Gianluca Belardinelli. La Smart Greenhouse

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gianluca Belardinelli. La Smart Greenhouse"

Transcript

1 1 Classe 5 A Candidato Gianluca Belardinelli Argomento scelto dal candidato La Smart Greenhouse

2 2 Abstract Al giorno d oggi parecchie persone partono la mattina per poi tornare la sera a casa, stanchi del lavoro, e quindi non molto motivati di svolgere attività impegnative, come ad esempio mantenere salutare una pianta. Il progetto ha come obiettivo quello di poter mantenere la pianta salutare, con l uso di sistemi appositi all automatizzazione. L unica cosa di cui preoccuparsi sarà quella di immettere l acqua nell apposito contenitore quando sarà finita. L infrastruttura è un prototipo che, con la modifica di diverse componenti nella struttura, può diventare un prodotto funzionante, adatto alla vendita nei negozi. Il progetto è stato sviluppando tenendo in considerazione che molte altre persone hanno sviluppato un idea simile, ma l obiettivo principale è stato quello di imparare a sviluppare un progetto, a partire dall idea, fino alla creazione dell oggetto finale.

3 3 Abstract The objective of this thesis is to show how it s possible, with the help of the automation, to create an ecological sustainable Greenhouse. Nowadays many people start working in the morning, to then come back home later, in the evening, tired, not willing to do demanding tasks, like keeping a plant healthy. The project has the objective to keep the plant healthy, with the help of special components that makes automation affordable to everyone. The only thing to worry about is the water, that will go into the disposal unit. The structure is still a prototype, which, with a few tweaks, will become a working product that could be sold to stores. The thesis has been developed keeping in mind that there are tons of other projects like this, but the principal objective was to learn how develop, from the idea, to the creation of the final product.

4 4 1 INTRODUZIONE PAG. 5 2 LA SMART GREENHOUSE PAG IDEA ALLA BASE... PAG PRODOTTI COLTIVABILI... PAG VANTAGGI E BENEFICI... PAG UDOO. PAG. 8 3 SVILUPPO PAG INFRASTRUTTURA HARDWARE... PAG DHT22. PAG INFRASTRUTTURA SOFTWARE... PAG APPLICATIVO ARDUINO PAG APPLICATIVO JAVA... PAG APPLICATIVO PHP... PAG STRUTTURA FISICA. PAG.16 4 CONCLUSIONE PAG PROBLEMI RISCONTRATI... PAG. 17

5 5 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE Come pianta per l esperimento ho deciso di utilizzare il peperoncino, essendo una pianta adatta alla coltura in serra, ma che richiede delle condizioni particolari, come ad esempio una temperatura che si aggiri tra i 18 e 28 / 30, un umidità attorno al 35% e il 60%, il terriccio usato deve avere un ph (una scala di misura dell acidità o della basicità di una soluzione acquosa) attorno ai 4.5 e 6.5 e una esposizione al sole pressoché continua, visto che senza possono crescere a dismisura in altezza, e quindi rischiare di morire non riuscendo più ad immagazzinare la luce solare. Altro particolare importante è che la pianta impiega circa 75/90 giorni, in condizioni normali, a far nascere il frutto, mentre in condizioni ottimali 60. [1] Il progetto in sé gira attorno al funzionamento della serra, che fin dall antichità è stata usata per forzare la crescita di alcune piante, per la precisione dall epoca romana. Esse erano costituite da pavimentazioni riscaldate a vapore, in modo da aumentare la temperatura interna e l umidità, ed erano circondate da lastre di mica (materiale adatto all isolamento termico). Tale uso si perse col tempo, fino ad essere ripreso nel XVI secolo, allo scopo di mantenere in vita piante rare o che richiedono particolari condizioni metereologiche. Si svilupparono soprattutto in Francia, sotto il controllo di re Luigi XIV, e in Italia, già dal 1500, nei Giardini Vaticani e nell Orto Botanico dell Università di Padova Da qua si sono evolute, migliorando sempre più l abilità di conservare il calore, il sistema di irrigazione e controllo dell umidità, i materiali alla costruzione della struttura esterna e su come ottenere la massima esposizione solare. Nel XIX si è visto come questa struttura poteva essere sfruttata a scopo economico, e quindi adatta alla produzione di vegetali fuori dalle stagioni di crescita normali. Con ciò, si sono introdotte anche altri tipi di serre, composte da materiali più economici (plastica, rispetto ai costosi ferro e vetro), per poter permettere alle aziende più grandi di poter

6 6 continuare la produzione di un ortaggio, anche se si trova fuori stagione o deve essere protetto da eventuali condizioni metereologiche avverse. [2] La serra, per poter funzionare, è gestita da un controllore principale (in questo caso lo Udoo, che andrò a trattare nel capitolo successivo), che ha il compito di gestire i vari sensori che la compongono. I primi accenni storici riguardo i controllori automatici li possiamo trovare nel Regolatore Centrifugo, creato da James Watt nel 1788, e che permetteva di aprire e chiudere una valvola in Figura 1 un tempo determinato, definito dalla rotazione delle due masse a cui era collegato alla base. La storia inerente ai sistemi di controllo è soprattutto costituita da documentazioni e ricerche, che spiegano come l automatizzazione possa essere applicata in certi campi (es. aereonautico, guerra, informatico, economico e chimico). Alla base dell automazione ci sono degli ingressi e delle uscite, che possono costituire un sistema SISO (acronimo di Single Input Single Output) o un MIMO (acronimo di Multi Input Multi Output). In questo caso, il progetto è un MIMO, essendo costituito da diversi dispositivi di input che, dopo essere stati elaborati dal controllore centrale, vanno a svolgere diverse azioni definite all interno del programma. [3]

7 7 CAPITOLO 2 LA SMART GREENHOUSE A seguire sono riportate le principali idee del progetto, le quali hanno portato allo sviluppo di esso. 2.1 IDEA ALLA BASE L'idea per il progetto è nata in seguito alla necessità di dover crescere piante, di piccole dimensioni, in un ambiente ristretto, senza dover controllare continuamente lo stato di crescita di essa. Le componenti utilizzate per raggiungere tale obiettivo sono state soprattutto riciclate da vecchi progetti, con l'eccezione della pompa per l'acqua e il sensore per controllare l'umidità del terriccio della pianta. Il cuore del progetto è però lo Udoo, dev board piena di risorse, grazie ai suoi due processori integrati (un Atmel SAM3X8E, lo stesso usato dall'arduino Due, e un Freescale i.mx 6, processore usato da parecchi dispositivi moderni, come ad esempio navigatori satellitari, tablet e COSE), che permettono di svolgere le applicazioni più differenti, grazie al bus seriale UART integrato tra i due. Esempi applicativi possono essere una base meteo, una macchina radiocomandata con interfaccia video, una stampanate 3d, oppure un sistema d'allarme personalizzabile. 2.2 PRODOTTI COLTIVABILI Le possibilità sono parecchie, grazie alla grandezza della struttura, che si aggira ad 1m di altezza, e 60cm x 60cm di base. Il progetto interessa soprattutto le piante da orto, come ad esempio pomodori, zucchine, insalata, e non per quelle ingombranti, come ad esempio zucche, alberi da frutto vari o cocomeri, a causa della dimensione ristretta della base, e alla debolezza della struttura (essendo un prototipo realizzato con un budget limitato, non si è potuto prendere del legno di ottima qualità, piuttosto sono state prese delle tavole di compensato, poi assemblate con l'aiuto di un compagno di

8 8 classe). 2.3 VANTAGGI E BENEFICI Uno dei vantaggi di questo sistema è sicuramente quello che non sarà necessario curare la pianta continuamente, e che sarà semplicemente richiesto di riempire il secchio con l'acqua una volta alla settimana (ciò può variare in base alla grandezza di esso, e al bisogno d'acqua della pianta che, in questo caso, non ne richiede molta). Il beneficio sarà sicuramente quello di poter gustare dei prodotti coltivati dirattemente a casa, la cui provenienza è sicura e la freschezza è assicurata. 2.4 UDOO Il progetto si basa su una piattaforma hardware chiamata Udoo, che racchiude al suo interno un processore Freescale i.mx 6 ARM 1GHz e un microcontrollore Atmel SAM3X8E ARM Cortex-M3, lo stesso usato dall Arduino Due. La mia scelta di usare questa scheda deriva dal fatto che i due processori possono comunicare direttamente tra di loro, avendo una connessione seriale OTG integrata, oltre al fatto che, integrando al suo interno un Arduino Due, posso avere a disposizione oltre 76 GPIO, le quali verranno utilizzate dai vari sensori per catturare i dati che verranno poi rielaborati all interno del chip Atmel, e in seguito visualizzati a schermo da un software in PHP appositamente creato allo scopo. Come sistema operativo ho deciso di optare per quello creato dagli stessi sviluppatori della scheda, ovvero lo Udoobuntu. Oltre ad essere basato su Figura 2 lubuntu, che è una distro di Ubuntu alleggerita, grazie alla interfaccia desktop LXDE

9 9 e alle applicazioni ottimizzate, viene distribuita integrando al suo interno parecchi software utili allo sviluppo, come ad esempio l IDE per Arduino già modificato per programmare il chip Atmel direttamente dall i.mx 6, le librerie seriali per poter creare applicazioni che usino entrambi i processori, parecchi IDE adibiti allo sviluppo per diversi linguaggi di programmazione, accelerazione grafica grazie ai driver appositi del processore i.mx 6 e 1GB di Ram, per poter eseguire più processi contemporaneamente. [4] Figura 3

10 10 CAPITOLO 3 SVILUPPO In questo capitolo illustrerò come è avvenuto lo sviluppo del progetto, dalla struttura esterna, fino allo sviluppo dei software dedicati al controllo del sistema. 3.1 INFRASTRUTTURA HARDWARE L intero progetto si basa sulla piattaforma UDOO, come era stato precedentemente detto, e ad esso sono collegati diversi sensori, ognuno dei quali svolge un compito ben preciso (dal controllo della temperatura, all azionarsi della pompa per l irrigazione). La lista dei sensori è la seguente: DHT22 (sensore per la temperatura e l umidità); 4 Channel 5V Relay Module (adibito al controllo della pompa per l acqua e la lampada); Soil Moisture Detection Control Module (per controllare il livello di umidità del terriccio); Lampada CFL Basso Consumo 125w AGRO (per la crescita della pianta); Riflettore Stuco Martellato (per poter diffondere la luce all interno della serra); Submersible Water Pump (per l irrigazione della pianta) Sensore DHT22 Il DHT22 è un sensore low-cost, che permette di ricavare la temperatura e l umidità dell ambiente circostante. È composto da due sensori diversi, ovvero un sensore di umidità capacitivo (o capacitive humidity sensor) e un sensore thermistor (non esiste una parola esatta italiana, ma si riferisce ad una resistenza che diminuisce col calore), che trasmettono sullo stesso pin (il Data pin) un segnale digitale. È molto semplice da utilizzare, grazie alla grande varietà di librerie disponibili su internet, ma richiede una precisione nella lettura dei dati piuttosto precisa.

11 11 La calibrazione è effettuata in fabbrica, e i dati vengono memorizzati all interno di una memoria minuscola all interno di esso. Il sensore va alimentato a 5V, ma può funzionare anche a 3.3V. [5] Figura INFRASTRUTTURA SOFTWARE La struttura software è piuttosto elaborata, visto che l'idea del progetto è quella di permettere a colui che sta coltivando la pianta, di poter controllare il suo stato anche mentre è via di casa. Per questo si è deciso di implementare un'interfaccia web scritta in PHP, che si appoggia su un server MySQL, contenente i dati della pianta, spediti dallo Udoo al server su cui si appoggia il sito. Lo Udoo richiede una connessione alla rete continua, visto che una delle componenti software (in questo caso il programma scritto in Java, descritto nei capitoli seguenti), spedisce i dati al server esterno non appena viene letto un nuovo dato; in caso di assenza di connessione, esso continua a scrivere i dati ricevuti nel file, e non appena si collega ad internet, li spedisce subito.

12 12 Un immagine che mostra le relazioni tra i diversi sistemi può essere trovata sottostante: Figura 5 Tutto il codice relativo al progetto è disponibile su Github, nella repository dedicata, contenente il codice relativo all Arduino, Java e Php. [6] APPLICATIVO ARDUINO Il codice è stato sviluppato basandosi sugli esempi forniti dalla piattaforma Udoo ufficiale, che mostravano degli esempi su come poter eseguire la comunicazione seriale tra le diverse piattaforme. In questo caso, l'applicativo Java è stato sviluppato interamente da me, visto che il pacchetto spedito tramite seriale era strutturato in modo che la temperatura e l'umidità potessero essere riconosciute dal software in PHP più facilmente. Insieme alla comunicazione seriale, al suo interno sono presenti i diversi controlli che permettono di far accendere e spegnere le diverse periferiche al suo interno, quali la ventola per rimuovere l'umidità dalla serra, la lampada per farla crescere e la pompa dell'acqua per l'irrigazione. Grazie all'elevata potenza di calcolo del chip Atmel SAM3X8E, è possibile creare più Thread all'interno del codice, che permettono di eseguire più istruzioni contemporaneamente. Questa funzione è stata applicata all'interno del codice per poter controllare separatamente il livello d'umidità del terriccio e quindi irrigare la pianta.

13 APPLICATIVO JAVA L'applicazione Java si basa su due librerie, Java Secure Channel e Java Simple Serial Connector, che permettono di leggere i dati spediti dall'arduino alla seriale, e di caricare I file sul server esterno, attraverso il protocollo SFTP. [7] Il programma è sprovvisto di GUI, visto che il programma non dovrà mai interagire con l'utente, ma semplicemente leggere e scrivere i dati. L'unica interazione che potrà avere l'utente con questo programma saranno i valori della lettura del sensore, scritti nella porta seriale micro-usb dello Udoo. Una porzione di codice importante è la seguente: Figura 6 Come si può vedere dal codice, nella prima parte (ovvero della funzione serialevent), il programma, dopo aver controllato che la porta definita nel costruttore esiste, e che siano presenti dei dati (il minimo per poter azionare il codice per catturare tutto il traffico trasmesso in seguito), tutta la trasmissione viene letta, e nella console seriale vengono stampati i valori letti (tutto ciò per poter facilitare il debug effettuato nel corso dello sviluppo); essi, in seguito, vengono scritti in un file contenente la data e l ora della lettura (chiamato Log.txt ) e poi spediti nel server remoto, per poter essere inseriti nel database dalla pagina in PHP.

14 APPLICATIVO PHP Il sito web si basa sul framework Bootstrap, che permette di creare pagine web con un'interfaccia pulita, chiara e interattiva. L'interfaccia è stata creata attraverso il sito che permette di creare siti web in stile Lego, ovvero prendendo le diverse componenti e posizionandole nella pagina. Figura 7 Come è stato precedentemente detto, la pagina è stata scritta in PHP, per poter interagire con dei file all'interno del server, e con il database MySQL. Un esempio di interazione col server è il seguente: come si vede da figura 8, viene presa l'ultima lettura della temperatura dal database e viene visualizzata nel sito, per poter controllare sempre la temperatura, Figura 8 indipendentemente dalla pagina in cui ci si trova. Inoltre, per ovviare al fatto che la serra può essere usata per coltivare altri tipi di piante, è stata aggiunta una pagina di configurazione che, attraverso la scrittura di un

15 15 file letto in seguito dall'applicazione in PHP, permette di settare i diversi parametri che la serra deve rispettare. (Tale lato del progetto è ancora in fase di sviluppo, e probabilmente sarà scartata, a causa dei diversi problemi riscontrati durante lo sviluppo di essa). Come elemento grafico utile, è stata aggiunta una pagina per creare dei grafici con delle statistiche riguardo l'umidità e la temperatura media giornaliera. Figura 9 Come ultima funzione, per potere caricare i file sul database, è stata aggiunta una pagina che, alla lettura del file di Log spedito dallo Udoo al server, carica sul database tutto il file, e controlla se il record è già presente e, in quel caso, non aggiunge niente.

16 STRUTTURA FISICA La struttura esterna è stata realizzata comprando delle assi di legno al Brico, e senza l aiuto di un falegname esperto, per il semplice motivo che questo è un prototipo, quindi l'eventuale individuazione di errori può essere fatta senza doversi preoccupare di dover andare a ricostruire l'intera struttura. Il modello sotto riportato è il prototipo della struttura. Per la struttura esterna, si sono volute prendere delle lastre di compensato abbastanza rigido e grandi, per poter ovviare al fatto che le misure sono state fatte date dagli stessi rivenditori della lampada, adibita alla crescita della pianta. Per poter sorreggere la struttura, sono state prese 2 assi di legno da 2 metri, poi divise a metà, in assi da 1 metro l una. Per poter mantenere la rigidità e la stabilità di essa sono state aggiunte delle ulteriori assi di legno, da 1 metro ciascuna, poi divise a metà, applicate a metà della struttura. La base è costituita da una lastra di legno laminato, rinforzato alla base con un ulteriore asse di legno da 1 metro, successivamente divisa in tanti segmenti diversi, per poter dare stabilità a dove la pianta andrà sistemata e per rialzare il piano, in caso di perdite varie da parte della pompa dell acqua o di agenti esterni. Figura 10

17 17 CAPITOLO 4 CONCLUSIONE Lo sviluppo della tesina è stato di grande aiuto per imparare a gestire le diverse attività da svolgere per poter portare al conseguimento un progetto anche all infuori dell ambito scolastico. 4.1 PROBLEMI RISCONTRATI I problemi più grandi che sono stati riscontrati erano soprattutto relativi alla parte fisica del progetto. La struttura è stata costruita con un budget piuttosto limitato, quindi non si è potuto ricorrere alla costruzione della struttura, adibita al contenimento della pianta, da parte di un falegname. In seguito alla riflessione relativa a come poter creare la struttura, un mio compagno di classe, che ringrazio di cuore per il suo grande aiuto, ha proposto di aiutarmi nello sviluppo di essa, così si è deciso di comprare delle assi di legno al Brico, dove è stato possibile acquistare tutte le parti necessarie alla sua creazione. Durante lo sviluppo, mentre le diverse componenti venivano testate singolarmente, una tra le parti più importanti del progetto (ovvero la scheda contenente i diversi Relay, necessari alla gestione delle prese di corrente a cui sono collegate la lampada, la pompa per l acqua e la ventola) è stata bruciata a causa di un errore di polarità inversa (ovvero quando l uscita positiva della presa viene collegata a quella negativa e viceversa), causando il malfunzionamento di essa. L unica componente bruciata poteva essere sostituita, ma avrebbe richiesto tempo e capacità di saldatura che il sottoscritto non aveva, quindi si è semplicemente optato per la sostituzione di essa, con una nuova. L ultimo problema è stato relativo al lato software del progetto, riscontrato durante lo sviluppo del codice PHP e Java, a causa della scelta delle librerie sbagliate per il progetto (come primo prototipo di lettore del canale seriale si è usata una libreria PHP che permetteva di svolgere tale azione, ma, in seguito a diversi test, si è scoperto che poteva solamente mandare stringhe di testo tramite la seriale in modo ottimale, ma non

18 18 leggerla) e di alcuni problemi di compatibilità con le componenti (la scheda con i Relay andava scritta al contrario, ovvero al posto di scrivere 1, per impostare lo stato acceso del pin corrispondente, andava scritto 0, ovvero lo stato basso, visto che il Relay doveva essere chiuso, e non aperto, per poter condurre elettricità alla presa).

19 19 BIBLIOGRAFIA [1] Peperoncino Piccante [2] Evoluzione della serra per l orticoltura [3] Controllo automatico [4] UDOO [5] DHT22 Datasheet [6] Repository codice della tesina [7] Java Simple Serial Connection

Serduino - SERRA CON ARDUINO

Serduino - SERRA CON ARDUINO Serduino - SERRA CON ARDUINO 1 Componenti Facchini Riccardo (responsabile parte hardware) Guglielmetti Andrea (responsabile parte software) Laurenti Lorenzo (progettazione hardware) Rigolli Andrea (reparto

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

Veniamo al dunque, per prima cosa recuperiamo il materiale necessario:

Veniamo al dunque, per prima cosa recuperiamo il materiale necessario: Probabilmente questo problema è stato già affrontato da altri, ma volevo portare la mia esperienza diretta, riguardo alla realizzazione di un alimentatore per il caricabatterie 12 volt, ottenuto trasformando

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori l'espressione v a s o d i P a n d o r a viene usata metaforicamente per alludere all'improvvisa scoperta di un problema o una serie di problemi che per molto

Dettagli

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale!

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET consente la piena digitalizzazione della scuola: completa

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

74 319 0350 0 B3144x2. Controllore universale RMU7... Istruzioni operative. Synco 700

74 319 0350 0 B3144x2. Controllore universale RMU7... Istruzioni operative. Synco 700 74 319 0350 0 B3144x2 74 319 0350 0 Istruzioni operative Synco 700 Controllore universale RMU7... Sommario B3144x2...1 Elementi operativi...4 Display...4 Pulsante INFO...4 Manopola per selezione e conferma

Dettagli

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE Università degli studi di Catania Facoltà di Ingegneria 26 Gennaio 2009 Sommario 1 Introduzione 2 Middleware Middleware:

Dettagli

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Enterprise Content Management vi semplifica la vita Enterprise-Content-Management Gestione dei documenti Archiviazione Workflow www.elo.com Karl Heinz

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Manuale di Istruzioni. HI 931002 Simulatore 4-20 ma

Manuale di Istruzioni. HI 931002 Simulatore 4-20 ma Manuale di Istruzioni HI 931002 Simulatore 4-20 ma w w w. h a n n a. i t Gentile Cliente, grazie di aver scelto un prodotto Hanna Instruments. Legga attentamente questo manuale prima di utilizzare la strumentazione,

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale 1. Introduzione al backup Guida al backup Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi Con l aumentare dei rischi associati a virus, attacchi informatici e rotture hardware, implementare

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

User guide Conference phone Konftel 100

User guide Conference phone Konftel 100 User guide Conference phone Konftel 100 Dansk I Deutsch I English I Español I Français I Norsk Suomi I Svenska Conference phones for every situation Sommario Descrizione Connessioni, accessoires, ricambi

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili 2012 NETGEAR, Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta,

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2

MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2 MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2 Pag. 1 / 10 SOMMARIO: 1 INTRODUZIONE... 3 2 PANNELLO DI CONTROLLO... 4 2.1 I TASTI... 4 2.2 IL DISPLAY... 4 3 I MENU... 5 3.1 MODIFICA TERMOSTATO AMBIENTE RADIO...

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

Assistenza. Contenuto della confezione. Modem router Wi-Fi D6200B Guida all'installazione

Assistenza. Contenuto della confezione. Modem router Wi-Fi D6200B Guida all'installazione Assistenza Grazie per aver scelto i prodotti NETGEAR. Una volta completata l'installazione del dispositivo, individuare il numero di serie riportato sull'etichetta del prodotto e utilizzarlo per registrare

Dettagli

Kit Domotici fai-da-te integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare.

Kit Domotici fai-da-te integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare. Per una casa più comoda, cura e intelligente, con un solo clic. Kit Domotici faidate integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare. www.easydo.it videosorveglianza, controllo carichi

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Il Plug-in gratuito integrato in progecad Professional, per la realizzazione di planimetrie in formato DOCFA. CAD Solutions. Ver. 1.

Il Plug-in gratuito integrato in progecad Professional, per la realizzazione di planimetrie in formato DOCFA. CAD Solutions. Ver. 1. DOCFA Plug-in Il Plug-in gratuito integrato in progecad Professional, per la realizzazione di planimetrie in formato DOCFA CAD Solutions www.progecad.com Ver. 1.0 P a g i n a 2 P a g i n a 3 Indice Indice...

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto!

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Manuale d uso Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Giacchè noi costantemente aggiorniamo e miglioriamo il Tuo e-tab, potrebbero

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli