Autorità per l Informatica. nella Pubblica Amministrazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Autorità per l Informatica. nella Pubblica Amministrazione"

Transcript

1 Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Allegato B DOCUMENTO INTRODUTTIVO AL QUADRO DI GARA

2 INDICE 1. PREMESSA DEFINIZIONI IL QUADRO ISTITUZIONALE E LEGISLATIVO BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO CARATTERISTICHE DELLA GARA DOCUMENTI DI GARA LOTTO DOCUMENTI DI GARA LOTTO ARCHITETTURA DELLA RETE UNITARIA DISEGNO GENERALE Il Servizio trasmissivo di trasporto I Servizi per l'interoperabilità MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI SERVIZI PRINCIPALI FASI PREVISTE PER L'EROGAZIONE DEI SERVIZI MIGRAZIONE NELLA RETE UNITARIA ED EVOLUZIONE AL SERVIZO IP PRESA IN CARICO DI G-NET Pagina 2 di 22

3 1. PREMESSA La necessità di procedere ad un profondo rinnovamento dei sistemi informativi automatizzati della Pubblica Amministrazione è apparsa inderogabile sin dalla costituzione dell Autorità per l Informatica, che ha individuato nella realizzazione della Rete unitaria il primo e più importante progetto intersettoriale ai sensi dell art. 7 comma 1.c del D.L.vo 39/93. La Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri Rete unitaria della pubblica Amministrazione, approvata dal Consiglio del Ministri il 5 settembre 1995 (G.U. 272 del 21 novembre 1995) ha fissato in modo puntuale le finalità del sistema e le aree di intervento. Tale Direttiva si è concretizzata nello Studio di fattibilità redatto dall'autorità e consegnato al Governo il 1 febbraio Lo Studio di fattibilità, in coerenza con la Direttiva di cui sopra, in particolare, ha individuato le tre aree di intervento di seguito elencate. - Areadei servizi trasmissivi di trasporto, per consentire: la connessione, tramite reti virtuali, dei siti delle singole Amministrazioni; l'interconnessione tra reti virtuali delle singole Amministrazioni al fine di realizzare l'interoperabilità, oggetto della seconda area di intervento, e consentire la conservazione delle connessioni esistenti. Obiettivi di tale area di intervento sono: precostituire le condizioni per la realizzazione dei servizi di interoperabilità tra Amministrazioni e nelle Amministrazioni; realizzare significative economie di scala mediante l'utilizzo di un singolo fornitore in grado di ottimizzare lo strato di trasporto del sistema trasmissivo migrare gradualmente i servizi trasmissivi verso forme più evolute di tecnologie di trasporto in grado di integrare anche voce e dati. - Areadei servizi per l'interoperabilità, per consentire in modo sicuro: lo scambio di informazioni, a livello di applicazioni di interoperabilità, tra i Domini delle Amministrazioni; Pagina 3 di 22

4 lo scambio di informazioni, a livello di applicazioni di interoperabilità, all'interno del Dominio della singola Amministrazione, se richiesto; l'accesso ad Internet e a banche dati di interesse generale per le Amministrazioni; i servizi di gestione dell'interoperabilità e di assistenza alle Amministrazioni e, se richiesto, ai singoli utenti. Obiettivi di tale area di intervento sono: migliorare la qualità e l'efficienza delle comunicazioni tra Amministrazioni al fine di permettere forme evolute di cooperazione amministrativa in luogo delle usuali forme di corrispondenza cartacea; migliorare la qualità e l'efficienza delle comunicazioni all'interno delle singole Amministrazioni, se richiesto, anche al fine di integrare il processo di comunicazione interamministrativo. - Areadei servizi di cooperazione applicativa, per consentire lo scambio di dati strutturati e l'accesso ai servizi applicativi delle diverse Amministrazioni. La presente gara, articolata in due lotti distinti, riguarda le prime due aree di intervento, rispettivamente, i servizi di trasporto ed i servizi per l'interoperabilità. Utenti dei servizi oggetto della gara, legge 15 marzo 1997, n. 59, sono: secondo quanto stabilito dall'art. 15, comma 1, della le Amministrazioni incluse nel D.L. 39/1993 (nel seguito, in tutta la documentazione, indicate come Amministrazioni Centrali); le Amministrazioni diverse da quelle di cui all'art. 1 del D.L. 39/1993 (nel seguito, in tutta la documentazione, indicate come Amministrazioni Locali), che hanno facoltà avvalersi dei servizi oggetto della gara; i Soggetti che aggregano più Amministrazioni Locali, che hanno facoltà di avvalersi dei servizi oggetto della gara, limitatamente ai servizi di trasporto e interoperabilità con le altre Amministrazioni afferenti alla Rete unitaria. Per ciascun Lotto, ai partecipanti è richiesta la redazione di uno specifico progetto tecnico, coerente con quanto richiesto nel rispettivo capitolato tecnico. Pagina 4 di 22

5 2. DEFINIZIONI Nell'ambito del presente documento si fa riferimento alle espressioni riportate nell'allegato H della documentazione di gara, che avranno il significato ivi specificato. 3. IL QUADRO ISTITUZIONALE E LEGISLATIVO La presente gara fa riferimento al seguente quadro legislativo: disposizioni comunitarie recepite nell ordinamento italiano dal decreto legislativo 17 marzo 1995, n.157 e, ove da questo richiamato, il decreto legislativo 24 luglio 1992, n.358; disposizioni legislative e regolamentari nazionali, e in particolare: 1. art. 6 del D.lvo n 281, 28 agosto 1997; 2. art.15, comma 1,della legge 15 marzo 1997, n.59; 3. art.17, comma 19, della legge 15 maggio 1997, n.127; 4. decreto legislativo 12 febbraio 1993, n.39. Costituirà parametro di riferimento, ai fini della estensione territoriale e del livello di qualità dei servizi, la direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 5 settembre BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO L'elenco della bibliografia di riferimento è riportato nell'allegato C/2 del Lotto 1. Parte della documentazione può essere reperita presso il sito AIPA Pagina 5 di 22

6 5. CARATTERISTICHE DELLA GARA Secondo quanto indicato dall'art.15, comma 1, della legge 15 marzo 1997, n. 59, le categorie di servizi oggetto della gara saranno fornite attraverso una gara di appalto concorso articolata, come indicato in premessa, in due lotti distinti: Lotto 1: Servizio trasmissivo di Trasporto; Lotto 2: Servizi per l'interoperabilità. I due lotti potranno essere aggiudicati ad un unico soggetto o a soggetti diversi. Ciascun aggiudicatario sarà tenuto a costituire una società avente oggetto sociale esclusivamente dedicato alla fornitura del Lotto corrispondente. Nel seguito si farà riferimento al soggetto aggiudicatario del primo e del secondo Lotto, rispettivamente, come Fornitore del Trasporto e Fornitore per l'interoperabilità. Nel caso in cui i due lotti siano aggiudicati a soggetti diversi, questi dovranno garantire una completa integrazione fra le due categorie di servizio, secondo quando indicato al successivo punto 6.2 e quanto specificato come requisiti di dettaglio nei capitolati tecnici relativi ai due lotti. Obiettivo della gara è la stipula dei Contratti quadro relativi ai due lotti tra i rispettivi Fornitori dei servizi ed il Centro Tecnico, in rappresentanza delle Amministrazioni. Tali accordi avranno una durata contrattuale di 5 anni dalla data di sottoscrizione e potranno essere rinnovati di anno in anno fino a ulteriori 4 anni. I Contratti quadro hanno lo scopo di definire: il quadro giuridico-normativo complessivo per l'affidamento, da parte delle Amministrazioni, del soddisfacimento dei fabbisogni dei servizi trasmissivi di trasporto e dei servizi di interoperabilità al Fornitore del rispettivo Lotto; le modalità in base alle quali il Fornitore assume la responsabilità di fornire e gestire detti fabbisogni, anche in relazione al trasferimento di eventuali servizi attualmente erogati da terzi alle Amministrazioni ed in relazione alla evoluzione tecnologica. Le singole Amministrazioni ed i soggetti che aggregano Amministrazioni Locali, nell'ambito dei Contratti quadro di cui sopra, provvedono a stipulare un Contratto di fornitura con il Fornitore del Trasporto ed uno con il Fornitore per l'interoperabilità, al fine di definire le quantità e le Pagina 6 di 22

