Manuale d uso. Versione manuale 1.0.5

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale d uso. Versione manuale 1.0.5"

Transcript

1 Manuale d uso Versione manuale 1.0.5

2 Indice Introduzione... 4 Requisiti Hardware e Software... 6 Installazione... 7 Nozioni generali e nomenclatura... 9 Elementi dell Interfaccia Utente Altri elementi Impostazioni Generali Cambio Lingua Help Aggiorna About Gestione Progetti Creazione di un Nuovo Progetto Apertura di un Progetto esistente Copia di un intero Progetto o di singoli elementi Cancellazione o rinomina di un Progetto o di elementi associati Salvataggio degli Elementi Layout Designer Nuovo Layout Posizionamento di Primitive e loro configurazione Proprietà generiche delle primitive grafiche Coordinate d origine Font Allineamento Operazione Binaria Proprietà di posizionamento delle primitive alfanumeriche Caratteri Unicode e caratteri speciali Spedizione Dati al Tabellone Preview Primitive Grafiche Testo Fisso Scritta Scorrevole Microgate Pag. 2

3 Data Orologio / Orologio Immagine Fonte Dati Pulisci Area Comando Reset Forte Plug-In Segnapunti Info testuale Misura Comandi Comandi Generali Comandi Tabelloni Led Primitive alfanumeriche Testo Fisso Scritta Scorrevole Data Orologio / Orologio Comando Reset Forte Sequence Editor Nuova Sequenza Carica layout Setta Contatore e Loop Contatore Preview e spedizione della sequenza al tabellone Program Editor Nuovo Programma Salvataggio, spedizione ed esecuzione del listato Cicli e salti Label Loop/Goto Vai a Pause, Reset e Oggetti Attivi Microgate Pag. 3

4 Introduzione.netBoards (evoluzione del precedente MicroBoard) è la soluzione software Microgate per la gestione dei tabelloni MicroTab e MicroGraph (Led e Pixel) tramite un PC. Sviluppato con le più moderne tecnologie software e dotato di una moderna e accattivante interfaccia utente grafica,.netboards si propone come lo strumento per: Layout Designer: Gestire graficamente una serie di elementi come testi, scritte scorrevoli, immagini, date, tempi, disponendoli (con la precisione del singolo pixel-led) su un tabellone virtuale prima di spedirli a quello reale. Configurare in modo semplice e veloce tutti i parametri generali e dei singoli programmi (es. indirizzi di riga e colonna, parametri di connessione Seriale/Ethernet/Wifi/Radio, settaggi di luminosità, impostazione orologi interni, ecc.). Sequence Editor: Creare una serie di layout (es. diverse schermate pubblicitarie che si alternano a informazioni di classifica o di cronometraggio) e spedirli in sequenza a tempi determinati e con possibilità di loop/goto. Program Editor: Creare in modo semplice e veloce dei Programmi da far girare internamente ai tabelloni senza la necessità di essere collegati al pc. Figura 1 - L'interfaccia utente di.netboards Microgate Pag. 4

5 Un ulteriore possibilità del software è quella di fungere da simulatore, agendo da collettore di dati provenienti da dispositivi come cronometri, fotofinish, altri pc dotati di programmi di gestione gare o qualsiasi altro device che parla il protocollo Microgate. In questo caso.netboards diventa quindi un server al quale arrivano le informazioni dinamiche da diversi fonti dati (Data Sources); dopo un eventuale anteprima (Preview Module) o in modalità pass-through i dati possono essere spediti al tabellone insieme agli elementi statici posizionati sul layout. Figura 2 - Diverse Data Sources collegate a.netboards Tramite una serie di plug-in aggiuntivi sviluppati ad-hoc per specifici sport o esigenze (es. hockey, basket, volley, ecc.), è inoltre possibile usare.netboards come un gestore di evento sportivo, dando la possibilità al cronometrista o al giudice di gara di interagire con oggetti pre-configurati come segnapunti, countdown penalità, timers oltre a informazioni fisse come nomi di squadre, atleti, ecc. Microgate Pag. 5

6 LAYOUT DESIGNER SEQUENCE EDITOR PROGRAM EDITOR DataSource REI2 PREVIEW Simulator, Previewer, Listener Send the output to displayboard PLUG-IN MANAGER Figura 3 - Moduli disponibili e Architettura Requisiti Hardware e Software Minimi Consigliati Sistema Operativo Microsoft XP SP3 Vista/7 (32 o 64 bit).net Framework 4.0 (installato dall applicativo se non presente) Ram 1Gb 2 Gb Hard Disk 40 Gb 120 Gb Risoluzione video 1024x x800 o superiori Porte 1 USB (per convertitore USB-SERIAL) e/o 1 porta Ethernet o WiFi Tabelloni MicroGraph o MicroTab a LED o PIX (non sono supportati i tabelloni MicroTab Light, RadioSpeed, LapCounter o quanto non specificato) Tabella 1 - Requisiti hardware/software minimi e consigliati Microgate Pag. 6

7 Installazione Inserire il Dongle USB (chiavetta di protezione con laccetto nero ed etichetta gialla) in una porta USB libera. Questa chiavetta autorizza il software a poter girare e deve essere inserita ogni volta che si usa il programma. Inserire in un altra porta la chiavetta USB contenente tutti i software e manuali Microgate (contrassegnata con un laccetto verde riportante la scritta Microgate User Guide) e navigare nella cartella Software > netboards. Lanciare netboards_installer.exe Microgate Pag. 7

8 Dopo la scompattazione, premere il bottone Next > Dopo l installazione il software crea un icona sul desktop. Lanciare il software Viene chiesto la lingua da usare: Scegliere dalla tendina la lingua e premere il bottone di Conferma. Microgate Pag. 8

9 Nozioni generali e nomenclatura Layout Primitiva Comando Sequenza Programma Progetto Data Source Plug-In Preview Un Layout è la rappresentazione virtuale di un tabellone in configurazione singola o multipla. Ogni layout ha una sua configurazione base che ne identifica il tipo (Micrograph/MicroTab), la tecnologia (a Led o a Pixel) e i suoi parametri di connessione al tabellone fisico. Tramite il modulo Layout Designer possono essere posizionati con la precisione del singolo dot (led o pixel) una serie di elementi grafici chiamati Primitive oppure spediti al tabellone Comandi di configurazione. Elemento grafico posizionabile su di un layout come testi, immagini, scritte scorrevoli, data, ora, ecc. Ogni primitiva dispone di una serie di Proprietà configurabili da un pannello di comando. Alcune di queste proprietà sono generiche e disponibile per tutte le primitive (Coordinate di origine, font, allineamento, ecc.) mentre altre sono specifiche di ogni elemento. Le Primitive si dividono in statiche (come ad esempio le stringhe, le immagini bitmap, ecc.) o dinamiche (orologi, fonti-dati, plug-in). Informazione o Settaggio da mandare al tabellone per una sua configurazione particolare. Esempi di comandi sono il settaggio di ora e data, le impostazioni dei parametri di connessione (seriale, ethernet, wifi, radio), le impostazioni di luminosità per i tabelloni a led, reset vari, ecc. E possibile creare una sequenza di layout precedentemente creati e salvati e spedirli al tabellone in una particolare sequenza e a tempi di permanenza prefissati. Questo ci permette di creare delle successioni di schermate (informazioni, pubblicità, loghi, classifiche, ecc.) da alternare una all altra con tempi e cicli programmabili dall utente. Tutti i tabelloni Microgate consentono di memorizzare al loro interno una serie di comandi da eseguire in sequenza con pause, cicli e salti definiti dall utente (Programma 2 - internal program ). Il modulo Program Editor consente di creare questi programmi e di inviarli al tabellone che li potrà eseguire senza la necessità di essere collegato al pc (cosa necessaria invece per le sequenze di cui sopra). Un Progetto di.netboards non è altro che una cartella di Windows dove salvare i file di tipo.layout,.sequence e.program che memorizzano le informazioni create con i 3 moduli. E un particolare tipo di primitiva che rappresenta una fonte dati come un cronometro, un fotofinish, un software di gestione gare o un qualsiasi dispositivo hardware/software che parla il protocollo tabelloni Microgate. Una Data Source posizionata su di un Layout permette quindi di verificare cosa proviene da un device esterno e di ri-girarlo al tabellone reale con l aggiunta di informazioni statiche. Sono particolari tipi di primitive che oltre al pannello di configurazione hanno anche una serie di elementi (bottoni, textbox di input) che ne permettono il controllo dall ambiente di preview. Un esempio è il Plug-In Segnapunti che altro non è che una cifra in cui 2 bottoni + e ne consentono l incremento o il decremento in modo facile e rapido ad es. da parte di un giudice o cronometrista. L ambiente di Preview è una finestra che si apre in aggiunta a quella principale e che mostra il Layout o la Sequenza nello stesso modo in cui sarà visualizzata sul tabellone. Se ad esempio su di un Layout poniamo un orologio, questo sarà rappresentato da un segnaposto del tipo HH:MM:SS. Nella videata di preview invece vedremo l orologio effettivamente disegnarsi con il suo tempo a correre come sul tabellone. Analogamente una Data Source rappresentata solo da un rettangolo nel Layout Designer, nella Preview Window in modalità Run farà arrivare realmente i dati dal device connesso. Sempre l ambiente di Preview consente di interagire con gli oggetti di tipo Plug-In che dispongono di bottoni o altri controlli e che spediscono direttamente il loro contenuto al tabellone. Microgate Pag. 9

10 Elementi dell Interfaccia Utente Guardando la figura sottostante possiamo dall alto verso il basso identificare i seguenti elementi di base: Menu Principale Contenuto Progetto Finestra principale Contiene i comandi principali per gestire un progetto, aggiungere elementi, e lanciare la finestra del preview. Consente di muoversi tra i tre moduli principali (Layout Designer, Sequence Editor, Program Editor) e di aprire i file precedentemente salvati A seconda del modulo in cui ci si trova, qui vediamo il nucleo del programma con le caratteristiche salienti del contesto (es. le primitive del layout, o le informazioni della sequenza, o i comandi di un programma interno). Nel Layout Designer questa zona prende il nome di Lavagna. Pannello Configurazione Le primitive e i comandi (così come i layout, sequenze e programmi) possono essere configurate tramite dei pannelli di configurazione che si aprono una volta selezionato l elemento. Cambiando una qualsiasi delle proprietà, si ottiene automaticamente (senza bisogno di nessuna conferma) l aggiornamento dell elemento. Toolbar In basso è presente una toolbar di comandi che permettono il posizionamento di primitive, plug-in, comandi, ecc. nel modulo attualmente in esecuzione. E sufficiente fare un solo click su uno degli elementi della toolbar per aggiungere l elemento al contesto. La toolbar è scrollabile da destra verso sinistra nel caso la risoluzione del PC non consenta di visualizzare tutti gli elementi in un unica schermata. Microgate Pag. 10

11 Altri elementi Comandi Ok Cancel Bottone Settings Liste di items In determinate occasioni (es. nella spedizione di Comandi) appaiono due bottoni contraddistinti dalle icone. I due pulsanti sono assimilabili ai classici OK e ANNULLA (Cancel), ovvero il primo conferma l esecuzione del comando, mentre il secondo annulla l operazione chiudendo il pannello su cui si trova. I parametri principali del Layout o di un Program sono modificabili premendo questo bottone che apre l apposito pannello di configurazione eventualmente sostituendo un pannello primitiva/comando precedentemente aperto. Nei Moduli Sequence Editor e Program Editor si avrà a che fare con Liste di Items, ovvero elenchi di elementi che potremmo gestire, spostare, eliminare, ecc. Si parla di item corrente (o selezionato) l elemento che abbiamo cliccato e che è di colore arancione. Comandi Preview Nella finestra di Preview è disponibile una serie di comandi che permettono di operare ul flusso di un Layout o di una Sequenze e più precisamente: - Play/Pause - Stop - Send Zoom Palette Nel Layout Designer e nella Preview Window è possibile Zoomare il contenuto della finestra tramite l apposita Palette. Muovere lo slider (cursore verticale) per ingrandire o ridurre il contenuto della Finestra principale (la stessa operazione può essere fatta anche tenendo premuto il pulsante CTRL e muovendo la rotella centrale del mouse). Il bottone <Fill> ottimizza (massimizzando) la dimensione della finestra principale a quelle del monitor e della risoluzione impostata. Il bottone 1:1 invece ingrandisce al singolo pixel per spostamenti precisi. Microgate Pag. 11

12 Impostazioni Generali Dalla barra di menu principale premere il pulsante Impostazioni che apre il rispettivo Pannello: Figura 4 - Pannello Impostazioni Generali Sono disponibili le seguenti opzioni. Cambio Lingua Scegliere la lingua desiderata tra quelle disponibili dalla tendina e confermare con l apposito pulsante di Ok. Chiudere l applicativo (eventualmente SALVANDO i dati non ancora memorizzati) e rilanciarlo per rendere effettivo il cambio lingua. Help Premere il bottone <apri pdf> per lanciare l esecuzione del vostro Acrobat Reader (o analogo lettore di pdf) e aprire questo documento. Aggiorna Il Software alla sua partenza (una sola volta al giorno) verifica ogni volta via internet se esiste una versione più aggiornata di quella attualmente in esecuzione e in caso affermativo procede allo scaricamento dell update e alla sua installazione. E possibile eseguire questa operazione on-demand ogni volta che si desidera tramite il bottone <controlla updates>. E ovviamente necessario essere collegati alla rete (un messaggio di errore avvisa di mancanza di connessione o di eventuali problemi di collegamento al nostro server). About Visualizza la classica finestra di Informazioni con la versione attualmente installata (utile in caso di supporto tecnico). Microgate Pag. 12

13 Gestione Progetti Un progetto è un contenitore di layouts, sequenze e programmi. Ha un nome (che viene evidenziato nella barra del titolo della finestra in alto) ed è associato ad una cartella sul proprio disco fisso, su uno share di rete o su un qualsiasi supporto di memorizzazione di massa (chiavetta USB, disco esterno, ecc.). Ogni utente è libero di gestire il progetto nella maniera più opportuna; è possibile (ma non consigliabile) usare un unico grande progetto e salvare tutto dentro di esso, oppure ad esempio creare per ogni manifestazione un progetto associato (es. Gara Coppa del Mondo XY, Concorso Ippico YZ ). Mano a mano che si creano nuovi elementi all interno di un progetto questi vengono salvati nella cartella scelta e possono essere aperti e richiamati tramite l opzione Contenuto Progetto. Gli elementi che troviamo sotto le tre tendine, hanno un loro corrispondente file nella cartella. Figura 5 - Contenuto Progetto Figura 6 - La cartella del progetto MyProject contenente i vari items Microgate Pag. 13

14 Creazione di un Nuovo Progetto Creare un nuovo progetto significa indicare al software una cartella dentro la quale salvare gli elementi. Premere il pulsante <Nuovo Progetto> e indicare una cartella vuota già precedentemente creata oppure creata al volo tramite il bottone <Crea Nuova Cartella> (<Make New Folder>). E possibile salvare la cartella in una qualsiasi posizione del disco, anche se consigliamo di raggruppare tutti i progetti sotto un unica locazione (es. C:\netBoards, oppure sotto la propria cartella Documenti). Figura 7 - Creazione di un nuovo progetto/cartella Nel caso indicassimo una cartella già esistente e che contiene già degli elementi salvati, il programma ci avverte con una finestra di dialogo di questo tipo: Figura 8 - Conferma sovrascrittura progetto Premere <Si> o <No> a seconda della volontà di sovrascrivere o meno il progetto esistente. Microgate Pag. 14

15 Apertura di un Progetto esistente Premere il bottone <apri progetto> e scegliere dalla finestra di dialogo la cartella associata al progetto. Compare automaticamente il pannello Contenuto Progetto dal quale scegliere l elemento su cui lavorare. NB. Per elemento si intende un layout, una sequenza o un programma. Nel caso si scelga per errore una cartella in cui non vi è salvato nessun file.netboards, l icona Contenuto Progetto non appare, facendovi così capire che probabilmente avete scelto una cartella errata. Copia di un intero Progetto o di singoli elementi Per copiare un progetto esistente (ad esempio un progetto di template che ci siamo creati come modello di partenza) è sufficiente copiare dall Esplora Risorse di Windows la cartella associata (non esiste nessun file di configurazione o setting di registro oltre alla cartella del progetto). Analogamente, se vogliamo duplicare all interno del progetto un layout, una sequenza o un programma, basta copiare il file sorgente dandogli un altro nome a piacere (mantenendo la stessa estensione). Se il progetto su cui stiamo operando è quello corrente (ovvero abbiamo aperto quel progetto dentro il programma.netboards) per far comparire il nuovo elemento nelle tendine del Contenuto Progetto, è necessario premere il bottone di refresh per eseguire il rescan della cartella. Esempio: voglio copiare il programma esistente MyProgram in MySecondProgram Da Windows apro la cartella del progetto e copio il file Myprogram.program Ritorno dentro.netboards, premo il bottone <refresh> e ho a disposizione il nuovo programma. Cancellazione o rinomina di un Progetto o di elementi associati Analogamente alla copia, per rinominare o cancellare un intero progetto oppure uno degli elementi contenuti,è sufficiente agire dal File System (Esplora Risorse di Windows). Per vedere applicate le operazioni all interno del programma, cliccare sull icona <refresh> che rinfresca ogni volta le tre tendine dei rispettivi elementi. Microgate Pag. 15

16 NOTA: non è possibile cancellare o rinominare il progetto o l elemento correntemente aperto in quanto in uso. Chiudere il progetto, aprendone un altro, oppure chiudere del tutto il programma cliccando l icona X in alto a destra. Figura 9 - Icona di chiusura programma Salvataggio degli Elementi Mano a mano che si creano elementi e si lavora su di essi, è buona norma come in quasi tutti i softwareprovvedere al SALVATAGGIO periodico su disco di quello che stiamo editando. Per fare ciò è sufficiente premere il pulsante <salva> che si occupa di salvare tutti gli elementi non ancora memorizzati. Nel caso chiudessimo il programma, o volessimo aprire (o creare) un nuovo progetto e ci fossero elementi non ancora salvati, il programma ci avverte con una finestra di dialogo: Premendo <SI> il progetto viene salvato e si prosegue con l operazione richiesta; premendo <NO> il progetto NON viene salvato, mentre con <Annulla> l operazione richiesta viene annullata. ATTENZIONE: Per evitare perdite di dati, si consiglia di salvare ad intervalli regolari e comunque dopo ogni modifica rilevante! Microgate Pag. 16

17 Layout Designer E il modulo principale del software che consente di creare elementi grafici e testuali da porre sul tabellone virtuale e poi spedire a quello reale. Nuovo Layout Premere sulla barra del menu principale il bottone <nuovo layout> e configurare i suoi parametri generali Figura 10 - Parametri Nuovo Layout Nome: Tipo: Moduli: Comunicazione Il nome del Layout diventerà anche il nome del file nel quale sarà memorizzato; si prega quindi di attenersi alle normali norme che regolano il naming dei file sotto Windows (evitare caratteri speciali come *? / \, non superare i 255 caratteri, ecc.). Specificare quindi Il tipo di tabellone che vogliamo gestire e più precisamente la tecnologia (Led o Pixel) e il modello (MicroGraph o MicroTab). ATTENZIONE: Queste due informazioni sono le uniche che non sarà possibile cambiare una volta creato il layout; porre quindi attenzione alla scelta. Indicare se il tabellone è singolo (1 riga, 1 colonna) o se stiamo trattando con un configurazione modulare (N righe, x N colonne). Inserire il protocollo di comunicazione e i relativi parametri di connessione. I protocolli Ethernet (cablato) e WiFi sono disponibili solo per i tabelloni a LED. Il protocollo speciale FileOut consente di indicare un file di output dove verranno scritti (in formato binario) i comandi inviati al tabellone. Utile per motivi di debugging del protocollo o per mandare pacchetti di comandi tramite software di terze parti. Confermare i parametri con il bottone. Nel caso volessimo modificare successivamente qualche parametro del Layout, premere il bottone Settings in basso a sinistra Figura 11 - Modifica paramentri generali del Layout Microgate Pag. 17

18 Posizionamento di Primitive e loro configurazione Una volta impostati i parametri generali del Layout è possibile iniziare a posizionare sulla lavagna virtuale del software alcune primitive e cambiare alcuni dei loro parametri. Per fare ciò cliccare (una sola volta, non fare doppio click o trascinare) dalla toolbar posta in basso, il bottone corrispondente alla primitiva da aggiungere. La primitiva viene SEMPRE posizionata con l origine in 0,0 ovvero nell angolo in alto a sinistra del tabellone. Questo significa che se clicchiamo 3 volte sullo stesso bottone (es. <testo fisso> ) aggiungerò 3 primitive testo una sopra l altra. E consigliabile quindi aggiungere una primitiva alla volta, configurandola e spostandola nella posizione voluta prima di aggiungerne di altre dello stesso tipo. Figura 12 - Creazione di una primitiva Una volta creata la primitiva questa è selezionabile (click del mouse) e spostabile all interno del tabellone virtuale. Un rettangolo tratteggiato che circonda la primitiva ci indica quale è quella corrente e a cui si riferisce il pannello di configurazione che si auto-apre ad ogni selezione. Figura 13 - Rettangolo di selezione attorno alla primitiva e suo pannello di configurazione Microgate Pag. 18

19 Le primitive possono essere spostate con il mouse muovendole a piacere, oppure variando numericamente le loro coordinate Start X e Start Y (fanno eccezioni i tabelloni MicroTab PIX che non dispongono del protocollo GRAFICO ma solo ALFANUMERICO e quindi gli spostamenti delle loro primitive possono avvenire solo a scatti di righe e colonne). Zoomando molto lo schermo (o cliccando l icona 1:1) si riesce comunque ad ottenere la massima precisione muovendosi di punto in punto (led o pixel). Cliccando su un punto VUOTO qualsiasi della lavagna (finestra principale), si deseleziona la primitiva corrente; tenendo premuto il mouse il cursore si trasforma in una croce ed è possibile spostare (PAN) la lavagna nella direzione desiderata. Se involontariamente abbiamo spinto il tabellone fuori dalla nostra lavagna, col bottone <Fill> lo possiamo far ricomparire. Figura 14 - Cursore PAN, e Zoom-toolbar Alcune primitive (data, ora, scritta scorrevole, data source) quando sono posizionate sulla lavagna del Layout Designer assumono un placeholder (segnaposto) che ne indica solamente il tipo e la posizione. Successivamente nel modulo Preview, una volta messo in Run mode tramite il pulsante <play>, la primitiva assumerà le sembianze reali. Figura 15 - Primitive in Design Mode Figura 16 - Primitive in Run Mode Microgate Pag. 19

20 Proprietà generiche delle primitive grafiche Tutte le primitive (nei tabelloni che supportano il protocollo grafico ovvero i tabelloni a Led e il MicroGraph PIX) dispongono delle seguenti proprietà: Coordinate d origine Tramite le proprietà StartX e StartY si identifica la posizione della primitiva rispetto al suo punto di origine. Tale punto dipende dalla proprietà allineamento (vedi sotto). Font Sono disponibili 9 font con dimensioni diverse e più precisamente: Default: è il font settato come standard dentro il tabellone. Nel software.netboards viene rappresentato sempre come un Medium Proportional ma sul tabellone potrebbe essere impostato su un altro font. Medium Proportional e Fixed: sono due font di medie dimensioni, il primo con caratteri di larghezza proporzionale (es. la W occupa più spazio della I ), mentre il secondo con larghezza fissa (come il Courier di Windows, utile per incolonnare nomi e numeri). Small, Large: presenti solo nei MicroGraph sono due font di dimensioni rispettivamente piccole (1/3 di tabelloni) e grandi (1/1 di tabellone) Narrow: presente solo nei MicroTab Led è un font molto stretto quando si hanno esigenze di scritte compatte Special e Special2: sono font solo numerici per particolari applicazioni e tenuti per retro-compatibilità con alcuni cronometri. Nei tabelloni MicroGraph, Special2 è un font full-size (alto 32 punti) mentre Special ha l ultima file di led vuota per consentire la gestione multi-riga Unicode Medium e Large: equivalenti al Medium Proportional e al Large ma contenenti tutti i caratteri cinesi (oltre 26000), giapponesi, greci e cirillici. Figura 17 - Esempio di font: small, medium prop, medium fix, large, special1, special2, unicode medium e unicode large Microgate Pag. 20

21 Allineamento Consente di variare il punto di origine di una primitiva. L allineamento di default (Left = Sinistra) indica che il punto di origine è in alto a sinistra, quello Right in alto a destra e quello Center sempre in alto ma centrato rispetto all ingombro totale. Figura 18 - Esempi di allineamento Left, Center, Right ATTENZIONE: Scegliendo Allineamento DESTRO (Right) di una primitiva con coordinate 0,0 otterremo il posizionamento della primitiva FUORI dal tabellone, con la conseguente non visualizzazione su quello reale. Una volta cambiato l allineamento, riposizionare quindi la primitiva nel giusta posizione. Operazione Binaria Consente di specificare una modalità binaria di disegno dei led/pixel diversa da quella Normale. Sono possibili operazioni di Not, And, Or e Xor. Le stesse operazioni sono inoltre abbinabili al flag Don t Update (tenuto per compatibilità con i tabelloni a pixel) che permette di inviare N elementi al tabellone e aggiornare solo alla fine la visualizzazione. Specificando NOT si ottiene l inversione del colore dei punti. Utile ad esempio da usare in combinazione con la primitiva Pulisci Area per disegnare rettangoli pieni. Le operazioni binarie NON sono visualizzate dal software (neppure in anteprima nel modulo Preview) ma solo sui tabelloni reali. Figura 19 - Operazioni binarie Microgate Pag. 21

22 Proprietà di posizionamento delle primitive alfanumeriche Il tabellone MicroTab PIX non dispone di capacità grafiche. Il posizionamento delle primitive avviene quindi tramite l indicazione della riga (da A a Q) e della colonna (da 0 a 99). Il numero di pixel di una colonna è definito come la larghezza del carattere SPAZIO ( ) nel font settato come default nel tabellone. Nell esempio sottostante è pari a 6 pixel. Col0 Col1 Col2... Row A Row B Figura 20 - Posizionamento "discreto" a righe e colonne Microgate Pag. 22

23 Caratteri Unicode e caratteri speciali I font Small, Medium (proportional e fixed), Large e Narrow contengono il set di caratteri ASCII standard più il set ISO8859 contenente alcuni caratteri speciali (es. i simboli di valuta come,, ecc.) e i caratteri estesi usati da alcuni alfabeti europei (es le lettere accentate italiane áàéè, le lettere con umlaut tedesche äöü, ecc.) Figura 21 - Mappa caratteri dei font standard Esistono 3 caratteri speciali (00FD, 00FE e 00FF) che sono stati rimappati per contenere due segni di interpunzione (. e :) e uno spazio con un numero di punti diverso da quello standard (che di solito è uguale a quello delle cifre). Esempio: Se scriviamo la stringa R 12 e sotto R 34 uno sotto l altra usando lo spazio normale queste verranno perfettamente incolonnate. Certe volte però avere uno spazio così largo può essere un impedimento, e quindi è possibile usare il carattere 00FF (che si ottiene digitando ALT+0255 sulla tastiera) per averne uno più stretto. Nella textbox dove inseriremo questo carattere speciale vedremo apparire un ÿ ma sulla lavagna virtuale e sul tabellone comparirà uno spazio. Gli altri due caratteri alternativi (. e :) ottenibili con ALT+0253 e ALT+0254 variano invece da font a font e dal tipo di tabellone (in alcuni casi sono uguali ai loro corrispettivi normali e in altri sono diversi come larghezza). Figura 22 - Inserimento dello spazio 00FF Microgate Pag. 23

24 Esistono poi due font speciali (solo per i tabelloni a LED) che contengono un range esteso di caratteri per venire incontro alle esigenze di alfabeti dell Europa dell Est e a quelli asiatici. I due font Unicode Medium e Unicode Large contengono infatti questi range: Range Nome Descrizione FF Basic Latin Set Ascii + ISO8859 come descritto per i font precedenti Latin1 Supplemental FF Basic Greek Caratteri alfabeto greco Greek Symbols FF Cyrillic Caratteri alfabeto cirillico FF Arabic Caratteri alfabeto arabo 20A0-20CF Currency Simboli per valute 2F00-2FDF Kangxi Radicals Ideogrammi giapponesi (Kanji) F CJK Symbols Simboli e punteggiatura per ideogrammi cinesi F Hiragana Ideogrammi giapponesi (Hiragana) 30A0-30FF Katakana Ideogrammi giapponesi (Katakana) 4E00-9FFF CJK Ideograph Ideogrammi cinesi (tradizionale e semplificato) Per inserire questi caratteri nel pannello di configurazione della primitiva (es. un testo fisso o scorrevole) utilizzare le funzioni di copia e incolla, i codici dei caratteri Unicode (ALT+NNNN), il tool Mappa Caratteri oppure l editor IME (Input Method Editor) presente in Windows o la normale tastiera dopo aver abilitato un layout di una determinata lingua. Figura 23 - Inserimento stringhe Unicode Microgate Pag. 24

25 Spedizione Dati al Tabellone Ogni volta che vogliamo mandare il contenuto di un Layout al tabellone reale è necessario premere il bottone <spedisci> sulla barra del menu principale. Il layout verrà immediatamente trasferito e visualizzato. In caso di problemi una finestra di dialogo ci avvisa dell errore occorso. Assicurarsi in questo caso di aver collegato bene il cavo seriale o ethernet, e di aver configurato correttamente i parametri di connessione del layout. In particolare porre attenzione alla velocità di trasmissione (BaudRate) che sia settata in maniera univoca sia sul software che sul tabellone (default 9600 per i MicroGraph e 1200 per i MicroTab). In caso di problemi con la connessione ethernet (cablata o WiFi), assicurarsi che l IP settato sia corretto. Un ping dal prompt DOS di comando (es. c:\>ping ) ci può far capire se il tabellone risponde ed è in rete. L unica primitiva dalla Toolbar che non necessita del comando di <spedisci> è il Reset Forte, che viene mandato immediatamente e resetta il nostro tabellone (ma NON la lavagna virtuale). Il comando è disabilitato se non viene rilevato il Dongle di Protezione. Microgate Pag. 25

26 Preview Se invece della spedizione immediata vogliamo prima avere un anteprima più reale di quanto offre la lavagna del layout (ad es. vedendo ora, data reali, scritte scorrevoli in movimento, fonti dati in azione, ecc.) cliccare dalla barra di menu il bottone <preview> che apre una seconda finestra sopra quella principale. La finestra di preview è modale ovvero finché non si chiude (con la X in altro a destra) non è possibile tornare a quella principale. Figura 24 - Finestra di Preview I comandi disponibili sono: Play: Mette in Play la preview (orologi partono, scritte scorrevoli si muovono, le fonti dati cominciano ad ascoltare sulle porte settate e a visualizzare le informazioni) Pause: Mette in Pause la preview (orologi si fermano, ma non si azzerano, le scritte si bloccano, ecc.) Stop: Stoppa la Preview (orologi fermi e azzerati, scritte ai loro posti di origine, server non più in ascolto sulle fonti dati) Send: Accende/Spegne la trasmissione al tabellone (arancione = comunicazione aperta, grigio = chiusa) Microgate Pag. 26

27 Primitive Grafiche Di seguito vengono elencate le primitive grafiche a disposizione dei tabelloni a led e del MicroGraph PIX. Per ogni primitiva si enumerano le sue proprietà specifiche omettendo quelle generiche spiegate nel paragrafo Proprietà generiche delle primitive grafiche. Testo Fisso Inserisce una stringa di testo. Proprietà Tipo Descrizione Messaggio Stringa Testo da scrivere Scritta Scorrevole Consente di inserire una stringa di testo scorrevole da destra verso sinistra. La combinazione di Ritardo e Spostamento Pixel determina la velocità di scorrimento. Proprietà Tipo Descrizione Messaggio Stringa Testo da scrivere Ritardo Numerico Ritardo (espresso in centesimi di secondo) imposto allo scorrimento; piú il numero è basso (minimo 20 centesimi) più è veloce lo scorrimento Spostam. Pixel Numerico Di quanti pixel alla volta viene shiftata la scritta. Più il numero è alto, più veloce è lo scorrimento (a discapito della fluidità) Larghezza Numerico Numero di punti del rettangolo immaginario entro cui la scritta si muove Data Inserisce la data attuale (o quella impostata nel tabellone tramite il comando Imposta Data). NB. Sul modulo Preview viene sempre visualizzata la Data attuale presa dall orologio interno del PC anche se abbiamo impostato sul tabellone una diversa Proprietà Tipo Descrizione Formato Lookup Disable (Cancella sul tabellone una data precedentemente impostata) DD.MM.YYYY ( ) DD MM YYYY (18 Jan 2012) Orologio / Orologio 2 Inserisce l ora attuale (o quella impostata nel tabellone tramite il comando Imposta Orologio). NB. Sul modulo Preview viene sempre visualizzata l ora attuale presa dall orologio interno del PC anche se abbiamo impostato sul tabellone una diversa. Orologio 2 è disponibile solo sui Tabelloni a Pixel (1=Internal Clock, 2=Real Time Clock) e consente di avere due orologi settati a orari diversi. Proprietà Tipo Descrizione Formato Lookup Disable (Ferma e cancella sul tabellone un orologio precedentemente impostato) HH:MM:SS (14:49:03) MM:SS (49:03) HH:MM 24h (14:49) HH:MM 12h (2:49) Microgate Pag. 27

28 Ritardo Numerico (ms) Permette di spostare in avanti o indietro l orologio di un certo numero di millisecondi. Immagine Inserisce un immagine in formato Bitmap Monocromatico (1 bit). Il file deve essere necessariamente in questo formato. Inoltre la grandezza del file in pixel deve essere corrispondente alla dimensione del tabellone in quanto non viene fatta nessuna operazione di ridimensionamento (es. su un MicroGraph Led singolo l immagine può essere grande al massimo 128x32 pixel). Eventuali immagini già esistenti possono essere rese monocromatiche e/o ridimensionate e salvate nel formato corretto tramite il programma Paint presente su ogni versione di Windows o tramite programmi più sofisticati come Adobe Photoshop. E disponibile inoltre un utility Microgate chiamata BitmapConverter a questo indirizzo: Proprietà Tipo Descrizione Path Stringa Path (cartella + nomefile) completo del file immagine. Figura 25 - Formati di salvataggio in Photoshop (a sx) e in Paint (sopra) Figura 26 - Esempio di file bitmap Microgate Pag. 28

29 Fonte Dati Inserisce una primitiva fittizia, raffigurata dall immagine (( O )), che identifica una zona di ascolto verso una fonte dati parlante il protocollo tabelloni Microgate (es. cronometro Rei2, fotofinish Lynx, software di gestione gare MiSpeaker, ecc.). Una volta posizionata la primitiva, è possibile far partire il server di ascolto nel modulo preview (mettendosi in play ). Tutti i comandi mandati dai devices collegati (possono essere piú di uno) vengono raffigurati in anteprima e opzionalmente rigirati al tabellone attaccato. NB: Si fa presente inoltre che il software.netboards non implementa per i tabelloni a Led la cosiddetta emulazione micrograph PIX ; è possibile quindi che, se sul tabellone il flag è settato a ON, non vi sia perfetta corrispondenza tra quanto appare in preview e quanto sul tabellone. Proprietà Tipo Descrizione Nome Stringa Nome mnemonico per riconoscere le fonti dati sulla lavagna. Protocollo Lookup Seriale Ethernet Parametri Connessione Larghezza Altezza Numerici Se Seriale -> Porta COMn, Baudrate, DataBits, Parity, Stop bit Se Ethernet -> Porta TCP di ascolto (l IP è il pc stesso quindi sempre ) Dimensioni del rettangolo della fonte Dati (attualmente non usato) Microgate Pag. 29

30 Pulisci Area Permette di cancellare una zona del tabellone. Se l operazione binaria è settata a NOT, i punti invece che cancellati vengono tutti accesi (la primitiva diventa quindi una sorta di Rettangolo). Proprietà Tipo Descrizione Larghezza Numerico Larghezza in punti del rettangolo Altezza Numerico Altezza in punti del rettangolo Comando Apre il pannello dei Comandi disponibili per il modello di tabellone corrente. Vedere il paragrafo Comandi per la lista e la spiegazione dettagliata Reset Forte Spedisce il comando Strong Reset al tabellone, lasciando inalterata la lavagna virtuale. Il comando cancella tutte le primitive, ferma e disabilita tutti gli oggetti attivi (data, ora, scritte scorrevoli). Nessun paramento di configurazione viene comunque modificato. Non si tratta quindi di un Reset di configurazione, ma di una specie di Cancella tutto. Non viene richiesta conferma (è comunque sufficiente ridare il comando <spedisci> per ridisegnare il tabellone con le informazioni del layout). Microgate Pag. 30

31 Plug-In Definiamo come plug-in quelle primitive che, oltre ad avere il pannello di configurazione come le altre, nel modulo Preview sono pilotabili attraverso dei controlli come bottoni, textbox, ecc. Questo permette all utilizzatore di essere molto più rapido nel cambiare al volo un punteggio, una misura, un nome di un atleta, ecc. Le informazioni infatti sono aggiornate e mandate al tabellone al volo senza necessità di premere il comando <spedisci> (e indipendentemente dallo stato del bottone <send> ). Ad esempio il Plug-in Segnapunti nella lavagna del Designer è una semplice cifra con le stesse proprietà del testo fisso. Una volta in modalità Preview compaiono 2 bottoni + e che consentono velocemente di incrementare o decrementare il suo valore e spedire immediatamente il valore al tabellone. Figura 27 - Plug-In Segnapunti nel modulo Preview Segnapunti Cifra intera con due bottoni + e - per incremento o decremento. Si usa per costruire template di punteggi per sport vari come calcio, basket, volley, ecc. Info testuale Plug-in per l editing veloce di un testo generico come può essere il nome di un atleta (es. il nome di un giocatore che deve scontare dei minuti di penalità, oppure il numero della sua maglia, ecc.). Misura Simile a Info testuale ma dedicata solo a numeri decimali (es. 7,58). Può essere utilizzato ad esempio per misurazioni di salti in lungo, giavellotto, ecc. NB l uso di, o. come separatore decimale dipende dalle impostazioni internazioni di Windows. Figura 28 - Segnapunti, Misura e Info testuale Microgate Pag. 31

32 Comandi I Comandi impartibili ai tabelloni sono variazioni di configurazioni che hanno come omologo i settaggi impostabili con i menu del tabellone (tasto giallo Lap/Reset tenuto premuto). Citiamo come esempio l impostazione della data e ora interna, dei parametri di comunicazione (canale radio, baudrate porta seriale, impostazioni IP, ecc.). Premendo dalla Toolbar delle primitive il bottone < comando> apriremo il suo pannello. Scelto uno dei comandi disponibili dalla prima tendina, il sottostante pannello di configurazione si comporrà con i parametri richiesti. Tramite il bottone di conferma spediremo immediatamente il comando al tabellone (senza bisogno di premere <spedisci> sulla barra in alto), mentre con annulliamo l operazione e chiudiamo il pannello. Per alcuni comandi troveremo nei parametri l Indirizzo Riga (da A a Q ) anche se il tabellone implementa il protocollo grafico. Indicando l opzione Tutte il comando verrà spedito a tutti i moduli. Figura 29 - Pannello dei Comandi Comandi Generali Imposta Data Imposta la Data interna del tabellone. Indicare la data nel formato DD/MM/YYYY tramite il controllo calendario. Imposta Orologio Imposta l orologio interno del tabellone. Indicare l ora nel formato HH:MM:SS.ccc Imposta Pausa Imposta una pausa di N centesimi di secondo durante la quale il tabellone ferma le attività. Reset Forte Esegue un Reset Forte. Equivale alla pressione del bottone dalla toolbar delle primitive. Reset Debole Esegue un Reset Debole. Si differenzia dal precedente per il rispetto di eventuali pause che vengono comunque eseguite fino alla loro fine (il reset forte invece le interrompe). Esegui Programma Esegue il Programma hardware interno al tabellone. Indicare dalla tendina quale programma eseguire. Disabilita Oggetto attivo Per Oggetto attivo si intendono elementi predefiniti (orologi, date, scritte scorrevoli) che vengono aggiornati autonomamente dal tabellone grafico senza bisogno di essere rinfrescati dal pc. Il comando blocca l oggetto che si trova alle coordinate indicate nei parametri. Ferma Scritta Scorrevole Analogo a quanto sopra ma solo relativo alle scritte scorrevoli e solo per il tabellone MicroTab Pix. Al posto delle coordinate X,Y si deve indicare la Riga dove si trova la scritta. Microgate Pag. 32

33 Comandi Tabelloni Led Abilita Emulazione MicroGraph Pix Abilitato / Disabilita l Emulazione PIX. Per motivi di compatibilità con i tabelloni a pixel, il tabellone MicroGraph Led può emulare il suo corrispondente PIX, rimappando la minor superficie (96 pixel) sui suoi 128 leds. E da usare in combinazione con la trasmissione di cronometri o altri device che ancora non hanno i driver per i tabelloni a led. Setta Canale Radio Imposta il canale radio Linkgate (da 0 a 128) Imposta Luminosità Imposta i parametri per la gestione della luminosità. Tipo: Automatico (usa il sensore di luminosità, variando tra il range min-max definito) Manuale (usa il valore settato tramite lo slider intensità ) Intensità Valore da 1 a 100 relativo all intensità manuale Min/Max Valori minimo e massimo entro cui il sensore lavora (default 1, 60) Imposta Parametri Ethernet Imposta l indirizzo IP e la porta Tcp della scheda di rete Ethernet del tabellone; l indirizzo deve essere un IP valido da a , mentre la porta un numero tra 1 e ATTENZIONE: se siete collegati al tabellone via Ethernet e cambiate questi parametri, perderete la connessione e dovrete cambiare la configurazione del layout corrente. Imposta Parametri WiFi Imposta i parametri della scheda di rete WiFi del tabellone (se presente). Per IP e porta Tcp valgono le considerazioni di cui sopra. E possibile abilitare o disabilitare la scheda WiFi, così come impostare il SSID (nome network) e la password (Key) della rete WiFi a cui ci si vuole connettere. Viene utilizzato il protocollo di sicurezza WPA. Imposta Baudrate Imposta la velocità della porta seriale del tabellone (solitamente 1200 per i MicroTab e 9600 per i MicroGraph). ATTENZIONE: se siete collegati al tabellone via seriale e cambiate questo parametro, perderete la connessione e dovrete cambiare la configurazione del layout corrente. AutoConfig In caso di configurazioni modulari multitabellone, possiamo settare l indirizzo di Riga e Colonna preventivamente (prima di unirli assieme) tramite il menu di setup. Oppure (se ci siamo dimenticati o abbiamo montato in modo sbagliato i moduli) usare questi comandi che autoconfigurano il tutto. Innanzitutto settare la velocità di trasmissione (solitamente 9600) INTERNA tra i tabelloni in modo che sia uguale per tutti. Premere <Cliccami> e ATTENDERE che tutti i tabelloni scrivano Init Auto Config OK. Successivamente indicare che numero di Riga volete ottenere sul tabellone dove è posto il cavo di collegamento col PC, e se la direzione di Configurazione deve essere dal basso verso l alto (UP) oppure viceversa (DOWN). Premere <Cliccami>. Microgate Pag. 33

34 Figura 30 - Direzione Down Figura 31 - Direzione Up Identificami Dopo l AutoConfigurazione di cui sopra, è possibile inviare questo comando per verificare se tutte le righe e colonne sono state settate nel modo corretto. I tabelloni visualizzano ognuno il proprio indice di Row e Column. Microgate Pag. 34

35 Primitive alfanumeriche Di seguito vengono elencate le primitive alfanumeriche a disposizione del tabellone a pixel. Per ogni primitiva si enumerano le sue proprietà specifiche omettendo quelle generiche (riga e colonna) spiegate nel paragrafo Proprietà di posizionamento delle primitive alfanumeriche. Testo Fisso Inserisce una stringa di testo. Proprietà Tipo Descrizione Messaggio Stringa Testo da scrivere Scritta Scorrevole Consente di inserire una stringa di testo scorrevole da destra verso sinistra. Proprietà Tipo Descrizione Messaggio Stringa Testo da scrivere Ritardo Numerico. Ritardo (espresso in centesimi di secondo) imposto allo scorrimento; più il numero è basso (minimo 20 centesimi) più è veloce lo scorrimento Colonne interessate Numerico Larghezza in colonne del rettangolo immaginario entro cui la scritta si muove Data Inserisce la data attuale (o quella impostata nel tabellone tramite il comando Imposta Data). NB. Sul modulo Preview viene sempre visualizzata la Data attuale presa dall orologio interno del PC anche se abbiamo impostato sul tabellone una diversa Proprietà Tipo Descrizione Formato Lookup Disable (Cancella sul tabellone una data precedentemente impostata) DD.MM.YYYY ( ) DD MM YYYY (18 Jan 2012) Orologio / Orologio 2 Inserisce l ora attuale (o quella impostata nel tabellone tramite il comando Imposta Orologio). NB. Sul modulo Preview viene sempre visualizzata l ora attuale presa dall orologio interno del PC anche se abbiamo impostato sul tabellone una diversa. Orologio 2 è disponibile solo sui Tabelloni a Pixel (1=Internal Clock, 2=Real Time Clock) e consente di avere due orologi settati a orari diversi. Proprietà Tipo Descrizione Formato Lookup Disable (Ferma e cancella sul tabellone un orologio precedentemente impostato) HH:MM:SS (14:49:03) MM:SS (49:03) HH:MM 24h (14:49) HH:MM 12h (2:49) Microgate Pag. 35

36 Comando Apre il pannello dei Comandi disponibili per il modello di tabellone corrente. Vedere il paragrafo Comandi per la lista e la spiegazione dettagliata. Reset Forte Spedisce il comando Strong Reset al tabellone, lasciando inalterata la lavagna virtuale. Il comando cancella tutte le primitive, ferma e disabilita tutti gli oggetti attivi (data, ora, scritte scorrevoli). Nessun paramento di configurazione viene comunque modificato. Non si tratta quindi di un Reset di configurazione, ma di una specie di Cancella tutto. Non viene richiesta conferma (è comunque sufficiente ridare il comando <spedisci> per ridisegnare il tabellone con le informazioni del layout). Microgate Pag. 36

37 Sequence Editor Una sequenza è una lista di Layout precedentemente creati che vengono spediti uno dopo l altro al tabellone e mantenuti per un certo numero di secondi. E possibile inoltre creare dei cicli, per far eseguire la sequenza N volte. Nuova Sequenza Premere <nuova sequenza> dal menu principale e indicare il nome della sequenza, confermando con il bottone. Come per i layout il nome deve essere conforme agli standard dei nomi file di Windows. I parametri di connessione al tabellone ove spedire i dati, vengono ereditati dal layout stesso; assicurarsi quindi che questi siano corretti in caso di non visualizzazione. I comandi disponibili per creare/gestire una sequenza sono: Carica layout Cliccare sul bottone <carica layout>, sulla finestra principale verrà creato il primo item con numero di linea 1. Cliccare sulla lista ed editare dal pannello di configurazione dell elemento il nome del layout da caricare e il numero di secondi che deve essere tenuto visualizzato. Procedere analogamente per inserire altri layout. Figura 32 - Finestra per inserire items nella sequenza Microgate Pag. 37

38 E possibile eliminare un elemento, semplicemente cliccandolo (diventa arancione) e premendo il tasto CANC. Per spostare un elemento sopra o sotto un altro (quindi cambiare l ordine della sequenza), selezionarlo e trascinarlo nella posizione voluta. Es. muovere la riga 3 tra 1 e 2. Figura 33 - Operazione di drag 'n drop sudi un elemento della lista Setta Contatore e Loop Contatore E possibile settare fino a due cicli annidati di loop che vengono eseguiti un certo numero di volte. Esempio 1: Esegui la sequenza che carica tre layout per 10 volte. Contatore A o Carica Layout 1 o Carica Layout 2 o Carica Layout 3 o Carica Layout 4 Loop Contatore A x 10 volte Esempio 2: Esegui la sequenza esterna 3 volte e quella interna 5 volte: Contatore_A o Carica Layout 1 o Setta Contatore B Carica Layout 2 Carica Layout 3 o Loop Contatore B x 5 volte o Carica Layout 4 Loop Contatore A x 3 volte e salta alla riga 3 Per ottenere questo risultato usare i comandi <setta contatore> e <loop contatore> e configurare correttamente i parametri (tipo contatore A o B e numero di riga a cui saltare). Tramite il numero di linea è anche possibile indicare di non ripetere il ciclo intero ma (dopo il primo ciclo) di saltarne alcuni passi. Es. nell esempio 2 Il Layout#1 viene eseguito solo la prima volta, in quanto la seconda e terza volta il ciclo riparte dalla linea#3. Microgate Pag. 38

39 Figura 34 - Creazione di una sequenza con doppio loop annidato Microgate Pag. 39

40 Preview e spedizione della sequenza al tabellone Una volta creata e salvata la sequenza, è possibile visualizzarne l anteprima e mandarla al tabellone. In alcuni casi può essere utile spegnere temporaneamente alcuni layout che non vogliamo essere spediti. Per fare ciò deselezionare il checkbox vicino al nome del layout. Il numero di secondi della durata e il numero di cicli dei loop viene decrementato visivamente per un maggior controllo di quelle che sta avvenendo. I bottoni Play/Pause e Stop sono analoghi a quanto visto nel paragrafo Preview. Figura 35 - Finestra di preview di una sequenza Microgate Pag. 40

41 Program Editor Definiamo come programma interno un insieme di comandi eseguiti in sequenza direttamente dal tabellone senza l ausilio del pc. I programmi interni (o user programs ) sono creati tramite questo modulo, inviati al tabellone (che li salva nella sua memoria interna) e poi fatti eseguire in uno di questi modi: - Direttamente dal setup menu del tabellone (premere il tasto giallo Lap/Reset per 2 secondi e con il tasto verde scegliere il Programma Internal Prg ; si veda il manuale del tabellone per maggiori informazioni) - Usando l icona play posta in basso a destra - Dal Layout Designer usando il Comando Esegui Programma e scegliendo User Program dalla tendina Per scrivere un programma interno non sono necessarie conoscenze di linguaggi ma si tratta solo di mettere uno dietro l altro i comandi che vogliamo far eseguire in sequenza al nostro tabellone, utilizzando in aggiunta specifici comandi per gestire cicli, salti incondizionati (loop/goto) e pause tra un comando e l altro. Nuovo Programma Scegliere <nuovo programma> dalla barra del menu principale, scegliere un nome e compilare le proprietà di connessione dove il programma dovrà essere spedito. I comandi disponibili da inserire nel listato del programma sono molto simili a quelli visti nel Layout Designer. Cliccando su ognuno di essi, il comando viene inserito nella lista del programma e può essere configurato semplicemente cliccandoci sopra. Per spostare (muovere sopra o sotto) o eliminare un elemento del listato si procede come spiegato nel capitolo precedente inerenti il Sequence Editor(quindi drag n drop dell elemento e tasto Canc per eliminarlo). Salvataggio, spedizione ed esecuzione del listato Per salvare e spedire al tabellone il listato appena creato è sufficiente premere i corrispondenti bottoni <salva> e <spedisci> sulla barra del menu principale. Per eseguire il programma, e quindi testarlo, è invece sufficiente premere il bottone <play> posto in basso. Microgate Pag. 41

42 Figura 36 - Program Editor Cicli e salti Per gestire dei cicli (serie di operazioni da compiere N volte) o dei salti ad un determinato punto del programma si usano i comandi Label, vai-a e loop-goto. Label Inserisce un etichetta numerata da 0 a 9 alla quale poi faranno riferimento i comandi di loop o di goto. Abbiamo quindi la possibilità di eseguire fino a 9 cicli annidati oppure di gestire diverse locazioni di salti. Loop/Goto Salta alla Label indicata e compie il ciclo per un numero definito di volte Vai a Salta alla Label indicata Es. Cicla per 3 volte un certo numero di operazioni Label 1" o (scrivi stringa) o (pausa) o Vai a Label 2 o (..) o Label 2 o (..) Loop/Goto alla Label 1 per numero 3 volte Microgate Pag. 42

WGDESIGNER Manuale Utente

WGDESIGNER Manuale Utente WGDESIGNER Manuale Utente Pagina 1 SOMMARIO 1 Introduzione... 3 1.1 Requisiti hardware e software... 3 2 Configurazione... 3 3 Installazione... 4 3.1 Da Webgate Setup Manager... 4 3.2 Da pacchetto autoestraente...

Dettagli

APPUNTI WORD PER WINDOWS

APPUNTI WORD PER WINDOWS COBASLID Accedemia Ligustica di Belle Arti Laboratorio d informatica a.a 2005/06 prof Spaccini Gianfranco APPUNTI WORD PER WINDOWS 1. COSA È 2. NOZIONI DI BASE 2.1 COME AVVIARE WORD 2.2 LA FINESTRA DI

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file 2.1 L AMBIENTE DEL COMPUTER 1 2 Primi passi col computer Avviare il computer Spegnere correttamente il computer Riavviare il computer Uso del mouse Caratteristiche

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file. Parte 1

Uso del computer e gestione dei file. Parte 1 Uso del computer e gestione dei file Parte 1 Avviare il pc Il tasto da premere per avviare il computer è frequentemente contraddistinto dall etichetta Power ed è comunque il più grande posto sul case.

Dettagli

Sistemi operativi: interfacce

Sistemi operativi: interfacce Sistemi operativi: interfacce I sistemi operativi offrono le risorse della macchina a soggetti diversi: alle applicazioni, tramite chiamate di procedure da inserire nel codice all utente, tramite interfaccia

Dettagli

Il Personal Computer. Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2

Il Personal Computer. Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2 Il Personal Computer Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2 1 accendere il Computer Per accendere il Computer effettuare le seguenti operazioni: accertarsi che le prese di corrente siano tutte

Dettagli

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Crotone, maggio 2005 Windows Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Sistema Operativo Le funzioni software di base che permettono al computer di funzionare formano il sistema operativo. Esso consente

Dettagli

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php MODULO 3 Microsoft Excel TEST ED ESERCIZI SU: http:///ecdl/excel/index.php Foglio Elettronico - SpreadSheet Un foglio elettronico (in inglese spreadsheet) è un programma applicativo usato per memorizzare

Dettagli

Gestione dei contenuti web Ultimi eventi

Gestione dei contenuti web Ultimi eventi Gestione dei contenuti web Ultimi eventi Questo manuale illustra le operazioni più comuni per la manutenzione e aggiornamento del sito web http://terremoti.ingv.it/ultimi eventi/ tramite l interfaccia

Dettagli

Manuale Driver Maker (Plug-in per ECM Titanium)

Manuale Driver Maker (Plug-in per ECM Titanium) Manuale Driver Maker (Plug-in per ECM Titanium) Introduzione Questo manuale contiene una spiegazione completa del plug-in Driver Maker, che è un componente aggiuntivo sviluppato per ECM Titanium, il software

Dettagli

ECDL Mod.2. Uso del computer e gestione dei file. novembre 2003 CRIAD - ECDL Mod. 2 1

ECDL Mod.2. Uso del computer e gestione dei file. novembre 2003 CRIAD - ECDL Mod. 2 1 ECDL Mod.2 Uso del computer e gestione dei file novembre 2003 CRIAD - ECDL Mod. 2 1 2.1 L ambiente del computer novembre 2003 CRIAD - ECDL Mod. 2 2 Primi passi col computer Avviare il computer Spegnere

Dettagli

PC Crash Course: OBIETTIVI

PC Crash Course: OBIETTIVI PC Crash Course: OBIETTIVI 1. PC: uno strumento 2. Microsoft Windows XP: alcuni concetti chiave della interfaccia grafica 3. File System: file, direttori, link, 4. Il prompt dei comandi 5. Un occhiata

Dettagli

idaq TM Manuale Utente

idaq TM Manuale Utente idaq TM Manuale Utente Settembre 2010 TOOLS for SMART MINDS Manuale Utente idaq 2 Sommario Introduzione... 5 Organizzazione di questo manuale... 5 Convenzioni... Errore. Il segnalibro non è definito. Installazione...

Dettagli

Word prima lezione. Prof. Raffaele Palladino

Word prima lezione. Prof. Raffaele Palladino 7 Word prima lezione Word per iniziare aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per lavorare su uno già esistente occorre avviare il programma di gestione testi. In ambiente Windows, esistono

Dettagli

SOFTWARE DI GESTIONE PSS

SOFTWARE DI GESTIONE PSS Rev. 1.0 SOFTWARE DI GESTIONE PSS Prima di utilizzare questo dispositivo, si prega di leggere attentamente questo manuale e di conservarlo per future consultazioni. Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta S.

Dettagli

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003 STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003 INDICE 1 Strumenti di Presentazione... 4 2 Concetti generali di PowerPoint... 5 2.1 APRIRE POWERPOINT... 5 2.2 SELEZIONE DEL LAYOUT... 6 2.3 SALVARE LA PRESENTAZIONE...

Dettagli

MODULO 3 Foglio elettronico

MODULO 3 Foglio elettronico MODULO 3 Foglio elettronico I contenuti del modulo: Questo modulo verifica la comprensione da parte del corsista dei concetti fondamentali del foglio elettronico e la sua capacità di applicare praticamente

Dettagli

SKF TKTI. Software per termocamere. Manuale d istruzioni

SKF TKTI. Software per termocamere. Manuale d istruzioni SKF TKTI Software per termocamere Manuale d istruzioni Indice 1. Introduzione...4 1.1 Installazione e avvio del software... 5 2. Note d uso...6 3. Proprietà immagini...7 3.1 Caricamento di immagini dalla

Dettagli

Word Elaborazione testi

Word Elaborazione testi I seguenti appunti sono tratti da : Consiglio Nazionale delle ricerche ECDL Test Center modulo 3 Syllabus 5.0 Roberto Albiero Dispense di MS Word 2003 a cura di Paolo PAVAN - pavan@netlink.it Word Elaborazione

Dettagli

WINDOWS: uso della tastiera e del mouse

WINDOWS: uso della tastiera e del mouse WINDOWS: uso della tastiera e del mouse a cura di: Francesca Chiarelli ultimo aggiornamento: settembre 2015 http://internet.fchiarelli.it La tastiera FUNZIONE DI EDIZIONE TAST. NUMERICO Tasti principali

Dettagli

Software centralizzazione per DVR

Software centralizzazione per DVR Software centralizzazione per DVR Manuale installazione ed uso 2 INTRODUZIONE Il PSS (Pro Surveillance System) è un software per PC utilizzato per gestire DVR e/o telecamere serie VKD. Tramite esso è possibile

Dettagli

SmartyManager Manuale utente

SmartyManager Manuale utente INDICE Capitolo 1 Installazione... 2 1.1 Installazione del software... 2 1.2 Installazione del driver... 2 Capitolo 2 Nozioni base... 4 2.1 Diverse modalità di utilizzo... 4 2.2 Configurare SmartyCam e

Dettagli

Creare e formattare i documenti

Creare e formattare i documenti Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Elaborazione di testi Creare e formattare i documenti 1 IL WORD PROCESSOR I programmi per l elaborazione di testi ( detti anche di videoscrittura

Dettagli

Foglio elettronico (StarOffice)

Foglio elettronico (StarOffice) Modulo Foglio elettronico (StarOffice) Modulo - Foglio elettronico, richiede che il candidato comprenda il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma corrispondente. Deve comprendere

Dettagli

Appunti Modulo 2 - Microsoft Windows

Appunti Modulo 2 - Microsoft Windows www.informarsi.net Appunti Modulo 2 - Microsoft Windows Sistema operativo Il sistema operativo, abbreviato in SO (in inglese OS, "operating system") è un particolare software, installato su un sistema

Dettagli

BMSO1001. Management Utilities. Istruzioni d uso 02/10-01 PC

BMSO1001. Management Utilities. Istruzioni d uso 02/10-01 PC BMSO1001 Management Utilities Istruzioni d uso 02/10-01 PC 2 Management Utilities Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Concetti

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico 1 Finestra principale di Excel 2 Finestra principale di Excel Questi pulsanti servono per ridurre ad icona, ripristinare e chiudere la finestra dell applicazione.

Dettagli

SCRIVERE TESTI CON WORD

SCRIVERE TESTI CON WORD SCRIVERE TESTI CON WORD Per scrivere una lettera, un libro, una tesi, o un semplice cartello occorre un programma di elaborazione testo. Queste lezioni fanno riferimento al programma più conosciuto: Microsoft

Dettagli

il foglio elettronico

il foglio elettronico 1 il foglio elettronico ecdl - modulo 4 toniorollo 2013 il modulo richiede 1/2 comprendere il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma di foglio elettronico per produrre dei

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DRIVER WINDOWS 8 (32 O 64 BIT)

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DRIVER WINDOWS 8 (32 O 64 BIT) PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DRIVER WINDOWS 8 (32 O 64 BIT) PREMESSA: Per installare i driver corretti è necessario sapere se il tipo di sistema operativo utilizzato è a 32 bit o 64 bit. Qualora non si conosca

Dettagli

L interfaccia. La barra delle applicazioni. MS Windows Barra delle Applicazioni

L interfaccia. La barra delle applicazioni. MS Windows Barra delle Applicazioni Windows XP In questa sezione, si desidero evidenziare le caratteristiche principali di Windows cercando possibilmente di suggerire, per quanto possibile, le strategie migliori per lavorare velocemente

Dettagli

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Pagina 29 di 47 3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Come abbiamo già detto in precedenza, l informatica si divide in due grandi mondi : l hardware

Dettagli

Modulo 2 - ECDL. Uso del computer e gestione dei file. Fortino Luigi

Modulo 2 - ECDL. Uso del computer e gestione dei file. Fortino Luigi 1 Modulo 2 - ECDL Uso del computer e gestione dei file 2 Chiudere la sessione di lavoro 1.Fare Clic sul pulsante START 2.Cliccare sul comando SPEGNI COMPUTER 3.Selezionare una delle opzioni STANDBY: Serve

Dettagli

testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni

testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni it 2 Informazioni generali Informazioni generali Questo manuale contiene importanti informazioni sulle caratteristiche e sull impiego

Dettagli

USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 1. AMBIENTE DEL COMPUTER

USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 1. AMBIENTE DEL COMPUTER USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 1. AMBIENTE DEL COMPUTER 1.1 AVVIARE IL COMPUTER Avviare il computer è un operazione estremamente semplice, nonostante ciò coloro che scelgono di frequentare un corso

Dettagli

Rel.2.0 MANUALE UTENTE SOFTWARE DI MONITORAGGIO E. Ver 2.0.0 CONTROLLO DI UNA RETE DI RILEVATORI DI FUMO

Rel.2.0 MANUALE UTENTE SOFTWARE DI MONITORAGGIO E. Ver 2.0.0 CONTROLLO DI UNA RETE DI RILEVATORI DI FUMO PS Remote Control Rel.2.0 Ver 2.0.0 SOFTWARE DI MONITORAGGIO E CONTROLLO DI UNA RETE DI RILEVATORI DI FUMO MANUALE UTENTE di Angrilli Ing. Davide Via Iseo, n.4/b 65010 Spoltore (PE) Tel/fax 0854972260

Dettagli

Sommario Indietro >> Aggiungi Rimuovi Lingua? Informazioni su questa Guida... Navigazione nella Guida

Sommario Indietro >> Aggiungi Rimuovi Lingua? Informazioni su questa Guida... Navigazione nella Guida Sommario Indietro >> Informazioni su questa Guida... Navigazione nella Guida Personalizzazione Apertura del pannello di controllo Funzioni del pannello di controllo Schede Elenchi del pannello di controllo

Dettagli

PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE

PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE ENTERPRISE 2006 INTERFACCIA GRAFICA PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE DI SISTEMI 1019 MANUALE UTENTE MANUALE UTENTE Enterprise-ITA-27-05-2008 2006 1 Sommario Introduzione... 3 Release... 3 Principali caratteristiche...

Dettagli

Microsoft Word Nozioni di base

Microsoft Word Nozioni di base Corso di Introduzione all Informatica Microsoft Word Nozioni di base Esercitatore: Fabio Palopoli SOMMARIO Esercitazione n. 1 Introduzione L interfaccia di Word Gli strumenti di Microsoft Draw La guida

Dettagli

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3 Foglio elettronico OpenOffice.org Calc 1.1.3 PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Aprire il programma Menu Avvio applicazioni Office OpenOffice.org Calc. Chiudere il programma Menu File Esci. Pulsanti

Dettagli

DESKTOP. Uso del sistema operativo Windows XP e gestione dei file. Vediamo in dettaglio queste parti.

DESKTOP. Uso del sistema operativo Windows XP e gestione dei file. Vediamo in dettaglio queste parti. Uso del sistema operativo Windows XP e gestione dei file DESKTOP All accensione del nostro PC, il BIOS (Basic Input Output System) si occupa di verificare, attraverso una serie di test, che il nostro hardware

Dettagli

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INDICE INTRODUZIONE... 3 COME IMPOSTARE LA PAGINA INIZIALE... 3 LA WORK AREA... 3 LE VOCI DI MENU... 5 IL MENU FILE... 5 IL MENU MODIFICA... 6 IL MENU VISUALIZZA...

Dettagli

Breve guida a WORD per Windows

Breve guida a WORD per Windows 1. COSA È Il Word della Microsoft è pacchetto applicativo commerciale che rientra nella categoria dei word processor (elaboratori di testi). Il Word consente il trattamento avanzato di testi e grafica,

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

Manuale Utente CryptoClient

Manuale Utente CryptoClient Codice Documento: CERTMOB1.TT.DPMU12005.01 Firma Sicura Mobile Telecom Italia Trust Technologies S.r.l. - Documento Pubblico Tutti i diritti riservati Indice degli argomenti... 1 Firma Sicura Mobile...

Dettagli

INSERIMENTO DI IMMAGINI,DOCUMENTI,SFONDI E OGGETTI FLASH

INSERIMENTO DI IMMAGINI,DOCUMENTI,SFONDI E OGGETTI FLASH INSERIMENTO DI IMMAGINI,DOCUMENTI,SFONDI E OGGETTI FLASH IMPOSTAZIONE DI UNA IMMAGINE ALL INTERNO DI UNA PAGINA WEB: In questo capitolo è spiegata la procedura di inserimento e modifica di una immagine

Dettagli

Il Foglio Elettronico. Microsoft Excel

Il Foglio Elettronico. Microsoft Excel Il Foglio Elettronico 1 Parte I Concetti generali Celle e fogli di lavoro.xls Inserimento dati e tipi di dati Importazione di dati Modifica e formattazione di fogli di lavoro FOGLIO ELETTRONICO. I fogli

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

Note operative per Windows XP

Note operative per Windows XP Note operative per Windows XP AVVIO E ARRESTO DEL SISTEMA All avvio del computer, quando l utente preme l interruttore di accensione, vengono attivati i processi di inizializzazione con i quali si effettua

Dettagli

Laboratorio informatico di base

Laboratorio informatico di base Laboratorio informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche (DISCAG) Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it) Sito Web del corso: www.griadlearn.unical.it/labinf

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file Sommario Uso del computer e gestione dei file... 3 Sistema Operativo Windows... 3 Avvio di Windows... 3 Desktop... 3 Il mouse... 4 Spostare le icone... 4 Barra delle

Dettagli

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Pagina 1 di 32 USARE WORD - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu pag.

Dettagli

USARE WORD - non solo per scrivere -

USARE WORD - non solo per scrivere - GUIDA WORD USARE WORD - non solo per scrivere - corso Word Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu

Dettagli

PhoneSuite Manuale dell utente. Istruzioni preliminari: installazione e primo impiego di Phone Suite

PhoneSuite Manuale dell utente. Istruzioni preliminari: installazione e primo impiego di Phone Suite PhoneSuite Manuale dell utente Istruzioni preliminari: installazione e primo impiego di Phone Suite Il software PhoneSuite può essere utilizzato direttamente da CD o essere installato sul PC. Quando si

Dettagli

Corso di Informatica di Base

Corso di Informatica di Base Corso di Informatica di Base LEZIONE N 3 Cortina d Ampezzo, 4 dicembre 2008 ELABORAZIONE TESTI Grazie all impiego di programmi per l elaborazione dei testi, oggi è possibile creare documenti dall aspetto

Dettagli

ECDL Modulo 2. Contenuto del modulo. Uso del computer e gestione dei file

ECDL Modulo 2. Contenuto del modulo. Uso del computer e gestione dei file ECDL Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file Contenuto del modulo Per iniziare Il desktop Organizzare i file Semplice editing Gestione della stampa Esercitazioni 1 Per iniziare (1) Per iniziare a

Dettagli

MANUALE OPERATIVO. Programma di gestione della fatturazione. BDWinfatture 2007. Versione 6.0

MANUALE OPERATIVO. Programma di gestione della fatturazione. BDWinfatture 2007. Versione 6.0 MANUALE OPERATIVO Programma di gestione della fatturazione BDWinfatture 2007 Versione 6.0 MANUALE OP ERAT I V O BDWinfatture Belvedere Daniele Software Via Petitti, 25 10017 Montanaro (To) info@belvederesoftware.it

Dettagli

Word per iniziare: aprire il programma

Word per iniziare: aprire il programma Word Lezione 1 Word per iniziare: aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per lavorare su uno già esistente occorre avviare il programma di gestione testi. In ambiente Windows, esistono

Dettagli

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio. Foglio elettronico Foglio elettronico EXCEL Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it Il foglio elettronico è un programma interattivo, che mette a disposizione dell utente una matrice di righe

Dettagli

LA TASTIERA DEL PERSONAL COMPUTER

LA TASTIERA DEL PERSONAL COMPUTER LA TASTIERA DEL PERSONAL COMPUTER La tastiera del Personal computer è composta da 102 o 105 tasti. Nelle nuove tastiere, ce ne sono anche di ergonomiche, si possono trovare anche tasti aggiuntivi, sulla

Dettagli

Tutorial gvsig. Versione 1.1

Tutorial gvsig. Versione 1.1 Tutorial gvsig Versione 1.1 24/10/2007 Tutorial gvsig - Versione 1.1 www.gvsig.org Testo e screenshot a cura di R3 GIS Srl Via Johann Kravogl 2 39012 Merano (BZ) Italia Tel. +39 0473 494949 Fax +39 0473

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

Xpress MANUALE OPERATIVO. Software di configurazione e controllo remoto I440I04_15

Xpress MANUALE OPERATIVO. Software di configurazione e controllo remoto I440I04_15 Xpress I440I04_15 Software di configurazione e controllo remoto MANUALE OPERATIVO INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 REQUISITI HARDWARE E SOFTWARE... 3 3 SETUP... 3 4 PASSWORD... 4 5 HOME PAGE... 4 6 CANALE...

Dettagli

FlukeView Forms Documenting Software

FlukeView Forms Documenting Software FlukeView Forms Documenting Software N. 5: Uso di FlukeView Forms con il tester per impianti elettrici Fluke 1653 Introduzione Questa procedura mostra come trasferire i dati dal tester 1653 a FlukeView

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

Operazioni di base per l inserimento del testo

Operazioni di base per l inserimento del testo Office automation dispensa n.2 su Word Pagina 1 di 13 Operazioni di base per l inserimento del testo Usando un elaboratore di testi è consigliabile seguire alcune regole di scrittura che permettono di

Dettagli

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa.

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa. La finestra di Excel è molto complessa e al primo posto avvio potrebbe disorientare l utente. Analizziamone i componenti dall alto verso il basso. La prima barra è la barra del titolo, dove troviamo indicato

Dettagli

Wireless USB 150 MANUALE UTENTE. Adattatore USB Wireless 802.11n HNWU150N. www.hamletcom.com

Wireless USB 150 MANUALE UTENTE. Adattatore USB Wireless 802.11n HNWU150N. www.hamletcom.com Wireless USB 150 Adattatore USB Wireless 802.11n MANUALE UTENTE HNWU150N www.hamletcom.com Indice dei contenuti INTRODUZIONE...4 CONTENUTO DELLA SCATOLA...4 INTRODUZIONE ALL ADATTATORE USB WIRELESS...4

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file Parte 1 Desktop All avvio del computer compare il Desktop. Sul Desktop sono presenti le Icone. Ciascuna icona identifica un oggetto differente che può essere un file,

Dettagli

CTVClient. Dopo aver inserito correttamente i dati, verrà visualizzata la schermata del tabellone con i giorni e le ore.

CTVClient. Dopo aver inserito correttamente i dati, verrà visualizzata la schermata del tabellone con i giorni e le ore. CTVClient Il CTVClient è un programma per sistemi operativi Windows che permette la consultazione e la prenotazione delle ore dal tabellone elettronico del Circolo Tennis Valbisenzio. Per utilizzarlo è

Dettagli

Tutor System v 3.0 Guida all installazione ed all uso. Tutor System SVG. Guida all'installazione ed all uso

Tutor System v 3.0 Guida all installazione ed all uso. Tutor System SVG. Guida all'installazione ed all uso Tutor System SVG Guida all'installazione ed all uso Il contenuto di questa guida è copyright 2010 di SCM GROUP SPA. La guida può essere utilizzata solo al fine di supporto all'uso del software Tutor System

Dettagli

Informatica Corso di Laurea in Infermieristica A.A. 2007/08 Prof. Ludovico Bosio

Informatica Corso di Laurea in Infermieristica A.A. 2007/08 Prof. Ludovico Bosio Informatica Corso di Laurea in Infermieristica A.A. 2007/08 Prof. Ludovico Bosio Lezione 2: Windows e applicazioni software Contenuto del documento Operazioni su file e cartelle Principali applicazioni

Dettagli

- 1-10Appunti Lezioni Word

- 1-10Appunti Lezioni Word - 1-10Appunti Lezioni Word Indice generale APPUNTI.... 1 INTRODUZIONE... 1 INTRODUZIONE a WORD.... 1 Apertura e Memorizzazione di un file word... 2 Salvataggio dei File... 2 visualizzazione... 2 Editare

Dettagli

Sistemi operativi I: Windows. Lezione I

Sistemi operativi I: Windows. Lezione I Sistemi operativi I: Windows Lezione I Scopo della lezione Richiamare le principali funzionalità di un sistema operativo Esemplificarle descrivendo la loro implementazione in Windows Introdurre alcuni

Dettagli

I simboli Nel menu sono proposti i simboli più comuni. Se il simbolo che vuoi inserire non è visualizzato nell'elenco, fai clic su Altri simboli.

I simboli Nel menu sono proposti i simboli più comuni. Se il simbolo che vuoi inserire non è visualizzato nell'elenco, fai clic su Altri simboli. G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 21 I simboli Nel menu sono proposti i simboli più comuni. Se il simbolo che vuoi inserire non è visualizzato nell'elenco, fai clic su Altri simboli. Altri simboli In questa

Dettagli

POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti.

POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti. 1 POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti. Le presentazioni sono composte da varie pagine chiamate diapositive

Dettagli

Capitolo 26: schemi di installazione

Capitolo 26: schemi di installazione Capitolo 26: schemi di installazione Avviate MasterChef dall icona presente sul vostro Desktop. Nota: Se state utilizzando una versione dimostrativa, una volta caricato il programma, un messaggio vi comunicherà

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo . Laboratorio di Informatica Facoltà di Economia Università di Foggia Prof. Crescenzio Gallo Word è un programma di elaborazione testi che consente di creare, modificare e formattare documenti in modo

Dettagli

Utilità plotter da taglio Summa

Utilità plotter da taglio Summa Utilità plotter da taglio Summa 1 Utilità plotter da taglio Nelle righe seguenti sono descritte le utilità che possono essere installate con questo programma: 1. Plug-in per CorelDraw (dalla versione 11

Dettagli

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1 MICROSOFT ACCESS Premessa ACCESS è un programma di gestione di banche dati, consente la creazione e modifica dei contenitori di informazioni di un database (tabelle), l inserimento di dati anche mediante

Dettagli

BMSO1001. Virtual Switch. Istruzioni d uso 02/10-01 PC

BMSO1001. Virtual Switch. Istruzioni d uso 02/10-01 PC BMSO1001 Virtual Switch Istruzioni d uso 02/10-01 PC 2 Virtual Switch Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Concetti fondamentali

Dettagli

Key Pro TPX Generator Manuale Utente

Key Pro TPX Generator Manuale Utente Key Pro TPX Generator Manuale Utente 1 Sommario 1. Key Pro... 3 1.1 Caratteristiche... 3 1.2 Composizione del prodotto... 3 1.3 Scheda tecnica... 3 1.4 Memoria interna... 5 1.4.1 Funzione PC Mode... 6

Dettagli

MICROSOFT WORD. Funzioni ed ambiente di lavoro

MICROSOFT WORD. Funzioni ed ambiente di lavoro INFORMATICA MICROSOFT WORD Prof. D Agostino Funzioni ed ambiente di lavoro...1 Interfaccia di Word...1 Stesso discorso per i menu a disposizione sulla barra dei menu: posizionando il puntatore del mouse

Dettagli

Microsoft Word 2007. La BARRA DI ACCESSO RAPIDO, che contiene alcuni comandi sempre visibili e può essere personalizzata.

Microsoft Word 2007. La BARRA DI ACCESSO RAPIDO, che contiene alcuni comandi sempre visibili e può essere personalizzata. Microsoft Word 2007 Microsoft Office Word è il programma di elaborazione testi di Microsoft all interno del pacchetto Office. Oggi Word ha un enorme diffusione, tanto da diventare l editor di testi più

Dettagli

Università di Firenze Gestione Presenze Interfaccia grafica

Università di Firenze Gestione Presenze Interfaccia grafica Università di Firenze Gestione Presenze Interfaccia grafica Pagina 1 di 29 Versione Emissione Approvazione Modifiche Apportate Autore Data Autore Data 1 Maggini 01/03/06 - - Prima emissione. Pagina 2 di

Dettagli

Compilazione rapporto di Audit in remoto

Compilazione rapporto di Audit in remoto Compilazione rapporto di Audit in remoto Installazione e manuale utente CSI S.p.A. V.le Lombardia 20-20021 Bollate (MI) Tel. 02.383301 Fax 02.3503940 E-mail: info@csi-spa.com Rev. 1.1 23/07/09 Indice Indice...

Dettagli

GUIDA RAPIDA di FLUR20XX

GUIDA RAPIDA di FLUR20XX GUIDA RAPIDA di COMPATIBILITA è compatibile con i sistemi operativi Microsoft Windows 9x/ME/NT/2000/XP/2003/Vista/Server2008/7/Server2008(R. Non è invece garantita la compatibilità del prodotto con gli

Dettagli

VIRTUAL MAIL. Guida rapida di utilizzo

VIRTUAL MAIL. Guida rapida di utilizzo VIRTUAL MAIL Guida rapida di utilizzo Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. ACCESSO AL SERVIZIO... 4 Requisiti di sistema... 4 3. PROFILO... 5 Menu Principale... 5 Pagina Iniziale... 5 Dati Personali... 6 4.

Dettagli

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 1. Novità di Excel 2003 MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 CAPITOLO 1 Microsoft Office Excel 2003 ha introdotto alcune novità ed ha apportato miglioramenti ad alcune funzioni già esistenti nelle precedenti versioni

Dettagli

Videoregistratori Serie DX

Videoregistratori Serie DX Pagina:1 DVR per telecamere AHD, analogiche, IP Manuale programma CMS Come installare e utilizzare il programma client per i DVR Pagina:2 Contenuto del manuale In questo manuale viene descritto come installare

Dettagli

TEST: Hardware e Software

TEST: Hardware e Software TEST: Hardware e Software 1. Che tipo di computer è il notebook? A. da tavolo B. generico C. non è un computer D. Portatile 2. Come è composto il computer? A. Software e Freeware B. Freeware e Antivirus

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

X-Sign Basic Manuale Utente

X-Sign Basic Manuale Utente X-Sign Basic Manuale Utente Copyright Copyright 2015 di BenQ Corporation. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta, salvata in

Dettagli

Metano 4.3. Acquisizione su file della dichiarazione di consumo di gas metano per l anno d imposta 2006. Manuale utente

Metano 4.3. Acquisizione su file della dichiarazione di consumo di gas metano per l anno d imposta 2006. Manuale utente Metano 4.3 Acquisizione su file della dichiarazione di consumo di gas metano per l anno d imposta 2006 Manuale utente Versione 4.3 Ottobre 2006 Manuale utente Pagina 2 di 31 INDICE 1. PRESENTAZIONE...

Dettagli

Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3

Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3 Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3 Lezione 1 di 3 Introduzione a Word 2007 e all elaborazione testi Menù Office Scheda Home Impostazioni di Stampa e stampa Righello Intestazione e piè di pagina

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Podium View TM 2.0 Software di cattura delle immagini Visual Presenter Manuale d uso - Italiano

Podium View TM 2.0 Software di cattura delle immagini Visual Presenter Manuale d uso - Italiano Podium View TM 2.0 Software di cattura delle immagini Visual Presenter Manuale d uso - Italiano Indice 1. Introduzione... 2 2. Requisiti di sistema... 2 3. Installa Podium View... 3 4. Connessione all

Dettagli