ELEZIONI REGIONALI 2005

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELEZIONI REGIONALI 2005"

Transcript

1

2 QUADERNI DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLE MARCHE Area Processi normativi - Consulenza per la normazione - ELEZIONI REGIONALI 2005 A cura di: Sabrina Strazzi Maria Rosa Zampa

3

4 INDICE Pag. 1. CALENDARIO DELLE PRINCIPALI SCADENZE RELATIVE ALLE ELEZIONI REGIONALI DEL 3 E 4 APRILE ELETTORATO ATTIVO E PASSIVO DISCIPLINA DELL ELEZIONE DEL CONSIGLIO E DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA RE- GIONALE DELLE MARCHE RIPARTIZIONE DEI SEGGI TRA LE CIRCOSCRIZIONI ELETTORALI PRESENTAZIONE DELLE LISTE 5.1. Presentazione delle liste provinciali Presentazione delle liste regionali INCANDIDABILITÀ, INELEGGIBILITÀ E INCOMPATIBILITÀ 6.1. Incandidabilità Ineleggibilità Incompatibilità PROPAGANDA ELETTORALE 7.1. Comunicazione politica radio-televisiva in campagna elettorale Attraverso le emittenti radiofoniche e televisive nazionali Attraverso le emittenti radiofoniche e televisive locali Messaggi politici autogestiti in campagna elettorale Attraverso le emittenti radiofoniche e televisive nazionali Attraverso le emittenti radiofoniche e televisive locali Disciplina relativa ai programmi di informazione nei mezzi radiotelevisivi Attraverso le emittenti radiofoniche e televisive nazionali Attraverso le emittenti radiofoniche e televisive locali Messaggi politici elettorali su quotidiani e periodici Propaganda a mezzo di manifesti e giornali murali Divieti di propaganda Disciplina dei sondaggi politici ed elettorali Disciplina della comunicazione istituzionale

5 8. VOTAZIONE 8.1. Composizione grafica della scheda elettorale Modalità di voto IL SISTEMA ELETTORALE REGIONALE 9.1. Attribuzione dei seggi della quota proporzionale Attribuzione dei seggi della quota maggioritaria Elezione del Presidente della Giunta VERIFICA DELLE ELEZIONI Convalida degli eletti Contestazione delle cause di ineleggibilità sopravvenute e di incompatibilità. 11. SPESE PER LA PROPAGANDA ELETTORALE Spese relative alla campagna elettorale Spese per la propaganda elettorale sostenute dai candidati Spese per la propaganda elettorale sostenute da partiti, liste o movimenti Raccolta di fondi per la propaganda elettorale. Mandatario elettorale Rimborso delle spese per consultazioni elettorali PUBBLICITÀ E CONTROLLO DELLE SPESE ELETTORALI Dichiarazioni relative alle spese sostenute e alle obbligazioni assunte per la propaganda elettorale Dichiarazione dei finanziamenti o contributi ricevuti di importo superiore a cinque milioni Rendiconto relativo ai contributi e servizi ricevuti Pubblicità e controllo delle spese elettorali dei candidati Pubblicità della situazione patrimoniale degli eletti Pubblicità e controllo delle spese elettorali di partiti, movimenti, liste e gruppi elettorali PRINCIPALE LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO... 60

6 1. CALENDARIO DELLE PRINCIPALI SCADENZE RELATIVE ALLE ELEZIONI REGIONALI DEL 3 E 4 APRILE febbraio 2005 da questa data scioglimento del Consiglio 17 febbraio 2005 da questa data pubblicazione del manifesto di convocazione dei comizi elettorali 17 febbraio 2005 da questa data e fino al 4 aprile 2005 divieto di comunicazione istituzionale 17 febbraio 2005 da questa data disciplina della comunicazione politica radiotelevisiva nelle emittenti nazionali pubbliche e private 17 febbraio 2005 da questa data disciplina della comunicazione politica radiotelevisiva nelle emittenti locali 17 febbraio 2005 da questa data e fino al 1 aprile 2005 disciplina dei messaggi politici elettorali su quotidiani e periodici Il Consiglio regionale esercita le proprie funzioni fino al 46 giorno antecedente la data delle elezioni per la sua rinnovazione (art. 3, secondo comma, legge 108/1968). I Sindaci dei Comuni del territorio regionale danno notizia agli e- lettori dell avvenuta convocazione dei comizi elettorali con apposito manifesto che deve essere affisso 45 giorni prima della data stabilita per le elezioni (art. 3, quinto e sesto comma, legge 108/1968). Dalla data di convocazione dei comizi elettorali* è fatto divieto a tutte le amministrazioni pubbliche fino alla chiusura delle operazioni di voto, di svolgere attività di comunicazione ad eccezione di quelle effettuate in forma impersonale ed indispensabili per l efficace assolvimento delle proprie funzioni (art. 9, comma 1, legge 28/2000). Dalla data di convocazione dei comizi elettorali* ha inizio la comunicazione politica radio-televisiva, nelle emittenti nazionali (pubbliche e private), nelle seguenti formule: tribune politiche, dibattiti, tavole rotonde, presentazione in contraddittorio di candidati e di programmi politici, interviste e ogni altra forma che consenta il confronto tra le posizioni politiche e i candidati in competizione (art. 4, commi 1 e 2, legge 28/2000). Le modalità di riparto degli spazi tra i soggetti politici avviene secondo i criteri indicati al comma 2 dell art. 4, legge 28/2000). Dalla data di convocazione dei comizi elettorali* ha inizio la comunicazione politica radio-televisiva nelle emittenti locali. Le e- mittenti radio-televisive locali, che nel periodo elettorale intendono trasmettere programmi di comunicazione politica, devono consentire una effettiva parità di condizione tra soggetti politici competitori, anche con riferimento alle fasce orarie e al tempo di trasmissione. I programmi di comunicazione politica sono collocati dalle emittenti radio-televisive locali in contenitori con cicli a cadenza periodica nelle diverse fasce orarie, secondo quanto stabilito dall autorità per le garanzie delle comunicazioni. Dalla data di convocazione dei comizi elettorali* fino a tutto il penultimo giorno prima della data delle elezioni sono ammesse le seguenti forme di comunicazione elettorale sui giornali, quotidiani e periodici (art. 7, comma 2, legge 28/2000): a) la pubblicazione di annunci di dibattiti, tavole rotonde, conferenze, discorsi; b) le pubblicazioni destinate alla presentazione dei programmi delle liste, dei gruppi di candidati e dei candidati; c) le pubblicazioni di confronto tra più candidati. E esclusa ogni altra forma di messaggio politico elettorale oltre a quello indicato dall art. 7, comma 2, legge 28/2000 (art. 11, comma 3, regolamento 29/2000 dell Autorità). Elezioni Regionali

7 17 febbraio 2005 da questa data e fino al 4 aprile 2005 disciplina dei programmi di informazione nei mezzi radiotelevisivi nazionali 17 febbraio 2005 da questa data e fino al 4 aprile 2005 disciplina dei programmi di informazione nei mezzi radiotelevisivi locali 17 febbraio 2005 Da questa data e fino al 4 aprile 2005 trasmissione dei messaggi politici autogestiti a pagamento attraverso le emittenti locali 28 febbraio 2005 entro questa data presentazione della domanda ai Sindaci per gli spazi per le affissioni di propaganda da parte dei fiancheggiatori 4 marzo 2005 ore 8.00 da questa data e fino al 5 marzo 2005 ore presentazione delle liste provinciali e delle liste regionali 4 marzo 2005 rimozione delle cause di ineleggibilità Dalla data della convocazione dei comizi elettorali* alla chiusura delle operazioni di voto è vietato fornire indicazioni o preferenze di voto nei programmi di informazione e nelle trasmissioni di informazione radio-televisive nazionali riconducibili alla responsabilità di una testata giornalistica registrata (art. 5, comma 2, legge 28/2000). I registi e i conduttori hanno l obbligo di tenere un comportamento corretto ed imparziale nella gestione del programma informativo in modo da non influenzare, anche in forma surrettizia, la libertà di scelta degli elettori (art. 5, comma 3, legge 28/2000). E, altresì, vietata la presenza di candidati, esponenti di partiti e movimenti politici, membri del Governo, delle Giunte, dei Consigli regionali e degli enti locali in tutte le trasmissioni tranne in quelle informative riconducibili alla responsabilità di una testata giornalistica nelle quali la loro presenza deve essere limitata all esigenza di assicurare la completezza e l imparzialità dell informazione. Dalla data della convocazione dei comizi elettorali* alla chiusura delle operazioni di voto, in qualunque trasmissione radio-televisiva locale diversa da quelle di comunicazione politica e dai messaggi politici autogestiti, è vietato fornire, anche in forma indiretta, indicazioni o preferenze di voto. Nei programmi di informazione le emittenti radiofoniche e televisive locali devono garantire il pluralismo, attraverso la parità di trattamento, l obiettività, l imparzialità e l equità. (art. 4 Codice di Autoregolamentazione). Dalla data di convocazione dei comizi elettorali* le emittenti radiofoniche e televisive locali possono trasmettere messaggi politici autogestiti a pagamento come disciplinati dall art. 6 del Codice di Autoregolamentazione (art. 5 Codice di Autoregolamentazione). Entro il trentaquattresimo giorno antecedente la data fissata per le elezioni coloro che, pur non partecipando alla competizione elettorale con liste di candidati, intendono eseguire affissioni di stampati, giornali murali od altri e di manifesti inerenti direttamente o indirettamente alla campagna elettorale o comunque diretti a determinare la scelta elettorale, secondo quanto consentito dall art. 1, secondo comma, legge 212/1956 devono far pervenire apposita domanda al Sindaco del Comune interessato (art. 4 legge 212/1956 sostituito dall art. 3 legge 130/1975). Le liste provinciali e le liste regionali devono essere presentate dalle ore 8.00 del trentesimo giorno antecedente la data delle elezioni e sino alle ore del ventinovesimo giorno rispettivamente alla Cancelleria del Tribunale nella cui giurisdizione è il Comune capoluogo di Provincia (art. 9, primo comma, legge 108/1968 e art. 1, comma 2, legge 43/1995) e alla cancelleria della Corte di Appello di Ancona (art. 9, primo comma, legge 108/1968 e art. 1, comma 3, legge 43/1995). Non oltre il giorno fissato per la presentazione delle candidature coloro che rientrano nelle fattispecie di cui all art. 2 della legge 154/1981 devono rimuovere le cause di ineleggibilità (art. 2, comma 2, legge 154/1981). Elezioni Regionali

8 4 marzo 2005 da questa data trasmissione dei messaggi politici autogestiti attraverso emittenti nazionali (pubbliche e private) ed emittenti locali 4 marzo 2005 da questa data facoltà di propaganda a mezzo di manifesti e giornali murali 4 marzo 2005 da questa data divieto di propaganda elettorale luminosa o figurativa 8 marzo 2005 entro questa data presentazione degli eventuali ricorsi da parte dei delegati di lista all Ufficio Centrale Regionale contro le decisioni di eliminazione di liste o di candidature 14 marzo 2005 entro questa data presentazione domanda di rimborso delle spese elettorali Dalla data di presentazione delle candidature possono essere trasmessi sia dalle emittenti nazionali (pubbliche o private) sia da quelle locali messaggi politici autogestiti gratuiti, secondo le modalità stabilite dalla Commissione e dalla Autorità e in base ai criteri indicati dal comma 3, dell art. 4 (art. 4, commi 3-11, legge 28/2000). La trasmissione è facoltativa per le emittenti private, obbligatorie per la concessionaria pubblica. Le emittenti radio-televisive locali che trasmettono messaggi politici autogestiti gratuiti beneficiano di un rimborso da parte dello Stato. Queste ultime possono, inoltre, trasmettere messaggi politici autogestiti a pagamento (art. 6 Codice di Autoregolamentazione). Dal trentesimo giorno precedente la data di votazione è ammessa la propaganda elettorale per il voto a liste, a gruppi di candidati o a singoli candidati a mezzo di manifesti e giornali murali. Le modalità della loro affissione sono disciplinate dagli artt. 1-9 della legge 212/1956. Dal trentesimo giorno precedente la data fissata per le elezioni è vietata ogni forma di propaganda elettorale luminosa o figurativa, a carattere fisso in luogo pubblico, escluse le insegne indicanti le sedi dei partiti. E, altresì, vietato il lancio o il getto di volantini in luogo pubblico o aperto al pubblico e ogni forma di propaganda luminosa mobile (art. 6 legge 212/1956). Di conseguenza deve ritenersi lecita la distribuzione dei volantini fatta a mano e ogni forma di propaganda figurativa non luminosa eseguita con mezzi mobili (nel rispetto delle norme del codice della strada). Costituiscono, invece, violazione della normativa in materia di affissioni elettorali i tabelloni di contenuto propagandistico installati su veicoli parcheggiati prolungatamente in luogo pubblico. Entro ventiquattro ore dalla comunicazione di eventuali decisioni di eliminazioni di liste o di candidati da parte degli Uffici centrali circoscrizionali, a pena di decadenza, i delegati di lista possono ricorrere all Ufficio centrale regionale depositando l apposito ricorso nella Cancelleria dell Ufficio centrale circoscrizionale interessato (art. 10, commi 3, 4, 5, e 6, legge 108/1968). Entro dieci giorni dalla data di scadenza del termine per la presentazione delle liste, i movimenti o partiti politici che intendono usufruire dei rimborsi in relazione alle spese elettorali sostenute per la campagna per il rinnovo del Consiglio regionale ne devono fare richiesta, a pena di decadenza, al Presidente della Camera (art. 1, comma 2, legge 157/1999). Elezioni Regionali

9 19 marzo 2005 da questa data divieto di diffusione dei risultati di sondaggi politici elettorali 2 aprile 2005 da questa data e fino al 4 aprile 2005 divieto di comizi e riunioni in luoghi pubblici o aperti al pubblico e divieto di affissione di stampati, giornali murali o altri manifesti di propaganda 3 aprile 2005 da questa data e fino al 4 aprile 2005 altro divieto di propaganda E vietata nei quindici giorni precedenti la data delle votazioni la diffusione dei risultati di sondaggi politici elettorali (art. 8, comma 1, legge 28/2000). (Nel periodo precedente a quello indicato la diffusione dei risultati può avvenire solo se accompagnata dalle seguenti indicazioni: a) soggetto che ha realizzato il messaggio; b) committente ed acquirente; c) criteri seguiti per la formazione del campione; d) metodo di raccolta delle informazioni e di elaborazione dei dati; e) numero delle persone interpellate e universo di riferimento; f) domande rivolte; g) percentuale delle persone che hanno risposto a ciascuna domanda; h) data in cui è stato realizzato il sondaggio. Di tali informazioni è responsabile il soggetto che ha realizzato il sondaggio; esse devono inoltre essere rese contestualmente disponibili su apposito sito informatico istituito e tenuto a cura del Dipartimento per l informazione e l editoria presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri - art. 8, comma 2, legge n. 28/2000 -). Nel giorno precedente ed in quelli stabiliti per le elezioni sono vietati i comizi, le riunioni di propaganda elettorale diretta o indiretta, in luoghi pubblici o aperti al pubblico; la nuova affissione di stampati, giornali murali o altri manifesti di propaganda (art. 9, primo comma, legge 212/1956). Nei giorni destinati alla votazione è vietata ogni forma di propaganda elettorale entro il raggio di 200 metri dall ingresso delle sezioni elettorali. E, invece, consentita la nuova affissione di giornali quotidiani o periodici nelle bacheche previste dall art. 1 della legge 212/1956 (art. 9, secondo e terzo comma, legge 212/1956). 3 e 4 aprile Date della votazione * Secondo l interpretazione invalsa negli uffici statali competenti il generico riferimento della norma alla data di convocazione dei comizi elettorali e non alla data del decreto di convocazione dei comizi elettorali, deve intendersi riferito alla data di affissione del manifesto nei Comuni della Regione che dà notizia agli elettori della data delle elezioni (cioè 45 giorni antecedenti la data delle elezioni), poiché è da tale momento che viene resa pubblica la data delle elezioni. Elezioni Regionali

10 2. ELETTORATO ATTIVO E PASSIVO Sono elettori i cittadini iscritti nelle liste elettorali della Regione che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età entro il primo giorno dell elezione (articolo 4, legge 108/1968, come sostituito dall articolo 19, legge 39/1975). Sono eleggibili a Consigliere regionale gli elettori di un qualsiasi comune della Repubblica che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età nel primo giorno fissato per la votazione (articolo 1, legge 154/1981). Elezioni Regionali

11 3. DISCIPLINA DELL ELEZIONE DEL CONSIGLIO E DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE DELLE MARCHE A norma dell articolo 2, comma 1, della legge regionale 1 febbraio 2005, n. 5 (Norme relative alle elezioni regionali dell anno 2005 modifica della legge regionale 16 dicembre 2004, n. 27 Norme per l elezione del Consiglio e del Presidente della Giunta Regionale ) le elezioni regionali dell anno 2005 restano disciplinate dalle disposizioni della legislazione statale vigente (principalmente legge costituzionale 22 novembre 1999, n. 1 e leggi 17 febbraio 1968, n. 108 e 23 febbraio 1995, n. 43) salvo alcune innovazioni espressamente previste dalle lettere a), b) e c) dello stesso comma, relative rispettivamente al decreto di indizione delle elezioni, al numero dei sottoscrittori delle liste elettorali, alla rappresentanza nelle stesse liste di candidati di entrambi i generi. Per effetto di tali disposizioni: l indizione delle elezioni è effettuata con decreto del Presidente della Giunta regionale, che determina il numero dei seggi del Consiglio regionale ed il numero dei seggi assegnati alle circoscrizioni elettorali di Ancona, Ascoli Piceno, Fermo, Macerata, Pesaro e Urbino; il numero dei sottoscrittori delle liste provinciali è sensibilmente ridotto rispetto a quello previsto dalla legislazione statale. In particolare le liste provinciali devono essere presentate: 1) da almeno trecentocinquanta e da non più di settecento elettori iscritti nelle liste elettorali di Comuni compresi nelle circoscrizioni elettorali fino a duecentocinquantamila abitanti; 2) da almeno cinquecento e da non più di mille elettori iscritti nelle liste elettorali di Comuni compresi nelle circoscrizioni elettorali con più di duecentocinquantamila abitanti; è previsto, a pena di inammissibilità, l obbligo di inserire in ogni lista provinciale e regionale candidati di entrambi i generi. Elezioni Regionali

12 4. RIPARTIZIONE DEI SEGGI TRA LE CIRCOSCRIZIONI ELETTORALI Circoscr.ne Popolazione Quoz. reg.le Quoz. interi Resti Seggi Resti + Alti Tot. N. Seggi Assegnati Il numero dei Consiglieri assegnati a ciascuna Regione è a tutt oggi definito dalla legge statale: il Consiglio regionale delle Marche è composto da 40 membri 1. Il territorio di ciascuna regione è ripartito in circoscrizioni elettorali corrispondenti alle rispettive province (articolo 1, quarto comma, legge 108/1968). Al riguardo si ricorda che la legge 11 giugno 2004, n. 147 ha istituito la Provincia di Fermo. La ripartizione si effettua dividendo il numero degli abitanti della Regione per il numero dei seggi del Consiglio, assegnando poi, ad ogni circoscrizione i seggi sulla base dei quozienti interi e dei più alti resti in proporzione alla popolazione di ciascuna circoscrizione (articolo 2, secondo comma, legge 108/1968). Poiché a seguito della legge 43/1995 le elezioni regionali di svolgono con sistema proporzionale con correttivo maggioritario, quattro quinti dei seggi sono divisi tra le circoscrizioni provinciali (n. 32 seggi), mentre un quinto dei Consiglieri assegnati alla Regione (n. 8) è eletto con sistema maggioritario sulla base di liste regionali concorrenti (articolo 1, commi 2 e 3, legge 43/1995). Il Presidente della Giunta Regionale delle Marche con il decreto di indizione delle elezioni (8 febbraio 2005, n. 55), ha assegnato alle circoscrizioni elettorali di Ancona, Ascoli Piceno, Fermo, Macerata, Pesaro e Urbino, rispettivamente dieci, quattro, quattro, sei ed otto seggi determinati secondo le modalità indicate nella seguente tabella: Ancona * 1 10 Ascoli Piceno Fermo * 1 4 Macerata Pesaro * 1 8 Urbino Totale Infatti a norma dell articolo 2, primo comma, legge 108/1968, il Consiglio regionale è composto da 40 membri nelle Regioni con popolazione superiore a 1 milione di abitanti. La popolazione regionale, determinata in base si risultati dell ultimo censimento generale della stessa, riportati dalla più recente pubblicazione ufficiale dell Istituto centrale di statistica (articolo 2, quarto comma, legge 108/1968), è pari a abitanti (censimento 2001). Elezioni Regionali

13 5. PRESENTAZIONE DELLE LISTE 5.1. Presentazione delle liste provinciali Quando Le liste provinciali devono essere presentate dalle ore 8 del trentesimo giorno alle ore 12 del ventinovesimo giorno antecedente la data delle elezioni (articolo 1, comma 2, legge 43/1995 e articolo 9, primo comma, legge 108/1968, come sostituito dall art. 4, legge 271/1991). Dove Alla Cancelleria del Tribunale nella cui giurisdizione è il comune capoluogo di provincia (articolo 1, comma 2, legge 43/1995 e articolo 9, primo comma, legge 108/1968, come sostituito dall art. 4, legge 271/1991). Modalità Le liste provinciali sono presentate: a) da almeno 350 e da non più di 700 elettori iscritti nelle liste elettorali di comuni compresi nelle circoscrizioni elettorali di Ascoli Piceno e di Fermo; b) da almeno 500 e da non più di elettori iscritti nelle liste elettorali di comuni compresi nelle circoscrizioni elettorali di Ancona, Macerata, Pesaro e Urbino. La firma degli elettori, autenticata secondo le disposizioni di legge 2, deve avvenire su apposito modello recante il contrassegno di lista, nome e cognome, luogo e data di nascita dei candidati, nonchè nome e cognome, luogo e data di nascita del sotto- 2 Sono competenti ad eseguire le autenticazioni i notai, i giudici di pace, i cancellieri e collaboratori delle cancellerie delle Corti d appello, dei tribunali e delle preture, i segretari delle procure della Repubblica, i presidenti della provincia, i sindaci, gli assessori comunali e provinciali, i presidenti e i vicepresidenti dei consigli circoscrizionalii segretari comunali e provinciali, i funzionari incaricati dal sindaco e dal presidente della provincia, i consiglieri provinciali e comunali che comunichino la propria disponibilità, rispettivamente, al presidente della provincia e al sindaco (articolo 9, legge 108/1968 e articolo 1, comma 3 e articolo 14, legge 53/1990 e successive modificazioni). I pubblici ufficiali ai quali è espressamente attribuita la competenza ad eseguire le autenticazioni delle firme dei sottoscrittori, possono farlo esclusivamente nel territorio di competenza dell ufficio di cui sono titolari ( Istruzioni per la presentazione e l ammissione delle candidature, Pubblicazione a cura del Ministero dell interno, Direzione generale dell Amministrazione civile, Direzione centrale per i servizi elettorali, 1999, pag. 9). Le autenticazioni sono considerate nulle se anteriori al 180 giorno precedente il termine finale fissato per la presentazione delle candidature. Elezioni Regionali

14 scrittore indicando il comune nelle cui liste l elettore dichiara di essere iscritto (articolo 9, terzo comma, legge108/1968). Nessun elettore può sottoscrivere più di una lista di candidati (articolo 9, quarto comma, legge 108/1968, come sostituito dall art. 3, L. 271/1991). Ciascuna lista deve comprendere un numero di candidati non superiore al numero di Consiglieri da eleggere nel collegio e non inferiore ad un terzo arrotondato all unità superiore (articolo 9, quinto comma, legge 108/1968). Ed inoltre in ogni lista devono essere rappresentati, a pena di inammissibilità, candidati di entrambi i generi (articolo 2, comma 1, lettera c), legge regionale 5/2005). Di tutti i candidati deve essere indicato cognome, nome, luogo e data di nascita e la relativa elencazione deve recare una numerazione progressiva secondo l ordine di presentazione (articolo 9, sesto comma, legge 108/1968). E consentito presentare la propria candidatura in un massimo di tre circoscrizioni, purché sotto lo stesso simbolo (articolo 9, settimo comma, legge 108/1968). Con la lista dei candidati si devono presentare inoltre: 1) i certificati, anche collettivi, dei sindaci dei singoli comuni ai quali appartengono i sottoscrittori della dichiarazione di presentazione della lista, che ne attestino l iscrizione nelle liste elettorali di un comune della circoscrizione; 2) la dichiarazione di accettazione della candidatura di ogni candidato. La candidatura deve essere accettata con dichiarazione firmata ed autenticata secondo le modalità di legge. Inoltre la dichiarazione di accettazione della candidatura deve contenere l esplicita dichiarazione del candidato di non essere in alcuna delle condizioni previste dal comma 1 dell articolo 15, della legge 55/ ; 3) il certificato di iscrizione nelle liste elettorali di un qualsiasi comune della Repubblica di ciascun candidato; 4) il modello di contrassegno anche figurato in triplice esemplare 4 ; 5) la dichiarazione di presentazione della lista dei candidati deve contenere l indicazione di due delegati autorizzati a designare, personalmente o per mezzo di persone da essi autorizzate con dichiarazione autenticata dal notaio, i rappresentanti della lista presso ogni seggio e presso l ufficio centrale circoscrizionale (articolo 1, comma 11, legge 43/1995 e articolo 9, ottavo comma, legge 3 Si tratta di cause di incandidabilità. Sul punto infra par. n L articolo 9, settimo comma, punto 4) della legge 108/1968 prevede che non è ammessa la presentazione di contrassegni identici o confondibili con quelli presentati in precedenza o con quelli notoriamente usati da altri partiti o gruppi politici. Non è ammessa inoltre la presentazione, da parte di chi non ha titolo, di contrassegni riproducenti simboli o elementi caratterizzanti di simboli che, per essere usati tradizionalmente da partiti presenti in Parlamento, possono trarre in errore l elettore. Non è neppure ammessa la presentazione di contrassegni riproducenti immagini o soggetti religiosi. Elezioni Regionali

15 108/1968, come parzialmente modificato dall art. 11, L. 130/75, dall art. 5 L. 271/91 e dall art. 3, L. 16/1992). La presentazione delle liste provinciali dei candidati deve, a pena di nullità, essere accompagnata dalla dichiarazione di collegamento con una delle liste regionali. Tale dichiarazione è efficace solo se convergente con analoga dichiarazione resa dai delegati alla presentazione della lista regionale predetta (articolo 1, comma 8, legge 43/1995). Le liste provinciali e la lista regionale collegata sono contrassegnate dal medesimo simbolo (articolo 1, comma 8, legge 43/1995). Più liste provinciali possono collegarsi alla medesima lista regionale, in tal caso la lista regionale è contrassegnata da un simbolo unico ovvero dai simboli di tutte le liste ad essa collegate (articolo 1, comma 9, legge 43/1995) Presentazione delle liste regionali Quando Le liste regionali devono essere presentate nei medesimi termini di presentazione delle liste provinciali (vedi infra par n. 5.1), (articolo 1, comma 11, Legge 43/95 e articolo 9, primo comma legge 108/68 come sostituito dall art. 4, legge 271/1991). Dove Alla Cancelleria della Corte di Appello di Ancona (articolo 1, comma 3, legge 43/1995). Elezioni Regionali

16 Modalità La presentazione della liste devono essere sottoscritte da non meno di 3500 e da non più di 5000 elettori iscritti nelle liste elettorali dei comuni compresi nella Regione Marche 5. Per la sottoscrizione della lista regionale si seguono le stesse modalità previste per la sottoscrizione delle liste provinciali (vedi infra par. n. 5.1). Nei 20 giorni antecedenti il termine di presentazione delle liste, i Comuni devono assicurare agli elettori la possibilità di sottoscrivere le liste per non meno di 10 ore al giorno dal lunedi al venerdi, 8 ore il sabato e la domenica, svolgendo tale attività anche al di fuori della residenza municipale. Le ore di apertura sono ridotte della metà nei comuni con meno di tremila abitanti (articolo 1, comma 4, legge 43/1995). Nelle Marche la lista regionale deve comprendere non meno di 4 e non più di 8 candidati 6 (articolo 1, commi 5 e 11, legge 43/1995). Ed inoltre in ogni lista devono essere rappresentati, a pena di inammissibilità, candidati di entrambi i generi (articolo 2, comma 1, lettera c), legge regionale 5/2005). Per la documentazione da presentare insieme alla lista regionale si rinvia a quanto previsto per le liste provinciali (vedi infra par. n. 5.1). La presentazione della lista regionale deve essere, a pena di nullità, accompagnata dalla dichiarazione di collegamento con un gruppo di liste provinciali presentate in non meno della metà delle province della regione, quindi per la Regione Marche in non meno di 2 province. Detta dichiarazione è efficace solo se è convergente con analoga dichiarazione resa dai delegati alla presentazione delle liste provinciali interessate (articolo 1, comma 3, legge 43/1995). 5 Infatti ai sensi del combinato disposto di cui all articolo 1, comma 3, legge 43/1995 e all articolo 9, comma 6, primo periodo, d.lgs. 533/1993 la presentazione deve essere sottoscritta da almeno 3500 e da non più di 5000 e- lettori iscritti nelle liste elettorali di comuni compresi nelle Regioni con più di di abitanti. 6 A norma dell art. 1, comma 5, legge 43/1995 infatti, ogni lista regionale comprende un numero di candidate e candidati non inferiore alla metà dei candidati da eleggere nella lista regionale. L art. 1, comma 11, legge 43/1995, rinvia altresi, alla disposizione prevista dall articolo 9, quinto comma, legge 108/1968 secondo la quale ciascuna lista non puo comprendere un numero di candidati superiori a quello dei Consiglieri da eleggere. Elezioni Regionali

17 6. INCANDIDABILITÀ, INELEGGIBILITÀ E INCOMPATIBILITÀ 6.1. Incandidabilità Per cause di incandidabilità si intendono tutte quelle speciali situazioni che inibiscono ad un soggetto di proporsi all elettorato attivo. A) Incandidabilità alla carica di Consigliere regionale ex articolo 7, primo comma, legge 154/1981 CAUSA DI INCANDIDABILITÀ 1.Nessuno può presentarsi come candidato in più di due Regioni, quando le elezioni si svolgono nella stessa data. 2. I Consiglieri regionali in carica non possono candidarsi alla medesima carica in altro Consiglio regionale. OPZIONE Il candidato che sia eletto contemporaneamente Consigliere in due Regioni deve optare per una delle due cariche entro cinque giorni dall'ultima deliberazione di convalida. In caso di mancata opzione rimane eletto nel Consiglio della Regione in cui ha riportato il maggior numero di voti in percentuale rispetto al numero dei votanti ed è surrogato nell'altro Consiglio (articolo 7, secondo comma, legge 154/1981). B) Incandidabilità alla carica di Consigliere regionale ex articolo 15, comma 1, legge 55/1990 e successive modificazioni 7 Non possono essere candidati alle elezioni regionali e non possono comunque ricoprire le cariche di Presidente della Giunta regionale, Assessore e Consigliere regionale: 1) coloro che hanno riportato condanna definitiva 8 per il delitto previsto dall articolo 416 bis c.p. (associazioni di tipo mafioso), per il delitto di associazione finalizzato al traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope di cui all articolo 74 t.u. approvato con d.p.r. 309/1990, oppure per un delitto di cui all articolo 73 del citato 7 Modificata da ultimo dalla legge , n. 475 (Modifiche all articolo 15 della legge 19 marzo 1990, n. 55, e successive modificazioni). 8 Una sentenza diviene definitiva quando non è più impugnabile per decorrenza dei termini o perché esperiti tutti i possibili gradi di ricorso giurisdizionale. La formulazione dell articolo 15, comma 1, legge 55/1990 prevedeva l incandidabilità per coloro che hanno riportato condanna anche non definitiva. Con sentenza della Corte Costituzionale del 23 aprile 1996, n. 141 è stata dichiarata l illegittimità costituzionale di tale comma nella parte in cui prevede la non candidabilità per i delitti indicati con sentenza non ancora passata in giudicato. Elezioni Regionali

18 t.u. concernente la produzione o il traffico di dette sostanze, per un delitto concernente la fabbricazione, l importazione, l esportazione, la vendita o cessione, l uso o il trasporto di armi, munizioni o materie esplodenti o per il delitto di favoreggiamento personale o reale commesso in relazione a taluno dei predetti reati; 2) coloro che hanno riportato condanna definitiva per i delitti previsti dal codice penale: articolo 314 (peculato); articolo 316 (peculato mediante profitto dell errore altrui); articolo 316 bis (malversazione a danno dello Stato); articolo 317 (concussione); articolo 318 (corruzione per atto d ufficio); articolo 319 (corruzione per un atto contrario ai doveri d ufficio); articolo 319 ter (corruzione in atti giudiziari); articolo 320 (corruzione di persona incaricata di un pubblico servizio); 3) coloro che sono stati condannati con sentenza definitiva, confermata in appello, per un delitto commesso con abuso dei poteri o con violazione dei doveri inerenti ad una pubblica funzione o ad un pubblico servizio diverso da quelli indicati al punto 2); 4) coloro che sono stati condannati per lo stesso fatto con sentenza definitiva, confermata in appello, ad una pena non inferiore a due anni di reclusione per delitto non colposo; 5) coloro nei cui confronti il Tribunale ha applicato, con provvedimento definitivo, una misura di prevenzione definitiva 9 in quanto indiziati di appartenere ad una delle associazioni di cui all articolo 1 della legge 575/ , comma sostituito dall articolo 13 della legge 646/1982. N.B. L eventuale elezione di coloro che si trovano in una condizione di incandidabilità di cui al comma 1 dell articolo 15, legge 55/1990 è nulla (articolo 15, comma 4, legge 55/1990). Se alcune delle condizioni di cui al comma 1 dell articolo 15 su citato sopravvengono dopo l elezione, comportano la sospensione di diritto dalla carica (articolo 15, 9 Comma così modificato dall art. 1, comma 1, legge n. 475 del L articolo 1 della legge 575/1965 su Disposizioni contro la mafia, prevede che la presente legge si applica agli indiziati di appartenere ad associazioni di tipo mafioso, alla camorra o ad altre associazioni comunque localmente denominate che perseguono finalità o agiscono con metodi corrispondenti a quelli delle associazioni di tipo mafioso. Elezioni Regionali

19 comma 4 bis, legge 55/1990). Soltanto dalla data di passaggio in giudicato della sentenza o dalla data in cui diviene definitivo il provvedimento che applica la misura di prevenzione, l eletto decade dalla carica (articolo 15, comma 4 quinquies, legge 55/1990) 11. Le disposizioni previste per l incandidabilità di cui all articolo 15 della legge 55/1990 non si applicano nei confronti di chi è stato condannato con sentenza passata in giudicato o di chi è stato sottoposto a misura di prevenzione con provvedimento definitivo se è concessa la riabilitazione 12 (articolo 15, comma 4 sexies, legge 55/1990). Per tutti gli effetti disciplinati dall art. 15 della legge n. 55/1999 la sentenza prevista dall art. 444 c.p.p. è equiparata a condanna Ineleggibilità L ineleggibilità è una condizione del cittadino eletto che rende nulla l avvenuta elezione e si verifica quando concorrono cause che rendano il soggetto inidoneo all assunzione della carica. L articolo 122 della Costituzione 14 prevede che le cause di ineleggibilità siano stabilite con legge della Repubblica. A) Ineleggibilità alla carica di Consigliere regionale ex articolo 2, primo comma, legge 154/1981 CAUSA DI INELEGGIBILITÀ Non sono eleggibili a Consigliere regionale: 1. Il Capo della Polizia, i Vice Capi della Polizia, gli Ispettori generali di Pubblica sicurezza che RIMOZIONE Queste cause di ineleggibilità non hanno effetto se l interessato cessa dalle funzioni per: dimissioni; 11 Sul punto vedi infra par. n La riabilitazione è prevista dall articolo 178 c.p. e dall articolo 15 della legge 3 agosto 1988, n Con essa si procede all estinzione delle pene accessorie e di ogni altro effetto penale della condanna una volta che sia decorso un certo termine dall estinzione della pena principale. 13 Modifica introdotta dall art. 1, comma 2 della legge 13 dicembre 1999, n. 475 (modifiche all art. 15 della legge 19 marzo 1990, n. 55 e successive modificazioni). 14 L articolo è stato modificato dall articolo 2 della legge costituzionale n. 1 del 22 novembre Elezioni Regionali

20 CAUSA DI INELEGGIBILITÀ prestano servizio presso il Ministero dell interno; i dipendenti civili dello Stato che svolgono le funzioni di Direttore generale o equiparate o superiori e i Capi di Gabinetto dei Ministri; 2. i Commissari di Governo, i Prefetti della Repubblica, i Vice Prefetti e i funzionari di pubblica sicurezza nel territorio nel quale esercitano le loro funzioni; RIMOZIONE trasferimento; revoca dell incarico o del comando; collocamento in aspettativa non oltre il giorno fissato per la presentazione delle candidature gli ufficiali generali, gli ammiragli e gli ufficiali superiori delle forze armate dello Stato nel territorio nel quale esercitano il comando; 4. gli ecclesiastici ed i Ministri di culto che hanno giurisdizione e cura di anime e coloro che ne fanno ordinariamente le veci nel territorio nel quale esercitano il loro ufficio; 5. i titolari di organi individuali ed i componenti di organi collegiali che esercitano potere di controllo istituzionale sull amministrazione della Regione, nonché i dipendenti che dirigono e coordinano i rispettivi uffici; 15 Così l articolo 2, secondo comma, della legge 154/1981. Elezioni Regionali

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

MODIFICHE AL NUMERO DEI CONSIGLIERI E DEGLI ASSESSORI E DELLE

MODIFICHE AL NUMERO DEI CONSIGLIERI E DEGLI ASSESSORI E DELLE NOTA INFORMATIVA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 25 MAGGIO 2014 Aprile 2014 PREMESSA Le prossime elezioni amministrative, fissate per il 25 maggio, segneranno il rinnovo di 4106 amministrazioni comunali.

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Elezioni e par condicio Vademecum per gli operatori dell informazione

Elezioni e par condicio Vademecum per gli operatori dell informazione Elezioni e par condicio Vademecum per gli operatori dell informazione Gennaio 2013 AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI Unità Par Condicio Numero Verde: 800/282202 Fax: 081/7507550 CORECOM TOSCANA

Dettagli

D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica

D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 1. Il Senato della

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

L. 10 dicembre 1993, n. 515. Disciplina delle campagne elettorali per l'elezione alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica.

L. 10 dicembre 1993, n. 515. Disciplina delle campagne elettorali per l'elezione alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica. L. 10 dicembre 1993, n. 515. Disciplina delle campagne elettorali per l'elezione alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica. 1. Accesso ai mezzi di informazione. 1. Non oltre il quinto giorno

Dettagli

Statuto del Partito Democratico

Statuto del Partito Democratico Statuto del Partito Democratico Approvato dalla Assemblea Costituente Nazionale il 16 febbraio 2008 CAPO I Principi e soggetti della democrazia interna Articolo 1. (Principi della democrazia interna) 1.

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO PER LO SVILUPPO DELLA RIFORMA ISTITUZIONALE ELEZIONE DEGLI ORGANI DEL COMUN GENERAL DE FASCIA COMUNI DI CAMPITELLO DI FASSA/CIAMPEDEL-CANAZEI/CIANACEI- MAZZIN/MAZIN-MOENA/MOENA-

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Costituzione della Repubblica Italiana

Costituzione della Repubblica Italiana Artt. 123, 127, 134, 135, 136, 137 della Costituzione Costituzione della Repubblica Italiana (Gazzetta Ufficiale 27 dicembre 1947, n. 298) [ ] TITOLO V LE REGIONI, LE PROVINCIE, I COMUNI Art. 123 Ciascuna

Dettagli

Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione

Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Elezioni comunali, provinciali e regionali Pubblicazione n. 14 Elezione diretta del presidente

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DELLE AUTONOMIE LOCALI E DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO DELLE AUTONOMIE LOCALI SERVIZIO 5 UFFICIO ELETTORALE

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DELLE AUTONOMIE LOCALI E DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO DELLE AUTONOMIE LOCALI SERVIZIO 5 UFFICIO ELETTORALE REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DELLE AUTONOMIE LOCALI E DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO DELLE AUTONOMIE LOCALI SERVIZIO 5 UFFICIO ELETTORALE ELEZIONI AMMINISTRATIVE PUBBLICAZIONE N. 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Approvazione del testo unico delle leggi per la disciplina dell'elettorato

Approvazione del testo unico delle leggi per la disciplina dell'elettorato D.P.R. 20 marzo 1967, n. 223 (1). Approvazione del testo unico delle leggi per la disciplina dell'elettorato attivo e per la tenuta e la revisione delle liste elettorali. (1) Pubblicato nella Gazz. Uff.

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale CARLO FUSARO I limiti della legislazione elettorale vigente LEGISLAZIONE ELETTORALE: complesso delle norme concernenti

Dettagli

Istruzioni per le operazioni dei seggi

Istruzioni per le operazioni dei seggi Parlamento europeo Pubblicazione n. 4 Elezione del Parlamento europeo Istruzioni per le operazioni dei seggi Le pagine che seguono sono una proposta di riformulazione delle Istruzioni per le operazioni

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO (Testo così come modificato con deliberazione di Consiglio Comunale n 20 in data 03/07/2006) TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 DEFINIZIONE Il Comune di San Demetrio

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O 1. Costituzione In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - Promuovere le politiche di pari

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI

MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE TESTO UNICO DELLE LEGGI SULL ORDINAMENTO DEGLI ENTI LOCALI approvato con Decreto Legislativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n.

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n. LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO (Gazzetta Ufficiale n. 20 del 20-1-1979) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Esercizio della professione

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Edizione con note

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Edizione con note COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Edizione con note INDICE PRINCIPÎ FONDAMENTALI pag. 3 (ARTICOLI 1-12) PARTE I - DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI TITOLO I - RAPPORTI CIVILI pag. 6 (ARTICOLI 13-28)

Dettagli

Guida a LE REGOLE DELLA COMUNICAZIONE IN PERIODO ELETTORALE LA PAR CONDICIO A LIVELLO LOCALE

Guida a LE REGOLE DELLA COMUNICAZIONE IN PERIODO ELETTORALE LA PAR CONDICIO A LIVELLO LOCALE Guida a LE REGOLE DELLA COMUNICAZIONE IN PERIODO ELETTORALE LA PAR CONDICIO A LIVELLO LOCALE a cura del Comitato regionale per le comunicazioni del Friuli Venezia Giulia Udine 22 febbraio 2008 Guida a

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Senato della Repubblica. Costituzione. della. Repubblica Italiana. dicembre 2012 1

Senato della Repubblica. Costituzione. della. Repubblica Italiana. dicembre 2012 1 Senato della Repubblica Costituzione della Repubblica Italiana dicembre 2012 1 A cura del Servizio dei resoconti e della comunicazione istituzionale, Ufficio delle informazioni parlamentari, dell archivio

Dettagli

D.P.R. 20 marzo 1967, n. 223, pubblicato nella Gazz. Uff. 28 aprile 1967, n. 106.

D.P.R. 20 marzo 1967, n. 223, pubblicato nella Gazz. Uff. 28 aprile 1967, n. 106. D.P.R. 20 marzo 1967, n. 223, pubblicato nella Gazz. Uff. 28 aprile 1967, n. 106. Approvazione del testo unico delle leggi per la disciplina dell'elettorato attivo e per la tenuta e la revisione delle

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

R.D. 30 gennaio 1941, n. 12. Ordinamento giudiziario.

R.D. 30 gennaio 1941, n. 12. Ordinamento giudiziario. R.D. 30 gennaio 1941, n. 12. Ordinamento giudiziario. 1. È approvato l'unito testo dell'«ordinamento giudiziario», allegato al presente decreto e visto d'ordine nostro dal Ministro guardasigilli e dal

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Titolo primo L Associazione Italiana Arbitri Capo primo: Natura, funzioni e poteri. Art. 1 Natura e funzione 1.L Associazione Italiana Arbitri (AIA) è l associazione

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli