T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O 2 0 1 0"

Transcript

1 Listino Prezzi Condizioni Generali di Contratto per il Trasporto delle Merci per Ferrovia In vigore dal 1 marzo 2010

2 Listino Prezzi Condizioni Generali di Contratto per il Trasporto delle Merci per Ferrovia (CGCTM) Emanato dal Responsabile di Trenitalia Divisione Cargo il 28 gennaio 2010 e registrato presso l Agenzia delle Entrate in data 26 febbraio 2010 serie 3 n T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

3 Indice Sezione I - Corrispettivi per il trasporto delle merci per ferrovia Paragrafo 1 - Campo di applicazione Paragrafo 2 - Calcolo del corrispettivo Paragrafo 3 - Calcolo delle distanze Paragrafo 4 - Calcolo degli arrotondamenti Paragrafo 5 - Pesi minimi Paragrafo 6 - Sovrapprezzi per l utilizzazione di particolari tipi di carri Paragrafo 7 - Merci di lunghezza eccezionale richiedenti l uso di più carri Paragrafo 8 - Merci di peso eccezionale Paragrafo 9 - Spedizioni eccedenti il peso assiale o il profilo limite Paragrafo 10- Carri per il distanziamento e la frenatura Sezione II - Corrispettivi Ordinari Paragrafo 1 - Corrispettivi Paragrafo 2 - Corrispettivi per materiale rotabile Paragrafo 3 - Sovrapprezzo per tabacchi lavorati Paragrafo 4 - Sovrapprezzo per valori bollati e oggetti preziosi Classe A Classe B Sezione III - Corrispettivi per specifiche categorie merceologiche Paragrafo 1 - Corrispettivi per trasporto di veicoli o per carri porta-auto vuoti Paragrafo 2 - Corrispettivi per trasporti di UTI cariche o vuote Paragrafo 3 - Corrispettivi per trasporto di carri vuoti quali mezzi di trasporto Paragrafo 4 - Corrispettivi per trasporto di rotabili da ferrovie e tranvie circolanti sulle proprie ruote - NHM 8601/ Sezione IV - Corrispettivi per servizi accessori Paragrafo 1 - Espletamento delle formalità doganali e delle operazioni doganali Sezione V - Servizi vari Paragrafo 1 - Pulitura del carro Paragrafo 2 - Creazione della Lettera di Vettura elettronica Paragrafo 3 - Ordini ulteriori e/o modifiche al contratto Paragrafo 4 - Stazionamento Paragrafo 5 - Indennità per la perdita d uso del carro C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

4 Sezione I Cor r i s pet t i v i per i l t r as por t o del l e mer ci per fer r ov i a Paragrafo 1 Cam p o d i ap p licazio n e I corrispettivi contenuti nel presente Listino Prezzi e pubblicati sul sito internet del vettore, si riferiscono ai trasporti ferroviari di merci effettuati da Trenitalia in ambito nazionale, con la modalità del Diffuso sul relativo reticolo. Detti corrispettivi sono forniti a titolo meramente indicativo. Paragrafo 2 Calcolo del corrispettivo Salvo quanto diversamente previsto per determinate categorie merceologiche nella successiva Sezione III, il corrispettivo di trasporto si determina moltiplicando l importo applicabile in base alla distanza tra l impianto ferroviario di origine e quello di destinazione e al tipo di carro utilizzato, per il peso della merce da trasportare, espresso in tonnellate, ovvero per quel diverso parametro previsto dallo specifico corrispettivo. Per il trasporto effettuato con carri composti da due o più moduli, fatta eccezione per i trasporti di veicoli composti da carri porta auto vuoti, nonché per i trasporti a vuoto di carri messi a disposizione dal cliente o dal vettore, il calcolo del corrispettivo è stabilito con riferimento a ciascun modulo. I residui di merce contenuti nei carri serbatoio sono considerati, ai soli effetti del calcolo dei corrispettivi, come facenti parte integrante del carro nel solo caso in cui il loro peso non superi il 10% della tara. Nel caso di applicazione di riduzioni e/o maggiorazioni percentuali del corrispettivo, queste vanno calcolate sull importo a tonnellata, ovvero su quel diverso parametro stabilito per specifiche categorie merceologiche nella successiva Sezione III, applicandole in successione, senza cioè effettuare preventivamente la somma algebrica delle corrispondenti percentuali. I corrispettivi applicabili ai trasporti a carico effettuati con carri messi a disposizione dal vettore devono essere aumentati del 17,65%. Paragrafo 3 Calcolo delle distanze Agli effetti del calcolo del corrispettivo, le distanze tra gli impianti ferroviari di origine e di destinazione del trasporto si desumono dal Prontuario Ufficiale delle distanze chilometriche per i traffici interni, documento disponibile presso le gestioni merci del vettore e dal Distancier International Uniforme des Marchandises per quelli internazionali, disponibile sul sito internet del vettore. Per i trasporti da e per impianti caratterizzati da particolari condizioni, possono essere indicate distanze virtuali. 4 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

5 Paragrafo 4 Calcolo degli arrotondamenti Gli arrotondamenti sono calcolati secondo i seguenti criteri: Arrotondamento del peso le frazioni di 100 kg di peso della merce si arrotondano ai 100 kg superiori, salvo quanto stabilito nella successiva Sezione III per specifiche categorie merceologiche e dalle disposizioni in materia di peso minimo per carro; Arrotondamento del corrispettivo il corrispettivo del trasporto calcolato ai sensi del precedente paragrafo 2 si arrotonda in Euro al secondo decimale. Paragrafo 5 Pesi minimi Il peso minimo da considerare ai fini del calcolo del corrispettivo del trasporto è indicato nelle diverse tabelle delle Sezioni II e III. In mancanza esso è fissato in kg Per le spedizioni effettuate con carri del tipo sottoindicato, i pesi minimi sono quelli indicati nella tabella sotto riportata, salve le eccezioni previste nella Sezione III per specifiche categorie merceologiche: Tipo di carro Peso minimo per carro tonn A. Carri a 2 assi 1. Coperti di capacità pari o superiore a 70 mc* Tetto apribile di lunghezza pari o superiore a 12 m 15 B. Carri pianali a 3 o 4 assi e carri a carrelli 15 C.Altri carri a 3 o 4 assi 18 D. Carri a più di 4 assi 36 E. Carri a piano di carico ribassato 6 per asse * Con esclusione di carri privati, dei carri isotermici e refrigeranti C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

6 Paragrafo 6 So v rap p re zzi p e r l u tilizzazio n e d i p artico lari tip i d i carri Ai corrispettivi relativi a trasporti effettuati con carri a piano di carico ribassato serie U, a 2, 4, 6, 8 assi ed oltre, vanno applicati i seguenti sovrapprezzi: Tipo di carro Da 1 a 300 km Sovrapprezzi Per ogni 300 km indivisibili oltre i primi 300 km A 2 assi 62,57 31,29 A 4 assi 125,15 62,57 A 6 assi 187,72 93,86 A 8 assi 250,29 125,15 Più di 8 assi * * * Sovrapprezzo stabilito di volta in volta dal vettore Tali sovrapprezzi si applicano, in servizio interno ed internazionale, per i carri messi a disposizione dal vettore. In uscita dall Italia, i sovrapprezzi di cui alla precedente tabella, si applicano sull intera distanza dall impianto ferroviario nazionale a quello estero di destinazione. In entrata in Italia non si applica alcun sovrapprezzo. Paragrafo 7 M e rci d i lu n gh e zza e cce zio n ale rich ie d e n ti l u so d i p iù carri Ai fini del calcolo del corrispettivo per il trasporto di merci che, a causa della loro lunghezza, richiedano l uso di più carri, sia nel caso in cui il carico poggi parzialmente su di essi, sia nel caso in cui non poggi neppure in parte (carro scudo), tutti i carri utilizzati devono essere considerati come caricati di una uguale frazione del peso effettivo della spedizione nel suo complesso. L importo viene calcolato per ogni singolo carro, applicando il corrispettivo competente, nel rispetto dei pesi minimi a carro di cui al precedente paragrafo 5, maggiorato del 30%. Il peso dell eventuale merce caricata sul carro scudo deve essere sommato a quello del carico principale ed assoggettato a quanto indicato nel presente paragrafo. 6 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

7 Paragrafo 8 Merci di peso eccezionale Al corrispettivo relativo al trasporto di un carro nel quale venga caricato un collo di peso pari o superiore a kg , va applicata la competente tra le seguenti percentuali di maggiorazione: da kg fino a kg 30%; da kg e fino a kg ulteriore aumento di 10 punti percentuali indivisibili per ogni kg; da kg ed oltre 150%. Nel caso in cui in uno stesso carro siano caricati più colli di peso superiore a kg, al corrispettivo del trasporto si applica la maggiorazione relativa al collo di peso maggiore. Paragrafo 9 Sp e d izio n i e cce d e n ti il p e so assiale o il p ro filo lim ite Il corrispettivo relativo al trasporto di un carro nel quale vengano caricati uno o più colli, il cui peso unitario determini un peso assiale lordo superiore a quello massimo ammesso anche su una sola delle linee da percorrere, o le cui dimensioni comportino un profilo limite eccedente i limiti massimi, ammessi anche su una sola delle linee da percorrere, viene calcolato per l intero percorso applicando il corrispettivo competente maggiorato del 30% e con il peso minimo di kg Se la spedizione comprende colli di peso pari o superiore a kg , sul prezzo calcolato in base al capoverso precedente viene, in aggiunta, applicata la maggiorazione di cui al precedente paragrafo 8. Paragrafo 10 Carri per il distanziamento e la frenatura Ai carri vuoti, utilizzati per il distanziamento o per la frenatura di un treno ogniqualvolta le circostanze lo richiedano, è applicato un corrispettivo pari a 0,58 (euro zero/58) per km. C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

8 Sezione II Corrispettivi Ordinari Paragrafo 1 Corrispettivi Classe A I corrispettivi della Classe A, riportati nella presente Sezione II, sono prezzi di riferimento applicabili a tutte le merci inoltrate con il reticolo del diffuso previste dalla Nomenclatura Armonizzata delle Merci (NHM) pubblicata sul sito del vettore, ad eccezione delle merci per le quali è prevista la Classe B, nonché delle specifiche categorie merceologiche riprese nella successiva Sezione III. Classe B I corrispettivi della Classe B riportati nella presente Sezione II sono applicabili alle merci aventi le seguenti posizioni di NHM: da 2601 a 2602; 2619; da 2701 a 2702; 2704; da 7201 a 7204; da 7206 a 7216; da 7218 a 7222; da 7225 a 7228; da 7301 a Paragrafo 2 Corrispettivi per materiale rotabile Ai trasporti di carri vuoti riferiti alle posizioni: NHM 8606 (carro merci vincolato a binari) sono applicabili i corrispettivi indicati nella classe A, serie 3, maggiorati del 20%. Detti corrispettivi sono calcolati tenuto conto del peso reale arrotondato al minimo di 20 tonnellate per rotabile. Qualora i rotabili siano trasportati con combustibile, acqua, attrezzi, ed altro di pertinenza degli stessi e su di essi caricati, il corrispettivo per il trasporto si calcola sul peso lordo (tara del rotabile maggiorata del peso di quanto su esso caricato). Paragrafo 3 So v rap p re zzo p e r tab acch i lav o rati Ai trasporti di merci di cui alla posizione NHM 2402 (Sigari, sigaretti e sigarette) si applica un sovrapprezzo pari al 25%. 8 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

9 Paragrafo 4 So v rap p re zzo p e r v alo ri b o llati e o gge tti p re zio si I prezzi dei trasporti di cui alle posizioni NHM 4907 (Francobolli, marche da bollo e simili), da 7101 a 7118 (Perle fini o coltivate, pietre preziose o simili, metalli preziosi, placcati o ricoperti di metalli preziosi e lavori di tali materie; minuterie, gioielleria ed altri valori) e 9101 (Orologi con casse di metalli preziosi), 9601 (Materie animali da intaglio, lavorate e lavori di tali materie, compresi quelli ottenuti per modellatura) e da 9701 a 9706 (Oggetti d arte, da collezione o da antichità), sono determinati di volta in volta. C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

10 Classe A Tabella dei pesi limite a partire dai quali è da prendere a base del calcolo del prezzo di trasporto il prezzo corrispondente al peso virtuale della serie immediatamente superiore Carichi aventi un peso effettivo compreso Peso limite Calcolo dei prezzi di trasporto tonn Serie di prezzi n. Peso virtuale tonn 1. Classe A - Carri a 2 assi a. fra 10,0 e 15,0 t 12,0 2 15,0 b. fra 15,0 e 20,0 t 18,0 3 20,0 c. fra 20,0 e 25,0 t 23,9 4 25,0 2. Classe A - Carri a carrelli e carri pianali a 3/4 assi a. fra 15,0 e 22,5 t 18,0 2 22,5 b. fra 22,5 e 30,0 t 27,0 3 30,0 c. fra 30,0 e 37,5 t 35,8 4 37,5 3. Classe A - Altri carri a 3/4 assi a. fra 18,0 e 27,0 t 21,5 2 27,0 b. fra 27,0 e 36,0 t 32,4 3 36,0 c. fra 36,0 e 45,0 t 42,9 4 45,0 10 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

11 Corrispettivi Classe A Prezzi per tonnellata vincolati al peso minimo di Serie 1 Serie 2 Serie 3 Serie 4 Per spedizioni con carri a 2 assi 10 t 15 t 20 t 25 t Per spedizioni con carri a 2 carrelli (di 2 assi ciascuno) o con carri pianali a 3 o 4 assi 15 t 22,50 t 30 t 37,5 t Per spedizioni con altri carri a 3 o 4 assi 18 t 27 t 36 t 45 t km Euro Euro Euro Euro ,50 15,52 13,93 13, ,75 15,72 14,11 13, ,06 15,97 14,33 13, ,38 16,22 14,56 13, ,69 16,47 14,78 14, ,01 16,72 15,00 14, ,32 16,97 15,23 14, ,64 17,22 15,45 14, ,95 17,47 15,68 14, ,27 17,72 15,90 15, ,58 17,97 16,13 15, ,90 18,22 16,35 15, ,21 18,47 16,58 15, ,53 18,73 16,80 16, ,84 18,98 17,03 16, ,16 19,23 17,25 16, ,47 19,48 17,48 16, ,79 19,73 17,70 16, ,10 19,98 17,93 17, ,42 20,23 18,15 17, ,73 20,48 18,38 17, ,17 20,83 18,69 17, ,80 21,33 19,14 18, ,43 21,83 19,59 18, ,06 22,33 20,04 19, ,69 22,84 20,49 19, ,32 23,34 20,94 19, ,95 23,84 21,39 20, ,58 24,34 21,84 20, ,21 24,84 22,29 21, ,84 25,34 22,74 21, ,47 25,84 23,19 22, ,10 26,34 23,64 22, ,73 26,85 24,09 22, ,36 27,35 24,54 23, ,99 27,85 24,99 23, ,62 28,35 25,44 24, ,25 28,85 25,89 24, ,88 29,35 26,34 25, ,51 29,85 26,79 25, ,14 30,36 27,24 25, ,01 31,05 27,86 26, ,12 31,93 28,65 27, ,23 32,81 29,45 28, ,33 33,69 30,24 28, ,44 34,58 31,03 29,55 C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

12 Corrispettivi Classe A Prezzi per tonnellata vincolati al peso minimo di Serie 1 Serie 2 Serie 3 Serie 4 Per spedizioni con carri a 2 assi 10 t 15 t 20 t 25 t Per spedizioni con carri a 2 carrelli (di 2 assi ciascuno) o con carri pianali a 3 o 4 assi 15 t 22,50 t 30 t 37,5 t Per spedizioni con altri carri a 3 o 4 assi 18 t 27 t 36 t 45 t km Euro Euro Euro Euro ,55 35,46 31,82 30, ,66 36,34 32,61 31, ,77 37,22 33,41 31, ,88 38,11 34,20 32, ,98 38,99 34,99 33, ,09 39,87 35,78 34, ,20 40,75 36,57 34, ,31 41,63 37,36 35, ,42 42,52 38,16 36, ,53 43,40 38,95 37, ,64 44,28 39,74 37, ,74 45,16 40,53 38, ,85 46,05 41,32 39, ,96 46,93 42,12 40, ,07 47,81 42,91 40, ,18 48,69 43,70 41, ,29 49,58 44,49 42, ,40 50,46 45,28 43, ,50 51,34 46,07 43, ,61 52,22 46,87 44, ,72 53,10 47,66 45, ,83 53,99 48,45 46, ,94 54,87 49,24 46, ,05 55,75 50,03 47, ,16 56,63 50,83 48, ,10 58,18 52,21 49, ,17 59,83 53,70 51, ,56 60,94 54,69 52, ,95 62,04 55,68 53, ,33 63,14 56,66 53, ,72 64,24 57,65 54, ,10 65,35 58,64 55, ,49 66,45 59,63 56, ,87 67,55 60,62 57, ,26 68,66 61,61 58, ,64 69,76 62,60 59, ,03 70,86 63,59 60, ,42 71,96 64,58 61, ,80 73,07 65,57 62, ,19 74,17 66,56 63, ,57 75,27 67,55 64, ,96 76,38 68,54 65, ,34 77,48 69,53 66, ,73 78,58 70,52 67, ,12 79,68 71,51 68,11 12 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

13 Classe B Tabella dei pesi limite a partire dai quali è da prendere a base del calcolo del prezzo di trasporto il prezzo corrispondente al peso virtuale della serie immediatamente superiore Carichi aventi un peso effettivo compreso Peso limite Calcolo dei prezzi di trasporto tonn Serie di prezzi n. Peso virtuale tonn 1. Classe B - Carri a 2 assi a. fra 15,0 e 20,0 t 18,3 3 20,0 b. fra 20,0 e 25,0 t 23,9 4 25,0 2. Classe B - Carri a carrelli e carri pianali a 3/4 assi a. fra 22,5 e 30,0 t 27,4 3 30,0 b. fra 30,0 e 37,5 t 35,8 4 37,5 3. Classe B - Altri carri a 3/4 assi a. fra 27,0 e 36,0 t 32,9 3 36,0 b. fra 36,0 e 45,0 t 42,9 4 45,0 C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

14 Corrispettivi Classe B Prezzi per tonnellata vincolati al peso minimo di Serie 2 Serie 3 Serie 4 Per spedizioni con carri a 2 assi 15 t 20 t 25 t Per spedizioni con carri a 2 carrelli (di 2 assi ciascuno) o con carri pianali a 3 o 4 assi 22,50 t 30 t 37,5 t Per spedizioni con altri carri a 3 o 4 assi 27 t 36 t 45 t km Euro Euro Euro ,27 11,20 10, ,59 11,50 10, ,00 11,87 11, ,39 12,23 11, ,78 12,58 11, ,16 12,93 12, ,53 13,27 12, ,90 13,60 12, ,26 13,94 13, ,62 14,26 13, ,98 14,59 13, ,33 14,91 14, ,68 15,23 14, ,03 15,55 14, ,37 15,86 15, ,71 16,17 15, ,05 16,48 15, ,39 16,79 15, ,72 17,09 16, ,05 17,40 16, ,39 17,70 16, ,90 18,17 17, ,67 18,88 17, ,45 19,58 18, ,22 20,29 19, ,99 20,99 19, ,76 21,69 20, ,53 22,40 21, ,30 23,10 22, ,07 23,81 22, ,12 23,85 22, ,86 24,53 23, ,61 25,21 24, ,36 25,89 24, ,10 26,57 25, ,85 27,25 25, ,95 27,34 26, ,67 28,01 26, ,40 28,67 27, ,13 29,34 27, ,86 30,00 28, ,94 30,07 28, ,34 31,36 29, ,75 32,64 31, ,16 33,93 32, ,56 35,21 33,53 14 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

15 Corrispettivi Classe B Prezzi per tonnellata vincolati al peso minimo di Serie 2 Serie 3 Serie 4 Per spedizioni con carri a 2 assi 15 t 20 t 25 t Per spedizioni con carri a 2 carrelli (di 2 assi ciascuno) o con carri pianali a 3 o 4 assi 22,50 t 30 t 37,5 t Per spedizioni con altri carri a 3 o 4 assi 27 t 36 t 45 t km Euro Euro Euro ,79 35,42 33, ,15 36,66 34, ,51 37,90 36, ,87 39,15 37, ,24 40,39 38, ,34 40,48 38, ,66 41,69 39, ,98 42,89 40, ,30 44,10 42, ,62 45,30 43, ,93 46,51 44, ,25 47,71 45, ,57 48,92 46, ,89 50,12 47, ,21 51,32 48, ,53 52,53 50, ,85 53,73 51, ,17 54,94 52, ,49 56,14 53, ,81 57,35 54, ,30 57,80 55, ,60 58,99 56, ,91 60,18 57, ,21 61,36 58, ,51 62,55 59, ,77 63,70 60, ,97 66,63 63, ,18 69,55 66, ,38 72,48 69, ,59 75,40 71, ,26 77,85 74, ,45 80,76 76, ,63 83,66 79, ,81 86,57 82, ,00 89,48 85, ,18 92,38 87, ,36 95,29 90, ,55 98,19 93, ,73 101,10 96, ,91 104,01 99, ,10 106,91 101, ,28 109,82 104, ,46 112,73 107, ,65 115,63 110, ,83 118,54 112,89 C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

16 Sezione III Cor r i s pet t i v i per s peci fi che cat egor i e mer ceol ogi che Paragrafo 1 Corrispettivi per trasporti di veicoli o per carri porta-auto vuoti Il corrispettivo applicabile per i trasporti di veicoli caricati su carri ad un piano e a due piani e per i trasporti di carri vuoti della serie letterale L e H, attrezzati per il trasporto di veicoli stradali, messi a disposizione dal cliente o dal vettore, è stabilito nella successiva tabella. Le disposizioni della presente sezione non si applicano ai trasporti di semirimorchi stradali, carichi o vuoti, ai quali si applica la tariffa delle UTI cariche o vuote. Qualora, oltre ai veicoli, siano caricate sul/i medesimo/i carro/i altre merci, il corrispettivo del trasporto è calcolato separatamente per i veicoli e per le altre merci secondo quanto dichiarato in LDV. Alle merci caricate sul medesimo carro potranno essere applicati, se inferiori rispetto a quelli previsti nella presente Sezione, i corrispettivi ordinari previsti per la Classe A. Tali corrispettivi vanno applicati sul peso effettivo delle merci suddette, arrotondato ai kg superiori, con un minimo di kg. 16 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

17 Corrispettivi per trasporto di veicoli o per carri porta-auto vuoti Prezzi per spedizione DIstanza Carri Carri pianali e a doppio piano Carri Carri a 2 assi fino a 4 assi o a 2 carrelli a più di 4 a più (di 2 assi ciascuno) di lunghezza in metri: e fino a 8 assi di 8 assi <= 23,40 > 23,40 < 27 => 27 km Euro Euro Euro Euro Euro Euro ,82 374,73 424,70 499,64 999, , ,08 379,62 430,24 506, , , ,15 385,73 437,16 514, , , ,23 391,84 444,09 522, , , ,30 397,95 451,01 530, , , ,38 404,06 457,94 538, , , ,45 410,17 464,86 546, , , ,52 416,28 471,79 555, , , ,60 422,39 478,71 563, , , ,67 428,51 485,64 571, , , ,74 434,62 492,56 579, , , ,82 440,73 499,49 587, , , ,89 446,84 506,41 595, , , ,96 452,95 513,34 603, , , ,04 459,06 520,27 612, , , ,11 465,17 527,19 620, , , ,19 471,28 534,12 628, , , ,26 477,39 541,04 636, , , ,33 483,50 547,97 644, , , ,41 489,61 554,89 652, , , ,48 495,72 561,82 660, , , ,18 504,28 571,51 672, , , ,33 516,50 585,36 688, , , ,48 528,72 599,21 704, , , ,63 540,94 613,06 721, , , ,77 553,16 626,91 737, , , ,92 565,38 640,76 753, , , ,07 577,60 654,62 770, , , ,22 589,82 668,47 786, , , ,36 602,04 682,32 802, , , ,51 614,27 696,17 819, , , ,66 626,49 710,02 835, , , ,80 638,71 723,87 851, , , ,95 650,93 737,72 867, , , ,10 663,15 751,57 884, , , ,25 675,37 765,42 900, , , ,39 687,59 779,27 916, , , ,54 699,81 793,12 933, , , ,69 712,03 806,97 949, , , ,84 724,25 820,82 965, , , ,98 736,48 834,67 981, , , ,20 754,81 855, , , , ,50 779,25 883, , , , ,79 803,69 910, , , , ,09 828,13 938, , , , ,38 852,58 966, , , ,63 C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

18 Corrispettivi per trasporto di veicoli o per carri porta-auto vuoti Prezzi per spedizione DIstanza Carri Carri pianali e a doppio piano Carri Carri a 2 assi fino a 4 assi o a 2 carrelli a più di 4 a più (di 2 assi ciascuno) di lunghezza in metri: e fino a 8 assi di 8 assi <= 23,40 > 23,40 < 27 => 27 km Euro Euro Euro Euro Euro Euro ,68 877,02 993, , , , ,97 901, , , , , ,27 925, , , , , ,56 950, , , , , ,86 974, , , , , ,15 999, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,59 18 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

19 Paragrafo 2 Co rrisp e ttiv i p e r trasp o rti d i UT I carich e o v u o te Il corrispettivo applicabile ai trasporti di merci di cui alle posizioni della NHM: 9941 (grandi contenitori carichi); 9942 (casse mobili cariche); 9943 (semirimorchi carichi); è stabilito nella successiva tabella, Serie A. Il corrispettivo applicabile ai trasporti di merci di cui alle posizioni di NHM: 8609 (casse mobili e contenitori vuoti); 9931 (grandi contenitori vuoti e usati che precedono o seguono un trasporto a carico per ferrovia); 9932 (casse mobili, vuote e usate che precedono o seguono un trasporto a carico per ferrovia); 9933 (semirimorchi vuoti e usati che precedono o seguono un trasporto a carico per ferrovia); 9939 (UTI vuote e usate che precedono o seguono un trasporto a carico per ferrovia); è stabilito nella successiva tabella, Serie B. In base al numero di assi del carro utilizzato per il trasporto, ai suddetti corrispettivi dovranno essere applicati i seguenti coefficienti: Corrispettivi per trasporti di UTI cariche o vuote Coefficienti per carro Tipo di carro Coefficiente A 2 assi 0,8 A 4 assi 1,0 A 6 assi 1,8 A 8 assi 1,9 Al corrispettivo dei trasporti di UTI cariche non si applica quanto previsto alla Sezione I, paragrafo 8 Merci di peso eccezionale. In presenza di più UTI cariche e vuote sullo stesso carro, si applicano i corrispettivi della Serie A. E ammesso il trasporto di più UTI sullo stesso carro solo se aventi stesso mittente, stesso destinatario, nonché stesso impianto ferroviario di partenza e di arrivo. Il peso dell UTI carica è inteso come peso complessivo della merce e della tara dell UTI stessa. I trasporti di semirimorchi nuovi di fabbrica sono considerati trasporti di veicoli; pertanto si applicano le disposizioni di cui al precedente paragrafo 1 Corrispettivi per trasporto di veicoli o per carri portaauto vuoti. C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

20 Corrispettivi per trasporto di UTI cariche o vuote Prezzi per carro Distanza Serie A UTI cariche Serie B UTI vuote km Euro Euro T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

Divisione Cargo LISTINO. Trenitalia Divisione Cargo Listino > 1

Divisione Cargo LISTINO. Trenitalia Divisione Cargo Listino > 1 Divisione Cargo LISTINO Trenitalia Divisione Cargo Listino > 1 INDICE SEZIONE I CAMPO DI APPLICAZIONE E NORME D IMPIEGO Paragrafo 1 - Campo di applicazione Paragrafo 2 - Calcolo del corrispettivo Paragrafo

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto. per il trasporto delle merci per ferrovia PRODOTTI

Condizioni Generali di Contratto. per il trasporto delle merci per ferrovia PRODOTTI Condizioni Generali di Contratto per il trasporto delle merci per ferrovia PRODOTTI Divisione Cargo EDIZIONE IN VIGORE DAL ORDINE DI SERVIZIO REGISTRAZIONE 1 01/03/2010 n. 3 del 28/01/2010 Serie 3 n.4633

Dettagli

Listino prezzi per prestazioni complementari in Svizzera.

Listino prezzi per prestazioni complementari in Svizzera. Listino prezzi per prestazioni complementari in Svizzera. I seguenti prezzi s intendono IVA esclusa. Dati aggiornati a aprile 2011. Per prestazioni non in relazione a un trasporto effettuato con FFS Cargo,

Dettagli

T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O

T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O Condizioni Generali di Contratto per il Trasporto delle Merci per Ferrovia In vigore dal 1 marzo 2010 Condizioni Generali di Contratto per il Trasporto delle Merci per Ferrovia (CGCTM) Approvate dal Consiglio

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per il Trasporto delle Merci per Ferrovia (CGCTM)

Condizioni Generali di Contratto per il Trasporto delle Merci per Ferrovia (CGCTM) Condizioni Generali di Contratto per il Trasporto delle Merci per Ferrovia (CGCTM) EDIZIONE IN VIGORE DAL DELIBERA/ORDINE DI SERVIZIO REGISTRAZIONE 1 01/03/2010 CdA del 02/12/2009 Serie 3 n.4627 del 26/02/2010

Dettagli

T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O

T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O Istruzioni ondizioni Generali di ontratto per il Trasporto delle Merci per Ferrovia In vigore dal 1 marzo 2010 Istruzioni ondizioni Generali di ontratto per il Trasporto delle Merci per Ferrovia (GTM)

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO DELLE MERCI PER FERROVIA

CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO DELLE MERCI PER FERROVIA CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO DELLE MERCI PER FERROVIA CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO DELLE MERCI PER FERROVIA Approvate dal Consiglio d Amministrazione di Trenitalia S.p.A. nella seduta del giorno

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per il Trasporto delle Merci per Ferrovia ISTRUZIONI

Condizioni Generali di Contratto per il Trasporto delle Merci per Ferrovia ISTRUZIONI Condizioni Generali di Contratto per il Trasporto delle Merci per Ferrovia ISTRUZIONI Edizione In vigore dal Ordine di Servizio Registrazione 1 01/03/2010 n. 1 del 28/01/2010 Serie 3 n. 4629 del 26/02/2010

Dettagli

durata aventi diritto

durata aventi diritto IL TRATTAMENTO ECONOMICO DI TRASFERIMENTO SPETTANTE AL PERSONALE MILITARE E CIVILE DELLA DIFESA VINCOLATO DA RAPPORTO D IMPIEGO DIRITTO ALL INDENNITA Compete al personale trasferito d autorità da una ad

Dettagli

Progetto Riduzione Costi D Acquisto: Categoria di Spesa Trasporti - Logistica

Progetto Riduzione Costi D Acquisto: Categoria di Spesa Trasporti - Logistica Progetto Riduzione Costi D Acquisto: Categoria di Spesa Trasporti - Logistica www.lewitt.it /info@lewitt.it Modena, 28 marzo 2012 L IMPATTO DI UN PROGETTO DI RIDUZIONE COSTI (1) Perché è importante un

Dettagli

4. La responsabilità del vettore ferroviario di merci

4. La responsabilità del vettore ferroviario di merci Il trasporto ferroviario 417 4. La responsabilità del vettore ferroviario di merci Devesi sottolineare, in via di premessa, come l impianto del regime di responsabilità vettoriale, soggetto a limitazione

Dettagli

I rischi del trasporto multimodale: il carico e l impresa "groupage" i

I rischi del trasporto multimodale: il carico e l impresa groupage i I rischi del trasporto multimodale: il carico e l impresa "groupage" i 1 Il termine "groupage" nel commercio internazionale indica un particolare tipo di spedizione che consiste nel riunire e raggruppare

Dettagli

Collegato alla Finanziaria 2007. D.L. 03.10.2006 n. 262 convertito in Legge il 23.11.2006 n. 286

Collegato alla Finanziaria 2007. D.L. 03.10.2006 n. 262 convertito in Legge il 23.11.2006 n. 286 Collegato alla Finanziaria 2007 D.L. 03.10.2006 n. 262 convertito in Legge il 23.11.2006 n. 286 Mancata emissione scontrino/ricevuta fiscale art. 1 commi da 8 a 8-ter In caso di mancata emissione dello

Dettagli

Incentivi finanziari alle imprese

Incentivi finanziari alle imprese Incentivi finanziari alle imprese Delibera della Giunta regionale n. 208 del 2 aprile 2012 Programma Attuativo Regionale (PAR) a valere sul Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) 2007-2013 Asse I Linea

Dettagli

La disciplina della detrazione IVA su autovetture, dopo la Decisione del Consiglio europeo del 18 giugno 2007

La disciplina della detrazione IVA su autovetture, dopo la Decisione del Consiglio europeo del 18 giugno 2007 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 22 17 DICEMBRE 2007 La disciplina della detrazione IVA su autovetture, dopo la Decisione

Dettagli

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO SCHEMA DI SINTESI - DISCIPLINA DAL 2007 TRATTAMENTO FISCALE LIMITI DI IMPORTO VEICOLI A MOTORE ALTRI VEICOLI AMMORTAMENTO PARTICOLARITÀ PER AGENTI DI COMMERCIO DISCIPLINA

Dettagli

Direttiva sul trasporto di merci pericolose

Direttiva sul trasporto di merci pericolose Direttiva sul trasporto di merci pericolose Merci pericolose a destinazione con la massima sicurezza. Valida dal 1 /05/2015 Indice 1. Premessa 2. Campo di applicazione della direttiva e condizioni 3. Merci

Dettagli

8.1. Trasferte dei dipendenti

8.1. Trasferte dei dipendenti 8.1. Trasferte dei dipendenti Capitolo 8 TRASFERTE La disciplina normativa delle indennità e dei rimborsi spese che il datore di lavoro corrisponde al dipendente quando quest ultimo svolge la propria prestazione

Dettagli

Via Monzambano, 10 00185 ROMA

Via Monzambano, 10 00185 ROMA Prot. n. 3756 All'ANAS SpA Via Monzambano, 10 00185 ROMA All'AISCAT SpA Via Donizetti, 10 00198 ROMA Alle Amministrazioni Regionali e Province Autonome LORO SEDI Alle Amministrazioni Provinciali LORO SEDI

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per il trasporto stradale e per l intermodalità Pubblicazione

Dettagli

I TRASPORTI ECCEZIONALI SU STRADA

I TRASPORTI ECCEZIONALI SU STRADA WHAT IS BREWING IN THE WORLD OF TRANSPORT? (Trasporti: cosa bolle in pentola?) I TRASPORTI ECCEZIONALI SU STRADA Sala convegni ENI, Palazzo 5, San Donato Milanese 26 Novembre 2009 PREMESSA COSA E UN TRASPORTO

Dettagli

TARIFFA ORARIA ORDINARIA. TARIFFA FORFAIT 2H ALTA ROTAZIONE (Acquisto Associazione di Categoria) ABBONAMENTO MENSILE ORDINARIO

TARIFFA ORARIA ORDINARIA. TARIFFA FORFAIT 2H ALTA ROTAZIONE (Acquisto Associazione di Categoria) ABBONAMENTO MENSILE ORDINARIO SOSTA IN CENTRO T A R I F F E TARIFFA ORARIA ORDINARIA TARIFFA FORFAIT 2H ALTA ROTAZIONE (Acquisto Associazione di Categoria) ABBONAMENTO MENSILE ORDINARIO ABBONAMENTO ANNUALE ORDINARIO ABBONAMENTO MENSILE

Dettagli

Manuale dell'utente Fatturazione elettronica (efattura)

Manuale dell'utente Fatturazione elettronica (efattura) Manuale dell'utente Fatturazione elettronica (efattura) 4600 Olten, Svizzera www.sbbcargo.com Sommario 1. Introduzione... 3 1.1. Novità / integrazioni della versione 3.8... 3 1.1.1. Nuovi campi nei record

Dettagli

DOMANDA IN FORMA ORDINARIA. Il sottoscritto

DOMANDA IN FORMA ORDINARIA. Il sottoscritto ALLEGATO 1 Modello di domanda da compilare in stampatello, e da recapitare tramite raccomandata A.R., ovvero mediante consegna a mano, entro il 31 gennaio 2014. DOMANDA DI AMMISSIONE AI CONTRIBUTI di cui

Dettagli

Capitolo 3 - USI NEI TRASPORTI TERRESTRI. Sezione I Spedizioni e/o trasporti di merci a collettame e/o piccole

Capitolo 3 - USI NEI TRASPORTI TERRESTRI. Sezione I Spedizioni e/o trasporti di merci a collettame e/o piccole 1raccolta provinciale degli usi 21-07-2005 10:10 Pagina 273 Capitolo 2 - USI MARITTIMI* Capitolo 3 - USI NEI TRASPORTI TERRESTRI Sommario Sezione I Spedizioni e/o trasporti di merci a collettame e/o piccole

Dettagli

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 12 Informativa OGGETTO: Circolazione stradale. C.d.S. - Leggi Complementari D.L.

Dettagli

DEPOSITI IVA: IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA CON INTRODUZIONE NEL DEPOSITO IVA REGISTRAZIONI CONTABILI

DEPOSITI IVA: IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA CON INTRODUZIONE NEL DEPOSITO IVA REGISTRAZIONI CONTABILI DEPOSITI IVA: IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA CON INTRODUZIONE NEL DEPOSITO IVA REGISTRAZIONI CONTABILI 1 Quesito La ditta Alfa Spa effettua l importazione in Italia di beni con immissione in libera pratica

Dettagli

1 Quali registri obbligatori prevede il regime di contabilità semplificata? 1. Registri IVA 2. Libro Giornale 3. Libro Cassa

1 Quali registri obbligatori prevede il regime di contabilità semplificata? 1. Registri IVA 2. Libro Giornale 3. Libro Cassa COGNIZIONE DEI PRINCIPI APPLICABILI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE, CONTABILITA COMMERCIALE, REGIME DELLE TARIFFE PREZZI E CONDIZIONI DI TRASPORTO, GEOGRAFIA FISICA E STRADALE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO

Dettagli

L ordinazione fatta senza precisare la data di effettuazione, si intende da eseguirsi il giorno lavorativo successivo, se effettuato in Provincia.

L ordinazione fatta senza precisare la data di effettuazione, si intende da eseguirsi il giorno lavorativo successivo, se effettuato in Provincia. Capitolo V USI NEI TRASPORTI TERRESTRI TRASPORTI A MEZZO AUTOCARRI 1050. Ordinazione. L ordinazione fatta senza precisare la data di effettuazione, si intende da eseguirsi il giorno lavorativo successivo,

Dettagli

Contratti per i Trasporti Internazionali

Contratti per i Trasporti Internazionali Contratti per i Trasporti Internazionali CONTRATTO DEL TRASPORTO REGOLATO DALL ART. 1678 ALL ART. 1702 DEL C.C. E LE NORME DI DIRITTO COMUNE RIGUARDANO TUTTI I TIPI DI TRASPORTO IL TRASPORTO E UN CONTRATTO

Dettagli

Legge Finanziaria anno 2007 - Agevolazioni e contributi collegati alla tassa automobilistica

Legge Finanziaria anno 2007 - Agevolazioni e contributi collegati alla tassa automobilistica Legge Finanziaria anno 2007 - Agevolazioni e contributi collegati alla tassa automobilistica 1. Agevolazioni per la rottamazione di un veicolo per trasporto promiscuo immatricolato euro 0 o euro 1 senza

Dettagli

Basi di calcolo per i trasporti interurbani e d importazione/esportazione (ImEx) / Condizioni generali

Basi di calcolo per i trasporti interurbani e d importazione/esportazione (ImEx) / Condizioni generali Basi di calcolo per i trasporti interurbani e d importazione/esportazione (ImEx) / Condizioni generali Indice 1 Campo di applicazione e nozioni di base 1 2 Prestazioni standard 2 3 Prestazioni supplementari

Dettagli

COMUNE DI GUARDIALFIERA Provincia di Campobasso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CANONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

COMUNE DI GUARDIALFIERA Provincia di Campobasso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CANONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI GUARDIALFIERA Provincia di Campobasso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CANONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE TITOLO PRIMO AMBITO DI APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Oggetto

Dettagli

Studio 25/09/2013. Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini & Partners - Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Studio 25/09/2013. Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini & Partners - Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi MODIFICHE ALLA DEDUCIBILITA DEI COSTI DELLE AUTOVETTURE DAL 01/01/2013 EX LEGGE 92/2012 - LEGGE 228/2012 (STABILITA 2013) : EFFETTI SUGLI ACQUISTI E SULLE VENDITE 1 Deducibilità costi autovetture art.

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI SERVIZIO PACCO ORDINARIO INTERNAZIONALE

CONDIZIONI GENERALI DI SERVIZIO PACCO ORDINARIO INTERNAZIONALE CONDIZIONI GENERALI DI SERVIZIO PACCO ORDINARIO INTERNAZIONALE Le presenti Condizioni Generali, che si compongono di 15 articoli, disciplinano il Servizio Pacco Ordinario Internazionale (di seguito servizio

Dettagli

Esportazione. Tecniche degli scambi internazionali ESPORTAZIONE. Le esportazioni si possono distinguere tra:

Esportazione. Tecniche degli scambi internazionali ESPORTAZIONE. Le esportazioni si possono distinguere tra: Tecniche degli scambi internazionali Esportazione ESPORTAZIONE Le esportazioni si possono distinguere tra: 1. esportazioni dirette (art. 8 Comma 1 lettera a - DPR 633/72) 2. cessioni ad esportatori non

Dettagli

TRASFERTE NAZIONALI ED ESTERE DEL PERSONALE DI LIVELLO 1-7 E QUADRO (* )

TRASFERTE NAZIONALI ED ESTERE DEL PERSONALE DI LIVELLO 1-7 E QUADRO (* ) TRASFERTE NAZIONALI ED ESTERE DEL PERSONALE DI LIVELLO 1-7 E QUADRO (* ) NOZIONE DI TRASFERTA Si considerano in trasferta i dipendenti chiamati per motivi di servizio ad operare provvisoriamente fuori

Dettagli

Struttura del trasporto merci

Struttura del trasporto merci Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Struttura del trasporto merci Struttura del trasporto merci Il trasporto delle merci e la logistica MERCI

Dettagli

TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - IL TRASPORTO COMBINATO - di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO**

TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - IL TRASPORTO COMBINATO - di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO** TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - IL TRASPORTO COMBINATO - di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO** Con il Decreto Ministeriale 15 febbraio 2001, n. 28T, il Ministero dei Trasporti ha recepito la Direttiva

Dettagli

Roma, 18 febbraio 2009. Alle Direzioni regionali LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI OGGETTO:

Roma, 18 febbraio 2009. Alle Direzioni regionali LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI OGGETTO: Roma, 18 febbraio 2009 Protocollo: 17619/RU Rif.: Allegati: Alle Direzioni regionali LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI OGGETTO: Chiarimenti in merito all applicazione della deroga di cui all

Dettagli

Ministero dei Trasporti - Direzione Marittima di Roma

Ministero dei Trasporti - Direzione Marittima di Roma DECRETO n 15/06 Ministero dei Trasporti - Direzione Marittima di Roma Il Contrammiraglio Direttore Marittimo di Roma; DECRETA Articolo 1 Le tariffe per il servizio di pilotaggio sono così determinate:

Dettagli

A) Dati ricavati da informazioni CIM/EUROGATEWAY:

A) Dati ricavati da informazioni CIM/EUROGATEWAY: Revisione del 1/9/2011 BUSINESS PLAN PER IL PROGETTO: STAZIONE DI LAVAGGIO C/O CIM PREMESSA Il presente Business Plan e il risultato di un intenso lavoro di valutazioni/revisioni, portato avanti con il

Dettagli

* * * Prot. 300/A/205/15/108/13/1 Prot. 744 Del 15/01/2015 Del 15/01/2015 - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI

* * * Prot. 300/A/205/15/108/13/1 Prot. 744 Del 15/01/2015 Del 15/01/2015 - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI Prot. 300/A/205/15/108/13/1 Prot. 744 Del 15/01/2015 Del 15/01/2015 - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE LORO SEDI - ALLE ZONE POLIZIA DI FRONTIERA LORO

Dettagli

ALL. 1 Allegato all OS. n. 31 /2012 del 11-04-2012 DISCIPLINA PER I VIAGGI DEGLI ELETTORI CAPO I AMBITO DI APPLICAZIONE

ALL. 1 Allegato all OS. n. 31 /2012 del 11-04-2012 DISCIPLINA PER I VIAGGI DEGLI ELETTORI CAPO I AMBITO DI APPLICAZIONE ALL. 1 Allegato all OS. n. 31 /2012 del 11-04-2012 DISCIPLINA PER I VIAGGI DEGLI ELETTORI CAPO I AMBITO DI APPLICAZIONE Per i viaggi degli elettori residenti nel territorio nazionale e di quelli residenti

Dettagli

Il nuovo posizionamento di Trenitalia Cargo nel mercato dell industria chimica Francesco Lugli Direttore Vendite Cargo Trenitalia

Il nuovo posizionamento di Trenitalia Cargo nel mercato dell industria chimica Francesco Lugli Direttore Vendite Cargo Trenitalia Il nuovo posizionamento di Trenitalia Cargo nel mercato dell industria chimica Francesco Lugli Direttore Vendite Cargo Trenitalia Milano, 24 giugno 2014 Trenitalia Trenitalia, società del Gruppo Ferrovie

Dettagli

NORME DOGANALI PER LE PERSONE FISICHE

NORME DOGANALI PER LE PERSONE FISICHE NORME DOGANALI PER LE PERSONE FISICHE Le informazioni si basano sulla legislazione doganale vigente con il promemoria in uso per i passeggeri dei voli internazionali che passano il confine doganale dell

Dettagli

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi:

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: 8. RIMBORSI E INDENNITA 1. Rimborso 1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: Per mancata effettuazione del viaggio

Dettagli

Condizioni Generali per l utilizzo di carri merci privati di TRANSWAGGON 15. novembre 2011

Condizioni Generali per l utilizzo di carri merci privati di TRANSWAGGON 15. novembre 2011 1 Generalità 1.1 TRANSWAGGON fornisce carri merci privati per l effettuazione di trasporti nazionali e internazionali. 1.2 La stipula, il contenuto e l adempimento dei contratti, così come qualsiasi uso

Dettagli

Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva

Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva L esperienza del Comune di Cesena Camillo Acerbi Resp.le Servizio Informativo Gestionale Comune di Cesena acerbi_c@comune.cesena.fc.it Robert Ridolfi

Dettagli

I L T R A T T A M E N T O F I S C A L E D E G L I A U T O V E I C O L I A Z I E N D A L I

I L T R A T T A M E N T O F I S C A L E D E G L I A U T O V E I C O L I A Z I E N D A L I I L T R A T T A M E N T O F I S C A L E D E G L I A U T O V E I C O L I A Z I E N D A L I MONOGRAFIA IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI AUTOVEICOLI AZIENDALI INDICE 1.1 PREMESSE 3 1.2 VEICOLI CON COSTI INTEGRALMENTE

Dettagli

* * * - ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE

* * * - ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE LORO SEDI - ALLE ZONE POLIZIA DI FRONTIERA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA FERROVIARIA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI

Dettagli

PROVINCIA DI COSENZA SETTORE PATRIMONIO - ESPROPI SERVIZIO CONCESSIONI

PROVINCIA DI COSENZA SETTORE PATRIMONIO - ESPROPI SERVIZIO CONCESSIONI PROVINCIA DI COSENZA SETTORE PATRIMONIO - ESPROPI SERVIZIO CONCESSIONI C.O.S.A.P. CANONE OCCUPAZIONE SPAZI ED AREE PUBBLICHE (Art. 63, D.L.gs. 15 dicembre 1997, n. 446) Tabella A TARIFFE Con effetto dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 26 del 27.02.2008 N.B. Vedi anche : 1 - Deliberazione Giunta

Dettagli

Pagina 1 C R S L C U 6 2 R 6 8 Z 1 3 3 Z UG68U 494100 TRASPORTO DI MERCI SU STRADA. Domicilio fiscale Comune SANTA MARIA A MONTE Provincia PI

Pagina 1 C R S L C U 6 2 R 6 8 Z 1 3 3 Z UG68U 494100 TRASPORTO DI MERCI SU STRADA. Domicilio fiscale Comune SANTA MARIA A MONTE Provincia PI Pagina 1 494100 TRASPORTO DI MERCI SU STRADA Domicilio fiscale Comune SANTA MARIA A MONTE Provincia PI Inizio/cessazione attivita' (vedere istruzioni) Mesi di attivita' nel corso del periodo d'imposta

Dettagli

AUTO AZIENDALI E DETERMINAZIONE DEL REDDITO

AUTO AZIENDALI E DETERMINAZIONE DEL REDDITO AUTO AZIENDALI E DETERMINAZIONE DEL REDDITO Come è noto, l articolo 4, commi 72 e 73, della Legge 28-6-2012 n. 92, in vigore dal 12 agosto 2012, ha abbassato la soglia di deducibilità delle spese e degli

Dettagli

I MEZZI PER IL TRASPORTO STRADALE

I MEZZI PER IL TRASPORTO STRADALE I MEZZI PER IL TRASPORTO STRADALE APPUNTI A CURA DEL PROF.VENERUSO ENRICO I mezzi per il trasporto stradale delle unità di carico intermodali si dividono in : Autocarro lunghezza massima di 12,0 metri

Dettagli

Classificazione dei nodi di trasporto merci

Classificazione dei nodi di trasporto merci Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Classificazione dei nodi di trasporto merci Strutture, caratteristiche, funzioni Struttura del trasporto

Dettagli

R.D. 9 giugno 1930, n. 1182

R.D. 9 giugno 1930, n. 1182 R.D. 9 giugno 1930, n. 1182 Esecuzione delle seguenti convenzioni stipulate tra la Santa Sede e il Regno d Italia in dipendenza del trattato del Laterano l 11 febbraio 1929. 1 convenzione per la esecuzione

Dettagli

Capitolo 7, 3 parte Il Veicolo

Capitolo 7, 3 parte Il Veicolo Capitolo 7, 3 parte Il Veicolo 10. Schede veicoli Masse complessive a pieno carico veicoli muniti di pneumatici, con carico unitario medio trasmesso all'area di impronta sulla strada non superiore a 8

Dettagli

REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSI SPESE IN ITALIA E ALL ESTERO

REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSI SPESE IN ITALIA E ALL ESTERO REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSI SPESE IN ITALIA E ALL ESTERO Personale dipendente Personale comandato (incluso il personale ex IRRE) Collaboratori con contratto di collaborazione coordinata e continuativa

Dettagli

INTERPORTO SERVIZI CARGO S.P.A.

INTERPORTO SERVIZI CARGO S.P.A. INTERPORTO SERVIZI CARGO S.P.A. Condizioni Generali di spedizione a mezzo trasporto combinato Strada-Rotaia Entrate in vigore il 1 gennaio 2010 PREMESSE La società Interporto Servizi Cargo S.p.A. è concessionaria

Dettagli

Fringe benefit aziendali. Aspetti fiscali per il percettore e l azienda

Fringe benefit aziendali. Aspetti fiscali per il percettore e l azienda Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 173 16.06.2015 Fringe benefit aziendali Aspetti fiscali per il percettore e l azienda Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette I fringe

Dettagli

TRASPORTI DI CABOTAGGIO REGIME SANZIONATORIO di Franco Medri* e Maurizio Piraino

TRASPORTI DI CABOTAGGIO REGIME SANZIONATORIO di Franco Medri* e Maurizio Piraino TRASPORTI DI CABOTAGGIO REGIME SANZIONATORIO di Franco Medri* e Maurizio Piraino La licenza comunitaria (al pari della analoga licenza SEE) consente anche l effettuazione dei trasporti di cabotaggio. L

Dettagli

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Primo Corso Base di Contabilità Bilancio e Diritto Tributario 2011 11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Territorialità art.

Dettagli

Quando eccezionalmente i treni percorrono il binario di sinistra si dice che essi viaggiano su binario

Quando eccezionalmente i treni percorrono il binario di sinistra si dice che essi viaggiano su binario Metropolitana di Genova Regolamento di Esercizio la conoscenza Per Parte Dall art. necessità 2a del l esecutore 1 semplificativa Regolamento Termini sulla e definizioni ESTRATTO viene parte d Esercizio

Dettagli

Ordinanza sulla riduzione delle emissioni di CO2 delle automobili

Ordinanza sulla riduzione delle emissioni di CO2 delle automobili Ordinanza sulla riduzione delle emissioni di CO2 delle automobili del 16 dicembre 2011 Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 11d capoversi 2 e 3, 11e capoversi 1 e 2, 11f capoversi 2 e 4,

Dettagli

UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF

UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF Seminario LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DELLE SOCIETÀ Arezzo 20 maggio 2008 Firenze 22 maggio 2008 Pisa 28 maggio 2008 UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF Dott. Fabio Giommoni Le novità della dichiarazione

Dettagli

Caso pratico 1. Caso pratico 2

Caso pratico 1. Caso pratico 2 Caso pratico 1 (Diritto civile, diritto tributario, accesso al mercato, diritto sociale) Occorre trasportare su strada un carico completo di 20 tonnellate di prodotti siderurgici da Terni a Madrid, dire:

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

ELEMENTI DI DIRITTO TRIBUTARIO

ELEMENTI DI DIRITTO TRIBUTARIO ELEMENTI DI DIRITTO TRIBUTARIO 001 Entro quale data si effettuano i versamenti delle ritenute IRPEF? A 15 di ogni mese F B 16 di ogni mese V C 20 di ogni mese F D La fine di ogni mese F 002 Su chi grava

Dettagli

MODULO UNICO RICHIESTA FORNITURE EXTRA- ALLESTIMENTI

MODULO UNICO RICHIESTA FORNITURE EXTRA- ALLESTIMENTI MODULO UNICO RICHIESTA FORNITURE EXTRA- ALLESTIMENTI DA RESTITUIRE ENTRO E NON OLTRE IL 28 FEBBRAIO 2015 AL FAX 0532 976997 O ALLA MAIL info@ferraradroneshow.it Ragione sociale Padiglione Stand Indirizzo

Dettagli

Il settore dei trasporti nel FVG: anni 2008-2012

Il settore dei trasporti nel FVG: anni 2008-2012 Il settore dei trasporti nel FVG: anni 2008-2012 Direzione centrale finanze, patrimonio e programmazione Servizio Statistica e affari generali Corso Cavour, 1-34132 Trieste tel. +39 040 377 2228 - fax +39

Dettagli

Logistica Sinny Magic

Logistica Sinny Magic Logistica Sinny Magic Tariffe applicate Dal 11/03/2013 al 31/12/2013 Preventivo Trasporto n --- A.C. Attenzione: Sig.: Ditta: OFFERTA DI DISTRIBUZIONE ITALIA Sommario: 1. Messaggeria 2. La Vostra Sede

Dettagli

Gli operatori nel trasporto di merci pericolose e la sicurezza

Gli operatori nel trasporto di merci pericolose e la sicurezza Gli operatori nel trasporto di merci pericolose e la sicurezza Dott. Ing. Alfonso Simoni Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale per la Motorizzazione Il quadro legislativo nel

Dettagli

Attraversare la dogana svizzera con un veicolo

Attraversare la dogana svizzera con un veicolo Inverno 2014/2015 www.ezv.admin.ch Info dogana Traffico turistico Attraversare la dogana svizzera con un veicolo Info dogana Importazione di auto da parte di privati residenti in Svizzera Info dogana Importazione

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare n. 11 del 28 marzo 2008 Spese auto IVA (art. 19 bis 1 DPR 633/72) Il regime di detraibilità dell Iva afferente le autovetture è stato modificato dalla Legge n. 244/2007 (Finanziaria 2008), alla

Dettagli

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE Ravenna, 3 Gennaio 2013 Circolare n. 1/13 OGGETTO: NOVITA IVA DAL 1 GENNAIO 2013 Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2012 è stata pubblicata la Finanziaria 2013 (Legge n. 228 del 24/12/2012), c.d.

Dettagli

COMUNICATO TOP URGENT. Oggetto: Iva 2010 Prestazione di servizi (modalità di fatturazione dei trasporti di merce).

COMUNICATO TOP URGENT. Oggetto: Iva 2010 Prestazione di servizi (modalità di fatturazione dei trasporti di merce). COMUNICATO TOP URGENT Oggetto: Iva 2010 Prestazione di servizi (modalità di fatturazione dei trasporti di merce). In attesa del recepimento nell ordinamento italiano delle modifiche apportate dalla direttiva

Dettagli

Linee guida per la gestione e la rendicontazione dei progetti di ricerca di base finanziati dalla RAS nell ambito della L.R. 7/2007 Bandi 2010 e 2011

Linee guida per la gestione e la rendicontazione dei progetti di ricerca di base finanziati dalla RAS nell ambito della L.R. 7/2007 Bandi 2010 e 2011 potrà UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAGLIARI ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI SASSARI Linee guida per la gestione e la rendicontazione

Dettagli

DICHIARAZIONE IVA E COMUNICAZIONE DATI IVA DICHIARAZIONE ANNUALE

DICHIARAZIONE IVA E COMUNICAZIONE DATI IVA DICHIARAZIONE ANNUALE DICHIARAZIONE IVA E COMUNICAZIONE DATI IVA DICHIARAZIONE ANNUALE I soggetti passivi Iva anche se nel periodo di riferimento non hanno effettuato operazioni rilevanti ai fini del tributo, sono obbligati

Dettagli

Al Comitato di Presidenza Al Consiglio Direttivo Alla Commissione Legale Alla Commissione Sindacale Alle Associazioni Territoriali

Al Comitato di Presidenza Al Consiglio Direttivo Alla Commissione Legale Alla Commissione Sindacale Alle Associazioni Territoriali Roma, 15 luglio 2015 Al Comitato di Presidenza Al Consiglio Direttivo Alla Commissione Legale Alla Commissione Sindacale Alle Associazioni Territoriali Circolare n. 102/2015 Oggetto: Autotrasporto - Nota

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

Art. 10 (*) (Decreto legislativo 30.4.1992, n. 285 - Codice della strada) Veicoli eccezionali e trasporti in condizioni di eccezionalità (1)

Art. 10 (*) (Decreto legislativo 30.4.1992, n. 285 - Codice della strada) Veicoli eccezionali e trasporti in condizioni di eccezionalità (1) Art. 10 (*) (Decreto legislativo 30.4.1992, n. 285 - Codice della strada) Veicoli eccezionali e trasporti in condizioni di eccezionalità (1) 1. È eccezionale il veicolo che nella propria configurazione

Dettagli

RACCORDO FERROVIARIO FRA LA LINEA PARMA- BRESCIA E LE AREE INDUSTRIALI DI CASALMAGGIORE E VIADANA. Sistema di Valutazione delle Offerte

RACCORDO FERROVIARIO FRA LA LINEA PARMA- BRESCIA E LE AREE INDUSTRIALI DI CASALMAGGIORE E VIADANA. Sistema di Valutazione delle Offerte Provincia di Mantova Settore Pianificazione Territoriale, Programmazione, Assetto del Territorio RACCORDO FERROVIARIO FRA LA LINEA PARMA- BRESCIA E LE AREE INDUSTRIALI DI CASALMAGGIORE E VIADANA Sistema

Dettagli

ALL. 1 Allegato all OS. n. 31 /2012 del 11-04-2012 DISCIPLINA PER I VIAGGI DEGLI ELETTORI CAPO I AMBITO DI APPLICAZIONE Per i viaggi degli elettori residenti nel territorio nazionale e di quelli residenti

Dettagli

Sorbyacid. Il Decreto Legge 24 gennaio 2011, n. 20. obbliga

Sorbyacid. Il Decreto Legge 24 gennaio 2011, n. 20. obbliga Assorbente neutralizzante per fuoriuscite e sversamenti di acido solforico di batterie Il Decreto Legge 24 gennaio 2011, n. 20 obbliga tutte le attività, di seguito elencate, a dotarsi di prodotti atti

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO FERRARI SERVIZIO DOMESTICO

CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO FERRARI SERVIZIO DOMESTICO CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO FERRARI SERVIZIO DOMESTICO Ferrari S.p.A. è una Casa di spedizioni internazionali specializzata nel settore dei beni di lusso (gioielleria, oreficeria, pietre preziose,

Dettagli

Il Caso della settimana

Il Caso della settimana N. 15 del 20.04.2012 Il Caso della settimana A cura di Edoardo Martini I rimborsi spese a dipendenti ed amministratori per utilizzo auto personale La società ALFA s.r.l., per lo svolgimento della propria

Dettagli

FCA. FRANCOVETTORE (...luogo convenuto)

FCA. FRANCOVETTORE (...luogo convenuto) 2raccolta provinciale degli usi 21-07-2005 10:15 Pagina 349 FCA FRANCOVETTORE (...luogo convenuto) Nel Franco Vettore il venditore effettua la consegna col rimettere la merce, sdoganata all esportazione,

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 27.1.2009 COM(2009) 9 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Monitoraggio delle emissioni di CO2 delle automobili

Dettagli

INCENTIVI ECONOMICI PER L ACQUISTO DI VEICOLI ECOLOGICI O PER LA TRASFORMAZIONE A GAS DI QUELLI PIU VECCHI

INCENTIVI ECONOMICI PER L ACQUISTO DI VEICOLI ECOLOGICI O PER LA TRASFORMAZIONE A GAS DI QUELLI PIU VECCHI INCENTIVI ECONOMICI PER L ACQUISTO DI VEICOLI ECOLOGICI O PER LA TRASFORMAZIONE A GAS DI QUELLI PIU VECCHI La Regione, tramite i Comuni, mette a disposizione incentivi destinati a privati o aziende che

Dettagli

QUESITI - Programma merci Serie MAI - Elementi di diritto civile - Internazionale

QUESITI - Programma merci Serie MAI - Elementi di diritto civile - Internazionale QUESITI - Programma merci Serie MAI - Elementi di diritto civile - Internazionale MAI001 Nella CMR, la lettera di vettura andata persa A non può essere sostituita F B può essere sostituita da una nuova

Dettagli

Per facilitare il tuo business, scegli la squadra vincente.

Per facilitare il tuo business, scegli la squadra vincente. In Italia la telefonata è gratuita sia da rete fissa che mobile. Limitatamente ad alcuni paesi europei, da rete mobile è previsto un addebito al chiamante secondo le tariffe applicate dall operatore locale.

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 3 08.01.2015 Tariffe Aci per il 2015 Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette Con il consueto comunicato di fine anno sono state pubblicate

Dettagli

DISCIPLINA B TRASPORTO DI MERCI

DISCIPLINA B TRASPORTO DI MERCI REGIONE CAMPANIA COMMISSIONE D ESAME PER L ACCESSO ALL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO EX ART. 5 LEGGE 264/91 ANNO 2002 DISCIPLINA B TRASPORTO DI MERCI B01 - L Albo degli

Dettagli

Il principio delle «Autostrade Ferroviarie»

Il principio delle «Autostrade Ferroviarie» Milano 24 Giugno 2014 Il principio delle «Autostrade Ferroviarie» Un tipo di trasporto combinato che consiste nel trasportare, via ferrovia, dei mezzi pesanti stradali come semirimorchi o casse mobili.

Dettagli

Premesse (OMISSIS) Articolo 1 (Oggetto e finalità)

Premesse (OMISSIS) Articolo 1 (Oggetto e finalità) STRALCIO DELL ACCORDO DI PROGRAMMA SOTTOSCRITTO IN DATA 30/06/2009 TRA IL MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE LA CONFINDUSTRIA ANCMA (Associazione Nazionale Cicli, Motocicli

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI PER I SERVIZI NAZIONALI DI TRASPORTO MERCI COLLETTAME depositate presso tutte le C.C.I.A.A. il 07 gennaio 1997

CONDIZIONI GENERALI PER I SERVIZI NAZIONALI DI TRASPORTO MERCI COLLETTAME depositate presso tutte le C.C.I.A.A. il 07 gennaio 1997 CONDIZIONI GENERALI PER I SERVIZI NAZIONALI DI TRASPORTO MERCI COLLETTAME depositate presso tutte le C.C.I.A.A. il 07 gennaio 1997 ART. 1-AMBITO DI APPLICAZIONE E SOGGETTI Le presenti Condizioni Generali

Dettagli

Veicoli aziendali acquisto-leasing-noleggio

Veicoli aziendali acquisto-leasing-noleggio Veicoli aziendali acquisto-leasing-noleggio analisi di convenienza fiscale Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 16/05/2015 1 Principali riferimenti normativi

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE A seguito dell ingresso di Romania e Bulgaria nell Unione europea a decorrere dall 1.1.2007, le operazioni poste in essere con operatori residenti in tali Stati sono qualificate

Dettagli