PRODOTTI IN GRAFITE DI CARBONIO Spazzole in carbonio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRODOTTI IN GRAFITE DI CARBONIO Spazzole in carbonio"

Transcript

1 PRODOTTI IN RAFITE DI CARONIO (1) (2) (3) (3) (1) (1) (4) (5) (6) (7) (8) (1) per applicazioni nell inusria generica (2) per applicazioni nel seore energeico (3) per applicazioni auomobilisiche (4) per eleroomesici (5) per micromoori (6) per uensili elerici (7) per aspirapolvere (8) con cu-off

2 Caraerisiche ei prooi con spazzole in carbonio a spazzola in carbonio svolge il ruolo fonamenale i inviare la correne elerica ra le pari roani e le pari saiche meiane conao srisciane. Poiché le presazioni ella spazzola hanno un impao noevole sul comporameno ella macchina roane, la scela ella spazzola è un faore cruciale. Nel gruppo Toyo Tanso, sviluppiamo e prouciamo spazzole in carbonio per iverse esigenze e usi, applicano la ecnologia superiore e il know-how per l assicurazione ella qualià che abbiamo sviluppao in ani anni i ricerca nel seore. I nosri prooi hanno un impao ambienale minimo e possono essere usai per mole applicazioni iverse. Eccellene resisenza all abrasione e lubrificazione auomaica Il carbonio ha proprieà i auo-lubrificazione e un basso coefficiene i ario grazie alla sruura a crisalli sraificai che lo rene alamene resisene all abrasione. Il carbonio perano è caraerizzao a una sraorinaria resisenza all abrasione e a un basso ario soo conuzione, imporane per la spazzola in carbonio. Carbonio Meallo bianco Acciaio omma Vero Conuivià superiore Con l eccellene conuivià elerica, il carbonio può offrire un livello oimale e sabile i resisivià elerica, incremenao alla selezione appropriaa i maeriali e processi prouivi in base all applicazione. Sraorinaria urabilià Il carbonio ha un basso coefficiene i espansione ermica, il che significa che ifficilmene cambia forma o qualià anche a emperaure elevae. È anche resisene all aolcimeno e alla fusione che possono verificarsi a causa ella scinillazione urane il funzionameno, inolre non fone con alri maeriali. uiabilià superiore urane il conao srisciane Rispeo al meallo conuivo in generale, la ensià apparene e il moulo i Young sono rioi nel carbonio che quini ha una guiabilià scorrimeno superiore urane il conao srisciane. Carbonio Vero Acciaio Acciaio inossiabile Oone 0 0,2 0,4 0,6 0,8 1,0 Coefficiene i ario inamico con superficie in acciaio [in emperaura ambiene ell aria] Coefficiene i espansione ermica [10-6 /K] Carbonio Silicio Alluminio Acciaio Rame Tungseno Densià apparene [g/cm 3 ] 41 Nessuna informazione nel presene caalogo può essere uilizzaa o riprooa senza il consenso i Toyo Tanso.

3 Processo i prouzione rafie, coke, nero i carbonio, ecc. egane Polvere i meallo Maeria prima Impasameno Impasameno Impasameno Polverizzazione e seacciaura Polverizzazione e seacciaura Polverizzazione e seacciaura Miscelazione Miscelazione Miscelazione Sampaggio Sampaggio Sampaggio Traameno ermico Traameno ermico Traameno ermico Traameno ermico rafiizzazione Finiura Finiura Finiura Finiura Finiura Ispezione Ispezione Ispezione Ispezione Ispezione Elerografie rafie rafie i carbonio rafie legaa a resina Rame grafie/ Argeno grafie Nessuna informazione nel presene caalogo può essere uilizzaa o riprooa senza il consenso i Toyo Tanso. 42

4 Tipi i spazzola e applicazioni: Alcuni esempi Nel gruppo Toyo Tanso, offriamo un inera gamma i spazzole: per uso nell inusria generica, per aspirapolvere, il seore auomobilisico, gli eleroomesici, i moori egli elerouensili, il seore elerico, i micromoori, ecc. Inusria generica Spazzola in carbonio Elerografie rafie legaa a resina rafie rafie i carbonio Seore elerico Seore auomobilisico Aspirapolvere Eleroomesici Elerouensili Spazzola i grafie in meallo Argeno grafie Rame grafie Micromoori, ecc. Inusria generica Seore elerico Moori a correne coninua ru Treni elerici Applicazione auomobilisica Auomobili Energia eolica Carrelli elevaori 43 Nessuna informazione nel presene caalogo può essere uilizzaa o riprooa senza il consenso i Toyo Tanso.

5 Aspirapolvere Elerouensili Aspirapolvere Smerigliarici Eleroomesici Micromoori, ecc. avarici Sampani Descrizione ei prooi Il gruppo Toyo Tanso cerca coninuamene moi per oenere presazioni superiori con le nosre spazzole per ciascuno ei iversi scopi. Fino a oggi, abbiamo sviluppao con successo una gamma i nuovi prooi, incluse spazzole rivesie speciali, spazzole in carbonio con cu-off, spazzole per le pompe el carburane elle auo e ischi in carbonio, e così via. e ischi in carbonio per pompe el carburane elle veure Il carbonio è la risposa alle mole conizioni richiese al commuaore per le pompe el carburane elle veure. Toyo Tanso ha sviluppao oimi maeriali per spazzole in carbonio e ischi al carbonio a bassa usura per il commuaore. Possiamo proporre il maeriale per spazzole in carbonio ieale secono le conizioni uso. Spazzola in carbonio con cu-off Al ermine el ciclo i via, le spazzole enono a subire una scinillazione superiore alla commuazione, ovua al eeriorameno ella pressione ella molla. a spazzola con cu-off inerrompe rapiamene la correne elerica quano la spazzola è usuraa per riurre il isinserimeno el commuaore. Toyo Tanso offre esign cu-off a secona el ipo i spazzola e ell applicazione. Spazzola per lavarici Per il moore a colleore elle lavarici a amburo sono necessarie spazzole esremamene urevoli. Toyo Tanso offre una spazzola urevole con presazioni oime anche urane il ciclo inverso ella macchina. Spazzola con rivesimeno speciale Quesa spazzola presena un soile rivesimeno in pellicola i meallo conuivo sulla superficie. Il rivesimeno serve per inerrompere la peria associaa alla resisenza elerica e gli aumeni ella emperaura senza sacrificare la uraa e le proprieà i commuazione ella spazzola. Quese spazzole sono usae nei piccoli aspirapolvere a ala velocià, moori i elerouensili, e così via. Nessuna informazione nel presene caalogo può essere uilizzaa o riprooa senza il consenso i Toyo Tanso. 44

6 Proprieà ipiche Composizione rao Densià apparene Durezza Resisivià elerica Resisenza alla flessione Coefficiene i ario Caua i ensione a conao Velocià periferica Densià i correne g/cm 3 HSC μω m MPa V m/s A/cm , M M Caraerisiche/Applicazioni uona formazione ella pellicola. Ionea per anelli colleori che generano facilmene rigaura , M M , M M , M M uona resisenza alla sgrossaura grazie alla sruura isoropa a grano fine. Ioneo per anelli colleori e moori a correne coninua a bassa capacià e bassa velocià. Come il 502, ha una buona resisenza alla sgrossaura grazie alla sruura isoropa a grana fine. Ioneo per moori a bassa/meia capacià per velocià superiori al 502. uona formazione ella pellicola. uone presazioni i commuazione. Ionea per moori a correne coninua fino a capacià meia. Elerografie Z-229 1, M M Z-256 1, M M Moeraa funzione i aeguameno ella pellicola. Ionea per moori i macine a capacià meia e ala. Migliore formazione ella pellicola rispeo al Z-229. Ionea per moori i macine a capacià meia e ala , M M , M M TH-03 1, M M A 1, H M , H M , M M Migliore effeo i aeguameno ella pellicola rispeo al 176. Ionea per moori a correne coninua fino a capacià meia. uona resisenza all usura. Ionea per moori a razione. Maeriale sanar per spazzole i commuazione. Ionea per moori a correne coninua a capacià meia. Ionea per moori a correne coninua a ala capacià e commuazione ifficile e per moori universali. Effeo i aeguameno ella pellicola. Ionea per anelli colleori con pellicola spessa. rafie 801 1, M M TR-52 1, M M uona resisenza all usura. Ionea per moori elle pompe per servoserzo. Migliori presazioni i commuazione rispeo al 788. Ionea per carrelli elevaori a 48 V o superiore. TR-19 1, M M uona resisenza all usura. Ionea per moori a colleore rifase. * Coefficiene i ario: H (alo) 0,25 o superiore M (meio) 0,20-0,25 (conizioni i misurazione/anello colleore: rame; Velocià: 9,3 m/secono; correne: 0 A) * Caua i ensione a conao M 0,5-1,0 V/unià (conizioni i misurazione/anello colleore: rame; Velocià: 9,3 m/secono; correne: CC 10 A/cm²) * I numeri suei corrisponono ai valori ipici e non sono garanii. a velocià periferica e la ensià i correne ifferiscono a secona elle conizioni ell anello colleore e el commuaore, nonché a secona elle conizioni uso. e informazioni elencae a esra e sopra rappresenano esempi generali. Prima i scegliere un prooo, consulare il nosro personale sulle paricolari esigenze. 45 Nessuna informazione nel presene caalogo può essere uilizzaa o riprooa senza il consenso i Toyo Tanso.

7 Composizione rao Densià apparene Durezza Resisivià elerica Resisenza alla flessione Coefficiene i ario Caua i ensione a conao Velocià periferica Densià i correne g/cm 3 HSC μω m MPa V m/s A/cm 2 M-90 6, , M V M-1T 6, , M V M-2T 5, ,50 80 M V Caraerisiche/Applicazioni ega i rame a resisenza elevaa. Ionea per conai e messa a erra. M-1H 6,83 6 0,04 87 M V M-1 5, ,08 42 V M-1F 5, ,15 49 V M-2H 4, ,10 34 V Elevao conenuo i rame. Aumeno ella emperaura e caua i ensione a conao molo rioi. Ionea per moori e generaori i elericià a alo renimeno. M-2HF 4, ,33 44 M V M-2 4, ,50 29 V Rame grafie I M-2F 4, ,50 44 M V M-3H 4, ,70 29 M V M-3HF 4, ,60 44 M V M-3 3, ,00 29 V Conenuo i rame vicino alla classe M1, M-2H e buona resisenza all usura. Ionea per anelli colleori e generaori a alo renimeno per macchine roani generiche. M-4 3, , M-550 2, ,50 39 M M-750 2, ,00 32 M , ,00 23 M M rao inermeio ra grafie e grafie meallica con caraerisiche i enrambe. In paricolare, ha una resisenza alla sgrossaura superiore. Applicabile per moori e generaori a basso/ meio renimeno. uona resisenza all usura. Paricolarmene ionea per anelli colleori in acciaio inossiabile. uona sabilià imensionale a emperaura elevaa. Ionea per carrelli elevaori a 48 V o inferiore. M-2T 5, ,48 65 M V M-1 5, ,10 43 V M-2 4, ,28 31 V Sessa applicazione elle preceeni M-1 e M-2. Ma non coniene piombo. MF-302 2, ,00 23 M Ionea per venole CC 12 V i auomobili. MF-501 3, , Ionea per argani CC 12 V i auomobili. MF-101 2, ,20 28 M MF-202 2, ,0 23 H M Ionea per pulirici CC 19,2 V. Rame grafie II MF-203 2, ,0 23 M MF-301 2, ,0 23 M M Ionea per pulirici CC 24 V. MF-401 2, ,0 21 M M Ionea per pulirici CC 19,2 V. MF-204 3, ,30 40 M Ionea per elerouensili CC a 7,2 V. MF-205 3, ,80 28 M Ionea per elerouensili CC a 24 V. MF-701 2, ,0 30 M M Ionea per elerouensili CC a V. MF-201 2, ,0 23 M M Ionea per macinacaffè omesici. MF-601 2, ,0 23 M M Ionea per seie a roelle eleriche. * Coefficiene i ario: H (alo) 0,25 o superiore M (meio) 0,20-0,25 (basso) 0,20 o inferiore (conizioni i misurazione/anello colleore: rame; Velocià: 9,0 m/ secono; correne: 0 A) * Caua i ensione a conao M (meio) 0,5-1,0 V/unià, (basso) 0,25-0,50 V/unià; V (molo basso): 0,25 o inferiore/unià (conizioni i misurazione/anello colleore: rame; Velocià: 9,0 m/secono; correne: CC 10 A/cm²) * I numeri suei corrisponono ai valori ipici e non sono garanii. Nessuna informazione nel presene caalogo può essere uilizzaa o riprooa senza il consenso i Toyo Tanso. 46

8 Proprieà ipiche Composizione Argeno grafie rao Densià apparene Durezza Resisivià elerica Resisenza alla flessione Coefficiene i ario Caua i ensione a conao Velocià periferica Densià i correne g/cm 3 HSC μω m MPa V m/s A/cm 2 SX-50 3, ,70 29 M V SX-70 4, ,25 40 M V SX-90 6, ,05 84 M V Caraerisiche/Applicazioni Aumeno ella emperaura e caua i ensione a conao molo rioi. Ionea per achimeri a bassa correne e conai i messa a erra. * Coefficiene i ario: M (meio) 0,20-0,25 (conizioni i misurazione/anello colleore: rame; Velocià: 9,0 m/secono; correne: 0 A) * Tensione i conao in iscesa: V (molo basso) inferiore a 0,25 V/unià (conizioni i misurazione/anello colleore: rame; Velocià: 9,0 m/s; Correne: CC 10 A/cm²) * I numeri suei corrisponono ai valori ipici e non sono garanii. Composizione rao Densià apparene Durezza Resisivià elerica Resisenza alla flessione Coefficiene i ario Caua i ensione a conao Velocià periferica Densià i correne g/cm 3 HSC μω m MPa V m/s A/cm 2 X-03 1, H Caraerisiche/Applicazioni X-09 1, H X-17 1, H X-72 1, H X-87 1, H X-88 1, H X-05 1, H X-10 1, H X-78 1, H X-80 1, H uona guiabilià. Ionea per pulirici a ala efficienza a V. Ionea per pulirici a ingresso alo a V. rafie legaa a resina X-13 1, H X-85 1, H X-89 1, H X-93 1, H X-95 1, H uone presazioni i commuazione. Ionea per pulirici a V. X-97 1, H X-11 1, VH X-73 1, VH X-91 1, VH uona presazione i commuazione. Ionea per pulirici a V. X-94 1, VH X-04 1, VH X-08 1, VH X-96 1, VH , H 25 8 uone presazioni i commuazione. Ionea per pulirici a V, moori piccoli. Ionea per cenrifughe, asciugarici. Sampabile con pressa nella imensione i 18 mm i lunghezza. * Coefficiene i ario: (basso) Inferiore a 0,20 (conizioni i misurazione/ensià i correne: CA10 A/cm²); Velocià: 20 m/secono; Pressione ella molla: 50 kpa) * Caua i ensione a conao VH (molo alo) Superiore a 3,0 V/unià; H (alo) 2,0-3,0 vol/unià (conizioni i misurazione/ensià i correne: CA10 A/cm²); Velocià: 20 m/secono; Pressione ella molla: 50 kpa) * I numeri suei corrisponono ai valori ipici e non sono garanii. 47 Nessuna informazione nel presene caalogo può essere uilizzaa o riprooa senza il consenso i Toyo Tanso.

9 Composizione rao Densià apparene Durezza Resisivià elerica Resisenza alla flessione Coefficiene i ario Caua i ensione a conao Velocià periferica Densià i correne g/cm 3 HSC μω m MPa V m/s A/cm 2 C-3 1, H , H , H Caraerisiche/Applicazioni assa resisivià comparaiva. Ionea per elerouensili a V. C-1 1, H Ionea per pulirici a 100 V-120 V e a V. TX-174 1, H S 1, H , H , H , H uone presazioni i commuazione, resisenza all usura. Ionea per elerouensili e pulirici a V e a V , H , M VH uone presazioni i commuazione e resisenza all usura , M VH Ionea per pulirici a V , M VH rafie i carbonio 122 1, M VH , M VH , M VH , M VH uone presazioni i commuazione. Ionea per elerouensili a V e lavarici. uone presazioni i commuazione e resisenza all usura. Ionea per elerouensili a V , M VH uone presazioni i commuazione e scorrimeno. Ionea per elerouensili a V e lavarici. -1 1, H 25 8 C-2 1, H C-2N 1, H Ionea per piccoli elerouensili e cenrifughe. Sampabile con caveo meiane pressa fino alla imensione i 12 mm. Ionea per piccoli elerouensili e cenrifughe. Sampabile con caveo meiane pressa fino alla imensione i 15 mm. Ionea per piccoli elerouensili e cenrifughe. Sampabile con caveo meiane pressa fino alla imensione i 15 mm. Migliore effeo i insonorizzazione e aeguameno ella pellicola rispeo al C-2. FX-08 1, H Ionea per piccoli elerouensili e cenrifughe. Sampabile con caveo meiane pressa fino alla imensione i 18 mm. Migliore effeo i insonorizzazione e aeguameno ella pellicola rispeo al C-2. * Coefficiene i ario: M (meio) 0,20-0,25; (basso) Inferiore a 0,20 (conizioni i misurazione/ensià i correne: CA10 A/cm²); Velocià: 20 m/secono; Pressione ella molla: 50 kpa) * Caua i ensione a conao VH (molo alo) Superiore a 3,0 V/unià; H (alo) 2,0-3,0 vol/unià (conizioni i misurazione/ensià i correne: CA10 A/cm²); Velocià: 20 m/secono; Pressione ella molla: 50 kpa) * I numeri suei corrisponono ai valori ipici e non sono garanii. a velocià periferica e la ensià i correne ifferiscono a secona elle conizioni ell anello colleore e el commuaore, nonché a secona elle conizioni uso. e informazioni elencae a sinisra e sopra rappresenano esempi generali. Prima i usare uno ei nosri prooi, conaare il nosro ufficio venie per oenere una consulenza sulla selezione el grao più appropriao. Nessuna informazione nel presene caalogo può essere uilizzaa o riprooa senza il consenso i Toyo Tanso. 48

10 Dai sulla progeazione Riferimeno: meoi per monare il caveo e forma ella spazzola in carbonio (JIS C2802) C1 Senza caveo C1-1 C1-2 C1-3 C1-4 C1-5 C1-6 C1-7 C1-8 C1-9 C1-10 C2 Salaura baua in polvere i rame C2-1 C2-2 C2-3 C2-4 C2-5 C2-6 C2-7 C2-8 C2-9 C2-10 C2-11 C2-12 C4-1 C4-2 C4-3 C4-4 C4-5 C4-6 C4-7 C4-8 C4-9 C4-10 C4 Tubo i rame (uno) Riveaura C4-11 C4-12 C4-13 C4-14 C4-15 C4-16 C4-17 C4-18 C4-19 C4-20 C4-21 C5 Tubo i rame (ue) Riveaura C5-1 C5-2 C5-3 C5-4 C5-5 C5-6 C5-7 C5-8 C5-9 C5-10 C5-11 C5-12 C5-13 C5-14 C5-15 C5-16 C5-17 C5-18 C6 Romboie segmenao C6-1 C6-2 C6-3 C Nessuna informazione nel presene caalogo può essere uilizzaa o riprooa senza il consenso i Toyo Tanso.

11 Tolleranza per spessore, larghezza e lunghezza (JIS C2802) e olleranze per spessore, larghezza e lunghezza ella spazzola, nonché quella elle imensioni inerne el supporo ella spazzola, sono le segueni: Unià: mm Dimensioni nominali Tolleranza i spessore/larghezza ella spazzola Tolleranza elle imensioni inerne el supporo Spazio ra spazzola e supporo Massima Minima Massima Minima Massima Minima Tolleranza ella lunghezza ella spazzola 1,6 / 2 / 2,5-0,09-0,03 +0,05 +0,01 0,14 0,04 ±0,3 3,2-0,09-0,03 +0,07 +0,02 0,16 0,05 ±0,3 4 / 5-0,11-0,03 +0,07 +0,02 0,18 0,05 ±0,3 6,3 / 8 / 10-0,11-0,03 +0,09 +0,03 0,20 0,06 ±0,3 12,5 / 16-0,13-0,04 +0,10 +0,03 0,23 0,07 ±0,5 20 / 25-0,13-0,04 +0,12 +0,04 0,25 0,08 ±0,5 32 / 40 / 50-0,15-0,05 +0,15 +0,05 0,30 0,10 ±0,8 64 / 80-0,15-0,05 +0,18 +0,06 0,33 0,11 ±0,8 100 / 125 ±1,0 * È concessa una olleranza ello spessore ella spazzola segmenaa fino a 0,02 mm se non alrimeni specificao. Tuavia, consierare che non è possibile superare le imensioni massime ella spazzola. Esempio el isplay 16 0,04 X 25 0,04 X 40 ±0,8 0,15 0,13 (ue pezzi) * Per le spazzole che hanno un espansione ermica superiore, come le spazzole in grafie meallica, le imensioni con espansione ermica elle preceeni imensioni nominali possono essere rioe applicano la olleranza anziea. Queso è a iscrezione el prouore che eve oenere un accoro in al senso con il cliene. Consierare che, in ali casi, le imensioni nominali saranno così inicae nella abella. e leere a e b negli esempi si riferiscono all espansione ermica. Esempio el isplay 16 (0,14 + a) X 25 (0,04 + a) X 40 ±0,8 (0,13 + a) (0,13 + a) * a olleranza per le imensioni inerne el supporo si applicano a spessore e larghezza ella spazzola per il supporo i forma perpenicolare. Tuavia, per le voci come suppori con gioco, che non ipenono all inervallo ra spazzola e supporo per la sabilià ella spazzola, le specifiche massime ello spessore ell inervallo possono essere moificae secono accori con il cliene. Nessuna informazione nel presene caalogo può essere uilizzaa o riprooa senza il consenso i Toyo Tanso. 50

12 Dai sulla progeazione Sruura el filo guia (JIS C2802) Sezione rasversale nominale mm 2 Diamero eserno massimo Peso minimo Valori consigliai Diamero el filo 0,05 mm Diamero el filo 0,08 mm Diamero el filo 0,10 mm Numero i fili/ iameri ei fili Calcolo ella sezione rasversale Numero i fili/ iameri ei fili Calcolo ella sezione rasversale Numero i fili/ iameri ei fili Calcolo ella sezione rasversale mm g/m mm mm 2 mm mm 2 mm mm 2 A 0,06 0,5 0,48 3/10/0,05 0,06 12/0,08 0,06 2 0,10* 0,6 0,72 3/17/0,05 0,10 20/0,08 0,10 3 0,15* 0,7 1,00 3/26/0,05 0,15 30/0,08 0,15 4 0,20* 0,8 1,40 3/34/0,05 0,20 40/0,08 0,20 4,8 0,25 1,0 2,00 3/42/0,05 0,25 3/17/0,08 0,26 5,5 0,30 1,1 2,20 3/51/0,05 0,30 3/20/0,08 0,30 6 0,35 1,1 2,80 3/60/0,05 0,35 3/23/0,08 0,35 3/15/0,10 0,35 7 0,40 1,2 2,90 3/27/0,08 0,41 3/17/0,10 0,40 8 0,50 1,3 4,00 3/33/0,08 0,50 3/21/0,10 0,49 9 0,75* 1,6 5,60 3/50/0,08 0,75 3/32/0,10 0, ,90 1,7 6,50 7/26/0,08 0,91 7/16/0,10 0, ,00 1,8 8,00 7/28/0,08 0,99 7/18/0,10 0,99 15 Riferimeno Correne consenia +15% -10% 1,25 2,0 10 7/36/0,08 1,27 7/23/0,10 1,26 17,5 1,40 2,1 11 7/40/0,08 1,41 7/25/0,10 1, ,50* 2,2 13 7/43/0,08 1,51 7/27/0,10 1, ,00 2,4 16 7/57/0,08 2,01 7/36/0,10 1, ,50 2,7 20 7/71/0,08 2,50 7/46/0,10 2, ,20 3,0 26 7/91/0,08 3,20 7/58/0,10 3, ,50 3,2 28 7/100/0,08 3,52 7/64/0,10 3, ,00 3,3 32 7/114/0,08 4,01 7/73/0,10 4, ,50 3,5 36 7/127/0,08 4,47 7/82/0,10 4, ,50 3,7 44 7/157/0,08 5,52 7/100/0,10 5, ,00 4,2 48 7/170/0,08 5,98 7/109/0,10 5, ,50 4,4 52 7/119/0,10 6, ,00 4,7 64 7/146/0,10 8, ,00 5,3 80 7/182/0,10 10, ,50 5, /7/32/0,10 12, ,00 6, /7/42/0,10 16, * Cifre basae sugli sanar JIS C3664 (IEC60228). * Il maeriale el filo guia i iamero inipenene i 0,05/0,08 mm si basa su JIS 3103 menre il filo guia i iamero inipenene i 0,10 mm si basa su JIS3102. * Se il filo guia viene inserio in un ubo, il suo spessore può essere regolao concoranolo con l uene. * Se vi è la possibilià i correne in eccesso o i capacià i raffreameno insufficiene, regolare lo spessore el filo guia concoranolo con l uene. 51 Nessuna informazione nel presene caalogo può essere uilizzaa o riprooa senza il consenso i Toyo Tanso.

13 Forma e imensioni el morseo (JIS C2802) Numero T-1 T-2 T-13 T-4 T-5 Diagrammi elle imensioni T-1 T-2 T-6 T-7 T-8 T-9 T-3 T-4 T-5 T-6 T-7 T-8 T-9 Vie i insallazione (vie merica) * Dove la olleranza non è inicaa (escluso ), è la imensione ±10% * e imensioni i T-8 possono essere 1,2 per le vii numero 4 e 5, e 1,5 per le vii numero 6 e ,5 +0,2 0,2 4 4,5 +0,3 5 5,5 +0,3 6 6,5 +0,3 8 8,5 +0, ,5 +0,3 5 5,5 +0,3 6 6,5 +0,3 8 8,5 +0,3 3 3,5 +0,2 0,2 4 4,5 +0,3 5 5,5 +0,3 6 6,5 +0,3 8 8,5 +0, ,5 +0,3 5 5,5 +0,3 6 6,5 +0,3 8 8,5 +0, ,5 +0,4 4 4,5 +0,3 5 5,5 +0,3 6 6,5 +0,3 8 8,5 +0, ,5 +0,3 Dimensioni Unià: mm 8 ± 0, ± 1 0,5 0,8 10 ± 0, ± 1 0,8 13 ± 0,4 6,5 20 ± 1 0,8 1,0 16 ± 0, ± 1 1,0 19 ± 0,5 9,5 29 ± 1 1,0 1,2 23 ± 0, ± 1 1,2 13 ± 0,8 6,5 20 ± 1,5 0,4 0,5 16 ± 0, ± 1,5 0,4 0,5 19 ± 1 9,5 29 ± 1,5 0,4 0,5 8 ± 0,3 4 > 8 0,5 0,8 10 ± 0,3 5 > 10 0,8 13 ± 0,4 6,5 > 13 0,8 1,0 16 ± 0,4 8 > 16 1,0 19 ± 0,5 9,5 > 19 1,0 1,2 23 ± 0,5 12 > 25 1,2 13 ± 0,8 6,5 20 ± 1 0,4 0,5 16 ± 0, ± 1 0,4 0,5 19 ± 1 9,5 29 ± 1 0,6 0,8 23 ± 1 11,5 35 ± 1 0,6 0,8 10 ± 1 5 > 10 0,8 1,0 14 ± 1 7 > 12 0,8 1,0 16 ± 1 8 > 14 1,0 1,2 20 ± 1 10 > 18 1,0 1,2 23 ± 1 12 > 26 1,2 Nessuna informazione nel presene caalogo può essere uilizzaa o riprooa senza il consenso i Toyo Tanso. 52

273 CAPITOLO 18: PALI DI FONDAZIONE IN CONDIZIONI DI ESERCIZIO

273 CAPITOLO 18: PALI DI FONDAZIONE IN CONDIZIONI DI ESERCIZIO 27 nrouzione Per i pali si può fare un iscorso analogo a quello viso per le fonazioni superficiali. Si è viso che nel caso elle fonazioni superficiali l analisi ella eformabilià ella sruura non poeva essere

Dettagli

Collegamenti Albero-mozzo

Collegamenti Albero-mozzo Collegameni Albero-mozzo /11/01 Obieivo: Collegare assialmene ue organi (in moo fisso o mobile) al fine i rasmeere coia orcene e quini eviare che vi sia un moo roaorio relaivo Accoiameno i forma Faore

Dettagli

Corso di Economia del Lavoro Daniele Checchi Blanchard-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15

Corso di Economia del Lavoro Daniele Checchi Blanchard-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15 Corso i Economia el Lavoro Daniele Checchi Blanchar-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15 I MERCATI FINANZIARI Esise una grane varieà i aivià finanziarie. Il risparmiaore eve scegliere in quali forme eenere

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI INDUSTRIALI

TRATTAMENTI TERMICI INDUSTRIALI RAAMENI ERMICI INDUSRIALI I principali raameni ermici degli acciai possono essere suddivisi in:.. per i quali si esegue un riscaldameno dell acciaio a > A 3 (ricoura, normalizzazione, empra).. per i quali

Dettagli

Verifica delle Deformazioni Verifica della Velocità al Contatto

Verifica delle Deformazioni Verifica della Velocità al Contatto Verifica elle Deformazioni Verifica ella Velocià al Conao Ing. Piero Bongio Lezione 4 Borghi Azio S.p.A. Via Papa Giovanni XXIII, 15 400 San Polo Enza RE Tel 05.873193 Fax 05.87367 E-Mail info@borghiazio.com

Dettagli

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo 1 Raddrizzaore - Generalià I circuii raddrizzaori uilizzano componeni come i Diodi che presenano la caraerisica di unidirezionalià, cioè permeono il passaggio della correne solo in un verso. In figura

Dettagli

RIDUTTORI EPICICLOIDALI A GIOCO RIDOTTO Accoppiamento a motori brushless, cc e standard IEC/NEMA

RIDUTTORI EPICICLOIDALI A GIOCO RIDOTTO Accoppiamento a motori brushless, cc e standard IEC/NEMA RG RIDUTTORI EPICICLOIDALI A GIOCO RIDOTTO Accoppiameno a moori brushless, cc e sandard IEC/NEMA Riduori epicicloidali RG Descrizione Carcassa monoliica in acciaio bonificao con predisposizione modulare

Dettagli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Vasi d espansione e accumuli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Vasi d espansione e accumuli FOCUS TECNICO IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMIANTI IDROSANITARI asi d espansione e accumuli RODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA Due sono i sisemi normalmene uilizzai per produrre acqua calda saniaria: quello

Dettagli

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia.

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia. Risparmio Energeico Risparmio Energeico per Scale e Tappei Mobili La riduzione dei consumi di energia proveniene dalle foni fossili non rinnovabili (perolio, carbone) è una delle priorià assolue, insieme

Dettagli

Esercitazione n 2. Morganti Nicola Matr. 642686. Molla ad elica cicilindrica

Esercitazione n 2. Morganti Nicola Matr. 642686. Molla ad elica cicilindrica ar. 64686 olla ad elica cicilindrica Eserciazione n 9 In figura è rappresenao un basameno sospeso anivibrane di una macchina nella quale viene originaa una forza perurbane alernaa sinusoidale di inensià

Dettagli

L ambiente prima di tutto

L ambiente prima di tutto ambiene prima di uo CATAOGO AMPAE ambiene prima di uo a ireiva Europea (2005/32/CE) viea da Seembre 2009 la prima iissione sul mercao di lampade ad elevao consumo energeico per uso domesico. a decisione

Dettagli

Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl. Vaso di espansione. Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G.

Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl. Vaso di espansione. Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl aso di espansione Prof. Paolo ZAZZINI Diparimeno INGEO Universià G. D Annunio Pescara www.lf.unich.i Prof. Paolo ZAZZINI Diparimeno INGEO Universià G. D Annunio

Dettagli

Inserti grip di precisione. con effetto staffante. penetrazione controllata. t= profondità di. Quota teorica da spigolo a spigolo

Inserti grip di precisione. con effetto staffante. penetrazione controllata. t= profondità di. Quota teorica da spigolo a spigolo Ialienisch Englisch G14 + G25 G14 + G25 Inseri grip di precisione con effeo saffane Caraerisiche degli inseri serie G Gli inseri di presa serie G sono doai di una superficie di arreso in grado di limiare

Dettagli

Adottando il metodo più corretto (in riferimento al Manuale di Meccanica, Hoepli) verificare la resistenza strutturale del dente.

Adottando il metodo più corretto (in riferimento al Manuale di Meccanica, Hoepli) verificare la resistenza strutturale del dente. 1) Risolvere i segueni due esercizi (empo assegnao 2h) a) Un riduore cosiuio da una coppia di ruoe nae a ni drii a proporzionameno normale ve rasmeere una poenza di 5kW. Inolre si hanno i segueni dai:

Dettagli

Spinotto autoforante Acciaio al carbonio con zincatura galvanica bianca

Spinotto autoforante Acciaio al carbonio con zincatura galvanica bianca WS EN Spinoo auoforane Acciaio al caronio con zincaura galvanica ianca 14592 SUPPORTO TECNICO Documenazione complea e consulenza personalizzaa RAPIDITA E PRECISIONE fissaggio rapido senza preforo con possiilià

Dettagli

del segnale elettrico trifase

del segnale elettrico trifase Rappresenazione del segnale elerico rifase Gli analizzaori di poenza e di energia Qualisar+ consenono di visualizzare isananeamene le caraerisiche di una ree elerica rifase. Rappresenazione emporale I

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

Lezione 15. Lezione 15. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. Sommario. Materiale di riferimento

Lezione 15. Lezione 15. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. Sommario. Materiale di riferimento Sommario Lezione 15 Converiore di ipo Flash Converiore a gradinaa Converiore a rampa Converiore ad approssimazioni successive (SA) Converiore di ipo SigmaDela Esempi di converiori preseni a bordo di mc

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

Preparare l ambiente di posa in opera

Preparare l ambiente di posa in opera Preparare l ambiene di posa in opera Prima della posa in opera, il parque deve essere conservao in ambieni asciui, con imballo inegro e chiuso, proeo da evenuali influenze dell'ambiene eserno che porebbero

Dettagli

Giorgio Porcu. Appunti di SISTEMI. ITI Elettronica Classe QUINTA

Giorgio Porcu. Appunti di SISTEMI. ITI Elettronica Classe QUINTA Giorgio Porcu Appuni di SSTEM T Eleronica lasse QUNTA Appuni di SSTEM T Eleronica - lasse QUNTA 1. TEORA DE SSTEM SSTEMA ollezione di elemeni che ineragiscono per realizzare un obieivo. l ermine è applicabile

Dettagli

funzione: trasformare un segnale ottico in un segnale elettrico;

funzione: trasformare un segnale ottico in un segnale elettrico; Foorivelaori (a semiconduore) funzione: rasformare un segnale oico in un segnale elerico; ipi: fooconduori; foodiodi (pn, pin, a valanga...) caraerisiche: modo di funzionameno; larghezza di banda; sensibilià;

Dettagli

Panoramica Motori trifase, motori trifase con freno

Panoramica Motori trifase, motori trifase con freno Panoramica oori rifase, moori rifase oori rifase oori rifase oori rifase sanarizzai (asincroni) Nmero i iri a voo ~ min 1 (ari s richiesa) 0/0 V Δ Hz, S1 e/o S3%, ISO F oori rifase: IP oori rifase : IP

Dettagli

enerbuild Costruzioni civili ed industriali Sistemi di copertura tetti gruppo ANAFGROUP

enerbuild Costruzioni civili ed industriali Sistemi di copertura tetti gruppo ANAFGROUP La casa è il bene rifugio per eccellenza, la sicurezza, l eredià da lasciare ai figli. Cosruzioni civili ed indusriali La casa, nuova da cosruire o vecchia da risruurare... La sruura indusriale, prefabbricaa

Dettagli

Si analizza la lavorazione attuale per ricavare dati sulla durata utensile. A questo scopo si utilizza la legge di Taylor:

Si analizza la lavorazione attuale per ricavare dati sulla durata utensile. A questo scopo si utilizza la legge di Taylor: Esercizio D2.1 Torniura cilindrica eserna Un ornio parallelo è arezzao con uensili in carburo e viene uilizzao per la sgrossaura di barre in C40 da Φ 32 a Φ 28. Con un rapporo di velocià corrispondene

Dettagli

Automazione Industriale AA 2002-2003 Prof. Luca Ferrarini

Automazione Industriale AA 2002-2003 Prof. Luca Ferrarini Auomazione Indusriale AA 2002-2003 Prof. Luca Ferrarini Laboraorio 1 Obieivi dell eserciazione Sviluppare modelli per la realizzazione di funzioni di auomazione Comprensione e uilizzo di Ladder Diagrams

Dettagli

Barriere paramassi rigide ed elastiche

Barriere paramassi rigide ed elastiche GeoStru Sotware www.geostru.com Barriere paramassi rigie e elastiche Le barriere paramassi a rete sono generalmente composte a una struttura intercettazione, a una struttura i sostegno, a una struttura

Dettagli

Ma nel dettaglio, come si svolge una seduta di allenamento con la metodica SPLIT SYSTEM?

Ma nel dettaglio, come si svolge una seduta di allenamento con la metodica SPLIT SYSTEM? LO SPLIT SYSTEM Di Fabio Zonin Volee oenere oimi guadagni di forza e massa e enere conemporaneamene soo conrollo la percenuale di grasso corporeo e farlo allenandovi solo per un ora re vole la seimana?

Dettagli

PERDITE, RISCALDAMENTO E RENDIMENTO NELLE MACCHINE ELETTRICHE

PERDITE, RISCALDAMENTO E RENDIMENTO NELLE MACCHINE ELETTRICHE PERDITE, RISCALDAMENTO E RENDIMENTO NELLE MACCHINE ELETTRICHE L obbieivo i qeso capiolo è realizzare na ransizione ra l analisi ei moelli maemaici necessari a escrivere le macchine eleriche e gli aspei

Dettagli

Collegamento elettrico

Collegamento elettrico Dai ecnici e descrizione ecnica RKR 3B Pellicole + Lasre di vero Foocellula a riflessione Disegno quoao i 08-2012/06 50105367 1 khz 0 1,8m 10-30 V DC A 2 LS Foocellula a riflessione con luce rossa visibile

Dettagli

GIUNTI, INNESTI, FRIZIONI, FRENI

GIUNTI, INNESTI, FRIZIONI, FRENI pro. Ing. Nazzareno Corigliano PAG. 1 GIUNTI, INNESTI, FRIZIONI, FRENI GENERALITÀ Il collegeno e quindi la rasmissione del moo ra due alberi può essere realizzao in modo permanene con i GIUNTI o in modo

Dettagli

LA MODELLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONVERSIONE DELL ENERGIA NEL MERCATO LIBERO. Sergio Rech

LA MODELLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONVERSIONE DELL ENERGIA NEL MERCATO LIBERO. Sergio Rech LA MODELLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONVERSIONE DELL ENERGIA NEL MERCATO LIBERO Sergio Rech Diparimeno di Ingegneria Indusriale Universià di Padova Mercai energeici e meodi quaniaivi: un pone ra Universià

Dettagli

IL RISCALDAMENTO DELLE MACCHINE ELETTRICHE

IL RISCALDAMENTO DELLE MACCHINE ELETTRICHE IL RISCALDAMENO DELLE MACCHINE ELERICHE Lezione 3: Riscaldameno delle macchine eleriche Fenomeni ransiori ransiorio elerico i IL RIS SCALDAM moore e m carico secondi 10-4 10-1 10-3 10 ω Θ e m ransiorio

Dettagli

SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO

SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO Lo sudio delle poliiche economiche con il modello IS-LM permee di analizzare gli effei di breve periodo delle decisioni di poliica fiscale e monearia del governo.

Dettagli

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo)

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo) V A = AMPIEZZA = lunghezza di V A ALTERNATA Proiezione di V X ISTANTE = velocià angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un inervallo di empo) DEVE ESSERE COSTANTE Angolo

Dettagli

Motori elettrici per la trazione veicolare. Vincenzo Di Dio

Motori elettrici per la trazione veicolare. Vincenzo Di Dio Moori elerici per la razione veicolare Vincenzo Di Dio Tipologie di moori elerici uilizzai per la razione veicolare Moori a correne coninua Moori a correne alernaa Sincroni Asincroni Correni eleriche e

Dettagli

Lezione n.12. Gerarchia di memoria

Lezione n.12. Gerarchia di memoria Lezione n.2 Gerarchia di memoria Sommario: Conceo di gerarchia Principio di localià Definizione di hi raio e miss raio La gerarchia di memoria Il sisema di memoria è molo criico per le presazioni del calcolaore.

Dettagli

Scrivanie regolabili Emmesystem. Per postazioni operative sempre all altezza.

Scrivanie regolabili Emmesystem. Per postazioni operative sempre all altezza. Scrivanie regolabili Emmesysem. Per posazioni operaive sempre all alezza. Con i avoli e le scrivanie regolabili Emmesysem by Emme Ialia, il uo spazio i lavoro segue le ue necessià. La massima ergonomia

Dettagli

CI/SfB. Xt6. Lugli 2013. Ancon-TS 500 Sistema di Tiranti per il settore della costruzione ETA-06/0146 EN 1090-1

CI/SfB. Xt6. Lugli 2013. Ancon-TS 500 Sistema di Tiranti per il settore della costruzione ETA-06/0146 EN 1090-1 CI/SfB Lugli 2013 X6 Ancon-TS 500 Sisema di Tirani per il seore della cosruzione ETA-06/0146 EN 1090-1 2 Ancon sviluppa e realizza prodoi in acciaio di ala affidabilià per il seore della cosruzione. La

Dettagli

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14 Universià di isa - olo della Logisica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sisemi Logisici Anno Accademico: 03/4 CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Docene: Marino Lupi

Dettagli

SENTRON. Sistema per il controllo dell'isolamento negli ambienti medico-ospedalieri. Controllori, pannelli di test e di segnalazione

SENTRON. Sistema per il controllo dell'isolamento negli ambienti medico-ospedalieri. Controllori, pannelli di test e di segnalazione SENTRON Apparecchi modulari e fusibili BT Sisema per il conrollo dell'isolameno negli ambieni medico-ospedalieri Conrollori, pannelli di es e di segnalazione Nelle sale operaorie degli ambieni ospedalieri,

Dettagli

Target standard per sensori di prossimità induttivi. Target. 1mm

Target standard per sensori di prossimità induttivi. Target. 1mm ensori i prossimità inuttivi Introuzione Principi i funzionamento ei sensori i prossimità inuttivi Bobina Oscillatore Circuito i attivazione Circuito elettrico i uscita I sensori i prossimità inuttivi

Dettagli

Sul costo dell'energia elettrica incide notevolmente la penalità per basso Fattore di Potenza

Sul costo dell'energia elettrica incide notevolmente la penalità per basso Fattore di Potenza - Soluzioni e sisemi per la razionalizzazione dei consumi energeici IL BSSO FTTORE DI POTENZ IL RIFSMENTO DEGLI IMPINTI ELETTRII Sul coso dell'energia elerica incide noevolmene la penalià per basso Faore

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DI IMBRAGATURA A CATENA PER AGGANCIARE, ACCORCIARE, SOLLEVARE

SISTEMA INTEGRATO DI IMBRAGATURA A CATENA PER AGGANCIARE, ACCORCIARE, SOLLEVARE SISTEMA INTEGRATO DI IMBRAGATURA A CATENA PER AGGANCIARE, ACCORCIARE, SOLLEVARE Isruzioni e manuenzione nuovo grado +, con poraa maggioraa del 5% rispeo al radizionale grado ; allungameno minimo a roura

Dettagli

PROPRIETÀ ENERGETICHE DEI BIPOLI

PROPRIETÀ ENERGETICHE DEI BIPOLI CAPITOLO 4 PROPRIETÀ ENERGETICHE DEI BIPOLI 4.1 Poenza elerica. Conservazione delle poenze eleriche. Si consideri un circuio N con b bipoli e siano i 1 i 2 i b le correni e v 1 v 2 v b le ensioni; per

Dettagli

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere DIPRTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Modello di Solow (1) 1 a. a. 2015-2016 ppuni dalle lezioni. Uso riservao Maurizio Zenezini Consideriamo un economia (chiusa e senza inerveno dello sao) in cui viene prodoo

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Universià di Napoli Parenope Facolà di Ingegneria Corso di Comunicazioni Elerice docene: Prof. Vio Pascazio a Lezione: 7/04/003 Sommario Caraerizzazione energeica di processi aleaori Processi aleaori nel

Dettagli

Trasformazioni di Galileo

Trasformazioni di Galileo Principio di Relaivià Risrea (peciale) e si sceglie un dr rispeo al uale le leggi della fisica sono scrie nella forma più semplice (dr ineriale) allora le sesse leggi valgono in ualunue alro dr in moo

Dettagli

Regolatori switching

Regolatori switching 2 A4 Regolaori swiching I regolaori di ensione lineari hanno il grave difeo di non consenire il raggiungimeno di valori di efficienza paricolarmene elevai. Infai, in quese archieure gli elemeni di regolazione

Dettagli

( n i c e t o m e t a ) www.metaformazione.it

( n i c e t o m e t a ) www.metaformazione.it ( n i c e o m e a ) www.meaformazione.i www.meaformazione.i ( n i c e o m e a ) Le aziende sono sisemi con specificià e paricolarià che le rendono uniche. Come accerarsi della compaibilià ra formazione

Dettagli

ELENCO FILTRI DI USCITA INVERTER. Prodotti considerati:

ELENCO FILTRI DI USCITA INVERTER. Prodotti considerati: Moori, azionameni, accessori e servizi per l'auomazione EENCO FITRI DI USCITA INVERTER PER A RIDUZIONE DE dv/dt della ensione di uscia ( riduzione della ensione di modo comune e differenziale) Prodoi considerai:

Dettagli

Fisica Generale Modulo di Fisica II A.A. 2014-15 Esercitazione 7 CIRCUITI IN REGIME SINUSOIDALE

Fisica Generale Modulo di Fisica II A.A. 2014-15 Esercitazione 7 CIRCUITI IN REGIME SINUSOIDALE Fisica Generale Modulo di Fisica II A.A. 4-5 Eserciazione 7 CICUII IN EGIME SINUSOIDALE Fa. Un generaore di correne alernaa con volaggio massimo di 4 e frequenza di 5 Hz è collegao a una resisenza 65 Ω.

Dettagli

Salvataggi (dal questionario sui gruppi)

Salvataggi (dal questionario sui gruppi) PAOLO BECHERUCCI www.raid.i Salvaaggi (dal quesionario sui gruppi) Ricordiamoci delle norme sulla Privacy!!! Vengono eseguii dei backup dei dai? regolarmene in modo manuale 46% non regolarmene 3% regolarmene

Dettagli

Azionamenti Elettrici

Azionamenti Elettrici Azionameni Elerici 2.4. CONVERTITORI DC/DC... 33 2.4.1. Conrollo dei converiori DC/DC... 33 2.4.2. FullBridge converer (DC/DC)... 34 2.4.2.1. PWM con commuazione di ensione bipolare...35 2.4.2.2. PWM con

Dettagli

l M DA 03/09/07 Termonovela in 17 puntate

l M DA 03/09/07 Termonovela in 17 puntate a e i a d l a c e n e l o i a z a M s n? e o d n n a o s c n e d n o c e s ì S 1 ermonovela in 17 puntate DAI ERMODINAMICI RELAIVI ALLA CONDENSAZIONE BRUCIANDO 1 m3 DI GAS SI OIENE: 8127 Kcal + 1,55 Kg

Dettagli

Le biotecnologie Definizione Classificazione Biotecnologie tradizionali respirazione fermentazione ossidoriduzioni

Le biotecnologie Definizione Classificazione Biotecnologie tradizionali respirazione fermentazione ossidoriduzioni Le bioecnologie Definizione Per bioecnologie si inendono quei processi indusriali che sfruano la capacià di paricolari sisemi biologici (microrganismi viveni o semplici enzimi) di produrre sosanze di ineresse

Dettagli

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO Nel dominio del empo le variabili sono esaminae secondo la loro evoluzione emporale. Normalmene si esamina la risposa del sisema a un segnale di prova canonico, cioè si sollecia

Dettagli

Manuale d'istruzioni LIGNATUR. L elemento portante. In Legno. V. Edizione

Manuale d'istruzioni LIGNATUR. L elemento portante. In Legno. V. Edizione V. Eizione L eleeno porane. In Legno. Manuale 'isruzioni LIGNATUR Sono esclusi ui i irii erivai all'uilizzo ei ai rasessi. È severaene vieaa la riprouzione i queso anuale, in uo o in pare, senza previa

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI A.A. 2013/14 Eserciazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepio, nel corso dell anno correne, i segueni reddii: - Reddii da lavoro dipendene

Dettagli

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1 La programmazione aggregaa nella supply chain La programmazione aggregaa nella supply chain 1 Linea guida Il ruolo della programmazione aggregaa nella supply chain Il problema della programmazione aggregaa

Dettagli

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice Eserciazione 7: Modelli di crescia: arimeica, geomerica, esponenziale. Calcolo del asso di crescia e del empo di raddoppio. Popolazione sabile e sazionaria. Viviana Amai 03/06/200 Modelli di crescia Nella

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

Un po di teoria. cos è un condensatore?

Un po di teoria. cos è un condensatore? Sudio sperimenale del processo di carica e scarica di un condensaore cos è un condensaore? Un po di eoria Un condensaore è un sisema di due conduori affacciai, dei armaure, separai da un isolane. Esso

Dettagli

ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES

ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES 1. Irpef 1) Dopo avere definio il conceo di progressivià delle impose, si indichino le modalià per la realizzazione di un sisema di impose progressivo. 2) Il signor

Dettagli

Progetto di un solaio in legno a semplice orditura (a cura di: ing. E. Grande)

Progetto di un solaio in legno a semplice orditura (a cura di: ing. E. Grande) Progetto i un solaio in legno a semplice oritura (a cura i: ing. E. Grane) 1. PREMESSA Il presente elaborato concerne la progettazione i un solaio in legno a semplice oritura con estinazione uso i civile

Dettagli

ITI GALILEO FERRARIS S. GIOVANNI LA PUNTA APPUNTI DI TELECOMUNICAZIONI PER IL 5 ANNO IND. ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI

ITI GALILEO FERRARIS S. GIOVANNI LA PUNTA APPUNTI DI TELECOMUNICAZIONI PER IL 5 ANNO IND. ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI ITI GALILEO FERRARIS S. GIOVANNI LA PUNTA APPUNTI DI TELECOMUNICAZIONI PER IL 5 ANNO IND. ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI Prof. Ing. R. M. Poro A cura della TELECOMUNICAZIONI Con il ermine elecomunicazioni

Dettagli

CI/SfB Xt6. Lugli 2013 (Versione 3) Sistema di tiranti e compressione per l Industria delle Costruzioni ETA-06/0146 EN 1090-1

CI/SfB Xt6. Lugli 2013 (Versione 3) Sistema di tiranti e compressione per l Industria delle Costruzioni ETA-06/0146 EN 1090-1 CI/SfB X6 Lugli 2013 (Versione 3) Sisema di irani e compressione per l Indusria delle Cosruzioni ETA-06/0146 EN 1090-1 2 Ancon progea e fabbrica prodoi in acciaio per l indusria edile. Araverso coninui

Dettagli

Economia e gestione delle imprese - 07. Sommario. Liquidità e solvibilità

Economia e gestione delle imprese - 07. Sommario. Liquidità e solvibilità Economia e gesione delle imprese - 07 Obieivi: Descrivere i processi operaivi della gesione finanziaria nel coneso aziendale. Analizzare le decisioni di invesimeno. Analizzare le decisioni di finanziameno.

Dettagli

3 CORRENTE ELETTRICA E CIRCUITI

3 CORRENTE ELETTRICA E CIRCUITI 3 ONT LTT UT lessandro ola Descrizione dell esperienza di Galvani Nel 79 il medico bolognese Luigi Galvani nell ambio dello sudio delle azioni eleriche sugli organi animali osservò che occando con uno

Dettagli

ISOLAMENTO ACUSTICO CAPITOLO 13. 13.1 Generalità

ISOLAMENTO ACUSTICO CAPITOLO 13. 13.1 Generalità CAPITOLO 3 IOLAMENTO ACUTICO 3. Generalià Conenere l enià di suoni e rumori eserni rasmessi all inerno di ambieni araverso i confini che li delimiano (parei perimerali, ramezzi e solai) è quesione di grande

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Ingegneria Corso di Tecnica dll delle Costruzioni i I Modulo A/A 2007-0808

Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Ingegneria Corso di Tecnica dll delle Costruzioni i I Modulo A/A 2007-0808 LEZIONE N 4 STATO LIITE ULTIO DI TORSIONE Posizione del problema La orsione di ravi in c.a - I sadio: il comporameno elasico la orsione nelle sezioni monoconnesse La orsione nelle sezioni biconnesse La

Dettagli

Catalogo tecnico boccole autolubrificanti e rilubrificabili

Catalogo tecnico boccole autolubrificanti e rilubrificabili MBI METAL BUSHINGS ITALIA - MBI METAL BUSHINGS ITALIA Catalogo tecnico boccole autolubrificanti e rilubrificabili 1 MBI METAL BUSHINGS ITALIA - MBI METAL BUSHINGS ITALIA e Il nuovo materiale privo i piombo

Dettagli

I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta

I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta I mercai dei beni e i mercai finanziari in economia apera Economia apera Mercai dei beni: l opporunià per i consumaori e le imprese di scegliere ra beni nazionali e beni eseri. Mercai delle aivià finanziarie:

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO IV FACOLTÀ Ingegneria Aerospaziale Fisica Sperimentale A+B - I Appello 16 Luglio 2007

POLITECNICO DI MILANO IV FACOLTÀ Ingegneria Aerospaziale Fisica Sperimentale A+B - I Appello 16 Luglio 2007 POLIECNICO DI ILNO IV FCOLÀ Ingegneria erospaziale Fisica Sperimenale + - I ppello 6 Luglio 007 Giusificare le rispose e scriere in modo chiaro e leggibile. Sosiuire i alori numerici solo alla fine, dopo

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

Linea sistemi di tubazioni/ linea raccorderia Acciaio

Linea sistemi di tubazioni/ linea raccorderia Acciaio Prestabo IT / Catalogo 0 Con riserva i moifiche. Linea sistemi i tubazioni/ linea raccoreria Acciaio F Sistema a pressare con raccori a pressare e tubi i acciaio al carbonio non legato.0308 (E3), secono

Dettagli

CAPITOLO I GENERALITA SUL SISTEMA ELETTRICO PER L ENERGIA

CAPITOLO I GENERALITA SUL SISTEMA ELETTRICO PER L ENERGIA CAPITOLO I GENERALITA SUL SISTEMA ELETTRICO PER L ENERGIA 1. Inroduzione Il rasferimeno dell energia elerica dai luoghi in cui viene prodoa a quelli in cui viene uilizzaa avviene, salvo casi paricolari,

Dettagli

Telecontrollo via internet del processo SBR con tecniche di intelligenza artificiale

Telecontrollo via internet del processo SBR con tecniche di intelligenza artificiale Universià degli Sudi di Firenze Facolà di Ingegneria Tesi di laurea magisrale in Ingegneria per l'ambiene e il Terriorio 20 Aprile 2006 Teleconrollo via inerne del processo SBR con ecniche di inelligenza

Dettagli

C R CARICO. Fig. 2.1 - Sistema meccanico

C R CARICO. Fig. 2.1 - Sistema meccanico 2 DINAMIA DEL SISTEMA MOTOE AIO 2. Equazione di equilibrio meccanico Nel caso di movimeno roaorio, che rappresena il caso più comune nel campo degli azionameni elerici, il moore ed il relaivo carico azionao

Dettagli

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati L FIME a.a. 8-9 9 eoria elle opzioni e Prooi sruurai Giorgio onsigli giorgio.consigli@unibg.i Uff 58 ricevimeno merc:.-3. Programma. Mercao elle opzioni e conrai erivai. eoria elle opzioni 3. ecniche i

Dettagli

Criteri di dimensionamento per cilindri e servocilindri

Criteri di dimensionamento per cilindri e servocilindri www.atos.com Tabella -2/I Criteri i imensionamento per cilinri e servocilinri SWC Cyliners esigner SWC è un ottimo software per la progettazione veloce e efficace ei Cilinri e Servocilinri Atos, isponibile

Dettagli

Molle Costruzione di Macchine_ MOLLE

Molle Costruzione di Macchine_ MOLLE OLLE Nella cosruzione di macchine sono uilizzae er: Aenuare gli eei di uri Esalare o ridurre gli eei vibraori Riorare alla osizione iniziale un elemeno di macchina A seconda del io di solleciazione, si

Dettagli

Regime dinamico nel dominio del tempo

Regime dinamico nel dominio del tempo egime dinamico nel dominio del empo Appuni a cura dell Ingg. Basoccu Gian Piero e Marras Luca Tuors del corso di LTTOTNIA per meccanici e chimici A. A 3/4 e 4/5 Ulimo aggiornameno // Appuni a cura degli

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO SIMULAZIONE DELLA II PROVA A.S. 014-15 Indirizzo: SCIENTIFICO Tema di: MATEMATICA 1 Nome del candidao Classe Il candidao risolva uno dei due problemi; il problema da

Dettagli

GENERALITA SULLE MACCHINE ELETTRICHE

GENERALITA SULLE MACCHINE ELETTRICHE GENERALITA SULLE MACCHINE ELETTRICHE Una macchina è un organo che assorbe energia di un deerminao ipo e la rasforma in energia di un alro ipo. Energia in Energia in MACCHINA ingresso uscia Energia dispersa

Dettagli

Sviluppare una metodologia di analisi per valutare la convenienza economica di un nuovo investimento, tenendo conto di alcuni fattori rilevanti:

Sviluppare una metodologia di analisi per valutare la convenienza economica di un nuovo investimento, tenendo conto di alcuni fattori rilevanti: Analisi degli Invesimeni Obieivo: Sviluppare una meodologia di analisi per valuare la convenienza economica di un nuovo invesimeno, enendo cono di alcuni faori rilevani: 1. Dimensione emporale. 2. Grado

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale Teoria della Finanza Aziendale Rischio e Valuazione degli invesimeni 9 1-2 Argomeni raai Coso del capiale aziendale e di progeo Misura del bea Coso del capiale e imprese diversificae Rischio e flusso di

Dettagli

Si trova all interno dell unità centrale e su di essa sono montati la maggior parte dei dispositivi che compongono il PC.

Si trova all interno dell unità centrale e su di essa sono montati la maggior parte dei dispositivi che compongono il PC. 2008-10-07 - pagina 1 di 9 PC Deskop Il PC da scrivania in una configurazione minima è cosiuio da: Unià cenrale con unià di memorizzazione ed elaborazione Tasiera Mouse Monior Unià cenrale Nell unià cenrale

Dettagli

FONDAMENTI DIINFORMATICA LA MEMORIA. Lezione n. 13

FONDAMENTI DIINFORMATICA LA MEMORIA. Lezione n. 13 FONDAMENTI DIINFORMATICA Lezione n. 13 MEMORIE VLSI, MEMORIE MAGNETICHE EVOLUZIONE, COSTI, CAPACITÀ, PRESTAZIONI PRINCIPIO DI LOCALITÀ CONCETTI DI BASE E TECNOLOGIA DELLE MEMORIE DEFINIZIONE DI HIT RATIO

Dettagli

Controllo di processo e automazione

Controllo di processo e automazione 6.5 Conrollo di processo e auomazione 6.5. Inroduzione L auomazione e il conrollo di processo sono essenziali per il funzionameno sicuro e reddiizio degli impiani perolchimici e di raffinazione. Di seguio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "TOR VERGATA"

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA UNIVRSITÀ DGLI STUDI DI ROMA "TOR VRGATA" FACOLTÀ DI INGGNRIA Corso di Tecnica delle Cosruzioni Meccaniche Richiami di Teoria dei Laminai Modelli di calcolo applicai allo sudio di Imballaggi in Carone

Dettagli

4 Il Canale Radiomobile

4 Il Canale Radiomobile Pare IV G. Reali: Il canale radiomobile 4 Il Canale Radiomobile 4.1 INTRODUZIONE L evoluzione fondamenale nella filisofia di progeo delle rei di comunicazione indoor è il passaggio dalla modalià di rasmissione

Dettagli

Modulo. Muri di sostegno

Modulo. Muri di sostegno odulo uri di sosegno. - Generalià sui muri di sosegno pag.. Azioni saice sul muro pag. 5. Azioni provocae dal sisma pag. 7.4 - Verifice pag..4. - Verifice del complesso muro + fondazione pag. 4.4. - Verifica

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

La volatilità delle attività finanziarie

La volatilità delle attività finanziarie 4.30 4.5 4.0 4.5 4.0 4.05 4.00 3.95 3.90 3.85 3.80 3.75 3.70 3.65 3.60 3.55 3.50 3.45 3.40 3.35 3.30 3.5 3.0 3.5 3.0 3.05 3.00.95.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00.95.90.85.80.75.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00

Dettagli