N Titolo Testata-Edizione Data 1 Innaffiate le strade con litri d'acqua Il Piccolo Gorizia L'opposizione: no a interventi-tampone

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N Titolo Testata-Edizione Data 1 Innaffiate le strade con 35000 litri d'acqua Il Piccolo Gorizia 23-02-2008 2 L'opposizione: no a interventi-tampone"

Transcript

1 N Titolo Testata-Edizione Data 1 Innaffiate le strade con litri d'acqua Il Piccolo Gorizia L'opposizione: no a interventi-tampone Il Piccolo Gorizia Siglato il "Patto per lo sviluppo" Il Piccolo Gorizia La borghese palazzina liberty si trasforma in Casa dell'impresa Il Piccolo Gorizia Su 10 assunti 8 sono a tempo indeterminato Il Piccolo Gorizia Via dalle case 8000 mq di tetti in eternit Il Piccolo Gorizia L'Ascom risponde ai consumatori: "I prezzi sono gia' fermi" Il Piccolo Gorizia "L'ex cava non ospiti i detriti dei cavalcavia" Il Piccolo Gorizia Regge al traffico la nuova bretella di San Polo Il Piccolo Monfalcone Lunedi' un convegno sul Distretto tecnologico Il Piccolo Monfalcone Piani fa appello alla Provincia: Il Piccolo Monfalcone Riecco le targhe alterne Messaggero Veneto Gorizia PAtto per lo sviluppo Messaggero Veneto Gorizia Contributi per la rimozione dell'amianto Messaggero Veneto Gorizia Domani al via la corsa campestre Messaggero Veneto Gorizia Convegno sulla navalmeccanica Messaggero Veneto Gorizia

2 23 FEB 2008 Il Piccolo Gorizia Citta' pagina 20 Innaffiate le strade con litri d acqua I volontari hanno svuotato sette autobotti La polemica sul lavaggio delle strade, l assessore all ambiente Francesco Del Sordi se l aspettava. Certo, però, non si aspettava di venire accusato di aver spruzzato l acqua solo intorno alle centraline di rilevamento delle Pm10. «Alla luce della polemica sollevata dal consigliere Marincic - è la risposta dell amministratore -, il quale sostiene che il lavaggio strade è stato effettuato prevalentemente in via Duca d'aosta, per doveroso rispetto del lavoro dei volontari della Protezione civile, ritengo opportuno comunicare che i volontari hanno caricato 7 botti (35 mila litri d acqua) e hanno operato gratis dalle alle Sono passati in via di Manzano-via Duca d Aosta, in via Sauro e in via De Gaspari andata e ritorno. Hanno percorso via di Manzano, corso Italia, via XXIV Maggio e di nuovo via Duca D Aosta. Hanno attraversato Corso Italia e Corso Verdi fino alla stazione; da via Aquileia hanno raggiunto la Cassa di Risparmio di Lucinico in via Udine percorrendo la rotonda e il viadotto Ragazzi del 99. Di ritorno hanno poi effettuato due giri in via della Barca e via Aquileia». Ieri «altri volontari hanno bagnano le strade con percorsi analoghi e piccole deviazioni. «Non ritengo - conclude Del Sordi - che questi attacchi politici debbano essere fatti anche nei confronti di persone che operano per tutelare la salute pubblica in modo volontario». Box

3 23 FEB 2008 Il Piccolo Gorizia Citta' pagina 20 AMBIENTE Waltritsch: «Il sindaco non aveva detto che non ci sarebbero state limitazioni al traffico?» L opposizione: no a interventi-tampone Rota (Pd): «Servono provvedimenti organici, non aspirine» Livio Bianchini (Rc) presentò in Consiglio un ordine del giorno che chiedeva l attuazione del Piano del traffico: «Ma l hanno bocciato» «Sono provvedimenti-tampone che aiutano a superare il momento di crisi contingente ma che non risolvono affatto il problema. Sono delle semplici Aspirine. La verità è che quest amministrazione comunale non fa abbastanza per l ambiente. Non si affronta l emergenza dell inquinamento in questa maniera». Marco Rota, consigliere comunale del Partito democratico, non va per il sottile. E fa eco alle perplessità già espresse ieri sulle pagine di questo giornale da Marko Marincic (Forum). «Non mi si venga a dire che non permettere il traffico ai vecchi ciclomotori è una risposta reale al problema dello smog. Così come, non credo che con gli appelli a tenere le auto in garage si vada lontano. Il problema dell inquinamento - argomenta Rota - va affrontato in maniera strutturale e non con interventi episodici, sperando sempre che si scateni Giove pluvio e porti via le polveri sottili. Ciò che più mi sorprende è che la lotta all inquinamento Via Di Manzano bagnata dopo il passaggio dell autobotte che ha innaffiato la strada era uno degli elementi-cardine di quest amministrazione comunale ma non mi sembra che i risultati siano così esaltanti». Rota ha qualcosa da ridire anche sulla decisione di interdire domani al traffico le auto a benzina pre-euro 1, quelle più vecchie. «In questa maniera, chi si va a colpire? Quelle famiglie che non hanno un automobile che risponde alle moderne normative: quelle famiglie, cioé, che non possono permettersi un auto nuova». Rota, pertanto, ha molte perplessità. Ales Waltritsch (Forum) preferisce - invece - evidenziare le differenze di vedute, emerse in tempi non sospetti, fra il sindaco Romoli e l assessore comunale all Ambiente Francesco Del Sordi. «Lunedì, ci saranno le targhe alterne? Come volevasi dimostrare. Ricordo ancora le parole del sindaco Romoli quando zittì il suo assessore (Del Sordi, ndr), il quale ebbe la grande colpa di dichiarare che se ci fossero stati sforamenti delle Pm 10 ci sarebbero stati provvedimenti restrittivi al traffico. Del Sordi non fece altro che ricordare l attuazione del Piano d azione comunale. Ebbene, oggi l emergenza c è: forse anche Romoli si renderà conto che se ne avessimo parlato di tale problema già sei mesi fa, forse anche con l ausilio dell opposizione si sarebbero potuti studiare interventi strutturali». Già Livio Bianchini (Rc) sollevò il problema in Consiglio comunale ma la sua mozione fu bocciata. Nel documento, fra le altre cose, si chiedeva all amministrazione comunale di confermare quanto previsto dal Piano del traffico della giunta precedente, prevedendo l incentivazione del trasporto pubblico con la decisione di portare la tariffa giornaliera dei bus a un euro. Non solo. Bianchini auspicò che venisse utilizzato il piazzale della Casa rossa come «confortevole e appetitoso parcheggio». Infine, «si potrebbe predisporre da tale area di sosta un servizio di bus-navetta o trenino - concludeva Bianchini - ai potenziali visitatori del castello. Una serie di idee che possono essere interessanti alternative all ipotetico e costoso ascensore al maniero». Ma un passaggio fece diventare «ostico» l ordine del giorno alla maggioranza di centrodestra: e cioé quando il consigliere comunale Bianchini chiese che l attuale giunta si impegnasse «a confermare ed attuare gli indirizzi politico-amministrativi della precedente amministrazione che nello specifico riguardano principalmente il piano del traffico, il piano del commercio e i grandi eventi su scala internazionale». fra. fa. Taglio medio

4 23 FEB 2008 Il Piccolo Gorizia Citta' pagina 21 Gherghetta: «Convocheremo una conferenza». I sindacati: «Vogliamo essere coinvolti» Siglato il «Patto per lo sviluppo» «Non possiamo sentirci dire di avere il tasso di disoccupazione fra i più bassi d Italia e poi, in un altra ricerca rivelatasi fortunatamente sballata, vedere la nostra economia al penultimo posto come tasso di crescita. Questo per dire una volta di più che le statistiche vanno prese con le molle. Ad ogni modo, la Provincia, assieme all Assindustria, ha siglato un patto: e nelle prossime settimane organizzeremo assiene la nuova conferenza economica per l Isontino». Il presidente Enrico Gherghetta passa dalle parole ai ftti. Ieri mattina - partecipando per pochi minuti alla presentazione dei dati occupazionali - ha illustrato il progetto dell amministrazione provinciale. «Abbiamo già elaborato un programma in dieci punti che discuteremo assieme durante la conferenza economica. L Isontino ha tutte le potenzialità per continuare a svilupparsi». Una notizia appresa con un certa soddisfazione da Cgil, Cisl e Uil. «L importante è che questi dieci punti non vengano imposti ma ci sia la possibilità per tutti i soggetti di portare al tavolo proposte e idee concrete», la sottolineatura di Umberto Brusciano, segretario della Cisl. fra. fa. Box

5 23 FEB 2008 Il Piccolo Gorizia Citta' pagina 21 e Un piccolo gioiello architettonico: il testamento che lasciava l immobile al Comune fu impugnato dai parenti di Carmela Olivo Villa Olivo è chiusa dal 2003: da quando è morta l ultima proprietaria. Risolto il contenzioso sull eredità tra i nipoti di Carmela Olivo e il Comune di Gorizia, l edificio di corso Italia è stato acquistato dalla Provincia per 930 mila euro e ora, poco alla volta, verrà sistemato per ospitare la Casa dell impresa. La facciata e il giardino sono stati già ripuliti. Una sistemata l hanno ricevuta anche il tetto e le grondaie e presto toccherà al resto. Ma dentro cosa c è? In che condizioni si trova l edificio? Sono domande che si pongono tutte le persone che sfilano quotidianamente davanti al portone in ferro battuto del civico 61. La curiosità di scoprire cosa si nasconde dietro a una porta chiusa è sempre irresistibile. Ebbene, Villa Olivo rappresenta un piccolo gioiello nel centro della città. Infilata tra l imponenza del palazzo della Provincia e il Gorizia Palace hotel, sembra essere lei la nota stonata di un contesto urbano che si è sviluppato quasi senza tenere conto della sua presenza La Provincia ha investito 930mila euro nell acquisto della villa di corso Italia La borghese palazzina liberty si trasforma in Casa dell impresa Ieri il presidente della Provincia di Gorizia Enrico Gherghetta ha fatto aprire per noi le porte di quell edificio dal gusto così retrò e - sorpresa - lo stato di conservazione, se non è ottimo, è per lo meno buono. Ad accompagnarci nel «viaggio» all interno di Villa Olivo c erano l assessore al bilancio Sara Vito, il geometra Flavio Tuzzi e l addetto stampa della Provincia Stefano Caso. L edificio è stato svuotato completamente un paio di settimane fa. Il giro turistico parte dal seminterrato. Dietro la porta a vetri che si trova sulla facciata principale, proprio sotto la scalinata, si trova un corridoio. Per portare all antico splendore il pavimento in marmo coperto di polvere basterà una bella lucidata. L allagamento registrato alcuni anni fa non ha provocato danni al parquet delle stanze laterali. Non mancano i segni di umidità, ma sono pochi. L odore di chiuso, gli infissi interni in legno, le vetrate lavorate delle porte e la carta da parati con motivi floreali portano indietro nel tempo. La sensazione è di trovarsi dentro a un romanzo di Italo Svevo. L edificio in fondo è del 1890 e il primo romanzo del signor Ettore Schmitz, Senilità, è di appena due anni più giovane. Salendo le scale, la prima cosa che si nota del piano nobile è una splendida vetrata con cristalli molati: fa da parete alla stanza dove una volta si trovava la biblioteca. Qui l unico ambiente che stona nel contesto retrò è il bagno. Ai lati del corridoio si aprono diversi ambienti con soffitti che oggi, nell era del risparmio energetico, appaiono inutilmente alti. Salendo ancora si arriva alla stanza dove tutti vorrebbero avere il proprio studio: la veranda. Anche se il panorama su cui si affaccia la vetrata liberty di villa Olivo non è eccezionale, la stanza ha un fascino unico. La luce penetra all interno innondando ogni centimetro di pavimento e a rendere il colpo d occhio ancora più suggestivo è l ampia arcata in legno che divide in due l ambiente. Al secondo piano sono almeno tre le stanze che avrebbero bisogno di una sistemata, ma nel complesso, anche qui, la situazione non è drammatica. Il caminetto in pietra bocciardata sembra quasi che non sia mai stato acceso. Qualunque sarà la destinazione finale dell edificio, sono senza dubbio da recuperare le mascherine in metallo lavorato degli interrutori elettrici, molto più calde di quelle moderne in plastica colorata. Il viaggio si conclude nel giardino. Qui gli operai sono intervenuti in modo massiccio. Oltre a eliminare gli arbusti cresciuti in questi anni perfino tra il porfido, hanno potato alcune piante e tagliato l erba. La serra di vetro è l opera in peggiore stato di conservazione. I vetri rotti sono numerosi. Il gazebo invece è un gioiellino e la piccola fontana ellittica attende di poter ricominciare a zampillare. Stefano Bizzi Il giardino interno (poco conosciuto) di villa Olivo e, sopra, la facciata dell edificio acquistato dalla Provincia che realizzerà in quei locali lo sportello per l impresa Taglio medio

6 23 FEB 2008 Il Piccolo Gorizia Citta' pagina 21 In aumento sia i contratti atipici sia i precari. In calo il ricorso alla cassa integrazione. Di Bert (Assindustria): «Puntare sulla logistica» Su 10 assunti 8 sono a tempo determinato Gherghetta annuncia: «Prossimalaconvocazione del Patto per lo sviluppo» GORIZIA Cresce l occupazione nell Isontino. Nel senso che aumentano (ed è il rovescio della medaglia) i contratti a tempo determinato che costituiscono ormai l 80% del totale delle assunzioni. A fotografare l andamento del mercato occupazionale è l Agenzia regionale del lavoro che - ieri mattina - ha presentato il consuntivo del quarto trimestre del 2007 e le previsioni per il primo trimestre Il presidente della Provincia Enrico Gherghetta ha sfruttato l occasione per annunciare che nelle prossime settimana si aprirà una conferenza economica, denominata «Patto per lo sviluppo». A pagina 21 Apertura

7 23 FEB 2008 Il Piccolo Gorizia Citta' pagina 21 Buon andamento delle esportazioni. Di Bert (Assindustria): «Gorizia sta soffrendo. La città deve puntare decisa sulla logistica» Su 10 assunti 8 sono a tempo determinato In aumento sia i contratti atipici che precari. In calo il ricorso alla Cassa integrazione Secondo la banca-dati Netlabor, gli avviamenti al lavoro nel terzo trimestre 2007 sono stati 7805 con un incremento del 3,61% sullo stesso trimestre dell anno precedente di Francesco Fain Cresce l occupazione nell Isontino. Nel senso che aumentano (ed è il rovescio della medaglia) i contratti a tempo determinato che costituiscono ormai l 80% del totale delle assunzioni. A fotografare l andamento del mercato occupazionale è l Agenzia regionale del lavoro che - ieri mattina - ha presentato il consuntivo del quarto trimestre del 2007 e le previsioni per il primo trimestre Non è stata la solita conferenza stampa in cui si è parlato esclusivamente di dati. La presenza dei rappresentanti delle categorie (c erano fra gli altri Gianfranco Di Bert dell Assindustria e Ervino Nanut della Confcooperative) e dei sindacati ha fatto sì che si sviluppasse un dibattito sul futuro economico di quest area fra visioni più pessimistiche (quelle delle forze sociali) e più ottimistiche (Unione degli industriali in testa). I DATI. A fare gli onori di casa l assessore provinciale al Lavoro, Marino Visintin. «A livello consuntivo - la sottolineatura di Visintin e degli esperti dell Agenzia regionale -, i dati Confindustria per la provincia di Gorizia hanno confermato la tenuta molto positiva delle vendite totali (+8,1%) sospinte da quelle all estero (+19,2%). Decisa è stata, invece, la flessione delle vendite interne (da 4,1 nel trimestre precedente a +1,7%). È rallentato l incremento dei prezzi dei materiali, ma anche quello dei prodotti finiti, con tutto ciò che comporta per la compressione dei margini. Su base congiunturale, il dato sull occupazione è risultato essere negativo (-0,4%)». Secondo la banca-dati Netlabor, gli avviamenti al lavoro nel terzo trimestre 2007 sono stati con un incremento del 3,61% sul corrispondente trimestre dell anno precedente. L aumento è stato molto elevato nel settore agricolo (+849 unità pari al 64%) e nei servizi ( pari al 47,3%). In rallentamento la dinamica dell industria (+6,8%) ove si è registrata una crescita molto debole nelle costruzioni (+2,1%). In termini assoluti, è stato importante l incremento del manifatturiero (+131). I CONTRATTI. Come detto, c è il rovescio della medaglia: il posto-fisso sta diventando sempre più una chimera. L incremento dei tempi determinati su base tendenziale è stato del 41,8%. Anche i tempi indeterminati, seppur a ritmi molto inferiori, hanno segnato un buon aumento rispetto all analogo trimestre 2006 (+251) ma la verità incontestabile è che il precariato costituisce ormai l 80% degli avviamenti totali. Stabile il ricorso all apprendistato. In netto affievolimento la dinamica della cassa integrazione guadagni, come già confermato recentemente dalla Camera di commercio. Nel 2007, le ore concesse sono state circa 330 mila contro le quasi 800 mila del Tale netta riduzione è imputabile al settore della meccanica pur essendosi registrato un picco nel mese di novembre. La cassa ordinaria, invece, è passata da 53 mila a 21 ore e anche le ore concesse dalla gestione edilizia hanno registrato un calo, passando da 87 mila a circa 60 mila. L ASSINDUSTRIA. Nell arco dell incontro è intervenuto il presidente di Assindustria Gianfranco Di Bert, accompagnato dal direttore Flavio Flamio. «Non sono nè fra gli ottimisti nè fra i pessimisti. Gorizia segue l andamento dell economia, regionale, nazionale e mondiale. Certo, sarebbe necessario un serio progetto di rilancio di Gorizia, una città che, purtroppo, sta sopravvivendo. Le ricette per farla risollevare? Puntare sul fatto che, oggi, quello di Gorizia è diventato un territorio aperto in cui il ruolo della logistica potrebbe essere fondamentale». Apertura

8 23 FEB 2008 Il Piccolo Gorizia Citta' pagina 22 Afferma la Cernic: «Un esperimento pilota che non ha eguali tra le amministrazioni pubbliche». L utente paga il 50% dei costi Via dalle case 8000 mq di tetti in eternit Parte il primo marzo il progetto che la Provincia finanzia con 100mila euro L assessore: «Mi auguro che si possa arginare il fenomeno di abbandoni di questo materiale che è pericoloso per l ambiente e micidiale per l uomo» di Luigi Turel Eliminare tra 7 e 8mila metri quadrati di tetti in amianto da case e box-auto sparsi nell Isontino. Contribuendo al 50% della spesa di rimozione e smaltimento di queste coperture in eternit. E semplificando la vita al cittadino che non finirà nei tentacoli della burocrazia, a carambolare tra un ufficio e l altro per «fare le pratiche». Sono queste, in sintesi, le caratteristiche dell ambizio progetto che, varato dalla Provincia, partirà il primo marzo. «Affrontiamo alla radice il problema dell amianto che, si sa, è dannoso per l ambiente e micidiale per la salute umana», ha rimarcato ieri l assessore Mara Cernic facendo scattare il conto alla rovescia di questa iniziativa «che se non è unica è tra le poche messe in piedi in Italia da amministrazioni pubbliche». Erano presenti il dirigente e il responsabile del settore Ambiente, Flavio Gabrielcig e Franco Lenarduzzi, per l Azienda sanitaria isontina Andrea Gregorin della Medicina del lavoro nonché i responsabili della Edilanzutti di Remanzacco, la ditta che si è aggiudicata questo appalto facendo un ribasso del 20% sui prezzi stabiliti a base della gara (nella tabella a fianco sintetizziamo le tipologie ammesse con il costo a carico dell utente). Si parte, dunque, con questo progetto di microraccolta delle coperture in eternit. Il tempo che l utente spenderà sarà limitato alla compilazione di un modulo da spedire all impresa friulana: un «amen», insomma, al cospetto dei tempi biblici della burocrazia (il modulo può essere ritirato in Provincia, e la prossima settimana in alcuni Comuni che daranno la disponibilità ma potrà anche essere scaricato dal sito internet dell amministrazione). A tutti gli altri adempimenti, con il benestare dell Ass, ci penserà la Edilanzutti (i numeri telefonici sono: e ; fax: ). I personale della ditta contatterà il richiedente, farà il sopralluogo per verificare la metratura del tetto da rimuovere e per avere la definitiva conferma che l utente vuole eliminare l amianto. Seguirà poi la fase della rimozione: il tetto sarà ricoperto di una speciale vernice che evita la sfarinatura della fibra in cemento-amianto, una volta tolto sarà impacchettato e spedito in Germania dove sarà smaltito in una discarica sotterranea. La Provincia investe 100mila euro in questa operazione. Sottolinea Mara Cernic: «È una sfida allo stesso tempo politica e tecnica. Già quattro anni fa la Provincia si era incamminata su questa strada dibattendo se fosse più urgente fare un censimento dei tetti in eternit delle abitazioni civili o se fosse prioritario avviare la rimozione. Abbiamo optato per la seconda ipotesi anche perché c era il rischio che i 100mila euro accantonati se ne andassero a finanziare il solo censimento. E così non facciamo altro che un censimento alla rovescia». E la riprova che ci sia attesa per questa iniziativa della Provincia, sono le telefonate di informazioni: è ottimista, insomma, il dirigente Gabrielcig. Che ha azzardato alcune stime: tra 200 e 400 interventi, comunque fino ad esaurimento dei 100mila euro messi dalla Provincia. Come a dire che gli interessati devono farsi avanti per tempo per non rischiare di finire in lista d attesa (l amministrazione ha già anticipato il rifinanziamento dell operazione se dovesse avere successo). «Mi auguro che così si possa anche arginare il fenomeno di abbandoni nei boschi di materiali in eternit», Mara Cernic guarda a questa esperienza pilota anche dal punto di vista della tutela dell ambiente. Apertura

9 23 FEB 2008 Il Piccolo Gorizia Citta' pagina 22 Coperture in fibra di cemento e amianto abbandonate tra la rigogliosa vegetazione lungo lo stradone della Mainizza Apertura

10 23 FEB 2008 Il Piccolo Gorizia Citta' pagina 22 Mosetti respinge la proposta dell Adoc L Ascom risponde ai consumatori: «I prezzi sono già fermi» «I prezzi sono già fermi a Gorizia. E da parecchi mesi. E poi, non sono certamente i piccoli commercianti a fare il mercato. La proposta dell Adoc è, veramente, irricevibile». Maurizio Mosetti, capogruppo Ascom degli alimentaristi, rispedisce al mittente la richiesta di Ugo Previti (Adoc). Come si ricorderà, ieri l associazione dei consumatori aveva annunciato l intenzione di scrivere una lettera aperta a tutte le associazioni di categoria e a tutti gli enti (Comuni, Provincia e Regione in primis) in cui si sarebbe chiesto loro di bloccare la galoppata inesorabile dei prezzi sino al 31 agosto. E non soltanto nel settore commerciale ma anche nel campo delle tariffe e delle tasse comunali. Questa l iniziativa dell Associazione per la difesa e l orientamento dei consumatori (Adoc). Ma le reazioni sono tiepide. Per non dire negative. «Non ci sarebbero nemmeno commenti da fare a una simile proposta. È ora di finirla con il gettare sempre la croce addosso ai piccoli commercianti. Non possiamo andare contro il mercato. Non esistono categorie che possano imporre l andamento dei prezzi. Piuttosto, suggerirei a Previti ad andare a vedere qual è la filiera dei vari prodotti: ne scoprirebbe delle belle». Mosetti aggiunge che - soprattutto nel suo settore, quello degli alimentari - i prezzi sono fermi da tempo. «Questo è un clima da caccia alle streghe. E devo anche dire che sono molti i commercianti cittadini presi dalla demoralizzazione più totale». E il presidente mandamentale dell Ascom, Gialnluca Madriz? Qual è il suo pensiero? È debilitato a causa di un influenza che l ha messo kappaò per diversi giorni. «La proposta dell Associazione per la difesa e l orientamento Maurizio Mosetti (Ascom) dei consumatori. Scusate, ma prima di esprimermi vorrei capire bene. In altre parole, vorrei mi venisse spiegato meglio che cosa intendono Previti e l Adoc per stop ai prezzi». Perché tutte queste perplessità? «Mi sembra che i prezzi siano fermi a Gorizia già da parecchi mesi», conclude Madriz. fra. fa. Taglio alto

11 23 FEB 2008 Il Piccolo Gorizia Isontino pagina 25 Il monito della lista Sagrado libera «L ex cava non ospiti i detriti dei cavalcavia» SAGRADO Il raccordo ferroviario può servire a liberare i centri dell Isontino dal traffico veicolare. A sostenerlo sono sia Armando Calligaris, sia la Lega Nord. L ex candidato sindaco di Sagrado si inserisce nel dibattito sull abbattimento dei cavalcavia di Fogliano e Cormons. Durante la campagna elettorale dello scorso anno Calligaris aveva ribadito con forza la necessità di utilizzare quel tracciato per decongestionare il paese e ora torna alla carica. «Le ferrovie scrive in una nota non hanno mai manifestato interesse per questa opera privilegiando la posa del secondo binario tra Redipuglia, Gorizia e Cormons. Raggiunto l obiettivo, hanno dichiarato inutile e oneroso il completamento del raccordo trasferendo la competenza e la proprietà alla Provincia. Stupisce la posizione della minoranza in Consiglio provinciale di non voler procedere alla demolizione dei cavalcavia e stupisce anche la motivazione con cui un gruppo di esperti supporta queste posizioni. Non basta demolire i cavalcavia considerandoli degli ecomostri e non si può nemmeno pensare di ridurre il tutto a un percorso pedonale se prima non si risolve il problema della viabilità generale critica e obsoleta. La statale 305 è satura e inquinante: da Mariano a Monfalcone si sonoda ininterrottamente nei centri abitati. Il raccordo ferroviario può essere la base di partenza per costituire una nuova viabilità». Armando Calligaris A chiedere che il raccordo Redipuglia-Cormòns venga utilizzato per la realizzazione di una nuova circonvallazione sono anche il consigliere di opposizione Pierina Zulian e il segretario circoscrizionale sinistra Isonzo della Lega Nord Bruno Zonta che invitano la Provincia a desistere dal progetto di abbattimento dei cavalcavia. «Nell'Isontino - scrivono -, e soprattutto a Sagrado, il traffico lungo la statale 305 è insostenibile. È indispensabile risolvere il problema realizzando un alternativa. L amministrazione di Sagrado si è mosso con un ordinanza che vieterà il passaggio dei mezzi pesanti, ma si può fare di più. Il raccordo può venir utilizzato per la realizzazione di una nuova superstrada come prevedeva il nostro programma elettorale. La lista Sagrado Libera ribadisce che la realizzazione della circonvallazione è un'esigenza vitale. La Cormòns-Redipuglia rappresenta un simbolo dello sperpero di denaro pubblico e dell'incapacità di pianificare e gestire il territorio. Per l abbattimento dei cavalcavia è previsto l impiego di quasi un milione di euro. Invitiamo quindi la Provincia a desistere dal progetto e utilizzare i fondi per l'adeguamento della tratta». Sagrado Libera e Lega Nord si impegnano, inoltre, a vigilare sull'utilizzo dell' ex cava Postir: «Non vorremmo che la Regione o la Provincia destinino l'area della ex cava a discarica per il materiale proveniente dall abbattimento dei cavalcavia. Siamo pronti a scendere in piazza per la salvaguardia del nostro territorio». Taglio medio

12 23 FEB 2008 Il Piccolo Monfalcone Cronaca pagina 20 Regge al traffico la nuova bretella di San Polo Ha retto, contrariamente alle previsioni, il collegamento alternativo della bretellina del San Polo, realizzata dalla Provincia come valvola di sfogo alla chiusura della statale 305, scattata lunedì: un atto dovuto per consentire la creazione dell atteso sottopasso, per cui l ente presieduto da Enrico Gherghetta ha fissato un investimento pari a 4,2 milioni di euro. Il bypass viene infatti intensamente utilizzato dai residenti come alternativa alla statale 14 e a via Primo maggio in particolare, la quale comunque ha evidenziato, nelle ore di punta, segnali di congestione a causa del traffico massiccio confluito sulle sue corsie. Resterà da vedere se anche oggi in zona Emisfero - solitamente meta prediletta, al sabato, dai cittadini la viabilità reggerà la chiusura della statale 305 o si formeranno code e file nei pressi del centro commerciale. Strategico si è rivelato, nei giorni scorsi, anche il rafforzamento sul dispiegamento della Polizia municipale voluto dalla Provincia che ha disposto quattro unità di vigili fisse nei luoghi interessati dai cantieri. Code e problemi di traffico, ieri pomeriggio dopo le 17, si sono infine registrate in via Matteotti a causa dei lavori di rifacimento dei marciapiedi: il restringimento della carreggiata, che di fatto ha eliminato una corsia, provoca infatti, nelle ore di punta, una fila di mezzi fermi che arriva fino a oltre il posteggio del liceo, con conseguente ritardo, sulla tabella di marcia, per chi si trovo a percorrere quel punto. D altro canto, i lavori di manutenzione si erano resi indispensabili a fronte delle proteste dei cittadini che avevano lamentato le pessime condizioni del marciapiede. Taglio medio

13 23 FEB 2008 Il Piccolo Monfalcone Citta' pagina 21 Lunedì un convegno sul Distretto tecnologico Nell ambito delle iniziative realizzate per le celebrazioni del centenario dalla fondazione del cantiere navale è in programma lunedì alle alla Galleria comunale d arte contemporanea di piazza Cavour il convegno «Innovazione e competitività nella navalmeccanica: il Distretto tecnologico», organizzato dall amministrazione comunale in collaborazione con la regione e dedicato all innovazione e alla ricerca nel settore della cantieristica navale e dell indotto. Dopo i saluti del sindaco Pizzolitto e del presidente della Provincia Gherghetta e del presidente della seconda commissione regionale Bolzan, verranno presentate le potenzialità del nuovo organismo «Ditenave», Distretto tecnologico e nautico del Friuli Venezia Giulia, che nasce con l obiettivo di supportare il conseguimento di livelli superiori di competitività tecnica ed economica nei settori cantieristico e nautico. Previsti l intervento dell assessore regionale Roberto Cosolini e le relazioni del presidente di Area Science Park Giancarlo Michellone e del direttore di Assonave Livio Marchesini. Seguirà una tavola rotonda. Taglio basso

14 23 FEB 2008 Il Piccolo Monfalcone Citta' pagina 21 L incompiuta di Fogliano torna al centro della polemica Piani fa appello alla Provincia: «Quel cavalcavia va abbattuto» Il cavalcavia della ferrovia incompiuta Redipuglia-Cormons va demolito e quanto prima. Il sindaco di Fogliano Mauro Piani non ha incertezze e la replica alla proposta avanzata dall associazione «Amici del trasporto su rotaia» di mettere in uso la tratta per il traffico merci non ammette dubbi. «Sono vent anni - afferma il sindaco - che si parla del tratto ferroviario Cormons-Redipuglia: se avessi potuto usare un piccone io l avrei già buttato giù. E credo che se sarà possibile demolire questo mastodontico manufatto, orribile biglietto da visita per chi entra nel comune, la prima picconata sarà la mia e la seconda quella del presidente della Provincia, Enrico Gherghetta che, da persona che rispetta le promesse elettorali, ricorderà di essere stato eletto anche grazie alle raccolta di firme dei foglianini a sostengo di un programma che includeva tra gli obiettivi anche l eliminazione del cavalcavia». Piani è contrario alla proposta dell'associazione innanzitutto per motivi storici. «La linea nasce negli anni in cui non si immaginavano le tratte ad alta capacità spiega - e soprattutto di fondo c era un disegno dei confini goriziani con una complessità superiore a quella attuale. C'era inoltre scarsissima sensibilità ambientale e la valutazione dell'impatto delle opere sul territorio era un concetto sconosciuto». Per realizzare il cavalcavia, ricorda Piani, si sono abbattute due ville padronali dell 800 e il palazzo muncipale di Fogliano è opera di compensazione di questadevastazione. Il cavalcavia, inoltre, «taglia in due l'abitato di Fogliano, è uno spregio alla viadottistica esile e ha comportato un consumo pazzesco di cemento». «È un monumento all' inefficienza», afferma ancora il sindaco, sottolineando come il passaggio dell opera alla Provincia sia stato reso possibile grazie ad accordi tra ministero del Tesoro e ministero delle Infrastrutture. Il cavalcavia, in sostanza, non è mai stata opera di proprietà delle Ferrovie, che l avrebbero presa in carico solo se fosse stata completata. «Dal punto di vista tecnico pensare di completare e utilizzare la tratta per treni Rola che trasportano Tir e camion - rincara Piani - è fuori dalla logica del trasporto ferroviario di merci. In questo periodo la Sdag assieme alle Ferrovie e a vettori turchi sta ragionando per organizzare un trasporto gomma-ferrovia partendo dalla stazione di Gorizia per favorire il collegamento con l Est». In merito poi al risparmio di tempo e denaro consentito dalla tratta, Piani spiega come i treni Tec, (trasporti europei combinati) che potrebbero essere usati, procedono a una velocità di 120 chilometri orari e coprirerebbero quindi i 14 chilometri della tratta in sette minuti, tempo che, sul collegamento Trieste- Tarvisio di 170 chilometri percorso in un ora e mezza, rappresenta un rispamio di circa il 5%. Taglio medio

15 23 FEB 2008 Messaggero Veneto Gorizia Citta' pagina 1 Apertura

16 23 FEB 2008 Messaggero Veneto Gorizia Citta' pagina 1 DEL SORDI Anche ieri le autocisterne hanno lavato gran parte delle strade cittadine L assessore comunale all ambiente Del Sordi risponde alla punzecchiature polemiche dell assessore provinciale econsigliere comunaledel ForumMarkoMarincicche,apropositodegliinterventidilavaggio effettuati in città e in particolareinviaducad Aosta,avevaipotizzato che taliinterventi potesseroesserefinalizzatisoltanto a far diminuire i livelli dellepolverisottiliregistratidallacentralina(cheècollocata proprio in quella via): «I nostri volontari afferma Del Sordi hanno caricato 7 bótti per 35 mila litri di acqua e lavato,gratis,granpartedelleviecittadinefinoaviaaquileia e via Udine, non certo soltanto via Duca d Aosta. Non ritengo opportuno che gli attacchi politici di Marincic vengano indirizzati nei confronti di coloro che stanno operando su base volontaria per il bene della salute pubblica». Apertura

17 23 FEB 2008 Messaggero Veneto Gorizia Citta' pagina 1 IL FENOMENO Situazione d emergenza in tutta la regione AncheaGoriziasulfrontedellosmogèormaiallarme rosso, una situazione diemergenzacheaccomuna adesso il capoluogo isontinoallealtrecittàdella regione come Udine, Pordenone e Trieste. «Oraanchenoisiamoin emergenza nonostante fino a pochi giorni fa la particolare collocazione geografica di Gorizia avesse favorito il disperdersi degli inquinanti commenta l assessore all ambiente Francesco Del Sordi. Vistol aggravarsidellasituazionepolverisottili,abbiamo dovuto anticipare l ordinanza con i provvedimenti più restrittivi, comprese le targhe alterne con l intento di venire incontro all esigenza primaria, quella della salute dei cittadini». «Per quanto riguarda le limitazioni al traffico continua Del Sordi cercheremo di fornire indicazioni il più possibili tempestive sulle restrizioni in vigore utilizzandoanchecartelloniluminosi come quello all ingresso della città in via Di Manzano». (p.t.) Apertura

18 23 FEB 2008 Messaggero Veneto Gorizia Citta' pagina 2 Tavolo di concertazione Patto per lo sviluppo: Gherghetta rilancia E il presidente della Provincia, Enrico Gherghetta, resuscita ilpattoperlosviluppo,ovveroiltavolodiconcertazione per la programmazione degli interventi per l economia isontina. «Dopol approvazionedelbilancio, ai primi di marzo, convocherò tutti gli attori delpattoperlosviluppo ha annunciatogherghetta,dove presenterò 10 progetti per lo sviluppo economico del territorio isontino». La proposta è stata accolta con favore dai sindacati e dal presidente dell Unione industriali, anche se il responsabiledellacislprovinciale, UmbertoBrusciano,hacriticato il fatto che Gherghetta abbiaparlatodidieciprogetti.«miaugurochenoncivengano calati dall alto ha affermatobrusciano, mache venganodiscussieconcertati anche con le organizzazioni sindacali, perché, altrimenti, non si capisce a cosa serva la convocazione del Patto per lo sviluppo». È stato, peraltro, ricordato, che questo organismo nonsiriuniscedadueanni e che, in passato, pur essendo partitocon grandi prospettive, non ha portato ad alcun risultato concreto. (p.a.) Box

19 23 FEB 2008 Messaggero Veneto Gorizia Citta' pagina 3 PROVINCIA Contributi per la rimozione dell amianto Dal 1º marzo si potrà fare domanda per beneficiare dei contributi provinciali per la rimozione e lo smaltimento delle coperture diamiantodafabbricatieedifici.perl eliminazione dell insidioso materiale dalle strutturedei privati isontini la Provincia ha stanziato100 milaeuro, dicuici sipotrà avvalere presentando la propria richiesta direttamente alla ditta incaricata, la Edilanzutti di Remanzacco.Nelcasodiunnumeroparticolarmenteelevato d istanze, l amministrazione provvederà con altri 100 mila euro. Coloroche sono interessatiall iniziativa possono procurarsi il modulo per la domanda nella sede della Provincia o scaricarla dal suo sito Internet, e nei prossimi giorni ne saranno dotati anche i Comuni. I cittadini dovranno inviare quanto prima le richieste direttamente all Edilanzutti: ci sarà infatti tempo fino al 31 marzo, ma per gli interventi sarà seguìto l ordine cronologico di consegna. Sui moduli è richiesto d indicare il tipo di fabbricato che dev essere bonificato. I costi dipendonodallasuperficieedall altezzadei manufatti: per esempio, per la rimozione di coperture diamianto fino a 10 metri quadrati e al di sotto dei tre metri saranno richiesti ai cittadini 400 euro, mentre la Provincia ne fornirà altrettanti. I tecnici della ditta provvederanno esclusivamente alla rimozione, mentre il rifacimento dei tetti sarà a spese dei cittadini. La Edilanzutti provvederà prima al trattamento delle coperture con una specialevernice, poi al loro trasporto in una discaricain Germaniaperlo smaltimento. A illustrare le modalità con cui si può accedere ai contributi è stata Mara Cernic, assessore provinciale all Ambiente: «Per il microsmaltimento dell amianto nel 2007 abbiamo messoa bilancio100 milaeuro,peril2008 ne sono previsti altrettanti. Abbiamo indetto una gara d appalto per la scelta della ditta, elaborandolaprocedurapiùsemplicepossibile con l aiuto dell Azienda sanitaria. Così eviteremo l abbandono indiscriminato delle coperture sul territorio». AffiancatodaFrancoLenarduzzi,responsabile del servizio ambiente, e da Andrea Gregorindell Ass,ildirettoredelsettoreambiente Flavio Gabrielcic ha rimarcato che molti cittadini hanno già contattato la Provincia: «Abbiamo preferito proporre azioni concretepiuttostoche uncensimento, ma in linea dimassimacredo potremo provvedere a 200 interventi con i primi 100 mila euro. Sempre facendo una media, le due tranche ci consentiranno di bonificare circa 8 mila metri quadrati». Francesca Santoro Taglio medio

20 23 FEB 2008 Messaggero Veneto Gorizia Isontino pagina 7 Mariano. Manifestazione dell Asd Intrepida Domani al via la corsa campestre per il Trofeo Provincia di Gorizia MARIANO. L Asd Intrepida Mariano-sezione podistica ha organizzato per domani il CrossdaiTarampenz,corsacampestrevalidacomeprima prova del Trofeo Provincia di Gorizia 2008 e del Campionato provinciale di Gorizia.Lacorsaègiuntaalladecima edizione e coincide con il decimo anniversario dell inizio dell attività della sezione podistica dell Intrepida, che ha tra le sue file 25 atleti e si è dedicatainquestianniafavorire la pratica sportiva tra i giovani. Ilprogramma delcrossdei Tarampenz prevede, alle 8.30, ilritrovodei concorrenti e della giuria nell area adiacente alla palestra comunale di Mariano, dove è prevista la partenzadi tutti i partecipanti con questi orari: alle 9.30 le categorie femminili e i master 70 in poi maschili; alle 10 la categoria master maschili 50 e oltre; alle master maschili 40 e 45; alle la categoria amatori e master maschili 35. Il percorso è un circuitodi1,8chilometricompletamentesterrato conalcuni tratti fangosi. Al termine della gara sono previste le premiazioni. Per informazioni ci si può rivolgere al numerotelefonico ,dalle alle Marco Silvestri Taglio basso

Trento, 9 novembre 2006. DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327. BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor

Trento, 9 novembre 2006. DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327. BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor Trento, 9 novembre 2006 DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327 BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor Presidente. Io sono stato più parco nei consumi di tempo e quindi mi ritrovo

Dettagli

7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO

7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO Centro Studi OSSERVATORIO FILLEA GRANDI IMPRESE E LAVORO le prime 300 aziende del legno in Italia 7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO a cura di Alessandra Graziani ROMA, luglio

Dettagli

Il cemento-amianto presente nel territorio del comune di Terracina. Cosa fare?

Il cemento-amianto presente nel territorio del comune di Terracina. Cosa fare? Il cemento-amianto presente nel territorio del comune di Terracina. Cosa fare? Il cemento unito a fibre di diversa natura è diventato tristemente celebre quando sono state utilizzate le fibre dell amianto

Dettagli

Inquinamento acustico: Decibel fuori controllo Decibel fuori legge e manca un piano di intervento

Inquinamento acustico: Decibel fuori controllo Decibel fuori legge e manca un piano di intervento Presentati oggi i dati del monitoraggio ambientale del Treno Verde di Legambiente e Ferrovie dello Stato Allarme Frosinone, Tira una brutta aria Allarmanti i valori del PM10 che superano di circa il 50%

Dettagli

LA STRATEGIA DEL COLIBRÌ Di Giuliano Marrucci. GIULIANO MARRUCCI Qui bisogna dimostrare che è facile questa faccenda qua, eh?

LA STRATEGIA DEL COLIBRÌ Di Giuliano Marrucci. GIULIANO MARRUCCI Qui bisogna dimostrare che è facile questa faccenda qua, eh? LA STRATEGIA DEL COLIBRÌ Di Giuliano Marrucci Qui bisogna dimostrare che è facile questa faccenda qua, eh? Se lo faccio pure io.. Se ci riesci pure te siamo a cavallo! Giusta? Sì. Ci siamo? Guarda com'è

Dettagli

Riforma articolo 18: un giudice decide su tre licenziamenti differenti

Riforma articolo 18: un giudice decide su tre licenziamenti differenti Riforma articolo 18: un giudice decide su tre licenziamenti differenti Per la riforma dell articolo 18 il governo Monti potrebbe seguire il modello tedesco: si tratterebbe, scrive il Corriere della Sera,

Dettagli

Te. 02.884.50208/9 Fax: 02.884.50062

Te. 02.884.50208/9 Fax: 02.884.50062 Segreteria Tecnica del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Piazzale Porta Pia 1 00100 Roma p.c.: Assessore ai Trasporti e Mobilità Prof. Goggi Assessore all Urbanistica e Edilizia Privata Dott.

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

VERSO UN PIANO NAZIONALE DELL AMIANTO FERRARA, 16 NOVEMBRE 2013 ROSSELLA ZADRO

VERSO UN PIANO NAZIONALE DELL AMIANTO FERRARA, 16 NOVEMBRE 2013 ROSSELLA ZADRO VERSO UN PIANO NAZIONALE DELL AMIANTO FERRARA, 16 NOVEMBRE 2013 ROSSELLA ZADRO Campagna Asbestus Free a Ferrara, maggio 2013 Linee di intervento per un azione coordinata delle amministrazioni statali e

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA

PROVINCIA DI GORIZIA PROVINCIA DI GORIZIA Direzione sviluppo territoriale ed ambiente BANDO PER IL PROGETTO MICRORACCOLTA E SMALTIMENTO AMIANTO NELLA PROVINCIA DI GORIZIA PER L ANNO 2014 Progetto previsto dal Programma 12

Dettagli

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi.

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi. 1.Introduzione Venezia nasce nel 452 e poco dopo la fondazione della città i commercianti veneziani cominciano a portare dall Oriente prodotti che gli Europei non conoscono: le spezie, il cotone, i profumi

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

La nostra visione del traffico transfrontaliero di merci e di viaggiatori è ben diversa! Per illustrarla vi abbiamo invitato a questo incontro.

La nostra visione del traffico transfrontaliero di merci e di viaggiatori è ben diversa! Per illustrarla vi abbiamo invitato a questo incontro. Signore e signori, questo cartello, fotografato alla stazione di confine di Domodossola, dice tutto sull attuale situazione nel traffico ferroviario tra l Italia e la Svizzera: Strutture obsolete Impianti

Dettagli

Il piano di zonizzazione acustica salvi la reggina Decibel sempre fuori legge e manca un piano di intervento efficace

Il piano di zonizzazione acustica salvi la reggina Decibel sempre fuori legge e manca un piano di intervento efficace Reggio Calabria, 6 marzo 2008 Comunicato stampa Presentati oggi i dati del monitoraggio ambientale del Treno Verde di Legambiente e Ferrovie dello Stato Il piano di zonizzazione acustica salvi la reggina

Dettagli

presso la Galleria Comunale d Arte Contemporanea di Monfalcone Piazza Cavour 44 - Monfalcone

presso la Galleria Comunale d Arte Contemporanea di Monfalcone Piazza Cavour 44 - Monfalcone PROGRAMMA Convegno Internazionale 9/10/11 ottobre 2008 DA TERRITORI INDUSTRIALI A PAESAGGI CULTURALI. Percorsi progettuali, esperienze, potenzialità di valorizzazione, riconversione e recupero del patrimonio

Dettagli

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS AREA DEI SERVIZI AMBIENTALI BANDO PUBBLICO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A BENEFICIO DI ENTI LOCALI E LORO CONSORZI PER INTERVENTI DI BONIFICA DI MANUFATTI CONTENENTI AMIANTO

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

INDICE ARTICOLI REGIONE

INDICE ARTICOLI REGIONE MESSAGGERO VENETO domenica 18 aprile 2010 (Gli articoli della presente rassegna, dedicata esclusivamente ad argomenti di carattere economico e sindacale, sono scaricati dal sito internet del quotidiano.

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA

PROVINCIA DI GORIZIA PROVINCIA DI GORIZIA Direzione sviluppo territoriale ed ambiente SCHEMA DEL BANDO PER IL PROGETTO MICRORACCOLTA E SMALTIMENTO AMIANTO NELLA PROVINCIA DI GORIZIA PER L ANNO 2015 Progetto previsto dal Programma

Dettagli

Torino, polveri bagnate PM10 oltre la norma 1 giorno su 3. La pioggia aiuta il cielo di Torino

Torino, polveri bagnate PM10 oltre la norma 1 giorno su 3. La pioggia aiuta il cielo di Torino Torino, 29 marzo 2008 comunicato stampa Presentati oggi i dati del monitoraggio ambientale del Treno Verde di e Ferrovie dello Stato Torino, polveri bagnate PM10 oltre la norma 1 giorno su 3. La pioggia

Dettagli

CMAPAM1EM Concorso d idee per la riqualificazione e sviluppo del sito minerario di Balangero e Corio

CMAPAM1EM Concorso d idee per la riqualificazione e sviluppo del sito minerario di Balangero e Corio CMAPAM1EM Concorso d idee per la riqualificazione e sviluppo del sito minerario di Balangero e Corio PIANO DI GESTIONE Il Piano di gestione per la proposta progettuale di riqualificazione dell Amiantifera

Dettagli

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 Contributi di licenziamento, nuova Aspi, «decantierizzazione». La macchina

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 16.45.

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 16.45. 1/6 MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 16.45. PRESIDENTE. Vi ringrazio della vostra presenza, voi sapete naturalmente, anche per l impegno

Dettagli

Infrastrutture portuali. Infrastrutture di collegamento e trasporti del porto con il retroterra. Le infrastrutture a condotta.

Infrastrutture portuali. Infrastrutture di collegamento e trasporti del porto con il retroterra. Le infrastrutture a condotta. Il porto è il futuro di Trieste Il ritorno della cultura marinara per i traffici di Nordest ed Europa centrale. Intervento introduttivo di Mario Goliani Innanzitutto rivolgo un ringraziamento agli Ordini

Dettagli

PROGETTO BIT-Air Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali

PROGETTO BIT-Air Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali EMERGENZA SMOG: QUADRO NORMATIVO, RESPONSABILITÀ, COMPETENZE E STRATEGIE DEGLI ENTI LOCALI Brindisi,18 marzo 2010 Paolo Lecca lecca@ea.ancitel.it

Dettagli

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Quali strade per il futuro? Il ruolo della regione nell ottica della devolution (*) Guido Della Frera Assessore

Dettagli

COMUNE DI UDINE Dipartimento Gestione del Territorio, delle Infrastrutture e dell Ambiente Servizio Edilizia Privata e Ambiente

COMUNE DI UDINE Dipartimento Gestione del Territorio, delle Infrastrutture e dell Ambiente Servizio Edilizia Privata e Ambiente Allegato 1 Udine, COMUNE DI UDINE Dipartimento Gestione del Territorio, delle Infrastrutture e dell Ambiente Servizio Edilizia Privata e Ambiente REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DI

Dettagli

Città del Vasto RESIDENCE CONO A MARE. Alla Ricerca del Buon Vivere

Città del Vasto RESIDENCE CONO A MARE. Alla Ricerca del Buon Vivere Città del Vasto RESIDENCE CONO A MARE Alla Ricerca del Buon Vivere Una perla che si affaccia sull Adriatico Adagiata su uno degli angoli più pittoreschi dell'adriatico, Vasto immediatamente mostra, a quanti

Dettagli

Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi

Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi I 6 punti del manifesto-piattaforma oggi all'assemblea quadri e delegati Roma, 5 novembre - Un vero e proprio manifesto-piattaforma

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di delibera di iniziativa popolare per la per l'avvio di un processo di partecipazione dei cittadini romani al fine di progettare un sistema sostenibile di mobilità incentrato sull'utilizzo del

Dettagli

DIETRO LE QUINTE A TRIESTE

DIETRO LE QUINTE A TRIESTE DIETRO LE QUINTE A TRIESTE Solo 13 giorni dalla prima tappa del 18 aprile a Mordano e siamo già in Friuli Venezia Giulia per il secondo appuntamento dell Italian In-line Powerslide Cup. Trieste e la Bavisela

Dettagli

Claudio Masi Direttore Agenzia Milanese Mobilità Ambiente

Claudio Masi Direttore Agenzia Milanese Mobilità Ambiente Intervento Claudio Masi Direttore Agenzia Milanese Mobilità Ambiente Convegno LA GESTIONE DELLA MOBILITA NELLA CITTA METROPOLITANA: PROPOSTE, PROGETTI E RISORSE PER MILANO Sala Conferenze Camera di Commercio

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

FORUM MARCONI RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEL FORUM MARCONI GIUGNO 2011 GIUGNO 2012

FORUM MARCONI RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEL FORUM MARCONI GIUGNO 2011 GIUGNO 2012 Prot. / 2012 Rif.FORUM : R.A.2012/MMP RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEL GIUGNO 2011 GIUGNO 2012 Questa relazione viene redatta, utilizzando alcune parti di quanto scritto nelle precedenti relazioni annuali

Dettagli

Riporta un recente comportamento della tua famiglia rappresentativo della sua irresponsabilità sociale.

Riporta un recente comportamento della tua famiglia rappresentativo della sua irresponsabilità sociale. VC Ginnasio Riporta un tuo recente comportamento individuale, rappresentativo della tua responsabilità sociale. - Rispettare la raccolta differenziata a scuola e in famiglia. Muovermi a piedi. - Attraversare

Dettagli

Premessa. Sintesi dei risultati dell indagine pag. 1. Scheda metodologica e composizione del campione pag. 3

Premessa. Sintesi dei risultati dell indagine pag. 1. Scheda metodologica e composizione del campione pag. 3 Indice Premessa Sintesi dei risultati dell indagine pag. 1 Scheda metodologica e composizione del campione pag. 3 L utilizzo delle bicicletta nella Città di Torino pag. 6 Bicicletta in Città gruppi a confronto

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

IL TRATTAMENTO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO: SITUAZIONE ITALIANA

IL TRATTAMENTO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO: SITUAZIONE ITALIANA CONFERENZA LABEINNOVATION IL TRATTAMENTO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO: SITUAZIONE ITALIANA BORIS PESCI - DIRETTORE CONSORZIO ASTRA SERVIZI AMBIENTALI Venerdì 23 maggio 2014 - ore 10-13

Dettagli

Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica

Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica guardano cosa c è dentro al bidone poi prendono le bottiglie

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Quadrante EST Incontro 19 maggio 2014

Quadrante EST Incontro 19 maggio 2014 A seguire i brevi verbali di riunioni del 19 e 20 maggio 2014 alle quali il CPB ha partecipato, la consueta riunione di Quadrante in occasione del cambio orario e una riunione straordinaria indetta da

Dettagli

CONSULTA TERRITORIALE VILLA FONTANA FOSSATONE FIORENTINA

CONSULTA TERRITORIALE VILLA FONTANA FOSSATONE FIORENTINA Città di Medicina CONSULTA TERRITORIALE VILLA FONTANA FOSSATONE FIORENTINA VERBALE DI SEDUTA L anno duemiladieci il giorno 22 del mese di novembre alle ore 21.00 presso presso il Circolo Sociale Nuova

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Giappone non si è scelto la liberalizzazione, ma la privatizzazione, realizzata segmentando in tre grandi pezzi la vecchia rete ferroviaria, con l

Giappone non si è scelto la liberalizzazione, ma la privatizzazione, realizzata segmentando in tre grandi pezzi la vecchia rete ferroviaria, con l Ing. Mauro Moretti Partecipare ai convegni è sempre un occasione importante di apprendimento. In realtà bisognerebbe sempre fondare le proposte sugli studi, perché le decisioni dovrebbero essere prese

Dettagli

Intervento di Anna Donati Amministrazione comunale di Napoli

Intervento di Anna Donati Amministrazione comunale di Napoli Intervento di Anna Donati Amministrazione comunale di Napoli In Campania e a Napoli il trasporto pubblico sta vivendo una crisi drammatica dovuta, e qui sono d'accordo con quanto sostiene Marco Piuri,

Dettagli

Strade extraurbane e interramento Rho Monza pag. 31. Riqualificazione delle metrotranvie (Milano Seregno e Milano. Limbiate) pag.

Strade extraurbane e interramento Rho Monza pag. 31. Riqualificazione delle metrotranvie (Milano Seregno e Milano. Limbiate) pag. Una visione di città, per essere completa, non può tralasciare tutto ciò che riguarda il tema dei trasporti. Gli spostamenti, infatti, sono alla base della moderna vita sociale e di relazione, ci spostiamo

Dettagli

Stazioni e binari: un mondo da scoprire

Stazioni e binari: un mondo da scoprire Stazioni e binari: un mondo da scoprire LE CASE E LE SCARPE DEI TRENI Nell Europa di oggi tutti possiamo viaggiare liberamente, e per questo i treni sono importantissimi. Ma dove andrebbero i treni senza

Dettagli

Provincia Eternit Free

Provincia Eternit Free Protocollo d Intesa Provincia Eternit Free Provincia di Catanzaro Legambiente AzzeroCO2 Catanzaro 21 marzo 2011 Protocollo d Intesa Provincia Eternit Free Provincia di Catanzaro Legambiente Azzeroco2

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

53 milioni di Euro. il Parcheggio di Acilia Nord, 550 mila Euro. Acilia sud.

53 milioni di Euro. il Parcheggio di Acilia Nord, 550 mila Euro. Acilia sud. Gent.mo sig. Mazzanti, la stazione di Tor di Valle non è certo abbandonata a se stessa come non lo è l intera tratta Roma Lido. Lo dimostrano i provvedimenti che il nostro Assessorato alla Mobilità ha

Dettagli

Città di COLOGNO MONZESE. Area Torriani, l ipotesi di progetto per la riqualificazione dell area

Città di COLOGNO MONZESE. Area Torriani, l ipotesi di progetto per la riqualificazione dell area Area Torriani, l ipotesi di progetto per la riqualificazione dell area In questi mesi l Amministrazione ha presentato ai cittadini, nel corso di numerosi incontri pubblici, l ipotesi di riqualificazione

Dettagli

Comune di Cavezzo Provincia di Modena QUESTION TIME 23-12-2013

Comune di Cavezzo Provincia di Modena QUESTION TIME 23-12-2013 Comune di Cavezzo Provincia di Modena 23-12-2013 QUESTION TIME CONSIGLIERI DRAGHETTI STEFANO VIAGGI FILIPPO LUPPI LISA PACCHIONI ALBERTO LUGLI NADIA TURCI ENRICO ASCARI ANDREA BAZZANI ENRICO BENATTI FEDERICA

Dettagli

PIANO AREE PEDONALI E Z.T.L.

PIANO AREE PEDONALI E Z.T.L. COMUNE DI TERMOLI Provincia di Campobasso REGIONE MOLISE SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE PIANO AREE PEDONALI E Z.T.L. VIABILITA CENTRO CITTADINO SISTEMAZIONE PARCHEGGI RELAZIONE DATA MARZO 2007 REDAZIONE

Dettagli

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI MENGHI E MUNAFO DEL COMITATO ANNA MENGHI IN MERITO AL PROGETTO DEL PERCORSO PEDONALE MECCANIZZATO NELLA GALLERIA DEL COMMERCIO.

Dettagli

ESERCIZIO #1 Si richiede di costruire un class diagram che rappresenti le classi necessarie ed i loro rapporti reciproci.

ESERCIZIO #1 Si richiede di costruire un class diagram che rappresenti le classi necessarie ed i loro rapporti reciproci. ESERCIZIO #1 un progetto software. Occorre realizzare un sistema informativo per supportare la logistica di una grande società di distribuzione. L azienda è organizzata su tre livelli operativi: (1) l

Dettagli

Infrastrutture, logistica e trasporti della

Infrastrutture, logistica e trasporti della Infrastrutture e trasporti: quali problematiche, quali prospettive? Viviana Bruschi Foto Benito Benevento Si è discusso di questi temi alla Giornata dell Economia del 9 maggio scorso, nel corso di una

Dettagli

alla scoperta del binario 9¾

alla scoperta del binario 9¾ campania onlus 2013 Metropolitana di Salerno alla scoperta del binario 9¾ al binario invisibile il viaggio della metro pronta, inaugurata, ma mai entrata in funzione marzo 2013 Il viaggio immaginifico

Dettagli

PROBLEMA AMIANTO: aspetti gestionali e procedure di bonifica. Casale Monferrato, 11 febbraio 2005 Ing. Domenica Catalfamo Dott. Giuseppe Postorino

PROBLEMA AMIANTO: aspetti gestionali e procedure di bonifica. Casale Monferrato, 11 febbraio 2005 Ing. Domenica Catalfamo Dott. Giuseppe Postorino PROBLEMA AMIANTO: aspetti gestionali e procedure di bonifica Casale Monferrato, 11 febbraio 2005 Ing. Domenica Catalfamo Dott. Giuseppe Postorino Attività in itinere sul territorio della Provincia di Reggio

Dettagli

PROVVEDIMENTO A SOSTEGNO SETTORI INDUSTRIALI IN CRISI

PROVVEDIMENTO A SOSTEGNO SETTORI INDUSTRIALI IN CRISI MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO PROVVEDIMENTO A SOSTEGNO SETTORI INDUSTRIALI IN CRISI 6 febbraio 2009 1 Indice 1. Settore automotive Pag. 3 2. Le altre misure del provvedimento Pag. 20 2 1. SETTORE

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014

Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014 Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014 Cormons, 27 marzo 2015 La normativa sulla qualità dell ambiente Decreto legislativo. n.

Dettagli

Comune di Prato AREA W Infrastrutture e Ambiente

Comune di Prato AREA W Infrastrutture e Ambiente Comune di Prato AREA W Infrastrutture e Ambiente RELAZIONE DI FATTIBILITA ECONOMICA Progetto per la costruzione di una rete di trasporto pubblico locale urbano ad alta capacità. Progetto Preliminare 1

Dettagli

DOCUMENTO ANTICRISI Associazioni Autonomie Locali, Organizzazioni sindacali CGIL-CISL-UIL e Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

DOCUMENTO ANTICRISI Associazioni Autonomie Locali, Organizzazioni sindacali CGIL-CISL-UIL e Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Unione delle Province del Friuli Venezia Giulia Segreterie Regionali Friuli Venezia Giulia DOCUMENTO ANTICRISI Associazioni Autonomie Locali, Organizzazioni sindacali CGIL-CISL-UIL e Regione Autonoma Friuli

Dettagli

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 Odg Fondi contrattuali, varie ed eventuali. Per l'azienda sono presenti: dott.ssa Valori, dott.ssa Biancheri, dott.ssa Battistoni, dott.ssa Pellegrini, dott. Orlando Valori

Dettagli

Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia

Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia MCE 2010 Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia 9 febbraio 2010 Giuliano Asperti, Vice Presidente di Assolombarda Saluto di apertura Premessa Nella giornata di apertura della Mobility

Dettagli

PIATTAFORMA DEL RINNOVO INTEGRATIVO PROVINCIALE DI BENEVENTO 2011 2013 PREMESSA

PIATTAFORMA DEL RINNOVO INTEGRATIVO PROVINCIALE DI BENEVENTO 2011 2013 PREMESSA PIATTAFORMA DEL RINNOVO INTEGRATIVO PROVINCIALE DI BENEVENTO 2011 2013 PREMESSA La situazione attuale del settore delle costruzioni, nella provincia di Benevento, impone di rendere più strutturali le relazioni

Dettagli

Presentazione. L Italia è lo stato in cui viviamo. E divisa in regioni. Il Veneto è la nostra regione. Osserviamo le seguenti cartine:

Presentazione. L Italia è lo stato in cui viviamo. E divisa in regioni. Il Veneto è la nostra regione. Osserviamo le seguenti cartine: CONOSCERE IL NOSTRO TERRITORIO anno scolastico 2003-2004 classi terze A-B plesso Don Milani Presentazione L Italia è lo stato in cui viviamo. E divisa in regioni. Il Veneto è la nostra regione. Osserviamo

Dettagli

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Gentili ospiti Signore e Signori, Autorità e colleghi Costruttori, vi ringrazio della vostra presenza oggi alla

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Relazione sintetica seduta del Consiglio Comunale dei Ragazzi di Nerviano del 27 febbraio 2012 ore 9.30.

Relazione sintetica seduta del Consiglio Comunale dei Ragazzi di Nerviano del 27 febbraio 2012 ore 9.30. COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) Relazione sintetica seduta del Consiglio Comunale dei Ragazzi di Nerviano del 27 febbraio 2012 ore 9.30. Il giorno 27 febbraio 2012, alle ore 9.30, presso la sala

Dettagli

MODALITA OPERATIVE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

MODALITA OPERATIVE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Allegato A alla Deliberazione di Giunta comunale n. 025 in data 25/02/2014 IL SINDACO (F.to: Rag. Enrico Ruggerone) IL SEGRETARIO GENERALE (F.to Dott. Carmen Cirigliano) CITTA DI TRECATE MODALITA OPERATIVE

Dettagli

Responsabile Zone Controllate CHAUVIE Valdo 338 3859105 simona.ch2005@libero.it

Responsabile Zone Controllate CHAUVIE Valdo 338 3859105 simona.ch2005@libero.it Auto Moto Club Gentlemen s Pinerolo CAMPIONATO ITALIANO TRIAL 2015 4 prova TROFEO NAZIONALE JUNIORES E TR4 2 prova MONTOSO (Cn) 20/21 giugno 2015 SCHEDA INFORMATIVA MANIFESTAZIONE Manifestazione Campionato

Dettagli

Una CARTA per una strategia per Trieste

Una CARTA per una strategia per Trieste Una CARTA per una strategia per Trieste Anzitutto un ringraziamento all Ing. Gregori ed al Tavolo delle Professioni di Trieste per l invito a partecipare a questo convegno. L oggetto del convegno è certamente

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Il complesso edilizio NEGOZI. Il nuovo segno sul territorio della città di Udine

Il complesso edilizio NEGOZI. Il nuovo segno sul territorio della città di Udine Il complesso edilizio MERIDIANA si compone di 6 piani per un totale di 50 mila metri cubi con tre differenti destinazioni d uso: Spazi commerciali sono disponibili al piano terra e 1 piano Uffici e ambienti

Dettagli

ORDINANZA TEMPORANEA IN LINEA DI VIABILITA N. 384-14

ORDINANZA TEMPORANEA IN LINEA DI VIABILITA N. 384-14 Trieste, 09/07/2014 Area Città, Territorio e Ambiente SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA ED EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA MOBILITA E TRAFFICO Direttore del Servizio: Arch. Ave Furlan Prot. gen. n. 111130 Prot.

Dettagli

Rev. Data Sez. Pag. Redatto Verificato Validato Descrizione 1 17/12/12 MB BV DMP Emissione

Rev. Data Sez. Pag. Redatto Verificato Validato Descrizione 1 17/12/12 MB BV DMP Emissione C 129 - VALORIZZAZIONE AREA CAMPI - IKEA DEMOLIZIONE DEL MAGAZZINO E PORZIONE DI MENSA DISMESSI UBICATI IN CORSO FERDINANDO MARIA PERRONE N. 15 NELL AREA EX ILVA LAMINATI PIANI OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO

Dettagli

LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE

LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE SENIGALLIA LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE RINASCE UN AREA DI SENIGALLIA Si chiama RESIDENZE SAN SEBASTIANO. Un nome che già appartiene all identità cittadina: San Sebastiano è il nome dell antistante

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE Art. 1) Premesse e finalità Art. 2) Definizioni

PROVINCIA DI UDINE Art. 1) Premesse e finalità Art. 2) Definizioni PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI AI SOGGETTI PRIVATI PER LA PROMOZIONE E L INCENTIVAZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA Art. 1) Premesse e finalità Premesso che

Dettagli

CONFESERCENTI Giovedì, 01 ottobre 2015

CONFESERCENTI Giovedì, 01 ottobre 2015 CONFESERCENTI Giovedì, 01 ottobre 2015 CONFESERCENTI Giovedì, 01 ottobre 2015 01/10/2015 Gazzetta di Modena Pagina 15 Da oggi fermi anche gli Euro 3 E i vigili fanno i "dissuasori" 1 01/10/2015 Il Resto

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Ristori 52/2, GORIZIA 1 Indice 1. OGGETTO E

Dettagli

venerdì 13 dicembre 2013

venerdì 13 dicembre 2013 Ufficio Stampa CISL Bergamo Rassegna Stampa venerdì 13 dicembre 2013 venerdì 13 dicembre 2013 TERMOMETRO DELLA CRISI Salgono a 287 le istanze di fallimento depositate alla Camera di Commercio di Bergamo

Dettagli

Trasporto merci in Italia: i dati Confetra del 2014.

Trasporto merci in Italia: i dati Confetra del 2014. Trasporto merci in Italia: i dati Confetra del 2014. 28/04/2015 Sommario Premessa Dati e analisi dei settori Le performance migliori Spedizioni internazionali In breve L'andamento positivo del traffico

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

N. 43 del 29.09.2009. Aperto il dibattito si hanno i seguenti interventi:

N. 43 del 29.09.2009. Aperto il dibattito si hanno i seguenti interventi: OGGETTO: PRESENTAZIONE ED APPROVAZIONE LINEE PROGRAMMATICHE RELATIVE ALLE AZIONI ED AI PROGETTI DA REALIZZARE DURANTE IL MANDATO POLITICO AMMINISTRATIVO. ART. 11 DELLO STATUTO COMUNALE Introduce l argomento

Dettagli

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA Grazie. Dirò anche due cose su Venezia, impiegherò dieci minuti. Fatemi ricominciare riprendendo da dove ci siamo fermati questa mattina. E difficile per una persona che per

Dettagli

VERBALE N. 7 SEDUTA DEL 14-07-2010

VERBALE N. 7 SEDUTA DEL 14-07-2010 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO CONSULTA DI FRAZIONE BUDRIE-CASTAGNOLO-TIVOLI Segreteria della Consulta tel 051/6812708 - fax 051/6812759 - e mail: rmanganelli@comunepersiceto.it sito internet: http://www.comunepersiceto.it

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

L intervento del sindaco sullo strumento di programmazione finanziaria. di Leopoldo Di Girolamo

L intervento del sindaco sullo strumento di programmazione finanziaria. di Leopoldo Di Girolamo Nelle difficoltà un bilancio di attenzione alla città L intervento del sindaco sullo strumento di programmazione finanziaria di Leopoldo Di Girolamo Approvato il bilancio preventivo 2010 dal Consiglio

Dettagli

IL PROGETTO DI RILEVAMENTO, STUDIO E REALIZZAZIONE DEL SITO WEB DEI MUSEI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

IL PROGETTO DI RILEVAMENTO, STUDIO E REALIZZAZIONE DEL SITO WEB DEI MUSEI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA IL PROGETTO DI RILEVAMENTO, STUDIO E REALIZZAZIONE DEL SITO WEB DEI MUSEI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Il progetto è stato promosso e finanziato dal Ministero per i beni e le attività culturali - Direzione

Dettagli

Rassegna web Convegno Salerno 18 giugno

Rassegna web Convegno Salerno 18 giugno Rassegna web Convegno Salerno 18 giugno http://www.freelancenews.it/index.php?option=com_content&view=article&id=299:chiu sura-tar-salerno-de-luca-cirielli-commenti&catid=8&itemid=109 Il sindaco di Salerno

Dettagli

Oltre il Pil 2014: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane

Oltre il Pil 2014: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane Oltre il Pil 2014: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane Venezia, 27 gennaio 2015 Serafino Pitingaro Responsabile Area Studi e Ricerche Unioncamere Veneto 1 Senza

Dettagli

CANTIERI TITOLO IV (ARTT. 88-160)

CANTIERI TITOLO IV (ARTT. 88-160) CANTIERI TITOLO IV (ARTT. 88-160) All interno di un cantiere già avviato deve entrare un impresa di due soci, chiamati dal committente per la realizzazione di un soppalco in ferro, e quindi non in subappalto.

Dettagli

Obiettivo di Kyoto 2012

Obiettivo di Kyoto 2012 Un miliardo e seicentonovantadue milioni di euro in fumo: l autogol dell Italia su Kyoto L Italia continua a non definire una strategia per il rispetto del protocollo di Kyoto e paga dazio. L anno che

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA RIMOZIONE E SMALTIMENTO DELL AMIANTO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA RIMOZIONE E SMALTIMENTO DELL AMIANTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA RIMOZIONE E SMALTIMENTO DELL AMIANTO Art. 1 Finalità Il presente regolamento ha lo scopo di promuovere il risanamento e la salvaguardia dell ambiente

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli