dei cliente è associato il callback che può avere due stati Valid: Il server non ha ancora comunicato modifiche al file, che quindi è da ritenersi valido Cancelled: Il server ha richiamato, comunicando di invalidare la copia locale del file perchè è stata modificata Local disk Quando un serve riceve la richiesta di modifica di un file, manda un avviso a tutti i clienti ai quali ha promesso un callback => a differenza di NFS, i server AFS non sono stateless Quando è necessario un file non in cache si recupera e la copia memorizzata nel f.s. locale del cliente Operazioni del processo utente solo sulla copia locali Solo alla fine se necessario, si invia il file modificato al server Una volta contattato dal server, il cliente provvede a porre il callback associato a quel file come cancelled SD12.25 SD12.26 Consistenza della cache in AFS 2/2 Implementazione delle chiamate di sistema a file in AFS Tolleranza ai guasti Quando una WS riparte dopo un crash, deve cercare di mantenere la maggior parte del contenuto della propria cache Potrebbe aver perso alcuni dei callback da parte dei server la cache va rivalidata (Ri)validazione della cache Venus manda una cache validation request contenente - il file da validare - la data di ultima modifica, come risulta dal cliente Se il server verifica che non ci sono state modifiche a partire dalla data indicata dal cliente, il file (e relativo callback) viene validato Altrimenti, il callback viene posto a cancelled. In ogni caso, ciascun cliente deve rivalidare un callback una volta trascorso un certo intervallo di tempo senza ricevere notifiche dal server Nota: questo meccanismo di consistenza si applica solo durante le operazioni di open( ) e close( ). => è possibile che clienti diversi tentino di modificare lo stesso file, con risultati inconsistenti => i programmi utente devono adottare strategie per garantire la consistenza delle operazioni. (In linea con la semantica delle operazioni standard UNIX sui file, che di default non forza alcuna verifica della concorrenza) SD12.27 Processo utente Venus rete Vice open(filename,mode) read(filedescriptor, Buffer, length) write(filedescriptor, Buffer, length) close(filedescriptor) Se FileName è nello spazio condiviso passa la richiesta a Venus Apri il file locale e restituisci il descrittore Esegui un normale read Unix sulla copia locale Esegui un normale write Unix sulla copia locale Chiudi il file locale e notifica a Venus Controlla la lista di file nella cache e se non c è una callback promise valida manda una richeista del file al server Vice relativo Poni una copia del file nel f.s. locale, poni il nome nella lista della cache locale e restituisci il nome locale a Unix Se la copia locale è stata modificata, mandane copia al servente Vice, responsabile del file Trasferisci una copia del file e callback promise alla workstation. Log la c.p. Sostituisci il contenuto del file e manda una callback a tutti gli altri clienti che hanno una callback promise sul file SD

8 Componenti dell interfaccia del servizio Vice Fetch(fid) -> attr, data Store(fid, attr, data) Create() -> fid Remove(fid) SetLock(fid, mode) ReleaseLock(fid) RemoveCallback(fid) BreakCallback(fid) Restituisce gli attributi ed eventualmente il contenuto del file con id. fid e registra una callback promise Aggiorna gli attributi e (event.) i contenuti del file specificato Crea un nuovo file e registra una callback promise Elimina il file specificato Pone un lock il file o directory specificata, com mode condiviso o esclusivo. I locks non cancellati scadono dopo 30 min. Rilascia il lock del file o directory specificata Informa il server che un processo Venus ha rimosso un file dalla cache Da un server Vice ad un processo Venus: cancella la callback promise sul file specificato SD

File System Distribuiti

File System Distribuiti File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema 20.1 Introduzione File System Distribuito

Dettagli

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema Introduzione File System Distribuito

Dettagli

Lezione 11. Caratteristiche di un file system. Un primo esempio: FTP. Un file system distribuito (DFS)

Lezione 11. Caratteristiche di un file system. Un primo esempio: FTP. Un file system distribuito (DFS) Lezione 11 Cenni ai sistemi operativi distribuiti 4. File system distribuiti Caratteristiche di un file system distribuito Problematiche di progettazione Il Network File System Andrew File system Caratteristiche

Dettagli

Implementazione del File System

Implementazione del File System Implementazione del file system Implementazione del File System Struttura del file system. Realizzazione del file system. Implementazione delle directory. Metodi di allocazione. Gestione dello spazio libero.

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

* Accesso ai file remoti - trasferimento effettivo dei dati mediante RPC - aumento delle prestazioni tramite caching

* Accesso ai file remoti - trasferimento effettivo dei dati mediante RPC - aumento delle prestazioni tramite caching * Sistemi operativi di rete: ambiente composto da risorse remote accessibili esplicitamente con controllo utente. Funzioni principali (demone); - login remoto (telnet) - trasferimento di file remoti (FTP)

Dettagli

Cos è un file system? File system Distribuiti. Cos è un sistema distribuito? Operazioni fondamentali. Struttura di un DFS.

Cos è un file system? File system Distribuiti. Cos è un sistema distribuito? Operazioni fondamentali. Struttura di un DFS. Cos è un file system? File system Distribuiti Corso di Sistemi per Elaborazione dell Informazione Prof. Carpentieri Bruno A.A. 2004/2005 Un file system è il mezzo logico con cui un sistema operativo memorizza

Dettagli

Interfaccia del file system

Interfaccia del file system Interfaccia del file system Concetto di file Modalità di accesso Struttura delle directory Montaggio di un file system Condivisione di file Protezione 9.1 File E un insieme di informazioni correlate e

Dettagli

Sistemi Operativi. Organizzazione logica ed implementazione di un File System

Sistemi Operativi. Organizzazione logica ed implementazione di un File System Modulo di Sistemi Operativi per il corso di Master RISS: Ricerca e Innovazione nelle Scienze della Salute Unisa, 17-26 Luglio 2012 Sistemi Operativi Organizzazione logica ed implementazione di un File

Dettagli

Indice. settembre 2008 Il File System 2

Indice. settembre 2008 Il File System 2 Il File System Indice 4. Il File System 5. Vantaggi del FS 6. Protezione 7. Condivisione 8. I file - 1 9. I file - 2 10. Attributi dei file 11. Directory 12. Livelli di astrazione - 1 13. Livelli di astrazione

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

File system. Chiamate di sistema POSIX Esempi: Chiamate di sistema Windows Esempio: Esercizi. 4.3 BSD Linux NTFS. Sistemi Operativi mod B 12.

File system. Chiamate di sistema POSIX Esempi: Chiamate di sistema Windows Esempio: Esercizi. 4.3 BSD Linux NTFS. Sistemi Operativi mod B 12. File system Chiamate di sistema POSIX Esempi: 4.3 BSD Linux Chiamate di sistema Windows Esempio: NTFS Esercizi 12.1 Le chiamate di sistema di UNIX per file UNIX mette a disposizione sia chiamate di sistema

Dettagli

Sistemi Operativi. Lez. 16 File System: aspetti implementativi

Sistemi Operativi. Lez. 16 File System: aspetti implementativi Sistemi Operativi Lez. 16 File System: aspetti implementativi Layout disco Tutte le informazioni necessarie al file system per poter operare, sono memorizzate sul disco di boot MBR: settore 0 del disco,

Dettagli

File system. Realizzazione del file system. Struttura del file system. Struttura del file system. Realizzazione del file system

File system. Realizzazione del file system. Struttura del file system. Struttura del file system. Realizzazione del file system Realizzazione del file system Struttura del file system Metodi di allocazione: Contigua Concatenata Indicizzata Gestione dello spazio libero Realizzazione delle directory Efficienza e prestazioni Ripristino

Dettagli

Realizzazione del file system

Realizzazione del file system Realizzazione del file system Struttura del file system Metodi di allocazione: Contigua Concatenata Indicizzata Gestione dello spazio libero Realizzazione delle directory Efficienza e prestazioni Ripristino

Dettagli

10. Interfaccia del File System

10. Interfaccia del File System 10. Interfaccia del File System 10.1 Il concetto di File 10.2 Metodi di accesso 10.3 Struttura delle Directory 10.4 Protezione (Leggere) 10.5 Semantica della Consistenza (Leggere) Un File System consiste

Dettagli

Capitolo 11 -- Silberschatz

Capitolo 11 -- Silberschatz Implementazione del File System Capitolo 11 -- Silberschatz Implementazione del File System File system: Definizione dell aspetto del sistema agli occhi dell utente Algoritmi e strutture dati che permettono

Dettagli

Sistemi Operativi. Implementazione del File System

Sistemi Operativi. Implementazione del File System Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Implementazione del file system Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Implementazione del File System Sommario Realizzazione del

Dettagli

File System Distribuiti (F.S.D.)

File System Distribuiti (F.S.D.) File System Distribuiti (F.S.D.) Coordinamento delle operazioni sui file presenti su più nodi File system in rete (File system di Rete) File system Distribuiti (FSD) File System Ogni file system fa uso

Dettagli

Il file system. meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate. in memoria di massa

Il file system. meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate. in memoria di massa Il File System 1 Il file system E quella componente del SO che fornisce i meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate in memoria di massa Realizza i concetti astratti

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) La comunicazione tra processi Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Sommario Processi cooperanti La comunicazione tra processi Necessità

Dettagli

File System Distribuiti

File System Distribuiti File System Distribuiti File System Distribuito a) Un file system distribuito è un file system residente su computer differenti che offre una vista integrata dei dati memorizzati sui diversi dischi remoti.

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Realizzazione del file system. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II)

SISTEMI OPERATIVI. Realizzazione del file system. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II) SISTEMI OPERATIVI (MODULO DI INFORMATICA II) Realizzazione del file system Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) Università degli Studi di Bergamo a.a. 2012-13 Sommario Realizzazione

Dettagli

Il file system. File system. Fornisce il meccanismo per la memorizzazione e l accesso di dati e programmi Consiste di due parti

Il file system. File system. Fornisce il meccanismo per la memorizzazione e l accesso di dati e programmi Consiste di due parti Il file system File system Fornisce il meccanismo per la memorizzazione e l accesso di dati e programmi Consiste di due parti Collezione di file Struttura di cartelle (directory) 1! Interfaccia Implementazione

Dettagli

Realizzazione del File System

Realizzazione del File System Realizzazione del File System Realizzazione del file system Struttura del file system Realizzazione del file system Realizzazione delle directory Metodi di allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Concetto di File! Metodi di Accesso! Struttura delle Directory! Montaggio di File-System! Condivisione di File! Protezione!

Concetto di File! Metodi di Accesso! Struttura delle Directory! Montaggio di File-System! Condivisione di File! Protezione! Concetto di File! Metodi di Accesso! Struttura delle Directory! Montaggio di File-System! Condivisione di File! Protezione! 10.2! Silberschatz, Galvin and Gagne 2005! Spazio di indirizzamento logico contiguo!

Dettagli

Controllo I/O Costituito dai driver dei dispositivi e dai gestori dei segnali d interruzione.

Controllo I/O Costituito dai driver dei dispositivi e dai gestori dei segnali d interruzione. C6. REALIZZAZIONE DEL FILE SYSTEM Struttura del file system Un file è analizzabile da diversi punti di vista. Dal punto di vista del sistema è un contenitore di dati collegati tra di loro, mentre dal punto

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1 IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Il File System. Il file system

Il File System. Il file system Il File System Il file system Parte di SO che fornisce i meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate in memoria di massa Realizza i concetti astratti di file:

Dettagli

Struttura del File-System! Implementazione del File System! Filesystem!

Struttura del File-System! Implementazione del File System! Filesystem! Struttura del File-System Implementazione del File System Struttura dei File Unità logica di memorizzazione Collezione di informazioni correlate File control block (inode) struttura dati per le informazioni

Dettagli

Sistema Operativo Compilatore

Sistema Operativo Compilatore MASTER Information Technology Excellence Road (I.T.E.R.) Sistema Operativo Compilatore Maurizio Palesi Salvatore Serrano Master ITER Informatica di Base Maurizio Palesi, Salvatore Serrano 1 Il Sistema

Dettagli

Naming nei Sistemi Distribuiti

Naming nei Sistemi Distribuiti Naming nei Sistemi Distribuiti Naming (1) La risoluzione dei nomi permette ad un processo di accedere ad una entità in un sistema distribuito. Un sistema di naming è necessario per avere un modello comune

Dettagli

Naming nei Sistemi Distribuiti

Naming nei Sistemi Distribuiti Naming nei Sistemi Distribuiti Naming (1) La risoluzione dei nomi permette ad un processo di accedere ad una entità in un sistema distribuito. Un sistema di naming è necessario per avere un modello comune

Dettagli

Infrastrutture Software

Infrastrutture Software Infrastrutture Software I componenti fisici di un sistema informatico sono resi accessibili agli utenti attraverso un complesso di strumenti software finalizzati all utilizzo dell architettura. Si tratta

Dettagli

Evoluzione dei sistemi operativi (5) Evoluzione dei sistemi operativi (4) Classificazione dei sistemi operativi

Evoluzione dei sistemi operativi (5) Evoluzione dei sistemi operativi (4) Classificazione dei sistemi operativi Evoluzione dei sistemi operativi (4) Sistemi multiprogrammati! più programmi sono caricati in contemporaneamente, e l elaborazione passa periodicamente dall uno all altro Evoluzione dei sistemi operativi

Dettagli

Sistemi Operativi File System (parte 2)

Sistemi Operativi File System (parte 2) Sistemi Operativi File System (parte 2) Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Crediti per queste slides al Prof. Tullio Vardanega Realizzazione del file system 1 I file system (FS) sono memorizzati

Dettagli

Interfaccia del file system. Fabio Buttussi HCI Lab Dipart. di Matematica ed Informatica Università degli Studi di Udine www.dimi.uniud.

Interfaccia del file system. Fabio Buttussi HCI Lab Dipart. di Matematica ed Informatica Università degli Studi di Udine www.dimi.uniud. HCI Lab Dipart. di Matematica ed Informatica Università degli Studi di Udine www.dimi.uniud.it/buttussi Cos'è il file system? Consiste in: Insieme di file Strutture dati per organizzare i file nel sistema

Dettagli

Capitolo 2 -- Silberschatz

Capitolo 2 -- Silberschatz Struttura dei Sistemi Operativi Capitolo 2 -- Silberschatz Struttura di un sistema operativo Servizi di un sistema operativo Interfaccia Utente Chiamate di sistema Tipi di chiamate Programma di sistema

Dettagli

Struttura di un sistema operativo. Struttura dei Sistemi Operativi. Servizi per l utente generico. Servizi per l utente generico

Struttura di un sistema operativo. Struttura dei Sistemi Operativi. Servizi per l utente generico. Servizi per l utente generico Impossibile visualizzare l'immagine. Struttura di un sistema operativo Struttura dei Sistemi Operativi Servizi di un sistema operativo Interfaccia Utente Capitolo 2 -- Silberschatz Chiamate di sistema

Dettagli

Progetto dell interfaccia di Replica Management in InterDataNet per il Web of Data

Progetto dell interfaccia di Replica Management in InterDataNet per il Web of Data UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Corso di Laurea in Ingegneria Informatica P.O. Progetto dell interfaccia di Replica Management in

Dettagli

Utenti e File System

Utenti e File System Utenti e File System C. Baroglio a.a. 2002-2003 1 Gestione degli utenti Unix è un sistema multiutente ovvero più utenti possono lavorare su di una stessa macchina, anche contemporaneamente. Tutti gli utenti

Dettagli

11 Realizzazione del File System. 11.1.1 Struttura a livelli (fig. 11.1) 11.4 Allocazione dei file

11 Realizzazione del File System. 11.1.1 Struttura a livelli (fig. 11.1) 11.4 Allocazione dei file 11 Realizzazione del File System 1 Metodi di allocazione Allocazione contigua Allocazione concatenata e varianti Allocazione indicizzata e varianti Gestione dello spazio libero 11.1.1 Struttura a livelli

Dettagli

Software di base. Corso di Fondamenti di Informatica

Software di base. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Software di base Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti

Dettagli

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 11 LEZIONE INTERFACCIA DEL FILE SYSTEM CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Operativi 2007/08

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 11 LEZIONE INTERFACCIA DEL FILE SYSTEM CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Operativi 2007/08 Sistemi Operativi Docente: Ugo Erra ugoerr+so@dia.unisa.it 11 LEZIONE INTERFACCIA DEL FILE SYSTEM CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Sommario della lezione

Dettagli

Sistemi Operativi. Struttura astratta della memoria. Gerarchia dei dispositivi di. Memoria centrale. Memoria secondaria (di massa)

Sistemi Operativi. Struttura astratta della memoria. Gerarchia dei dispositivi di. Memoria centrale. Memoria secondaria (di massa) Struttura astratta della memoria Memoria centrale il solo dispositivo di memoria al quale la CPU puo accedere direttamente Memoria secondaria (di massa) Estensione della memoria centrale che fornisce grande

Dettagli

File system II. Sistemi Operativi Lez. 20

File system II. Sistemi Operativi Lez. 20 File system II Sistemi Operativi Lez. 20 Gestione spazi su disco Esiste un trade-off,tra spreco dello spazio e velocità di trasferimento in base alla dimensione del blocco fisico Gestione spazio su disco

Dettagli

Parte V Il File System

Parte V Il File System Parte V Il File System Sistemi Operativi - prof. Silvio Salza - a.a. 2008-2009 V - 1 Il File System I/O Virtuale: l'accesso alla memoria di massa avviene tramite tramite il SO La memoria di massa è organizzata

Dettagli

Il File System. Architettura del File System (2) Architettura del File System. Parte V. Il File System

Il File System. Architettura del File System (2) Architettura del File System. Parte V. Il File System Il File System Parte V Il File System I/O Virtuale: l'accesso alla memoria di massa avviene tramite tramite il SO La memoria di massa è organizzata in unità virtuali denominate file (archivio) File System:

Dettagli

PROGETTAZIONE FISICA

PROGETTAZIONE FISICA PROGETTAZIONE FISICA Memorizzazione su disco, organizzazione di file e tecniche hash 2 Introduzione La collezione di dati che costituisce una BDD deve essere fisicamente organizzata su qualche supporto

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Implementazione del file system Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2011-12 Implementazione del File System Sommario Realizzazione del

Dettagli

Lezione 14. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Lezione 14. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata Lezione 14 Sistemi operativi 9 giugno 2015 System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata SO 15 14.1 Di cosa parliamo in questa lezione? Ottimizzazione degli accessi alla

Dettagli

Tipi di File System e Prestazioni

Tipi di File System e Prestazioni Università degli Studi di Salerno Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Tesina di Sistemi Operativi Tipi di File System e Prestazioni Prof. Giuseppe Cattaneo Michele Carillo Flavio Serrapica

Dettagli

1. I dispositivi periferici

1. I dispositivi periferici La gestione dell I/O 1. I dispositivi periferici Un ulteriore aspetto fondamentale del SO è la gestione dei dispositivi periferici (periferiche) Dal punto di vista del sistema operativo per periferiche

Dettagli

Lezione T11 Virtual File System

Lezione T11 Virtual File System Lezione T11 Virtual File System Sistemi Operativi (9 CFU), CdL Informatica, A. A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Fisiche, Informatiche e Matematiche Università di Modena e Reggio Emilia http://weblab.ing.unimo.it/people/andreolini/didattica/sistemi-operativi

Dettagli

Il Sistema Operativo Introduzione Gestione dei processi Gestione della memoria Memoria cache (cenni) Informatica B Prof. A.

Il Sistema Operativo Introduzione Gestione dei processi Gestione della memoria Memoria cache (cenni) Informatica B Prof. A. Il Sistema Operativo Introduzione Gestione dei processi Gestione della memoria Memoria cache (cenni) Informatica B Prof. A. Morzenti Il sistema Operativo Il sistema operativo (SO) è uno strato software

Dettagli

Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3)

Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3) Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3) Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Crediti per queste slides al Prof. Tullio Vardanega Architettura di NTFS 1 NTFS file system adottato

Dettagli

L interfaccia del file system

L interfaccia del file system L interfaccia del file system L interfaccia del file system Concetto di file Modalità di accesso Struttura del disco e delle directory Montaggio di un file system Condivisione di file Protezione UNIX come

Dettagli

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci CORSO DI RETI SSIS Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci IL DOMAIN NAME SYSTEM (DNS) Indirizzi IP poco adatti per essere memorizzati da utenti umani è prevista la possibiltà di associare nomi simbolici

Dettagli

Realizzazione del file system

Realizzazione del file system Realizzazione del file system Realizzazione del file system Struttura del file system Realizzazione del file system Realizzazione delle directory Metodi di allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Il Software. Il software del PC. Il BIOS

Il Software. Il software del PC. Il BIOS Il Software Il software del PC Il computer ha grandi potenzialità ma non può funzionare senza il software. Il software essenziale per fare funzionare il PC può essere diviso nelle seguenti componenti:

Dettagli

Parte VI SISTEMI OPERATIVI

Parte VI SISTEMI OPERATIVI Parte VI SISTEMI OPERATIVI Sistema Operativo Ogni computer ha un sistema operativo necessario per eseguire gli altri programmi Il sistema operativo, fra l altro, è responsabile di riconoscere i comandi

Dettagli

Sistemi informatici. Informatica. Il software. Il sw di sistema. Il sw applicativo. Il sw di sistema. Il sistema operativo. Hardware.

Sistemi informatici. Informatica. Il software. Il sw di sistema. Il sw applicativo. Il sw di sistema. Il sistema operativo. Hardware. http://159.149.98.238/lanzavecchia/docum enti/sscta.htm Sistemi informatici Hardware Microprocessore Memoria Periferiche di input e output Software Software di sistema Programmi applicativi 1 2 Il sw applicativo

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella Il Sistema Operativo Sistema Operativo 2 Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato

Dettagli

CAP. 6: Nucleo del sistema operativo (La gestione dei processi)

CAP. 6: Nucleo del sistema operativo (La gestione dei processi) Struttura interna del sistema operativo Linux CAP. 6: Nucleo del sistema operativo (La gestione dei processi) Architettura del sistema operativo shell Programmi utente Modo utente Interfaccia delle chiamate

Dettagli

Sistemi Distribuiti Introduzione al corso

Sistemi Distribuiti Introduzione al corso Altri testi di consultazione Sistemi Distribuiti Introduzione al corso Testo di riferimento G.Coulouris, J.Dollimore and T.Kindberg Distributed Systems: Concepts and Design IV Ed., Addison-Wesley 2005

Dettagli

SCD. Sistemi distribuiti: gestione dei nomi. Denominazione di entità 1. Denominazione di entità 2. Esempio

SCD. Sistemi distribuiti: gestione dei nomi. Denominazione di entità 1. Denominazione di entità 2. Esempio Denominazione di entità 1 Gestione dei nomi Anno accademico 2012/13 Sistemi Concorrenti e Distribuiti SCD Le entità di un sistema distribuito devono avere denotazioni che le rendano note Per riferimento,

Dettagli

Capitolo 2 - parte 4. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Como 2003

Capitolo 2 - parte 4. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Como 2003 Capitolo 2 - parte 4 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Como 2003 Agenda - Content Distribution Networks (CDN) - Peer to Peer M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2003 Cap 2-4 pag.

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Informatica B. Informatica B

Sistemi Distribuiti. Informatica B. Informatica B Sistemi Distribuiti Introduzione Che cos è un sistema distribuito? Un sistema distribuito è una collezione di computer indipendenti che appare all utente come un solo sistema coerente Da notare: le macchine

Dettagli

Digressione: man 2...

Digressione: man 2... Syscall File I/O Digressione: man 2... Le funzioni della libreria standard UNIX associate alle system call di Linux sono documentate nella sezione 2 di man e.g.: man 2 open Ogni manpage di system call

Dettagli

Lezione 11. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata.

Lezione 11. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Lezione 11 system Sistemi operativi 12 maggio 2015 System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata SO 15 11.1 Di cosa parliamo in questa lezione? L interfaccia : system 1 Il

Dettagli

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI Introduzione ai sistemi operativi pag. 3 La shell pag. 3 Tipi di sistemi operativi pag. 4 I servizi del sistema operativo pag. 4 La gestione dei file e il file system Il

Dettagli

Sommario. Una breve introduzione ai file system cifrati. Casi di studio. Tecniche di protezione dei file. Cifratura manuale dei file

Sommario. Una breve introduzione ai file system cifrati. Casi di studio. Tecniche di protezione dei file. Cifratura manuale dei file Dipartimento Informatica e Applicazioni R. Capocelli Sommario Una breve introduzione ai file system cifrati Luigi Catuogno luicat@tcfs.unisa.it Tecniche di protezione dei file Perché cifrare un file system?

Dettagli

Fondamenti di Informatica: Sistemi Operativi 1. Introduzione

Fondamenti di Informatica: Sistemi Operativi 1. Introduzione Introduzione Fondamenti di Informatica: Sistemi Operativi 1 Elaboratori necessitano di SOFTWARE SOFTWARE DI SISTEMA (SISTEMI OPERATIVI): fanno funzionare le varie componenti del computer e permettono all

Dettagli

Introduzione alla. Alessandra Giordani agiordani@disi.unitn.it Lunedì 27 febbraio 2012 http://disi.unitn.it/~agiordani/ 1

Introduzione alla. Alessandra Giordani agiordani@disi.unitn.it Lunedì 27 febbraio 2012 http://disi.unitn.it/~agiordani/ 1 Introduzione alla Shell di UNIX Alessandra Giordani agiordani@disi.unitn.it Lunedì 27 febbraio 2012 http://disi.unitn.it/~agiordani/ 1 Composizione di un sistema informativo: Hardware (CPU, periferiche,

Dettagli

Il Sistema Operativo. Funzionalità. Sistema operativo. Sistema Operativo (Software di base)

Il Sistema Operativo. Funzionalità. Sistema operativo. Sistema Operativo (Software di base) Sistema Operativo (Software di base) Il Sistema Operativo Il sistema operativo è un insieme di programmi che opera sul livello macchina e offre funzionalità di alto livello Es.organizzazione dei dati attraverso

Dettagli

Corso UNIX avanzato. Utente avanzato. Amministratore. Gestione proprio account Gestione dei propri processi Ricerca e manipolazione file

Corso UNIX avanzato. Utente avanzato. Amministratore. Gestione proprio account Gestione dei propri processi Ricerca e manipolazione file Corso UNIX avanzato Corso UNIX avanzato Utente avanzato Gestione proprio account Gestione dei propri processi Ricerca e manipolazione file Amministratore Gestione utenti Aggiunta rimozione hardware Backup

Dettagli

Come funziona un sistema di elaborazione

Come funziona un sistema di elaborazione Introduzione Cosa è un Sistema Sste aoperativo? Come funziona un sistema di elaborazione Proprietà dei Sistemi Operativi Storia dei Sistemi di Elaborazione Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi i Multiprocessori

Dettagli

La genealogia di Windows. Windows NT e Windows 95/98. Dimensioni del codice. Parte IX. Windows

La genealogia di Windows. Windows NT e Windows 95/98. Dimensioni del codice. Parte IX. Windows La genealogia di Windows Parte IX Windows Sistemi Operativi - prof. Silvio Salza - a.a. 2008-2009 IX - 1 DOS: sistema operativo monoutente Windows 3.1 interfaccia a finestre che gira su DOS Windows 95/98

Dettagli

Parte IX. Windows. Sistemi Operativi - prof. Silvio Salza - a.a. 2008-2009 IX - 1

Parte IX. Windows. Sistemi Operativi - prof. Silvio Salza - a.a. 2008-2009 IX - 1 Parte IX Windows Sistemi Operativi - prof. Silvio Salza - a.a. 2008-2009 IX - 1 La genealogia di Windows DOS: sistema operativo monoutente Windows 3.1 interfaccia a finestre che gira su DOS Windows 95/98

Dettagli

Compiti del S.O. Lezione 2: Gestione dei processi. La struttura e funzioni dei Sistemi Operativi

Compiti del S.O. Lezione 2: Gestione dei processi. La struttura e funzioni dei Sistemi Operativi Lezione 2: Compiti del S.O. La struttura e funzioni dei Sistemi Operativi Un S.O. ha il compito di rendere semplice (all utente), l utilizzo del calcolatore componenti di un sistema operativo servizi dei

Dettagli

Calcolo numerico e programmazione. Sistemi operativi

Calcolo numerico e programmazione. Sistemi operativi Calcolo numerico e programmazione Sistemi operativi Tullio Facchinetti 25 maggio 2012 13:47 http://robot.unipv.it/toolleeo Sistemi operativi insieme di programmi che rendono

Dettagli

Reti e Domini Windows 2000. Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003

Reti e Domini Windows 2000. Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003 Reti e Domini Windows 2000 Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003 Materiale preparato utilizzando dove possibile materiale AIPA http://www.aipa.it/attivita[2/formazione[6/corsi[2/materiali/reti%20di%20calcolatori/welcome.htm

Dettagli

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1 Struttura dei Componenti Servizi di un sistema operativo System Call Programmi di sistema Struttura del sistema operativo Macchine virtuali Progettazione e Realizzazione

Dettagli

12. Implementazione di un File System. 12.1.1 Struttura a livelli. 12.2.1 Allocazione contigua

12. Implementazione di un File System. 12.1.1 Struttura a livelli. 12.2.1 Allocazione contigua 12. Implementazione di un File System 1 Struttura del file system Metodi di allocazione Gestione dello spazio libero Implementazione delle directory Prestazioni ed efficienza 2 Utente 12.1.1 Struttura

Dettagli

Gli Extended file system di Linux (Ext2/Ext3/Ext4)

Gli Extended file system di Linux (Ext2/Ext3/Ext4) Gli Extended file system di Linux (Ext2/Ext3/Ext4) Gli extended file systems sono i file system di default di Linux Ext3, Ext4 sono le versioni migliorate di Ext2 (dimensioni file, prestazioni...) e ne

Dettagli

1. Spiegare le differenze fra le seguenti modalità di binding degli indirizzi:

1. Spiegare le differenze fra le seguenti modalità di binding degli indirizzi: 1. Spiegare le differenze fra le seguenti modalità di binding degli indirizzi: compile time, load time, execution time. Quale delle modalità precedenti necessita di un supporto hardware per poter essere

Dettagli

IL FILE SYSTEM Memorizzazione delle Informazioni Permanenza delle Informazioni Indipendenza delle Informazioni I File Nome.

IL FILE SYSTEM Memorizzazione delle Informazioni Permanenza delle Informazioni Indipendenza delle Informazioni I File Nome. IL FILE SYSTEM Memorizzazione delle Informazioni Le applicazioni su un calcolatore hanno bisogno di memorizzare e rintracciare informazioni. Un processo può utilizzare il suo spazio degli indirizzi per

Dettagli

Definizione e storia dei sistemi operativi

Definizione e storia dei sistemi operativi Definizione e storia dei sistemi operativi Dipartimento di Informatica Università di Verona, Italy Che cos è un Sistema Operativo? E un insieme di programmi agisce come intermediario tra HW e uomo per

Dettagli

GLI ARCHIVI DI DATI. File Un File è una sequenza di informazioni che costituisce una unità logica. Un file è un un contenitore di di informazioni

GLI ARCHIVI DI DATI. File Un File è una sequenza di informazioni che costituisce una unità logica. Un file è un un contenitore di di informazioni GLI ARCHIVI DI DATI File Un File è una sequenza di informazioni che costituisce una unità logica. Un file è un un contenitore di di informazioni» Un file può contenere un testo» Un file può contenere la

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Introduzione Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto. Sistemi Operativi mod.

Sistemi Distribuiti. Introduzione Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto. Sistemi Operativi mod. Sistemi Distribuiti Introduzione Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto 19.1 Introduzione A metà degli anni quaranta inizia l era dei calcolatori elettronici

Dettagli

Introduzione. Sistemi Distribuiti. Introduzione. Introduzione. Definizione di sistema distribuito. Introduzione

Introduzione. Sistemi Distribuiti. Introduzione. Introduzione. Definizione di sistema distribuito. Introduzione Sistemi Distribuiti Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto A metà degli anni quaranta inizia l era dei calcolatori elettronici moderni: grandi, costosi e

Dettagli

Il file system permette all utente di creare file (collezioni di dati) che abbiano le proprieta :

Il file system permette all utente di creare file (collezioni di dati) che abbiano le proprieta : FILE MANAGEMENT OVERVIEW Il file system permette all utente di creare file (collezioni di dati) che abbiano le proprieta : Esistenza a lungo termine Condivisibilita tra processi Struttura. Il file system

Dettagli

8 Tecniche di recovery

8 Tecniche di recovery 8 Tecniche di recovery Se viene sottomessa una transazione T, o tutte le operazioni di T sono completate ed il loro effetto è registrato permanentemente nel DB, o T non ha nessun effetto né sul DB né su

Dettagli

RETI E SISTEMI INFORMATIVI Domain Name System. Prof. Andrea Borghesan

RETI E SISTEMI INFORMATIVI Domain Name System. Prof. Andrea Borghesan RETI E SISTEMI INFORMATIVI Domain Name System Prof. Andrea Borghesan http://venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì, 10.00-11.00. Studio 34, primo piano. Dip. Statistica 1 Modalità esame:

Dettagli

Filesystem. Il file system è organizzato in blocchi logici contigui

Filesystem. Il file system è organizzato in blocchi logici contigui Filesystem Il file system è organizzato in blocchi logici contigui dimensione fissa di 1024, 2048 o 4096 byte indipendente dalla dimensione del blocco fisico (generalmente 512 byte) Un blocco speciale,

Dettagli

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l ambiente e il territorio

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l ambiente e il territorio Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l ambiente e il territorio Il software di base Software

Dettagli

Architettura di un sistema di calcolo

Architettura di un sistema di calcolo Richiami sulla struttura dei sistemi di calcolo Gestione delle Interruzioni Gestione della comunicazione fra processore e dispositivi periferici Gerarchia di memoria Protezione. 2.1 Architettura di un

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Lezione 6 a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono: diversi

Dettagli

UBUNTU: gli strumenti di condivisione risorse

UBUNTU: gli strumenti di condivisione risorse UBUNTU: gli strumenti di condivisione risorse condivisione 1o1 a cura di Danio Campolunghi La condivisione di risorse Verranno qui proposti gli strumenti grafici di serie messi a disposizione da Ubuntu

Dettagli