Obiettivi UE al % ENERGIA PRIMARIA 20% ENERGIA DA FER -20% GAS SERRA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Obiettivi UE al 2020 -20% ENERGIA PRIMARIA 20% ENERGIA DA FER -20% GAS SERRA"

Transcript

1 I NUOVI INCENTIVI REGIONALI PER LE FER E L EFFICIENZA ENERGETICA Assessorato allo Sviluppo Economico DIREZIONE INNOVAZIONE, RICERCA, UNIVERSITÀ E SVILUPPO ENERGETICO SOSTENIBILE Settore Sviluppo Energetico Sostenibile

2 Obiettivi UE al % ENERGIA PRIMARIA 20% ENERGIA DA FER -20% GAS SERRA

3 Il punto di partenza nazionale: DM Burden Sharing Direttiva 2009/28/CE OBIETTIVO ITALIA d.m. 15 marzo 2012 ( burden sharing ) Consumo di energia da fonti rinnovabili (FER) al 2020: consumi di energia elettrica da FER (FER-E) + consumi di FER per riscaldamento e raffrescamento (FER-C) + consumi di FER per il trasporto (FER-T) + consumi di altre forme di energia rinnovabile prodotte all estero e consumate in Italia CFL (consumo finale lordo) al 2020: Consumi per riscaldamento e raffreddamento in tutti i settori + consumi elettrici + consumi per tutte le forme di trasporto 17 % OBIETTIVO PIEMONTE 15,1 %

4 La nuova pianificazione regionale Documento indirizzo per il PEAR Approvato con D.G.R. 2 Luglio 2012, n PIANO D AZIONE Approvato con D.G.R. 19 Novembre 2012, n Proposta di nuovo Piano Energetico Ambientale Regionale

5 Forum energia

6 Il Piano d azione I 4 Assi strategici del documento di indirizzo 1) Promozione della produzione di energia da FER 2) Efficienza e risparmio energetico 3) Reti e generazione diffusa Linee d azione del Piano d azione Incentivi al termico Efficienza e risparmio energetico nel settore pubblico, residenziale e nelle imprese Promozione innovazione sulla generazione diffusa 4) Promozione Clean Economy e specializzazione dei cluster regionali Promozione cluster della clean economy e azione pilota su smart building

7 dal 15 gennaio 2013 al 15 marzo 2013 I bandi aperti Linee d azione 1) Promozione della produzione di energia da FER Bandi aperti Linea I.1: "Agevolazione alla diffusione, sul territorio piemontese, di sistemi di valorizzazione dell'energia termica prodotta da impianti alimentati da biomasse provenienti dalla filiera forestale" Linea I.2: "Agevolazione alla diffusione, sul territorio piemontese, di impianti termici alimentati a fonte rinnovabile" Linea II.1: Approvazione del Bando diretto alla concessione di finanziamenti agevolati per la realizzazione di edifici a energia quasi zero. 2) Efficienza e risparmio energetico Linea II.3: "Incentivazione alla razionalizzazione dei consumi energetici nel patrimonio immobiliare degli enti pubblici" Linea II.4: "Piu' Green Agevolazioni per l'efficienza energetica e l'uso di fonti di energia rinnovabile nelle imprese"

8 I prossimi passi II.2 Promuovere la realizzazione di interventi in materia di risparmio energetico e di riduzione delle emissioni in atmosfera gestita dalla Direzione Ambiente Contributo in conto interessi per interventi di riqualificazione energetica del sistema edificio-impianto; Destinatari: proprietari di edifici in Piemonte, amministratori condominiali, ESCO II.5 Promuovere la razionalizzazione dei consumi energetici del patrimonio pubblico scolastico esistente in sinergia con altre azioni regionali (di cui per l efficientamento); Contributo in conto capitale per interventi di riqualificazione energetica delle coperture degli edifici scolastici soggetti a interventi di bonifica di amianto; Destinatari: Amministrazioni pubbliche proprietarie di edifici scolastici attivi

9 I prossimi passi III.1 Realizzazione di esperienze pilota nel campo della clean economy finanziate attraverso il publicprocurementdell'innovazione. L'azione verrà realizzata successivamente, ad integrazione delle altre azioni dell'asse IV. Gara di public procurement dell innovazione finalizzata ad incentivare tecnologie avanzate in fase precommerciale. Destinatari: PMI, singole o associate in eventuale collaborazione con centri di ricerca e grandi imprese IV.1 Favorire la nascita di un distretto di eccellenza, specializzato nei settori delle energie rinnovabili, dell efficienza energetica e delle clean technologies IV.2 Sviluppo di tecnologie innovative per la realizzazione di edifici che consentano una riduzione dei consumi energetici

10 RIFERIMENTI UTILI - D.G.R. n del 19/11/2012 Approvazione del Piano d'azione per una prima attuazione dell'atto di indirizzo per la pianificazione energetica regionale approvato con dgr n del 2 luglio B.U.R. n. 51 del 20/12/2012 (pubblicazione DD 14/12/2012 n. 138/139/140/141/142 approvazione bandi) - B.U.R. n. 2 del 10/01/2013 (DD 09/01/2013 n. 1 errata corrige bandi)

11 RIFERIMENTI UTILI I bandi e i relativi allegati sono reperibili al seguente link:

12 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.1 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ALIMENTATI DA BIOMASSE FORESTALI I.1 Agevolare la diffusione, sul territorio piemontese, della produzione di energia termica da biomasse provenienti dalla filiera forestale Risorse Por FESR Asse Beneficiari 1 SOLA DOMANDA: -per SOGGETTO PROPONENTE -per INTERVENTO A B AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE aventi sede o uffici in RP che producono energia per il soddisfacimento del PROPRIO FABBISOGNO in Edifici Esistenti AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE aventi sede o uffici in RP che CEDONO A TERZI l energia prodotta IMPRESE

13 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.1 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ALIMENTATI DA BIOMASSE FORESTALI IMPIANTO per SOLA ENERGIA TERMICA alimentato da BIOMASSE provenienti da FILIERA FORESTALE + STRUTTURE DI LAVORAZIONE/STOCCAGGIO IMPIANTO per SOLA ENERGIA TERMICA alimentato da BIOMASSE provenienti da FILIERA FORESTALE + SISTEMI DI VALORIZZAZIONE (reti di distribuzione, sottostazioni ecc) per UN UNICA UTENZA + STRUTTURE DI LAVORAZIONE/STOCCAGGIO SISTEMI DI VALORIZZAZIONE (reti di distribuzione, sottostazioni ecc) del calore prodotti da impianti COGENERATIVI alimentati da BIOMASSE provenienti da FILIERA FORESTALE (reti di distribuzione, sottostazioni d utenza, reti di teleriscaldamento asservite ad UTENZE INDUSTRIALI)

14 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.1 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ALIMENTATI DA BIOMASSE FORESTALI L intervento deve essere tale da determinare un agevolazione MINIMA DI ; NON deve essere obbligatorio per il beneficiario Deve essere avviato DOPO la presentazione della DOMANDA Deve essere concluso entro i 24 MESI dalla data di CONCESSIONE dell agevolazione; NON deve riguardare RETI DI RISCALDAMENTO CIVILE; LA POTENZA PRIMARIA IN INGRESSO all impianto a biomassa deve essere SUPERIORE A 1 MW; Approvvigionamento BIOMASSA attraverso FILIERA FORESTALE (entro un raggio di 50 km)

15 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.1 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ALIMENTATI DA BIOMASSE FORESTALI Beneficiari Contributo A AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE aventi sede o uffici in RP che producono energia per il soddisfacimento del PROPRIO FABBISOGNO in Edifici Esistenti A FONDO PERDUTO fino ad un MASSIMO DEL 60% dei COSTI AMMISSIBILI Fornitura dei materiali e dei componenti necessari alla realizzazione dell intervento; Costi Ammissibili installazione e posa in opera Opere edili solo se necessarie e strettamente connesse all intervento Spese tecniche di progettazione, DL, collaudo, certificazione inferiore al 10% dell importo lavori e cmq non superiori a

16 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.1 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ALIMENTATI DA BIOMASSE FORESTALI Beneficiari B AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE aventi sede o uffici in RP che CEDONO A TERZI l energia prodotta ( assimilate alla categoria di imprese corrispondente per personale e bilancio). IMPRESE Fornitura dei materiali e dei componenti necessari alla realizzazione dell intervento; Costi Ammissibili installazione e posa in opera Opere edili solo se necessarie e strettamente connesse all intervento Spese tecniche di progettazione, DL, collaudo, certificazione inferiore al 10% dell importo lavori e cmq non superiori a

17 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.1 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ALIMENTATI DA BIOMASSE FORESTALI 100% dei COSTI AMMISSIBILI FINANZIAMENTO AGEVOLATO MAX 100% FONDO PERDUTO MAX 20% Agevolazione 80% TASSO Ø 20% TASSO BANCA Il finanziamento dovrà essere restituito in 72 mesi di cui 12 di pre-ammortamento; rate trimestrali

18 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.1 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ALIMENTATI DA BIOMASSE FORESTALI TIPOLOGIA 1 - AIUTI DE MINIMIS - per TUTTI i tipi di intervento (1/2/3) - aiuto di stato concesso (ESL+fondo perduto) inferiore a Regimi di aiuto TIPOLOGIA 2 - AIUTI CALCOLATI SUL VALORE DELL INVESTIMENTO (REG 800/2008) - per TUTTI i tipi di intervento (1/2/3) - aiuto di stato concesso (ESL+fondo perduto) deve rispettare le seguenti intensità massime: Localizzazione dell unitàlocale interessata dall intervento Intervento realizzato in Area c (in precedenza 87.3.c) Intervento realizzato NON in Area c (in precedenza 87.3.c) Piccola impresa Media impresa Grande impresa 30% 20% 10% 20% 10% Non ammissibile

19 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.1 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ALIMENTATI DA BIOMASSE FORESTALI TIPOLOGIA 3 - AIUTI DI STATO - CALCOLATI SUI SOVRACCOSTI (REG 800/2008) - per gli interventi 1) e 2) aiuto di stato concesso (ESL+fondo perduto) rapportato ai sovraccosti intensità massime: Regimi di aiuto Base giuridica di riferimento Art aiuti agli investimenti per la tutela dell'ambiente per promuovere la produzione di energia da fonti rinnovabili Piccola impresa Media impresa Grande impresa 65% 55% 45% per l intervento 3) TIPOLOGIA 4- AIUTO N 632/ aiuto di stato concesso (ESL+fondo perduto) rapportato ai sovraccosti - intensità massime: Base giuridica di riferimento Piccola impresa Media impresa Aiuti per il teleriscaldamento (aiuto N 632/2008 e Disciplina aiuti tutela ambientale) 80% 70% Importo massimo dell agevolazione

20 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.1 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ALIMENTATI DA BIOMASSE FORESTALI Documentazione da allegare alla domanda - Progetto dell intervento, sottoscritto in originale da tecnico abilitato e definito ad una scala di dettaglio assimilabile almeno al progetto definitivo; - Relazione tecnico - economica descrittiva (sottoscritta in originale da tecnico abilitato; - Piano di approvvigionamento della biomassa (sottoscritto in originale da tecnico abilitato e supportato da accordi di fornitura e pre-contratti); - Preventivi o computo metrico estimativo (sottoscritto in originale da tecnico abilitato; - calendario delle attività e della loro durata (diagramma di Gantt); Il progetto deve presentare (anche con dati analitici) l intervento proposto nel suo complesso.

21 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.1 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ALIMENTATI DA BIOMASSE FORESTALI Come presentare domanda: - Connessione al sito internet - Spedire entro 5 giorni lavorativi il la domanda cartacea unitamente agli allegati par Le domande telematiche devono essere inviate dalle ore 9.00 del 15/01/2013 fino alle ore del 15/03/2013 Iter domanda di agevolazione: 1) Ricevibilità, ammissibilità, valutazione tec./finanziaria e merito svolti dalla Regione entro 60 giorni GRADUATORIA 2) Istruttoria di merito creditizia da parte dell istituto di credito DELIBERA BANCARIA 3) Invio della documentazione prevista dal par (deminimis, antiriciclaggio, dati per DURC, etc.) a FINPIEMONTE CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE: B A 1

22 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.1 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ALIMENTATI DA BIOMASSE FORESTALI Criteri di valutazione 1 IND. CRITERI SOGLIE PUNTEGGIO A Realizzazione di impianto di produzione di energia termica unitamente a sistema di valorizzazione del calore a servizio di un unica utenza - 12 B Realizzazione di impianto di produzione di energia termica - 8 C D E Realizzazione di solo sistema di valorizzazione del calore prodotto in impianto cogenerativo ad alto rendimento Rapporto tra quantità di energia termica ceduta agli utenti finali, considerando esclusivamente la quota valorizzata mediante le tecnologie presentate in domanda, e la potenza dell impianto [h] Zona climatica in cui viene realizzato l impianto F Approvvigionamento da filiera con percentuale [%] G H Potenza primaria complessiva in ingresso all impianto [MW] Tempistica di realizzazione dell intervento [mesi] - 4 R < R R > Zona F 2 Zona E 1 70 < r < r 80 4 r > < P < P 5 6 P > 5 2 < X 20 2 > 20 1

23 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.1 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ALIMENTATI DA BIOMASSE FORESTALI Cumulabilità l agevolazione: non è cumulabile con altri incentivi regionali; è cumulabile con incentivi statali: - entro il limite del 100% dei costi ammissibili totali per l investimento; - nei rispetto delle soglie massime previste dalla normativa sugli aiuti di Stato applicata; - laddove sia consentito dalla relativa disciplina comunitaria e nazionale. Nel caso in cui l accesso agli incentivi statali determini il superamento del limite del 100% dei costi ammissibili totali per l investimento, l agevolazione regionale di cui al presente bando verrà ridotta di conseguenza e le risorse resesi disponibili potranno essere riutilizzate

24 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.1 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ALIMENTATI DA BIOMASSE FORESTALI Come rendicontare le spese (a FINPIEMONTE) e concludere il progetto: RENDICONTAZIONE IN ITINERE (par del Bando) da inviare quando il beneficiario ha sostenuto almeno: - il 30% delle spese ammesse. E obbligatoria a meno che il beneficiario non concluda il progetto entro 12 mesi dalla data di concessione; - il 60% delle spese ammesse. E obbligatoria a meno che il beneficiario non concluda il progetto entro 18 mesi dalla data di concessione. - dichiarazione spesa piattaforma informatica, antiriciclaggio, dati per DURC, deminimis/deggendorf, polizza fidejussoria (solo per richiesta anticipo contributo), relazione descrittiva sull avanzamento dei lavori RENDICONTAZIONE FINALE (par del Bando) La rendicontazione finale deve essere inviata entro 60 giorni dalla data di conclusione dell intervento. - dichiarazione di spesa piattaforma informatica, relazione tecnica finale, certificato di collaudo, documentazione di spesa (fatture dettagliate, bonifici, etc.), compilazione modulo telematico dati relativi all edificio as-built Monitoraggio: - relazione sistema di monitoraggio installato (una tantum) - invio file monitoraggio dati (una volta all anno per 5 anni dalla conclusione dell intervento)

25 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.2 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI TERMICI ALIMENTATI A FONTE RINNOVABILE I.2 Agevolare la diffusione, sul territorio piemontese, di impianti termici alimentati a fonte rinnovabile Risorse Por FESR Asse Beneficiari 1 SOLA DOMANDA: -per SOGGETTO PROPONENTE -per INTERVENTO A B AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE aventi sede o uffici in RP che producono energia per il soddisfacimento del PROPRIO FABBISOGNO in Edifici Esistenti AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE aventi sede o uffici in RP che CEDONO A TERZI l energia prodotta IMPRESE che al momento della domanda:

26 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.2 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI TERMICI ALIMENTATI A FONTE RINNOVABILE 1 2 nuova installazione di pompe di calore idro geo termiche (ovvero, in edifici precedentemente privi di impianto) sostituzione di pompe di calore esistenti di taglia superiore a 500 kw; 3 nuova installazione di impianti solari termici, anche abbinati a sistemi di solar cooling, con superficie lorda superiore a mq; 4 impianti destinati al recupero di cascami termici da processi industriali; 5 altri sistemi di produzione di energia termica da fonte rinnovabile ad esclusione delle biomasse.

27 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.2 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI TERMICI ALIMENTATI A FONTE RINNOVABILE L intervento deve essere tale da determinare un agevolazione MINIMA DI ; Deve essere localizzato sul territorio della RP; Deve essere avviato DOPO la presentazione della DOMANDA Deve essere concluso entro i 24 MESI dalla data di CONCESSIONE dell agevolazione; NON deve riguardare RETI DI RISCALDAMENTO CIVILE; non deve essere obbligatorio per il beneficiario; non deve riguardare attività connesse all'esportazione, attività volte alla costituzione e alla gestione di una rete di distribuzione o ad altre spese correnti connesse all'attività d'esportazione; deve essere garantito il rispetto delle condizioni energetiche ed emissive stabilite nell allegato 2 alla D.G.R del 4 agosto 2009

28 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.2 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI TERMICI ALIMENTATI A FONTE RINNOVABILE Beneficiari Contributo Costi Ammissibili A AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE aventi sede o uffici in RP che producono energia per il soddisfacimento del PROPRIO FABBISOGNO in Edifici Esistenti A FONDO PERDUTO fino ad un MASSIMO DEL 60% dei COSTI AMMISSIBILI Fornitura dei materiali e dei componenti necessari alla realizzazione dell intervento; installazione e posa in opera Opere edili solo se necessarie e strettamente connesse all intervento Spese tecniche di progettazione, DL, collaudo, certificazione inferiore al 10% dell importo lavori e cmq non superiori a

29 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.2 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI TERMICI ALIMENTATI A FONTE RINNOVABILE Beneficiari B AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE aventi sede o uffici in RP che CEDONO A TERZI l energia prodotta ( assimilate alla categoria di imprese corrispondente per personale e bilancio). IMPRESE Fornitura dei materiali e dei componenti necessari alla realizzazione dell intervento; Costi Ammissibili Installazione e posa in opera Opere edili solo se necessarie e strettamente connesse all intervento Spese tecniche di progettazione, DL, collaudo, certificazione inferiore al 10% dell importo lavori e cmq non superiori a

30 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.2 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI TERMICI ALIMENTATI A FONTE RINNOVABILE 100% dei COSTI AMMISSIBILI FINANZIAMENTO AGEVOLATO MAX 100% FONDO PERDUTO MAX 20% Agevolazione 80% TASSO Ø 20% TASSO BANCA Il finanziamento dovrà essere restituito in 72 mesi di cui 12 di pre-ammortamento; rate trimestrali

31 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.2 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI TERMICI ALIMENTATI A FONTE RINNOVABILE TIPOLOGIA 1 - AIUTI DE MINIMIS - per TUTTI i tipi di intervento - aiuto di stato concesso (ESL+fondo perduto) inferiore a Regimi di aiuto TIPOLOGIA 2 - AIUTI CALCOLATI SUL VALORE DELL INVESTIMENTO - per TUTTI i tipi di intervento - aiuto di stato concesso (ESL+fondo perduto) deve rispettare le seguenti intensità massime: Localizzazione dell unitàlocale interessata dall intervento Intervento realizzato in Area c (in precedenza 87.3.c) Intervento realizzato NON in Area c (in precedenza 87.3.c) Piccola impresa Media impresa Grande impresa 30% 20% 10% 20% 10% Non ammissibile

32 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.2 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI TERMICI ALIMENTATI A FONTE RINNOVABILE TIPOLOGIA 3 - AIUTI DI STATO CALCOLATI SUI SOVRACCOSTI Regimi di aiuto aiuto di stato concesso (ESL+fondo perduto) rapportato ai sovraccosti sostenuti dal beneficiario deve rispettare le intensità massime: Base giuridica di riferimento Art aiuti agli investimenti per la tutela dell'ambiente per promuovere la produzione di energia da fonti rinnovabili Piccola impresa Media impresa Grande impresa 65% 55% 45%

33 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.2 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI TERMICI ALIMENTATI A FONTE RINNOVABILE Documentazione da allegare alla domanda - Progetto dell intervento, sottoscritto in originale da tecnico abilitato e definito ad una scala di dettaglio assimilabile almeno al progetto definitivo; - Relazione tecnico - economica descrittiva (sottoscritta in originale da tecnico abilitato; - Preventivi o computo metrico estimativo (sottoscritto in originale da tecnico abilitato; - calendario delle attività e della loro durata (diagramma di Gantt); Il progetto deve presentare (anche con dati analitici) l intervento proposto nel suo complesso.

34 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.2 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI TERMICI ALIMENTATI A FONTE RINNOVABILE Come presentare domanda: - Connessione al sito internet - Spedire entro 5 giorni lavorativi il la domanda cartacea unitamente agli allegati par Le domande telematiche devono essere inviate dalle ore 9.00 del 15/01/2013 fino alle ore del 15/03/2013 Iter domanda di agevolazione: 1) Ricevibilità, ammissibilità, valutazione tec./finanziaria e merito svolti dalla Regione entro 60 giorni SPORTELLO 2) Istruttoria di merito creditizia da parte dell istituto di credito DELIBERA BANCARIA 3) Invio della documentazione prevista dal par (deminimis, antiriciclaggio, dati per DURC, etc.) a FINPIEMONTE CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE: B A 1

35 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.2 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI TERMICI ALIMENTATI A FONTE RINNOVABILE Cumulabilità l agevolazione: non è cumulabile con altri incentivi regionali; è cumulabile con incentivi statali: - entro il limite del 100% dei costi ammissibili totali per l investimento; - nei rispetto delle soglie massime previste dalla normativa sugli aiuti di Stato applicata; - laddove sia consentito dalla relativa disciplina comunitaria e nazionale. Nel caso in cui l accesso agli incentivi statali determini il superamento del limite del 100% dei costi ammissibili totali per l investimento, l agevolazione regionale di cui al presente bando verrà ridotta di conseguenza e le risorse resesi disponibili potranno essere riutilizzate

36 Le misure dell asse I:Promozione della produzione di energia da FER I.2 REALIZZAZIONE DI IMPIANTI TERMICI ALIMENTATI A FONTE RINNOVABILE Come rendicontare le spese (a FINPIEMONTE) e concludere il progetto: RENDICONTAZIONE IN ITINERE (par del Bando) da inviare quando il beneficiario ha sostenuto almeno: - il 30% delle spese ammesse. E obbligatoria a meno che il beneficiario non concluda il progetto entro 12 mesi dalla data di concessione; - il 60% delle spese ammesse. E obbligatoria a meno che il beneficiario non concluda il progetto entro 18 mesi dalla data di concessione. - dichiarazione spesa piattaforma informatica, antiriciclaggio, dati per DURC, deminimis/deggendorf, polizza fidejussoria (solo per richiesta anticipo contributo), relazione descrittiva sull avanzamento dei lavori RENDICONTAZIONE FINALE (par del Bando) La rendicontazione finale deve essere inviata entro 60 giorni dalla data di conclusione dell intervento. - dichiarazione di spesa piattaforma informatica, relazione tecnica finale, certificato di collaudo, documentazione di spesa (fatture dettagliate, bonifici, etc.), compilazione modulo telematico dati relativi all edificio as-built Monitoraggio: - relazione sistema di monitoraggio installato (una tantum) - invio file monitoraggio dati (una volta all anno per 5 anni dalla conclusione dell intervento)

37 Le misure dell asse II: Efficienza e risparmio energetico II.4 PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA E DELL USO DI FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE NELLE IMPRESE II.4 Promuovere la riqualificazione energetica degli stabilimenti produttivi delle imprese piemontesi. Risorse POR FESR Beneficiari Imprese (settore ATECO 2007) Lo stesso soggetto può presentare una sola domanda; tale domanda dovrà essere riferita ad una sola unità locale L intervento deve essere tale da determinare un agevolazione MINIMA DI ; Requisiti generali Deve riguardare 1 sola unità produttiva locale; Deve essere avviato DOPO DOMANDA la presentazione della Deve essere concluso entro i 24 MESI dalla data di CONCESSIONE dell agevolazione; NON deve riguardare RETI DI TELERISCALDAMENTO;

38 Le misure dell asse II: Efficienza e risparmio energetico II.4 PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA E DELL USO DI FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE NELLE IMPRESE Linee di INTERVENTO A B EFFICIENZA ENERGETICA -impianti di COGENERAZIONE ad elevato rendimento; -Interventi finalizzati all aumento dell efficienza nei processi produttivi -Interventi sull efficienza energetica degli edifici nell unità locale FONTI RINNOVABILI -Installazione di sistemi di sfruttamento della geotermia a bassa entalpia -Interventi per avvio/incremento della produzione da FER a condizione che: - L energia prodotta sia destinata al soddisfacimento del fabbisogno dell impianto - Gli impianti FV devono avere caratteristiche innovative o essere a concentrazione

39 Le misure dell asse II: Efficienza e risparmio energetico II.4 PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA E DELL USO DI FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE NELLE IMPRESE - spese tecniche per progettazione, direzione lavori, audit, collaudo, certificazione (max 10% c.a. e < ,00 ) Costi Ammissibili - Fornitura, installazione e posa in opera dei materiali e dei componenti necessari alla modifica dei processi, o alla realizzazione degli impianti o degli involucri edilizi ad alta efficienza - opere edili strettamente necessarie e connesse all intervento; Agevolazione Il finanziamento dovrà essere restituito in 72 mesi di cui 12 di preammortamento; rate trimestrali 100% dei COSTI AMMISSIBILI FINANZIAMENTO AGEVOLATO MAX100% 80% TASSO Ø 20% TASSO BANCA FONDO PERDUTO MAX 20% Se impresa giovanile : 85% regionale e 15% bancario

40 Le misure dell asse II: Efficienza e risparmio energetico II.4 PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA E DELL USO DI FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE NELLE IMPRESE TIPOLOGIA 1 - AIUTI DE MINIMIS - per TUTTI i tipi di intervento (1/2) - aiuto di stato concesso (ESL+fondo perduto) inferiore a Regimi di aiuto TIPOLOGIA 2 - AIUTI CALCOLATI SUL VALORE DELL INVESTIMENTO (REG 800/2008) -per TUTTI i tipi di intervento (1/2) -aiuto di stato concesso (ESL+fondo perduto) deve rispettare le seguenti intensità massime: Localizzazione dell unitàlocale interessata dall intervento Intervento realizzato in Area c (in precedenza 87.3.c) Intervento realizzato NON in Area c (in precedenza 87.3.c) Piccola impresa Media impresa Grande impresa 30% 20% 10% 20% 10% Non ammissibile

41 Le misure dell asse II: Efficienza e risparmio energetico II.4 PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA E DELL USO DI FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE NELLE IMPRESE TIPOLOGIA 3 - AIUTI DI STATO - CALCOLATI SUI SOVRACCOSTI (REG 800/2008) - per TUTTI i tipi di intervento (1/2) Regime di aiuto aiuto di stato concesso (ESL+fondo perduto) rapportato ai sovraccosti - intensità massime: Base giuridica di riferimento Art aiuti agli investimenti per la tutela dell'ambiente in misure di risparmio energetico Piccola impresa Media impresa Grande impresa 40% 30% 20% Art aiuti agli investimenti per la tutela dell'ambiente nella cogenerazione ad alto rendimento Art aiuti agli investimenti per la tutela dell'ambiente per promuovere la produzione di energia da fonti rinnovabili 65% 55% 45% 65% 55% 45%

42 Le misure dell asse II: Efficienza e risparmio energetico II.4 PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA E DELL USO DI FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE NELLE IMPRESE Criteri di valutazione

43 Le misure dell asse II: Efficienza e risparmio energetico II.4 PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA E DELL USO DI FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE NELLE IMPRESE Documentazione da allegare alla domanda - Progetto dell intervento (relazione tecniche, elaborati grafici, fotografie); - Relazione tecnico - economica; - preventivi o Computo Metrico Estimativo; - supporto di memoria (ad es. CD o DVD) contenente tutta la documentazione inoltrata; -Documento di identità del Legale rappresentante

44 Le misure dell asse II: Efficienza e risparmio energetico II.4 PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA E DELL USO DI FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE NELLE IMPRESE Come presentare domanda: - Connessione al sito internet - Spedire entro 5 giorni lavorativi il la domanda cartacea unitamente agli allegati par Le domande telematiche devono essere inviate dalle ore 9.00 del 15/01/2013 fino alle ore del 15/03/2013 Iter domanda di agevolazione: A) Ricevibilità, ammissibilità, valutazione tec./finanziaria e merito svolti dalla Regione entro 60 giorni GRADUATORIA B) Istruttoria di merito creditizia da parte dell istituto di credito DELIBERA BANCARIA C) Invio della documentazione prevista dal par (deminimis, antiriciclaggio, dati per DURC, etc.) a FINPIEMONTE A+B+C = CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE

45 Le misure dell asse II: Efficienza e risparmio energetico II.4 PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA E DELL USO DI FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE NELLE IMPRESE Cumulabilità l agevolazione: non è cumulabile con altri incentivi regionali; è cumulabile con incentivi statali: - entro il limite del 100% dei costi ammissibili totali per l investimento; - nei rispetto delle soglie massime previste dalla normativa sugli aiuti di Stato applicata; - laddove sia consentito dalla relativa disciplina comunitaria e nazionale. Nel caso in cui l accesso agli incentivi statali determini il superamento del limite del 100% dei costi ammissibili totali per l investimento, l agevolazione regionale di cui al presente bando verrà ridotta di conseguenza e le risorse resesi disponibili potranno essere riutilizzate

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Finanziamenti agevolati per investimenti in Italia

Finanziamenti agevolati per investimenti in Italia Finanziamenti agevolati per investimenti in Italia INTRODUZIONE L energia rappresenta una delle principali sfide che l UE è chiamata ad affrontare nei prossimi anni. Se da un lato, vi è la necessità di

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012)

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012) Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare di concerto con il Ministero dello Sviluppo Economico e d intesa con la Cassa Depositi e Prestiti EMANA la seguente Circolare del 16

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

GSE Gestore Servizi Energetici. Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico

GSE Gestore Servizi Energetici. Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico GSE Gestore Servizi Energetici Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico D.M. 28 dicembre 2012 Indice dei contenuti 1. Generalità... 4 Finalità del documento... 4 Requisiti minimi per l utilizzo

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa (intervento 2.B - art. 4, comma 2, lettera b) D.M. 28 dicembre 2012 Agosto 2013 AIEL Annalisa Paniz

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE

INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE Programma Operativo Nazionale Governance e Assistenza Tecnica (FESR 2007 2013) - Asse II Obiettivo Operativo II.4 INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE Ricognizione preliminare delle principali

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

L esperienza del Green Energy Audit

L esperienza del Green Energy Audit L esperienza del Green Energy Audit Arch. Ph.D. Annalisa Galante Adjunct Professor Research Associate - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Coordinamento corsi di formazione - Comunicazione e Marketing

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa Progr. n. 156 Oggetto n. 3124: Approvazione atto di indirizzo e coordinamento sui requisiti di rendimento energetico e sulle procedure di certificazione energetica degli edifici. (Proposta della Giunta

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Direzione Generale dell Industria

Direzione Generale dell Industria PO R FESR 2007-2013 A sse VI C om petitività- Linee di attività 6.2.2.i) e 6.2.3.a) D eliberazione della G iunta Regionale n. 51/25 del 24.09.2008 Interventi per favorire l'innovazione del sistem a delle

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

FAQ (domande più frequenti)

FAQ (domande più frequenti) FAQ (domande più frequenti) N.B. Le FAQ sotto riportate derivano dalle risposte effettivamente fornite da ENEA ai vari richiedenti nell'arco degli ultimi anni. Sono basate sull'esperienza del nostro Gruppo

Dettagli

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 23 aprile 2014, n. G06045 POR FESR LAZIO 2007-2013 ASSE I - Attività I.1 "Potenziamento e messa

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

POR FESR ABRUZZO 2007 2013. BANDO ATTIVITÀ VI.1.3. a) Sostegno alla coesione sociale nell area del cratere Nuove strutture turistiche

POR FESR ABRUZZO 2007 2013. BANDO ATTIVITÀ VI.1.3. a) Sostegno alla coesione sociale nell area del cratere Nuove strutture turistiche REGIONE ABRUZZO DIREZIONE SVILUPPO DEL TURISMO, POLITICHE CULTURALI Servizio Investimenti Pubblici Politiche Turistiche POR FESR ABRUZZO 2007 2013 BANDO ATTIVITÀ VI.1.3. a) Sostegno alla coesione sociale

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Nuovi obiettivi di pianificazione energetica Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Fonti rinnovabili

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente punt energia I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO Assessorato Ecologia e Ambiente I nuovi regolamenti edilizi comunali Progetto a cura

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE)

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE) Per accedere al IV Conto Energia è necessario superare 4 step per i grandi impianti. Questo documento ha lo scopo di analizzare in dettaglio ognuna delle fasi, presentandovi il quadro generale e offrendovi

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione dei moduli di Gestione dei Progetti Finanziati del Sistema GEFO Rev. 02 Manuale GeFO Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI

Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER L AGRICOLTURA Servizio IV Interventi di Sviluppo rurale

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere.

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere. La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere Obiettivi

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE UNIVERSITA MEDITERRANEA DEGLI STUDI DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN PIANIFICAZIONE TERRITORIALE URBANISTICA ED AMBIENTALE CORSO DI FONDAMENTI DI PIANIFICAZIONE SETTORIALE

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

LEGGE 10 E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

LEGGE 10 E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LEGGE 10 E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Aggiornamento alle UNI TS 11300 parte 4 Contiene la versione del software Termo versione Lite, sviluppato

Dettagli

MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M.

MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M. MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M. 20 luglio 2004 Nuova individuazione degli obiettivi quantitativi per l'incremento dell'efficienza energetica negli usi finali di energia, ai sensi dell'art. 9,

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli