T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O 2 0 1 0"

Transcript

1 Listino Prezzi Condizioni Generali di Contratto per il Trasporto delle Merci per Ferrovia In vigore dal 1 marzo 2010

2 Listino Prezzi Condizioni Generali di Contratto per il Trasporto delle Merci per Ferrovia (CGCTM) Emanato dal Responsabile di Trenitalia Divisione Cargo il 28 gennaio 2010 e registrato presso l Agenzia delle Entrate in data 26 febbraio 2010 serie 3 n T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

3 Indice Sezione I - Corrispettivi per il trasporto delle merci per ferrovia Paragrafo 1 - Campo di applicazione Paragrafo 2 - Calcolo del corrispettivo Paragrafo 3 - Calcolo delle distanze Paragrafo 4 - Calcolo degli arrotondamenti Paragrafo 5 - Pesi minimi Paragrafo 6 - Sovrapprezzi per l utilizzazione di particolari tipi di carri Paragrafo 7 - Merci di lunghezza eccezionale richiedenti l uso di più carri Paragrafo 8 - Merci di peso eccezionale Paragrafo 9 - Spedizioni eccedenti il peso assiale o il profilo limite Paragrafo 10- Carri per il distanziamento e la frenatura Sezione II - Corrispettivi Ordinari Paragrafo 1 - Corrispettivi Paragrafo 2 - Corrispettivi per materiale rotabile Paragrafo 3 - Sovrapprezzo per tabacchi lavorati Paragrafo 4 - Sovrapprezzo per valori bollati e oggetti preziosi Classe A Classe B Sezione III - Corrispettivi per specifiche categorie merceologiche Paragrafo 1 - Corrispettivi per trasporto di veicoli o per carri porta-auto vuoti Paragrafo 2 - Corrispettivi per trasporti di UTI cariche o vuote Paragrafo 3 - Corrispettivi per trasporto di carri vuoti quali mezzi di trasporto Paragrafo 4 - Corrispettivi per trasporto di rotabili da ferrovie e tranvie circolanti sulle proprie ruote - NHM 8601/ Sezione IV - Corrispettivi per servizi accessori Paragrafo 1 - Espletamento delle formalità doganali e delle operazioni doganali Sezione V - Servizi vari Paragrafo 1 - Pulitura del carro Paragrafo 2 - Creazione della Lettera di Vettura elettronica Paragrafo 3 - Ordini ulteriori e/o modifiche al contratto Paragrafo 4 - Stazionamento Paragrafo 5 - Indennità per la perdita d uso del carro C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

4 Sezione I Cor r i s pet t i v i per i l t r as por t o del l e mer ci per fer r ov i a Paragrafo 1 Cam p o d i ap p licazio n e I corrispettivi contenuti nel presente Listino Prezzi e pubblicati sul sito internet del vettore, si riferiscono ai trasporti ferroviari di merci effettuati da Trenitalia in ambito nazionale, con la modalità del Diffuso sul relativo reticolo. Detti corrispettivi sono forniti a titolo meramente indicativo. Paragrafo 2 Calcolo del corrispettivo Salvo quanto diversamente previsto per determinate categorie merceologiche nella successiva Sezione III, il corrispettivo di trasporto si determina moltiplicando l importo applicabile in base alla distanza tra l impianto ferroviario di origine e quello di destinazione e al tipo di carro utilizzato, per il peso della merce da trasportare, espresso in tonnellate, ovvero per quel diverso parametro previsto dallo specifico corrispettivo. Per il trasporto effettuato con carri composti da due o più moduli, fatta eccezione per i trasporti di veicoli composti da carri porta auto vuoti, nonché per i trasporti a vuoto di carri messi a disposizione dal cliente o dal vettore, il calcolo del corrispettivo è stabilito con riferimento a ciascun modulo. I residui di merce contenuti nei carri serbatoio sono considerati, ai soli effetti del calcolo dei corrispettivi, come facenti parte integrante del carro nel solo caso in cui il loro peso non superi il 10% della tara. Nel caso di applicazione di riduzioni e/o maggiorazioni percentuali del corrispettivo, queste vanno calcolate sull importo a tonnellata, ovvero su quel diverso parametro stabilito per specifiche categorie merceologiche nella successiva Sezione III, applicandole in successione, senza cioè effettuare preventivamente la somma algebrica delle corrispondenti percentuali. I corrispettivi applicabili ai trasporti a carico effettuati con carri messi a disposizione dal vettore devono essere aumentati del 17,65%. Paragrafo 3 Calcolo delle distanze Agli effetti del calcolo del corrispettivo, le distanze tra gli impianti ferroviari di origine e di destinazione del trasporto si desumono dal Prontuario Ufficiale delle distanze chilometriche per i traffici interni, documento disponibile presso le gestioni merci del vettore e dal Distancier International Uniforme des Marchandises per quelli internazionali, disponibile sul sito internet del vettore. Per i trasporti da e per impianti caratterizzati da particolari condizioni, possono essere indicate distanze virtuali. 4 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

5 Paragrafo 4 Calcolo degli arrotondamenti Gli arrotondamenti sono calcolati secondo i seguenti criteri: Arrotondamento del peso le frazioni di 100 kg di peso della merce si arrotondano ai 100 kg superiori, salvo quanto stabilito nella successiva Sezione III per specifiche categorie merceologiche e dalle disposizioni in materia di peso minimo per carro; Arrotondamento del corrispettivo il corrispettivo del trasporto calcolato ai sensi del precedente paragrafo 2 si arrotonda in Euro al secondo decimale. Paragrafo 5 Pesi minimi Il peso minimo da considerare ai fini del calcolo del corrispettivo del trasporto è indicato nelle diverse tabelle delle Sezioni II e III. In mancanza esso è fissato in kg Per le spedizioni effettuate con carri del tipo sottoindicato, i pesi minimi sono quelli indicati nella tabella sotto riportata, salve le eccezioni previste nella Sezione III per specifiche categorie merceologiche: Tipo di carro Peso minimo per carro tonn A. Carri a 2 assi 1. Coperti di capacità pari o superiore a 70 mc* Tetto apribile di lunghezza pari o superiore a 12 m 15 B. Carri pianali a 3 o 4 assi e carri a carrelli 15 C.Altri carri a 3 o 4 assi 18 D. Carri a più di 4 assi 36 E. Carri a piano di carico ribassato 6 per asse * Con esclusione di carri privati, dei carri isotermici e refrigeranti C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

6 Paragrafo 6 So v rap p re zzi p e r l u tilizzazio n e d i p artico lari tip i d i carri Ai corrispettivi relativi a trasporti effettuati con carri a piano di carico ribassato serie U, a 2, 4, 6, 8 assi ed oltre, vanno applicati i seguenti sovrapprezzi: Tipo di carro Da 1 a 300 km Sovrapprezzi Per ogni 300 km indivisibili oltre i primi 300 km A 2 assi 62,57 31,29 A 4 assi 125,15 62,57 A 6 assi 187,72 93,86 A 8 assi 250,29 125,15 Più di 8 assi * * * Sovrapprezzo stabilito di volta in volta dal vettore Tali sovrapprezzi si applicano, in servizio interno ed internazionale, per i carri messi a disposizione dal vettore. In uscita dall Italia, i sovrapprezzi di cui alla precedente tabella, si applicano sull intera distanza dall impianto ferroviario nazionale a quello estero di destinazione. In entrata in Italia non si applica alcun sovrapprezzo. Paragrafo 7 M e rci d i lu n gh e zza e cce zio n ale rich ie d e n ti l u so d i p iù carri Ai fini del calcolo del corrispettivo per il trasporto di merci che, a causa della loro lunghezza, richiedano l uso di più carri, sia nel caso in cui il carico poggi parzialmente su di essi, sia nel caso in cui non poggi neppure in parte (carro scudo), tutti i carri utilizzati devono essere considerati come caricati di una uguale frazione del peso effettivo della spedizione nel suo complesso. L importo viene calcolato per ogni singolo carro, applicando il corrispettivo competente, nel rispetto dei pesi minimi a carro di cui al precedente paragrafo 5, maggiorato del 30%. Il peso dell eventuale merce caricata sul carro scudo deve essere sommato a quello del carico principale ed assoggettato a quanto indicato nel presente paragrafo. 6 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

7 Paragrafo 8 Merci di peso eccezionale Al corrispettivo relativo al trasporto di un carro nel quale venga caricato un collo di peso pari o superiore a kg , va applicata la competente tra le seguenti percentuali di maggiorazione: da kg fino a kg 30%; da kg e fino a kg ulteriore aumento di 10 punti percentuali indivisibili per ogni kg; da kg ed oltre 150%. Nel caso in cui in uno stesso carro siano caricati più colli di peso superiore a kg, al corrispettivo del trasporto si applica la maggiorazione relativa al collo di peso maggiore. Paragrafo 9 Sp e d izio n i e cce d e n ti il p e so assiale o il p ro filo lim ite Il corrispettivo relativo al trasporto di un carro nel quale vengano caricati uno o più colli, il cui peso unitario determini un peso assiale lordo superiore a quello massimo ammesso anche su una sola delle linee da percorrere, o le cui dimensioni comportino un profilo limite eccedente i limiti massimi, ammessi anche su una sola delle linee da percorrere, viene calcolato per l intero percorso applicando il corrispettivo competente maggiorato del 30% e con il peso minimo di kg Se la spedizione comprende colli di peso pari o superiore a kg , sul prezzo calcolato in base al capoverso precedente viene, in aggiunta, applicata la maggiorazione di cui al precedente paragrafo 8. Paragrafo 10 Carri per il distanziamento e la frenatura Ai carri vuoti, utilizzati per il distanziamento o per la frenatura di un treno ogniqualvolta le circostanze lo richiedano, è applicato un corrispettivo pari a 0,58 (euro zero/58) per km. C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

8 Sezione II Corrispettivi Ordinari Paragrafo 1 Corrispettivi Classe A I corrispettivi della Classe A, riportati nella presente Sezione II, sono prezzi di riferimento applicabili a tutte le merci inoltrate con il reticolo del diffuso previste dalla Nomenclatura Armonizzata delle Merci (NHM) pubblicata sul sito del vettore, ad eccezione delle merci per le quali è prevista la Classe B, nonché delle specifiche categorie merceologiche riprese nella successiva Sezione III. Classe B I corrispettivi della Classe B riportati nella presente Sezione II sono applicabili alle merci aventi le seguenti posizioni di NHM: da 2601 a 2602; 2619; da 2701 a 2702; 2704; da 7201 a 7204; da 7206 a 7216; da 7218 a 7222; da 7225 a 7228; da 7301 a Paragrafo 2 Corrispettivi per materiale rotabile Ai trasporti di carri vuoti riferiti alle posizioni: NHM 8606 (carro merci vincolato a binari) sono applicabili i corrispettivi indicati nella classe A, serie 3, maggiorati del 20%. Detti corrispettivi sono calcolati tenuto conto del peso reale arrotondato al minimo di 20 tonnellate per rotabile. Qualora i rotabili siano trasportati con combustibile, acqua, attrezzi, ed altro di pertinenza degli stessi e su di essi caricati, il corrispettivo per il trasporto si calcola sul peso lordo (tara del rotabile maggiorata del peso di quanto su esso caricato). Paragrafo 3 So v rap p re zzo p e r tab acch i lav o rati Ai trasporti di merci di cui alla posizione NHM 2402 (Sigari, sigaretti e sigarette) si applica un sovrapprezzo pari al 25%. 8 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

9 Paragrafo 4 So v rap p re zzo p e r v alo ri b o llati e o gge tti p re zio si I prezzi dei trasporti di cui alle posizioni NHM 4907 (Francobolli, marche da bollo e simili), da 7101 a 7118 (Perle fini o coltivate, pietre preziose o simili, metalli preziosi, placcati o ricoperti di metalli preziosi e lavori di tali materie; minuterie, gioielleria ed altri valori) e 9101 (Orologi con casse di metalli preziosi), 9601 (Materie animali da intaglio, lavorate e lavori di tali materie, compresi quelli ottenuti per modellatura) e da 9701 a 9706 (Oggetti d arte, da collezione o da antichità), sono determinati di volta in volta. C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

10 Classe A Tabella dei pesi limite a partire dai quali è da prendere a base del calcolo del prezzo di trasporto il prezzo corrispondente al peso virtuale della serie immediatamente superiore Carichi aventi un peso effettivo compreso Peso limite Calcolo dei prezzi di trasporto tonn Serie di prezzi n. Peso virtuale tonn 1. Classe A - Carri a 2 assi a. fra 10,0 e 15,0 t 12,0 2 15,0 b. fra 15,0 e 20,0 t 18,0 3 20,0 c. fra 20,0 e 25,0 t 23,9 4 25,0 2. Classe A - Carri a carrelli e carri pianali a 3/4 assi a. fra 15,0 e 22,5 t 18,0 2 22,5 b. fra 22,5 e 30,0 t 27,0 3 30,0 c. fra 30,0 e 37,5 t 35,8 4 37,5 3. Classe A - Altri carri a 3/4 assi a. fra 18,0 e 27,0 t 21,5 2 27,0 b. fra 27,0 e 36,0 t 32,4 3 36,0 c. fra 36,0 e 45,0 t 42,9 4 45,0 10 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

11 Corrispettivi Classe A Prezzi per tonnellata vincolati al peso minimo di Serie 1 Serie 2 Serie 3 Serie 4 Per spedizioni con carri a 2 assi 10 t 15 t 20 t 25 t Per spedizioni con carri a 2 carrelli (di 2 assi ciascuno) o con carri pianali a 3 o 4 assi 15 t 22,50 t 30 t 37,5 t Per spedizioni con altri carri a 3 o 4 assi 18 t 27 t 36 t 45 t km Euro Euro Euro Euro ,50 15,52 13,93 13, ,75 15,72 14,11 13, ,06 15,97 14,33 13, ,38 16,22 14,56 13, ,69 16,47 14,78 14, ,01 16,72 15,00 14, ,32 16,97 15,23 14, ,64 17,22 15,45 14, ,95 17,47 15,68 14, ,27 17,72 15,90 15, ,58 17,97 16,13 15, ,90 18,22 16,35 15, ,21 18,47 16,58 15, ,53 18,73 16,80 16, ,84 18,98 17,03 16, ,16 19,23 17,25 16, ,47 19,48 17,48 16, ,79 19,73 17,70 16, ,10 19,98 17,93 17, ,42 20,23 18,15 17, ,73 20,48 18,38 17, ,17 20,83 18,69 17, ,80 21,33 19,14 18, ,43 21,83 19,59 18, ,06 22,33 20,04 19, ,69 22,84 20,49 19, ,32 23,34 20,94 19, ,95 23,84 21,39 20, ,58 24,34 21,84 20, ,21 24,84 22,29 21, ,84 25,34 22,74 21, ,47 25,84 23,19 22, ,10 26,34 23,64 22, ,73 26,85 24,09 22, ,36 27,35 24,54 23, ,99 27,85 24,99 23, ,62 28,35 25,44 24, ,25 28,85 25,89 24, ,88 29,35 26,34 25, ,51 29,85 26,79 25, ,14 30,36 27,24 25, ,01 31,05 27,86 26, ,12 31,93 28,65 27, ,23 32,81 29,45 28, ,33 33,69 30,24 28, ,44 34,58 31,03 29,55 C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

12 Corrispettivi Classe A Prezzi per tonnellata vincolati al peso minimo di Serie 1 Serie 2 Serie 3 Serie 4 Per spedizioni con carri a 2 assi 10 t 15 t 20 t 25 t Per spedizioni con carri a 2 carrelli (di 2 assi ciascuno) o con carri pianali a 3 o 4 assi 15 t 22,50 t 30 t 37,5 t Per spedizioni con altri carri a 3 o 4 assi 18 t 27 t 36 t 45 t km Euro Euro Euro Euro ,55 35,46 31,82 30, ,66 36,34 32,61 31, ,77 37,22 33,41 31, ,88 38,11 34,20 32, ,98 38,99 34,99 33, ,09 39,87 35,78 34, ,20 40,75 36,57 34, ,31 41,63 37,36 35, ,42 42,52 38,16 36, ,53 43,40 38,95 37, ,64 44,28 39,74 37, ,74 45,16 40,53 38, ,85 46,05 41,32 39, ,96 46,93 42,12 40, ,07 47,81 42,91 40, ,18 48,69 43,70 41, ,29 49,58 44,49 42, ,40 50,46 45,28 43, ,50 51,34 46,07 43, ,61 52,22 46,87 44, ,72 53,10 47,66 45, ,83 53,99 48,45 46, ,94 54,87 49,24 46, ,05 55,75 50,03 47, ,16 56,63 50,83 48, ,10 58,18 52,21 49, ,17 59,83 53,70 51, ,56 60,94 54,69 52, ,95 62,04 55,68 53, ,33 63,14 56,66 53, ,72 64,24 57,65 54, ,10 65,35 58,64 55, ,49 66,45 59,63 56, ,87 67,55 60,62 57, ,26 68,66 61,61 58, ,64 69,76 62,60 59, ,03 70,86 63,59 60, ,42 71,96 64,58 61, ,80 73,07 65,57 62, ,19 74,17 66,56 63, ,57 75,27 67,55 64, ,96 76,38 68,54 65, ,34 77,48 69,53 66, ,73 78,58 70,52 67, ,12 79,68 71,51 68,11 12 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

13 Classe B Tabella dei pesi limite a partire dai quali è da prendere a base del calcolo del prezzo di trasporto il prezzo corrispondente al peso virtuale della serie immediatamente superiore Carichi aventi un peso effettivo compreso Peso limite Calcolo dei prezzi di trasporto tonn Serie di prezzi n. Peso virtuale tonn 1. Classe B - Carri a 2 assi a. fra 15,0 e 20,0 t 18,3 3 20,0 b. fra 20,0 e 25,0 t 23,9 4 25,0 2. Classe B - Carri a carrelli e carri pianali a 3/4 assi a. fra 22,5 e 30,0 t 27,4 3 30,0 b. fra 30,0 e 37,5 t 35,8 4 37,5 3. Classe B - Altri carri a 3/4 assi a. fra 27,0 e 36,0 t 32,9 3 36,0 b. fra 36,0 e 45,0 t 42,9 4 45,0 C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

14 Corrispettivi Classe B Prezzi per tonnellata vincolati al peso minimo di Serie 2 Serie 3 Serie 4 Per spedizioni con carri a 2 assi 15 t 20 t 25 t Per spedizioni con carri a 2 carrelli (di 2 assi ciascuno) o con carri pianali a 3 o 4 assi 22,50 t 30 t 37,5 t Per spedizioni con altri carri a 3 o 4 assi 27 t 36 t 45 t km Euro Euro Euro ,27 11,20 10, ,59 11,50 10, ,00 11,87 11, ,39 12,23 11, ,78 12,58 11, ,16 12,93 12, ,53 13,27 12, ,90 13,60 12, ,26 13,94 13, ,62 14,26 13, ,98 14,59 13, ,33 14,91 14, ,68 15,23 14, ,03 15,55 14, ,37 15,86 15, ,71 16,17 15, ,05 16,48 15, ,39 16,79 15, ,72 17,09 16, ,05 17,40 16, ,39 17,70 16, ,90 18,17 17, ,67 18,88 17, ,45 19,58 18, ,22 20,29 19, ,99 20,99 19, ,76 21,69 20, ,53 22,40 21, ,30 23,10 22, ,07 23,81 22, ,12 23,85 22, ,86 24,53 23, ,61 25,21 24, ,36 25,89 24, ,10 26,57 25, ,85 27,25 25, ,95 27,34 26, ,67 28,01 26, ,40 28,67 27, ,13 29,34 27, ,86 30,00 28, ,94 30,07 28, ,34 31,36 29, ,75 32,64 31, ,16 33,93 32, ,56 35,21 33,53 14 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

15 Corrispettivi Classe B Prezzi per tonnellata vincolati al peso minimo di Serie 2 Serie 3 Serie 4 Per spedizioni con carri a 2 assi 15 t 20 t 25 t Per spedizioni con carri a 2 carrelli (di 2 assi ciascuno) o con carri pianali a 3 o 4 assi 22,50 t 30 t 37,5 t Per spedizioni con altri carri a 3 o 4 assi 27 t 36 t 45 t km Euro Euro Euro ,79 35,42 33, ,15 36,66 34, ,51 37,90 36, ,87 39,15 37, ,24 40,39 38, ,34 40,48 38, ,66 41,69 39, ,98 42,89 40, ,30 44,10 42, ,62 45,30 43, ,93 46,51 44, ,25 47,71 45, ,57 48,92 46, ,89 50,12 47, ,21 51,32 48, ,53 52,53 50, ,85 53,73 51, ,17 54,94 52, ,49 56,14 53, ,81 57,35 54, ,30 57,80 55, ,60 58,99 56, ,91 60,18 57, ,21 61,36 58, ,51 62,55 59, ,77 63,70 60, ,97 66,63 63, ,18 69,55 66, ,38 72,48 69, ,59 75,40 71, ,26 77,85 74, ,45 80,76 76, ,63 83,66 79, ,81 86,57 82, ,00 89,48 85, ,18 92,38 87, ,36 95,29 90, ,55 98,19 93, ,73 101,10 96, ,91 104,01 99, ,10 106,91 101, ,28 109,82 104, ,46 112,73 107, ,65 115,63 110, ,83 118,54 112,89 C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

16 Sezione III Cor r i s pet t i v i per s peci fi che cat egor i e mer ceol ogi che Paragrafo 1 Corrispettivi per trasporti di veicoli o per carri porta-auto vuoti Il corrispettivo applicabile per i trasporti di veicoli caricati su carri ad un piano e a due piani e per i trasporti di carri vuoti della serie letterale L e H, attrezzati per il trasporto di veicoli stradali, messi a disposizione dal cliente o dal vettore, è stabilito nella successiva tabella. Le disposizioni della presente sezione non si applicano ai trasporti di semirimorchi stradali, carichi o vuoti, ai quali si applica la tariffa delle UTI cariche o vuote. Qualora, oltre ai veicoli, siano caricate sul/i medesimo/i carro/i altre merci, il corrispettivo del trasporto è calcolato separatamente per i veicoli e per le altre merci secondo quanto dichiarato in LDV. Alle merci caricate sul medesimo carro potranno essere applicati, se inferiori rispetto a quelli previsti nella presente Sezione, i corrispettivi ordinari previsti per la Classe A. Tali corrispettivi vanno applicati sul peso effettivo delle merci suddette, arrotondato ai kg superiori, con un minimo di kg. 16 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

17 Corrispettivi per trasporto di veicoli o per carri porta-auto vuoti Prezzi per spedizione DIstanza Carri Carri pianali e a doppio piano Carri Carri a 2 assi fino a 4 assi o a 2 carrelli a più di 4 a più (di 2 assi ciascuno) di lunghezza in metri: e fino a 8 assi di 8 assi <= 23,40 > 23,40 < 27 => 27 km Euro Euro Euro Euro Euro Euro ,82 374,73 424,70 499,64 999, , ,08 379,62 430,24 506, , , ,15 385,73 437,16 514, , , ,23 391,84 444,09 522, , , ,30 397,95 451,01 530, , , ,38 404,06 457,94 538, , , ,45 410,17 464,86 546, , , ,52 416,28 471,79 555, , , ,60 422,39 478,71 563, , , ,67 428,51 485,64 571, , , ,74 434,62 492,56 579, , , ,82 440,73 499,49 587, , , ,89 446,84 506,41 595, , , ,96 452,95 513,34 603, , , ,04 459,06 520,27 612, , , ,11 465,17 527,19 620, , , ,19 471,28 534,12 628, , , ,26 477,39 541,04 636, , , ,33 483,50 547,97 644, , , ,41 489,61 554,89 652, , , ,48 495,72 561,82 660, , , ,18 504,28 571,51 672, , , ,33 516,50 585,36 688, , , ,48 528,72 599,21 704, , , ,63 540,94 613,06 721, , , ,77 553,16 626,91 737, , , ,92 565,38 640,76 753, , , ,07 577,60 654,62 770, , , ,22 589,82 668,47 786, , , ,36 602,04 682,32 802, , , ,51 614,27 696,17 819, , , ,66 626,49 710,02 835, , , ,80 638,71 723,87 851, , , ,95 650,93 737,72 867, , , ,10 663,15 751,57 884, , , ,25 675,37 765,42 900, , , ,39 687,59 779,27 916, , , ,54 699,81 793,12 933, , , ,69 712,03 806,97 949, , , ,84 724,25 820,82 965, , , ,98 736,48 834,67 981, , , ,20 754,81 855, , , , ,50 779,25 883, , , , ,79 803,69 910, , , , ,09 828,13 938, , , , ,38 852,58 966, , , ,63 C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

18 Corrispettivi per trasporto di veicoli o per carri porta-auto vuoti Prezzi per spedizione DIstanza Carri Carri pianali e a doppio piano Carri Carri a 2 assi fino a 4 assi o a 2 carrelli a più di 4 a più (di 2 assi ciascuno) di lunghezza in metri: e fino a 8 assi di 8 assi <= 23,40 > 23,40 < 27 => 27 km Euro Euro Euro Euro Euro Euro ,68 877,02 993, , , , ,97 901, , , , , ,27 925, , , , , ,56 950, , , , , ,86 974, , , , , ,15 999, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,59 18 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

19 Paragrafo 2 Co rrisp e ttiv i p e r trasp o rti d i UT I carich e o v u o te Il corrispettivo applicabile ai trasporti di merci di cui alle posizioni della NHM: 9941 (grandi contenitori carichi); 9942 (casse mobili cariche); 9943 (semirimorchi carichi); è stabilito nella successiva tabella, Serie A. Il corrispettivo applicabile ai trasporti di merci di cui alle posizioni di NHM: 8609 (casse mobili e contenitori vuoti); 9931 (grandi contenitori vuoti e usati che precedono o seguono un trasporto a carico per ferrovia); 9932 (casse mobili, vuote e usate che precedono o seguono un trasporto a carico per ferrovia); 9933 (semirimorchi vuoti e usati che precedono o seguono un trasporto a carico per ferrovia); 9939 (UTI vuote e usate che precedono o seguono un trasporto a carico per ferrovia); è stabilito nella successiva tabella, Serie B. In base al numero di assi del carro utilizzato per il trasporto, ai suddetti corrispettivi dovranno essere applicati i seguenti coefficienti: Corrispettivi per trasporti di UTI cariche o vuote Coefficienti per carro Tipo di carro Coefficiente A 2 assi 0,8 A 4 assi 1,0 A 6 assi 1,8 A 8 assi 1,9 Al corrispettivo dei trasporti di UTI cariche non si applica quanto previsto alla Sezione I, paragrafo 8 Merci di peso eccezionale. In presenza di più UTI cariche e vuote sullo stesso carro, si applicano i corrispettivi della Serie A. E ammesso il trasporto di più UTI sullo stesso carro solo se aventi stesso mittente, stesso destinatario, nonché stesso impianto ferroviario di partenza e di arrivo. Il peso dell UTI carica è inteso come peso complessivo della merce e della tara dell UTI stessa. I trasporti di semirimorchi nuovi di fabbrica sono considerati trasporti di veicoli; pertanto si applicano le disposizioni di cui al precedente paragrafo 1 Corrispettivi per trasporto di veicoli o per carri portaauto vuoti. C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

20 Corrispettivi per trasporto di UTI cariche o vuote Prezzi per carro Distanza Serie A UTI cariche Serie B UTI vuote km Euro Euro T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi:

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: 8. RIMBORSI E INDENNITA 1. Rimborso 1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: Per mancata effettuazione del viaggio

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

TITOLO VI ALTRI USI TITOLO VI

TITOLO VI ALTRI USI TITOLO VI TITOLO VI 167 Capitolo primo PRESTAZIONI D OPERA VARIE E DI SERVIZIO (nessun uso accertato) Capitolo secondo USI MARITTIMI (nessun uso accertato) 169 Capitolo terzo USI NEI TRASPORTI TERRESTRI TRASPORTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE VIABILITA Servizio Manutenzione Strade Ufficio Trasporti Eccezionali

PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE VIABILITA Servizio Manutenzione Strade Ufficio Trasporti Eccezionali PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE VIABILITA Servizio Manutenzione Strade Ufficio Trasporti Eccezionali LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI D OPERA NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA LE DISPOSIZIONI DI LEGGE NAZIONALI

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974 Ordinanza concernente il trasporto e la sepoltura di cadaveri presentanti pericolo di contagio come anche il trasporto di cadaveri in provenienza dall estero e a destinazione di quest ultimo 818.61 del

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE Per "costo di esercizio del veicolo", è inteso l'insieme delle spese che l'automobilista sostiene per l'uso del veicolo, più le quote di ammortamento (quota capitale e quota

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

costo carburante per km incidenza = ------------------------------------------------------------- x 100 altri costi + costo carburante per km

costo carburante per km incidenza = ------------------------------------------------------------- x 100 altri costi + costo carburante per km Costi di esercizio dell impresa di autotrasporto per conto di terzi costi minimi di esercizio che garantiscano il rispetto dei parametri di sicurezza (Articolo 83 bis, commi 1 e 2, commi 4 e 4-bis della

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

Ultimo aggiornamento: luglio 2008. TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU. Pagina 1

Ultimo aggiornamento: luglio 2008. TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU. Pagina 1 TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU Pagina 1 ELENCO DELLE ABBREVIAZIONI E DEGLI ACRONIMI UTILIZZATI NEGLI ORIENTAMENTI DAU ACP CDC CCIP NC DG TAXUD CE UE EUR.1 Gruppo di Stati dell Africa, dei Caraibi

Dettagli

Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE

Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE PROINCIA DI TARANTO Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE A0001 A0002 A0003 A0004 A0005 A0006 Sono classificati veicoli secondo il CDS 1 le macchine uso bambini 2 i ciclomotori 3 le macchine uso disabili

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO LA NORMATIVA COMUNITARIA E I CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEL MADE IN Merci interamente ottenute o sostanzialmente trasformate La

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali La procedura è multi aziendale. L'accesso al software avviene tramite password e livello di accesso definibili per utente. L'interfaccia di

Dettagli

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Luciana Pomara Giuseppe Scibetta Onorina Zilioli Alessia Carla Vinci Roberto Scibetta Stefania Zilioli Rosaria Marano Sabrina Iannuzzi Your

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK LA TUA POSTA IN UN CLICK Clicca&Posta è una soluzione software per la gestione della

Dettagli

PREMESSA. La GIUNTA della Camera di Commercio di Brescia

PREMESSA. La GIUNTA della Camera di Commercio di Brescia DISCIPLINARE TECNICO E AMMINISTRATIVO VERIFICAZIONE PERIODICA DI ESECUZIONE DELLA PREMESSA L art. 11 del T.U. delle leggi sui pesi e sulle misure, approvato con R. D. 23 agosto 1890 n. 7088, stabilisce

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO QUICK PACK EUROPE

CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO QUICK PACK EUROPE Validità a partire dal: 05 agosto 2013 CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO QUICK PACK EUROPE Le presenti Condizioni Generali, che si compongono di 13 articoli, disciplinano il Servizio Quick Pack Europe (di

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

BAKEDIADE. Software per la pesatura, bollettazione e fatturazione del pane ed altri prodotti da forno in ceste. BakeDiade, un idea buona come il pane

BAKEDIADE. Software per la pesatura, bollettazione e fatturazione del pane ed altri prodotti da forno in ceste. BakeDiade, un idea buona come il pane BAKEDIADE Software per la pesatura, bollettazione e fatturazione del pane ed altri prodotti da forno in ceste BakeDiade, un idea buona come il pane ATTIVITà AMMINISTRATIVA Grazie all utilizzo di semplici

Dettagli

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04 SWIM SKF World-class Invoice Matching Specifiche SKF per fatture e documenti di consegna Rev 04 Indice 1 Scopo...3 2 Introduzione...3 3 Dati contenuti in fattura...3 4 Dati obbligatori richiesti in una

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Distribuzione Energia Elettrica Sommario 1. Ambito di applicazione... 4 2. Nuove connessioni e

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura.

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura. Dicembre 200 Conto 3. Guida pratica alla Fattura. La guida pratica alla lettura della fattura contiene informazioni utili sulle principali voci presenti sul conto telefonico. Gentile Cliente, nel ringraziarla

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 La ricerca operativa 2 1.1 Introduzione......................................... 2 1.2 Le fasi della ricerca operativa...............................

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

NORMATIVE CEE SULLE EMISSIONI INQUINANTI

NORMATIVE CEE SULLE EMISSIONI INQUINANTI Categoria Veicolo NORMATIVE CEE SULLE EMISSIONI INQUINANTI Categoria EURO EURO 0 Autoveicoli Direttiva Europea di riferimento presente sul libretto di circolazione nessuna direttiva o precedente alla 91/441

Dettagli

LA PROCEDURA DOMICILIATA: LA SOLUZIONE PIÙ SNELLA

LA PROCEDURA DOMICILIATA: LA SOLUZIONE PIÙ SNELLA LA PROCEDURA DOMICILIATA: LA SOLUZIONE PIÙ SNELLA GESTIONE DELLA PROCEDURA DOMICILIATA DI ACCERTAMENTO DOGANALE (IMPORTAZIONE-ESPORTAZIONE) PRESSO IL SITO DELL OPERATORE ECONOMICO. VANTAGGI OPERATIVI EXPORT

Dettagli

Per trasporto internazionale di cose s intende lo spostamento, a carico o a vuoto, del veicolo fra due o più Stati.

Per trasporto internazionale di cose s intende lo spostamento, a carico o a vuoto, del veicolo fra due o più Stati. I TRASPORTI INTERNAZIONALI Per trasporto internazionale di cose s intende lo spostamento, a carico o a vuoto, del veicolo fra due o più Stati. Per effettuare trasporti internazionali di merci su strada

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING

SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING Versione 1.0 del 23 giugno 2014 Sommario 1. Introduzione... 2 2. Contenuto della Fattura PA... 2 3. Dati obbligatori

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Oggetto dell imposta comunale sulla pubblicità permanente

Oggetto dell imposta comunale sulla pubblicità permanente Oggetto dell imposta comunale sulla pubblicità permanente L applicazione dell imposta sulla pubblicità permanente si realizza individuando una fattispecie impositiva, consistente in un mezzo o supporto,

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Una guida per diportisti e operatori. nautica& FISCO REGIONE LIGURIA. a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria

Una guida per diportisti e operatori. nautica& FISCO REGIONE LIGURIA. a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria Una guida per diportisti e operatori REGIONE LIGURIA nautica& FISCO a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria UCINA nautica& FISCO Una guida per diportisti e operatori

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli