Gianluca Belardinelli. La Smart Greenhouse

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gianluca Belardinelli. La Smart Greenhouse"

Transcript

1 1 Classe 5 A Candidato Gianluca Belardinelli Argomento scelto dal candidato La Smart Greenhouse

2 2 Abstract Al giorno d oggi parecchie persone partono la mattina per poi tornare la sera a casa, stanchi del lavoro, e quindi non molto motivati di svolgere attività impegnative, come ad esempio mantenere salutare una pianta. Il progetto ha come obiettivo quello di poter mantenere la pianta salutare, con l uso di sistemi appositi all automatizzazione. L unica cosa di cui preoccuparsi sarà quella di immettere l acqua nell apposito contenitore quando sarà finita. L infrastruttura è un prototipo che, con la modifica di diverse componenti nella struttura, può diventare un prodotto funzionante, adatto alla vendita nei negozi. Il progetto è stato sviluppando tenendo in considerazione che molte altre persone hanno sviluppato un idea simile, ma l obiettivo principale è stato quello di imparare a sviluppare un progetto, a partire dall idea, fino alla creazione dell oggetto finale.

3 3 Abstract The objective of this thesis is to show how it s possible, with the help of the automation, to create an ecological sustainable Greenhouse. Nowadays many people start working in the morning, to then come back home later, in the evening, tired, not willing to do demanding tasks, like keeping a plant healthy. The project has the objective to keep the plant healthy, with the help of special components that makes automation affordable to everyone. The only thing to worry about is the water, that will go into the disposal unit. The structure is still a prototype, which, with a few tweaks, will become a working product that could be sold to stores. The thesis has been developed keeping in mind that there are tons of other projects like this, but the principal objective was to learn how develop, from the idea, to the creation of the final product.

4 4 1 INTRODUZIONE PAG. 5 2 LA SMART GREENHOUSE PAG IDEA ALLA BASE... PAG PRODOTTI COLTIVABILI... PAG VANTAGGI E BENEFICI... PAG UDOO. PAG. 8 3 SVILUPPO PAG INFRASTRUTTURA HARDWARE... PAG DHT22. PAG INFRASTRUTTURA SOFTWARE... PAG APPLICATIVO ARDUINO PAG APPLICATIVO JAVA... PAG APPLICATIVO PHP... PAG STRUTTURA FISICA. PAG.16 4 CONCLUSIONE PAG PROBLEMI RISCONTRATI... PAG. 17

5 5 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE Come pianta per l esperimento ho deciso di utilizzare il peperoncino, essendo una pianta adatta alla coltura in serra, ma che richiede delle condizioni particolari, come ad esempio una temperatura che si aggiri tra i 18 e 28 / 30, un umidità attorno al 35% e il 60%, il terriccio usato deve avere un ph (una scala di misura dell acidità o della basicità di una soluzione acquosa) attorno ai 4.5 e 6.5 e una esposizione al sole pressoché continua, visto che senza possono crescere a dismisura in altezza, e quindi rischiare di morire non riuscendo più ad immagazzinare la luce solare. Altro particolare importante è che la pianta impiega circa 75/90 giorni, in condizioni normali, a far nascere il frutto, mentre in condizioni ottimali 60. [1] Il progetto in sé gira attorno al funzionamento della serra, che fin dall antichità è stata usata per forzare la crescita di alcune piante, per la precisione dall epoca romana. Esse erano costituite da pavimentazioni riscaldate a vapore, in modo da aumentare la temperatura interna e l umidità, ed erano circondate da lastre di mica (materiale adatto all isolamento termico). Tale uso si perse col tempo, fino ad essere ripreso nel XVI secolo, allo scopo di mantenere in vita piante rare o che richiedono particolari condizioni metereologiche. Si svilupparono soprattutto in Francia, sotto il controllo di re Luigi XIV, e in Italia, già dal 1500, nei Giardini Vaticani e nell Orto Botanico dell Università di Padova Da qua si sono evolute, migliorando sempre più l abilità di conservare il calore, il sistema di irrigazione e controllo dell umidità, i materiali alla costruzione della struttura esterna e su come ottenere la massima esposizione solare. Nel XIX si è visto come questa struttura poteva essere sfruttata a scopo economico, e quindi adatta alla produzione di vegetali fuori dalle stagioni di crescita normali. Con ciò, si sono introdotte anche altri tipi di serre, composte da materiali più economici (plastica, rispetto ai costosi ferro e vetro), per poter permettere alle aziende più grandi di poter

6 6 continuare la produzione di un ortaggio, anche se si trova fuori stagione o deve essere protetto da eventuali condizioni metereologiche avverse. [2] La serra, per poter funzionare, è gestita da un controllore principale (in questo caso lo Udoo, che andrò a trattare nel capitolo successivo), che ha il compito di gestire i vari sensori che la compongono. I primi accenni storici riguardo i controllori automatici li possiamo trovare nel Regolatore Centrifugo, creato da James Watt nel 1788, e che permetteva di aprire e chiudere una valvola in Figura 1 un tempo determinato, definito dalla rotazione delle due masse a cui era collegato alla base. La storia inerente ai sistemi di controllo è soprattutto costituita da documentazioni e ricerche, che spiegano come l automatizzazione possa essere applicata in certi campi (es. aereonautico, guerra, informatico, economico e chimico). Alla base dell automazione ci sono degli ingressi e delle uscite, che possono costituire un sistema SISO (acronimo di Single Input Single Output) o un MIMO (acronimo di Multi Input Multi Output). In questo caso, il progetto è un MIMO, essendo costituito da diversi dispositivi di input che, dopo essere stati elaborati dal controllore centrale, vanno a svolgere diverse azioni definite all interno del programma. [3]

7 7 CAPITOLO 2 LA SMART GREENHOUSE A seguire sono riportate le principali idee del progetto, le quali hanno portato allo sviluppo di esso. 2.1 IDEA ALLA BASE L'idea per il progetto è nata in seguito alla necessità di dover crescere piante, di piccole dimensioni, in un ambiente ristretto, senza dover controllare continuamente lo stato di crescita di essa. Le componenti utilizzate per raggiungere tale obiettivo sono state soprattutto riciclate da vecchi progetti, con l'eccezione della pompa per l'acqua e il sensore per controllare l'umidità del terriccio della pianta. Il cuore del progetto è però lo Udoo, dev board piena di risorse, grazie ai suoi due processori integrati (un Atmel SAM3X8E, lo stesso usato dall'arduino Due, e un Freescale i.mx 6, processore usato da parecchi dispositivi moderni, come ad esempio navigatori satellitari, tablet e COSE), che permettono di svolgere le applicazioni più differenti, grazie al bus seriale UART integrato tra i due. Esempi applicativi possono essere una base meteo, una macchina radiocomandata con interfaccia video, una stampanate 3d, oppure un sistema d'allarme personalizzabile. 2.2 PRODOTTI COLTIVABILI Le possibilità sono parecchie, grazie alla grandezza della struttura, che si aggira ad 1m di altezza, e 60cm x 60cm di base. Il progetto interessa soprattutto le piante da orto, come ad esempio pomodori, zucchine, insalata, e non per quelle ingombranti, come ad esempio zucche, alberi da frutto vari o cocomeri, a causa della dimensione ristretta della base, e alla debolezza della struttura (essendo un prototipo realizzato con un budget limitato, non si è potuto prendere del legno di ottima qualità, piuttosto sono state prese delle tavole di compensato, poi assemblate con l'aiuto di un compagno di

8 8 classe). 2.3 VANTAGGI E BENEFICI Uno dei vantaggi di questo sistema è sicuramente quello che non sarà necessario curare la pianta continuamente, e che sarà semplicemente richiesto di riempire il secchio con l'acqua una volta alla settimana (ciò può variare in base alla grandezza di esso, e al bisogno d'acqua della pianta che, in questo caso, non ne richiede molta). Il beneficio sarà sicuramente quello di poter gustare dei prodotti coltivati dirattemente a casa, la cui provenienza è sicura e la freschezza è assicurata. 2.4 UDOO Il progetto si basa su una piattaforma hardware chiamata Udoo, che racchiude al suo interno un processore Freescale i.mx 6 ARM 1GHz e un microcontrollore Atmel SAM3X8E ARM Cortex-M3, lo stesso usato dall Arduino Due. La mia scelta di usare questa scheda deriva dal fatto che i due processori possono comunicare direttamente tra di loro, avendo una connessione seriale OTG integrata, oltre al fatto che, integrando al suo interno un Arduino Due, posso avere a disposizione oltre 76 GPIO, le quali verranno utilizzate dai vari sensori per catturare i dati che verranno poi rielaborati all interno del chip Atmel, e in seguito visualizzati a schermo da un software in PHP appositamente creato allo scopo. Come sistema operativo ho deciso di optare per quello creato dagli stessi sviluppatori della scheda, ovvero lo Udoobuntu. Oltre ad essere basato su Figura 2 lubuntu, che è una distro di Ubuntu alleggerita, grazie alla interfaccia desktop LXDE

9 9 e alle applicazioni ottimizzate, viene distribuita integrando al suo interno parecchi software utili allo sviluppo, come ad esempio l IDE per Arduino già modificato per programmare il chip Atmel direttamente dall i.mx 6, le librerie seriali per poter creare applicazioni che usino entrambi i processori, parecchi IDE adibiti allo sviluppo per diversi linguaggi di programmazione, accelerazione grafica grazie ai driver appositi del processore i.mx 6 e 1GB di Ram, per poter eseguire più processi contemporaneamente. [4] Figura 3

10 10 CAPITOLO 3 SVILUPPO In questo capitolo illustrerò come è avvenuto lo sviluppo del progetto, dalla struttura esterna, fino allo sviluppo dei software dedicati al controllo del sistema. 3.1 INFRASTRUTTURA HARDWARE L intero progetto si basa sulla piattaforma UDOO, come era stato precedentemente detto, e ad esso sono collegati diversi sensori, ognuno dei quali svolge un compito ben preciso (dal controllo della temperatura, all azionarsi della pompa per l irrigazione). La lista dei sensori è la seguente: DHT22 (sensore per la temperatura e l umidità); 4 Channel 5V Relay Module (adibito al controllo della pompa per l acqua e la lampada); Soil Moisture Detection Control Module (per controllare il livello di umidità del terriccio); Lampada CFL Basso Consumo 125w AGRO (per la crescita della pianta); Riflettore Stuco Martellato (per poter diffondere la luce all interno della serra); Submersible Water Pump (per l irrigazione della pianta) Sensore DHT22 Il DHT22 è un sensore low-cost, che permette di ricavare la temperatura e l umidità dell ambiente circostante. È composto da due sensori diversi, ovvero un sensore di umidità capacitivo (o capacitive humidity sensor) e un sensore thermistor (non esiste una parola esatta italiana, ma si riferisce ad una resistenza che diminuisce col calore), che trasmettono sullo stesso pin (il Data pin) un segnale digitale. È molto semplice da utilizzare, grazie alla grande varietà di librerie disponibili su internet, ma richiede una precisione nella lettura dei dati piuttosto precisa.

11 11 La calibrazione è effettuata in fabbrica, e i dati vengono memorizzati all interno di una memoria minuscola all interno di esso. Il sensore va alimentato a 5V, ma può funzionare anche a 3.3V. [5] Figura INFRASTRUTTURA SOFTWARE La struttura software è piuttosto elaborata, visto che l'idea del progetto è quella di permettere a colui che sta coltivando la pianta, di poter controllare il suo stato anche mentre è via di casa. Per questo si è deciso di implementare un'interfaccia web scritta in PHP, che si appoggia su un server MySQL, contenente i dati della pianta, spediti dallo Udoo al server su cui si appoggia il sito. Lo Udoo richiede una connessione alla rete continua, visto che una delle componenti software (in questo caso il programma scritto in Java, descritto nei capitoli seguenti), spedisce i dati al server esterno non appena viene letto un nuovo dato; in caso di assenza di connessione, esso continua a scrivere i dati ricevuti nel file, e non appena si collega ad internet, li spedisce subito.

12 12 Un immagine che mostra le relazioni tra i diversi sistemi può essere trovata sottostante: Figura 5 Tutto il codice relativo al progetto è disponibile su Github, nella repository dedicata, contenente il codice relativo all Arduino, Java e Php. [6] APPLICATIVO ARDUINO Il codice è stato sviluppato basandosi sugli esempi forniti dalla piattaforma Udoo ufficiale, che mostravano degli esempi su come poter eseguire la comunicazione seriale tra le diverse piattaforme. In questo caso, l'applicativo Java è stato sviluppato interamente da me, visto che il pacchetto spedito tramite seriale era strutturato in modo che la temperatura e l'umidità potessero essere riconosciute dal software in PHP più facilmente. Insieme alla comunicazione seriale, al suo interno sono presenti i diversi controlli che permettono di far accendere e spegnere le diverse periferiche al suo interno, quali la ventola per rimuovere l'umidità dalla serra, la lampada per farla crescere e la pompa dell'acqua per l'irrigazione. Grazie all'elevata potenza di calcolo del chip Atmel SAM3X8E, è possibile creare più Thread all'interno del codice, che permettono di eseguire più istruzioni contemporaneamente. Questa funzione è stata applicata all'interno del codice per poter controllare separatamente il livello d'umidità del terriccio e quindi irrigare la pianta.

13 APPLICATIVO JAVA L'applicazione Java si basa su due librerie, Java Secure Channel e Java Simple Serial Connector, che permettono di leggere i dati spediti dall'arduino alla seriale, e di caricare I file sul server esterno, attraverso il protocollo SFTP. [7] Il programma è sprovvisto di GUI, visto che il programma non dovrà mai interagire con l'utente, ma semplicemente leggere e scrivere i dati. L'unica interazione che potrà avere l'utente con questo programma saranno i valori della lettura del sensore, scritti nella porta seriale micro-usb dello Udoo. Una porzione di codice importante è la seguente: Figura 6 Come si può vedere dal codice, nella prima parte (ovvero della funzione serialevent), il programma, dopo aver controllato che la porta definita nel costruttore esiste, e che siano presenti dei dati (il minimo per poter azionare il codice per catturare tutto il traffico trasmesso in seguito), tutta la trasmissione viene letta, e nella console seriale vengono stampati i valori letti (tutto ciò per poter facilitare il debug effettuato nel corso dello sviluppo); essi, in seguito, vengono scritti in un file contenente la data e l ora della lettura (chiamato Log.txt ) e poi spediti nel server remoto, per poter essere inseriti nel database dalla pagina in PHP.

14 APPLICATIVO PHP Il sito web si basa sul framework Bootstrap, che permette di creare pagine web con un'interfaccia pulita, chiara e interattiva. L'interfaccia è stata creata attraverso il sito che permette di creare siti web in stile Lego, ovvero prendendo le diverse componenti e posizionandole nella pagina. Figura 7 Come è stato precedentemente detto, la pagina è stata scritta in PHP, per poter interagire con dei file all'interno del server, e con il database MySQL. Un esempio di interazione col server è il seguente: come si vede da figura 8, viene presa l'ultima lettura della temperatura dal database e viene visualizzata nel sito, per poter controllare sempre la temperatura, Figura 8 indipendentemente dalla pagina in cui ci si trova. Inoltre, per ovviare al fatto che la serra può essere usata per coltivare altri tipi di piante, è stata aggiunta una pagina di configurazione che, attraverso la scrittura di un

15 15 file letto in seguito dall'applicazione in PHP, permette di settare i diversi parametri che la serra deve rispettare. (Tale lato del progetto è ancora in fase di sviluppo, e probabilmente sarà scartata, a causa dei diversi problemi riscontrati durante lo sviluppo di essa). Come elemento grafico utile, è stata aggiunta una pagina per creare dei grafici con delle statistiche riguardo l'umidità e la temperatura media giornaliera. Figura 9 Come ultima funzione, per potere caricare i file sul database, è stata aggiunta una pagina che, alla lettura del file di Log spedito dallo Udoo al server, carica sul database tutto il file, e controlla se il record è già presente e, in quel caso, non aggiunge niente.

16 STRUTTURA FISICA La struttura esterna è stata realizzata comprando delle assi di legno al Brico, e senza l aiuto di un falegname esperto, per il semplice motivo che questo è un prototipo, quindi l'eventuale individuazione di errori può essere fatta senza doversi preoccupare di dover andare a ricostruire l'intera struttura. Il modello sotto riportato è il prototipo della struttura. Per la struttura esterna, si sono volute prendere delle lastre di compensato abbastanza rigido e grandi, per poter ovviare al fatto che le misure sono state fatte date dagli stessi rivenditori della lampada, adibita alla crescita della pianta. Per poter sorreggere la struttura, sono state prese 2 assi di legno da 2 metri, poi divise a metà, in assi da 1 metro l una. Per poter mantenere la rigidità e la stabilità di essa sono state aggiunte delle ulteriori assi di legno, da 1 metro ciascuna, poi divise a metà, applicate a metà della struttura. La base è costituita da una lastra di legno laminato, rinforzato alla base con un ulteriore asse di legno da 1 metro, successivamente divisa in tanti segmenti diversi, per poter dare stabilità a dove la pianta andrà sistemata e per rialzare il piano, in caso di perdite varie da parte della pompa dell acqua o di agenti esterni. Figura 10

17 17 CAPITOLO 4 CONCLUSIONE Lo sviluppo della tesina è stato di grande aiuto per imparare a gestire le diverse attività da svolgere per poter portare al conseguimento un progetto anche all infuori dell ambito scolastico. 4.1 PROBLEMI RISCONTRATI I problemi più grandi che sono stati riscontrati erano soprattutto relativi alla parte fisica del progetto. La struttura è stata costruita con un budget piuttosto limitato, quindi non si è potuto ricorrere alla costruzione della struttura, adibita al contenimento della pianta, da parte di un falegname. In seguito alla riflessione relativa a come poter creare la struttura, un mio compagno di classe, che ringrazio di cuore per il suo grande aiuto, ha proposto di aiutarmi nello sviluppo di essa, così si è deciso di comprare delle assi di legno al Brico, dove è stato possibile acquistare tutte le parti necessarie alla sua creazione. Durante lo sviluppo, mentre le diverse componenti venivano testate singolarmente, una tra le parti più importanti del progetto (ovvero la scheda contenente i diversi Relay, necessari alla gestione delle prese di corrente a cui sono collegate la lampada, la pompa per l acqua e la ventola) è stata bruciata a causa di un errore di polarità inversa (ovvero quando l uscita positiva della presa viene collegata a quella negativa e viceversa), causando il malfunzionamento di essa. L unica componente bruciata poteva essere sostituita, ma avrebbe richiesto tempo e capacità di saldatura che il sottoscritto non aveva, quindi si è semplicemente optato per la sostituzione di essa, con una nuova. L ultimo problema è stato relativo al lato software del progetto, riscontrato durante lo sviluppo del codice PHP e Java, a causa della scelta delle librerie sbagliate per il progetto (come primo prototipo di lettore del canale seriale si è usata una libreria PHP che permetteva di svolgere tale azione, ma, in seguito a diversi test, si è scoperto che poteva solamente mandare stringhe di testo tramite la seriale in modo ottimale, ma non

18 18 leggerla) e di alcuni problemi di compatibilità con le componenti (la scheda con i Relay andava scritta al contrario, ovvero al posto di scrivere 1, per impostare lo stato acceso del pin corrispondente, andava scritto 0, ovvero lo stato basso, visto che il Relay doveva essere chiuso, e non aperto, per poter condurre elettricità alla presa).

19 19 BIBLIOGRAFIA [1] Peperoncino Piccante [2] Evoluzione della serra per l orticoltura [3] Controllo automatico [4] UDOO [5] DHT22 Datasheet [6] Repository codice della tesina [7] Java Simple Serial Connection

SDD System design document

SDD System design document UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA TESINA DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Progetto DocS (Documents Sharing) http://www.magsoft.it/progettodocs

Dettagli

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati.

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati. IL PLC 1/9 Storia Il motivo per il quale nacque il PLC fu la necessità di eliminare i costi elevati per rimpiazzare i sistemi complicatissimi basati su relè. Nel anni 70 la società Beadford Associates

Dettagli

ECDL MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione. Prof. Michele Barcellona

ECDL MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione. Prof. Michele Barcellona ECDL MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione Prof. Michele Barcellona Hardware Software e Information Technology Informatica INFOrmazione automatica La scienza che si propone di raccogliere,

Dettagli

Riconoscimento targhe

Riconoscimento targhe Riconoscimento targhe AS: 2014-2015 ITT M. Buonarroti Matteo Dalponte Andrea Filippi La mia passione per l automazione L'automazione, il controllo remoto, la gestione delle immagini e la comunicazione

Dettagli

GRUPPO PROPONENTE: BBG -Biological Balcony Garden- ISTITUTO: L IDEA:

GRUPPO PROPONENTE: BBG -Biological Balcony Garden- ISTITUTO: L IDEA: GRUPPO PROPONENTE: BBG -Biological Balcony Garden- ISTITUTO: L IDEA: Quest idea è nata da una del nostro gruppo che ispirandosi alla nuova moda dell orto sul balcone e al bisogno sempre maggiore di verde

Dettagli

Analisi dei Requisiti

Analisi dei Requisiti Analisi dei Requisiti Pagina 1 di 16 Analisi dei Requisiti Indice 1 - INTRODUZIONE... 4 1.1 - OBIETTIVO DEL DOCUMENTO...4 1.2 - STRUTTURA DEL DOCUMENTO...4 1.3 - RIFERIMENTI...4 1.4 - STORIA DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

8088 + log. controllo

8088 + log. controllo CORSO DI ARCHITETTURA DEGLI ELABORATORI PROGRAMMAZIONE ASSEMBLY: PROGETTO 26 LUGLIO 2007 CONSEGNA Sabato 15 settembre 2007 Lo studente programmi nel linguaggio Assembly 8088 presentato a lezione un micro

Dettagli

LUCA VACCARO. Politecnico di Milano. S2MS Guida di Riferimento

LUCA VACCARO. Politecnico di Milano. S2MS Guida di Riferimento LUCA VACCARO Politecnico di Milano S2MS Guida di Riferimento L U C A V A C C A R O S2MS Guida di Riferimento Software sviluppato da Luca Vaccaro luck87@gmail.com Progetto del corso Internetworking TCP/IP

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione:

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione: Modulo 1 Le memorie Le Memorie 4 ETA Capitolo 1 Struttura di un elaboratore Un elaboratore elettronico è un sistema capace di elaborare dei dati in ingresso seguendo opportune istruzioni e li elabora fornendo

Dettagli

MOTOROLA RHOELEMENTS SVILUPPA UNA APPLICAZIONE CHE FUNZIONI SU DIVERSI DISPOSITIVI E CON DIFFERENTI SISTEMI OPERATIVI.

MOTOROLA RHOELEMENTS SVILUPPA UNA APPLICAZIONE CHE FUNZIONI SU DIVERSI DISPOSITIVI E CON DIFFERENTI SISTEMI OPERATIVI. MOTOROLA RHOELEMENTS SVILUPPA UNA APPLICAZIONE CHE FUNZIONI SU DIVERSI DISPOSITIVI E CON DIFFERENTI SISTEMI OPERATIVI. MOTOROLA RHOELEMENTS BROCHURE COSÌ TANTI DISPOSITIVI MOBILE. VOLETE SVILUPPARE UNA

Dettagli

Il nuovo modo di vivere la tua casa

Il nuovo modo di vivere la tua casa Il nuovo modo di vivere la tua casa Risparmio energetico, sicurezza e comfort con un budget piccolo piccolo! Temperatura Energia Luci e prese Automazione Sicurezza www.ecodhome.com Wireless home automation

Dettagli

21/02/2013 MANUALE DI ISTRUZIONI DELL APPLICAZIONE SID GENERAZIONE CERTIFICATI VERSIONE 1.0

21/02/2013 MANUALE DI ISTRUZIONI DELL APPLICAZIONE SID GENERAZIONE CERTIFICATI VERSIONE 1.0 MANUALE DI ISTRUZIONI DELL APPLICAZIONE SID GENERAZIONE VERSIONE 1.0 PAG. 2 DI 39 INDICE 1. PREMESSA 4 2. INSTALLAZIONE 5 3. ESECUZIONE 6 4. STRUTTURA DELLE CARTELLE 7 5. CARATTERISTICHE GENERALI DELL

Dettagli

Istruzioni per il server

Istruzioni per il server Istruzioni per il server Alessandro Bugatti (alessandro.bugatti@istruzione.it) 9 dicembre 2007 Introduzione Questa breve dispensa riassume brevemente le procedure per connettersi al server che ci permetterà

Dettagli

Software di sistema e software applicativo. I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche

Software di sistema e software applicativo. I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche Software di sistema e software applicativo I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche Software soft ware soffice componente è la parte logica

Dettagli

Building automation con Titino ed Arduino

Building automation con Titino ed Arduino Building automation con Titino ed Arduino Il progetto Titino nasce dopo una prima analisi delle soluzioni di building automation già esistenti e consolidate sul mercato, che hanno le seguenti criticità:

Dettagli

Zoo di sistemi operativi: studio e realizzazione del supporto di macchine virtuali con accesso via Web

Zoo di sistemi operativi: studio e realizzazione del supporto di macchine virtuali con accesso via Web Zoo di sistemi operativi: studio e realizzazione del supporto di macchine virtuali con accesso via Web Mattia Gentilini Relatore: Renzo Davoli Laurea Specialistica in Informatica I Sessione A.A. 2005/2006

Dettagli

Istruzioni. Il cuore del dispositivo è un Embedded PC Linux che raccoglie e gestisce tutte le funzioni dell' apparecchiatura.

Istruzioni. Il cuore del dispositivo è un Embedded PC Linux che raccoglie e gestisce tutte le funzioni dell' apparecchiatura. Istruzioni D-Cold Room Datalogger è un dispositivo nato con lo scopo di monitorare le celle refrigerate, gli armadi frigo e qualunque altro apparecchio che necessiti di un controllo costante e continuo.

Dettagli

Robot fai-da-te Guida completa

Robot fai-da-te Guida completa Robot fai-da-te Guida completa Introduzione Scrivere di robotica oggi è abbastanza facile. Se ne parla sempre più spesso e ormai la tendenza a farci aiutare da un automa elettronico è diffusa in tutti

Dettagli

Risultati ottenuti. Risultati ottenuti

Risultati ottenuti. Risultati ottenuti Capitolo XIII : Risultati ottenuti Per testare l inseguitore di forme sono stati realizzati alcuni filmati di oggetti in movimento, e scene in cui è la telecamera a muoversi in un ambiente. L algoritmo

Dettagli

ARGO DOC Argo Software S.r.l. e-mail: info@argosoft.it -

ARGO DOC Argo Software S.r.l. e-mail: info@argosoft.it - 1 ARGO DOC ARGO DOC è un sistema per la gestione documentale in formato elettronico che consente di conservare i propri documenti su un server Web accessibile via internet. Ciò significa che i documenti

Dettagli

Cambia vincite. Documento tecnico Aggiornamento tarature per lettore di banconote Smart Payout. Cod. DQMBI00001.0IT Rev. 1.

Cambia vincite. Documento tecnico Aggiornamento tarature per lettore di banconote Smart Payout. Cod. DQMBI00001.0IT Rev. 1. Nexus PRO Cambia vincite IT Documento tecnico Aggiornamento tarature per lettore di banconote Smart Payout Cod. DQMBI00001.0IT Rev. 1.0 06 10 2015 Aggiornamento delle tarature per erogatore di banconote

Dettagli

02 L Informatica oggi. Dott.ssa Ramona Congiu

02 L Informatica oggi. Dott.ssa Ramona Congiu 02 L Informatica oggi Dott.ssa Ramona Congiu 1 Introduzione all Informatica Dott.ssa Ramona Congiu 2 Che cos è l Informatica? Con il termine Informatica si indica l insieme dei processi e delle tecnologie

Dettagli

Content Management System

Content Management System Content Management System Docente: Prof. Roberto SALVATORI CARATTERISTICHE PRINCIPALI DI UN CMS In quest ultimo decennio abbiamo avuto modo di osservare una veloce e progressiva evoluzione del Web, portando

Dettagli

I MODULI Q.A.T. PANORAMICA. La soluzione modulare di gestione del Sistema Qualità Aziendale

I MODULI Q.A.T. PANORAMICA. La soluzione modulare di gestione del Sistema Qualità Aziendale La soluzione modulare di gestione del Sistema Qualità Aziendale I MODULI Q.A.T. - Gestione clienti / fornitori - Gestione strumenti di misura - Gestione verifiche ispettive - Gestione documentazione del

Dettagli

Laboratori remoti ad uso didattico: generalità ed applicazioni

Laboratori remoti ad uso didattico: generalità ed applicazioni Università di Siena Laboratori remoti ad uso didattico: generalità ed applicazioni Marco Casini Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Siena Email: casini@ing.unisi.it - 4 Aprile 2008

Dettagli

HARDWARE. Relazione di Informatica

HARDWARE. Relazione di Informatica Michele Venditti 2 D 05/12/11 Relazione di Informatica HARDWARE Con Hardware s intende l insieme delle parti solide o ( materiali ) del computer, per esempio : monitor, tastiera, mouse, scheda madre. -

Dettagli

Web Server a 4 canali. Sommario. Introduzione

Web Server a 4 canali. Sommario. Introduzione Sommario Introduzione... 1 Collegamento della scheda... 2 Collegamento alla rete... 2 Programmazione della scheda... 4 Applicazioni della scheda... 5 Browser PC e Tablet... 7 Introduzione Questa scheda

Dettagli

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti 2015 Un sistema di sicurezza evoluto 01 LA VIDEOSORVEGLIANZA 02 A COSA SERVE? 03 PERCHE GLOBAL SISTEMI La videosorveglianza è un evoluto sistema di

Dettagli

Solar Smart Gate, Il data logger di nuova generazione. La gestione intelligente dei tuoi parchi fotovoltaici

Solar Smart Gate, Il data logger di nuova generazione. La gestione intelligente dei tuoi parchi fotovoltaici Solar Smart Gate, Il data logger di nuova generazione La gestione intelligente dei tuoi parchi fotovoltaici Angelo Santoro, Fondatore & CEO L efficienza energetica e le energie rinnovabili giocano un ruolo

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

Sistema per il test dell impianto elettrico in linea di montaggio della vettura FERRARI 575 MM.

Sistema per il test dell impianto elettrico in linea di montaggio della vettura FERRARI 575 MM. Sistema per il test dell impianto elettrico in linea di montaggio della vettura FERRARI 575 MM. La sfida Certificare il corretto montaggio dell impianto elettrico, escludendo la presenza di cortocircuiti

Dettagli

ARCHIVIA PLUS: ARCHIPROTO PEC

ARCHIVIA PLUS: ARCHIPROTO PEC ARCHIVIA PLUS: ARCHIPROTO PEC Istruzioni per la configurazione e l utilizzo del modulo di protocollazione PEC Versione n. 2012.05.25 Data : 25/05/2012 Redatto da: Veronica Gimignani Luca Mattioli Approvato

Dettagli

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale.

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale. GUIDA RAPIDA versione 11 marzo 2008 SEERVIIZZIIO TTEELLEEMATTIICO M DOGANALLEE G Avvertenze: Questa guida vuole costituire un piccolo aiuto per gli operatori che hanno già presentato richiesta di adesione

Dettagli

FidelJob gestione Card di fidelizzazione

FidelJob gestione Card di fidelizzazione FidelJob gestione Card di fidelizzazione Software di gestione card con credito in Punti o in Euro ad incremento o a decremento, con funzioni di ricarica Card o scala credito da Card. Versione archivio

Dettagli

rivoluzionerà il punto cassa. Il tutto compresso in un contenitore di piccole dimensioni e di immediata installazione.

rivoluzionerà il punto cassa. Il tutto compresso in un contenitore di piccole dimensioni e di immediata installazione. MO- rivoluzionerà il punto cassa. Il tutto compresso in un contenitore di piccole dimensioni e di immediata installazione. Frutto di studio e ricerca su scala internazionale, MO-ITO è ideato, progettato,

Dettagli

PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE

PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE Relatore: prof. Michele Moro Laureando: Marco Beggio Corso di laurea in Ingegneria Informatica Anno Accademico 2006-2007

Dettagli

Appunti di informatica. Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio

Appunti di informatica. Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio Appunti di informatica Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio RAM disco La RAM è basata su dispositivi elettronici, che funzionano con tempi molto rapidi, ma che necessitano di alimentazione

Dettagli

OASIS è una fabbrica per il bene comune dei dati attraverso l uso delle applicazioni proposte.

OASIS è una fabbrica per il bene comune dei dati attraverso l uso delle applicazioni proposte. 1 Guida Utente 1.1 Panoramica di OASIS OASIS è una fabbrica per il bene comune dei dati attraverso l uso delle applicazioni proposte. Grazie a OASIS, sarai in grado di acquistare o selezionare, dallo store,

Dettagli

Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (TIC) IPSIA San Benedetto del Tronto (AP)

Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (TIC) IPSIA San Benedetto del Tronto (AP) Le diverse componenti HARDWARE, pur opportunamente connesse ed alimentate dalla corrette elettrica, non sono in grado, di per sé, di elaborare, trasformare e trasmettere le informazioni. Per il funzionamento

Dettagli

Guida di Pro PC Secure

Guida di Pro PC Secure 1) SOMMARIO 2) ISTRUZIONI DI BASE 3) CONFIGURAZIONE 4) INFORMAZIONI AGGIUNTIVE 1) SOMMARIO Guida di Pro PC Secure Pro PC Secure è un programma che si occupa della protezione dagli attacchi provenienti

Dettagli

Linea LINEA SYSTEMS vers. 4.0

Linea LINEA SYSTEMS vers. 4.0 Linea LINEA SYSTEMS vers. 4.0 Categoria COMPUTO E CAPITOLATO Famiglia SISTEMI DI CONTROLLO Tipologia SISTEMA DI SUPERVISIONE GEOGRAFICO Modello TG-2000 WIDE AREA Pubblicata il 01/09/2006 TESTO PER COMPUTO

Dettagli

WE500 APPLICATION NOTES GESTIONE DELLE ACQUE

WE500 APPLICATION NOTES GESTIONE DELLE ACQUE WE500 APPLICATION NOTES GESTIONE DELLE ACQUE 1 INTRODUZIONE I sistemi di telecontrollo ed il monitoraggio diventano sempre più importanti nell'ampliamento delle reti di distribuzione idrica ed in particolar

Dettagli

Documenti elettronici e WorkFlow documentale

Documenti elettronici e WorkFlow documentale Documenti elettronici e WorkFlow documentale Il caso Studio Vescovi s.a.s. Introduzione Nell era dell informatizzazione globale sta sempre più scomparendo il vecchio documento cartaceo per far spazio a

Dettagli

SINPAWEB corso per Tecnico della programmazione e dello sviluppo di siti internet e pagine web co.reg 58036 matricola 2012LU1072

SINPAWEB corso per Tecnico della programmazione e dello sviluppo di siti internet e pagine web co.reg 58036 matricola 2012LU1072 Provincia di Lucca Servizio Istruzione, Formazione e Lavoro. Sviluppo Economico SINPAWEB corso per Tecnico della programmazione e dello sviluppo di siti internet e pagine web co.reg 58036 matricola 2012LU1072

Dettagli

WEBsfa: l automazione della forza vendita via Web

WEBsfa: l automazione della forza vendita via Web WEBsfa: l automazione della forza vendita via Web White Paper 1 Gennaio 2005 White Paper Pag. 1 1/1/2005 L automazione della Forza Vendita Le aziende commerciali che che sviluppano e alimentano il proprio

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù Lezione 1 Obiettivi del corso Il corso si propone di descrivere i principi generali delle architetture di calcolo (collegamento tra l hardware e il software). Sommario 1. Tecniche di descrizione (necessarie

Dettagli

1. Avviare il computer

1. Avviare il computer Guida n 1 1. Avviare il computer 2. Spegnere correttamente il computer 3. Riavviare il computer 4. Verificare le caratteristiche di base del computer 5. Verificare le impostazioni del desktop 6. Formattare

Dettagli

SISHOME 2.0 MANUALE SOFTWARE

SISHOME 2.0 MANUALE SOFTWARE SISHOME 2.0 MANUALE SOFTWARE 1 INDICE Sommario DESCRIZIONE SOLUZIONE SISHOME 2.0... 3 CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI SISHOME 2.0... 4 PANNELLO LUCI... 5 PANNELLO SCENARI... 5 PANNELLO TAPPARELLE...

Dettagli

developed by Emanuele De Carlo

developed by Emanuele De Carlo developed by Emanuele De Carlo WorkGym è un Software sviluppato in JAVA pensato per migliorare la gestione di piccole e grandi palestre. Il suo principale scopo è quello di mantenere un DataBase contenente

Dettagli

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS)

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) 2014 Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di

Dettagli

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI Il CASE o CABINET è il contenitore in cui vengono montati la scheda scheda madre, uno o più dischi rigidi, la scheda video, la scheda audio e tutti gli altri dispositivi hardware necessari per il funzionamento.

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE

ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE Sezione di Roma INFN/code-xx/xxx 29 maggio 2006 CCR-06/06/P TEMP SENTRY: UN SISTEMA DI RILEVAZIONE DATI AMBIENTALI Alberto Guerra INFN-Sezione di Roma, P.le Aldo Moro,

Dettagli

Il computer: primi elementi

Il computer: primi elementi Il computer: primi elementi Tommaso Motta T. Motta Il computer: primi elementi 1 Informazioni Computer = mezzo per memorizzare, elaborare, comunicare e trasmettere le informazioni Tutte le informazioni

Dettagli

Alla scoperta dell'hardware

Alla scoperta dell'hardware Alla scoperta dell'hardware Ministero dell'isruzione, dell'università e Ricerca Istituto Comprensivo di Cisano Bergamasco Scuola secondaria di primo gredo di Cisano Bergamasco Anno Scolastico 2015-2016

Dettagli

Università degli studi di Roma LA SAPIENZA

Università degli studi di Roma LA SAPIENZA Università degli studi di Roma LA SAPIENZA Corso di ingegneria informatica e automatica Automazione I Realizzazione di una macchinina in grado di evitare le collisioni Di Alessandro Giuseppi All attenzione

Dettagli

T*SOL è un software di simulazione dinamica professionale per il dimensionamento e l'ottimizzazione di impianti solari termici.

T*SOL è un software di simulazione dinamica professionale per il dimensionamento e l'ottimizzazione di impianti solari termici. T *SOL T*SOL è un software di simulazione dinamica professionale per il dimensionamento e l'ottimizzazione di impianti solari termici. - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

Introduzione alle reti LE RETI INFORMATICHE. A cosa serve una rete. Perché... TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE

Introduzione alle reti LE RETI INFORMATICHE. A cosa serve una rete. Perché... TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE Introduzione alle reti 1 2 Perché... All inizio degli anni 80 sono nati i PC, in contrapposizione ai grossi sistemi presenti allora nelle aziende che collegavano terminali

Dettagli

Acronis License Server. Manuale utente

Acronis License Server. Manuale utente Acronis License Server Manuale utente INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 Panoramica... 3 1.2 Politica della licenza... 3 2. SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI... 4 3. INSTALLAZIONE DI ACRONIS LICENSE SERVER...

Dettagli

UBIQUITY 6 e Server. Il documento descrive le novità introdotte con la versione 6 della piattaforma software ASEM Ubiquity.

UBIQUITY 6 e Server. Il documento descrive le novità introdotte con la versione 6 della piattaforma software ASEM Ubiquity. UBIQUITY 6 e Server Privato Introduzione Il documento descrive le novità introdotte con la versione 6 della piattaforma software ASEM Ubiquity. Versione Descrizione Data 1 Prima emissione 21/06/2015 Disclaimer

Dettagli

Informatica 1. 6 Sistemi operativi e software. ing. Luigi Puzone

Informatica 1. 6 Sistemi operativi e software. ing. Luigi Puzone Informatica 1 6 Sistemi operativi e software ing. Luigi Puzone Windows caratteristiche principali: Windows è un Sistema Operativo Con Interfaccia Grafica Multiutente Multitasking Multithreading Multiprocessing

Dettagli

SINER ACCESS. Sistema per il controllo degli accessi

SINER ACCESS. Sistema per il controllo degli accessi SINER ACCESS Sistema per il controllo degli accessi INTRODUZIONE Sia in ambito civile che industriale, è da anni costantemente più avvertita l esigenza di sviluppare forme evolute di controllo di determinate

Dettagli

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Hardware, software e periferiche Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Riepilogo - Concetti di base dell informatica L'informatica è quel settore scientifico disciplinare

Dettagli

Il Computer 1. A cosa serve un Computer? Scrivere, Calcolare, Disegnare, Giocare, Ricercare informazioni, Comprare

Il Computer 1. A cosa serve un Computer? Scrivere, Calcolare, Disegnare, Giocare, Ricercare informazioni, Comprare Il Computer 1 A cosa serve un Computer? Scrivere, Calcolare, Disegnare, Giocare, Ricercare informazioni, Comprare Com'è fatto Unità centrale All'interno si trovano tutti i componenti Monitor Tastiera Mouse

Dettagli

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Modello del Computer Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Componenti del Computer Unità centrale di elaborazione Memoria

Dettagli

I parte Disegnare ed elaborare le informazioni con il CAD

I parte Disegnare ed elaborare le informazioni con il CAD I parte Disegnare ed elaborare le informazioni con il CAD Jacopo Russo - SISTEMI di ELABORAZIONE delle INFORMAZIONI Creare ed utilizzare un computer virtuale Per rendere più agevole il nostro lavoro insieme,

Dettagli

I L C O M P U T E R COM E FATTO DENTRO (Unità 2)

I L C O M P U T E R COM E FATTO DENTRO (Unità 2) I L C O M P U T E R COM E FATTO DENTRO (Unità 2) 1. Premessa Lo scopo di questo capitolo non è quello di spiegare come si assembla un computer, bensì più semplicemente di mostrare le parti che lo compongono.

Dettagli

SOFTWARE. È l insieme delle istruzioni che è necessario fornire alla macchina per il suo funzionamento. Vi sono due categorie di software:

SOFTWARE. È l insieme delle istruzioni che è necessario fornire alla macchina per il suo funzionamento. Vi sono due categorie di software: 1 SOFTWARE È l insieme delle istruzioni che è necessario fornire alla macchina per il suo funzionamento. Vi sono due categorie di software: SOFTWARE DI SISTEMA (o di base), che deve gestire le funzioni

Dettagli

MANUALE D USO SWEDA MASTER

MANUALE D USO SWEDA MASTER MANUALE D USO SWEDA MASTER COMPATIBILE WINDOWS VISTA Versione 1.2.0.3 Manuale RTS WPOS1 INDICE INDICE... 2 LEGENDA... 2 PREMESSA... 3 VERSIONI DEL PROGRAMMA... 3 COMPATIBILITA CON WINDOWS VISTA... 3 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

SISTEMA DI REGOLAZIONE NEST

SISTEMA DI REGOLAZIONE NEST SISTEMA DI REGOLAZIONE NEST La regolazione è il cuore efficiente del sistema NEST di riscaldamento e di raffrescamento degli ambienti. Il sistema permette in primo luogo di tenere sotto controllo continuamente

Dettagli

GUIDA ALLA PRIMA INSTALLAZIONE DI LIDRASHOP v 1.6.X

GUIDA ALLA PRIMA INSTALLAZIONE DI LIDRASHOP v 1.6.X GUIDA ALLA PRIMA INSTALLAZIONE DI LIDRASHOP v 1.6.X In questa guida saranno analizzati i semplici passaggi per la messa in opera del motore di e-commerce LIDRASHOP. Prima però ecco alcuni accorgimenti

Dettagli

C. P. U. MEMORIA CENTRALE

C. P. U. MEMORIA CENTRALE C. P. U. INGRESSO MEMORIA CENTRALE USCITA UNITA DI MEMORIA DI MASSA La macchina di Von Neumann Negli anni 40 lo scienziato ungherese Von Neumann realizzò il primo calcolatore digitale con programma memorizzato

Dettagli

Manuale Helpdesk Ecube

Manuale Helpdesk Ecube 2013 Manuale Helpdesk Ecube Sede Legale e Operativa: Corso Vittorio Emanuele II, 225/C 10139 Torino Tel. +39 011 3999301 - Fax +39 011 3999309 www.ecubecenter.it - info@ecubecenter.it Codice Fiscale P.IVA

Dettagli

CONOSCI MEGLIO IL WEB.

CONOSCI MEGLIO IL WEB. CONOSCI MEGLIO IL WEB. CONOSCI MEGLIO IL WEB. di Stefania Pompigna Il mondo virtuale offre infinite opportunità ed infinite insidie. E meglio scoprirle, capirle ed impararle. GUIDA SULLA TORTUOSA STRADA

Dettagli

Assemblare un pc Lezione n. 14. Introduzione

Assemblare un pc Lezione n. 14. Introduzione HARD DISK Parte 2 Introduzione Dopo aver effettuato una panoramica generale sugli hard disk, imparato a riconoscere le interfacce, i loro elementi principali ed i vari connettori e cavi a disposizione,

Dettagli

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Componenti del sistema Servizi di un sistema operativo Chiamate del sistema Programmi di sistema Struttura del sistema Macchine virtuali Progettazione e realizzazione

Dettagli

TEST DI INGRESSO Corso Saper Utilizzare il PC

TEST DI INGRESSO Corso Saper Utilizzare il PC TEST DI INGRESSO Corso Saper Utilizzare il PC Pagina 1 1. Che cos'è il Case? A Unità di Peso dei Computer. B Microprocessore. C Scatola metallica che racchiude tutte le componenti fisiche di un computer

Dettagli

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione 4 LEZIONE: Programmazione su Carta a Quadretti Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10 Minuti Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione SOMMARIO:

Dettagli

P.D.M. (Product Document Management) Hierarchycal Tree

P.D.M. (Product Document Management) Hierarchycal Tree DOKMAWEB P.D.M. (Product Document Management) Hierarchycal Tree BBL Technology Srl Via Bruno Buozzi 8 Lissone (MI) Tel 039 2454013 Fax 039 2451959 www.bbl.it www.dokmaweb.it BBL Technology srl (WWW.BBL.IT)

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati Corso di Access Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base 1 Prerequisiti Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati 2 1 Introduzione Un ambiente DBMS è un applicazione che consente

Dettagli

Installazione e caratteristiche generali 1

Installazione e caratteristiche generali 1 Installazione e caratteristiche generali 1 Introduzione SIGLA Ultimate e SIGLA Start Edition possono essere utilizzati solo se sono soddisfatti i seguenti prerequisiti: Microsoft.Net Framework 3.5 (consigliato

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato Descrizione tecnico economica del sistema Indice INDICE... 2 1. OBIETTIVI... 3 2. DESCRIZIONE GENERALE DEL SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI... 5 2.1.

Dettagli

PLC Programmable Logic Controller

PLC Programmable Logic Controller PLC Programmable Logic Controller Sistema elettronico, a funzionamento digitale, destinato all uso in ambito industriale, che utilizza una memoria programmabile per l archiviazione di istruzioni orientate

Dettagli

Veniamo al dunque, per prima cosa recuperiamo il materiale necessario:

Veniamo al dunque, per prima cosa recuperiamo il materiale necessario: Probabilmente questo problema è stato già affrontato da altri, ma volevo portare la mia esperienza diretta, riguardo alla realizzazione di un alimentatore per il caricabatterie 12 volt, ottenuto trasformando

Dettagli

GUIDA DI INSTALLAZIONE. AXIS Camera Station

GUIDA DI INSTALLAZIONE. AXIS Camera Station GUIDA DI INSTALLAZIONE AXIS Camera Station Informazioni su questa guida Questa guida è destinata ad amministratori e utenti di AXIS Camera Station e riguarda la versione 4.0 del software o versioni successive.

Dettagli

41126 Cognento (MODENA) Italy Via Bottego 33/A Tel: +39-(0)59 346441 Internet: http://www.aep.it E-mail: aep@aep.it Fax: +39-(0)59-346437

41126 Cognento (MODENA) Italy Via Bottego 33/A Tel: +39-(0)59 346441 Internet: http://www.aep.it E-mail: aep@aep.it Fax: +39-(0)59-346437 QUICK ANALYZER Manuale Operativo Versione 5.3 Sommario 1.0 Generalità... 2 CONTRATTO DI LICENZA... 3 2.0 Configurazione dei Canali... 4 2.1 Gestione DataLogger IdroScan... 7 3.0 Risultati di Prova... 9

Dettagli

Il sistema di scambio dati con dispositivo palmare pocket PC necessita dei seguenti requisiti hardware:

Il sistema di scambio dati con dispositivo palmare pocket PC necessita dei seguenti requisiti hardware: Ultima modifica 9 novembre 2009 Requisiti...1 Procedura di installazione su PC...1 Procedura di installazione su Palmare...1 Panoramica dei tasti e funzionamento...2 Procedura operativa:...3 Scenari particolari:

Dettagli

Sicurezza accessi, su software e piattaforme diverse, anche da dispositivi mobili, com è possibile?

Sicurezza accessi, su software e piattaforme diverse, anche da dispositivi mobili, com è possibile? Rimini, 1/2015 Sicurezza accessi, su software e piattaforme diverse, anche da dispositivi mobili, com è possibile? Le configurazioni con Server e desktop remoto (remote app), che possa gestire i vostri

Dettagli

BATTERIE & GESTIONE ENERGETICA

BATTERIE & GESTIONE ENERGETICA C A P I T O L O T R E BATTERIE & GESTIONE ENERGETICA In questo capitolo, imparerete le basi della gestione energetica e sapere come prolungare la vita delle batterie. 3-1 In questo capitolo, imparerete

Dettagli

hi-com software realizzato da Hi-Think

hi-com software realizzato da Hi-Think software realizzato da Hi-Think Pag 1 introduzione Hi-com è il programma di Hi-Think che soddisfa l'esigenza di chi, lavorando in ufficio o fuori ufficio, deve avere o scambiare con la propria azienda

Dettagli

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC BMSO1001 Virtual Configurator Istruzioni d uso 02/10-01 PC 2 Virtual Configurator Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Concetti

Dettagli

DigiSiS. Manuale di installazione di una postazione Workstation per l utilizzo di Digital Sign Server

DigiSiS. Manuale di installazione di una postazione Workstation per l utilizzo di Digital Sign Server DigiSiS Manuale di installazione di una postazione Workstation per l utilizzo di Digital Sign Server Funzione emittente 10800 Servizi Professionali Redatto da Verificato da MU/ICCA Manuale installazione

Dettagli

Sostituzione cavo Skyscan EQ6

Sostituzione cavo Skyscan EQ6 Sostituzione cavo Skyscan EQ6 La montatura equatoriale EQ6 della Sky Watcher viene fornita in dotazione con un cavo di collegamento fra SkyScan e testa equatoriale lungo solo 60 cm; il cavo è a spirale

Dettagli

SCP: SCHEDULER LAYER. a cura di. Alberto Boccato

SCP: SCHEDULER LAYER. a cura di. Alberto Boccato SCP: SCHEDULER LAYER a cura di Alberto Boccato PREMESSA: Negli ultimi tre anni la nostra scuola ha portato avanti un progetto al quale ho partecipato chiamato SCP (Scuola di Calcolo Parallelo). Di fatto

Dettagli

Aspetti applicativi e tecnologia

Aspetti applicativi e tecnologia Aspetti applicativi e tecnologia Premessa Architetture usate per i database Le prime applicazioni erano definite monolitiche, cioè un unico computer (mainframe) gestiva sia le applicazioni che i dati,

Dettagli

Come funziona il WWW. Architettura client-server. Web: client-server. Il protocollo

Come funziona il WWW. Architettura client-server. Web: client-server. Il protocollo Come funziona il WWW Il funzionamento del World Wide Web non differisce molto da quello delle altre applicazioni Internet Anche in questo caso il sistema si basa su una interazione tra un computer client

Dettagli

Semplice progetto con Arduino simpatico G-meter col quale misurare e registrare le accelerazioni del proprio veicolo

Semplice progetto con Arduino simpatico G-meter col quale misurare e registrare le accelerazioni del proprio veicolo Linux Day 2014 Semplice progetto con Arduino simpatico G-meter col quale misurare e registrare le accelerazioni del proprio veicolo Cos'è Arduino? Arduino è una piattaforma hardware low-cost programmabile,

Dettagli

PLC - Linguaggi. I linguaggi di programmazione dei PLC sono orientati ai problemi di automazione e utilizzano soprattutto:

PLC - Linguaggi. I linguaggi di programmazione dei PLC sono orientati ai problemi di automazione e utilizzano soprattutto: PLC - Linguaggi Il software è l elemento determinante per dare all hardware del PLC quella flessibilità che i sistemi di controllo a logica cablata non possiedono. Il software che le aziende producono

Dettagli

Indice generale. Il BACK-END...3 COME CONFIGURARE JOOMLA...4 Sito...4 Locale...5 Contenuti...5

Indice generale. Il BACK-END...3 COME CONFIGURARE JOOMLA...4 Sito...4 Locale...5 Contenuti...5 Guida a Joomla Indice generale Il BACK-END...3 COME CONFIGURARE JOOMLA...4 Sito...4 Locale...5 Contenuti...5 Il BACK-END La gestione di un sito Joomla ha luogo attraverso il pannello di amministrazione

Dettagli