7 modalità specifiche di fornitura dei servizi richiesti alle condizioni ed ai prezzi contenuti nei relativi contratti quadro. I singoli contratti di fornitura avranno scadenza al termine del Contratto-quadro e saranno rinnovabili, di anno in anno, per un periodo comunque non superiore alla durata del Contratto-quadro cui si riferiscono. Nell'ambito del Contratto-quadro del Lotto 2 è altresì previsto che il Centro Tecnico stipuli un Contratto di gestione con il Fornitore per l'interoperabilità, per la gestione dei servizi che afferiscono al Dominio della Rete unitaria (servizi per l'interoperabilità tra Amministrazioni, servizi di gestione e supporto). Con riferimento a quanto previsto dalla Legge n.59: le singole Amministrazioni Centrali, per il Lotto 1, sono tenute ad aderire al Servizio trasmissivo di Trasporto della Rete unitaria, anche per i collegamenti interni del proprio Dominio, entro tre mesi dalla stipula del relativo Contratto-quadro e contestualmente, per il Lotto 2, sono tenute ad aderire ai Servizi per l'interoperabilità nel Dominio della Rete Unitaria, mentre possono o meno aderire ai servizi addizionali; fanno eccezione al precedente obbligo, relativamente al Servizio trasmissivo di Trasporto, i servizi di interconnessione interni alle Amministrazioni che interessino materie riguardanti la sicurezza dello Stato, la difesa nazionale, l'ordine e la sicurezza pubblica, lo svolgimento di consultazioni elettorali nazionali ed europee, la ricerca; le singole Amministrazioni Locali possono aderire al Servizio trasmissivo di Trasporto della Rete unitaria ed ai Servizi per l'interoperabilità, sia del Dominio della Rete unitaria sia al proprio interno; i singoli Soggetti che aggregano più Amministrazioni Locali possono aderire al Servizio trasmissivo di Trasporto della Rete unitaria ed ai Servizi per l'interoperabilità limitatamente al Dominio della Rete Unitaria, mentre non possono usufruire di tali servizi per erogare analoghe forniture alle Amministrazioni Locali da loro aggregate (Servizio trasmissivo di Trasporto e Servizi per l'interoperabilità al loro interno). Pagina 7 di 22

8 5.1 DOCUMENTI DI GARA LOTTO 1 Ai fini dell'espletamento delle formalità di gara inerenti il Lotto 1, avente per oggetto il Servizio trasmissivo di Trasporto unificato della Rete unitaria, l'autorità ha predisposto la documentazione di seguito elencata: lettera di invito per la fornitura del Servizio trasmissivo di Trasporto, contenente tra l'altro lo schema di presentazione dell'offerta ed i criteri per l aggiudicazione; schema di Contratto-quadro per il Servizio trasmissivo di Trasporto, con i seguenti allegati: - documento introduttivo al quadro di gara (Allegato B), documento che si legge; - capitolato tecnico per la fornitura del Servizio trasmissivo di Trasporto (Lotto1 - Allegato C), con allegati l'indice del progetto tecnico (Lotto1 - Allegato C/1) che il Fornitore dovrà presentare in sede di offerta ed una appendice (Lotto 1 - Allegato C/2) sullo stato delle Amministrazioni, con particolare riguardo ai sistemi trasmissivi esistenti; - obbligazioni e norme D.L. 626/1994 (Allegato D); - livelli di servizi e penali (Lotto 1 - Allegato E); - servizi e prezzi unitari (Lotto 1 - Allegato F) e tabella dei prezzi unitari e dei coefficienti (Lotto 1 - Allegato F/1); - schema di singolo contratto di fornitura per il Servizio trasmissivo di Trasporto (Lotto1- Allegato G); - definizioni ed acronimi (Allegato H); capitolato tecnico (Lotto 2 - Allegato C) per la fornitura dei Servizi per l'interoperabilità, allegato a titolo conoscitivo al fine di formulare una soluzione coerente con il livello di integrazione richiesto ai fornitori dei due Lotti. Pagina 8 di 22

9 5.2 DOCUMENTI DI GARA LOTTO 2 Ai fini dell'espletamento delle formalità di gara inerenti il Lotto 2, avente per oggetto i Servizi per l'interoperabilità della Rete unitaria, l'autorità ha predisposto la documentazione di seguito elencata: lettera di invito per la fornitura dei Servizi per l'interoperabilità, contenente tra l'altro lo schema di presentazione dell'offerta ed i criteri per l aggiudicazione; schema di Contratto-quadro per i Servizi per l'interoperabilità (Lotto 2), con i seguenti allegati: - documento introduttivo al quadro di gara (Allegato B), documento che si legge; - capitolato tecnico per la fornitura dei Servizi per l'interoperabilità (Lotto 2 - Allegato C), con allegato l'indice del progetto tecnico che il Fornitore dovrà presentare in sede di offerta (Lotto 2 - Allegato C/1); - obbligazioni e norme D.L. 626/1994 (Allegato D); - livelli di servizi e penali (Lotto 2 - Allegato E); - servizi e prezzi unitari (Lotto 2 - Allegato F); - schema di singolo contratto di fornitura per i Servizi per l'interoperabilità, con la singola Amministrazione (Lotto 2 - Allegato G/1); - schema del contratto di gestione per i Servizi per l'interoperabilità, con il Centro Tecnico (Lotto 2 - Allegato G/2); - definizioni ed acronimi (Allegato H); capitolato tecnico per la fornitura del Servizio trasmissivo di Trasporto (Lotto 1 - Allegato C), allegato a titolo conoscitivo al fine di formulare una soluzione coerente con il livello di integrazione richiesta ai fornitori dei due lotti; con allegata l'appendice (Lotto 1 - Allegato C/2); livelli di servizio del Servizio trasmissivo di Trasporto (Lotto 1 - Allegato E), allegato a titolo conoscitivo. Pagina 9 di 22

10 6. ARCHITETTURA DELLA RETE UNITARIA I sistemi informativi esistenti presso le Amministrazioni presentano complessi vincoli architetturali, tecnologici ed applicativi. I servizi di trasporto e per l'interoperabilità dovranno, pertanto, necessariamente tenere conto di questi vincoli e consentire la salvaguardia del patrimonio esistente, in termini di apparati e software, ma nel contempo, dovranno permettere ai sistemi informativi delle Amministrazioni di trarre vantaggio dalla evoluzione tecnologica. 6.1 DISEGNO GENERALE La Rete unitaria si configura come un insieme di Domini, laddove il Dominio è l insieme delle risorse hardware, trasmissive e software che cadono sotto la giurisdizione di una determinata Amministrazione. Dominio Amministrazione 1 Dominio Amministrazione 2... Dominio Amministrazione n Porta di Rete Dominio Rete unitaria Schema di principio della Rete unitaria Il Dominio della Rete unitaria è quella parte della Rete che consente alle reti delle diverse Amministrazioni di interoperare. Ciascuna Amministrazione per collegarsi e scambiare informazioni con una altra Amministrazione è tenuta o può utilizzare il Servizio trasmissivo di Trasporto ed i Servizi per l'interoperabilità nel Dominio della Rete unitaria, secondo lo schema di seguito riportato. Pagina 10 di 22

11 Amministrazione Centrale Amministrazione Locale Soggetto che aggrega più Amministrazioni Locali Amministrazione Obbligatorio Obbligatorio Obbligatorio Centrale Amministrazione Locale Obbligatorio Opzionale Opzionale 1 Soggetto che aggrega più Amministrazioni Locali Obbligatorio Opzionale 1 Opzionale Il Servizio trasmissivo di trasporto Gli obiettivi della fornitura del Servizio trasmissivo di Trasporto (Lotto 1) consistono nella realizzazione, gestione ed evoluzione: delle reti geografiche di Dominio delle diverse Amministrazioni, con l adozione di tecniche multiprotocollo che comprendano IP, e la fornitura di circuiti virtuali con adeguato livello di banda garantita e continuità nella disponibilità del servizio; della rete del Dominio della Rete unitaria, costituita dalle interconnessioni tra le diverse Amministrazioni basata sulla adozione di protocolli IP per il trasferimento delle informazioni da un dominio all'altro e verso altre reti e da circuiti virtuali per il recupero delle connessioni esistenti tra sistemi informativi di Amministrazioni diverse. Il Fornitore del trasporto, in ogni sede delle Amministrazioni, utenti del servizio, dovrà garantire punti di accesso ai servizi stessi. Il Servizio trasmissivo di Trasporto, in particolare, deve comprendere, coerentemente con quanto specificato nel relativo capitolato tecnico, i seguenti servizi: 1 Con l'esclusione del collegamento tra Amministrazioni Locali che appartengono alla medesima aggregazione. Pagina 11 di 22

12 a) Dominio della singola Amministrazione Connessione tra i diversi siti indicati dalla singola Amministrazione mediante una combinazione dei seguenti servizi: a.1. una rete privata virtuale IP; a.2. circuiti virtuali di reti private virtuali Frame Relay ovvero X.25, sui quali l'amministrazione può veicolare i protocolli necessari al funzionamento dei propri sistemi informativi; a.3. circuiti trasmissivi sostanzialmente analoghi alla fornitura di portanti trasmissive CDN. b) Dominio della Rete Unitaria Connessione tra le Amministrazioni, tramite: b.1. un circuito virtuale IP, tra la singola Amministrazione ed il Centro di Gestione dell'interoperabilità b.2. circuiti virtuali permanenti Frame Relay ovvero X.25, direttamente tra Amministrazioni diverse. c) Domini delle Amministrazioni e Dominio della Rete Unitaria Erogazione di servizi di supporto atti ad assicurare la migliore erogazione dei servizi di cui ai precedenti punti a) e b). I circuiti virtuali di cui al punto b.2 possono essere utilizzati per realizzare un collegamento a livello applicativo tra Amministrazioni diverse. Questo tipo di collegamento è previsto solo per una fase transitoria (rif. capitolo 7 del presente documento) al fine di garantire la continuità dei servizi applicativi sui collegamenti esistenti basati su protocolli proprietari (ad esempio, connessioni SNI tra due sistemi informativi in architettura SNA). A regime la modalità di collegamento a livello applicativo tra i Domini delle Amministrazioni sarà quella prevista dall'architettura di cooperazione applicativa, basata sul trasporto IP, tramite la Porta di Rete. Analogamente a quanto previsto per i collegamenti IP tra Domini e Centro di Gestione per l'interoperabilità, i PVC del Dominio della Rete Unitaria (PVC inter-dominio) sono acquisiti dall'amministrazione (relativamente al proprio estremo dell'accesso) e controllati dal Fornitore dei servizi per l'interoperabilità. Nella tabella che segue è riportata la matrice che esprime il regime di fruibilità (disponibile ovvero obbligatorio) dei servizi di trasporto per tipo di Amministrazione. Tipologia di servizio Amministrazione Amministrazione Soggetto che Pagina 12 di 22

13 Centrale Locale aggrega più Amm.ni locali Trasporto interno al dominio dell'amministrazione Obbligatorio Disponibile se accede alla rete Unitaria Non Disponibile Dominio Collegamento IP con il Centro di Gestione per l'interoperabilità Obbligatorio Disponibile per accedere ai Servizi per l'interoperabilità Disponibile per accedere ai Servizi per l'interoperabilità Rete Disponibile Disponibile Disponibile Unitaria PVC inter-domino (fase transitoria) Per mantenere una connessione diretta Per mantenere una connessione diretta Per mantenere una connessione diretta inter-dominio inter-dominio inter-dominio Il complesso dei punti di accesso e dei circuiti virtuali che li collegano, consentono ad ogni Amministrazione di realizzare la propria rete come entità del tutto indipendente, dal punto di vista logico e gestionale, rispetto alle reti delle altre Amministrazioni che nel loro insieme costituiscono la Rete unitaria. Ogni Amministrazione può, di conseguenza, utilizzare al suo interno i protocolli e le configurazioni di rete necessari al corretto funzionamento del proprio sistema informativo, con il solo vincolo di arrivare a disporre, entro un tempo prestabilito, anche di una rete virtuale IP per consentire di realizzare al proprio interno i servizi di interoperabilità. Il fornitore dovrà indicare in quale modo, con quali accorgimenti e con quale rapporto costi/benefici, la soluzione proposta potrà integrare le innovazioni tecnologiche attese quali ad esempio: servizi voce integrati, x-dsl, Ipv6, altre eventuali. Il dettaglio dei servizi richiesti è riportato nel capitolato tecnico del Lotto 1. I partecipanti alla gara dovranno predisporre un progetto dettagliato per l'erogazione di tali servizi, sotto il controllo di un proprio Centro di Gestione del Trasporto, coerente con quanto indicato nel capitolato del Lotto e nell indice del progetto tecnico (Allegato C/1) allegato allo stesso I Servizi per l'interoperabilità Gli obiettivi della fornitura dei Servizi per l'interoperabilità (Lotto 2) consistono nella realizzazione, gestione ed assistenza di un insieme di servizi di base disponibili per tutti gli utenti Pagina 13 di 22

14 del Dominio della Rete unitaria e, se richiesto, anche all'interno dei Domini delle singole Amministrazioni. I Servizi per l'interoperabilità, in particolare, devono comprendere, coerentemente con quanto specificato nel relativo capitolato, la realizzazione, gestione ed evoluzione di: a) Servizi di interconnessione a livello applicativo tra i Domini delle Amministrazioni e con l'esterno, ed in particolare: posta elettronica, trasferimento di file, terminale virtuale, accesso a News, a World Wide Web e collegamento ad Internet. b) Servizi di gestione e supporto atti ad assicurare la migliore erogazione dei servizi di cui alla precedente lettera a), ivi compreso quello di controllo dei servizi trasmissivi di trasporto offerti dal Dominio della Rete Unitaria (IP e Circuiti Virtuali). Sono compresi i servizi di indirizzamento, Domain Name Service, Directory Service, Tempo ufficiale di rete, System management & network monitoring, servizi per il controllo dei livelli di servizio contrattuali, Call Center e formazione. c) Servizi addizionali per la singola Amministrazione Tali servizi possono essere richiesti opzionalmente dalle Amministrazioni e comprendono: c.1. servizi di hosting e mirroring dei server Web; c.2. servizi di collegamento a banche dati esterne di interesse generale; c.3. servizi per l'interoperabilità interna dell'amministrazione quali: posta elettronica, trasferimento di file, terminale virtuale, accesso a server www, gestione e supporto nel Dominio, Call Center, formazione e assistenza ai progetti di integrazione dei servizi offerti con quanto esistente presso l Amministrazione; c.4. servizi di outsourcing del Centro di Gestione della singola Amministrazione: tali servizi possono essere richiesti solo se si richiedono anche quelli di cui al precedente punto c.3; c.5. servizi di gestione completa della configurazione e distribuzione del software fino ai posti di lavoro: tali servizi possono essere richiesti solo se si richiedono anche quelli di cui al precedente punto c.3. La tabella seguente riepiloga il regime di fruibilità (obbligatorio/disponibile/non disponibile) dei Servizi per l'interoperabilità alle diverse tipologie di Amministrazioni. Pagina 14 di 22

15 Tipologia di servizio Amministrazione Amministrazione Soggetto che Centrale Locale aggrega più Amm.ni locali Servizi di interconnessione a livello Obbligatorio Disponibile a Disponibile a applicativo tra Domini di richiesta richiesta Amministrazioni e con l'esterno Servizi di gestione e supporto nel Dominio della Rete Unitaria Servizi addizionali per la singola Amministrazione Disponibile a richiesta Disponibile a richiesta, se l'amm.ne è collegata alla rete unitaria Non disponibile I Domini delle singole Amministrazioni dovranno accedere ai servizi per l'interoperabilità attraverso una Porta di Rete, definita come unico elemento logico, che include le funzionalità di firewall e di proxy per posta elettronica, trasferimento file, terminale virtuale, accesso a WWW e accesso a News. Per mezzo della Porta di Rete l Amministrazione fruisce dei servizi di interconnessione a livello applicativo, intendendosi con gli stessi in modo sintetico l insieme delle componenti hardware e software atte a controllare e gestire per ogni applicazione lo scambio di dati, garantendo i criteri di sicurezza richiesti. Il dettaglio dei servizi richiesti è riportato nel capitolato tecnico del Lotto 2. I partecipanti alla gara dovranno predisporre un progetto dettagliato per l'erogazione di tali servizi, tramite il proprio Centro di Gestione per l'interoperabilità, coerente con quanto indicato nel capitolato del Lotto 2 e nell indice del progetto tecnico ( Allegato C/1) allegato allo stesso. 6.2 MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI SERVIZI Gestione: I servizi oggetto della gara saranno erogati sotto la supervisione di specifici Centri di Pagina 15 di 22

16 il Centro di Gestione per il Trasporto (Lotto 1), con competenze sull'intero servizio di trasporto, erogato sia per le reti geografiche interne al dominio di ciascuna Amministrazione sia per i collegamenti che si riferiscono al dominio della Rete unitaria; il Centro di Gestione per l Interoperabilità (Lotto 2), con competenze specifiche sui servizi per l'interoperabilità nel Dominio della Rete unitaria e verso l'esterno, indicati alle lettere a) e b) del paragrafo del presente documento, mentre i servizi all'interno delle Amministrazioni, indicati alla lettera c) del citato paragrafo, sono di competenza di una separata Struttura di Gestione per i Servizi addizionali. Ciascun Fornitore dovrà, pertanto, progettare, realizzare e gestire in esercizio, per l'intera durata contrattuale, secondo i requisiti specificati nel rispettivo capitolato, il Centro di Gestione per i servizi di propria competenza. La definizione delle funzionalità e delle prestazioni del relativo Centro di Gestione, pertanto, deve essere parte integrante del progetto offerto. Il Centro di Gestione per l'interoperabilità deve essere dedicato esclusivamente allo scopo e svolge la sua attività unicamente nei locali messi a disposizione dal Centro Tecnico. Entrambi i Centri di Gestione previsti operano sotto la supervisione ed i controllo del Centro Tecnico. In particolare, il Centro Tecnico coordina l'attività di erogazione dei servizi del Fornitore del Trasporto e del Fornitore dell'interoperabilità, vigila sulla qualità dei servizi e sull'attuazione delle misure di sicurezza, pianifica l'evoluzione dei servizi, assiste le Amministrazioni sotto il profilo tecnico, nonché nella stipula e nella gestione dei singoli contratti di fornitura. Se il Centro Tecnico lo riterrà necessario, a seguito dell'andamento delle adesioni delle Amministrazioni e delle prestazioni dei servizi erogati, potrà richiedere entro i primi tre anni di esercizio, al Fornitore per l'interoperabilità, di realizzare un secondo centro di gestione per i servizi che riguardano il Dominio della Rete Unitaria. I due centri devono, in ogni caso, essere visti logicamente in modo unitario, affinché siano percepiti come un unico Dominio e possano garantire la continuità dei servizi per l'interoperabilità tra domini, fungendo da backup uno dell'altro. Nella figura che segue sono riassunte, in estrema sintesi, le relazioni esistenti tra i servizi di trasporto e di interoperabilità, i relativi Centri di Gestione ed il Centro Tecnico. Pagina 16 di 22

17 CG-I Centro Tecnico CG-Amm. Rete di Dominio Utente Utente supervisione rete geografica interna al Dominio supervisione Dominio rete unitaria supervisione Dominio rete unitaria CG-T Porta di rete PAS-I Per la fruizione dei servizi di trasporto e per l'interoperabilità ogni Amministrazione è tenuta a costituire una propria struttura, indicata in figura come CG-Amm, che si interfaccia con il Fornitore del Trasporto ed il Fornitore per l'interoperabilità attraverso i rispettivi Centri di Gestione (CG-T e CG-I). Relativamente ai servizi di trasporto interni al proprio Dominio, il Centro di Gestione dell'amministrazione controlla lo stato di funzionamento dei collegamenti geografici e svolge la funzione di help-desk di primo livello verso i propri utenti, e provvede, se di competenza, ad inoltrare il problema riscontrato al Centro di Gestione del Trasporto. Le funzioni descritte per il Centro di Gestione dell'amministrazione, a scelta dell'amministrazione stessa, possono essere affidate in outsourcing al Fornitore per l'interoperabilità, attraverso l'apposito servizio addizionale prima descritto al punto c.4 del paragrafo e con i vincoli previsti. Il Centro di Gestione per il Trasporto ha il compito di: erogare i servizi di propria competenza nel rispetto dei livelli di servizio contrattuali; fornire funzioni di help desk di secondo livello verso il Centro di Gestione di ciascuna Amministrazione e verso il Centro di Gestione per l'interoperabilità; garantire il controllo del traffico e dello stato di funzionamento della rete geografica internamente al Dominio di ciascuna Amministrazione presso il Centro di Gestione dell'amministrazione, per lo svolgimento delle funzioni di help desk e di controllo dei livelli di servizio, attribuite a tale centro, fornendo a quest'ultimo una stazione di supervisione dello stato della rete tra Domini e per il monitoraggio dei livelli di servizio; Pagina 17 di 22

18 garantire il controllo del traffico e dello stato di funzionamento della rete geografica tra Domini, sia di tipo IP che su circuiti virtuali Frame Relay ovvero X.25, presso il Centro di Gestione per l'interoperabilità, per il corretto svolgimento delle funzioni attribuite a tale centro, fornendo a quest'ultimo una stazione di supervisione dello stato della rete tra Domini e per il monitoraggio dei livelli di servizio. Il Dominio della singola Amministrazione attraverso la Porta di Rete si collega al Centro di Gestione per l'interoperabilità per accedere ai relativi servizi: la realizzazione e la gestione delle Porte di Rete è a carico del Fornitore dell'interoperabilità, mentre la connessione, tramite un accesso IP, tra la singola Amministrazione e il Centro di Gestione dell'interoperabilità è a carico del Fornitore del trasporto, così come i circuiti virtuali tra Amministrazioni necessari per sostituire le connessioni esistenti. Il Centro di Gestione per l'interoperabilità ha il compito, nei confronti delle Amministrazioni, di erogare i servizi per l'interoperabilità tra Domini di Amministrazioni differenti nel rispetto dei livelli di servizio contrattuali. Rientra tra le sue funzioni anche il controllo del corretto funzionamento del servizio di trasporto nel Dominio della Rete Unitaria, sia per accessi IP che per i circuiti virtuali. Nel caso in cui il Centro di Gestione per l'interoperabilità riscontri un malfunzionamento o un degrado dei livelli di servizio di trasporto nel Dominio della Rete unitaria è tenuto a darne immediata evidenza al Centro Tecnico ed a sollecitarne il superamento da parte del Centro di Gestione del Trasporto. Il Centro di Gestione per l'interoperabilità ha la responsabilità di gestire l'assegnazione degli indirizzi di rete ai singoli Domini secondo il piano di numerazione predisposto dall Autorità. Il Centro di Gestione per l'interoperabilità svolge funzioni di help-desk di primo e di secondo livello nei confronti del Centro di Gestione dell'amministrazione, relativamente ai servizi tra Domini ed eventualmente per i servizi addizionali, limitatamente ai servizi di hosting, mirroring ed accesso alle banche dati esterne, prima indicati ai punti c.1 e c.2 del precedente paragrafo Per l'erogazione di tutti gli altri servizi addizionali, prima indicati ai punti c.3, c.4 e c.5 del paragrafo 6.1.2, il Fornitore per l'interoperabilità è tenuto a realizzare una apposita Struttura di Gestione per i Servizi Addizionali (SGSA), separata dal Centro di Gestione per l'interoperabilità. In particolare tale struttura ha il compito di svolgere le funzioni di help-desk di primo e secondo Pagina 18 di 22

19 livello, rivolte agli utenti finali, e se richiesto, può anche assumere, in outsourcing, le funzioni del Centro di Gestione dell'amministrazione. Sia il Fornitore del Trasporto che quello dell'interoperabilità, dovranno prevedere la necessaria formazione del personale delle Amministrazioni coinvolte nell'interfaccia verso i rispettivi Centri di Gestione, unitamente alla assistenza in fase di avviamento, finalizzate al corretto ed efficace funzionamento dell'intero progetto. 6.3 PRINCIPALI FASI PREVISTE PER L'EROGAZIONE DEI SERVIZI Per il Trasporto (Lotto 1) le principali fasi previste sono: stipula del Contratto-quadro con il Centro Tecnico; costituzione della Società entro 60 giorni dalla stipula del Contratto-quadro; stipula del contratto di gestione con il Centro Tecnico entro 20 giorni dalla costituzione della Società di cui sopra; stipula dei contratti di fornitura con le singole Amministrazioni Centrali entro tre mesi dalla data di sottoscrizione del Contratto-quadro; disponibilità del Fornitore del Trasporto, entro un massimo di nove mesi dalla stipula del singolo contratto di fornitura, alla presa in carico della fornitura dei servizi trasmissivi di trasporto per la realizzazione delle reti interne di Dominio delle singole Amministrazioni; disponibilità, entro sei mesi dalla sottoscrizione del Contratto-quadro, della connessione del dominio di Amministrazione, con il Centro di Gestione per l'interoperabilità; attivazione dei servizi di supporto contestualmente all erogazione dei servizi di connettività. Pagina 19 di 22

20 Per l'interoperabilità (Lotto 2) le principali fasi previste sono: stipula del Contratto-quadro con il Centro Tecnico; costituzione della Società entro 60 giorni dalla stipula del Contratto-quadro; stipula dei contratti di fornitura con le singole Amministrazioni Centrali entro tre mesi dalla data di sottoscrizione del Contratto-quadro; disponibilità dei servizi per l'interoperabilità tra le Amministrazioni e con l'esterno e dei relativi servizi di gestione e supporto, entro quattro mesi dalla stipula del singolo contratto di fornitura, coerentemente con il Piano complessivo di interconnessione per l interoperabilità predisposto dal Centro Tecnico in base alle richieste formulate dalle singole Amministrazioni e coerente con il Piano di interconnessione per il trasporto relativo ai collegamenti nel dominio della Rete Unitaria. disponibilità dei servizi addizionali all'interno del dominio di Amministrazione, secondo il piano concordato con la singola Amministrazione che richiede i servizi. Pagina 20 di 22

Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione

Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Lotto 2 - Interoperabilità Allegato C/1 INDICE PROGETTO TECNICO INDICE DEL PROGETTO 1 SERVIZI PER L'INTEROPERABILITÀ NEL DOMINIO DELLA RETE UNITARIA

Dettagli

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione LISTINO PREZZI RUPA Pagina 1 di 9 TABELLA DELLE VERSIONI Data Paragrafo Descrizione delle modifiche apportate Riferimento 15-07-2003 Nascita

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

La Rete Unitaria delle P.A.:

La Rete Unitaria delle P.A.: Centro Tecnico Presidenza del Consiglio dei Ministri La Rete Unitaria delle P.A.:.: Organizzazione e Gestione della Sicurezza Massimiliano Pucciarelli segreteria tecnica direzione m.pucciarelli@ct.rupa.it

Dettagli

Allegato H. Definizioni e Acronimi

Allegato H. Definizioni e Acronimi Allegato H Definizioni e Acronimi 1 Note di carattere generale Il documento è strutturato in modo da essere l'unica fonte di definizioni ed acronimi per tutti i documenti di gara, che fanno ciascuno riferimento

Dettagli

Codice dell Amministrazione digitale

Codice dell Amministrazione digitale Dlgs. 7 marzo 2005, n. 82 Codice dell Amministrazione digitale (Estratto relativo ai soli articoli riguardanti il Sistema pubblico di connettività) Capo VIII Sistema pubblico di connettività e rete internazionale

Dettagli

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione Allegato 2a alla lettera d invito QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE GARA A LICITAZIONE PRIVATA PER L APPALTO DEI SERVIZI DI

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DI SERVIZI PER LA CONDUZIONE

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Relazione Attività Di Progetto Uno degli obiettivi del progetto CST Area di TARANTO è stato quello di garantire la diffusione dei servizi innovativi

Dettagli

Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione

Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione SERVIZIO DI REALIZZAZIONE DELLA RETE INTERNAZIONALE DELLE P.A. Allegato H DEFINIZIONI E ACRONIMI 1 Note di carattere generale Il documento

Dettagli

RISPOSTA. dichiarazione di almeno ***

RISPOSTA. dichiarazione di almeno *** DOMANDA N. 1 Si chiede se, in relazione alla dimostrazione del possesso del requisito di capacità finanziaria ed economica, in alternativa alla seconda dichiarazione bancaria sia possibile produrre altro

Dettagli

Nuove regole procedurali relative alla tenuta dei registri informatizzati dell'amministrazione della giustizia. IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA

Nuove regole procedurali relative alla tenuta dei registri informatizzati dell'amministrazione della giustizia. IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA D.M. 27 aprile 2009 Nuove regole procedurali relative alla tenuta dei registri informatizzati dell'amministrazione della giustizia. Pubblicato nella Gazz. Uff. 11 maggio 2009, n. 107. IL MINISTRO DELLA

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO A

CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO CONTRATTO QUADRO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI INTERCONNESSIONE TRA SISTEMA PUBBLICO DI CONNETTIVITÀ E RETE NAZIONALE INTERBANCARIA, NELL'AMBITO DEL SISTEMA INFORMATIZZATO DEI PAGAMENTI

Dettagli

Articolo 1 Valore delle premesse Articolo 2 Norme regolatrici e disciplina applicabile

Articolo 1 Valore delle premesse Articolo 2 Norme regolatrici e disciplina applicabile Atto modificativo del Contratto Quadro N.5/2010 affidamento dei servizi di telecomunicazione ed informatici per la realizzazione dei servizi e della rete internazionale della Pubblica Amministrazione (S-RIPA)

Dettagli

REGIONE BASILICATA. Contratto di prestazione di servizi

REGIONE BASILICATA. Contratto di prestazione di servizi REGIONE BASILICATA Contratto di prestazione di servizi PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO QUINQUENNALE DEL SERVIZIO DI GESTIONE E MANUTENZIONE DEL SISTEMA INFORMATICO DELL AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE

Dettagli

Allegato Tecnico IcarER

Allegato Tecnico IcarER Allegato Tecnico IcarER Nota di lettura 1 Descrizione del Servizio 1.1 Definizioni e Acronimi 1.2 Descrizione generale 1.2.1 Accordo di servizio 1.3 Descrizione dei servizi offerti 1.3.1 Gestione in service

Dettagli

COMITATO OPERATIVO PER LA RETE UNITARIA

COMITATO OPERATIVO PER LA RETE UNITARIA COMITATO OPERATIVO PER LA RETE UNITARIA SCOR / INTEROPERABILITA VERBALE DELLA RIUNIONE DELL'8 NOVEMBRE 2001 L anno duemilauno il giorno otto del mese di novembre alle ore 10.30 si è riunito a Roma, Via

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE RELATIVO ALLA FORNITURA DI SERVIZI DI:

CAPITOLATO SPECIALE RELATIVO ALLA FORNITURA DI SERVIZI DI: REGIONE PUGLIA ASSESSORATO AL LAVORO, COOPERAZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE 70123 BARI Zona industriale - Viale Corigliano, 1 Tel. 080/5407631 Fax 080/5407601 Email:

Dettagli

Allegato tecnico. Premessa. Connettività

Allegato tecnico. Premessa. Connettività Allegato tecnico Premessa Allegato tecnico Il presente allegato tecnico descrive le modalità di accesso alla Rete Lepida, la rete a banda larga e ultralarga delle Pubbliche Amministrazioni. La Rete Lepida

Dettagli

Oggetto: Gara per il servizio di connettività dati e fonia per i soggetti di cui all art. 3, L.R. 19/2007 (gara 2-2010). CHIARIMENTI.

Oggetto: Gara per il servizio di connettività dati e fonia per i soggetti di cui all art. 3, L.R. 19/2007 (gara 2-2010). CHIARIMENTI. Ai soggetti interessati Torino, lì 19/04/2010 Prot. n. 1781 Oggetto: Gara per il servizio di connettività dati e fonia per i soggetti di cui all art. 3, L.R. 19/2007 (gara 2-2010). CHIARIMENTI. Con riferimento

Dettagli

Allegato III CONDIZIONI DI SERVIZIO

Allegato III CONDIZIONI DI SERVIZIO CONSORZIO COMUNI B.I.M. DI VALLE CAMONICA Procedura per l individuazione di un socio privato che partecipi alla costituzione di una società di capitali nella forma di società a responsabilità limitata

Dettagli

Direzione Generale dei Sistemi Informativi, dell'innovazione Tecnologica e della Comunicazione

Direzione Generale dei Sistemi Informativi, dell'innovazione Tecnologica e della Comunicazione Procedura aperta per l'affidamento del Servizio di studio ed analisi per la dematerializzazione degli atti, dei documenti e dei servizi telematici alla luce delle nuove regole tecniche emanate con DPCM

Dettagli

VERBALE Il 03 giugno 2010 alle ore 14.30 nel palazzo comunale di Sesto San Giovanni, convocata la Giunta comunale, sono intervenuti i Signori:

VERBALE Il 03 giugno 2010 alle ore 14.30 nel palazzo comunale di Sesto San Giovanni, convocata la Giunta comunale, sono intervenuti i Signori: Deliberazione della Giunta comunale N. 214 del 03.06.2010 SPERIMENTAZIONE SERVIZI FONIA VOIP IN CONVENZIONE AL SERVIZIO PUBBLICO DI CONNETTIVITÀ SPC/CNIPA ED ATTIVAZIONE SERVIZI DI TELEFONIA FISSA INTEGRAZIONE

Dettagli

GARA PORTALE Chiarimenti 6

GARA PORTALE Chiarimenti 6 66 Criterio 4 Pag. 22 Il termine "strumenti per la rilevazione delle statistiche degli accessi dei siti/applicazioni" costituisce termine di valutazione sia per i servizi di manutenzione correttiva ed

Dettagli

Capitolato speciale per la fornitura di

Capitolato speciale per la fornitura di ALLEGATO A Capitolato speciale per la fornitura di Servizi di verifica procedurale e funzionale delle componenti di servizio della Community Network dell'umbria nell'ambito del piano di Semplificazione

Dettagli

ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO

ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO . IntrodDescrizione del Servizio a) Procedura di accreditamento Il Centro Servizi (CS) che richiede l accreditamento per la fornitura dell accesso fisico al Sistema

Dettagli

Direttiva 19 dicembre 2003 Sviluppo ed utilizzazione dei programmi informatici da parte delle pubbliche amministrazioni. G.U. 7 febbraio 2004, n.

Direttiva 19 dicembre 2003 Sviluppo ed utilizzazione dei programmi informatici da parte delle pubbliche amministrazioni. G.U. 7 febbraio 2004, n. www.cnipa.gov.it 1/5 Sviluppo ed utilizzazione dei programmi informatici da parte delle pubbliche amministrazioni. IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto il regio decreto 18 novembre 1923,

Dettagli

L'informatizzazione della Pubblica Amministrazione. Comune di Benevento: il marketing territoriale.

L'informatizzazione della Pubblica Amministrazione. Comune di Benevento: il marketing territoriale. UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL SANNIO BENEVENTO FACOLTA DI ECONOMIA Corso di Laurea in Economia e Commercio TESI DI LAUREA IN ELABORAZIONE AUTOMATICA DEI DATI PER LE DECISIONI ECONOMICHE E FINANZIARIE L'informatizzazione

Dettagli

I finanziamenti erogati a valere sul Fondo sono destinati unicamente agli Enti locali.

I finanziamenti erogati a valere sul Fondo sono destinati unicamente agli Enti locali. Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Guida per la presentazione dei progetti Fondo per il sostegno agli investimenti per l innovazione negli enti locali - Art. 1, comma 893, della legge 27 dicembre

Dettagli

Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione

Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione Roma, 06 giugno 2005 Dott. Francesco Pirro Responsabile Ufficio Servizi di connettività ed interoperabilità di base Driver del cambiamento Da Stato Centralista

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 Architettura delle reti di telecomunicazioni e contesto infrastrutturale regionale 1 Indice Architettura delle reti di Telecomunicazioni Banda Larga nella

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

La trasparenza sulle scelte di finanziamento e sulle risorse impiegate Programmazione, Risorse e Gestione delle spese e tempi di pagamento

La trasparenza sulle scelte di finanziamento e sulle risorse impiegate Programmazione, Risorse e Gestione delle spese e tempi di pagamento La trasparenza sulle scelte di finanziamento e sulle risorse impiegate Programmazione, Risorse e Gestione delle spese e tempi di pagamento Giuliano PALAGI, Direttore Generale della Provincia di Pisa con

Dettagli

1. ASSISTENZA ALL'AVVIO IN ESERCIZIO DEL SISTEMA... 3 2. ADDESTRAMENTO DEGLI UTENTI DEL SISTEMA... 4 3. ASSISTENZA TECNICA IN GARANZIA...

1. ASSISTENZA ALL'AVVIO IN ESERCIZIO DEL SISTEMA... 3 2. ADDESTRAMENTO DEGLI UTENTI DEL SISTEMA... 4 3. ASSISTENZA TECNICA IN GARANZIA... INDICE 1. ASSISTENZA ALL'AVVIO IN ESERCIZIO DEL SISTEMA... 3 2. ADDESTRAMENTO DEGLI UTENTI DEL SISTEMA... 4 3. ASSISTENZA TECNICA IN GARANZIA... 6 3.1. SERVICE LEVEL AGREEMENT... 7 3.2. PRESCRIZIONI DEL

Dettagli

Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15

Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15 PROT. 5585/2015 Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15 ARCA S.p.a. Organigramma Presidenza Relazioni Istituzionali e Comunicazione Segreteria Generale e Affari Societari Program Management e Internal

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEL SERVIZIO DI REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE QUADRIENNALE DEL SITO INTERNET DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI CONSERVATORI Art. 1 - Oggetto dell appalto

Dettagli

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n.

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n. DigitPA VISTO l art. 6, comma 1 bis, del decreto legislativo 7 marzo 2005 n. 82 (indicato in seguito con l acronimo CAD), come modificato dal decreto legislativo 30 dicembre 2010 n. 235; VISTI gli articoli

Dettagli

Allegato G): Sistema Informativo-Informatico

Allegato G): Sistema Informativo-Informatico Allegato G): Sistema Informativo-Informatico Impostazione generale La gestione del centro logistico richiede un sistema informativo e informatico capace di gestire il magazzino con elevata produttività,

Dettagli

Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione

Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione Roma, 09 maggio 2005 Dott. Francesco Pirro Responsabile Ufficio Servizi di connettività ed interoperabilità di base Driver del cambiamento Da Stato Centralista

Dettagli

Via F. Bulgherini 1 25020 FLERO (BS) Tel. 030/2563480 Fax. 030/2563470 Via Verdi, 70-20038 SEREGNO (MI) Tel. 0362/237874 P.IVA 03248470175 Cap. Soc.

Via F. Bulgherini 1 25020 FLERO (BS) Tel. 030/2563480 Fax. 030/2563470 Via Verdi, 70-20038 SEREGNO (MI) Tel. 0362/237874 P.IVA 03248470175 Cap. Soc. AS/400 STAMPANTI SERVER WINDOWS WORKSTATIONS MATERIALI DI CONSUMO SERVER LINUX CORSI DI FORMAZIONE CHI SIAMO Solution Line è una società di consulenza composta da professionisti di pluriennale esperienza,

Dettagli

Sistema pubblico di cooperazione: Esercizio e Gestione

Sistema pubblico di cooperazione: Esercizio e Gestione Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione Sistema pubblico di cooperazione: Versione 1.0 Nome doc.: oop-eserciziogestione_v1.0_20051014.doc Versione: 1.0 INDICE 1. MODIFICHE DOCUMENTO...3 2. OBIETTIVI

Dettagli

La normativa sul riuso del software nella P. A. e l esperienza Toscana

La normativa sul riuso del software nella P. A. e l esperienza Toscana La normativa sul riuso del software nella P. A. e l esperienza Toscana Caterina Flick Linux Day Grosseto, 27 ottobre 2007 1/13 P.A. e acquisizione di software Secondo la normativa vigente le amministrazioni

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO SERVIZIO INDAGINI FINANZIARIE

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO SERVIZIO INDAGINI FINANZIARIE DEFINIZIONI Ai fini del presente contratto si intende per: - Contratto : denominato anche Contratto per l uso del Servizio Indagini Finanziarie indica le presenti Condizioni Generali di Contratto, la Richiesta

Dettagli

Presentato dal Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi. e dal Ministro dell Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan

Presentato dal Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi. e dal Ministro dell Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan Allegato Relazione sui fabbisogni annuali di beni e servizi della P.A. e sui risparmi conseguiti con il sistema delle convenzioni Consip L. 244/2007, art. 2, cc. 569-574 Presentato dal Presidente del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA COMUNE DI TREZZO SULL ADDA CAPITOLATO D APPALTO PER L AGGIORNAMENTO, LA MANUTENZIONE, L HOSTING, LA GESTIONE DELLE STATISTICHE E L INTRODUZIONE DI NUOVE FUNZIONALITA DEL SITO INTERNET DEL COMUNE DI TREZZO

Dettagli

La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività

La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività Ing. Gianfranco Pontevolpe Responsabile Ufficio Tecnologie per la sicurezza Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Sistema pubblico

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Regole tecniche per l adozione di sistemi di bigliettazione elettronica interoperabili nel territorio nazionale, in attuazione dell art. 8, comma 1, del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito,

Dettagli

RUOLO DELLA PROVINCIA COME ENTE DI AREA VASTA IN TEMA DI APPALTI DI LAVORI PUBBLICI, SERVIZI, FORNITURE E ASSISTENZA TECNICO - AMMINISTRATIVA

RUOLO DELLA PROVINCIA COME ENTE DI AREA VASTA IN TEMA DI APPALTI DI LAVORI PUBBLICI, SERVIZI, FORNITURE E ASSISTENZA TECNICO - AMMINISTRATIVA RUOLO DELLA PROVINCIA COME ENTE DI AREA VASTA IN TEMA DI APPALTI DI LAVORI PUBBLICI, SERVIZI, FORNITURE E ASSISTENZA TECNICO - AMMINISTRATIVA Servizio Lavoro, Formazione Professionale, Risorse Umane e

Dettagli

CONTRATIO QUADRO OPA PER LA RIPETIZIONE DI SERVIZI ANALOGHI N.5/2009 DEL SISTEMA PUBBLICO DI CONNETIIVITA' Tra

CONTRATIO QUADRO OPA PER LA RIPETIZIONE DI SERVIZI ANALOGHI N.5/2009 DEL SISTEMA PUBBLICO DI CONNETIIVITA' Tra "'" CONTRATIO QUADRO OPA PER LA RIPETIZIONE DI SERVIZI ANALOGHI N.5/2009 APPALTO DEI SERVIZI DI CONNETIIVITA E SICUREZZA NELL'AMBITO DEL SISTEMA PUBBLICO DI CONNETIIVITA' Tra il Centro nazionale per!'informatica

Dettagli

Governance e linee guida tecnicoorganizzative

Governance e linee guida tecnicoorganizzative Allegato 1 Servizio Governance e linee guida tecnicoorganizzative del sistema ICAR-ER INDICE 1. Introduzione 3 1.1 Definizione e Acronimi 3 1.2 Scopo del documento 4 1.3 Destinatari 4 2. Il Sistema ICAR-ER

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 e contesto infrastrutturale regionale 1 2 Modello della rete Architettura delle reti ditelecomunicazioni 3 4 Principali segmenti di rete Rete di accesso

Dettagli

OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna

OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna COMUNE DI OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna PROPOSTA DI DELIBERAZIONE PER LA GIUNTA MUNICIPALE LA GIUNTA MUNICIPALE

Dettagli

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - DELIBERAZIONE

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - DELIBERAZIONE AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - DELIBERAZIONE 12 Luglio 2006, n. 131/06/CSP: Approvazione della direttiva in materia di qualita' e carte dei servizi di accesso a Internet da postazione

Dettagli

Tecnopolis CSATA s.c.r.l. APQ in Materia di Ricerca Scientifica nella Regione Puglia

Tecnopolis CSATA s.c.r.l. APQ in Materia di Ricerca Scientifica nella Regione Puglia BANDO ACQUISIZIONI Prodotti Software ALLEGATO 6 Capitolato Tecnico Allegato 6: capitolato tecnico Pag. 1 1 Introduzione Il presente Capitolato Tecnico disciplina gli aspetti tecnici della fornitura a Tecnopolis

Dettagli

A cura di servizidipagamento.eu 2014

A cura di servizidipagamento.eu 2014 INDICE 1 L evoluzione della normativa dei pagamenti alle P.A. I 1.1 Premessa I 1.2 L apertura al «sistema dei pagamenti» I 1.3 Il quadro normativo della gestione di pagamento alle P.A. II 2 1.4 La semplificazione

Dettagli

SISTEMA E-LEARNING INeOUT

SISTEMA E-LEARNING INeOUT SISTEMA E-LEARNING INeOUT AMBIENTE OPERATIVO 1 Premesse metodologiche La complessità di un sistema informatico dipende dall aumento esponenziale degli stati possibili della sua architettura. Se è vero

Dettagli

Città di Campi Salentina

Città di Campi Salentina Città di Campi Salentina PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Settore 4. Tecnico e Sviluppo Locale N. 141 del Reg. Data 08/07/2013 N. 620 del Reg. Generale OGGETTO PROPOSTA

Dettagli

MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1/6 MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 583206 Descrizione RdO Gestione sistemistica e help desk CIG 597237823D CUP non inserito Criterio di Aggiudicazione

Dettagli

Valutazione delle domande

Valutazione delle domande AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE D USO DEGLI IMMOBILI COMUNALI AD OPERATORI AUTORIZZATI PER LO SVILUPPO DI INFRASTRUTTURE DI RETE WIRELESS (ACCESSO AD INTERNET SU AREE PUBBLICHE, VIDEOSORVEGLIANZA, CONTROLLO

Dettagli

Criteri per la partecipazione degli operatori ai mercati Approvati dal Consiglio di Amministrazione di Borsa Italiana il 23 Novembre 2004

Criteri per la partecipazione degli operatori ai mercati Approvati dal Consiglio di Amministrazione di Borsa Italiana il 23 Novembre 2004 Criteri per la partecipazione degli operatori ai mercati Approvati dal Consiglio di Amministrazione di Borsa Italiana il 23 Novembre 2004 Gli articoli 3.1.3 e 3.2.1 del Regolamento dei Mercati, nonché

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI ECONOMIA E FINANZA 2013 PREMESSA

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI ECONOMIA E FINANZA 2013 PREMESSA Allegato Relazione sull applicazione delle misure di cui alla Legge Finanziaria 2008, art. 2, commi 569-574 Presentato dal Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Monti e dal Ministro dell Economia

Dettagli

COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT)

COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT) COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT) DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 144 del 20/01/2011 OGGETTO: Micro Organizzazione Direzione Innovazione PA - Sistemi Informativi

Dettagli

La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività Prima parte

La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività Prima parte La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività Prima parte Ing. Gianfranco Pontevolpe Responsabile Ufficio Tecnologie per la sicurezza Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione

Dettagli

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 2219 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Approvazione dell'accordo di collaborazione per lo svolgimento di attività di interesse

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

- 5 DiC. Oggetto: Assistenza 2015 , N. Spett.le Comune di Verdellino Provincia di Bergamo. Offerta n. 234/2014 del 04/12/2014 rev.

- 5 DiC. Oggetto: Assistenza 2015 , N. Spett.le Comune di Verdellino Provincia di Bergamo. Offerta n. 234/2014 del 04/12/2014 rev. Spett.le Comune di Verdellino Provincia di Bergamo Offerta n. 234/2014 del 04/12/2014 rev. O Oggetto: Assistenza 2015 Con la presente abbiamo il piacere di formulare l'offerta di assistenza relativa all'annualità

Dettagli

Esempio di Stima dei Costi

Esempio di Stima dei Costi Esempio di Stima dei Costi (Fornitura e gestione di LAN interconnesse in rete per la cooperazione tra amministrazioni) Caratteristiche del progetto 26 LAN con complessivi 800 pdl, ciascuna con un server

Dettagli

Servizio di contabilità analitica, controllo strategico e controllo di gestione erogati in modalità ASP

Servizio di contabilità analitica, controllo strategico e controllo di gestione erogati in modalità ASP Servizio di contabilità analitica, controllo strategico e controllo di gestione erogati in modalità ASP Forum PA, 11-14 maggio 2009 AGENDA Finalità dell iniziativa e attuazione Il modello di riferimento

Dettagli

Memorandum fra Ministero Comunicazioni, Poste Italiane, Agenzie di Recapito e Organizzazioni Sindacali. Premesso e considerato

Memorandum fra Ministero Comunicazioni, Poste Italiane, Agenzie di Recapito e Organizzazioni Sindacali. Premesso e considerato BOZZA Memorandum fra Ministero Comunicazioni, Poste Italiane, Agenzie di Recapito e Organizzazioni Sindacali Premesso e considerato il decreto del Presidente della Repubblica 29 marzo 1973, n. 156 recante

Dettagli

6 crediti Tema d'esame 05/07/2012

6 crediti Tema d'esame 05/07/2012 Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria gestionale, dell'informazione e della produzione GESTIONE SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi Tema d'esame 05/07/2012 T1 (5 punti)- Struttura organizzativa di

Dettagli

Dati delle Pubbliche Amministrazioni

Dati delle Pubbliche Amministrazioni Bari, 24 Luglio 2006 Dati delle Pubbliche Amministrazioni e servizi in rete Dati delle Pubbliche Amministrazioni Codice dell Amministrazione Digitale Capo V, Sez. I, artt. 50-57 1 Art. 50: Disponibilità

Dettagli

Specifica del Servizio Network Operation Center

Specifica del Servizio Network Operation Center Specifica del Servizio Network Operation Center Tipo Documento: Specifica Qualified Exchange Network Scopo del Documento: Il presente documento si prefigge di descrivere la soluzione della SC- QXN relativa

Dettagli

Esempio di Stima dei Costi

Esempio di Stima dei Costi Esempio di Stima dei Costi (Fornitura e gestione di LAN interconnesse in rete per la cooperazione tra amministrazioni) Caratteristiche del progetto 26 LAN con complessivi 800 pdl, ciascuna con un server

Dettagli

LIVELLI DI SERVIZIO E PENALI OPA

LIVELLI DI SERVIZIO E PENALI OPA Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione Allegato 2c alla lettera d invito LIVELLI DI SERVIZIO E PENALI OPA GARA A LICITAZIONE PRIVATA PER L APPALTO DEI SERVIZI DI CONNETTIVITÀ

Dettagli

Specifica del Servizio InterConnessione di QXN

Specifica del Servizio InterConnessione di QXN di QXN Tipo Documento: Specifica Scopo del Documento: Il presente documento si prefigge di descrivere la soluzione della QXN relativa al Servizio di Connettività, sulla base degli elementi in ingresso

Dettagli

Allegato A CAPITOLATO TECNICO

Allegato A CAPITOLATO TECNICO Convenzione per la fornitura di energia elettrica ed.3 Allegato A CAPITOLATO TECNICO Pagina 1 di 13 Indice 1. Oggetto... 3 2. Gestione della fornitura... 6 3. Energia verde... 8 3.1 Certificazione dell

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE Si fornisce qui di seguito risposta a quesiti formulati da società interessate alla gara europea riguardante l affidamento,

Dettagli

Per un governo dei contratti efficace: le regole tecniche su come chiedere, valutare, utilizzare la certificazione in ambito contrattuale

Per un governo dei contratti efficace: le regole tecniche su come chiedere, valutare, utilizzare la certificazione in ambito contrattuale CAPITOLO 7 Marco Gentili Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Per un governo dei contratti efficace: le regole tecniche su come chiedere, valutare, utilizzare la certificazione in

Dettagli

1. FORME DI LAVORO A DISTANZA (TELELAVORO)

1. FORME DI LAVORO A DISTANZA (TELELAVORO) ATTO DI INDIRIZZO ALL ARAN PER LA DISCIPLINA MEDIANTE ACCORDI DELLE FORME CONTRATTUALI FLESSIBILI DI ASSUNZIONE E DI IMPIEGO DEL PERSONALE AI SENSI DELL ART. 36 D.LGS. N.29 DEL 1993 L art. 36, d. lgs.

Dettagli

STAZIONE UNICA APPALTANTE DELLA PROVINCIA DI TREVISO

STAZIONE UNICA APPALTANTE DELLA PROVINCIA DI TREVISO STAZIONE UNICA APPALTANTE DELLA PROVINCIA DI TREVISO BOZZA DI CONVENZIONE L anno duemilaquattordici (2014) addì (.) del mese di in Treviso Via Cal di Breda, 116, nella sede della Provincia di Treviso,

Dettagli

ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO

ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO EDISU PIEMONTE COTTIMO FIDUCIARIO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE, INSTALLAZIONE E GESTIONE DEL SITO WEB ISTITUZIONALE DELL EDISU PIEMONTE CIG [3650361530] CAPITOLATO TECNICO

Dettagli

1. SISTEMA INFORMATICO GESTIONALE

1. SISTEMA INFORMATICO GESTIONALE 1. SISTEMA INFORMATICO GESTIONALE 1.1 Introduzione Il sistema informatico gestionale, che dovrà essere fornito insieme ai magazzini automatizzati (d ora in avanti Sistema Informatico o semplicemente Sistema),

Dettagli

RISPOSTE IN ORDINE AI CHIARIMENTI RICHIESTI AI SENSI DEL PAR. 3 DEL DISCIPLINARE DI GARA

RISPOSTE IN ORDINE AI CHIARIMENTI RICHIESTI AI SENSI DEL PAR. 3 DEL DISCIPLINARE DI GARA Procedura aperta sottosoglia comunitaria, ai sensi del d. lgs. 163/2006, per la realizzazione del portale web dell'istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo RISPOSTE

Dettagli

Allegato 4 CAPITOLATO TECNICO

Allegato 4 CAPITOLATO TECNICO Allegato 4 CAPITOLATO TECNICO Indice 1. Oggetto... 3 2. Caratteristiche della fornitura... 4 3. Gestione della fornitura... 5 4. Servizi connessi... 6 4.1 Call Center... 6 4.2 Responsabile della fornitura...

Dettagli

SCHEDA MULTISERVIZIO TECNOLOGICO PER LE STRUTTURE SANITARIE DELLA REGIONE LAZIO

SCHEDA MULTISERVIZIO TECNOLOGICO PER LE STRUTTURE SANITARIE DELLA REGIONE LAZIO SCHEDA MULTISERVIZIO TECNOLOGICO PER LE STRUTTURE SANITARIE DELLA REGIONE LAZIO Multiservizio tecnologico per le strutture sanitarie della Regione Lazio Il presente caso studio riguarda l affidamento,

Dettagli

Premesso che: Considerato che:

Premesso che: Considerato che: REGIONE PIEMONTE BU39 25/09/2014 Codice DB2101 D.D. 26 maggio 2014, n. 145 Convenzione per la condivisione di esperienze e soluzioni finalizzate allo sviluppo, alla realizzazione, all'avviamento e alla

Dettagli

U.O. Sistema Informativo e Automazione. Misure finalizzate al contenimento della spesa (Art. 2 commi 594-599 della L. 244/2007 Legge Finanziaria 2008)

U.O. Sistema Informativo e Automazione. Misure finalizzate al contenimento della spesa (Art. 2 commi 594-599 della L. 244/2007 Legge Finanziaria 2008) COMUNE DI RAVENNA U.O. Sistema Informativo e Automazione Lett. a. Misure finalizzate al contenimento della spesa (Art. 2 commi 594-599 della L. 244/2007 Legge Finanziaria 2008) La Legge Finanziaria 2008

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PRESTAZIONE DI SERVIZI FORNITI NELL AMBITO DEL SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO REGIONALE (S.I.I.R.)

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PRESTAZIONE DI SERVIZI FORNITI NELL AMBITO DEL SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO REGIONALE (S.I.I.R.) PROTOCOLLO D INTESA PER LA PRESTAZIONE DI SERVIZI FORNITI NELL AMBITO DEL SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO REGIONALE (S.I.I.R.) TRA la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia (di seguito Regione ), con sede

Dettagli

AREA: Settore Amministrativo - Area 2 Servizio Segreteria DETERMINAZIONE n.239/2015 del 22.10.2015. In data 22 ottobre 2015 nella Residenza Municipale

AREA: Settore Amministrativo - Area 2 Servizio Segreteria DETERMINAZIONE n.239/2015 del 22.10.2015. In data 22 ottobre 2015 nella Residenza Municipale PUBBLICAZIONE La presente determinazione è stata pubblicata all'albo Pretorio del Comune il 26/10/2015 e vi rimarrà fino al 05/11/2015. Comune di Mottola Provincia di Taranto Lì 26/10/2015 IL RESPONSABILE

Dettagli

Servizi di Gestione delle Postazioni di Lavoro (Fleet Management)

Servizi di Gestione delle Postazioni di Lavoro (Fleet Management) Servizi di Gestione delle Postazioni di Lavoro (Fleet Management) Procedura di qualificazione per l iscrizione nell elenco dei Fornitori Erogatori di Servizi di Fleet Management per le Aziende Sanitarie

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di intervento, con particolare riferimento alle

Dettagli

Bando per la realizzazione. del nuovo sito web della Fondazione Forum Aterni. e dei servizi connessi

Bando per la realizzazione. del nuovo sito web della Fondazione Forum Aterni. e dei servizi connessi Bando per la realizzazione del nuovo sito web della Fondazione Forum Aterni e dei servizi connessi La Fondazione Forum Aterni intende realizzare ex-novo il proprio Sito Internet e dotarlo di aggiornati

Dettagli

Gara CNIPA per un servizio di contabilità analitica, controllo strategico e controllo di gestione erogati in modalità ASP.

Gara CNIPA per un servizio di contabilità analitica, controllo strategico e controllo di gestione erogati in modalità ASP. Gara CNIPA per un servizio di contabilità analitica, controllo strategico e controllo di gestione erogati in modalità ASP. Roma, 24 maggio 2006 Gianluigi Raiss AREA IPAC - Ufficio Pianificazione e Razionalizzazione

Dettagli

CRITERI DI CONNESSIONE AL SISTEMA DI CONTROLLO DI TERNA

CRITERI DI CONNESSIONE AL SISTEMA DI CONTROLLO DI TERNA Pag. 1 di 11 CRITERI DI CONNESSIONE AL SISTEMA DI CONTROLLO DI TERNA Pag. 2 di 11 INDICE 1 Scopo... 3 2 Campo di applicazione... 3 3 Documenti di riferimento... 3 4 Premessa... 3 5 Descrizione del Sistema

Dettagli

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Gara a procedura aperta n. 1/2007 per l appalto dei Servizi di rilevazione e valutazione sullo stato di attuazione della normativa vigente

Dettagli

Allegato IX A. Informazioni che devono figurare nei bandi e negli avvisi di appalti pubblici

Allegato IX A. Informazioni che devono figurare nei bandi e negli avvisi di appalti pubblici Allegato IX A Informazioni che devono figurare nei bandi e negli avvisi di appalti pubblici AVVISO DI PUBBLICAZIONE DI UN AVVISO DI PREINFORMAZIONE SUL PROFILO DI COMMITTENTE 1. Paese dell'amministrazione

Dettagli

NetSpring si pone all'interno di questo contesto con la propria missione, elemento di qualificazione nella sua ricerca di progresso tecnologico.

NetSpring si pone all'interno di questo contesto con la propria missione, elemento di qualificazione nella sua ricerca di progresso tecnologico. Piano di Organizzazione Aziendale (POA) NetSpring srl. Titolo I Mission Istituzionale La mission aziendale che NetSpring si propone di perseguire consiste nel gestire in modo unitario e coordinato l innovazione

Dettagli

1. Caratteristiche generali

1. Caratteristiche generali Allegato 1 (articolo 1, comma 1) ISTRUZIONI TECNICHE DI CUI AL DECRETO N. 108 DEL 11 MAGGIO 2015 1. Caratteristiche generali Premessa Il nucleo informativo dell AIA è costituito dalla Banca Dati Sinistri

Dettagli

Controllo Strategico e Direzionale 2015 07170/008 DIREZIONE FACILITY MANAGEMENT SERVIZIO CONTROLLO UTENZE E CONTABILITA FORNITORI

Controllo Strategico e Direzionale 2015 07170/008 DIREZIONE FACILITY MANAGEMENT SERVIZIO CONTROLLO UTENZE E CONTABILITA FORNITORI Controllo Strategico e Direzionale 2015 07170/008 DIREZIONE FACILITY MANAGEMENT SERVIZIO CONTROLLO UTENZE E CONTABILITA FORNITORI CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 691 approvata

Dettagli