Giovanni Verga L AUTORE L AUTORE L OPERA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giovanni Verga L AUTORE L AUTORE L OPERA"

Transcript

1 Giovanni Verga L AUTORE Giovanni Verga ( ) nacque a Catania e, dopo gli studi medi, si iscrisse alla facoltà di legge presso l università di Catania. Tuttavia, per seguire la sua vocazione alla letteratura, interruppe gli studi universitari e si recò nel 1865 a Firenze e poi nel 1872 a Milano, entrando in contatto con molti letterati di quell epoca, tra cui Luigi Capuana ( ) e Federico De Roberto ( ). Aveva intanto scritto i romanzi storico-sentimentali Amore e patria (1857), I carbonari della montagna (1861) e Sulle lagune (1863). Ancora di stampo romantico sono i successivi Una peccatrice (1866), Storia di una capinera (1871), Eva (1873), Eros (1874), Tigre reale (1875), che gli procurarono un grande successo. Intanto egli si andava avvicinando al Verismo, e su questa linea scrisse il bozzetto di vita siciliana Nedda (1874), seguito a breve distanza da due raccolte di novelle: Vita dei campi (1880, che contiene alcuni dei titoli più famosi come Cavalleria rusticana, La Lupa, L amante di Gramigna e Rosso Malpelo) e Novelle rusticane (1883, che comprende La roba e Libertà). Nel frattempo diede inizio all attività teatrale: il dramma Cavalleria rusticana (1884), musicato da Pietro Mascagni, inaugurò il teatro verista, mentre maturava in lui il progetto di un ciclo di romanzi intitolato I vinti; avrebbero dovuto essere cinque, ma solo due vennero portati a termine: I Malavoglia (1881) e Mastro-don Gesualdo (1889), mentre rimasero incompiuti La duchessa di Leyra, L onorevole Scipioni e L uomo di lusso. Nel 1882 il Verga si era recato a Londra ma dal 1893 si stabilì definitivamente a Catania, dove si rinchiuse in un progressivo isolamento, da cui non riuscì a farlo emergere neppure la nomina a senatore, che ricevette nel 1920, due anni prima della morte, avvenuta a Catania. L AUTORE L OPERA Con I Malavoglia (uscito nel 1881) si apre il ciclo dei vinti progettato dal Verga. Il romanzo è ambientato negli anni che vanno dal 1864 al La famiglia Toscano, detta appunto Malavoglia nel villaggio siciliano di Aci Trezza dove vivono, ha una discreta fortuna economica: possiede infatti una casa (la casa del nespolo ), una barca da pesca (la Provvidenza ) e qualche soldo. Con denaro preso a prestito i Malavoglia decidono di tentare la fortuna commerciando un carico di legumi (i lupini di cui si parla nel testo). La barca viene colta dalla tempesta e insieme al carico di lupini sparisce nelle onde del mare infuriato il capofamiglia, Bastianazzo. Il vecchio padron Ntoni, sua moglie Maruzza, detta la Longa, e i nipoti Ntoni, Luca, Alessi, Mena e Lia si stringono insieme cercando di far fronte all avverso destino. Ma Luca viene richiamato alle armi e morirà nella battaglia di Lissa del 1866, uno degli episodi più tristemente celebri della terza guerra di Indipendenza; la casa del nespolo viene presa dai creditori e il giovane Ntoni, disperato, si dà al contrabbando e finisce in galera. Anche le donne di casa Toscano sono segnate da un destino di sofferenza: Lia va a vivere in città, dove si dà a una vita disonesta; Mena, a causa delle ristrettezze economiche della famiglia, rimane priva di dote e deve rinunciare a sposare compare Alfio; Maruzza muore di colera. Il vecchio padron Ntoni finisce all ospedale, dove si spegne nel dolore e nella delusione. Solo più tardi Alessi, il più giovane, riuscirà a riscattare la casa del nespolo, dove una notte si recherà in un ultimo addio Ntoni che, sopraffatto dai ricordi e dal rimorso, si allontanerà per sempre. Il destino dei singoli è intrecciato con quello collettivo, cui fa da sfondo la storia d Italia nei primi anni dopo l Unità, con tutti i suoi problemi irrisolti (la coscrizione obbligatoria che allontana i giovani portando via braccia alla terra, le tasse da pagare): ogni tentativo di ribellione viene subito soffocato da un tragico destino che non lascia intravedere nessuno spiraglio di luce verso un futuro migliore. Il linguaggio e la tecnica narrativa, che si avvale del discorso indiretto alternato con il discorso indiretto libero*, l adozione del punto di vista* di un supposto narratore popolare o del coro paesano, la sintassi popolare, caratterizzata dalla paratassi e dall uso improprio del che, permettono al Verga di attuare il criterio stilistico-strutturale dell impersonalità, e di sostituire al realismo ottocentesco un nuovo tipo di realismo (detto appunto Verismo) in cui non è l autore a trasmettere la propria visione del mondo ma sono i personaggi stessi che, attraverso le loro storie e il loro modo di interpretare la realtà, riflettono il vissuto che compone il mosaico della loro vita. 1

2 Il romanzo percorso 05 Giovanni Verga Una brutta domenica di settembre Siamo all inizio del terzo capitolo (il più breve) del romanzo, dedicato a una sola giornata: la domenica successiva al giorno della partenza della Provvidenza carica di lupini. Il tempo non promette nulla di buono e viene anzi introdotto il tema della tempesta che determinerà il naufragio della Provvidenza. Il coro dei paesani commenta in modo diverso il sopraggiungere della pioggia: c è chi (come padron Cipolla) si limita a esprimere un indifferenza cinica nei confronti di coloro che vogliono arricchire, o chi, come la famiglia dei Malavoglia, trepida per le sorti della barca. La lunga e lenta descrizione è vissuta dal punto di vista dei paesani e le metafore e le similitudini a cui l autore ricorre per rappresentare la situazione mostrano bene l artificio di regressione della tecnica narrativa, ovvero l adozione del punto di vista* dal basso e non di quello del narratore onnisciente*, che non è mai presente nella narrativa verghiana. Dopo la mezzanotte il vento s era messo a fare il diavolo, come se sul tetto ci fossero tutti i gatti del paese, 1 e a scuotere le imposte. Il mare si udiva muggire attorno ai fariglioni 2 che pareva ci fossero riuniti i buoi della fiera di S. Alfio, 3 e il giorno era apparso nero peggio dell anima di Giuda. 4 Insomma una brutta domenica di settembre, di quel settembre traditore che vi lascia andare un colpo di mare fra capo e collo, come una schioppettata 5 tra i fichidindia. 6 Le barche del villaggio erano tirate sulla spiaggia, e bene ammarrate 7 alle grosse pietre sotto il lavatoio; 8 perciò i monelli si divertivano a vociare e fischiare quando si vedeva passare in lontananza qualche vela sbrindellata, 9 in mezzo al vento e alla nebbia, che pareva ci avesse il diavolo in poppa; le donne invece si facevano la croce, quasi vedessero cogli occhi la povera gente che vi era dentro. 10 Maruzza la Longa 11 non diceva nulla, com era giusto, ma non poteva star ferma un momento, e andava sempre di qua e di là, per la casa e pel cortile, che pareva una gallina quando sta per far l uovo. 12 Gli uomini erano all osteria, e nella bottega di Pizzuto, 13 o sotto la tettoia del beccaio, 14 a veder piovere, col naso in aria. Sulla riva c era soltanto padron Ntoni, 15 per quel carico di lupini che ci aveva 1 fare il diavolo... del paese: l autore regredisce qui nell ottica di un narratore popolare, che descrive ciò che vede partendo dalla sua esperienza in cui il diavolo e i gatti del paese rientrano come termini di paragone conosciuti. Il vento sembra qui un essere animato e vivo, pronto a danneggiare e capace di portare a perdizione. 2 ai fariglioni: i massi che punteggiavano le coste opponendosi al mare che muggiva intorno come una bestia inferocita. 3 fiera di S. Alfio: la fiera paesana in cui si vendevano e compravano i buoi. Il muggito degli animali riuniti in quell occasione è paragonato al rumore del mare infuriato, nell artificio di regressione che caratterizza questo inizio di capitolo. 4 peggio dell anima di Giuda: ancora un punto di vista popolare, che si serve di un modo di dire comune tra la gente umile. 5 un colpo... schioppettata: il mare sembra qui un essere vivente, capace di sparare un colpo che uccide. 6 tra i fichidindia: lo sparo, a cui è paragonato il colpo mortale inferto dal mare (e l autore anticipa qui il clima del disastro che coglierà la barca), è tirato tra le piante di fichidindia, a tradimento. 7 ammarrate: ormeggiate, legate saldamente. 8 lavatoio: lastra di pietra o tavola sulla quale si lavano i panni. 9 sbrindellata: fatta a pezzi dal vento. Viene qui presentata un immagine che sarà un motivoguida del capitolo: la barca con le vele sbrindellate dalla tempesta potrebbe essere quella dei Malavoglia. E si fa anche riferimento alla crudeltà e al cinismo tipico del mondo paesano, di cui i ragazzi che si divertono fanno parte, per cui le disgrazie altrui non riguardano se non colui al quale capitano. 10 le donne... vi era dentro: le donne, al contrario, hanno un atteggiamento di compassione: pensano ai figli e ai mariti che lottano per la vita. Anche questo è un atteggiamento tipico del mondo paesano. 11 Maruzza la Longa: i personaggi verghiani hanno quasi tutti dei nomi che corrispondono a qualche loro qualità fisica o alla loro condizione all interno del gruppo. Maruzza è detta dai compaesani la Longa per la sua alta statura. 12 una gallina quando sta per far l uovo: è ancora un esempio di zoomorfismo dell arte verghiana, per cui si attribuiscono alle persone comportamenti definibili attraverso similitudini tratte dal mondo animale. La gallina quando sta per fare l uovo gira qua e là con irrequietezza, cercando il luogo adatto. 13 Pizzuto: Vanni, detto Pizzuto, è il barbiere del paese. 14 beccaio: macellaio. 15 padron Ntoni: è il vecchio della famiglia dei Malavoglia, padrone della barca che si trova sulle onde. 2

3 in mare colla Provvidenza 16 e suo figlio Bastianazzo per giunta, e il figlio della Locca, 17 il quale non aveva nulla da perdere lui, e in mare non ci aveva altro che suo fratello Menico, nella barca dei lupini. Padron Fortunato Cipolla, 18 mentre gli facevano la barba, nella bottega di Pizzuto, diceva che non avrebbe dato due baiocchi 19 di Bastianazzo e di Menico della Locca, colla Provvidenza e il carico dei lupini. Adesso tutti vogliono fare i negozianti, per arricchire! diceva stringendosi nelle spalle; e poi quando hanno perso la mula vanno cercando la cavezza. 20 Nella bettola di suor Mariangela la Santuzza 21 c era folla: quell ubbriacone di Rocco Spatu, il quale vociava e sputava per dieci; compare Tito Piedipapera, mastro Turi Zuppiddo, compare Mangiacarrubbe, 22 don Michele il brigadiere delle guardie doganali, 23 coi calzoni dentro gli stivali, e la pistola appesa al ventre, quasi dovesse andare a caccia di contrabbandieri con quel tempaccio, e compare Mariano Cinghialenta. Quell elefante di mastro Turi Zuppiddo andava distribuendo per ischerzo agli amici dei pugni che avrebbero accoppato 24 un bue, come se ci avesse ancora in mano la malabestia di calafato, 25 e allora compare Cinghialenta si metteva a gridare e bestemmiare, per far vedere che era uomo di fegato 26 e carrettiere. Lo zio Santoro, raggomitolato sotto quel po di tettoia, davanti all uscio, aspettava colla mano stesa che passasse qualcheduno per chiedere la carità. Tra tutte e due, padre e figlia, disse compare Turi Zuppiddo devono buscarne 27 dei bei soldi, con una giornata come questa, e tanta gente che viene all osteria. Bastianazzo Malavoglia sta peggio di lui, a quest ora, rispose Piedipapera e mastro Cirino 28 ha un bel suonare la messa; ma i Malavoglia non ci vanno oggi in chiesa; sono in collera con Domeneddio, 29 per quel carico di lupini che ci hanno in mare. Il vento faceva volare le gonnelle 30 e le foglie secche, sicché Vanni Pizzuto col rasoio in aria, teneva pel naso quelli a cui faceva la barba, per voltarsi a guardare chi passava, e si metteva il pugno sul fianco, coi capelli arricciati e lustri 31 come 16 Provvidenza: è la barca di padron Ntoni. Il nome contrasta apertamente col significato che esprime e rappresenta il rovesciamento di valori operatosi da Manzoni a Verga. Nel primo dei due, la Provvidenza è la presenza di Dio nella vita dell uomo, e guida e sorregge la storia dei singoli e della collettività volgendo in bene anche il male; nello scrittore catanese Provvidenza è il nome della barca che, con l affondamento del carico che trasporta, rappresenta una sorta di destino negativo che perseguita i Malavoglia, elevati simbolicamente a rappresentazione dell umanità intera. 17 il figlio della Locca: altro personaggio secondario che fa parte del coro paesano. Locca significa scema. 18 Padron Fortunato Cipolla: padrone di una paranza, ovvero una barca a vela per la pesca, padron Cipolla esprime l indifferenza cinica del paese nei confronti della disavventura che può capitare (e che capiterà) alla Provvidenza. 19 due baiocchi: due soldi. Il baiocco era una moneta d argento o di rame in uso nello Stato Pontificio fino al 1866, ma il termine baiocco significa anche soldo di poco valore. 20 poi... la cavezza: è un proverbio popolare che fornisce la morale dell episodio: il desiderio di stare meglio diviene la rovina delle famiglie, e ci si pente quando è troppo tardi, come quando, perduto l animale, se ne va cercando il collare per legarlo (cavezza). 21 suor Mariangela la Santuzza: non una suora, ma la padrona della bettola. Suora significa sorella, ma nella parlata locale signora. Qui, una volta di più, i nomi sono parlanti : l appellativo di suora unito al soprannome Santuzza dà un immagine di donna pia e virtuosa. 22 Piedipapera... Mangiacarrubbe: altri nomi parlanti : Piedipapera è così chiamato perché zoppo; Mangiacarrubbe dà l idea di uno che mastica continuamente carrube, o che mangia solo quelle perché non ha altro. 23 guardie doganali: le guardie preposte al servizio della dogana. La dogana è l ufficio fiscale che ha l incarico di riscuotere i tributi cui sono sottoposte le merci che entrano o escono dal territorio dello Stato. 24 accoppato: ammazzato. 25 malabestia di calafato: la malabestia è un utensile che serve per introdurre la stoppa fra i punti d incastro delle tavole dello scafo delle barche, prima di cospargerle di catrame per renderle stagne. Il calafato è l operaio che compie l azione del calafatare, ovvero stoppare e rincatramare le fessure del fasciame di un imbarcazione in legno per renderlo impermeabile. Tutta l espressione, ricavata come sempre dall esperienza quotidiana dei pescatori, è di una grande vigoria, di una forza quasi animalesca, che proviene dall associazione di termini quali elefante, pugni che avrebbero accoppato un bue, malabestia di calafato. 26 uomo di fegato: coraggioso. 27 buscarne: guadagnarne. 28 mastro Cirino: il sagrestano, che annuncia la celebrazione della messa con il suono delle campane. 29 Domeneddio: il Signore Iddio. 30 faceva volare le gonnelle: alzava le gonne delle donne. 31 lustri: lucidi. 3

4 Il romanzo percorso 05 la seta; e lo speziale 32 se ne stava sull uscio della sua bottega, sotto quel cappellaccio che sembrava avesse il paracqua 33 in testa, fingendo di aver discorsi grossi con don Silvestro il segretario, 34 perché sua moglie non lo mandasse in chiesa per forza; e rideva del sotterfugio, fra i peli della barbona, 35 ammiccando 36 alle ragazze che sgambettavano nelle pozzanghere. Oggi andava dicendo Piedipapera padron Ntoni vuol fare il protestante 37 come don Franco lo speziale. Se fai di voltarti per guardare quello sfacciato di don Silvestro, ti dò un ceffone qui dove siamo borbottava la Zuppidda 38 colla figliuola, mentre attraversavano la piazza. Quello lì non mi piace. La Santuzza, all ultimo tocco di campana, aveva affidata l osteria a suo padre, e se n era andata in chiesa, tirandosi dietro gli avventori. Lo zio Santoro, poveretto, era cieco, e non faceva peccato se non andava a messa; così non perdeva tempo all osteria, e dall uscio poteva tener d occhio il banco, sebbene non ci vedesse, ché gli avventori li conosceva tutti ad uno ad uno soltanto al sentirli camminare, quando venivano a bere un bicchiere. Le calze della Santuzza, osservava Piedipapera, mentre ella camminava sulla punta delle scarpette, come una gattina le calze della Santuzza, acqua o vento, non le ha viste altri che massaro Filippo l ortolano; questa è la verità. Ci sono i diavoli per aria! diceva la Santuzza facendosi la croce coll acqua santa. Una giornata da far peccati! [...] La sera scese triste e fredda; di tanto in tanto soffiava un buffo di tramontana, 39 e faceva piovere una spruzzatina d acqua fina e cheta: 40 una di quelle sere in cui, quando si ha la barca al sicuro, colla pancia all asciutto sulla sabbia, si gode a vedersi fumare la pentola dinanzi, col marmocchio fra le gambe, 41 e sentire le ciabatte della donna per la casa, 42 dietro le spalle. I fannulloni preferivano godersi all osteria quella domenica che prometteva di durare anche il lunedì, e fin gli stipiti 43 erano allegri della fiamma del focolare, tanto che lo zio Santoro, messo lì fuori colla mano stesa e il mento sui ginocchi, s era tirato un po in qua, per scaldarsi la schiena anche lui. E sta meglio di compare Bastianazzo, a quest ora! ripeteva Rocco Spatu, accendendo la pipa sull uscio. E senza pensarci altro mise mano al taschino, e si lasciò andare a fare due centesimi di limosina. Tu ci perdi la tua limosina a ringraziare Dio che sei al sicuro, gli disse Piedipapera; per te non c è pericolo che abbi a fare la fine di compare Bastianazzo. 44 Tutti si misero a ridere della barzelletta, 45 e poi stettero a guardare dall uscio il mare nero come la sciara, 46 senza dire altro. G. Verga, I Malavoglia 32 speziale: farmacista. 33 il paracqua: l ombrello. 34 don Silvestro il segretario: il segretario comunale. 35 fra i peli della barbona: nascondeva il suo sorriso nella folta barba. 36 ammiccando: facendo dei furtivi e maliziosi cenni d intesa. 37 vuol fare il protestante: non vuole andare in chiesa, come se fosse un protestante. 38 la Zuppidda: è la pettegola del paese. 39 un buffo di tramontana: un soffio di vento gelido. La tramontana è un vento che viene dal nord. 40 acqua fina e cheta: acqua che cadeva in gocce piccole e che scendevano senza violenza. 41 col marmocchio fra le gambe: con il bambino che gioca a terra fra i piedi. 42 le ciabatte della donna per la casa: il rumore delle ciabatte della moglie che cammina per la casa facendo i lavori domestici. 43 gli stipiti: il limite verticale del vano della porta. Vuol dire che il calore si diffonde per tutta la stanza fino a riscaldare la porta. 44 per te... Bastianazzo: Rocco Spatu non correrà mai quel pericolo, perché non lavora: il suo posto abituale è l osteria. 45 ridere... barzelletta: termini che rendono esplicita la vera disposizione d animo di questi personaggi, per i quali il pericolo che corre Bastianazzo è solo un motivo di conversazione. 46 sciara: roccia vulcanica. 4

5 VERIFICHE TESTUALI L attacco di questo capitolo è citato come esempio della soluzione narrativa scelta dal Verga: quella cioè della regressione nella narrazione al punto di vista* basso, al livello di uno dei tanti abitanti del villaggio. La realtà paesana, adottata come punto di riferimento, affiora nelle similitudini, tratte dalla vita quotidiana, dai modi di dire, dalla religiosità primitiva di questo mondo di pescatori. 1 Ricerca nel testo tali similitudini o modi di dire, spiegali e inseriscili in uno schema sottostante simile a quello che ti proponiamo di seguito. Un altra tecnica che consente al Verga di attuare la teoria dell impersonalità è l adozione di una voce narrante in terza persona ma interna al coro paesano, che osserva gli avvenimenti e li descrive dal suo punto di vista. «In un esempio contrastivo con I promessi sposi, anch esso in terza persona, è facile cogliere la peculiare tecnica di focalizzazione* nei Malavoglia: Il cielo prometteva una bella giornata [...] quel cielo di Lombardia, così bello quand è bello, così splendido, così in pace. Se Renzo si fosse trovato lì andando a spasso, certo avrebbe guardato in su, e ammirato quell albeggiare così diverso da quello che era solito vedere ne suoi monti... I promessi sposi, capitolo XVII È qui evidente la presenza di un narratore esterno* alla storia, che descrive quel cielo così bello e non il personaggio che pure sotto quel cielo e in quel momento della storia sta agendo». (F. Mariani). Vedi anche, in questo stesso modulo, la descrizione del paesaggio notturno nei Promessi sposi (L addio monti ) e quella del castello dell Innominato (L Innominato): la tecnica narrativa è sempre la stessa, e il Manzoni interviene con la sua personalità, sia pure in maniera indiretta, trasmettendo al lettore la sua visione del mondo, i suoi valori, il suo punto di vista. Nel testo del Verga, invece, il narratore non fa sentire la sua voce: è la gente di Aci Trezza che commenta il vento e il mare, che vede le vele sbrindellate della barca, che giudica temerario l acquisto dei lupini da parte dei Malavoglia, che si raccoglie nei vari luoghi del paese per passare il tempo nel miglior modo loro concesso. Il Verga si fa piccino fino a scomparire dietro ai suoi personaggi, e vede, descrive e valuta secondo i parametri culturali dei personaggi stessi. 2 Prova a riscrivere la prima sequenza (Dopo la mezzanotte) e l ultima (La sera scese) in uno stile e con una tecnica simile il più possibile al linguaggio manzoniano: utilizzando quindi il punto di vista* di un narratore esterno, onnisciente* ed estraneo alla storia. Quali similitudini userai? Quale linguaggio? Che cosa dovrai eliminare dalla descrizione o dirlo in altro modo? Anche nella descrizione dei personaggi il Verga utilizza una tecnica diversa da quella manzoniana. Mentre il Manzoni, come tanti scrittori ottocenteschi (puoi vedere in questo stesso modulo la descrizione di papà Grandet o quella della signora Vauquer di Honoré de Balzac), ritrae il personaggio nelle sue caratteristiche fisiche e comportamentali dall esterno, dal punto di vista* del narratore, i personaggi verghiani si costruiscono con uno sguardo, con un gesto: così appare Maruzza la Longa, che «andava sempre di qua e di là... che pareva una gallina quando sta per far l uovo». 3 Rintraccia la descrizione di altri personaggi nel testo che hai appena letto e cerca di definirli nelle loro caratteristiche utilizzando i brevi tratti forniti dall autore. espressioni tratte dal testo il vento s era messo a fare il diavolo spiegazione espressione tratta dal linguaggio quotidiano del popolo. Il vento appare come un essere malvagio. come se sul tetto ci fossero tutti i gatti del paese... pareva ci fossero riuniti i buoi della fiera di S. Alfio... il giorno era apparso nero peggio dell anima di Giuda

GIOVANNI VERGA (1840-1922)

GIOVANNI VERGA (1840-1922) GIOVANNI VERGA (1840-1922) BIOGRAFIA NASCE A CATANIA LEGGE LA NARRATIVA FRANCESE IDEALI GARIBALDINI 1865: VA A FIRENZE, INIZIA AD AVERE SUC- CESSO IN LETTERATURA 1872: SI TRASFERISCE A MILANO (ROMANZI

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA?

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA? CAPITOLO XXX MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA VALLE, TROVARONO COMPAGNI CHE ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «TANTA GENTE ATTIRA I SOLDATI. POVERO ME!» BORBOTTAVA DON ABBONDIO. «NEI PERICOLI È MEGLIO

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ ::

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ :: GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio Gruppo Animatori Salesiani www.gascornedo.it info@gascornedo.it Data: ven 17 gennaio 2014 Tema MGS: Verso la Conquista Titolo: La Mia Anima Rimane

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

L inizio della tristezza dell Uomo

L inizio della tristezza dell Uomo Bibbia per bambini presenta L inizio della tristezza dell Uomo Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: M. Maillot; Tammy S. Tradotta da: Lorena Circiello Prodotta da:

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

CAPPUCCETTO ROSSO CLASSE 5^B 2012/2013. a fumetti. SCUOLA PRIMARIA MAESTRE PIE Bologna ALESSANDRA BONACINI E CHIARA CATALANO INSEGNANTI:

CAPPUCCETTO ROSSO CLASSE 5^B 2012/2013. a fumetti. SCUOLA PRIMARIA MAESTRE PIE Bologna ALESSANDRA BONACINI E CHIARA CATALANO INSEGNANTI: CAPPUCCETTO ROSSO CLASSE 5^B 2012/2013 a fumetti SCUOLA PRIMARIA MAESTRE PIE Bologna INSEGNANTI: ALESSANDRA BONACINI E CHIARA CATALANO CREAZIONE DI UN FUMETTO A PARTIRE DA UN BREVE TESTO Motivo della proposta:

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi 6-8 anni Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Ferrara-Comacchio Hanno collaborato: Debora Curulli, Manuela Pisa, Ottavia Persanti, Elena Sambo, don Enrico Garbuio Finito di stampare:

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA!

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! PREPARATIVI - Preparare un grande cerchio di cartoncino marrone (la torta ) e tanti spicchi di diversi colori vivaci (le fette ), in modo che ci sia uno spicchio

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO STORIE VISSUTE DAI NOSTRI NONNI QUANDO LA VITA ERA MOLTO DIVERSA Un tempo il Tevere era un fiume molto importante in questa zona: infatti lungo la pianura che lo costeggiava

Dettagli

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1 All. 1 1 All. 2 2 All. 3 Visione I sequenza: La partenza I. Chi sono queste persone? Che cosa fanno? Come sono? E. sono i parenti e gli amici. X. Sono contenti perché sperano che trovano lavoro. E. stanno

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

E dal momento che le Indicazioni Nazionali ce lo consentono... leggiamo con i ragazzi per piacere!

E dal momento che le Indicazioni Nazionali ce lo consentono... leggiamo con i ragazzi per piacere! Insegnare il leggere per piacere è ora un requisito ministeriale nel curriculo nazionale inglese ed è uno dei descrittori delle competenze attese nel sistema scolastico anglosassone a partire dall anno

Dettagli

Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere.

Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere. 3 scienze L ACQUA Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere. L acqua si trova nel mare, nel lago, nel fiume. mare lago fiume Gli uomini bevono l acqua potabile. acqua potabile

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 1 1 Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 2 Pag 3 La nonna: è il capostipite della famiglia Cantona, insieme al cognato Nicola ha aperto il pastificio di famiglia e lo ha gestito con

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Il principe Biancorso

Il principe Biancorso Il principe Biancorso C era una volta un re che aveva tre figlie. Un giorno, stando alla finestra con la maggiore a guardare nel cortile del castello, vide entrare di corsa un grosso orso che rugliava

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna 33 poesie una dedicata al calcio e una alla donna Salvatore Giuseppe Truglio 33 POESIE una dedicata al calcio e una alla donna www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Salvatore Giuseppe Truglio Tutti

Dettagli

trasmettere un messaggio o un insegnamento introdurre un racconto punti... / 1

trasmettere un messaggio o un insegnamento introdurre un racconto punti... / 1 NOME CLASSE... DATA... Verifica delle conoscenze 1. Chi sono, di solito, i protagonisti delle favole? a animali c uomini b animali umanizzati d oggetti 2. Qual è lo scopo delle favole? a divertire b annoiare

Dettagli

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona)

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) Unità 1 In prima e in seconda ITIS noi studiamo I PROMESSI SPOSI. Che cosa è? I Promessi

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni PIANO DI L ETTURA LA PIANTA MAGICA ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Orecchia Serie Azzurra n 81 Pagine: 87 Codice: 978-88-384-3564-2 Anno di pubblicazione: 2006 Dai 7 anni L AUTRICE Erminia Dell

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia. Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media

Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia. Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media Lettere in classe. Percorsi didattici del TFA di area letteraria della Sapienza, a cura di Paola

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola Favola africana Raccontata da hristopher Gregorowski 15 Un giorno un contadino andò alla ricerca di un vitello che si era perso. La sera prima i pastori erano ritornati senza di esso. E durante la notte

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini Pinocchio Indice illustrato CAPITOLO 1 Tutto comincia con un pezzo di legno............. 7 CAPITOLO 2 Quando un burattino ha fame.... 17 CAPITOLO 3 Il Gran

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE?

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE? SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 PROGETTO SCIENTIFICO di Marica Loppo Gruppo anni 5 LA MEMORIA è una GRANDE CASA in cui si depositano le informazioni recuperate con l aiuto dei sensi (LE FINESTRE)

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Un uomo mandato da Dio

Un uomo mandato da Dio Bibbia per bambini presenta Un uomo mandato da Dio Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: E. Frischbutter; Sarah S. Tradotta da: Eliseo Guadagno Prodotta da: Bible for

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli

LIVELLO 3. Giovanni Verga LETTURE GRADUATE. I Malavoglia

LIVELLO 3. Giovanni Verga LETTURE GRADUATE. I Malavoglia Giovanni Verga I Malavoglia LIVELLO 3 ILS B1 LETTURE GRADUATE GIOVANI ADULTI LETTURE GRADUATE GIOVANI ADULTI B1 La collana Letture Graduate ELI è una proposta completa di libri per lettori di diverse età

Dettagli

L'indifferenza. Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati,

L'indifferenza. Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati, L'indifferenza Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati, nei suoi bagni che odorano di fumo di sigarette aspirate avidamente hai subito

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Francesca Marzilla Rampulla

Francesca Marzilla Rampulla Con Eufrosina, edito da Dario Flaccovio, Licia Cardillo Di Prima abbandona l ambientazione provinciale dei suoi precedenti racconti per trasferirsi nella Palermo del XVI Secolo, ai tempi della dominazione

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

Il Principe Mezzanotte. Scheda di approfondimento. Materiale didattico di approfondimento per insegnanti e operatori

Il Principe Mezzanotte. Scheda di approfondimento. Materiale didattico di approfondimento per insegnanti e operatori Il Principe Mezzanotte Scheda di approfondimento Materiale didattico di approfondimento per insegnanti e operatori La Compagnia Teatropersona ha deciso di creare queste schede per dare l opportunità alle

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

I colori dell autunno

I colori dell autunno I quaderni di Classe II A Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi Castrezzato (BS) I colori dell autunno Haiku Poëtica Novembre 2009 Poëtica Classe II A - Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi -

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli