Lista Civica NOI cittadini Programma Elettorale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lista Civica NOI cittadini Programma Elettorale"

Transcript

1 Lista Civica NOI cittadini Programma Elettorale elezioni amministrative 2014

2 Chi siamo Noi Cittadini ricerca la partecipazione di tutti come metodo per generare i contenuti delle proprie azioni: riteniamo che questa sia la principale buona prassi che ci differenzia dagli altri. La Lista Civica Noi Cittadini si propone come vera e unica alternativa credibile, in discontinuità con l Amministrazione uscente che in 10 anni di governo ha imposto alla comunità e al territorio scelte lontane dai veri interessi dei suoi abitanti, deteriorando le relazioni con i Cittadini. La nostra responsabilità e il nostro impegno sono rivolti a costruire il migliore futuro possibile per San Lazzaro: per noi, per i nostri figli e per i nostri nipoti. Noi Cittadini si è costituita come lista civica in occasione delle elezioni amministrative del 2009 grazie all impegno di donne e uomini del Comune di San Lazzaro di Savena, interessati alla costruzione di un presente e di un futuro sostenibile per la comunità in cui vivono. Nasce dalla necessità di superare le logiche dei partiti che hanno governato il nostro Comune. A partire dai candidati a Sindaco e a Consigliere Comunale, fino a tutte le persone che hanno partecipato alle attività e contribuito con le proprie idee alla stesura di questo programma, il gruppo è composto da Cittadini che hanno a cuore il luogo in cui vivono e la comunità di cui fanno parte. Noi Cittadini è una lista che nasce al di fuori dei partiti (anche se ognuno dei candidati e dei Cittadini che la sostengono ha proprie opinioni politiche ed alcuni hanno aderito in passato o aderiscono ancora, a partiti politici ad altri livelli) proprio per sfuggire a pressioni e direttive che la partitocrazia ha spesso esercitato imponendo scelte strategiche e realtà economico/imprenditoriali a essa vicine ma che poco avevano a che fare con il bene comune. Noi Cittadini si propone di reagire al disinteresse dei partiti tradizionali per la nostra comunità e di riportare al centro dell attenzione la Città e ciò che sta a cuore ai Cittadini. Noi Cittadini individua nella tutela del nostro territorio, nella coesione sociale e nel sostegno alla comunità il centro della propria azione. Siamo pronti a governare il Comune di San Lazzaro di Savena, con la consapevolezza che solo una pubblica Amministrazione animata da vero senso civico, estranea alle imposizioni e alle clientele dei partiti, possa realmente contribuire al buon governo del territorio locale. Per questo chiediamo a tutti i Cittadini di San Lazzaro di accordarci la loro fiducia e di sostenere il nostro impegno indipendentemente dal partito per il quale esprimono la preferenza alle elezioni politiche o a quelle europee.

3 Il nostro programma Nel programma elettorale di Noi Cittadini sono illustrati i temi che più ci stanno a cuore e che puntano a migliorare la qualità della vita di tutti i Cittadini di San Lazzaro. L anima della nostra proposta consiste soprattutto nel rapporto più diretto di collaborazione tra Cittadini e Amministrazione, dove le esigenze che partono dalle persone sono gli obiettivi prioritari da raggiungere per l amministrazione. Vogliamo che le scelte che dovrà fare la nuova amministrazione locale non siano un imposizione, come è successo nel recente passato, ma siano l espressione vera della volontà dei suoi Cittadini. Vogliamo che i Cittadini siano protagonisti delle scelte e delle decisioni che riguardano la loro Città.

4 Il comune è la casa dei cittadini, la costruiremo sull accessibilità, la trasparenza e la competenza Rimozione delle barriere fisiche, tecnologiche e sociali : la città deve essere accessibile a tutti, accessibilità ai luoghi di interesse pubblico, accessibilità ai dati dell amministrazione, accessibilità ai servizi primari e alla formazione. L Amministrazione pubblica dovrà essere più attenta nella gestione delle proprie risorse: Riduzione del numero di Assessori. Riduzione delle consulenze esterne. Valorizzazione delle competenze dei dipendenti comunali. Istituzione dei Consigli di Frazione come organi consultivi permanenti. Bilancio partecipato, trasparente e online quale strumento di democrazia diretta per far progettare e scegliere ai Cittadini quali opere pubbliche realizzare. Eliminazione dei Consigli di Amministrazione delle Istituzioni Sophia e Prometeo. Partecipazione dei Cittadini ai progetti di interesse pubblico. Gestione dei servizi comunali a mezzo di una Società a capitale pubblico controllata dal Comune. Comune online per servizi più efficienti, semplici e rapidi per Cittadini e Imprese. Maggiore controllo e trasparenza sugli appalti. Razionalizzare i consumi nelle strutture pubbliche. Copertura di tutti gli edifici pubblici con impianti fotovoltaici attraverso l azionariato popolare e la detassazione pluriennale degli azionisti. Unione dei Comuni: il progetto, imposto dalla Regione, è per noi insensato nelle modalità e nella scelta dei soggetti: non si comprende quali affinità ci possano essere all interno di un unione che va dal nostro Comune a Monghidoro; riteniamo che sia più coerente con le caratteristiche dei territori lasciare l unione montana così come è stata costituita e proporre un unione con Ozzano verificando inoltre un accordo anche con Castenaso, dal momento che questo Comune non è disposto a entrare nell altra unione (sempre imposta dall alto) con i comuni di pianura.

5 con equità, sussidiarietà e condivisione Il criterio generale sarà quello di ridurre, per quanto possibile, la tassazione locale e, al tempo stesso, introdurre criteri di maggiore equità per la determinazione delle imposte. Detassazione per i Cittadini e/o Imprese che partecipino in accordo con il Comune alla realizzazione o al finanziamento di progetti e opere di interesse pubblico. Azionariato popolare per gli ambiti di pubblico interesse. Revisione della tariffazione sui rifiuti. Passi carrai COSAP applicata solo su richiesta di concessione, adeguando il canone alle tariffe provinciali e impegnandoci a chiudere tutti i contenziosi in merito. Usare la leva fiscale per incentivare il mercato dell affitto. Modifica dell addizionale IRPEF sulla base del modello nazionale progressivo.

6 perchè la promozione della salute inizia dall ambiente in cui si vive Considerato che il tema salute va al di là dell assistenza sanitaria, adottiamo ed applichiamo i principi della Carta di Ottawa con l introduzione nella prassi dell amministrazione della sistematica valutazione dell impatto sulla salute e sul benessere dei cittadini per tutti i programmi e i progetti, anche quando non abbiano come obiettivo principale la salute che va intesa come uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non soltanto un assenza di malattia o di infermità.

7 bisogna spostarsi in maniera più intelligente Migliorare le condizioni complessive di viabilità e sicurezza, ed in particolare: Riprogettare la viabilità della Città eliminando il traffico di attraversamento, completare la complanare utilizzando le risorse destinate a opere inutili come il Passante Nord. È necessario porre mano ai danni provocati dal progetto CIVIS per migliorare la circolazione. Incentivare l utilizzo delle strade extraurbane (ad esempio Via Maestri del Lavoro) anche realizzando la rotonda sulla SP31 incrocio Via Russo (presso la Borgatella). Ridefinire il progetto del nodo di Rastignano impedendo in ogni caso l avvio dei lavori in assenza dei finanziamenti necessari per realizzare l opera completa (occorre scongiurare il rischio di trovarci con la classica opera incompiuta all italiana). Realizzare la proposta elaborata dalla nostra Lista Civica che individua una rete ciclabile in grado di connettere completamente il capoluogo con le frazioni ed i comuni confinanti, ponendo anche attenzione alla realizzazione di depositi/rastrelliere sicure. Mettere in sicurezza gli attraversamenti ciclabili realizzando quelli mancanti sulle direttrici principali (Via Vernizza-Palazzetti, Via Giovanni XXIII, ecc.). Riprogettare la viabilità e i semafori nel quadrante delle vie Poggi, Giovanni XXIII, Di Vittorio, Kennedy allontanando il traffico di attraversamento dal maggiore plesso scolastico della Città dove vanno a scuola i nostri figli. Potenziare il Servizio Ferroviario Metropolitano implementandolo l intermodalità con le linee di autobus e il servizio bici a bordo. Il sabato a piedi al mercato: un progetto per la pedonalizzazione sperimentale di un tratto della Via Emilia che include Piazza Bracci. Parcheggi limitrofi gratuiti il sabato. Rendere le aree urbane completamente accessibili a pedoni, bici e disabili, perché una città più accessibile lo è per tutti. Allargamento della zona Circolaria fino al parcheggio del Cimitero, ora sottoutilizzato, classificandolo come scambiatore visto che è servito da varie linee di trasporto pubblico.

8

9

10 ma valorizzandolo, perchè il territorio può generare economia e lavoro Consideriamo l Agricoltura non solamente un attività economica ma anche un agente positivo per la tutela del territorio, sia degli habitat che dei paesaggi, per la conservazione del suolo, per la biodiversità naturale, per la gestione dei bacini idrici e per il sequestro dell anidride carbonica. Per tutte queste attività ci sembrano prioritarie alcune scelte: Considerare la coesione sociale come primaria fonte di sicurezza sul territorio. Indirizzare ed incentivare la vocazione agricola del territorio promuovendo fortemente la nascita di imprese agricole o aziende legate alla trasformazione dei prodotti del territorio. Censire i terreni incolti e non utilizzati per favorire la nascita di cooperative agricole anche a partecipazione popolare. Promozione dell agricoltura biologica. Promozione dei mercatini locali, delle relazioni dirette tra produttori e consumatori, dell aiuto reciproco e solidale nello svolgimento della vita quotidiana, dello scambio gratuito di beni e servizi fra i cittadini in tutte le sue forme, mettendo a disposizione spazi fisici e informatici per mitigare gli effetti della ridotta disponibilità economica. Intendiamo sostenere e promuovere lo sviluppo delle aziende artigianali locali affinché il lavoro manuale si rigeneri sul nostro territorio in termini di competenze, occupazione, presidio sociale e non ultimo sviluppo dell economia della città. Favorire la nascita di Cooperative di comunità per sviluppare l economia locale, sostenendo piccoli progetti a favore dei disoccupati per interventi comunali di manutenzione. Creare o adottare una valuta complementare locale, cioè un buono locale di solidarietà che rappresenta uno sconto per aiutare i cittadini e i negozianti. Agevolare la formazione della cultura d impresa attraverso corsi e incontri per giovani diplomati/laureati con al presenza di Aziende e Università. Individuare strutture pubbliche o private (capannoni dismessi) per la realizzazione di uffici condivisi e co-working, dove sia possibile mettere in pratica le idee imprenditoriali giovanili creando strutture a basso costo con servizi in comune. Finanziamenti europei: molti dei punti fissati nel nostro programma sono in possesso delle caratteristiche necessarie per accedere ai finanziamenti europei che sono previsti nel nuovo programma HORIZON 2020, che prevede specifiche linee di contributi per lo sviluppo di Società inclusive e sicure.

11 salvaguardare il territorio non costruendo più nuove case Approvazione di un nuovo Piano Operativo Comunale elaborato attraverso un percorso/ laboratorio di vera urbanistica partecipata. Alcune delle nostre priorità Censimento degli alloggi sfitti a San Lazzaro. Piano urbanistico di Idice: analizzare gli accordi sottoscritti per aprire un tavolo di confronto con le parti interessate al fine di valutare se nell attuale contesto socio-economico vi siano ancora le motivazioni per la sua realizzazione o se invece non si possa rivedere, modificandone i contenuti in base alle attuali esigenze. Stop all urbanizzazione del centro Città: sospensione dei Piani Urbanistici Attuativi che prevedono la distruzione di aree verdi esistenti e di boschi urbani (pubblici o privati che siano) come, ad esempio: Eternedile per il parco di Via Poggi, la prevista espansione della Casa di Cura RSA per il parco di Via Jussi (da anni utilizzato dagli Scout), il bosco urbano di Via di Vittorio minacciato dal un progetto che prevede la costruzione di un supercondominio di 7 piani alto 27 metri, l eccessivo consumo di verde pubblico del parco della Pace di Mura di San Carlo. In queste, come in altre aree simili, proponiamo la progettazione di parchi giochi e di boschi urbani a disposizione dei Cittadini. Favorire la delocalizzazione delle industrie ancora presenti nel centro Città in aree industriali idonee, da proporre a particolari condizioni, che prevedano anche la defiscalizzazione degli utili per cinque anni. Piazza Bracci: rimettere in discussione il progetto imposto dalla precedente amministrazione chiedendo, tramite una consultazione popolare, il parere dei cittadini e proponendo soluzioni alternative, magari meno costose, che non ne cambino l identità storica pur migliorandone l aspetto. Demolizione dell orrenda fontana, tanto basterebbe per ridare un aspetto dignitoso alla nostra piazza. Verifica su tutto il territorio, frazione per frazione, della presenza e dello stato di manutenzione delle dotazioni di base e di strutture di aggregazione più richieste dai cittadini (aree gioco bambini piccoli, sgambatura cani, campetti sportivi gratuiti) e pianificazione della realizzazione di quelle mancanti, per uscire dalla logica della frammentazione e delle disparità. Stop assoluto al consumo di territorio vergine. La nostra idea di urbanistica è orientata esclusivamente alla riqualificazione urbana, al miglioramento energetico e antisismico degli edifici e al completamento del piano di riqualificazione del comparto di Via Caselle.

12 anche riprogettando il ciclo dei rifiuti che sono una risorsa per la città e non un problema Progettare la raccolta dei materiali nobili (per es. elettrici ed elettronici, metalli, ecc.) per generare sensibili risparmi sulle tariffe. Favorire l ingresso, sul territorio, di soggetti imprenditoriali per la gestione dei materiali nobili. Riprogettare la raccolta differenziata per raggiungere l obiettivo dell 80% con forti incentivi riconosciuti ai Cittadini virtuosi. Progettare e incentivare l utilizzo di prodotti sfusi e della distribuzione alla spina per ridurre gli imballi. Realizzazione di piccole stazioni ecologiche nelle frazioni più distanti come Ponticella e vie Toscana e Frank. Uscita dall azionariato vincolato di Hera e sua sostituzione quale attuale gestore della raccolta rifiuti Hera con differente società, cooperativa o società in house, che abbia come proprio obiettivo il massimo riciclaggio e non l incenerimento dei rifiuti; rimodulazione tariffa rifiuti: chi più inquina più paga.

13 Noi pensiamo a una scuola sempre aperta La scuola può essere vista come un luogo di aggregazione e attività oltre il normale orario d apertura, per sviluppare attività ricreative all insegna dei valori sociali, dell arte, della creatività, della produzione intellettuale collettiva e dello sport. Per questo intendiamo incentivare le iniziative che consentano di: mantenere un forte legame con il territorio in termini di natura (parchi naturali grotte calanchi allevamenti - coltivazioni), cultura ed arte (musei mostre), realtà produttiva (visita alle principali realtà locali); praticare nei 5 anni delle elementari discipline multi sport gestite da società sportive; promuovere corsi extrascolastici di sostegno all integrazione per i bambini con insufficiente padronanza della lingua italiana; riappropriarsi dei servizi comunali per la gestione degli asili nido e, ove possibile, reinserire le cucine interne alle scuole, al fine di migliorare servizio e qualità e, al contempo, ridurre gli sprechi; utilizzare prodotti freschi per la mensa scolastica derivanti da prodotti biologici e il più possibile di produzione locale; promuovere il volontariato di studenti delle scuole medie superiori e universitari, in accordo con gli istituti di provenienza, a sostegno del recupero presso le scuole elementari e medie inferiori. Per quanto riguarda gli edifici scolastici, è nostra intenzione: Verificare il livello d inquinamento acustico e di PM 10 e 2,5 in tutte le scuole di San Lazzaro con provvedimenti conseguenti di messa a norma per proteggere il più possibile le scuole da smog e rumori. Progettare la ricostruzione e l ampliamento delle Scuole Donini e portare a termine le ristrutturazioni già previste in base alla relazione sull edilizia scolastica. Approfondire e verificare la presenza di amianto ed altri inquinanti nelle scuole e nei locali pubblici. Scuole a chilometri zero: incentivare i percorsi pedonali e ciclabili.

14 cultura e attenzione per i giovani faranno crescere la nostra città Vogliamo sostenere le realtà culturali che già operano brillantemente sul nostro territorio favorendole anche attraverso la concessione di spazi attualmente non utilizzati. Rilanciare lo spazio degradato e inutilizzato della zona antistante la stazione ferroviaria per trasformarlo in polo artistico e culturale della città. Valorizzare la cultura del fare, costruire e riparare, attraverso corsi per recuperare i saperi delle mani, per imparare nuovamente a usare quelle capacità che negli ultimi 30 anni sono andate perdute: manualità e creatività devono essere coltivate con vigore. Promuovere e programmare iniziative teatrali-musicali-artistiche-culturali negli spazi che il Comune si è riservato contrattualmente con i Circoli. Progettare, utilizzando aree industriali dismesse, luoghi di studio artistico per i giovani e punti di aggregazione per band musicali giovanili, incentivando la loro partecipazione in varie forme e allestendo luoghi in cui le loro idee vengano ascoltate. Individuare e progettare uno spazio multiculturale per i ragazzi anni, complementare alla Mediateca, dove sia possibile organizzare degli spazi autogestiti per letteratura, teatro, storia, musica, cinema, arte nella varie discipline. Sviluppare la vocazione turistica del nostro territorio, valorizzandone le peculiarità paesaggistiche, il circuito delle ville di pregio e la tradizione manifatturiera storica che ha dato origine a realtà come Osca Maserati, Malaguti, Italjet e Officine OM. Inserire la Città di San Lazzaro nei circuiti turistico-culturali, verificando ad esempio la possibilità di collaborare con Bologna Welcome e la Federazione Italiana Amici della Bicicletta. Ripensare l area dell attuale stadio per renderla totalmente fruibile. Rivitalizzare i parchi pubblici con tornei sportivi estivi anche nelle varie strutture all aperto. Evoluzione del progetto di prevenzione dipendenze (non solo sostanze ) con la creazione di una rete territoriale permanente fondata sulle realtà già esistenti e la promozione di iniziative tese a premiare gli esercenti che collaborano attivamente al progetto di prevenzione. Allontanamento delle sale scommesse/sale gioco da San Lazzaro. Impossibilità di tenere slot-machine e simili in locali che hanno contratti o collaborazioni con il Comune. Patrocinio alle associazioni di volontariato già presenti nel nostro territorio: rafforzare le collaborazioni reciproche già in essere e progettarne di nuove.

15 I candidati Massimo BERTUZZI candidato alla carica di sindaco Ornella BATTAGLIA Enzo BIONDI Lorenzo BOLOGNINI Lucia BONINSEGNA Fabio CERE Barbara DELLA PORTA Fabio CRISTIANI Letizia FERRETTI Pier Giorgio ERCOLINI Tamara GIOVANNINI Fabio GIOVANARDI Carlotta GRUPPIONI Francesco GUIDI Paola JALLA Luca MELEGA Mara MAZZOTTI Alberto PIRAS Serena MENINI Giovanni RIGGI Leila MONZONI Gianluca ROVERSI Gloria POZZI Giovanni TOSELLI Patrizia TERRIERI candidati alla carica di consigliere comunale

16 Il comune è la casa dei cittadini, la costruiremo sull accessibilità, la trasparenza e la competenza con equità, sussidiarietà e condivisione perchè la promozione della salute inizia dall ambiente in cui si vive bisogna spostarsi in maniera più intelligente salvaguardare il territorio non costruendo più nuove case ma valorizzandolo, perchè il territorio può generare economia e lavoro anche riprogettando il ciclo dei rifiuti che sono una risorsa per la città e non un problema Noi pensiamo a una scuola sempre aperta cultura e attenzione per i giovani faranno crescere la nostra città

Documento programmatico UNA PROVINCIA UTILE

Documento programmatico UNA PROVINCIA UTILE Documento programmatico UNA PROVINCIA UTILE Continuità nel buon governo e innovazione per la cura degli interessi della comunità locale. Introduzione Le elezioni amministrative del 2009 hanno rappresentato

Dettagli

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE PER LA BELLEZZA

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE PER LA BELLEZZA PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE PER LA BELLEZZA Premessa La proposta di un Disegno di Legge che abbia al centro il tema della bellezza trova le sue motivazioni in almeno due obiettivi principali che si vogliono

Dettagli

PIANO NAZIONALE PER IL SUD LE PRIORITA PER LA STRATEGIA DI RIPRESA SVILUPPO DEL MEZZOGIORNO

PIANO NAZIONALE PER IL SUD LE PRIORITA PER LA STRATEGIA DI RIPRESA SVILUPPO DEL MEZZOGIORNO PIANO NAZIONALE PER IL SUD LE PRIORITA PER LA STRATEGIA DI RIPRESA SVILUPPO DEL MEZZOGIORNO 1. Il Piano Nazionale per il Sud e il futuro della politica di coesione Il Piano nazionale per il Sud interviene

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Strategia d azione ambientale per lo sviluppo sostenibile in Italia Approvata dal CIPE il 2 agosto 2002 con Deliberazione n. 57 Pubblicata nella Gazzetta

Dettagli

IL MARKETING TERRITORIALE: UNA LEVA PER LO SVILUPPO?

IL MARKETING TERRITORIALE: UNA LEVA PER LO SVILUPPO? Liuc Papers, n. 214, Serie Economia e Istituzioni 21, marzo 2008 IL MARKETING TERRITORIALE: UNA LEVA PER LO SVILUPPO? Sergio Zucchetti Indice Premessa pag. 1 Introduzione pag. 4 1. Sviluppo storico del

Dettagli

LE MARCHE CHE NOI VOGLIAMO

LE MARCHE CHE NOI VOGLIAMO LE MARCHE CHE NOI VOGLIAMO LA CULTURA L ALTERNATIVA ALLA CRISI PER UNA NUOVA IDEA DI PROGRESSO Le elezioni regionali si terranno a maggio 2015 e le Associazioni sottoscriventi intendono fornire un proprio

Dettagli

AZIONE per UN TURISMO EUROPEO PIÚ SOSTENIBILE

AZIONE per UN TURISMO EUROPEO PIÚ SOSTENIBILE Si ringrazia il governo italiano (Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo) per avere fornito la versione italiana di questo rapporto. AZIONE

Dettagli

IPOTESI PER UN PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DEL COMPARTO EDUCATIVO E FORMATIVO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

IPOTESI PER UN PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DEL COMPARTO EDUCATIVO E FORMATIVO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO IPOTESI PER UN PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DEL COMPARTO EDUCATIVO E FORMATIVO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO L opera del maestro non deve consistere nel riempire un sacco ma nell accendere una fiamma

Dettagli

Agenda Digitale Locale Guida per la gestione Comunale dell Ambiente. Come avviare una politica ambientale con il supporto delle nuove tecnologie

Agenda Digitale Locale Guida per la gestione Comunale dell Ambiente. Come avviare una politica ambientale con il supporto delle nuove tecnologie Agenda Digitale Locale Guida per la gestione Comunale dell Ambiente Come avviare una politica ambientale con il supporto delle nuove tecnologie 5 Ancitel Associazione Comuni Virtuosi LA GESTIONE COMUNALE

Dettagli

IL PIANO DEL LAVORO CREARE LAVORO PER DARE FUTURO E SVILUPPO AL PAESE. Conferenza di Programma CGIL 25-26 gennaio 2013

IL PIANO DEL LAVORO CREARE LAVORO PER DARE FUTURO E SVILUPPO AL PAESE. Conferenza di Programma CGIL 25-26 gennaio 2013 IL PIANO DEL LAVORO 2013 CREARE LAVORO PER DARE FUTURO E SVILUPPO AL PAESE Conferenza di Programma CGIL 25-26 gennaio 2013 Il testo del Piano del Lavoro è aperto al confronto e ai contributi delle strutture

Dettagli

la città si*cura Progetto realizzato dalla Consulta delle Elette del Piemonte

la città si*cura Progetto realizzato dalla Consulta delle Elette del Piemonte la città si*cura L approccio di genere alla sicurezza urbana: manuale di interventi sulla città per la sicurezza delle donne e delle persone più vulnerabili Progetto realizzato dalla Consulta delle Elette

Dettagli

la buona scuola Sintesi linee guida

la buona scuola Sintesi linee guida la buona scuola Sintesi linee guida A cura del Gruppo PD VII Commissione della Camera dei deputati Settembre 2014 Indice La buona scuola in 12 punti...3 Introduzione...4 Capitolo 1 Assumere tutti i docenti...5

Dettagli

Il futuro che vale Per un partito democratico, solidale, europeo. Gianni Pittella

Il futuro che vale Per un partito democratico, solidale, europeo. Gianni Pittella . Il futuro che vale Per un partito democratico, solidale, europeo. Gianni Pittella 1 UN PAESE DA RICOSTRUIRE Sono almeno 25 anni che il nostro Paese si è sostanzialmente fermato e seduto. Ma tutto questo

Dettagli

Guida alla realizzazione di un servizio per la prima infanzia

Guida alla realizzazione di un servizio per la prima infanzia Guida alla realizzazione di un servizio per la prima infanzia anno 2008 29 1 GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DI UN SERVIZIO PER LA PRIMA INFANZIA ANNO 2008 a cura di Nardini Laura P.O. Ufficio politiche e coordinamento

Dettagli

Linee PER LO SVILUPPO DI ATTIVITA VOLTE A CONTRASTARE LA SOLITUDINE E L ISOLAMENTO DELLE PERSONE ANZIANE

Linee PER LO SVILUPPO DI ATTIVITA VOLTE A CONTRASTARE LA SOLITUDINE E L ISOLAMENTO DELLE PERSONE ANZIANE AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE DIREZIONE GENERALE SANITÀ E POLITICHE SOCIALI SERVIZIO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA E DELLE POLITICHE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA AREA INNOVAZIONE SOCIALE Linee

Dettagli

DOCUMENTO STRATEGICO PER LO SVILUPPO RURALE PROGRAMMAZIONE 2014-2020

DOCUMENTO STRATEGICO PER LO SVILUPPO RURALE PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DOCUMENTO STRATEGICO PER LO SVILUPPO RURALE PROGRAMMAZIONE 2014-2020 SETTEMBRE 2013 Sommario 1 Il quadro di riferimento 1.1 La Politica Agricola Comune 1.2 Gli obiettivi tematici e le priorità per i PSR

Dettagli

Agricoltura sociale: se l agricoltura batte il

Agricoltura sociale: se l agricoltura batte il Agricoltura sociale: se l agricoltura batte il 5 Federazione Italiana Gruppi Coltivatori Sviluppo FEDERSVILUPPO ASSOCIAZIONE REGIONALE DEL PIEMONTE FEASR Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale L

Dettagli

Progetto Life Mo.Re.&Mo.Re.

Progetto Life Mo.Re.&Mo.Re. Progetto Life Mo.Re.&Mo.Re. STRUMENTI PRATICI PER UNA VIRTUOSA ED EFFICACE GESTIONE DEI RIFIUTI PREMESSA Il Mo.Re.&Mo.Re., progetto europeo LIFE+, cofinanziato dalla regione Lazio ed iniziato nel Gennaio

Dettagli

dal Capitolo nazionale alla Carta del coraggio

dal Capitolo nazionale alla Carta del coraggio dal Capitolo nazionale alla Carta del coraggio settembre 2014 In più occasioni ed in diversi luoghi abbiamo ripercorso le ragioni della scelta di una Route nazionale della Branca R/S e l itinerario attraverso

Dettagli

Commissione di studio e di indirizzo sul futuro della formazione in Italia RAPPORTO SUL FUTURO DELLA FORMAZIONE IN ITALIA

Commissione di studio e di indirizzo sul futuro della formazione in Italia RAPPORTO SUL FUTURO DELLA FORMAZIONE IN ITALIA Commissione di studio e di indirizzo sul futuro della formazione in Italia RAPPORTO SUL FUTURO DELLA FORMAZIONE IN ITALIA Roma, 10 novembre 2009 La Commissione, istituita con Decreto del Ministro del Lavoro

Dettagli

Amministrare con i cittadini

Amministrare con i cittadini Amministrare con i cittadini Viaggio tra le pratiche di partecipazione in Italia I RAPPORTI Rubbettino Negli ultimi anni le esperienze di coinvolgimento dei cittadini da parte delle pubbliche amministrazioni

Dettagli

la cura del tempo l esperienza delle Banche del tempo a Roma segni Strumenti Interculturali

la cura del tempo l esperienza delle Banche del tempo a Roma segni Strumenti Interculturali la cura del tempo l esperienza delle Banche del tempo a Roma segni Strumenti Interculturali Dipartimento Comunicazione Tutela dei diritti dei cittadini la cura del tempo l esperienza delle Banche del tempo

Dettagli

Le donne e lo sviluppo rurale. Per garantire. un futuro. all'europa rurale. Commissione europea Direzione Generale Agricoltura

Le donne e lo sviluppo rurale. Per garantire. un futuro. all'europa rurale. Commissione europea Direzione Generale Agricoltura Commissione europea Direzione Generale Agricoltura Le donne e lo sviluppo rurale Per garantire un futuro all'europa rurale Numerose altre informazioni sull'unione europea sono disponibili su Internet via

Dettagli

SALUTE 2020. Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere

SALUTE 2020. Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere SALUTE 2020 Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere Pubblicato in inglese dall WHO Regional Office for Europe

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

exz ÉÇx _té É DOCUMENTO STRATEGICO PRELIMINARE 2007-2013 22 marzo 2006

exz ÉÇx _té É DOCUMENTO STRATEGICO PRELIMINARE 2007-2013 22 marzo 2006 exz ÉÇx _té É DOCUMENTO STRATEGICO PRELIMINARE 2007-2013 22 marzo 2006 Vers_22_marzo_ 2006 INDICE Presentazione.......2 1. IL SISTEMA REGIONE...4 1.1 Analisi di contesto... 4 1.1.1 Caratteri strutturali

Dettagli

CARTA EUROPEA PER L UGUAGLIANZA E LA PARITA. delle donne e degli uomini nella vita locale

CARTA EUROPEA PER L UGUAGLIANZA E LA PARITA. delle donne e degli uomini nella vita locale [ [ LA CARTA EUROPEA PER L UGUAGLIANZA E LA PARITA delle donne e degli uomini nella vita locale Presentata agli Stati Generali del CCRE Innsbruck Maggio 2006 Scritta dal CCRE nel quadro del V Programma

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

Questioni e Documenti I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI NEGLI ISTITUTI PER MINORI

Questioni e Documenti I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI NEGLI ISTITUTI PER MINORI Questioni e Documenti I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI NEGLI ISTITUTI PER MINORI Questioni e Documenti Quaderni del Centro nazionale di documentazione e analisi per l infanzia e l adolescenza I BAMBINI E GLI

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Settembre 2012 RESPONSABILITÀ, CONTRIBUTI E RINGRAZIAMENTI

Dettagli