Brevi note riguardo l invio dell impronta degli archivi digitali dei documenti con rilevanza tributaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Brevi note riguardo l invio dell impronta degli archivi digitali dei documenti con rilevanza tributaria"

Transcript

1 6029 APPROFONDIMENTO Brevi note riguardo l invio dell impronta degli archivi digitali dei documenti con rilevanza tributaria di Giuseppe Mantese (*) L articolo prende in considerazione le modalità di invio dell impronta degli archivi digitali in merito ai documenti che hanno rilievo fiscale, anche mediante riferimento a casistiche suscettibili di verificarsi nella prassi. 1. Premessa Nel disciplinare la conservazione digitale dei documenti con rilevanza tributaria, il D.M. 23 gennaio 2004 ha previsto all art. 5 che entro il quarto mese 1 2 successivo alla scadenza dei termini stabiliti per la presentazione delle dichiarazioni relative alle imposte sui redditi, all imposta regionale sulle attività produttive e all imposta sul valore aggiunto, si debba trasmettere, alle competenti Agenzie fiscali, l impronta dell ar- (*) Dottore commercialista in Milano. 1 Il termine iniziale di un mese è stato modificato in quattro mesi dall art. 1 del Decreto del 6 marzo 2009, n emanato dal Ministero dell economia e finanze. 2 Per i periodi d imposta pregressi, al punto 7 delle disposizioni transitorie del Provvedimento protocollo n. 2010/ del 25 ottobre 2010 si prevede che: entro il termine previsto per l invio dell impronta dell archivio informatico relativa al periodo d imposta in corso al 1 gennaio 2010, devono essere inviate, distinte per periodo di imposta, le impronte degli archivi informatici dei documenti rilevanti ai fini tributari... riguardanti i periodi d imposta antecedenti a quello in corso al 1 gennaio chivio informatico oggetto della conservazione, la relativa sottoscrizione elettronica e la marca temporale. L art. 1 del D.M. 23 gennaio 2004 definisce l impronta come la sequenza di simboli binari (bit) di lunghezza predefinita generata mediante l applicazione alla prima sequenza di un opportuna funzione di hash. La circ. n. 36/E del 6 dicembre ha più correttamente precisato che per impronta si intende una sequenza di bit di lunghezza predefinita generata mediante l applicazione di una funzione matematica ( funzione di hash ) ad una generica sequenza di bit in modo tale che risulti di fatto impossibile, a partire da questa, determinare una sequenza di simboli binari (bit) che la generi, ed altresì risulti di fatto impossibile determinare una coppia di sequenze di simboli binari per le quali la funzione matematica generi impronte uguali. Il comma 2 dell art. 5 del D.M. 23 gennaio 2004 inoltre precisava che un successivo provvedimento delle Agenzie fiscali avrebbe dovuto indicare gli ulteriori dati ed elementi identificativi da comunicare oltre all impronta degli archivi. A riguardo l Agenzia delle Entrate ha emanato il provvedimento protocollo n. 2010/ del 25 ottobre , attuativo della comunicazione 3 In banca dati fisconline. 4 Il provvedimento è stato pubblicato nel sito Internet dell Agenzia delle Entrate il 27 ottobre 2010, ai sensi del comma 361 dell art. 1 della L. 24 dicembre 2007, n Cfr. V. Sa-

2 6030 APPROFONDIMENTO Accertamento dell impronta relativa ai documenti informatici rilevanti ai fini tributari. 2. Finalità della comunicazione dell impronta degli archivi dei documenti digitali con rilevanza tributaria Il D.M. 23 gennaio 2004 precisa che la comunicazione dell impronta dell archivio informatico oggetto della conservazione è finalizzata ad estendere la validità dei documenti informatici. Tale motivazione viene ribadita al punto 3.1 del provvedimento protocollo n. 2010/ del 25 ottobre 2010 in cui si enuncia che la comunicazione all Agenzia delle entrate dell impronta dell archivio informatico dei documenti rilevanti ai fini tributari oggetto della conservazione estende la validità dei documenti medesimi fino a che permane a fini tributari l obbligo di conservazione dei documenti stessi. Nel provvedimento appena sopracitato viene anche precisato che l invio dell impronta consentirà all Amministrazione finanziaria di conoscere i contribuenti che adottano sistemi sostitutivi di conservazione dei documenti rilevanti ai fini delle disposizioni tributarie 5, nonché i dati relativi ai responsabili della conservazione ed ai soggetti da questi eventualmente delegati. Inoltre uno dei possibili controlli che potrebbe essere svolto durante le ispezioni dei documenti digitali con rilevanza tributaria potrebbe consistere nella verifica della corrispondenza fra le impronte dell archivio dei documenti informatici inviati all Agenzia delle Entrate e quelle riscontrate in sede di accesso 6 7. racino, Conservazione dei documenti fiscali in formato digitale, in il fisco n. 1/2011, fascicolo n. 2, pag Non è infatti prevista la segnalazione all Agenzia delle Entrate mediante i Modelli AA9/10 (Dichiarazione di variazione dati per imprese individuali e lavoratori autonomi) e AA7/10 (Dichiarazione di variazione dati per i soggetti diversi dalle persone fisiche) della scelta del contribuente di procedere alla conservazione sostitutiva mediante supporti informatici dei documenti obbligatori tributari. 6 Nella circ. n. 45/E del 19 ottobre 2005, in banca dati fisconline, si precisa che: nel caso in cui i documenti, i libri, i registri e le scritture siano stati redatti e conservati in formato elettronico, mutano le modalità tecniche di acquisizione e di analisi dei documenti contabili oggetto del controllo da parte dell Amministrazione finanziaria. Le attribuzioni dei poteri degli uffici, così come le garanzie del contribuente, restano, invece, sostanzialmente invariati. 7 Si ricorda che non è ancora stato emanato il provvedimenti sulle modalità di esibizione dei documenti informa- La finalità dell invio dell impronta come strumento per estendere ai fini tributari la validità dei documenti informatici è stata superata dall approvazione del D.P.C.M. del 30 marzo , in quanto all art. 49 è stato previsto che le marche temporali emesse da un sistema di validazione devono essere conservate in un apposito archivio digitale non modificabile per un periodo non inferiore a venti anni ovvero, su richiesta dell interessato, per un periodo maggiore, alle condizioni previste dal certificatore 9. La marca temporale è valida per tale periodo di conservazione 10. La finalità di conoscere quali contribuenti hanno adottato sistemi di conservazione sostitutiva si sarebbe potuta ottenere mediante la compilazione e l invio dei Modelli AA7 e AA9 o prevedendo un apposito campo nella dichiarazione Iva annuale. La finalità di verifica della corrispondenza fra le impronte dell archivio dei documenti informatici inviati all Agenzia delle Entrate e quelle riscontrate in sede di accesso potrebbe teoricamente avere una sua utilità ma concretamente potrebbe presentarsi di difficile e complessa attuazione tenendo conto delle attuali medie competenze informatiche dei verificatori dell Agenzia delle Entrate e della Guardia di finanza. Inoltre anche qualora fossero sviluppate e diffuse tali competenze la riproduzione dell impronta di archivi complessi delle varie tipologie di documenti con rilevanza tributaria di aziende medio grandi conservati su molti dvd o su più hard disk di più server potrebbe far emergere differenti risultati in funzione delle diverse procedure utilizzate di generazione delle impronte con rischi di contestazioni più di forma che di sostanza. Non si può fare a meno di notare come il contribuente che decida di conservare in modalità sostitutiva su supporto informatico la propria dotici anche per via telematica previsto all art. 6 del D.M. 23 gennaio Il D.P.C.M. 30 marzo 2009 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 129 del 6 giugno In precedenza il periodo di validità dei certificati delle marche temporali poteva essere inferiore a quello previsto di conservazione ai fini fiscali dei documenti con rilevanza tributaria. 10 All art. 51 del medesimo D.P.C.M. è stato inoltre previsto che: La firma digitale, ancorché sia scaduto, revocato o sospeso il relativo certificato qualificato del sottoscrittore, è valida se alla stessa è associabile un riferimento temporale opponibile ai terzi (quindi la marca temporale) che colloca la generazione di detta firma digitale in un momento precedente alla sospensione, scadenza o revoca del suddetto certificato.

3 Accertamento APPROFONDIMENTO 6031 cumentazione con rilevanza tributaria venga caricato di maggiori adempimenti tributari rispetto alla conservazione su supporto cartaceo. Ad esempio nel mondo cartaceo si devono stampare i libri contabili entro 3 mesi dalla presentazione della dichiarazione dei redditi del periodo d imposta. Nel mondo digitale il processo di conservazione dei libri contabili informatici deve essere chiuso entro tre mesi dalla data di scadenza della presentazione delle dichiarazioni annuali relative ai dati di periodo così registrati. Vengono previsti dall art bis del codice civile ulteriori adempimenti per la tenuta di tali libri ed inoltre deve essere gestita la comunicazione dell invio all Agenzia delle Entrate dell impronta. La comunicazione dell impronta è a parere dello scrivente un inutile aggravio burocratico. La finalità dell invio dell impronta come strumento per estendere ai fini tributari la validità dei documenti informatici è stata superata dall evoluzione delle disposizioni normative 11 come specificato sopra in dettaglio; la finalità di conoscere quali contribuenti hanno adottato sistemi di conservazione sostitutiva si potrebbe ottenere facilmente con altre forme di comunicazione; la finalità dell invio dell impronta per la verifica della corrispondenza fra l impronta dell archivio dei documenti informatici inviati all Agenzia delle Entrate e quelle riscontrate in sede di accesso rappresenta un obiettivo di controllo con difficile valutazione degli effetti sui risultati delle verifiche medesime 12. La grande maggioranza dei libri, registri, scritture e documenti sono stampati su carta senza particolari 11 In particolare si veda il D.P.C.M. 30 marzo A conferma di questa difficoltà, la circ. n. 36/E del 6 dicembre 2006 al punto 7.3 precisa che: in sede di controllo, pertanto, è demandata ai verificatori la valutazione delle irregolarità commesse nel processo di conservazione dei documenti informatici, al fine di orientare l eventuale attività di accertamento e di rettifica. Inoltre qualora il processo di conservazione dei documenti informatici rilevanti ai fini delle disposizioni tributarie non venga effettuato in conformità alle disposizioni recate dal decreto, in linea di principio detti documenti non sono più validamente opponibili all Amministrazione finanziaria. Si osserva comunque che il processo di conservazione sostitutiva si chiude con l apposizione della firma digitale del responsabile della conservazione e della marca temporale sui documenti con rilevanza tributaria entro certi termini mentre la creazione dell impronta dell archivio da inviare all Agenzia delle Entrate può essere successiva alla chiusura del processo di conservazione in tutte le ipotesi in cui si decida di inviare le impronte di evidenze informatiche oppure l impronta di impronte oppure l impronta dell intero archivio dei documenti con rilevanza tributaria. formalità 13 e solo se esibiti dal contribuente durante le verifiche possono essere presi in considerazione a favore del contribuente medesimo ai fini dell accertamento in sede amministrativa o contenziosa Quale impronta comunicare all Agenzia delle Entrate Il provvedimento protocollo n. 2010/ del 25 ottobre 2010 prevede che il soggetto interessato (il contribuente), il responsabile della conservazione ovvero un suo delegato 15 comunicano per via telematica all Agenzia delle Entrate l impronta dell archivio informatico, sul quale è stata apposta la firma digitale e la marca temporale, dei documenti rilevanti ai fini tributari oggetto della conservazione, nonché la marca temporale. Viene specificato che l archivio informatico può essere costituito da uno o più documenti informatici rilevanti ai fini tributari ovvero da un evidenza informatica contenente l impronta o le impronte dei predetti documenti o di un insieme di essi 16. Il provvedimento permette dunque ampia libertà su quante e quali impronte dei documenti con rilevanza tributaria, conservati in modalità sostitutiva, comunicare. In pratica è pertanto possibile inviare le singole impronte generate periodicamente nel corso della chiusura dei processi 13 Si ricorda che vi sono comunque dei libri quali quelli sociali che richiedono particolari formalità di tenuta quali la vidimazione iniziale. 14 L art. 52 del D.P.R. n. 633/1972 al comma 5 prevede che: I libri, registri, scritture e documenti di cui è rifiutata l esibizione non possono essere presi in considerazione a favore del contribuente ai fini dell accertamento in sede amministrativa o contenziosa. Per rifiuto di esibizione si intendono anche la dichiarazione di non possedere i libri, registri, documenti e scritture e la sottrazione di essi alla ispezione. 15 Il responsabile della conservazione può nominare uno o più delegati in base all art. 5, comma 2, della deliberazione del Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione (Cnipa), del 19 febbraio 2004, n. 11. A seguito delle modifiche introdotte dal D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 177, riguardante la Riorganizzazione del Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione, a norma dell art. 24 della legge 18 giugno 2009, n. 69, il Cnipa ha assunto la denominazione di DigitPA. 16 Nelle motivazioni al provvedimento protocollo n. 2010/ del 25 ottobre 2010 si precisa che: nel caso di più archivi, il contribuente può scegliere se effettuare un unica comunicazione dell impronta complessiva ovvero tante comunicazioni quanti sono gli archivi.

4 6032 APPROFONDIMENTO Accertamento di conservazione delle varie tipologie di documenti con rilevanza tributaria conservati oppure le impronte di evidenze informatiche di tali documenti oppure l impronta di impronte oppure l impronta dell intero archivio. Oltre all invio dell impronta dell archivio informatico dei documenti rilevanti ai fini tributari oggetto della conservazione viene chiesto anche l invio della marca temporale. La marca temporale da spedire varia in funzione dell impronta dell archivio inviata; ad esempio se si decide di creare un impronta dell intero archivio la marca temporale da inviare sarà quella che verrà apposta all impronta dell intero archivio oppure se si invierà le n. singole impronte generate periodicamente nel corso della chiusura dei processi di conservazione delle varie tipologie di documenti con rilevanza tributaria bisognerà inviare anche le n. singole marche temporali apposte a chiusura dei vari processi di conservazione. L invio di un unica impronta dell intero archivio fiscale ha il vantaggio di ridurre il numero delle comunicazioni all Agenzia delle Entrate ma potrebbe presentare qualche criticità in fase di generazione della medesima. Ad esempio se si sono conservate le varie tipologie di documenti o- riginali con rilevanza tributaria su più cd rom o dvd si potrebbe creare un file contenente le impronte e loro evidenze già presenti nei vari cd rom o dvd oppure generare l impronta del file immagine di ogni cd rom o dvd oppure trasferire i file immagine di ogni cd rom o dvd su hard disk e procedere al calcolo dell impronta degli n. cd rom o dvd. La scelta della procedura da seguire dovrebbe tener conto in maniera prioritaria della necessità dei verificatori fiscali di riprodurre velocemente e con semplicità l impronta degli archivi per confrontarla con quanto comunicato all Agenzia delle Entrate. Altra criticità da segnalare riguarda l impatto sui controlli fiscali: qualora si sia comunicata l impronta dell intero archivio fiscale e la verifica riguardi una sola tipologia di documenti si sarà obbligati a fornire ai verificatori l intera documentazione fiscale su supporto informatico per permettere la riproduzione dell impronta comunicata. Un significativo vantaggio della scelta di generare un impronta complessiva dell archivio fiscale risiede nel fatto che può essere generata utilizzando l algoritmo di hash richiesto dall Agenzia delle Entrate 17 per la comunicazione mentre le 17 La generazione dell impronta deve avvenire in conformità alla vigente deliberazione del Cnipa emanata ai sensi delimpronte già generate in precedenza potrebbero non essere conformi a quanto richiesto successivamente dall Agenzia delle Entrate ed esposto tramite rimandi ad altre disposizioni normative nel provvedimento protocollo n. 2010/ del 25 ottobre Considerazioni simili possono essere espresse in merito al formato della marca temporale richiesto dall Agenzia delle Entrate e alla possibile non conformità delle marche temporali apposte in precedenza. 4. Il contenuto della comunicazione La comunicazione dell impronta dell archivio informatico oggetto della conservazione deve essere conforme alle specifiche tecniche contenute nel provvedimento protocollo n. 2010/ del 25 ottobre La comunicazione si compone di file in formato xml che deve essere validato da un apposita XML Schema Definition (XSD) 18 e deve contenere informazioni riguardanti: i dati della fornitura; i dati del titolare della contabilità; i dati del responsabile della conservazione; i dati dei delegati alla conservazione; i dati dell archivio informatico. Si rileva che alcuni campi della comunicazione presentano dubbi di compilazione. Ad esempio nella sezione dati dell archivio informatico nel campo documento va indicata la tipologia del documento presente nell archivio dei documenti con rilevanza tributaria conservati in modalità sostitutiva, selezionata fra quelle dell elenco previsto nell Allegato 1 al provvedimento protocollo n. 2010/ del 25 ottobre L elenco dell Allegato 1 contiene un elenco incompleto delle tipologie di documenti con rilevanza tributaria gestiti dalle imprese. Tale elenco sembra piuttosto un estrazione di e- lenco di tipologie di documenti da un software gestionale presente sul mercato. Un altro esempio riguarda quale responsabile l art. 3, comma 2, del D.P.C.M. 30 marzo La deliberazione vigente è la n. 45 del 21 maggio 2009 e la funzione di hash da utilizzare è la SHA Nell area software del sito web di Entratel è reso disponibile lo Schema xml in formato xsd (Schema_impronte.xsd) che definisce la struttura e le regole formali per la compilazione della Comunicazione dell Impronta relativa ai documenti informatici rilevanti ai fini tributari, secondo quanto previsto dal Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate del 25 ottobre 2010 Prot. 2010/

5 Accertamento APPROFONDIMENTO 6033 della conservazione indicare se tale soggetto è cambiato nel tempo; qualora fossero inviate impronte generate nei periodi d imposta precedenti e fosse modificato il responsabile della conservazione cosa va indicato? Si presume che vadano indicati i dati del responsabile della conservazione in carica al momento dell invio dell impronta qualora tale soggetto abbia preso in carico la manutenzione degli archivi creati da responsabili della conservazione precedenti. Qualora il responsabile della conservazione in carica al momento dell invio delle impronte non abbia in carico gli archivi predisposti da altri soggetti i dati del responsabile della conservazione dovrebbero essere quelli del soggetto che ha chiuso nei precedenti periodi d imposta il processo della conservazione. Una questione preliminare non secondaria da affrontare riguarda inoltre la rilevanza tributaria o meno di alcune delle tipologie di documenti conservati dalle imprese. 5. Modalità di trasmissione della comunicazione L invio della comunicazione dell impronta deve avvenire esclusivamente in via telematica attraverso i servizi Entratel o Fisconline, in funzione delle caratteristiche del soggetto che effettua l adempimento, ovvero tramite gli intermediari abilitati. Le tipologie di intermediari abilitati alla trasmissione telematica delle dichiarazioni sono elencati all art. 3, commi 2-bis e 3, del D.P.R. 22 luglio 1998, n È importante precisare che il responsabile della conservazione non è una specifica tipologia di intermediario abilitato presente nell elenco appena sopracitato. Preliminarmente all invio della comunicazione dell impronta relativa ai documenti informatici rilevanti ai fini tributari è obbligatoria l esecuzione preventiva del controllo finalizzato alla verifica formale dei dati e alla predisposizione del file in apposito formato. Tale funzionalità di controllo è attivata dall apposita opzione del menù Documenti dell applicazione Entratel, o è automaticamente innescata dalla funzione Prepara file dell applicazione FileInternet. Una volta ottenuto esito positivo dal controllo sarà possibile per l intermediario abilitato procedere all autenticazione del file della comunicazione dell impronta e procedere al suo invio mediante collegamento telematico con i server dell Agenzia delle Entrate. 6. La gestione dell impegno alla trasmissione e delle ricevute d invio La comunicazione dell impronta si considera effettuata nel momento in cui è completata, da parte dall Agenzia delle Entrate, la ricezione del file contenente i dati medesimi. L Agenzia delle Entrate comprova l avvenuta ricezione del predetto file mediante un attestazione, identificata da un numero di protocollo, contenuta in un file munito del codice di autenticazione per il servizio Entratel o del codice di riscontro per il servizio Internet (Fisconline), generati secondo le modalità descritte, rispettivamente, al paragrafo 2 ed al paragrafo 3 dell allegato tecnico al Decreto 31 luglio 1998 e successive modificazioni. Una volta acquisito il file è infatti possibile procedere al download delle attestazioni di avvenuto ricevimento dei documenti trasmessi per via telematica all Agenzia delle Entrate, unica prova del loro avvenuto invio. In caso di scarto del file vengono evidenziate con opportuni codici le cause della mancata accettazione del file 19. Prima di procedere all invio dei file ad Entratel, l intermediario che ha ricevuto l incarico di gestione dell invio dell impronta da parte del cliente deve fornire al medesimo l impegno alla trasmissione specificando se il suo incarico si limita al mero invio della comunicazione predisposta dal contribuente o se si estende anche alla predisposizione dei file da inviare. Una copia delle ricevute della comunicazione dell invio dell impronta va consegnata al cliente e un altra copia va conservata dall intermediario. 7. La comunicazione correttiva o sostitutiva I contribuenti che effettuano il riversamento sostitutivo dei documenti contenuti in un archivio per il quale già era stata inviata l impronta, entro quattro mesi dal completamento del procedimento di riversamento, sono tenuti a ripetere la comunicazione (c.d. comunicazione sostitu- 19 Al punto 5.3 del provvedimento protocollo n. 2010/ del 25 ottobre 2010 e nel paragrafo controlli effettuati in fase di accettazione della comunicazione delle specifiche tecniche sono elencati i principali motivi di scarto. In generale una comunicazione viene scartata qualora i dati in essa presenti non rispettino le specifiche tecniche.

6 6034 APPROFONDIMENTO Accertamento tiva per riversamento sostitutivo). La necessità della ripetizione dell invio della comunicazione viene giustificata con il fatto che il riversamento sostitutivo comporta una modifica della rappresentazione informatica dei documenti e come tale rende priva di valore l impronta a suo tempo generata. In caso di comunicazione sostitutiva per riversamento, tutti i dati indicati devono essere uguali a quelli esposti nella comunicazione da sostituire a parte il tipo comunicazione e l impronta dell archivio. La comunicazione correttiva va inviata qualora si siano evidenziati errori nella comunicazione originaria. L Agenzia delle Entrate ha precisato che le comunicazioni possono essere corrette una sola volta purché la correzione si riferisca al medesimo periodo di riferimento e la sostituzione avvenga non oltre 30 giorni dal termine di trasmissione dei dati da sostituire. La comunicazione correttiva deve contenere tutti i dati in precedenza trasmessi con le modifiche ed integrazioni che si sono rese necessarie. 8. Casistiche particolari Gestione esercizi a cavallo Nella circ. n. 36/E del 6 dicembre 2006 è stato precisato che nel caso di esercizio non coincidente con l anno solare, considerata la possibilità di un disallineamento dei termini previsti per la presentazione della dichiarazione dei redditi e della dichiarazione Iva, il termine per l invio dell impronta in esame deve essere collegato alle singole date previste per le differenti dichiarazioni; in tal modo il contribuente dovrà procedere a distinti invii dell impronta, con riferimento, rispettivamente, alla contabilità conservata rilevante ai fini Iva ed a quella rilevante ai fini delle imposte dirette. In pratica gli invii delle impronte degli archivi della società con esercizi a cavallo andranno effettuati entro 4 mesi dal termine di presentazione della tipologia di dichiarazione considerata. Presenza di operazioni straordinarie Per la maggior parte delle imprese in normale e- sercizio e con periodo d imposta coincidente con l anno solare il termine di presentazione della dichiarazione è fissato al 30 settembre e pertanto il termine del primo invio della comunicazione dell impronta viene fissato a fine gennaio Vi sono situazioni in cui il termine d invio dell impronta è differente da gennaio Rientrano in tali casistiche le operazioni di fusione, trasformazione, scissione, liquidazione in cui solitamente si deve presentare la dichiarazione dei redditi entro l ultimo giorno del nono mese successivo alla data in cui ha effetto l operazione straordinaria 20. Ad esempio in caso di fusione di più società avvenuta con effetto nel settembre 2010 la dichiarazione relativa alla frazione di esercizio delle società fuse o incorporate compresa tra l inizio del periodo d imposta e la data in cui ha effetto la fusione deve essere presentata dalla società risultante dalla fusione o incorporante, entro l ultimo giorno del nono mese successivo al settembre 2010 pertanto entro giugno 2011 e pertanto l invio dell impronta degli archivi fiscali deve avvenire entro 4 mesi dal giugno 2011 cioè nell ottobre Impatto nuovo dell Amministrazione digitale e gestione impronte Il nuovo Codice dell Amministrazione digitale 21 ha ribadito che le modalità di conservazione ed esibizione dei documenti per via informatica rimangono regolate, ai fini fiscali, dal D.M. 23 gennaio 2004 e successive modificazioni. La gestione delle impronte degli archivi fiscali dei clienti per periodi d imposta 2004, 2005, 2006 Per i periodi d imposta pregressi viene previsto che: entro il termine previsto per l invio dell impronta dell archivio informatico relativa al periodo d imposta in corso al 1 gennaio 2010, devono essere inviate, distinte per periodo di imposta, le impronte degli archivi informatici dei documenti rilevanti ai fini tributari riguardanti i periodi d imposta antecedenti a quello in corso al 1 gennaio Ai fini Iva 22 e ai fini delle imposte dirette 23 in generale gli avvisi relativi alle rettifiche e agli accertamenti devono essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quarto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione. 20 Per approfondimenti in tema, si vedano gli artt. 5 e 5-bis del D.P.R. n. 322/ D.Lgs. 30 dicembre 2010, n Art. 57 del D.P.R. n. 633/ Art. 43 del D.P.R. n. 600/1973.

7 Accertamento APPROFONDIMENTO 6035 Rimane necessario inviare le impronte degli archivi riferiti a periodi d imposta non più accertabili dall Agenzia delle Entrate? A parere dello scrivente è comunque opportuno inviare tali impronte per le seguenti motivazioni: in alcuni casi i termini dell accertamento vengono prolungati 24 ; oltre alla rilevanza fiscale le scritture contabili e l altra documentazione conservata hanno valenza civilistica e differenti termini di conservazione Ai fini Iva all art. 57 del D.P.R. n. 633/1972 viene previsto che in caso di violazione che comporta obbligo di denuncia ai sensi dell articolo 331 del codice di procedura penale per uno dei reati previsti dal decreto legislativo 10 marzo 2000, n. 74, i termini dell accertamento sono raddoppiati relativamente al periodo di imposta in cui è stata commessa la violazione. Idem ai fini delle imposte dirette l art. 43 del D.P.R. n. 600/1973 prevede che in caso di violazione che comporta obbligo di denuncia ai sensi dell articolo 331 del codice di procedura penale per uno dei reati previsti dal decreto legislativo 10 marzo 2000, n. 74, i termini dell accertamento sono raddoppiati relativamente al periodo di imposta in cui è stata commessa la violazione. 25 In particolare si veda l art del codice civile: le scritture devono essere conservate per dieci anni dalla data dell ultima registrazione. Per lo stesso periodo devono conservarsi le fatture, le lettere e i telegrammi ricevuti e le copie delle fatture, delle lettere e dei telegrammi spediti. Si veda anche l art. 22 del D.P.R. n. 600/1973: Le scritture contabili obbligatorie ai sensi del presente decreto, di altre leggi tributarie, del codice civile o di leggi speciali devono essere conservate fino a quando non siano definiti gli accertamenti relativi al corrispondente periodo di imposta, anche oltre il termine stabilito dall art del codice civile o da altre leggi tributarie. 9. Cosa succede se non si invia l impronta e se ne invia una errata? L Agenzia non ha espressamente precisato le potenziali sanzioni a carico dei contribuenti che non inviano nei termini l impronta o spediscono un impronta errata e commettono errori nella compilazione della comunicazione di invio dell impronta all Agenzia delle Entrate. Nella circ. n. 36/E, al punto 7.3, è stato precisato che anche se le irregolarità nel processo di conservazione dei documenti fiscalmente rilevanti non siano tali da giustificare il ricorso a metodi induttivi di accertamento, al contribuente potranno essere irrogate le sanzioni di cui all art. 9 del D.Lgs. 18 dicembre 1997, n Tale articolo prevede che: Chi non tiene o non conserva secondo le prescrizioni le scritture contabili, i documenti e i registri previsti dalle leggi in materia di imposte dirette e di imposta sul valore aggiunto ovvero i libri, i documenti e i registri, la tenuta e la conservazione dei quali è imposta da altre disposizioni della legge tributaria, è punito con la sanzione amministrativa da lire due milioni a lire quindici milioni. Nella circ. n. 36/E è stato ulteriormente precisato che: in sede di controllo è demandata ai verificatori la valutazione delle irregolarità commesse nel processo di conservazione dei documenti informatici, al fine di orientare l eventuale attività di accertamento e di rettifica. 26 È da valutare se l invio dell impronta sia da considerare successivo alla chiusura del processo di conservazione.

Le novità in tema di impronte degli archivi

Le novità in tema di impronte degli archivi Convegno organizzato da Associazione ICT Dott.Com Le novità in tema di impronte degli archivi Direzione Regionale del Piemonte a cura di Sandra Migliaccio Ufficio Fiscalità Generale 1 23 novembre 2012

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. PROT. N. 2010/143663 Provvedimento attuativo della comunicazione dell impronta relativa ai documenti informatici rilevanti ai fini tributari, ai sensi dell articolo 5 del decreto 23 gennaio 2004. IL DIRETTORE

Dettagli

La tenuta e la conservazione delle scritture contabili con modalità informatiche: regole e novità

La tenuta e la conservazione delle scritture contabili con modalità informatiche: regole e novità Focus di pratica professionale di Luca Signorini La tenuta e la conservazione delle scritture contabili con modalità informatiche: regole e novità Introduzione Da tempo l informatica costituisce parte

Dettagli

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: NOVITÀ

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: NOVITÀ CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: NOVITÀ a cura del Col. t.st Danilo PETRUCELLI Comandante del Nucleo PT Torino Guardia di Finanza Politecnico di Torino, 25 novembre 2011 Sviluppo tecnologico

Dettagli

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: ANALISI E CONTROLLO

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: ANALISI E CONTROLLO CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: ANALISI E CONTROLLO a cura del Ten.Col. t.st Gaetano Cutarelli Comandante del I Gruppo Tutela Entrate del Nucleo Polizia Tributaria Torino della Guardia

Dettagli

Roma, 29 febbraio 2012

Roma, 29 febbraio 2012 CIRCOLARE N. 5/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 febbraio 2012 OGGETTO: Quesiti riguardanti la comunicazione dell impronta relativa ai documenti informatici rilevanti ai fini tributari, ai sensi

Dettagli

L esibizione dei documenti rilevanti ai fini tributari in caso di accessi, ispezioni e verifiche

L esibizione dei documenti rilevanti ai fini tributari in caso di accessi, ispezioni e verifiche L esibizione dei documenti rilevanti ai fini tributari in caso di accessi, ispezioni e verifiche Dott. Antonio Nuzzolo Funzionario Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Ufficio Adempimenti e procedure

Dettagli

Vantaggi della conservazione sostitutiva dei documenti rilevanti ai fini fiscali

Vantaggi della conservazione sostitutiva dei documenti rilevanti ai fini fiscali Vantaggi della conservazione sostitutiva dei documenti rilevanti ai fini fiscali 1 Libri contabili tenuti in forma cartacea Libri contabili tenuti con sistemi meccanografici Libri contabili elettronici

Dettagli

Manuale d uso del Sistema di e-procurement

Manuale d uso del Sistema di e-procurement Manuale d uso del Sistema di e-procurement Guida all utilizzo del servizio di generazione e trasmissione delle Fatture Elettroniche sul Portale Acquisti in Rete Data ultimo aggiornamento: 03/06/2014 Pagina

Dettagli

ARCHIVIAZIONE E. Obblighi & Opportunità. 8 Gennaio 2010

ARCHIVIAZIONE E. Obblighi & Opportunità. 8 Gennaio 2010 ARCHIVIAZIONE E CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA Obblighi & Opportunità 8 Gennaio 2010 Conservazione di documenti dal 2000 al 2006 2 MEMORIZZAZIONE, ARCHIVIAZIONE, CONSERVAZIONE 3 COSA SERVE 4 DOCUMENTO INFORMATICO

Dettagli

LA VERIFICA FISCALE SUI DOCUMENTI INFORMATICI. 16 gennaio 2009

LA VERIFICA FISCALE SUI DOCUMENTI INFORMATICI. 16 gennaio 2009 LA VERIFICA FISCALE SUI DOCUMENTI INFORMATICI 16 gennaio 2009 Premessa La dematerializzazione dei documenti: esigenze comuni alle imprese e all Amministrazione Finanziaria; DM 23/01/2004; Delibera CNIPA

Dettagli

ASPETTI LEGALI PER LA TRASMISSIONE E CONSERVAZIONE DELLA FATTURA ELETTRONICA

ASPETTI LEGALI PER LA TRASMISSIONE E CONSERVAZIONE DELLA FATTURA ELETTRONICA ROMA, 14 OTTOBRE 2005 ASPETTI LEGALI PER LA TRASMISSIONE E CONSERVAZIONE DELLA FATTURA ELETTRONICA Prof. Avv. Benedetto Santacroce IL PUNTO NORMATIVO FATTURAZIONE ELETTRONICA Direttiva 2001/115/CE Stabilisce

Dettagli

Notizie e aggiornamenti normativi che riguardano la dematerializzazione e l archiviazione elettronica dei documenti.

Notizie e aggiornamenti normativi che riguardano la dematerializzazione e l archiviazione elettronica dei documenti. Studio TEOREMA SERVIZI di A. Drappero News di aggiornamento Agenda per l Italia digitale Archiviazione conservativa dei Modelli 770 software dedicato I punti di forza: a) Unica installazione in grado di

Dettagli

Conservazione sostitutiva di documenti tributari e fatturazione elettronica

Conservazione sostitutiva di documenti tributari e fatturazione elettronica Padova 20 febbraio 2007 Conservazione sostitutiva di documenti tributari e fatturazione elettronica Umberto Zanini Dottore Commercialista e Revisore Contabile in Modena Tel.059/2929777/2929483 Fax 059/2926210

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli TENUTA E CONSERVAZIONE DELLE SCRITTURE CONTABILI CON MODALITA INFORMATICHE Documento n. 27 del 24 ottobre 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma tel.: 06/85.440.1 (fax 06/85.440.223)

Dettagli

Conservazione elettronica della fatturapa

Conservazione elettronica della fatturapa Conservazione elettronica della fatturapa Tanti i dubbi legati agli adempimenti amministrativi e in Unico 2015. Lo scorso 31.03.2015 si è realizzato il definitivo passaggio dalla fattura cartacea a quella

Dettagli

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista 1/5 OGGETTO CONSERVAZIONE DELLE FATTURE ELETTRONICHE (DOCUMENTI INFORMATICI) CLASSIFICAZIONE DT IVA FATTURAZIONE ELETTRONICA 20.020.021 RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 1 CO. 209-214 L. 24.12.2007 N. 244 (LEGGE

Dettagli

La Conservazione Sostitutiva dei Libri Contabili alla luce delle novità normative. Relatore Avv. Valentina Frediani

La Conservazione Sostitutiva dei Libri Contabili alla luce delle novità normative. Relatore Avv. Valentina Frediani La Conservazione Sostitutiva dei Libri Contabili alla luce delle novità normative Relatore Avv. Valentina Frediani 2 La conservazione elettronica dei documenti e le formalità da rispettare L argomento

Dettagli

La conservazione della fattura elettronica e della pec

La conservazione della fattura elettronica e della pec Confindustria Firenze 17 luglio 2014 La conservazione della fattura elettronica e della pec Relatore Avv. Chiara Fantini Of Counsel Studio Legale Frediani - Partner DI & P Srl Indice Quadro normativo in

Dettagli

Circolare N.167 del 14 dicembre 2011. Obbligo di conservazione delle e-mail a contenuto giuridico-commerciale

Circolare N.167 del 14 dicembre 2011. Obbligo di conservazione delle e-mail a contenuto giuridico-commerciale Circolare N.167 del 14 dicembre 2011 Obbligo di conservazione delle e-mail a contenuto giuridico-commerciale Obbligo di conservazione delle e-mail a contenuto giuridico-commerciale Gentile cliente con

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE Modello ANR/3 IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE DICHIARAZIONE PER L IDENTIFICAZIONE DIRETTA, DI VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non

Dettagli

UNICO 2000: il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione

UNICO 2000: il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione Pag. 2322 n. 17/2000 29/04/2000 : il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - (DPC) del 20 aprile 2000, pubblicato in Gazzetta

Dettagli

Conservazione delle fatture su supporto informatico: le regole da seguire

Conservazione delle fatture su supporto informatico: le regole da seguire Fattura elettronica Conservazione delle fatture su supporto informatico: le regole da seguire di Francesco Scopacasa Codice civile Normativa tributaria Validità fiscale La possibilità di conservare su

Dettagli

programma di informatica e sistemi informativi

programma di informatica e sistemi informativi programma di informatica e sistemi informativi Catania, 18 giugno 2008 1 Programma per gli esami di abilitazione nozioni di base di informatica: bit, Byte, Ram, Rom, linguaggi di programmazione, funzionamento

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE Modello ANR/2 IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE DICHIARAZIONE PER L IDENTIFICAZIONE DIRETTA, DI VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non

Dettagli

Termini e modalità di presentazione del 770/2014. La presentazione entro il 31 luglio 2014

Termini e modalità di presentazione del 770/2014. La presentazione entro il 31 luglio 2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 190 16.07.2014 Termini e modalità di presentazione del 770/2014 La presentazione entro il 31 luglio 2014 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria:

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. Individuazione degli elementi informativi e definizione delle modalità tecniche e dei termini relativi alla trasmissione degli elenchi di cui all articolo 37, commi 8 e 9, del decreto legge 4 luglio 2006,

Dettagli

La conservazione digitale nello studio professionale

La conservazione digitale nello studio professionale La conservazione digitale nello studio professionale 20.10.2015 Relatore: Dott. Fabrizio Scossa Lodovico OPEN Dot Com Spa Fattura P.A. Facile Pag. 1 FONTI NORMATIVE Codice Civile: artt. da 2214 a 2220

Dettagli

Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione

Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione Prof. Avv. Giusella Finocchiaro Studio legale Finocchiaro www. studiolegalefinocchiaro.it 1 Il quadro normativo Percorso lungo e complesso: normativa

Dettagli

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA I documenti contabili e fiscali rappresentano circa l 80% dei documenti prodotti da un azienda, dunque rappresentano anche il maggior costo di gestione documentale. Se l azienda

Dettagli

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE D.M. 23 gennaio 2004: Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione in diversi tipi di supporto. (Pubblicato nella G.U. n. 27 del 3 febbraio

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: IL NUOVO OBBLIGO CON DECORRENZA DAL 31 MARZO 2015

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: IL NUOVO OBBLIGO CON DECORRENZA DAL 31 MARZO 2015 Segnalazioni Novità Prassi Interpretative LA FATTURAZIONE ELETTRONICA NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: IL NUOVO OBBLIGO CON DECORRENZA DAL 31 MARZO 2015 A partire dal 31 marzo 2015 scatterà

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATICI CONSERVAZIONE e RIPRODUZIONE ai FINI degli OBBLIGHI FISCALI

DOCUMENTI INFORMATICI CONSERVAZIONE e RIPRODUZIONE ai FINI degli OBBLIGHI FISCALI Circolare informativa per la clientela Settembre Nr. 2 DOCUMENTI INFORMATICI CONSERVAZIONE e RIPRODUZIONE ai FINI degli OBBLIGHI FISCALI In questa Circolare 1. Codice dell amministrazione digitale 2. Modifiche

Dettagli

(G.U. 3 febbraio 2004, n. 27) IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

(G.U. 3 febbraio 2004, n. 27) IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 23 gennaio 2004 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione in diversi tipi di (G.U. 3 febbraio 2004, n. 27) IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

OPENKEY S.r.l. - Via Luigi Dari, 14-63100, Ascoli Piceno (AP) - http://www.openkey.it - info@openkey.it 158/E RISOLUZIONE N.

OPENKEY S.r.l. - Via Luigi Dari, 14-63100, Ascoli Piceno (AP) - http://www.openkey.it - info@openkey.it 158/E RISOLUZIONE N. RISOLUZIONE N. 158/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 15 giugno 2009 OGGETTO: Consulenza giuridica Associazione e Ordini Professionali D.M. 23 gennaio 2004 e fatturazione elettronica risposta

Dettagli

Civitanova Marche, 12 ottobre 2012

Civitanova Marche, 12 ottobre 2012 A.FO.PROF.. Associazione Formazione Professionisti degli Ordini dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino, Ascoli Piceno e Fermo Corso di aggiornamento professionale Verso

Dettagli

Dottore Commercialista Revisore Contabile

Dottore Commercialista Revisore Contabile LA FATTURAZIONE ELETTRONICA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ALLA LUCE DEL DECRETO ATTUATIVO a cura del Dott. Vito e in Bitonto (BA) E stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 2013, n. 118

Dettagli

I termini di stampa dei registri e libri contabili

I termini di stampa dei registri e libri contabili ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 19 5 DICEMBRE 2015 I termini di stampa dei registri e libri contabili Copyright 2015 Acerbi

Dettagli

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2015 Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali Copyright 2015

Dettagli

VADEMECUM PER LA STAMPA E LA CONSERVAZIONE OTTICA DEI REGISTREI CONTABILI

VADEMECUM PER LA STAMPA E LA CONSERVAZIONE OTTICA DEI REGISTREI CONTABILI VADEMECUM PER LA STAMPA E LA CONSERVAZIONE OTTICA DEI REGISTREI CONTABILI Come noto, le imprese / lavoratori autonomi, in relazione ai registri contabili nonché, limitatamente alle imprese in contabilità

Dettagli

Di cosa stiamo parlando?

Di cosa stiamo parlando? Genova, 17 novembre 2010 Di cosa stiamo parlando?..del passaggio culturale, sociologico, economico e, quindi, giuridico da un documento pesante e statico ad un documento dinamico, che si condivide e che

Dettagli

Documenti informatici, efficacia probatoria, identità digitale e crimini informatici

Documenti informatici, efficacia probatoria, identità digitale e crimini informatici Documenti informatici, efficacia probatoria, identità digitale e crimini informatici Guido Scorza gscorza@guidoscorza.it www.guidoscorza.it Se dopo oltre dieci anni di firme e documenti informatici siamo

Dettagli

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE Prot. n. 2015/13193 Approvazione del modello per la richiesta di accesso alla procedura di collaborazione volontaria per l emersione ed il rientro di capitali detenuti all estero e per l emersione nazionale.

Dettagli

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI Gli aggiornamenti più recenti rateizzazioni comunicazioni di irregolarità accertamenti esecutivi aggiornamento agosto 2014 CONTROLLO

Dettagli

ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA

ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA Seminario di formazione LE INDAGINI FINANZIARIE Milano, 1 luglio 2008 ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE

Dettagli

LA GESTIONE DELLE LETTERE DI INTENTO DAL 2015

LA GESTIONE DELLE LETTERE DI INTENTO DAL 2015 Lecco, 12 gennaio 2015 Alla Spettabile Clientela LA GESTIONE DELLE LETTERE DI INTENTO DAL 2015 Il c.d. Decreto Semplificazioni (D.L. n.175/14) ha mutato le regole di gestione delle lettere di intento,

Dettagli

CIRCOLARE n. 7/2015 1

CIRCOLARE n. 7/2015 1 CIRCOLARE n. 7/2015 1 Milano, 19 marzo 2015 Oggetto: Fatturazione elettronica nei confronti della Pubblica Amministrazione- Estensione dal 31.3.2015 Premessa Dal 31.3.2015 diviene generalizzato l obbligo

Dettagli

VADEMECUM VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi P a g i n a 1 Aggiornamento 30 giugno 2014 VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

Dettagli

FATTURA ELETTRONICA. non solo verso la pubblica amministrazione

FATTURA ELETTRONICA. non solo verso la pubblica amministrazione FATTURA ELETTRONICA non solo verso la pubblica amministrazione Fattura Emissione documento IVA cartaceo prestampato personalizzato da tipografia Registrazione documento IVA registri IVA manuali registri

Dettagli

Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici. Decreto 23 gennaio 2004. art.. 1) Definizioni (art(

Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici. Decreto 23 gennaio 2004. art.. 1) Definizioni (art( Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici Decreto 23 gennaio 2004 Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento politiche fiscali Ufficio tecnologie informatiche

Dettagli

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 2 09 GENNAIO 2016 Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali Copyright 2016

Dettagli

Firenze, 11 giugno 2013 A cura del Dott. Paolo Petrangeli

Firenze, 11 giugno 2013 A cura del Dott. Paolo Petrangeli Gli adempimenti fiscali delle Camere di Commercio Firenze, 11 giugno 2013 A cura del Dott. Paolo Petrangeli D.p.r. 322/1998 Sono obbligati alla presentazione per via telematica delle previste dal decreto

Dettagli

Intermediari fiscali sotto controllo dell Agenzia

Intermediari fiscali sotto controllo dell Agenzia Intermediari fiscali sotto controllo dell Agenzia Omissioni, tardività e forzature degli invii telematici producono verifiche sul loro operato. Tardività, omissioni e forzature degli invii telematici producono

Dettagli

La conservazione sostitutiva delle fatture elettroniche ed analogiche

La conservazione sostitutiva delle fatture elettroniche ed analogiche Articolo pubblicato sulla rivista tributaria L IVA n.5/2006 -Wolters Kluver Italia Srl La conservazione sostitutiva delle fatture elettroniche ed analogiche Dott.Giorgio Confente Agenzia delle Entrate

Dettagli

CIRCOLARE N.9/E. Roma, 3 marzo 2011

CIRCOLARE N.9/E. Roma, 3 marzo 2011 CIRCOLARE N.9/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 3 marzo 2011 OGGETTO: Articolo 2, comma 1, decreto-legge 29 dicembre 2010, n. 225, convertito con modificazioni dalla legge 26 febbraio

Dettagli

OGGETTO: Nuove regole di utilizzo dell F24 dal 01.10.2014

OGGETTO: Nuove regole di utilizzo dell F24 dal 01.10.2014 CIRCOLARE N. 7/2014 UMBERTIDE, 25 SETTEMBRE 2014 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Nuove regole di utilizzo dell F24 dal 01.10.2014 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo

Dettagli

Documento. n. 6. La fatturazione elettronica

Documento. n. 6. La fatturazione elettronica Documento n. 6 La fatturazione elettronica Gennaio 2010 LA FATTURAZIONE ELETTRONICA LA FATTURAZIONE ELETTRONICA Sommario: 1. La fattura elettronica. 2. La conservazione sostitutiva dei documenti a rilevanza

Dettagli

La nuova dichiarazione d intento

La nuova dichiarazione d intento La nuova dichiarazione d intento Settore Fisco e Diritto d Impresa Questo materiale è predisposto da Assolombarda per i propri associati. Ogni altra forma di utilizzo o riproduzione non è consentita senza

Dettagli

Adempimenti e problematiche di Diritto Societario di Viviana Grippo

Adempimenti e problematiche di Diritto Societario di Viviana Grippo Adempimenti e problematiche di Diritto Societario di Viviana Grippo Bollo virtuale: in scadenza il 2013 Il prossimo 31 gennaio 2013 scadono sia il versamento dell imposta di bollo virtuale dovuta sui libri

Dettagli

NUOVE MODALITÀ DI ATTUAZIONE DEGLI OBBLIGHI FISCALI INERENTI AI DOCUMENTI INFORMATICI CON RILEVANZA TRIBUTARIA

NUOVE MODALITÀ DI ATTUAZIONE DEGLI OBBLIGHI FISCALI INERENTI AI DOCUMENTI INFORMATICI CON RILEVANZA TRIBUTARIA Segnalazioni Novità Prassi Interpretative NUOVE MODALITÀ DI ATTUAZIONE DEGLI OBBLIGHI FISCALI INERENTI AI DOCUMENTI INFORMATICI CON RILEVANZA TRIBUTARIA Il decreto del Ministro dell economia e delle finanze

Dettagli

5 PER MILLE 2013: DOMANDA DI ISCRIZIONE ENTRO IL 7 MAGGIO 2013 E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI

5 PER MILLE 2013: DOMANDA DI ISCRIZIONE ENTRO IL 7 MAGGIO 2013 E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI SERVIZIO FISCALE CIRCOLARE 14.2013 24/04/2013 5 PER MILLE 2013: DOMANDA DI ISCRIZIONE ENTRO IL 7 MAGGIO 2013 E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI (Circolare Agenzia Entrate n. 6/E del 21/03/2013 - D.P.C.M. 23/04/2010)

Dettagli

Schede operative PEC. I soggetti che interagiscono con il sistema di posta elettronica certificata

Schede operative PEC. I soggetti che interagiscono con il sistema di posta elettronica certificata PEC Il servizio di posta elettronica certificata Il presente lavoro si propone di illustrare le principali caratteristiche del nuovo servizio di posta elettronica certificata, che rappresenta uno dei sistemi

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Il Presidente del Consiglio dei Ministri Visto l articolo 1, comma 337, della legge 23 dicembre 2005, n. 266, che prevede per l anno finanziario 2006, a titolo sperimentale, la destinazione in base alla

Dettagli

I termini di stampa dei registri e libri contabili

I termini di stampa dei registri e libri contabili ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 19 8 OTTOBRE 2014 I termini di stampa dei registri e libri contabili Copyright 2014 Acerbi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 220/E. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del D.M. 23 gennaio 2004, è stato esposto il seguente

RISOLUZIONE N. 220/E. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del D.M. 23 gennaio 2004, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 220/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 13 agosto 2009 OGGETTO: Istanza di interpello - Art. 11 della legge n. 212 del 2000 - Conservazione sostitutiva dei documenti analogici

Dettagli

Indice. 2. Conservazione digitale a Norma: requisiti e tempistiche ------------------------------------------------------------- 11

Indice. 2. Conservazione digitale a Norma: requisiti e tempistiche ------------------------------------------------------------- 11 1 2 Indice 1.1 Cos è la Conservazione digitale a Norma? --------------------------------------------------------------------------------------------- 6 1.2 Quali sono le condizioni da rispettare, indipendentemente

Dettagli

CIRCOLARE N. 16/E. OGGETTO: Risposte a quesiti in materia di controllo delle compensazioni Iva Nuovo canale di assistenza dedicato

CIRCOLARE N. 16/E. OGGETTO: Risposte a quesiti in materia di controllo delle compensazioni Iva Nuovo canale di assistenza dedicato CIRCOLARE N. 16/E Roma, 19 aprile 2011 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Risposte a quesiti in materia di controllo delle compensazioni Iva Nuovo canale di assistenza dedicato 2 INDICE

Dettagli

Gli elementi comunemente contenuti nella fattura, sia cartacea che elettronica, sono:

Gli elementi comunemente contenuti nella fattura, sia cartacea che elettronica, sono: Fattura elettronica: caratteristiche e vantaggi La legge per tutti.it Stefano Veltri Il recente decreto sviluppo ha modificato la disciplina sulla fattura elettronica, allo scopo di favorirne la diffusione.

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI

IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI Chiarimenti della Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 31/E del 30 dicembre 2014 L art.

Dettagli

FATTURA PA:TRASMISSIONE E CONSERVAZIONE PASSEPARTOUT

FATTURA PA:TRASMISSIONE E CONSERVAZIONE PASSEPARTOUT FATTURA PA:TRASMISSIONE E CONSERVAZIONE PASSEPARTOUT Aggiornato al 23-03-2015 Le fatture emesse nei confronti della Pubblica Amministrazione dovranno essere emesse esclusivamente in forma elettronica:

Dettagli

Contribuenti obbligati alla presentazione di Unico Enc

Contribuenti obbligati alla presentazione di Unico Enc E TEMPO DI DICHIARAZIONE DEI REDDITI ANCHE PER GLI ENTI NON COMMERCIALI (Enc) Unico Enti non commerciali ed equiparati (Unico Enc) è un modello unificato che permette di presentare la dichiarazione dei

Dettagli

CIRCOLARE N. 58/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma 17 ottobre 2008

CIRCOLARE N. 58/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma 17 ottobre 2008 CIRCOLARE N. 58/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma 17 ottobre 2008 Oggetto: Trasferimento di quote di S.r.l. Art. 36 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni,

Dettagli

APPENDICE DI AGGIORNAMENTO

APPENDICE DI AGGIORNAMENTO FINANZE & LAVORO GRUPPO EDITORIALE ESSELIBRI SIMONE APPENDICE DI AGGIORNAMENTO AL VOLUME FL229 EDIZIONE/2003 I LIBRI CONTABILI E FISCALI Tenuta, aggiornamento e conservazione Tale appendice è scaricabile

Dettagli

La fatturazione elettronica: attualità e prospettive delle documentazione digitale in azienda. Gea Arcella Notaio garcella@notariato.

La fatturazione elettronica: attualità e prospettive delle documentazione digitale in azienda. Gea Arcella Notaio garcella@notariato. La fatturazione elettronica: attualità e prospettive delle documentazione digitale in azienda Gea Arcella Notaio garcella@notariato.it La fatturazione elettronica e le scritture contabili informatiche

Dettagli

In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE Prot. n. 2010/184182 In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE 1. Soggetti obbligati alla comunicazione 1.1 Sono obbligati alla comunicazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2014 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2014 Le regole di compensazione del credito IVA relativo all anno 2013 Il visto

Dettagli

ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale della Toscana Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI

Dettagli

CIRCOLARE - AGENZIA ENTRATE - 6 dicembre 2006, n. 36/E

CIRCOLARE - AGENZIA ENTRATE - 6 dicembre 2006, n. 36/E CIRCOLARE - AGENZIA ENTRATE - 6 dicembre 2006, n. 36/E OGGETTO: Decreto ministeriale 23 gennaio 2004 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici e alla loro riproduzione

Dettagli

Dott. Filippo Caravati Convegno - Audit Intermediari 1

Dott. Filippo Caravati Convegno - Audit Intermediari 1 Dott. Filippo Caravati Convegno - Audit Intermediari 1 Dott. Filippo Caravati Convegno - Audit Intermediari 2 Circolare Agenzia Entrate n. 6/E del 2002 4.3 Documentazione da rilasciare ai contribuenti

Dettagli

Modalità di presentazione delle dichiarazioni dei redditi, dei sostituti d imposta, IVA e IRAP: il testo aggiornato del D.P.R. 22 luglio 1998, n.

Modalità di presentazione delle dichiarazioni dei redditi, dei sostituti d imposta, IVA e IRAP: il testo aggiornato del D.P.R. 22 luglio 1998, n. Pag. 906 n. 8/2000 26/02/2000 Modalità di presentazione delle dichiarazioni dei redditi, dei sostituti d imposta, IVA e IRAP: il testo aggiornato del D.P.R. 22 luglio 1998, n. 322 Decreto del Presidente

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE CONCERNENTE:

REGOLAMENTO REGIONALE CONCERNENTE: REGOLAMENTO REGIONALE CONCERNENTE: Disposizioni attuative ed integrative dell articolo 1, commi da 111 a 122, della legge regionale 13 agosto 2011 n. 12 in materia di Bollettino Ufficiale telematico della

Dettagli

ARCHIVIA PLUS SPEDIZIONE IMPRONTA ARCHIVIO FISCALE

ARCHIVIA PLUS SPEDIZIONE IMPRONTA ARCHIVIO FISCALE ARCHIVIA PLUS SPEDIZIONE IMPRONTA ARCHIVIO FISCALE Istruzioni per la spedizione delle impronte Versione n. 2011.12.16 Data : 16.12.2011 Redatto da: Luca Mattioli, Veronica Gimignani, Massimiliano Baldinelli

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

Circolare del 29/02/2012 n. 5 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa

Circolare del 29/02/2012 n. 5 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Circolare del 29/02/2012 n. 5 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Quesiti riguardanti la comunicazione dellimpronta relativa ai documenti informatici rilevanti ai fini tributari, ai

Dettagli

Appare evidente come l innovazione tecnologica

Appare evidente come l innovazione tecnologica ICT E DIRITTO Rubrica a cura di Antonio Piva, David D Agostini Scopo di questa rubrica è di illustrare al lettore, in brevi articoli, le tematiche giuridiche più significative del settore ICT: dalla tutela

Dettagli

C.C.I.A.A. DI PADOVA 29 NOVEMBRE 2011 LA DEMATERIALIZZAZIONE DEI LIBRI CONTABILI

C.C.I.A.A. DI PADOVA 29 NOVEMBRE 2011 LA DEMATERIALIZZAZIONE DEI LIBRI CONTABILI C.C.I.A.A. DI PADOVA 29 NOVEMBRE 2011 LA DEMATERIALIZZAZIONE DEI LIBRI CONTABILI GLI ARGOMENTI DI OGGI Processi e definizioni Informatiche Normative Dematerializzazione di documenti e scritture Nella gestione

Dettagli

Disposizioni di attuazione dell articolo 23, comma 41, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98. IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Disposizioni di attuazione dell articolo 23, comma 41, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98. IL DIRETTORE DELL AGENZIA N. 2011/185905 Disposizioni di attuazione dell articolo 23, comma 41, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98. IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

Antonio G. Esposito Dottore Commercialista Revisore Contabile

Antonio G. Esposito Dottore Commercialista Revisore Contabile 1 Circolare n. 2/2015 Milano, 12 gennaio 2015 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: LA GESTIONE DELLE LETTERE DI INTENTO DAL 2015 Il c.d. Decreto Semplificazioni (D.L. n.175/14) ha mutato le regole di

Dettagli

Prot. n 960/22 Circolare N 3/FEBBRAIO 2015 FEBBRAIO 2015 A tutti i colleghi (*)

Prot. n 960/22 Circolare N 3/FEBBRAIO 2015 FEBBRAIO 2015 A tutti i colleghi (*) Prot. n 960/22 Circolare N 3/FEBBRAIO 2015 FEBBRAIO 2015 A tutti i colleghi (*) L AGENZIA DELLE ENTRATE CON IL PROVVEDIMENTO DIRETTORIALE DEL 23 FEBBRAIO 2015 HA DEFINITO LE MODALITA TECNICHE PER VISUALIZZARE

Dettagli

Fatturazione elettronica adempimento degli obblighi fiscali e tenuta delle scritture contabili mediante strumenti digitali

Fatturazione elettronica adempimento degli obblighi fiscali e tenuta delle scritture contabili mediante strumenti digitali Fatturazione elettronica adempimento degli obblighi fiscali e tenuta delle scritture contabili mediante strumenti digitali Milano, 4 giugno 2004 Avv. Luigi Neirotti Studio Legale Tributario - EYLaw 1 Normativa

Dettagli

La conservazione elettronica dei documenti nell attuale scenario normativo Norme, regole, esempi concreti. Relatore : Mautino Luisella

La conservazione elettronica dei documenti nell attuale scenario normativo Norme, regole, esempi concreti. Relatore : Mautino Luisella La conservazione elettronica dei documenti nell attuale scenario normativo Norme, regole, esempi concreti Relatore : Mautino Luisella INDICE Quadro normativo vigente Documenti da archiviare definizioni

Dettagli