Giovanni Verga L AUTORE L AUTORE L OPERA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giovanni Verga L AUTORE L AUTORE L OPERA"

Transcript

1 Giovanni Verga L AUTORE Giovanni Verga ( ) nacque a Catania e, dopo gli studi medi, si iscrisse alla facoltà di legge presso l università di Catania. Tuttavia, per seguire la sua vocazione alla letteratura, interruppe gli studi universitari e si recò nel 1865 a Firenze e poi nel 1872 a Milano, entrando in contatto con molti letterati di quell epoca, tra cui Luigi Capuana ( ) e Federico De Roberto ( ). Aveva intanto scritto i romanzi storico-sentimentali Amore e patria (1857), I carbonari della montagna (1861) e Sulle lagune (1863). Ancora di stampo romantico sono i successivi Una peccatrice (1866), Storia di una capinera (1871), Eva (1873), Eros (1874), Tigre reale (1875), che gli procurarono un grande successo. Intanto egli si andava avvicinando al Verismo, e su questa linea scrisse il bozzetto di vita siciliana Nedda (1874), seguito a breve distanza da due raccolte di novelle: Vita dei campi (1880, che contiene alcuni dei titoli più famosi come Cavalleria rusticana, La Lupa, L amante di Gramigna e Rosso Malpelo) e Novelle rusticane (1883, che comprende La roba e Libertà). Nel frattempo diede inizio all attività teatrale: il dramma Cavalleria rusticana (1884), musicato da Pietro Mascagni, inaugurò il teatro verista, mentre maturava in lui il progetto di un ciclo di romanzi intitolato I vinti; avrebbero dovuto essere cinque, ma solo due vennero portati a termine: I Malavoglia (1881) e Mastro-don Gesualdo (1889), mentre rimasero incompiuti La duchessa di Leyra, L onorevole Scipioni e L uomo di lusso. Nel 1882 il Verga si era recato a Londra ma dal 1893 si stabilì definitivamente a Catania, dove si rinchiuse in un progressivo isolamento, da cui non riuscì a farlo emergere neppure la nomina a senatore, che ricevette nel 1920, due anni prima della morte, avvenuta a Catania. L AUTORE L OPERA Con I Malavoglia (uscito nel 1881) si apre il ciclo dei vinti progettato dal Verga. Il romanzo è ambientato negli anni che vanno dal 1864 al La famiglia Toscano, detta appunto Malavoglia nel villaggio siciliano di Aci Trezza dove vivono, ha una discreta fortuna economica: possiede infatti una casa (la casa del nespolo ), una barca da pesca (la Provvidenza ) e qualche soldo. Con denaro preso a prestito i Malavoglia decidono di tentare la fortuna commerciando un carico di legumi (i lupini di cui si parla nel testo). La barca viene colta dalla tempesta e insieme al carico di lupini sparisce nelle onde del mare infuriato il capofamiglia, Bastianazzo. Il vecchio padron Ntoni, sua moglie Maruzza, detta la Longa, e i nipoti Ntoni, Luca, Alessi, Mena e Lia si stringono insieme cercando di far fronte all avverso destino. Ma Luca viene richiamato alle armi e morirà nella battaglia di Lissa del 1866, uno degli episodi più tristemente celebri della terza guerra di Indipendenza; la casa del nespolo viene presa dai creditori e il giovane Ntoni, disperato, si dà al contrabbando e finisce in galera. Anche le donne di casa Toscano sono segnate da un destino di sofferenza: Lia va a vivere in città, dove si dà a una vita disonesta; Mena, a causa delle ristrettezze economiche della famiglia, rimane priva di dote e deve rinunciare a sposare compare Alfio; Maruzza muore di colera. Il vecchio padron Ntoni finisce all ospedale, dove si spegne nel dolore e nella delusione. Solo più tardi Alessi, il più giovane, riuscirà a riscattare la casa del nespolo, dove una notte si recherà in un ultimo addio Ntoni che, sopraffatto dai ricordi e dal rimorso, si allontanerà per sempre. Il destino dei singoli è intrecciato con quello collettivo, cui fa da sfondo la storia d Italia nei primi anni dopo l Unità, con tutti i suoi problemi irrisolti (la coscrizione obbligatoria che allontana i giovani portando via braccia alla terra, le tasse da pagare): ogni tentativo di ribellione viene subito soffocato da un tragico destino che non lascia intravedere nessuno spiraglio di luce verso un futuro migliore. Il linguaggio e la tecnica narrativa, che si avvale del discorso indiretto alternato con il discorso indiretto libero*, l adozione del punto di vista* di un supposto narratore popolare o del coro paesano, la sintassi popolare, caratterizzata dalla paratassi e dall uso improprio del che, permettono al Verga di attuare il criterio stilistico-strutturale dell impersonalità, e di sostituire al realismo ottocentesco un nuovo tipo di realismo (detto appunto Verismo) in cui non è l autore a trasmettere la propria visione del mondo ma sono i personaggi stessi che, attraverso le loro storie e il loro modo di interpretare la realtà, riflettono il vissuto che compone il mosaico della loro vita. 1

2 Il romanzo percorso 05 Giovanni Verga Una brutta domenica di settembre Siamo all inizio del terzo capitolo (il più breve) del romanzo, dedicato a una sola giornata: la domenica successiva al giorno della partenza della Provvidenza carica di lupini. Il tempo non promette nulla di buono e viene anzi introdotto il tema della tempesta che determinerà il naufragio della Provvidenza. Il coro dei paesani commenta in modo diverso il sopraggiungere della pioggia: c è chi (come padron Cipolla) si limita a esprimere un indifferenza cinica nei confronti di coloro che vogliono arricchire, o chi, come la famiglia dei Malavoglia, trepida per le sorti della barca. La lunga e lenta descrizione è vissuta dal punto di vista dei paesani e le metafore e le similitudini a cui l autore ricorre per rappresentare la situazione mostrano bene l artificio di regressione della tecnica narrativa, ovvero l adozione del punto di vista* dal basso e non di quello del narratore onnisciente*, che non è mai presente nella narrativa verghiana. Dopo la mezzanotte il vento s era messo a fare il diavolo, come se sul tetto ci fossero tutti i gatti del paese, 1 e a scuotere le imposte. Il mare si udiva muggire attorno ai fariglioni 2 che pareva ci fossero riuniti i buoi della fiera di S. Alfio, 3 e il giorno era apparso nero peggio dell anima di Giuda. 4 Insomma una brutta domenica di settembre, di quel settembre traditore che vi lascia andare un colpo di mare fra capo e collo, come una schioppettata 5 tra i fichidindia. 6 Le barche del villaggio erano tirate sulla spiaggia, e bene ammarrate 7 alle grosse pietre sotto il lavatoio; 8 perciò i monelli si divertivano a vociare e fischiare quando si vedeva passare in lontananza qualche vela sbrindellata, 9 in mezzo al vento e alla nebbia, che pareva ci avesse il diavolo in poppa; le donne invece si facevano la croce, quasi vedessero cogli occhi la povera gente che vi era dentro. 10 Maruzza la Longa 11 non diceva nulla, com era giusto, ma non poteva star ferma un momento, e andava sempre di qua e di là, per la casa e pel cortile, che pareva una gallina quando sta per far l uovo. 12 Gli uomini erano all osteria, e nella bottega di Pizzuto, 13 o sotto la tettoia del beccaio, 14 a veder piovere, col naso in aria. Sulla riva c era soltanto padron Ntoni, 15 per quel carico di lupini che ci aveva 1 fare il diavolo... del paese: l autore regredisce qui nell ottica di un narratore popolare, che descrive ciò che vede partendo dalla sua esperienza in cui il diavolo e i gatti del paese rientrano come termini di paragone conosciuti. Il vento sembra qui un essere animato e vivo, pronto a danneggiare e capace di portare a perdizione. 2 ai fariglioni: i massi che punteggiavano le coste opponendosi al mare che muggiva intorno come una bestia inferocita. 3 fiera di S. Alfio: la fiera paesana in cui si vendevano e compravano i buoi. Il muggito degli animali riuniti in quell occasione è paragonato al rumore del mare infuriato, nell artificio di regressione che caratterizza questo inizio di capitolo. 4 peggio dell anima di Giuda: ancora un punto di vista popolare, che si serve di un modo di dire comune tra la gente umile. 5 un colpo... schioppettata: il mare sembra qui un essere vivente, capace di sparare un colpo che uccide. 6 tra i fichidindia: lo sparo, a cui è paragonato il colpo mortale inferto dal mare (e l autore anticipa qui il clima del disastro che coglierà la barca), è tirato tra le piante di fichidindia, a tradimento. 7 ammarrate: ormeggiate, legate saldamente. 8 lavatoio: lastra di pietra o tavola sulla quale si lavano i panni. 9 sbrindellata: fatta a pezzi dal vento. Viene qui presentata un immagine che sarà un motivoguida del capitolo: la barca con le vele sbrindellate dalla tempesta potrebbe essere quella dei Malavoglia. E si fa anche riferimento alla crudeltà e al cinismo tipico del mondo paesano, di cui i ragazzi che si divertono fanno parte, per cui le disgrazie altrui non riguardano se non colui al quale capitano. 10 le donne... vi era dentro: le donne, al contrario, hanno un atteggiamento di compassione: pensano ai figli e ai mariti che lottano per la vita. Anche questo è un atteggiamento tipico del mondo paesano. 11 Maruzza la Longa: i personaggi verghiani hanno quasi tutti dei nomi che corrispondono a qualche loro qualità fisica o alla loro condizione all interno del gruppo. Maruzza è detta dai compaesani la Longa per la sua alta statura. 12 una gallina quando sta per far l uovo: è ancora un esempio di zoomorfismo dell arte verghiana, per cui si attribuiscono alle persone comportamenti definibili attraverso similitudini tratte dal mondo animale. La gallina quando sta per fare l uovo gira qua e là con irrequietezza, cercando il luogo adatto. 13 Pizzuto: Vanni, detto Pizzuto, è il barbiere del paese. 14 beccaio: macellaio. 15 padron Ntoni: è il vecchio della famiglia dei Malavoglia, padrone della barca che si trova sulle onde. 2

3 in mare colla Provvidenza 16 e suo figlio Bastianazzo per giunta, e il figlio della Locca, 17 il quale non aveva nulla da perdere lui, e in mare non ci aveva altro che suo fratello Menico, nella barca dei lupini. Padron Fortunato Cipolla, 18 mentre gli facevano la barba, nella bottega di Pizzuto, diceva che non avrebbe dato due baiocchi 19 di Bastianazzo e di Menico della Locca, colla Provvidenza e il carico dei lupini. Adesso tutti vogliono fare i negozianti, per arricchire! diceva stringendosi nelle spalle; e poi quando hanno perso la mula vanno cercando la cavezza. 20 Nella bettola di suor Mariangela la Santuzza 21 c era folla: quell ubbriacone di Rocco Spatu, il quale vociava e sputava per dieci; compare Tito Piedipapera, mastro Turi Zuppiddo, compare Mangiacarrubbe, 22 don Michele il brigadiere delle guardie doganali, 23 coi calzoni dentro gli stivali, e la pistola appesa al ventre, quasi dovesse andare a caccia di contrabbandieri con quel tempaccio, e compare Mariano Cinghialenta. Quell elefante di mastro Turi Zuppiddo andava distribuendo per ischerzo agli amici dei pugni che avrebbero accoppato 24 un bue, come se ci avesse ancora in mano la malabestia di calafato, 25 e allora compare Cinghialenta si metteva a gridare e bestemmiare, per far vedere che era uomo di fegato 26 e carrettiere. Lo zio Santoro, raggomitolato sotto quel po di tettoia, davanti all uscio, aspettava colla mano stesa che passasse qualcheduno per chiedere la carità. Tra tutte e due, padre e figlia, disse compare Turi Zuppiddo devono buscarne 27 dei bei soldi, con una giornata come questa, e tanta gente che viene all osteria. Bastianazzo Malavoglia sta peggio di lui, a quest ora, rispose Piedipapera e mastro Cirino 28 ha un bel suonare la messa; ma i Malavoglia non ci vanno oggi in chiesa; sono in collera con Domeneddio, 29 per quel carico di lupini che ci hanno in mare. Il vento faceva volare le gonnelle 30 e le foglie secche, sicché Vanni Pizzuto col rasoio in aria, teneva pel naso quelli a cui faceva la barba, per voltarsi a guardare chi passava, e si metteva il pugno sul fianco, coi capelli arricciati e lustri 31 come 16 Provvidenza: è la barca di padron Ntoni. Il nome contrasta apertamente col significato che esprime e rappresenta il rovesciamento di valori operatosi da Manzoni a Verga. Nel primo dei due, la Provvidenza è la presenza di Dio nella vita dell uomo, e guida e sorregge la storia dei singoli e della collettività volgendo in bene anche il male; nello scrittore catanese Provvidenza è il nome della barca che, con l affondamento del carico che trasporta, rappresenta una sorta di destino negativo che perseguita i Malavoglia, elevati simbolicamente a rappresentazione dell umanità intera. 17 il figlio della Locca: altro personaggio secondario che fa parte del coro paesano. Locca significa scema. 18 Padron Fortunato Cipolla: padrone di una paranza, ovvero una barca a vela per la pesca, padron Cipolla esprime l indifferenza cinica del paese nei confronti della disavventura che può capitare (e che capiterà) alla Provvidenza. 19 due baiocchi: due soldi. Il baiocco era una moneta d argento o di rame in uso nello Stato Pontificio fino al 1866, ma il termine baiocco significa anche soldo di poco valore. 20 poi... la cavezza: è un proverbio popolare che fornisce la morale dell episodio: il desiderio di stare meglio diviene la rovina delle famiglie, e ci si pente quando è troppo tardi, come quando, perduto l animale, se ne va cercando il collare per legarlo (cavezza). 21 suor Mariangela la Santuzza: non una suora, ma la padrona della bettola. Suora significa sorella, ma nella parlata locale signora. Qui, una volta di più, i nomi sono parlanti : l appellativo di suora unito al soprannome Santuzza dà un immagine di donna pia e virtuosa. 22 Piedipapera... Mangiacarrubbe: altri nomi parlanti : Piedipapera è così chiamato perché zoppo; Mangiacarrubbe dà l idea di uno che mastica continuamente carrube, o che mangia solo quelle perché non ha altro. 23 guardie doganali: le guardie preposte al servizio della dogana. La dogana è l ufficio fiscale che ha l incarico di riscuotere i tributi cui sono sottoposte le merci che entrano o escono dal territorio dello Stato. 24 accoppato: ammazzato. 25 malabestia di calafato: la malabestia è un utensile che serve per introdurre la stoppa fra i punti d incastro delle tavole dello scafo delle barche, prima di cospargerle di catrame per renderle stagne. Il calafato è l operaio che compie l azione del calafatare, ovvero stoppare e rincatramare le fessure del fasciame di un imbarcazione in legno per renderlo impermeabile. Tutta l espressione, ricavata come sempre dall esperienza quotidiana dei pescatori, è di una grande vigoria, di una forza quasi animalesca, che proviene dall associazione di termini quali elefante, pugni che avrebbero accoppato un bue, malabestia di calafato. 26 uomo di fegato: coraggioso. 27 buscarne: guadagnarne. 28 mastro Cirino: il sagrestano, che annuncia la celebrazione della messa con il suono delle campane. 29 Domeneddio: il Signore Iddio. 30 faceva volare le gonnelle: alzava le gonne delle donne. 31 lustri: lucidi. 3

4 Il romanzo percorso 05 la seta; e lo speziale 32 se ne stava sull uscio della sua bottega, sotto quel cappellaccio che sembrava avesse il paracqua 33 in testa, fingendo di aver discorsi grossi con don Silvestro il segretario, 34 perché sua moglie non lo mandasse in chiesa per forza; e rideva del sotterfugio, fra i peli della barbona, 35 ammiccando 36 alle ragazze che sgambettavano nelle pozzanghere. Oggi andava dicendo Piedipapera padron Ntoni vuol fare il protestante 37 come don Franco lo speziale. Se fai di voltarti per guardare quello sfacciato di don Silvestro, ti dò un ceffone qui dove siamo borbottava la Zuppidda 38 colla figliuola, mentre attraversavano la piazza. Quello lì non mi piace. La Santuzza, all ultimo tocco di campana, aveva affidata l osteria a suo padre, e se n era andata in chiesa, tirandosi dietro gli avventori. Lo zio Santoro, poveretto, era cieco, e non faceva peccato se non andava a messa; così non perdeva tempo all osteria, e dall uscio poteva tener d occhio il banco, sebbene non ci vedesse, ché gli avventori li conosceva tutti ad uno ad uno soltanto al sentirli camminare, quando venivano a bere un bicchiere. Le calze della Santuzza, osservava Piedipapera, mentre ella camminava sulla punta delle scarpette, come una gattina le calze della Santuzza, acqua o vento, non le ha viste altri che massaro Filippo l ortolano; questa è la verità. Ci sono i diavoli per aria! diceva la Santuzza facendosi la croce coll acqua santa. Una giornata da far peccati! [...] La sera scese triste e fredda; di tanto in tanto soffiava un buffo di tramontana, 39 e faceva piovere una spruzzatina d acqua fina e cheta: 40 una di quelle sere in cui, quando si ha la barca al sicuro, colla pancia all asciutto sulla sabbia, si gode a vedersi fumare la pentola dinanzi, col marmocchio fra le gambe, 41 e sentire le ciabatte della donna per la casa, 42 dietro le spalle. I fannulloni preferivano godersi all osteria quella domenica che prometteva di durare anche il lunedì, e fin gli stipiti 43 erano allegri della fiamma del focolare, tanto che lo zio Santoro, messo lì fuori colla mano stesa e il mento sui ginocchi, s era tirato un po in qua, per scaldarsi la schiena anche lui. E sta meglio di compare Bastianazzo, a quest ora! ripeteva Rocco Spatu, accendendo la pipa sull uscio. E senza pensarci altro mise mano al taschino, e si lasciò andare a fare due centesimi di limosina. Tu ci perdi la tua limosina a ringraziare Dio che sei al sicuro, gli disse Piedipapera; per te non c è pericolo che abbi a fare la fine di compare Bastianazzo. 44 Tutti si misero a ridere della barzelletta, 45 e poi stettero a guardare dall uscio il mare nero come la sciara, 46 senza dire altro. G. Verga, I Malavoglia 32 speziale: farmacista. 33 il paracqua: l ombrello. 34 don Silvestro il segretario: il segretario comunale. 35 fra i peli della barbona: nascondeva il suo sorriso nella folta barba. 36 ammiccando: facendo dei furtivi e maliziosi cenni d intesa. 37 vuol fare il protestante: non vuole andare in chiesa, come se fosse un protestante. 38 la Zuppidda: è la pettegola del paese. 39 un buffo di tramontana: un soffio di vento gelido. La tramontana è un vento che viene dal nord. 40 acqua fina e cheta: acqua che cadeva in gocce piccole e che scendevano senza violenza. 41 col marmocchio fra le gambe: con il bambino che gioca a terra fra i piedi. 42 le ciabatte della donna per la casa: il rumore delle ciabatte della moglie che cammina per la casa facendo i lavori domestici. 43 gli stipiti: il limite verticale del vano della porta. Vuol dire che il calore si diffonde per tutta la stanza fino a riscaldare la porta. 44 per te... Bastianazzo: Rocco Spatu non correrà mai quel pericolo, perché non lavora: il suo posto abituale è l osteria. 45 ridere... barzelletta: termini che rendono esplicita la vera disposizione d animo di questi personaggi, per i quali il pericolo che corre Bastianazzo è solo un motivo di conversazione. 46 sciara: roccia vulcanica. 4

5 VERIFICHE TESTUALI L attacco di questo capitolo è citato come esempio della soluzione narrativa scelta dal Verga: quella cioè della regressione nella narrazione al punto di vista* basso, al livello di uno dei tanti abitanti del villaggio. La realtà paesana, adottata come punto di riferimento, affiora nelle similitudini, tratte dalla vita quotidiana, dai modi di dire, dalla religiosità primitiva di questo mondo di pescatori. 1 Ricerca nel testo tali similitudini o modi di dire, spiegali e inseriscili in uno schema sottostante simile a quello che ti proponiamo di seguito. Un altra tecnica che consente al Verga di attuare la teoria dell impersonalità è l adozione di una voce narrante in terza persona ma interna al coro paesano, che osserva gli avvenimenti e li descrive dal suo punto di vista. «In un esempio contrastivo con I promessi sposi, anch esso in terza persona, è facile cogliere la peculiare tecnica di focalizzazione* nei Malavoglia: Il cielo prometteva una bella giornata [...] quel cielo di Lombardia, così bello quand è bello, così splendido, così in pace. Se Renzo si fosse trovato lì andando a spasso, certo avrebbe guardato in su, e ammirato quell albeggiare così diverso da quello che era solito vedere ne suoi monti... I promessi sposi, capitolo XVII È qui evidente la presenza di un narratore esterno* alla storia, che descrive quel cielo così bello e non il personaggio che pure sotto quel cielo e in quel momento della storia sta agendo». (F. Mariani). Vedi anche, in questo stesso modulo, la descrizione del paesaggio notturno nei Promessi sposi (L addio monti ) e quella del castello dell Innominato (L Innominato): la tecnica narrativa è sempre la stessa, e il Manzoni interviene con la sua personalità, sia pure in maniera indiretta, trasmettendo al lettore la sua visione del mondo, i suoi valori, il suo punto di vista. Nel testo del Verga, invece, il narratore non fa sentire la sua voce: è la gente di Aci Trezza che commenta il vento e il mare, che vede le vele sbrindellate della barca, che giudica temerario l acquisto dei lupini da parte dei Malavoglia, che si raccoglie nei vari luoghi del paese per passare il tempo nel miglior modo loro concesso. Il Verga si fa piccino fino a scomparire dietro ai suoi personaggi, e vede, descrive e valuta secondo i parametri culturali dei personaggi stessi. 2 Prova a riscrivere la prima sequenza (Dopo la mezzanotte) e l ultima (La sera scese) in uno stile e con una tecnica simile il più possibile al linguaggio manzoniano: utilizzando quindi il punto di vista* di un narratore esterno, onnisciente* ed estraneo alla storia. Quali similitudini userai? Quale linguaggio? Che cosa dovrai eliminare dalla descrizione o dirlo in altro modo? Anche nella descrizione dei personaggi il Verga utilizza una tecnica diversa da quella manzoniana. Mentre il Manzoni, come tanti scrittori ottocenteschi (puoi vedere in questo stesso modulo la descrizione di papà Grandet o quella della signora Vauquer di Honoré de Balzac), ritrae il personaggio nelle sue caratteristiche fisiche e comportamentali dall esterno, dal punto di vista* del narratore, i personaggi verghiani si costruiscono con uno sguardo, con un gesto: così appare Maruzza la Longa, che «andava sempre di qua e di là... che pareva una gallina quando sta per far l uovo». 3 Rintraccia la descrizione di altri personaggi nel testo che hai appena letto e cerca di definirli nelle loro caratteristiche utilizzando i brevi tratti forniti dall autore. espressioni tratte dal testo il vento s era messo a fare il diavolo spiegazione espressione tratta dal linguaggio quotidiano del popolo. Il vento appare come un essere malvagio. come se sul tetto ci fossero tutti i gatti del paese... pareva ci fossero riuniti i buoi della fiera di S. Alfio... il giorno era apparso nero peggio dell anima di Giuda

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA ILTESTO NARRATIVO Testi narrativi sono definiti tutti quelli che hanno per oggetto la narrazione di una storia: racconti, romanzi, fiabe ecc. Gli elementi fondamentali del testo narrativo sono: storia,

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

Il vero, i vinti e il dramma attraverso gli occhi di un narratore impersonale

Il vero, i vinti e il dramma attraverso gli occhi di un narratore impersonale Hugvísindasvið Il vero, i vinti e il dramma attraverso gli occhi di un narratore impersonale Analisi della teoria letteraria Verismo e la sua rappresentazione in quattro novelle di Giovanni Verga Ritgerð

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)?

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Molti di voi avranno sentito parlare di gare in cui i cani concorrono in esercizi di olfatto, come la ricerca, o gare di agility e di

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 filemame: 42-18-18.evang.odt 3636 parole di Marco defelice, RO, mercoledì, 6 giugno, 2007 -- cmd -- La Bibbia è la Parola di Dio. È più attuale di quanto lo sia il giornale

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Le Valli Oscure di Enzo De Fano Pagina 1 di 6

Le Valli Oscure di Enzo De Fano Pagina 1 di 6 Le Valli Oscure di Enzo De Fano Pagina 1 di 6 "Quand'anche camminassi nella valle dell'ombra della morte, io non temerei alcun male, perché tu sei con me; il tuo bastone la tua verga mi danno sicurezza".

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli