Obiettivi UE al % ENERGIA PRIMARIA 20% ENERGIA DA FER -20% GAS SERRA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Obiettivi UE al 2020 -20% ENERGIA PRIMARIA 20% ENERGIA DA FER -20% GAS SERRA"

Transcript

1 I NUOVI INCENTIVI REGIONALI PER LE FER E L EFFICIENZA ENERGETICA Assessorato allo Sviluppo Economico DIREZIONE INNOVAZIONE, RICERCA, UNIVERSITÀ E SVILUPPO ENERGETICO SOSTENIBILE Settore Sviluppo Energetico Sostenibile

2 Obiettivi UE al % ENERGIA PRIMARIA 20% ENERGIA DA FER -20% GAS SERRA

3 Il punto di partenza nazionale: DM Burden Sharing Direttiva 2009/28/CE OBIETTIVO ITALIA d.m. 15 marzo 2012 ( burden sharing ) Consumo di energia da fonti rinnovabili (FER) al 2020: consumi di energia elettrica da FER (FER-E) + consumi di FER per riscaldamento e raffrescamento (FER-C) + consumi di FER per il trasporto (FER-T) + consumi di altre forme di energia rinnovabile prodotte all estero e consumate in Italia CFL (consumo finale lordo) al 2020: Consumi per riscaldamento e raffreddamento in tutti i settori + consumi elettrici + consumi per tutte le forme di trasporto 17 % OBIETTIVO PIEMONTE 15,1 %

4 La nuova pianificazione regionale Documento indirizzo per il PEAR Approvato con D.G.R. 2 Luglio 2012, n PIANO D AZIONE Approvato con D.G.R. 19 Novembre 2012, n Proposta di nuovo Piano Energetico Ambientale Regionale

5 Forum energia

6 Il Piano d azione I 4 Assi strategici del documento di indirizzo 1) Promozione della produzione di energia da FER 2) Efficienza e risparmio energetico 3) Reti e generazione diffusa Linee d azione del Piano d azione Incentivi al termico Efficienza e risparmio energetico nel settore pubblico, residenziale e nelle imprese Promozione innovazione sulla generazione diffusa 4) Promozione Clean Economy e specializzazione dei cluster regionali Promozione cluster della clean economy e azione pilota su smart building

7 dal 15 gennaio 2013 al 15 marzo 2013 I bandi aperti Linee d azione 1) Promozione della produzione di energia da FER Bandi aperti Linea I.1: "Agevolazione alla diffusione, sul territorio piemontese, di sistemi di valorizzazione dell'energia termica prodotta da impianti alimentati da biomasse provenienti dalla filiera forestale" Linea I.2: "Agevolazione alla diffusione, sul territorio piemontese, di impianti termici alimentati a fonte rinnovabile" Linea II.1: Approvazione del Bando diretto alla concessione di finanziamenti agevolati per la realizzazione di edifici a energia quasi zero. 2) Efficienza e risparmio energetico Linea II.3: "Incentivazione alla razionalizzazione dei consumi energetici nel patrimonio immobiliare degli enti pubblici" Linea II.4: "Piu' Green Agevolazioni per l'efficienza energetica e l'uso di fonti di energia rinnovabile nelle imprese"

8 I prossimi passi II.2 Promuovere la realizzazione di interventi in materia di risparmio energetico e di riduzione delle emissioni in atmosfera gestita dalla Direzione Ambiente Contributo in conto interessi per interventi di riqualificazione energetica del sistema edificio-impianto; Destinatari: proprietari di edifici in Piemonte, amministratori condominiali, ESCO II.5 Promuovere la razionalizzazione dei consumi energetici del patrimonio pubblico scolastico esistente in sinergia con altre azioni regionali (di cui per l efficientamento); Contributo in conto capitale per interventi di riqualificazione energetica delle coperture degli edifici scolastici soggetti a interventi di bonifica di amianto; Destinatari: Amministrazioni pubbliche proprietarie di edifici scolastici attivi

9 I prossimi passi III.1 Realizzazione di esperienze pilota nel campo della clean economy finanziate attraverso il publicprocurementdell'innovazione. L'azione verrà realizzata successivamente, ad integrazione delle altre azioni dell'asse IV. Gara di public procurement dell innovazione finalizzata ad incentivare tecnologie avanzate in fase precommerciale. Destinatari: PMI, singole o associate in eventuale collaborazione con centri di ricerca e grandi imprese IV.1 Favorire la nascita di un distretto di eccellenza, specializzato nei settori delle energie rinnovabili, dell efficienza energetica e delle clean technologies IV.2 Sviluppo di tecnologie innovative per la realizzazione di edifici che consentano una riduzione dei consumi energetici

10 RIFERIMENTI UTILI - D.G.R. n del 19/11/2012 Approvazione del Piano d'azione per una prima attuazione dell'atto di indirizzo per la pianificazione energetica regionale approvato con dgr n del 2 luglio B.U.R. n. 51 del 20/12/2012 (pubblicazione DD 14/12/2012 n. 138/139/140/141/142 approvazione bandi) - B.U.R. n. 2 del 10/01/2013 (DD 09/01/2013 n. 1 errata corrige bandi)

11 RIFERIMENTI UTILI I bandi e i relativi allegati sono reperibili al seguente link:

12 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.1 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ALIMENTATI DA BIOMASSE FORESTALI I.1 Agevolare la diffusione, sul territorio piemontese, della produzione di energia termica da biomasse provenienti dalla filiera forestale Risorse Por FESR Asse Beneficiari 1 SOLA DOMANDA: -per SOGGETTO PROPONENTE -per INTERVENTO A B AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE aventi sede o uffici in RP che producono energia per il soddisfacimento del PROPRIO FABBISOGNO in Edifici Esistenti AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE aventi sede o uffici in RP che CEDONO A TERZI l energia prodotta IMPRESE

13 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.1 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ALIMENTATI DA BIOMASSE FORESTALI IMPIANTO per SOLA ENERGIA TERMICA alimentato da BIOMASSE provenienti da FILIERA FORESTALE + STRUTTURE DI LAVORAZIONE/STOCCAGGIO IMPIANTO per SOLA ENERGIA TERMICA alimentato da BIOMASSE provenienti da FILIERA FORESTALE + SISTEMI DI VALORIZZAZIONE (reti di distribuzione, sottostazioni ecc) per UN UNICA UTENZA + STRUTTURE DI LAVORAZIONE/STOCCAGGIO SISTEMI DI VALORIZZAZIONE (reti di distribuzione, sottostazioni ecc) del calore prodotti da impianti COGENERATIVI alimentati da BIOMASSE provenienti da FILIERA FORESTALE (reti di distribuzione, sottostazioni d utenza, reti di teleriscaldamento asservite ad UTENZE INDUSTRIALI)

14 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.1 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ALIMENTATI DA BIOMASSE FORESTALI L intervento deve essere tale da determinare un agevolazione MINIMA DI ; NON deve essere obbligatorio per il beneficiario Deve essere avviato DOPO la presentazione della DOMANDA Deve essere concluso entro i 24 MESI dalla data di CONCESSIONE dell agevolazione; NON deve riguardare RETI DI RISCALDAMENTO CIVILE; LA POTENZA PRIMARIA IN INGRESSO all impianto a biomassa deve essere SUPERIORE A 1 MW; Approvvigionamento BIOMASSA attraverso FILIERA FORESTALE (entro un raggio di 50 km)

15 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.1 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ALIMENTATI DA BIOMASSE FORESTALI Beneficiari Contributo A AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE aventi sede o uffici in RP che producono energia per il soddisfacimento del PROPRIO FABBISOGNO in Edifici Esistenti A FONDO PERDUTO fino ad un MASSIMO DEL 60% dei COSTI AMMISSIBILI Fornitura dei materiali e dei componenti necessari alla realizzazione dell intervento; Costi Ammissibili installazione e posa in opera Opere edili solo se necessarie e strettamente connesse all intervento Spese tecniche di progettazione, DL, collaudo, certificazione inferiore al 10% dell importo lavori e cmq non superiori a

16 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.1 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ALIMENTATI DA BIOMASSE FORESTALI Beneficiari B AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE aventi sede o uffici in RP che CEDONO A TERZI l energia prodotta ( assimilate alla categoria di imprese corrispondente per personale e bilancio). IMPRESE Fornitura dei materiali e dei componenti necessari alla realizzazione dell intervento; Costi Ammissibili installazione e posa in opera Opere edili solo se necessarie e strettamente connesse all intervento Spese tecniche di progettazione, DL, collaudo, certificazione inferiore al 10% dell importo lavori e cmq non superiori a

17 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.1 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ALIMENTATI DA BIOMASSE FORESTALI 100% dei COSTI AMMISSIBILI FINANZIAMENTO AGEVOLATO MAX 100% FONDO PERDUTO MAX 20% Agevolazione 80% TASSO Ø 20% TASSO BANCA Il finanziamento dovrà essere restituito in 72 mesi di cui 12 di pre-ammortamento; rate trimestrali

18 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.1 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ALIMENTATI DA BIOMASSE FORESTALI TIPOLOGIA 1 - AIUTI DE MINIMIS - per TUTTI i tipi di intervento (1/2/3) - aiuto di stato concesso (ESL+fondo perduto) inferiore a Regimi di aiuto TIPOLOGIA 2 - AIUTI CALCOLATI SUL VALORE DELL INVESTIMENTO (REG 800/2008) - per TUTTI i tipi di intervento (1/2/3) - aiuto di stato concesso (ESL+fondo perduto) deve rispettare le seguenti intensità massime: Localizzazione dell unitàlocale interessata dall intervento Intervento realizzato in Area c (in precedenza 87.3.c) Intervento realizzato NON in Area c (in precedenza 87.3.c) Piccola impresa Media impresa Grande impresa 30% 20% 10% 20% 10% Non ammissibile

19 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.1 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ALIMENTATI DA BIOMASSE FORESTALI TIPOLOGIA 3 - AIUTI DI STATO - CALCOLATI SUI SOVRACCOSTI (REG 800/2008) - per gli interventi 1) e 2) aiuto di stato concesso (ESL+fondo perduto) rapportato ai sovraccosti intensità massime: Regimi di aiuto Base giuridica di riferimento Art aiuti agli investimenti per la tutela dell'ambiente per promuovere la produzione di energia da fonti rinnovabili Piccola impresa Media impresa Grande impresa 65% 55% 45% per l intervento 3) TIPOLOGIA 4- AIUTO N 632/ aiuto di stato concesso (ESL+fondo perduto) rapportato ai sovraccosti - intensità massime: Base giuridica di riferimento Piccola impresa Media impresa Aiuti per il teleriscaldamento (aiuto N 632/2008 e Disciplina aiuti tutela ambientale) 80% 70% Importo massimo dell agevolazione

20 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.1 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ALIMENTATI DA BIOMASSE FORESTALI Documentazione da allegare alla domanda - Progetto dell intervento, sottoscritto in originale da tecnico abilitato e definito ad una scala di dettaglio assimilabile almeno al progetto definitivo; - Relazione tecnico - economica descrittiva (sottoscritta in originale da tecnico abilitato; - Piano di approvvigionamento della biomassa (sottoscritto in originale da tecnico abilitato e supportato da accordi di fornitura e pre-contratti); - Preventivi o computo metrico estimativo (sottoscritto in originale da tecnico abilitato; - calendario delle attività e della loro durata (diagramma di Gantt); Il progetto deve presentare (anche con dati analitici) l intervento proposto nel suo complesso.

21 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.1 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ALIMENTATI DA BIOMASSE FORESTALI Come presentare domanda: - Connessione al sito internet - Spedire entro 5 giorni lavorativi il la domanda cartacea unitamente agli allegati par Le domande telematiche devono essere inviate dalle ore 9.00 del 15/01/2013 fino alle ore del 15/03/2013 Iter domanda di agevolazione: 1) Ricevibilità, ammissibilità, valutazione tec./finanziaria e merito svolti dalla Regione entro 60 giorni GRADUATORIA 2) Istruttoria di merito creditizia da parte dell istituto di credito DELIBERA BANCARIA 3) Invio della documentazione prevista dal par (deminimis, antiriciclaggio, dati per DURC, etc.) a FINPIEMONTE CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE: B A 1

22 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.1 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ALIMENTATI DA BIOMASSE FORESTALI Criteri di valutazione 1 IND. CRITERI SOGLIE PUNTEGGIO A Realizzazione di impianto di produzione di energia termica unitamente a sistema di valorizzazione del calore a servizio di un unica utenza - 12 B Realizzazione di impianto di produzione di energia termica - 8 C D E Realizzazione di solo sistema di valorizzazione del calore prodotto in impianto cogenerativo ad alto rendimento Rapporto tra quantità di energia termica ceduta agli utenti finali, considerando esclusivamente la quota valorizzata mediante le tecnologie presentate in domanda, e la potenza dell impianto [h] Zona climatica in cui viene realizzato l impianto F Approvvigionamento da filiera con percentuale [%] G H Potenza primaria complessiva in ingresso all impianto [MW] Tempistica di realizzazione dell intervento [mesi] - 4 R < R R > Zona F 2 Zona E 1 70 < r < r 80 4 r > < P < P 5 6 P > 5 2 < X 20 2 > 20 1

23 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.1 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ALIMENTATI DA BIOMASSE FORESTALI Cumulabilità l agevolazione: non è cumulabile con altri incentivi regionali; è cumulabile con incentivi statali: - entro il limite del 100% dei costi ammissibili totali per l investimento; - nei rispetto delle soglie massime previste dalla normativa sugli aiuti di Stato applicata; - laddove sia consentito dalla relativa disciplina comunitaria e nazionale. Nel caso in cui l accesso agli incentivi statali determini il superamento del limite del 100% dei costi ammissibili totali per l investimento, l agevolazione regionale di cui al presente bando verrà ridotta di conseguenza e le risorse resesi disponibili potranno essere riutilizzate

24 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.1 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ALIMENTATI DA BIOMASSE FORESTALI Come rendicontare le spese (a FINPIEMONTE) e concludere il progetto: RENDICONTAZIONE IN ITINERE (par del Bando) da inviare quando il beneficiario ha sostenuto almeno: - il 30% delle spese ammesse. E obbligatoria a meno che il beneficiario non concluda il progetto entro 12 mesi dalla data di concessione; - il 60% delle spese ammesse. E obbligatoria a meno che il beneficiario non concluda il progetto entro 18 mesi dalla data di concessione. - dichiarazione spesa piattaforma informatica, antiriciclaggio, dati per DURC, deminimis/deggendorf, polizza fidejussoria (solo per richiesta anticipo contributo), relazione descrittiva sull avanzamento dei lavori RENDICONTAZIONE FINALE (par del Bando) La rendicontazione finale deve essere inviata entro 60 giorni dalla data di conclusione dell intervento. - dichiarazione di spesa piattaforma informatica, relazione tecnica finale, certificato di collaudo, documentazione di spesa (fatture dettagliate, bonifici, etc.), compilazione modulo telematico dati relativi all edificio as-built Monitoraggio: - relazione sistema di monitoraggio installato (una tantum) - invio file monitoraggio dati (una volta all anno per 5 anni dalla conclusione dell intervento)

25 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.2 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI TERMICI ALIMENTATI A FONTE RINNOVABILE I.2 Agevolare la diffusione, sul territorio piemontese, di impianti termici alimentati a fonte rinnovabile Risorse Por FESR Asse Beneficiari 1 SOLA DOMANDA: -per SOGGETTO PROPONENTE -per INTERVENTO A B AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE aventi sede o uffici in RP che producono energia per il soddisfacimento del PROPRIO FABBISOGNO in Edifici Esistenti AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE aventi sede o uffici in RP che CEDONO A TERZI l energia prodotta IMPRESE che al momento della domanda:

26 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.2 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI TERMICI ALIMENTATI A FONTE RINNOVABILE 1 2 nuova installazione di pompe di calore idro geo termiche (ovvero, in edifici precedentemente privi di impianto) sostituzione di pompe di calore esistenti di taglia superiore a 500 kw; 3 nuova installazione di impianti solari termici, anche abbinati a sistemi di solar cooling, con superficie lorda superiore a mq; 4 impianti destinati al recupero di cascami termici da processi industriali; 5 altri sistemi di produzione di energia termica da fonte rinnovabile ad esclusione delle biomasse.

27 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.2 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI TERMICI ALIMENTATI A FONTE RINNOVABILE L intervento deve essere tale da determinare un agevolazione MINIMA DI ; Deve essere localizzato sul territorio della RP; Deve essere avviato DOPO la presentazione della DOMANDA Deve essere concluso entro i 24 MESI dalla data di CONCESSIONE dell agevolazione; NON deve riguardare RETI DI RISCALDAMENTO CIVILE; non deve essere obbligatorio per il beneficiario; non deve riguardare attività connesse all'esportazione, attività volte alla costituzione e alla gestione di una rete di distribuzione o ad altre spese correnti connesse all'attività d'esportazione; deve essere garantito il rispetto delle condizioni energetiche ed emissive stabilite nell allegato 2 alla D.G.R del 4 agosto 2009

28 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.2 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI TERMICI ALIMENTATI A FONTE RINNOVABILE Beneficiari Contributo Costi Ammissibili A AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE aventi sede o uffici in RP che producono energia per il soddisfacimento del PROPRIO FABBISOGNO in Edifici Esistenti A FONDO PERDUTO fino ad un MASSIMO DEL 60% dei COSTI AMMISSIBILI Fornitura dei materiali e dei componenti necessari alla realizzazione dell intervento; installazione e posa in opera Opere edili solo se necessarie e strettamente connesse all intervento Spese tecniche di progettazione, DL, collaudo, certificazione inferiore al 10% dell importo lavori e cmq non superiori a

29 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.2 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI TERMICI ALIMENTATI A FONTE RINNOVABILE Beneficiari B AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE aventi sede o uffici in RP che CEDONO A TERZI l energia prodotta ( assimilate alla categoria di imprese corrispondente per personale e bilancio). IMPRESE Fornitura dei materiali e dei componenti necessari alla realizzazione dell intervento; Costi Ammissibili Installazione e posa in opera Opere edili solo se necessarie e strettamente connesse all intervento Spese tecniche di progettazione, DL, collaudo, certificazione inferiore al 10% dell importo lavori e cmq non superiori a

30 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.2 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI TERMICI ALIMENTATI A FONTE RINNOVABILE 100% dei COSTI AMMISSIBILI FINANZIAMENTO AGEVOLATO MAX 100% FONDO PERDUTO MAX 20% Agevolazione 80% TASSO Ø 20% TASSO BANCA Il finanziamento dovrà essere restituito in 72 mesi di cui 12 di pre-ammortamento; rate trimestrali

31 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.2 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI TERMICI ALIMENTATI A FONTE RINNOVABILE TIPOLOGIA 1 - AIUTI DE MINIMIS - per TUTTI i tipi di intervento - aiuto di stato concesso (ESL+fondo perduto) inferiore a Regimi di aiuto TIPOLOGIA 2 - AIUTI CALCOLATI SUL VALORE DELL INVESTIMENTO - per TUTTI i tipi di intervento - aiuto di stato concesso (ESL+fondo perduto) deve rispettare le seguenti intensità massime: Localizzazione dell unitàlocale interessata dall intervento Intervento realizzato in Area c (in precedenza 87.3.c) Intervento realizzato NON in Area c (in precedenza 87.3.c) Piccola impresa Media impresa Grande impresa 30% 20% 10% 20% 10% Non ammissibile

32 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.2 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI TERMICI ALIMENTATI A FONTE RINNOVABILE TIPOLOGIA 3 - AIUTI DI STATO CALCOLATI SUI SOVRACCOSTI Regimi di aiuto aiuto di stato concesso (ESL+fondo perduto) rapportato ai sovraccosti sostenuti dal beneficiario deve rispettare le intensità massime: Base giuridica di riferimento Art aiuti agli investimenti per la tutela dell'ambiente per promuovere la produzione di energia da fonti rinnovabili Piccola impresa Media impresa Grande impresa 65% 55% 45%

33 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.2 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI TERMICI ALIMENTATI A FONTE RINNOVABILE Documentazione da allegare alla domanda - Progetto dell intervento, sottoscritto in originale da tecnico abilitato e definito ad una scala di dettaglio assimilabile almeno al progetto definitivo; - Relazione tecnico - economica descrittiva (sottoscritta in originale da tecnico abilitato; - Preventivi o computo metrico estimativo (sottoscritto in originale da tecnico abilitato; - calendario delle attività e della loro durata (diagramma di Gantt); Il progetto deve presentare (anche con dati analitici) l intervento proposto nel suo complesso.

34 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.2 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI TERMICI ALIMENTATI A FONTE RINNOVABILE Come presentare domanda: - Connessione al sito internet - Spedire entro 5 giorni lavorativi il la domanda cartacea unitamente agli allegati par Le domande telematiche devono essere inviate dalle ore 9.00 del 15/01/2013 fino alle ore del 15/03/2013 Iter domanda di agevolazione: 1) Ricevibilità, ammissibilità, valutazione tec./finanziaria e merito svolti dalla Regione entro 60 giorni SPORTELLO 2) Istruttoria di merito creditizia da parte dell istituto di credito DELIBERA BANCARIA 3) Invio della documentazione prevista dal par (deminimis, antiriciclaggio, dati per DURC, etc.) a FINPIEMONTE CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE: B A 1

35 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.2 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI TERMICI ALIMENTATI A FONTE RINNOVABILE Cumulabilità l agevolazione: non è cumulabile con altri incentivi regionali; è cumulabile con incentivi statali: - entro il limite del 100% dei costi ammissibili totali per l investimento; - nei rispetto delle soglie massime previste dalla normativa sugli aiuti di Stato applicata; - laddove sia consentito dalla relativa disciplina comunitaria e nazionale. Nel caso in cui l accesso agli incentivi statali determini il superamento del limite del 100% dei costi ammissibili totali per l investimento, l agevolazione regionale di cui al presente bando verrà ridotta di conseguenza e le risorse resesi disponibili potranno essere riutilizzate

36 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.2 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI TERMICI ALIMENTATI A FONTE RINNOVABILE Come rendicontare le spese (a FINPIEMONTE) e concludere il progetto: RENDICONTAZIONE IN ITINERE (par del Bando) da inviare quando il beneficiario ha sostenuto almeno: - il 30% delle spese ammesse. E obbligatoria a meno che il beneficiario non concluda il progetto entro 12 mesi dalla data di concessione; - il 60% delle spese ammesse. E obbligatoria a meno che il beneficiario non concluda il progetto entro 18 mesi dalla data di concessione. - dichiarazione spesa piattaforma informatica, antiriciclaggio, dati per DURC, deminimis/deggendorf, polizza fidejussoria (solo per richiesta anticipo contributo), relazione descrittiva sull avanzamento dei lavori RENDICONTAZIONE FINALE (par del Bando) La rendicontazione finale deve essere inviata entro 60 giorni dalla data di conclusione dell intervento. - dichiarazione di spesa piattaforma informatica, relazione tecnica finale, certificato di collaudo, documentazione di spesa (fatture dettagliate, bonifici, etc.), compilazione modulo telematico dati relativi all edificio as-built Monitoraggio: - relazione sistema di monitoraggio installato (una tantum) - invio file monitoraggio dati (una volta all anno per 5 anni dalla conclusione dell intervento)

37 Le misure dell asse II: Efficienza e risparmio energetico II.4 PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA E DELL USO DI FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE NELLE IMPRESE II.4 Promuovere la riqualificazione energetica degli stabilimenti produttivi delle imprese piemontesi. Risorse POR FESR Beneficiari Imprese (settore ATECO 2007) Lo stesso soggetto può presentare una sola domanda; tale domanda dovrà essere riferita ad una sola unità locale L intervento deve essere tale da determinare un agevolazione MINIMA DI ; Requisiti generali Deve riguardare 1 sola unità produttiva locale; Deve essere avviato DOPO DOMANDA la presentazione della Deve essere concluso entro i 24 MESI dalla data di CONCESSIONE dell agevolazione; NON deve riguardare RETI DI TELERISCALDAMENTO;

38 Le misure dell asse II: Efficienza e risparmio energetico II.4 PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA E DELL USO DI FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE NELLE IMPRESE Linee di INTERVENTO A B EFFICIENZA ENERGETICA -impianti di COGENERAZIONE ad elevato rendimento; -Interventi finalizzati all aumento dell efficienza nei processi produttivi -Interventi sull efficienza energetica degli edifici nell unità locale FONTI RINNOVABILI -Installazione di sistemi di sfruttamento della geotermia a bassa entalpia -Interventi per avvio/incremento della produzione da FER a condizione che: - L energia prodotta sia destinata al soddisfacimento del fabbisogno dell impianto - Gli impianti FV devono avere caratteristiche innovative o essere a concentrazione

39 Le misure dell asse II: Efficienza e risparmio energetico II.4 PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA E DELL USO DI FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE NELLE IMPRESE - spese tecniche per progettazione, direzione lavori, audit, collaudo, certificazione (max 10% c.a. e < ,00 ) Costi Ammissibili - Fornitura, installazione e posa in opera dei materiali e dei componenti necessari alla modifica dei processi, o alla realizzazione degli impianti o degli involucri edilizi ad alta efficienza - opere edili strettamente necessarie e connesse all intervento; Agevolazione Il finanziamento dovrà essere restituito in 72 mesi di cui 12 di preammortamento; rate trimestrali 100% dei COSTI AMMISSIBILI FINANZIAMENTO AGEVOLATO MAX100% 80% TASSO Ø 20% TASSO BANCA FONDO PERDUTO MAX 20% Se impresa giovanile : 85% regionale e 15% bancario

40 Le misure dell asse II: Efficienza e risparmio energetico II.4 PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA E DELL USO DI FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE NELLE IMPRESE TIPOLOGIA 1 - AIUTI DE MINIMIS - per TUTTI i tipi di intervento (1/2) - aiuto di stato concesso (ESL+fondo perduto) inferiore a Regimi di aiuto TIPOLOGIA 2 - AIUTI CALCOLATI SUL VALORE DELL INVESTIMENTO (REG 800/2008) -per TUTTI i tipi di intervento (1/2) -aiuto di stato concesso (ESL+fondo perduto) deve rispettare le seguenti intensità massime: Localizzazione dell unitàlocale interessata dall intervento Intervento realizzato in Area c (in precedenza 87.3.c) Intervento realizzato NON in Area c (in precedenza 87.3.c) Piccola impresa Media impresa Grande impresa 30% 20% 10% 20% 10% Non ammissibile

41 Le misure dell asse II: Efficienza e risparmio energetico II.4 PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA E DELL USO DI FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE NELLE IMPRESE TIPOLOGIA 3 - AIUTI DI STATO - CALCOLATI SUI SOVRACCOSTI (REG 800/2008) - per TUTTI i tipi di intervento (1/2) Regime di aiuto aiuto di stato concesso (ESL+fondo perduto) rapportato ai sovraccosti - intensità massime: Base giuridica di riferimento Art aiuti agli investimenti per la tutela dell'ambiente in misure di risparmio energetico Piccola impresa Media impresa Grande impresa 40% 30% 20% Art aiuti agli investimenti per la tutela dell'ambiente nella cogenerazione ad alto rendimento Art aiuti agli investimenti per la tutela dell'ambiente per promuovere la produzione di energia da fonti rinnovabili 65% 55% 45% 65% 55% 45%

42 Le misure dell asse II: Efficienza e risparmio energetico II.4 PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA E DELL USO DI FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE NELLE IMPRESE Criteri di valutazione

43 Le misure dell asse II: Efficienza e risparmio energetico II.4 PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA E DELL USO DI FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE NELLE IMPRESE Documentazione da allegare alla domanda - Progetto dell intervento (relazione tecniche, elaborati grafici, fotografie); - Relazione tecnico - economica; - preventivi o Computo Metrico Estimativo; - supporto di memoria (ad es. CD o DVD) contenente tutta la documentazione inoltrata; -Documento di identità del Legale rappresentante

44 Le misure dell asse II: Efficienza e risparmio energetico II.4 PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA E DELL USO DI FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE NELLE IMPRESE Come presentare domanda: - Connessione al sito internet - Spedire entro 5 giorni lavorativi il la domanda cartacea unitamente agli allegati par Le domande telematiche devono essere inviate dalle ore 9.00 del 15/01/2013 fino alle ore del 15/03/2013 Iter domanda di agevolazione: A) Ricevibilità, ammissibilità, valutazione tec./finanziaria e merito svolti dalla Regione entro 60 giorni GRADUATORIA B) Istruttoria di merito creditizia da parte dell istituto di credito DELIBERA BANCARIA C) Invio della documentazione prevista dal par (deminimis, antiriciclaggio, dati per DURC, etc.) a FINPIEMONTE A+B+C = CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE

45 Le misure dell asse II: Efficienza e risparmio energetico II.4 PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA E DELL USO DI FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE NELLE IMPRESE Cumulabilità l agevolazione: non è cumulabile con altri incentivi regionali; è cumulabile con incentivi statali: - entro il limite del 100% dei costi ammissibili totali per l investimento; - nei rispetto delle soglie massime previste dalla normativa sugli aiuti di Stato applicata; - laddove sia consentito dalla relativa disciplina comunitaria e nazionale. Nel caso in cui l accesso agli incentivi statali determini il superamento del limite del 100% dei costi ammissibili totali per l investimento, l agevolazione regionale di cui al presente bando verrà ridotta di conseguenza e le risorse resesi disponibili potranno essere riutilizzate

OPPORTUNITA LEGATE ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE

OPPORTUNITA LEGATE ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE SEMINARIO LE IMPRESE E L AMBIENTE Come le imprese partecipano oggi alla tutela dell ambiente? 15 Aprile 2011 OPPORTUNITA LEGATE ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE Bando

Dettagli

Il ritorno dell investimento energetico. Gli strumenti di incentivazione della Regione Piemonte nel settore energetico

Il ritorno dell investimento energetico. Gli strumenti di incentivazione della Regione Piemonte nel settore energetico Il ritorno dell investimento energetico Torino 17 Novembre 2008 Gli strumenti di incentivazione della Regione Piemonte nel settore energetico Arch. Aurelia VINCI L ENERGIA IN PIEMONTE: LE PRIORITÀ Le priorità

Dettagli

Sintesi dei contenuti del CONTO ENERGIA TERMICO

Sintesi dei contenuti del CONTO ENERGIA TERMICO Sintesi dei contenuti del CONTO ENERGIA TERMICO Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni PRIVATI, tipologia e

Dettagli

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA INCENTIVI della Regione Piemonte per il SETTORE ENERGETICO Miguel Scordamaglia Torino, Novembre 2008 1 INDICE DELL INTERVENTO SETTORE ENERGETICO LA SFIDA DELLA

Dettagli

Conto Termico 2013. Incentivi per l efficienza e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili. Vic Energy

Conto Termico 2013. Incentivi per l efficienza e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili. Vic Energy Conto Termico 2013 Incentivi per l efficienza e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili Introduzione Questo decreto nasce con lo scopo di incentivare interventi di piccole dimensioni per

Dettagli

P.O.R. F.E.S.R. 2014-2020 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI PER L EFFICIENZA ENERGETICA E L UTILIZZO DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE

P.O.R. F.E.S.R. 2014-2020 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI PER L EFFICIENZA ENERGETICA E L UTILIZZO DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE P.O.R. F.E.S.R. 2014-2020 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI PER L EFFICIENZA ENERGETICA E L UTILIZZO DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE SOGGETTI DESTINATARI Le grandi, piccole e medie imprese ubicate nella Regione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU51 20/12/2012

REGIONE PIEMONTE BU51 20/12/2012 REGIONE PIEMONTE BU51 20/12/2012 Codice DB2104 D.D. 14 dicembre 2012, n. 140 POR FESR 2007/2013 - obiettivo "Competitivita' regionale e Occupazione" - Asse II 'Sostenibilita' ed efficienza energetica'.

Dettagli

( L.R. 7 ottobre 2002, n. 23 e successive modificazioni ed integrazioni) PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE dal 1 marzo 2007

( L.R. 7 ottobre 2002, n. 23 e successive modificazioni ed integrazioni) PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE dal 1 marzo 2007 BANDO DIRETTO ALLA CONCESSIONE DI UN CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSE PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI RISPARMIO ENERGETICO E DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI IN ATMOSFERA ( L.R. 7 ottobre 2002,

Dettagli

Villa Contarini, Piazzola sul Brenta 21 giugno 2013. Laura Bano, Galileia srl. Slide 1

Villa Contarini, Piazzola sul Brenta 21 giugno 2013. Laura Bano, Galileia srl. Slide 1 Normativa, vincoli e strategie per l efficienza energetica: la diagnosi energetica/audit energetico, strumento strategico per conseguire il potenziale di efficienza energetica Villa Contarini, Piazzola

Dettagli

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili ALBA AUDITORIUM FONDAZIONE FERRERO IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI NEL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DEL PIANO 20/20/20 Agostino Ghiglia Assessore all energia La nuova pianificazione regionale Nel dicembre

Dettagli

Progetti di efficienza energetica nella PA: azioni e strategie per superare gli ostacoli

Progetti di efficienza energetica nella PA: azioni e strategie per superare gli ostacoli ORGANISMO DI ACCREDITAMENTO REGIONALE Progetti di efficienza energetica nella PA: azioni e strategie per superare gli ostacoli La riqualificazione e l efficientamento energetico del patrimonio edilizio

Dettagli

INCENTIVI PER INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA E FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE

INCENTIVI PER INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA E FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE 16 ottobre 2014 - Unione dei Comuni Colline di Langa e del Barolo INCENTIVI PER INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA E FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE Relatore: Geom. Fabio Girolametti NOVITÀ INTRODOTTE DALLA

Dettagli

BANDO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI O DI USO PUBBLICO

BANDO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI O DI USO PUBBLICO REGIONE LOMBARDIA BANDO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI O DI USO PUBBLICO 1 INDICE FINALITA... 3 1. RISORSE FINANZIARIE E

Dettagli

Conto Energia Termico

Conto Energia Termico Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Conto Energia Termico A partire dal 2013 è entrato in vigore il Conto Energia Termico Categoria: Agevolazioni Sottocategoria: Varie Il GSE (Gestore

Dettagli

Il meccanismo degli aiuti alle imprese

Il meccanismo degli aiuti alle imprese Il meccanismo degli aiuti alle imprese Gestione gestiti delle da Finpiemonte Agevolazioni Torino, 25 gennaio 2012 Premessa Gli aiuti alle imprese gestiti da Finpiemonte sono istituiti sotto forma di regime

Dettagli

Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini. Ing. Emanuela Peruzzi

Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini. Ing. Emanuela Peruzzi Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini Ing. Emanuela Peruzzi Roma - Smart Energy Expo, 8 luglio 2015 Agenda La Strategia Energetica Nazionale: il ruolo del Conto Termico

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. COMPetitività ASSI MISURA II.1 Innovation Voucher Misura di sostegno Innovation Voucher Categorie di destinatari Favorire la nascita di nuove

Dettagli

Domanda: l impresa deve comunicare alla Regione, prima della presentazione della rendicontazione delle spese, che i lavori sono stati avviati?

Domanda: l impresa deve comunicare alla Regione, prima della presentazione della rendicontazione delle spese, che i lavori sono stati avviati? MODALITA E CRITERI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE LA RIMOZIONE DELL AMIANTO DAGLI EDIFICI, LA COIBENTAZIONE DEGLI EDIFICI E L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI DOMANDE

Dettagli

Gli interventi ammessi a contributo. Interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti

Gli interventi ammessi a contributo. Interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti LINEE GUIDA ALLEGATE AL BANDO DIRETTO ALLA CONCESSIONE DI UN CONTRIBUTO PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI RISPARMIO ENERGETICO E DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI IN ATMOSFERA Premessa Il presente

Dettagli

La politica regionale a sostegno dell energia energia sostenibile

La politica regionale a sostegno dell energia energia sostenibile La politica regionale a sostegno dell energia energia sostenibile giuliano vendrame sezione energia regione del veneto Padova, 17 novembre 2014 Piano Energetico Regionale Fonti Rinnovabili - Risparmio

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

AGEVOLAZIONI FISCALI ED INCENTIVI ECONOMICI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI GEOTERMICI CON POMPA DI CALORE. dott. ing.

AGEVOLAZIONI FISCALI ED INCENTIVI ECONOMICI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI GEOTERMICI CON POMPA DI CALORE. dott. ing. Giornata formativa: PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO CLIMATICO CON SONDE GEOTERMICHE A CIRCUITO CHIUSO Auditorium Villa Albertini di Arbizzano Negrar (VR) 14 marzo 2014 AGEVOLAZIONI FISCALI

Dettagli

NEWSLETTER n. 18 del 18 gennaio 2013

NEWSLETTER n. 18 del 18 gennaio 2013 SOMMARIO Pag. 2. CONTRIBUTI PER L'INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI: MODIFICATO IL BANDO E LE MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE DEL CONTRIBUTO Pag. 3. RINNOVABILI TERMICHE: PUBBLICATO IL DECRETO IN GAZZETTA

Dettagli

presentazione DOMESTIC soluzioni energetiche CONTO TERMICO

presentazione DOMESTIC soluzioni energetiche CONTO TERMICO presentazione DOMESTIC soluzioni energetiche CONTO TERMICO di cosa si tratta? E il Decreto Ministeriale del 28 Dicembre 2012 che disciplina l incentivazione di interventi di piccole dimensioni per l incremento

Dettagli

Circolare N.73 del 2 Maggio 2013

Circolare N.73 del 2 Maggio 2013 Circolare N.73 del 2 Maggio 2013 Conto termico, via agli incentivi Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che sono state pubblicate sul sito della GSE le regole tecniche per beneficiare

Dettagli

A relazione del Vicepresidente Reschigna e dell'assessore De Santis:

A relazione del Vicepresidente Reschigna e dell'assessore De Santis: REGIONE PIEMONTE BU47S2 20/11/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 18 novembre 2014, n. 24-591 Programma Operativo Regionale - FESR 2007/2013 - Obiettivo "Competitivita' regionale e Occupazione" -

Dettagli

POR FESR 2007/2013 asse III, attività III.1.2

POR FESR 2007/2013 asse III, attività III.1.2 POR FESR 2007/2013 asse III, attività III.1.2 favorire e promuovere la rimozione e lo smaltimento dei manufatti contenenti cementoamianto ove presenti nei luoghi di lavoro; favorire e promuovere interventi

Dettagli

Introduzione. Linee Regionali e opportunità locali: Normativa regionale e agevolazioni. Assimpredil Ance Sala Auditorium 20 Maggio 2014

Introduzione. Linee Regionali e opportunità locali: Normativa regionale e agevolazioni. Assimpredil Ance Sala Auditorium 20 Maggio 2014 Linee Regionali e opportunità locali: Normativa regionale e agevolazioni Assimpredil Ance Sala Auditorium 20 Maggio 2014 Arch. Alberto Pizzi Dott.ssa Elena Ciucci Regione Lombardia: regole efficienza energetica

Dettagli

Le risorse finanziarie messe a disposizione per l erogazione dei contributo di cui trattasi sono pari a 3.000.000.

Le risorse finanziarie messe a disposizione per l erogazione dei contributo di cui trattasi sono pari a 3.000.000. Bando per la concessione di contributi in conto capitale per l installazione di sistemi di contabilizzazione diretta o indiretta della quantità di calore consumata in abbinamento a sistemi di termoregolazione

Dettagli

conto energia termico

conto energia termico conto energia FV FER TO certificati verdi detrazioni fiscali 50% e 65% certificati bianchi o TEE conto energia termico decreto ministeriale 28 dicembre 2012 incentivazione della produzione di energia termica

Dettagli

Tutti gli incentivi per i cittadini come da:

Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Finanziaria 2008 Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Nuovo Conto Energia per il Fotovoltaico (Febbraio 07) - Certificati Verdi e le nuove incentivazioni per la produzione di energia elettrica

Dettagli

Programma Attività Produttive. Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) Prestito Regione Piemonte Loan for SMEs.

Programma Attività Produttive. Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) Prestito Regione Piemonte Loan for SMEs. Programma Attività Produttive Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) Prestito Regione Piemonte Loan for SMEs. Misura Supporto a progetti di investimento e sviluppo delle PMI piemontesi

Dettagli

CONTO ENERGIA TERMICO

CONTO ENERGIA TERMICO TITOLO INTESTAZIONE PROGETTO (IN MAIUSCOLO) 1 CONTO ENERGIA TERMICO Dal 8 dicembre 01 è possibile usufruire di una serie di incentivi legati ad interventi di miglioramento dell'efficienza energetica di

Dettagli

La riqualificazione energetica

La riqualificazione energetica La riqualificazione energetica Come funzionano le detrazioni CASA DOLCE CASA è un progetto realizzato con il contributo di Che cos è la riqualificazione energetica Si parla di riqualificazione energetica

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA IN LOMBARDIA

DISPOSIZIONI PER L EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA IN LOMBARDIA DISPOSIZIONI PER L EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA IN LOMBARDIA Deliberazione di Giunta Regionale 22 dicembre 2008 N. VIII/8745 Valentina Sachero REGIONE LOMBARDIA DG Reti, Servizi di Pubblica Utilità

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE Art. 1) Premesse e finalità Art. 2) Definizioni

PROVINCIA DI UDINE Art. 1) Premesse e finalità Art. 2) Definizioni PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI AI SOGGETTI PRIVATI PER LA PROMOZIONE E L INCENTIVAZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA Art. 1) Premesse e finalità Premesso che

Dettagli

Conto Energia Termico 2012

Conto Energia Termico 2012 Studio Bernardi di Andrea Per.Ind. Bernardi Progettazione impianti tecnologici, antincendio e consulenze energetiche Conto Energia Termico 2012 Versione 1 21/11/2012 Via Roma, 223/B 30038 Spinea (VE) -

Dettagli

Incentivazione della produzione di energia termica da impianti a fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni

Incentivazione della produzione di energia termica da impianti a fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni Incentivazione della produzione di energia termica da impianti a fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni REGOLE APPLICATIVE DEL D.M. 28 DICEMBRE 2012 Aggiornamento

Dettagli

Le disposizioni regionali degli impianti termici ed il nuovo Libretto di Impianto

Le disposizioni regionali degli impianti termici ed il nuovo Libretto di Impianto Le disposizioni regionali degli impianti termici ed il nuovo Libretto di Impianto Recepimento D.P.R. 16 aprile 2013 n. 74 e del D.M. 10 febbraio 2014 Confartigianato Sondrio 6 novembre 2014 Regione Lombardia

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare Divisione VII - Efficienza energetica e risparmio energetico CONSULTAZIONE

Dettagli

Bando pubblico per i Cittadini

Bando pubblico per i Cittadini Bando pubblico per i Cittadini 1. - Oggetto Condizioni tecniche, finanziarie e amministrative di attuazione dei prestiti co-finanziati dalla Provincia e dalle Banche di Credito Cooperativo di Carugate

Dettagli

All. A LA RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

All. A LA RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO PROMOZIONE DEGLI INTERVENTI DI UTILIZZO DI FONTI DI ENERGIE RINNOVABILI, CALDAIE ALIMENTATE A BIOMASSA BANDO DIRETTO ALLA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI NEL COMUNE DI VICOPISANO Anno 2012 LA RESPONSABILE DEL

Dettagli

IL NUOVO CONTO TERMICO

IL NUOVO CONTO TERMICO IL NUOVO CONTO TERMICO Secondo il Decreto Ministeriale del 28/12/2012 G.U. n 1 del 2 gennaio 2013 Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU26 02/07/2015

REGIONE PIEMONTE BU26 02/07/2015 REGIONE PIEMONTE BU26 02/07/2015 Codice A19000 D.D. 4 maggio 2015, n. 249 Riconfigurazione e nomina dei componenti dei Comitati Tecnici di Valutazione delle misure in campo energetico finanziate dall'asse

Dettagli

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Gianluca Riu, Direttore Impianti Energia Gruppo Egea Energie a servizio del territorio 22-24 maggio 2015 mercoledì

Dettagli

POR FESR 07/13 Innovazione dei processi produttivi Edizione 2014 (Micro e Piccole imprese) Domande frequenti

POR FESR 07/13 Innovazione dei processi produttivi Edizione 2014 (Micro e Piccole imprese) Domande frequenti POR FESR 07/13 Innovazione dei processi produttivi Edizione 2014 (Micro e Piccole imprese) 1. COME PRESENTARE DOMANDA Domande frequenti 1.1. Come si presenta una domanda?... 6 1.2. E previsto un termine

Dettagli

CONTO TERMICO. Rif. Generatori di calore a biomassa. (stufe e termocamini)

CONTO TERMICO. Rif. Generatori di calore a biomassa. (stufe e termocamini) CONTO TERMICO Rif. Generatori di calore a biomassa (stufe e termocamini) AMBITO DI APPLICAZIONE Il DM 28/12/12, in vigore dal 03/01/2013, c.d. decreto Conto Termico, prevede l incentivazione di interventi

Dettagli

Agevolazioni Fiscali e Incentivi. Guida PRODOTTI Emmeti IT 03. Idee da installare

Agevolazioni Fiscali e Incentivi. Guida PRODOTTI Emmeti IT 03. Idee da installare Agevolazioni Fiscali e Incentivi IT 03 Guida PRODOTTI Emmeti Idee da installare La forza di un gruppo Emmeti nasce nel 1976 commercializzando componenti per impianti di riscaldamento. Il passaggio alla

Dettagli

Visto l articolo 103 della legge regionale 27 dicembre 201, n.66 (Legge finanziaria per l anno 2012);

Visto l articolo 103 della legge regionale 27 dicembre 201, n.66 (Legge finanziaria per l anno 2012); ALLEGATO A Regolamento di attuazione dell articolo 103 della legge regionale 27 dicembre 2011, n.66 (Legge finanziaria per l anno 2012). Fondo di garanzia per investimenti in energie rinnovabili Indice

Dettagli

NOTA Decreto ministeriale 28 dicembre 2012 sugli incentivi per la produzione di energia termica (c.d. conto termico )

NOTA Decreto ministeriale 28 dicembre 2012 sugli incentivi per la produzione di energia termica (c.d. conto termico ) NOTA Decreto ministeriale 28 dicembre 2012 sugli incentivi per la produzione di energia termica (c.d. conto termico ) Con il decreto ministeriale 28 dicembre 2012 sono stati approvati le modalità ed i

Dettagli

di Melkus Elisabeth CONTO TERMICO

di Melkus Elisabeth CONTO TERMICO CONTO TERMICO DECRETO del MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 28/12/2012 e PUBBLICATO sulla GAZZETTA UFFICIALE n. 1 del 02/01/2013 Regole Attuative elaborate e pubblicate dal GSE Gestore Servizi Energetici

Dettagli

Conto termico (DM 28/12/12)

Conto termico (DM 28/12/12) Conto termico (DM 28/12/12) Incentivi alla produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni Vitaletti ing. Stefano stefano.vitaletti@libero.it

Dettagli

Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria

Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria INFORMA Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria Via Mario Angeloni, 1 06125 Perugia (PG) Tel: 075.5002953 Fax: 075.5002956 e-mail: umbria@cia.it - web: www.ciaumbria.it facebook

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI PER L EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI PRIVATI

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI PER L EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI PRIVATI REGIONE LAZIO AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI PER L EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI PRIVATI Art. 1 (Finalità e dotazione finanziaria) La Regione

Dettagli

AGEVOLAZIONI FISCALI

AGEVOLAZIONI FISCALI AGEVOLAZIONI FISCALI Finanziaria 2007 D.M. 07/04/2008 (Disposizioni in materia di detrazioni per le spese di riqualificazione energetica) + D.M. 19/02/2007 (modificato da D.M. 26/10/2007) D.M. 11/03/2008

Dettagli

soggetto titolo corso data inizio data fine APITFORMA CORSO PER CERTIFICATORI ENERGETICI 16.03.2010 01.06.2010

soggetto titolo corso data inizio data fine APITFORMA CORSO PER CERTIFICATORI ENERGETICI 16.03.2010 01.06.2010 APITFORMA CORSO PER CERTIFICATORI ENERGETICI (PARAGRAFO 4.2 DELL ALLEGATO ALLA D.G.R. N. 43-11965) SEDE CORSO : ORARIO 18,00 22,00 soggetto titolo corso data inizio data fine APITFORMA CORSO PER CERTIFICATORI

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE F.A.Q. art. 8 della L.R. 12/2004, come sostituito dall art. 33 della l.r. 30/2009 FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE 1. Modalità di presentazione

Dettagli

Le detrazioni fiscali al 36% ed al 55%

Le detrazioni fiscali al 36% ed al 55% LA CREAZIONE DI VALORE NEL SETTORE IMMOBILIARE: LE NUOVE OPPORTUNITA PER GLI INGEGNERI GESTIONALI Le detrazioni fiscali al 36% ed al 55% Ordine degli Ingegneri di Napoli Napoli Via del Chiostro 8 SISTEMA

Dettagli

Rinnovabili termiche: possibili strumenti di incentivazione per il settore privato e la P.A.

Rinnovabili termiche: possibili strumenti di incentivazione per il settore privato e la P.A. Rinnovabili termiche: possibili strumenti di incentivazione per il settore privato e la P.A. Sebastiano Serra Ministero dell Ambiente Capo Segreteria Tecnica Pompe di calore ad assorbimento a metano ed

Dettagli

In allegato trovi il numero di Ottobre di MyNews, la newsletter periodica di Myenergy con informazioni sulle energie rinnovabili.

In allegato trovi il numero di Ottobre di MyNews, la newsletter periodica di Myenergy con informazioni sulle energie rinnovabili. Mynews Ottobre 2008 In questo numero Gentile lettore, In allegato trovi il numero di Ottobre di MyNews, la newsletter periodica di Myenergy con informazioni sulle energie rinnovabili. Ecco le ultime novità:

Dettagli

1.3. La situazione attuale e le prospettive per il 2011 e 2012... 28

1.3. La situazione attuale e le prospettive per il 2011 e 2012... 28 Indice PREMESSA... 11 1. IL QUADRO LEGISLATIVO... 17 1.1. Provvedimenti legislativi... 21 1.2. Il dibattito sul 55% a seguito delle modifiche del decreto anticrisi del gennaio2009... 23 1.3. La situazione

Dettagli

AMIANTO Contributi a supporto degli interventi di bonifica

AMIANTO Contributi a supporto degli interventi di bonifica San Giovanni in Persiceto, 11 febbraio 2015 AMIANTO Contributi a supporto degli interventi di bonifica RIMOZIONE AMIANTO E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Incontro tematico per le aziende di

Dettagli

Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia. 3 luglio 2015

Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia. 3 luglio 2015 Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia 3 luglio 2015 1 Disposizioni normative in fase di aggiornamento DM REQUISITI MINIMI (sostituisce il DPR 59/2009) LINEE GUIDA (sostituisce

Dettagli

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 ALLEGATO B SCHEDA DESCRITTIVA DELL INTERVENTO PROGETTUALE RELATIVO ALLA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE DEI COMUNI FI

Dettagli

LEGGE FINANZIARIA 2007 AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LEGGE FINANZIARIA 2007 AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LEGGE FINANZIARIA 2007 AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Soggetti beneficiari Per gli interventi di cui all art. 1, commi da 2 a 5 del Decreto 19 febbraio 2007, la detrazione dall imposta

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA DETRAZIONE FISCALE DEL 50% (SU UNA SPESA MASSIMA DI 96.000)

RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA DETRAZIONE FISCALE DEL 50% (SU UNA SPESA MASSIMA DI 96.000) Pag.1 RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA DETRAZIONE FISCALE DEL 50% (SU UNA SPESA MASSIMA DI 96.000) Chi può richiederla? Elenchiamo di seguito i soggetti che hanno la possibilità di richiedere la detrazione fiscale

Dettagli

Patto dei Sindaci Il ruolo della Regione del Veneto

Patto dei Sindaci Il ruolo della Regione del Veneto Patto dei Sindaci Il ruolo della Regione del Veneto giuliano vendrame sezione energia regione del veneto Treviso, 25 marzo 2015 Dal 2008 attraverso il Patto dei Sindaci, le città firmatarie si sono impegnate

Dettagli

VADEMECUM PER L USO: CALDAIE A BIOMASSA (Art.1, comma 344 della legge finanziaria 2007)

VADEMECUM PER L USO: CALDAIE A BIOMASSA (Art.1, comma 344 della legge finanziaria 2007) VADEMECUM PER L USO: CALDAIE A BIOMASSA (Art.1, comma 344 della legge finanziaria 2007) (aggiornato al 26 novembre 2013) REQUISITI GENERALI CHE L IMMOBILE OGGETTO D INTERVENTO DEVE POSSEDERE PER POTER

Dettagli

Certificazione energetica degli edifici

Certificazione energetica degli edifici degli edifici Restructura 2010 Lingotto Fiere 25 novembre 2010 Ing. Franco Cavallo Concetti generali Elenco dei certificatori Corsi di formazione e verifica finale SICEE Classificazione degli edifici Attestato

Dettagli

20 88,30 25 88,40 30 88,48 35 88,54

20 88,30 25 88,40 30 88,48 35 88,54 La sostituzione della caldaia rientra ai fini del D.M. 28 dicembre 2012 nella tipologia di interventi elencati all art. 4, comma2, lettera b): sostituzione di impianti di climatizzazione invernale o di

Dettagli

- In data 12 maggio 2015, il Ministero per la Sviluppo Economico - Direzione generale per il

- In data 12 maggio 2015, il Ministero per la Sviluppo Economico - Direzione generale per il REGIONE PIEMONTE BU45 12/11/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 26 ottobre 2015, n. 15-2314 Programma regionale di cofinanziamento a favore dell'efficienza energetica nei cicli e delle strutture

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

POR FESR 2007/2013 ASSE III ATTIVITA III.1.2

POR FESR 2007/2013 ASSE III ATTIVITA III.1.2 POR FESR 2007/2013 ASSE III ATTIVITA III.1.2 PIANO DI AZIONE AMBIENTALE PER UN FUTURO SOSTENIBILE 2008/2010 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE LA RIMOZIONE E LO SMALTIMENTO DELL

Dettagli

INCENTIVI E POMPE DI CALORE GEOTERMICHE

INCENTIVI E POMPE DI CALORE GEOTERMICHE Pistoia 11-13 13 Settembre 2008 INCENTIVI E POMPE DI CALORE GEOTERMICHE Ing.Patrizio Pastacaldi PERCHE LE POMPE DI CALORE GEOTERMICHE? - Aspetti ambientali: - Aspetti economici: - l energia geotermica

Dettagli

3. QUALORA ALLA PMI NON INTERESSI L OPERAZIONE DI PRESTITO BANCARIO, PUÒ PRESENTARE RICHIESTA DI OTTENERE IL SOLO CONTRIBUTO IN CONTO CAPITALE?

3. QUALORA ALLA PMI NON INTERESSI L OPERAZIONE DI PRESTITO BANCARIO, PUÒ PRESENTARE RICHIESTA DI OTTENERE IL SOLO CONTRIBUTO IN CONTO CAPITALE? POR FESR 2007-2013 Asse 2 Energia Azione 2.1.3 - Fondo di rotazione e contributi in conto capitale per investimenti realizzati da piccole e medie imprese e finalizzati al contenimento dei consumi energetici.

Dettagli

Detrazione 55% Ed. Ottobre 2009

Detrazione 55% Ed. Ottobre 2009 1 AGEVOLAZIONE DEL 55% PER FINESTRE COMPRENSIVE DI INFISSI INDICE 2 CHI PUÒ BENEFICIARE DELL AGEVOLAZIONE CONDIZIONI BASE DEFINIZIONI TEMPI DELL INVESTIMENTO MISURA DELL AGEVOLAZIONE RIPARTO DELL AGEVOLAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE F.E.S.R. 2007/2013 Attività II.1.3 Efficienza energetica

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE F.E.S.R. 2007/2013 Attività II.1.3 Efficienza energetica A REGIONE PIEMONTE Innovazione, Ricerca, Università e Sviluppo Energetico Sostenibile Corso Regina Margherita 74 052 TORINO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE F.E.S.R. 2007/203 Attività II..3 Efficienza energetica

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Ufficio Tributario Provinciale referentitributarioprovinciale@confartcn.com cuneo.confartigianato.it Proroga Il decreto legge n. 63/2013 ha prorogato

Dettagli

LA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA

LA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA San Giovanni in Persiceto, 11 giugno 2014 Studio Tecnico Co.Pro.Ri LA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA RIFERIMENTI NORMATIVI DETRAZIONI FISCALI 65% Legge 296/2006 e ss.mm.

Dettagli

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO ALLEGATO C INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO 1. BENEFICIARI Possono presentare domanda di agevolazione i soggetti, di cui all articolo 29 della l.r. 34/2008 e s.m.i., che abbiano

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI

LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI a) Premessa L incentivo fiscale per il risparmio energetico introdotto con la Finanziaria 2007 è paragonabile per grandi linee

Dettagli

PRIMA DI INIZIARE. Si ricorda che prima dell emanazione del Decreto Sviluppo, per l acquisto dei prodotti, esistevano due regimi di agevolazioni:

PRIMA DI INIZIARE. Si ricorda che prima dell emanazione del Decreto Sviluppo, per l acquisto dei prodotti, esistevano due regimi di agevolazioni: PRIMA DI INIZIARE Il presente documento vuole essere un aiuto per tutti i Clienti Daikin Italy, siano essi professionisti del settore oppure utenti finali, a comprendere meglio i meccanismi legati agli

Dettagli

Il Fondo Kyoto finanzia i progetti in uno o più dei seguenti settori, elencati nella Parte Prima, Capitolo II, della Circolare:

Il Fondo Kyoto finanzia i progetti in uno o più dei seguenti settori, elencati nella Parte Prima, Capitolo II, della Circolare: Nota di approfondimento Il Fondo Kyoto Cambia la disciplina del Fondo rotativo Kyoto, istituito dalla Legge Finanziaria 2007 e originariamente regolamentato dal D.M. 25 novembre 2008 e s.m.i. e dalla relativa

Dettagli

L importanza di un buon involucro edilizio. Obblighi di legge e opportunità del nuovo quadro legislativo sulla certificazione energetica.

L importanza di un buon involucro edilizio. Obblighi di legge e opportunità del nuovo quadro legislativo sulla certificazione energetica. L importanza di un buon involucro edilizio. Obblighi di legge e opportunità del nuovo quadro legislativo sulla certificazione energetica. Qual è la prima fonte di energia? CONSUMARE MENO! SACRIFICIO ENERGETICO

Dettagli

ALLEGATO B CRITERI DI VALUTAZIONE

ALLEGATO B CRITERI DI VALUTAZIONE ALLEGATO B CRITERI DI VALUTAZIONE A - Analisi delle prestazioni energetiche in relazione al costo dell investimento A.1 - REI = Energia risparmiata / Costo intervento massimo 15 punti Il presente parametro

Dettagli

Ristrutturazione edilizia Scopri i vantaggi delle agevolazioni fiscali!

Ristrutturazione edilizia Scopri i vantaggi delle agevolazioni fiscali! Ristrutturazione edilizia Scopri i vantaggi delle agevolazioni fiscali! PAVIMENTO ARENITE, cm 30 x 60 16,99 al mq PORTA DA INTERNO a battente BADIA, cm L 70/80 x H 210, 99,90 Disponibile anche cm H 200

Dettagli

30.000, pari ad una spesa totale di 54.545

30.000, pari ad una spesa totale di 54.545 Pompe di calore: Incentivi fiscali La legge finanziaria 2008 proroga al 2010 le agevolazioni tributarie per interventi di riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente; A differenza della

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE F.A.Q. art. 8 della L.R. 12/2004, come sostituito dall art. 33 della l.r. 30/2009 FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE 1. Modalità di presentazione

Dettagli

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni Data ultimo aggiornamento: 11 ottobre 2010 Progetto di filiera e realtà coinvolte 2 Sommario

Dettagli

Reti di Teleriscaldamento e sfruttamento del calore

Reti di Teleriscaldamento e sfruttamento del calore Risorse geotermiche di media e bassa temperatura in Italia. Potenziale, Prospettive di mercato, Azioni. Reti di Teleriscaldamento e sfruttamento del calore geotermico Ing. Fausto Ferraresi Presidente AIRU

Dettagli

IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE

IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE Mauro Fasano U.O. Energia e Reti Tecnologiche Dino De Simone Direzione Energia Finlombarda IL PEAR

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Durata 80 ore + 2 ore di ulteriore esercitazione (project work) Conforme al D.P.R. 16 aprile 2013 n. 75 MODULO I 6 ore LA

Dettagli

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO F.A.Q. ART. 42 L.R. 34/2008 e s.m.i. D..G..R.. n.. 25 7442 dell 15..04..2014 Allllegato C INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO I titolari di Partita IVA destinatari degli interventi

Dettagli

TAVOLO OPERATIVO FESR+CONTO TERMICO CON ESCO. 12 Maggio 2015. Gruppo di Lavoro Energia delle associazioni degli En4 Locali dell Emilia Romagna

TAVOLO OPERATIVO FESR+CONTO TERMICO CON ESCO. 12 Maggio 2015. Gruppo di Lavoro Energia delle associazioni degli En4 Locali dell Emilia Romagna Gruppo di Lavoro Energia delle associazioni degli En4 Locali dell Emilia Romagna TAVOLO OPERATIVO FESR+CONTO TERMICO CON ESCO 12 Maggio 2015 Con il sostegno di: Servizio Energia ed economia verde PREMESSA

Dettagli

Informazioni utili sul conto termico

Informazioni utili sul conto termico Informazioni utili sul conto termico Il punto di partenza Nella Gazzetta Ufficiale n 1 del 2 gennaio 2013, supplemento ordinario n 1, è stato pubblicato il Decreto 28 dicembre 2012 del Ministero dello

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE E CONTRIBUTI PER INVESTIMENTI FINALIZZATI AL CONTENIMENTO DEI CONSUMI ENERGETICI POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE E CONTRIBUTI PER INVESTIMENTI FINALIZZATI AL CONTENIMENTO DEI CONSUMI ENERGETICI POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE E CONTRIBUTI PER INVESTIMENTI FINALIZZATI AL CONTENIMENTO DEI CONSUMI ENERGETICI POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 2 Linea d intervento

Dettagli

Obiettivi del bando. Beneficiari

Obiettivi del bando. Beneficiari Scadenza: 02.05.2011 Regione Emilia Romagna: modalità e criteri per la concessione di contributi finalizzati a favorire la rimozione dell amianto dagli edifici, la coibentazione degli edifici e l installazione

Dettagli

La detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione e per il risparmio energetico. Palmanova (UD) - 12 Novembre 2010 dott. Alessandro Bergamaschi

La detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione e per il risparmio energetico. Palmanova (UD) - 12 Novembre 2010 dott. Alessandro Bergamaschi La detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione e per il risparmio energetico Palmanova (UD) - 12 Novembre 2010 dott. Alessandro Bergamaschi Le spese di ristrutturazione Normativa di riferimento Art.

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI prof. ing. Politecnico di Torino - Dipartimento di Energetica - Gruppo di Ricerca TEBE Legislazione

Dettagli