Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte"

Transcript

1 Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte Politecnico Open unix Labs 20 aprile 2012 POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 1/ 43

2 Introduzione Per chi si è perso le prime lezioni Questo corso è una breve introduzione ai microcontrollori, concentrandosi sia sugli aspetti software di programmazione che hardware di costruzione di circuiti. Verranno presentate due piattaforme per lo sviluppo di applicazioni: Arduino che è una piattaforma molto popolare basata su microcontrollori Atmel a 8bit STM32, una architattura di microcontrollori più potente a 32bit, usando il sistema operativo Miosix. Tutto il corso sarà tenuto in ambiente Linux, usando solo strumenti Open Source. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 2/ 43

3 Struttura del corso Per chi si è perso le prime lezioni Il corso si compone di tre lezioni. Lezione 1: Basi di Arduino Breve introduzione ai microcontrollori Breve introduzione ad Arduino Ampia sessione di sperimentazione pratica con semplici esempi usando Arduino Lezione 2: Basi di STM32 e Miosix Breve introduzione ai microcontrollori STM32 Breve introduzione a Miosix Ampia sessione di sperimentazione pratica con semplici esempi usando STM32 e Miosix Lezione 3 (oggi): Progetti avanzati Verranno mostrati progetti più complessi basati sia su STM32 che Arduino POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 3/ 43

4 Prima di cominciare Questa sarà l'ultima lezione di questo corso. Per chi, dopo aver seguito il corso, volesse comprarsi un Arduino o una stm32f4discovery è possibile acquistarli online. Per esempio, è possibile comprarli da RS (https://it.rs-online.com/web/) con il vantaggio che si può scegliere se farsi spedire a casa il materiale (pagando le spese di spedizione) oppure andare diretamente a ritirare i componenti a Vimodrone (raggiungibile con la metro). Oltre alle board di sviluppo sullo stesso sito è possibile comprare anche le breadboard, led, resistenze, pulsanti, li, etc. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 4/ 43

5 Prima di cominciare POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 5/ 43

6 Prima di cominciare POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 6/ 43

7 Progetto #1: Giochino LCD Speciche del progettino: Realizzare un piccolo gioco collegando un pulsante e lo schermo LCD. Il giocatore deve schiacciare il pulsante quando sul display appare un determinato simbolo (X) e non deve schiacciarlo quando ne esce un altro (O). I simboli devono apparire in una posizione casuale dello schermo e rimanere visualizzati per un numero variabile di millisecondi. Due LED (rosso e verde) segnaleranno all'utente se ha premuto il pulsante correttamente. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 7/ 43

8 Progetto #1: Interrupt Esistono tecniche per controllare lo stato di un ingresso in Arduino. Polling Si controlla periodicamente lo stato dell'ingresso per controllare se è cambiato. Interrupt Con l'aiuto di hardware dedicato l'evento viene noticato direttamente al software. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 8/ 43

9 Progetto #1: Interrupt in Arduino Il funzionamento degli interrupt è analogo a quello che (forse) avete studiato in un corso di informatica. Usano la funzione attachinterrupt è possibile associare al cambiamento di stato di un ingresso la chiamata di una funzione. attachinterrupt(<interrupt>, <function>, <mode>) interrupt Numero dell'interrupt. In Arduino sono disponibili l'interrupt 0 associato al pin 2 e l'interrupt 1 associato al pin 3. function La funzione da richiamara quando si verica l'evento. mode Modo in cui devi vericarsi l'evento: LOW Quando il segnale diventa basso CHANGE Quando il segnale cambia valore RISING Quando il segnale passa da basso ad alto FALLING Quando il segnale passa da alto a basso POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 9/ 43

10 Progetto #1: Numeri casuali Vogliamo che il nostro gioco non sia prevedibile. Il posizionamento del simbolo, la scelta del simbolo e il tempo di visualizzazione devono essere casuali. In arduino esistono delle funzioni per generare un numero casuale. randomseed(<value>) Inizializza il generatore di numeri casuali. random(<min>, <max>) Genera un numero casuale tra un minimo (incluso) e un massimo (escluso). Tipicamente si sceglie come seed iniziale il valore letto da un input analogico che collegato (questop garantisce una discreta casualità). POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 10/ 43

11 Progetto #1: Giochino LCD Pratica: costruzione del circuito POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 11/ 43

12 Progetto #2: Memebox Conoscete gli internet meme? Speciche: Collegare due pulsanti e delle cue alla board stm32f4discovery, il primo pulsante deve far partire il sad trombone, il secondo un rickroll. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 12/ 43

13 Progetto #2: Memebox Organizzazione del progettino Hardware: il DAC audio Hardware: la periferica I2S Teoria: il DMA Software: compressione audio Software: come embeddare un le audio in un programma Software: la classe ADPCMSound e la classe Player Pratica: costruzione del circuito POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 13/ 43

14 Progetto #2: Memebox DAC Audio La board stm32f4discovery ha tra le sue periferiche un DAC di tipo CS43L22. Questo DAC non è interno al microcontrollore, si tratta di un circuito integrato separato. Le sue principali caratteristiche sono: Uscita stereo per cue e per altoparlante (la board usa solo l'uscita cue) Il DAC è a 24bit, ed è in grado di decodicare segnali campionati no a 96KHz Il microcontrollore comunica con il DAC attraverso due bus, uno di tipo I2S per inviare i dati audio, e uno di tipo I2C per inviare comandi, come alzare o abbassare il volume. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 14/ 43

15 Progetto #2: Memebox I2S I2S è un protocollo per trasferire dati audio non compressi, come può essere lo stream tra un processore e un DAC audio. Il microcontrollore STM32 ha una periferica I2S. Tale periferica può essere usata in modalità Polled: il processore invia un campione audio, aspetta che venga trasmesso, poi invia il successivo... Interrupt: il processore invia il primo campione audio direttamente, poi quando è stato trasmesso, un interrupt viene generato che provvede a inviare il secondo. Trasmesso anche il secondo campione verrà generato un altro interrupt che invia il terzo campione... DMA: il processore prepara un buer con un certo numero di campioni, poi avvia il DMA che invierà al DAC audio i vari campioni, uno dopo l'altro mentre la CPU ha la possibilità di riempire un secondo buer. Una volta trasmesso l'intero buer il DMA genera un interupt che congurerà il DMA per trasmettere il buer che nel frattempo la CPU avrà preparato... POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 15/ 43

16 Progetto #2: Memebox DMA Stime dei tempi: Il DAC è stato congurato per produrre un segnale audio stereo a 44.1KHz. Quindi occorre che la CPU invii due campioni (destro e sinistro), volte al secondo, ossia un campione ogni 11µs. Si tratta di un tempo troppo piccolo perchè la CPU possa fare altro, non conviene usare la modalità polled. D'altronde, usando gli interrupt la CPU dovrebbe servire 2*44100=88200 interrupt al secondo, che considerando l'overhead richiesto per entrare e uscire da un interrupt porterebbe a uno spreco della CPU. Il DMA è quindi la soluzione più attraente per questo genere di appliazioni, anche considerando che se lo stream audio dovesse interrompersi anche per pochi millisecondi, l'utente se ne accorgerebbe. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 16/ 43

17 Progetto #2: Memebox compressione I le audio raggiungono facilmente anche grandi dimensioni, quindi conviene memorizzarli compressi. La CPU dell'stm32 è abbastanza potente da decodicare formati come l'mp3, ma decodicare formati così complessi richiederebbe troppe linee di codice. Una soluzione semplice è la codica ADPCM che riduce la dimensione dei le audio a un quarto della dimensione originale, ed è abbastanza semplice. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 17/ 43

18 Progetto #2: Memebox embedding Dove memorizzare un le audio nella board? Se la board avesse un connettore per memorie microsd si potrebbe usare il backend di lesystem di Miosix, ma la board non ha questa possibilità. Però la memoria FLASH interna dell'stm32 è molto grande, ben 1MB, quindi si può pensare di memorizzare l'audio al suo interno. Per fare questo, si può usare un tool come xxd, una utility da linea di comando per Linux che converte qualunque le in un le.h con un vettore in C contenete il contenuto del le: const unsigned char sad_trombone_bin[] = { 0xbf, 0x81, 0x90, 0x19, 0x96, 0xa3, 0x13, 0x04, 0x4a, 0x1b, 0x9b, 0x59, 0x38, 0xa0, 0x91, 0x15, 0x23, 0x71, 0x40, 0x10, 0x01, 0x11,... 0xa1, 0x08, 0x1b, 0xbb, 0xf3, 0xa1, 0xa1, 0xb2, 0xa1, 0x91 }; const unsigned int sad_trombone_bin_len = 73618; Nota: xxd non dichiara il vettore const, bisogna aggiungerlo a mano per far sì che il compilatore lo allochi in FLASH e non in RAM. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 18/ 43

19 Progetto #2: Memebox la classe Player Insieme con il kernel Miosix ci sono degli esempi, e uno di questo è proprio un driver per il DAC audio della board stm32f4discovery. Per usare questo esempio occorre copiare il contenuto della directory miosix/examples/sad_trombone nella top level directory (ossia quella con il main.cpp). Questa cartella contiene anche il le.h con il suono del sad trombone. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 19/ 43

20 Progetto #2: Memebox la classe Player Il codice del main() di esempio è il seguente: #include "player.h" #include "sad_trombone.h" int main() { ADPCMSound sound(sad_trombone_bin,sad_trombone_bin_len); Player::instance().play(sound); } Potete partire da questo per implementare il progetto. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 20/ 43

21 Progetto #2: Memebox Pratica: costruzione del circuito POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 21/ 43

22 Progetto #3: LED RGB Speciche: Collegare un LED RGB a un Arduino. Collegare l'arduino a un PC tramite il cavo USB. Scrivere un programma lato PC per cambiare il colore del LED. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 22/ 43

23 Progetto #3: LED RGB Pratica: costruzione del circuito POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 23/ 43

24 Progetto #4: Accelerometro Speciche: Usando l'accelerometro interno alla board stm32f4discovery, leggere il valore dell'accelerazione sui tre assi, trasferirla ad un PC e plottarla a schermo. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 24/ 43

25 Progetto #4: Accelerometro Organizzazione del progettino Teoria: I registri di periferica Hardware/Software: La periferica SPI dell'stm32 Hardware: l'accelerometro LIS302DL Software: La seriale in Miosix e printf() Software: GUI in Qt preconfezionata Pratica: costruzione del circuito POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 25/ 43

26 Progetto #4: Accelerometro Registri di periferica Molti programmatori, anche esperti, non hanno un idea precisa di come il software interagisca con l'hardware. Questa slide si propone di risalire i vari livelli di astrazione all'interno di un sistema operativo come GNU/Linux, no al punto che ci interessa, l'interazione diretta con l'hardware. Libreria userspace. E' normalmente il livello di astrazione a cui i programmatori sono maggiormente abituati. Ad esempio, se un programmatore volesse interagire con la USB su GNU/Linux, utilizzerebbe libusb. (http://www.libusb.org) Ok, ma... come fanno queste librerie a interagire con l'hardware? Facendo chiamate al kernel del sistema operativo. Ok, ma... come sono implementate nel kernel queste chiamate? Facendo altre chiamate ad un driver di periferica. (ci stiamo avvicinando...) Ok, ma... come sono implementati i device driver?, come comunicano con l'hardware? POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 26/ 43

27 Progetto #4: Accelerometro Registri di periferica Il metodo più comune è quello dei registri di periferica. Le periferiche hardware si presentano al software come un set registri, che non sono altro che locazioni di memoria mappate a specici indirizzi nello spazio di indirizzamento, e quindi accessibili tramite software. Caveat: I registri di periferica non vanno confusi coi registri della CPU. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 27/ 43

28 Progetto #4: Accelerometro Registri di periferica I registri di periferica sono per certi versi paragonabili a delle variabili allocate in RAM, in quanto sono accessibili allo stesso modo (essendo mappati nello stesso spazio di indirizzamento) in molti casi sono leggibili e scrivibili dal software (alle volte però capita di avere a che fare con registri read-only). hanno una dimensione, solitamente di 8, 16 o 32bit, esattamente come gli unsigned char, unigned short e unsigned int. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 28/ 43

29 Progetto #4: Accelerometro Registri di periferica Ciononostante, ci sono delle dierenze fondamentali tra i registri di periferica e le variabili Quello che viene scritto in questi registri causa azioni nel mondo reale (l'accensione di un LED, l'attivazione di un ADC, l'invio di un carattere tramite una porta seriale, etc.) Si trovano a specici indirizzi di memoria. Quando una variabile viene allocata sullo stack o sull'heap, al programmatore non importa se viene allocata all'indirizzo 0xbc60 o 0xbe12, mentre se il registro di periferica si trova all'indirizzo 0x101e5018 occorre essere sicuri di stare scrivendo esattamente a quell'indirizzo, o non si otterranno i risultati voluti. I registri di periferica non sono ad uso esclusivo del programmatore, come le variabili. Sono condivisi tra il software e l'hardware. Per esempio l'hardware puo` decidere di ippare bit all'interno dei registri per segnalare eventi specici, cosa che non succede con le normali variabili. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 29/ 43

30 Progetto #4: Accelerometro Registri di periferica Come si fa a sapere quali periferiche si hanno a disposizione, quali registri ha una specica periferica, a che indirizzo sono mappati e come usarli? Per un microcontrollore le periferiche disponibili sono documentate dal produttore in un documento, solitamente chiamato datasheet o programming guide. Inoltre, il produttore del microcontrollore fornisce un le.h con la denizione di tutti i registri spesso raggruppati per periferica, ad esempio la periferica GPIO può avere molti registri, uno dei quali si chiama CRL. Per scrivere 0 in questo registro si può scrivere: void clearreg() { GPIO->CRL = 0; } POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 30/ 43

31 Progetto #4: Accelerometro La periferica SPI Il bus SPI è un bus di comunicazione molto usato per trasferire dati tra due circuiti integrati posti sulla stessa board. In questo caso lo useremo per comunicare tra l'accelerometro e il microcontrollore. Guardando lo schema elettrico della board stm32f4discovery, l'accelerometro ha le seguenti connessioni: MOSI PA7 MISO PA6 SCK PA5 CS PE3 POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 31/ 43

32 Progetto #4: Accelerometro La periferica SPI Finora abbiamo scoperto che la maggior parte dei piedini di un microcontrollore sono GPIO, ossia sono congurabili e usabili via software. In realtà, nella maggior parte dei microcontrollori i piedini hanno anche una o più alternate function. Quando si congura un GPIO come alternate function viene assegnato ad una periferica. Non è più controllabile in software, ma viene gestito in hardware dalla periferica. In questo caso quindi vogliamo congurare i GPIO a cui è collegato l'accelerometro come alternate function, in modo che siano gestiti dalla periferica SPI in hardware. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 32/ 43

33 Progetto #4: Accelerometro La periferica SPI Guardando il datasheet, si scopre che l'alternate function 5 dei GPIO PA5, PA6 e PA7 li collega alla periferica SPI1, che è quello che vogliamo. Il quarto segnale, PE3 che gestisce il CS o Chip select lo gestiremo invece noi in software tramite un normale GPIO. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 33/ 43

34 Progetto #4: Accelerometro La periferica SPI Il codice per congurare i GPIO da Miosix è: typedef Gpio<GPIOA_BASE,7> mosi; typedef Gpio<GPIOA_BASE,6> miso; typedef Gpio<GPIOA_BASE,5> sck; typedef Gpio<GPIOE_BASE,3> cs; int main() { mosi::mode(mode::alternate); mosi::alternatefunction(5); miso::mode(mode::alternate); miso::alternatefunction(5); sck::mode(mode::alternate); sck::alternatefunction(5); cs::mode(mode::output); cs::high();... POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 34/ 43

35 Progetto #4: Accelerometro La periferica SPI Il primo registro che vedremo si chiama RCC->APB2ENR Questo registro fa parte del gruppo di registri RCC o Reset and Clock Control. In questo registro c'è un bit, il numero 12, chimato SPI1EN, che attiva la periferica SPI1. Nel le fornito da ST c'è anche una macro che denisce #define RCC_APB2ENR_SPI1EN (112). Il codice per attivare questo bit (senza toccare gli altri bit del registro) è quindi: RCC->APB2ENR = RCC_APB2ENR_SPI1EN; POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 35/ 43

36 Progetto #4: Accelerometro La periferica SPI Una volta congurati i GPIO come alternate function e accesa la periferica SPI1, occorre congurarla come scritto nel reference manual. Per farlo, esiste il registro SPI1->CR1. Questo registro ha i seguenti bit che andranno settati: SPI_CR1_SSM e SPI_CR1_SSI per dire alla periferica che il CS lo gestiamo noi in software. SPI_CR1_MSTR mette la periferica in master mode SPI_CR1_BR_2 per congurare una velocità di 2.6MHz SPI_CR1_SPE serve per attivare la periferica dopo la congurazione Il codice da scrivere è SPI1->CR1 = SPI_CR1_SSM SPI_CR1_SSI SPI_CR1_MSTR SPI_CR1_BR_2 SPI_CR1_SPE; POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 36/ 43

37 Progetto #4: Accelerometro La periferica SPI Ok, adesso la congurazione è nita. A questo punto abbiamo nito? No, occorre scrivere delle funzioni per andare a leggere e scrivere dalla SPI. Per farlo esistono altri due registri: SPI1->DR Data register, scrivendo in questo registro si trasmette un byte attraverso la SPI, leggendo si preleva un byte ricevuto dalla SPI. SPI1->SR Status register, contiene il bit SPI_SR_RXNE, settato dall'hardware per per sapere quando il trasferimento di un byte attraverso la SPI è completato. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 37/ 43

38 Progetto #4: Accelerometro La periferica SPI void spisend(unsigned char byte) { SPI1->DR=byte; while((spi1->sr & SPI_SR_RXNE)==0) ; //Wait byte=spi1->dr; //Dummy read, causa l'azzeramento del bit RXNE } unsigned char spireceive() { SPI1->DR=0; //Dummy write, causa la ricezione di un byte dalla S while((spi1->sr & SPI_SR_RXNE)==0) ; //Wait return SPI1->DR; } POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 38/ 43

39 Progetto #4: Accelerometro LIS302DL Prima di poter leggere l'accelerometro bisogna inizializzarlo con il seguente codice: void accelinit() { cs::low(); spisend(0x20); spisend(0x47); cs::high(); } Questa procedura e i numeri 0x20 e 0x47 sono riportati sul datasheet dell'accelerometro LIS302DL. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 39/ 43

40 Progetto #4: Accelerometro LIS302DL A questo punto, si può scrivere il codice per leggere l'accelerazione lungo un asse: // axis==0 : read X axis // axis==1 : read Y axis // axis==2 : read Z axis signed char accelread(int axis) { cs::low(); spisend(0x80 (0x29+2*axis)); signed char result=spireceive(); cs::high(); return result; } Anche questo codice è stato scritto a partire dal datasheet dell' accelerometro. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 40/ 43

41 Progetto #4: Accelerometro La seriale e printf() Su Miosix, si può stampare sulla seriale con printf(). Solo che la board stm32f4discovery non ha un adattatore USB/seriale come l'arduino, il che rende dicile collegare la seriale a un computer. Si potrebbe usare la USB, ma Miosix non ha ancora i driver per la periferica USB di questa board. Allora si può ricorrere a un convertitore USB/seriale esterno, acquistabile separatamente. Si può anche usare un Arduino come se fosse un adattatore USB/seriale, basta togliere l'atmega328. Questa è la soluzione che useremo. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 41/ 43

42 Progetto #4: Accelerometro GUI in Qt Lato PC si può usare (da Linux) il comando screen /dev/ttyusb per vedere cosa viene stampato sulla seriale. Per plottare i graci delle accelerazioni è stata fatta una GUI in Qt che apre la seriale e plotta a schermo i dati. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 42/ 43

43 Progetto #4: Accelerometro Pratica: costruzione del circuito POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 43/ 43

Low level programming

Low level programming Low level programming Federico Terraneo 22 ottobre 2011 F. Terraneo Low level programming 1/ 1 Introduzione In questo talk si parlerà di come scrivere software che si interfaccia direttamente con l'hardware.

Dettagli

Laboratorio microcontrollori e open source Seconda parte

Laboratorio microcontrollori e open source Seconda parte Laboratorio microcontrollori e open source Seconda parte Politecnico Open unix Labs 17 aprile 2012 POuL Laboratorio microcontrollori e open source Seconda parte 1/ 47 Introduzione Per chi si è perso la

Dettagli

Laboratorio microcontrollori e open source Prima parte

Laboratorio microcontrollori e open source Prima parte Laboratorio microcontrollori e open source Prima parte Politecnico Open unix Labs 13 Aprile 2012 POuL Laboratorio microcontrollori e open source Prima parte 1/ 53 Introduzione Questo corso è una breve

Dettagli

Il sistema di I/O. Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O. Introduzione

Il sistema di I/O. Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O. Introduzione Il sistema di I/O Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O Introduzione 1 Sotto-sistema di I/O Insieme di metodi per controllare i dispositivi di I/O Obiettivo: Fornire ai processi utente un interfaccia

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Sommario L hardware di I/O Struttura Interazione tra computer e controllori

Dettagli

Arduino UNO. Single board microcontroller

Arduino UNO. Single board microcontroller Arduino UNO Single board microcontroller Che cos è Arduino? Arduino è una piattaforma hardware basata su un microcontrollore, per lo sviluppo di applicazioni che possono interagire con il mondo esterno.

Dettagli

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 Applicazione Integrazione di tutta la gamma di Centrali Techno (Technodin, Techno32, Techno88 e Techno200)

Dettagli

Introduzione ai Microcontrollori Workshop 08/06/2011 Dott.Ing.Marco Frosini Qprel srl Dott.Ing.Lorenzo Giardina Qprel srl Slide 1 di 27 L'elettronica digitale PRIMA dei microcontrollori Elemento base:

Dettagli

Virtualizzazione delle Periferiche. Corso di Sistemi Operativi

Virtualizzazione delle Periferiche. Corso di Sistemi Operativi Virtualizzazione delle Periferiche Corso di Sistemi Operativi Introduzione Una delle funzioni principali di un SO è di controllare tutte le periferiche connesse al PC SO deve: comandare i dispositivi ascoltare

Dettagli

Descrizione del protocollo

Descrizione del protocollo EFA Automazione S.r.l.Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Atlas Copco Power MACS (01 ITA).doc pag. 1 / 8 Descrizione del protocollo Sulla porta seriale collegata ad ATLAS COPCO vengono intercettate le

Dettagli

Indruduzione... 1 Il modulo Bluetooth HC-06... 2 Il firmware... 3 Collegamento della scheda... 4 Software PC e l applicazione Android...

Indruduzione... 1 Il modulo Bluetooth HC-06... 2 Il firmware... 3 Collegamento della scheda... 4 Software PC e l applicazione Android... Sommario Indruduzione... 1 Il modulo Bluetooth HC-06... 2 Il firmware... 3 Collegamento della scheda... 4 Software PC e l applicazione Android... 4 Indruduzione La scheda può controllare fino a quattro

Dettagli

Configurare una rete con PC Window s 98

Configurare una rete con PC Window s 98 Configurare una rete con PC Window s 98 In estrema sintesi, creare una rete di computer significa: realizzare un sistema di connessione tra i PC condividere qualcosa con gli altri utenti della rete. Anche

Dettagli

Indice generale. Introduzione...xiii. Breve storia di Raspberry Pi...1. Fuori dalla scatola...5

Indice generale. Introduzione...xiii. Breve storia di Raspberry Pi...1. Fuori dalla scatola...5 Introduzione...xiii Un progetto nato per passione... xiii La comunità educativa...xiv Piattaforme educative, ma non solo...xv Istruzioni per l uso...xv Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Breve storia di

Dettagli

In questa puntata scopriremo

In questa puntata scopriremo TEORIA MHZ RISORSE SPECIALE PRATICA Sesta parte n 258 - Dicembre 2006 Uso delle interfacce seriali Settima parte n 259 - Gennaio 2007 Interfacce SPI, I2C e 1-Wire Ottava parte n 260 - Febbraio 2007 Uso

Dettagli

TiAxoluteNighterAndWhiceStation

TiAxoluteNighterAndWhiceStation 09/09-01 PC Manuale d uso TiAxoluteNighterAndWhiceStation Software di configurazione Video Station 349320-349321 3 INDICE 1. Requisiti Hardware e Software 4 2. Installazione 4 3. Concetti fondamentali

Dettagli

Definire all'interno del codice un vettore di interi di dimensione DIM, es. int array[] = {1, 5, 2, 4, 8, 1, 1, 9, 11, 4, 12};

Definire all'interno del codice un vettore di interi di dimensione DIM, es. int array[] = {1, 5, 2, 4, 8, 1, 1, 9, 11, 4, 12}; ESERCIZI 2 LABORATORIO Problema 1 Definire all'interno del codice un vettore di interi di dimensione DIM, es. int array[] = {1, 5, 2, 4, 8, 1, 1, 9, 11, 4, 12}; Chiede all'utente un numero e, tramite ricerca

Dettagli

SartoCollect v1.0 - Installazione e istruzioni per l'esecuzione

SartoCollect v1.0 - Installazione e istruzioni per l'esecuzione SartoCollect v1.0 - Installazione e istruzioni per l'esecuzione Grazie per il vostro recente acquisto di SartoCollect. Il software SartoCollect vi consentirà di importare direttamente i dati del vostro

Dettagli

Gestione di una UART SOFTWARE.

Gestione di una UART SOFTWARE. Corso di BASCOM 8051 - (Capitolo 3 1 ) Corso Teorico/Pratico di programmazione in BASCOM 8051. Autore: DAMINO Salvatore. Gestione di una UART SOFTWARE. Capita, a volte in alcune applicazioni, di avere

Dettagli

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO 2 Uso del Computer e Gestione dei file ( Windows XP ) A cura di Mimmo Corrado MODULO 2 - USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 2 FINALITÁ Il Modulo 2, Uso del computer

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale. È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica

I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale. È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale Memorizza : istruzioni dati In forma BINARIA : 10001010101000110101... È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica

Dettagli

IMPARIAMO CON IL PIERIN - IL BUS SPI 1

IMPARIAMO CON IL PIERIN - IL BUS SPI 1 Davide Oldani (Galaxi93) IMPARIAMO CON IL PIERIN - IL BUS SPI 20 July 2013 Premesse Lo scopo di questo articolo è quello di riuscire a interfacciare un DAC della Maxim (MAX541) al PIERIN PIC18 via SPI.

Dettagli

CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A

CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A ITIS M. PLANCK LANCENIGO DI VILLORBA (TV) A.S. 2006/07 CLASSE 4A/ SERALE Corso di elettronica e telecomunicazioni Ins. Zaniol Italo CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A Presentazione

Dettagli

Finalità delle misure

Finalità delle misure Sistemi di controllo industriale tramite Ing. Lorenzo Comolli Finalità delle misure In ambito scientifico,, studiare i fenomeni, verificare sperimentalmente modelli matematici e teorie scientifiche, monitorare

Dettagli

Progetto Esami Di Stato Anno 2014/2015

Progetto Esami Di Stato Anno 2014/2015 Progetto Esami Di Stato Anno 2014/2015 Candidato: Ardilio Angelica Classe: 5 B - I.T.I.S. Elettronica ed Elettrotecnica. T.P.S.E.E. Tecnologia & Progettazione di Sistemi Elettrici ed Elettronici ARDUINO.

Dettagli

COME VENGONO ORGANIZZATI I DOCUMENTI?

COME VENGONO ORGANIZZATI I DOCUMENTI? COME VENGONO ORGANIZZATI I DOCUMENTI? Tutte le informazioni da noi salvate vengono memorizzate sull HARD DISK, sul FLOPPY DISK o sulla chiavetta USB. Una volta salvate le informazioni vengono organizzate

Dettagli

Eureka Web. Connessione remota a centrali via Web

Eureka Web. Connessione remota a centrali via Web Eureka Web Connessione remota a centrali via Web Luglio 2013 2 Connessione remota a centrali via Web INDICE ACCESSO E UTILIZZO DEL PANNELLO DI CONTROLLO DI EUREKA WEB IMPOSTAZIONE DI EUREKA WEB Impostazione

Dettagli

Manuale di programmazione BerMar_Drive_Software

Manuale di programmazione BerMar_Drive_Software Invert er LG Manuale di programmazione BerMar_Drive_Software Mot ori elet t ric i Informazioni preliminari... 2 Installazione... 3 Avvio del programma... 4 Funzionamento Off-Line... 7 Caricamento di una

Dettagli

Architettura del computer (C.Busso)

Architettura del computer (C.Busso) Architettura del computer (C.Busso) Il computer nacque quando fu possibile costruire circuiti abbastanza complessi in logica programmata da una parte e, dall altra, pensare, ( questo è dovuto a Von Neumann)

Dettagli

MANUALE D USO Agosto 2013

MANUALE D USO Agosto 2013 MANUALE D USO Agosto 2013 Descrizione generale MATCHSHARE è un software per la condivisione dei video e dati (statistiche, roster, ) delle gare sportive. Ogni utente abilitato potrà caricare o scaricare

Dettagli

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato software che: opera direttamente sull hardware; isola dai dettagli dell architettura hardware; fornisce un insieme di funzionalità di alto livello.

Dettagli

IRSplit. Istruzioni d uso 07/10-01 PC

IRSplit. Istruzioni d uso 07/10-01 PC 3456 IRSplit Istruzioni d uso 07/10-01 PC 2 IRSplit Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Installazione 4 3. Concetti fondamentali

Dettagli

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi Parte V & Reti Sistema operativo: insieme di programmi che gestiscono l hardware Hardware: CPU Memoria RAM Memoria di massa (Hard Disk) Dispositivi di I/O Il sistema operativo rende disponibile anche il

Dettagli

Appunti di informatica. Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio

Appunti di informatica. Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio Appunti di informatica Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio RAM disco La RAM è basata su dispositivi elettronici, che funzionano con tempi molto rapidi, ma che necessitano di alimentazione

Dettagli

Il SOFTWARE DI BASE (o SOFTWARE DI SISTEMA)

Il SOFTWARE DI BASE (o SOFTWARE DI SISTEMA) Il software Software Il software Il software è la sequenza di istruzioni che permettono ai computer di svolgere i loro compiti ed è quindi necessario per il funzionamento del calcolatore. Il software può

Dettagli

Microelettronica Corso di progettazione su SoC ARM:

Microelettronica Corso di progettazione su SoC ARM: Microelettronica Corso di progettazione su SoC ARM: Introduzione Stefano Salvatori Università degli Studi Roma Tre (stefano.salvatori@uniroma3.it) Università degli Studi Roma Tre Microelettronica 2013

Dettagli

USO DEL PROGRAMMA FLIP

USO DEL PROGRAMMA FLIP Corso di BASCOM 8051 - (Capitolo 2 ) Corso Teorico/Pratico di programmazione in BASCOM 8051. Autore: DAMINO Salvatore. Gestione BZ1 e T1. Dopo avere preso confidenza con la generazione del ns. primo programma,

Dettagli

CONVERTITORE SERIALE ASINCRONO RS485 / USB

CONVERTITORE SERIALE ASINCRONO RS485 / USB CONVERTITORE SERIALE ASINCRONO RS485 / USB DESCRIZIONE GENERALE Il prodotti RS485 / USB CONVERTER costituisce un'interfaccia in grado di realizzare una seriale asincrona di tipo RS485, utilizzando una

Dettagli

1. Introduzione. 2. Installazione di WinEMTLite. 3. Descrizione generale del programma

1. Introduzione. 2. Installazione di WinEMTLite. 3. Descrizione generale del programma Indice 1. Introduzione...3 2. Installazione di WinEMTLite...3 3. Descrizione generale del programma...3 4. Impostazione dei parametri di connessione...4 5. Interrogazione tramite protocollo nativo...6

Dettagli

Informatica e Bioinformatica: Sistemi Operativi

Informatica e Bioinformatica: Sistemi Operativi Informatica e Bioinformatica: Sistemi Operativi 11 marzo 2013 Macchina Hardware/Software Sistema Operativo Macchina Hardware La macchina hardware corrisponde alle componenti fisiche del calcolatore (quelle

Dettagli

DLC 1 SYNQ AUDIO MANUALE ITALIANO

DLC 1 SYNQ AUDIO MANUALE ITALIANO DLC 1 SYNQ AUDIO MANUALE ITALIANO CONNESSIONI Le connessioni possono essere effettuate con cavi bilanciati o sblilanciati jack o XLR. Usate connettori e cavi di buona qualità per minimizzare rumori e interferenze.

Dettagli

Sistema acquisizione dati

Sistema acquisizione dati 12 Sistema acquisizione dati 3.1 Introduzione: Per convertire i segnali analogici trasmessi dai sensori in segnali digitali dobbiamo usare i convertitori analogici digitali o più comunemente chiamati ADC(Analog-to-Digital

Dettagli

HARDWARE. Relazione di Informatica

HARDWARE. Relazione di Informatica Michele Venditti 2 D 05/12/11 Relazione di Informatica HARDWARE Con Hardware s intende l insieme delle parti solide o ( materiali ) del computer, per esempio : monitor, tastiera, mouse, scheda madre. -

Dettagli

Software Applicativo. Hardware. Sistema Operativo Software di Base Traduttori e Linguaggi

Software Applicativo. Hardware. Sistema Operativo Software di Base Traduttori e Linguaggi : di base e applicativo L HardWare (monitor, tastiera, circuiti, stampante, ) è il nucleo fondamentale del calcolatore ma da solo non serve a nulla. Bisogna utilizzare il software per poterlo fare funzionare.

Dettagli

ARCHITETTURA DELL ELABORATORE

ARCHITETTURA DELL ELABORATORE 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ANGIOY ARCHITETTURA DELL ELABORATORE Prof. G. Ciaschetti 1. Tipi di computer Nella vita di tutti giorni, abbiamo a che fare con tanti tipi di computer, da piccoli o piccolissimi

Dettagli

Il computer: primi elementi

Il computer: primi elementi Il computer: primi elementi Tommaso Motta T. Motta Il computer: primi elementi 1 Informazioni Computer = mezzo per memorizzare, elaborare, comunicare e trasmettere le informazioni Tutte le informazioni

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Caratteristiche principali Telefono piccolo e leggero con interfaccia USB per la telefonia VoIP via internet. Compatibile con il programma Skype. Alta qualità audio a 16-bit. Design compatto con tastiera

Dettagli

Appunti di Sistemi e Automazione

Appunti di Sistemi e Automazione Appunti di Sistemi e Automazione Il modello o macchina di Von Neumann rappresenta un computer con i suoi componenti principali e la sua organizzazione logico-funzionale. Tale progetto risale al 1945/1946.

Dettagli

Versione 1.0. Manuale d uso. del Controllo stereo (art. L4561N) TiStereoControl. Software per la configurazione 02/08-01 PC

Versione 1.0. Manuale d uso. del Controllo stereo (art. L4561N) TiStereoControl. Software per la configurazione 02/08-01 PC Versione 1.0 02/08-01 PC Manuale d uso TiStereoControl Software per la configurazione del Controllo stereo (art. L4561N) TiStereoControl 2 3 INDICE 1. Requisiti Hardware e Software 4 2. Installazione 4

Dettagli

Corso Base Arduino ed Elettronica

Corso Base Arduino ed Elettronica Corso Base Arduino ed Elettronica Secondo incontro Saldatura e Relatore: Roberto Beligni rbeligni@altratecnoloiga.com L'ambiente di sviluppo L'ambiente di sviluppo di Arduino (Chiamato IDE) facilita la

Dettagli

Raspberry Pi: Hardware Programming. Rossi Pietro Alberto

Raspberry Pi: Hardware Programming. Rossi Pietro Alberto Rossi Pietro Alberto Agenda Introduzione Hardware Software Programmazione, primi passi Protocolli di comunicazione Programmazione Conclusioni Introduzione Il Raspberry Pi è una scheda elettronica impementante

Dettagli

Processi in Linux. Igino Corona igino.corona@diee.unica.it. 20 Ottobre 2009

Processi in Linux. Igino Corona igino.corona@diee.unica.it. 20 Ottobre 2009 Sistemi Operativi Processi in Linux Igino Corona igino.corona@diee.unica.it 20 Ottobre 2009 Contenuti della lezione Come funzionano i programmi in Linux? Schema base di esecuzione di un programma Modalità

Dettagli

Conversione analogico digitale

Conversione analogico digitale Conversione analogico digitale L elettronica moderna ha spostato la maggior parte delle applicazioni nel mondo digitale in quanto i sistemi a microprocessore sono diventati più veloci ed economici rispetto

Dettagli

Informatica di base. Lucio Bianchi. 2 aprile 2011. Lezione 3

Informatica di base. Lucio Bianchi. 2 aprile 2011. Lezione 3 Informatica di base Lezione 3 Lucio Bianchi 2 aprile 2011 1 Sommario Indice 1 Primi passi con Ubuntu 1 1.1 Il LiveCD............................... 1 1.2 Esplorare il desktop......................... 3

Dettagli

Guida OpenOffice.org Impress

Guida OpenOffice.org Impress Guida OpenOffice.org Impress Introduzione ad Impress IMPRESS è un programma nato per creare presentazioni e lezioni di aspetto professionale. È un programma inserito nella versione standard del pacchetto

Dettagli

INDICE PROGRAMMA CORSO

INDICE PROGRAMMA CORSO INDICE PROGRAMMA CORSO PRIMA LEZIONE: Componenti di un computer: Hardware, Software e caratteristiche delle periferiche. SECONDA LEZIONE: Elementi principali dello schermo di Windows: Desktop, Icone, Mouse,

Dettagli

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps SOFTWARE PER LA GESTIONE DEI TELECONTROLLI SMS-GPS MANAGER Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps Rev.0911 Pag.1 di 8 www.carrideo.it INDICE 1. DESCRIZIONE

Dettagli

MANUALE OCCHIALI SPY 720P

MANUALE OCCHIALI SPY 720P MANUALE OCCHIALI SPY 720P CARATTERISTICHE: 1- I migliori occhiali spy con telecamera in HD al mondo 2- Immagini video ad alta qualità con colori brillanti e ricchi 3- Design flessibile per facce differenti

Dettagli

ARDUINO. Ing. Francesco Giurlanda francesco.giurlanda@iet.unipi.it

ARDUINO. Ing. Francesco Giurlanda francesco.giurlanda@iet.unipi.it ARDUINO Ing. Francesco Giurlanda francesco.giurlanda@iet.unipi.it Cos'è ARDUINO? Il progetto nasce ad Ivrea, nel 2005. Obiettivo: realizzare un sistema di prototipizzazione economico. Al Maggio del 2011

Dettagli

Arduino e internet: utilizzare Xively.com

Arduino e internet: utilizzare Xively.com Arduino e internet: utilizzare Xively.com www.creativecommons.org/ Arduino ha numerosi modi per collegarsi ad internet. In questo e nei prossimi tutorial analizziamo le varie soluzioni per uplodare dati

Dettagli

Introduzione al sistema operativo Il file system: file, directory,...

Introduzione al sistema operativo Il file system: file, directory,... ,OVRIWZDUHGLVLVWHPD cosa vedremo: Introduzione al sistema operativo Il file system: file, directory,...... 223,OVRIWZDUHLQWURGX]LRQH L hardware da solo non è sufficiente per il funzionamento dell elaboratore

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16 Pietro Frasca Lezione 15 Martedì 24-11-2015 Struttura logica del sottosistema di I/O Processi

Dettagli

SMARTBOARD. Cosa si può fare con una smartboard?

SMARTBOARD. Cosa si può fare con una smartboard? SMARTBOARD Cosa si può fare con una smartboard? si può scrivere come si farebbe su una lavagna, con il vantaggio di poter poi salvare quanto scritto; si può andare ad interagire con una presentazione PowerPoint

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base

Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base Sistema operativo Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base Architettura a strati di un calcolatore

Dettagli

CANPC-S1. Programmable CanBus-PC interface

CANPC-S1. Programmable CanBus-PC interface CANPC-S1.doc - 01/03/04 SP02002 Pagina 1 di 13 Specifica tecnica CANPC-S1 Programmable CanBus-PC interface Specifica tecnica n SP02002 Versione Autore Data File Note Versione originale BIANCHI M. 16/09/02

Dettagli

Hardware, software e dati

Hardware, software e dati Hardware, software e dati. Hardware il corpo del computer. Software i programmi del computer. Dati la memoria del computer ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva

Dettagli

CONVERTITORE SERIALE ASINCRONO RS232/USB, TTL/USB e RS485/USB CONFIG BOX PLUS

CONVERTITORE SERIALE ASINCRONO RS232/USB, TTL/USB e RS485/USB CONFIG BOX PLUS CONVERTITORE SERIALE ASINCRONO RS232/USB, TTL/USB e RS485/USB CONFIG BOX PLUS DESCRIZIONE GENERALE Il prodotto CONFIG BOX PLUS costituisce un convertitore in grado di realizzare una seriale asincrona di

Dettagli

clock DATA BUS ADDRESS BUS CONTROL BUS In realtà il bus del microprocessore si compone di 3 bus diversi: Bus indirizzi Bus di controllo

clock DATA BUS ADDRESS BUS CONTROL BUS In realtà il bus del microprocessore si compone di 3 bus diversi: Bus indirizzi Bus di controllo Schede a microprocessore Seconda parte Mondo esterno clock MEMORIA CPU PERIFERICA ADATTATORE DATA BUS ADDRESS BUS CONTROL BUS In realtà il bus del microprocessore si compone di 3 bus diversi: Bus dati

Dettagli

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Comunicazione Seriale Prof. Antonino Mazzeo Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica UART/USART Intel 8251A Standard Universal Synchronous/Asynchronous Receiver/Trasmitter (USART) Progettata

Dettagli

S T R U M E N T I & S E R V I Z I

S T R U M E N T I & S E R V I Z I Via S. Silvestro, 92 21100 Varese Tel + 39 0332-213045 212639-220185 Fax +39 0332-822553 www.assicontrol.com e-mail: info@assicontrol.com C.F. e P.I. 02436670125 STRUMENTI & SERVIZI per il sistema qualità

Dettagli

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Pagina 29 di 47 3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Come abbiamo già detto in precedenza, l informatica si divide in due grandi mondi : l hardware

Dettagli

Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (TIC) IPSIA San Benedetto del Tronto (AP)

Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (TIC) IPSIA San Benedetto del Tronto (AP) Le diverse componenti HARDWARE, pur opportunamente connesse ed alimentate dalla corrette elettrica, non sono in grado, di per sé, di elaborare, trasformare e trasmettere le informazioni. Per il funzionamento

Dettagli

L architettura del calcolatore (Terza parte)

L architettura del calcolatore (Terza parte) L architettura del calcolatore (Terza parte) Ingegneria Meccanica e dei Materiali Università degli Studi di Brescia Prof. Massimiliano Giacomin I dispositivi periferici periferia parte centrale sottosistema

Dettagli

Conosci il calcio-manuale-copyright 2009 Lallo,Rendinella. Conosci il Calcio. Guida all'uso

Conosci il calcio-manuale-copyright 2009 Lallo,Rendinella. Conosci il Calcio. Guida all'uso Conosci il Calcio Guida all'uso 1 dedicato a tutte le vittime del calcio 2 INDICE 1.Introduzione Motivazioni & Scopo Requisiti 2.Funzionamento Le domande Esempio di esecuzione 3.Conclusioni Sviluppi Futuri

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009

Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009 Università di Ferrara Facoltà di Ingegneria Docente: Ing. Massimiliano Ruggeri Mail: m.ruggeri@imamoter.cnr.it mruggeri@ing.unife.it Tel. 0532/735631 Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009 Durata:

Dettagli

Guida Avanzata. 1. Convertire un gioco da ISO a GOD. 2. Trasferire i giochi da HD Esterno/Chiavetta a HD Interno Xbox

Guida Avanzata. 1. Convertire un gioco da ISO a GOD. 2. Trasferire i giochi da HD Esterno/Chiavetta a HD Interno Xbox Guida Avanzata 1. Convertire un gioco da ISO a GOD 2. Trasferire i giochi da HD Esterno/Chiavetta a HD Interno Xbox 3. Impostare il percorso di lettura all avvio 4. Spostare giochi e file tramite cavo

Dettagli

Introduzione ai sistemi operativi

Introduzione ai sistemi operativi Introduzione ai sistemi operativi Che cos è un S.O.? Shell Utente Utente 1 2 Utente N Window Compilatori Assembler Editor.. DB SOFTWARE APPLICATIVO System calls SISTEMA OPERATIVO HARDWARE Funzioni di un

Dettagli

minipic programmer / debugger per microcontrollori PIC Marco Calegari

minipic programmer / debugger per microcontrollori PIC Marco Calegari 1 minipic programmer / debugger per microcontrollori PIC Marco Calegari 1 Il minipic è uno strumento mediante il quale è possibile programmare i microcontrollori della Microchip ed eseguire, su prototipi

Dettagli

Funzioni del Sistema Operativo

Funzioni del Sistema Operativo Il Software I componenti fisici del calcolatore (unità centrale e periferiche) costituiscono il cosiddetto Hardware (ferramenta). La struttura del calcolatore può essere schematizzata come una serie di

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella Il Sistema Operativo Sistema Operativo 2 Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato

Dettagli

WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA

WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA PASSO 1 Per prima cosa pensiamo al formato generale della pagina: i margini richiesti da una tesi sono quasi sempre più ampi di quelli di un testo normale. Apriamo ora

Dettagli

Dispense di Informatica per l ITG Valadier

Dispense di Informatica per l ITG Valadier La notazione binaria Dispense di Informatica per l ITG Valadier Le informazioni dentro il computer All interno di un calcolatore tutte le informazioni sono memorizzate sottoforma di lunghe sequenze di

Dettagli

INTERFACCIA PER PC MEDIANTE PORTA SERIALE

INTERFACCIA PER PC MEDIANTE PORTA SERIALE INTERFACCIA PER PC MEDIANTE PORTA SERIALE Scheda d interfaccia per PC da collegare alla porta seriale. Consente di controllare otto uscite a relè e di leggere otto ingressi digitali e due analogici. Un

Dettagli

8 Microcontrollori PIC

8 Microcontrollori PIC 8 Microcontrollori PIC 8.1 Descrizione generale Un microcontrollore è un dispositivo elettronico che opportunamente programmato è in grado di svolgere diverse funzioni in modo autonomo. Essenzialmente

Dettagli

Guida rapida Vodafone Internet Box

Guida rapida Vodafone Internet Box Guida rapida Vodafone Internet Box Benvenuti nel mondo della connessione dati in mobilità di Vodafone Internet Box. In questa guida spieghiamo come installare e cominciare a utilizzare Vodafone Internet

Dettagli

Demo. La palette allinea. La palette Anteprima conversione trasparenza. Adobe Illustrator CS2

Demo. La palette allinea. La palette Anteprima conversione trasparenza. Adobe Illustrator CS2 Le Palette (parte prima) Come abbiamo accennato le Palette permettono di controllare e modificare il vostro lavoro. Le potete spostare e nascondere come spiegato nella prima lezione. Cominciamo a vedere

Dettagli

16/01/2009 AGGIORNAMENTO SOFTWARE LS7 AGGIORNAMENTO SOFTWARE LS7

16/01/2009 AGGIORNAMENTO SOFTWARE LS7 AGGIORNAMENTO SOFTWARE LS7 AGGIORNAMENTO SOFTWARE LS7 Per poter effettuare questo aggiornamento sono necessari dei file che si possono scaricare dal sito internet o caricare nel proprio Pc tramite chiavetta Usb, CD, Hard disk etc

Dettagli

Gui Gu d i a d ra r p a i p d i a V d o a d f a one Int fone In e t r e net rnet Box Key Mini

Gui Gu d i a d ra r p a i p d i a V d o a d f a one Int fone In e t r e net rnet Box Key Mini Guida rapida Vodafone Internet Key Box Mini Ideato per Vodafone QSG_VMCLite_v31_10-2007_e172_IT.1 1 10/10/07 14:39:10 QSG_VMCLite_v31_10-2007_e172_IT.2 2 10/10/07 14:39:11 Benvenuti nel mondo della connessione

Dettagli

TEST DI INGRESSO Corso Saper Utilizzare il PC

TEST DI INGRESSO Corso Saper Utilizzare il PC TEST DI INGRESSO Corso Saper Utilizzare il PC Pagina 1 1. Che cos'è il Case? A Unità di Peso dei Computer. B Microprocessore. C Scatola metallica che racchiude tutte le componenti fisiche di un computer

Dettagli

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache... Appunti di Calcolatori Elettronici Concetti generali sulla memoria cache Introduzione... 1 Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Dettagli

Parte II.2 Elaboratore

Parte II.2 Elaboratore Parte II.2 Elaboratore Elisabetta Ronchieri Università di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Insegnamento di Informatica Dicembre 1, 2015 Elisabetta Elisabetta Ronchieri II Software Argomenti

Dettagli

Il Computer 1. A cosa serve un Computer? Scrivere, Calcolare, Disegnare, Giocare, Ricercare informazioni, Comprare

Il Computer 1. A cosa serve un Computer? Scrivere, Calcolare, Disegnare, Giocare, Ricercare informazioni, Comprare Il Computer 1 A cosa serve un Computer? Scrivere, Calcolare, Disegnare, Giocare, Ricercare informazioni, Comprare Com'è fatto Unità centrale All'interno si trovano tutti i componenti Monitor Tastiera Mouse

Dettagli

Forse la periferica più importante di un elaboratore File system:

Forse la periferica più importante di un elaboratore File system: Forse la periferica più importante di un elaboratore File system: Un insieme di funzionalità per astrarre i dati grezzi presenti in memoria di massa e interpretare questi ultimi in termini di files e cartelle

Dettagli

AIRPOD 500. PDA multifunzione con LCD 2,8. Guida Rapida

AIRPOD 500. PDA multifunzione con LCD 2,8. Guida Rapida AIRPOD 500 PDA multifunzione con LCD 2,8 Guida Rapida Descrizione: Grazie per aver acquistato un AIRPOD 500 Il nuovo mondo tecnologico ha bisogno di accedere alle informazioni in tempo reale, il nuovo

Dettagli

SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED

SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED Fasar Elettronica propone un innovativa e performante famiglia di prodotti per l'ambiente embedded, che comprende sistemi completi e singoli

Dettagli

Podium View TM 2.0 Software di cattura delle immagini Visual Presenter Manuale d uso - Italiano

Podium View TM 2.0 Software di cattura delle immagini Visual Presenter Manuale d uso - Italiano Podium View TM 2.0 Software di cattura delle immagini Visual Presenter Manuale d uso - Italiano Indice 1. Introduzione... 2 2. Requisiti di sistema... 2 3. Installa Podium View... 3 4. Connessione all

Dettagli

Obiettivo Generare un file.notebook integrato con testo, collegamenti, video, suoni e immagini ed esportarlo in diversi formati: PDF, HTML e JPG.

Obiettivo Generare un file.notebook integrato con testo, collegamenti, video, suoni e immagini ed esportarlo in diversi formati: PDF, HTML e JPG. SMART Board Prerequisiti PC Pentium III - 128Mb di Ram- 110 Mb di spazio su HD - casse acustiche - software Notebook e driver di SMART Board Videoproiettore - LIM Installazione software Smart Board su

Dettagli

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) - Arduino è orientato all'applicazione, - Permette di provare, partendo dal piccolo e crescendo pezzo per pezzo (sviluppo modulare); - Lo sviluppo è aiutato da una enorme community online con esempi e

Dettagli

LA SOMMINISTRAZIONE DEGLI ESAMI CILS ISTRUZIONI PER LO SVOLGIMENTO DEL

LA SOMMINISTRAZIONE DEGLI ESAMI CILS ISTRUZIONI PER LO SVOLGIMENTO DEL LA SOMMINISTRAZIONE DEGLI ESAMI CILS ISTRUZIONI PER LO SVOLGIMENTO DEL TEST DI PRODUZIONE ORALE Centro CILS Siena, 8 maggio 2014 CARATTERISTICHE DA CONSIDERARE PER L ORGANIZZAZIONE test a somministrazione

Dettagli

TACHOSAFE Lite. Requisiti di sistema: Il TachoSafe Lite è un software per la gestione dei Dati dei tachigrafi digitali.

TACHOSAFE Lite. Requisiti di sistema: Il TachoSafe Lite è un software per la gestione dei Dati dei tachigrafi digitali. TACHOSAFE Lite Il TachoSafe Lite è un software per la gestione dei Dati dei tachigrafi digitali. Requisiti di sistema: Prima di iniziare l'installazione assicuratevi che il vostro PC è conforme alle seguenti

Dettagli