Fig Struttura elementare del motore in corrente continua

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fig. 4.1 - Struttura elementare del motore in corrente continua"

Transcript

1 4 MACCHINA IN CORRENTE CONTINUA 4.1 Suu schm lmn P compn l pncpo funzonmno ll mcchn n con connu (m.c.c.) fccmo fmno ll suu lmn nc n Fg A φ 2 B Fg Suu lmn l moo n con connu Fg Pcoso l flusso cczon o so è l po pol sln. Su pol sono ol l bobn ch compongono l olgmno cmpo o cczon. Tl olgmno è pcoso con connu gn l flusso cczon (o cmpo) l moo, nco con φ. Quso flusso è po szono, coè l su confguzon spzl (mpp) s fss nl mpo. Inchmo con l ss mgnco (fsso) l flusso cczon. Sul oo, clnco, mmgnmo spos un sol sp (olgmno lmn) l cu smà 1 2 fnno cpo u lmll, loo sol soll l oo (coè uono ssm ll sp). lmll sono n cono lco con u spzzol (nc con A B), ch sono nc soll con lo so nu n psson sull lmll mn moll. spzzol pmono cc lcmn, l fmno fsso so, ll olgmno sposo sul oo (qu compos ll unc sp) o olgmno mu. Inchmo con l ss mgnco ll olgmno mu, concn con l ss ll sp 1-2 fssmo msu l ngolo ozon l ss l zon ng ll ss. o schm ll mcchn n con connu è nco nll sgun Fg Vso n mn ssm conson lomccnco l mcchn n con connu poss u po lch (gl olgmn cczon mu) so l qul ns ponz lc (n mn pooo nson con mos) un po Cp.4 MCC suu (2001) 31/03/

2 50 Cp. 4 Mcchn n con connu mccnc (l ss ozon) so l qul ns ponz mccnc n mn pooo locà ozon copp. In bs s l fluss ponz s può l funzonmno gno oppu moo com lluso nl sguo. Concomn ll connzon ulzz nll scu ll quzon ll qulbo nmco nll fnzon l pno copp locà consmo pos l ponz nl funzonmno moo, coè ponz lc nn ponz mccnc uscn (copp locà conco). cczon mu ss ozon Fg Schm lmn ll mcchn n con connu 4.2 Pncpo funzonmno Funzonmno gno In quso po funzonmno n fon ponz lc (P) ll olgmno cczon ponz mccnc (Pm) ll ss ozon, s ccogl ponz lc (P) sull olgmno mu. mcchn n con connu s compo gno (o nmo) può ss ulzzo p lmn un cco (nco n fgu ll ssnz Rc). P fss l, consmo l suu lmn l m.c.c. nll qul un moo pmo m (ll sno) n ozon l oo ( s. nl so cscn ϑ) mn s lmn l cczon con un gno n connu Funzonmno gno uoo Anlzzmo ppm l cso n cu l olgmno mu s po ( 0) coè l funzonmno gno uoo 1, Fg sp oo concn un p l flusso gno ll cczon. A sguo ll ozon l flusso concno con l sp s gn un nson no ch n bs ll gg Fy sc con l connzon ll ulzzo (C..U) fonsc: 1 Rspo l fgu, s s scuno l p p o nlzon, nl funzonmno gno uoo s à, gm, C Pm 0.

3 Pncpo funzonmno 51 0 P P 0 Rc Pm C, Fg Funzonmno gno uoo AB E φˆ π 2π φ 12 Fg Tnson no nll sp lmn φ 12 (4.1) Il flusso concno sà mssmo ngo p 0, nullo p π/2. Ipozzno un nmno snusol s può sc: cu: φ φˆ cos (4.2) 12 ( ) φˆ sn φˆ sn (4.3) P P Rc Pm C,

4 52 Cp. 4 Mcchn n con connu Fg Funzonmno gno cco S chmmo AB l nson ccol sull spzzol, n bs ll ozon l oo s hnno l sgun suzon cono 2 : - n (0,π) s hnno con: A 1, B 2, cu: AB 12 - n (π,2π) con s nono: A 2, B 1, cu: AB nson ccol l spzzol ppsn l nson no nll olgmno mu ( AB), l cu nmno, poo nll fgu pcn, è qun po connuo, nl snso unpol lo mo (E) non nullo, Fg S oss pno com, con l ssm collo lmll spzzol s lzz un commuo n go sfom un ln n un connu. Inumn, snno l numo sp è possbl on nson pù connu, pcmn cosn, com cc n moo l Funzonmno gno cco Vmo o cos succ nl funzonmno cco (Fg. 4.6), quno coè n chuso l nuo qun flusc un con nll olgmno mu. (0,π) C C 1() φ φ A 2() φ φ A 2(-) B R c 1(-) B R c ( π,2π) Fg Gnzon l flusso mu nl funzonmno gno Con fmno ll Fg. 4.7, n bs l sgno ll nson no s h ch p (0,π) l smo 1 h ponzl mggo ll smo 2, pno nl ccuo sno cco l con flusc 1 (pun ll fcc) so 2 (co ll fcc) 3. P ffo qus con s gn un flusso mu o n so opposo ll ss mgnzzzon (). P (π,2π) l suzon s n, coè 2 h ponzl mggo 1, m l so ll con è lo ssso qun nch l zon l flusso mu. 2 S scuno l poszon lm 0,π 2π. 3 Concomn ll connzon l gno (C..G.) nll olgmno mu l con flusc l moso ponzl mno so qullo ponzl mggo.

5 Pncpo funzonmno 53 φ φ Fg Fluss cczon mu con un sol sp mu In sosnz, l flusso mu è o smp nl smpno s ll fgu, è llno conco con l flusso cczon p 0 2π, llno sco p π non llno nll mnn poszon. succss Fg. 4.8 llus quso spo, mno n luc com, l uo ll sp, l so ll con s smp uscn p l conuo suo nl smpno supo, nn p l conuo suo nl smpno nfo. Il sulo è un copp lomgnc (C) ch n f uo l sp n moo lln (nl so conco) l flusso mu con l flusso cczon. Tl copp sà n moo oppos l moo l oo 4, à l nmno qulo nco n Fg. 4.9 nlogo ll nson no (lo mssmo quno u fluss sono ppncol loo). Pno, p ffo l commuo spzzol lmll, è possbl slupp un copp connu, nl snso l lo mo (Cm) non nullo. Esnno l numo sp s on un copp smp pù cosn. A smpo, nll Fg. 4.10, Fg Fg è lluso l cso (smp lmn) un mcchn con u sp 5. C C m 0 π 2π Fg Copp poo con un sol sp mu 4 Concomn ll conzon o copp locà sono sco nl funzonmno gno. 5 Quso cso può ss compso ossno ch l scon sp è sfs π/2 spo l pm, l lmll s snono nch p π/2.

6 54 Cp. 4 Mcchn n con connu π/ Fg Suu lmn con u sp mu 3-4 π/ E 0 π/4 π/2 π 3π/2 2π Fg Tnson no nl m.c.c con u sp mu C Cm 0 π/2 π 3π/2 2π Fg Copp poo nl m.c.c con u sp mu φ φ π/2 Fg Fluss cczon mu con u sp mu (gno)

7 Pncpo funzonmno Funzonmno moo P P Pm C, Fg Funzonmno moo Nl funzonmno moo (Fg. 4.14) s lmnno gl olgmn cczon mu (ngss) s c n usc ponz mccnc ll ss l moo soo fom copp locà ozon. In pcol, spo l cso l funzonmno gno, l so ll con mu () è opposo 6. Cò uol ch l flusso mu è o nch sso n moo opposo, spo l cso l funzonmno gno 7. φ φ Fg Fluss cczon mu con u sp mu (moo) D consgunz, nch l copp lomgnc ch n f uo l sp oo p lln fluss mu cczon h so opposo spo l cso l funzonmno nmo, cus un momno ozon nll su sss zon (l nmno n funzon ll ngolo è lo ssso l cso funzonmno nmo). 6 Concomn ll connzon ll ulzzo (C..U.) nll olgmno mu l con flusc l moso ponzl mggo so qullo ponzl mno 7 In pcol l flusso mu è o smp nl smpno sns ll fgu.

8 56 Cp. 4 Mcchn n con connu (0,π) C C φ φ 1() φ A 2(-) B 2() φ A 1(-) B (π,2π) Fg Gnzon l flusso mu nl funzonmno moo Espolno gfcmn un mcchn con un numo lo sp, l flusso mu sà fsso π/2 g spo l flusso cczon, l con n conuo oo nno so conco con l flusso (consno l funzonmno moo o nmo) l spzzol snno spos n quu (zon q chm ss nuo) spo l flusso cczon, sgnfc l collgmno conuo ch nsno n qus poszon 8. ppsnzon schmc ll mcchn n con connu nl funzonmno moo è llus n Fg π/2 q Fg Rppsnzon un m.c.c. funzonn moo 8 Con l sposzon, nll mcchn l l spzzol ccolgono l mssm nson no nll olgmno mu. Inol, un l commuzon u lmll succss, l spzzol ngono coo-ccu conuo n qul l nson no l flusso cczon è cc null, lmno l con coo.

9 Dmnzon l mollo l puno s ccu ccopp Dmnzon l mollo l puno s ccu ccopp Abbmo so ch l funzonmno l collo spzzol lmll f sì ch l olgmno mu, bnché composo conuo on qun sogg nson no l flusso cczon, gn su ol un flusso mu cosnmn o scono l ss q. Quso funzonmno ss nuo n b conszon quno s ogl mn l mollo nlco ll mcchn n con connu p l moo gnl ccu mgncmn ccopp. A l scopo, con fmno ll ppsnzon n Fg. 4.17, mmgnmo ch conmn quno cc nll mcchn l l spzzol uono sollmn l oo. D consgunz, l ss mgnco q ll olgmno mu uoà con l ngolo. Scmo qun l quzon p gl olgmn cczon mu succssmn mo cono l fo ch, nll mcchn l, l poszon ll ss q è fss n π/ Equzon lch quzon lch gl olgmn sono: ψ R ψ M olgmno mu ψ R ψ M olgmno cczon In ss, coffcn uo muu nuzon psn nll spsson fluss nno sgun nmn qul n funzon 10 : Inunz pop ll olgmno cczon: ( ) cosn Inunz pop ll olgmno mu: () q 0 π/2 π 3π/2 2π Fg Anmno qulo ll nunz pop ll olgmno mu 9 Con quso pocmno è possbl ulzz l moo gnl p l scu ll quzon n un suu lomgnc n ccu sul oo sullo so, nno cono po qulmn l funzonmno l collo. 10 Suppomo p smplcà po snusol gl nmn poc ll nunz.

10 58 Cp. 4 Mcchn n con connu Inunz muu gl olgmn mu cczon: M() M ( ) G sn G 0 π/2 π 3π/2 2π -G Fg Anmno qulo ll nunz muu mu cczon D l nmno s uc quno sgu: - l ll nunz pop ll olgmno cczon spo l poszon è smp ncmn null; - l ll nunz pop ll olgmno mu spo l poszon è null n cosponnz π/2 o l nunz h un mnmo; - l ll nunz muu spo l poszon è l po (Fg. 4.20): M G cos M G 0 π/2 π 3π/2 2π -G Fg Anmno qulo ll ll nunz muu mu cczon l suo lo clcolo n π/2 l: M G Sosuno l spsson fluss concn nll quzon ll nson gl olgmn s on: π 2

11 Dmnzon l mollo l puno s ccu ccopp 59 2 π M M M R ) ( 2 π M M M R ) ( sosuno l spsson coffcn nu ll loo clcol n π/2 s h: G R q G R I mn l po zon ll poszon nl mpo sono s sn nll quzon mu cczon n quno: - nll quzon mu, ppsn l locà l l flusso cczon l bobn mu; ffmn, ss conc con l locà ozon l oo ; - nll quzon cczon, ppsn l locà l l flusso mu l bobn cmpo; l locà è null, n quno l bobn cmpo sono fm spo l flusso mu. Pno, ll pcn conszon, ponno p comoà q, s ongono l sgun quzon lch ll mcchn n con connu: G R nson mu (4.4) R nson cczon (4.5) Consno nch l quzon fluss, s è sol fn: φ flusso mu 11 (4.6) φ flusso cczon (4.7) cu s o nch: G R φ nson mu (4.8) 11 Tl flusso conc con l flusso popo mu.

12 60 Cp. 4 Mcchn n con connu φ R nson cczon (4.9) Nll quzon ll nson mu, l mn popozonl ll locà ozon ppsn l nson no, ch consno l lgm (4.7) flusso con cczon s può sc: G k φ nson no (4.10) no fno l coffcn 12 : ( ) G k G φ (4.11) Espsson ll copp P quno gu l copp lomgnc, nl cso un suu lomgnc con un olgmno sullo so (1) uno sul oo (2) s l spsson gnl: C ( ) M( ) ( ) Pocno com l pgfo pcn, s può spclzz l spsson p l mcchn n con connu consno l lo ll coffcn nu n π/2. Sosuno 1 2 s h: 1 C 2 ll qul s c mmmn: 2 ( ) M ( ) 1 2 ( ) 2 π 2 C G (4.12) In bs ll (4.7) (4.11), l copp lomgnc s può nch sc n funzon l flusso cczon ll con mu: C k φ (4.13) Rppsnzon ccul quzon lch l spsson ll copp, nsm ll quzon qulbo mccnco, fnscono l mollo lomgnco ll mcchn n con connu. ppsnzon ccul ssoc è llus n Fg Il coffcn k sul cosn n pos lnà l ccuo mgnco.

13 Ts ppnmno 61 R () _ c() () () _ () c() R () () _ Fg Rppsnzon ccul ll mcchn n con connu Ts ppnmno 1) Dsc l suu bs un mcchn n con connu. 2) Dsc l collo lmll spzzol. 3) Dsgn lo schm lmn un mcchn n c.c. nuno l po ponz lc mccnc. 4) Dsc l funzonmno ll mcchn n c.c. nmo moo. Dsgn fluss ponz ngl olgmn cczon mu p u p funzonmno. 5) Cos s nn p nson nll olgmno mu? Rcn l nmno nl funzonmno nmo uoo p l mcchn con un sol sp mu. 6) Dsc l gnzon l flusso mu nl funzonmno moo ll mcchn con un sol sp mu. 7) Dsc l pncpo gnzon ll copp nl funzonmno moo. Rcn l nmno qulo p l mcchn con un sol sp mu. 8) Dsgn l suu un mcchn con pù sp mu nl funzonmno moo gno, pcsno l so ll con n conuo. 9) Rc l mollo lco l moo n c.c. p ll nls ccu mgncmn ccopp. 10) Rc l spsson ll copp lomgnc p ll spsson gnl p ccu mgncmn ccopp. 11) Espm l mollo lco l copp n mn flusso oppu con cczon. 12) Espm l nson no n mn flusso oppu con cczon. 13) Dsgn lo schm ccul un mcchn n con connu.

