Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte"

Transcript

1 Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte Politecnico Open unix Labs 20 aprile 2012 POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 1/ 43

2 Introduzione Per chi si è perso le prime lezioni Questo corso è una breve introduzione ai microcontrollori, concentrandosi sia sugli aspetti software di programmazione che hardware di costruzione di circuiti. Verranno presentate due piattaforme per lo sviluppo di applicazioni: Arduino che è una piattaforma molto popolare basata su microcontrollori Atmel a 8bit STM32, una architattura di microcontrollori più potente a 32bit, usando il sistema operativo Miosix. Tutto il corso sarà tenuto in ambiente Linux, usando solo strumenti Open Source. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 2/ 43

3 Struttura del corso Per chi si è perso le prime lezioni Il corso si compone di tre lezioni. Lezione 1: Basi di Arduino Breve introduzione ai microcontrollori Breve introduzione ad Arduino Ampia sessione di sperimentazione pratica con semplici esempi usando Arduino Lezione 2: Basi di STM32 e Miosix Breve introduzione ai microcontrollori STM32 Breve introduzione a Miosix Ampia sessione di sperimentazione pratica con semplici esempi usando STM32 e Miosix Lezione 3 (oggi): Progetti avanzati Verranno mostrati progetti più complessi basati sia su STM32 che Arduino POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 3/ 43

4 Prima di cominciare Questa sarà l'ultima lezione di questo corso. Per chi, dopo aver seguito il corso, volesse comprarsi un Arduino o una stm32f4discovery è possibile acquistarli online. Per esempio, è possibile comprarli da RS (https://it.rs-online.com/web/) con il vantaggio che si può scegliere se farsi spedire a casa il materiale (pagando le spese di spedizione) oppure andare diretamente a ritirare i componenti a Vimodrone (raggiungibile con la metro). Oltre alle board di sviluppo sullo stesso sito è possibile comprare anche le breadboard, led, resistenze, pulsanti, li, etc. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 4/ 43

5 Prima di cominciare POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 5/ 43

6 Prima di cominciare POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 6/ 43

7 Progetto #1: Giochino LCD Speciche del progettino: Realizzare un piccolo gioco collegando un pulsante e lo schermo LCD. Il giocatore deve schiacciare il pulsante quando sul display appare un determinato simbolo (X) e non deve schiacciarlo quando ne esce un altro (O). I simboli devono apparire in una posizione casuale dello schermo e rimanere visualizzati per un numero variabile di millisecondi. Due LED (rosso e verde) segnaleranno all'utente se ha premuto il pulsante correttamente. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 7/ 43

8 Progetto #1: Interrupt Esistono tecniche per controllare lo stato di un ingresso in Arduino. Polling Si controlla periodicamente lo stato dell'ingresso per controllare se è cambiato. Interrupt Con l'aiuto di hardware dedicato l'evento viene noticato direttamente al software. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 8/ 43

9 Progetto #1: Interrupt in Arduino Il funzionamento degli interrupt è analogo a quello che (forse) avete studiato in un corso di informatica. Usano la funzione attachinterrupt è possibile associare al cambiamento di stato di un ingresso la chiamata di una funzione. attachinterrupt(<interrupt>, <function>, <mode>) interrupt Numero dell'interrupt. In Arduino sono disponibili l'interrupt 0 associato al pin 2 e l'interrupt 1 associato al pin 3. function La funzione da richiamara quando si verica l'evento. mode Modo in cui devi vericarsi l'evento: LOW Quando il segnale diventa basso CHANGE Quando il segnale cambia valore RISING Quando il segnale passa da basso ad alto FALLING Quando il segnale passa da alto a basso POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 9/ 43

10 Progetto #1: Numeri casuali Vogliamo che il nostro gioco non sia prevedibile. Il posizionamento del simbolo, la scelta del simbolo e il tempo di visualizzazione devono essere casuali. In arduino esistono delle funzioni per generare un numero casuale. randomseed(<value>) Inizializza il generatore di numeri casuali. random(<min>, <max>) Genera un numero casuale tra un minimo (incluso) e un massimo (escluso). Tipicamente si sceglie come seed iniziale il valore letto da un input analogico che collegato (questop garantisce una discreta casualità). POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 10/ 43

11 Progetto #1: Giochino LCD Pratica: costruzione del circuito POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 11/ 43

12 Progetto #2: Memebox Conoscete gli internet meme? Speciche: Collegare due pulsanti e delle cue alla board stm32f4discovery, il primo pulsante deve far partire il sad trombone, il secondo un rickroll. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 12/ 43

13 Progetto #2: Memebox Organizzazione del progettino Hardware: il DAC audio Hardware: la periferica I2S Teoria: il DMA Software: compressione audio Software: come embeddare un le audio in un programma Software: la classe ADPCMSound e la classe Player Pratica: costruzione del circuito POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 13/ 43

14 Progetto #2: Memebox DAC Audio La board stm32f4discovery ha tra le sue periferiche un DAC di tipo CS43L22. Questo DAC non è interno al microcontrollore, si tratta di un circuito integrato separato. Le sue principali caratteristiche sono: Uscita stereo per cue e per altoparlante (la board usa solo l'uscita cue) Il DAC è a 24bit, ed è in grado di decodicare segnali campionati no a 96KHz Il microcontrollore comunica con il DAC attraverso due bus, uno di tipo I2S per inviare i dati audio, e uno di tipo I2C per inviare comandi, come alzare o abbassare il volume. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 14/ 43

15 Progetto #2: Memebox I2S I2S è un protocollo per trasferire dati audio non compressi, come può essere lo stream tra un processore e un DAC audio. Il microcontrollore STM32 ha una periferica I2S. Tale periferica può essere usata in modalità Polled: il processore invia un campione audio, aspetta che venga trasmesso, poi invia il successivo... Interrupt: il processore invia il primo campione audio direttamente, poi quando è stato trasmesso, un interrupt viene generato che provvede a inviare il secondo. Trasmesso anche il secondo campione verrà generato un altro interrupt che invia il terzo campione... DMA: il processore prepara un buer con un certo numero di campioni, poi avvia il DMA che invierà al DAC audio i vari campioni, uno dopo l'altro mentre la CPU ha la possibilità di riempire un secondo buer. Una volta trasmesso l'intero buer il DMA genera un interupt che congurerà il DMA per trasmettere il buer che nel frattempo la CPU avrà preparato... POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 15/ 43

16 Progetto #2: Memebox DMA Stime dei tempi: Il DAC è stato congurato per produrre un segnale audio stereo a 44.1KHz. Quindi occorre che la CPU invii due campioni (destro e sinistro), volte al secondo, ossia un campione ogni 11µs. Si tratta di un tempo troppo piccolo perchè la CPU possa fare altro, non conviene usare la modalità polled. D'altronde, usando gli interrupt la CPU dovrebbe servire 2*44100=88200 interrupt al secondo, che considerando l'overhead richiesto per entrare e uscire da un interrupt porterebbe a uno spreco della CPU. Il DMA è quindi la soluzione più attraente per questo genere di appliazioni, anche considerando che se lo stream audio dovesse interrompersi anche per pochi millisecondi, l'utente se ne accorgerebbe. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 16/ 43

17 Progetto #2: Memebox compressione I le audio raggiungono facilmente anche grandi dimensioni, quindi conviene memorizzarli compressi. La CPU dell'stm32 è abbastanza potente da decodicare formati come l'mp3, ma decodicare formati così complessi richiederebbe troppe linee di codice. Una soluzione semplice è la codica ADPCM che riduce la dimensione dei le audio a un quarto della dimensione originale, ed è abbastanza semplice. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 17/ 43

18 Progetto #2: Memebox embedding Dove memorizzare un le audio nella board? Se la board avesse un connettore per memorie microsd si potrebbe usare il backend di lesystem di Miosix, ma la board non ha questa possibilità. Però la memoria FLASH interna dell'stm32 è molto grande, ben 1MB, quindi si può pensare di memorizzare l'audio al suo interno. Per fare questo, si può usare un tool come xxd, una utility da linea di comando per Linux che converte qualunque le in un le.h con un vettore in C contenete il contenuto del le: const unsigned char sad_trombone_bin[] = { 0xbf, 0x81, 0x90, 0x19, 0x96, 0xa3, 0x13, 0x04, 0x4a, 0x1b, 0x9b, 0x59, 0x38, 0xa0, 0x91, 0x15, 0x23, 0x71, 0x40, 0x10, 0x01, 0x11,... 0xa1, 0x08, 0x1b, 0xbb, 0xf3, 0xa1, 0xa1, 0xb2, 0xa1, 0x91 }; const unsigned int sad_trombone_bin_len = 73618; Nota: xxd non dichiara il vettore const, bisogna aggiungerlo a mano per far sì che il compilatore lo allochi in FLASH e non in RAM. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 18/ 43

19 Progetto #2: Memebox la classe Player Insieme con il kernel Miosix ci sono degli esempi, e uno di questo è proprio un driver per il DAC audio della board stm32f4discovery. Per usare questo esempio occorre copiare il contenuto della directory miosix/examples/sad_trombone nella top level directory (ossia quella con il main.cpp). Questa cartella contiene anche il le.h con il suono del sad trombone. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 19/ 43

20 Progetto #2: Memebox la classe Player Il codice del main() di esempio è il seguente: #include "player.h" #include "sad_trombone.h" int main() { ADPCMSound sound(sad_trombone_bin,sad_trombone_bin_len); Player::instance().play(sound); } Potete partire da questo per implementare il progetto. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 20/ 43

21 Progetto #2: Memebox Pratica: costruzione del circuito POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 21/ 43

22 Progetto #3: LED RGB Speciche: Collegare un LED RGB a un Arduino. Collegare l'arduino a un PC tramite il cavo USB. Scrivere un programma lato PC per cambiare il colore del LED. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 22/ 43

23 Progetto #3: LED RGB Pratica: costruzione del circuito POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 23/ 43

24 Progetto #4: Accelerometro Speciche: Usando l'accelerometro interno alla board stm32f4discovery, leggere il valore dell'accelerazione sui tre assi, trasferirla ad un PC e plottarla a schermo. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 24/ 43

25 Progetto #4: Accelerometro Organizzazione del progettino Teoria: I registri di periferica Hardware/Software: La periferica SPI dell'stm32 Hardware: l'accelerometro LIS302DL Software: La seriale in Miosix e printf() Software: GUI in Qt preconfezionata Pratica: costruzione del circuito POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 25/ 43

26 Progetto #4: Accelerometro Registri di periferica Molti programmatori, anche esperti, non hanno un idea precisa di come il software interagisca con l'hardware. Questa slide si propone di risalire i vari livelli di astrazione all'interno di un sistema operativo come GNU/Linux, no al punto che ci interessa, l'interazione diretta con l'hardware. Libreria userspace. E' normalmente il livello di astrazione a cui i programmatori sono maggiormente abituati. Ad esempio, se un programmatore volesse interagire con la USB su GNU/Linux, utilizzerebbe libusb. (http://www.libusb.org) Ok, ma... come fanno queste librerie a interagire con l'hardware? Facendo chiamate al kernel del sistema operativo. Ok, ma... come sono implementate nel kernel queste chiamate? Facendo altre chiamate ad un driver di periferica. (ci stiamo avvicinando...) Ok, ma... come sono implementati i device driver?, come comunicano con l'hardware? POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 26/ 43

27 Progetto #4: Accelerometro Registri di periferica Il metodo più comune è quello dei registri di periferica. Le periferiche hardware si presentano al software come un set registri, che non sono altro che locazioni di memoria mappate a specici indirizzi nello spazio di indirizzamento, e quindi accessibili tramite software. Caveat: I registri di periferica non vanno confusi coi registri della CPU. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 27/ 43

28 Progetto #4: Accelerometro Registri di periferica I registri di periferica sono per certi versi paragonabili a delle variabili allocate in RAM, in quanto sono accessibili allo stesso modo (essendo mappati nello stesso spazio di indirizzamento) in molti casi sono leggibili e scrivibili dal software (alle volte però capita di avere a che fare con registri read-only). hanno una dimensione, solitamente di 8, 16 o 32bit, esattamente come gli unsigned char, unigned short e unsigned int. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 28/ 43

29 Progetto #4: Accelerometro Registri di periferica Ciononostante, ci sono delle dierenze fondamentali tra i registri di periferica e le variabili Quello che viene scritto in questi registri causa azioni nel mondo reale (l'accensione di un LED, l'attivazione di un ADC, l'invio di un carattere tramite una porta seriale, etc.) Si trovano a specici indirizzi di memoria. Quando una variabile viene allocata sullo stack o sull'heap, al programmatore non importa se viene allocata all'indirizzo 0xbc60 o 0xbe12, mentre se il registro di periferica si trova all'indirizzo 0x101e5018 occorre essere sicuri di stare scrivendo esattamente a quell'indirizzo, o non si otterranno i risultati voluti. I registri di periferica non sono ad uso esclusivo del programmatore, come le variabili. Sono condivisi tra il software e l'hardware. Per esempio l'hardware puo` decidere di ippare bit all'interno dei registri per segnalare eventi specici, cosa che non succede con le normali variabili. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 29/ 43

30 Progetto #4: Accelerometro Registri di periferica Come si fa a sapere quali periferiche si hanno a disposizione, quali registri ha una specica periferica, a che indirizzo sono mappati e come usarli? Per un microcontrollore le periferiche disponibili sono documentate dal produttore in un documento, solitamente chiamato datasheet o programming guide. Inoltre, il produttore del microcontrollore fornisce un le.h con la denizione di tutti i registri spesso raggruppati per periferica, ad esempio la periferica GPIO può avere molti registri, uno dei quali si chiama CRL. Per scrivere 0 in questo registro si può scrivere: void clearreg() { GPIO->CRL = 0; } POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 30/ 43

31 Progetto #4: Accelerometro La periferica SPI Il bus SPI è un bus di comunicazione molto usato per trasferire dati tra due circuiti integrati posti sulla stessa board. In questo caso lo useremo per comunicare tra l'accelerometro e il microcontrollore. Guardando lo schema elettrico della board stm32f4discovery, l'accelerometro ha le seguenti connessioni: MOSI PA7 MISO PA6 SCK PA5 CS PE3 POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 31/ 43

32 Progetto #4: Accelerometro La periferica SPI Finora abbiamo scoperto che la maggior parte dei piedini di un microcontrollore sono GPIO, ossia sono congurabili e usabili via software. In realtà, nella maggior parte dei microcontrollori i piedini hanno anche una o più alternate function. Quando si congura un GPIO come alternate function viene assegnato ad una periferica. Non è più controllabile in software, ma viene gestito in hardware dalla periferica. In questo caso quindi vogliamo congurare i GPIO a cui è collegato l'accelerometro come alternate function, in modo che siano gestiti dalla periferica SPI in hardware. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 32/ 43

33 Progetto #4: Accelerometro La periferica SPI Guardando il datasheet, si scopre che l'alternate function 5 dei GPIO PA5, PA6 e PA7 li collega alla periferica SPI1, che è quello che vogliamo. Il quarto segnale, PE3 che gestisce il CS o Chip select lo gestiremo invece noi in software tramite un normale GPIO. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 33/ 43

34 Progetto #4: Accelerometro La periferica SPI Il codice per congurare i GPIO da Miosix è: typedef Gpio<GPIOA_BASE,7> mosi; typedef Gpio<GPIOA_BASE,6> miso; typedef Gpio<GPIOA_BASE,5> sck; typedef Gpio<GPIOE_BASE,3> cs; int main() { mosi::mode(mode::alternate); mosi::alternatefunction(5); miso::mode(mode::alternate); miso::alternatefunction(5); sck::mode(mode::alternate); sck::alternatefunction(5); cs::mode(mode::output); cs::high();... POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 34/ 43

35 Progetto #4: Accelerometro La periferica SPI Il primo registro che vedremo si chiama RCC->APB2ENR Questo registro fa parte del gruppo di registri RCC o Reset and Clock Control. In questo registro c'è un bit, il numero 12, chimato SPI1EN, che attiva la periferica SPI1. Nel le fornito da ST c'è anche una macro che denisce #define RCC_APB2ENR_SPI1EN (112). Il codice per attivare questo bit (senza toccare gli altri bit del registro) è quindi: RCC->APB2ENR = RCC_APB2ENR_SPI1EN; POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 35/ 43

36 Progetto #4: Accelerometro La periferica SPI Una volta congurati i GPIO come alternate function e accesa la periferica SPI1, occorre congurarla come scritto nel reference manual. Per farlo, esiste il registro SPI1->CR1. Questo registro ha i seguenti bit che andranno settati: SPI_CR1_SSM e SPI_CR1_SSI per dire alla periferica che il CS lo gestiamo noi in software. SPI_CR1_MSTR mette la periferica in master mode SPI_CR1_BR_2 per congurare una velocità di 2.6MHz SPI_CR1_SPE serve per attivare la periferica dopo la congurazione Il codice da scrivere è SPI1->CR1 = SPI_CR1_SSM SPI_CR1_SSI SPI_CR1_MSTR SPI_CR1_BR_2 SPI_CR1_SPE; POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 36/ 43

37 Progetto #4: Accelerometro La periferica SPI Ok, adesso la congurazione è nita. A questo punto abbiamo nito? No, occorre scrivere delle funzioni per andare a leggere e scrivere dalla SPI. Per farlo esistono altri due registri: SPI1->DR Data register, scrivendo in questo registro si trasmette un byte attraverso la SPI, leggendo si preleva un byte ricevuto dalla SPI. SPI1->SR Status register, contiene il bit SPI_SR_RXNE, settato dall'hardware per per sapere quando il trasferimento di un byte attraverso la SPI è completato. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 37/ 43

38 Progetto #4: Accelerometro La periferica SPI void spisend(unsigned char byte) { SPI1->DR=byte; while((spi1->sr & SPI_SR_RXNE)==0) ; //Wait byte=spi1->dr; //Dummy read, causa l'azzeramento del bit RXNE } unsigned char spireceive() { SPI1->DR=0; //Dummy write, causa la ricezione di un byte dalla S while((spi1->sr & SPI_SR_RXNE)==0) ; //Wait return SPI1->DR; } POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 38/ 43

39 Progetto #4: Accelerometro LIS302DL Prima di poter leggere l'accelerometro bisogna inizializzarlo con il seguente codice: void accelinit() { cs::low(); spisend(0x20); spisend(0x47); cs::high(); } Questa procedura e i numeri 0x20 e 0x47 sono riportati sul datasheet dell'accelerometro LIS302DL. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 39/ 43

40 Progetto #4: Accelerometro LIS302DL A questo punto, si può scrivere il codice per leggere l'accelerazione lungo un asse: // axis==0 : read X axis // axis==1 : read Y axis // axis==2 : read Z axis signed char accelread(int axis) { cs::low(); spisend(0x80 (0x29+2*axis)); signed char result=spireceive(); cs::high(); return result; } Anche questo codice è stato scritto a partire dal datasheet dell' accelerometro. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 40/ 43

41 Progetto #4: Accelerometro La seriale e printf() Su Miosix, si può stampare sulla seriale con printf(). Solo che la board stm32f4discovery non ha un adattatore USB/seriale come l'arduino, il che rende dicile collegare la seriale a un computer. Si potrebbe usare la USB, ma Miosix non ha ancora i driver per la periferica USB di questa board. Allora si può ricorrere a un convertitore USB/seriale esterno, acquistabile separatamente. Si può anche usare un Arduino come se fosse un adattatore USB/seriale, basta togliere l'atmega328. Questa è la soluzione che useremo. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 41/ 43

42 Progetto #4: Accelerometro GUI in Qt Lato PC si può usare (da Linux) il comando screen /dev/ttyusb per vedere cosa viene stampato sulla seriale. Per plottare i graci delle accelerazioni è stata fatta una GUI in Qt che apre la seriale e plotta a schermo i dati. POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 42/ 43

43 Progetto #4: Accelerometro Pratica: costruzione del circuito POuL Laboratorio microcontrollori e open source Terza parte 43/ 43

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Serduino - SERRA CON ARDUINO

Serduino - SERRA CON ARDUINO Serduino - SERRA CON ARDUINO 1 Componenti Facchini Riccardo (responsabile parte hardware) Guglielmetti Andrea (responsabile parte software) Laurenti Lorenzo (progettazione hardware) Rigolli Andrea (reparto

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit)

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) La C.P.U. è il dispositivo che esegue materialmente gli ALGORITMI.

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

Microelettronica Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded

Microelettronica Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded Microelettronica Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded Introduzione prof. Stefano Salvatori A.A. 2014/2015 Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo documento sono

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 www.pce-italia.it Istruzioni d uso Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 1 Istruzioni d uso www.pce-italia.it Indice dei contenuti Titolo 1. Visione generale... 3 2. Contenuto della spedizione... 3 3. Informazione

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

Introduzione ai Device Drivers in Linux. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it

Introduzione ai Device Drivers in Linux. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Introduzione ai Device Drivers in Linux E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it 1 Device Drivers Moduli software che gestiscono le periferiche attraverso il file system Tutte le periferiche sono viste come file

Dettagli

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico ESAME DI STATO PER ISTITUTI PROFESSIONALI Corso di Ordinamento Indirizzo: Tecnico delle industrie elettroniche Tema di: Elettronica, telecomunicazioni ed applicazioni Gaetano D Antona Il tema proposto

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Gli array

Introduzione al linguaggio C Gli array Introduzione al linguaggio C Gli array Vettori nome del vettore (tutti gli elementi hanno lo stesso nome, c) Vettore (Array) Gruppo di posizioni (o locazioni di memoria) consecutive Hanno lo stesso nome

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

1 Programmazione chiave per veicoli prodotti dopo il 1997 e dotati di vecchia presa diagnostica circolare a 38 pin : W202, W208, W209, W210

1 Programmazione chiave per veicoli prodotti dopo il 1997 e dotati di vecchia presa diagnostica circolare a 38 pin : W202, W208, W209, W210 1 Programmazione chiave per veicoli prodotti dopo il 1997 e dotati di vecchia presa diagnostica circolare a 38 pin : W202, W208, W209, W210 Il software Mercedes Commander è in grado di generare i file

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente

Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente Dicembre 2013 190-01711-31_0A Stampato a Taiwan Tutti i diritti riservati. Ai sensi delle norme sul copyright, non è consentito copiare integralmente o parzialmente

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

APPLICAZIONI SU PIU FILE

APPLICAZIONI SU PIU FILE APPLICAZIONI SU PIU FILE Serve poter sviluppare applicazioni su piú file: - alcune funzioni e alcune definizioni di dati in un file - altre funzioni e dati in file diversi Perché?? 1. Se il programma è

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009. Lab 02 Tipi semplici in C

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009. Lab 02 Tipi semplici in C Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009 Lab 02 Tipi semplici in C Obiettivo dell esercitazione Acquistare familiarità con i tipi di dato semplici supportati

Dettagli

Flops. Ad esempio nel caso del prodotto classico tra matrici, vengono eseguite 2*N 3 operazioni, quindi ad esempio:

Flops. Ad esempio nel caso del prodotto classico tra matrici, vengono eseguite 2*N 3 operazioni, quindi ad esempio: Flops FLOPS e' un'abbreviazione di Floating Point Operations Per Second e indica il numero di operazioni in virgola mobile eseguite in un secondo dalla CPU. (Top500 e il BlueGene) Ad esempio nel caso del

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Appunti di Sistemi Operativi Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Indice 1 Cenni su alcuni algoritmi del Kernel di Unix 1 1.1 Elementi di Unix Internals.................................

Dettagli

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma Dev C++ Note di utilizzo 1 Prerequisiti Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma 2 1 Introduzione Lo scopo di queste note è quello di diffondere la conoscenza

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

Fondamenti di Informatica 300 ed oltre esercizi di teoria

Fondamenti di Informatica 300 ed oltre esercizi di teoria Fondamenti di Informatica 300 ed oltre esercizi di teoria Fulvio Corno Antonio Lioy Politecnico di Torino Dip. di Automatica e Informatica v. 4.02 01/09/2009 Indice 1 Introduzione 2 1.1 Nota metodologica........................................

Dettagli

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer,

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Guida Introduttiva Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Heike Schilling. Data di rilascio:

Dettagli

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC I.T.I. Modesto PANETTI A R I ia Re David, 86-8-54.54. - 75 ARI Fax 8-54.64.3 Internet http://www.itispanetti.it email : ATF5C@istruzione.it Tesina sviluppata dall alunno Antonio Gonnella della classe 5

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta Web Conferencing and Collaboration tools Passo 1: registrazione presso il sito Accedere al sito www.meetecho.com e registrarsi tramite l apposito form presente nella sezione Reserved Area. In fase di registrazione

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione 2013. 12 (Revisione 2.6.) Esclusione di responsabilità legale SAMSUNG ELECTRONICS SI RISERVA IL DIRITTO DI MODIFICARE I PRODOTTI, LE INFORMAZIONI

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

ARDUINO UNO. Programmazione avanzata e Librerie di sistema VISPA. Simone Majocchi. Sommario. Edizioni

ARDUINO UNO. Programmazione avanzata e Librerie di sistema VISPA. Simone Majocchi. Sommario. Edizioni ARDUINO UNO Programmazione avanzata e Librerie di sistema di Simone Majocchi VISPA Edizioni Sommario i ii Sommario Prefazione 0 Un bel po di anni fa ero un ragazzino appassionato di elettronica che consumava

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Paolo Torroni Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università degli

Dettagli

Visibilità dei Membri di una Classe

Visibilità dei Membri di una Classe Visibilità dei Membri di una Classe Lezione 10 Ogni classe definisce un proprio scope racchiude il codice contenuto nella definizione della classe e di tutti i suoi membri ogni metodo della classe definisce

Dettagli

[Operazioni Preliminari]

[Operazioni Preliminari] [Operazioni Preliminari] Si consiglia di leggere interamente questo manuale prima di procedere alle operazioni di aggiornamento del KeyB Organ. 1] Per aggiornare firmware, suoni e parametri del KeyB Organ

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

Giocare é comunicare.

Giocare é comunicare. Giocare é comunicare. Presentazione del progetto ADIO, AdioScan (realizzazione e copyright CID, Centro Informatica Disabilità cp 61 CH 6903 Lugano (Svizzera)). Gabriele Scascighini, direttore del Centro

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Ambienti di sviluppo integrato

Ambienti di sviluppo integrato Ambienti di sviluppo integrato Un ambiente di sviluppo integrato (IDE - Integrated Development Environment) è un ambiente software che assiste i programmatori nello sviluppo di programmi Esso è normalmente

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Autenticazione con CNS (Carta Nazionale dei Servizi) Configurazione e utilizzo con il portale GisMasterWeb (v1.02 del 09/07/2014)

Autenticazione con CNS (Carta Nazionale dei Servizi) Configurazione e utilizzo con il portale GisMasterWeb (v1.02 del 09/07/2014) Autenticazione con CNS (Carta Nazionale dei Servizi) Configurazione e utilizzo con il portale GisMasterWeb (v1.02 del 09/07/2014) La Carta Nazionale dei Servizi (CNS) è lo strumento attraverso il quale

Dettagli

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Questa nota di applicazione descrive come installare e impostare la comunicazione tra l'inverter e il server di monitoraggio SolarEdge. Questo documento

Dettagli

In questo manuale, si fa riferimento a ipod touch 5a generazione e iphone 5 con il solo termine iphone con connettore Lightning.

In questo manuale, si fa riferimento a ipod touch 5a generazione e iphone 5 con il solo termine iphone con connettore Lightning. In questo manuale, si fa riferimento a ipod touch 5a generazione e iphone 5 con il solo termine iphone con connettore Lightning. Per collegare un iphone con connettore Lightning ad SPH-DA100 AppRadio e

Dettagli

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Installazione Modem USB Momo Gestione segnale di rete Connessione Internet Messaggi di errore "Impossibile visualizzare la pagina" o "Pagina

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Guida all'uso di StarOffice 5.2

Guida all'uso di StarOffice 5.2 Eraldo Bonavitacola Guida all'uso di StarOffice 5.2 Introduzione Dicembre 2001 Copyright 2001 Eraldo Bonavitacola-CODINF CODINF COordinamento Docenti INFormati(ci) Introduzione Pag. 1 INTRODUZIONE COS'È

Dettagli

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO / Benvenuto Quando si utilizza la videocamera GoPro nell ambito delle normali attività quotidiane, prestare

Dettagli

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto Università degli studi di Camerino Scuola di scienze e tecnologia - Sezione Informatica Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto LEZIONE

Dettagli

Sviluppo di un driver per un controllore digitale di movimento UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA FACOLTA' DI INGEGNERIA

Sviluppo di un driver per un controllore digitale di movimento UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA FACOLTA' DI INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA FACOLTA' DI INGEGNERIA Tesi di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Sviluppo di un driver per un controllore digitale di movimento Relatore Prof. Marco

Dettagli

Lezione 1. 1 All inizio di ogni capitolo vengono indicati gli obiettivi della lezione sotto forma di domande la cui risposta è lo scopo

Lezione 1. 1 All inizio di ogni capitolo vengono indicati gli obiettivi della lezione sotto forma di domande la cui risposta è lo scopo Lezione 1 Obiettivi della lezione: 1 Cos è un calcolatore? Cosa c è dentro un calcolatore? Come funziona un calcolatore? Quanti tipi di calcolatori esistono? Il calcolatore nella accezione più generale

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Inter-Process Communication

Inter-Process Communication Inter-Process Communication C. Baroglio a.a. 2002-2003 1 Introduzione In Unix i processi possono essere sincronizzati utilizzando strutture dati speciali, appartenti al pacchetto IPC (inter-process communication).

Dettagli