I REATI ECONOMICI DELLA CRIMINALITA ORGANIZZATA. Reggio Calabria, 09 aprile 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I REATI ECONOMICI DELLA CRIMINALITA ORGANIZZATA. Reggio Calabria, 09 aprile 2013"

Transcript

1 I REATI ECONOMICI DELLA CRIMINALITA ORGANIZZATA Reggio Calabria, 09 aprile 2013

2 IL RICICLAGGIO DEL DENARO SPORCO

3 Il riciclaggio del denaro sporco Il fenomeno del riciclaggio deve necessariamente, essere analizzato sotto vari profili: analisi del fenomeno economico sotto l aspetto economico; l esame delle ipotesi delittuose e l individuazione degli strumenti di contrasto (azione repressiva); lo studio dell ampia legislazione che tende ad evitare la circolazione di danaro sporco nei circuiti finanziari e ad individuare le c.d. operazioni sospette (azione preventiva).

4 Il riciclaggio del denaro sporco

5 Il riciclaggio del denaro sporco

6 Le fasi del riciclaggio

7 I Fase: Collocamento (Placement stage)

8 II Fase: Pulitura (Layering stage)

9 III Fase: Integrazione (Integration stage)

10 Metodi di riciclaggio Attività commerciali Prestanome Principali metodi di riciclaggio Paradisi fiscali Forme di ricchezza anonima Utilizzo di internet

11 Strumenti e metodi di riciclaggio Ricorso a strutture commerciali appositamente costituite Si procede al lavaggio del denaro sporco attraverso la normale attività di strutture commerciali appositamente costituite o controllate dalle organizzazioni criminali per finalità di riciclaggio. Le movimentazioni di denaro attraverso il sistema finanziario cercando di confonderlo con le normali attività commerciali dell azienda controllata offre al riciclatore diversi vantaggi.

12 Strumenti e metodi di riciclaggio Utilizzo di identità fittizie, di documenti falsi e prestanome Nel settore del riciclaggio i prestanome sono sovente utilizzati per la creazione di depositi o prelevamenti. Ipotesi principali Si ricorre a false fatturazioni per giustificare agli operatori finanziari i movimenti posti in essere Si utilizzano falsi documenti di identità per l apertura di conti correnti o per il compimento di transazioni commerciali

13 Strumenti e metodi di riciclaggio Ricorso ai c.d. paradisi fiscali o finanziari

14 Strumenti e metodi di riciclaggio Ricorso a forme di ricchezza anonime ed a valori al portatore I criminali sono consapevoli che quanto meno tracce contabili si rendono disponibili, tanto meno risulterà agevole per gli investigatori dimostrare l esistenza di un legame tra il criminale ed il patrimonio. Alcune forme patrimoniali sono per loro natura completamente anonime e, quindi, diviene praticamente impossibile individuare l origine o l effettivo proprietario a meno che il criminale non sia colto nell atto di interagire con il patrimonio. Il migliore esempio di patrimonio anonimo è costituito dal denaro contante, ma vi sono anche altri esempi, quali beni di consumo, gioielli, metalli preziosi, alcuni mezzi di pagamento elettronici e prodotti finanziari quali conti correnti personali numerati anonimi, o gli assegni al portatore.

15 Strumenti e metodi di riciclaggio L utilizzo di internet Con l avvento e la diffusione di internet, è notevolmente cresciuto, negli ultimi anni, il numero degli operatori finanziari in grado di fornire servizi di on line banking, tra i quali ha avuto la massima diffusione il cd. Internet banking, attraverso il quale il cliente della banca può accedere e gestire il proprio conto per il tramite di internet La gamma dei servizi è in continua espansione, così come la diffusione dei mezzi di pagamento elettronici

16

17 Alcuni esempi di riciclaggio

18 Alcuni esempi di riciclaggio Nel più tradizionale settore dell edilizia si assiste all uso della tecnica della finta speculazione immobiliare, in cui l acquirente-riciclatore offre una parte del prezzo in nero ad un venditore (solitamente consenziente per ragioni fiscali) per l acquisto di un immobile. L immobile viene venduto a 120 (magari dopo una ristrutturazione) ottenendosi così una somma che comprende il precedente impiego in nero più una parte di ricavo.

19 Alcuni esempi di riciclaggio Tecniche di riciclaggio attraverso falsificazione di contabilità (fatturazioni in tutto o in parte inesistenti): così ad esempio vendite all estero fatturate a prezzo maggiorato consentono l ingresso in Italia di denaro sporco parcheggiato all estero in attesa di impieghi apparentemente leciti.

20 Metodi di contrasto al riciclaggio Occorre tenere presente che se l attività di riciclaggio ha superato in maniera efficace le due fasi preliminari (placement e layering) sarà ben difficile per gli investigatori individuare le tracce della provenienza del denaro ed il collegamento con attività illecite. Ecco perché la moderna legislazione antiriciclaggio prevede non solo un approccio c.d. repressivo ma anche e soprattutto preventivo dedicando grandi risorse al controllo delle fasi preliminari ed alle procedure di segnalazione delle operazioni sospette per evitare ab origine l ingresso di risorse illecite nel sistema finanziario.

21 Metodi di contrasto al riciclaggio

22 Repressione penale - Il reato di riciclaggio DISCIPLINA NORMATIVA Riciclaggio (Art. 648-bis c.p.) Fuori dei casi di concorso nel reato, chiunque sostituisce o trasferisce denaro, beni o altre utilità provenienti da delitto non colposo, ovvero compie in relazione ad essi altre operazioni, in modo da ostacolare l identificazione della loro provenienza delittuosa, è punito con la reclusione da quattro a dodici anni e con la multa da euro a euro La pena è aumentata quando il fatto è commesso nell esercizio di un attività professionale. La pena è diminuita se il denaro, i beni o le altre utilità provengono da delitto per il quale è stabilita la pena della reclusione inferiore nel massimo a cinque anni.

23 Il reato di riciclaggio Il riciclaggio è il complesso delle operazioni tendenti a ripulire il c.d. denaro sporco, facendo perdere le tracce della sua provenienza delittuosa. Il reato di Riciclaggio si sostanzia, quindi, ogni qualvolta attraverso una serie di operazioni si miri a nascondere, occultare o comunque ostacolare l accertamento circa l origine illecita di denaro, beni od utilità. Il reato deve necessariamente essere commesso da un soggetto diverso dall autore del reato precedente ed estraneo alla commissione del reato stesso, che interviene nella seconda fase di gestione della risorsa finanziaria, ovvero nella fase di ripulitura delle risorse illecite. Nel nostro ordinamento penale non esiste ancora il c.d. autoriciclaggio

24 Il reato di riciclaggio Si parla di dolo generico, e consiste nella coscienza e volontà dell agente di compiere l attività di sostituzione, trasferimento o ripulitura con la consapevolezza della provenienza da delitto doloso del bene o delle altre utilità.

25 Repressione penale - Il reato di reimpiego DISCIPLINA NORMATIVA Impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita (Art. 648-ter c.p.) Chiunque, fuori dei casi di concorso nel reato e dei casi previsti dagli articoli 648 e 648-bis, impiega in attività economiche o finanziarie denaro, beni o altre utilità provenienti da delitto, è punito con la reclusione da quattro a dodici anni e con la multa da euro a euro La pena è aumentata quando il fatto è commesso nell esercizio di un attività professionale. La pena è diminuita nell ipotesi di cui al secondo comma dell art. 648.

26 Il reato di reimpiego Il Reato di Reimpiego si sostanzia, ogni qualvolta attraverso una serie di operazioni si miri a reinvestire denaro, beni od utilità preventivamente ripuliti in attività economiche (industriali, commerciali, ecc.) e finanziarie (acquisto di titoli, obbligazioni, ecc.) Anche in questo caso il reato deve necessariamente essere commesso da un soggetto diverso dall autore del reato precedente ed estraneo sia alla commissione del precedente reato da cui deriva la produzione del denaro, sia al reato di riciclaggio. Nel nostro ordinamento penale non esiste ancora il c.d. autoreimpiego

27 Il reato di reimpiego Si parla di dolo generico, e consiste nella coscienza e volontà dell agente di compiere l attività di reimpiego con la consapevolezza della provenienza delittuosa del denaro, del bene o delle altre utilità.

28 Azione preventiva La legislazione antiriciclaggio Legge 5 luglio 1991 n. 197 e successive modificazioni ( Provvedimenti urgenti per limitare l uso del contante e dei titoli al portatore nelle transazioni e prevenire l utilizzazione del sistema finanziario a scopo di riciclaggio )

29 Azione preventiva La legislazione antiriciclaggio Soggetti destinatari

30 Azione preventiva La legislazione antiriciclaggio Segnalazioni di operazioni sospette

31 Azione preventiva La legislazione antiriciclaggio Profili di c.o.

32 L INTESTAZIONE FITTIZIA DEI BENI

33 L intestazione fittizia dei beni L entrata in vigore della legge Rognoni La Torre nel settembre del 1982 inaugura una fase importante nella lotta alla criminalità organizzata. Le misure di prevenzione patrimoniali introdotte dalla legge forniscono finalmente alla magistratura e alle forze di polizia strumenti di intervento idonei ad incidere sugli illeciti arricchimenti dei criminali mafiosi.

34 L intestazione fittizia dei beni In una prima fase, le misure di prevenzione patrimoniale sono molto fruttuose perché i nuovi strumenti di intervento colgono impreparate le famiglie mafiose. I patrimoni mafiosi erano costituiti principalmente da beni immobili (case e terreni) ovvero da semplici attività imprenditoriali intestati direttamente ai mafiosi o ai loro più stretti familiari (coniuge e figli). Di conseguenza fu relativamente facile individuarli mediante le indagini patrimoniali e poi adottare provvedimenti di sequestro e di confisca, profittando anche del fatto che i titolari di questi beni avevano di solito dichiarato al Fisco redditi scarsamente significativi o addirittura non avevano presentato dichiarazioni dei redditi.

35 L intestazione fittizia dei beni Nel volgere di pochi anni, però, i soggetti mafiosi corsero ai ripari ponendo in essere una serie di accorgimenti volti a creare ostacoli e barriere all applicazione delle misure patrimoniali. Nuovi beni acquisiti e quelli in precedenza intestati a familiari o a soggetti che, sebbene esterni alla cerchia familiare, apparivano comunque riconducibili all organizzazione Intestazione/trasferimento a insospettabili prestanome

36 L intestazione fittizia dei beni Questo fenomeno è molto diffuso nella realtà calabrese e reggina in particolare, dove una larga maggioranza dei soggetti di interesse operativo ai fini dell'eventuale applicazione di misure patrimoniali, ivi compresi anche nomi di prima grandezza nel locale Gotha ndranghetistico, risulta formalmente nullatenente o al più dotata di beni che non eccedono quanto sarebbe lecito attendersi da un onesto e laborioso cittadino. Si è avuto addirittura un aumento massiccio delle richieste, da parte di soggetti sottoposti a procedimenti penali o di prevenzione, di ammissione al gratuito patrocinio che si fondano sul presupposto di una sostanziale povertà.

37 L intestazione fittizia dei beni Il più tradizionale sistema di occultamento, ancora oggi rilevabile ma solo per i livelli più modesti degli organigrammi criminali, consiste nell'intestazione dei beni ai familiari. Nella sua modalità di esecuzione più semplice, l'obiettivo viene realizzato senza alcun particolare artificio. Il mafioso acquista o costruisce un fabbricato e lo intesta alla moglie o ai figli; oppure costituisce o rileva una società e fa in modo che il capitale sociale sia direttamente intestato ai suoi congiunti.

38 L intestazione fittizia dei beni Simili manovre non costituiscono un ostacolo insormontabile né per gli investigatori ed inquirenti. Soccorre infatti, quanto agli accertamenti istruttori, il disposto del terzo comma dell'art. 2 bis della legge 575/65 (ora art. 19 Codice Antimafia) laddove impone che le indagini patrimoniali siano svolte anche nei confronti del coniuge dell'indiziato di mafia, dei suoi figli e di coloro che hanno con lui convissuto nell'ultimo quinquennio.

39 L intestazione fittizia dei beni BENI INTESTATI A TERZI Coniuge e familiari conviventi (regime di presunzione legale relativa di disponibilità del bene da parte dell indagato) Soggetti terzi non legati da stretti vincoli di parentela o del tutto estranei alla cerchia familiare (prova a carico dell accusa).

40 L intestazione fittizia dei beni Il compito degli uffici di polizia e giudiziari diventa assai più arduo quando il programma di occultamento, facendosi più sofisticato, individua ed utilizza come interpositori fittizi soggetti non appartenenti alla stretta cerchia familiare dell'indiziato di mafia. Mancano in questo caso gli automatismi investigativi e le presunzioni valutative previste per i familiari conviventi.

41 Intestazione fittizia a terzi Le categorie di soggetti potenziali prestanome sono piuttosto numerose e di difficile inquadramento sistematico. Volendo fare degli esempi: parenti più vicini (non conviventi); soggetti a cui il mafioso è legato da rapporti affettivi di particolare intensità; soggetti con cui il mafioso è solito associarsi in iniziative illecite; soggetti con cui il mafioso intrattiene rapporti di frequentazione; soggetti a cui il mafioso cui affida abitualmente responsabilità nel contesto delle sue attività lavorative; i soggetti con cui il mafioso è solito associarsi in iniziative affaristiche; soggetti cui il mafioso si rivolge abitualmente per prestazioni di consulenza soprattutto, ma non esclusivamente, nel settore legale - economico finanziario.

42 Intestazione fittizia a terzi Indizi oggettivi di intestazione fittizia (beni immobili) acquisto di beni già appartenenti al mafioso o ai suoi familiari, soprattutto quando l'acquirente non disponga di risorse proprie tali da giustificare economicamente il negozio ovvero quando l'oggetto dello stesso sia palesemente incongruo alle sue esigenze ed al suo status sociale e professionale; l'acquisto di beni appartenenti a terzi estranei allorché il mafioso o persone a lui riferibili si siano ingeriti a qualsiasi titolo, lecitamente o illecitamente, nella conclusione dell'affare o nelle fasi che lo hanno preceduto; la costruzione di fabbricati su suoli che si abbia motivo di sospettare siano di pertinenza del mafioso;

43 Intestazione fittizia a terzi Indizi oggettivi di intestazione fittizia (aziende) acquisto di imprese dichiarate fallite o sottoposte a procedure concorsuali allorché le stesse prima di tali eventi giuridici appartenessero o fossero comunque riferibili a soggetti mafiosi; costituzione di imprese ad opera di soggetti vicini al mafioso tanto più se privi delle risorse o dei requisiti professionali necessari; esistenza di imprese di cui il mafioso, pur apparentemente estraneo ovvero in posizione di subordinazione, sembri determinare o influenzare in modo rilevante l'andamento; esistenza di imprese che, per l'oggetto della loro attività, l'area territoriale in cui si svolgono, le caratteristiche della loro clientela, le persone che le gestiscono, siano verosimilmente la prosecuzione di analoghe attività già riferibili al mafioso e poi cessate; esistenza di imprese che, pur apparentemente estranee al mafioso, operino in stretta sinergia con altre imprese a lui riferibili (ad esempio utilizzando gli stessi impianti e macchinari, servendosi degli stessi quadri tecnici o delle stesse maestranze, partecipando alle stesse gare d'appalto in associazione temporanea o con la costituzione di consorzi, etc.);

44 Intestazione fittizia a terzi ELEMENTI SINTOMATICI finanziamento di un attività imprenditoriale senza alcuna ragione e giustificazione reale; esercizio di poteri di direzione, gestione e controllo: contabile (sugli introiti, i corrispettivi e le spese, sulle fatturazioni attive e passive, sulle politiche di bilancio e sulla ripartizione degli utili) commerciale (sconti da praticare alla clientela, ordini di merce e forniture di beni aziendali, pagamenti alle maestranze, apertura di nuovi punti vendita) finanziaria (rapporti con le banche, disposizioni sulle movimentazioni dei conti correnti, prestazioni di garanzie a terzi) sul personale (assunzioni, licenziamenti ecc. al di fuori di ogni rapporto giuridico con l azienda e correlativa acquiescenza e subordinazione dell intestatario ufficiale; percezione di proventi dell attività imprenditoriale senza alcuna corrispondenza o in misura sproporzionata rispetto alla posizione ufficiale rivestita all interno dell impresa (es. dipendente); percezione di utili non giustificati dalla qualità di socio o in misura sproporzionata rispetto alle quote o azioni possedute;

45 Rilievo normativo dell intestazione fittizia Art. 12 quinquies l. 356/92 (Trasferimento fraudolento di valori) 1. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque attribuisce fittiziamente ad altri la titolarità o disponibilità di denaro, beni o altre utilità al fine di eludere le disposizioni di legge in materia di misure di prevenzione patrimoniali o di contrabbando, ovvero di agevolare la commissione di uno dei delitti di cui agli artt. 648, 648 bis e 648 ter del codice penale, è punito con la reclusione da due a sei anni.

46 Trasferimento fraudolento di valori Categoria residuale: Salvo che il fatto costituisca più grave reato (es. 648-bis riciclaggio o 648-ter reimpiego); Soggetto attivo: chiunque (reato comune); Condotta attiva: attribuire fittiziamente ad altri la titolarità o disponibilità con un negozio simulato o una situazione di fatto; Oggetto di trasferimento: denaro, beni o altre utilità; Elemento psicologico: al fine di eludere (dolo generico); Evento di elusione: disposizioni di legge in materia di prevenzione patrimoniali o di contrabbando; Evento di agevolazione: commissione di uno dei delitti di cui agli articoli 648, 648-bis e 648-ter del codice penale.

47 LE ESTORSIONI

48 Le estorsioni ESTORSIONE COME FONTE DI RICCHEZZA ILLECITA L attività estorsiva, costituisce una fonte insostituibile di guadagno per le organizzazioni criminali. L'imposizione del pizzo è il reato principe della criminalità organizzata, la tassa per eccellenza, finalizzato a sostenere le famiglie, le cosche, le 'ndrine, ad assicurare uno stipendio agli affiliati, assistere i carcerati, pagare gli avvocati.

49 Le estorsioni ESTORSIONE COME ESERCIZIO DEL POTERE MAFIOSO Il pizzo garantisce e accresce il dominio e il prestigio ai clan, certifica la sovranità sul territorio e misura il tasso di omertà di una zona, di un quartiere, di una comunità. Attraverso il racket i sodalizi criminali attuano, infatti, un valido controllo del territorio, utile ad instaurare quella condizione di assoggettamento e di omertà che costituisce uno dei punti di forza delle compagini mafiose.

50 Le estorsioni Rimane immutata, nel tempo, la regola principale dell'estorsione: Si paga alla famiglia competente per territorio. L organizzazione può tollerare che un commerciante non paghi il pizzo, ma è inflessibile se qualcuno, senza autorizzazione, raccoglie le estorsioni in un territorio non di sua competenza.

51 Le estorsioni Il pagamento del pizzo è indice di sovranità cui nessuno può sottrarsi. Lo scopo rimane quello di alimentare paura, disseminare insicurezza, creare quel clima di intimidazione diffusa, tanto che quando arriva la richiesta di mettersi a posto per alcuni commercianti e imprenditori è quasi una liberazione. Il pizzo è la tassa ambientale che si paga per vivere e lavorare tranquilli. Più che la minaccia esplicita, conta il rischio di un danno incombente, che può colpire in ogni momento e costare molto caro.

52 Le estorsioni Il pagamento avviene una tantum all avvio di un'attività commerciale, alle feste comandate (Pasqua, Ferragosto e Natale), ovvero si pattuiscono rate mensili o settimanali, di solito rapportate al giro d'affari dell'impresa, ai metri quadri del negozio, all'ubicazione o al numero delle vetrine, ecc. I soldi raccolti dalle estorsioni vengono consegnati al contabile e versati nelle bacinelle o pignatuni o spartenza, tutte espressioni con cui i vari clan definiscono la cassa comune nella quale confluiscono tutti gli introiti del pizzo nelle sue varie forme.

53 Le estorsioni L attività estorsiva, si manifesta con atti intimidatori realizzati contro operatori economici o titolari di aziende, attraverso danneggiamenti, recapito di cartucce, lettere anonime minatorie, furti di materiale ed incendi di beni strumentali nei cantieri. L atto intimidatorio non deve avere necessariamente le caratteristiche di un atto violento, ma può essere ravvisato anche in una minaccia implicita o velata laddove venga esercita in un clima di diffusa intimidazione derivante dalla consuetudine di violenza dell associazione stessa, clima percepito all esterno e del quale si avvantaggino gli associati per perseguire i loro fini (vedi Cass. Pen. n /2007)

54 Le estorsioni L estorsione viene compiuta, non solo mediante il pagamento di una somma di denaro contante (il classico pizzo ) ma anche attraverso: l imposizione di forniture di merci/servizi o manodopera alle imprese operanti nel territorio; assunzioni di favore o di personale da adibire soprattutto ai servizi di guardianìa nei cantieri edili; richieste di contributi per associazioni (sportive, caccia, pesca, ecc,) o per la festa patronale; l'approvvigionamento gratuito di beni e di servizi (c.d. contributi in natura).

55 Le estorsioni Le modalità di aggancio sono sempre le stesse. All apertura di un cantiere, di un negozio o di qualunque altra attività, qualcuno della famiglia avvicina il titolare. Se la fase di avvicinamento e la richiesta della regolarizzazione non portano risultati, scatta l'intimidazione, graduata nella violenza all obiettivo che si prefigge: la telefonata, la colla nella serratura, la bottiglia incendiaria fuori dal negozio, fino alla sollecitazione a cercarsi un amico. E in questa fase che interviene la c.d scarica : il compare della famiglia, l amico, che si fa avanti, tratta la mediazione, ricerca l'accordo, più o meno volontario, tra vittima ed estorsore.

56 Le estorsioni La scarica è la vera novità degli ultimi anni. L amico si dimostra disponibile ad abbassare la rata del pizzo, ma impone all imprenditore l assunzione di uno della famiglia che ha bisogno di lavorare, o di acquistare merce da un determinato fornitore. Se la vittima possiede un bar, gli s imporrà di mettere dei videopoker o slot machine, e così via. In questo modo l organizzazione mafiosa non solo taglieggia, ma entra nel negozio e se ne impossessa, prima condizionando la libertà d impresa, poi controllando il fatturato.

57 Le estorsioni Nel settore dell'edilizia e degli appalti pubblici vige la legge del 3%: una tassa fissa imposta dalla ndrangheta per ottenere il permesso ad eseguire i lavori e garantire la sicurezza dei cantieri. Una legge che vale per tutti, dai piccoli imprenditori locali, alle grandi imprese del Nord Italia. La causale del versamento è sempre la stessa: il sostegno alle famiglie dei carcerati, o il pagamento delle spese legali.

58 Le estorsioni Il racket delle estorsioni continua a rimanere un fenomeno diffuso in Calabria. Risultano colpiti il cinquanta per cento dei commercianti, soprattutto a Reggio Calabria e nel vibonese lametino, dove si arriva an-che a percentuali dell ottanta-novanta per cento. Il numero dei commercianti taglieggiati si aggira intorno ai nell intera regione Una situazione talmente pervasiva da far comprendere che, in alcune zone, a non pagare il pizzo siano solo le imprese già di proprietà dei mafiosi o con cui si sono stabiliti rapporti collusivi e affaristici.

59 Le estorsioni DISCIPLINA NORMATIVA Estorsione (Art. 629 c.p.) Chiunque, mediante violenza o minaccia, costringendo taluno a fare o ad omettere qualche cosa, procura a sé o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno, è punito con la reclusione e la multa. La pena è aumentata se concorre una delle seguenti circostanze aggravanti: a. se la violenza o la minaccia è commessa con armi, o da persona travisata o da più persone riunite; b. se la violenza consiste nel porre taluno in stato d incapacità di volere o di agire; c. se la violenza o la minaccia è posta in essere da persona che fa parte dell associazione di cui all articolo 416-bis; d. se ricorre la circostanza aggravante speciale prevista dall articolo 7 della legge 203/91 (utilizzo del metodo mafioso o al fine di agevolare l associazione mafiosa). E un reato per i quali è prevista la c.d. confisca penale allargata (12-sexies).

60 L USURA

61 L usura L'usura è un male antico che da sempre accompagna la storia dell'uomo. In pratica, consiste nello sfruttare il bisogno di denaro di un altro individuo per procacciarsi un forte guadagno illecito. Alla base di un rapporto usuraio c'è, da una parte, la necessità di denaro e, dall'altra, un'offerta che può apparire come un'immediata possibile soluzione per chi si trova in difficoltà. L'usura è un reato che consiste nel concedere un prestito a un tasso d'interesse superiore al cosiddetto "tasso soglia", che si calcola aumentando del 50% il tasso effettivo globale medio (TEGM) relativo ai vari tipi di operazioni creditizie, rilevato ogni tre mesi dal Ministero del Tesoro e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.

62 L usura LE DIVERSE FORME DI USURA Il primo e più tradizionale esempio è quello dello strozzino o del cravattaio di quartiere, che gestisce in prima persona, con caratteristiche elementari o familiari e in via esclusiva i rapporti con gli usurati, mettendo a frutto ricchezza propria. Tali soggetti si procacciano personalmente gli "affari" da realizzare, nell'ambito di contesti (territoriali, lavorativi, associativi) nei quali è solitamente noto l'abituale esercizio della loro attività illecita.

63 L usura LE DIVERSE FORME DI USURA Una variante è costituita da coloro i quali, agendo apparentemente in termini analoghi a quelli appena prospettati, operano in realtà per conto di altre persone (non di rado insospettabili professionisti) che forniscono i fondi e, spesso, le informazioni utili ad identificare la potenziale vittima, riservatamente apprese in virtù dell'esercizio della professione.

64 L usura LE DIVERSE FORME DI USURA In ipotesi più complesse, l'organizzazione del fenomeno presuppone, normalmente, una dimensione associativa che spesso dà luogo anche alla creazione di strutture societarie che esercitano attività finanziaria (a volte anche in forma non abusiva), e sono continuamente alla ricerca di commercianti, piccoli imprenditori ed artigiani per approfittare di momentanee situazioni di difficoltà economica per proporsi come unica strada per il soddisfacimento del fabbisogno immediato (es. per non dover interrompere il processo produttivo).

65 L usura LE DIVERSE FORME DI USURA L'usura gestita dalla criminalità organizzata si avvale di una capacità operativa fondata su tecniche raffinate e sofisticate, che presuppongono non solo un adeguato livello di conoscenza dello stato di necessità delle vittime, ma anche la percezione e lo studio dei modi migliori per costringerle a pagare tassi esorbitanti, fino ad arrivare alle tecniche estorsive e alla spoliazione vera e propria di tutti i loro beni. L usuraio mafioso può accontentarsi anche d interessi modesti, soprattutto se è interessato ad entrare in compartecipazione con l azienda del debitore. Per alcuni l obiettivo è la moltiplicazione del denaro, per altri quello di impossessarsi delle aziende delle vittime, altri ancora puntano alla spoliazione dei patrimoni.

66 L usura Nell arco di dieci anni, la criminalità (che tradizionalmente aveva avuto una presenza marginale nel mercato usuraio), ha acquisito amplissime quote e sempre più numerosi sono i clan e le cosche che compaiono nelle cronache giudiziarie. I casi di indagini di usura in cui risultano coinvolti esponenti della criminalità organizzata sono aumentati in tre anni del 52,5%.

67 L usura CAUSE PRINCIPALI crescita dell'entità del capitale richiesto da parte delle vittime. Si tratta di somme cospicue che il prestatore di quartiere non è in grado di soddisfare, mentre l'usuraio del clan, spesso il contabile che gestisce la liquidità, nel giro di poche ore può soddisfare anche le richieste più impegnative; aumento delle sofferenze anche per gli usurai individuali, e solo gruppi particolarmente attrezzati, dotati di un organizzazione e di un carisma criminale importante, sono in grado di riscuotere con certezza le rate usurarie scadute. La crisi economica sta contribuendo notevolmente a questo passaggio: il mafioso interviene a sostegno di chi ha bisogno di somme rilevanti, commercianti o imprenditori che hanno la necessità di movimentare notevoli somme per non essere tagliati fuori del mercato o per non perdere commesse.

68 L usura L usura entra nell interesse mafioso sotto un triplice aspetto: consente di offrire un servizio funzionale, per accrescere il consenso sociale, per continuare ad affermare un criterio di sovranità nei luoghi in cui agisce; svolge una funzione alternativa al riciclaggio, movimentando costanti flussi di liquidità e ricavando utili che possono essere facilmente reinseriti in altre attività lecite e illecite; può portare alla diretta acquisizione e/o controllo dell attività economica.

69 L usura DISCIPLINA NORMATIVA Estorsione (Art. 644 c.p.) Chiunque, si fa dare o promettere, sotto qualsiasi forma, per sé o per altri, in corrispettivo di una prestazione di denaro o di altra utilità, interessi o altri vantaggi usurai, è punito con la reclusione e la multa. Alla stessa pena soggiace chi opera in funzione di mediatore. Il tasso usuraio è determinato dalla legge. Sono previste diverse circostanze aggravanti tipiche (approfittamento dello stato di bisogno della vittima; esercizio di attività professionale, bancaria, o di intermediazione finanziaria; vittima imprenditore, professionista o artigiano, ecc.) nonché quella dall articolo 7 della legge 203/91 (utilizzo del metodo mafioso o al fine di agevolare un organizzazione mafiosa). Si applica la c.d. confisca obbligatoria sui profitti, anche nella forma equivalente nonché la confisca penale allargata ex art. 12-sexies l.356/92.

70 GRAZIE PER L ATTENZIONE Ten. Col. Giuseppe FURCINITI

Workshop Economia e Legalità

Workshop Economia e Legalità Workshop Economia e Legalità 31 maggio 2013 Direttore Generale Giuliano Palagi L usura è un problema in costante crescita, favorito dall attuale crisi economica sul quale occorre agire con velocità e comprensione.

Dettagli

L'Antiriciclaggio: Evoluzione normativa Pagina 1 di 8. a cura di. Data Ufficio E-learning. Gruppo Data Ufficio Spa

L'Antiriciclaggio: Evoluzione normativa Pagina 1 di 8. a cura di. Data Ufficio E-learning. Gruppo Data Ufficio Spa L'Antiriciclaggio: Evoluzione normativa Pagina 1 di 8 M.1 L'ANTIRICICLAGGIO Evoluzione normativa a cura di Data Ufficio E-learning Gruppo Data Ufficio Spa L'Antiriciclaggio: Evoluzione normativa Pagina

Dettagli

- PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA

- PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA 75 - PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA 75 76 D.1. I reati di cui all art. 25 octies del D. Lgs. n. 231/2001. Esemplificazione

Dettagli

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs 8 giugno 2001 n. 231 Parte Speciale E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers.

Dettagli

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3).

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3). IITALIAN PENAL CODE Art. 416 Codice Penale. Associazione per delinquere. 416. Associazione per delinquere (1). Quando tre o più persone si associano allo scopo di commettere più delitti [c.p. 576, n. 4],

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it ANTIRICICLAGGIO avv.pierluigioliva@hotmail.it Il quadro normativo!! Direttive CEE!! D. lgs. 21.11.2007 n.231!! D. lgs. 25.9.2009 n.152!! Il fine è quello di prevenire l utilizzo del sistema finanziario

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA

PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA 1 PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ

Dettagli

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres CASA E FISCO VADEMECUM SCUDO FISCALE 2009 Lo scudo fiscale prevede la possibilità di regolarizzare le attività finanziarie o patrimoniali detenute all estero in violazione della normativa relativa al monitoraggio

Dettagli

GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE. Reggio Calabria, 5 aprile 2013

GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE. Reggio Calabria, 5 aprile 2013 GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE Reggio Calabria, 5 aprile 2013 Introduzione L obiettivo della lezione odierna è individuare: i motivi per cui le mafie investono nell

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

Modifiche al codice penale ex legge 190/2012

Modifiche al codice penale ex legge 190/2012 Modifiche al codice penale ex legge 190/2012 Art. 32 quaterc.p. Casi nei quali alla condanna consegue la incapacità di contrattare con la pubblica amministrazione. Testo previgente Ogni condanna per i

Dettagli

Sezione Reati ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Sezione Reati ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Parte Speciale Sezione Reati ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita ELENCO DELLE

Dettagli

L AUTORICICLAGGIO. A cura dell' Avv. Michele Cardenà 1

L AUTORICICLAGGIO. A cura dell' Avv. Michele Cardenà 1 L AUTORICICLAGGIO 1 INDICE Legge15 dicembre 2014, n. 186 3 Schema comparativo norme c.p. 5 Reato di autoriciclaggio: evoluzione storica 6 Freno all interpretazione generalizzata 7 Introduzione in Italia

Dettagli

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI Torino, 19 Marzo 2013 NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI NOZIONE DI RICICLAGGIO DESTINATARI DEGLI ADEMPIMENTI Dott.sa LUCIA STAROLA EVOLUZIONE NORMATIVA 1 L. 5/7/1991 n. 191 (cd

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA Adozione con delibera Consiglio

Dettagli

REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE

REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE FAMIGLIA DI REATI REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI L art. 10 della Legge 16 marzo 2006, n. 146 - "ratifica ed esecuzione della Convenzione

Dettagli

MODULO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA

MODULO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA MODULO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (INSTAURAZIONE/AGGIORNAMENTO RAPPORTO CONTINUATIVO) (per società, enti giuridici, ditte individuali etc.) (Artt. 15 e ss. D. lgs. 231/2007)

Dettagli

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Art. 600 Riduzione in schiavitù Chiunque riduce una persona in schiavitù, o in una condizione analoga alla schiavitù, è punito con

Dettagli

REATI SOCIETARI ALLEGATO 3

REATI SOCIETARI ALLEGATO 3 ALLEGATO 3 REATI SOCIETARI 1. False comunicazioni sociali Art. 2621 c.c. Salvo quanto previsto dall articolo 2622, gli amministratori, i direttori generali, i dirigenti preposti alla redazione dei documenti

Dettagli

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ALLEGATO 2 REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1) CORRUZIONE La corruzione consiste in un accordo tra un privato ed un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio mediante il

Dettagli

Art. 25-octies d.lgs. 231/2001 Ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Art. 25-octies d.lgs. 231/2001 Ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita (documento realizzato da http://www.compliancenet.it/ il 1 agosto 2014, dettagli in http://www.compliancenet.it/confindustria-aree-a-rischio-econtrolli-preventivi-per-reato-riciclaggio-31-luglio-2014 )

Dettagli

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE L art. 49 del DLGS n. 231/07 vieta il trasferimento di denaro contante, libretti e/o titoli al portatore fra soggetti

Dettagli

SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO - Premessa: i delitti di riciclaggio e impiego di denaro ed utilità di provenienza illecita art 648-bis c.p. (Riciclaggio) Fuori dei casi di

Dettagli

Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia

Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia Premessa La definizione e l approvazione in tempi rapidi di un testo unico della legislazione antimafia, capace di superare le attuali disfunzioni

Dettagli

ACAM Ambiente S.p.A.

ACAM Ambiente S.p.A. ACAM Ambiente S.p.A. Modello di organizzazione e controllo ex D.Lgs. 231/2001 Reati di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Approvato con determinazione

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Sommario 1.Le fattispecie di Reati Presupposto (Artic 25 bis 1 D lgs 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA NUCLEO DI POLIZIA TRIBUTARIA MILANO TUTELA DEGLI INTERESSI FINANZIARI DELL U.E. ANALISI DEI CASI PIÙ FREQUENTI DI FRODE

GUARDIA DI FINANZA NUCLEO DI POLIZIA TRIBUTARIA MILANO TUTELA DEGLI INTERESSI FINANZIARI DELL U.E. ANALISI DEI CASI PIÙ FREQUENTI DI FRODE GUARDIA DI FINANZA NUCLEO DI POLIZIA TRIBUTARIA MILANO TUTELA DEGLI INTERESSI FINANZIARI DELL U.E. ANALISI DEI CASI PIÙ FREQUENTI DI FRODE Milano, 08 maggio 2012 1 ARTICOLAZIONE DELL INTERVENTO RUOLO DELLA

Dettagli

Antiriciclaggio. Lucia Starola (Commercialista in Torino)

Antiriciclaggio. Lucia Starola (Commercialista in Torino) Lucia Starola (Commercialista in Torino) Antiriciclaggio 1 Antiriciclaggio Figura criminosa di 2 grado Ha per oggetto proventi di altre figure criminose (reato presupposto) Attività volta a dissimulare

Dettagli

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio.

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. Gen. B. Stefano Screpanti Nel porgere un sentito saluto agli illustri Deputati

Dettagli

Articolo 1 - Modifiche alla disciplina sanzionatoria in materia di delitti contro la pubblica amministrazione

Articolo 1 - Modifiche alla disciplina sanzionatoria in materia di delitti contro la pubblica amministrazione Legge 27/5/2015 n. 69 (G.U. 30/5/2015 n. 124) Disposizioni in materia di delitti contro la pubblica amministrazione, di associazioni di tipo mafioso e di falso in bilancio Articolo 1 - Modifiche alla disciplina

Dettagli

(Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia

(Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia (Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia VOLUNTARY DISCLOSURE (Legge n. 186 del 15 dicembre 2014) Procedura straordinaria di collaborazione volontaria tesa a consentire ai contribuenti

Dettagli

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 DI CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ

Dettagli

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE SCHEDA MONOGRAFICA TMG SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE Data aggiornamento scheda 15 novembre 2013 Redattore Ultimi interventi normativi Davide David D.L. 78/2010 (modifica dell art.

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA. Nucleo Polizia Tributaria Roma G.I.C.O. PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA

GUARDIA DI FINANZA. Nucleo Polizia Tributaria Roma G.I.C.O. PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA MODUS OPERANDI LE CONDOTTE ILLECITE Imprenditori diretta espressione del clan dei casalesi; Costituzione di società

Dettagli

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio La modifica il decreto antiriciclaggio di Nicola Forte (*) LA NOVITA` La ha diminuito nuovamente a 5.000 euro la soglia massima per le transazioni in contanti, per l emissione di assegni liberi e per il

Dettagli

Intervento del Capo del III Reparto - Operazioni del Comando Generale della Guardia di Finanza Generale di Brigata Stefano Screpanti

Intervento del Capo del III Reparto - Operazioni del Comando Generale della Guardia di Finanza Generale di Brigata Stefano Screpanti Intervento del Capo del III Reparto - Operazioni del Comando Generale della Guardia di Finanza Generale di Brigata Stefano Screpanti 15 aprile 2015 LE FRODI ALL IVA LA LOTTA ALLE FRODI ALL IVA ESIGENZE

Dettagli

Il comma 7 7) I commi 9, 10 e 11 I commi 13, 14 e 15, Il comma 18

Il comma 7 7) I commi 9, 10 e 11 I commi 13, 14 e 15, Il comma 18 ALLEGATO 2 Innovazioni introdotte in materia di contrasto alla criminalità organizzata dall articolo 2 della legge 15 luglio 2009, n. 94, recante Disposizioni in materia di sicurezza pubblica, 1) Il comma

Dettagli

DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K

DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 DI CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO 1 IL RISCHIO SPECIFICO DEI

Dettagli

Gli investimenti delle mafie

Gli investimenti delle mafie Progetto PON Sicurezza 2007-2013 I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento della criminalità all impiego di

Dettagli

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento:

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: MOG 231 - PSG COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE

Dettagli

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO INDICE 1. FATTISPECIE EX ART.25-BIS.1 D.LGS. 231/01 2. PRINCIPI DI COMPORTAMENTO 3. PRINCIPI GENERALI DI CONTROLLO 4. AREE A RISCHIO

Dettagli

FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO

FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO FAMIGLIA DI REATI FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI L art. 25 bis disciplina le ipotesi in cui

Dettagli

L OBBLIGO DI ASTENSIONE. Il D.Lgs. n. 231/2007 pone ai professionisti stringenti obblighi di

L OBBLIGO DI ASTENSIONE. Il D.Lgs. n. 231/2007 pone ai professionisti stringenti obblighi di L OBBLIGO DI ASTENSIONE Il D.Lgs. n. 231/2007 pone ai professionisti stringenti obblighi di adeguata verifica della clientela, da svolgere alternativamente in modalità ordinaria, semplificata o rafforzata

Dettagli

Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico

Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l. IL 30/06/2009 PARTE SPECIALE C 1.1

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MONTAGNOLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MONTAGNOLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5668 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MONTAGNOLI Modifiche agli articoli 624, 624-bis e 625 del codice penale, concernenti le pene

Dettagli

COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA

COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA REGOLAMENTO PER INTERVENTI DI SOLIDARIETÀ E MISURE DI SOSTEGNO A FAVORE DELLE VITTIME DEI REATI ESTORSIONE E DI USURA. (Approvato con deliberazione

Dettagli

Parte Speciale R : Il reato di autoriciclaggio

Parte Speciale R : Il reato di autoriciclaggio Parte Speciale R : Il reato di autoriciclaggio MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA EMAK S.p.A. REV. BREVE DESCRIZIONE E COMMENTO DATA 0 EMISSIONE 7/08/2015 1 2 3 4 5 Tutti i cambiamenti

Dettagli

si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il realizzarsi di un' ipotesi di

si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il realizzarsi di un' ipotesi di LE OPERAZIONI SOGGETTIVAMENTE INESISTENTI L'intestazione fittizia della fattura o del documento, tale da far apparire che l'operazione si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il

Dettagli

SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di

SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di 1 SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di controllo del settore doganale. Il nuovo testo è stato

Dettagli

Sanzioni ed effetti penali della Voluntary disclosure. di Antonio Iorio

Sanzioni ed effetti penali della Voluntary disclosure. di Antonio Iorio Sanzioni ed effetti penali della Voluntary disclosure di Antonio Iorio Benefici: Riduzione delle sanzioni amministrative relative all omessa compilazione del quadro RW (art. 5-quinquies, comma 2 del D.L.

Dettagli

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti:

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti: Normativa Antiricilaggio: guida pratica UMCI Esaminiamo i vari adempimenti a seconda degli obblighi: a) Identificazione del cliente L identificazione consiste nella verifica dell identità del cliente e

Dettagli

S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE

S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE MARIO DI SPIRITO Dottore Commercialista Revisore Contabile Consulente Tecnico del Tribunale di Roma Circolare n. 8 del 25/10/2013

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge:

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge: LEGGE 27 maggio 2015, n. 69 (in Gazz. Uff., 30 maggio 2015, n. 124). - Disposizioni in materia di delitti contro la pubblica amministrazione, di associazioni di tipo mafioso e di falso in bilancio. La

Dettagli

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n.

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n. ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1): L art. 216, primo comma, n. 1, L. Fall. sanziona l imprenditore, dichiarato fallito, che prima della dichiarazione di fallimento

Dettagli

NORMATIVA USURA. FLA FINANZIARIA SpA MARZO 2011. Pagina 1 di 12

NORMATIVA USURA. FLA FINANZIARIA SpA MARZO 2011. Pagina 1 di 12 NORMATIVA USURA FLA FINANZIARIA SpA MARZO 2011 Pagina 1 di 12 INDICE - Premessa - Adempimenti - Legge anti Usura 108/96 - Istruzioni Banca d Italia per la rilevazione dei tassi effettivi globali medi File

Dettagli

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 IL PROGRAMMA 2016 MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 Il diritto penale dell impresa nell evoluzione legislativa e giurisprudenziale: le norme e

Dettagli

QUESTIONARIO ANTIRICICLAGGIO

QUESTIONARIO ANTIRICICLAGGIO BANCA IFIGEST S.p.A. - Società capogruppo Gruppo Bancario Ifigest Società iscritta all albo delle Banche al n. 5485 - CAB 02800 ABI 03185 SWIFT IFIGIT 31 Sede: 50125 FIRENZE - Piazza Santa Maria Soprarno,

Dettagli

pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 CAPITOLO PRIMO L ELEMENTO OGGETTIVO

pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 CAPITOLO PRIMO L ELEMENTO OGGETTIVO pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 TESTI LEGISLATIVI... 9 BIBLIOGRAFIA... 13 AVVERTENZA... 19 CASISTICA... 21 CAPITOLO PRIMO L ELEMENTO OGGETTIVO 1. Gli artifici e raggiri... 23 1.1. In

Dettagli

L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA

L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA Pubblicità L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA PIANO ATTESTATO DI RISANAMENTO Il piano attestato di risanamento può essere pubblicato nel r.i. su richiesta del debitore. CONCORDATO PREVENTIVO

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA I L Q U A D R O N O R M AT I V O I R E AT I D E L C O D I C E P E N A L E : P E

Dettagli

Scheda introduttiva alle PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

Scheda introduttiva alle PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO ODCEC Torino Scheda introduttiva alle PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO 1 PREMESSA Quanto segue rappresenta una prima analisi della normativa. Tale analisi è stata necessariamente

Dettagli

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III LIBRO SECONDO Dei delitti in particolare TITOLO III Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III Della tutela arbitraria delle private ragioni Articolo 392 Esercizio arbitrario delle proprie

Dettagli

Parte I Il delitto di rapina

Parte I Il delitto di rapina INDICE SOMMARIO Capitolo I Premessa... pag. 1 1.1. Elementi comuni alle fattispecie in esame...» 2 1.2. Nozione di patrimonio...» 4 1.3. Altruità della cosa e del danno...» 7 1.4. Profitto e danno...»

Dettagli

ASPETTI DELL ECONOMIA MAFIOSA. Reggio Calabria, 2 aprile 2013

ASPETTI DELL ECONOMIA MAFIOSA. Reggio Calabria, 2 aprile 2013 ASPETTI DELL ECONOMIA MAFIOSA Reggio Calabria, 2 aprile 2013 DOVE OPERANO LE MAFIE IN ITALIA L INDICE DI PRESENZA MAFIOSA Per conoscere come le organizzazioni mafiose si distribuiscono sul territorio italiano

Dettagli

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S 35131 PADOVA - Piazzale Stazione n. 6 - tel. 049.8759866-049.654879 - fax 049.8753348 C.F./P.IVA 04351050283 avvocati@studiolegaletosello.it

Dettagli

Studi professionali: gli adempimenti antiriciclaggio I profili di incompatibilità nella professione. 26 novembre 2015. Antiriciclaggio.

Studi professionali: gli adempimenti antiriciclaggio I profili di incompatibilità nella professione. 26 novembre 2015. Antiriciclaggio. Casi e quesiti 1 Caso 1 La normativa antiriciclaggio è volta a prevenire e contrastare l utilizzo del sistema finanziario, di alcuni settori dell economia e dei professionisti a scopo di riciclaggio e

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE N 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.; n 122/13 R.G.Sent. (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE N 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.; n 122/13 R.G.Sent. (rito ordinario) PROCEDIMENTO PENALE N 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.; n 122/13 R.G.Sent. (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento penale: Numeri di registro: n. 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.;

Dettagli

Le monete virtuali. fonte: www.coinmarketcup.com

Le monete virtuali. fonte: www.coinmarketcup.com Torino, 20 novembre 2015 Ten.Col.t. ST Ivan Bixio Le monete virtuali La valuta virtuale è un tipo di moneta digitale - non regolamentata emessa e controllata dai suoi sviluppatori ed utilizzata ed accettata

Dettagli

La legge antiriciclaggio e lo scudo fiscale

La legge antiriciclaggio e lo scudo fiscale S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La legge antiriciclaggio e lo scudo fiscale Inquadramento generale sui reati presupposto I reati per i quali è esclusa la punibilità I reati per i quali non è esclusa la

Dettagli

Sommario. I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9

Sommario. I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9 I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9 1. Le norme antiriciclaggio previste dal decreto legislativo n. 231 del 21 novembre 2007: applicabilità al nuovo reato di autoriciclaggio pag.

Dettagli

IL PROGRAMMA ITALIANO PER LA VOLUNTARY DISCLOSURE SUI PATRIMONI ESTERI: ASPETTI PENALI IL REATO DI AUTO-RICICLAGGIO

IL PROGRAMMA ITALIANO PER LA VOLUNTARY DISCLOSURE SUI PATRIMONI ESTERI: ASPETTI PENALI IL REATO DI AUTO-RICICLAGGIO IL PROGRAMMA ITALIANO PER LA VOLUNTARY DISCLOSURE SUI PATRIMONI ESTERI: ASPETTI PENALI IL REATO DI AUTO-RICICLAGGIO AVV. FABIO CAGNOLA VOLUNTARY DISCLOSURE E AUTO-RICICLAGGIO a) Voluntary disclosure per

Dettagli

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 Studio Porcaro Commercialisti Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa dipendente da reato delle persone giuridiche Studio Porcaro Commercialisti

Dettagli

Allegato B MODULO DA COMPILARSI A CURA DELLE SOCIETA CHE FACCIANO RICHIESTA DI INCLUSIONE NELL ALBO FORNITORI CONEROBUS

Allegato B MODULO DA COMPILARSI A CURA DELLE SOCIETA CHE FACCIANO RICHIESTA DI INCLUSIONE NELL ALBO FORNITORI CONEROBUS Allegato B MODULO DA COMPILARSI A CURA DELLE SOCIETA CHE FACCIANO RICHIESTA DI INCLUSIONE NELL ALBO FORNITORI CONEROBUS Spett.le Conerobus S.p.a. Via Bocconi, 35 60125 Ancona Oggetto: Domanda di iscrizione

Dettagli

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO Relatore Magg. GdF dott. Armando Tadini - Ufficiale Addetto Centro Operativo DIA Milano - SANZIONI amministrative penali CAPO II DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231

Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231 Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231 Avv. Gian Piero Chieppa Foro di Torino Dott.ssa Lucia Starola Dottore Commercialista in Torino FATTI di riciclaggio e responsabilità

Dettagli

MODULO A COMUNICAZIONI E DICHIARAZIONI DEL LEGALE RAPPRESENTANTE CHE SOTTOSCRIVE L'OFFERTA (DA PRESENTARE NELLA BUSTA A ). Il sottoscritto...

MODULO A COMUNICAZIONI E DICHIARAZIONI DEL LEGALE RAPPRESENTANTE CHE SOTTOSCRIVE L'OFFERTA (DA PRESENTARE NELLA BUSTA A ). Il sottoscritto... MODULO A COMUNICAZIONI E DICHIARAZIONI DEL LEGALE RAPPRESENTANTE CHE SOTTOSCRIVE L'OFFERTA (DA PRESENTARE NELLA BUSTA A ). Il sottoscritto... in qualità di LEGALE RAPPRESENTANTE dell'impresa... Codice

Dettagli

La revisione degli aspetti penali ai sensi dell articolo 8 Legge delega 23/2014

La revisione degli aspetti penali ai sensi dell articolo 8 Legge delega 23/2014 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La riforma delle sanzioni tributarie La revisione degli aspetti penali ai sensi dell articolo 8 Legge delega 23/2014 di Sanvito Corrado Milano, Corso Europa,

Dettagli

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela SOMMARIO Ipotesi di attacco informatico La procedibilità su querela o d ufficio La querela: contenuto e modalità di presentazione Cosa è la denuncia Brevi cenni sull esposto Le ipotesi di attacco informatico

Dettagli

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9 Modifiche apportate al DL 28 giugno 1990,n.167 (Rilevazione a fini fiscali di taluni trasferimenti da e per l'estero di denaro, titoli e valori) dalla Legge 6 agosto 2013, n.97, Art.9 (Legge europea 2013).

Dettagli

ALCUNE TIPOLOGIE DI CRIMINI DEI COLLETTI BIANCHI

ALCUNE TIPOLOGIE DI CRIMINI DEI COLLETTI BIANCHI ALCUNE TIPOLOGIE DI CRIMINI DEI COLLETTI BIANCHI REATI TRIBUTARI SICUREZZA SUL LAVORO REATI SOCIETARI CRIMINI DEI COLLETTI BIANCHI REATI AMBIENTALI REATI FALLIMENTARI MARKET ABUSE RILEVANZA PENALE DELL

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014

COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014 COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014 GUARDIA DI FINANZA: TUTELA DEI MERCATI FINANZIARI, CONTRASTO AL RICICLAGGIO, AGGRESSIONE AI PATRIMONI DELLA CRIMINALITA ORGANIZZATA, LOTTA AL CONTRABBANDO ED AL

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib. (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE n. 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib. (rito ordinario) Napoli, Chiaia, 2001-05 PROCEDIMENTO PENALE n. 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib. (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento. - Numeri di registro: 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib.

Dettagli

Di seguito si segnalano le disposizioni di maggiore interesse.

Di seguito si segnalano le disposizioni di maggiore interesse. Borgo S. Spirito, 78 00193 Roma Tel. 0668.000.1 Fax. 0668.134.236 SERVIZIO LEGISLATIVO E LEGALE Circ. n. 40/2011 Roma, 5 ottobre 2011 Prot. n. 4295 Oggetto: D.lgs. 6 settembre 2011, n. 159 recante: Codice

Dettagli

Federazione Autonoma Bancari Italiani

Federazione Autonoma Bancari Italiani Federazione Autonoma Bancari Italiani Sindacato Autonomo Bancari di Mantova e provincia Via Imre Nagy 58 - Loc. Borgochiesanuova - 46100 Mantova Telefono 0376-366221 - 324660-365274 Fax 0376-365287 Operatori

Dettagli

RISULTATI È possibile individuare diversi motivi per cui il crimine organizzato investe nei mercati

RISULTATI È possibile individuare diversi motivi per cui il crimine organizzato investe nei mercati CAPITOLO 3 - SINTESI OBIETTIVO Questo Capitolo individua nella letteratura scientifica le motivazioni che portano le organizzazioni criminali ad inserirsi nell economia legale e i fattori che sono emersi

Dettagli

Normativa Antiriciclaggio - D.Lgs. n. 231/2007 (e successive modificazioni). Obblighi di adeguata verifica della clientela.

Normativa Antiriciclaggio - D.Lgs. n. 231/2007 (e successive modificazioni). Obblighi di adeguata verifica della clientela. Gentile Cliente, Normativa Antiriciclaggio - D.Lgs. n. 231/2007 (e successive modificazioni). Obblighi di adeguata verifica della clientela. al fine del corretto assolvimento degli obblighi antiriciclaggio

Dettagli

L evasione fiscale in Italia

L evasione fiscale in Italia L evasione fiscale in Italia Aggiornamento: febbraio 2016 1 Programma dell incontro Il sistema fiscale in Italia Il fenomeno dell evasione fiscale Gli effetti dell evasione nella società Come l contrasta

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Sommario 1.Le fattispecie dei Reati Presupposto (Art. 24 bis del D. Lgs. 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole generali...

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012

L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012 L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012 1. IL NUOVO SISTEMA DELL INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA 1.1. La riforma dell intermediazione del credito 1 GLOSSARIO 6 APPROFONDIMENTI 9 NORMATIVA 10 1.1. LA RIFORMA

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI

ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI (parte seconda) 1 MISURE ULTERIORI: LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE FORMAZIONE 2 Il divieto (art. 49, co. 1, d.lgs. 231/2007) È vietato il

Dettagli

- PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI

- PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI - PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI B.1. I reati di cui all art. 24 bis del D. Lgs. n. 231/2001 La legge 18 marzo 2008, n. 48, recante Ratifica ed esecuzione della Convenzione

Dettagli

Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746

Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746 Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 1. Con decreto del 27 novembre 2008 il G.i.p. del Tribunale di Roma disponeva il sequestro preventivo delle somme giacenti

Dettagli

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo per il Coordinamento delle Iniziative Antiracket e Antiusura Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo

Dettagli

Il/la sottoscritto/a... Nato/a il... a... Prov... Codice fiscale

Il/la sottoscritto/a... Nato/a il... a... Prov... Codice fiscale Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà sui requisiti di onorabilità articolo 6 del regolamento (CE) 1071/2009, art. 6 co. 2 DD n. 291/11 Alla PROVINCIA DI TRIESTE AREA AMBIENTE

Dettagli

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38)

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38) FAQ sul MOG 1. Che cos è il D. Lgs. 231/2001? Il D. Lgs. 231/2001 entrato in vigore il 4 luglio 2001, individua le disposizioni normative concernenti la disciplina della responsabilità amministrativa delle

Dettagli

Parte Speciale E : I reati di abuso di mercato. Codice documento: MOG 231 - PSE

Parte Speciale E : I reati di abuso di mercato. Codice documento: MOG 231 - PSE Parte Speciale E : I reati di abuso di mercato Codice documento: MOG 231 - PSE COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE E COMMENTO DATA 0 EMISSIONE 22/02/2012 1 REVISIONE 03/12/2013 2 3 4 5 Tutti i

Dettagli

uadro Quadro Antiriciclaggio Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Quadro Antiriciclaggio Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Quadro Antiriciclaggio Perché scegliere Quadro Gestione Antiriciclaggio? Quadro Antiriciclaggio aiuta a comprendere tutta la normativa e guida nella organizzazione

Dettagli

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, nella seduta del 1 marzo 2012,

Dettagli