14 62 Cp. 4 Mcchn n con connu Inc ll fgu Fg Suu lmn l moo n con connu Fg Pcoso l flusso cczon Fg Schm lmn ll mcchn n con connu Fg Funzonmno gno uoo Fg Tnson no nll sp lmn Fg Funzonmno gno cco Fg Gnzon l flusso mu nl funzonmno gno Fg Fluss cczon mu con un sol sp mu Fg Copp poo con un sol sp mu Fg Suu lmn con u sp mu Fg Tnson no nl m.c.c con u sp mu Fg Copp poo nl m.c.c con u sp mu Fg Fluss cczon mu con u sp mu (gno) Fg Funzonmno moo Fg Fluss cczon mu con u sp mu (moo) Fg Gnzon l flusso mu nl funzonmno moo Fg Rppsnzon un m.c.c. funzonn moo Fg Anmno qulo ll nunz pop ll olgmno mu Fg Anmno qulo ll nunz muu mu cczon Fg Anmno qulo ll ll nunz muu mu cczon Fg Rppsnzon ccul ll mcchn n con connu INDICE 4 Mcchn n con connu Suu schm lmn Pncpo funzonmno Funzonmno gno Funzonmno gno uoo Funzonmno gno cco Funzonmno moo Dmnzon l mollo l puno s ccu ccopp Equzon lch Espsson ll copp Rppsnzon ccul...60 Ts ppnmno...61 Inc ll fgu...62 INDICE...62

c r e a t i v i t à O G G I

c r e a t i v i t à O G G I 9 c mp us l pnso co p l succsso dll pop znd o dll pop ognzzzon To d Cy Tody d. Byb R. Vullngs UNA MENTE CREATVA ESERCTATE LE VSTRE ABLTA CREATVE! Esmn com un l, l pnso co d f sczo p mnn l popo cllo n fom.

Dettagli

MACCHINE ROTANTI A CORRENTE ALTERNATA:

MACCHINE ROTANTI A CORRENTE ALTERNATA: ACCHIE OTATI A COETE ATEATA: GEEAITA Inouzon l pn polo ngono noo l nozon h onnono l'nl l funzonno ll hn on on ln. T l pozon pol è l l o fol o ol o nno lun n phé onn un on unf l funzonno n g zono no. T

Dettagli

Aletti Borsa Protetta Certificate. Sentirsi al sicuro.

Aletti Borsa Protetta Certificate. Sentirsi al sicuro. Al Bos Po Cfc Sns l scuo Al Cfc T pomo dov d solo non uscs d v Lo sumno fnnzo ch consn d lzz un sg d nvsmno ch pnsv nccssbl Quso è Al Cfc Bnc Al, vo p dzon soddsf nch l sgnz pù sofsc dgl nvso, m dsposzon

Dettagli

Aletti Bonus Certificate. Ti premia anche quando non te lo aspetti.

Aletti Bonus Certificate. Ti premia anche quando non te lo aspetti. Al Bonus Cfc T pm nch qundo non lo sp Al Cfc T pomo dov d solo non uscs d v Lo sumno fnnzo ch consn d lzz un sg d nvsmno ch pnsv nccssbl Quso è Al Cfc Bnc Al, vo p dzon soddsf nch l sgnz pù sofsc dgl nvso,

Dettagli

ALLEGATO 4 al Disciplinare di gara DICHIARAZIONE DI OFFERTA ECONOMICA. Procedura per l affidamento della gestione del

ALLEGATO 4 al Disciplinare di gara DICHIARAZIONE DI OFFERTA ECONOMICA. Procedura per l affidamento della gestione del Allgo 4 ALLEGAT 4 l Disciplin di g DICHIARAZINE DI FFERTA ECNMICA Pocdu p l idmno dll gsion dl «Svizio di css vo dll Isiuo Compnsivo PISSASC I» p il innio 01/01/2014 31/12/2016 (Schm di o: compil su c

Dettagli

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati L FIME a.a. 8-9 9 oa ll ozon Poo suua Gogo Consgl gogo.onsgl@unbg. Uff 58 vmno m:.-3. Pogamma. Mao ll ozon ona va. oa ll ozon 3. nh valuazon 4. Hgng 5. Inggna fnanzaa 6. Pou numh 7. Dvavs sass Ozon Pou

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE TRIENNIO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE TRIENNIO CERTIFICAZIONE QUALITÀ SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE TRIENNIO.. 2014-2015 INDIRIZZO ECONOMICO E TURISTICO DISCIPLINA RELIGIONE Lo n l n l coo à o go l gn copnz pcfch: vlpp n o no cco n ponl pogo

Dettagli

MACCHINA SINCRONA MODELLO NELLE VARIABILI DI FASE

MACCHINA SINCRONA MODELLO NELLE VARIABILI DI FASE G. SUPE UG OES E SSE EEOE l H SO g. 7 H SO OEO EE SE o o ll cch co è clco. Sullo o oo olg cou ugul o c lugo l o oo ch gl gc, b,c oo o lc loo. u coucoo gl olg cl, collg llo. l oo l o cch co. l ollo clco

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE.. 2014-2015 DISCIPLINA : STORIA BIENNIO COORDINATRICE: Pof. Glon Cnp PROFILO IN USCITA A CONCLUSIONE DEL PERCORSO BIENNALE, IN TERMINI DI ABILITA E COMPETENZE Al n

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE.. 2015/2016 DISCIPLINA MATEMATICA APPLICATA INDIRIZZO TURISMO FINALITÀ DELLA DISCIPLINA L c è n lo no nzl p n copnon nv ll là ll'lo, n p logcn con co, czzo n fo nà

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE TRIENNIO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE TRIENNIO Sch Pogzon Tnno SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE TRIENNIO.. 2014-2015 INDIRIZZO: Anzon, Fnnz Mkng ARTICOLAZIONE: S nfov znl DISCIPLINA: Infoc PROFILO IN USCITA A CONCLUSIONE DEL PERCORSO QUINQUENNALE

Dettagli

LA DOMANDA DI TRASPORTO CARATTERIZZAZIONE E MODELLI (Capitolo 2)

LA DOMANDA DI TRASPORTO CARATTERIZZAZIONE E MODELLI (Capitolo 2) Fcolà d Inggnr - Unvrsà d Bologn nno ccdmco: 00/ TECNIC ED ECONOMI DEI TSPOTI Docn: Mrno Lup L DOMND DI TSPOTO CTTEIZZZIONE E MODELLI (Cpolo Modll d domnd - Modllo d domnd dscrvo (o non compormnl: non

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE.. 2013/2014 DISCIPLINA MATEMATICA APPLICATA INDIRIZZO ITER FINALITÀ DELLA DISCIPLINA L c è n lo no nzl p n copnon nv ll là ll'lo, n p logcn con co, czzo n fo nà cll.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE.. 2014/2015 DISCIPLINA MATEMATICA APPLICATA INDIRIZZO ITER FINALITÀ DELLA DISCIPLINA L c è n lo no nzl p n copnon nv ll là ll'lo, n p logcn con co, czzo n fo nà cll.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE TRIENNIO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE TRIENNIO SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE TRIENNIO INDIRIZZO TURISMO.. 2014-15 DISCIPLINA Dcpln ch znl PROFILO IN USCITA A CONCLUSIONE DEL PERCORSO QUINQUENNALE, IN TER- MINI DI ABILITA E COMPETENZE (n b ll

Dettagli

Legge regionale 2 agosto 2013, n. 45

Legge regionale 2 agosto 2013, n. 45 Dzn n D Cnnz Cn c Lgg gn g 013 n. 45 Invn gn fnnz n fv fmg v n ffcà cn cn g c. bn Uffc n. 39 m 07.0.013 gg 45 v CONRIBUI gn fmg n c c cnbu fv fg nuv n cc n ff v 70000 g un num; c 3 cnbu fv fmg num (mn

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Pno Lvoo Docn SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE.. 2014/15 DISCIPLINA INFORMATICA PROFILO IN USCITA A CONCLUSIONE DEL PERCORSO QUINQUENNALE, IN TERMINI DI ABILITA E COMPETENZE Ulzz gl n l nfoch nll

Dettagli

3) DIFFUSIONE DELLA LUCE E SPETTROSCOPIA RAMAN

3) DIFFUSIONE DELLA LUCE E SPETTROSCOPIA RAMAN DIFFUSION DLLA LU STTROSOIA RAAN La uso lla lu a pa u aomo quval al sgu posso (l aomo è l lvllo : (A Assobmo u oo quza vo oa k passaggo allo sao ao aua (sao al o msso u oo quza vo oa k. Oppu: (B msso u

Dettagli

TRATTATO CHE ISTITUISCE LA C.E. Allegato 1)

TRATTATO CHE ISTITUISCE LA C.E. Allegato 1) TRATTATO CHE ISTITUISCE LA C.E. Ago 1) Ago 2) GIURISPRUDENZA COMUNITARIA Ago 3) BIBLIOGRAFIA Gmbno G * Cobn G. L nomv u ng mpn : 3 o 1) Obbgo d u u voo I G o n d I ng. 2 / 1 / 19 79p. 7 2

Dettagli

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE Rpg vutzn p Cs Lu Ann ccmc 010/011 S Bsc Fctà FACOLTA' DI SCIENZE ATEATICHE,FISICHE E NATURALI Cs Lu ATEATICA (L) Dt stzn t 10/0/011 UNIERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE utzn ssfzn g stunt (Lgg 0/1) Rpg

Dettagli

Note sull elettrostatica

Note sull elettrostatica . Mffucc: Not su ttosttc. 1. 11/1 Unstà g tu Cssno Not su ttosttc pof. ntono Mffucc www.ocnt.uncs.t/ntono_mffucc V.1. - nomb 1 1 . Mffucc: Not su ttosttc. 1. 11/1. Mffucc: Not su ttosttc. 1. 11/1 1. Conctt

Dettagli

Sistemi trifase. Parte 2. www.die.ing.unibo.it/pers/mastri/didattica.htm (versione del 16-12-2013) Potenza assorbita da un carico trifase (1)

Sistemi trifase. Parte 2. www.die.ing.unibo.it/pers/mastri/didattica.htm (versione del 16-12-2013) Potenza assorbita da un carico trifase (1) Ssm rfas ar www.d.ng.unbo./prs/masr/ddaca.hm rson dl 6--0 onza assorba da un carco rfas Un gnrco carco rfas può ssr consdrao un doppo bpolo du por Sclo un rmnal d rfrmno, s può sprmr la ponza sanana assorba

Dettagli

LE MATERICHE PRIMA SEZIONE (VERDE) - I QUADRATI - SEZIONE TURCHESE - GLI ORIZZONTALI - SEZIONE GIALLA - I VERTICALI - SEZIONE ROSSA

LE MATERICHE PRIMA SEZIONE (VERDE) - I QUADRATI - SEZIONE TURCHESE - GLI ORIZZONTALI - SEZIONE GIALLA - I VERTICALI - SEZIONE ROSSA L LOGO SUDDVSO N 4 GND SZON P FLN L ONSULZON P SZON (VD) L Sono opere uniche in quanto la riproduzione artistica su tela è arricchita dalla mano esperta di pittori, per restituire all opera riprodotta

Dettagli

ufficio show room scrittura ufficio elettronica hi-tech/accessori agende/calendari ombrelli borse

ufficio show room scrittura ufficio elettronica hi-tech/accessori agende/calendari ombrelli borse how room cur uffco lonc h-ch/cco gnd/clnd ombrll bor uffco 38 l quozon ono ogg obl gumn ggornmn d mco c/orzon gg bmbo mr ugn uo clln bbgmno r S4068 d r bloccho un connor n c con bloccho n cr nn f. m ul

Dettagli

Lezione 3. F. Previdi - Automatica - Lez. 3 1

Lezione 3. F. Previdi - Automatica - Lez. 3 1 Lzon 3. Movmno Equlbro F. Prv - Auomaca - Lz. 3 1 Schma lla lzon 1. Movmno ll usca un ssma LTI SISO. Movmno lbro movmno forzao 3. Equlbro un ssma LTI SISO 4. Guaagno saco un ssma LTI SISO F. Prv - Auomaca

Dettagli

1 - Nuovo servizio CZ POINT con biglietteria concerti, eventi sportivi, teatri etc.

1 - Nuovo servizio CZ POINT con biglietteria concerti, eventi sportivi, teatri etc. N. 0 - Mzo 2009 Pzz ll Pc, 3 58014 Mncno (GR) Tl. Fx 0564 628390 www.c.n -ml: nfo@c.n C INIZIATIVE 1 - Nuovo svzo CZ POINT con bgl conc, vn spov, c. 2 - Psnzon lb con uo ll nno. 3 - Pomozon su gocol Nl

Dettagli

2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione.

2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione. D.M. 21-5-2001 n. 308 Rgolamno concnn «Rqus mnm suual oganzzav p l'auozzazon all'sczo d svz dll suu a cclo sdnzal smsdnzal, a noma dll'acolo 11 dlla L. 8 novmb 2000, n. 328». Pubblcao nlla Gazz. Uff. 28

Dettagli

TRASFORMATE DI LAPLACE

TRASFORMATE DI LAPLACE TASOMATE D APACE rorm lc co rormr l quzo rzl quzo lgbrch mlco l l crcu mc lr. l moo ll rorm lc grlzz l moo or: zché clcolr l ro rm gr uol, co l rorm lc omo rcvr l ro coml u cl gr molo ù grl ch olr ll uo

Dettagli

Bando Trasferimenti da altra sede e passaggi di corso di studio - A.A. 2015-16

Bando Trasferimenti da altra sede e passaggi di corso di studio - A.A. 2015-16 C Cr Sr rrr su 1 B rsr lr s pssgg rs su -.. 2015-16 Sr S l u l prvu sru (r. 5 l B) r. 1 l B sbls h pss prpr l su b slusv: ) gl su prv lr s h h l srz u rs su ll sss lss qull u s sr, qul ur h, ll s u prvg,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE P.O.F. 2013-2014 SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE.. 2013/2014 DISCIPLINA MATEMATICA APPLICATA INDIRIZZI AFM colzon SIA RIM IGEA TRIENNIO FINALITÀ DELLA DISCIPLINA L c è n lo no nzl p n copnon nv ll

Dettagli

al sistema GHS fabbricanti e agli impo

al sistema GHS fabbricanti e agli impo hm d p h E m f n n md l ssm GHS nuv z l v n p Infmzn m m dsn h d p p l zzn d p. fbbn gl mp GHS l nuv ssm glblmn unfm d zn d pl GHS è l nm d Glblly Hmnzd Sysm f Cssfn nd Lbllng f Chmls, l nuv ssm d ssfzn

Dettagli

3. Componenti adinamici

3. Componenti adinamici 3. Comonen dnmc Ssem rsolene d un crcuo. elzone cosu d un comonene. Clssfczon: comonene lnere/non lnere, dnmco/dnmco, con memor/senz memor, emo nrne/emo rne, omogeneo/non omogeneo, mresso/non mresso, sso,

Dettagli

Localizzare gli oggetti

Localizzare gli oggetti NDC SUU 3^ UN FUNZN CUNCV : Chiedere e dire l'età, il mese e la stagione del compleanno Chiedere che colore è un elemento Chiedere qual è il giocattolo /colore preferito Saper dire cosa una persona ha

Dettagli

Sistemi trifase. www.die.ing.unibo.it/pers/mastri/didattica.htm (versione del 30-10-2012) Sistemi trifase

Sistemi trifase. www.die.ing.unibo.it/pers/mastri/didattica.htm (versione del 30-10-2012) Sistemi trifase Ssm rfas www.d.ng.unbo./prs/masr/ddaca.hm vrson dl 0-0-0 Ssm rfas l rasporo la dsrbuzon d nrga lrca avvngono n prvalnza pr mzzo d ln rfas Un ssma rfas è almnao mdan gnraor a r rmnal rapprsnabl mdan rn

Dettagli

Arte Figurativa. Ginnasio Gian Rinaldo Carli settembre 2014

Arte Figurativa. Ginnasio Gian Rinaldo Carli settembre 2014 A Figuiv Gisio Gi Rildo Cli smb 2014 A ic. is io z li u ic d c s h c ssio p s i d m o F Op d po può m l io pz i l, o u u co il! d i ib u u s im è, Esp o im u o c il cmbi, m o m z z p p Il vlo, l bi l m

Dettagli

Raccolta Esercizi per il corso di Costruzione di Macchine

Raccolta Esercizi per il corso di Costruzione di Macchine Raccola Escz l coso d osuzon d Maccn Vson 0. Damno d Inggna Unvsà d Faa 9/0/0 obo.ovo@unf. Escz d osuzon d Maccn Inoduzon Qusa dsnsa accogl alcun scz la aazon dllo sco d osuzon d Maccn. Qull oa sono scz

Dettagli

Errori a regime per controlli in retroazione unitaria

Errori a regime per controlli in retroazione unitaria Appunt d ontoll Autoatc Eo a g n sst n toazon Eo a g p contoll n toazon untaa... Eo a g nlla sposta al gadno (o d poszon)... Eo a g nlla sposta alla apa (o d vloctà)...3 Eo a g nlla sposta alla paabola

Dettagli

seconda dei gradi scolastici e prevedono collegamenti interdisciplinari, in modo da fornire spunti per il lavoro da svolgere in classe

seconda dei gradi scolastici e prevedono collegamenti interdisciplinari, in modo da fornire spunti per il lavoro da svolgere in classe SCUOLE l MUSEO Popos didich 2014-2015 Fondzion Toino usi Plzzo dm Bogo divl Aivià cu dl Thum Sbudi Toino Plzzo Mdm è uno dgli difici simbolo di Toino, compndio dll soi millni dll cià dll poc omn oggi consv

Dettagli

Protezione al fuoco di pareti non caricate EN 1364-1

Protezione al fuoco di pareti non caricate EN 1364-1 Pozon al foco d pa non caca vson 1.0 Pncp gnal Qsa noma dscv pncp gnal p la dmnazon dlla ssnza al foco d pa non poan. Campon d pova L oggo dlla noma è la vfca d alcn paam lva s n povno sposo al foco n

Dettagli

Test di autovalutazione

Test di autovalutazione UNITÀ 2 GLI ELEMENTI FONMENTLI ELL GEOMETRI T T i uovluzion 0 10 20 30 40 0 0 70 80 90 100 n Il mio punggio, in nimi, è 1 2 3 Ov l figu gn l uni popoizion o. ppin L. ppin l. ppin l. ppin l ppin l. l ppin.

Dettagli

ANNO 2007 IMPORTO TOTALE ANNUO 68,12 L. 62/2000 68,12 L. 62/2000 68,12 L. 62/2000 68,12 L. 62/2000 68,12 L. 62/2000

ANNO 2007 IMPORTO TOTALE ANNUO 68,12 L. 62/2000 68,12 L. 62/2000 68,12 L. 62/2000 68,12 L. 62/2000 68,12 L. 62/2000 N. 1 COGNOME NOME 2 RC 3 PM 4 RP 5 NU GD FINALITA' DEL BENEFICIO CONCESSO IMPORTO TOTALE ANNUO RIFERIMENTI LEGISLATIVI 6 AV 7 PD 8 KN 9 AL 10 AR 11 TG 12 LD 13 GL 14 DD 15 DL 16 BM 17 BM 18 BE 19 AM 20

Dettagli

Il lavoro è quindi una grandezza scalare le cui unita di misura sono: = Joule = J

Il lavoro è quindi una grandezza scalare le cui unita di misura sono: = Joule = J Ve. el 9/0/09 Lvoo e Eneg Denzone lvoo pe un oz cotnte Se un oz cotnte gce u un copo che eettu uno potmento ce che l oz compe un lvoo ento come: co ( co ) ove è l componente ell oz pllel llo potmento.

Dettagli

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e.

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e. In m o l ti pa e s i po c o svil u p p a t i, co m p r e s o il M al i, un a dell a pri n c i p a l i ca u s e di da n n o alla sal u t e e, in ulti m a ista n z a, di m o r t e, risi e d e nell a qu al

Dettagli

al Braglia! Campagna Abbonamenti Stagione Sportiva 2013/2014

al Braglia! Campagna Abbonamenti Stagione Sportiva 2013/2014 V l Bgl! g bb g v 213/214 2 g bb g v 213/214 BBNMN P BUNM UÀ 1.25 BUNM LL 1.5 BUNM P BUN B F BUN P 7 42 28 8 21 PXYZ BUN P v B PLNM 38 225 14 8 21 F N LL 23 145 125 8 21 G H L M N Q GN P N NN.GV. NN UN

Dettagli

soluzione informatica A Domanda Risponde

soluzione informatica A Domanda Risponde ..ADR ouon nom omnd Rpond Ipo E... v Zon, 28-46029 Su (MN) 0376-521926 Fx 0376-521953 E-m : po@po.n www.po.n www.-ouon.om P IVA 01754060208 C.C.I.A.A. 179495 Ion Tbun Mnov 18447.. ouon nom A Domnd Rpond

Dettagli

CASE HISTORY 1 REVISIONE 02 DATA 05/06/2014

CASE HISTORY 1 REVISIONE 02 DATA 05/06/2014 REVISIONE 02 DATA 05/06/2014 1 BIOSOLUTIONS SERVICES LLC (USA) So Boch conung Dcon Nd An d mco d mdcn gnv p cu Avnmno In coo d on Cn Boouon Svc LLC (USA) Ch Lmb, uno d pncp hhod, è o x Gn Mng d coc o mc,

Dettagli

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I S E Z I O N E I ) : A M M I N I ST R A Z I O N E A G G I U D I C A T R I C E I. 1 ) D e n o m i n a z i o ne, i n d ir i z z i e p u n t i d i c o

Dettagli

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI VERZEGNIS (UD) Data: 21 luglio 2015

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI VERZEGNIS (UD) Data: 21 luglio 2015 1 WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI VERZEGNIS (UD) D: 21 lugl 2015 Gupp d lv: Lz Old P Fd Fl Slv Sfll (ECUBA S..l.) (ECUBA S..l.) (Rg FVG) 2 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE Cmu d: VERZEGNIS A d fm dl bl

Dettagli

Premiazioni. Venerdì 10 gennaio 2014, ore 10.00 presso la palestra della scuola primaria Don Bosco

Premiazioni. Venerdì 10 gennaio 2014, ore 10.00 presso la palestra della scuola primaria Don Bosco V A zz g 14) c 0 2 s g 7 b 3 g mb 201 u 8 c Espsz gz ( v Pmz Vì 10 g 2014, 10.00 pss ps scu pm D Bsc 13 31 g 2014 ms-spsz g b pss s bbc - V mucp (v Cà Ps 74) N c sscz IL GIOCO DELL'OCA DA PIAZZA A m 10.30,

Dettagli

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI CAVAZZO CARNICO (UD) Data: 21 luglio 2015

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI CAVAZZO CARNICO (UD) Data: 21 luglio 2015 1 WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI CAVAZZO CARNICO (UD) D: 21 lugl 2015 Gupp d lv: Lz Old P Fd Fl Slv Sfll (ECUBA S..l.) (ECUBA S..l.) (Rg FVG) 2 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE Cmu d: CAVAZZO CARNICO

Dettagli

Controllo di Azionamenti Elettrici. Lezione n 8

Controllo di Azionamenti Elettrici. Lezione n 8 Conollo Azonamen Elec ezone n 8 Coo auea n Ingegnea ell Auomazone Facolà Ingegnea Uneà egl Su Palemo Azonamen elec con mooe n coene alenaa Il mooe ancono negl azonamen a elocà aable anagg el mooe n coene

Dettagli

tana del pazzo e cocc è di meglio?

tana del pazzo e cocc è di meglio? d pzz B L V g v L f d M Cppè T d Luc M, g u... u G ccc è d mg? c c 72 TUTTOmb TUTTOmb 73 d pzz Ty cc. M cm qud u c p d p d k p I bk è M d, c v d u, dvv u u m v p d c I pcu f ch è p c u cpp d M + Hgh R

Dettagli

3.1 Modellistica di un attuatore elettromeccanico

3.1 Modellistica di un attuatore elettromeccanico 3 PRINCIPI DI CONVERSIONE ELETTROMECCANICA DELL ENERGIA 3. Moellsca un auaoe eleomeccanco Pe noue fonamen ella convesone eleomeccanca ell enega conseamo la suua elemenae llusaa n Fg. 3., noa come auaoe

Dettagli

dal12gennai. o chiama il numero dedicato alle Iscrizioni On Line: 06 5849 4025

dal12gennai. o chiama il numero dedicato alle Iscrizioni On Line: 06 5849 4025 Annosco s co015/016 Denom nz onescuo www. s uz Cod cesc uo Con Adeco e ed ' nnosco s co01013, e sc z on ec ssp mede e s uz on sco s ches dogno d neeg do vvengonoesc us vmen e nmod à on ne. En n sc z onon

Dettagli

ITALIA REPUBBLICA Francobolli nuovi

ITALIA REPUBBLICA Francobolli nuovi ITALIA REPUBBLICA Fnll nuv n 113 A pt l l 6 6 ntsm ntsm Gnt Gnt ll ll fltl fltl l 8, l l 8, t vl l t pstl vl tln pstl sn mht u. Qull lfnum pp ll z stt qull ll Pst stt Itln. qull Qust ll llzn Pst Itln..Qust

Dettagli

Modelli equivalenti del BJT

Modelli equivalenti del BJT Modll ulnt dl JT Pr lo studo dll pplczon crcutl dl JT, s è rso opportuno formulr d modll ulnt dl dsposto ch srssro rpprsntr n modo connnt l suo comportmnto ll ntrno d crcut. A scond dl tpo d pplczon (mplfczon

Dettagli

RELAZIONE FINANZIARIA 31 DICEMBRE 2013

RELAZIONE FINANZIARIA 31 DICEMBRE 2013 RELAZIONE FINANZIARIA AL 31 DICEMBRE 213 PAGINA BIANCA 3/58 Indice Organi Sociali... 6 Consiglio di Amministrazione... 6 Collegio Sindacale... 6 Società di Revisione... 6 Specialist... 6 Nomad... 6 Struttura

Dettagli

REI 120 30-60 - 120 30-60 30-60 - 90-120 30-60 - 90-120 - - - - - - - - - - - T TONI TE E POR ACCESSORI SPECIALI PER POR

REI 120 30-60 - 120 30-60 30-60 - 90-120 30-60 - 90-120 - - - - - - - - - - - T TONI TE E POR ACCESSORI SPECIALI PER POR O P A D N L B Cd DO zz O P A m GAMM A pp LA NOS 120 d dms) s CD S V V, 11 - Fz. Mpp - 10072 Cs.s (O). +39 011 9969763 - Fx +39 011 9910400 -m: d@fb. - www.d-. 3 / 2 CLASS 2013 v du b (g s P 0-120 6 u 0

Dettagli

CORSO DI GAME CULTURE, DESIGN, COMMUNICATION AND MARKETING.

CORSO DI GAME CULTURE, DESIGN, COMMUNICATION AND MARKETING. CORSO DI GAME CULTURE, DESIGN, COMMUNICATION AND MARKETING. I ANNO I pmo nno d p o o d ud G uu, d, o u o d k onn u fon u b oo-p h p opdu h uo d p do udn d un uu ono-podu h f d oo ompo poo d onon nh, nfh,

Dettagli

Annuario 231. Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti

Annuario 231. Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti Perché? Le recenti azioni giudiziarie hanno indotto nelle aziende la necessità di dotarsi di un modello

Dettagli

Paediatric Basic Life Support SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA MUP - IRC

Paediatric Basic Life Support SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA MUP - IRC s f upp UORTO DI AE DEE FUNZIONI VITAI IN ETA EDIATRICA MU - IRC Mn Ugnz Iln Rsusn Cunl Obv l vn nn nss bl nl sgg n u suln mpmss un pù funzn vl: nn è sn nn sp nn h pls Il mpn l pvnzn gl nn l nsmn p ll

Dettagli

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA Siamo fermamente convinti che redigere un preciso quadro di riferimento, attestante le coperture Assicurative di un Cliente, consenta allo stesso di potersi

Dettagli

I RIFIUTI DI NOVARA. Altieri ASSA S.p.a. 28/02/2013

I RIFIUTI DI NOVARA. Altieri ASSA S.p.a. 28/02/2013 2013 I RIFIUTI DI NOVARA Alr ASSA S.p.. 28/02/2013 2 Rfu L Cmmss Eurp c l Drv 2008/98/CE dc l v d rur r l 2020 ll s d rfu ssd u rul crl ll prvz quv qulv d rfu. L Il h rcp l v c l DLs 205 dl 3 dcmr 2010

Dettagli

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Ed. settembre 2013 Agenda Obiettivo della statistica Oggetto della statistica Grado di partecipazione Alcuni confronti con la statistica precedente

Dettagli

I.M.G. S.r.l. SEZIONE A-A. PIANTA A Q.ta CAMERA D'ISPEZIONE. PIANTA A Q.ta POZZETTO MINISTERO INFRASTRUTTURE E TRASPORTI SEZIONE B-B

I.M.G. S.r.l. SEZIONE A-A. PIANTA A Q.ta CAMERA D'ISPEZIONE. PIANTA A Q.ta POZZETTO MINISTERO INFRASTRUTTURE E TRASPORTI SEZIONE B-B N Q.t MER 'SEZNE N Q.t ZZE SEZNE FGN V ESSENE FGN V ESSENE os.10 MER 'SEZNE ESSENE MER 'SEZNE ESSENE os.2 os.8 os.2 mcropl Ø240 rmt con tubo Ø193.7 12.5 L=15.00m mcropl Ø240 rmt con tubo Ø193.7 12.5 L=15.00m

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLIA IX LEGISLATURA (N. 228) DISEGNO DI LEGGE d'nzv d sno PEHIOLI, NAPOLEONI, POLLASTRELLI, PIERALLI, AVAZZUTI, ANDRIANI, VITALE, PINTUS, ALIE, BONAZZI, ANNATA, GIURA LONGO, POLLINI SEGA

Dettagli

Nel caso di un regime di capitalizzazione definiamo, relativamente al periodo [t, t + t] : i t

Nel caso di un regime di capitalizzazione definiamo, relativamente al periodo [t, t + t] : i t 4. Approcco formale E neressane efnre le caraersche e var regm fnanzar n manera pù asraa e generale, n moo a poer suare qualsas regme fnanzaro. A al fne efnamo percò e paramer n grao escrvere qualsas po

Dettagli

La nostra esperienza è la Vostra sicurezza nella verifica delle reti idriche e fognarie

La nostra esperienza è la Vostra sicurezza nella verifica delle reti idriche e fognarie l ndus ei og nol c e MT B A T ODA DR MI B s y s l n wd no ne p u o y L e e d c h e Me odol og pe o m z z el v àd c e c ege s onede l l epe d ene l l e e c que do s c he Meodolog pe omzze l và d cec e gesone

Dettagli

PROVINCIA DI TORINO SERVIZIO LOGISTICA PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO

PROVINCIA DI TORINO SERVIZIO LOGISTICA PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO ALLEGATO: N. 3 PROVINCIA DI TORINO SERVIZIO LOGISTICA PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO MANUTENZIONE ORDINARIA E RIPARATIVA DEGLI EDIFICI PATRIMONIALI DESTINATI AD UFFICI DELLA PROVINCIA. AGGIORNAMENTO CENSIMENTO

Dettagli

Decodifica di files DICOM e restauro di immagini di Risonanza Magnetica

Decodifica di files DICOM e restauro di immagini di Risonanza Magnetica U NIVERSITÀ DEGLI STUDI DI F ACOLTÀ D IPARTIMENTO DI DI P ALERMO I NGEGNERIA I NGEGNERIA I NFORMATICA CORSO DI I N GEG N ERIA AT GE GN ERI A I N FORM FO RMA TIICA CA LAUREA PER PE R I IN S I ST EMI LIIG

Dettagli

RETROAZIONE A V. = segnale d ingresso del blocco dell amplificatore retroazionato. = segnale d uscita A = amplificatore β = rete di retroazione

RETROAZIONE A V. = segnale d ingresso del blocco dell amplificatore retroazionato. = segnale d uscita A = amplificatore β = rete di retroazione ETOZOE Un amplcat è sggtt a azn quand una pat dl sgnal d uscta vn ptat n ngss smmat algbcamnt al sgnal d ngss. n un amplcat taznat è psnt una t β (bta) d tazn ch pta n ngss una pat dl sgnal d uscta. l

Dettagli

apertura autunno 2012

apertura autunno 2012 CSTRUZI STI IMPITI SPRTIVI pwrd by prur uunn 22 CMP BBMTI DLL IU 22 r r LU MR DI T MR DI I CLDI V -22 7 V DI SB RDI 7-22 DM T 7-22 I C 22 L 22 d fn r r chu ndc d 3 m -2 nu 3 pr m c nd r c LU r MR M TT

Dettagli

CONDIZIONI DI SERVIZIO (validità da 01/03/2010)

CONDIZIONI DI SERVIZIO (validità da 01/03/2010) TBELL PREZZI DEGLI INTERVENTI PER PROVINCI (escluso pezzi di ricambio) G comune/provincia 290,00 Comprende trasferta e 1 ora lavoro. Ore seguenti vedi tab. TRIFFE pag.5 L comune/provincia SI Trasferta

Dettagli

Il Progress Test nei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie

Il Progress Test nei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie Il Pgss Tst n Cs d Lu dll Pfssn Snt Pl Pllstn (Psdnt C.d.L. n Fstp) Luc Btzz (Cdnt C.d.L. n Fstp) Unvstà d Blgn 1 Pgss Tst Infm Fstpst PROFESSIONI CHE HANNO PARTECIPATO Osttch (ch hnn sgut un pcdu plll)

Dettagli

REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. Paciucci E. Ragno Servizio sicurezza e protezione - CNR

REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. Paciucci E. Ragno Servizio sicurezza e protezione - CNR REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. P E. R Svz szz pz - CNR L f sh s s mp pph ; p è pps pm pssbà p sss è ss vs, s s mp mq sz, ; s (, svh.) pss ss s z. I sh ss s spsv è sfvm fz m pph s p:

Dettagli

Decalogo alimentazione estate 2012

Decalogo alimentazione estate 2012 con l nu propon 10 przioi conigli pr un limnzion corr icur in un priodo gnrlmn ccompgno d mggior mpo libro, con biudini limnri divr ripo l ro dll nno: mggior numro di pi fuori c, cr nzion gli ppori nuli,

Dettagli

Il ruolo delle aspettative in economia

Il ruolo delle aspettative in economia Capiolo XV. Il ruolo dll aspaiv in conomia . Tassi di inrss nominali rali Il asso di inrss in rmini di mona è chiamao asso di inrss nominal. Il asso di inrss sprsso in rmini di bni è chiamao asso di inrss

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2014

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2014 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2014 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA A.G. FEBBRAIO 2015 ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

Formula Bonus-Malus "l'abito non fa (più) il monaco"

Formula Bonus-Malus l'abito non fa (più) il monaco Formula Bonus-Malus "l'abito non fa (più) il monaco" Limiti e criticità dell'attuale formula Giovanni Sammartini Coordinatore Commissione Danni Roma, 7 giugno 2013 2000-2011: com'è cambiata la distribuzione

Dettagli

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Milano, 12 marzo 2013 «LA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTOMOBILISTICA STRATEGIA, INNOVAZIONE

Dettagli

MASCHERE E RITI nei carnevali arcaici delle Dolomiti nel Veneto

MASCHERE E RITI nei carnevali arcaici delle Dolomiti nel Veneto CENTRO STUDI E DOCUMENTAZIONE RITI E CARNEVALI DI MONTAGNA ASSOCIAZIONE CULTURALE INTERNAZIONALE SORAIMAR ASOLO GRUPPO CULTURALE BELUMAT MOSTRA ITINERANTE MASCHERE E RITI v d Doom Vo Sg: /o Gug So v Gbd

Dettagli

Descrizione prestazionale degli elementi di arredo del progetto MOVIlinea.

Descrizione prestazionale degli elementi di arredo del progetto MOVIlinea. . 11 Dscrizin prstzinl dgli lmi di rrd dl prgtt Vlin. Pnnll infrmzini dll pnsilin cstituit dll qui tvl dll schinl sull qul vin incllt un lmirin di llumini 2 mm di spssr, vrnicit binc. Du pnnlli in plicrb

Dettagli

Sémestriel de la bibliothèque communale d étroubles n. 22 2/2011. Mon pays étroubles

Sémestriel de la bibliothèque communale d étroubles n. 22 2/2011. Mon pays étroubles Séml d l bblohèqu communl d éoubl n. 22 2/2011 Mon py éoubl B b l o h è q u - 2 - Ulm Gbo, Chl- Emmnul B un m... Lo p bmbn Gmbl, Ch L luc nll c dgl l Romnzo Ruz Zfon, Clo Il pncp nll nbb Romnzo Aln I â

Dettagli

www.ipospadia.it Dott:Giacinto Marrocco

www.ipospadia.it Dott:Giacinto Marrocco www.ipospadia.it Dott:Giacinto Marrocco Le Malformazioni dei Genitali nell'infanzia Un sito dedicato ai pediatri ed ai genitori di bambini con patologie acquisite o congenite degli organi genitali EPISPADIA

Dettagli

Spettro di densità di potenza e rumore termico

Spettro di densità di potenza e rumore termico Spro di dnsià di ponza rumor rmico lcomunicazioni pr l rospazio. Lombardo DI, Univ. di Roma La Sapinza Spro di dnsià di onza- roprià sprali: rasormaa di Fourir RSFORM DI FOURIR NI-RSFORM DI FOURIR S s

Dettagli

NEOPLASIE E LESIONI NON NEOPLASTICHE DELLE OSSA MASCELLARI

NEOPLASIE E LESIONI NON NEOPLASTICHE DELLE OSSA MASCELLARI NEOPLASIE E LESIONI NON NEOPLASTICHE DELLE OSSA MASCELLARI L on noph pudonoph d o m ono numo ono mpon d ono phé un dgno o d un mno dguo poono po d un pogno om Tndo ngo on è vdn h o non è dn on on h pn

Dettagli

Regime dell interesse composto.

Regime dell interesse composto. Regime dell ineresse composo Formule d usre : M = monne ; I = ineresse ; C = cpile ; r = fore di cpilizzzione K = somm d sconre ; s = sso di scono unirio ; i = sso di ineresse unirio V = vlore ule ; ν

Dettagli

Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007. Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA

Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007. Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007 Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA Milano, 25 febbraio 2009 CONTENUTI 1. I risultati della nuova statistica annuale RC Auto gli

Dettagli

OPERAZIONE MANI PULITE

OPERAZIONE MANI PULITE Tl: OPERAZIONE MANI PULITE Aur: Lur Css Prcrs ddc ssc: 1. L u pug d rr AVVERTENZA: L dmd ch sgu s spr l prcrs prcrs dc h cm b qull d rfcr l pdrz d lcu cmpz (l cpcà cè d pplcr cscz ccul prcdurl ch cs drs

Dettagli

Elementi di matematica finanziaria

Elementi di matematica finanziaria APPENDICE ATEATICA Elemen d maemaca fnanzara. Il regme dell neresse semplce L neresse è l fruo reso dall nvesmeno del capale. Nel corso dell esposzone s farà rfermeno a due regm o pologe d calcolo dell

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) E g: L ASSOCIAZIONE IL SENTIERO f u gg gg f g g b f h,, u ( g),, g gu : ) u gg; b) u g ; ) uu, uu u à f ; ) u ugug, gà u

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. (Poste italiane) NUOVI anno 2012 ESCLUSIVAMENTE FRANCOBOLLI MUNITI DI CODICE A BARRE

REPUBBLICA ITALIANA. (Poste italiane) NUOVI anno 2012 ESCLUSIVAMENTE FRANCOBOLLI MUNITI DI CODICE A BARRE REPUBBLICA ITALIANA fnll n (Pst tln) NUOVI nn ESCLUSIVAMENTE FRANCOBOLLI MUNITI DI CODICE A BARRE A pt l 6 ntsm Gnt ll fltl l 8, l t vl pstl tln sn mht u. Qull lfnum pp ll z stt qull ll Pst Itln. Qust

Dettagli

PROVINCIA DI TORINO SERVIZIO LOGISTICA PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO

PROVINCIA DI TORINO SERVIZIO LOGISTICA PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO ALLEGATO: N. 1 PROVINCIA DI TORINO SERVIZIO LOGISTICA PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO MANUTENZIONE ORDINARIA E RIPARATIVA DEGLI EDIFICI PATRIMONIALI DESTINATI AD UFFICI DELLA PROVINCIA. IMPIANTI ELETTRICI

Dettagli

UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO

UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO - 49 - 3.1 INTRODUZIONE Volendo descrivere le province utilizzando contemporaneamente gli indicatori relativi alle diverse tematiche analizzate prima in modo

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA A.G. GENNAIO 2014 ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

RICHIESTA DI NUOVA FORNITURA IDRICA

RICHIESTA DI NUOVA FORNITURA IDRICA Md. SC-NFI RICHIESTA DI NUOVA FORNITURA IDRICA CONTENENTE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE (. 46 47 DPR 28/12/2000,. 445...) Cpv d pbà d z p pv d. 76 d DPR. 445/2000... p f z dhz d (SE COMPILATO A MANO, SI PREGA

Dettagli

Pressostato pneumatico. Caratteristiche. Modello Pressione di prova Max. pressione. Campo pressione d'esercizio

Pressostato pneumatico. Caratteristiche. Modello Pressione di prova Max. pressione. Campo pressione d'esercizio Pssosao pnmaico Si IS Caaisich Lnga daa: milioni di cicli Pssion di pova Max. pssion Issi Ripibilià Conao Connssion lica Flido Tmpaa d'scizio Aacco Pso IS-.MPa.7MPa..4MPa.8MPa ±.MPa a Gomm, Lnghzza cavo.m

Dettagli

GUIDA alle Prestazioni Sanitarie di:

GUIDA alle Prestazioni Sanitarie di: GUIDA ll Prstzon Sntr d: FISIOTERAPIA AGOPUNTURA MANU MEDICA PRESIDI E AUSILI MEDICI ORTOPEDICI All ntrno l Novtà 2011 Sttor Trzro, Tursmo, Frmc Spcl, Ortofrutt A prtr dl 1 Aprl 2010 l prstzon offrt dl

Dettagli

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza ti trovi in: Home - Agenzia - Uffici - Indirizzi e Organigramma periferico - Uffici Dogane Gli Uffici delle Dogane Gli Uffici delle Dogane Regione Abruzzo Basilicata Campania Dogane Avezzano Pescara Potenza

Dettagli