L e-government in Italia. Schede tecniche sulle iniziative di e-government

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L e-government in Italia. Schede tecniche sulle iniziative di e-government"

Transcript

1 5 Gianluca Lanzetta, Carmelo Pacione L e-government in Italia. Schede tecniche sulle iniziative di e-government 1 La Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione (Rupa) 1.1. Rupa - Concetti generali La Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione (Rupa) è il frutto di uno studio durato dal 1993 (Istituzione dell Aipa) al 1996 (Pubblicazione dello Studio di fattibilità ) e culminato in una gara, in due lotti, indetta il 26 gennaio 1998 ed aggiudicata a febbraio Il primo lotto della gara avente ad oggetto i servizi di trasporto è stato aggiudicato alla società Telecom Italia, il secondo lotto, avente ad oggetto i servizi di interoperabilità, è stato aggiudicato alla società Eds. Presso l Aipa è stato poi istituito un Centro Tecnico a cui sono affidate la supervisione ed il controllo dei contratti con le società aggiudicatarie dei servizi Rupa. Scopo della Rupa è consentire al sistema informativo di ciascuna amministrazione l acceso ai dati ed alle procedure residenti nei sistemi informativi delle altre, nel rispetto della normativa in materia di limiti di accesso, segreto e tutela della riservatezza. La Rete si propone di offrire un sistema informativo integrato che permetterà a ciascuna singola amministrazione di colloquiare con le altre per lo scambio di documenti ed informazioni e di proporsi verso il cittadino-utente come centro erogatore di dati, prestazioni amministrativi. La Rupa nasce, concettualmente, come una rete delle reti allo scopo di salvaguardare l autonomia, ciascuna delle singole amministrazioni aderenti: avremo quindi un Dominio della Rete Unitaria e tante Reti di dominio 1, ciascuna di esse configurabile come una rete privata che utilizza i servizi di un infrastruttura comune. 1 Come dominio s intende l insieme di risorse hardware, di comunicazione e software, in particolare procedure, dati e servizi, che cadono sotto la giurisdizione di una determinata organizzazione od ente; l introduzione del concetto di dominio è stata determinata dalla necessità di tener conto delle linee guida europee dettate per il progetto IDA e per la posta elettronica, cfr. European Commission (1995).

2 90 GIANLUCA LANZETTA, CARMELO PACIONE L erogazione dei Servizi di trasporto viene assicurata mediante un Centro di Gestione del Trasporto (Cg-T); la fornitura dei Servizi di interoperabilità, nell ambito del dominio della Rete Unitaria viene assicurata mediante un Centro di Gestione per l Interoperabilità (Cg-I); entrambi i centri operano sotto la supervisione ed il controllo del Centro Tecnico Rupa; inoltre ogni amministrazione è tenuta ad avvalersi di una propria struttura gestionale, il Centro di Gestione dell Amministrazione (Cg- Amm) che funga da interfaccia tra la Rete di dominio ed i Centri di gestione. Architettura della Rupa 1.2. Rupa - Servizi di trasporto I Servizi di trasporto hanno per oggetto la realizzazione, gestione ed evoluzione: delle reti geografiche di dominio delle diverse Amministrazioni, con l adozione di tecniche multiprotocollo che comprendano Ip e la fornitura di circuiti virtuali con adeguato livello di banda garantita e continuità nella disponibilità del servizio; della rete del Dominio della Rete unitaria, costituita dalle interconnessioni tra le diverse Amministrazioni basata sull adozione di protocolli Ip per il trasferimento delle informazioni da un dominio all altro e verso altre reti e da circuiti virtuali per il recupero delle connessioni esistenti tra sistemi informativi di amministrazioni diverse.

3 SCHEDE TECNICHE SULLE INIZIATIVE DI E-GOVERNMENT Rupa - Servizi per l interoperabilità I Servizi per l interoperabilità consistono nella realizzazione, gestione ed assistenza di un insieme di servizi di base disponibili per tutti gli utenti del Dominio della Rete unitaria e, se richiesto, anche all interno dei Domini delle singole Amministrazioni: servizi di interconnessione a livello applicativo tra i domini delle Amministrazioni e con l esterno, ed in particolare: posta elettronica, trasferimento di file, terminale virtuale, accesso a News, a World Wide Web e collegamenti ad Internet; servizi di gestione e supporto atti ad assicurare la migliore erogazione dei servizi di cui alla precedente lettera a), ivi compreso quello di controllo dei servizi trasmessivi di trasporto offerti dal Dominio della Rete Unitaria (Ip e circuiti virtuali). Sono compresi i servizi di indirizzamento, domain name service, directory service, tempo ufficiale di rete, system management e network monitoring, servizi per il controllo dei livelli di servizio contrattuali, call center e formazione; servizi addizionali per la singola amministrazione (richiedibili opzionalmente, a differenza degli altri che risultano obbligatori per le Amministrazioni) che comprendono: servizi di hosting e mirroring dei server web; servizi di collegamento a banche dati esterne di interesse generale dalle singole amministrazioni; servizi per l interoperabilità interna dell Amministrazione ( , Ftp, virtual terminal, server Www, domain management, call center, formazione ed assistenza a progetti di integrazione dei servizi offerti con quanto esistente presso l Amministrazione); servizi di outsourcing del Cg-Amm; servizi di gestione completa della configurazione e distribuzione del software fino ai posti di lavoro. I Domini delle singole Amministrazioni dovranno accedere ai servizi per l interoperabilità attraverso una Porta di rete, definita come unico elemento logico, che includa le funzionalità di firewall e di proxy per posta elettronica, trasferimento file, terminale virtuale, accesso a Www e accesso a News. Per mezzo della Porta di rete l amministrazione fruisce dei servizi di interconnessione a livello applicativo, intendendosi con gli stessi in modo sintetico l insieme delle componenti hardware e software atte a controllare e gestire per ogni applicazione lo scambio dei dati, garantendo i criteri di sicurezza richiesti.

4 92 GIANLUCA LANZETTA, CARMELO PACIONE 1.4. Rupa - Il Centro tecnico Previsto, inizialmente, nello Studio di Fattibilità della Rete unitaria (Aipa, febbraio 1996) come organismo tecnico per il controllo e la gestione dei servizi di trasporto e di interoperabilità della rete della Pa, il Centro tecnico, presta assistenza alle amministrazioni al fine di pianificare l ingresso di queste ultime in rete, l aggiornamento delle reti di dominio e la realizzazione di un interfaccia fra le amministrazioni stesse ed i fornitori dei servizi di trasporto e di interoperabilità. Ai sensi della L. n. 340 del 24 novembre 2000, al Centro tecnico è, inoltre, affidata la definizione e l attuazione dei programmi di informatizzazione integrata delle Pubbliche Amministrazioni, il coordinamento e la gestione dei progetti come definiti nel Piano di azione di e-government La Rete Nazionale delle Amministrazioni Con la piena realizzazione della Rupa si sono messi a disposizione delle Amministrazioni una piattaforma unitaria (servizio di trasporto 2 ) ed uno strato di servizi minimali (servizi di interoperabilità 3 ). Caratteristica precipua della Rupa è quella consentire un modello di cooperazione tra applicazioni in cui il colloquio tra le Amministrazioni poggia direttamente sullo strato di trasporto, per lo scambio delle informazioni previste, e prescinde dall architettura di interoperabilità 4. Questo modello consente già un sufficiente livello di interconnessione, non solo tra Amministrazioni Statali (accomunate dall adesione obbligatoria alla Rupa) ma anche tra Amministrazioni Statali ed Amministrazioni Locali (le quali hanno la possibilità di accedere, singolarmente o collettivamente, alla Rupa ovvero di dialogare con tutte le altre Amministrazioni utilizzando un qualsiasi Internet service provider). Il successivo passo in avanti sarà la costruzione della Rete Nazionale delle Amministrazioni (Rna) cioè la vera e propria extranet dell Amministrazione pubblica: 2 Si rammenta che, a livello di trasporto, la Rupa consente: a) di trasportare datagrammi Ip tra gli utenti appartenenti ad uno stesso dominio; b) impedire la comunicazione diretta tra utenti appartenenti a domini differenti; c) inoltrare datagrammi Ip destinati ad accessi appartenenti a domini diversi, accessi che si collegano al Centro di Gestione interno al Dominio dell Amministrazione ovvero al Centro di Gestione dell Interoperabilità; cfr. Aipa (2000), Connessione. 3 I servizi di interoperabilità, individuati sin dallo studio di fattibilità della Rupa (gennaio1996) sono: posta elettronica, file transfer, telnet, accesso ai siti Www. 4 Almeno in tutti i casi in cui l interconnessione non è riconducibile a posta elettronica, Ftp, Www, connessioni comprese nei servizi di interoperabilità Rupa.

5 SCHEDE TECNICHE SULLE INIZIATIVE DI E-GOVERNMENT 93 un sistema in grado di interconnettere tutti a tutti i sistemi informatici delle Amministrazioni Centrali e Locali. Caratteristiche della Rna saranno: la presenza di un modello architetturale federato, che renda interoperabili le reti esistenti sul territorio (reti di area geografica, reti di categoria, reti di settore, Rupa); la messa in comunicazione di applicazioni, appartenenti a differenti Amministrazioni (servizi di cooperazione applicativa). Come obiettivo finale vi è la realizzazione di un back office unico, che valga per il cittadino (modello Government-to-Citizen), ed in cui questi possa accedere ai servizi, semplicemente facendosi identificare con la Carta d identità elettronica, e valga per le Amministrazioni (modello Government-to-Government), ed in cui ciascuna di esse si colleghi alla Rna per erogare servizi e dati alle altre La Rete dei Gabinetti (G-net) Gli Uffici di Gabinetto, ma anche a tutti gli altri uffici di diretta collaborazione con i Ministri (Udcom), costituiscono il fondamentale elemento di raccordo, nelle Amministrazioni, tra indirizzo politico e responsabilità direttive e operative. L Ufficio del Gabinetto deve, inoltre, accedere alle informazioni di enti ed istituzioni, come la Corte dei Conti, il Consiglio di Stato, la Ragioneria Generale dello Stato, la Camera ed il Senato. Sono dunque immediatamente percepibili i vantaggi insiti nella realizzazione di una Rete dei Gabinetti (che comprenda tutti gli uffici summenzionati) e che consenta, con modalità del tutto simili a quelle di Rupa (ma con maggiori garanzie in termini di sicurezza ) la condivisione delle infrastrutture, l automazione di alcune attività di lavoro, il potenziamento degli strumenti di comunicazione. All interno di G-net circolano esclusivamente dati coperti da coperti da segreto d ufficio (con esclusione del segreto di Stato): in considerazione della delicatezza istituzionale dei compiti svolti dagli utenti di G-net, tutti i servizi sono erogati in condizioni di elevata sicurezza. G-net dispone quindi di strumenti che impediscono intrusioni, attacchi, intercettazioni, propagazione di virus, distruzioni di informazioni sulla rete. In particolare il sistema di sicurezza di G-net assicura: l identificazione e l autenticazione degli utenti che chiedono di accedere ai servizi di G-net per il tramite di una smart card; l utilizzo protetto delle infrastrutture locali di comunicazione; il controllo dell accesso alle applicazioni ed ai dati, secondo le specifiche di sicurezza di ogni dominio;

6 94 GIANLUCA LANZETTA, CARMELO PACIONE le funzioni per la crittografia dei dati; la protezione, a tutti i livelli dell architettura proposta, dei dati e delle applicazioni da danneggiamenti provocati da virus informatici. Nella rete G-net sono già presenti, o in via di pubblicazione, anche le seguenti applicazioni: Applicazione Nomine: su richiesta del Dipartimento per il Coordinamento Amministrativo della Pubblica Amministrazione, è stata realizzata una applicazione per la gestione, e per la diffusione informatizzata alle Amministrazioni di competenza, dei provvedimenti di nomina per incarichi presso Enti della Pubblica Amministrazione e/o incarichi per commissioni e comitati istituiti dal Consiglio dei Ministri. Casella di Posta Ufficiale: la casella di posta ufficiale per unità organizzative permette lo scambio ufficiale dei flussi documentali tra unità organizzative di diverse amministrazioni in via telematica, prevedendo anche la riorganizzazione della rubrica G-Net per unità organizzative all interno delle singole Amministrazioni. Kit Piani Triennali/Consuntivi: l applicazione permette di trasmettere ai responsabili dei sistemi informativi via G-Net il software per la predisposizione dei piani triennali e consuntivo e permette agli stessi di trasmettere il piano compilato sempre attraverso la rete. Pareri: il progetto prevede la trasmissione attraverso la rete e la consultazione degli atti relativi alle richieste di parere inoltrate dalle Amministrazioni all Aipa. La realizzazione di G-net è stata aggiudicata in data 11 marzo 1998 al Raggruppamento Temporaneo d Impresa (Rti) costituito da Telecom Italia, Ibm e Finsiel. Le attività da parte del Rti sono iniziate il 1º aprile Il numero di postazioni previste inizialmente era 800. Questo valore è salito a 950 per le ulteriori motivate richieste da parte delle Amministrazioni. A dicembre 1998 risultavano attivate le prime 80 postazioni, presso il Dipartimento di Coordinamento Amministrativo della Presidenza del Consiglio, il Ministero dell Industria, l Autorità per l Informatica e il Centro Tecnico. A dicembre 1999 le postazioni attive erano oltre 600, distribuite su 23 Amministrazioni, per un totale di circa utenti in rete. L attivazione delle rimanenti postazioni è stata completata ad agosto Sono attualmente presenti sulla rete oltre utenti. Attualmente, il servizio G-net è in carico ai fornitori dei servizi di trasporto ed interoperabilità di Rupa. La supervisone su G-net, è effettuata da un Centro di Gestione (Centro Tecnico Rupa) attraverso il quale transita tutto il traffico tra le Amministrazioni e tra Amministrazioni e mondo esterno, incluso il collegamento ad Internet e ad altre reti.

7 SCHEDE TECNICHE SULLE INIZIATIVE DI E-GOVERNMENT Principale normativa sulla Rupa Direttiva del Presidente del Consiglio del 5 settembre 1995, Linee per la realizzazione della Rete Unitaria della Pa. Legge 15 maggio 1997, n. 127, Misure urgenti per lo snellimento dell attività amministrativa e dei procedimenti di decisione e di controllo (art. 17, comma 19, istituzione del Centro tecnico). Dpr 23 dicembre 1997, n. 522, Regolamento recante norme per l organizzazione ed il funzionamento del Centro tecnico per l assistenza ai soggetti che utilizzano la Rete unitaria della Pubblica Amministrazione, a norma dell articolo 17, comma 19, della Legge 15 maggio 1997, n Legge 24 novembre 2000, n. 340, Disposizioni per la delegificazione delle norme e la semplificazione dei procedimenti amministrativi Concetti generali Una modalità di comunicazione, per poter essere definita sicura dovrebbe possedere almeno tre requisiti: La firma digitale nella Pubblica riservatezza, autenticità ed integrità. Amministrazione italiana Il problema della riservatezza, cioè la garanzia che i documenti non possano essere letti e compresi se non dalle persone autorizzate, da tempo immemorabile, viene affrontato con l ausilio della crittografia 5. La spiegazione matematica del successo delle tecniche di crittografia si fonda sull estrema complessità del calcolo dei numeri primi (cioè numeri indivisibili) che moltiplicati fra loro formano un determinato altro numero, specialmente se quest ultimo numero è una cifra molto grande, cosicché la decifrazione richiede l impiego di potentissimi calcolatori che effettuino tutte le divisioni necessarie a trovare i divisori primi (senza che vi sia un resto ). I problemi della autenticità e dell'integrità relativi, rispettivamente, alla possibilità di verificare l identità di chi ha prodotto il documento, ed alla certezza che il documento non sia stato alterato, sono stati risolti, in tempi recentissimi, con l istituzione della firma digitale. La firma digitale consente di risolvere anche il problema del non ripudio, cioè la garanzia che il mittente-sottoscrittore non possa, in un mo- 5 Sistema segreto di scrittura che si può decifrare solo se chi la legge ne conosce la chiave. Un sistema crittografico può essere letterale, con sostituzione o trasposizione di lettere, o a repertorio, da interpretare per mezzo di un codice, cambiando sillabe, singole parole o intere frasi con gruppi cifranti definiti dal repertorio. La crittografia è stata usata fin dal 2000 a.c. per trasmettere messaggi segreti, politici e militari ; cfr. voce crittografia in AA.VV. (2001), Nova, l Enciclopedia Utet, Torino, Utet.

8 96 GIANLUCA LANZETTA, CARMELO PACIONE mento successivo, disconoscere la propria firma e dunque la paternità del documento Crittografia simmetrica Partendo da un testo chiaro si può trasformarlo in testo cifrato sostituendo ogni carattere che compone il testo con un numero e compiendo su questi numeri una o più operazioni secondo quanto stabilito in un cifrario (chiave) cosicché, solo chi dispone della chiave può decifrare il testo con comodità, riportandolo in chiaro. Chi non dispone della chiave deve affidarsi a procedure di decifrazione che, a seconda del livello di complessità impiegato nella cifratura, possono anche richiedere tempi lunghissimi (comunque variabili a seconda della potenza elaborativa del calcolatore impiegato). Nel caso in cui la stessa chiave viene utilizzata sia per cifrare sia per decifrare si parla si chiave simmetrica o chiave privata. Cifrario simmetrico La chiave simmetrica presenta l inconveniente di dover essere trasmessa segretamente e custodita con cura da parte del destinatario, altrimenti chiunque entri in possesso della chiave potrà conoscere (ed eventualmente falsificare) il contenuto dei messaggi trasmessi Crittografia asimmetrica e tecnica della chiave pubblica È possibile superare il problema determinato dall uso di chiavi simmetriche (possibilità di intercettazione della chiave e conseguente scarsa garanzia del messaggio trasmesso) attraverso l utilizzo di chiavi asimmetriche: la prima delle due chiavi si utilizza per cifrare il testo mentre la seconda per decifrarlo (e non c è possibilità di decifrare il messaggio con la stessa chiave usata per cifrarlo).

9 SCHEDE TECNICHE SULLE INIZIATIVE DI E-GOVERNMENT 97 Esiste una procedura di generazione della coppia di chiavi tale che le due chiavi saranno correlate univocamente e che conoscendo una delle due, non vi sarà alcun modo di ricostruire l altra. Cifrario asimmetrico Un soggetto Y (potenziale destinatario di messaggi segreti), dopo aver generato una coppia di chiavi, aventi le suddette caratteristiche, può rendere pubblica una delle due chiavi, tenendo per sé l altra (che risulterà, quindi, in tutto equivalente ad una chiave privata). In tal modo, un potenziale mittente X che intenda inviare un messaggio cifrato ad Y può farlo utilizzando la chiave pubblica, da questi distribuita, e sarà certo che solo Y (detentore della chiave privata) sarà in grado di decifrare il messaggio. Cifratura di un messaggio con chiave pubblica 2.4. La firma digitale Se la crittografia garantisce la riservatezza del messaggio, l autenticità e l integrità vengono garantite dalla firma digitale.

10 98 GIANLUCA LANZETTA, CARMELO PACIONE Disponendo di un sistema di chiavi asimmetriche è possibile che un soggetto X (che disponga di una coppia di chiavi asimmetriche) invii ad un destinatario Y un messaggio in chiaro, accompagnato da una versione cifrata del medesimo messaggio (ottenuta tramite l utilizzo della propria chiave privata). Assieme alle due versioni del messaggio X invierà ad Y la relativa chiave pubblica. A quel punto Y non deve far altro che decodificare il messaggio utilizzando la chiave pubblica a lui inviata da X. Se il testo del messaggio decifrato corrisponde con il testo in chiaro, Y sarà certo della integrità del messaggio stesso. Questo medesimo risultato può essere raggiunto anche se, invece dell intero testo, il mittente X va a cifrare solo una piccola parte di esso, mediante applicazione della c.d. funzione di Hash, un algoritmo che consente di estrarre dal documento cifrato un impronta che potrà poi essere confrontata con quella estratta del documento in chiaro, determinandone l identità. La firma del messaggio, cioè la garanzia di autenticità dello stesso dovrebbe essere garantita dalla decifrabilità del messaggio (cifrato con chiave privata) mediante l utilizzo della chiave pubblica ad esso allegata: solo il detentore della chiave privata può aver cifrato un messaggio che quella chiave pubblica andrà a decifrare. Ma chi garantisce il destinatario Y che l autore del messaggio sia effettivamente X e non uno spacciatore di chiavi pubbliche, attribuite (falsamente) ad X, magari con lo scopo di porre in essere finalità illecite? Per ovviare a questo problema è stato introdotto il meccanismo delle certificazioni : un terzo soggetto (detto autorità di certificazione), dotato di pubblica fede, attesta che la chiave pubblica di X appartiene effettivamente ad X. Autorità di certificazione

11 SCHEDE TECNICHE SULLE INIZIATIVE DI E-GOVERNMENT L elenco pubblico dei certificatori Ai sensi dell art. 27, comma 3, del Dpr n. 445 del 28 dicembre 2000, l Aipa conserva e rende disponibile sul proprio sito Internet l Elenco pubblico dei certificatori, contenente, per ogni certificatore abilitato: ragione o denominazione sociale; sede legale; rappresentante legale; nome X.500; indirizzo Internet; elenco numeri telefonici di accesso; lista dei certificati delle chiavi di certificazione; manuale operativo; data di cessazione e certificatore sostitutivo (ove applicabile). L elenco pubblico viene reso disponibile dall Aipa in due distinte unità informative, la prima contenente la lista dei certificati delle chiavi di certificazione e le rimanenti informazioni previste nell articolo 15 Dpcm 8 febbraio 1999); la seconda contenente i manuali operativi aggiornati forniti all Autorità dai certificatori (art. 15, comma 1, lettera h, Dpcm 8 febbraio 1999) 6. Questo l elenco dei certificatori iscritti nell Elenco, in ordine di iscrizione 7 : Sia Spa (dal 27/01/2000) Ssb Spa (dal 24/02/2000) Bnl Multiservizi Spa (dal 30/03/2000) Infocamere Scpa (dal 06/04/2000) Finital Spa (dal 13/04/2000) Saritel Spa (dal 20/04/2000) Postecom Spa (dal 20/04/2000) Seceti Spa (dal 06/07/2000) Centro Tecnico per la Rupa (dal 15/03/2001) Intesa Spa (dal 22/03/2001) Enel.It Spa (dal 17/05/2001) Trust Italia Spa (dal 07/06/2001) Cedacrinord Spa (dal 15/11/2001) 6 La verifica della firma dell Autorità e la successiva estrazione degli oggetti firmati può essere effettuata con qualsiasi software in grado di elaborare file firmati in modo conforme alla circolare Aipa/Cr/24, 19 giugno 2000, fra questi, sono stati segnalati dal Centro Tecnico per la Rupa il software Verifica CT, dalla società Comped il software DigitalSign e dalla società Postecom il software Firma OK resi disponibili gratuitamente per uso personale, cfr. il paragrafo Elenco Certificatori sul sito 7 I dati sono aggiornati al 21 febbraio 2002.

12 100 GIANLUCA LANZETTA, CARMELO PACIONE 2.6. Principale normativa sulla firma digitale L. n. 59 del 15 marzo 1997, Delega al Governo per il conferimento di funzioni e compiti alle regioni ed enti locali, per la riforma della Pubblica Amministrazione e per la semplificazione amministrativa. Dpr n. 513 del 10 novembre 1997, Regolamento recante criteri e modalità per la formazione, l archiviazione e la trasmissione di documenti con strumenti informatici e telematici, a norma dell articolo 15, comma 2, della Legge 15 marzo 1997, n. 59. Dpcm 8 febbraio 1999, Regole tecniche per la formazione, la trasmissione, la riproduzione e la validazione anche temporale, dei documenti informatici ai sensi dell art. 3, comma 1 del Dpr n. 513 del Circolare Aipa n. 27 del 16 febbraio 2001, Sull utilizzo della firma digitale nelle Pubbliche Amministrazioni. 3 La carta d identità elettronica (Cie) 3.1. Concetti generali sulla Cie L apertura delle frontiere all interno dell Unione Europea, in seguito all entrata in vigore degli accordi di Shengen, così come l inarrestabile processo verso un amministrazione telematica, hanno determinato uno sforzo, da parte dei singoli Paesi membri, per la sostituzione del tradizionale documento d identità cartaceo con una versione di documento elettronico che offrisse maggiori garanzie, sia in termini di sicurezza sia in termini di polivalenza. Le principali funzionalità della carta d identità elettronica sono: valere come documento di identificazione personale a fini di pubblica sicurezza; consentire l identificazione amministrativa del cittadino per l accesso ai servizi erogati on-line dalla Pubblica Amministrazione; consentire la sottoscrizione elettronica delle transazioni poste in essere con la stessa Pubblica Amministrazione, compatibilmente con la disciplina della firma digitale. La disciplina sulla Cie, desumibile dal Dm 19 luglio 2000 (e dai relativi allegati tecnici), ipotizza una prima fase di sperimentazione, tesa a verificare la (maggiore o minore) funzionalità del circuito di emissione. Alla sperimentazione partecipano 83 Comuni (su 156 che ne hanno fatto richiesta, presentando un progetto) a cui verranno consegnate carte. La fase immediatamente successiva prevede l emissione di carte tra-

13 SCHEDE TECNICHE SULLE INIZIATIVE DI E-GOVERNMENT 101 mite le quali si potrà anche accedere (sempre in via sperimentale) ad alcuni servizi nazionali, precedentemente individuati e testati. Affinché la Cie possa essere personalizzata e possa fungere da efficace strumento di accesso a tutti i servizi pubblici (via via che vengano resi disponibili per via telematica) è indispensabile che venga predisposto un indice dei cittadini (basato sull Indice Nazionale delle Anagrafi) in cui andranno a confluire oltre ai dati anagrafici dei cittadini, gli eventi che abbiano, in qualche maniera, incidenza, sul diritto dei cittadini stessi ai servizi erogati dalla Pa Il circuito di emissione della Cie Il circuito di emissione della Cie, in maniera molto semplificata, consiste in: un infrastruttura a chiave pubblica 8 che garantisce: a) l identità degli utenti mediante emissione e gestione dei certificati digitali; b) l erogazione, nei confronti degli utenti finali, di servizi di crittografia e firma digitale; un sottosistema di inizializzazione, affidato all Istituto Poligrafico dello Stato, che ha il compito di costruire materialmente le carte, provvedere all inizializzazione elettrica e logica del microcircuito e della banda laser, gestire il flusso di richieste provenienti dalle Prefetture ed infine inviare le carte in bianco agli enti periferici (Comuni o centri di servizio) responsabili delle attività di personalizzazione; un sottosistema di acquisizione dei dati anagrafici che costituisce il vero e proprio punto di partenza per l emissione della Cie. Il cittadino si reca presso lo sportello di accettazione (gestito dal Comune) e presenta un istanza; i dati comunicati dal cittadino vengono poi confrontati ed integrati con i dati contenuti nell Anagrafe comunale (profilo anagrafico completo) 9 ; tutti i dati acquisiti vengono poi trasmessi, con modalità sicure, al sottosistema di emissione; un sottosistema di emissione che risiede presso l Ente delegato alla produzione e consegna al cittadino della Cie 10 provvede alla gestione delle procedure di stampa, lettura/scrittura della banda ottica, lettura/scrittura del microprocessore, ecc.; 8 Maggiori informazioni sulla crittografia a chiave pubblica sono contenute nella scheda precedente, relativa alla firma digitale. 9 In questa fase, interattiva, l operatore comunale acquisisce, se del caso, fotografie ed impronte digitali del richiedente ed accede, via terminale, alla base di dati anagrafica. 10 Salvo il periodo transitorio, in cui la formazione della carta è affidata all Ipzs (soggetto responsabile della fase di inizializzazione), questa funzione sarà competenza dei Comuni.

14 102 GIANLUCA LANZETTA, CARMELO PACIONE un sottosistema di predisposizione ed erogazione dei servizi che permetta al cittadino di identificarsi, per via telematica, nei confronti dei terminali gestiti autonomamente dagli enti erogatori dei servizi (i servizi offerti possono avere rilevanza meramente locale, ultralocale o nazionale) e di fruire concretamente del servizio. L inserimento dei servizi sulla Cie può avvenire all atto dell emissione (il Comune provvederà ad installare sulla carta i servizi considerati obbligatori ) o successivamente, su istanza del titolare (il cittadino non dovrà fare altro che recarsi nei locali del Comune ed inserire la propria carta nel terminale all uopo predisposto) Caratteristiche di sicurezza della Cie Gli indispensabili requisiti di sicurezza imposti alla Cie dalle leggi di pubblica sicurezza (Tulps e L. n. 127/97) e dal Dpcm n. 437/99, sono soddisfatte da: il Sistema di sicurezza del circuito di emissione (Ssce), presso il Ministero dell Interno: la Polizia Scientifica garantisce la sicurezza (certificazione ed autenticazione delle transazioni) necessarie alla formazione ed al rilascio della Cie; la banda ottica che consente la tracciabilità delle operazioni (sono memorizzabili fino a 1,5 Mb di dati) con le garanzie della tecnologia Write Only Read Many (Worm) che non permette sovrapposizioni o cancellazioni; il microprocessore che garantisce l univoca identificazione del titolare mediante la presenza di un vero sistema operativo e di una memoria riscrivibile e non volatile; la funzione cifratura/decifratura è invece possibile attraverso la presenza di un coprocessore crittografico Principale normativa sulla carta d identità elettronica Rd 18 giugno 1931, n. 773, Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza (Tulps). Rd 6 maggio 1940, n. 635, Regolamento di esecuzione del Tulps. L. 15 maggio 1997, n. 127, Misure urgenti per lo snellimento dell attività amministrativa e dei procedimenti di decisione e di controllo. L. 16 giugno 1998, n. 191, Modifiche ed integrazioni alla Legge 16 maggio 1997, n Dpcm 22 ottobre 1999, n. 437, Regolamento recante caratteristiche e modalità per il rilascio della carta d identità elettronica. Dm Interni 19 luglio 2000, sulla Cie.

15 SCHEDE TECNICHE SULLE INIZIATIVE DI E-GOVERNMENT Il mandato informatico 4.1. Concetti generali sul mandato informatico In coerenza con il più vasto disegno di riforma della contabilità pubblica, il mandato informatico è uno strumento atto ad incidere significativamente sui tempi e sulla qualità del sistema dei pagamenti pubblici: in particolare, il Dpr 20 aprile 1994, n. 367 ha introdotto l uso di procedure informatiche, ai fini di certezza delle informazioni, efficacia dei contratti, rapidità dei pagamenti (art.1, comma 1). Il mandato informatico sostituisce a tutti gli effetti il tradizionale ordinativo cartaceo. I soggetti coinvolti nell iniziativa sono: dirigenti pubblici, con poteri di spesa (nella prima fase sperimentale solo quelli all uopo autorizzati); Ragioneria Generale dello Stato, in qualità di ente gestore della spesa statale; Corte dei Conti, in qualità di controllore della spesa statale; Banca d Italia, in qualità di ente tesoriere; Aipa, in qualità di ente tecnico che definisce le regole tecniche e gli standard da utilizzare. Le fasi della procedura sono: emissione dell ordine, in cui il dirigente responsabile, previa verifica dell esatto adempimento delle obbligazioni assunte dai terzi ovvero della sussistenza delle altre condizioni o prestazioni stabilite in rapporto al corrispondente impegno, emette l ordine di pagamento delle somme impegnate, richiamando i riferimenti contabili del corrispondente impegno; convalida dell ordine, in cui l ordine di pagamento viene completato, mediante convalida e trasmissione dei dati da parte del sistema informativo integrato Ragioneria Generale dello Stato - Corte dei Conti (va ricordato che gli atti dai quali deriva un impegno a carico del bilancio dello Stato debbono contenere, fin dal momento dell emissione, una clausola di ordinazione di spesa, formata da tutti gli elementi necessari per provvedere al pagamento, nelle evidenze disponibili al momento dell impegno); pagamento vero e proprio, in cui l insieme dei dati, che costituisce il mandato informatico di pagamento, viene recepito dal sistema informativo della Banca d Italia, che a sua volta, li trasmette alle Sezioni della Tesoreria Provinciale, per l estinzione del debito; rendicontazione, l informatizzazione della fase di spesa e di pagamento coinvolge anche la resa ed il riscontro delle contabilità dei pagamenti, al fine della compilazione dei Rendiconti generali.

16 104 GIANLUCA LANZETTA, CARMELO PACIONE 4.2. Il progetto Sipa ed il Sicoge, per la semplificazione dei pagamenti 11 Il progetto Sipa (Sistema Informatizzato dei Pagamenti della Pubblica Amministrazione) si propone di estendere l utilizzo del mandato informatico di pagamento sia alle amministrazioni che gestiscono la spesa ordinaria dello Stato sia alle Amministrazioni che operano in contabilità speciale (quali, ad esempio, la Presidenza del Consiglio, l Aipa, i Prefetti). L architettura organizzativa si basa sull interazione di due grandi infrastrutture tecnologiche: la Rupa, alla quale aderiscono tutte le Amministrazioni centrali dello Stato; la Rete Nazionale Interbancaria, che collega la Banca d Italia con tutte le banche operanti sul territorio e con le Poste. Per l adesione al Sipa, le Amministrazioni debbono rispettare i requisiti tecnici e le modalità di utilizzo del sistema: adesione alla Rupa; possesso ed utilizzo della firma digitale; utilizzo di un sistema informativo gestionale in grado di interoperare con i servizi del Sipa. La Ragioneria Generale dello Stato che utilizza il mandato informatico sin dal 1999, ha messo a disposizione delle varie Amministrazioni (che aderiscono o che aderiranno al Sipa) un prodotto applicativo, sviluppato dalla Consip Spa, denominato Sicoge (Sistema di Contabilità Gestionale Finanziaria). Caratteristiche salienti del Sicoge (che dovrà entrare in funzione, a pieno regime, nel corso del 2002) sono: a) la capacita di operare in modalità web server, in modo da permettere l emissione dei mandati e la gestione del loro iter, indipendentemente dalla collocazione fisica sia del soggetto che lo esegue sia dei server che provvedono alla gestione dei rispettivi sistemi informativi; b) la conformità e la predisposizione di tutte le funzioni al recepimento dell euro, come in effetti è avvenuto; c) l utilizzo della firma digitale, in ogni fase del procedimento, con conseguente garanzie di sicurezza delle transazioni Principale normativa sul mandato informatico Dpr 20 febbraio1998, n. 38, Regolamento recante le attribuzioni dei Dipartimenti del Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione economica, nonché disposizioni in materia di organizzazione e di personale, a norma dell articolo 7, comma 3, della Legge 3 aprile 1997, n Cfr. E-commerce nella Pa.

17 SCHEDE TECNICHE SULLE INIZIATIVE DI E-GOVERNMENT 105 Dlgs 5 dicembre 1997, n. 430, Unificazione dei Ministeri del Tesoro e del Bilancio e della Programmazione Economica e riordino delle competenze del Cipe, a norma dell articolo 7 della Legge 3 aprile 1997, n. 94. Dlgs 7 agosto 1997, n. 279, Individuazione delle unità previsionali di base del bilancio delle Stato, riordino del sistema di tesoreria unica e ristrutturazione del rendiconto generale dello Stato. Aipa, delibera 19/95 del 9 novembre 1995, Regole tecniche per il mandato informatico. Dpr 20 aprile 1994, n. 367, Regolamento recante semplificazione e accelerazione delle procedure di spesa e contabili. 5 Il protocollo informatico 5.1. Concetti generali 12 L attività di protocollazione è quella fase del procedimento amministrativo che certifica provenienza e data di acquisizione del documento identificandolo in maniera univoca nell ambito di una sequenza numerica collegata con l indicazione cronologica. L attività di protocollazione, archiviazione e gestione del flusso dei documenti costituisce l asse portante dei procedimenti amministrativi svolti all interno della Pubblica Amministrazione. Tale attività è centrale nell esecuzione dei processi operativi svolti nelle Amministrazioni e tra le Amministrazioni, e può trovare nelle tecnologie dell informazione un importante aiuto ai fini del miglioramento dell efficienza ed efficacia. In particolare, i vantaggi che si possono trarre dall implementazione di procedure di protocollo automatizzato sono legate a: efficienza, intesa come possibilità di rendere più rapidi e/o diminuire la quantità di risorse coinvolte nella esecuzione di una attività; trasparenza, cioè la possibilità per un soggetto di conoscere informazioni inerenti il flusso di documenti da esso stesso, soggettivamente o oggettivamente attivato; affidabilità, corrispondente alla capacità del sistema di non entrare in situazioni di fermo o blocco o perdita di informazioni rilevanti; sicurezza, intesa come impossibilità per soggetti non autorizzati di alterare o accedere a informazioni a scopo doloso; correttezza, intesa come assenza di errori o scostamenti dalla norma nella esecuzione dell atto amministrativo. 12 L Aipa ha dedicato un sito al tema del Siap (Sistema informativo di supporto all Automazione del Protocollo), accessibile tramite il Portale dell Aipa,

18 106 GIANLUCA LANZETTA, CARMELO PACIONE 5.2. Le Aree Organizzative Omogenee Il fenomeno della frammentazione dei registri di protocollo è una delle maggiori cause di inefficienze nella gestione dei documenti delle pubbliche amministrazioni, soprattutto, in termini di ripetuta protocollazione del medesimo documento e di individuazione della collocazione fisica del documento. Il Dpr 428/1998 prevede l individuazione delle Aree Organizzative Omogenee (Aoo), nelle quali figurerà un sistema unico di protocollo e gestione documentale, gestito da una specifica struttura, il Servizio per la tenuta del protocollo informatico. Suggerimenti ed esempi circa le modalità di individuazione delle Aoo sono contenuti in uno studio realizzato dall Aipa, nel settembre del 2000, dal titolo Linee guida alla realizzazione dei sistemi di protocollo informatico dei flussi documentali nelle pubbliche amministrazioni. Presso il Ministero dell Economia e delle Finanze (all epoca ancora Ministero del Tesoro e della programmazione economica) è stata effettuata una valutazione sulle Aoo da istituire relativamente a tre dei quattro dipartimenti presenti. Il risultato di tale analisi è schematizzato nella figura seguente e mostra quali risultati, a fronte di una attenta analisi organizzativa, possano essere ottenuti in termini di deframmentazione degli uffici di protocollo 13. Individuazione delle Aree Organizzative Omogenee per il Pit (Protocollo informatico del Tesoro) 13 Cfr. Aipa (2000), Linee guida.

19 SCHEDE TECNICHE SULLE INIZIATIVE DI E-GOVERNMENT Le regole comuni in materia di protocollo informatico I soggetti potenzialmente interessati a realizzare il protocollo informatico sono tutte le amministrazioni di cui al Dlgs n. 29 del 1993: amministrazioni centrali, enti locali, comunità, consorzi e associazioni, enti del Ssn, enti pubblici non economici, istituti scolastici, istituzioni universitarie. Finora, per la realizzazione del protocollo informatico, sono state dettate una serie di regole tecniche minimali, tese alla corretta tenuta del registro informatico di protocollo, a garantire l interoperabilità 14 tra sistemi di protocollo indipendenti, ad integrare il protocollo informatico con la firma digitale e la posta elettronica per l attuazione dell e-government. La composizione dei messaggi protocollati si basa su tre parti fondamentali: un documento informatico primario; un numero qualsiasi di documenti informatici allegati; una segnatura informatica. Il processo di trasmissione di un messaggio di posta tra due Aoo (Aree Organizzative Omogenee) si svolge secondo il seguente schema di base: presso il sistema informatico mittente viene formato un messaggio di posta elettronica. Se destinato ad altra amministrazione, esso includerà almeno un documento firmato digitalmente, corrispondente al documento primario; il sistema di protocollo mittente effettua la verifica amministrativa sulle sottoscrizioni presenti nei documenti trasmessi. La protocollazione in uscita viene effettuata solo se tale verifica ha esito positivo; il messaggio viene protocollato in uscita ed in esso viene inclusa la segnatura informatica; il messaggio viene trasmesso dal sistema informatico mittente al sistema di posta elettronica; il sistema di posta elettronica trasmette il messaggio protocollato al sistema informatico ricevente; il messaggio viene protocollato in ingresso dal sistema informatico ricevente. La registrazione viene effettuata utilizzando le informazioni provenienti dalla Aoo mittente contenute nella segnatura informatica. Qualora richiesto dalla Aoo mittente, il sistema informatico ricevente crea ed invia un messaggio di conferma di ricezione; nel caso in cui il sistema rilevi delle anomalie nel messaggio ricevuto, esso ge- 14 Il concetto di interoperabilità dovrebbe sottintendere la possibilità per un sistema di un amministrazione ricevente di trattare automaticamente le informazioni trasmesse dal sistema di un amministrazione mittente al fine di automatizzare le attività ed i processi sottostanti; cfr. Il protocollo informatico, in

20 108 GIANLUCA LANZETTA, CARMELO PACIONE nera ed invia un messaggio di notifica di eccezione, contenente la descrizione delle anomalie riscontrate; i documenti informatici contenuti nel messaggio vengono avviati al trattamento presso le unità organizzative o presso gli uffici utenti delle Aoo ricevente. Ciascuna Aoo ricevente stabilisce se e come utilizzare le informazioni opzionali contenute nella segnatura per automatizzare i processi di assegnazione e trattamento dei documenti; determinati eventi riguardanti il trattamento presso la Aoo ricevente (per esempio l attivazione del procedimento) possono essere accompagnati da un messaggio di aggiornamento, generato automaticamente dal sistema informatico ricevente, qualora ciò sia richiesto dalla Aoo mittente; l eventuale annullamento, a posteriori, della protocollazione viene seguito da un messaggio di comunicazione dell annullamento stesso alla Aoo mittente, il quale viene generato automaticamente dal sistema ricevente. Un messaggio di posta elettronica può contenere riferimenti esterni a documenti informatici reperibili per via telematica, ovvero a documenti cartacei, inviati parallelamente al messaggio, e protocollati con strumenti tradizionali. Tali riferimenti esterni possono riguardare sia il documenti primario che i documenti allegati. Per quel che concerne i formati di codifica e la sintassi del messaggio, è previsto che: i messaggi contenenti i documenti protocollati debbono essere compatibili con i sistemi di posta elettronica che adottano lo standard Smtp, descritto nelle specifiche pubbliche Rfc 821 ed Rfc 822 (art. 15, comma 1, Dpcm 31 ottobre 2000); i messaggi sono codificati in base allo standard Mime, descritto nelle specifiche pubbliche Rfc ; ciascuna parte del messaggio è codificata come una body part, univocamente identificata nella struttura Mime che codifica il messaggio. Il nome di ciascuna body part rappresenta l elemento di collegamento indispensabile tra la segnatura informatica e l insieme dei documenti informatici aggregati nelle struttura Mime; la segnatura informatica è codificata in formato Xml (extensible Markup Language) , e deve rispettare la struttura Dtd (Document Type Definition) riportata nel sito Internet di cui all art. 11, comma 3, del Dpcm 31 ottobre La sicurezza nello scambio dei messaggi protocollati, può essere garantita mediante trasmissione in in forma cifrata (per quel che concerne la riservatezza dei 15 L utilizzo di questo linguaggio è frutto del recepimento, da parte dell Italia, della raccomandazione W3C del 10 febbraio 1998; cfr. Dpr 428 del 1998.

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

[05/05/2008 NOTA 11] Le note sono elencate dalla più recente alla meno recente.

[05/05/2008 NOTA 11] Le note sono elencate dalla più recente alla meno recente. Questo documento riporta delle note integrative ai documenti di riferimento della Posta Elettronica Certificata (PEC). Nello specifico le seguenti note fanno riferimento a: Decreto del Presidente della

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI DEL MUNICIPIO II

MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI DEL MUNICIPIO II MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI DEL MUNICIPIO II Indice 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... 8 1.1 PREMESSA... 8 1.2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 9 1.3 SISTEMA DI MONITORAGGIO E AGGIORNAMENTO DEL MANUALE...

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Il presente manuale è adottato ai sensi dell art. 3, primo comma, lettera c) del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 31 ottobre

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODGPFB.REGISTRO UFFICIALE(U).0004509.09-06-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione Direzione Generale per la Politica Finanziaria e per

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Titolo I - AMBITO DI APPLICAZIONE, DEFINIZIONI ED ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Titolo I - AMBITO DI APPLICAZIONE, DEFINIZIONI ED ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche per il protocollo informatico ai sensi degli articoli 40-bis, 41, 47, 57-bis

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. INTRODUZIONE ALL ARGOMENTO. A cura di: Eleonora Brioni, Direzione Informatica e Telecomunicazioni ATI NETWORK.

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A.

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A. Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA di Namirial S.p.A. Entrata in vigore degli obblighi di legge 2 Dal 6 giugno 2014 le

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Pagina 1 di 48 INDICE 1 MODIFICHE DOCUMENTO...4 2 RIFERIMENTI...4 3 TERMINI E DEFINIZIONI...4

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE

Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE 1.1 CARATTERISTICHE DEL SUPPORTO IMMODIFICABILE E SUO FILE-SYSTEM... 2 1.2 SICUREZZA

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA

PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA DA BOLLO DIGITALE Allineato alla versione 1.7 delle Specifiche Attuative del Nodo dei Pagamenti-SPC Versione 1.0 - febbraio 2015 STATO DEL DOCUMENTO revisione data note

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero 1 Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero sistema e sui servizi a disposizione sia in qualità

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

FATTURAZIONE ELETTRONICA, LA RIVOLUZIONE NON PUO ATTENDERE

FATTURAZIONE ELETTRONICA, LA RIVOLUZIONE NON PUO ATTENDERE FATTURAZIONE ELETTRONICA, LA RIVOLUZIONE NON PUO ATTENDERE A cura di Gerardo De Caro: La fatturazione elettronica obbligatoria verso la Pubblica Amministrazione Executive Summary Il formato fattura PA

Dettagli

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO Abbiamo predisposto il programma di studio Web per la ricezione automatica dei certificati di malattia direttamente

Dettagli

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI VIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Approvato con deliberazione di G.C. n. 73 del 28.11.2000 INDICE TITOLO 1 ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

COMUNE DI PADOVA. Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale

COMUNE DI PADOVA. Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale COMUNE DI PADOVA Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale Padova 2003 Questo manuale è stato scritto dal Comitato di progetto, nominato dalla Giunta comunale

Dettagli

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Pag. 1 / 6 SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Foglio Informativo INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde. 800.41.41.41 (e-mail info@banca.mps.it

Dettagli

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione Allegato 2a alla lettera d invito QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE GARA A LICITAZIONE PRIVATA PER L APPALTO DEI SERVIZI DI

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1 SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013 Versione 1.1 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 1.1 DEFINIZIONI 4 2. MODALITÀ DI EMISSIONE DELLE FATTURE ELETTRONICHE

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA

Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale -

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Comune di Castelfranco di Sotto

Comune di Castelfranco di Sotto Comune di Castelfranco di Sotto Ufficio Ragioneria OGGETTO: Introduzione alla fatturazione elettronica presso il Comune di Castelfranco di Sotto L obbligo della fatturazione elettronica nei confronti della

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

LA CRITTOGRAFIA Le applicazioni della crittografia e della firma digitale a cura di Sommaruga Andrea Guido

LA CRITTOGRAFIA Le applicazioni della crittografia e della firma digitale a cura di Sommaruga Andrea Guido INDICE LA FIRMA DIGITALE O ELETTRONICA...2 LA LEGISLAZIONE IN MATERIA...5 NOTA SUI FORMATI DI FILE...6 COME FUNZIONA IL MECCANISMO DELLE FIRME ELETTRONICHE...7 FIRMA DI PIÙ PERSONE... 7 DOCUMENTO SEGRETO...

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

GUIDA ALLA REGISTRAZIONE

GUIDA ALLA REGISTRAZIONE PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA ALLA REGISTRAZIONE PER LE AMMINISTRAZIONI E GLI ENTI PUBBLICI Versione 1.1 del 06/12/2013 Sommario Premessa... 3 Passo 1 - Registrazione dell Amministrazione/Ente...

Dettagli