2.1 Il motore elettrico: considerazioni iniziali. Un motore è una macchina elettrica in cui la potenza di

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2.1 Il motore elettrico: considerazioni iniziali. Un motore è una macchina elettrica in cui la potenza di"

Transcript

1 Cpitolo Il motor lttrico. Il motor lttrico: cosidrzioi iizili U motor è u mcchi lttric i cui l potz di igrsso si di tipo lttrico qull di uscit si di tipo mccico [6]. I motori lttrici i corrt cotiu ho u otvol flssibilità di impigo l loro vlocità è fcilmt cotrollbil. Essi si clssifico si scodo l crttristich mccich ch l crttristich lttrich: dimsio (clss) tipo di mgt usto umro di spir sull rmtur

2 Cpitolo Il motor lttrico tipo di fissggio dll rmtur ll css Tr l vri crttristich di motori lttrici, il umro di spir risult il puto dcisivo pr ottr soddisfcti prstzioi. I prgi dl motor corrt cotiu: ho u lvto rpporto potz/pso; soo rltivmt fcili d rgolr, si com vlocità ch com coppi, soprttutto s o soo richist prstzioi lvt; ho u lvt coppi di sputo ch li rd idli, pr smpio, ll trzio lttric [6]. I diftti dl motor corrt cotiu: l spzzol soo oggtti prticolrmt frgili d iffidbili l lugo priodo; l commutzio mccic dll spzzol cus picchi di tsio lvt ch mttoo dur prov l lttroic d umto l missioi lttromgtich; 88

3 Cpitolo Il motor lttrico l spzzol limito l mssim vlocità poch miglii di giri l miuto; l coppi di irzi è rltivmt lvt [6]. Com si può vdr, l prstzioi dl motor lttrico soo limitt dll prsz dll spzzol. L soluzio tl problm st ll uso di motori sz spzzol (brushls, i quli complico irrimdibilmt l lttroic dll mcchi [6]. I motori i corrt cotiu soo stti mplimt utilizzti i molt ppliczioi idustrili, quli l ccitzio i drivzio (stri trsporttori, vtol, pomp, prss, miscltori), l ccitzio compost (imblltrici, rulli di pigggio, csoi) l ccitzio sri (poti, gru, motcrichi). Nl cso di ppliczioi ch fo uso di umro rltivmt lto di motori i corrt cotiu, l uso di cossioi wird tr i motori usti i dispositivi di cotrollo, quli ssori, ttutori cotrollori, prmtt di ottr l prstzioi dsidrt sz gross compliczioi. All umtr di motori i gioco, risult vidt ch umto l cossioi quidi risult idguto l uso di 99

4 Cpitolo Il motor lttrico cossioi wird pr il sistm di cotrollo. I tli csi, cossioi wirlss prmttoo di ottr l mdsim prstzioi risolvdo l complicz dt dll tropp cossioi. I qusto cpitolo studirmo com rlizzr u sistm di cotrollo bsto su rt, struttur dirtt, pr cotrollr l vlocità di rotzio rgim di u motor DC.. Fuziomto di u motor DC U motor lttrico è u mcchi lttric ch covrt l rgi lttric i rgi citic. Pr compir qust trsformzio rgtic, il motor lttrico, i gr, si compo di du prti: u rotor u sttor (fig..). 3030

5 Cpitolo Il motor lttrico Fig.. Tipico motor i corrt cotiu Il rotor è l prt mobil dl motor, comprd tutti qui coduttori dstiti stbilir u cmpo mgtico ch dovrà itrgir co u cmpo logo prodotto dllo sttor; il rotor, 33

6 Cpitolo Il motor lttrico ioltr, possid di dispositivi ch prmttoo di cottrlo lttricmt co lo sttor. Lo sttor, su volt, coti coduttori dstiti produrr u cmpo mgtico ch dovrà itrgir co qullo prodotto dl rotor; i più lo sttor si trov sldmt collgto d u bs ch sosti l itr pprcchitur [7]. Il fuziomto di u motor lttrico i corrt cotiu si bs su du lggi fodmtli. L prim lgg, ch driv dll lgg di Frdy-Lz, ffrm ch, s si f muovr u coduttor di szio costt di lughzz l co u vlocità ν i u cmpo mgtico B, si gr u forz lttromotric idott l coduttor pri : E = B l ν dov B è l compot di B prpdicolr ν. Il vrso di E è clcolto usdo l rgol dll mo dstr. L scod lgg ffrm ch s u coduttor szio costt di lughzz l, immrso i u cmpo mgtico B ttrvrsto d u corrt I, gr u forz: 33

7 Cpitolo Il motor lttrico F = B l I dov B è l compot di B prpdicolr d I. L dirzio il vrso di F si ottgoo co l rgol dll mo siistr. Pr cpir mglio l ppliczio di qust du lggi sul motor lttrico bisog spr ch si sullo sttor ch sul rotor soo motti dgli vvolgimti di mtril coduttor, opportumt limtti. Alcui vvolgimti ho il compito di grr il cmpo mgtico B, formdo il circuito di ccitzio; ltri cro l sd di corrt I, formdo il circuito di rmtur. I grl, i du tipi di vvolgimti si possoo trovr si sullo sttor ch sul rotor. I qusto lvoro di tsi cosidrimo l vvolgimto di ccitzio motto sullo sttor l vvolgimto di rmtur motto sul rotor. L fig.. illustr l itrzio tr gli vvolgimti: qulli dllo sttor soo i du mgti idicti co N S; qulli dl rotor soo l du spir, colort di rosso blu, rrotolt itoro ll prt grigi ctrl i rotzio. 333

8 Cpitolo Il motor lttrico Qudo l corrt scorr gli vvolgimti, si gr u cmpo mgtico itoro l rotor. L prt siistr dl rotor è rspit dl mgt di siistr d ttrtt d qullo di dstr. I mir log, il mgt di dstr, rspito dll prt dstr dl rotor, vi ttrtto d qull di siistr. Co tl itrzio, l coppi di forz i gioco gr l rotzio. Fig.. Itrzio tr sttor rotor di u motor DC U itrruttor rott, dtto commuttor o collttor spzzol (ll figur è rpprstto dll llo color rm fissto 3434

9 Cpitolo Il motor lttrico ll lbro rott, co du cottti strisciti + collgti ll prt frm) ivrt du volt pr giro il sso dll corrt ch prcorr i du vvolgimti grdo u cmpo mgtico i vrso o ll ltro scod dll dirzio dll corrt. D qust cotiu ivrsioi scoo forz di ttrzio di rpulsio co i mgti prmti fissi [6]. Il rotor cotiu ruotr, com mostrto i fig..3, fio qudo o si lli orizzotlmt co i mgti. I qusto istt, il commuttor ivrtirà il sso dll corrti ch scorroo gli vvolgimti ttoro l rotor, ivrtdo il vrso dl cmpo mgtico grto producdo, quidi, l coppi di forz dtt d ffttur l scod prt dl giro [6]. Tl fs dl fuziomto dl motor lttrico è mostrt i fig..4. L vlocità di rotzio dl motor dipd: itsità dl cmpo mgtico grto tsio pplict crico corrt. Al cotrrio, l coppi di forz grt dipd dll 3535

10 Cpitolo Il motor lttrico Fig..3 Motor DC i rotzio Pr potr ffttur u cotrollo dl motor DC è cssrio ottr u modllo mtmtico dl sistm. I qusto cso il motor può ssr rpprstto com u sistm dimico o lir. Scodo il critrio di sitsi utilizzto, si pplico l sguti limitzioi itrodott dl modllo risptto d u motor rl: 3636

11 Cpitolo Il motor lttrico l ssuzio ch il circuito si lir; l ssuzio ch l ttrito mccico si u fuzio lir dll vlocità dl motor; si ssum, quidi ch l motor si prst soltto l ttrito viscoso [4]. dl rotor Fig..4 Ivrsio dl sso dll corrt gli vvolgimti 3737

12 Cpitolo Il motor lttrico.3 L quzioi lttrich mccich E possibil dfiir u modllo lttrico [9] quivlt l motor i corrt cotiu, così com mostrto ll figur.5. Si ssumrà ch lo sttor bbi u sol trmizio polr, crttrizzt d u iduttz ssocit l rltivo L vvolgimto d u rsistz R ssocit ll disprsioi l coduttor. Fig..5 Schm lttrico quivlt di u motor DC 3838

13 Cpitolo Il motor lttrico quzio: L quzio litic di qusto circuito lttrico è dt dll di ( v ( = L + R i ( (.) dt Clcoldo l trsformt di Lplc di mbo i mmbri co l codizioi iizili ull si otti V ( = L I ( s R I ( + V ( ( I dov soo rispttivmt l trsformt l v ( ( domiio di Lplc dll fuzioi. i D qust ultim formul si ricv ch I ( V ( s ) K = +τ s (.) dov K R = è il gudgo di sttor L R τ = è l costt di tmpo di sttor. 3939

14 Cpitolo Il motor lttrico Alogmt si ssum ch il rotor bbi u sol trmizio polr, crttrizzt d u iduttz L d u rsistz R, così com mostrto i figur.5. V, ioltr, cosidrto l fftto dll forz lttromotric (, ch corrispod d u tsio idott proporziol ll vlocità di rotzio. L quzio ch dscriv il rltivo circuito è di ( v ( = L + R i ( + ( (.3) dt Ach i qusto cso, ssdo l (.3) u rlzio lir d ipotizzdo l codizioi iizili ull, possimo pplicr l trsformt di Lplc d ottr I ( K = V ( E( +τ s (.4) V ( I ( ( dov, E soo rispttivmt l trsformt l v ( i ( ( domiio di Lplc dll fuzioi,. Alogmt, l grdzz K R = L R τ = vgoo 4040

15 Cpitolo Il motor lttrico chimt, rispttivmt, gudgo di rotor costt di tmpo di rotor. Bsdosi sull proprità fisich dl motor sull rlzioi ch crttrizzo l itrzio tr l grdzz mccich l grdzz lttrich dl motor, si può dimostrr ch sussistoo ultriori rlzioi. Iftti, qudo il motor ruot co vlocità golr ω, l circuito di rmtur vi grt u forz cotro-lttromotric proporziol scodo u costt K b ll vlocità golr: ( = K ω( (.5) b Vicvrs, l cso i cui l rotor circoli l corrt i (dtt ch corrt di rmtur), tr i du vvolgimti prsti sullo sttor sul rotor si mifsto dll forz mgtich di ttrzio o di rpulsio, ch fo sì ch il motor si mtt ruotr. L formul ch mtt i rlzio l coppi motric T M ( rogt dl motor l corrt di rmtur i è l sgut: T M ( = K i ( (.6) 44

16 Cpitolo Il motor lttrico dov K b è u costt ch dipd dll gomtri dl motor [0]. Dopo vr cosidrto l quzioi ch dscrivoo il motor dl puto di vist lttrico, dsso bisog studir il motor dl puto di vist mccico. U motor lttrico limtto co tsioi di sttor di rotor srcit u coppi sull lbro motor ch gisc sull struttur mccic. Suppodo ch l irzi di rotor si J ch si prst u ttrito viscoso B tdo coto dll coppi di crico ( T L srcitt sull lbro motor, si ricv l sgut quzio dl moto: T M dω ( ( T ( J Bω( L = + (.7) dt Alogmt l cso lttrico, ch pr l quzioi mccich si può ssocir u fuzio di trsfrimto dll rlzio (.7): T M ω( K = ( T ( + L m τ m s, (.8) 44

17 Cpitolo Il motor lttrico dov K m = è il gudgo mccico B m = J B τ è l costt di tmpo mccic. Ioltr, ( ω, soo l T M ( ( T L trsformt l domiio di Lplc dll fuzioi ω (, ( T M ( T L. Il st di prmtri utilizzti i qusto lvoro di tsi è idicto ll tbll. [0]. Pr quto rigurd l coppi di crico ( T L, tl prmtro è stto cosidrto modulo ullo, i quto, ssdo costt, il modllo vri mo di u costt (vdi (.7)). L obbittivo dl cotrollo ch ci prfiggimo è mtr costt il vlor dll vlocità golr ω ( d u dtrmito vlor di st poit ω pri 00 rd/s

18 Cpitolo Il motor lttrico J L R Kg m Ω H B K K b N m sc/ rd 3 3 N m / A V sc/ rd Tb.. Prmtri tipici di u motor DC.4 Risoluzio dl modllo mtmtico Pr potr simulr il fuziomto dl motor, è cssrio cooscr l dscrizio litic dll vlocità golr. Combido opportumt l quzioi l rlzioi prcdti, possimo giugr ll dscrizio lttromccic dl motor lttrico i trmii di spzio di stto. Il motor DC, i qust 444

19 Cpitolo Il motor lttrico dscrizio, vi visto com u sistm i cui l igrsso u ( è rpprstto dll tsio di rmtur v ( l uscit y ( è rpprstt dll vlocità golr ( t ω. Podo, x ( = i ( x ( = ω( ) u( = v ( d lbordo co l formul (.6), (.3), (.7) (.5), si otti: R x ( = L x ( = K J K x ( L x ( B J b x ( + x ( + T J u( L L ( (.9) Lvordo co l rlzioi (.3), (.7) (.9), ricorddo ch l uscit è rpprstt dll vlocità golr ( y ( ( = x ( = ω ) ssumdo ch l coppi di crico ( T L bbi vlor ullo, possimo scrivr: d J dy( B J dy( B u( = L y( R y( K y( b dt K dt K K dt K Riordido l quzio prcdt possimo scrivr 4545

20 Cpitolo Il motor lttrico d y( dy( u ( = + + y(, (.0) 3 dt dt dov, pr smplicità, si è posto L J = K, = L B + R K J, = R B + K K K b. 3 Essdo l (.0) u quzio diffrzil dl scodo ordi cofficiti costti, risult ch il motor lttrico può ssr dscritto co u sistm dl scodo ordi. Possimo riscrivr tl quzio i trmii di cofficit di smorzmto δ di pulszio turl ω. I primo luogo, dividimo trmbi i mmbri pr d ffttuimo l sguti sostituzioi: 3 ω =, δ = 3 possimo scrivr ω K R B + KK b u( = d y( dy( + δω + ω y( dt dt (.) 4646

21 Cpitolo Il motor lttrico Pr ottr l dscrizio litic dll uscit y (, dobbimo risolvr l quzio diffrzil (.). L soluzio di tl sprssio può ssr ottut usdo l trsformt di Lplc. Idicdo co Y ( l trsformt di Lplc di y ( U ( l trsformt di u (, co y (0) il vlor iizil di ( co y (0) il vlor iizil dll drivt di ( scrivr:, co y y possimo ω K U( = s Y( sy(0) y (0) + δω R B+ KK b [ sy( y(0) ] + ω Y( Riordido l prcdt rlzio possimo scrivr: Y ( I( U( + C( y(0) + D( y (0) = (.) dov, pr smplicità di otzio, poimo l sguti sostituzioi: I( ω K R B + KK b + δω s + ω =, s C( s s + δω + δω s + ω =, 4747

22 Cpitolo Il motor lttrico D( s + δω s + ω =. Si vic dll quzio (.) ch I ( è il cotributo ch dà l igrsso ll uscit, C ( è il cotributo rltivo ll codizio iizil y (0) ( drivt prim y (0). D è il cotributo dll codizio iizil sull Dll (.) è possibil ricvr i poli dl sistm uguglido zro il domitor dl scodo mmbro. Iftti, si otti ch: p p p p ( ) ) = ω δ δ = 6.85, = ω ( δ + δ =.95. (.3) Prstdo trmbi i poli prt rl gtiv, il sistm rpprstto dll (.) risult sitoticmt stbil. Mdit il torm dl vlor fil è possibil dtrmir il vlor di rgim dll vlocità golr ω dl motor DC. Iftti, scodo tl torm 4848

23 Cpitolo Il motor lttrico y( ) = lim y( = lim sy ( t s 0 Suppodo ch l igrsso si u grdio uitrio, bbimo ch U ( =, riprddo l (.) pplicdo il torm dl s vlor fil, ottimo: y( ) = lim sy ( = lim s I( + C( y(0) + D( y (0) s 0 s o s. Svolgdo i clcoli, ottimo il sgut risultto: y( ) = lim. Kω Kω I( = = s 0 R B + KK ( s p )( s p ) ( R B + KK ) b s= 0 b p p Co i vlori i tbll. i vlori trovti ll (.3), ottimo u vlor rgim dll vlocità golr pri rd/sc. p p Pr vrificr l vlidità di risultti è stto simult l rispost l grdio uitrio di u motor DC utilizzdo il MATLAB. Com si vic dll fig..6, i risultti ottuti liticmt soo 4949

24 Cpitolo Il motor lttrico cofrmti dll simulzio co il MATLAB. Co tl softwr, è stto possibil cooscr il tmpo di slit, pri sc, il tmpo di ssstmto l %, pri.74 sc. Il lvoro svolto i qust tsi prosguirà co l implmtzio dl motor DC dl rltivo sistm di cotrollo NCS i u simultor di rt pr studir l prstzioi l vrir di prmtri i gioco. Fig..6 Rispost l grdio dl sistm motor DC 5050

Successioni numeriche

Successioni numeriche 08//05 uccssioi umrich uccssioi umrich Dfiizio U succssio è u fuzio ch d ogi umro turl ssoci u umro rl 0 : 0 : Es. 08//05 uccssioi umrich Dfiizio Il it dll succssio ch ch covrg d ) si idic è il umro rl

Dettagli

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua SOMMARIO Gralità sull Macchi i Corrt Cotiua...2 quazio dlla forza lttromotric...2 Circuito quivalt...2 Carattristica di ccitazio...3 quazio dlla vlocità...3 quazio dlla Coppia rsa all'albro motor:...3

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

Limiti di successioni - svolgimenti

Limiti di successioni - svolgimenti Limiti di succssioi - svolgimti Scrivrmo a b quado a b =. Calcoliamo qusto it, raccoglido il fattor al umrator al domiator. Si ha 2 + 2 4 = + 2 2 3! 4 3!. Iazitutto, ricordiamo ch Ioltr, si ha utilizzado

Dettagli

Studio dei transitori con il metodo delle trasformate di Laplace

Studio dei transitori con il metodo delle trasformate di Laplace Studio di traitori co il mtodo dll traformat di Laplac Apputi a cura dll Igg. Baoccu Gia Piro Marra Luca Tutor dl coro di ELETTROTECNICA pr mccaici chimici A. A 3/4 4/5 Facoltà di Iggria dll Uivrità dgli

Dettagli

Modello e Progetto di un Sistema Optoelettronico Integrato per un Sensore di Velocità Angolare in Fibra Ottica

Modello e Progetto di un Sistema Optoelettronico Integrato per un Sensore di Velocità Angolare in Fibra Ottica Modllo Progtto di Sistm Optolttroico Itgrto pr Ssor di Vlocità golr i Fibr Ottic. Itrodio Gli ttli sistmi di gid vigio impigti i vicoli ri spili richidoo ssori di vlocità golr pr prmttr il mtimto di crt

Dettagli

La velocità massima espressa in metri al secondo e l accelerazione voluta sono: 1000

La velocità massima espressa in metri al secondo e l accelerazione voluta sono: 1000 Diesioeto di ssi di otore correte cotiu Si idividuio i pretri pricipli di u cchi correte cotiu eccitzioe idipedete i rdo di uovere u tr veloce ote che sio le seueti specifiche: Tesioe di lietzioe dell

Dettagli

FOTODIODI. La fotorivelazione è basata sull effetto fotoelettrico.

FOTODIODI. La fotorivelazione è basata sull effetto fotoelettrico. OODIODI La otorivlazio è basata sull tto otolttrico. I N Ua radiazio lumiosa icidt lla rgio itrisca di u diodo smicoduttor drogato IN polarizzato ivrsamt produc di portatori libri. Ogi coppia di portatori

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

L INTEGRALE DEFINITO b f (x) d x a 1

L INTEGRALE DEFINITO b f (x) d x a 1 L INTEGRALE DEFINITO ( ) d ARGOMENTI. Il Trpezoide re del Trpezoide. L itegrle deiito de. Di Riem. Proprietà dell itegrle deiito teorem dell medi. L uzioe itegrle teorem di Torricelli-Brrow e corollrio

Dettagli

Progressioni geometriche

Progressioni geometriche Progressioi geometriche Comicimo co due esempi: Esempio Cosiderimo l successioe di umeri:, 6,, 4, 48, 96 L successioe è tle che si pss d u termie l successivo moltiplicdo il precedete per. Si dice che

Dettagli

Successioni e serie. Ermanno Travaglino

Successioni e serie. Ermanno Travaglino Successioi e serie Ermo Trvglio U successioe è u sequez ordit di umeri o di ltre grdezze, e u serie è l somm dei termii di tle sequez. U successioe si rppreset co l'espressioe,,,, ell qule è u itero positivo,

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

Nel gergo delle disequazioni vi sono dei simboli che devono essere conosciuti leggendoli da sinistra a destra:

Nel gergo delle disequazioni vi sono dei simboli che devono essere conosciuti leggendoli da sinistra a destra: Disequzioi Mrio Sdri DISEQUAZIONI Defiizioi U disequzioe è u disegugliz tr due espressioi che cotegoo icogite. Risolvere u disequzioe sigific trovre quell'isieme di vlori che, ttriuiti lle icogite, l redoo

Dettagli

ma non sono uguali fra loro

ma non sono uguali fra loro Defiizioe U fuzioe f defiit i D (doiio) si dice cotiu i u puto c D se esiste i tle puto (è cioè possiile clcolre f (c)); se esiste, fiito, il ite dell fuzioe per che tede c e se il vlore del ite coicide

Dettagli

CORSO DI METODI MATEMATICI PER L INGEGNERIA MECCANICA

CORSO DI METODI MATEMATICI PER L INGEGNERIA MECCANICA CORSO DI METODI MATEMATICI PER L INGEGNERIA MECCANICA. ALCUNE NOZIONI E STRUMENTI PRELIMINARI -RICHIAMI SUGLI SPAZI VETTORIALI Ricordimo che u vettore i R (o C ) e u -upl ordit di umeri reli (o complessi)

Dettagli

ANTON FILIPPO FERRARI

ANTON FILIPPO FERRARI ANTON FILIPPO FERRARI L Rom lo h prticmnt prso C è un ccordo mssim vnno dfiniti i dttgli in pr tic l controprtit tcnich Ngli ultimi du nni molti tifosi itlini in prticolr qulli dll Uns lo hnno conosciuto

Dettagli

Risposta in Frequenza

Risposta in Frequenza Risposta i Frquza Ipdza L ipdza di u bipolo è il uro coplsso dato dal rapporto tra il fasor tsio il fasor corrt: jφ V V V V j( ΦV ΦI ) Z = = I I jφ L attza è il uro coplsso: Z Y soo i gral fuzioi dlla

Dettagli

Inverter stand-alone Kaco Il nuovo inverter ad onda sinusoidale

Inverter stand-alone Kaco Il nuovo inverter ad onda sinusoidale Ivrtr stad-alo Kaco Il uovo ivrtr ad oda siusoidal Foritura idipdt di rgia I uovi ivrtr ad oda siusoidal soo idali pr l'uso i ar dov o è prst o o è affidabil la rt lttrica pubblica. Covrtdo la corrt cotiua

Dettagli

I. COS E UNA SUCCESSIONE

I. COS E UNA SUCCESSIONE 5 - LE SUCCESSIONI I. COS E UNA SUCCESSIONE L sequez 0 = = 0 3 = 3 = 4 =... 3 5 = +... costituisce u esempio di SUCCESSIONE. 90 Ecco u ltro esempio di successioe: 3 4 = 3 = 3 3 = 3 4 = 3... = 3... U successioe

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

DOTTORATO DI RICERCA IN GEOFISICA-XXIIICICLO/ EQUAZIONI ALLE DERIVATE PARZIALI (Prof. BONAFEDE)

DOTTORATO DI RICERCA IN GEOFISICA-XXIIICICLO/ EQUAZIONI ALLE DERIVATE PARZIALI (Prof. BONAFEDE) DOTTORATO DI RICERCA IN GEOFISICA-XXIIICICLO/ EQUAZIONI ALLE DERIVATE PARZIALI (Prof. BONAFEDE) Mggi C. & Bccesci P. Soluzioe problem V Puto 1: T Clcolre l soluzioe stziori dell (1) euivle d imporre l

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. DEFINIZIONE DI APPLICAZIONE LINEARE. Sio V e W due spzi vettorili su u medesimo cmpo K. Si :V W u ppliczioe di V i W. Si dice che l è u ppliczioe liere di V i W se soo veriicte

Dettagli

3. Si determini l area del segmento parabolico di base AB e si verifichi che essa è 3

3. Si determini l area del segmento parabolico di base AB e si verifichi che essa è 3 MINIERO DELL'IRUZIONE,DELL'UNIERIÀ E DELLA RICERCA CUOLE IALIANE ALL EERO EAMI DI AO DI LICEO CIENIFICO essioe Ordiri s 00/005 ECONDA PROA CRIA em di Mtemtic Il cdidto risolv uo dei due problemi e quesiti

Dettagli

Lezione 5. Analisi a tempo discreto di sistemi ibridi. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 5 1

Lezione 5. Analisi a tempo discreto di sistemi ibridi. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 5 1 Lzion 5. nalisi a tmpo discrto di sistmi ibridi F. Prvidi - Controlli utomatici - Lz. 5 Schma dlla lzion. Introduzion 2. nalisi a tmpo discrto di sistmi ibridi 3. utovalori di un sistma a sgnali campionati

Dettagli

Macchine non completamente specificate. Sintesi Sequenziale Sincrona Sintesi Comportamentale di Reti Sequenziali Sincrone

Macchine non completamente specificate. Sintesi Sequenziale Sincrona Sintesi Comportamentale di Reti Sequenziali Sincrone Mhin non ompltmnt spifit Sintsi Squnzil Sinron Sintsi Comportmntl i Rti Squnzili Sinron Riuzion l numro gli stti pr Mhin Non Compltmnt Spifit Comptiilità Vrsion l 5/12/02 Sono mhin in ui pr lun onfigurzioni

Dettagli

Il corpo nero e la crisi della fisica classica

Il corpo nero e la crisi della fisica classica Il corpo ro l crisi dll fisic clssic Emissio d ssorbimto dll rdizio lttromgtic di corpi Ogi corpo c si trov d u tmprtur mggior dllo zro ssoluto mtt u rdizio dtt rdizio trmic. Qust rdizio, d u puto di vist

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Coro di Fodamti di lcomuicazioi 5 - SEGNALI DIGIALI E A IMULSI IN BANDA BASE rof. Mario Barra [part 3] Fodamti di LC - rof. G. Schmra Liramt tratto da Fodamti di LC - rof. G. Schmra ada a [part 3] Codici

Dettagli

" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

 Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione

Dettagli

MODELLI DEI SISTEMI ELETTROMECCANICI

MODELLI DEI SISTEMI ELETTROMECCANICI Ing Mrigrzi Dotoli Controlli Autotici NO (9 CFU) Modlli di Sisti Elttroccnici MODELLI DEI SISTEMI ELETTROMECCANICI Nl sguito ci occupio dll odllzion di sisti ibridi ch cobinno sisti lttrici con sisti ccnici,

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

Corso di Fisica Tecnica (ING-IND/11). 1 anno laurea specialistica in architettura: indirizzo città Docente: Antonio Carbonari

Corso di Fisica Tecnica (ING-IND/11). 1 anno laurea specialistica in architettura: indirizzo città Docente: Antonio Carbonari Corso di Fisic cnic (ING-IND/). nno lur spcilistic in rchitttur: indirizzo città Docnt: Antonio Crbonri Cpitolo I Il sistm città l uso pproprito dll nrgi.. Introduzion Un insdimnto urbno è un sistm strmmnt

Dettagli

, dove s n è la somma parziale n-esima definita da. lim s n = lim s n = + (= ). a n = a 1 + a 2 +...

, dove s n è la somma parziale n-esima definita da. lim s n = lim s n = + (= ). a n = a 1 + a 2 +... . serie umeriche Def. (serie). Dt u successioe ( ) (co R per ogi ), si chim serie di termie geerle l successioe (s ), dove s è l somm przile -esim defiit d () s = + 2 +... + = k. L serie coverge (semplicemete)

Dettagli

Relè allo Stato Solido per il controllo Motori Trifase Modello REC2R

Relè allo Stato Solido per il controllo Motori Trifase Modello REC2R Rlè allo Stato Solido pr il cotrollo Motori Trifas Modllo REC2R Cotrollo lttroico pr motori i CA Commutazio istataa Tr poli co du o tr fasi slzioabili dicazio a ED Du rag di cotrollo: 15-32 VCC, 90-253

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 00 Sessione strordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PRBLEMA Con riferimento un sistem monometrico

Dettagli

Capitolo 7 - Predizione lineare

Capitolo 7 - Predizione lineare Appunti di lborzion numric di sgnli Cpitolo 7 - Prdizion linr Introduzion... rror mdio di prvision...3 Ossrvzion: prdizion linr com sbinctor dll squnz di ingrsso 5 Ortogonlità tr dti d rror...6 Vlor minimo

Dettagli

Capitolo IV - Impianti solari termici

Capitolo IV - Impianti solari termici W. Grssi -Trmorgtic Risprmio Ergtico i Eilizi Cp. IV Impiti solri trmici Cpitolo IV - Impiti solri trmici. Grlità Gli impiti pr l utilizzo trmico ll rgi solr costo i u sistm i cptzio costituito i plli

Dettagli

CHIARA ZUCCHELLI. Florenzi, arriva il premio: contratto fino al 2016 e stipendio aumentato. Scritto da Redazione Giovedì 04 Ottobre 2012 07:31 -

CHIARA ZUCCHELLI. Florenzi, arriva il premio: contratto fino al 2016 e stipendio aumentato. Scritto da Redazione Giovedì 04 Ottobre 2012 07:31 - Flornzi rriv il prmio: contrtto fino l 2016 stipno umntto CHIARA ZUCCHELLI Il prmio più mritto rrivto Com nnuncito si d Sbtini si dl suo gnt Alssndro Lucci rrivto il rinnovo dl contrtto Alssndro Flornzi

Dettagli

Calcolo delle Radici Veriano Veracini Veriano.Veracini@inwind.it

Calcolo delle Radici Veriano Veracini Veriano.Veracini@inwind.it Verio Vercii Clcolo delle rdici Clcolo delle Rdici Verio Vercii Verio.Vercii@iwid.it Premess Lo scopo di queste pgie è quello di descrivere lcui metodi prtici per il clcolo delle rdici, compresi lcui metodi

Dettagli

Minicorso Controllo Statistico di Processo

Minicorso Controllo Statistico di Processo MIICORSO: Cotrollo Statistico di Procsso art 4/5 di Adra Saviao Part 4 Miicorso Cotrollo Statistico di Procsso di Adra Saviao L fruz cumulativ, rmssa L distribuzioi discrt L distribuzioi cotiu Distribuzioi

Dettagli

Tecniche per la ricerca delle primitive delle funzioni continue

Tecniche per la ricerca delle primitive delle funzioni continue Capitolo 4 Tcnich pr la ricrca dll primitiv dll funzioni continu Nl paragrafo.7 abbiamo dato la dfinizion di primitiva di una funzion f avnt pr dominio un intrvallo I; abbiamo visto ch s F 0 è una primitiva

Dettagli

Principi e Metodologie della Progettazione Meccanica

Principi e Metodologie della Progettazione Meccanica Principi Mtodologi dll Progttzion Mccnic Corso dl II nno dll lur spcilistic in inggnri mccnic ing. F. Cmpn.. 10-11 Lzion 3: Sclt dl principio tcnologico, Studio dll funzion Il Principio Tcnologico Nll

Dettagli

IRRAGGIAMENTO: APPLICAZIONI ED ESERCIZI

IRRAGGIAMENTO: APPLICAZIONI ED ESERCIZI Elis Gonizzi N mtricol: 3886 Lezione del -- :3-:3 IRRAGGIAMENO: APPLICAZIONI ED EERCIZI E utile l fine di comprendere meglio le ppliczioni e gli esercizi ricordre cos si intend con i termini CORPI NERI

Dettagli

Limite Inferiore per l Ordinamento. Algoritmi e Strutture Dati (Mod. A) Limite Inferiore per l Ordinamento. Limite Inferiore per l Ordinamento

Limite Inferiore per l Ordinamento. Algoritmi e Strutture Dati (Mod. A) Limite Inferiore per l Ordinamento. Limite Inferiore per l Ordinamento Limit Ifrior pr l Ordiamto Ma quato può ssr fficit, i pricipio, u algoritmo di ordiamto? Algoritmi Struttur Dati (Mod. A) Limit Ifrior pr l Ordiamto Qusta è ua dll domad più ambizios itrssati ma ach ua

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

Crisi occupazionale, ammortizzatori sociali e riforma pensionistica Elisabetta Pedrazzoli* La riforma previdenziale Legge n. 214 del 22 dicembre 2011

Crisi occupazionale, ammortizzatori sociali e riforma pensionistica Elisabetta Pedrazzoli* La riforma previdenziale Legge n. 214 del 22 dicembre 2011 Tmi Crisi occupzionl, mmortizztori socili riform pnsionistic Elisbtt Pdrzzoli* Prmss L ttul situzion conomic è crttrizzt dl prdurr di un fort crisi con tutt l consgunz ch ciò comport sui livlli occupzionli.

Dettagli

CAPITOLO I INTRODUZIONE ALLA FISICA DEI MATERIALI SEMICONDUTTORI

CAPITOLO I INTRODUZIONE ALLA FISICA DEI MATERIALI SEMICONDUTTORI I. 1 CAPITOLO I INTRODUZION ALLA FISICA DI MATRIALI SMICONDUTTORI 1.1 - Richiami di fisica atomica. L lttroica studia i disositivi, i circuiti d i sistmi i quali la rsza d il movimto dgli lttroi gioca

Dettagli

CLIMATIZZAZIONE DI AMBIENTI CONFINATI: FUNZIONE COMPENSATRICE DEGLI IMPIANTI

CLIMATIZZAZIONE DI AMBIENTI CONFINATI: FUNZIONE COMPENSATRICE DEGLI IMPIANTI Corso di Impinti Tcnici.. 2009/2010 Docnt: Prof. C. Istti CAPITOLO 4 : FUNZIONE COMPENSATRICE DEGLI IMPIANTI 4.1 Gnrlità Col trmin impinto di climtizzzion si intnd un dispositivo cpc di compnsr i flussi

Dettagli

6) Nel 1991 Carl Lewis ha stabilito il record del mondo dei 100 m percorrendoli in 9,86 s. Qual è la velocità media in km/h?

6) Nel 1991 Carl Lewis ha stabilito il record del mondo dei 100 m percorrendoli in 9,86 s. Qual è la velocità media in km/h? 1) L unità l SI pr l tmprtur l mss sono, rispttivmnt gri grmmi klvin kilogrmmi Clsius milligrmmi Clsius kilogrmmi klvin grmmi 2) Qul mtril ffon nll olio ( = 0,94 g/m 3 )? ghiio ( = 0,92 g/m 3 ) sughro

Dettagli

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione Stbilità dei sistemi di controllo in retrozione Criterio di Nyquist Il criterio di Nyquist Estensione G (s) con gudgno vribile Appliczione sistemi con retrozione positiv 2 Criterio di Nyquist Stbilità

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Costruiamo un aquilone SLED

Costruiamo un aquilone SLED Costruimo un quon SLED Sgnr sul sgmnto cod du rifrimnti 3 cm dgli spigoli (vrso l'trno) poi sul bordo ntrior dll du li 11 cm dgli spigoli (vrso l'strno); qusto punto si dvono pplicr l du mnich sul bordo

Dettagli

Minicorso Controllo Statistico di Processo

Minicorso Controllo Statistico di Processo MIICORSO: Cotrollo Statistico di Procsso art 4/5 di Adra Saviao Part 4 Miicorso Cotrollo Statistico di Procsso di Adra Saviao L fruz cumulativ, rmssa L distribuzioi discrt L distribuzioi cotiu Distribuzioi

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO ANALISI E SPERIMENTAZIONE DEI MODELLI DI SIMULAZIONE DEL TRAFFICO APPLICATI AL CASO DELLA METROTRANVIA MILANO-SEREGNO

POLITECNICO DI MILANO ANALISI E SPERIMENTAZIONE DEI MODELLI DI SIMULAZIONE DEL TRAFFICO APPLICATI AL CASO DELLA METROTRANVIA MILANO-SEREGNO POLITECNICO DI MILANO Scuola di Iggria Civil, Ambital Trritorial Corso di Laura Magistral i Iggria Civil ANALISI E SPERIMENTAZIONE DEI MODELLI DI SIMULAZIONE DEL TRAFFICO APPLICATI AL CASO DELLA METROTRANVIA

Dettagli

Circuiti Sequenziali Macchine Non Completamente Specificate

Circuiti Sequenziali Macchine Non Completamente Specificate CEFRIEL Consorzio pr l Formzion l Rir in Inggnri ll Informzion Politnio i Milno Ciruiti Squnzili Mhin Non Compltmnt Spifit Introuzion Comptiilità Riuzion l numro gli stti Mtoo gnrl FSM non ompltmnt spifit

Dettagli

SPERIMENTAZIONE PROGETTO TELELAVORO CUSTOMER SERVICES

SPERIMENTAZIONE PROGETTO TELELAVORO CUSTOMER SERVICES 1 SPERIMENTAZIONE PROGETTO TELELAVORO CUSTOMER SERVICES 21 Luglio 2008 2 SPERIMENTAZIONE TELELAVORO Contct Cntr coinvolti: Rom (2 prson) Npoli (8 prson) Srvizi gstiti in tllvoro: 186 Rom Off Lin Npoli

Dettagli

- 1 - 4. Per le funzioni reali di variabile reale si può dare la seguente definizione dovuta a Dirichlet:

- 1 - 4. Per le funzioni reali di variabile reale si può dare la seguente definizione dovuta a Dirichlet: - - Fuzioi Defiizioi fodmetli. Dti due isiemi o vuoti X e Y si chim ppliczioe o fuzioe d X Y u relzioe tr i due isiemi che d ogi X f corrispodere uo ed u solo y Y. Se y è l immgie di trmite f, si scrive

Dettagli

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DELLE MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DELLE MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI Gnralità INTRODUZIONE ALLO STUDIO DELLE MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI Una acchina lttrica rotant è un convrtitor di nrgia ccanica in lttrica (gnrator) o, vicvrsa, di nrgia lttrica in ccanica (otor). Il fnono

Dettagli

Trasmissione del calore con applicazioni

Trasmissione del calore con applicazioni Corsi di Lure i Igegeri Meccic Trsmissioe del clore co ppliczioi umeriche: iformtic pplict.. 4/5 Teori Prte II Ig. Nicol Forgioe Diprtimeto di Igegeri Civile E-mil: icol.forgioe@ig.uipi.it; tel. 5857 Sistemi

Dettagli

Modelli equivalenti del BJT

Modelli equivalenti del BJT Modll ulnt dl JT Pr lo studo dll pplczon crcutl dl JT, s è rso opportuno formulr d modll ulnt dl dsposto ch srssro rpprsntr n modo connnt l suo comportmnto ll ntrno d crcut. A scond dl tpo d pplczon (mplfczon

Dettagli

EffePi Srl. Valore immobiliare: gestire ed amministrare per creare il valore degli immobili. EffePi S.r.l. Valore Immobiliare. EffePi S.r.l.

EffePi Srl. Valore immobiliare: gestire ed amministrare per creare il valore degli immobili. EffePi S.r.l. Valore Immobiliare. EffePi S.r.l. EffP Srl Valor mmoblar: gstr d ammstrar pr crar l valor dgl mmobl 1 Il Il U mmobl è u valor ch va prsrvato, curato, gstto matuto l tmpo. EffP è u azda ata pr forr srvz ch sostgoo l vostro. Il Valor dlla

Dettagli

Controllo di gestione per non specialisti

Controllo di gestione per non specialisti stro stro Cotrollo d gsto pr o spclst MC TEM - Rproduo vtt 1/1 stro 06 - CONTROLLO DI GESTIONE PER NON SPECILISTI Obttv Il corso prtt prtcpt d cqusr l logch orgtv l tcch su cu s bs l cotrollo d gsto d

Dettagli

Principi e Metodologie della Progettazione Meccanica

Principi e Metodologie della Progettazione Meccanica Priipi Mtodologi dll Progttzio Mi Corso dl II o dll lur spilisti i iggri i ig. F. Cp Vlutzio di opt Dsig Rviw Priipi Mtodologi dll progttzio i Vlutzio di opt U volt rlizzti gli shi di priipio è opportuo

Dettagli

Prova scritta di Analisi Matematica I - 1 febbraio 2011 Proff. B. CIFRA F. ILARI. Compito A

Prova scritta di Analisi Matematica I - 1 febbraio 2011 Proff. B. CIFRA F. ILARI. Compito A SEDE DISTACCATA DI LATINA a.a. / Prova sritta di Aalisi Matmatia I - fbbraio Proff. B. CIFRA F. ILARI Compito A COGNOME...... NOME. Matr... Corso di Laura o o o Ambit Trritorio Risors Iformazio Maia firma

Dettagli

Minimizzazione degli Stati in una Rete Sequenziale Sincrona

Minimizzazione degli Stati in una Rete Sequenziale Sincrona Minimizzzion gli Stti in un Rt Squnzil Sinron Murizio Plsi Murizio Plsi 1 Sintsi i Rti Squnzili Sinron Il proimnto gnrl i sintsi si svolg ni sgunti pssi: 1. Rlizzzion l igrmm gli stti prtir ll spifih l

Dettagli

Minimizzazione degli Stati in una macchina a stati finiti

Minimizzazione degli Stati in una macchina a stati finiti Rti Loih Sintsi i rti squnzili sinron Minimizzzion li Stti in un mhin stti initi Proimnto: Spiih Dirmm li stti Tll li stti Minimizzzion li stti Coii li stti Tll ll trnsizioni Slt lmnti i mmori Tll ll itzioni

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

1 Derivate parziali 1. 2 Regole di derivazione 5. 3 Derivabilità e continuità 7. 4 Differenziabilità 7. 5 Derivate seconde e teorema di Schwarz 8

1 Derivate parziali 1. 2 Regole di derivazione 5. 3 Derivabilità e continuità 7. 4 Differenziabilità 7. 5 Derivate seconde e teorema di Schwarz 8 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica Drivat dll funzioni di più variabili Indic Drivat parziali Rgol di drivazion 5 3 Drivabilità continuità 7 4 Diffrnziabilità 7 5 Drivat scond torma

Dettagli

RACCORDI PER APPLICAZIONI SPECIALI GIUNTI ECCENTRICI E CONICI

RACCORDI PER APPLICAZIONI SPECIALI GIUNTI ECCENTRICI E CONICI RACCORDI PER APPLICAZIONI SPECIALI GIUNTI ECCENTRICI E CONICI 2 L soluzion dimnsionl ottiml pr signz prtiolri Rordi on snz ihir Innsti on snz ihir Clssi sondo nssità Dimtro di usit vriil Collgmnto l fondo

Dettagli

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie.

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie. Rgimi di cambio In qusta lzion: Studiamo l conomia aprta nl brv nl mdio priodo. Studiamo l crisi valutari. Analizziamo brvmnt l Ar Valutari Ottimali. 279 Il mdio priodo Abbiamo visto ch gli fftti di politica

Dettagli

EQUAZIONI ESPONENZIALI -- LOGARITMI

EQUAZIONI ESPONENZIALI -- LOGARITMI Equzioi espoezili e riti pg 1 Adolfo Sioe 1998 EQUAZIONI ESPONENZIALI -- LOGARITMI Fuzioe Espoezile Dto u uero rele positivo osiderio l fuzioe f : R R he d ogi eleeto R f orrispodere l'eleeto y =. Se =

Dettagli

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale.

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale. Capitolo 2 Toria dll intgrazion scondo Rimann pr funzioni rali di una variabil ral Esistono vari tori dll intgrazion; tutt hanno com comun antnato il mtodo di saustion utilizzato dai Grci pr calcolar l

Dettagli

LE RETTIFICHE DI STORNO

LE RETTIFICHE DI STORNO Cpitolo 11 LE RETTIFICHE DI STORNO cur di Alfredo Vignò Le scritture di rettific di fine esercizio Sono composte l termine del periodo mministrtivo per inserire nel sistem vlori stimti e congetturti di

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

a e Tutte le donne del mondo sono produttrici di cibo. Più della metà di loro

a e Tutte le donne del mondo sono produttrici di cibo. Più della metà di loro Rubric: Lvoro slut Slut lvoro dll donn nl sttor grolimntr: risultti di un indgin sul cmpo Irn Figà-Tlmnc* Tutt l donn dl mondo sono produttrici di cibo. Più dll mtà di loro (53%) sono nch lvortrici dl

Dettagli

Diagrammi di Influenza (Influence Diagrams: ID)

Diagrammi di Influenza (Influence Diagrams: ID) Digrmmi di Influnz (Influnc Digrms: ID) Linguggio pr l rpprsntzion grfic di prolmi dcisionli Crttristich vntggi prmttono un rpprsntzion dll struttur gnrl dl prolm, st su un pproccio visul prmttono di formlizzr

Dettagli

Matematica 15 settembre 2009

Matematica 15 settembre 2009 Nom: Mtriol: Mtmti 5 sttmbr 2009 Non sono mmss loltrii. Pr l domnd rispost multipl, rispondr brrndo o rhindo hirmnt un un sol lttr. Pr l ltr domnd srivr l soluzion on svolgimnto ngli spzi prdisposti..

Dettagli

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli:

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli: Acidi Deboli Si definisce cido debole un cido con < 1 che risult perciò solo przilmente dissocito in soluzione. Esempi di cidi deboli: Acido cetico (H OOH) 1.75 1-5 Acido scorbico (vitmin ) 1 6.76 1-5.5

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "FERMI"

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE FERMI ISTITUTO TECNICO INDUSTIALE STATALE "EMI" TEVISO GAA NAZIONALE DI MECCANICA 212 ropost di soluzione rim rov cur di Benetton rncesco (vincitore edizione 211 unzionmento: L gru bndier girevole sopr riportt

Dettagli

8 Controllo di un antenna

8 Controllo di un antenna 8 Controllo di un ntenn L ntenn prbolic di un rdr mobile è montt in modo d consentire un elevzione compres tr e =2. Il momento d inerzi dell ntenn, Je, ed il coefficiente di ttrito viscoso, f e, che crtterizzno

Dettagli

Al personale portalettere dei CPD di Trieste. Al personale portalettere di Villa Opicina Aurisina Prosecco Santa Croce Sgonico. Trieste, 6.4.

Al personale portalettere dei CPD di Trieste. Al personale portalettere di Villa Opicina Aurisina Prosecco Santa Croce Sgonico. Trieste, 6.4. Trist, 6.4.2007 OGGETTO: Itrpllaza I corza co quato prvisto dall accordo rgioal siglato i data odira, i mrito all implmtazio dl uovo modllo orgaizzativo dl rcapito i, si ivita il prsoal i idirizzo, qualora

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città COMUNE DI BOLOGNA Dipartimnto Economia Promozion dlla Città Allgato C all Avviso pubblico pr la prsntazion di progtti di sviluppo alla Agnda Digital di Bologna Modllo di dichiarazion sul posssso di rquisiti

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

SUL MODELLO DI BLACK-SHOLES

SUL MODELLO DI BLACK-SHOLES SUL MODELLO DI BLACK-SHOLES LUCA LUSSARDI 1. La dinamica di Black-Schols Il modllo di Black-Schols pr i mrcati finanziari assum com ipotsi fondamntal ch i przzi di bni finanziari sguano una bn dtrminata

Dettagli

I segnali nelle telecomunicazioni

I segnali nelle telecomunicazioni I segli elle telecouiczioi Geerlità I segli ossoo essere rresetti el doiio del teo edite u grfico crtesio vete i scisse il teo e i ordite i vlori isttei dell'iezz del segle cosiderto. Tle grfico, detto

Dettagli

UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO)

UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO) 10.11.2010 IT Gazztta ufficial dll'union uropa C 304 A/1 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO) BANDO DI CONCORSI GENERALI EPSO/AST/109-110/10 CORRETTORI

Dettagli

PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO

PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO EUROSCUOLA ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI BIANCHI SCUOLE PARITARIE PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO CLASSI MATERIA PROF. QUARTA TURISMO Matmatica Andra Brnsco Làvor ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Grandezze, funzioni empiriche e matematiche. 1 Stabilisci se le seguenti affermazioni sono vere o false.

Grandezze, funzioni empiriche e matematiche. 1 Stabilisci se le seguenti affermazioni sono vere o false. Grnzz unzioni Grnzz, unzioni mpirih mtmtih Grnzz irttmnt invrsmnt proporzionli Applizioni ll proporzionlità Grnzz, unzioni mpirih mtmtih Stilisi s l sunti rmzioni so vr o ls. SZ. I Un rnzz è vriil s ssum

Dettagli

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio.

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio. Domnde preprzione terz prov. Considert, come esempio, l funzione nell intervllo [,], il cndidto illustri il concetto di integrle definito. INTEGRALE DEFINITO, prendendo in esme un generic funzione f()

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali Equivlenz tr equzioni di Lgrnge e problemi AM Cherubini 20 Aprile 2007 1 / 21 Problemi Mostrimo or come si possono ricvre sistemi di equzioni con struttur lgrngin in un mbito diverso: prim si er crtterizzt

Dettagli

ooperative istruzioni per l uso

ooperative istruzioni per l uso c ooprtiv istruzii pr l uso z il n z il z il il z L il z il z il z z il il z z il z il i z Cooprtiv ntrpriss build bttr world L cooprtiv costruisco un mdo miglior (slogn dll n intril dll cooprzi, 2012)

Dettagli

LEGENDA SIMBOLI NELLA COLONNA DEI TRENI

LEGENDA SIMBOLI NELLA COLONNA DEI TRENI LEGEND SMBOL NELL COLONN DE TREN s To Busss z To Euost tl lt Vlotà Q To Euost tl T To Euost Cty ~Svzo ffttuto o pullm g tusmo N To Pdolo dll Sotà Cslpo B To EuoCty svzo tzol duo D To EuoNght svzo tzol

Dettagli

Nastri modulari per trasporto

Nastri modulari per trasporto Data la vastità dlla gamma dlla lina di tappti REGINA la continua voluzion tcnologica di matriali ch carattrizza qusto sttor, riassumiamo i prodotti standard. Richidt catalogo spcifico al nostro prsonal

Dettagli

Successioni e Logica. Preparazione Gara di Febbraio 2009. Gino Carignani

Successioni e Logica. Preparazione Gara di Febbraio 2009. Gino Carignani Successioi e Logic Preprzioe Gr di Febbrio 009 Gio Crigi Progressioe ritmetic è u successioe di umeri tli che l differez tr ciscu termie e il suo precedete si u costte d (rgioe) d α α d α d K ( α )d 3

Dettagli

APPUNTI SUL MOTORE ASINCRONO TRIFASE

APPUNTI SUL MOTORE ASINCRONO TRIFASE Apputi sul otore Asicroo Trifse AUNTI SUL OTOE ASINONO TIFASE Iice. Geerlità... 2. Aspetti costruttivi... 3 3. orreti iotte, velocità i rotzioe e crtteristic meccic... 6 4. Esempi e esercizi... 7. GENEALITÀ

Dettagli