PERCORSO PARTECIPATIVO PER LA REDAZIONE DEL REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI SERAVEZZA REGOLAMENTO URBANISTICO E. partecipazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PERCORSO PARTECIPATIVO PER LA REDAZIONE DEL REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI SERAVEZZA REGOLAMENTO URBANISTICO E. partecipazione"

Transcript

1 PERCORSO PARTECIPATIVO PER LA REDAZIONE DEL REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI SERAVEZZA (LU) COMUNE DI SERAVEZZA REGOLAMENTO URBANISTICO E partecipazione RELAZIONE CONCLUSIVA A CURA DI: ARCH. RICCARDO BORZONI

2 INDICE PREMESSA La partecipazione in toscana 1 IL PERCORSO PARTECIPATIVO Articolazione del percorso 2 Attività condotte dell ufficio 2 Metodi e tempi 3 CONTRIBUTI RACCOLTI Forum territoriale della montagna 5 Forum Territoriale di Seravezza 5 Forum Territoriale della pianura 5 Forum Tematici 6 Questionari 6 Contributi singoli 6 MATERIALI CONSEGNATI Schede contributi per la montagna 12 Schede contributi per Seravezza 66 Schede contributi per la pianura 73 Schede contributi dei forum tematici 77 Schede questionario 88 Contributi singoli 99 MATRICI SINTETICHE 111 2/176

3 PREMESSA La partecipazione in toscana La normativa della Regione Toscana contempla varie pratiche partecipative volte al coinvolgimento di attori diversi nei processi decisionali di carattere pubblico. Sono strumenti finalizzati prevalentemente all inclusione di soggetti organizzati, pubblici e non, nelle politiche regionali attraverso gli istituti della concertazione. Accanto a questi esistono, poi, gli istituti rivolti al coinvolgimento dei singoli cittadini, ossia dei soggetti non organizzati mediante le pratiche della democrazia rappresentativa. In questo ambito si inserisce la legge regionale sulla partecipazione, adottata a fine 2007, che nelle intenzioni dei promotori dovrebbe favorire ulteriormente l inclusione dei singoli cittadini nei processi decisionali. Con la Legge 1/05, ma soprattutto con i suoi regolamenti attuativi, la partecipazione è diventata parte integrante di alcune procedure come, ad esempio la Valutazione Integrata. L inclusione della partecipazione nelle procedure di redazione degli atti e degli strumenti per il governo del territorio tende ad evidenziare, maggiormente, i contenuti tecnici di tale disciplina. La partecipazione è, infatti, frequentemente associata a contenuti e significati più propriamente politici. Per molti la partecipazione è un mezzo per conseguire maggiore giustizia sociale, per diminuire la distanza tra cittadini ed eletti, per porre un freno ai grandi interessi, per gestire e manipolare il consenso o cambiare il modello di sviluppo. Oltre a questo e diversamente da questo, la partecipazione è però anche un insieme di metodologie, strumenti e procedure che permettono un accurata rappresentazione della complessità sociale e della specifica diversità di ogni comunità o contesto territoriale in cui ci si trova ad operare. In quest ottica, la partecipazione è uno strumento di indagine ed analisi della realtà su cui il progetto (nel nostro caso uno strumento di governo del territorio) che si sta elaborando andrà ad incidere. Ha, quindi, una valenza analoga a quella di altri strumenti di indagine propri della disciplina urbanistica e, più precisamente, completa la conoscenza del territorio fisico e storico, tipica di tali strumenti, con la rappresentazione degli interessi individuali e di gruppo che su di esso agiscono trasformandolo. La partecipazione, allora, è un metodo per generare soluzioni e progetti migliori, più aderenti a quella realtà specifica e maggiormente in sintonia con i bisogni degli attori locali. In quest ottica un processo partecipativo è buono se tutti i soggetti locali interessati sono coinvolti e messi nelle condizioni di informarsi ed esprimersi, di proporre soluzioni alternative, indipendentemente dai risultati specifici che ne conseguiranno. 3/176

4 IL PERCORSO PARTECIPATIVO Articolazione del percorso L elaborazione di una proposta di percorso partecipativo per la redazione del Regolamento Urbanistico è partita dall individuazione di alcuni criteri guida obiettivi che esso doveva soddisfare. Il processo partecipativo, infatti, doveva essere in grado di apportare contenuti utili al Regolamento Urbanistico, mettendo i partecipanti in condizione di avanzare delle proposte sotto forma di progetti, bisogni ecc. Altro presupposto era costituito dagli attori locali da coinvolgere nel processo individuati in: - Soggetti istituzionali: parti politiche, altri enti pubblici di governo e gestione del territorio. - Parti sociali: associazioni sindacali, rappresentanti di categorie economiche e sociali. - Gruppi di espressione della società civile: associazioni di volontariato, pubbliche assistenze, associazioni culturali ecc. - Abitanti e residenti del territorio comunale. A queste indicazioni si sono aggiunte, poi, altre condizioni necessarie per garantire la buona riuscita del processo stesso. Per una buona riuscita del processo di partecipazione è, infatti, importante mettere in rapporto la popolazione e i diversi attori locali, con il territorio inteso come unità complessa. In altre parole, è necessario che le varie proposte ed azioni che ricadono sul territorio, elaborate e messe in atto dai diversi attori e disciplinate dagli strumenti di pianificazione, siano viste e concepite in relazione al territorio stesso, nella sua globalità e con le sue diversità ed articolazioni interne. È stato proposto, quindi, un percorso partecipativo organizzato su base territoriale, strutturato in diversi momenti ed attività interconessi che privilegiando momenti di dialogo collettivo avrebbe aiutato la costruzione delle condizioni essenziali per favorire l inclusione e l interazione di diversi soggetti nel processo di elaborazione del Regolamento Urbanistico. Tale percorso si è tradotto in pratica con l avvio di tre forum territoriali (montagna, Seravezza, pianura), di sei forum tematici (ambiente; economia; scuola; sociale; sport e tempo libero; turismo e commercio) e con la distribuzione e raccolta di un questionario. I forum territoriali, oltre a favorire l inclusione dei singoli cittadini, avevano la finalità di legare le varie riflessioni, indicazioni, proposte ed azioni che sarebbero emerse al territorio specifico (inteso come entità complessa di luoghi, funzioni e soggetti) sul quale ricadranno. I forum tematici, invece, dovevano favorire l inclusione di tutti quei soggetti, in genere i più organizzati, che difficilmente avrebbero preso parte ai forum territoriali. Erano, inoltre, gli strumenti ritenuti utili per affrontare i temi di carattere generale e funzionale che coinvolgevano l intero territorio comunale o sue porzioni estese come sistemi o sub sistemi territoriali. Dovevano, infine, dare la possibilità all amministrazione di organizzare e gestire, su temi che riteneva particolarmente interessanti, una riflessione ed una elaborazione di proposte ponendo al centro l intero territorio comunale e la sua specifica attività. Il questionario, infine, redatto dai tecnici e consulenti scientifici, doveva favorire l ascolto dei singoli cittadini. Ossia di tutti coloro che per scelta o per altre necessità non avrebbero potuto o voluto partecipare agli incontri dei forum. 4/176

5 Attività condotte dell ufficio Nel corso per percorso partecipativo l attività dell ufficio è consistita prevalentemente in: - attività di preparazione per l avvio del processo partecipativo stessa, - comunicazione del percorso - organizzazione o appoggio organizzativo di alcuni incontri - raccolta dei materiali e la loro successiva analisi. Le attività per l avvio del processo partecipativo hanno comportato l elaborazione del progetto di percorso, la redazione del questionario, la ricerca degli attori da coinvolgere, la gestione dei primi incontri di avvio del processo e dei forum territoriali, la redazione delle linee guida del partecipante come supporto per la gestione dei forum tematici, la preparazione del materiale informativo distribuito durante gli incontri. Le attività di comunicazione si sono concentrate soprattutto nella fase iniziale del percorso partecipativo e sono avvenute, prevalentemente, mediante manifesti, volantini e locandine. L ufficio ha provveduto direttamente all edithing grafico degli stessi, alla stampa, all affissione e distribuzione delle locandine e dei volantini, ricorrendo anche al porta a porta. La stampa e l affissone dei manifesti è avvenuta, invece, mediante la tipografia convenzionata e l ufficio affissioni. L ufficio ha poi provveduto, in certi casi, all organizzazione diretta o in collaborazione con altri assessorati di alcuni incontri dei forum tematici e dei forum territoriali. In questi casi l attività è consistita nel fornire il materiale per la comunicazione, nella ricerca ed informazione dei soggetti da coinvolgere. Infine l ufficio ha provveduto alla distribuzione e successiva raccolta del questionario. Metodi e tempi Per l avvio e gestione del percorso partecipativo è stato ricercato il coinvolgimento attivo delle associazioni locali. Nel comune sono presenti, infatti, numerose associazioni che operano in settori differenti ed organizzate mediante la consulta del volontariato. Il loro coinvolgimento è cominciato nelle fase iniziali del percorso ed è stato rivolto non solo all inclusione delle stesse nel processo decisionale, ma anche alla gestione del percorso stesso. La metodologia adottata, infatti, per quanto riguarda i forum territoriali è consistita nell aprire i forum partecipativi a chiunque lo desideri e lasciare questi alle capacità di autogestione degli attori coinvolti, in particolare di quelle associazioni locali che hanno accettato di ricoprire tale ruolo. I forum tematici, anche in virtù delle differenti finalità, sono stati invece gestiti direttamente dagli assessorati di riferimento. Il percorso partecipativo si è svolto nell arco di alcuni mesi tra la primavera e l inverno 2007, assumendo i caratteri di una consultazione, ossia di raccolta di proposte e bisogni. Di seguito riportiamo il calendario degli incontri noti all ufficio. Per la maggior parte sono assemblee a cui l ufficio è stato invitato a partecipare direttamente oppure che ha contribuito ad organizzare. 5/176

6 Mese di maggio Giorno 4 - Incontro con la consulta del volontariato Giorno 7- Approvazione in CC delle Linee guida, indirizzi e programma di lavoro Giorno 15 - Consiglio Comunale su Regolamento Urbanistico e partecipazione Giorno 21- Forum Territoriale della montagna. Presentazione Giorno 24 - Forum territoriale di Seravezza. Presentazione Giorno 28 - Forum territoriale della Pianura. Presentazione Mese di giugno Giorno 8 - Incontro con le contrade e associazioni della pianura Giorno 8 - Forum Territoriale di Seravezza. Giorno 13 - Forum Territoriale di Seravezza. Turismo e Cultura Giorno 20 - Forum Territoriale di Seravezza. Socio Sanitario Giorno 25 - Forum Territoriale di Seravezza. Ambiente e Sicurezza Giorno 25 - Forum Territoriale della Montagna. Incontro con i rappresentanti delle Pubbliche Assistenze Giorno 27 - Forum della Scuola. Mese di luglio Giorno 3 - Forum Territoriale di Seravezza. Arredo Urbano Giorno 4 - Forum del Sociale. Incontro con le associazioni Giorno 6 - Forum dell Ambiente. Giorno 11 - Forum Territoriale della Montagna. Incontri con le Comunità di Giustagnana, Azzano, Fabbiano, Cerreta Giorno 13 - Forum Territoriale della Montagna. Incontri con le Comunità di Basati e Minazzana. Giorno 13 - Forum dello sport e tempo libero Giorno 28 - Forum Territoriale della Montagna. Incontri con le Comunità di Minazzana per spiegare i contenuti del PS Giorno 19 - Forum dell Ambiente. Giorno 20 - Forum del Sociale. Incontro con le associazioni Giorno 26 - Forum territoriale della Pianura. Incontro a Ripa Giorno 23 - Forum territoriale della Pianura. Incontro a Marocchino Giorno 30 - Forum territoriale della Pianura. Incontro a Querceta Giorno 30 - Forum della Scuola. Mese di agosto Giorno 2 - Forum del Turismo e del Commercio. Giorno 6 - Forum dell Economia e lavoro. Distribuzione del questionario del sindaco mediante le Pubbliche Assistenza (in Montagna), le contrade e l ufficio anagrafe di Querceta (in Pianura). Mesi di settembre ottobre novembre Giorno 10 - Convegno regolamento urbanistico e partecipazione Raccolta e restituzione dei contributi 6/176

7 CONTRIBUTI RACCOLTI I contributi alla redazione del Regolamento Urbanistico sono stati raccolti attraverso gli strumenti del percorso partecipativo, ossia Forum Territoriali, Forum Tematici, Questionario. Di seguito riportiamo l elenco dei documenti. Forum territoriale della montagna 1) Titolo: Per decidere come decidere. Contributo della comunità di Fabbiano ad un progetto per lo sviluppo sostenibile della Montagna dal gruppo locale di Fabbiano. Consegnato con lettera allegata presso il protocollo (13 giugno 2007 n. prot ). 2) Lettera del Consiglio della P.A. di Fabbiano in merito alla cava di inerti della Cappella. Lettera consegnata presso il protocollo (4 luglio 2007 n. prot ) 3) Lettera della P.A. di Fabbiano in merito all incontro del Forum Territoriale della Montagna e ad alcune problematiche locali. Lettera consegnata presso il protocollo (14 luglio 2007 n. prot ) 4) Titolo: Osservazioni al PS a firma i cittadini di Basati. Due versioni di cui la prima consegnata al primo incontro del Forum Territoriale della Montagna ad Azzano e la seconda consegnata presso il protocollo (9 settembre 2007 n. prot ). 5) Titolo: Suggerimenti e proposte per la montagna seravezzina a firma il Consiglio. Consegnato all incontro del Forum Territoriale della Montagna di Cerreta S. Antonio del 11 Luglio ) Titolo: Proposte di sviluppo del piano regolatore della montagna seravezzina ed in particolare del paese di Giustagnana. Consegnato presso l ufficio urbanistica. 7) Titolo: Documento. Contributo al Forum Territoriale della Montagna della P.A. di Minazzana. Ricevuto via mail. 8) Incontro di Azzano del 11 Luglio 2007 Forum Territoriale di Seravezza 9) Titolo: Proposte per il Regolamento Urbanistico di Seravezza. Consegnato presso il protocollo (31 Ottobre 2007 n. prot ). Forum Territoriale della pianura 10) Incontro di Marzocchino del 23 Luglio ) Incontro di Ripa del 26 Luglio ) Incontro di Querceta del 30 Luglio /176

8 Forum Tematici Resoconti dei forum: 13) Ambiente 14) Economia 15) Sociale 16) Sport e tempo libero 17) Scuola 18) Turismo e commercio 19) Parere del consiglio d istituto in merito alle necessità di tipo edilizio delle scuole dell istituto comprensivo di Seravezza. Questionari 20) Per Fabbiano 21) Per Querceta 22) Per Ripa 23) Per Pozzi Contributi singoli Nel corso degli ultimi mesi sono inoltre pervenuti all ufficio contributi scritti da parte di singoli o gruppi, anche al di fuori di questi canali. Escludendo le manifestazioni d interesse raccolte mediante apposito bando, tali contributi si possono distinguere in cinque tipologie differenti: - Per la maggior parte si tratta di manifestazioni d interesse (da non confondersi con quelle del bando pubblicato) su interessi individuali di tipo privatistico. - Alcune di queste però hanno contenuti generalizzabili ad ampie porzioni del territorio comunale e che possono interessare anche altri abitanti nel Comune stesso. - Una parte erano presentate sotto forma di petizione popolare. - Alcune sono presentate da associazioni locali - Alcune sono contributi conoscitive e/o propositivi di carattere generale Complessivamente si tratta di una notevole quantità di documenti, contenenti ognuno più punti programmatici e proposte, non raccolti all interno di un quadro organico complessivo. Avendo origini e finalità diverse tali contributi sono giunti separatamente gli uni dagli altri senza essere stati confrontati, analizzati, discussi, ne sintetizzati dai diversi redattori. Tali contributi, inoltre, sono attinenti ad argomenti e problematiche molto differenti, alcune delle quali hanno scarsa o nulla attinenza con l oggetto del percorso partecipativo. Di per se, tutto ciò non rappresenta un fatto negativo in senso assoluto. Se, infatti, come accennato nell introduzione di questa relazione, la partecipazione oltre ad essere uno strumento di democrazia e di trasparenza politica è anche un metodo per generare soluzioni migliori, maggiormente in sintonia con i bisogni di tutti i soggetti coinvolti, allora un percorso partecipativo è uno strumento che contribuisce alla costruzione di un quadro complesso della realtà locale. 8/176

9 Tale complessità implica la rappresentazione dei molteplici interessi su molteplici argomenti, anche in contrasto tra loro, esistenti all interno di ogni comunità e pertanto il percorso partecipativo si configura come un momento di ascolto della comunità locale e di raccolta dei suoi bisogni. La metodologia adottata per raggiungere tale scopo è consistita nell aprire i forum partecipativi a chiunque lo desideri e lasciare questi alla gestione degli attori coinvolti. Il percorso partecipativo non è stato affiancato da figure professionali terze, neutrali e capaci, in grado di facilitare il confronto collettivo di questi mesi, favorendo l interazione tra gli interessi dei diversi soggetti coinvolti, singoli o gruppi, e tra essi e le finalità del percorso partecipativo e quindi con i limiti che queste ponevano al dibattito stesso. Nonostante la partecipazione non risulti vincolante, non vi è però nulla di più frustrante e conflittuale per chi partecipa e per chi promuove un percorso partecipativo di trascurare i risultati del processo stesso. Per evitare, quindi, che le conclusioni raggiunte o non raggiunte (molti documenti sono strutturati su numerosi singoli punti difficilmente confrontabili) dai gruppi locali e dai singoli siano ignorate, i materiali raccolti necessitano comunque di essere elaborati. A tal fine non si ritiene metodologicamente corretto ricavare arbitrariamente da essi quella sintesi, quel quadro complessivo e complesso che i soggetti coinvolti non hanno elaborato, in quanto questo potrebbe portare ad una eccessiva semplificazione ed a una interpretazione errata dei singoli contenuti. Dovendo comunque fornire ai consulenti scientifici una visione sintetica e gestibile dei numerosi apporti, si è ritenuto maggiormente corretto sottoporre i contributi a sintesi successive, al fine di poter tradurre gli stessi in singole formulazioni. In un secondo tempo queste sono state organizzate distinguendole in funzione dell ambito territoriale o del tema a cui si riferivano e della tipologia di interesse. Ovviamente gli ambiti territoriali sono stati assunti quelli corrispondenti ai Forum Territoriali del percorso partecipativo, mentre i temi corrispondono con quelli dei Forum Tematici. Le tipologie d interesse sono state raggruppate in funzione della loro pertinenza nelle seguenti categorie: Opere e lavori pubblici. Comprendono tutti gli interessi soddisfatti o soddisfabili mediante la realizzazione di opere pubbliche, genericamente intese, siano esse di competenza dell Amministrazione Comunale o di altri soggetti pubblici. Ad esempio: parcheggi, parchi giochi, arredi urbani, reti dei sottoservizi ecc. Attività edilizia. Comprende tutti gli interessi che hanno attinenza, esplicitamente o implicitamente, con la disciplina edilizia (parametri edilizi, procedure, tipo di interventi preferiti, ecc.) Attività urbanistica. Comprende tutti gli interessi che hanno o potrebbero avere attinenza diretta con le prescrizioni per il Regolamento Urbanistico contenute nel Piano Strutturale e con la disciplina dello stesso regolamento Urbanistico. Bisogni sociali e collettivi. Comprende tutti gli interessi che hanno attinenza con il disagio sociale di singoli, famiglie, gruppi e la collettività genericamente intesa. Sono gli interessi che pongono in primo piano o richiedono la soluzione, anche in deroga alla disciplina urbanistica, di problemi più propriamente sociali, legati alla marginalità, 9/176

10 al disagio ed alla giustizia sociale, al reddito. Ad esempio: problema della disabilità, problema della residenza per disabili o per i giovani, edilizia sociale pubblica, ecc. Strategie. Comprende tutti gli interessi che esprimono una strategia di gestione, senza definirne precisamente le modalità di attuazione. Organizzazione. Comprende tutti gli interessi che esprimono la necessità di una diversa o migliore organizzazione della comunità nel suo insieme o dei servizi pubblici. Ad esempio: presenza di vigili urbani, disponibilità di postini, ecc. Criticità. Comprende tutti gli interessi la cui soddisfazione è ritenuta particolarmente urgente da assolvere e gli interessi che potrebbero essere causa di eventuali conflittualità. Nel capitolo successivo riportiamo i risultati dell elaborazione dei materiali pervenuti. Ovviamente, come si vedrà, ogni singola formulazione potrà avere interpretazioni differenti e, di conseguenza, potrà essere pertinente a più categorie contemporaneamente. Analogamente, documenti diversi potranno elaborare formulazioni simili o contrapposte, riguardo ad un ambito territoriale o ad un tema. 10/176

11 MATERIALI CONSEGNATI Di seguito, per ognuno dei materiali pervenuti agli uffici del Settore gestione e tutela del territorio è stata elaborata una scheda contente una descrizione sintetica del documento e copia del documento stesso. Sono accluse, inoltre, delle matrici sintetiche in cui ogni contributo estrapolato dalle sintesi dei documenti è raggruppato in funzione della sua pertinenza e dell ambito territoriale o del tema a cui si riferisce. Questo lavoro di elaborazione dei documenti pervenuti non vuol essere, come già detto, una tentativo di sintesi dei documenti stessi, ma risponde alla necessita di organizzare i contributi in funzione delle finalità per cui sono stati raccolti. Si raccomanda pertanto, per la valutazione e l analisi dei materiali, di non fare riferimento esclusivo alle matrici, ma integrare queste con le schede sintetiche ed soprattutto con la lettura dei documenti originali. 11/176

12 SCHEDE CONTRIBUTI PER LA MONTAGNA 12/176

13 Per decidere come decidere. Contributo della comunità di Fabbiano ad un progetto per lo sviluppo sostenibile della Montagna dal gruppo locale di Fabbiano 18 pagine. La prima parte è presentata come un analisi degli indirizzi del piano strutturale. Segue una parte intitolata Come eravamo con alcune immagini storiche. Una terza parte di analisi della situazione attuale ed infine una parte progettuale: Un progetto, magari non perfetto, articolata in 4 punti: - I beni ed i documenti materiali di valore storico monumentale per i quali è necessario individuare forme di tutela attiva - La valorizzazione del patrimonio insediativo e le cave antiche da orientare verso usi collettivi e di interesse tali da garantire la fruizione pubblica - La determinazione di progetti volti a costruire un sistema articolato di spazi attrezzati. - Incentivare e promuovere iniziative pubbliche di elevato contenuto sociale finalizzate alla definitiva cessazione delle attività estrattive. Contenuti 1) Azioni di conservazione e valorizzazione delle emergenze storico monumentali. Il RU dovrà caricarsi di contenuti per evitare di scivolare nei modelli omologati, chiusi all innovazione, indifferenti alla peculiarità dei luoghi (attenzione alle peculiarità locali): - Pieve della Cappella. Un progetto pilota è il progetto di recupero dell Oratorio dell Annunziata. 2) Centrale rispetto ad altre problematiche è il recupero del centro storico e delle aree di pertinenza e di connessione, insieme alla valorizzazione degli spazi pubblici interni al nucleo abitato. Ritengono opportuno proporre alcune azioni strutturali di interesse comune, anziché predisporre un collage di desiderata nel quale un desiderio andrebbe a prevalere su un altro. Concettualmente il centro abitato non è da intendere solo come spazio fisico, insieme di pieni e vuoti, ma come luogo delle relazioni umane e del rapporto degli abitanti con l ambiente esterno. Il borgo è un centro di relazioni, la progettualità deve essere innovativa e il tutto va rapportato alle esigenze ed alle capacità auto - organizzative e gestionali della comunità locale. - eliminare dal centro abitato le antenne e parabole televisive, sostituendole con un impianto centralizzato, a limitato impatto ambientale con cavi interrati. - semplificare e snellire le procedure per gli interventi edilizi che non modificano l aspetto esterno. - Riduzione ulteriore degli oneri di urbanizzazione per interventi di ristrutturazione. - Riduzione degli oneri di occupazione del suolo pubblico per gli interventi di ristrutturazione delle abitazioni. - Orientare verso usi collettivi e di interesse civico le cave antiche. Ampliare l area archeomineraria della Cappella con l acquisizione al patrimonio pubblico dei siti estrattivi dimessi. 3) Manca un polo di attrazione turistica e ricreativa. La costruzione di questo polo è anche un momento di consapevolezza e di recupero della memoria ed identità locale. Propongono di realizzare un Ecomuseo. Sono ritenuti interventi ed azioni indispensabili alla sua realizzazione : 13/176

14 - Definizione ed organizzazione di itinerari escursionistici di collegamento tra il borgo e le altre frazioni, il fondovalle, gli alpeggi, le Apuane. - Creazione di piccole strutture di documentazione del territorio - Posa in opera di cartellonistica - Gestione centralizzata e flessibile delle visite - Autofinanziamento dell Ecomuseo - Costituzione anche in immagine della rete - Acquisizione al patrimonio pubblico del sito della Croce 4) Elaborare regole di uso delle aree estrattive, prefigurando nuovi scenari possibili ed alternativi, individuando nuova vocazione/destinazione. Propongono: - Favorire la rinaturalizzazione spontanea, evitando le gradinate di versante - Realizzare attività di animazione culturale che sia anche offerta turistica - Realizzare aree attrezzate per la ricreazione e percorsi didattici. - Realizzare area di sosta ed un impianto di risalita a cremagliera o torre per favorire l accessibilità dal borgo. - Realizzare una centrale fotovoltaica 14/176

15 15/176

16 16/176

17 17/176

18 18/176

19 19/176

20 20/176

21 21/176

22 22/176

23 23/176

24 24/176

25 25/176

26 26/176

27 27/176

28 28/176

29 29/176

30 30/176

31 31/176

32 32/176

33 Lettera del Consiglio della P.A. di Fabbiano in merito alla cava di inerti della Cappella 5 pagine protocollate (N. prot ) a firma del consiglio della P.A. di Fabbiano in cui si espongono alcune perplessità sull operato dell Amministrazione, in particolare sulla effettiva volontà di questa di porre le condizioni per la cessazione delle attività estrattive nella cava della Cappella. Propongono, infine, come possibile soluzione, una variante alle NTA del Piano Strutturale. 33/176

34 34/176

35 35/176

36 36/176

37 37/176

38 Lettera del Consiglio della P.A. di Fabbiano in merito al percorso partecipativo 3 pagine protocollate (N. prot ) firmata in cui si espongono contrarietà verso l incontro pubblico avvenuto in paese all interno del percorso partecipativo. Si ribadisce come criticità centrale per la comunità la cessazione delle attività estrattive nella cava della Cappella e si evidenziano alcuni problemi: Segnaletica orizzontale del parcheggio Cassonetti per la raccolta differenziata Bocciardatura della p.zza delle chiacchiere Regolamentazione dello spazio scuolabus Il cartello stradale con la scritta Fabbiano 38/176

39 39/176

40 40/176

41 41/176

42 Osservazioni al PS a firma i cittadini di Basati 5 pagine organizzate per punti sui seguenti argomenti: - Zone di espansione turistico ricettive - Zone edificabili prima casa residenti - Zone per impianti sportivi o aree ricreative - Zone edificabili per attività agro forestale e di allevamento - Zone di recupero urbanistico - Conclusioni Contenuti 1)Turismo - Permettere la costruzione di plessi che accolgano un turismo alternativo al mare. - Favorire lo sviluppo di spazi commerciali stagionali. - Recupero delle proprietà in disuso per usi musuali e culturali - Permettere la costruzione/insediamento di spacci dei prodotti tipici, localizzati all interno del paese e in aree limitrofe in boongalow in legno. Finalità. Rivitalizzare l economia locale e favorire il recupero urbano. 2) Prima casa per i residenti. Finalità. Necessità di nuovi alloggi per i residenti, impedendo le speculazioni. Propongono alcune condizioni: - Residenza decennale - Prima casa - Uso della pietra - Edifici a basso impatto ambientale - Obbligo di proprietà del nuovo alloggio per almeno 5 anni - Autocostruzione mediante una cooperativa edilizia 3) Impianti sportivi. Destinare delle aree per impianti sportivi che possano essere realizzati anche dai privati. 4) Attività agricole. - Possibilità di costruire annessi agricoli di adeguata dimensione alle necessità produttive. - Possibilità di costruire laboratori comuni di trasformazione dei prodotti agricoli. - Nel PS non sono riportate le aree tradizionalmente destinate alla coltivazione del castagno da frutto, dei vigneti, degli uliveti e dei coltivi stagionali. Va corretto. 5) Recupero urbanistico - Interventi edilizi. - Recupero delle facciate in pietra o Ammettere la costruzione di tettoie in legno o ferro battuto o Ammettere la ricostruzione di terrazzi e ballatoi o Uniformità architettonica delle concessioni edilizie - Recupero urbano o Recupero dei metati 42/176

43 o Possibilità di trasformare i rustici agricoli in residenze o Arredi urbani coerenti con l architettura storica del paese - Rivitalizzazione o Riduzione degli oneri di ristrutturazione o Incentivi per la ristrutturazione o Incentivi per lo sviluppo di energie alternative o Contributi per il miglioramento estetico delle facciate o Facilitazione per l apertura di esercizi commerciali 43/176

44 44/176

45 45/176

46 46/176

47 47/176

48 48/176

49 49/176

50 50/176

51 51/176

52 52/176

53 53/176

54 54/176

55 55/176

56 56/176

57 Suggerimenti e proposte per la montagna Seravezzina Cerreta S. Antonio 1 pagina a firma il Consiglio e datata 11 Luglio 2007, contenente 7 punti. Contenuti 1) Interventi - Provvedere punti di sosta panoramici - Predisporre collegamenti stradali (sembra di capire esprima la necessità di collegare i manufatti rurali, a cui si riferisce probabilmente la possibilità di ristrutturazione del punto successivo, con la viabilità locale) 2) Proposte di tipo urbanistico - Disporre norme per favorire le ristrutturazioni già esistenti - Incentivare la produzione locale di energia da fonti rinnovabili/alternative - Disporre norme e procedimenti edilizi simili a quelle della pianura, ritenuti più semplici e con meno vincoli. 3) Criticità - Problema dell approvvigionamento idrico, ritenuto anche più grave, considerando la presenza di numerose sorgenti - Necessità di un parcheggio per il paese 57/176

COMUNE DI SOLOFRA. Piano Urbanistico Comunale L.R. 16/2004

COMUNE DI SOLOFRA. Piano Urbanistico Comunale L.R. 16/2004 CONSULTAZIONI PER LA DEFINIZIONE CONDIVISA DEGLI OBIETTIVI E DELLE SCELTE STRATEGICHE DELLA PIANIFICAZIONE ( Legge 241/90, art. 5 L.R.16/04 e Regolamento di attuazione per il governo del territorio della

Dettagli

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi Gruppo di lavoro territorio I questionari conoscitivi Aprile 2010 Presentazione Questionario sul "Puc Partecipato" a cura di Alessia Fracchia e Valentina Rivera In previsione della redazione del nuovo

Dettagli

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICA SCHEDA NORMA 2-T2 NELLA FRAZIONE DI VADA E VARIANTE CARTOGRAFICA PER PRESA D ATTO DEL NUOVO TRACCIATO AUTOSTRADALE E DELLA VIABILITÀ SECONDARIA.

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

c. MIGLIORAMENTO ED ESPANSIONE DELLE INFRASTRUTTURE E CON- SEGUENTE VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO

c. MIGLIORAMENTO ED ESPANSIONE DELLE INFRASTRUTTURE E CON- SEGUENTE VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO INFRASTRUTTURE E TERRITORIO Pag. 51 c. MIGLIORAMENTO ED ESPANSIONE DELLE INFRASTRUTTURE E CON- SEGUENTE VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO Quadro di riferimento Le infrastrutture sono lo scheletro del territorio,

Dettagli

Comune di Tortona Settore Territorio e Ambiente

Comune di Tortona Settore Territorio e Ambiente Sistema Ambiente - Indagine conoscitiva Il questionario inerente al quarto forum sul sistema infrastrutturale produttivo è organizzato in dodici domande, di cui n. 7 a risposta singola e n. 5 a risposta

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 La politica non è nelle competizioni degli uomini; non è nei sonanti discorsi. È, o dovrebbe essere, nell interpretare l epoca in cui si vive (..).

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE Agenzia Regionale Parchi Fabio Brini PIT aree protette Condizioni e opportunità per la

Dettagli

PROPOSTE PER IL CONSIGLIO COMUNALE RAGAZZI

PROPOSTE PER IL CONSIGLIO COMUNALE RAGAZZI PROPOSTE PER IL CONSIGLIO COMUNALE RAGAZZI Anno Sc. 2006/ 07 Classe 4^ A Migliorare la scuola (giardino, fontana ) Ambiente a San Vito (verde, traffico, pulizia) Venire a scuola a piedi o in bicicletta

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici IV Incontro di ascolto in Zona 1 CAM Falcone e Borsellino - corso Garibaldi, 27 24 settembre 2015

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici IV Incontro di ascolto in Zona 1 CAM Falcone e Borsellino - corso Garibaldi, 27 24 settembre 2015 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici IV Incontro di ascolto in Zona 1 CAM Falcone e Borsellino - corso Garibaldi, 27 24 settembre 2015 All incontro hanno preso parte 34 persone, di cui 19 donne e

Dettagli

3 Gli insediamenti. Piano di Governo del Territorio di Dalmine - Documento di Piano - Relazione con i criteri di intervento

3 Gli insediamenti. Piano di Governo del Territorio di Dalmine - Documento di Piano - Relazione con i criteri di intervento 3 Gli insediamenti Il Piano individua come territori che compongono gli insediamenti: 3a) i centri storici, gli insediamenti della fabbrica Dalmine 3b) il tessuto urbano 3c) gli insediamenti produttivi

Dettagli

LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 DIRETTIVE GENERALI DI ATTUAZIONE

LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 DIRETTIVE GENERALI DI ATTUAZIONE Direzione Qualità della Vita, Beni ed Attività Culturali, Sicurezza e Promozione Sociale Servizio Servizi Sociali LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 Norme in materia di servizi educativi per la prima

Dettagli

Strategie urbane. Le automazioni che semplificano l urbanistica

Strategie urbane. Le automazioni che semplificano l urbanistica Strategie urbane Le automazioni che semplificano l urbanistica Gestire e migliorare gli spazi urbani Oggi le città devono confrontarsi con una serie di problematiche e di sollecitazioni che possono essere

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Quarto Incontro di ascolto in Zona 2 Centro Socio Ricreativo, via Sammartini 71/73 28 settembre 2015

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Quarto Incontro di ascolto in Zona 2 Centro Socio Ricreativo, via Sammartini 71/73 28 settembre 2015 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Quarto Incontro di ascolto in Zona 2 Centro Socio Ricreativo, via Sammartini 71/73 28 settembre 2015 Il quarto incontro di ascolto con i cittadini della zona

Dettagli

Patto per il Biellese

Patto per il Biellese Patto per il Biellese INTEGRAZIONE TRA I PIANI DI SVILUPPO SOCIO ECONOMICO DELLE COMUNITA MONTANE DOCUMENTO REDATTO DAL GRUPPO DI LAVORO INTEGRAZIONE TRA I PSSE DELLE COMUNITÀ MONTANE (Approvato dal Tavolo

Dettagli

ALLEGATO B. Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani

ALLEGATO B. Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani ALLEGATO B Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani Questa parte è dedicata alla presentazione della fase analitica e valutativa della qualità degli spazi verdi

Dettagli

FACILITATORI: Chiara Pignaris, Damiano Partescano, Francesco Acciai, Elisa Bertagnini

FACILITATORI: Chiara Pignaris, Damiano Partescano, Francesco Acciai, Elisa Bertagnini INCONTRO WORLD CAFÈ - REPORT Gorarella e Barbanella Martedì 30 Giugno ore 18:00-20:00 presso l ex sala circoscrizionale di Barbanella, via Gozzi 22 Grosseto PARTECIPANTI: 36 cittadini di diversa età e

Dettagli

MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA

MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA Elenco della macro struttura: Organi di riferimento Staff Sindaco e/o Giunta Strutture di secondo livello di staff 1) Servizio Polizia Municipale 2) Servizio Legale

Dettagli

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA Provincia di Lucca VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 03 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

Rapporto Finale Schede questionario per il Documento di Orientamento Strategico

Rapporto Finale Schede questionario per il Documento di Orientamento Strategico CITTÀ DI TORRE DEL GRECO (Provincia di Napoli) 4 a area - AMBIENTE TERRITORIO E INFRASTRUTTURE UFFICIO TEAM PROGETTO DIRIGENTE DEL SETTORE Ing. Giovanni Salerno Documento elaborato da: Arch. Michele Sannino

Dettagli

Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI

Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI AGRICOLTURA COMMERCIO TURISMO ARTIGIANATO In questi anni l Amministrazione Comunale ha portato avanti l azione

Dettagli

COMUNE DI BIBBIENA RIFERITA A PORZIONI TERRITORIALI 2013

COMUNE DI BIBBIENA RIFERITA A PORZIONI TERRITORIALI 2013 COMUNE DI BIBBIENA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO E AL PIANO STRUTTURALE RIFERITA A PORZIONI TERRITORIALI 2013 Relazione ai sensi della Legge 1/2005, art.53 comma 3, lett c) bis e c) ter e art. 55

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA. Lessico di base

Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA. Lessico di base Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA Lessico di base Lezione n. 6/10 1 CARTOGRAFIA DI BASE: rappresentazione plano-altimetrica o

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE del CENTRO SINISTRA SCARPERIA E SAN PIERO

PROGRAMMA ELETTORALE del CENTRO SINISTRA SCARPERIA E SAN PIERO PROGRAMMA ELETTORALE del CENTRO SINISTRA COMUNE di SCARPERIA E SAN PIERO La fusione tra i comuni di Scarperia e San Piero a Sieve, conclusasi il 31/12/2013 con lo scioglimento dei rispettivi Consigli Comunale,

Dettagli

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto C.C. n. 2700/223

Dettagli

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA Area tematica: AMBIENTE URBANO Indice documento 1 Area tematica ambiente urbano: individuazione delle sessioni di lavoro 3 Richiesta prime indagine a campione sul

Dettagli

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C MISURA 312 I BANDI Sostegno allo sviluppo di attività economiche Le opportunità disponibili da Lunedì 11 Ottobre 1 Beneficiari: : Microimprese (Partita iva e Registro Imprese Camera Commercio) Obiettivi:

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Estratto dal D.P.C.M. 12 dicembre 2005

Estratto dal D.P.C.M. 12 dicembre 2005 Estratto dal D.P.C.M. 12 dicembre 2005 SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER LE OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA

Dettagli

QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO

QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO Piano Strutturale VERNIO Dicembre 2008 QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO Andrea Valzania La partecipazione dei cittadini: percezione del territorio e aspettative per il futuro Conoscere il

Dettagli

( testo attuale e modificato)

( testo attuale e modificato) C O M U N E d i C R E S P I N A Servizi al Territorio Variante al Regolamento Urbanistico - Modifica alle Norme Tecniche di Attuazione relative agli impianti e aree cimiteriali ( articoli 61 e 66 ) ( testo

Dettagli

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI PROVINCIA DI PERUGIA DELIBERA DELLA GIUNTA COMUNALE N. 89 DEL 07-04-2011 OGGETTO: POLITICA AMBIENTALE. OBIETTIVI, TRAGUARDI E PROGRAMMI AMBIENTALI PARERE TECNICO Ai sensi dell Art. 49, comma

Dettagli

La Salute in tutte le Politiche Forum tematico

La Salute in tutte le Politiche Forum tematico La Salute in tutte le Politiche Forum tematico VOTA PER LA TUA CITTA Report dei risultati dell indagine svolta tra i cittadini Leccesi per l estensione della zona a traffico limitato Promossa da: Forum

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL BILANCIO PARTECIPATO 2015. Capo I - Disposizioni generali

REGOLAMENTO COMUNALE DEL BILANCIO PARTECIPATO 2015. Capo I - Disposizioni generali Comune di c Caronno Pertusella Provincia di Varese Iniziativa del Sindaco di Caronno Pertusella coordinata da Marco Giudici: Assessore Bilancio, Tributi, Attività Economiche Produttive, Tempo Libero. REGOLAMENTO

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 2. Casa delle Associazioni, via Miramare 9.

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 2. Casa delle Associazioni, via Miramare 9. Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Terzo incontro di ascolto in Zona 2 Casa delle Associazioni, via Miramare 9 16 Settembre 2015 Il terzo incontro di ascolto con i cittadini della zona 2 ha avuto

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA INDICE

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA INDICE PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA INDICE 1. PREMESSA... 2 2. DESCRIZIONE PROGETTO... 3 3. MANUALE D USO... 4 4. IL MANUALE DI MANUTENZIONE... 4 5. PROGRAMMA DI MANUTENZIONE... 4 5.1. LE STRATEGIE MANUTENTIVE...

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO 1. Caratteristiche dell impresa 2. Addetti e Fatturato 3. L impresa e il Territorio 4. L impresa e il Consorzio 1 -QUESTIONARIO

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione del Piano dei Servizi Il Piano dei Servizi è lo strumento di pianificazione comunale che ha le finalità di assicurare una

Dettagli

Roma, 15 novembre 99. Direzione Generale del Commercio Delle Assicurazioni e dei Servizi LORO SEDI. Prot. n. 530971 All.: n. 1

Roma, 15 novembre 99. Direzione Generale del Commercio Delle Assicurazioni e dei Servizi LORO SEDI. Prot. n. 530971 All.: n. 1 Roma, 15 novembre 99 Direzione Generale del Commercio Delle Assicurazioni e dei Servizi Div. II Agli UU.PPI.CA LORO SEDI Prot. n. 530971 All.: n. 1 E, p.c. UNIONCAMERE P.zza Sallustio, 21 00187 R O M A

Dettagli

REGOLAMENTO DI SOSTENIBILITA AMBIENTALE

REGOLAMENTO DI SOSTENIBILITA AMBIENTALE Legge regionale 03 gennaio 2005, n. 1 Norme per il governo del territorio. Art. 01 - Oggetto e finalità della legge Comma 2. Ai fini di cui al comma 1, i comuni, le province e la Regione perseguono, nell'esercizio

Dettagli

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale fe r ma t a S. R it a via ma ssaren ti Nella zona intorno a via Scandellara (tra via del Terrapieno, la ferrovia Sfm Veneta e la

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 6. Ex Fornace Naviglio Pavese, Alzaia Naviglio Pavese 16

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 6. Ex Fornace Naviglio Pavese, Alzaia Naviglio Pavese 16 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Terzo incontro di ascolto in Zona 6 Ex Fornace Naviglio Pavese, Alzaia Naviglio Pavese 16 15 Settembre 2015 Il terzo incontro di ascolto con i cittadini della

Dettagli

Le proposte e i progetti per la nuova casa sul mare

Le proposte e i progetti per la nuova casa sul mare Le proposte e i progetti per la nuova casa sul mare 10 giugno 2011 Introduzione Nel corso dell ultima fase del processo partecipato i partecipanti, con il supporto di un plastico della colonia messo a

Dettagli

Politecnico di Milano Scuola di Architettura e Società Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali

Politecnico di Milano Scuola di Architettura e Società Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali Linee guida progettuali per un nuovo Piano delle Regole Lombardo il caso Meda: modelli insediativi e indirizzi urbanistici per

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

BILANCIO PARTECIPATIVO Città di Paderno Dugnano

BILANCIO PARTECIPATIVO Città di Paderno Dugnano BILANCIO PARTECIPATIVO Città di Paderno Dugnano Assemblea I turno PADERNO Emersione del bisogno Paderno Dugnano, consiglio di Quartiere Paderno 10 maggio 2007, ore 20.30 Partecipanti Cittadini: 40 Obiettivi

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA PROGETTO DEFINITIVO Ottobre 2009 Coordinamento progettuale Laboratorio Città Sostenibile Pier Giorgio Turi Responsabile Settore Gestione Verde

Dettagli

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Bolzano Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano L ambito della trasformazione Il tema dell area ferroviaria di Bolzano

Dettagli

PIANO DI ACCESSIBILITA SICURA E SOSTENIBILE ALLE SCUOLE. La mia Scuola va in Classe A ALLEGATO 4 - SCOP RO

PIANO DI ACCESSIBILITA SICURA E SOSTENIBILE ALLE SCUOLE. La mia Scuola va in Classe A ALLEGATO 4 - SCOP RO PIANO DI ACCESSIBILITA SICURA E SOSTENIBILE ALLE SCUOLE La mia Scuola va in Classe A ALLEGATO 4 - SCOP RO Raccolta dei dati sulla mobilità scolastica Gli obiettivi della raccolta dei dati sulla mobilità

Dettagli

1. Attrezzature scolastiche DATI GENERALI PLANIMETRIA FOTOGRAFIE DATI URBANISTICI DATI UTENZA E ATTREZZATURE ATTREZZATURE E SICUREZZA VINCOLI

1. Attrezzature scolastiche DATI GENERALI PLANIMETRIA FOTOGRAFIE DATI URBANISTICI DATI UTENZA E ATTREZZATURE ATTREZZATURE E SICUREZZA VINCOLI 1. Attrezzature scolastiche N SCHEDA 84 DATI GENERALI TIPOLOGIA 1.1 asilo nido PROPRIETA' pubblica SPECIFICA PROP comunale LOCALITA' PONTECCHIO GESTIONE mista INDIRIZZO via Porrettana 197 DENOMINAZIONE

Dettagli

Parere n. 140/2009 - Rilascio permesso a costruire impianto fotovoltaico sottoposto a vincolo urbanistico

Parere n. 140/2009 - Rilascio permesso a costruire impianto fotovoltaico sottoposto a vincolo urbanistico Parere n. 140/2009 - Rilascio permesso a costruire impianto fotovoltaico sottoposto a vincolo urbanistico Si chiede parere in merito alla possibilità di rilascio di un permesso di costruire avente ad oggetto

Dettagli

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Commissione Europea Regione Puglia COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici IV Incontro di ascolto in Zona 5 Casa delle Associazioni, via Saponaro 20 24 settembre 2015

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici IV Incontro di ascolto in Zona 5 Casa delle Associazioni, via Saponaro 20 24 settembre 2015 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici IV Incontro di ascolto in Zona 5 Casa delle Associazioni, via Saponaro 20 24 settembre 2015 All incontro hanno preso parte 30 persone, di cui 14 donne. Si è trattato

Dettagli

Piano Integrato d Area del Medio Lago

Piano Integrato d Area del Medio Lago Provincia di Brescia Comunità montana del Sebino Bresciano Piano Integrato d Area del Medio Lago (Comuni di Marone, Monte Isola, Sale Marasino, Sulzano) Terzo stato di avanzamento giugno 2005 Indice 1)

Dettagli

Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico. Piazza verdi Progetto degli arredi.

Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico. Piazza verdi Progetto degli arredi. Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico Piazza verdi Progetto degli arredi Relazione PIAZZA VERDI: UTILIZZAZIONE, TUTELA E ARREDO Descrizione tecnica

Dettagli

1) PREMESSA 2) DESCRIZIONE DELLE VARIANTI

1) PREMESSA 2) DESCRIZIONE DELLE VARIANTI 1) PREMESSA Il Comune di Lajatico si è dotato di Piano Strutturale approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 37 del 27.09.2006 e di Regolamento Urbanistico approvato con delibera di Consiglio Comunale

Dettagli

!"" #""$%&! #'$ " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$

! #$%&! #'$  # &%!$! ' &! &$)#$*!!# + $!# &'$!$!#$$ !"" #""$%&! #'$ % ( " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$ L anno duemilasette il giorno trenta del mese di maggio nella sala Informalavoro del Comune di Busalla, TRA Il Presidente in rappresentanza

Dettagli

Partecipazione. Pianificazione. Responsabilità

Partecipazione. Pianificazione. Responsabilità Programma Elezioni Comunali Rimini 2011 Partecipazione Non ci sono politici di mestiere, i cittadini partecipano al governo della città Pianificazione Si condivide un progetto complessivo, si attua per

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. Piano dei Servizi. Comune di Torre de Busi Provincia di Lecco

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. Piano dei Servizi. Comune di Torre de Busi Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO Comune di Torre de Busi Provincia di Lecco Piano dei Servizi ZONA E Allegato alla tav. S6 (PdS) ( le previsioni contenute nel Piano dei Servizi e concernenti le aree necessarie

Dettagli

PIAZZA COTA - 80063 PIANO DI SORRENTO. CONCORSO DI PROGETTAZIONE IN FASE UNICA (art. 99 del d.lgs 163/06 e s.m. e i.)

PIAZZA COTA - 80063 PIANO DI SORRENTO. CONCORSO DI PROGETTAZIONE IN FASE UNICA (art. 99 del d.lgs 163/06 e s.m. e i.) CONCORSO DI PROGETTAZIONE IN FASE UNICA (art. 99 del d.lgs 163/06 e s.m. e i.) dell Istituto Comprensivo Scolastico in Via Carlo Amalfi nel Comune di Piano di Sorrento C.I.G. N 4838497608 - N GARA 4760210

Dettagli

Programma Partito Democratico di Pergine Elezioni amministrative 2009

Programma Partito Democratico di Pergine Elezioni amministrative 2009 Secondo noi amministrare una città vuol dire: PENSARE AI BISOGNI DI TUTTI AGIRE IN MODO TRASPARENTE INTRECCIARE RAGIONAMENTI DIVERSI IN UNA SINTESI COMUNE PORSI OBIETTIVI DI BENESSERE SOCIALE LAVORARE

Dettagli

LA CIVICA DARFO BOARIO TERME ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 6/7 MAGGIO 2012. per l elezione del Sindaco e del Consiglio Comunale

LA CIVICA DARFO BOARIO TERME ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 6/7 MAGGIO 2012. per l elezione del Sindaco e del Consiglio Comunale LA CIVICA DARFO BOARIO TERME ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 6/7 MAGGIO 2012 per l elezione del Sindaco e del Consiglio Comunale Candidato Sindaco EZIO MONDINI PROGRAMMA DARFO BOARIO TERME NELLA VALLECAMONICA

Dettagli

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015 Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico Sala della Giostra 19/09/2015 Presentazione Risultati - Il programma Accoglienza partecipanti e caffè di benvenuto Presentazione

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici II Incontro di ascolto in Zona 5 presso CAM Via Verro 87 9 settembre 2015

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici II Incontro di ascolto in Zona 5 presso CAM Via Verro 87 9 settembre 2015 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici II Incontro di ascolto in Zona 5 presso CAM Via Verro 87 9 settembre 2015 All incontro hanno preso parte 31 persone, di cui 18 donne e 13 uomini, tutti molto

Dettagli

COMUNE DI CASALSERUGO

COMUNE DI CASALSERUGO Elaborato1.2 COMUNE DI CASALSERUGO Documento del sindaco Piano Regolatore Comunale LR 11/2004 Piano degli Interventi n. 02 PI 2013 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urbanista Raffaele Gerometta CONTRIBUTI SPECIALISTICI

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI 1 AREA TECNICA Direttore Ing. Carlo Faccin Titolo Raccomandazioni ad indirizzo dell attività degli

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014 TERRITORIO Potenziamento delle strutture sul territorio : Realizzazione di progetti ex novo e di ristrutturazione affiancati da richieste di assegnazione di fondi europei,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE LINEE GUIDA TESTO IN BOZZA PRESENTATO AL TAVOLO

PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE LINEE GUIDA TESTO IN BOZZA PRESENTATO AL TAVOLO . COMUNE DI BOLOGNA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE LINEE GUIDA TESTO IN BOZZA PRESENTATO AL TAVOLO DI PROGRAMMAZIONE PARTECIPATA Pagina 1 Capo 1 : lineamenti generali Art. 1. - Obiettivi

Dettagli

2 Programmi integrati per la mobilità (P.I.M.)

2 Programmi integrati per la mobilità (P.I.M.) LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI PROGRAMMI INTEGRATI PER LA MOBILITA AI SENSI DELLA L.R. N. 25/2008 1 Premessa La legge regionale n. 25 del 25.07.08 persegue l obiettivo di migliorare le condizioni di

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA SERVIZIO PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI SU STRUTTURE Il Responsabile (Arch.

Dettagli

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Medie strutture di vendita Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto

Dettagli

Comune di CAMPOGALLIANO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITA

Comune di CAMPOGALLIANO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITA Allegato 1 Comune di CAMPOGALLIANO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITA A2003121800074.doc 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 Contenuti e finalità Il Piano generale

Dettagli

COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432

COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432 COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432 SCHEDA RILEVAMENTO PROGETTO (in attuazione della Legge regionale del 20 gennaio 2004 n. 2 Legge

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE. Finalità del Programma

PROGRAMMA ELETTORALE. Finalità del Programma PROGRAMMA ELETTORALE Reg. Pubbl. N- Finalità del Programma Ai JH1ÌL2U. II presente programma, come preannunciato in occasione della presentazione dei candidati e della lista, è il frutto dell'integrazione

Dettagli

INDICE. Mappa dell accessibilità urbana

INDICE. Mappa dell accessibilità urbana INDICE Considerazioni di base e concetti introduttivi Riferimenti normativi Obiettivi Metodologia di lavoro Elenco dei beni censiti Schedatura degli immobili pubblici o di tipo pubblico Cenni sulle problematicità

Dettagli

Tipo EA1a Strada rurale di pianura

Tipo EA1a Strada rurale di pianura Schede dei tipi di percorso Percorso EA1a Foglio 1 di 10 DEFINIZIONE DEL TIPO DESCRIZIONE SINTETICA Ambito: Sistema funzionale: Extraurbano Sistema insediativo diffuso Percorso su Strada rurale di pianura

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014 Linee guida, criteri e principi ispiratori della lista N. 2 per le elezioni amministrative 25.05.2014 SOMMARIO: PREMESSA LINEE PROGRAMMATICHE CONCLUSIONI PREMESSA

Dettagli

PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 6/7 MAGGIO 2012. Candidato a Sindaco Avv. Tommaso Conti

PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 6/7 MAGGIO 2012. Candidato a Sindaco Avv. Tommaso Conti PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 6/7 MAGGIO 2012 Candidato a Sindaco Avv. Tommaso Conti PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2012 1. Un progetto per lo sviluppo di Cori e Giulianello Vogliamo puntare ad un

Dettagli

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO COMUNE DI MODENA 2005 PIANO DI RECUPERO Piano di Recupero di iniziativa pubblica -VARIANTE -"EX CINEMA ODEON Tav. L Adottato con Del. Di C.C. N.48 del 04-07-2005 NORME URBANISTICHE ED EDILIZIE VARIANTE

Dettagli

Documento di Proposta Partecipata (DocPP)

Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Titolo del processo Superare le barriere mentali: l'accessibilità come chiave della qualità del turismo sulle colline piacentine Responsabile del processo e curatore

Dettagli

1 Il processo partecipativo per le decisioni operative

1 Il processo partecipativo per le decisioni operative 1 Il processo partecipativo per le decisioni operative Per individuare la vision e la strategia del PAES è stato realizzato un percorso di progettazione partecipata avvenuto principalmente attraverso la

Dettagli

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella DELIBERA 1. DI ADOTTARE la variante parziale al P.S.C. consistente nella modifica delle classificazioni delle aree Bertanella (tav. 2) e Golf (tav. 1B) e della normativa (artt. 6.10 6.10 bis 6.19-7.4.4);

Dettagli

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA a.s. 2014-2015 L.1 Prof. Vincenzo Ninni 1 FINALITA DEL CORSO IL CORSO DI GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL AMBIENTE DI LAVORO HA IL COMPITO DI FORNIRE TUTTE LE INDICAZIONI

Dettagli

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 ELEZIONI COMUNALI AL COMUNE DI FISCIANO - 15/16 MAGGIO 2011 Programma 1 Area Politiche Sociali e Servizi alla Persona 2 Ambiente e Territorio 3 Giovani -

Dettagli

LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011

LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011 LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011 Il sociale continuare l'associazione con gli altri Comuni del Distretto di Codroipo; sostenere l'operato

Dettagli

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE Agenda Locale 21 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE INDICE PREMESSA 3 ENERGIA 4 IL PIANO D AZIONE: L ENERGIA 5 1. COMUNICAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE...

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO 2010. Piano dei Servizi. SP03 Norme Tecniche d attuazione. 30 agosto 2010

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO 2010. Piano dei Servizi. SP03 Norme Tecniche d attuazione. 30 agosto 2010 Comune di Brivio Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO 2010 Piano dei Servizi SP03 Norme Tecniche d attuazione 30 agosto 2010 Arch. Marco Engel, Arch. Valerio Testa con Dott.ssa Laura Bossi,

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

Progettiamo insieme S. Eusebio, Mermi, Montesignano

Progettiamo insieme S. Eusebio, Mermi, Montesignano Progettiamo insieme S. Eusebio, Mermi, Montesignano Intreccio tra il Forum di Agenda 21 locale ed un esperienza sul territorio genovese Contesto geografico e socio-economico della IV Circoscrizione Valbisagno

Dettagli

ALLEGATO A Delibera Consiglio Comunale n 107 del 13/11/08

ALLEGATO A Delibera Consiglio Comunale n 107 del 13/11/08 ALLEGATO A Delibera Consiglio Comunale n 107 del 13/11/08 Norme regolamentari relative all installazione di impianti tecnologici e di altri manufatti comportanti modifiche dell aspetto esteriore degli

Dettagli

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it Il piano generale di sviluppo 2010-2014 1 Cos è il piano generale di sviluppo Uno degli strumenti di programmazione e di rendicontazione finanziaria di mandato Citato (solamente citato) in due norme sull

Dettagli