ENERGY DIN SERIE 90 AM - CONTATTORI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ENERGY DIN SERIE 90 AM - CONTATTORI"

Transcript

1 ENERGY D SERIE 90 AM - CONTATTORI MODULARI CTR

2 SERIE 90 AM SERIE 90 AM Contattori modulari CTR Nuove prestazioni Oltre all'aumento delle combinazioni di contatti, i nuovi contattori GEWISS assicurano elevate prestazioni tecniche sia per durata elettrica sia per frequenza di manovra in funzione della categoria di utilizzo e della potenza del carico elettrico da comandare. Sono disponibili versioni con tensione di comando pari a 24V ac/dc e 230 ac dc. Silenziosità garantita Grazie alla nuova tecnologia di comando della bobina, l'intera gamma è adatta per ambienti come, per esempio, ospedali, alberghi, case di riposo ecc.. dove è richiesto il funzionamento silenzioso dei dispositivi elettrici. Completa accessoriabilità L'intera gamma dei nuovi contattori GEWISS è accessoriabile con contatto ausiliario, per la segnalazione a distanza della posizione dei contatti, e con coprimorsetti sigillabili per evitare manomissioni sul cablaggio ed evitare contatti diretti con le parti attive. 2

3 IDENTIFICAZIONE CIRCUITO Il cartellino porta etichette, disponibile su tutta la gamma, è utile per la rapida identificazione della funzione svolta da ogni linea. SEGNALAZIONE OTTICA La spia collocata in posizione frontale permette sempre di conoscere la posizione dei contatti interni di potenza: - spia di colore neutro: contatti in stato di riposo. - spia di colore rosso: contatti commutati VERSIONI A COMANDO MANUALE Il selettore collocato in posizione frontale consente di scegliere 3 modalità di funzionamento: - automatico - arresto permanente - marcia forzata temporanea ESTETICA La gamma CTR si integra perfettamente con gli altri dispositivi di protezione GEWISS raggiungendo un gradevole senso estetico. 3

4 CATEGORIE DI UTILIZZAZIONE Di seguito in tabella viene riportata una breve descrizione di ogni categoria di utilizzazione in accordo con la norma EN Per le prestazioni dei contattori Gewiss in funzione della categoria di utilizzo, si prega di consultare la guida all applicazione. TIPO DI CORRENTE CATEGORIA APPLICAZIONI TIPICHE AC-1 Carichi elettrici resistivi, non induttivi o debolmente induttivi: forni a resistenza AC-2 Motore ad anelli: avviamento, arresto AC-3 Motori a gabbia di scoiattolo: avviamento, arresto del motore durante la marcia (1) AC-4 Motori a gabbia di scoiattolo: avviamento, frenatura in controcorrente, manovra ad impulsi AC-5a Lampade a scarica AC-5b Lampade a incandescenza AC AC-6a Trasformatori AC-6b Batterie di condensatori AC-7a Carichi leggermente induttivi in applicazioni domestiche e similari AC-7b Motori in applicazioni domestiche (1) AC-8a Motori per compressori ermetici di frigoriferi (2) con ripristino manuale dello sganciatore di sovraccarico AC-8b Motori per compressori ermetici di frigoriferi (2) con ripristino automatico dello sganciatore di sovraccarico DC-1 Carichi elettrici resistivi, non induttivi o debolmente induttivi: forni a resistenza DC DC-3 DC-5 Motore in derivazione: avviamento, frenatura in controcorrente, manovra ad impulsi Frenatura dinamica di motori in c.c. Motore in serie: avviamento, frenatura in controcorrente, manovra ad impulsi Frenatura dinamica di motori in c.c. DC-6 Lampade ad incandescenza (1) Le categorie AC-3 e AC-7b possono essere utilizzate per manovre sporadiche a impulsi, frenature in controcorrente o inversioni rapide per periodi limitati di tempo, come quelli relativi al posizionamento della macchina; durante tali periodi limitati, il numero di queste operazioni non dovrebbe superare 5 al minuto o 10 in un periodo di 10 minuti. (2) I motori di compressori ermetici di frigoriferi, sono una combinazione costituita da un compressore e un motore, entrambi racchiusi nello stesso involucro, senza alberi o tenute d'albero esterne, in cui il motore opera nel refrigerante. 4

5 GUIDA ALL APPLICAZIONE In generale i dati tecnici dei contattori Gewiss si riferiscono alla categoria di utilizzazione AC-1 o AC-7a. Qualora il tipo di carico non corrispondesse con tali categorie, la portata dei contatti e di conseguenza la potenza del carico, deve essere declassata in accordo con quanto riportato di seguito. IMPIEGO CORRENTE ALTERNATA Tipo di contattore CTR20 - CTRM 20 CTR25 - CTRM 25 CTR40 CTR63 Categoria di utilizzazione: AC-1 / AC-7a Carichi resistivi, non induttivi o debolmente induttivi Corrente nominale di impiego (A): V monofase 4 5,4 8,7 13,3 Potenza massima di impiego (kw): 230 V trifase V trifase N massimo di manovre elettriche (apertura-chiusura): Frequenza massima di manovra: (apertura-chiusura per ora) 600 Categoria di utilizzazione: AC-3 / AC-7b Avviamento ed arresto motori Corrente nominale di impiego (A): Potenza massima di impiego (kw): N massimo di manovre elettriche (apertura-chiusura): Frequenza massima di manovra: (apertura-chiusura per ora) 230 V monofase 230 V trifase 400 V trifase contatti NA: 9 contatti NC: 6 8, contatti NA: 1,3 contatti NC: 0,75 1,3 3,7 5-2,2 5,5 8, Categoria di utilizzazione: AC-5 Accensione e spegnimento lampade Potenza massima di impiego (kw): Vedi tabella dedicata al comando lampade Categoria di utilizzazione: AC-6b Batterie di condensatori Capacità massima di impiego (µf): 230 V N massimo di manovre elettriche (apertura-chiusura): Frequenza massima di manovra: (apertura-chiusura per ora) 600 5

6 I contattori CTR GEWISS possono essere anche impiegati per applicazioni in corrente continua. Di seguito in tabella sono riportati i valori della corrente nominale di impiego in funzione della tensione nominale e della categoria di utilizzazione. Categoria di utilizzazione Frequenza massima manovre elettriche (DC-1): N poli IMPIEGO CORRENTE CONTUA Tipo di contattore CTR 20 - CTRM 20 CTR 25 - CTRM 25 CTR 40 CTR manovre per ora N massimo di manovre elettriche (DC-1/DC-3/DC-5): TENSIONE NOMALE DI IMPIEGO: 24V CC Corrente nominale di impiego (A) DC-1 (L/R 1ms) in serie in serie in serie DC-3 (L/R 2ms) in serie in serie in serie DC-5 (L/R 7,5ms) in serie in serie in serie TENSIONE NOMALE DI IMPIEGO: 48V CC DC-1 (L/R 1ms) in serie in serie in serie DC-3 (L/R 2ms) in serie in serie in serie DC-5 (L/R 7,5ms) in serie in serie in serie TENSIONE NOMALE DI IMPIEGO: 60V CC DC-1 (L/R 1ms) in serie in serie in serie DC-3 (L/R 2ms) in serie in serie in serie DC-5 (L/R 7,5ms) in serie in serie in serie

7 Categoria di utilizzazione Frequenza massima manovre elettriche (DC-1): N poli IMPIEGO CORRENTE CONTUA Tipo di contattore CTR 20 - CTRM 20 CTR 25 - CTRM 25 CTR 40 CTR manovre per ora N massimo di manovre elettriche (DC-1/DC-3/DC-5): TENSIONE NOMALE DI IMPIEGO: 110V CC Corrente nominale di impiego (A) DC-1 (L/R 1ms) in serie in serie in serie DC-3 (L/R 2ms) 1 1 1,3 1,5 1,5 2 in serie 4 5, in serie in serie DC-5 (L/R 7,5ms) 1 0,3 0, in serie in serie in serie TENSIONE NOMALE DI IMPIEGO: 220V CC DC-1 (L/R 1ms) 1 0,6 0,6 1,2 1,2 2 in serie in serie in serie DC-3 (L/R 2ms) 1 0,1 0,2 0,3 0,3 2 in serie 0,4 0, in serie in serie DC-5 (L/R 7,5ms) 1 0,06 0,1 0,2 0,2 2 in serie 0,2 0,4 0,8 0,8 3 in serie in serie

8 COMANDO LAMPADE La tabella seguente riporta il numero delle lampade per fase comandabili da ciascun contattore in funzione del tipo di lampada e della potenza nominale. I valori sono riferiti alla tensione nominale di 230 V 50 Hz Tipo di contattore CTR 20 - CTRM 20 CTR 25 - CTRM 25 CTR 40 CTR 63 Tipo di lampada Potenza (W) Max numero di lampade per fase Frequenza massima manovre elettriche: CANDESCENZA ED ALOGENA HD R7S RISPARMIO ENERGETICO FLUORESCENTE 600 manovre per ora RIFASATE O SERIE RIFASATE O SERIE RIFASATE O SERIE RIFASATE O SERIE (1,3 µf) 9 (3,5 µf) 70 (1,3 µf) 10 (3,5 µf) 125 (1,3 µf) 62 (3,5 µf) 200 (1,3 µf) 94 (3,5 µf) (2,7 µf) 7 (4,5 µf) 24 (2,7 µf) 8 (4,5 µf) 90 (2,7 µf) 48 (4,5 µf) 140 (2,7 µf) 73 (4,5 µf) (2,5 µf) 7 (4,5 µf) 24 (2,5 µf) 8 (4,5 µf) 90 (2,5 µf) 48 (4,5 µf) 140 (2,5 µf) 73 (4,5 µf) (3,4 µf) 7 (4,5 µf) 20 (3,4 µf) 8 (4,5 µf) 65 (3,4 µf) 48 (4,5 µf) 95 (3,4 µf) 73 (4,5 µf) (5,3 µf) 4 (7 µf) 17 (5,3 µf) 5 (7 µf) 45 (5,3 µf) 31 (7 µf) 70 (5,3 µf) 47 (7 µf) (5,3 µf) 4 (7 µf) 17 (5,3 µf) 5 (7 µf) 35 (5,3 µf) 31 (7 µf) 50 (5,3 µf) 47 (7 µf) 12 (5,3 µf) 3 (8 µf) 15 (5,3 µf) 4 (8 µf) 25 (5,3 µf) 27 (8 µf) 40 (5,3 µf) 41 (8 µf) FLUORESCENTE CON REATTORE 2 x 11 2 x 50 2 x 60 2 x x x 18 2 x 30 2 x 40 2 x x x 24 2 x 24 2 x 31 2 x 78 2 x x 36 2 x 17 2 x 24 2 x 65 2 x 95 2 x 58 2 x 10 2 x 14 2 x 40 2 x 60 2 x 65 2 x 9 2 x 13 2 x 30 2 x 45 FD G13 2 x 2 x 6 2 x 10 2 x 20 2 x 30 FLUORESCENTE CON ALIMENTATORE ELETTRONICO (ECG) FD IA/IB E27 FBT E27 FD G5 G x 18 2 x 12 2 x 17 2 x 50 2 x 70 2 x 36 2 x 7 2 x 10 2 x 26 2 x 38 2 x 58 2 x 7 2 x 9 2 x 25 2 x 36 8

9 Tipo di contattore CTR 20 - CTRM 20 CTR 25 - CTRM 25 CTR 40 CTR 63 Tipo di lampada Potenza (W) Max numero di lampade per fase Frequenza massima manovre elettriche: FLUORESCENTE T5 CON ALIMENTATORE ELETTRONICO (ECG) FD G5 600 manovre per ora (HE) 40 (HE) 105 (HE) 150 (HE) (HE) 30 (HE) 80 (HE) 115 (HE) (FC) 30 (FC) 80 (FC) 110 (FC) (HO) 26 (HO) 70 (HO) 100 (HO) (HE) 22 (HE) 60 (HE) 90 (HE) (HE) 18 (HE) 48 (HE) 70 (HE) (HO) 16 (HO) 42 (HO) 62 (HO) (FC) 15 (FC) 40 (FC) 60 (FC) (HO) 14 (HO) 35 (HO) 52 (HO) 54 9 (HO) 13 (HO) 32 (HO) 47 (HO) 55 8 (FC) 12 (FC) 30 (FC) 45 (FC) 80 6 (HO) 8 (HO) 22 (HO) 32 (HO) 2 x 14 2 x 15 (2 x HE) 2 x 20 (2 x HE) 2 x 52 (2 x HE) 2 x 75 (2 x HE) 2 x 21 2 x 11 (2 x HE) 2 x 15 (2 x HE) 2 x 40 (2 x HE) 2 x 57 (2 x HE) 2 x 22 2 x 11 (2 x FC) 2 x 15 (2 x FC) 2 x 40 (2 x FC) 2 x 55 (2 x FC) 2 x 24 2 x 10 (2 x HO) 2 x 13 (2 x HO) 2 x 35 (2 x HO) 2 x 50 (2 x HO) 2 x 28 2 x 9 (2 x HE) 2 x 11 (2 x HE) 2 x 20 (2 x HE) 2 x 45 (2 x HE) 2 x 35 2 x 7 (2 x HE) 2 x 9 (2 x HE) 2 x 24 (2 x HE) 2 x 35 (2 x HE) 2 x 39 2 x 6 (2 x HO) 2 x 8 (2 x HO) 2 x 21 (2 x HO) 2 x 31 (2 x HO) 2 x 40 2 x 6 (2 x FC) 2 x 7 (2 x FC) 2 x 20 (2 x FC) 2 x 30 (2 x FC) 2 x 49 2 x 5 (2 x HO) 2 x 7 (2 x HO) 2 x 17 (2 x HO) 2 x 26 (2 x HO) 2 x 54 2 x 4 (2 x HO) 2 x 6 (2 x HO) 2 x 16 (2 x HO) 2 x 23 (2 x HO) 2 x 55 2 x 4 (2 x FC) 2 x 6 (2 x FC) 2 x 15 (2 x FC) 2 x 22 (2 x FC) 2 x 80 2 x 3 (2 x HO) 2 x 4 (2 x HO) 2 x 11 (2 x HO) 2 x 16 (2 x HO) AI VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE RIFASATE RIFASATE RIFASATE RIFASATE (7 µf) 18 5 (7 µf) (7 µf) (7 µf) A IODURI METALLICI MT/ST (8 µf) 13 5 (8 µf) (8 µf) (8 µf) (10 µf) 9 4 (10 µf) (10 µf) (10 µf) (18 µf) 5 2 (18 µf) (18 µf) (18 µf) (25 µf) 3 1 (25 µf) 7 9 (25 µf) (25 µf) (45 µf) 6 7 (45 µf) (60 µf) 4 5 (60 µf) RIFASATE RIFASATE RIFASATE RIFASATE (6 µf) 22 6 (6 µf) (6 µf) (6 µf) (12 µf) 12 3 (12 µf) (12 µf) (12 µf) (20 µf) 7 1 (20 µf) (20 µf) (20 µf) (33 µf) 7 6 (33 µf) 10 9 (33 µf) (35 µf) 6 6 (35 µf) 9 8 (35 µf) (95 µf) 3 3 (95 µf) (148 µf) 1 2 (148 µf) A IODURI METALLICI CON ALIMENTATORE ELETTRONICO (PCI) MN E AI MDVAPORI DI RX7s SODIO AD ALTA PRESSIONE RIFASATE RIFASATE RIFASATE RIFASATE (20 µf) 6 1 (20 µf) (20 µf) (20 µf) MT/ST SE/QE E27 K12s/Cavo E (33 µf) 10 6 (33 µf) (33 µf) (48 µf) 8 6 (48 µf) (106 µf) 3 3 (106 µf) 9

10 Tipo di contattore CTR 20 - CTRM 20 CTR 25 - CTRM 25 CTR 40 CTR 63 Tipo di lampada Potenza (W) Max numero di lampade per fase Frequenza massima manovre elettriche: 600 manovre per ora AI VAPORI DI SODIO AD ALTA PRESSIONE CON ALIMENTATORE ELETTRONICO (PCI) AI VAPORI DI RX7s SODIO A BASSA PRESSIONE RIFASATE RIFASATE RIFASATE RIFASATE (5 µf) 27 7 (5 µf) (5 µf) (5 µf) MD MT PGZ-12 FLUORESCENTE COMPATTA FSD 2G7 FSM 2G (20 µf) 9 1 (20 µf) (20 µf) (20 µf) (20 µf) 9 1 (20 µf) (20 µf) (20 µf) (26 µf) 5 1 (26 µf) 14 8 (26 µf) (26 µf) (45 µf) 13 7 (45 µf) (40 µf) 13 8 (40 µf) SERIE SERIE SERIE SERIE 5-13 (2,2 µf) - 16 (2,2 µf) (2,2 µf) (2,2 µf) 7-14 (2,1 µf) - 17 (2,1 µf) (2,1 µf) (2,1 µf) 9-15 (2,0 µf) - 18 (2,0 µf) (2,0 µf) (2,0 µf) (1,4 µf) 13 (2,2 µf) 60 (1,4 µf) 16 (2,2 µf) 105 (1,4 µf) 100 (2,2 µf) 165 (1,4 µf) 150 (2,2 µf) (1,7 µf) - 21 (1,7 µf) (1,7 µf) (1,7 µf) (1,4 µf) 16 (1,8 µf) 60 (1,4 µf) 20 (1,8 µf) 105 (1,4 µf) 120 (1,8 µf) 165 (1,4 µf) 183 (1,8 µf) (1,7 µf) 25 (2,7 µf) 13 (2,3 µf) 7 (4,2 µf) 50 (1,7 µf) 30 (2,7 µf) 15 (2,3 µf) 8 (4,2 µf) (1,7 µf) 50 (2,7 µf) 95 (2,3 µf) 52 (4,2 µf) 135 (1,7 µf) 80 (2,7 µf) 143 (2,3 µf) 78 (4,2 µf) (2,7 µf) 8 (3,6 µf) 30 (2,7 µf) 10 (3,6 µf) 50 (2,7 µf) 61 (3,6 µf) 80 (2,7 µf) 91 (3,6 µf) (2,5 µf) 9 (3,3 µf) 35 (2,5 µf) 11 (3,3 µf) 60 (2,5 µf) 66 (3,3 µf) 95 (2,5 µf) 100 (3,3 µf) (3,4 µf) 6 (4,4 µf) 25 (3,4 µf) 8 (4,4 µf) 45 (3,4 µf) 50 (4,4 µf) 70 (3,4 µf) 75 (4,4 µf) FLUORESCENTE COMPATTA CON ALIMENTATORE ELETTRONICO (ECG) x 9 2 x 16 2 x 22 2 x 90 2 x x 10 2 x 16 2 x 22 2 x 90 2 x x 11 2 x 16 2 x 22 2 x 90 2 x x 13 2 x 16 2 x 22 2 x 90 2 x x 18 2 x 5 2 x 7 2 x 20 2 x 28 2 x 24 2 x 5 2 x 7 2 x 20 2 x 28 2 x 26 2 x 5 2 x 7 2 x 20 2 x 28 2 x 32 2 x 5 2 x 7 2 x 20 2 x 28 2 x 36 2 x 5 2 x 7 2 x 20 2 x 28 2 x 40 2 x 4 2 x 6 2 x 18 2 x 26 2 x 42 2 x 4 2 x 6 2 x 18 2 x 26 2 x 55 2 x 3 2 x 5 2 x 16 2 x 22 2 x 57 2 x 3 2 x 5 2 x 16 2 x 22 10

11 DATI TECNICI CARATTERISTICHE ELETTRICHE Tipo di contattore: CTR 20 - CTRM 20 CTR 25 - CTRM 25 CTR 40 CTR 63 Norma di riferimento: EN 61095, EN , EN Corrente nominale AC-1/AC-7a (In): (A) Tensione nominale di impiego (Ue): (V) 230 ca (1-2 poli) ca (3-4poli) Tensione nominale di isolamento (Ui): (V) 230 ca (1-2 poli) ca (3-4poli) Tensione nominale di tenuta ad impulso (Uimp): (kv) 4 Corrente di corto circuito condizionata con fusibile: (ka) 3 (gl 20) 3 (gl 25) 3 (gl 63) 3 (gl 80) Frequenza nominale: (Hz) 50/60 N di moduli: 1 (1NA - 2NA - 1NA+1NC) 2 (3NA - 4NA) 2 3 Potenza dissipata per polo ( AC-1 / AC-7a): (W) 1,7 2,2 4 8 N di manovre meccaniche: 3 x 10 6 Temperatura di funzionamento: ( C) Temperatura di stoccaggio: ( C) N massimo di contattori affiacabili: 3 ( 40 C) (1) 2 (40-55 C) (1) Coppia nominale di serraggio: (Nm) 1,2 3,5 Tipo di vite terminale: M3,5 M5 Cacciavite raccomandato: PZ1 PZ2 Sezione conduttori: rigido (mm 2 ) ,5 25 flessibile (mm 2 ) ,5 16 Peso: (g) CARATTERISTICHE BOBA DI COMANDO Tensione di comando bobina (Uc): (V) ca ca / cc Tensione minima di funzionamento: (V) % Uc Tensione massima di funzionamento: (V) 110% Uc Frequenza: (Hz) 50/60 (2) Assorbimento bobina all'eccitazione: (VA / W) 12 / 10 2,6 / 2,6 (3) 3,8 / 3,8 (4) 5 / 5 Assorbimento bobina in mantenimento: (VA / W) 2,8 / 1,2 2,6 / 2,6 (3) 3,8 / 3,8 (4) 5 / 5 Coppia nominale di serraggio: (Nm) 0,6 Tipo di vite terminale: M3 M3,5 Cacciavite raccomandato: PZ1 Sezione conduttori: rigido (mm 2 ) 1 2,5 flessibile (mm 2 ) 1 2,5 CARATTERISTICHE CONTATTO AUSILIARIO Tensione nominale di impiego (Ue): (V) ca Tensione nominale di isolamento (Ui): (V) 500 Tensione nominale di tenuta ad impulso (Uimp): (kv) 4 Corrente nominale AC-15 (In): (A) 6 (230V) - 4 (400V) N di moduli: 0,5 Potenza dissipata per polo (AC-15): (W) 0,3 N di manovre meccaniche: 3 x 10 6 N di manovre elettriche: Coppia nominale di serraggio: (Nm) 0,6 Tipo di vite terminale: M3 Cacciavite raccomandato: PZ1 Sezione conduttori: rigido (mm 2 ) 1 2,5 flessibile (mm 2 ) 1 2,5 Peso: (g) 35 (1) Si consiglia l installazione di un distanziatore (GW D6 766) per limitare il riscaldamento tra gruppi di contattori affiancati. (2) Le bobine dei contattori da 25, 40 e 63A possono essere comandate in tensione alternata con frequenza da 40 a 500Hz (3) Per versioni 2NA - 3NA - 4NA - 3NA+1NC (4) Per versioni 4NC SCHEMI FUNZIONALI - CONTATTORI SCHEMI FUNZIONALI - CONTATTI AUSILIARI GW D6 701 GW D6 702 GW D6 721 GW D6 706 GW D6 707 GW D6 744 GW D6 703 GW D6 711 GW D6 712 GW D6 731 GW D6 741 GW D6 742 GW D6 751 GW D6 705 GW D6 743 GW D6 708 GW D6 713 GW D6 722 GW D6 732 GW D6 752 GW D6 761 GW D6 762 GW D6 709 GW D6 714 GW D6 715 GW D6 723 GW D6 724 GW D6 733 GW D6 734 GW D6 753 GW D6 754 GW D6 716 GW D6 717 GW D6 718 GW D6 735 GW D

12 COMANDO MOTORE START K1 K1 STOP K1 Un tipico circuito di comando automatico di marcia-arresto di un motore è caratterizzato da un dispositivo di protezione per le sovracorrenti (interruttore magnetotermico o salvamotore), un contattore (per consentire l apertura e chiusura del circuito di potenza) e un circuito ausiliario composto da pulsanti che comandano l eccitazione e la diseccitazione della bobina del contattore (tipicamente un pulsante NA di marcia e un pulsante NC di arresto come per esempio GW ) La scelta del contattore più idoneo per tale applicazione non deve essere solo influenzata dalla potenza del motore ma bisogna considerare anche la categoria di utilizzazione per determinarne la sua durata nel tempo in riferimento al numero e alla frequenza di manovra. A tal proposito la norma CEI EN definisce 4 categorie di utilizzo in merito al comando dei motori, esattamente: AC-1 per il comando di messa in tensione di carichi leggermente induttivi (es. riscaldamento, distribuzione) AC-2 per l avviamento, interruzione, frenatura, inversione di marcia e marcia a scatti di motori ad anelli (es. motore per trafilatura) AC-3 per l avviamento ed interruzione di motori a gabbia (es. pompe, ventilatori, climatizzatori, nastri trasportatori, miscelatori ecc ) AC-4 per l avviamento, interruzione, frenatura, inversione di marcia e marcia a scatti di motori a gabbia (es. motore per tipografia) Nella maggior parte delle applicazioni, il metodo più comune per avviare ed arrestare la marcia di un motore corrisponde alla categoria AC-3 ossia il dispositivo di comando stabilisce la corrente di avviamento e interrompe la marcia a motore lanciato quando il motore assorbe la corrente nominale. Nel caso della categoria di utilizzo AC-4 il contattore deve essere sovradimensionato perché sottoposto a condizioni più gravose in quanto l interruzione della marcia avviene nel periodo di avviamento del motore invece che nella fase di regime. Di seguito è riportato un esempio per la scelta del contattore più idoneo considerando tutti gli aspetti finora descritti: Comando di un motore elettrico a gabbia (ne consegue che la categoria di utilizzo corrisponde a AC-3) Tensione di alimentazione: 400V trifase Potenza del motore: 11kW N di manovre: 100 al giorno Per poter comandare tale carico ci sono due possibilità di scelta: 1.CTR40 : la massima potenza d impiego corrisponde a 11kW con un n massimo di manovre pari a Pertanto la durata del contattore risulta pari a / 100 = 1500 giorni. 2.CTR63: dai diagrammi di durata è possibile ricavare il n di manovre in funzione della potenza del motore che risulta circa di manovre. Pertanto la durata del contattore risulta pari a / 100 = 2700 giorni. 12

13 DIAGRAMMI DI DURATA Per determinare la durata di vita di un contattore bisogna fare riferimento ai diagrammi sotto riportati, i quali indicano il numero dei cicli a carico in funzione della corrente / potenza di impiego riferiti ad una specifica categoria di utilizzazione. CATEGORIA DI UTILIZZAZIONE: AC-1 Milioni di manovre CTR20 CTR25 CTRM20 CTR20 CTRM25 CTR25 CTRM20 CTRM25 CTR40 CTR63 CTR40 CTR63 Corrente (A) CATEGORIA DI UTILIZZAZIONE: AC-3 400V Milioni di manovre CTR25 CTRM25 CTR25 CTRM25 CTR40 CTR63 CTR40 CTR63 Corrente (A) Potenza motore (kw) CATEGORIA DI UTILIZZAZIONE: AC-3 230V Milioni di manovre contatti NC contatti NA Corrente (A) Potenza motore (kw) 13

14 CONTATTORI A COMANDO MANUALE Le versioni a comando manuale presentano sul fronte un selettore tramite il quale è possibile impostare la modalità di funzionamento del contattore. Più precisamente posizionando la leva in: A si imposta la modalità AUTOMATICO, ossia si ottiene il funzionamento come contattore normale. Pertanto la commutazione dei contatti avviene tramite l eccitazione e la diseccitazione della bobina. O si imposta la modalità ARRESTO PERMANENTE bloccando meccanicamente i contatti nella posizione di riposo. Pertanto anche alimentando la bobina i contatti non commutano. I si imposta la modalità MARCIA FORZATA TEMPORANEA. I contatti vengono commutati in assenza di tensione sulla bobina di comando. Quando la bobina viene alimentata il selettore commuta automaticamente in posizione A mantenendo la posizione dei contatti. Selettore in I Selettore in A Selettore in 0 Ripristino automatico in A Bobina di comando 230V 0V Stato dei contatti Commutati Riposo Automatico Arresto permanente Marcia forzata temporanea A livello applicativo, le versioni a comando manuale servono qualora si voglia intervenire sui contatti di potenza indipendentemente dal loro stato e da eventuali comandi esterni. Infatti è sempre possibile commutare i contatti anche in assenza dell alimentazione della bobina. Pertanto possono essere utili per eseguire il test di funzionamento del prodotto prima dell avviamento del carico elettrico oppure per le operazioni di manutenzione (come per esempio la sostituzione dei carichi luce) per salvaguardare la sicurezza dell operatore. Inoltre si può evitare l installazione di un commutatore a 2 posizioni (manuale/automatico) o a 3 posizioni (manuale/0/automatico) spesso previsto come accessorio per il comando per esempio di motori, pompe e ventilatori. 14

15 CONVERSIONE CODICE CODICE VECCHIO CODICE NUOVO DESCRIZIONE GW GW D6 701 Contattore 20A 1NA 230V 1M GW GW D6 702 Contattore 20A 2NA 24V 1M GW GW D6 707 Contattore 20A 1NA+1NC 230V 1M GW GW D6 703 Contattore 20A 2NA 230V 1M GW GW D6 705 Contattore 20A 2NC 230V 1M GW GW D6 708 Contattore 20A 3NA 230V 2M GW GW D6 709 Contattore 20A 4NA 230V 2M GW GW D6 713 Contattore 25A 3NA 230V 2M GW GW D6 718 Contattore 25A 3NA+1NC 230V 2M GW GW D6 714 Contattore 25A 4NA 24V 2M GW GW D6 715 Contattore 25A 4NA 230V 2M GW GW D6 717 Contattore 25A 4NC 230V 2M GW GW D6 721 Contattore 40A 2NA 230V 3M GW GW D6 722 Contattore 40A 3NA 230V 3M GW GW D6 724 Contattore 40A 4NA 230V 3M GW GW D6 731 Contattore 63A 2NA 230V 3M GW GW D6 732 Contattore 63A 3NA 230V 3M GW GW D6 734 Contattore 63A 4NA 230V 3M GW GW D6 742 Contattore manuale 20A 2NA 230V 1M GW GW D6 752 Contattore manuale 25A 3NA 230V 2M GW GW D6 754 Contattore manuale 25A 4NA 230V 2M GW GW D6 761 Contatto aux 2NA 0,5M GW GW D6 762 Contatto aux 1NA+1NC 0,5M CONTATTORI TABELLE DIMENSIONALI 17, , ,5 CONTATTORI A COMANDO MANUALE CONTATTI AUSILIARI ,5 35

16 CONTATTORI CTR GWD6703 CONTATTORI Codice Contatti Tensione di comando bobina (V) N. mod. EN Conf. Imb. CORRENTE NOMALE (AC-1/AC-7A): 20 A - CTR20 GW D NA 230 ac 1 6/24 GW D NA 24 ac 1 6/24 GW D NA 230 ac 1 6/24 GW D NC 230 ac 1 6/24 GW D NA+1NC 24 ac 1 6/24 GW D NA+1NC 230 ac 1 6/24 GW D NA 230 ac 2 3/12 GW D NA 230 ac 2 3/12 CORRENTE NOMALE (AC-1/AC-7A): 25 A - CTR25 GW D NA 24 ac/dc 2 3/12 GW D NA 230 ac dc 2 3/12 GW D NA 230 ac dc 2 3/12 GW D NA 24 ac/dc 2 3/12 GW D NA 230 ac dc 2 3/12 GW D NC 24 ac/dc 2 3/12 GW D NC 230 ac dc 2 3/12 GW D NA+1NC 230 ac dc 2 3/12 CORRENTE NOMALE (AC-1/AC-7A): 40 A - CTR40 GW D NA 230 ac dc 3 2/8 GW D NA 230 ac dc 3 2/8 GW D NA 24 ac/dc 3 2/8 GW D NA 230 ac dc 3 2/8 GW D NA+2NC 230 ac dc 3 2/8 CORRENTE NOMALE (AC-1/AC-7A): 63 A - CTR63 GW D NA 230 ac dc 3 2/8 GW D NA 230 ac dc 3 2/8 GW D NA 24 ac/dc 3 2/8 GW D NA 230 ac dc 3 2/8 GW D NA+1NC 230 ac dc 3 2/8 APPLICAZIONI: adatti per il comando automatico di utenze elettriche di potenza con numero elevato di manovre. La commutazione dei contatti avviene mediante l'eccitazione e la diseccitazione della bobina. Per applicazioni diverse dalla categoria di utilizzazione AC-1/AC-7a, fare riferimento alle pagine tecniche. CARATTERISTICHE: accessoriabili con i contatti ausiliari e copriviti piombabili. NOTA: si consiglia l'utilizzo di un distanziatore nel caso di contattori installati affiancati per un funzionamento ottimale. GWD6742 CONTATTORI A COMANDO MANUALE Codice Contatti Tensione di comando bobina (V) N. mod. EN CORRENTE NOMALE (AC-1/AC-7A): 20 A - CTRM20 GW D NA 24 ac 1 6/24 GW D NA 230 ac 1 6/24 GW D NC 230 ac 1 6/24 GW D NA+1NC 230 ac 1 6/24 CORRENTE NOMALE (AC-1/AC-7A): 25 A - CTRM25 GW D NA 230 ac dc 2 3/12 GW D NA 230 ac dc 2 3/12 GW D NA 24 ac/dc 2 3/12 GW D NA 230 ac dc 2 3/12 APPLICAZIONI: dotati di selettore a tre posizioni (A - O - I) per compiere manualmente la chiusura o l'apertura permanente dei contatti indipendentemente da comandi esterni Posizione A: funzionamento come contattore normale Posizione O: funzionamento come contattore manuale (contatti bloccati meccanicamente nello stato di riposo) Posizione I: funzionamento come contattore manuale (contatti commutati in assenza di tensione sulla bobina di comando. Quando la bobina è alimentata il selettore commuta automaticamente in posizione A mantenendo lo stato dei contatti. CARATTERISTICHE: accessoriabili con i contatti ausiliari e copriviti piombabili NOTA: si consiglia l'utilizzo di un distanziatore nel caso di contattori installati affiancati per un funzionamento ottimale. Conf. Imb. 16

17 ACCESSORI PER CONTATTORI CTR GWD6761 CONTATTI AUSILIARI Codice Contatti N. mod. EN GW D NA 0,5 1/12 GW D NA+1NC 0,5 1/12 APPLICAZIONI: segnalano la posizione dei contatti del contattore (aperto o chiuso). NOTA: ad ogni contattore si può associare fino ad un massimo di 1 contatto ausiliario. Conf. Imb. GWD6766 DISTANZIATORE Codice N. mod. EN Conf. Imb. GW D ,5 12 APPLICAZIONI: limita il riscaldamento in caso di contattori installati affiancati. NOTA: si consiglia di utilizzare un distanziatore ogni 3 contattori affiancati se la temperatura ambiente è minore di 40 C oppure un distanziatore ogni 2 contattori affiancati se la temperatura ambiente è superiore a 40 C. GWD6764 COPRIVITI PIOMBABILI Codice Adatto per contattore N. pezzi Conf. Imb. GW D6 763 Larghezza 1 mod. 2 1/10 GW D6 764 Larghezza 2 mod. 2 1/10 GW D6 765 Larghezza 3 mod. 2 1/10 APPLICAZIONI: consentono di piombare le viti dei morsetti, impedendo le manomissioni dei collegamenti. 17

18 ORGANIZZAZIONE DI VENDITA REGIONI AGENZIE E UFFICI Piemonte, Liguria, Gewiss S.p.A. - Filiale Piemonte, Liguria, Valle d Aosta Valle d Aosta Uffici e Show Room - Via Ala di Stura, TORO Lombardia Gewiss S.p.A. - Filiale Lombardia (inclusa Piacenza) Uffici e Show Room - Via A. Volta, CENATE SOTTO (BG) Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia Gewiss S.p.A. - Filiale Triveneto Uffici e Show Room - Via dei Ronchi, 21 Località Camin PADOVA Emilia Romagna Gewiss S.p.A. - Filiale Emilia Romagna (esclusa Piacenza) Uffici e Show Room - Via Cicogna, S. LAZZARO DI SAVENA (BO) Toscana REL 2 di Renato Vannini e C. s.a.s. Sede Uffici e Show Room - Viale Europa, 66/A SCANDICCI FI Umbria e Marche (e Rieti) REL s.r.l. Sede Uffici e Show Room - Via Orazio Tramontani, PONTE SAN GIOVANNI (PG) Uffici e Show Room - Via N. Abbagnano, SENIGALLIA (AN) Abruzzo e Molise MASTROMAURO RAPPRESENTANZE SAS DI FRANCESCA MASTROMAURO & C. Uffici e Show Room - Via Raiale, PESCARA Lazio (esclusa Rieti) Gewiss S.p.A. - Filiale Lazio Uffici e Show Room - Via Portuense, Blocco R Modulo ROMA Campania (inclusa Potenza) Gewiss S.p.A. - Filiale Campania Centro Direzionale Servillo 2 - Variante Nazionale delle Puglie, CASALNUOVO di NAPOLI (NA) Puglia e Basilicata TRAVERSA RAPPRESENTANZE SRL (esclusa Potenza) Uffici e Show Room - Via Michele Mitolo, BARI Calabria FGR di Ferro Gioacchino & C s.n.c. Uffici e Show Room - Via Giovanni XXIII, BORGIA (CZ) Sicilia A.SI.EL di Polizzotto Nicola & C s.n.c Uffici e Show Room - Via A. De Gasperi, PALERMO Sardegna MAELETTRIC s.n.c. Uffici e Show Room - Via Cagliari, QUARTU S. ELENA (CA)

19 I SERVIZI WEB GEWISS si rinnova. Si rinnova dal profondo. Una scelta di campo e di conseguenza di stile. GEWISS ha creato un nuovo portale dedicato al consumatore finale, animato dal progetto la casa efficiente e confortevole. Un mood configurator, animazioni e interazioni consentiranno agli utenti di avvicinarsi al mondo della domotica e di scoprire le novità del mondo GEWISS. I professionisti potranno accedere all area professional a loro dedicata in alto della home page sul link area professionisti, dove saranno disponibili il catalogo, i software e sarà possibile ricevere assistenza tecnica e commerciale. Scopritelo attraverso le sezioni in home page: CONFIGURATORE CHORUS Animazioni e interazioni avanzate guideranno il consumatore fino alla definizione del preventivo, contenente le funzioni GEWISS ideali per la soluzione di casa scelta. Inoltre l utente potrà conoscere le funzioni offerte da GEWISS, scegliendo lo scenario che più si avvicina alle sue esigenze domotiche. IMMAGA CON GEWISS Riesci ad immaginare quello che la tua casa può fare per te? Un divertente test ti aiuterà a conoscere quale tipo domotico sei e ti proporrà i prodotti giusti per realizzare la tua casa ideale. UN TOCCO DI STILE Un mood configurator per vestire la tua casa con il giusto mood, condivisibile sui principali social network. Potrai giocare con gli elementi d arredo spostandoli a tuo piacimento e potrai anche caricare le foto della tua casa e vestirla con le placche Chorus. Il sito è dedicato al centro di competenza di GEWISS che promuove una nuova cultura d impianto attraverso corsi formativi, manuali e kit didattici a tutti i professionisti che vogliono tenere il passo con l innovazione tecnologica. Dal sito è possibile fare un tour virtuale di Spazio Chorus, la casa domotica di GEWISS in Fieramilano (RHO). Qui tecnologia e quotidianità si fondono, è possibile infatti sperimentare le soluzioni domotiche GEWISS e scoprire ambienti che si adattano ad ogni stile e rispondono ad ogni esigenza. 19

20 GEWISS SI RNOVA Una scelta di campo e di stile Visita il nuovo gewiss.com dedicato all utente finale DOMOTICS ENERGY LIGHTG GEWISS S.p.A. Registered Office: Via A. Volta, CENATE SOTTO (Bergamo) - Italy Tel Fax Società con unico Socio - R.I. Bergamo / P.IVA / C.F. (IT) REA Cap. soc ,00 EUR i.v. PB IT

MW63-160 - 250 NOVITA. colori. Megaswitch. Sezionatori. Sezionatori Megaswitch

MW63-160 - 250 NOVITA. colori. Megaswitch. Sezionatori. Sezionatori Megaswitch MW63-160 - 250 R NOVITA R 245 da 63 a 250A Caratteristiche generali è la nuova gamma di sezionatori Bticino per le applicazioni industriali. Questi sezionatori trovano impiego nei quadri e negli armadi

Dettagli

J7KN. Approvazioni. Contattore. Contattore principale. Accessori

J7KN. Approvazioni. Contattore. Contattore principale. Accessori Contattore J7KN Contattore principale ersione per c.a. e c.c. Contatti ausiliari integrati Fissaggio a vite e a scatto (guida DIN da 35 mm) fino a 45 kw Gamma 4 0 kw (C 3, 380/45) Protezione per le dita

Dettagli

BETA Apparecchi Modulari e Fusibili BT

BETA Apparecchi Modulari e Fusibili BT Relè passopasso le soluzioni per una veloce e sicura installazione! Nuova gamma di relè passopasso per applicazioni industriali e civili I relè passopasso sono costituiti da una bobina e da dei contatti

Dettagli

ABB i-bus KNX Room Master Premium, MDRC RM/S 2.1

ABB i-bus KNX Room Master Premium, MDRC RM/S 2.1 Dati tecnici ABB i-bus KNX Descrizione del prodotto Il Room Master Premium è un apparecchio a installazione in serie MDRC (Modular DIN-rail Component) con Pro M-Design. È destinato all installazione nei

Dettagli

S 800. I dettagli che fanno la differenza Elevate prestazioni

S 800. I dettagli che fanno la differenza Elevate prestazioni S 800. I dettagli che fanno la differenza Elevate prestazioni Leva di comando con posizione di scattato: un immediata evidenza dell avvenuto intervento Morsetti intercambiabili: utilizzare un KIT per passare

Dettagli

System pro M compact Interruttori sezionatori SD 200

System pro M compact Interruttori sezionatori SD 200 System pro M compact Interruttori sezionatori SD 200 Principali vantaggi La nuova gamma SD 200 estende la ormai collaudata serie System pro M compact con nuovi interruttori sezionatori che forniscono lo

Dettagli

Interruttori, pulsanti e spie luminose E 210 Libertà di comando, in metà spazio

Interruttori, pulsanti e spie luminose E 210 Libertà di comando, in metà spazio Interruttori, pulsanti e spie luminose E 210 Libertà di comando, in metà spazio Tutti i vantaggi della gamma J Installazione veloce Attacco rapido a due posizioni per veloce installazione e facilmente

Dettagli

Istruzioni per l uso. Interruttore salvamotore > 8527/2

Istruzioni per l uso. Interruttore salvamotore > 8527/2 Istruzioni per l uso Interruttore salvamotore > Indice 1 Indice 1 Indice...2 2 Dati generali...2 2.1 Costruttore...2 2.2 Dati relativi alle istruzioni per l uso...2 2.3 Conformità a norme e disposizioni...3

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI INDUSTRIALI

IMPIANTI ELETTRICI INDUSTRIALI indice ALIMENTATORE TRIFASE ALIMENTATORE CC ALIMENTATORI DL 2102AL DL 2102ALCC MODULI PULSANTE DI EMERGENZA TRE PULSANTI TRE LAMPADE DI SEGNALAZIONE CONTATTORE RELE TERMICO RELE A TEMPO SEZIONATORE SENSORE

Dettagli

Caratteristiche tecniche. Alimentazione. Circuito di controllo. < 50 ms Tempo di ricaduta t R1

Caratteristiche tecniche. Alimentazione. Circuito di controllo. < 50 ms Tempo di ricaduta t R1 Modulo di sicurezza CS DM-01 Caratteristiche tecniche Custodia Custodia in poliammide PA 6.6, autoestinguente V0 secondo UL 94 Grado di protezione IP40 (custodia), IP20 (morsettiera) Dimensioni vedere

Dettagli

I.T.I.S. Magistri Cumacini. Ricavare il valore di K del conduttore con la relativa unità di misura

I.T.I.S. Magistri Cumacini. Ricavare il valore di K del conduttore con la relativa unità di misura Classe Nome I.T.I.S. Magistri Cumacini Cognome Data ESERCIZIO 1 Un conduttore di un circuito trifase di sezione 4 mm 2 è interessato da una corrente di corto circuito di valore efficace 10 ka per un tempo

Dettagli

Caratteristiche tecniche. Circuito di controllo. > 50 ms Tempo di eccitazione t A

Caratteristiche tecniche. Circuito di controllo. > 50 ms Tempo di eccitazione t A Modulo di sicurezza CS AR-91, conforme EN 81 Modulo per le manovre di livellamento al piano degli ascensori conforme EN 81 Caratteristiche principali o start controllato Collegamento dei canali d ingresso

Dettagli

AVVIATORE STATICO STS SOFT TOUCH STARTER MANUALE ISTRUZIONI

AVVIATORE STATICO STS SOFT TOUCH STARTER MANUALE ISTRUZIONI AVVIATORE STATICO STS SOFT TOUCH STARTER MANUALE ISTRUZIONI 2 AVVERTENZE Leggere le istruzioni prima di installare e operare sull avviatore. PERICOLO TENSIONE - Indica la presenza di tensione che può essere

Dettagli

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Interruttori per protezione motore P5M 68 Ausiliari per interruttore P5M 70 Sezionatori-fusibili STI 7 Limitatori di sovratensione di Tipo PRF Master 7 Limitatori

Dettagli

Installazione CATALOGO GENERALE 06/07 CG06I

Installazione CATALOGO GENERALE 06/07 CG06I Installazione CATALOGO GENERALE 06/07 CG06I Catalogo generale Installazione 2006/2007 Apparecchiature per l installazione in edifici civili e residenziali. I prodotti qui illustrati sono costruiti a regola

Dettagli

Chi siamo. L affidabilità ed elevata professionalità di Secsun è comprovata dalla presenza di un team nutrito di 40 TECNICI SPECIALIZZATI:

Chi siamo. L affidabilità ed elevata professionalità di Secsun è comprovata dalla presenza di un team nutrito di 40 TECNICI SPECIALIZZATI: COMPANY PROFILE INDICE 03. Chi siamo 04. Mission 06. Risorse 07. Struttura Aziendale 08. Le divisioni aziendali 09. Prodotti - divisione quadri 10. Linea quadri di campo 11. Linea quadri in alternata e

Dettagli

Motori asincroni monofase

Motori asincroni monofase Motori asincroni monofase Pubblicato il: 30/07/2003 Aggiornato al: 30/07/2003 di Massimo Barezzi I motori asincroni monofase possono essere utilizzati nelle più svariate applicazioni, in particolare nell'ambito

Dettagli

Partenze motore ed applicazioni di potenza

Partenze motore ed applicazioni di potenza Partenze motore ed applicazioni di potenza Interruttori salvamotori magnetotermici Contattori Relè termici A vviatori elettromeccanici Design e contenuti innovativi: la soluzione ideale per la vostra automazione

Dettagli

TELEFONIA URMET IS IN YOUR LIFE. LA MODULARITà è SEMPLICEMENTE IN LINEA. IL CENTRALINO DA 1 A 3 LINEE E 12 DERiVATI

TELEFONIA URMET IS IN YOUR LIFE. LA MODULARITà è SEMPLICEMENTE IN LINEA. IL CENTRALINO DA 1 A 3 LINEE E 12 DERiVATI TELEFONIA 2 IL CENTRALINO DA 1 A 3 LINEE E 12 DERiVATI LA MODULARITà è SEMPLICEMENTE IN LINEA URMET IS IN YOUR LIFE URMET Urmet è un azienda italiana che dal 1958 progetta, sviluppa e commercializza prodotti

Dettagli

Novità in fiera. www.lovatoelectric.com. pedale. Componenti modulari. Strumenti di misura digitali COMPONENTI ELETTRICI PER AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

Novità in fiera. www.lovatoelectric.com. pedale. Componenti modulari. Strumenti di misura digitali COMPONENTI ELETTRICI PER AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ENERMOTIVE 2007 Novità in fiera Pad. 22 Stand C01 Partenze motore e applicazioni di potenza Finecorsa, microinterruttori e interruttori a pedale Componenti modulari Strumenti di misura digitali www.lovatoelectric.com

Dettagli

SALVAVITA STOP&GO. Il dispositivo intelligente che riattiva l energia garantendo continuità di servizio STOP & GO

SALVAVITA STOP&GO. Il dispositivo intelligente che riattiva l energia garantendo continuità di servizio STOP & GO SALVAVITA STOP&GO Il dispositivo intelligente che riattiva l energia garantendo continuità di servizio STOP & GO SALVAVITA STOP&GO risolve il problema degli scatti intempestivi del differenziale in assenza

Dettagli

ANTINTRUSIONE FILARE CENTRALI A MICROPROCESSORE 1061/004-1061/006 URMET IS IN YOUR LIFE

ANTINTRUSIONE FILARE CENTRALI A MICROPROCESSORE 1061/004-1061/006 URMET IS IN YOUR LIFE S I S T E M I D I ANTINTRUSIONE FILARE 1061 CENTRALI A MICROPROCESSORE 1061/004-1061/006 URMET IS IN YOUR LIFE ANTINTRUSIONE FILARE URMET Urmet è un azienda italiana che dal 1958 progetta, sviluppa e commercializza

Dettagli

L energia punta al sole

L energia punta al sole CATALOGO 2011 L energia punta al sole Soluzioni per il fotovoltaico 2 Risparmiare energia, utilizzare energie rinnovabili ed evitare gli sprechi, sono necessità per la salvaguardia del pianeta. La risposta

Dettagli

SILAMAT. Interruttori sezionatori e apparecchiature precablate stagne IP65

SILAMAT. Interruttori sezionatori e apparecchiature precablate stagne IP65 SILAMAT. Interruttori sezionatori e apparecchiature precablate stagne IP65 Informazioni generali e applicative pag. 178 Interruttori sezionatori serie P 180 Interruttori sezionatori serie F 181 Accessori

Dettagli

Controllo fase Relè di controllo fase monofunzione - 7,5 mm Controllo su reti trifase: ordine di fase, assenza totale di fase Multitensione da x 08 a x 480 V Controlla la propria tensione d alimentazione

Dettagli

BANCHI DI LAVORO PER INSTALLAZIONI ELETTRICHE. indice

BANCHI DI LAVORO PER INSTALLAZIONI ELETTRICHE. indice indice BANCHI BANCO DI LAVORO A DUE POSTI CON DUE EROGAZIONI INDIPENDENTI DL 1101 BANCO DI LAVORO QUADRIPOSTO CON QUATTRO EROGAZIONI INDIPENDENTI DL 1103 BANCO DI LAVORO QUADRIPOSTO CON DUE EROGAZIONI

Dettagli

Tabelle tecniche. First for Steam Solutions

Tabelle tecniche. First for Steam Solutions Tabelle tecniche First for Steam Solutions E X P E R T I S E S O L U T I O N S S U S T A I N A B I L I T Y I NOSTRI PRODOTTI Apparecchiature per vapore e aria compressa scaricatori di condensa filtri ed

Dettagli

EnErgia particolare.

EnErgia particolare. Energia particolare. LA STRUTTURA DEL GRUPPO. Gruppo UNOGAS aree di attività: Area vendita gas Area vendita energia Area servizi energetici e impiantistica Area importazione e trading ABBIAMO FATTO MOLTA

Dettagli

costo quota iscrizione: 100 EURO costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale)

costo quota iscrizione: 100 EURO costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale) ABRUZZO Chieti - Pescara http://www.unich.it/unichieti/appmanager/unich/didattica?_nfpb=true&_pagelabel=ssis_didatticafirstpage_v2 costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale)

Dettagli

GUIDA DI INSTALLAZIONE

GUIDA DI INSTALLAZIONE GUIDA DI INSTALLAZIONE CLIMATIZZATORI CALDAIA INSTALLAZIONE CLIMATIZZATORI Il servizio di Installazione dei climatizzatori viene realizzato dai nostri tecnici specializzati su tutto il territorio nazionale,

Dettagli

Contatti porta ad apertura positiva serie DS A

Contatti porta ad apertura positiva serie DS A Contatti porta ad apertura positiva serie DS A Caratteristiche tecniche Interruttore di sicurezza a doppia interruzione ad apertura positiva. Adatto per il controllo di porte automatiche di ascensori.

Dettagli

Assofrigoristi. Il nostro lavoro Le sue norme Le nostre idee operative

Assofrigoristi. Il nostro lavoro Le sue norme Le nostre idee operative Assofrigoristi Il nostro lavoro Le sue norme Le nostre idee operative Associazione Italiana Frigoristi L Associazione Italiana Frigoristi rappresenta le imprese che operano nella progettazione, costruzione,

Dettagli

Si compongono di : Lato DC

Si compongono di : Lato DC Centralini di Campo precablati per DC e AC Monofase e Trifase Quadro di campo comprensivo di cablaggio lato DC e lato AC verso inverter e contatore ENEL. CENTRALINO ISL - CABUR DC Inverter Monofase / Trifase

Dettagli

Contatti porta ad apertura positiva serie DS A

Contatti porta ad apertura positiva serie DS A Contatti porta ad apertura positiva serie DS A Caratteristiche tecniche Interruttore di sicurezza a doppia interruzione ad apertura positiva. Adatto per il controllo di porte automatiche di ascensori.

Dettagli

controllo carichi Con tecnologia BUS/SCS GESTIONE ENERGIA

controllo carichi Con tecnologia BUS/SCS GESTIONE ENERGIA Soluzioni per migliorare l impianto elettrico: impianto di gestione controllo Con tecnologia BUS/SCS GESTIONE ENERGIA Soluzione gestione controllo con visualizzazione totale dei consumi Il sistema controllo

Dettagli

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza ti trovi in: Home - Agenzia - Uffici - Indirizzi e Organigramma periferico - Uffici Dogane Gli Uffici delle Dogane Gli Uffici delle Dogane Regione Abruzzo Basilicata Campania Dogane Avezzano Pescara Potenza

Dettagli

Pretendete efficienza dal vostro edificio

Pretendete efficienza dal vostro edificio Pretendete efficienza dal vostro edificio Soluzioni per il Green Building Efficienza Energetica negli edifici Il contesto normativo Il 40% circa del consumo energetico europeo è imputabile agli immobili.

Dettagli

Pretendete efficienza dal vostro edificio

Pretendete efficienza dal vostro edificio Pretendete efficienza dal vostro edificio Soluzioni per il Green Building Efficienza Energetica negli edifici Il contesto normativo Il 40% circa del consumo energetico europeo è imputabile agli immobili.

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

3 b Relè di controllo delle reti trifase e della temperatura motore RM35 TM

3 b Relè di controllo delle reti trifase e della temperatura motore RM35 TM Sommario 0 - Zelio Control Guida alla scelta............................................pagina /2 modulari b Relè di controllo delle reti trifase RM17 TG v Presentazione, caratteristiche..............................

Dettagli

Relè di protezione elettrica Trifase per potenza attiva Modelli DWB02, PWB02

Relè di protezione elettrica Trifase per potenza attiva Modelli DWB02, PWB02 Relè di protezione elettrica Trifase per potenza attiva Modelli DWB02, WB02 DWB02 Descrizione del prodotto DWB02 e WB02 sono relè TRMS molto precisi per il monitoraggio della potenza attiva adatti per

Dettagli

UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE

UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE ABRUZZO L'ABRUZZO Via F. Filomusi Guelfi - 67100 -L'Aquila Tel. 0862446148-0862446142 Fax 0862446101-0862446145 E-mail: sr-abr@beniculturali.it E-mail certificata: mbac-sr-abr@mailcert.beniculturali.it

Dettagli

INVERTERS SERIE F4000

INVERTERS SERIE F4000 INVERTERS SERIE F4000 La serie F4000 è una linea di inverters statici con tensione di uscita sinusoidale, realizzati per coprire le più svariate esigenze di alimentazione in c.a. partendo da sorgenti in

Dettagli

ELEMENTI FORMATIVI DI BASE PER LO STUDIO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI:

ELEMENTI FORMATIVI DI BASE PER LO STUDIO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI: ATTIVITA DIDATTICA Obiettivi specifici della disciplina Requisiti minimi Requisiti per l eccellenza METODO DI LAVORO Metodologia Strumenti e materiali didattici Strategie di recupero Conoscere i fondamenti

Dettagli

Unità di comando e di segnalazione Ø 22

Unità di comando e di segnalazione Ø 22 e di segnalazione Ø Harmony XB Caratteristiche Trattamento di protezione In esecuzione normale TH Temperatura ambiente vicino all apparecchio Di stoccaggio C - 0 + 0 Di funzionamento C - + 0 per versioni

Dettagli

Prodotti e soluzioni per sistemi di sollevamento

Prodotti e soluzioni per sistemi di sollevamento Prodotti e soluzioni per sistemi di sollevamento www.lovatoelectric.com Tra dizione ed innovazione LOVATO Electric S.p.A. - Bergamo Dal 1922 La prima sede LOVATO Electric nasce a Bergamo nel 1922: è il

Dettagli

KNX Domotica e Automazione degli edifici

KNX Domotica e Automazione degli edifici KNX Domotica e Automazione degli edifici Guida di scelta rapida dispositivi KNX 20-202 Guida di scelta rapida KNX Overview Attuatori di commutazione Attuatore di commutazione REG-K8x2306 Attuatori di commutazione

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

Il motore asincrono trifase

Il motore asincrono trifase 7 Giugno 2008 1SDC007106G0901 Quaderni di Applicazione Tecnica Il motore asincrono trifase Generalità ed offerta ABB per il coordinamento delle protezioni Quaderni di Applicazione Tecnica Il motore asincrono

Dettagli

Un semplice accesso al comfort e l efficienza

Un semplice accesso al comfort e l efficienza Sistema di controllo accessi alberghiero Un semplice accesso al comfort e l efficienza Applicazioni alberghiere TM Un livello superiore di comfort, sicurezza ed efficienza energetica per i propri clienti

Dettagli

NPA-CP. Pulsantiera pensile per comando diretto. Sollevamento edile. Sollevamento industriale. Tecnologie per lo spettacolo. Automazione industriale

NPA-CP. Pulsantiera pensile per comando diretto. Sollevamento edile. Sollevamento industriale. Tecnologie per lo spettacolo. Automazione industriale NPA-CP Pulsantiera pensile per comando diretto La pulsantiera NPA-CP è un apparecchio utilizzato per il comando diretto di qualsiasi macchina industriale. È un comando industriale, non civile, in quanto

Dettagli

un offerta completa, un unico interlocutore

un offerta completa, un unico interlocutore progetto scuole 2 un offerta completa, un unico interlocutore BTicino azienda leader di settore nella produzione di materiale elettrico si pone come interlocutore unico nel progetto scuole Grazie ad una

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

GRUPPI DI PRESSURIZZAZIONE E ANTINCENDIO UNI EN 12845

GRUPPI DI PRESSURIZZAZIONE E ANTINCENDIO UNI EN 12845 GRUPPI DI PRESSURIZZAZIONE E ANTINCENDIO UNI EN 12845 ANTIALLAGAMENTO FOGNATURA POMPAGGIO CIRCOLATORI CON BATTERIE DRENAGGIO ACQUA FREDDA ACQUA CALDA IDRANORD 049/9900296 1 GRUPPI DI CONTINUITÀ ANTIALLAGAMENTO

Dettagli

Apparecchi di comando - Softstarter e apparecchi statici di manovra

Apparecchi di comando - Softstarter e apparecchi statici di manovra Apparecchi di comando - Softstarter e apparecchi statici di manovra /2 Introduzione Softstarter SIRIUS 3RW /5 Dati generali 3RW30, 3RW0 per applicazioni standard /8 3RW30 /18 3RW0 3RW per applicazioni

Dettagli

LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI

LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI CITTÀ DI IMOLA SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE PREZZIARIO DEL COMUNE DI IMOLA (ai sensi dell art. 133 D.Lgs. 163/2006) LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI Anno 2013 *** INDICE ***

Dettagli

Avviatori motore per utilizzo in spazi ridotti: SIRIUS 3RM1 Avviatori motore SIRIUS 3RM1: multifunzionalità con minimo ingombro (22,5 mm)

Avviatori motore per utilizzo in spazi ridotti: SIRIUS 3RM1 Avviatori motore SIRIUS 3RM1: multifunzionalità con minimo ingombro (22,5 mm) Scansiona e guarda: gli avviatori SIRIUS 3RM1 Ulteriori informazioni Per maggiori informazioni sugli AVVIATORI SIRIUS: www.siemens.com/motorstarter/3rm1 Per maggiori informazioni sulla gamma SIRIUS: www.siemens.com/sirius

Dettagli

18.01. 1 NO 10 A Installazione da interno Particolarmente indicato per il fissaggio a parete 230/230 230/230 2300 2300 350 350 CFL W

18.01. 1 NO 10 A Installazione da interno Particolarmente indicato per il fissaggio a parete 230/230 230/230 2300 2300 350 350 CFL W Serie 18 - Rilevatore di movimento 10 A SERIE 18 Caratteristiche Rilevatore di movimento a infrarossi Dimensioni ridotte Dotato di sensore crepuscolare e tempo di ritardo Utilizzabile in qualsiasi posizione

Dettagli

INDICE BOBINATRICI BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI

INDICE BOBINATRICI BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI INDICE BOBINATRICI BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI DL 1010B DL 1010D DL 1012Z KIT PER TRASFORMATORI E MOTORI KIT PER IL MONTAGGIO

Dettagli

Kit domotico KNX. Manuale di installazione

Kit domotico KNX. Manuale di installazione Kit domotico KNX Manuale di installazione Kit domotico KNX Gestione di luci, tapparelle termoregolazione e stacco carichi Attraverso il mini server, è possibile interfacciare l iphone /ipod /ipad con il

Dettagli

1 NO 1 NO 1 NO Corrente nominale/max corrente istantanea A

1 NO 1 NO 1 NO Corrente nominale/max corrente istantanea A Serie - Rilevatore di movimento e di presenza 10 A SERIE Caratteristiche.41.51.61 Rilevatore di movimento e di presenza Ampia area di copertura fino a 120m 2 Due aree di rilevamento (tipo.51): zona presenza

Dettagli

Il coordinamento del comando e della protezione motore

Il coordinamento del comando e della protezione motore Tecnologie, schemi elettrici, simboli, norme, definizioni e consigli pratici Guida Tecnica Il coordinamento del comando e della protezione motore . Il coordinamento del comando e della protezione motore

Dettagli

Alimentatore Switching (SMPS) Trifase per montaggio su barra DIN, tipo SMP23 24 V DC/10 A

Alimentatore Switching (SMPS) Trifase per montaggio su barra DIN, tipo SMP23 24 V DC/10 A tipo SMP3 4 V DC/0 A Descrizione Alimentatore Switching per montaggio su barra DIN, alimentazione con tensione trifase, alto rendimento, filtro integrale in ingresso, protezione sovratemperatura,power

Dettagli

Soluzioni Domotiche per il comfort e la sicurezza

Soluzioni Domotiche per il comfort e la sicurezza Soluzioni Domotiche per il comfort e la sicurezza Facili e pronte all uso Indice 2 MY HOME SOLUZIONI DOMOTICHE Caratteristiche generali Soluzioni domotiche per il comfort e la sicurezza 4 Grandi vantaggi

Dettagli

Nuovo sistema di protezione modulare ETIMAT Scatta la protezione che conviene.

Nuovo sistema di protezione modulare ETIMAT Scatta la protezione che conviene. Nuovo sistema di protezione modulare ETIMAT Scatta la protezione che conviene. Power needs control ETIMAT. Apparecchi modulari per la protezione. Scatta la protezione che conviene. Il nuovo sistema di

Dettagli

PREMESSA Differenza tra i vari dispositivi meccanici di manovra?

PREMESSA Differenza tra i vari dispositivi meccanici di manovra? PREMESSA Differenza tra i vari dispositivi meccanici di manovra? CONTATTORE / TELERUTTORE e RELÈ / RELAIS DEFINIZIONE (Norma CEI 17 3) : dispositivo meccanico di manovra, generalmente previsto per un numero

Dettagli

Tensione alternata negli impianti civili

Tensione alternata negli impianti civili Tensione alternata negli impianti civili Tensione di alimentazione negli impianti civili: Veff=Vp/ 2 = 220-230 V, 1/T= f = 50 Hz Sistema di distribuzione di energia: MONOFASE con due fili: uno di FASE

Dettagli

ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA. MAE10DNT - Laboratorio Macchine Elettriche

ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA. MAE10DNT - Laboratorio Macchine Elettriche ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA MAE10DNT - Laboratorio Macchine Elettriche Generalità La Didacta Italia ha progettato una unità di studio, estremamente versatile per le prove ed i controlli di velocità sulle

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

64 I.T.S. Lombardia 7 Veneto Piemonte. Emilia Romagna Liguria. Toscana. Marche 3. Abruzzo Lazio 4. Molise 1. Basilicata. Sardegna. Calabria.

64 I.T.S. Lombardia 7 Veneto Piemonte. Emilia Romagna Liguria. Toscana. Marche 3. Abruzzo Lazio 4. Molise 1. Basilicata. Sardegna. Calabria. Lombardia 7 Veneto Piemonte 6 3 Emilia Romagna Liguria 4 Toscana 3 7 Umbria Friuli V. Giulia Marche 3 Abruzzo Lazio 4 7 Molise 64 I.T.S. 3 Sardegna 3 Basilicata Calabria 4 Sicilia 5 Gli ITS in Abruzzo

Dettagli

Serie AC650/AC650V. Inverter V/F e Sensorless Da 0,25 a 110kW

Serie AC650/AC650V. Inverter V/F e Sensorless Da 0,25 a 110kW Serie AC650/AC650V Inverter V/F e Sensorless Da 0,25 a 110kW Gli inverter Serie AC650/AC650V provvedono al controllo dei motori asincroni trifase con rapporto prezzo/prestazioni eccezionale. Sono disponibili

Dettagli

MicroLab TRASFORMATORI DL 10100 TRASFORMATORE TRIFASE DL 10103 TRASFORMATORE MONOFASE

MicroLab TRASFORMATORI DL 10100 TRASFORMATORE TRIFASE DL 10103 TRASFORMATORE MONOFASE TRASFORMATORI Le macchine statiche sono dimensionate per una potenza standard con bassa tensione di lavoro, mentre gli avvolgimenti sono suddivisi in più sezioni per consentire il maggior numero possibile

Dettagli

Diagramma a blocchi del sistema modulare per lo studio della Smart Grid

Diagramma a blocchi del sistema modulare per lo studio della Smart Grid DL SGWD SMART GRID Questo sistema didattico è stato progettato per lo studio e la comprensione dei concetti legati alla gestione intelligente dell energia elettrica. Questo concetto, chiamato Smart Grid,

Dettagli

Infratel Italia. marzo 2014

Infratel Italia. marzo 2014 Infratel Italia marzo 2014 La missione Estendere le opportunità di accesso alla banda larga, in tutte le aree sottoutilizzate del Paese, attraverso la realizzazione e l integrazione d infrastrutture di

Dettagli

Come costruire itinerari turistico responsabili

Come costruire itinerari turistico responsabili Come costruire itinerari turistico responsabili GIUSEPPE MELIS INTRODUZIONE AL CONVEGNO ITINERARI TURISTICO-RESPONSABILI: STRUMENTI PER ATTIVARE PERCORSI DI QUALITÀ ORISTANO, 27 MAGGIO 2008 AUDITORIUM

Dettagli

1.2) Altre nomenclature rilevanti (NACE/CPA/CPC): CPC 71222;83101;61120;74490

1.2) Altre nomenclature rilevanti (NACE/CPA/CPC): CPC 71222;83101;61120;74490 ALLEGATO DETTAGLIO PREINFORMATIVA SERVIZI 2005 1) AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO A LUNGO TERMINE DI AUTOVEICOLI SENZA CONDUCENTE Lotto 1 Berline piccole Lotto 2 Berline medie Lotto 3 Grandi berline

Dettagli

Mototamburo 80S. Descrizione del prodotto. Tipi di materiale. Dati tecnici. Opzioni. Accessori. Informazioni per l ordinazione

Mototamburo 80S. Descrizione del prodotto. Tipi di materiale. Dati tecnici. Opzioni. Accessori. Informazioni per l ordinazione Descrizione del prodotto Tipi di materiale Applicazioni Caratteristiche Grazie alla sua potenza, all affidabilità e all assenza di manutenzione, questo mototamburo è ideale per trasportatori di piccoli

Dettagli

REPORTISTICA ISCRITTI

REPORTISTICA ISCRITTI Augusta Tartaglione REPORTISTICA ISCRITTI Elaborazione dati periodici forniti da Previnet. Aggiornamento al 30 giugno 2014 Augusta Tartaglione Comunicazione & Promozione comunicazione@fondofonte.it tel.

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB)

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) 1. INTRODUZIONE Il bivacco di Pian Vadà è costituito da un edificio a due piani, ciascuno di superficie

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

VALVOLE ISO 5599/1 SERIE SAFE AIR

VALVOLE ISO 5599/1 SERIE SAFE AIR Partendo da una serie di valvole robusta ed affidabile come quelle a norma ISO 5599/1, sono state aggiunte alcune caratteristiche peculiari quali la presenza di un sistema di diagnostica dello stato della

Dettagli

catalogo 2010 GREEN UP Colonnine di ricarica per veicoli elettrici.

catalogo 2010 GREEN UP Colonnine di ricarica per veicoli elettrici. catalogo 2010 GREEN UP Colonnine di ricarica per veicoli elettrici. Oltre le disposizioni di legge Voglia di essere eco-cittadini IL 27% DEGLI ITALIANI ADULTI RITIENE CHE LA SUA PROSSIMA AUTO AVRÀ PROBABILMENTE

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato Interruttori di sicurezza ad azionatore separato Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 5 6 9 scatto rapido sovrapposti FD FP FL FC 21 22

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Guida alla scelta e Catalogo SPD

Guida alla scelta e Catalogo SPD 110 Guida alla scelta e Catalogo SPD Sommario Acti 9 Sistema apparecchi modulari 3 Protezione Panoramica limitatori di sovratensione iprf1 12.5r, PRF1 Master, PRD1 25r, PRD1 Master iprd* iquick PRD iquick

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro Adelina Brusco, Daniela Gallieri Ancona, 9 giugno 2009 Assicurati e Infortuni sul lavoro sono rilevati tramite il codice fiscale che individua il Paese di nascita

Dettagli

FON.COOP. Le fasi di presentazione Avviso 13. Luglio 2010

FON.COOP. Le fasi di presentazione Avviso 13. Luglio 2010 FON.COOP Le fasi di presentazione Avviso 13 Luglio 2010 Queste slide spiegano nel dettaglio la procedura che dovrai seguire per richiedere il finanziamento di uno o più voucher a valere sull Avviso 13.

Dettagli

Orologi interruttori modulari

Orologi interruttori modulari Digitali 7LF e meccanici Impiego Per il comando temporizzato dei circuiti e dei dispositivi in funzione dell ora impostata, trovano largo impiego in tutti i settori, dall industria al terziario fino al

Dettagli

La Sicurezza delle Macchine alimentate a tensione di rete

La Sicurezza delle Macchine alimentate a tensione di rete Sezione Toscana e Umbria Toscana La Sicurezza delle Macchine alimentate a tensione di rete Dott. Ing. Lorenzo Spinelli Direzione Elettra s.r.l. Organismo Notificato n. 2321 Direttiva Macchine, Direttiva

Dettagli

ON 1 2 3 4 5 6 7 8 1,5 3 4,5 4 ON OFF ECO +5 +10 +20 -10 -20. Istruzioni d uso 10/08 - CI

ON 1 2 3 4 5 6 7 8 1,5 3 4,5 4 ON OFF ECO +5 +10 +20 -10 -20. Istruzioni d uso 10/08 - CI P A R T. T37 B Sistema Gestione Energia 3 5 6 7 8 8-5 5 - - + + kw Istruzioni d uso /8 - CI 8 5-5 + - + - Sistema Gestione Energia. ISTRUZII PER L UTENTE. Generalità del sistema Il sistema è in grado di

Dettagli

Guida al Sistema Bassa Tensione

Guida al Sistema Bassa Tensione Indice Generale Guida al Sistema Bassa Tensione 1 Introduzione 2 Le norme 3 Caratteristiche della rete 4 Protezione dei circuiti 5 Caratteristiche degli apparecchi di protezione e manovra 6 Protezione

Dettagli

Le novità settembre 2004 1

Le novità settembre 2004 1 INDICE CASA ATTIVA Sistemi di protezione per il residenziale pag. 2 RESTART con AUTOTEST RESTART BIOCOMFORT ACTIVO SERIE 90 introduzione pag. 6 catalogo pag. 20 introduzione pag. 7 catalogo pag. 21 introduzione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

Ospedale dei SS. Cosma e Damiano REALIZZAZIONE CENTRALE FRIGORIFERA LABORATORIO ANALISI

Ospedale dei SS. Cosma e Damiano REALIZZAZIONE CENTRALE FRIGORIFERA LABORATORIO ANALISI Azienda USL n. 3 Pistoia P.IVA 01241740479 Area Funzionale Tecnica Settore Tecnico Distaccato della Z/D Valdinievole P.zza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) Tel. 0572-460431 fax 0572/460433 Ospedale dei

Dettagli

Mini Pragma. I nuovi centralini che arredano

Mini Pragma. I nuovi centralini che arredano Mini Pragma I nuovi centralini che arredano Mini Pragma La semplicità fatta eleganza Soluzioni per la casa Mini Pragma è una nuova idea di centralino per applicazioni nel residenziale e piccolo terziario

Dettagli

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI Famiglia gioco Numero Concessioni GIOCHI A BASE SPORTIVA E IPPICA 398 CONCESSIONI GIOCO ON LINE (GAD) 144 GIOCHI NUMERICI A TOTALIZZATORE 1 LOTTO E LOTTERIE 1 BINGO

Dettagli

I numeri degli Istituti Tecnici Superiori

I numeri degli Istituti Tecnici Superiori I numeri degli Istituti Tecnici Superiori Al 4 aprile 04 64 ITS 40 percorsi attivati circa 5000 corsisti 73 corsi sono già conclusi 300 già diplomati 4,5% femmine Su 4 diplomati di n. 68 corsi censiti

Dettagli

Un edificio, adibito ad albergo, è costituito da tre piani fuori terra e da un piano interrato.

Un edificio, adibito ad albergo, è costituito da tre piani fuori terra e da un piano interrato. In questo numero riportiamo uno svolgimento possibile al quesito posto dal Ministero per l esame di stato di abilitazione all esercizio della libera professione di perito industriale della sessione 2008.

Dettagli