Edizione Speciale. Archivio Informatico numero 10 Marzo Agenda Digitale. 5 proposte per semplificare l uso dei documenti informatici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Edizione Speciale. Archivio Informatico numero 10 Marzo 2011. Agenda Digitale. 5 proposte per semplificare l uso dei documenti informatici"

Transcript

1 Archivio Informatico numero 10 Marzo 2011 Agenda Digitale 5 proposte per semplificare l uso dei documenti informatici Edizione Speciale MultiMediait Partner

2 AGENDA DIGITALE UN APPELLO CONDIVISO DA MOLTI DIAMO ALL ITALIA UNA STRATEGIA DIGITALE L Italia riparta da Internet e dalla tecnologia Per i giovani che si costruiscono una prospettiva, per le piccole imprese che devono competere nel mondo, per i cittadini che cercano una migliore qualità della vita, l opportunità offerta dalla tecnologia è irrinunciabile. Il XIX secolo è stato caratterizzato dalle macchine a vapore, il XX secolo dall elettricità. Il XXI secolo è il secolo digitale. La politica ha posto la strategia digitale al centro del dibattito in tutte le principali economie del mondo. Ma non in Italia. Eppure in Italia metà della popolazione usa Internet. La tecnologia è parte integrante della vita quotidiana di milioni di cittadini. Studenti, lavoratori, professionisti e imprenditori si confrontano costantemente con i rischi e le opportunità determinate dall innovazione tecnologica. Siamo convinti che affrontare con incisività questo ritardo, eliminare i digital divide, sviluppare la cultura digitale con l obiettivo di conquistare la leadership nello sviluppo ed applicazione delle potenzialità di Internet e delle tecnologie, costituisca la principale opportunità di sviluppo, con benefici economici e sociali per l intero Paese. Ci rivolgiamo a tutte le forze politiche, nessuna esclusa, sollecitando il loro impegno a porre concretamente questo tema al centro del dibattito politico nazionale. Chiediamo, entro 100 giorni, la redazione di proposte organiche per un Agenda Digitale per l Italia coinvolgendo le rappresentanze economiche e sociali, i consumatori, le università e coloro che, in questo Paese, operano in prima linea su questo tema. Richiamiamo l attenzione di tutte le forze politiche, gli imprenditori, i lavoratori, i ricercatori, i cittadini, perchè non vedano in queste parole la missione di una sola parte, ma di tutto il Paese. Promossa da 100 personalità del mondo dell industria, dell università e della cultura, ha ricevuto oltre adesioni in pochi giorni. Gli obiettivi sono ambiziosi, il livello dell appello è alto ma non sono solo le grandi infrastrutture e gli standard internazionali a bloccare lo sviluppo. Norme poco chiare o troppo impegnative, possono rallentare la diffusione delle tecnologie digitali più della mancanza di infrastrutture. Analizzando con attenzione l area digitale di cui ci occupiamo abbiamo individuato 5 semplici azioni a COSTO ZERO che possono stimolare significativamente l uso, la conservazione e lo scambio di documenti digitali. Pag. 2

3 C È QUALCHE COSA CHE NON VA??? IL PROBLEMA PRINCIPALE È LA RETE... L iniziativa Agenda Digitale nasce per sottolineare il ritardo del nostro paese nello sviluppo delle reti di comunicazione e in quello che viene chiamato «digital divide». La banda larga, anzi quella larghissima visto che ormai si parla di fibra e 100 megabit di velocità, è l elemento base per sviluppare tecnologie informatiche di cooperazione, scambio, diffusione e quant altro. L infrastruttura tecnologica su cui possiamo contare in Italia è decisamente «poco performante», basta guardare i risultati presi da uno dei tanti siti di test, la nostra posizione in classifica è deludente sembra che l Italia sia afflitta da correnti digitali che rallentano i bit. Nella classifica di speedtest.net l italia si piazza al 71' posto nel download, prima di noi Lithuania, Romania, Portogallo, Bulgaria Nella velocità di Upload va decisamente peggio, 89' posto, meglio anche l Ukraina L Agenda Digitale Europea, identifica 8 macro aree di intervento e analizza anche 7 Ostacoli che rallentano la diffusione e l utilizzo delle tecnologie informatiche e dei processi digitali. Alcuni valori di riferimento, danno una idea della dimensione del mercato digitale e come questo possa influire sulle economie dei vari paesi. Nell esaminare il punto 7 degli Ostacoli non abbiamo potuto fare a meno di pensare a quanto sta accadendo nel settore che seguiamo da sempre, la conservazione digitale dei documenti Fiscali, Contabili e Amministrativi. Quanti sono coloro che rinunciano alla gestione digitale dell archivio perchè «temono» le conseguenze di una legislazione a volte «esagerata», non ben definita, contraddittoria? Quanti miliardi di pagine in meno si stamperebbero se fosse più semplice e normale conservare e scambiarsi documenti elettronici? E vero che la definizione di standard comuni può eliminare completamente la necessità di trattare manualmente dati elettronici, ma perché rinunciare a priopri ai benefici di scambio anche non standard se questo permette di ridurre gli oneri a carico di Imprese, Privati ed Enti? Pag. 3

4 EFFETTO CRISI O EFFETTO ART BIS? Il 23 gennaio 2004 il Ministro Tremonti pubblica il decreto che da il via alla conservazione digitale dei documenti fiscali, contabili e amministrativi. In soli 5 articoli, definisce 2 percorsi di conservazione digitale adatti a libri registri e documenti contabili e amministrativi. Non sono definiti metodi per assolvere ai compiti di vidimazione, ma per gran parte dei documenti tributari non è più richiesta da tempo. La norma è logica e non pone obblighi ulteriori rispetto al procedimento cartaceo se non nella parte dei bolli che inevitabilmente deve essere regolata diversamente. Il contribuente negli stessi tempi della forma cartacea produce documenti statici con firma digitale e li sottopone ad un processo di conservazione di lungo periodo, definito dalla normativa CNIPA e garantito da firma digitale e marca temporale Nuove installazioni mensili conservazione sostitutiva stampe fisali confronto con anno precedente gen feb m ar apr m ag giu lug ago set ott nov dic Nuove installazioni sistemi conservazione sostitutiva di stampe fiscali (libri giornali mastri) 0= Verso febbraio del 2009 il mercato prende conoscenza del neo articolo 2215 bis, che ribalta la linearità del DM Le interpretazioni si susseguono, noi stessi insieme ad Anorc e al Dott. Tomasi ci precipitiamo al Ministero dell Innovazione per chiedere una immediata revisione. Ma i timori diventano ostacoli, la diffusione della conservazione digitale subisce un feroce rallentamento (nessuno stop per fortuna). A fine marzo il Sole 24 ore pubblica un articolo che cerca di interpretare la nuova norma. Ad aprile, per la prima volta dal 1997 le nuove installazioni del mese sono inferiori a quelle dell anno precedente. Effetto crisi o effetto nuova legge? Libro Giornale Informatico come previsto dall art bis. Documento 1 Firma e marca il Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Libro Giornale cartaceo, sia vidimato che non vidimato STAMPA 1 Firma e marca il Firma e marca il Firma e marca il Documento 2 Documento 3 Documento 4 Ott Nov Dic Una norma incerta può bloccare i processi innovativi Stampa entro anno successivo Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Pag. 4

5 LA PROPOSTA Parliamo di Archivio Digitale o Conservazione Sostitutiva o Riproduzione Sostitutiva o Archivio Informatico, decidete voi.. L anno 2011 ci ha portato la modifica del CAD (Codice dell amministrazione digitale) cioè il D.L. 85/2005 aggiornato. In tutta sincerità non pensiamo che questo porterà grandi sviluppi anzi, già ci sono numerose critiche e pochi elogi ma, soprattuto, mancano gli allegati tecnici che come abbiamo visto possono determinare successo o sconfitta di una iniziativa. Il Ministero dell Innovazione si aspetta un ritorno dall investimento fatto sulla Pec o ma anche su questa vi sono ombre e dubbi, siamo sicuri che la certificazione di un processo di spedizione e recapito risolva i problemi di gestione, conservazione, validazione dei documenti se non si creano infrastrutture adeguate e formate per questo? Andando nello specifico della Conservazione d i d o c u m e n t i F i s c a l i, C o n ta b i l i e Amministrativi, va detto che in questi anni, dal 2004 ad oggi, si è fatto molto ma non si può nascondere che ci sono ambiti applicativi FERMI solo per dubbi interpretativi delle leggi. Prendiamo la fatturazione elettronica, da alcune indagini risulta che l hanno adottata meno di imprese. Altro esempio la conservazione dei Libri e Registri contabili, è utilizzata da molti Studi, Centri servizi e imprese, ma sono di più quelli che non la usano in attesa di capire come applicare l art bis del codice civile. C è voglia e possibilità di fare di più, per questo abbiamo provato ad immaginare alcune semplificazioni che potrebbero stimolare Imprese, Privati ed Enti ad un maggior uso delle t e c n o l o g i e d i g i t a l i d i p r o d u z i o n e, conservazione e spedizione elettronica dei documenti. Ne abbiamo identificate 5 : 1 - Conservazione digitale di documenti elettronici anche se non firmati all origine. 2 - Modifica dell articolo 2215 Bis 3 - Modifica del metodo di pagamento dei bolli sui documenti informatici 4 - Limitazioni nell obbligo di spedizione dell impronta di archivi fiscali 5 - Introduzione di regole per la firma biometrica. Si tratta di proposte che non hanno costi anzi, alcune generano economie, non mettono a rischio gli archivi digitali dando possibilità di creare falsi, agevolano i controlli, evitano comportamenti poco produttivi come lo stampare e poi riacquisire lo stampato come immagine. Vanno nella giusta direzione che è: favorire lo scambio elettronico, diminuire l impatto ambientale, spingere gli utenti ad un maggior uso delle tecnologie digitali, stimolare l uso della firma digitale come metodo sicuro per garantire autenticità e integrità. Imprese attive (2007) documenti pagine Ognuna genera almeno 2 registri (spesso 4) ipotizziamo una media di 100 pagine Ipotizziamo una media di 50 fatture da 3 pagine copia chi trasmette una chi riceve, la carta raddoppia dichiarazioni per ogni impresa media di 20 pagine se il 50% delle imprese adottassero il digitale per la documentazione di base avremmo già un risparmio 1 miliardo di pagine Pag. 5

6 PER UNA ITALIA PIÙ DIGITALE 5 SEMPLIFICAZIONI A COSTO ZERO 1 - CONSERVAZIONE DIGITALE DI DOCUMENTI ELETTRONICI ANCHE SE NON FIRMATI ALL ORIGINE Secondo la normativa Italiana la ricezione di un documento elettronico non firmato (ad esempio una fattura in formato PDF ricevuta per o un estratto conto scaricato dal sito web della banca) non può essere considerata ricezione di «documento informatico» in quanto privo di firma digitale va quindi trattato come documento «analogico» e riprodotto su carta salvo poi riacquisirne l immagine con scanner. La direttiva cee 2010/45 all articolo 233 vede digitale. il problema in forma diversa. Ogni soggetto passivo stabilisce il modo in cui assicurare l'autenticità dell'origine, l'integrità del contenuto e la leggibilità della fattura. 2 - MODIFICA DELL ARTICOLO 2215 BIS Con la legge 2/2009 all articolo 16 «Riduzione dei costi amministrativi a carico delle imprese» è stato introdotto l art bis. Ciò può essere realizzato attraverso controlli di gestione che creino una pista di controllo affidabile tra una fattura e una cessione di beni o una prestazione di servizi. L ipotesi che, a nostro avviso, potrebbe consentire a molti di attivare una gestione digitale di fatture e documenti ricevuti o scaricati, è quella di consentire la conservazione digitale anche dei documenti digitali originariamente non dotati di firma Il ricevente, verificata la fonte appone, a garanzia di originalità e integrità LA PROPRIA FIRMA DIGITALE e sottopone il documento al processo di conservazione sostitutiva. dettaglio a pagina 8 digitali richieste dalla annotazione stessa e la marca temporale in luogo del riferimento temporale. Ci sono fiumi di parole spese per cercare di Ogni annotazione sia collegata alla interpretarne il senso e di capire se la precedente e venga rispettata la sequenzialità conservazione di un libro giornale fatta delle annotazioni. secondo quanto previsto dal DM 23 gennaio Il processo di conservazione termina con 2004 è valida anche ai fini del 2215 bis l apposizione della Firma digitale e della introdotto dal DL 295/2008 oppure no. marca temporale, anche sull'insieme dei Senza addentrarsi nei tecnicismi, riteniamo predetti documenti ovvero su un'evidenza che tale articolo vada profondamente informatica contenente l'impronta o le modificato e riportato alla sua giusta natura, impronte dei documenti o di insiemi di essi da una definizione che consenta di conservare parte del responsabile della conservazione. ANCHE quei libri particolari previsti dall art. Il processo di conservazione è effettuato con 2215 che richiedono la «Vidimazione cadenza almeno annuale (trimestrale se si preventiva» tecnica non realizzabile nei vuole una normativa più rigida) documenti informatici. Questa impostazione è molto simile a quella La proposta è di cancellare la formulazione utilizzata per il libro unico del lavoro e attuale e sostituirla con: garantisce origine e integrità al pari di un libro «I Libri soggetti a Bollatura o Vidimazione, pre vidimato oltre a fornire data certa su ogni possono essere prodotti e conservati annotazione (nel libro unico la data certa si ha elettronicamente purché: solo a conclusione dell ultima annotazione Ogni annotazione costituisca un documento mensile). informatico su cui vanno applicate le firme dettaglio a pagina 9 Pag. 6

7 PER UNA ITALIA PIÙ DIGITALE 5 PROPOSTE A COSTO ZERO 3 - MODIFICA DEL METODO DI PAGAMENTO DEI BOLLI SUI DOCUMENTI INFORMATICI La normativa prevede che il pagamento dei bolli sui documenti informatici, venga effettuato con modello F23 pagabile in Banca e alla Posta a cui fa seguito una lettera all Agenzia di competenza con l indicazione di ciò che si è versato. Una piccola impresa versa da 14,62 a 58,48 euro, a volte il costo di gestione supera l importo pagato. Chiediamo di consentire il pagamento con bonifico o carta di credito e di riportare nella causale la Tariffa, il Numero di documenti, il Numero di registrazioni. dettaglio a pagina LIMITAZIONE DELL OBBLIGO DI INVIO DELL IMPRONTA DI ARCHIVI FISCALI Il provvedimento era dovuto perché previsto dal DM 23/01/2004 e modifiche, ma l onere che ne deriva è significativo. Parliamo della spedizione dell impronta relativa ad Archivi Elettronici di documenti tributari regolata dal Provvedimento 2010/ della Agenzia delle Entrate. Il punto sta nell obbligo, a partire dal periodo di imposta 2010, di dover spedire ANCHE I PERIODI PRECEDENTI. Significa produrre qualche centinaio di migliaia di comunicazioni. Anche se ipotizziamo un costo minimo di 5 Euro per predisporre, controllare inviare l impronta, arriviamo comunque ad un onere complessivo di qualche milione di Euro. Riteniamo che sia proponibile INIZIARE DALL ANNO DI IMPOSTA 2010 tralasciando i periodi precedenti. dettaglio a pagina INTRODUZIONE DI REGOLE PER LA FIRMA BIOMETRICA Quante volte vi capita di dover firmare la copia della bolla o della fattura che il corriere o il fornitore vi ha portato insieme alla merce? La firma per ricevuta non è un obbligo fiscale ma un accortezza che mette al riparo il fornitore da eventuali contestazioni circa l avvenuta consegna della merce o del servizio. La firma Biometrica NON E l immagine della firma autografa ma «la ricostruzione del movimento che ha portato alla formazione della firma». In pratica l apparecchio (tavoletta con stilo) memorizza il movimento che l utente effettua con la mano. Le fatture accompagnatorie e le bolle di consegna (D.D.T documenti di trasporto) sono Miliardi di fogli ogni anno. L uso della Firma Biometrica li ridurrebbe del 50% (rimarrebbe solo la copia consegnata) dettaglio a pagina 12 GLI EFFETTI POSSIBILI Tali semplificazioni, anche se orientate a chi conserva documenti fiscali, consentirebbero anche a Privati ed Enti di utilizzane la conservazione digitale dei documenti ricevuti e scaricati. Una famiglia potrebbe scaricare bollette, estratti conto e conservarli in un archivio digitale risparmiando spese di spedizione e riducendo produzione e trasporto di buste e fogli. Le imprese non avrebbero più motivi per continuare con gli archivi cartacei, i controlli sarebbero più facili, veloci ed economici; anche la PEC, basandosi sulla spedizione di documenti informatici (per cui sottoscritti) riacquisterebbe il giusto valore. Pag. 7

8 1 - CONSERVAZIONE DIGITALE DI DOCUMENTI NON FIRMATI Secondo la normativa Italiana (Risoluzione Agenzia delle Entrate n. 161e/2007) la ricezione di un documento elettronico non firmato (ad esempio una fattura in formato PDF ricevuta per ) non può essere considerata ricezione di «documento informatico» in quanto privo di firma digitale, va quindi trattato come «analogico» e riprodotto su carta. I limiti di questa impostazione Questa impostazione è alquanto limitativa poichè «costringe» chi riceve a «subire» le impostazioni di chi trasmette. Se il fornitore non è in grado di produrre «fatture elettroniche a norma» ma solo file pdf, il cliente è costretto ad un trattamento analogico (stampa e inserimento nel processo cartaceo). Solo alla fine potrà «acquisire il cartaceo» e ritrasformarlo in elettronico. La direttiva cee 2010/45 La direttiva CEE 2010/45 che modifica la 2006/112 (relativa al sistema comune d imposta sul valore aggiunto) all articolo 233 vede il problema in forma diversa. Ogni soggetto passivo stabilisce il modo in cui assicurare l'autenticità dell'origine, l'integrità del contenuto e la leggibilità della fattura. Ciò può essere realizzato attraverso controlli di gestione che creino una pista di controllo affidabile tra una fattura e una cessione di beni o una prestazione di servizi. Al comma successivo porta come esempio di controllo, la firma elettronica avanzata e l EDI ma non esclude altri processi. L ipotesi che, a nostro avviso, potrebbe c o n s e n t i r e a m o l t i d i t r a t t a r e elettronicamente fatture e documenti ricevuti o scaricati da siti, è quella di consentire la conservazione elettronica anche dei documenti non firmati, a condizione che: 1- Il ricevente, verificata l origine del documento ( conosciuta, sito web con accesso riservato ) provvede a memorizzare localmente il documento elettronico. 2 - A garanzia di originalità verifica che il formato sia statico e che non contenga macro istruzioni e applica la propria firma digitale e un riferimento temporale. 3 - Sottopone il documento a conservazione periodica secondo la normativa vigente. 4 - Per ogni transazione conserva anche quei documenti che creano un percorso di controllo affidabile (ordini bolle contratti etc.) come già previsto dalla normativa civilistica art cod.civ.. Gli effetti Non abbiamo dati certi, ma basta guardarsi intorno e un idea si può formare facilmente. Gran parte delle grandi imprese di telefonia, energia, servizi, consentono di scaricare fatture ed estratti conto come file pdf senza firma. Tutte le banche e carte di credito consentono di scaricare estratti conto e contabili in pdf senza firma. Anche tra imprese è molto diffusa la spedizione di fatture, conferme ordine come file pdf senza firma. Possiamo solo fare una ipotesi, 1 miliardo di pagine??? Potrebbe essere un obbiettivo plausibile. Pag. 8

9 2 - MODIFICARE L ART BIS Il Decreto Legge 185 del 29/11/2008 convertito in legge (2/2009) ha introdotto nel codice civile l art bis. che parla di «Modalità di tenuta delle scritture contabili» e dice. «I libri contabili, prima di essere messi in uso, devono essere numerati progressivamente in ogni pagina e, qualora sia previsto l'obbligo della bollatura o della vidimazione, devono essere bollati in ogni foglio dall'ufficio del registro delle imprese o da un notaio secondo le disposizioni delle leggi speciali. L'ufficio del registro o il notaio deve dichiarare nell'ultima pagina dei libri il numero dei fogli che li compongono. Il libro giornale e il libro degli inventari devono essere numerati progressivamente e non sono soggetti a bollatura né a vidimazione» Vengono quindi identificati due tipi di libri, quelli soggetti all obbligo di bollatura o vidimazione e i libri giornali e degli inventari che non lo sono. Il 2215 bis «Documentazione informatica. 1. I libri, i repertori, le scritture e la documentazione la cui tenuta e' obbligatoria per disposizione di legge o di regolamento o che sono richiesti dalla natura o dalle dimensioni dell'impresa possono essere formati e tenuti con strumenti informatici. 2. Le registrazioni contenute nei documenti di cui al primo comma debbono essere rese consultabili in ogni momento con i mezzi messi a disposizione dal soggetto tenutario e costituiscono informazione primaria e originale da cui e' possibile effettuare, su diversi tipi di supporto, riproduzioni e copie per gli usi consentiti dalla legge. 3. Gli obblighi di numerazione progressiva, vidimazione e gli altri obblighi previsti dalle disposizioni di legge o di regolamento per la tenuta dei libri, repertori e scritture, ivi compreso quello di regolare tenuta dei medesimi, sono assolti, in caso di tenuta con strumenti informatici, mediante apposizione, ogni tre mesi a far data dalla messa in opera, della marcatura temporale e della firma digitale dell'imprenditore, o di altro soggetto dal medesimo delegato, inerenti al documento contenente le registrazioni relative ai tre mesi precedenti. 4. Qualora per tre mesi non siano state eseguite registrazioni, la firma digitale e la marcatura temporale devono essere apposte all'atto di una nuova registrazione, e da tale apposizione decorre il periodo trimestrale di cui al terzo comma. 5. I libri, i repertori e le scritture tenuti con strumenti informatici, secondo quanto previsto dal presente articolo, hanno l'efficacia probatoria di cui agli articoli 2709 e 2710 del codice civile.» Un vero poema che riguarda TUTTA LA DOCUMENTAZIONE informatica ( Gli obblighi di numerazione progressiva... ) Tutti gli obblighi si assolvono producendo un documento riepilogativo trimestrale??? come è possibile? se in un trimestre un azienda ha prodotto fatture come fa a fare un documento riepilogativo? (sarebbe un file enorme) o una Banca che stampa pagine al mese? Possiamo provare diverse interpretazioni ma l applicabilità rimane incerta E invece applicabile la distinzione che fa l art che divide i libri contabili in due tipologie. Mentre per la seconda (Libro giornale e Inventari) prevede una numerazione progressiva (tra l altro poi precisato dall Agenzia delle Entrate che la progressione è annuale) per i primi prevede la Vidimazione prima della messa in uso. La vidimazione non è una tecnica applicabile ai documenti informatici, tuttavia esistono metodi che garantiscono, al pari della vidimazione, originalità, integrità, data di formazione e sequenzialità delle annotazioni. La proposta è di cancellare la formulazione attuale e sostituirla con: «I Libri soggetti a Bollatura o Vidimazione, possono essere prodotti e conservati elettronicamente purché: Ogni annotazione costituisca un documento informatico su cui vanno applicate le firme digitali richieste dalla annotazione stessa e la marca temporale in luogo del riferimento temporale. Ogni annotazione sia collegata alla precedente e venga rispettata la sequenzialità delle annotazioni. Il processo di conservazione termina con l apposizione della Firma digitale e della marca temporale, anche sull'insieme dei predetti documenti ovvero su un'evidenza informatica contenente l'impronta o le impronte dei documenti o di insiemi di essi da parte del responsabile della conservazione. Il processo di conservazione è effettuato con cadenza almeno annuale (trimestrale se si vuole una normativa più rigida) Pag. 9

10 3 - Modifica del metodo di pagamento dei bolli sui documenti informatici Spiegare il calcolo dei bolli sui documenti informatici ad un nuovo utilizzatore richiede qualche ora e molta attenzione. Il bollo sui documenti cartacei In caso di stampa cartacea il bollo è dovuto in ragione di 1 ogni 100 pagine stampate. Se la stampa contiene 66 righe (normale a4) si ha una media di 1 bollo ogni 6600 righe. Il bollo sui documenti informatici E dovuto in misura di 1 ogni 2500 registrazioni. E evidente la differenza, ma che cosa significa «registrazione». Lo spiega l Ade nella Risoluzione 161/e 2007 "per registrazione deve intendersi ogni singolo accadimento contabile, a prescindere dalle righe di dettaglio. Dunque, se si guarda al libro degli inventari per accadimento contabile deve intendersi la registrazione relativa a ciascun cespite - nonché la registrazione della nota integrativa - mentre per il libro giornale il concetto di registrazione va riferito ad ogni singola operazione rilevata in partita doppia, a prescindere dalle righe di dettaglio interessate" Dunque una registrazione è più di una riga stampata, è in pratica un articolo. Ma gli articoli non sono numerati. Occorre conservare il numero di articoli prodotti per sapere quanti bolli pagare. Bene con un pò di fatica ma sappiamo quanto dobbiamo pagare, prendiamo il numero degli articoli, lo dividiamo per 2500 arrotondiamo all unità superiore, moltiplichiamo per 14,62 e raddoppiamo se non si tratta di società di capitale. Il pagamento Per pagare i bolli dobbiamo predisporre il modello F23 (in 3 copie) andare fisicamente in Banca o alla Posta ed effettuare il pagamento. La nostra copia viene timbrata con la quietanza La comunicazione Ora dobbiamo comunicare all Agenzia di competenza gli estremi del versamento, indicare il numero di documenti prodotti, le registrazioni calcolate, e qualche altro dato qua e la. Predisposta la lettera la inviamo (l Agenzia consiglia una raccomandata ) Il valore di queste operazioni Gli importi dei bolli per le piccole imprese vanno da 14,62 a 58 euro, quello che abbiamo descritto è il calcolo dell acconto, a gennaio dell anno successivo rifaremo il tutto basandoci su quello effettivamente stampato, dedurremo l acconto e invieremo una nuova lettera con un nuovo versamento a saldo e in acconto. Il costo della raccomandata è di 3,5 euro. La gestione di un protocollo nella P.A. costa circa 10 euro. Le imprese pagano molto lo stato riscuote poco Il risultato è costi alti, basso rendimento. Semplificando si può migliorare? Versamento in c.c. o con carta di credito Un conto dedicato ai versamenti dei bolli potrebbe risolvere il problema, l utente effettua il bonifico indicando nella causale la tariffa, il tipo di documenti e il numero di registrazioni, riporta gli estremi in un documento informatico che conserva con i libri. Semplificare il calcolo delle registrazioni Anziché 1 bollo ogni 2500 registrazioni (senza considerare i dettagli) abbassare la tariffa a 1 ogni 5000 registrazioni, e calcolare anche il dettaglio. Forse il contribuente pagherà un pò di più ma si semplificano i conteggi. La definizione del bollo in ragione delle 2500 registrazioni, pare che derivi dalla considerazione che le stampe erano fatte su fogli uso bollo che contengono 25 righe a pagina, ma le stampe attuali non sono così. Pag. 10

11 4 - Limitazioni nell obbligo di spedizione dell impronta di archivi fiscali Il D.M. 23/01/2004 lo prevedeva quindi non è una novità ma gli oneri che ne derivano sono significativi. Articolo 5 - Comunicazione alle Agenzie fiscali dell'impronta relativa ai documenti informatici rilevanti ai fini tributari 1. Entro il (era mese) 4' mese successivo alla scadenza dei termini stabiliti dal decreto del Presidente della Repubblica n. 322 del 1998, per la presentazione delle dichiarazioni relative alle imposte sui redditi, all'imposta regionale sulle attività produttive e all'imposta sul valore aggiunto, il soggetto interessato o il responsabile della conservazione, ove designato, al fine di estendere la validità dei documenti informatici trasmette alle competenti Agenzie fiscali, l'impronta dell'archivio informatico oggetto della conservazione, la relativa sottoscrizione elettronica e la marca temporale. La sospensione e poi il provvedimento retro attivo In un primo momento l invio fu sospeso poiché erano state predisposte le modalità. Con protocollo 2010/ L Agenzia delle Entrate ha rese note le specifiche tecniche e ha stabilito che con il periodo di imposta 2010 (che dovrà essere inviato entro gennaio 2012) si dovranno inviare anche le impronte relative ai periodi precedenti. Se il processo è accurato i dati sono facili da individuare Se il processo di conservazione è stato fatto correttamente, i dati sono facilmente individuabili. Penso che tutti, come noi, abbiano scritto un file di chiusura con le informazioni del soggetto titolare della contabilità, del responsabile etc.. Il punto sta nei periodi precedenti; la comunicazione contiene 3 indirizzi, questi in 5 anni possono cambiare vanno quindi controllati tutti. Non ci sono solo le anagrafiche, alcune ditte potrebbero essere cessate, assorbite, fuse; altre potrebbero non essere più clienti del Centro servizi o dello Studio che ha realizzato l archivio digitale, in altri casi potrebbe non essere più lo stesso il Responsabile della Conservazione, sostituito da altri. I casi da valutare e vagliare sono numerosi. Farlo per qualche comunicazione ha un costo contenuto ma da alcune stime che abbiamo fatto solo i nostri clienti produrranno circa comunicazioni per l anno Andando indietro di 5 anni (di solito il fiscale riguarda gli ultimi 5 periodi ) si rischia di arrivare al doppio. (negli anni passati questi metodi di conservazione erano meno diffusi). Se ipotizziamo un costo di 5 euro per ogni invio è facile capire quanto dovranno sborsare le imprese che hanno adottato queste soluzioni. Certi oneri se applicati su grandi quantitativi sono irrisori, ma se applicati su piccole realtà possono diventare esorbitanti. SEMPLIFICAZIONE La norma lo prevede quindi va fatto ma ci sembra «ragionevole» far decorrere l onere dall anno 2010 tralasciando i periodi precedenti. Pag.11

12 5 - Introduzione di regole per l uso della Firma Biometrica La Firma Biometrica è basata sulla Dinamica dell apposizione della Firma. I sistemi di questo tipo analizzano il modo con cui l'utente appone la propria firma, esaminando in particolare: la velocità, la pressione, l'angolo d'inclinazione della penna, il tempo impiegato, l'accelerazione del movimento, il numero di volte che la penna viene sollevata dalla carta. Tutte queste caratteristiche sono distintive della forma stessa della firma e del modo in cui viene generata. Tale tecnica è nota anche come "verifica dinamica della firma". L'utente appone la propria firma con una penna speciale o una tavoletta, o entrambe, incorporanti sensori per rilevare le caratteristiche dinamiche distintive. La dimensione del modello è circa 1,5 kbyte. Ambito applicativo L ambito applicativo è vasto tuttavia una regolamentazione non è semplice come non è facile mantenere un livello di sicurezza adeguato Autorizzazioni specifiche e limitate Pag. 12 Dispositivi per la firma biometrica hw e sw Il commercio all ingrosso Chi conosce il commercio all ingrosso sa che spesso il titolare dell azienda incarica qualcuno di andare a ritirare. L incarico può essere dato a voce oppure formalizzato con richieste scritte. In ogni caso chi consegna la merce ha due necessità, la prima è quella di identificare la persona e associarla alla ditta cliente, il secondo quello di far sottoscrivere i documenti di consegna. Se l incarico è ripetitivo, il deposito della firma biometrica preso l esercente, consentirebbe di svolgere i due compiti contestualmente, riconoscere l utente che sta ritirando la merce tramite la biometria della firma e attestare la consegna della merce. Si potrebbero autorizzare utilizzi specifici a Nella rilevazione della qualità nei processi basso rischio, come ad esempio la La gestione della qualità comporta spesso la sottoscrizione dei documenti di consegna. compilazione di modelli di controllo Quando si consegna merce o quando si sottoscritti dai vari addetti. Queste attività effettua la tentata vendita, si emette un non sempre vengono svolte in ufficio o di documento fiscale ( DDT o FATTURA ) in fronte ad una scrivania. Un sistema di doppia copia. Una rimane al destinatario e v i s u a l i z z a z i o n e e f i r m a p o r t a t i l e una ritorna all emittente con la firma permetterebbe di validare i documenti autografa del destinatario. camminando nell area produzione senza Tale firma è importante perché attesta il avere necessità di altri dispositivi. ricevimento della merce e consente di Negli USA viene utilizzati in ambito legale individuare chi l ha ritirata. L uso della firma I tribunali USA utilizzano la firma biometrica Biometrica in tale ambito eliminerebbe la per la sottoscrizione ed il deposito delle necessita della copia di ritorno sottoscritta. Al sentenze, per l accesso alla rete del tribunale suo posto andrebbe conservata la biometria e per il riconoscimento degli addetti. della firma applicata sulla tavoletta.

13 Aggiungi la tua opinione Pag. 13

14 Archivio Informatico è un periodico di informazione aziendale sull uso dei Software da noi prodotti e delle problematiche connesse alla formazione di un archivio digitale rispettoso delle norme vigenti. Gli utilizzatori dei programmi, i rivenditori autorizzati, i partner TeamSystem sono autorizzati a estrarre testi e immagini da utilizzare nella loro documentazione. La riproduzione intera e la diffusione è concessa purchè venga citata la fonte. Nel prossimo numero Garantire la sicurezza degli archivi digitali La raccolta elettronica dei documenti L impronta dei documenti informatici MultiMediait Via Piemonte n. 6 int Marotta di Mondolfo PU tel fax w w w. m u l t i m e d i a i t. c o m Partner

Posta Elettronica Certificata obbligo e opportunità per le Imprese e la PA

Posta Elettronica Certificata obbligo e opportunità per le Imprese e la PA Posta Elettronica Certificata obbligo e opportunità per le Imprese e la PA Belluno 28 gennaio 2014 www.feinar.it PEC: Posta Elettronica Certificata Che cos'è e come funziona la PEC 3 PEC: Posta Elettronica

Dettagli

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: NOVITÀ

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: NOVITÀ CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: NOVITÀ a cura del Col. t.st Danilo PETRUCELLI Comandante del Nucleo PT Torino Guardia di Finanza Politecnico di Torino, 25 novembre 2011 Sviluppo tecnologico

Dettagli

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: ANALISI E CONTROLLO

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: ANALISI E CONTROLLO CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: ANALISI E CONTROLLO a cura del Ten.Col. t.st Gaetano Cutarelli Comandante del I Gruppo Tutela Entrate del Nucleo Polizia Tributaria Torino della Guardia

Dettagli

La tenuta e la conservazione delle scritture contabili con modalità informatiche: regole e novità

La tenuta e la conservazione delle scritture contabili con modalità informatiche: regole e novità Focus di pratica professionale di Luca Signorini La tenuta e la conservazione delle scritture contabili con modalità informatiche: regole e novità Introduzione Da tempo l informatica costituisce parte

Dettagli

Adempimenti e problematiche di Diritto Societario di Viviana Grippo

Adempimenti e problematiche di Diritto Societario di Viviana Grippo Adempimenti e problematiche di Diritto Societario di Viviana Grippo Bollo virtuale: in scadenza il 2013 Il prossimo 31 gennaio 2013 scadono sia il versamento dell imposta di bollo virtuale dovuta sui libri

Dettagli

Circolare N.167 del 14 dicembre 2011. Obbligo di conservazione delle e-mail a contenuto giuridico-commerciale

Circolare N.167 del 14 dicembre 2011. Obbligo di conservazione delle e-mail a contenuto giuridico-commerciale Circolare N.167 del 14 dicembre 2011 Obbligo di conservazione delle e-mail a contenuto giuridico-commerciale Obbligo di conservazione delle e-mail a contenuto giuridico-commerciale Gentile cliente con

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

La Conservazione Sostitutiva dei Libri Contabili alla luce delle novità normative. Relatore Avv. Valentina Frediani

La Conservazione Sostitutiva dei Libri Contabili alla luce delle novità normative. Relatore Avv. Valentina Frediani La Conservazione Sostitutiva dei Libri Contabili alla luce delle novità normative Relatore Avv. Valentina Frediani 2 La conservazione elettronica dei documenti e le formalità da rispettare L argomento

Dettagli

La conservazione sostitutiva dei documenti

La conservazione sostitutiva dei documenti Conservazione dei documenti 1/3 La conservazione sostitutiva dei documenti Corso di Informatica giuridica a.a. 2005-2006 I documenti degli archivi, le scritture contabili, la corrispondenza e gli atti,

Dettagli

La fattura elettronica e la conservazione sostitutiva Prospettive per imprese e professionisti

La fattura elettronica e la conservazione sostitutiva Prospettive per imprese e professionisti Cerreto Guidi 27 luglio 2011 La fattura elettronica e la conservazione sostitutiva Prospettive per imprese e professionisti Umberto Zanini Dottore Commercialista e Revisore Contabile www.umbertozanini.it

Dettagli

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO Determina del Ragioniere generale dello Stato concernente le modalità di trasmissione e gestione di dati e comunicazioni ai Registri di cui al decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, concernente la

Dettagli

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista 1/5 OGGETTO CONSERVAZIONE DELLE FATTURE ELETTRONICHE (DOCUMENTI INFORMATICI) CLASSIFICAZIONE DT IVA FATTURAZIONE ELETTRONICA 20.020.021 RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 1 CO. 209-214 L. 24.12.2007 N. 244 (LEGGE

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SULLA FIRMA GRAFOMETRICA

NOTA INFORMATIVA SULLA FIRMA GRAFOMETRICA NOTA INFORMATIVA SULLA FIRMA GRAFOMETRICA Documento predisposto da Reale Mutua Assicurazioni ai sensi dell articolo 57, commi 1 e 3, del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 22/02/2013,

Dettagli

Fatturazione elettronica adempimento degli obblighi fiscali e tenuta delle scritture contabili mediante strumenti digitali

Fatturazione elettronica adempimento degli obblighi fiscali e tenuta delle scritture contabili mediante strumenti digitali Fatturazione elettronica adempimento degli obblighi fiscali e tenuta delle scritture contabili mediante strumenti digitali Milano, 4 giugno 2004 Avv. Luigi Neirotti Studio Legale Tributario - EYLaw 1 Normativa

Dettagli

La conservazione sostitutiva fatture elettroniche e documenti digitali è il sistema attraverso il quale professionisti, aziende e autonomi possono

La conservazione sostitutiva fatture elettroniche e documenti digitali è il sistema attraverso il quale professionisti, aziende e autonomi possono La conservazione sostitutiva fatture elettroniche e documenti digitali è il sistema attraverso il quale professionisti, aziende e autonomi possono creare, emettere, gestire, archiviare e conservare fatture

Dettagli

Conservazione elettronica della fatturapa

Conservazione elettronica della fatturapa Conservazione elettronica della fatturapa Tanti i dubbi legati agli adempimenti amministrativi e in Unico 2015. Lo scorso 31.03.2015 si è realizzato il definitivo passaggio dalla fattura cartacea a quella

Dettagli

Mercoledì, 26 novembre 2014. slide 1 di 23

Mercoledì, 26 novembre 2014. slide 1 di 23 La transizione al digitale per gli enti pubblici locali opportunità e criticità operative sala Zodiaco Sede della Provincia di Bologna Mercoledì, 26 novembre 2014 slide 1 di 23 Gli argomenti Saluti e introduzione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 220/E. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del D.M. 23 gennaio 2004, è stato esposto il seguente

RISOLUZIONE N. 220/E. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del D.M. 23 gennaio 2004, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 220/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 13 agosto 2009 OGGETTO: Istanza di interpello - Art. 11 della legge n. 212 del 2000 - Conservazione sostitutiva dei documenti analogici

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 18 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Nuova modalità di presentazione dei modelli F24;

Oggetto: Informativa n. 18 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Nuova modalità di presentazione dei modelli F24; Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 27 ottobre 2014 Oggetto: Informativa n. 18 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: Obbligo di comunicazione

Dettagli

SISTEMI RIS/PACS: AGGIORNAMENTI SUL TEMA

SISTEMI RIS/PACS: AGGIORNAMENTI SUL TEMA SISTEMI RIS/PACS: AGGIORNAMENTI SUL TEMA Firma digitale e conservazione sostitutiva Gabriele Faggioli MIP Politecnico Milano Milano, 18 gennaio 2007 Aspetti introduttivi L evoluzione e la diffusione delle

Dettagli

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE D.M. 23 gennaio 2004: Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione in diversi tipi di supporto. (Pubblicato nella G.U. n. 27 del 3 febbraio

Dettagli

I termini di stampa dei registri e libri contabili

I termini di stampa dei registri e libri contabili ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 19 5 DICEMBRE 2015 I termini di stampa dei registri e libri contabili Copyright 2015 Acerbi

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli TENUTA E CONSERVAZIONE DELLE SCRITTURE CONTABILI CON MODALITA INFORMATICHE Documento n. 27 del 24 ottobre 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma tel.: 06/85.440.1 (fax 06/85.440.223)

Dettagli

La fatturazione elettronica

La fatturazione elettronica La fatturazione elettronica Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it D.Lgs. 20 febbraio 2004, n. 52 Attuazione della direttiva 2001/115/CE che semplifica

Dettagli

Vantaggi della conservazione sostitutiva dei documenti rilevanti ai fini fiscali

Vantaggi della conservazione sostitutiva dei documenti rilevanti ai fini fiscali Vantaggi della conservazione sostitutiva dei documenti rilevanti ai fini fiscali 1 Libri contabili tenuti in forma cartacea Libri contabili tenuti con sistemi meccanografici Libri contabili elettronici

Dettagli

Il nuovo CAD: luci e ombre Prof. ing. Pierluigi Ridolfi Università di Bologna

Il nuovo CAD: luci e ombre Prof. ing. Pierluigi Ridolfi Università di Bologna Il nuovo CAD: luci e ombre Prof. ing. Pierluigi Ridolfi Università di Bologna Genova Ospedali Galliera 14 ottobre 2011 CAD Dlgs. 7 marzo 2005, n. 82. Modificato e integrato dal Dlgs. 4 aprile 2006, n.

Dettagli

Archiviazione dei documenti. Conservazione Sostitutiva e Fatturazione Elettronica. Aspetti normativi

Archiviazione dei documenti. Conservazione Sostitutiva e Fatturazione Elettronica. Aspetti normativi Archiviazione dei documenti Conservazione Sostitutiva e Fatturazione Elettronica Aspetti normativi L evoluzione del quadro normativo Italiano Volontà del legislatore Italiano di spingere il Sistema Paese

Dettagli

SCHEDA DEL CORSO Titolo: Descrizione: competenze giuridiche e fiscali da un lato, tecniche ed organizzative dall altro.

SCHEDA DEL CORSO Titolo: Descrizione: competenze giuridiche e fiscali da un lato, tecniche ed organizzative dall altro. SCHEDA DEL CORSO Titolo: La gestione elettronica e la dematerializzazione dei documenti. Il Responsabile della La normativa, l operatività nelle aziende e negli studi professionali. Come sfruttare queste

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

White Paper. Per informazioni puoi rivolgerti presso l Agenzia:

White Paper. Per informazioni puoi rivolgerti presso l Agenzia: White Paper Per informazioni puoi rivolgerti presso l Agenzia: Pagina 2 di 12 Versione 2.0 Sommario Per informazioni puoi rivolgerti presso l Agenzia:... 1... 1 White Paper... 1 1. Introduzione... 3 2.

Dettagli

(G.U. 3 febbraio 2004, n. 27) IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

(G.U. 3 febbraio 2004, n. 27) IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 23 gennaio 2004 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione in diversi tipi di (G.U. 3 febbraio 2004, n. 27) IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

VADEMECUM PER LA STAMPA E LA CONSERVAZIONE OTTICA DEI REGISTREI CONTABILI

VADEMECUM PER LA STAMPA E LA CONSERVAZIONE OTTICA DEI REGISTREI CONTABILI VADEMECUM PER LA STAMPA E LA CONSERVAZIONE OTTICA DEI REGISTREI CONTABILI Come noto, le imprese / lavoratori autonomi, in relazione ai registri contabili nonché, limitatamente alle imprese in contabilità

Dettagli

La Posta Elettronica Certificata

La Posta Elettronica Certificata La Posta Elettronica Certificata Cedacri S.p.A. Sede legale: Via del Conventino n. 1 43044 Collecchio (Parma) C.F./Partita IVA e Iscrizione al Registro delle Imprese di Parma: 00432960342 R.E.A.: 128475

Dettagli

DOCUMENTO ANALOGICO E DOCUMENTO DIGITALE: DEFINIZIONI E CENNI SULLA NORMATIVA Elisabetta Bombardieri Insiel S.p.A.

DOCUMENTO ANALOGICO E DOCUMENTO DIGITALE: DEFINIZIONI E CENNI SULLA NORMATIVA Elisabetta Bombardieri Insiel S.p.A. DOCUMENTO ANALOGICO E DOCUMENTO DIGITALE: DEFINIZIONI E CENNI SULLA NORMATIVA Elisabetta Bombardieri Insiel S.p.A. Udine, 11 giugno 2013 Evoluzione della normativa Fonte: P. Ridolfi «Il nuovo codice dell

Dettagli

Notizie e aggiornamenti normativi che riguardano la dematerializzazione e l archiviazione elettronica dei documenti.

Notizie e aggiornamenti normativi che riguardano la dematerializzazione e l archiviazione elettronica dei documenti. Studio TEOREMA SERVIZI di A. Drappero News di aggiornamento Agenda per l Italia digitale Archiviazione conservativa dei Modelli 770 software dedicato I punti di forza: a) Unica installazione in grado di

Dettagli

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA TeamSystem ha rilasciato un nuovo modulo software e creato un servizio web per gestire in modo snello, guidato e sicuro l intero processo

Dettagli

Il ruolo del Dottore Commercialista nell ambito dei processi di conservazione. Adempimenti connessi all avvio la Conservazione Sostitutiva

Il ruolo del Dottore Commercialista nell ambito dei processi di conservazione. Adempimenti connessi all avvio la Conservazione Sostitutiva La Conservazione Sostitutiva dei Documenti, Libri e Registri Il ruolo del Dottore Commercialista nell ambito dei processi di conservazione Adempimenti connessi all avvio la Conservazione Sostitutiva Dott.

Dettagli

GB Software Contabilità Piccola Azienda

GB Software Contabilità Piccola Azienda In collaborazione con Presenta: GB Software Contabilità Piccola Azienda Per la piccola impresa che vuole gestirsi da solo la propria contabilità Con il GB Software Contabilità Piccola Azienda potrai gestire:

Dettagli

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA 23 febbraio 2015, Bologna Circ. N. 0023/02/2015 Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA Gentile Cliente, abbiamo rilasciato un nuovo modulo software e creato un servizio web per

Dettagli

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA Gentile Cliente, Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA l art. 1, commi da 209 a 214, della legge 24 dicembre 2007 n. 244 (legge finanziaria 2008) ha introdotto l obbligo della

Dettagli

Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione

Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione Prof. Avv. Giusella Finocchiaro Studio legale Finocchiaro www. studiolegalefinocchiaro.it 1 Il quadro normativo Percorso lungo e complesso: normativa

Dettagli

Le novità in tema di impronte degli archivi

Le novità in tema di impronte degli archivi Convegno organizzato da Associazione ICT Dott.Com Le novità in tema di impronte degli archivi Direzione Regionale del Piemonte a cura di Sandra Migliaccio Ufficio Fiscalità Generale 1 23 novembre 2012

Dettagli

Art. 1 - Finalità. Art. 2 - Formazione del contratto in modalità elettronica

Art. 1 - Finalità. Art. 2 - Formazione del contratto in modalità elettronica DISCIPLINARE PER LA REDAZIONE, STIPULA, REGISTRAZIONE E CONSERVAZIONE DI CONTRATTI STIPULATI IN MODALITA ELETTRONICA. Art. 1 - Finalità 1. Ai sensi dell art. 11, comma 13, del D.Lgs. n. 163/2006, come

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA STIPULAZIONE DEI CONTRATTI IN MODALITÀ ELETTRONICA

DISCIPLINARE PER LA STIPULAZIONE DEI CONTRATTI IN MODALITÀ ELETTRONICA DISCIPLINARE PER LA STIPULAZIONE DEI CONTRATTI IN MODALITÀ ELETTRONICA Approvato con Delibera di GC n. 133 del 10 luglio 2014 C O M U N E D I C O L L E F E R R O Provincia di Roma DISCIPLINARE PER LA STIPULAZIONE

Dettagli

programma di informatica e sistemi informativi

programma di informatica e sistemi informativi programma di informatica e sistemi informativi Catania, 18 giugno 2008 1 Programma per gli esami di abilitazione nozioni di base di informatica: bit, Byte, Ram, Rom, linguaggi di programmazione, funzionamento

Dettagli

Fatturazione Elettronica verso le PA

Fatturazione Elettronica verso le PA Piergiorgio Licciardello Fatturazione Elettronica verso le PA Bologna, 13 maggio 2014 AGENDA Normativa e Adempimenti Scenario Attori Processi coinvolti 2 Normativa e Adempimenti IL NUOVO CAD (CODICE AMMINISTRAZIONE

Dettagli

La fattura elettronica per il dottore commercialista

La fattura elettronica per il dottore commercialista S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL PUNTO SULLA FATTURA ELETTRONICA La fattura elettronica per il dottore commercialista DANIELE TUMIETTO 8 Marzo 2013 - Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 81/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25 settembre 2015

RISOLUZIONE N. 81/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25 settembre 2015 RISOLUZIONE N. 81/E Direzione Centrale Normativa Roma, 25 settembre 2015 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Comunicazione del luogo di conservazione in modalità elettronica dei

Dettagli

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA 15 Luglio 2014 Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA Gentile Cliente, l art. 1, commi da 209 a 214, della legge 24 dicembre 2007 n. 244 (legge finanziaria 2008) ha introdotto l

Dettagli

GLOSSARIO/DEFINIZIONI

GLOSSARIO/DEFINIZIONI ALLEGATO 1 GLOSSARIO/DEFINIZIONI Indice 1 2 INTRODUZIONE DEFINIZIONI Allegato alle Regole tecniche in materia di documento informatico e gestione documentale, protocollo informatico e di documenti informatici

Dettagli

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA FIRMA DIGITALE

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA FIRMA DIGITALE CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA Le normative vigenti impongono la conservazione di migliaia di documenti. Grazie alle regole tecniche del Cnipa (Centro Nazionale per l'informatica nella Pubblica Amministrazione)

Dettagli

ARCHIVIA PLUS CHIUSURA ARCHIVI

ARCHIVIA PLUS CHIUSURA ARCHIVI ARCHIVIA PLUS CHIUSURA ARCHIVI Istruzioni per la chiusura degli archivi Versione n. 2014.11.19 Del: 19/11/2014 Redatto da: Veronica Gimignani Luca Mattioli Approvato da: Claudio Caprara Categoria: File

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE Modello ANR/2 IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE DICHIARAZIONE PER L IDENTIFICAZIONE DIRETTA, DI VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA Visura

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA Visura Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA Visura FATTURAZIONE ELETTRONICA Fatt-PA è il servizio online di fatturazione elettronica semplice e sicuro

Dettagli

Manuale d uso del Sistema di e-procurement

Manuale d uso del Sistema di e-procurement Manuale d uso del Sistema di e-procurement Guida all utilizzo del servizio di generazione e trasmissione delle Fatture Elettroniche sul Portale Acquisti in Rete Data ultimo aggiornamento: 03/06/2014 Pagina

Dettagli

La dematerializzazione dei documenti amministrativi. La formazione del documento digitale. Notaio Gea Arcella garcella@notariato.

La dematerializzazione dei documenti amministrativi. La formazione del documento digitale. Notaio Gea Arcella garcella@notariato. La dematerializzazione dei documenti amministrativi La normativa di riferimento (cenni al DL 179/2012 in vigore dal 20 ottobre 2012) La formazione del documento digitale Notaio Gea Arcella garcella@notariato.it

Dettagli

FATTURA ELETTRONICA. non solo verso la pubblica amministrazione

FATTURA ELETTRONICA. non solo verso la pubblica amministrazione FATTURA ELETTRONICA non solo verso la pubblica amministrazione Fattura Emissione documento IVA cartaceo prestampato personalizzato da tipografia Registrazione documento IVA registri IVA manuali registri

Dettagli

Versamenti F24 telematici. FORUM PA 2007 Pagamenti elettronici nella PA Roma, 25 maggio 2007

Versamenti F24 telematici. FORUM PA 2007 Pagamenti elettronici nella PA Roma, 25 maggio 2007 Versamenti F24 telematici FORUM PA 2007 Pagamenti elettronici nella PA Roma, 25 maggio 2007 Argomenti trattati Il sistema del versamento unificato: evoluzione Semplificazione del rapporto fisco/cittadino:

Dettagli

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI Approvato con deliberazione n. 463 del 10.08.2015

Dettagli

LA VERIFICA FISCALE SUI DOCUMENTI INFORMATICI. 16 gennaio 2009

LA VERIFICA FISCALE SUI DOCUMENTI INFORMATICI. 16 gennaio 2009 LA VERIFICA FISCALE SUI DOCUMENTI INFORMATICI 16 gennaio 2009 Premessa La dematerializzazione dei documenti: esigenze comuni alle imprese e all Amministrazione Finanziaria; DM 23/01/2004; Delibera CNIPA

Dettagli

La nuova disciplina in materia di fatturazione elettronica.

La nuova disciplina in materia di fatturazione elettronica. La nuova disciplina in materia di fatturazione elettronica. di Leda Rita Corrado (*) Riferimenti: Direttiva 2010/45/UE del Consiglio del 13 luglio 2010, recante modifica della direttiva 2006/112/CE relativa

Dettagli

L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIGITALE: OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI PER GLI ENTI ERP

L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIGITALE: OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI PER GLI ENTI ERP Prof. Stefano Pigliapoco L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIGITALE: OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI PER GLI ENTI ERP s.pigliapoco@unimc.it La società dell informazione e della conoscenza La digitalizzazione delle comunicazioni,

Dettagli

digitale della documentazione

digitale della documentazione I controlli fiscali alle aziendeche adottanola conservazione digitale della documentazione Verifica della corrispondenza fra l impronta dell archivio inviata all Agenzia delle Entrate e quella riscontrata

Dettagli

Digitalizzazione dei Documenti. Il software Archidigi.

Digitalizzazione dei Documenti. Il software Archidigi. www.opendotcom.it 1 Digitalizzazione dei Documenti. Il software Archidigi. Innovazione dei processi e quadro normativo di riferimento. Dott. Fabio Aimar Dott. Francesco Cappello 2 Premessa L aumento delle

Dettagli

Adottiamo una PEC. Spazio Etoile - Galleria Caetani, Piazza San Lorenzo in Lucina, 43. Roma, 11 novembre 2009

Adottiamo una PEC. Spazio Etoile - Galleria Caetani, Piazza San Lorenzo in Lucina, 43. Roma, 11 novembre 2009 Adottiamo una PEC Spazio Etoile - Galleria Caetani, Piazza San Lorenzo in Lucina, 43 Roma, 11 novembre 2009 1 Indice Executive summary 1. Riferimenti normativi 2. 2010: anno della PEC 3. I vantaggi della

Dettagli

OGGETTO: Consulenza giuridica Associazione Bancaria Italiana Libro giornale Applicabilità dell imposta di bollo alle scritture contabili ausiliarie

OGGETTO: Consulenza giuridica Associazione Bancaria Italiana Libro giornale Applicabilità dell imposta di bollo alle scritture contabili ausiliarie RISOLUZIONE N. 371/E Roma, Roma, 06 ottobre 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Prot. n. 2008/137243 OGGETTO: Consulenza giuridica Associazione Bancaria Italiana Libro giornale Applicabilità

Dettagli

SERVIZIO DI CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA LIBRI FISCALI OBBLIGATORI

SERVIZIO DI CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA LIBRI FISCALI OBBLIGATORI SERVIZIO DI CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA LIBRI FISCALI OBBLIGATORI Nell ambito della propria gamma di soluzioni di gestione documentale e conservazione sostitutiva DeltaDator propone un innovativo servizio

Dettagli

SuiteDOC CONTEMPORANEAMENTE. Il sistema più performante per gestire lo scambio di documenti tra lo studio e i clienti.

SuiteDOC CONTEMPORANEAMENTE. Il sistema più performante per gestire lo scambio di documenti tra lo studio e i clienti. Da Wolters Kluwer la gestione documentale integrata. Il sistema più performante per gestire lo scambio di documenti tra lo studio e i clienti. CONTEMPORANEAMENTE CONTEMPORANEAMENTE Per la parola chiave

Dettagli

OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 conservazione elettronica dei titoli di acquisto di beni agevolati

OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 conservazione elettronica dei titoli di acquisto di beni agevolati RISOLUZIONE N. 52/E Roma, 17 giugno 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 conservazione elettronica dei titoli di acquisto di beni agevolati

Dettagli

Integrazioni Volontarie Firma Elettronica o Firma Autografa? Certificato di Ruolo

Integrazioni Volontarie Firma Elettronica o Firma Autografa? Certificato di Ruolo Integrazioni Volontarie Firma Elettronica o Firma Autografa? Certificato di Ruolo Hanno inviato pratiche 76 professionisti Pratiche inviate al 17/10/2014: 164 Hanno inviato pratiche 76 professionisti Pratiche

Dettagli

Mai sentito parlare di Conservazione Digitale dei documenti?

Mai sentito parlare di Conservazione Digitale dei documenti? Mai sentito parlare di Fatturazione Elettronica? Mai sentito parlare di Conservazione Digitale dei documenti? Mai sentito parlare di Archiviazione Documentale? Se la risposta è no ad una di questi quesiti

Dettagli

Fatturazione IVA: chiarimenti dall Agenzia. Circolare n.18/e del 24 giugno 2014

Fatturazione IVA: chiarimenti dall Agenzia. Circolare n.18/e del 24 giugno 2014 Fiscal Flash La notizia in breve N. 119 25.06.2014 Fatturazione IVA: chiarimenti dall Agenzia Circolare n.18/e del 24 giugno 2014 Categoria: IVA Sottocategoria: Fattura L Agenzia delle Entrate, dopo aver

Dettagli

Il CAD e il Dlgs. 33. Brescia I.I.S. Tartaglia Olivieri 21 gennaio 2014

Il CAD e il Dlgs. 33. Brescia I.I.S. Tartaglia Olivieri 21 gennaio 2014 Il CAD e il Dlgs. 33 gli obblighi delle scuole: trasparenza, dematerializzazione, archiviazione sostitutiva Brescia I.I.S. Tartaglia Olivieri 21 gennaio 2014 Il CAD e le Istituzioni scolastiche: dal documento

Dettagli

Direttive concernenti le comunicazioni con le pubbliche amministrazioni e lo scambio di documenti per via telematica.

Direttive concernenti le comunicazioni con le pubbliche amministrazioni e lo scambio di documenti per via telematica. ALLEGATO A) Direttive concernenti le comunicazioni con le pubbliche amministrazioni e lo scambio di documenti per via telematica. 1. Premessa Le presenti direttive disciplinano le comunicazioni telematiche

Dettagli

Gli elementi comunemente contenuti nella fattura, sia cartacea che elettronica, sono:

Gli elementi comunemente contenuti nella fattura, sia cartacea che elettronica, sono: Fattura elettronica: caratteristiche e vantaggi La legge per tutti.it Stefano Veltri Il recente decreto sviluppo ha modificato la disciplina sulla fattura elettronica, allo scopo di favorirne la diffusione.

Dettagli

Visto Visto Visto Visto Visto Visto Visto Vista

Visto Visto  Visto Visto Visto Visto Visto Vista Approvazione del formato elettronico dei modelli di certificato tipo inerenti il registro delle imprese di cui al decreto ministeriale 13 luglio 2004, come modificato e integrato dal decreto ministeriale

Dettagli

La smaterializzazione dei documenti: la gestione del ciclo di vita e i controlli

La smaterializzazione dei documenti: la gestione del ciclo di vita e i controlli La smaterializzazione dei documenti: la gestione del ciclo di vita e i controlli Resp. Prodotti e Servizi La carta Oggi ci troviamo a vivere contemporaneamente in due mondi paralleli e diversi: quello

Dettagli

BOLLATURA E NUMERAZIONE LIBRI SOCIALI OBBLIGATORI E ALTRI LIBRI O REGISTRI PER I QUALI L OBBLIGO DELLA BOLLATURA E PREVISTO DA NORME SPECIALI.

BOLLATURA E NUMERAZIONE LIBRI SOCIALI OBBLIGATORI E ALTRI LIBRI O REGISTRI PER I QUALI L OBBLIGO DELLA BOLLATURA E PREVISTO DA NORME SPECIALI. Avvertenze generali Occorre compilare il modello DISTINTA VIDIMAZIONI indicando le generalità di chi presenta il modello (può essere anche un incaricato dell impresa) e i dati identificativi dell impresa,

Dettagli

Circolare informativa n.15 del 22 dicembre 2014 REGISTRI CONTABILI E INVENTARIO DI MAGAZZINO

Circolare informativa n.15 del 22 dicembre 2014 REGISTRI CONTABILI E INVENTARIO DI MAGAZZINO Circolare informativa n.15 del 22 dicembre 2014 REGISTRI CONTABILI E INVENTARIO DI MAGAZZINO Si ricorda che entro il 31.12.2014 i contribuenti che tengono la contabilità con sistemi meccanografici devono

Dettagli

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012 CIRCOLARE N. 42 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 09 novembre 2012 OGGETTO: Documentazione delle operazioni di acquisto di carburanti per autotrazione presso impianti stradali di distribuzione effettuati

Dettagli

CIRCOLARE N. 58/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma 17 ottobre 2008

CIRCOLARE N. 58/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma 17 ottobre 2008 CIRCOLARE N. 58/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma 17 ottobre 2008 Oggetto: Trasferimento di quote di S.r.l. Art. 36 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni,

Dettagli

I termini di stampa dei registri e libri contabili

I termini di stampa dei registri e libri contabili ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 19 8 OTTOBRE 2014 I termini di stampa dei registri e libri contabili Copyright 2014 Acerbi

Dettagli

La fatturazione elettronica: attualità e prospettive delle documentazione digitale in azienda. Gea Arcella Notaio garcella@notariato.

La fatturazione elettronica: attualità e prospettive delle documentazione digitale in azienda. Gea Arcella Notaio garcella@notariato. La fatturazione elettronica: attualità e prospettive delle documentazione digitale in azienda Gea Arcella Notaio garcella@notariato.it La fatturazione elettronica e le scritture contabili informatiche

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATICO E FIRME ELETTRONICHE, PAGAMENTI, LIBRI E SCRITTURE

DOCUMENTO INFORMATICO E FIRME ELETTRONICHE, PAGAMENTI, LIBRI E SCRITTURE DOCUMENTO INFORMATICO E FIRME ELETTRONICHE, PAGAMENTI, LIBRI E SCRITTURE Art 1 c. 1., q DEFINIZIONE DI DOCUMENTO INFORMATICO documento informatico: la rappresentazione informatica di atti, fatti o dati

Dettagli

Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi

Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi CNIPA massella@cnipa.it Workshop per dirigenti responsabili dei servizi di protocollo e flussi documentali CNIPA 9 novembre 2007 1 Alcuni numeri

Dettagli

Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici. Decreto 23 gennaio 2004. art.. 1) Definizioni (art(

Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici. Decreto 23 gennaio 2004. art.. 1) Definizioni (art( Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici Decreto 23 gennaio 2004 Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento politiche fiscali Ufficio tecnologie informatiche

Dettagli

Risoluzione del 25/09/2015 n. 81 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa

Risoluzione del 25/09/2015 n. 81 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Risoluzione del 25/09/2015 n. 81 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 - Comunicazione del luogo di conservazione in modalità elettronica

Dettagli

La conservazione della fattura elettronica e della pec

La conservazione della fattura elettronica e della pec Confindustria Firenze 17 luglio 2014 La conservazione della fattura elettronica e della pec Relatore Avv. Chiara Fantini Of Counsel Studio Legale Frediani - Partner DI & P Srl Indice Quadro normativo in

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE Modello ANR/3 IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE DICHIARAZIONE PER L IDENTIFICAZIONE DIRETTA, DI VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non

Dettagli

GLOSSARIO/DEFINIZIONI

GLOSSARIO/DEFINIZIONI ALLEGATO 1 GLOSSARIO/DEFINIZIONI 11 Indice 1 2 INTRODUZIONE... DEFINIZIONI... 12 1 INTRODUZIONE Di seguito si riporta il glossario dei termini contenuti nelle regole tecniche di cui all articolo 71 del

Dettagli

La conservazione digitale tra obblighi e opportunità

La conservazione digitale tra obblighi e opportunità Giuseppe Santillo La conservazione digitale tra obblighi e opportunità Bologna 13 Maggio 2014 AGENDA O INDICE Gli impatti normativi in tema di conservazione La conservazione digitale: un obbligo normativo

Dettagli

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE. Allegato allo schema di convenzione per la gestione del

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE. Allegato allo schema di convenzione per la gestione del AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE C.D.A N. 10 IN DATA 15.04.2016 Allegato allo schema di convenzione per la gestione del Servizio di

Dettagli

Dematerializzazione: lo stato attuale della normativa

Dematerializzazione: lo stato attuale della normativa Dematerializzazione: lo stato attuale della normativa Prof. ing. Pierluigi Ridolfi Università di Bologna, già Presidente della Commissione Interministeriale per la dematerializzazione Seminario Di.Tech

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA SULLA RENDICONTAZIONE

NOTA ESPLICATIVA SULLA RENDICONTAZIONE Rev. Sett. 10 NOTA ESPLICATIVA SULLA RENDICONTAZIONE PREMESSA Per tutte le misure cofinanziate dal FESR nell ambito del POR 2007-2013, la rendicontazione delle spese deve necessariamente essere presentata

Dettagli

FATTURAZIONE ELETTRONICA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Dott.ssa Barbara Santucci

FATTURAZIONE ELETTRONICA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Dott.ssa Barbara Santucci FATTURAZIONE ELETTRONICA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Dott.ssa Barbara Santucci 1 1. INTRODUZIONE La L. n 244/2007 e successive modificazioni ha istituito l obbligo di fatturazione elettronica nei confronti

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI

LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI La conservazione dei documenti è una procedura legale/informatica, normata dalla legge italiana, che permette di dare validità legale nel tempo ai documenti informatici.

Dettagli

CONSERVAZIONE DIGITALE DEI DOCUMENTI FISCALI. On line 6/10/2014 ore 14,30

CONSERVAZIONE DIGITALE DEI DOCUMENTI FISCALI. On line 6/10/2014 ore 14,30 CONSERVAZIONE DIGITALE DEI DOCUMENTI FISCALI On line 6/10/2014 ore 14,30 DALLA GESTIONE DOCUMENTALE ALLA CONSERVAZIONE DIGITALE Claudio Caprara Direttore commerciale MultiMedia it claudio.caprara@multimediait.net

Dettagli

137/2015 Ottobre/13/2015 (*) Napoli 22 Ottobre 2015

137/2015 Ottobre/13/2015 (*) Napoli 22 Ottobre 2015 Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli 137/2015 Ottobre/13/2015 (*) Napoli 22 Ottobre 2015 Con la risoluzione 81/E del 25 settembre 2015, l Amministrazione Finanziaria ha fornito

Dettagli

Posta elettronica certificata: per le raccomandate rivoluzione in un «click»

Posta elettronica certificata: per le raccomandate rivoluzione in un «click» Posta elettronica certificata: per le raccomandate rivoluzione in un «click» di Salvatore Mattia (*) Per professionisti e imprese arriva finalmente la svolta nella gestione di fatture e raccomandate: entra

Dettagli

La Firma Grafometrica (la firma apposta su tablet con una particolare penna) è ammessa e anzi favorita dalla normativa vigente, ed in particolare:

La Firma Grafometrica (la firma apposta su tablet con una particolare penna) è ammessa e anzi favorita dalla normativa vigente, ed in particolare: FIRMA ELETTRONICA AVANZATA ( FirmaEA ) CARATTERISTICHE TECNOLOGICHE DEL SISTEMA REALIZZATO DALLA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA PER L'USO DELLA FIRMA ELETTRONICA AVANZATA (ai sensi dell'art. 57, lett.

Dettagli