Autorità per l Informatica. nella Pubblica Amministrazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Autorità per l Informatica. nella Pubblica Amministrazione"

Transcript

1 Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Allegato B DOCUMENTO INTRODUTTIVO AL QUADRO DI GARA

2 INDICE 1. PREMESSA DEFINIZIONI IL QUADRO ISTITUZIONALE E LEGISLATIVO BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO CARATTERISTICHE DELLA GARA DOCUMENTI DI GARA LOTTO DOCUMENTI DI GARA LOTTO ARCHITETTURA DELLA RETE UNITARIA DISEGNO GENERALE Il Servizio trasmissivo di trasporto I Servizi per l'interoperabilità MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI SERVIZI PRINCIPALI FASI PREVISTE PER L'EROGAZIONE DEI SERVIZI MIGRAZIONE NELLA RETE UNITARIA ED EVOLUZIONE AL SERVIZO IP PRESA IN CARICO DI G-NET Pagina 2 di 22

3 1. PREMESSA La necessità di procedere ad un profondo rinnovamento dei sistemi informativi automatizzati della Pubblica Amministrazione è apparsa inderogabile sin dalla costituzione dell Autorità per l Informatica, che ha individuato nella realizzazione della Rete unitaria il primo e più importante progetto intersettoriale ai sensi dell art. 7 comma 1.c del D.L.vo 39/93. La Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri Rete unitaria della pubblica Amministrazione, approvata dal Consiglio del Ministri il 5 settembre 1995 (G.U. 272 del 21 novembre 1995) ha fissato in modo puntuale le finalità del sistema e le aree di intervento. Tale Direttiva si è concretizzata nello Studio di fattibilità redatto dall'autorità e consegnato al Governo il 1 febbraio Lo Studio di fattibilità, in coerenza con la Direttiva di cui sopra, in particolare, ha individuato le tre aree di intervento di seguito elencate. - Areadei servizi trasmissivi di trasporto, per consentire: la connessione, tramite reti virtuali, dei siti delle singole Amministrazioni; l'interconnessione tra reti virtuali delle singole Amministrazioni al fine di realizzare l'interoperabilità, oggetto della seconda area di intervento, e consentire la conservazione delle connessioni esistenti. Obiettivi di tale area di intervento sono: precostituire le condizioni per la realizzazione dei servizi di interoperabilità tra Amministrazioni e nelle Amministrazioni; realizzare significative economie di scala mediante l'utilizzo di un singolo fornitore in grado di ottimizzare lo strato di trasporto del sistema trasmissivo migrare gradualmente i servizi trasmissivi verso forme più evolute di tecnologie di trasporto in grado di integrare anche voce e dati. - Areadei servizi per l'interoperabilità, per consentire in modo sicuro: lo scambio di informazioni, a livello di applicazioni di interoperabilità, tra i Domini delle Amministrazioni; Pagina 3 di 22

4 lo scambio di informazioni, a livello di applicazioni di interoperabilità, all'interno del Dominio della singola Amministrazione, se richiesto; l'accesso ad Internet e a banche dati di interesse generale per le Amministrazioni; i servizi di gestione dell'interoperabilità e di assistenza alle Amministrazioni e, se richiesto, ai singoli utenti. Obiettivi di tale area di intervento sono: migliorare la qualità e l'efficienza delle comunicazioni tra Amministrazioni al fine di permettere forme evolute di cooperazione amministrativa in luogo delle usuali forme di corrispondenza cartacea; migliorare la qualità e l'efficienza delle comunicazioni all'interno delle singole Amministrazioni, se richiesto, anche al fine di integrare il processo di comunicazione interamministrativo. - Areadei servizi di cooperazione applicativa, per consentire lo scambio di dati strutturati e l'accesso ai servizi applicativi delle diverse Amministrazioni. La presente gara, articolata in due lotti distinti, riguarda le prime due aree di intervento, rispettivamente, i servizi di trasporto ed i servizi per l'interoperabilità. Utenti dei servizi oggetto della gara, legge 15 marzo 1997, n. 59, sono: secondo quanto stabilito dall'art. 15, comma 1, della le Amministrazioni incluse nel D.L. 39/1993 (nel seguito, in tutta la documentazione, indicate come Amministrazioni Centrali); le Amministrazioni diverse da quelle di cui all'art. 1 del D.L. 39/1993 (nel seguito, in tutta la documentazione, indicate come Amministrazioni Locali), che hanno facoltà avvalersi dei servizi oggetto della gara; i Soggetti che aggregano più Amministrazioni Locali, che hanno facoltà di avvalersi dei servizi oggetto della gara, limitatamente ai servizi di trasporto e interoperabilità con le altre Amministrazioni afferenti alla Rete unitaria. Per ciascun Lotto, ai partecipanti è richiesta la redazione di uno specifico progetto tecnico, coerente con quanto richiesto nel rispettivo capitolato tecnico. Pagina 4 di 22

5 2. DEFINIZIONI Nell'ambito del presente documento si fa riferimento alle espressioni riportate nell'allegato H della documentazione di gara, che avranno il significato ivi specificato. 3. IL QUADRO ISTITUZIONALE E LEGISLATIVO La presente gara fa riferimento al seguente quadro legislativo: disposizioni comunitarie recepite nell ordinamento italiano dal decreto legislativo 17 marzo 1995, n.157 e, ove da questo richiamato, il decreto legislativo 24 luglio 1992, n.358; disposizioni legislative e regolamentari nazionali, e in particolare: 1. art. 6 del D.lvo n 281, 28 agosto 1997; 2. art.15, comma 1,della legge 15 marzo 1997, n.59; 3. art.17, comma 19, della legge 15 maggio 1997, n.127; 4. decreto legislativo 12 febbraio 1993, n.39. Costituirà parametro di riferimento, ai fini della estensione territoriale e del livello di qualità dei servizi, la direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 5 settembre BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO L'elenco della bibliografia di riferimento è riportato nell'allegato C/2 del Lotto 1. Parte della documentazione può essere reperita presso il sito AIPA Pagina 5 di 22

6 5. CARATTERISTICHE DELLA GARA Secondo quanto indicato dall'art.15, comma 1, della legge 15 marzo 1997, n. 59, le categorie di servizi oggetto della gara saranno fornite attraverso una gara di appalto concorso articolata, come indicato in premessa, in due lotti distinti: Lotto 1: Servizio trasmissivo di Trasporto; Lotto 2: Servizi per l'interoperabilità. I due lotti potranno essere aggiudicati ad un unico soggetto o a soggetti diversi. Ciascun aggiudicatario sarà tenuto a costituire una società avente oggetto sociale esclusivamente dedicato alla fornitura del Lotto corrispondente. Nel seguito si farà riferimento al soggetto aggiudicatario del primo e del secondo Lotto, rispettivamente, come Fornitore del Trasporto e Fornitore per l'interoperabilità. Nel caso in cui i due lotti siano aggiudicati a soggetti diversi, questi dovranno garantire una completa integrazione fra le due categorie di servizio, secondo quando indicato al successivo punto 6.2 e quanto specificato come requisiti di dettaglio nei capitolati tecnici relativi ai due lotti. Obiettivo della gara è la stipula dei Contratti quadro relativi ai due lotti tra i rispettivi Fornitori dei servizi ed il Centro Tecnico, in rappresentanza delle Amministrazioni. Tali accordi avranno una durata contrattuale di 5 anni dalla data di sottoscrizione e potranno essere rinnovati di anno in anno fino a ulteriori 4 anni. I Contratti quadro hanno lo scopo di definire: il quadro giuridico-normativo complessivo per l'affidamento, da parte delle Amministrazioni, del soddisfacimento dei fabbisogni dei servizi trasmissivi di trasporto e dei servizi di interoperabilità al Fornitore del rispettivo Lotto; le modalità in base alle quali il Fornitore assume la responsabilità di fornire e gestire detti fabbisogni, anche in relazione al trasferimento di eventuali servizi attualmente erogati da terzi alle Amministrazioni ed in relazione alla evoluzione tecnologica. Le singole Amministrazioni ed i soggetti che aggregano Amministrazioni Locali, nell'ambito dei Contratti quadro di cui sopra, provvedono a stipulare un Contratto di fornitura con il Fornitore del Trasporto ed uno con il Fornitore per l'interoperabilità, al fine di definire le quantità e le Pagina 6 di 22

7 modalità specifiche di fornitura dei servizi richiesti alle condizioni ed ai prezzi contenuti nei relativi contratti quadro. I singoli contratti di fornitura avranno scadenza al termine del Contratto-quadro e saranno rinnovabili, di anno in anno, per un periodo comunque non superiore alla durata del Contratto-quadro cui si riferiscono. Nell'ambito del Contratto-quadro del Lotto 2 è altresì previsto che il Centro Tecnico stipuli un Contratto di gestione con il Fornitore per l'interoperabilità, per la gestione dei servizi che afferiscono al Dominio della Rete unitaria (servizi per l'interoperabilità tra Amministrazioni, servizi di gestione e supporto). Con riferimento a quanto previsto dalla Legge n.59: le singole Amministrazioni Centrali, per il Lotto 1, sono tenute ad aderire al Servizio trasmissivo di Trasporto della Rete unitaria, anche per i collegamenti interni del proprio Dominio, entro tre mesi dalla stipula del relativo Contratto-quadro e contestualmente, per il Lotto 2, sono tenute ad aderire ai Servizi per l'interoperabilità nel Dominio della Rete Unitaria, mentre possono o meno aderire ai servizi addizionali; fanno eccezione al precedente obbligo, relativamente al Servizio trasmissivo di Trasporto, i servizi di interconnessione interni alle Amministrazioni che interessino materie riguardanti la sicurezza dello Stato, la difesa nazionale, l'ordine e la sicurezza pubblica, lo svolgimento di consultazioni elettorali nazionali ed europee, la ricerca; le singole Amministrazioni Locali possono aderire al Servizio trasmissivo di Trasporto della Rete unitaria ed ai Servizi per l'interoperabilità, sia del Dominio della Rete unitaria sia al proprio interno; i singoli Soggetti che aggregano più Amministrazioni Locali possono aderire al Servizio trasmissivo di Trasporto della Rete unitaria ed ai Servizi per l'interoperabilità limitatamente al Dominio della Rete Unitaria, mentre non possono usufruire di tali servizi per erogare analoghe forniture alle Amministrazioni Locali da loro aggregate (Servizio trasmissivo di Trasporto e Servizi per l'interoperabilità al loro interno). Pagina 7 di 22

8 5.1 DOCUMENTI DI GARA LOTTO 1 Ai fini dell'espletamento delle formalità di gara inerenti il Lotto 1, avente per oggetto il Servizio trasmissivo di Trasporto unificato della Rete unitaria, l'autorità ha predisposto la documentazione di seguito elencata: lettera di invito per la fornitura del Servizio trasmissivo di Trasporto, contenente tra l'altro lo schema di presentazione dell'offerta ed i criteri per l aggiudicazione; schema di Contratto-quadro per il Servizio trasmissivo di Trasporto, con i seguenti allegati: - documento introduttivo al quadro di gara (Allegato B), documento che si legge; - capitolato tecnico per la fornitura del Servizio trasmissivo di Trasporto (Lotto1 - Allegato C), con allegati l'indice del progetto tecnico (Lotto1 - Allegato C/1) che il Fornitore dovrà presentare in sede di offerta ed una appendice (Lotto 1 - Allegato C/2) sullo stato delle Amministrazioni, con particolare riguardo ai sistemi trasmissivi esistenti; - obbligazioni e norme D.L. 626/1994 (Allegato D); - livelli di servizi e penali (Lotto 1 - Allegato E); - servizi e prezzi unitari (Lotto 1 - Allegato F) e tabella dei prezzi unitari e dei coefficienti (Lotto 1 - Allegato F/1); - schema di singolo contratto di fornitura per il Servizio trasmissivo di Trasporto (Lotto1- Allegato G); - definizioni ed acronimi (Allegato H); capitolato tecnico (Lotto 2 - Allegato C) per la fornitura dei Servizi per l'interoperabilità, allegato a titolo conoscitivo al fine di formulare una soluzione coerente con il livello di integrazione richiesto ai fornitori dei due Lotti. Pagina 8 di 22

9 5.2 DOCUMENTI DI GARA LOTTO 2 Ai fini dell'espletamento delle formalità di gara inerenti il Lotto 2, avente per oggetto i Servizi per l'interoperabilità della Rete unitaria, l'autorità ha predisposto la documentazione di seguito elencata: lettera di invito per la fornitura dei Servizi per l'interoperabilità, contenente tra l'altro lo schema di presentazione dell'offerta ed i criteri per l aggiudicazione; schema di Contratto-quadro per i Servizi per l'interoperabilità (Lotto 2), con i seguenti allegati: - documento introduttivo al quadro di gara (Allegato B), documento che si legge; - capitolato tecnico per la fornitura dei Servizi per l'interoperabilità (Lotto 2 - Allegato C), con allegato l'indice del progetto tecnico che il Fornitore dovrà presentare in sede di offerta (Lotto 2 - Allegato C/1); - obbligazioni e norme D.L. 626/1994 (Allegato D); - livelli di servizi e penali (Lotto 2 - Allegato E); - servizi e prezzi unitari (Lotto 2 - Allegato F); - schema di singolo contratto di fornitura per i Servizi per l'interoperabilità, con la singola Amministrazione (Lotto 2 - Allegato G/1); - schema del contratto di gestione per i Servizi per l'interoperabilità, con il Centro Tecnico (Lotto 2 - Allegato G/2); - definizioni ed acronimi (Allegato H); capitolato tecnico per la fornitura del Servizio trasmissivo di Trasporto (Lotto 1 - Allegato C), allegato a titolo conoscitivo al fine di formulare una soluzione coerente con il livello di integrazione richiesta ai fornitori dei due lotti; con allegata l'appendice (Lotto 1 - Allegato C/2); livelli di servizio del Servizio trasmissivo di Trasporto (Lotto 1 - Allegato E), allegato a titolo conoscitivo. Pagina 9 di 22

10 6. ARCHITETTURA DELLA RETE UNITARIA I sistemi informativi esistenti presso le Amministrazioni presentano complessi vincoli architetturali, tecnologici ed applicativi. I servizi di trasporto e per l'interoperabilità dovranno, pertanto, necessariamente tenere conto di questi vincoli e consentire la salvaguardia del patrimonio esistente, in termini di apparati e software, ma nel contempo, dovranno permettere ai sistemi informativi delle Amministrazioni di trarre vantaggio dalla evoluzione tecnologica. 6.1 DISEGNO GENERALE La Rete unitaria si configura come un insieme di Domini, laddove il Dominio è l insieme delle risorse hardware, trasmissive e software che cadono sotto la giurisdizione di una determinata Amministrazione. Dominio Amministrazione 1 Dominio Amministrazione 2... Dominio Amministrazione n Porta di Rete Dominio Rete unitaria Schema di principio della Rete unitaria Il Dominio della Rete unitaria è quella parte della Rete che consente alle reti delle diverse Amministrazioni di interoperare. Ciascuna Amministrazione per collegarsi e scambiare informazioni con una altra Amministrazione è tenuta o può utilizzare il Servizio trasmissivo di Trasporto ed i Servizi per l'interoperabilità nel Dominio della Rete unitaria, secondo lo schema di seguito riportato. Pagina 10 di 22

11 Amministrazione Centrale Amministrazione Locale Soggetto che aggrega più Amministrazioni Locali Amministrazione Obbligatorio Obbligatorio Obbligatorio Centrale Amministrazione Locale Obbligatorio Opzionale Opzionale 1 Soggetto che aggrega più Amministrazioni Locali Obbligatorio Opzionale 1 Opzionale Il Servizio trasmissivo di trasporto Gli obiettivi della fornitura del Servizio trasmissivo di Trasporto (Lotto 1) consistono nella realizzazione, gestione ed evoluzione: delle reti geografiche di Dominio delle diverse Amministrazioni, con l adozione di tecniche multiprotocollo che comprendano IP, e la fornitura di circuiti virtuali con adeguato livello di banda garantita e continuità nella disponibilità del servizio; della rete del Dominio della Rete unitaria, costituita dalle interconnessioni tra le diverse Amministrazioni basata sulla adozione di protocolli IP per il trasferimento delle informazioni da un dominio all'altro e verso altre reti e da circuiti virtuali per il recupero delle connessioni esistenti tra sistemi informativi di Amministrazioni diverse. Il Fornitore del trasporto, in ogni sede delle Amministrazioni, utenti del servizio, dovrà garantire punti di accesso ai servizi stessi. Il Servizio trasmissivo di Trasporto, in particolare, deve comprendere, coerentemente con quanto specificato nel relativo capitolato tecnico, i seguenti servizi: 1 Con l'esclusione del collegamento tra Amministrazioni Locali che appartengono alla medesima aggregazione. Pagina 11 di 22

12 a) Dominio della singola Amministrazione Connessione tra i diversi siti indicati dalla singola Amministrazione mediante una combinazione dei seguenti servizi: a.1. una rete privata virtuale IP; a.2. circuiti virtuali di reti private virtuali Frame Relay ovvero X.25, sui quali l'amministrazione può veicolare i protocolli necessari al funzionamento dei propri sistemi informativi; a.3. circuiti trasmissivi sostanzialmente analoghi alla fornitura di portanti trasmissive CDN. b) Dominio della Rete Unitaria Connessione tra le Amministrazioni, tramite: b.1. un circuito virtuale IP, tra la singola Amministrazione ed il Centro di Gestione dell'interoperabilità b.2. circuiti virtuali permanenti Frame Relay ovvero X.25, direttamente tra Amministrazioni diverse. c) Domini delle Amministrazioni e Dominio della Rete Unitaria Erogazione di servizi di supporto atti ad assicurare la migliore erogazione dei servizi di cui ai precedenti punti a) e b). I circuiti virtuali di cui al punto b.2 possono essere utilizzati per realizzare un collegamento a livello applicativo tra Amministrazioni diverse. Questo tipo di collegamento è previsto solo per una fase transitoria (rif. capitolo 7 del presente documento) al fine di garantire la continuità dei servizi applicativi sui collegamenti esistenti basati su protocolli proprietari (ad esempio, connessioni SNI tra due sistemi informativi in architettura SNA). A regime la modalità di collegamento a livello applicativo tra i Domini delle Amministrazioni sarà quella prevista dall'architettura di cooperazione applicativa, basata sul trasporto IP, tramite la Porta di Rete. Analogamente a quanto previsto per i collegamenti IP tra Domini e Centro di Gestione per l'interoperabilità, i PVC del Dominio della Rete Unitaria (PVC inter-dominio) sono acquisiti dall'amministrazione (relativamente al proprio estremo dell'accesso) e controllati dal Fornitore dei servizi per l'interoperabilità. Nella tabella che segue è riportata la matrice che esprime il regime di fruibilità (disponibile ovvero obbligatorio) dei servizi di trasporto per tipo di Amministrazione. Tipologia di servizio Amministrazione Amministrazione Soggetto che Pagina 12 di 22

13 Centrale Locale aggrega più Amm.ni locali Trasporto interno al dominio dell'amministrazione Obbligatorio Disponibile se accede alla rete Unitaria Non Disponibile Dominio Collegamento IP con il Centro di Gestione per l'interoperabilità Obbligatorio Disponibile per accedere ai Servizi per l'interoperabilità Disponibile per accedere ai Servizi per l'interoperabilità Rete Disponibile Disponibile Disponibile Unitaria PVC inter-domino (fase transitoria) Per mantenere una connessione diretta Per mantenere una connessione diretta Per mantenere una connessione diretta inter-dominio inter-dominio inter-dominio Il complesso dei punti di accesso e dei circuiti virtuali che li collegano, consentono ad ogni Amministrazione di realizzare la propria rete come entità del tutto indipendente, dal punto di vista logico e gestionale, rispetto alle reti delle altre Amministrazioni che nel loro insieme costituiscono la Rete unitaria. Ogni Amministrazione può, di conseguenza, utilizzare al suo interno i protocolli e le configurazioni di rete necessari al corretto funzionamento del proprio sistema informativo, con il solo vincolo di arrivare a disporre, entro un tempo prestabilito, anche di una rete virtuale IP per consentire di realizzare al proprio interno i servizi di interoperabilità. Il fornitore dovrà indicare in quale modo, con quali accorgimenti e con quale rapporto costi/benefici, la soluzione proposta potrà integrare le innovazioni tecnologiche attese quali ad esempio: servizi voce integrati, x-dsl, Ipv6, altre eventuali. Il dettaglio dei servizi richiesti è riportato nel capitolato tecnico del Lotto 1. I partecipanti alla gara dovranno predisporre un progetto dettagliato per l'erogazione di tali servizi, sotto il controllo di un proprio Centro di Gestione del Trasporto, coerente con quanto indicato nel capitolato del Lotto e nell indice del progetto tecnico (Allegato C/1) allegato allo stesso I Servizi per l'interoperabilità Gli obiettivi della fornitura dei Servizi per l'interoperabilità (Lotto 2) consistono nella realizzazione, gestione ed assistenza di un insieme di servizi di base disponibili per tutti gli utenti Pagina 13 di 22

14 del Dominio della Rete unitaria e, se richiesto, anche all'interno dei Domini delle singole Amministrazioni. I Servizi per l'interoperabilità, in particolare, devono comprendere, coerentemente con quanto specificato nel relativo capitolato, la realizzazione, gestione ed evoluzione di: a) Servizi di interconnessione a livello applicativo tra i Domini delle Amministrazioni e con l'esterno, ed in particolare: posta elettronica, trasferimento di file, terminale virtuale, accesso a News, a World Wide Web e collegamento ad Internet. b) Servizi di gestione e supporto atti ad assicurare la migliore erogazione dei servizi di cui alla precedente lettera a), ivi compreso quello di controllo dei servizi trasmissivi di trasporto offerti dal Dominio della Rete Unitaria (IP e Circuiti Virtuali). Sono compresi i servizi di indirizzamento, Domain Name Service, Directory Service, Tempo ufficiale di rete, System management & network monitoring, servizi per il controllo dei livelli di servizio contrattuali, Call Center e formazione. c) Servizi addizionali per la singola Amministrazione Tali servizi possono essere richiesti opzionalmente dalle Amministrazioni e comprendono: c.1. servizi di hosting e mirroring dei server Web; c.2. servizi di collegamento a banche dati esterne di interesse generale; c.3. servizi per l'interoperabilità interna dell'amministrazione quali: posta elettronica, trasferimento di file, terminale virtuale, accesso a server www, gestione e supporto nel Dominio, Call Center, formazione e assistenza ai progetti di integrazione dei servizi offerti con quanto esistente presso l Amministrazione; c.4. servizi di outsourcing del Centro di Gestione della singola Amministrazione: tali servizi possono essere richiesti solo se si richiedono anche quelli di cui al precedente punto c.3; c.5. servizi di gestione completa della configurazione e distribuzione del software fino ai posti di lavoro: tali servizi possono essere richiesti solo se si richiedono anche quelli di cui al precedente punto c.3. La tabella seguente riepiloga il regime di fruibilità (obbligatorio/disponibile/non disponibile) dei Servizi per l'interoperabilità alle diverse tipologie di Amministrazioni. Pagina 14 di 22

15 Tipologia di servizio Amministrazione Amministrazione Soggetto che Centrale Locale aggrega più Amm.ni locali Servizi di interconnessione a livello Obbligatorio Disponibile a Disponibile a applicativo tra Domini di richiesta richiesta Amministrazioni e con l'esterno Servizi di gestione e supporto nel Dominio della Rete Unitaria Servizi addizionali per la singola Amministrazione Disponibile a richiesta Disponibile a richiesta, se l'amm.ne è collegata alla rete unitaria Non disponibile I Domini delle singole Amministrazioni dovranno accedere ai servizi per l'interoperabilità attraverso una Porta di Rete, definita come unico elemento logico, che include le funzionalità di firewall e di proxy per posta elettronica, trasferimento file, terminale virtuale, accesso a WWW e accesso a News. Per mezzo della Porta di Rete l Amministrazione fruisce dei servizi di interconnessione a livello applicativo, intendendosi con gli stessi in modo sintetico l insieme delle componenti hardware e software atte a controllare e gestire per ogni applicazione lo scambio di dati, garantendo i criteri di sicurezza richiesti. Il dettaglio dei servizi richiesti è riportato nel capitolato tecnico del Lotto 2. I partecipanti alla gara dovranno predisporre un progetto dettagliato per l'erogazione di tali servizi, tramite il proprio Centro di Gestione per l'interoperabilità, coerente con quanto indicato nel capitolato del Lotto 2 e nell indice del progetto tecnico ( Allegato C/1) allegato allo stesso. 6.2 MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI SERVIZI Gestione: I servizi oggetto della gara saranno erogati sotto la supervisione di specifici Centri di Pagina 15 di 22

16 il Centro di Gestione per il Trasporto (Lotto 1), con competenze sull'intero servizio di trasporto, erogato sia per le reti geografiche interne al dominio di ciascuna Amministrazione sia per i collegamenti che si riferiscono al dominio della Rete unitaria; il Centro di Gestione per l Interoperabilità (Lotto 2), con competenze specifiche sui servizi per l'interoperabilità nel Dominio della Rete unitaria e verso l'esterno, indicati alle lettere a) e b) del paragrafo del presente documento, mentre i servizi all'interno delle Amministrazioni, indicati alla lettera c) del citato paragrafo, sono di competenza di una separata Struttura di Gestione per i Servizi addizionali. Ciascun Fornitore dovrà, pertanto, progettare, realizzare e gestire in esercizio, per l'intera durata contrattuale, secondo i requisiti specificati nel rispettivo capitolato, il Centro di Gestione per i servizi di propria competenza. La definizione delle funzionalità e delle prestazioni del relativo Centro di Gestione, pertanto, deve essere parte integrante del progetto offerto. Il Centro di Gestione per l'interoperabilità deve essere dedicato esclusivamente allo scopo e svolge la sua attività unicamente nei locali messi a disposizione dal Centro Tecnico. Entrambi i Centri di Gestione previsti operano sotto la supervisione ed i controllo del Centro Tecnico. In particolare, il Centro Tecnico coordina l'attività di erogazione dei servizi del Fornitore del Trasporto e del Fornitore dell'interoperabilità, vigila sulla qualità dei servizi e sull'attuazione delle misure di sicurezza, pianifica l'evoluzione dei servizi, assiste le Amministrazioni sotto il profilo tecnico, nonché nella stipula e nella gestione dei singoli contratti di fornitura. Se il Centro Tecnico lo riterrà necessario, a seguito dell'andamento delle adesioni delle Amministrazioni e delle prestazioni dei servizi erogati, potrà richiedere entro i primi tre anni di esercizio, al Fornitore per l'interoperabilità, di realizzare un secondo centro di gestione per i servizi che riguardano il Dominio della Rete Unitaria. I due centri devono, in ogni caso, essere visti logicamente in modo unitario, affinché siano percepiti come un unico Dominio e possano garantire la continuità dei servizi per l'interoperabilità tra domini, fungendo da backup uno dell'altro. Nella figura che segue sono riassunte, in estrema sintesi, le relazioni esistenti tra i servizi di trasporto e di interoperabilità, i relativi Centri di Gestione ed il Centro Tecnico. Pagina 16 di 22

17 CG-I Centro Tecnico CG-Amm. Rete di Dominio Utente Utente supervisione rete geografica interna al Dominio supervisione Dominio rete unitaria supervisione Dominio rete unitaria CG-T Porta di rete PAS-I Per la fruizione dei servizi di trasporto e per l'interoperabilità ogni Amministrazione è tenuta a costituire una propria struttura, indicata in figura come CG-Amm, che si interfaccia con il Fornitore del Trasporto ed il Fornitore per l'interoperabilità attraverso i rispettivi Centri di Gestione (CG-T e CG-I). Relativamente ai servizi di trasporto interni al proprio Dominio, il Centro di Gestione dell'amministrazione controlla lo stato di funzionamento dei collegamenti geografici e svolge la funzione di help-desk di primo livello verso i propri utenti, e provvede, se di competenza, ad inoltrare il problema riscontrato al Centro di Gestione del Trasporto. Le funzioni descritte per il Centro di Gestione dell'amministrazione, a scelta dell'amministrazione stessa, possono essere affidate in outsourcing al Fornitore per l'interoperabilità, attraverso l'apposito servizio addizionale prima descritto al punto c.4 del paragrafo e con i vincoli previsti. Il Centro di Gestione per il Trasporto ha il compito di: erogare i servizi di propria competenza nel rispetto dei livelli di servizio contrattuali; fornire funzioni di help desk di secondo livello verso il Centro di Gestione di ciascuna Amministrazione e verso il Centro di Gestione per l'interoperabilità; garantire il controllo del traffico e dello stato di funzionamento della rete geografica internamente al Dominio di ciascuna Amministrazione presso il Centro di Gestione dell'amministrazione, per lo svolgimento delle funzioni di help desk e di controllo dei livelli di servizio, attribuite a tale centro, fornendo a quest'ultimo una stazione di supervisione dello stato della rete tra Domini e per il monitoraggio dei livelli di servizio; Pagina 17 di 22

18 garantire il controllo del traffico e dello stato di funzionamento della rete geografica tra Domini, sia di tipo IP che su circuiti virtuali Frame Relay ovvero X.25, presso il Centro di Gestione per l'interoperabilità, per il corretto svolgimento delle funzioni attribuite a tale centro, fornendo a quest'ultimo una stazione di supervisione dello stato della rete tra Domini e per il monitoraggio dei livelli di servizio. Il Dominio della singola Amministrazione attraverso la Porta di Rete si collega al Centro di Gestione per l'interoperabilità per accedere ai relativi servizi: la realizzazione e la gestione delle Porte di Rete è a carico del Fornitore dell'interoperabilità, mentre la connessione, tramite un accesso IP, tra la singola Amministrazione e il Centro di Gestione dell'interoperabilità è a carico del Fornitore del trasporto, così come i circuiti virtuali tra Amministrazioni necessari per sostituire le connessioni esistenti. Il Centro di Gestione per l'interoperabilità ha il compito, nei confronti delle Amministrazioni, di erogare i servizi per l'interoperabilità tra Domini di Amministrazioni differenti nel rispetto dei livelli di servizio contrattuali. Rientra tra le sue funzioni anche il controllo del corretto funzionamento del servizio di trasporto nel Dominio della Rete Unitaria, sia per accessi IP che per i circuiti virtuali. Nel caso in cui il Centro di Gestione per l'interoperabilità riscontri un malfunzionamento o un degrado dei livelli di servizio di trasporto nel Dominio della Rete unitaria è tenuto a darne immediata evidenza al Centro Tecnico ed a sollecitarne il superamento da parte del Centro di Gestione del Trasporto. Il Centro di Gestione per l'interoperabilità ha la responsabilità di gestire l'assegnazione degli indirizzi di rete ai singoli Domini secondo il piano di numerazione predisposto dall Autorità. Il Centro di Gestione per l'interoperabilità svolge funzioni di help-desk di primo e di secondo livello nei confronti del Centro di Gestione dell'amministrazione, relativamente ai servizi tra Domini ed eventualmente per i servizi addizionali, limitatamente ai servizi di hosting, mirroring ed accesso alle banche dati esterne, prima indicati ai punti c.1 e c.2 del precedente paragrafo Per l'erogazione di tutti gli altri servizi addizionali, prima indicati ai punti c.3, c.4 e c.5 del paragrafo 6.1.2, il Fornitore per l'interoperabilità è tenuto a realizzare una apposita Struttura di Gestione per i Servizi Addizionali (SGSA), separata dal Centro di Gestione per l'interoperabilità. In particolare tale struttura ha il compito di svolgere le funzioni di help-desk di primo e secondo Pagina 18 di 22

19 livello, rivolte agli utenti finali, e se richiesto, può anche assumere, in outsourcing, le funzioni del Centro di Gestione dell'amministrazione. Sia il Fornitore del Trasporto che quello dell'interoperabilità, dovranno prevedere la necessaria formazione del personale delle Amministrazioni coinvolte nell'interfaccia verso i rispettivi Centri di Gestione, unitamente alla assistenza in fase di avviamento, finalizzate al corretto ed efficace funzionamento dell'intero progetto. 6.3 PRINCIPALI FASI PREVISTE PER L'EROGAZIONE DEI SERVIZI Per il Trasporto (Lotto 1) le principali fasi previste sono: stipula del Contratto-quadro con il Centro Tecnico; costituzione della Società entro 60 giorni dalla stipula del Contratto-quadro; stipula del contratto di gestione con il Centro Tecnico entro 20 giorni dalla costituzione della Società di cui sopra; stipula dei contratti di fornitura con le singole Amministrazioni Centrali entro tre mesi dalla data di sottoscrizione del Contratto-quadro; disponibilità del Fornitore del Trasporto, entro un massimo di nove mesi dalla stipula del singolo contratto di fornitura, alla presa in carico della fornitura dei servizi trasmissivi di trasporto per la realizzazione delle reti interne di Dominio delle singole Amministrazioni; disponibilità, entro sei mesi dalla sottoscrizione del Contratto-quadro, della connessione del dominio di Amministrazione, con il Centro di Gestione per l'interoperabilità; attivazione dei servizi di supporto contestualmente all erogazione dei servizi di connettività. Pagina 19 di 22

20 Per l'interoperabilità (Lotto 2) le principali fasi previste sono: stipula del Contratto-quadro con il Centro Tecnico; costituzione della Società entro 60 giorni dalla stipula del Contratto-quadro; stipula dei contratti di fornitura con le singole Amministrazioni Centrali entro tre mesi dalla data di sottoscrizione del Contratto-quadro; disponibilità dei servizi per l'interoperabilità tra le Amministrazioni e con l'esterno e dei relativi servizi di gestione e supporto, entro quattro mesi dalla stipula del singolo contratto di fornitura, coerentemente con il Piano complessivo di interconnessione per l interoperabilità predisposto dal Centro Tecnico in base alle richieste formulate dalle singole Amministrazioni e coerente con il Piano di interconnessione per il trasporto relativo ai collegamenti nel dominio della Rete Unitaria. disponibilità dei servizi addizionali all'interno del dominio di Amministrazione, secondo il piano concordato con la singola Amministrazione che richiede i servizi. Pagina 20 di 22

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione Allegato 2a alla lettera d invito QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE GARA A LICITAZIONE PRIVATA PER L APPALTO DEI SERVIZI DI

Dettagli

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione Oggetto dell'iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili delle Scuole e dei Centri di Formazione

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Visto l'art. 2, comma 1, lettera mm), della legge 23 ottobre 1992, n. 421;

Visto l'art. 2, comma 1, lettera mm), della legge 23 ottobre 1992, n. 421; Decreto Legislativo 12 febbraio 1993, n. 39 (Gazz. Uff. 20 febbraio 1993, n. 42) Norme in materia di sistemi informativi automatizzati delle amministrazioni pubbliche, a norma dell'art. 2, comma 1, lettera

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici

Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici Art. 1 Oggetto Il presente modulo di assunzione di responsabilità (di seguito

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 645850

MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 645850 1/5 MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 645850 Descrizione RdO Servizio ordinario di pulizia CIG ZDD118457B CUP non inserito Criterio di Aggiudicazione

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA ED ALTRI SERVIZI, TESI AL MANTENIMENTO DEL DECORO E DELLA FUNZIONALITA DEGLI IMMOBILI, PER GLI ISTITUTI SCOLASTICI DI

Dettagli

Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi

Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi Cloud computing Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi Schede di documentazione www.garanteprivacy.it Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti Domanda 1 Si chiede di specificare il numero orientativo dei partecipanti ai corsi di formazione diviso per tipologia (dirigenti, utenti e personale informatico) (cfr. Capitolato capitolo 10). Risposta

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra-

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra- . ROMA CAPITALE BANDO DI GARA D'APPALTO SEZIONE I) AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale - Dipartimento Risorse Economiche - Direzione per la

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA

LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA INDICE 1. CARTA DEI SERVIZI...2 2. L OPERATORE...2 3. I PRINCIPI FONDAMENTALI...2 3.1 EGUAGLIANZA ED IMPARZIALITÀ DI TRATTAMENTO...3 3.2 CONTINUITÀ...3 3.3 PARTECIPAZIONE,

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana -

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana - Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità OSSERVATORIO REGIONALE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via Camillo Camilliani, 87 90145 PALERMO LINEE GUIDA PER L UTILIZZO

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

Tematiche tecniche relative ai contratti di Housing/Hosting e Servizi Web-Based

Tematiche tecniche relative ai contratti di Housing/Hosting e Servizi Web-Based Tematiche tecniche relative ai contratti di Housing/Hosting e Servizi Web-Based Prof. Franco Sirovich Dipartimento di Informatica Università di Torino www.di.unito.it franco.sirovich@di.unito.it 1 Definizioni

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Regolamento per l'accesso alla rete Indice

Regolamento per l'accesso alla rete Indice Regolamento per l'accesso alla rete Indice 1 Accesso...2 2 Applicazione...2 3 Responsabilità...2 4 Dati personali...2 5 Attività commerciali...2 6 Regole di comportamento...3 7 Sicurezza del sistema...3

Dettagli

" ROMA CAPITALE DIPARTIMENTO INNOVAZIONE TECNOLOGICA. manutenzione, gestione applicativa, hosting dei

 ROMA CAPITALE DIPARTIMENTO INNOVAZIONE TECNOLOGICA. manutenzione, gestione applicativa, hosting dei " ROMA CAPITALE DIPARTIMENTO INNOVAZIONE TECNOLOGICA DIREZIONE SISTEMIINFORMATICI E TELEMATICI VIALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, 20-00144 ROMA Progettazione dei servizi di sviluppo, manutenzione, gestione

Dettagli

l Agenzia per l Italia Digitale, istituita ai sensi del D.L 22 giugno 2012 n. 83, convertito con modificazioni nella Legge 7 agosto 2012 n.

l Agenzia per l Italia Digitale, istituita ai sensi del D.L 22 giugno 2012 n. 83, convertito con modificazioni nella Legge 7 agosto 2012 n. CONTRATTO QUADRO N. 2/2014 PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI INTERCONNESSIONE TRA SISTEMA PUBBLICO DI CONNETTIVITÀ E RETE NAZIONALE INTERBANCARIA, NELL AMBITO DEL SISTEMA INFORMATIZZATO DEI PAGAMENTI DELLA

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO CONSIP S.p.A. APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO Manuale d uso del programma Base Informativa di Gestione (BIG), utilizzato per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Codice Unico di Progetto degli Investimenti pubblici CUP

Codice Unico di Progetto degli Investimenti pubblici CUP Codice Unico di Progetto degli Investimenti pubblici CUP CHE COS E IL CUP Il CUP (CODICE UNICO DI PROGETTO) è un'etichetta stabile che identifica e accompagna un progetto d'investimento pubblico, sin dalla

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Prot. 1377. Cagliari, 13/03/2013. > Spett.le IT Euromedia Srl Via Galvani, 27/29 09047 SELARGIUS - CA. Fax: 070.7731009 e-mail: info@iteuromedia.

Prot. 1377. Cagliari, 13/03/2013. > Spett.le IT Euromedia Srl Via Galvani, 27/29 09047 SELARGIUS - CA. Fax: 070.7731009 e-mail: info@iteuromedia. Prot. 1377 Cagliari, 13/03/2013 > Spett.le IT Euromedia Srl Via Galvani, 27/29 09047 SELARGIUS - CA Fax: 070.7731009 e-mail: info@iteuromedia.eu ORDINE D ACQUISTO N. 39/2013 RIF. DET. A CONTRARRE N. 31

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto 1/ 14 ENOTICES_alessiamag 14/11/2011- ID:2011-157556 Formulario standard 6 - IT Unione europea Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Luxembourg

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI

LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI ex articolo 5, comma 4 del decreto legislativo 7 marzo 2005. n. 82 e

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Visti gli articoli 1, 4, comma 4, e 6 della legge 15 marzo 1997, n. 59, come modificati dall'articolo 7 della legge 15 maggio 1997, n.

Visti gli articoli 1, 4, comma 4, e 6 della legge 15 marzo 1997, n. 59, come modificati dall'articolo 7 della legge 15 maggio 1997, n. Decreto legislativo 19 novembre 1997, n.422 Conferimento alle regioni ed agli enti locali di funzioni e compiti in materia di trasporto pubblico locale, a norma dell'articolo 4, comma 4, della legge 15

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE

CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE (redatto al solo fine di facilitare la lettura del Codice dell amministrazione digitale a seguito delle modifiche

Dettagli

CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE

CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE (redatto al solo fine di facilitare la lettura del Codice dell amministrazione digitale a seguito delle modifiche

Dettagli