PERCORSO PARTECIPATIVO PER LA REDAZIONE DEL REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI SERAVEZZA REGOLAMENTO URBANISTICO E. partecipazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PERCORSO PARTECIPATIVO PER LA REDAZIONE DEL REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI SERAVEZZA REGOLAMENTO URBANISTICO E. partecipazione"

Transcript

1 PERCORSO PARTECIPATIVO PER LA REDAZIONE DEL REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI SERAVEZZA (LU) COMUNE DI SERAVEZZA REGOLAMENTO URBANISTICO E partecipazione RELAZIONE CONCLUSIVA A CURA DI: ARCH. RICCARDO BORZONI

2 INDICE PREMESSA La partecipazione in toscana 1 IL PERCORSO PARTECIPATIVO Articolazione del percorso 2 Attività condotte dell ufficio 2 Metodi e tempi 3 CONTRIBUTI RACCOLTI Forum territoriale della montagna 5 Forum Territoriale di Seravezza 5 Forum Territoriale della pianura 5 Forum Tematici 6 Questionari 6 Contributi singoli 6 MATERIALI CONSEGNATI Schede contributi per la montagna 12 Schede contributi per Seravezza 66 Schede contributi per la pianura 73 Schede contributi dei forum tematici 77 Schede questionario 88 Contributi singoli 99 MATRICI SINTETICHE 111 2/176

3 PREMESSA La partecipazione in toscana La normativa della Regione Toscana contempla varie pratiche partecipative volte al coinvolgimento di attori diversi nei processi decisionali di carattere pubblico. Sono strumenti finalizzati prevalentemente all inclusione di soggetti organizzati, pubblici e non, nelle politiche regionali attraverso gli istituti della concertazione. Accanto a questi esistono, poi, gli istituti rivolti al coinvolgimento dei singoli cittadini, ossia dei soggetti non organizzati mediante le pratiche della democrazia rappresentativa. In questo ambito si inserisce la legge regionale sulla partecipazione, adottata a fine 2007, che nelle intenzioni dei promotori dovrebbe favorire ulteriormente l inclusione dei singoli cittadini nei processi decisionali. Con la Legge 1/05, ma soprattutto con i suoi regolamenti attuativi, la partecipazione è diventata parte integrante di alcune procedure come, ad esempio la Valutazione Integrata. L inclusione della partecipazione nelle procedure di redazione degli atti e degli strumenti per il governo del territorio tende ad evidenziare, maggiormente, i contenuti tecnici di tale disciplina. La partecipazione è, infatti, frequentemente associata a contenuti e significati più propriamente politici. Per molti la partecipazione è un mezzo per conseguire maggiore giustizia sociale, per diminuire la distanza tra cittadini ed eletti, per porre un freno ai grandi interessi, per gestire e manipolare il consenso o cambiare il modello di sviluppo. Oltre a questo e diversamente da questo, la partecipazione è però anche un insieme di metodologie, strumenti e procedure che permettono un accurata rappresentazione della complessità sociale e della specifica diversità di ogni comunità o contesto territoriale in cui ci si trova ad operare. In quest ottica, la partecipazione è uno strumento di indagine ed analisi della realtà su cui il progetto (nel nostro caso uno strumento di governo del territorio) che si sta elaborando andrà ad incidere. Ha, quindi, una valenza analoga a quella di altri strumenti di indagine propri della disciplina urbanistica e, più precisamente, completa la conoscenza del territorio fisico e storico, tipica di tali strumenti, con la rappresentazione degli interessi individuali e di gruppo che su di esso agiscono trasformandolo. La partecipazione, allora, è un metodo per generare soluzioni e progetti migliori, più aderenti a quella realtà specifica e maggiormente in sintonia con i bisogni degli attori locali. In quest ottica un processo partecipativo è buono se tutti i soggetti locali interessati sono coinvolti e messi nelle condizioni di informarsi ed esprimersi, di proporre soluzioni alternative, indipendentemente dai risultati specifici che ne conseguiranno. 3/176

4 IL PERCORSO PARTECIPATIVO Articolazione del percorso L elaborazione di una proposta di percorso partecipativo per la redazione del Regolamento Urbanistico è partita dall individuazione di alcuni criteri guida obiettivi che esso doveva soddisfare. Il processo partecipativo, infatti, doveva essere in grado di apportare contenuti utili al Regolamento Urbanistico, mettendo i partecipanti in condizione di avanzare delle proposte sotto forma di progetti, bisogni ecc. Altro presupposto era costituito dagli attori locali da coinvolgere nel processo individuati in: - Soggetti istituzionali: parti politiche, altri enti pubblici di governo e gestione del territorio. - Parti sociali: associazioni sindacali, rappresentanti di categorie economiche e sociali. - Gruppi di espressione della società civile: associazioni di volontariato, pubbliche assistenze, associazioni culturali ecc. - Abitanti e residenti del territorio comunale. A queste indicazioni si sono aggiunte, poi, altre condizioni necessarie per garantire la buona riuscita del processo stesso. Per una buona riuscita del processo di partecipazione è, infatti, importante mettere in rapporto la popolazione e i diversi attori locali, con il territorio inteso come unità complessa. In altre parole, è necessario che le varie proposte ed azioni che ricadono sul territorio, elaborate e messe in atto dai diversi attori e disciplinate dagli strumenti di pianificazione, siano viste e concepite in relazione al territorio stesso, nella sua globalità e con le sue diversità ed articolazioni interne. È stato proposto, quindi, un percorso partecipativo organizzato su base territoriale, strutturato in diversi momenti ed attività interconessi che privilegiando momenti di dialogo collettivo avrebbe aiutato la costruzione delle condizioni essenziali per favorire l inclusione e l interazione di diversi soggetti nel processo di elaborazione del Regolamento Urbanistico. Tale percorso si è tradotto in pratica con l avvio di tre forum territoriali (montagna, Seravezza, pianura), di sei forum tematici (ambiente; economia; scuola; sociale; sport e tempo libero; turismo e commercio) e con la distribuzione e raccolta di un questionario. I forum territoriali, oltre a favorire l inclusione dei singoli cittadini, avevano la finalità di legare le varie riflessioni, indicazioni, proposte ed azioni che sarebbero emerse al territorio specifico (inteso come entità complessa di luoghi, funzioni e soggetti) sul quale ricadranno. I forum tematici, invece, dovevano favorire l inclusione di tutti quei soggetti, in genere i più organizzati, che difficilmente avrebbero preso parte ai forum territoriali. Erano, inoltre, gli strumenti ritenuti utili per affrontare i temi di carattere generale e funzionale che coinvolgevano l intero territorio comunale o sue porzioni estese come sistemi o sub sistemi territoriali. Dovevano, infine, dare la possibilità all amministrazione di organizzare e gestire, su temi che riteneva particolarmente interessanti, una riflessione ed una elaborazione di proposte ponendo al centro l intero territorio comunale e la sua specifica attività. Il questionario, infine, redatto dai tecnici e consulenti scientifici, doveva favorire l ascolto dei singoli cittadini. Ossia di tutti coloro che per scelta o per altre necessità non avrebbero potuto o voluto partecipare agli incontri dei forum. 4/176

5 Attività condotte dell ufficio Nel corso per percorso partecipativo l attività dell ufficio è consistita prevalentemente in: - attività di preparazione per l avvio del processo partecipativo stessa, - comunicazione del percorso - organizzazione o appoggio organizzativo di alcuni incontri - raccolta dei materiali e la loro successiva analisi. Le attività per l avvio del processo partecipativo hanno comportato l elaborazione del progetto di percorso, la redazione del questionario, la ricerca degli attori da coinvolgere, la gestione dei primi incontri di avvio del processo e dei forum territoriali, la redazione delle linee guida del partecipante come supporto per la gestione dei forum tematici, la preparazione del materiale informativo distribuito durante gli incontri. Le attività di comunicazione si sono concentrate soprattutto nella fase iniziale del percorso partecipativo e sono avvenute, prevalentemente, mediante manifesti, volantini e locandine. L ufficio ha provveduto direttamente all edithing grafico degli stessi, alla stampa, all affissione e distribuzione delle locandine e dei volantini, ricorrendo anche al porta a porta. La stampa e l affissone dei manifesti è avvenuta, invece, mediante la tipografia convenzionata e l ufficio affissioni. L ufficio ha poi provveduto, in certi casi, all organizzazione diretta o in collaborazione con altri assessorati di alcuni incontri dei forum tematici e dei forum territoriali. In questi casi l attività è consistita nel fornire il materiale per la comunicazione, nella ricerca ed informazione dei soggetti da coinvolgere. Infine l ufficio ha provveduto alla distribuzione e successiva raccolta del questionario. Metodi e tempi Per l avvio e gestione del percorso partecipativo è stato ricercato il coinvolgimento attivo delle associazioni locali. Nel comune sono presenti, infatti, numerose associazioni che operano in settori differenti ed organizzate mediante la consulta del volontariato. Il loro coinvolgimento è cominciato nelle fase iniziali del percorso ed è stato rivolto non solo all inclusione delle stesse nel processo decisionale, ma anche alla gestione del percorso stesso. La metodologia adottata, infatti, per quanto riguarda i forum territoriali è consistita nell aprire i forum partecipativi a chiunque lo desideri e lasciare questi alle capacità di autogestione degli attori coinvolti, in particolare di quelle associazioni locali che hanno accettato di ricoprire tale ruolo. I forum tematici, anche in virtù delle differenti finalità, sono stati invece gestiti direttamente dagli assessorati di riferimento. Il percorso partecipativo si è svolto nell arco di alcuni mesi tra la primavera e l inverno 2007, assumendo i caratteri di una consultazione, ossia di raccolta di proposte e bisogni. Di seguito riportiamo il calendario degli incontri noti all ufficio. Per la maggior parte sono assemblee a cui l ufficio è stato invitato a partecipare direttamente oppure che ha contribuito ad organizzare. 5/176

6 Mese di maggio Giorno 4 - Incontro con la consulta del volontariato Giorno 7- Approvazione in CC delle Linee guida, indirizzi e programma di lavoro Giorno 15 - Consiglio Comunale su Regolamento Urbanistico e partecipazione Giorno 21- Forum Territoriale della montagna. Presentazione Giorno 24 - Forum territoriale di Seravezza. Presentazione Giorno 28 - Forum territoriale della Pianura. Presentazione Mese di giugno Giorno 8 - Incontro con le contrade e associazioni della pianura Giorno 8 - Forum Territoriale di Seravezza. Giorno 13 - Forum Territoriale di Seravezza. Turismo e Cultura Giorno 20 - Forum Territoriale di Seravezza. Socio Sanitario Giorno 25 - Forum Territoriale di Seravezza. Ambiente e Sicurezza Giorno 25 - Forum Territoriale della Montagna. Incontro con i rappresentanti delle Pubbliche Assistenze Giorno 27 - Forum della Scuola. Mese di luglio Giorno 3 - Forum Territoriale di Seravezza. Arredo Urbano Giorno 4 - Forum del Sociale. Incontro con le associazioni Giorno 6 - Forum dell Ambiente. Giorno 11 - Forum Territoriale della Montagna. Incontri con le Comunità di Giustagnana, Azzano, Fabbiano, Cerreta Giorno 13 - Forum Territoriale della Montagna. Incontri con le Comunità di Basati e Minazzana. Giorno 13 - Forum dello sport e tempo libero Giorno 28 - Forum Territoriale della Montagna. Incontri con le Comunità di Minazzana per spiegare i contenuti del PS Giorno 19 - Forum dell Ambiente. Giorno 20 - Forum del Sociale. Incontro con le associazioni Giorno 26 - Forum territoriale della Pianura. Incontro a Ripa Giorno 23 - Forum territoriale della Pianura. Incontro a Marocchino Giorno 30 - Forum territoriale della Pianura. Incontro a Querceta Giorno 30 - Forum della Scuola. Mese di agosto Giorno 2 - Forum del Turismo e del Commercio. Giorno 6 - Forum dell Economia e lavoro. Distribuzione del questionario del sindaco mediante le Pubbliche Assistenza (in Montagna), le contrade e l ufficio anagrafe di Querceta (in Pianura). Mesi di settembre ottobre novembre Giorno 10 - Convegno regolamento urbanistico e partecipazione Raccolta e restituzione dei contributi 6/176

7 CONTRIBUTI RACCOLTI I contributi alla redazione del Regolamento Urbanistico sono stati raccolti attraverso gli strumenti del percorso partecipativo, ossia Forum Territoriali, Forum Tematici, Questionario. Di seguito riportiamo l elenco dei documenti. Forum territoriale della montagna 1) Titolo: Per decidere come decidere. Contributo della comunità di Fabbiano ad un progetto per lo sviluppo sostenibile della Montagna dal gruppo locale di Fabbiano. Consegnato con lettera allegata presso il protocollo (13 giugno 2007 n. prot ). 2) Lettera del Consiglio della P.A. di Fabbiano in merito alla cava di inerti della Cappella. Lettera consegnata presso il protocollo (4 luglio 2007 n. prot ) 3) Lettera della P.A. di Fabbiano in merito all incontro del Forum Territoriale della Montagna e ad alcune problematiche locali. Lettera consegnata presso il protocollo (14 luglio 2007 n. prot ) 4) Titolo: Osservazioni al PS a firma i cittadini di Basati. Due versioni di cui la prima consegnata al primo incontro del Forum Territoriale della Montagna ad Azzano e la seconda consegnata presso il protocollo (9 settembre 2007 n. prot ). 5) Titolo: Suggerimenti e proposte per la montagna seravezzina a firma il Consiglio. Consegnato all incontro del Forum Territoriale della Montagna di Cerreta S. Antonio del 11 Luglio ) Titolo: Proposte di sviluppo del piano regolatore della montagna seravezzina ed in particolare del paese di Giustagnana. Consegnato presso l ufficio urbanistica. 7) Titolo: Documento. Contributo al Forum Territoriale della Montagna della P.A. di Minazzana. Ricevuto via mail. 8) Incontro di Azzano del 11 Luglio 2007 Forum Territoriale di Seravezza 9) Titolo: Proposte per il Regolamento Urbanistico di Seravezza. Consegnato presso il protocollo (31 Ottobre 2007 n. prot ). Forum Territoriale della pianura 10) Incontro di Marzocchino del 23 Luglio ) Incontro di Ripa del 26 Luglio ) Incontro di Querceta del 30 Luglio /176

8 Forum Tematici Resoconti dei forum: 13) Ambiente 14) Economia 15) Sociale 16) Sport e tempo libero 17) Scuola 18) Turismo e commercio 19) Parere del consiglio d istituto in merito alle necessità di tipo edilizio delle scuole dell istituto comprensivo di Seravezza. Questionari 20) Per Fabbiano 21) Per Querceta 22) Per Ripa 23) Per Pozzi Contributi singoli Nel corso degli ultimi mesi sono inoltre pervenuti all ufficio contributi scritti da parte di singoli o gruppi, anche al di fuori di questi canali. Escludendo le manifestazioni d interesse raccolte mediante apposito bando, tali contributi si possono distinguere in cinque tipologie differenti: - Per la maggior parte si tratta di manifestazioni d interesse (da non confondersi con quelle del bando pubblicato) su interessi individuali di tipo privatistico. - Alcune di queste però hanno contenuti generalizzabili ad ampie porzioni del territorio comunale e che possono interessare anche altri abitanti nel Comune stesso. - Una parte erano presentate sotto forma di petizione popolare. - Alcune sono presentate da associazioni locali - Alcune sono contributi conoscitive e/o propositivi di carattere generale Complessivamente si tratta di una notevole quantità di documenti, contenenti ognuno più punti programmatici e proposte, non raccolti all interno di un quadro organico complessivo. Avendo origini e finalità diverse tali contributi sono giunti separatamente gli uni dagli altri senza essere stati confrontati, analizzati, discussi, ne sintetizzati dai diversi redattori. Tali contributi, inoltre, sono attinenti ad argomenti e problematiche molto differenti, alcune delle quali hanno scarsa o nulla attinenza con l oggetto del percorso partecipativo. Di per se, tutto ciò non rappresenta un fatto negativo in senso assoluto. Se, infatti, come accennato nell introduzione di questa relazione, la partecipazione oltre ad essere uno strumento di democrazia e di trasparenza politica è anche un metodo per generare soluzioni migliori, maggiormente in sintonia con i bisogni di tutti i soggetti coinvolti, allora un percorso partecipativo è uno strumento che contribuisce alla costruzione di un quadro complesso della realtà locale. 8/176

9 Tale complessità implica la rappresentazione dei molteplici interessi su molteplici argomenti, anche in contrasto tra loro, esistenti all interno di ogni comunità e pertanto il percorso partecipativo si configura come un momento di ascolto della comunità locale e di raccolta dei suoi bisogni. La metodologia adottata per raggiungere tale scopo è consistita nell aprire i forum partecipativi a chiunque lo desideri e lasciare questi alla gestione degli attori coinvolti. Il percorso partecipativo non è stato affiancato da figure professionali terze, neutrali e capaci, in grado di facilitare il confronto collettivo di questi mesi, favorendo l interazione tra gli interessi dei diversi soggetti coinvolti, singoli o gruppi, e tra essi e le finalità del percorso partecipativo e quindi con i limiti che queste ponevano al dibattito stesso. Nonostante la partecipazione non risulti vincolante, non vi è però nulla di più frustrante e conflittuale per chi partecipa e per chi promuove un percorso partecipativo di trascurare i risultati del processo stesso. Per evitare, quindi, che le conclusioni raggiunte o non raggiunte (molti documenti sono strutturati su numerosi singoli punti difficilmente confrontabili) dai gruppi locali e dai singoli siano ignorate, i materiali raccolti necessitano comunque di essere elaborati. A tal fine non si ritiene metodologicamente corretto ricavare arbitrariamente da essi quella sintesi, quel quadro complessivo e complesso che i soggetti coinvolti non hanno elaborato, in quanto questo potrebbe portare ad una eccessiva semplificazione ed a una interpretazione errata dei singoli contenuti. Dovendo comunque fornire ai consulenti scientifici una visione sintetica e gestibile dei numerosi apporti, si è ritenuto maggiormente corretto sottoporre i contributi a sintesi successive, al fine di poter tradurre gli stessi in singole formulazioni. In un secondo tempo queste sono state organizzate distinguendole in funzione dell ambito territoriale o del tema a cui si riferivano e della tipologia di interesse. Ovviamente gli ambiti territoriali sono stati assunti quelli corrispondenti ai Forum Territoriali del percorso partecipativo, mentre i temi corrispondono con quelli dei Forum Tematici. Le tipologie d interesse sono state raggruppate in funzione della loro pertinenza nelle seguenti categorie: Opere e lavori pubblici. Comprendono tutti gli interessi soddisfatti o soddisfabili mediante la realizzazione di opere pubbliche, genericamente intese, siano esse di competenza dell Amministrazione Comunale o di altri soggetti pubblici. Ad esempio: parcheggi, parchi giochi, arredi urbani, reti dei sottoservizi ecc. Attività edilizia. Comprende tutti gli interessi che hanno attinenza, esplicitamente o implicitamente, con la disciplina edilizia (parametri edilizi, procedure, tipo di interventi preferiti, ecc.) Attività urbanistica. Comprende tutti gli interessi che hanno o potrebbero avere attinenza diretta con le prescrizioni per il Regolamento Urbanistico contenute nel Piano Strutturale e con la disciplina dello stesso regolamento Urbanistico. Bisogni sociali e collettivi. Comprende tutti gli interessi che hanno attinenza con il disagio sociale di singoli, famiglie, gruppi e la collettività genericamente intesa. Sono gli interessi che pongono in primo piano o richiedono la soluzione, anche in deroga alla disciplina urbanistica, di problemi più propriamente sociali, legati alla marginalità, 9/176

10 al disagio ed alla giustizia sociale, al reddito. Ad esempio: problema della disabilità, problema della residenza per disabili o per i giovani, edilizia sociale pubblica, ecc. Strategie. Comprende tutti gli interessi che esprimono una strategia di gestione, senza definirne precisamente le modalità di attuazione. Organizzazione. Comprende tutti gli interessi che esprimono la necessità di una diversa o migliore organizzazione della comunità nel suo insieme o dei servizi pubblici. Ad esempio: presenza di vigili urbani, disponibilità di postini, ecc. Criticità. Comprende tutti gli interessi la cui soddisfazione è ritenuta particolarmente urgente da assolvere e gli interessi che potrebbero essere causa di eventuali conflittualità. Nel capitolo successivo riportiamo i risultati dell elaborazione dei materiali pervenuti. Ovviamente, come si vedrà, ogni singola formulazione potrà avere interpretazioni differenti e, di conseguenza, potrà essere pertinente a più categorie contemporaneamente. Analogamente, documenti diversi potranno elaborare formulazioni simili o contrapposte, riguardo ad un ambito territoriale o ad un tema. 10/176

11 MATERIALI CONSEGNATI Di seguito, per ognuno dei materiali pervenuti agli uffici del Settore gestione e tutela del territorio è stata elaborata una scheda contente una descrizione sintetica del documento e copia del documento stesso. Sono accluse, inoltre, delle matrici sintetiche in cui ogni contributo estrapolato dalle sintesi dei documenti è raggruppato in funzione della sua pertinenza e dell ambito territoriale o del tema a cui si riferisce. Questo lavoro di elaborazione dei documenti pervenuti non vuol essere, come già detto, una tentativo di sintesi dei documenti stessi, ma risponde alla necessita di organizzare i contributi in funzione delle finalità per cui sono stati raccolti. Si raccomanda pertanto, per la valutazione e l analisi dei materiali, di non fare riferimento esclusivo alle matrici, ma integrare queste con le schede sintetiche ed soprattutto con la lettura dei documenti originali. 11/176

12 SCHEDE CONTRIBUTI PER LA MONTAGNA 12/176

13 Per decidere come decidere. Contributo della comunità di Fabbiano ad un progetto per lo sviluppo sostenibile della Montagna dal gruppo locale di Fabbiano 18 pagine. La prima parte è presentata come un analisi degli indirizzi del piano strutturale. Segue una parte intitolata Come eravamo con alcune immagini storiche. Una terza parte di analisi della situazione attuale ed infine una parte progettuale: Un progetto, magari non perfetto, articolata in 4 punti: - I beni ed i documenti materiali di valore storico monumentale per i quali è necessario individuare forme di tutela attiva - La valorizzazione del patrimonio insediativo e le cave antiche da orientare verso usi collettivi e di interesse tali da garantire la fruizione pubblica - La determinazione di progetti volti a costruire un sistema articolato di spazi attrezzati. - Incentivare e promuovere iniziative pubbliche di elevato contenuto sociale finalizzate alla definitiva cessazione delle attività estrattive. Contenuti 1) Azioni di conservazione e valorizzazione delle emergenze storico monumentali. Il RU dovrà caricarsi di contenuti per evitare di scivolare nei modelli omologati, chiusi all innovazione, indifferenti alla peculiarità dei luoghi (attenzione alle peculiarità locali): - Pieve della Cappella. Un progetto pilota è il progetto di recupero dell Oratorio dell Annunziata. 2) Centrale rispetto ad altre problematiche è il recupero del centro storico e delle aree di pertinenza e di connessione, insieme alla valorizzazione degli spazi pubblici interni al nucleo abitato. Ritengono opportuno proporre alcune azioni strutturali di interesse comune, anziché predisporre un collage di desiderata nel quale un desiderio andrebbe a prevalere su un altro. Concettualmente il centro abitato non è da intendere solo come spazio fisico, insieme di pieni e vuoti, ma come luogo delle relazioni umane e del rapporto degli abitanti con l ambiente esterno. Il borgo è un centro di relazioni, la progettualità deve essere innovativa e il tutto va rapportato alle esigenze ed alle capacità auto - organizzative e gestionali della comunità locale. - eliminare dal centro abitato le antenne e parabole televisive, sostituendole con un impianto centralizzato, a limitato impatto ambientale con cavi interrati. - semplificare e snellire le procedure per gli interventi edilizi che non modificano l aspetto esterno. - Riduzione ulteriore degli oneri di urbanizzazione per interventi di ristrutturazione. - Riduzione degli oneri di occupazione del suolo pubblico per gli interventi di ristrutturazione delle abitazioni. - Orientare verso usi collettivi e di interesse civico le cave antiche. Ampliare l area archeomineraria della Cappella con l acquisizione al patrimonio pubblico dei siti estrattivi dimessi. 3) Manca un polo di attrazione turistica e ricreativa. La costruzione di questo polo è anche un momento di consapevolezza e di recupero della memoria ed identità locale. Propongono di realizzare un Ecomuseo. Sono ritenuti interventi ed azioni indispensabili alla sua realizzazione : 13/176

14 - Definizione ed organizzazione di itinerari escursionistici di collegamento tra il borgo e le altre frazioni, il fondovalle, gli alpeggi, le Apuane. - Creazione di piccole strutture di documentazione del territorio - Posa in opera di cartellonistica - Gestione centralizzata e flessibile delle visite - Autofinanziamento dell Ecomuseo - Costituzione anche in immagine della rete - Acquisizione al patrimonio pubblico del sito della Croce 4) Elaborare regole di uso delle aree estrattive, prefigurando nuovi scenari possibili ed alternativi, individuando nuova vocazione/destinazione. Propongono: - Favorire la rinaturalizzazione spontanea, evitando le gradinate di versante - Realizzare attività di animazione culturale che sia anche offerta turistica - Realizzare aree attrezzate per la ricreazione e percorsi didattici. - Realizzare area di sosta ed un impianto di risalita a cremagliera o torre per favorire l accessibilità dal borgo. - Realizzare una centrale fotovoltaica 14/176

15 15/176

16 16/176

17 17/176

18 18/176

19 19/176

20 20/176

21 21/176

22 22/176

23 23/176

24 24/176

25 25/176

26 26/176

27 27/176

28 28/176

29 29/176

30 30/176

31 31/176

32 32/176

33 Lettera del Consiglio della P.A. di Fabbiano in merito alla cava di inerti della Cappella 5 pagine protocollate (N. prot ) a firma del consiglio della P.A. di Fabbiano in cui si espongono alcune perplessità sull operato dell Amministrazione, in particolare sulla effettiva volontà di questa di porre le condizioni per la cessazione delle attività estrattive nella cava della Cappella. Propongono, infine, come possibile soluzione, una variante alle NTA del Piano Strutturale. 33/176

34 34/176

35 35/176

36 36/176

37 37/176

38 Lettera del Consiglio della P.A. di Fabbiano in merito al percorso partecipativo 3 pagine protocollate (N. prot ) firmata in cui si espongono contrarietà verso l incontro pubblico avvenuto in paese all interno del percorso partecipativo. Si ribadisce come criticità centrale per la comunità la cessazione delle attività estrattive nella cava della Cappella e si evidenziano alcuni problemi: Segnaletica orizzontale del parcheggio Cassonetti per la raccolta differenziata Bocciardatura della p.zza delle chiacchiere Regolamentazione dello spazio scuolabus Il cartello stradale con la scritta Fabbiano 38/176

39 39/176

40 40/176

41 41/176

42 Osservazioni al PS a firma i cittadini di Basati 5 pagine organizzate per punti sui seguenti argomenti: - Zone di espansione turistico ricettive - Zone edificabili prima casa residenti - Zone per impianti sportivi o aree ricreative - Zone edificabili per attività agro forestale e di allevamento - Zone di recupero urbanistico - Conclusioni Contenuti 1)Turismo - Permettere la costruzione di plessi che accolgano un turismo alternativo al mare. - Favorire lo sviluppo di spazi commerciali stagionali. - Recupero delle proprietà in disuso per usi musuali e culturali - Permettere la costruzione/insediamento di spacci dei prodotti tipici, localizzati all interno del paese e in aree limitrofe in boongalow in legno. Finalità. Rivitalizzare l economia locale e favorire il recupero urbano. 2) Prima casa per i residenti. Finalità. Necessità di nuovi alloggi per i residenti, impedendo le speculazioni. Propongono alcune condizioni: - Residenza decennale - Prima casa - Uso della pietra - Edifici a basso impatto ambientale - Obbligo di proprietà del nuovo alloggio per almeno 5 anni - Autocostruzione mediante una cooperativa edilizia 3) Impianti sportivi. Destinare delle aree per impianti sportivi che possano essere realizzati anche dai privati. 4) Attività agricole. - Possibilità di costruire annessi agricoli di adeguata dimensione alle necessità produttive. - Possibilità di costruire laboratori comuni di trasformazione dei prodotti agricoli. - Nel PS non sono riportate le aree tradizionalmente destinate alla coltivazione del castagno da frutto, dei vigneti, degli uliveti e dei coltivi stagionali. Va corretto. 5) Recupero urbanistico - Interventi edilizi. - Recupero delle facciate in pietra o Ammettere la costruzione di tettoie in legno o ferro battuto o Ammettere la ricostruzione di terrazzi e ballatoi o Uniformità architettonica delle concessioni edilizie - Recupero urbano o Recupero dei metati 42/176

43 o Possibilità di trasformare i rustici agricoli in residenze o Arredi urbani coerenti con l architettura storica del paese - Rivitalizzazione o Riduzione degli oneri di ristrutturazione o Incentivi per la ristrutturazione o Incentivi per lo sviluppo di energie alternative o Contributi per il miglioramento estetico delle facciate o Facilitazione per l apertura di esercizi commerciali 43/176

44 44/176

45 45/176

46 46/176

47 47/176

48 48/176

49 49/176

50 50/176

51 51/176

52 52/176

53 53/176

54 54/176

55 55/176

56 56/176

57 Suggerimenti e proposte per la montagna Seravezzina Cerreta S. Antonio 1 pagina a firma il Consiglio e datata 11 Luglio 2007, contenente 7 punti. Contenuti 1) Interventi - Provvedere punti di sosta panoramici - Predisporre collegamenti stradali (sembra di capire esprima la necessità di collegare i manufatti rurali, a cui si riferisce probabilmente la possibilità di ristrutturazione del punto successivo, con la viabilità locale) 2) Proposte di tipo urbanistico - Disporre norme per favorire le ristrutturazioni già esistenti - Incentivare la produzione locale di energia da fonti rinnovabili/alternative - Disporre norme e procedimenti edilizi simili a quelle della pianura, ritenuti più semplici e con meno vincoli. 3) Criticità - Problema dell approvvigionamento idrico, ritenuto anche più grave, considerando la presenza di numerose sorgenti - Necessità di un parcheggio per il paese 57/176

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI AREA PATRIMONIO AMBIENTE UFFICIO TUTELA DEL PAESAGGIO E SUPPORTO AMMINISTRATIVO ALL AREA SETTORE PATRIMONIO E MANUTENZIONI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI (Approvato con deliberazione

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Corso Programmare e progettare la biblioteca pubblica Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Angelo Marchesi con la collaborazione di Alessandro Agustoni e Giulia Villa Il contesto Vimercate

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO CEMENTO E SOLO CEMENTO Il futuro di Salò non può essere ancora di mattoni, di seconde case, di case vuote e di case invendute. La volumetria approvata (oltre 250 appartamenti) corrisponde a circa il 10%

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale Cos è un piano urbanistico? È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale È uno strumento prima di

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note:

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COLLOCAZIONE DI INSEGNE DI ESERCIZIO, CARTELLI, ALTRI MEZZI PUBBLICITARI, SEGNALI TURISTICI E DI TERRITORIO E SEGNALI CHE FORNISCONO INDICAZIONE DI SERVIZI UTILI Approvato:

Dettagli

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge:

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge: Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12 Norme per i centri storici. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA la seguente legge: TITOLO I FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli