PRODOTTI IN GRAFITE DI CARBONIO Spazzole in carbonio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRODOTTI IN GRAFITE DI CARBONIO Spazzole in carbonio"

Transcript

1 PRODOTTI IN RAFITE DI CARONIO (1) (2) (3) (3) (1) (1) (4) (5) (6) (7) (8) (1) per applicazioni nell inusria generica (2) per applicazioni nel seore energeico (3) per applicazioni auomobilisiche (4) per eleroomesici (5) per micromoori (6) per uensili elerici (7) per aspirapolvere (8) con cu-off

2 Caraerisiche ei prooi con spazzole in carbonio a spazzola in carbonio svolge il ruolo fonamenale i inviare la correne elerica ra le pari roani e le pari saiche meiane conao srisciane. Poiché le presazioni ella spazzola hanno un impao noevole sul comporameno ella macchina roane, la scela ella spazzola è un faore cruciale. Nel gruppo Toyo Tanso, sviluppiamo e prouciamo spazzole in carbonio per iverse esigenze e usi, applicano la ecnologia superiore e il know-how per l assicurazione ella qualià che abbiamo sviluppao in ani anni i ricerca nel seore. I nosri prooi hanno un impao ambienale minimo e possono essere usai per mole applicazioni iverse. Eccellene resisenza all abrasione e lubrificazione auomaica Il carbonio ha proprieà i auo-lubrificazione e un basso coefficiene i ario grazie alla sruura a crisalli sraificai che lo rene alamene resisene all abrasione. Il carbonio perano è caraerizzao a una sraorinaria resisenza all abrasione e a un basso ario soo conuzione, imporane per la spazzola in carbonio. Carbonio Meallo bianco Acciaio omma Vero Conuivià superiore Con l eccellene conuivià elerica, il carbonio può offrire un livello oimale e sabile i resisivià elerica, incremenao alla selezione appropriaa i maeriali e processi prouivi in base all applicazione. Sraorinaria urabilià Il carbonio ha un basso coefficiene i espansione ermica, il che significa che ifficilmene cambia forma o qualià anche a emperaure elevae. È anche resisene all aolcimeno e alla fusione che possono verificarsi a causa ella scinillazione urane il funzionameno, inolre non fone con alri maeriali. uiabilià superiore urane il conao srisciane Rispeo al meallo conuivo in generale, la ensià apparene e il moulo i Young sono rioi nel carbonio che quini ha una guiabilià scorrimeno superiore urane il conao srisciane. Carbonio Vero Acciaio Acciaio inossiabile Oone 0 0,2 0,4 0,6 0,8 1,0 Coefficiene i ario inamico con superficie in acciaio [in emperaura ambiene ell aria] Coefficiene i espansione ermica [10-6 /K] Carbonio Silicio Alluminio Acciaio Rame Tungseno Densià apparene [g/cm 3 ] 41 Nessuna informazione nel presene caalogo può essere uilizzaa o riprooa senza il consenso i Toyo Tanso.

3 Processo i prouzione rafie, coke, nero i carbonio, ecc. egane Polvere i meallo Maeria prima Impasameno Impasameno Impasameno Polverizzazione e seacciaura Polverizzazione e seacciaura Polverizzazione e seacciaura Miscelazione Miscelazione Miscelazione Sampaggio Sampaggio Sampaggio Traameno ermico Traameno ermico Traameno ermico Traameno ermico rafiizzazione Finiura Finiura Finiura Finiura Finiura Ispezione Ispezione Ispezione Ispezione Ispezione Elerografie rafie rafie i carbonio rafie legaa a resina Rame grafie/ Argeno grafie Nessuna informazione nel presene caalogo può essere uilizzaa o riprooa senza il consenso i Toyo Tanso. 42

4 Tipi i spazzola e applicazioni: Alcuni esempi Nel gruppo Toyo Tanso, offriamo un inera gamma i spazzole: per uso nell inusria generica, per aspirapolvere, il seore auomobilisico, gli eleroomesici, i moori egli elerouensili, il seore elerico, i micromoori, ecc. Inusria generica Spazzola in carbonio Elerografie rafie legaa a resina rafie rafie i carbonio Seore elerico Seore auomobilisico Aspirapolvere Eleroomesici Elerouensili Spazzola i grafie in meallo Argeno grafie Rame grafie Micromoori, ecc. Inusria generica Seore elerico Moori a correne coninua ru Treni elerici Applicazione auomobilisica Auomobili Energia eolica Carrelli elevaori 43 Nessuna informazione nel presene caalogo può essere uilizzaa o riprooa senza il consenso i Toyo Tanso.

5 Aspirapolvere Elerouensili Aspirapolvere Smerigliarici Eleroomesici Micromoori, ecc. avarici Sampani Descrizione ei prooi Il gruppo Toyo Tanso cerca coninuamene moi per oenere presazioni superiori con le nosre spazzole per ciascuno ei iversi scopi. Fino a oggi, abbiamo sviluppao con successo una gamma i nuovi prooi, incluse spazzole rivesie speciali, spazzole in carbonio con cu-off, spazzole per le pompe el carburane elle auo e ischi in carbonio, e così via. e ischi in carbonio per pompe el carburane elle veure Il carbonio è la risposa alle mole conizioni richiese al commuaore per le pompe el carburane elle veure. Toyo Tanso ha sviluppao oimi maeriali per spazzole in carbonio e ischi al carbonio a bassa usura per il commuaore. Possiamo proporre il maeriale per spazzole in carbonio ieale secono le conizioni uso. Spazzola in carbonio con cu-off Al ermine el ciclo i via, le spazzole enono a subire una scinillazione superiore alla commuazione, ovua al eeriorameno ella pressione ella molla. a spazzola con cu-off inerrompe rapiamene la correne elerica quano la spazzola è usuraa per riurre il isinserimeno el commuaore. Toyo Tanso offre esign cu-off a secona el ipo i spazzola e ell applicazione. Spazzola per lavarici Per il moore a colleore elle lavarici a amburo sono necessarie spazzole esremamene urevoli. Toyo Tanso offre una spazzola urevole con presazioni oime anche urane il ciclo inverso ella macchina. Spazzola con rivesimeno speciale Quesa spazzola presena un soile rivesimeno in pellicola i meallo conuivo sulla superficie. Il rivesimeno serve per inerrompere la peria associaa alla resisenza elerica e gli aumeni ella emperaura senza sacrificare la uraa e le proprieà i commuazione ella spazzola. Quese spazzole sono usae nei piccoli aspirapolvere a ala velocià, moori i elerouensili, e così via. Nessuna informazione nel presene caalogo può essere uilizzaa o riprooa senza il consenso i Toyo Tanso. 44

6 Proprieà ipiche Composizione rao Densià apparene Durezza Resisivià elerica Resisenza alla flessione Coefficiene i ario Caua i ensione a conao Velocià periferica Densià i correne g/cm 3 HSC μω m MPa V m/s A/cm , M M Caraerisiche/Applicazioni uona formazione ella pellicola. Ionea per anelli colleori che generano facilmene rigaura , M M , M M , M M uona resisenza alla sgrossaura grazie alla sruura isoropa a grano fine. Ioneo per anelli colleori e moori a correne coninua a bassa capacià e bassa velocià. Come il 502, ha una buona resisenza alla sgrossaura grazie alla sruura isoropa a grana fine. Ioneo per moori a bassa/meia capacià per velocià superiori al 502. uona formazione ella pellicola. uone presazioni i commuazione. Ionea per moori a correne coninua fino a capacià meia. Elerografie Z-229 1, M M Z-256 1, M M Moeraa funzione i aeguameno ella pellicola. Ionea per moori i macine a capacià meia e ala. Migliore formazione ella pellicola rispeo al Z-229. Ionea per moori i macine a capacià meia e ala , M M , M M TH-03 1, M M A 1, H M , H M , M M Migliore effeo i aeguameno ella pellicola rispeo al 176. Ionea per moori a correne coninua fino a capacià meia. uona resisenza all usura. Ionea per moori a razione. Maeriale sanar per spazzole i commuazione. Ionea per moori a correne coninua a capacià meia. Ionea per moori a correne coninua a ala capacià e commuazione ifficile e per moori universali. Effeo i aeguameno ella pellicola. Ionea per anelli colleori con pellicola spessa. rafie 801 1, M M TR-52 1, M M uona resisenza all usura. Ionea per moori elle pompe per servoserzo. Migliori presazioni i commuazione rispeo al 788. Ionea per carrelli elevaori a 48 V o superiore. TR-19 1, M M uona resisenza all usura. Ionea per moori a colleore rifase. * Coefficiene i ario: H (alo) 0,25 o superiore M (meio) 0,20-0,25 (conizioni i misurazione/anello colleore: rame; Velocià: 9,3 m/secono; correne: 0 A) * Caua i ensione a conao M 0,5-1,0 V/unià (conizioni i misurazione/anello colleore: rame; Velocià: 9,3 m/secono; correne: CC 10 A/cm²) * I numeri suei corrisponono ai valori ipici e non sono garanii. a velocià periferica e la ensià i correne ifferiscono a secona elle conizioni ell anello colleore e el commuaore, nonché a secona elle conizioni uso. e informazioni elencae a esra e sopra rappresenano esempi generali. Prima i scegliere un prooo, consulare il nosro personale sulle paricolari esigenze. 45 Nessuna informazione nel presene caalogo può essere uilizzaa o riprooa senza il consenso i Toyo Tanso.

7 Composizione rao Densià apparene Durezza Resisivià elerica Resisenza alla flessione Coefficiene i ario Caua i ensione a conao Velocià periferica Densià i correne g/cm 3 HSC μω m MPa V m/s A/cm 2 M-90 6, , M V M-1T 6, , M V M-2T 5, ,50 80 M V Caraerisiche/Applicazioni ega i rame a resisenza elevaa. Ionea per conai e messa a erra. M-1H 6,83 6 0,04 87 M V M-1 5, ,08 42 V M-1F 5, ,15 49 V M-2H 4, ,10 34 V Elevao conenuo i rame. Aumeno ella emperaura e caua i ensione a conao molo rioi. Ionea per moori e generaori i elericià a alo renimeno. M-2HF 4, ,33 44 M V M-2 4, ,50 29 V Rame grafie I M-2F 4, ,50 44 M V M-3H 4, ,70 29 M V M-3HF 4, ,60 44 M V M-3 3, ,00 29 V Conenuo i rame vicino alla classe M1, M-2H e buona resisenza all usura. Ionea per anelli colleori e generaori a alo renimeno per macchine roani generiche. M-4 3, , M-550 2, ,50 39 M M-750 2, ,00 32 M , ,00 23 M M rao inermeio ra grafie e grafie meallica con caraerisiche i enrambe. In paricolare, ha una resisenza alla sgrossaura superiore. Applicabile per moori e generaori a basso/ meio renimeno. uona resisenza all usura. Paricolarmene ionea per anelli colleori in acciaio inossiabile. uona sabilià imensionale a emperaura elevaa. Ionea per carrelli elevaori a 48 V o inferiore. M-2T 5, ,48 65 M V M-1 5, ,10 43 V M-2 4, ,28 31 V Sessa applicazione elle preceeni M-1 e M-2. Ma non coniene piombo. MF-302 2, ,00 23 M Ionea per venole CC 12 V i auomobili. MF-501 3, , Ionea per argani CC 12 V i auomobili. MF-101 2, ,20 28 M MF-202 2, ,0 23 H M Ionea per pulirici CC 19,2 V. Rame grafie II MF-203 2, ,0 23 M MF-301 2, ,0 23 M M Ionea per pulirici CC 24 V. MF-401 2, ,0 21 M M Ionea per pulirici CC 19,2 V. MF-204 3, ,30 40 M Ionea per elerouensili CC a 7,2 V. MF-205 3, ,80 28 M Ionea per elerouensili CC a 24 V. MF-701 2, ,0 30 M M Ionea per elerouensili CC a V. MF-201 2, ,0 23 M M Ionea per macinacaffè omesici. MF-601 2, ,0 23 M M Ionea per seie a roelle eleriche. * Coefficiene i ario: H (alo) 0,25 o superiore M (meio) 0,20-0,25 (basso) 0,20 o inferiore (conizioni i misurazione/anello colleore: rame; Velocià: 9,0 m/ secono; correne: 0 A) * Caua i ensione a conao M (meio) 0,5-1,0 V/unià, (basso) 0,25-0,50 V/unià; V (molo basso): 0,25 o inferiore/unià (conizioni i misurazione/anello colleore: rame; Velocià: 9,0 m/secono; correne: CC 10 A/cm²) * I numeri suei corrisponono ai valori ipici e non sono garanii. Nessuna informazione nel presene caalogo può essere uilizzaa o riprooa senza il consenso i Toyo Tanso. 46

8 Proprieà ipiche Composizione Argeno grafie rao Densià apparene Durezza Resisivià elerica Resisenza alla flessione Coefficiene i ario Caua i ensione a conao Velocià periferica Densià i correne g/cm 3 HSC μω m MPa V m/s A/cm 2 SX-50 3, ,70 29 M V SX-70 4, ,25 40 M V SX-90 6, ,05 84 M V Caraerisiche/Applicazioni Aumeno ella emperaura e caua i ensione a conao molo rioi. Ionea per achimeri a bassa correne e conai i messa a erra. * Coefficiene i ario: M (meio) 0,20-0,25 (conizioni i misurazione/anello colleore: rame; Velocià: 9,0 m/secono; correne: 0 A) * Tensione i conao in iscesa: V (molo basso) inferiore a 0,25 V/unià (conizioni i misurazione/anello colleore: rame; Velocià: 9,0 m/s; Correne: CC 10 A/cm²) * I numeri suei corrisponono ai valori ipici e non sono garanii. Composizione rao Densià apparene Durezza Resisivià elerica Resisenza alla flessione Coefficiene i ario Caua i ensione a conao Velocià periferica Densià i correne g/cm 3 HSC μω m MPa V m/s A/cm 2 X-03 1, H Caraerisiche/Applicazioni X-09 1, H X-17 1, H X-72 1, H X-87 1, H X-88 1, H X-05 1, H X-10 1, H X-78 1, H X-80 1, H uona guiabilià. Ionea per pulirici a ala efficienza a V. Ionea per pulirici a ingresso alo a V. rafie legaa a resina X-13 1, H X-85 1, H X-89 1, H X-93 1, H X-95 1, H uone presazioni i commuazione. Ionea per pulirici a V. X-97 1, H X-11 1, VH X-73 1, VH X-91 1, VH uona presazione i commuazione. Ionea per pulirici a V. X-94 1, VH X-04 1, VH X-08 1, VH X-96 1, VH , H 25 8 uone presazioni i commuazione. Ionea per pulirici a V, moori piccoli. Ionea per cenrifughe, asciugarici. Sampabile con pressa nella imensione i 18 mm i lunghezza. * Coefficiene i ario: (basso) Inferiore a 0,20 (conizioni i misurazione/ensià i correne: CA10 A/cm²); Velocià: 20 m/secono; Pressione ella molla: 50 kpa) * Caua i ensione a conao VH (molo alo) Superiore a 3,0 V/unià; H (alo) 2,0-3,0 vol/unià (conizioni i misurazione/ensià i correne: CA10 A/cm²); Velocià: 20 m/secono; Pressione ella molla: 50 kpa) * I numeri suei corrisponono ai valori ipici e non sono garanii. 47 Nessuna informazione nel presene caalogo può essere uilizzaa o riprooa senza il consenso i Toyo Tanso.

9 Composizione rao Densià apparene Durezza Resisivià elerica Resisenza alla flessione Coefficiene i ario Caua i ensione a conao Velocià periferica Densià i correne g/cm 3 HSC μω m MPa V m/s A/cm 2 C-3 1, H , H , H Caraerisiche/Applicazioni assa resisivià comparaiva. Ionea per elerouensili a V. C-1 1, H Ionea per pulirici a 100 V-120 V e a V. TX-174 1, H S 1, H , H , H , H uone presazioni i commuazione, resisenza all usura. Ionea per elerouensili e pulirici a V e a V , H , M VH uone presazioni i commuazione e resisenza all usura , M VH Ionea per pulirici a V , M VH rafie i carbonio 122 1, M VH , M VH , M VH , M VH uone presazioni i commuazione. Ionea per elerouensili a V e lavarici. uone presazioni i commuazione e resisenza all usura. Ionea per elerouensili a V , M VH uone presazioni i commuazione e scorrimeno. Ionea per elerouensili a V e lavarici. -1 1, H 25 8 C-2 1, H C-2N 1, H Ionea per piccoli elerouensili e cenrifughe. Sampabile con caveo meiane pressa fino alla imensione i 12 mm. Ionea per piccoli elerouensili e cenrifughe. Sampabile con caveo meiane pressa fino alla imensione i 15 mm. Ionea per piccoli elerouensili e cenrifughe. Sampabile con caveo meiane pressa fino alla imensione i 15 mm. Migliore effeo i insonorizzazione e aeguameno ella pellicola rispeo al C-2. FX-08 1, H Ionea per piccoli elerouensili e cenrifughe. Sampabile con caveo meiane pressa fino alla imensione i 18 mm. Migliore effeo i insonorizzazione e aeguameno ella pellicola rispeo al C-2. * Coefficiene i ario: M (meio) 0,20-0,25; (basso) Inferiore a 0,20 (conizioni i misurazione/ensià i correne: CA10 A/cm²); Velocià: 20 m/secono; Pressione ella molla: 50 kpa) * Caua i ensione a conao VH (molo alo) Superiore a 3,0 V/unià; H (alo) 2,0-3,0 vol/unià (conizioni i misurazione/ensià i correne: CA10 A/cm²); Velocià: 20 m/secono; Pressione ella molla: 50 kpa) * I numeri suei corrisponono ai valori ipici e non sono garanii. a velocià periferica e la ensià i correne ifferiscono a secona elle conizioni ell anello colleore e el commuaore, nonché a secona elle conizioni uso. e informazioni elencae a sinisra e sopra rappresenano esempi generali. Prima i usare uno ei nosri prooi, conaare il nosro ufficio venie per oenere una consulenza sulla selezione el grao più appropriao. Nessuna informazione nel presene caalogo può essere uilizzaa o riprooa senza il consenso i Toyo Tanso. 48

10 Dai sulla progeazione Riferimeno: meoi per monare il caveo e forma ella spazzola in carbonio (JIS C2802) C1 Senza caveo C1-1 C1-2 C1-3 C1-4 C1-5 C1-6 C1-7 C1-8 C1-9 C1-10 C2 Salaura baua in polvere i rame C2-1 C2-2 C2-3 C2-4 C2-5 C2-6 C2-7 C2-8 C2-9 C2-10 C2-11 C2-12 C4-1 C4-2 C4-3 C4-4 C4-5 C4-6 C4-7 C4-8 C4-9 C4-10 C4 Tubo i rame (uno) Riveaura C4-11 C4-12 C4-13 C4-14 C4-15 C4-16 C4-17 C4-18 C4-19 C4-20 C4-21 C5 Tubo i rame (ue) Riveaura C5-1 C5-2 C5-3 C5-4 C5-5 C5-6 C5-7 C5-8 C5-9 C5-10 C5-11 C5-12 C5-13 C5-14 C5-15 C5-16 C5-17 C5-18 C6 Romboie segmenao C6-1 C6-2 C6-3 C Nessuna informazione nel presene caalogo può essere uilizzaa o riprooa senza il consenso i Toyo Tanso.

11 Tolleranza per spessore, larghezza e lunghezza (JIS C2802) e olleranze per spessore, larghezza e lunghezza ella spazzola, nonché quella elle imensioni inerne el supporo ella spazzola, sono le segueni: Unià: mm Dimensioni nominali Tolleranza i spessore/larghezza ella spazzola Tolleranza elle imensioni inerne el supporo Spazio ra spazzola e supporo Massima Minima Massima Minima Massima Minima Tolleranza ella lunghezza ella spazzola 1,6 / 2 / 2,5-0,09-0,03 +0,05 +0,01 0,14 0,04 ±0,3 3,2-0,09-0,03 +0,07 +0,02 0,16 0,05 ±0,3 4 / 5-0,11-0,03 +0,07 +0,02 0,18 0,05 ±0,3 6,3 / 8 / 10-0,11-0,03 +0,09 +0,03 0,20 0,06 ±0,3 12,5 / 16-0,13-0,04 +0,10 +0,03 0,23 0,07 ±0,5 20 / 25-0,13-0,04 +0,12 +0,04 0,25 0,08 ±0,5 32 / 40 / 50-0,15-0,05 +0,15 +0,05 0,30 0,10 ±0,8 64 / 80-0,15-0,05 +0,18 +0,06 0,33 0,11 ±0,8 100 / 125 ±1,0 * È concessa una olleranza ello spessore ella spazzola segmenaa fino a 0,02 mm se non alrimeni specificao. Tuavia, consierare che non è possibile superare le imensioni massime ella spazzola. Esempio el isplay 16 0,04 X 25 0,04 X 40 ±0,8 0,15 0,13 (ue pezzi) * Per le spazzole che hanno un espansione ermica superiore, come le spazzole in grafie meallica, le imensioni con espansione ermica elle preceeni imensioni nominali possono essere rioe applicano la olleranza anziea. Queso è a iscrezione el prouore che eve oenere un accoro in al senso con il cliene. Consierare che, in ali casi, le imensioni nominali saranno così inicae nella abella. e leere a e b negli esempi si riferiscono all espansione ermica. Esempio el isplay 16 (0,14 + a) X 25 (0,04 + a) X 40 ±0,8 (0,13 + a) (0,13 + a) * a olleranza per le imensioni inerne el supporo si applicano a spessore e larghezza ella spazzola per il supporo i forma perpenicolare. Tuavia, per le voci come suppori con gioco, che non ipenono all inervallo ra spazzola e supporo per la sabilià ella spazzola, le specifiche massime ello spessore ell inervallo possono essere moificae secono accori con il cliene. Nessuna informazione nel presene caalogo può essere uilizzaa o riprooa senza il consenso i Toyo Tanso. 50

12 Dai sulla progeazione Sruura el filo guia (JIS C2802) Sezione rasversale nominale mm 2 Diamero eserno massimo Peso minimo Valori consigliai Diamero el filo 0,05 mm Diamero el filo 0,08 mm Diamero el filo 0,10 mm Numero i fili/ iameri ei fili Calcolo ella sezione rasversale Numero i fili/ iameri ei fili Calcolo ella sezione rasversale Numero i fili/ iameri ei fili Calcolo ella sezione rasversale mm g/m mm mm 2 mm mm 2 mm mm 2 A 0,06 0,5 0,48 3/10/0,05 0,06 12/0,08 0,06 2 0,10* 0,6 0,72 3/17/0,05 0,10 20/0,08 0,10 3 0,15* 0,7 1,00 3/26/0,05 0,15 30/0,08 0,15 4 0,20* 0,8 1,40 3/34/0,05 0,20 40/0,08 0,20 4,8 0,25 1,0 2,00 3/42/0,05 0,25 3/17/0,08 0,26 5,5 0,30 1,1 2,20 3/51/0,05 0,30 3/20/0,08 0,30 6 0,35 1,1 2,80 3/60/0,05 0,35 3/23/0,08 0,35 3/15/0,10 0,35 7 0,40 1,2 2,90 3/27/0,08 0,41 3/17/0,10 0,40 8 0,50 1,3 4,00 3/33/0,08 0,50 3/21/0,10 0,49 9 0,75* 1,6 5,60 3/50/0,08 0,75 3/32/0,10 0, ,90 1,7 6,50 7/26/0,08 0,91 7/16/0,10 0, ,00 1,8 8,00 7/28/0,08 0,99 7/18/0,10 0,99 15 Riferimeno Correne consenia +15% -10% 1,25 2,0 10 7/36/0,08 1,27 7/23/0,10 1,26 17,5 1,40 2,1 11 7/40/0,08 1,41 7/25/0,10 1, ,50* 2,2 13 7/43/0,08 1,51 7/27/0,10 1, ,00 2,4 16 7/57/0,08 2,01 7/36/0,10 1, ,50 2,7 20 7/71/0,08 2,50 7/46/0,10 2, ,20 3,0 26 7/91/0,08 3,20 7/58/0,10 3, ,50 3,2 28 7/100/0,08 3,52 7/64/0,10 3, ,00 3,3 32 7/114/0,08 4,01 7/73/0,10 4, ,50 3,5 36 7/127/0,08 4,47 7/82/0,10 4, ,50 3,7 44 7/157/0,08 5,52 7/100/0,10 5, ,00 4,2 48 7/170/0,08 5,98 7/109/0,10 5, ,50 4,4 52 7/119/0,10 6, ,00 4,7 64 7/146/0,10 8, ,00 5,3 80 7/182/0,10 10, ,50 5, /7/32/0,10 12, ,00 6, /7/42/0,10 16, * Cifre basae sugli sanar JIS C3664 (IEC60228). * Il maeriale el filo guia i iamero inipenene i 0,05/0,08 mm si basa su JIS 3103 menre il filo guia i iamero inipenene i 0,10 mm si basa su JIS3102. * Se il filo guia viene inserio in un ubo, il suo spessore può essere regolao concoranolo con l uene. * Se vi è la possibilià i correne in eccesso o i capacià i raffreameno insufficiene, regolare lo spessore el filo guia concoranolo con l uene. 51 Nessuna informazione nel presene caalogo può essere uilizzaa o riprooa senza il consenso i Toyo Tanso.

13 Forma e imensioni el morseo (JIS C2802) Numero T-1 T-2 T-13 T-4 T-5 Diagrammi elle imensioni T-1 T-2 T-6 T-7 T-8 T-9 T-3 T-4 T-5 T-6 T-7 T-8 T-9 Vie i insallazione (vie merica) * Dove la olleranza non è inicaa (escluso ), è la imensione ±10% * e imensioni i T-8 possono essere 1,2 per le vii numero 4 e 5, e 1,5 per le vii numero 6 e ,5 +0,2 0,2 4 4,5 +0,3 5 5,5 +0,3 6 6,5 +0,3 8 8,5 +0, ,5 +0,3 5 5,5 +0,3 6 6,5 +0,3 8 8,5 +0,3 3 3,5 +0,2 0,2 4 4,5 +0,3 5 5,5 +0,3 6 6,5 +0,3 8 8,5 +0, ,5 +0,3 5 5,5 +0,3 6 6,5 +0,3 8 8,5 +0, ,5 +0,4 4 4,5 +0,3 5 5,5 +0,3 6 6,5 +0,3 8 8,5 +0, ,5 +0,3 Dimensioni Unià: mm 8 ± 0, ± 1 0,5 0,8 10 ± 0, ± 1 0,8 13 ± 0,4 6,5 20 ± 1 0,8 1,0 16 ± 0, ± 1 1,0 19 ± 0,5 9,5 29 ± 1 1,0 1,2 23 ± 0, ± 1 1,2 13 ± 0,8 6,5 20 ± 1,5 0,4 0,5 16 ± 0, ± 1,5 0,4 0,5 19 ± 1 9,5 29 ± 1,5 0,4 0,5 8 ± 0,3 4 > 8 0,5 0,8 10 ± 0,3 5 > 10 0,8 13 ± 0,4 6,5 > 13 0,8 1,0 16 ± 0,4 8 > 16 1,0 19 ± 0,5 9,5 > 19 1,0 1,2 23 ± 0,5 12 > 25 1,2 13 ± 0,8 6,5 20 ± 1 0,4 0,5 16 ± 0, ± 1 0,4 0,5 19 ± 1 9,5 29 ± 1 0,6 0,8 23 ± 1 11,5 35 ± 1 0,6 0,8 10 ± 1 5 > 10 0,8 1,0 14 ± 1 7 > 12 0,8 1,0 16 ± 1 8 > 14 1,0 1,2 20 ± 1 10 > 18 1,0 1,2 23 ± 1 12 > 26 1,2 Nessuna informazione nel presene caalogo può essere uilizzaa o riprooa senza il consenso i Toyo Tanso. 52

273 CAPITOLO 18: PALI DI FONDAZIONE IN CONDIZIONI DI ESERCIZIO

273 CAPITOLO 18: PALI DI FONDAZIONE IN CONDIZIONI DI ESERCIZIO 27 nrouzione Per i pali si può fare un iscorso analogo a quello viso per le fonazioni superficiali. Si è viso che nel caso elle fonazioni superficiali l analisi ella eformabilià ella sruura non poeva essere

Dettagli

Collegamenti Albero-mozzo

Collegamenti Albero-mozzo Collegameni Albero-mozzo /11/01 Obieivo: Collegare assialmene ue organi (in moo fisso o mobile) al fine i rasmeere coia orcene e quini eviare che vi sia un moo roaorio relaivo Accoiameno i forma Faore

Dettagli

Corso di Economia del Lavoro Daniele Checchi Blanchard-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15

Corso di Economia del Lavoro Daniele Checchi Blanchard-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15 Corso i Economia el Lavoro Daniele Checchi Blanchar-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15 I MERCATI FINANZIARI Esise una grane varieà i aivià finanziarie. Il risparmiaore eve scegliere in quali forme eenere

Dettagli

Verifica delle Deformazioni Verifica della Velocità al Contatto

Verifica delle Deformazioni Verifica della Velocità al Contatto Verifica elle Deformazioni Verifica ella Velocià al Conao Ing. Piero Bongio Lezione 4 Borghi Azio S.p.A. Via Papa Giovanni XXIII, 15 400 San Polo Enza RE Tel 05.873193 Fax 05.87367 E-Mail info@borghiazio.com

Dettagli

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo 1 Raddrizzaore - Generalià I circuii raddrizzaori uilizzano componeni come i Diodi che presenano la caraerisica di unidirezionalià, cioè permeono il passaggio della correne solo in un verso. In figura

Dettagli

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia.

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia. Risparmio Energeico Risparmio Energeico per Scale e Tappei Mobili La riduzione dei consumi di energia proveniene dalle foni fossili non rinnovabili (perolio, carbone) è una delle priorià assolue, insieme

Dettagli

L ambiente prima di tutto

L ambiente prima di tutto ambiene prima di uo CATAOGO AMPAE ambiene prima di uo a ireiva Europea (2005/32/CE) viea da Seembre 2009 la prima iissione sul mercao di lampade ad elevao consumo energeico per uso domesico. a decisione

Dettagli

Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl. Vaso di espansione. Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G.

Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl. Vaso di espansione. Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl aso di espansione Prof. Paolo ZAZZINI Diparimeno INGEO Universià G. D Annunio Pescara www.lf.unich.i Prof. Paolo ZAZZINI Diparimeno INGEO Universià G. D Annunio

Dettagli

Lezione 15. Lezione 15. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. Sommario. Materiale di riferimento

Lezione 15. Lezione 15. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. Sommario. Materiale di riferimento Sommario Lezione 15 Converiore di ipo Flash Converiore a gradinaa Converiore a rampa Converiore ad approssimazioni successive (SA) Converiore di ipo SigmaDela Esempi di converiori preseni a bordo di mc

Dettagli

Spinotto autoforante Acciaio al carbonio con zincatura galvanica bianca

Spinotto autoforante Acciaio al carbonio con zincatura galvanica bianca WS EN Spinoo auoforane Acciaio al caronio con zincaura galvanica ianca 14592 SUPPORTO TECNICO Documenazione complea e consulenza personalizzaa RAPIDITA E PRECISIONE fissaggio rapido senza preforo con possiilià

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

Preparare l ambiente di posa in opera

Preparare l ambiente di posa in opera Preparare l ambiene di posa in opera Prima della posa in opera, il parque deve essere conservao in ambieni asciui, con imballo inegro e chiuso, proeo da evenuali influenze dell'ambiene eserno che porebbero

Dettagli

enerbuild Costruzioni civili ed industriali Sistemi di copertura tetti gruppo ANAFGROUP

enerbuild Costruzioni civili ed industriali Sistemi di copertura tetti gruppo ANAFGROUP La casa è il bene rifugio per eccellenza, la sicurezza, l eredià da lasciare ai figli. Cosruzioni civili ed indusriali La casa, nuova da cosruire o vecchia da risruurare... La sruura indusriale, prefabbricaa

Dettagli

Ma nel dettaglio, come si svolge una seduta di allenamento con la metodica SPLIT SYSTEM?

Ma nel dettaglio, come si svolge una seduta di allenamento con la metodica SPLIT SYSTEM? LO SPLIT SYSTEM Di Fabio Zonin Volee oenere oimi guadagni di forza e massa e enere conemporaneamene soo conrollo la percenuale di grasso corporeo e farlo allenandovi solo per un ora re vole la seimana?

Dettagli

Automazione Industriale AA 2002-2003 Prof. Luca Ferrarini

Automazione Industriale AA 2002-2003 Prof. Luca Ferrarini Auomazione Indusriale AA 2002-2003 Prof. Luca Ferrarini Laboraorio 1 Obieivi dell eserciazione Sviluppare modelli per la realizzazione di funzioni di auomazione Comprensione e uilizzo di Ladder Diagrams

Dettagli

PERDITE, RISCALDAMENTO E RENDIMENTO NELLE MACCHINE ELETTRICHE

PERDITE, RISCALDAMENTO E RENDIMENTO NELLE MACCHINE ELETTRICHE PERDITE, RISCALDAMENTO E RENDIMENTO NELLE MACCHINE ELETTRICHE L obbieivo i qeso capiolo è realizzare na ransizione ra l analisi ei moelli maemaici necessari a escrivere le macchine eleriche e gli aspei

Dettagli

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo)

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo) V A = AMPIEZZA = lunghezza di V A ALTERNATA Proiezione di V X ISTANTE = velocià angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un inervallo di empo) DEVE ESSERE COSTANTE Angolo

Dettagli

SENTRON. Sistema per il controllo dell'isolamento negli ambienti medico-ospedalieri. Controllori, pannelli di test e di segnalazione

SENTRON. Sistema per il controllo dell'isolamento negli ambienti medico-ospedalieri. Controllori, pannelli di test e di segnalazione SENTRON Apparecchi modulari e fusibili BT Sisema per il conrollo dell'isolameno negli ambieni medico-ospedalieri Conrollori, pannelli di es e di segnalazione Nelle sale operaorie degli ambieni ospedalieri,

Dettagli

Motori elettrici per la trazione veicolare. Vincenzo Di Dio

Motori elettrici per la trazione veicolare. Vincenzo Di Dio Moori elerici per la razione veicolare Vincenzo Di Dio Tipologie di moori elerici uilizzai per la razione veicolare Moori a correne coninua Moori a correne alernaa Sincroni Asincroni Correni eleriche e

Dettagli

Target standard per sensori di prossimità induttivi. Target. 1mm

Target standard per sensori di prossimità induttivi. Target. 1mm ensori i prossimità inuttivi Introuzione Principi i funzionamento ei sensori i prossimità inuttivi Bobina Oscillatore Circuito i attivazione Circuito elettrico i uscita I sensori i prossimità inuttivi

Dettagli

Sul costo dell'energia elettrica incide notevolmente la penalità per basso Fattore di Potenza

Sul costo dell'energia elettrica incide notevolmente la penalità per basso Fattore di Potenza - Soluzioni e sisemi per la razionalizzazione dei consumi energeici IL BSSO FTTORE DI POTENZ IL RIFSMENTO DEGLI IMPINTI ELETTRII Sul coso dell'energia elerica incide noevolmene la penalià per basso Faore

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DI IMBRAGATURA A CATENA PER AGGANCIARE, ACCORCIARE, SOLLEVARE

SISTEMA INTEGRATO DI IMBRAGATURA A CATENA PER AGGANCIARE, ACCORCIARE, SOLLEVARE SISTEMA INTEGRATO DI IMBRAGATURA A CATENA PER AGGANCIARE, ACCORCIARE, SOLLEVARE Isruzioni e manuenzione nuovo grado +, con poraa maggioraa del 5% rispeo al radizionale grado ; allungameno minimo a roura

Dettagli

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO Nel dominio del empo le variabili sono esaminae secondo la loro evoluzione emporale. Normalmene si esamina la risposa del sisema a un segnale di prova canonico, cioè si sollecia

Dettagli

l M DA 03/09/07 Termonovela in 17 puntate

l M DA 03/09/07 Termonovela in 17 puntate a e i a d l a c e n e l o i a z a M s n? e o d n n a o s c n e d n o c e s ì S 1 ermonovela in 17 puntate DAI ERMODINAMICI RELAIVI ALLA CONDENSAZIONE BRUCIANDO 1 m3 DI GAS SI OIENE: 8127 Kcal + 1,55 Kg

Dettagli

( n i c e t o m e t a ) www.metaformazione.it

( n i c e t o m e t a ) www.metaformazione.it ( n i c e o m e a ) www.meaformazione.i www.meaformazione.i ( n i c e o m e a ) Le aziende sono sisemi con specificià e paricolarià che le rendono uniche. Come accerarsi della compaibilià ra formazione

Dettagli

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI A.A. 2013/14 Eserciazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepio, nel corso dell anno correne, i segueni reddii: - Reddii da lavoro dipendene

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Universià di Napoli Parenope Facolà di Ingegneria Corso di Comunicazioni Elerice docene: Prof. Vio Pascazio a Lezione: 7/04/003 Sommario Caraerizzazione energeica di processi aleaori Processi aleaori nel

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice Eserciazione 7: Modelli di crescia: arimeica, geomerica, esponenziale. Calcolo del asso di crescia e del empo di raddoppio. Popolazione sabile e sazionaria. Viviana Amai 03/06/200 Modelli di crescia Nella

Dettagli

Salvataggi (dal questionario sui gruppi)

Salvataggi (dal questionario sui gruppi) PAOLO BECHERUCCI www.raid.i Salvaaggi (dal quesionario sui gruppi) Ricordiamoci delle norme sulla Privacy!!! Vengono eseguii dei backup dei dai? regolarmene in modo manuale 46% non regolarmene 3% regolarmene

Dettagli

Azionamenti Elettrici

Azionamenti Elettrici Azionameni Elerici 2.4. CONVERTITORI DC/DC... 33 2.4.1. Conrollo dei converiori DC/DC... 33 2.4.2. FullBridge converer (DC/DC)... 34 2.4.2.1. PWM con commuazione di ensione bipolare...35 2.4.2.2. PWM con

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

ISOLAMENTO ACUSTICO CAPITOLO 13. 13.1 Generalità

ISOLAMENTO ACUSTICO CAPITOLO 13. 13.1 Generalità CAPITOLO 3 IOLAMENTO ACUTICO 3. Generalià Conenere l enià di suoni e rumori eserni rasmessi all inerno di ambieni araverso i confini che li delimiano (parei perimerali, ramezzi e solai) è quesione di grande

Dettagli

I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta

I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta I mercai dei beni e i mercai finanziari in economia apera Economia apera Mercai dei beni: l opporunià per i consumaori e le imprese di scegliere ra beni nazionali e beni eseri. Mercai delle aivià finanziarie:

Dettagli

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1 La programmazione aggregaa nella supply chain La programmazione aggregaa nella supply chain 1 Linea guida Il ruolo della programmazione aggregaa nella supply chain Il problema della programmazione aggregaa

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

Regime dinamico nel dominio del tempo

Regime dinamico nel dominio del tempo egime dinamico nel dominio del empo Appuni a cura dell Ingg. Basoccu Gian Piero e Marras Luca Tuors del corso di LTTOTNIA per meccanici e chimici A. A 3/4 e 4/5 Ulimo aggiornameno // Appuni a cura degli

Dettagli

3 CORRENTE ELETTRICA E CIRCUITI

3 CORRENTE ELETTRICA E CIRCUITI 3 ONT LTT UT lessandro ola Descrizione dell esperienza di Galvani Nel 79 il medico bolognese Luigi Galvani nell ambio dello sudio delle azioni eleriche sugli organi animali osservò che occando con uno

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale Teoria della Finanza Aziendale Rischio e Valuazione degli invesimeni 9 1-2 Argomeni raai Coso del capiale aziendale e di progeo Misura del bea Coso del capiale e imprese diversificae Rischio e flusso di

Dettagli

C R CARICO. Fig. 2.1 - Sistema meccanico

C R CARICO. Fig. 2.1 - Sistema meccanico 2 DINAMIA DEL SISTEMA MOTOE AIO 2. Equazione di equilibrio meccanico Nel caso di movimeno roaorio, che rappresena il caso più comune nel campo degli azionameni elerici, il moore ed il relaivo carico azionao

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

4 Il Canale Radiomobile

4 Il Canale Radiomobile Pare IV G. Reali: Il canale radiomobile 4 Il Canale Radiomobile 4.1 INTRODUZIONE L evoluzione fondamenale nella filisofia di progeo delle rei di comunicazione indoor è il passaggio dalla modalià di rasmissione

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO IV FACOLTÀ Ingegneria Aerospaziale Fisica Sperimentale A+B - I Appello 16 Luglio 2007

POLITECNICO DI MILANO IV FACOLTÀ Ingegneria Aerospaziale Fisica Sperimentale A+B - I Appello 16 Luglio 2007 POLIECNICO DI ILNO IV FCOLÀ Ingegneria erospaziale Fisica Sperimenale + - I ppello 6 Luglio 007 Giusificare le rispose e scriere in modo chiaro e leggibile. Sosiuire i alori numerici solo alla fine, dopo

Dettagli

Si trova all interno dell unità centrale e su di essa sono montati la maggior parte dei dispositivi che compongono il PC.

Si trova all interno dell unità centrale e su di essa sono montati la maggior parte dei dispositivi che compongono il PC. 2008-10-07 - pagina 1 di 9 PC Deskop Il PC da scrivania in una configurazione minima è cosiuio da: Unià cenrale con unià di memorizzazione ed elaborazione Tasiera Mouse Monior Unià cenrale Nell unià cenrale

Dettagli

Manuale d uso. easy / easy compact / easy split. termostati elettronici digitali con controllo di defrost

Manuale d uso. easy / easy compact / easy split. termostati elettronici digitali con controllo di defrost easy / easy compac / easy spli ermosai eleronici digiali con conrollo di defros Manuale d uso NO POWER & SIGNAL CABLES TOGETHER READ CAREFULLY IN THE TEXT! Inegraed Conrol Soluions & Energy Savings AVVERTENZE

Dettagli

Regime dinamico nel dominio del tempo

Regime dinamico nel dominio del tempo egime dinamico nel dominio del empo Appuni a cura dell Ingg. Basoccu Gian Piero e Marras Luca Tuors del corso di A. A 3/4 e 4/5 Ulimo aggiornameno 4//9 Premessa egime sazionario Un sisema elerico è in

Dettagli

Sommario. Introduzione. Progetto di alberi di trasmissione Concentrazione di tensioni

Sommario. Introduzione. Progetto di alberi di trasmissione Concentrazione di tensioni 3 La orsione Sommario Inroduzione Alberi saiamene indeerminai Carihi orsionali su alberi irolari Momeno dovuo a ensioni inerne Deformazioni angenziali parallele all asse Progeo di alberi di rasmissione

Dettagli

Viti a ricircolazione di sfere standard

Viti a ricircolazione di sfere standard Viti a ricircolazione i stanar KURODA prouce viti a ricircolazione i nelle versioni rullate stanar, rettificate stanar e rettificate secono isegno cliente; la gamma completa comprene chiocciole singole

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

Sistemi di drenaggio urbano. Prof. Antonino Cancelliere. I sistemi di drenaggio urbano

Sistemi di drenaggio urbano. Prof. Antonino Cancelliere. I sistemi di drenaggio urbano Corso di Proezione Idraulica del Terriorio Sisemi di drenaggio urbano Prof. Anonino Cancelliere Diparimeno di Ingegneria Civile e Ambienale Universià di Caania acance@dica.unic.i 095 7382718 I sisemi di

Dettagli

Analisi e valutazione degli investimenti

Analisi e valutazione degli investimenti Analisi e valuazione degli invesimeni Indice del modulo L analisi degli invesimeni e conceo di invesimeno Il valore finanziario del empo e aualizzazione Capializzazione e aualizzazione Il coso opporunià

Dettagli

7 CIRCUITI ELETTRICI IN REGIME SINUSOIDALE

7 CIRCUITI ELETTRICI IN REGIME SINUSOIDALE 7 IUII ELEII IN EGIME SINUSIDALE Il primo generaore di correne coninua fu realizzao nel 83 da Faraday; queso disposiivo era cosiuio da un disco di rame poso in roazione ra le espansioni polari di una calamia.

Dettagli

Catalogo isoweld Il sistema di fissaggio ad induzione. Nuovo

Catalogo isoweld Il sistema di fissaggio ad induzione. Nuovo Catalogo isowel Il sistema i fissaggio a inuzione Nuovo isowel l innovativo sistema i fissaggio a inuzione i SFS intec Il nuovo sistema isowel TM i SFS intec è un sistema i fissaggio a inuzione innovativo

Dettagli

PROVE DI RESISTENZA A TORSIONE PROVE DI RESILIENZA CHARPY PROVE DI RESISTENZA A TAGLIO SCHEDA DI APPROFONDIMENTO. Prove di laboratorio

PROVE DI RESISTENZA A TORSIONE PROVE DI RESILIENZA CHARPY PROVE DI RESISTENZA A TAGLIO SCHEDA DI APPROFONDIMENTO. Prove di laboratorio SCHEDA DI APPROONDIMENTO Prove i laoratorio PROVE DI RESISTENZA A TRAZIONE Le prove i resistenza a trazione sono essenziali per valutare le caratteristiche fonamentali e il comportamento el materiale sia

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

INQUADRAMENTO GENERALE DEL PROCEDIMENTO E CRITERI PER LA DETERMINAZIONE

INQUADRAMENTO GENERALE DEL PROCEDIMENTO E CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DCO 29/11 CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELLE TARIFFE PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PER IL PERIODO 20 2015 INQUADRAMENTO GENERALE DEL PROCEDIMENTO

Dettagli

DD44 41 350/110 ID ELETTROVALVOLA DI COMMUTAZIONE IN CORRENTE CONTINUA - SERIE 50 IN CORRENTE ALTERNATA - SERIE 62. Q max 75 l/min

DD44 41 350/110 ID ELETTROVALVOLA DI COMMUTAZIONE IN CORRENTE CONTINUA - SERIE 50 IN CORRENTE ALTERNATA - SERIE 62. Q max 75 l/min 1 50/110 ID DD ELEROVALVOLA DI COMMUAZIONE IN CORRENE CONINUA - SERIE 50 IN CORRENE ALERNAA - SERIE 62 VERSIONE MODULARE ISO 01-05 (CEOP 05) p max 280 bar Q max l/min PIANO DI POSA PRINCIPIO DI FUNZIONAMENO

Dettagli

Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica. Bollettino mensile di Statistica

Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica. Bollettino mensile di Statistica Direzione Sisemi informaivi Servizio saisica e oponomasica Bolleino mensile di Saisica Seembre 2013 Sisema Saisico Nazionale Comune di Firenze Ufficio Comunale di Saisica Direzione Sisemi informaivi Servizio

Dettagli

6 Profili in parete sottile

6 Profili in parete sottile 6 Profili in paree soile 6. Inroduzione Una percenuale non rascuraile in peso della produzione di componeni sruurali di acciaio riguarda i profili in paree soile, ossia profili in classe (profili snelli)

Dettagli

2. Politiche di gestione delle scorte

2. Politiche di gestione delle scorte deerminisica variabile nel empo Quando la domanda viaria nel empo, il problema della gesione dell invenario divena preamene dinamico. e viene deo di lo-sizing. Consideriamo il caso in cui la domanda pur

Dettagli

1.7. Il modello completo e le sue proprietà

1.7. Il modello completo e le sue proprietà La Teoria Generale 1 1.7. Il modello compleo e le sue proprieà Il ragionameno svolo fino a queso puno è valido per un livello dao del salario nominale e dei prezzi. Le grandezze preseni nel modello, per

Dettagli

METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA. www.lvproject.com. Dott. Lotti Nevio

METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA. www.lvproject.com. Dott. Lotti Nevio METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA www.lvprojec.com Do. Loi Nevio Generalià sui sisemi dinamici. Variabili di sao, di ingresso, di uscia. Sisemi discrei. Sisemi lineari. Paper: Dynamic Modelling Do. Loi

Dettagli

La previsione della domanda nella supply chain

La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda 1 Linea guida Il ruolo della prerevisione nella supply chain Le caraerisiche della previsione Le componeni della previsione ed

Dettagli

REGISTRAZIONE DEL MOTO. Lo scopo è riempire una tabella t/s (istante di tempo/posizione occupata)

REGISTRAZIONE DEL MOTO. Lo scopo è riempire una tabella t/s (istante di tempo/posizione occupata) REGISTRAZIONE DEL MOTO Lo copo è riempire una abella / (iane di empo/poizione occupaa) (ec) (meri) Ciò i può fare in due modi: 1) Prefiare le poizioni e miurare a quale empo vengano raggiune. Si compila

Dettagli

LA MODULAZIONE DI AMPIEZZA

LA MODULAZIONE DI AMPIEZZA MODULATORI E DEMODULATORI AM LA MODULAZIONE DI AMPIEZZA Sadio odulaore Anenna Oscillaore quarzao Porane Aplificaore AF Modulaore AM Sadio aplificaore Segnale AM Messaggio Trasduore di rasissione Modulane

Dettagli

Economia e gestione delle imprese - 01

Economia e gestione delle imprese - 01 Economia e gesione delle imprese - 01 L impresa come organizzazione che crea valore Leve di creazione di ricchezza e responsabilià sociale Prima pare : L impresa che crea valore 1. L impresa 2. L evoluzione

Dettagli

APPENDICE TECNICA. 1. SUDDIVISIONE DEI CUSCINETTI VOLVENTI 1.1 Denominazione dei cuscinetti volventi - Pag.3

APPENDICE TECNICA. 1. SUDDIVISIONE DEI CUSCINETTI VOLVENTI 1.1 Denominazione dei cuscinetti volventi - Pag.3 1 APPENDICE TECNICA 1. SUDDIVISIONE DEI CUSCINETTI VOLVENTI 1.1 Denominazione ei cuscinetti volventi Pag.3 2. APPELLATIVO DEI CUSCINETTI VOLVENTI 2.1 Sigle ei cuscinetti volventi Pag.4 2.2 Schermi e anelli

Dettagli

Il ricorso alla Finanza di Progetto nei progetti di generazione da fonti rinnovabili

Il ricorso alla Finanza di Progetto nei progetti di generazione da fonti rinnovabili I disrei produivi ialiani : Energia e sicurezza Il ricorso alla Finanza di Progeo nei progei di generazione da foni rinnovabili Pisa, 21-22 22 Novembre 2007 Gabriele FERRANTE Unià Tecnica Finanza di Progeo

Dettagli

Soluzione degli esercizi del Capitolo 2

Soluzione degli esercizi del Capitolo 2 Sisemi di auomazione indusriale - C. Boniveno, L. Genili, A. Paoli 1 degli esercizi del Capiolo 2 dell Esercizio E2.1 Il faore di uilizzazione per i processi in esame è U = 8 16 + 12 48 + 6 24 = 1. L algorimo

Dettagli

LEZIONE 10. Il finanziamento dell istruzione. Economia del Settore Pubblico. Modalità dell intervento pubblico. Il finanziamento dell istruzione

LEZIONE 10. Il finanziamento dell istruzione. Economia del Settore Pubblico. Modalità dell intervento pubblico. Il finanziamento dell istruzione Economia del Seore Pubblico Laura Vici laura.vici@unibo.i www2.dse.unibo.i/lvici/edsp_ii.hm Modalià dell inerveno pubblico Regolamenazione Finanziameno: parziale o inegrale? Produzione: pubblica o privaa?

Dettagli

Ottobre 2009. ING ClearFuture

Ottobre 2009. ING ClearFuture Oobre 2009 ING ClearFuure Una crescia cosane. Con una solida proezione nel empo. ING ClearFuure è la soluzione assicuraiva Uni Linked di dirio lussemburghese, realizzaa apposiamene da ING Life Luxembourg

Dettagli

Moltiplicazione di segnali lineari

Moltiplicazione di segnali lineari Moliplicazione di segnali lineari Processo non lineare: x ( x ( x ( Meodologia uilizzaa per: Campionameno ed acquisizione dai Processi di comunicazione (modulazione Abbiamo viso con il campionameno dei

Dettagli

RELAZIONE FINALE: MODELLAZIONE DEI PREZZI DELL ENERGIA ELETTRICA: UN ESEMPIO

RELAZIONE FINALE: MODELLAZIONE DEI PREZZI DELL ENERGIA ELETTRICA: UN ESEMPIO RELAZIONE FINALE: MODELLAZIONE DEI PREZZI DELL ENERGIA ELETTRICA: UN ESEMPIO RELATORE: CH.MO PROF. LISI FRANCESCO LAUREANDO: CANELLA FRANCESCO MATRICOLA: 45835 ANNO ACCADEMICO: 003-004 4 Alla mia famiglia

Dettagli

La Finanza di Progetto per la realizzazione e gestione di un parco Eolico

La Finanza di Progetto per la realizzazione e gestione di un parco Eolico SUSTAINABLE ENERGY FORUM - Le nuove froniere della produzione di energia pulia La Finanza di Progeo per la realizzazione e gesione di un parco Eolico Roma, 6 Giugno 2007 Gabriele FERRANTE Unià ecnica Finanza

Dettagli

APPUNTI DI ANALISI DEI SEGNALI DAVIDE BASSI

APPUNTI DI ANALISI DEI SEGNALI DAVIDE BASSI UNIVERIÀ DEGLI UDI DI RENO FACOLÀ DI CIENZE MAEMAICHE, FIICHE E NAURALI CORO DI LAUREA IN FIICA APPLICAA DAVIDE BAI APPUNI DI ANALII DEI EGNALI Indice Risposa impulsionale dei sisemi lineari -. isemi lineari

Dettagli

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI TEPUS PECUNIA EST COLLANA DI ATEATICA PER LE SCIENZE ECONOICHE FINANZIARIE E AZIENDALI 3 Direore Bearice VENTURI Universià degli Sudi di Cagliari Comiao scienifico Umbero NERI Universiy of aryland Russel

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valuazione e Analisi di Obbligazioni (31 puni) Lei lavora per il diparimeno Invesimeni Obbligazionari di una compagnia di assicurazioni sulla via e ha preparao la Tabella 1 dei rendimeni obbligazionari

Dettagli

Lezione 6. Anno accademico 2005-06. Titolare corso: Prof. Costanza Torricelli Docente a contratto: Dott. Marianna Brunetti

Lezione 6. Anno accademico 2005-06. Titolare corso: Prof. Costanza Torricelli Docente a contratto: Dott. Marianna Brunetti Inrouzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M (Prooi Derivai Lezione 6 Anno accaemico 005-06 Tiolare corso: Prof. Cosanza Torricelli Docene a conrao: Do. Marianna Brunei L'immunizzazione

Dettagli

Introduzione all analisi delle serie storiche e dei metodi di previsione

Introduzione all analisi delle serie storiche e dei metodi di previsione Inroduzione all analisi delle serie soriche e dei meodi di previsione Indice. Capiolo inroduivo,. Inroduzione.2 Fasi di un analisi di previsione e sruura delle dispense 2. Meodi e srumeni di base, 5 2.

Dettagli

Dai segnali analogici a quelli numerici

Dai segnali analogici a quelli numerici Appuni di eoria dei Segnali a.a. 200/20 L.Verdoliva In queso capiolo descriveremo i passi che subisce un segnale analogico quando viene discreizzao per oenere un segnale numerico (conversione A/D), e quelle

Dettagli

Circuiti del primo ordine

Circuiti del primo ordine Circuii del primo ordine Un circuio del primo ordine è caraerizzao da un equazione differenziale del primo ordine I circuii del primo ordine sono di due ipi: L o C Teoria dei Circuii Prof. Luca Perregrini

Dettagli

Gestione economico aziendale

Gestione economico aziendale Gestione economico azienale La ue iligence nelle operazioni straorinarie: funzione, tipologie e moalità i esecuzione i Massimo Buongiorno e Marco Capra Il presente lavoro vuole tracciare un quaro introuttivo,

Dettagli

Processi stocastici. Corso Segnale e Rumore Giorgio Brida Giugno/luglio 2007 Pagina 1 di 33

Processi stocastici. Corso Segnale e Rumore Giorgio Brida Giugno/luglio 2007 Pagina 1 di 33 Processi socasici Inroduzione isemi lineari e sazionari; luuazioni casuali, derive e disurbi; processi socasici sazionari in senso lao, unzione di auocorrelazione e spero di poenza; risposa di un sisema

Dettagli

Volvo Construction Equipment ESCAVATORI

Volvo Construction Equipment ESCAVATORI Volvo Consrucion Equipen ESCAVATORI POTENZA, PROTEZIONE E REDDITIVITÀ SOTTO CONTROLLO. Alla fine, quello che cona è l affidabilià giorno dopo giorno. L affidabilià auena la reddiivià e peree alla vosra

Dettagli

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato OSSERVATORIO collegameno ferroviario Torino-Lione Collegameno ferroviario Torino-Lione I possibili schemi di Parenariao Pubblico Privao Torino, 30 Oobre 2007 Unià Tecnica Finanza di Progeo 1 PPP: analisi

Dettagli

Capitolo 4 Funzionamento dei gruppi elettrogeni e loro protezioni

Capitolo 4 Funzionamento dei gruppi elettrogeni e loro protezioni 61 Capitolo 4 Funzionamento ei gruppi elettrogeni e loro protezioni 4.1 ntrouzione Nel presente capitolo si prenono in esame le moalità i esercizio e i funzionamento ei gruppi elettrogeni nei confronti

Dettagli

Conversione Analogico-Digitale

Conversione Analogico-Digitale Capiolo 4 Conversione Analogico-Digiale I segnali del mondo reale sono analogici, menre un elaboraore digiale è in grado di memorizzare e raare esclusivamene sequenze finie di bi. Per raare con ecniche

Dettagli

9. Conversione Analogico/Digitale

9. Conversione Analogico/Digitale 9.1. Generalià 9. Conversione Analogico/Digiale 9.1. Generalià In un converiore analogico/digiale, il problema di fondo consise nello sabilire la corrispondenza ra la grandezza analogica di ingresso (che

Dettagli

Analisi dei guasti a terra nei sistemi MT a neutro isolato e neutro compensato

Analisi dei guasti a terra nei sistemi MT a neutro isolato e neutro compensato Analisi dei uasi a erra nei sisemi MT a neuro isolao e neuro compensao - Problemaiche inereni alle proezioni 5N e 67N - A cura di: n. laudio iucciarelli n. Marco iucciarelli . nroduzione Di seuio viene

Dettagli

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100.

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100. Soluzione dell Esercizio 1: Assicurazioni a) In un mercao perfeamene concorrenziale, deve valere la condizione di profii aesi nulli: E(P)=0. E possibile mosrare che ale condizione implica che l impresa

Dettagli

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE)

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE) Analisi degli invesimeni Il bilancio è una sinesi a poseriori della siuazione di un'azienda. La valuazione degli invesimeni è un enaivo di valuare a priori la validià delle scele dell'azienda. L'invesimeno

Dettagli

GESTIONE AMBIENTALE VERIFICATA Reg.n.IT - 001081 DICHIARAZIONE AMBIENTALE CENTRALE ALBAPOWER

GESTIONE AMBIENTALE VERIFICATA Reg.n.IT - 001081 DICHIARAZIONE AMBIENTALE CENTRALE ALBAPOWER GESTIONE AMBIENTALE VERIFICATA Reg.n.IT - 001081 DICHIARAZIONE AMBIENTALE CENTRALE ALBAPOWER ANNO Dichiarazione Ambienale Cenrale AlbaPower DICHIARAZIONE DI APPROVAZIONE Cenrale di Alba ALBAPOWER S.p.A.

Dettagli

Appunti e Domande di Affidabilità e Controllo della Qualità

Appunti e Domande di Affidabilità e Controllo della Qualità Appuni e Domande di Affidabilià e Conrollo della Qualià Auori: eagleone - eagleone2 (a) in.i lubo23 lubo23 (a) infinio.i Ulima revisione: 14/11/24 by eagleone 1 Inroduzione...4 Disclaimer...4 Dirii e permessi

Dettagli

REGIONE LIGURIA Piano di risanamento e tutela della qualità dell aria e per la riduzione dei gas serra

REGIONE LIGURIA Piano di risanamento e tutela della qualità dell aria e per la riduzione dei gas serra Piano di risanameno e uela della qualià dell aria e per la riduzione dei gas serra REGIONE LIGURIA Piano di risanameno e uela della qualià dell aria e per la riduzione dei gas serra 1 Piano di risanameno

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli