ELEZIONI REGIONALI 2005

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELEZIONI REGIONALI 2005"

Transcript

1

2 QUADERNI DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLE MARCHE Area Processi normativi - Consulenza per la normazione - ELEZIONI REGIONALI 2005 A cura di: Sabrina Strazzi Maria Rosa Zampa

3

4 INDICE Pag. 1. CALENDARIO DELLE PRINCIPALI SCADENZE RELATIVE ALLE ELEZIONI REGIONALI DEL 3 E 4 APRILE ELETTORATO ATTIVO E PASSIVO DISCIPLINA DELL ELEZIONE DEL CONSIGLIO E DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA RE- GIONALE DELLE MARCHE RIPARTIZIONE DEI SEGGI TRA LE CIRCOSCRIZIONI ELETTORALI PRESENTAZIONE DELLE LISTE 5.1. Presentazione delle liste provinciali Presentazione delle liste regionali INCANDIDABILITÀ, INELEGGIBILITÀ E INCOMPATIBILITÀ 6.1. Incandidabilità Ineleggibilità Incompatibilità PROPAGANDA ELETTORALE 7.1. Comunicazione politica radio-televisiva in campagna elettorale Attraverso le emittenti radiofoniche e televisive nazionali Attraverso le emittenti radiofoniche e televisive locali Messaggi politici autogestiti in campagna elettorale Attraverso le emittenti radiofoniche e televisive nazionali Attraverso le emittenti radiofoniche e televisive locali Disciplina relativa ai programmi di informazione nei mezzi radiotelevisivi Attraverso le emittenti radiofoniche e televisive nazionali Attraverso le emittenti radiofoniche e televisive locali Messaggi politici elettorali su quotidiani e periodici Propaganda a mezzo di manifesti e giornali murali Divieti di propaganda Disciplina dei sondaggi politici ed elettorali Disciplina della comunicazione istituzionale

5 8. VOTAZIONE 8.1. Composizione grafica della scheda elettorale Modalità di voto IL SISTEMA ELETTORALE REGIONALE 9.1. Attribuzione dei seggi della quota proporzionale Attribuzione dei seggi della quota maggioritaria Elezione del Presidente della Giunta VERIFICA DELLE ELEZIONI Convalida degli eletti Contestazione delle cause di ineleggibilità sopravvenute e di incompatibilità. 11. SPESE PER LA PROPAGANDA ELETTORALE Spese relative alla campagna elettorale Spese per la propaganda elettorale sostenute dai candidati Spese per la propaganda elettorale sostenute da partiti, liste o movimenti Raccolta di fondi per la propaganda elettorale. Mandatario elettorale Rimborso delle spese per consultazioni elettorali PUBBLICITÀ E CONTROLLO DELLE SPESE ELETTORALI Dichiarazioni relative alle spese sostenute e alle obbligazioni assunte per la propaganda elettorale Dichiarazione dei finanziamenti o contributi ricevuti di importo superiore a cinque milioni Rendiconto relativo ai contributi e servizi ricevuti Pubblicità e controllo delle spese elettorali dei candidati Pubblicità della situazione patrimoniale degli eletti Pubblicità e controllo delle spese elettorali di partiti, movimenti, liste e gruppi elettorali PRINCIPALE LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO... 60

6 1. CALENDARIO DELLE PRINCIPALI SCADENZE RELATIVE ALLE ELEZIONI REGIONALI DEL 3 E 4 APRILE febbraio 2005 da questa data scioglimento del Consiglio 17 febbraio 2005 da questa data pubblicazione del manifesto di convocazione dei comizi elettorali 17 febbraio 2005 da questa data e fino al 4 aprile 2005 divieto di comunicazione istituzionale 17 febbraio 2005 da questa data disciplina della comunicazione politica radiotelevisiva nelle emittenti nazionali pubbliche e private 17 febbraio 2005 da questa data disciplina della comunicazione politica radiotelevisiva nelle emittenti locali 17 febbraio 2005 da questa data e fino al 1 aprile 2005 disciplina dei messaggi politici elettorali su quotidiani e periodici Il Consiglio regionale esercita le proprie funzioni fino al 46 giorno antecedente la data delle elezioni per la sua rinnovazione (art. 3, secondo comma, legge 108/1968). I Sindaci dei Comuni del territorio regionale danno notizia agli e- lettori dell avvenuta convocazione dei comizi elettorali con apposito manifesto che deve essere affisso 45 giorni prima della data stabilita per le elezioni (art. 3, quinto e sesto comma, legge 108/1968). Dalla data di convocazione dei comizi elettorali* è fatto divieto a tutte le amministrazioni pubbliche fino alla chiusura delle operazioni di voto, di svolgere attività di comunicazione ad eccezione di quelle effettuate in forma impersonale ed indispensabili per l efficace assolvimento delle proprie funzioni (art. 9, comma 1, legge 28/2000). Dalla data di convocazione dei comizi elettorali* ha inizio la comunicazione politica radio-televisiva, nelle emittenti nazionali (pubbliche e private), nelle seguenti formule: tribune politiche, dibattiti, tavole rotonde, presentazione in contraddittorio di candidati e di programmi politici, interviste e ogni altra forma che consenta il confronto tra le posizioni politiche e i candidati in competizione (art. 4, commi 1 e 2, legge 28/2000). Le modalità di riparto degli spazi tra i soggetti politici avviene secondo i criteri indicati al comma 2 dell art. 4, legge 28/2000). Dalla data di convocazione dei comizi elettorali* ha inizio la comunicazione politica radio-televisiva nelle emittenti locali. Le e- mittenti radio-televisive locali, che nel periodo elettorale intendono trasmettere programmi di comunicazione politica, devono consentire una effettiva parità di condizione tra soggetti politici competitori, anche con riferimento alle fasce orarie e al tempo di trasmissione. I programmi di comunicazione politica sono collocati dalle emittenti radio-televisive locali in contenitori con cicli a cadenza periodica nelle diverse fasce orarie, secondo quanto stabilito dall autorità per le garanzie delle comunicazioni. Dalla data di convocazione dei comizi elettorali* fino a tutto il penultimo giorno prima della data delle elezioni sono ammesse le seguenti forme di comunicazione elettorale sui giornali, quotidiani e periodici (art. 7, comma 2, legge 28/2000): a) la pubblicazione di annunci di dibattiti, tavole rotonde, conferenze, discorsi; b) le pubblicazioni destinate alla presentazione dei programmi delle liste, dei gruppi di candidati e dei candidati; c) le pubblicazioni di confronto tra più candidati. E esclusa ogni altra forma di messaggio politico elettorale oltre a quello indicato dall art. 7, comma 2, legge 28/2000 (art. 11, comma 3, regolamento 29/2000 dell Autorità). Elezioni Regionali

7 17 febbraio 2005 da questa data e fino al 4 aprile 2005 disciplina dei programmi di informazione nei mezzi radiotelevisivi nazionali 17 febbraio 2005 da questa data e fino al 4 aprile 2005 disciplina dei programmi di informazione nei mezzi radiotelevisivi locali 17 febbraio 2005 Da questa data e fino al 4 aprile 2005 trasmissione dei messaggi politici autogestiti a pagamento attraverso le emittenti locali 28 febbraio 2005 entro questa data presentazione della domanda ai Sindaci per gli spazi per le affissioni di propaganda da parte dei fiancheggiatori 4 marzo 2005 ore 8.00 da questa data e fino al 5 marzo 2005 ore presentazione delle liste provinciali e delle liste regionali 4 marzo 2005 rimozione delle cause di ineleggibilità Dalla data della convocazione dei comizi elettorali* alla chiusura delle operazioni di voto è vietato fornire indicazioni o preferenze di voto nei programmi di informazione e nelle trasmissioni di informazione radio-televisive nazionali riconducibili alla responsabilità di una testata giornalistica registrata (art. 5, comma 2, legge 28/2000). I registi e i conduttori hanno l obbligo di tenere un comportamento corretto ed imparziale nella gestione del programma informativo in modo da non influenzare, anche in forma surrettizia, la libertà di scelta degli elettori (art. 5, comma 3, legge 28/2000). E, altresì, vietata la presenza di candidati, esponenti di partiti e movimenti politici, membri del Governo, delle Giunte, dei Consigli regionali e degli enti locali in tutte le trasmissioni tranne in quelle informative riconducibili alla responsabilità di una testata giornalistica nelle quali la loro presenza deve essere limitata all esigenza di assicurare la completezza e l imparzialità dell informazione. Dalla data della convocazione dei comizi elettorali* alla chiusura delle operazioni di voto, in qualunque trasmissione radio-televisiva locale diversa da quelle di comunicazione politica e dai messaggi politici autogestiti, è vietato fornire, anche in forma indiretta, indicazioni o preferenze di voto. Nei programmi di informazione le emittenti radiofoniche e televisive locali devono garantire il pluralismo, attraverso la parità di trattamento, l obiettività, l imparzialità e l equità. (art. 4 Codice di Autoregolamentazione). Dalla data di convocazione dei comizi elettorali* le emittenti radiofoniche e televisive locali possono trasmettere messaggi politici autogestiti a pagamento come disciplinati dall art. 6 del Codice di Autoregolamentazione (art. 5 Codice di Autoregolamentazione). Entro il trentaquattresimo giorno antecedente la data fissata per le elezioni coloro che, pur non partecipando alla competizione elettorale con liste di candidati, intendono eseguire affissioni di stampati, giornali murali od altri e di manifesti inerenti direttamente o indirettamente alla campagna elettorale o comunque diretti a determinare la scelta elettorale, secondo quanto consentito dall art. 1, secondo comma, legge 212/1956 devono far pervenire apposita domanda al Sindaco del Comune interessato (art. 4 legge 212/1956 sostituito dall art. 3 legge 130/1975). Le liste provinciali e le liste regionali devono essere presentate dalle ore 8.00 del trentesimo giorno antecedente la data delle elezioni e sino alle ore del ventinovesimo giorno rispettivamente alla Cancelleria del Tribunale nella cui giurisdizione è il Comune capoluogo di Provincia (art. 9, primo comma, legge 108/1968 e art. 1, comma 2, legge 43/1995) e alla cancelleria della Corte di Appello di Ancona (art. 9, primo comma, legge 108/1968 e art. 1, comma 3, legge 43/1995). Non oltre il giorno fissato per la presentazione delle candidature coloro che rientrano nelle fattispecie di cui all art. 2 della legge 154/1981 devono rimuovere le cause di ineleggibilità (art. 2, comma 2, legge 154/1981). Elezioni Regionali

8 4 marzo 2005 da questa data trasmissione dei messaggi politici autogestiti attraverso emittenti nazionali (pubbliche e private) ed emittenti locali 4 marzo 2005 da questa data facoltà di propaganda a mezzo di manifesti e giornali murali 4 marzo 2005 da questa data divieto di propaganda elettorale luminosa o figurativa 8 marzo 2005 entro questa data presentazione degli eventuali ricorsi da parte dei delegati di lista all Ufficio Centrale Regionale contro le decisioni di eliminazione di liste o di candidature 14 marzo 2005 entro questa data presentazione domanda di rimborso delle spese elettorali Dalla data di presentazione delle candidature possono essere trasmessi sia dalle emittenti nazionali (pubbliche o private) sia da quelle locali messaggi politici autogestiti gratuiti, secondo le modalità stabilite dalla Commissione e dalla Autorità e in base ai criteri indicati dal comma 3, dell art. 4 (art. 4, commi 3-11, legge 28/2000). La trasmissione è facoltativa per le emittenti private, obbligatorie per la concessionaria pubblica. Le emittenti radio-televisive locali che trasmettono messaggi politici autogestiti gratuiti beneficiano di un rimborso da parte dello Stato. Queste ultime possono, inoltre, trasmettere messaggi politici autogestiti a pagamento (art. 6 Codice di Autoregolamentazione). Dal trentesimo giorno precedente la data di votazione è ammessa la propaganda elettorale per il voto a liste, a gruppi di candidati o a singoli candidati a mezzo di manifesti e giornali murali. Le modalità della loro affissione sono disciplinate dagli artt. 1-9 della legge 212/1956. Dal trentesimo giorno precedente la data fissata per le elezioni è vietata ogni forma di propaganda elettorale luminosa o figurativa, a carattere fisso in luogo pubblico, escluse le insegne indicanti le sedi dei partiti. E, altresì, vietato il lancio o il getto di volantini in luogo pubblico o aperto al pubblico e ogni forma di propaganda luminosa mobile (art. 6 legge 212/1956). Di conseguenza deve ritenersi lecita la distribuzione dei volantini fatta a mano e ogni forma di propaganda figurativa non luminosa eseguita con mezzi mobili (nel rispetto delle norme del codice della strada). Costituiscono, invece, violazione della normativa in materia di affissioni elettorali i tabelloni di contenuto propagandistico installati su veicoli parcheggiati prolungatamente in luogo pubblico. Entro ventiquattro ore dalla comunicazione di eventuali decisioni di eliminazioni di liste o di candidati da parte degli Uffici centrali circoscrizionali, a pena di decadenza, i delegati di lista possono ricorrere all Ufficio centrale regionale depositando l apposito ricorso nella Cancelleria dell Ufficio centrale circoscrizionale interessato (art. 10, commi 3, 4, 5, e 6, legge 108/1968). Entro dieci giorni dalla data di scadenza del termine per la presentazione delle liste, i movimenti o partiti politici che intendono usufruire dei rimborsi in relazione alle spese elettorali sostenute per la campagna per il rinnovo del Consiglio regionale ne devono fare richiesta, a pena di decadenza, al Presidente della Camera (art. 1, comma 2, legge 157/1999). Elezioni Regionali

9 19 marzo 2005 da questa data divieto di diffusione dei risultati di sondaggi politici elettorali 2 aprile 2005 da questa data e fino al 4 aprile 2005 divieto di comizi e riunioni in luoghi pubblici o aperti al pubblico e divieto di affissione di stampati, giornali murali o altri manifesti di propaganda 3 aprile 2005 da questa data e fino al 4 aprile 2005 altro divieto di propaganda E vietata nei quindici giorni precedenti la data delle votazioni la diffusione dei risultati di sondaggi politici elettorali (art. 8, comma 1, legge 28/2000). (Nel periodo precedente a quello indicato la diffusione dei risultati può avvenire solo se accompagnata dalle seguenti indicazioni: a) soggetto che ha realizzato il messaggio; b) committente ed acquirente; c) criteri seguiti per la formazione del campione; d) metodo di raccolta delle informazioni e di elaborazione dei dati; e) numero delle persone interpellate e universo di riferimento; f) domande rivolte; g) percentuale delle persone che hanno risposto a ciascuna domanda; h) data in cui è stato realizzato il sondaggio. Di tali informazioni è responsabile il soggetto che ha realizzato il sondaggio; esse devono inoltre essere rese contestualmente disponibili su apposito sito informatico istituito e tenuto a cura del Dipartimento per l informazione e l editoria presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri - art. 8, comma 2, legge n. 28/2000 -). Nel giorno precedente ed in quelli stabiliti per le elezioni sono vietati i comizi, le riunioni di propaganda elettorale diretta o indiretta, in luoghi pubblici o aperti al pubblico; la nuova affissione di stampati, giornali murali o altri manifesti di propaganda (art. 9, primo comma, legge 212/1956). Nei giorni destinati alla votazione è vietata ogni forma di propaganda elettorale entro il raggio di 200 metri dall ingresso delle sezioni elettorali. E, invece, consentita la nuova affissione di giornali quotidiani o periodici nelle bacheche previste dall art. 1 della legge 212/1956 (art. 9, secondo e terzo comma, legge 212/1956). 3 e 4 aprile Date della votazione * Secondo l interpretazione invalsa negli uffici statali competenti il generico riferimento della norma alla data di convocazione dei comizi elettorali e non alla data del decreto di convocazione dei comizi elettorali, deve intendersi riferito alla data di affissione del manifesto nei Comuni della Regione che dà notizia agli elettori della data delle elezioni (cioè 45 giorni antecedenti la data delle elezioni), poiché è da tale momento che viene resa pubblica la data delle elezioni. Elezioni Regionali

10 2. ELETTORATO ATTIVO E PASSIVO Sono elettori i cittadini iscritti nelle liste elettorali della Regione che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età entro il primo giorno dell elezione (articolo 4, legge 108/1968, come sostituito dall articolo 19, legge 39/1975). Sono eleggibili a Consigliere regionale gli elettori di un qualsiasi comune della Repubblica che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età nel primo giorno fissato per la votazione (articolo 1, legge 154/1981). Elezioni Regionali

11 3. DISCIPLINA DELL ELEZIONE DEL CONSIGLIO E DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE DELLE MARCHE A norma dell articolo 2, comma 1, della legge regionale 1 febbraio 2005, n. 5 (Norme relative alle elezioni regionali dell anno 2005 modifica della legge regionale 16 dicembre 2004, n. 27 Norme per l elezione del Consiglio e del Presidente della Giunta Regionale ) le elezioni regionali dell anno 2005 restano disciplinate dalle disposizioni della legislazione statale vigente (principalmente legge costituzionale 22 novembre 1999, n. 1 e leggi 17 febbraio 1968, n. 108 e 23 febbraio 1995, n. 43) salvo alcune innovazioni espressamente previste dalle lettere a), b) e c) dello stesso comma, relative rispettivamente al decreto di indizione delle elezioni, al numero dei sottoscrittori delle liste elettorali, alla rappresentanza nelle stesse liste di candidati di entrambi i generi. Per effetto di tali disposizioni: l indizione delle elezioni è effettuata con decreto del Presidente della Giunta regionale, che determina il numero dei seggi del Consiglio regionale ed il numero dei seggi assegnati alle circoscrizioni elettorali di Ancona, Ascoli Piceno, Fermo, Macerata, Pesaro e Urbino; il numero dei sottoscrittori delle liste provinciali è sensibilmente ridotto rispetto a quello previsto dalla legislazione statale. In particolare le liste provinciali devono essere presentate: 1) da almeno trecentocinquanta e da non più di settecento elettori iscritti nelle liste elettorali di Comuni compresi nelle circoscrizioni elettorali fino a duecentocinquantamila abitanti; 2) da almeno cinquecento e da non più di mille elettori iscritti nelle liste elettorali di Comuni compresi nelle circoscrizioni elettorali con più di duecentocinquantamila abitanti; è previsto, a pena di inammissibilità, l obbligo di inserire in ogni lista provinciale e regionale candidati di entrambi i generi. Elezioni Regionali

12 4. RIPARTIZIONE DEI SEGGI TRA LE CIRCOSCRIZIONI ELETTORALI Circoscr.ne Popolazione Quoz. reg.le Quoz. interi Resti Seggi Resti + Alti Tot. N. Seggi Assegnati Il numero dei Consiglieri assegnati a ciascuna Regione è a tutt oggi definito dalla legge statale: il Consiglio regionale delle Marche è composto da 40 membri 1. Il territorio di ciascuna regione è ripartito in circoscrizioni elettorali corrispondenti alle rispettive province (articolo 1, quarto comma, legge 108/1968). Al riguardo si ricorda che la legge 11 giugno 2004, n. 147 ha istituito la Provincia di Fermo. La ripartizione si effettua dividendo il numero degli abitanti della Regione per il numero dei seggi del Consiglio, assegnando poi, ad ogni circoscrizione i seggi sulla base dei quozienti interi e dei più alti resti in proporzione alla popolazione di ciascuna circoscrizione (articolo 2, secondo comma, legge 108/1968). Poiché a seguito della legge 43/1995 le elezioni regionali di svolgono con sistema proporzionale con correttivo maggioritario, quattro quinti dei seggi sono divisi tra le circoscrizioni provinciali (n. 32 seggi), mentre un quinto dei Consiglieri assegnati alla Regione (n. 8) è eletto con sistema maggioritario sulla base di liste regionali concorrenti (articolo 1, commi 2 e 3, legge 43/1995). Il Presidente della Giunta Regionale delle Marche con il decreto di indizione delle elezioni (8 febbraio 2005, n. 55), ha assegnato alle circoscrizioni elettorali di Ancona, Ascoli Piceno, Fermo, Macerata, Pesaro e Urbino, rispettivamente dieci, quattro, quattro, sei ed otto seggi determinati secondo le modalità indicate nella seguente tabella: Ancona * 1 10 Ascoli Piceno Fermo * 1 4 Macerata Pesaro * 1 8 Urbino Totale Infatti a norma dell articolo 2, primo comma, legge 108/1968, il Consiglio regionale è composto da 40 membri nelle Regioni con popolazione superiore a 1 milione di abitanti. La popolazione regionale, determinata in base si risultati dell ultimo censimento generale della stessa, riportati dalla più recente pubblicazione ufficiale dell Istituto centrale di statistica (articolo 2, quarto comma, legge 108/1968), è pari a abitanti (censimento 2001). Elezioni Regionali

13 5. PRESENTAZIONE DELLE LISTE 5.1. Presentazione delle liste provinciali Quando Le liste provinciali devono essere presentate dalle ore 8 del trentesimo giorno alle ore 12 del ventinovesimo giorno antecedente la data delle elezioni (articolo 1, comma 2, legge 43/1995 e articolo 9, primo comma, legge 108/1968, come sostituito dall art. 4, legge 271/1991). Dove Alla Cancelleria del Tribunale nella cui giurisdizione è il comune capoluogo di provincia (articolo 1, comma 2, legge 43/1995 e articolo 9, primo comma, legge 108/1968, come sostituito dall art. 4, legge 271/1991). Modalità Le liste provinciali sono presentate: a) da almeno 350 e da non più di 700 elettori iscritti nelle liste elettorali di comuni compresi nelle circoscrizioni elettorali di Ascoli Piceno e di Fermo; b) da almeno 500 e da non più di elettori iscritti nelle liste elettorali di comuni compresi nelle circoscrizioni elettorali di Ancona, Macerata, Pesaro e Urbino. La firma degli elettori, autenticata secondo le disposizioni di legge 2, deve avvenire su apposito modello recante il contrassegno di lista, nome e cognome, luogo e data di nascita dei candidati, nonchè nome e cognome, luogo e data di nascita del sotto- 2 Sono competenti ad eseguire le autenticazioni i notai, i giudici di pace, i cancellieri e collaboratori delle cancellerie delle Corti d appello, dei tribunali e delle preture, i segretari delle procure della Repubblica, i presidenti della provincia, i sindaci, gli assessori comunali e provinciali, i presidenti e i vicepresidenti dei consigli circoscrizionalii segretari comunali e provinciali, i funzionari incaricati dal sindaco e dal presidente della provincia, i consiglieri provinciali e comunali che comunichino la propria disponibilità, rispettivamente, al presidente della provincia e al sindaco (articolo 9, legge 108/1968 e articolo 1, comma 3 e articolo 14, legge 53/1990 e successive modificazioni). I pubblici ufficiali ai quali è espressamente attribuita la competenza ad eseguire le autenticazioni delle firme dei sottoscrittori, possono farlo esclusivamente nel territorio di competenza dell ufficio di cui sono titolari ( Istruzioni per la presentazione e l ammissione delle candidature, Pubblicazione a cura del Ministero dell interno, Direzione generale dell Amministrazione civile, Direzione centrale per i servizi elettorali, 1999, pag. 9). Le autenticazioni sono considerate nulle se anteriori al 180 giorno precedente il termine finale fissato per la presentazione delle candidature. Elezioni Regionali

14 scrittore indicando il comune nelle cui liste l elettore dichiara di essere iscritto (articolo 9, terzo comma, legge108/1968). Nessun elettore può sottoscrivere più di una lista di candidati (articolo 9, quarto comma, legge 108/1968, come sostituito dall art. 3, L. 271/1991). Ciascuna lista deve comprendere un numero di candidati non superiore al numero di Consiglieri da eleggere nel collegio e non inferiore ad un terzo arrotondato all unità superiore (articolo 9, quinto comma, legge 108/1968). Ed inoltre in ogni lista devono essere rappresentati, a pena di inammissibilità, candidati di entrambi i generi (articolo 2, comma 1, lettera c), legge regionale 5/2005). Di tutti i candidati deve essere indicato cognome, nome, luogo e data di nascita e la relativa elencazione deve recare una numerazione progressiva secondo l ordine di presentazione (articolo 9, sesto comma, legge 108/1968). E consentito presentare la propria candidatura in un massimo di tre circoscrizioni, purché sotto lo stesso simbolo (articolo 9, settimo comma, legge 108/1968). Con la lista dei candidati si devono presentare inoltre: 1) i certificati, anche collettivi, dei sindaci dei singoli comuni ai quali appartengono i sottoscrittori della dichiarazione di presentazione della lista, che ne attestino l iscrizione nelle liste elettorali di un comune della circoscrizione; 2) la dichiarazione di accettazione della candidatura di ogni candidato. La candidatura deve essere accettata con dichiarazione firmata ed autenticata secondo le modalità di legge. Inoltre la dichiarazione di accettazione della candidatura deve contenere l esplicita dichiarazione del candidato di non essere in alcuna delle condizioni previste dal comma 1 dell articolo 15, della legge 55/ ; 3) il certificato di iscrizione nelle liste elettorali di un qualsiasi comune della Repubblica di ciascun candidato; 4) il modello di contrassegno anche figurato in triplice esemplare 4 ; 5) la dichiarazione di presentazione della lista dei candidati deve contenere l indicazione di due delegati autorizzati a designare, personalmente o per mezzo di persone da essi autorizzate con dichiarazione autenticata dal notaio, i rappresentanti della lista presso ogni seggio e presso l ufficio centrale circoscrizionale (articolo 1, comma 11, legge 43/1995 e articolo 9, ottavo comma, legge 3 Si tratta di cause di incandidabilità. Sul punto infra par. n L articolo 9, settimo comma, punto 4) della legge 108/1968 prevede che non è ammessa la presentazione di contrassegni identici o confondibili con quelli presentati in precedenza o con quelli notoriamente usati da altri partiti o gruppi politici. Non è ammessa inoltre la presentazione, da parte di chi non ha titolo, di contrassegni riproducenti simboli o elementi caratterizzanti di simboli che, per essere usati tradizionalmente da partiti presenti in Parlamento, possono trarre in errore l elettore. Non è neppure ammessa la presentazione di contrassegni riproducenti immagini o soggetti religiosi. Elezioni Regionali

15 108/1968, come parzialmente modificato dall art. 11, L. 130/75, dall art. 5 L. 271/91 e dall art. 3, L. 16/1992). La presentazione delle liste provinciali dei candidati deve, a pena di nullità, essere accompagnata dalla dichiarazione di collegamento con una delle liste regionali. Tale dichiarazione è efficace solo se convergente con analoga dichiarazione resa dai delegati alla presentazione della lista regionale predetta (articolo 1, comma 8, legge 43/1995). Le liste provinciali e la lista regionale collegata sono contrassegnate dal medesimo simbolo (articolo 1, comma 8, legge 43/1995). Più liste provinciali possono collegarsi alla medesima lista regionale, in tal caso la lista regionale è contrassegnata da un simbolo unico ovvero dai simboli di tutte le liste ad essa collegate (articolo 1, comma 9, legge 43/1995) Presentazione delle liste regionali Quando Le liste regionali devono essere presentate nei medesimi termini di presentazione delle liste provinciali (vedi infra par n. 5.1), (articolo 1, comma 11, Legge 43/95 e articolo 9, primo comma legge 108/68 come sostituito dall art. 4, legge 271/1991). Dove Alla Cancelleria della Corte di Appello di Ancona (articolo 1, comma 3, legge 43/1995). Elezioni Regionali

16 Modalità La presentazione della liste devono essere sottoscritte da non meno di 3500 e da non più di 5000 elettori iscritti nelle liste elettorali dei comuni compresi nella Regione Marche 5. Per la sottoscrizione della lista regionale si seguono le stesse modalità previste per la sottoscrizione delle liste provinciali (vedi infra par. n. 5.1). Nei 20 giorni antecedenti il termine di presentazione delle liste, i Comuni devono assicurare agli elettori la possibilità di sottoscrivere le liste per non meno di 10 ore al giorno dal lunedi al venerdi, 8 ore il sabato e la domenica, svolgendo tale attività anche al di fuori della residenza municipale. Le ore di apertura sono ridotte della metà nei comuni con meno di tremila abitanti (articolo 1, comma 4, legge 43/1995). Nelle Marche la lista regionale deve comprendere non meno di 4 e non più di 8 candidati 6 (articolo 1, commi 5 e 11, legge 43/1995). Ed inoltre in ogni lista devono essere rappresentati, a pena di inammissibilità, candidati di entrambi i generi (articolo 2, comma 1, lettera c), legge regionale 5/2005). Per la documentazione da presentare insieme alla lista regionale si rinvia a quanto previsto per le liste provinciali (vedi infra par. n. 5.1). La presentazione della lista regionale deve essere, a pena di nullità, accompagnata dalla dichiarazione di collegamento con un gruppo di liste provinciali presentate in non meno della metà delle province della regione, quindi per la Regione Marche in non meno di 2 province. Detta dichiarazione è efficace solo se è convergente con analoga dichiarazione resa dai delegati alla presentazione delle liste provinciali interessate (articolo 1, comma 3, legge 43/1995). 5 Infatti ai sensi del combinato disposto di cui all articolo 1, comma 3, legge 43/1995 e all articolo 9, comma 6, primo periodo, d.lgs. 533/1993 la presentazione deve essere sottoscritta da almeno 3500 e da non più di 5000 e- lettori iscritti nelle liste elettorali di comuni compresi nelle Regioni con più di di abitanti. 6 A norma dell art. 1, comma 5, legge 43/1995 infatti, ogni lista regionale comprende un numero di candidate e candidati non inferiore alla metà dei candidati da eleggere nella lista regionale. L art. 1, comma 11, legge 43/1995, rinvia altresi, alla disposizione prevista dall articolo 9, quinto comma, legge 108/1968 secondo la quale ciascuna lista non puo comprendere un numero di candidati superiori a quello dei Consiglieri da eleggere. Elezioni Regionali

17 6. INCANDIDABILITÀ, INELEGGIBILITÀ E INCOMPATIBILITÀ 6.1. Incandidabilità Per cause di incandidabilità si intendono tutte quelle speciali situazioni che inibiscono ad un soggetto di proporsi all elettorato attivo. A) Incandidabilità alla carica di Consigliere regionale ex articolo 7, primo comma, legge 154/1981 CAUSA DI INCANDIDABILITÀ 1.Nessuno può presentarsi come candidato in più di due Regioni, quando le elezioni si svolgono nella stessa data. 2. I Consiglieri regionali in carica non possono candidarsi alla medesima carica in altro Consiglio regionale. OPZIONE Il candidato che sia eletto contemporaneamente Consigliere in due Regioni deve optare per una delle due cariche entro cinque giorni dall'ultima deliberazione di convalida. In caso di mancata opzione rimane eletto nel Consiglio della Regione in cui ha riportato il maggior numero di voti in percentuale rispetto al numero dei votanti ed è surrogato nell'altro Consiglio (articolo 7, secondo comma, legge 154/1981). B) Incandidabilità alla carica di Consigliere regionale ex articolo 15, comma 1, legge 55/1990 e successive modificazioni 7 Non possono essere candidati alle elezioni regionali e non possono comunque ricoprire le cariche di Presidente della Giunta regionale, Assessore e Consigliere regionale: 1) coloro che hanno riportato condanna definitiva 8 per il delitto previsto dall articolo 416 bis c.p. (associazioni di tipo mafioso), per il delitto di associazione finalizzato al traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope di cui all articolo 74 t.u. approvato con d.p.r. 309/1990, oppure per un delitto di cui all articolo 73 del citato 7 Modificata da ultimo dalla legge , n. 475 (Modifiche all articolo 15 della legge 19 marzo 1990, n. 55, e successive modificazioni). 8 Una sentenza diviene definitiva quando non è più impugnabile per decorrenza dei termini o perché esperiti tutti i possibili gradi di ricorso giurisdizionale. La formulazione dell articolo 15, comma 1, legge 55/1990 prevedeva l incandidabilità per coloro che hanno riportato condanna anche non definitiva. Con sentenza della Corte Costituzionale del 23 aprile 1996, n. 141 è stata dichiarata l illegittimità costituzionale di tale comma nella parte in cui prevede la non candidabilità per i delitti indicati con sentenza non ancora passata in giudicato. Elezioni Regionali

18 t.u. concernente la produzione o il traffico di dette sostanze, per un delitto concernente la fabbricazione, l importazione, l esportazione, la vendita o cessione, l uso o il trasporto di armi, munizioni o materie esplodenti o per il delitto di favoreggiamento personale o reale commesso in relazione a taluno dei predetti reati; 2) coloro che hanno riportato condanna definitiva per i delitti previsti dal codice penale: articolo 314 (peculato); articolo 316 (peculato mediante profitto dell errore altrui); articolo 316 bis (malversazione a danno dello Stato); articolo 317 (concussione); articolo 318 (corruzione per atto d ufficio); articolo 319 (corruzione per un atto contrario ai doveri d ufficio); articolo 319 ter (corruzione in atti giudiziari); articolo 320 (corruzione di persona incaricata di un pubblico servizio); 3) coloro che sono stati condannati con sentenza definitiva, confermata in appello, per un delitto commesso con abuso dei poteri o con violazione dei doveri inerenti ad una pubblica funzione o ad un pubblico servizio diverso da quelli indicati al punto 2); 4) coloro che sono stati condannati per lo stesso fatto con sentenza definitiva, confermata in appello, ad una pena non inferiore a due anni di reclusione per delitto non colposo; 5) coloro nei cui confronti il Tribunale ha applicato, con provvedimento definitivo, una misura di prevenzione definitiva 9 in quanto indiziati di appartenere ad una delle associazioni di cui all articolo 1 della legge 575/ , comma sostituito dall articolo 13 della legge 646/1982. N.B. L eventuale elezione di coloro che si trovano in una condizione di incandidabilità di cui al comma 1 dell articolo 15, legge 55/1990 è nulla (articolo 15, comma 4, legge 55/1990). Se alcune delle condizioni di cui al comma 1 dell articolo 15 su citato sopravvengono dopo l elezione, comportano la sospensione di diritto dalla carica (articolo 15, 9 Comma così modificato dall art. 1, comma 1, legge n. 475 del L articolo 1 della legge 575/1965 su Disposizioni contro la mafia, prevede che la presente legge si applica agli indiziati di appartenere ad associazioni di tipo mafioso, alla camorra o ad altre associazioni comunque localmente denominate che perseguono finalità o agiscono con metodi corrispondenti a quelli delle associazioni di tipo mafioso. Elezioni Regionali

19 comma 4 bis, legge 55/1990). Soltanto dalla data di passaggio in giudicato della sentenza o dalla data in cui diviene definitivo il provvedimento che applica la misura di prevenzione, l eletto decade dalla carica (articolo 15, comma 4 quinquies, legge 55/1990) 11. Le disposizioni previste per l incandidabilità di cui all articolo 15 della legge 55/1990 non si applicano nei confronti di chi è stato condannato con sentenza passata in giudicato o di chi è stato sottoposto a misura di prevenzione con provvedimento definitivo se è concessa la riabilitazione 12 (articolo 15, comma 4 sexies, legge 55/1990). Per tutti gli effetti disciplinati dall art. 15 della legge n. 55/1999 la sentenza prevista dall art. 444 c.p.p. è equiparata a condanna Ineleggibilità L ineleggibilità è una condizione del cittadino eletto che rende nulla l avvenuta elezione e si verifica quando concorrono cause che rendano il soggetto inidoneo all assunzione della carica. L articolo 122 della Costituzione 14 prevede che le cause di ineleggibilità siano stabilite con legge della Repubblica. A) Ineleggibilità alla carica di Consigliere regionale ex articolo 2, primo comma, legge 154/1981 CAUSA DI INELEGGIBILITÀ Non sono eleggibili a Consigliere regionale: 1. Il Capo della Polizia, i Vice Capi della Polizia, gli Ispettori generali di Pubblica sicurezza che RIMOZIONE Queste cause di ineleggibilità non hanno effetto se l interessato cessa dalle funzioni per: dimissioni; 11 Sul punto vedi infra par. n La riabilitazione è prevista dall articolo 178 c.p. e dall articolo 15 della legge 3 agosto 1988, n Con essa si procede all estinzione delle pene accessorie e di ogni altro effetto penale della condanna una volta che sia decorso un certo termine dall estinzione della pena principale. 13 Modifica introdotta dall art. 1, comma 2 della legge 13 dicembre 1999, n. 475 (modifiche all art. 15 della legge 19 marzo 1990, n. 55 e successive modificazioni). 14 L articolo è stato modificato dall articolo 2 della legge costituzionale n. 1 del 22 novembre Elezioni Regionali

20 CAUSA DI INELEGGIBILITÀ prestano servizio presso il Ministero dell interno; i dipendenti civili dello Stato che svolgono le funzioni di Direttore generale o equiparate o superiori e i Capi di Gabinetto dei Ministri; 2. i Commissari di Governo, i Prefetti della Repubblica, i Vice Prefetti e i funzionari di pubblica sicurezza nel territorio nel quale esercitano le loro funzioni; RIMOZIONE trasferimento; revoca dell incarico o del comando; collocamento in aspettativa non oltre il giorno fissato per la presentazione delle candidature gli ufficiali generali, gli ammiragli e gli ufficiali superiori delle forze armate dello Stato nel territorio nel quale esercitano il comando; 4. gli ecclesiastici ed i Ministri di culto che hanno giurisdizione e cura di anime e coloro che ne fanno ordinariamente le veci nel territorio nel quale esercitano il loro ufficio; 5. i titolari di organi individuali ed i componenti di organi collegiali che esercitano potere di controllo istituzionale sull amministrazione della Regione, nonché i dipendenti che dirigono e coordinano i rispettivi uffici; 15 Così l articolo 2, secondo comma, della legge 154/1981. Elezioni Regionali

D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 (1). (commento di giurisprudenza) Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali.

D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 (1). (commento di giurisprudenza) Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali. Page 1 of 9 Leggi d'italia D.Lgs. 18-8-2000 n. 267 Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali. Pubblicato nella Gazz. Uff. 28 settembre 2000, n. 227, S.O. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

SCADENZARIO DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI IN VISTA DELLE ELEZIONI COMUNALI DEL 31 MAGGIO 2015

SCADENZARIO DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI IN VISTA DELLE ELEZIONI COMUNALI DEL 31 MAGGIO 2015 SCADENZARIO DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI IN VISTA DELLE ELEZIONI COMUNALI DEL 31 MAGGIO Giorni rispetto alla votazione Entro il 55 giorno Entro il 45 giorno Dalla data di convocazione dei comizi elettorali

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO

ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO La par condicio e le altre norme sulla campagna elettorale 13 aprile 2015 2 INDICE Le spese elettorali dei candidati 3 La par

Dettagli

REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE Elezione del Presidente della Giunta Regionale e del Consiglio regionale. Calendario delle operazioni elettorali

REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE Elezione del Presidente della Giunta Regionale e del Consiglio regionale. Calendario delle operazioni elettorali REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE Elezione del Presidente della Giunta Regionale e del Consiglio regionale Calendario delle operazioni elettorali 25 maggio 2014 La presente pubblicazione contiene le scadenze

Dettagli

D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ).

D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ). D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ). Art. 1 Il Consiglio regionale per la Sardegna è eletto a suffragio universale con voto diretto,

Dettagli

AREA II BIS RACCORDO ENTI LOCALI E CONSULTAZIONI ELETTORALI. TELEFAX URGENTISSIMO Roma, 10 febbraio 2010

AREA II BIS RACCORDO ENTI LOCALI E CONSULTAZIONI ELETTORALI. TELEFAX URGENTISSIMO Roma, 10 febbraio 2010 TELEFAX URGENTISSIMO Roma, 10 febbraio 2010 AL SIG. PRESIDENTE DELL UFFICIO CENTRALE ELETTORALE CIRCOSCRIZIONALE presso IL TRIBUNALE DI AL SIG. PRESIDENTE DELL UFFICIO CENTRALE REGIONALE presso LA CORTE

Dettagli

E m i l i a - R o m a g n a. Il Consiglio Regionale. Direzione generale. Vademecum. per le elezioni regionali

E m i l i a - R o m a g n a. Il Consiglio Regionale. Direzione generale. Vademecum. per le elezioni regionali E m i l i a - R o m a g n a Il Consiglio Regionale Direzione generale Vademecum per le elezioni regionali gennaio 2005 3 indice Le tappe verso le elezioni pag. 5 La presentazione delle liste 7 Le spese

Dettagli

PREFETTURA DI MILANO Ufficio Elettorale

PREFETTURA DI MILANO Ufficio Elettorale PROT. N. 532/2008 AREA II BIS ELETTORALE 18 febbraio 2008 AI SIGG.RI SINDACI dei Comuni della provincia di MILANO AI SIGG.RI SINDACI dei Comuni della provincia di MONZA E DELLA BRIANZA ALLA SIG. QUESTORE

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI 25 MAGGIO 2014 VADEMECUM

ELEZIONI REGIONALI 25 MAGGIO 2014 VADEMECUM Direzione Processo Legislativo Settore Studi, Documentazione e Supporto Giuridico Legale ELEZIONI REGIONALI 25 MAGGIO 2014 VADEMECUM Direzione Processo Legislativo Silvia Bertini Settore Studi, documentazione

Dettagli

Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Sondrio Prot. n. 575 /2013/EL Sondrio, 8 gennaio 2013

Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Sondrio Prot. n. 575 /2013/EL Sondrio, 8 gennaio 2013 Prot. n. 575 /2013/EL Sondrio, 8 gennaio 2013 Pubblicata sull area riservata SIGNORI SINDACI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI SIGNORI SEGRETARI COMUNALI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI OGGETTO:

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI CIRCOLARE URGENTISSIMA N. 2 / 2013 Roma, 04/01/2012 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

Dettagli

Prefettura di Cagliari Ufficio territoriale del Governo

Prefettura di Cagliari Ufficio territoriale del Governo Area II - Raccordo con gli enti locali e consultazioni elettorali Ufficio Elettorale Provinciale Prot. n. 13187/Area II - C.E. Cagliari, 18 febbraio 2008 Circ 3 - CE ex Min. 9/08 Ai Sigg. Sindaci e Segretari

Dettagli

PREFETTURA Ufficio territoriale del Governo di Milano Ufficio Elettorale

PREFETTURA Ufficio territoriale del Governo di Milano Ufficio Elettorale AREA II bis Consultazioni elettorali Trasmissione via pec Milano, data del protocollo Ufficio elettorale circoscrizionale c/o la Corte d Appello di Ufficio elettorale provinciale c/o il Tribunale di MONZA

Dettagli

Prot. 2014004149 Area II/Elett. Torino, 11 aprile 2014. Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Regionale presso la Corte d Appello di TORINO

Prot. 2014004149 Area II/Elett. Torino, 11 aprile 2014. Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Regionale presso la Corte d Appello di TORINO Prot. 2014004149 Area II/Elett. Torino, 11 aprile 2014 Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Regionale presso la Corte d Appello di Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Circoscrizionale presso il

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI CIRCOLARE N. 17 / 2014 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA Al COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA SERVIZI DI PREFETTURA LORO SEDI TRENTO E BOLZANO

Dettagli

Prot. n. 10027/2011 Area II Prefettura di Varese Varese, 28 marzo 2011 Circolare n. 32 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDI Al Sig. Commissario Straordinario del Comune di MALNATE e, p.c.

Dettagli

ELEZIONI COMUNALI 31 maggio 2015

ELEZIONI COMUNALI 31 maggio 2015 ELEZIONI COMUNALI 31 maggio 2015 Vademecum della disciplina sulla par condicio e sull emissione dei MAG per le Radio e le Tv locali durante il periodo della campagna elettorale per le elezioni comunali

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA NOMINA DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI DEL COMUNE DI VELLETRI (RM)

AVVISO PUBBLICO PER LA NOMINA DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI DEL COMUNE DI VELLETRI (RM) AVVISO PUBBLICO PER LA NOMINA DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI DEL COMUNE DI VELLETRI (RM) IL DIRIGENTE DEL II SETTORE PREMESSO CHE l Organo di Revisione dell Ente cessa dal proprio incarico il 14 novembre

Dettagli

Prefettura di Pistoia Ufficio territoriale del Governo di Pistoia

Prefettura di Pistoia Ufficio territoriale del Governo di Pistoia Prefettura di Pistoia Ufficio territoriale del Governo di Pistoia AREA II raccordo con gli enti locali, consultazioni elettorali Pistoia 7 aprile 2014 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDE

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

Prot. n. 13881/2016 Area II Prefettura di Varese Varese, 2 maggio 2016 Ai Sigg. Segretari dei partiti e movimenti politici della provincia LORO SEDI OGGETTO: Elezioni comunali di domenica 5 giugno 2016

Dettagli

Circolare n. 14 / 2015 Roma, 20 aprile 2015

Circolare n. 14 / 2015 Roma, 20 aprile 2015 Circolare n. 14 / 2015 Roma, 20 aprile 2015 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA LORO SEDI e, per conoscenza: AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

Dettagli

Incandidabilita'? Per le condanne fino a due anni (quasi) tutto regolare Ipsoa.it

Incandidabilita'? Per le condanne fino a due anni (quasi) tutto regolare Ipsoa.it Incandidabilita'? Per le condanne fino a due anni (quasi) tutto regolare Ipsoa.it Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Testo unico delle disposizioni in materia di incandidabilita' e di divieto di ricoprire

Dettagli

Prefettura di Perugia

Prefettura di Perugia Rispondere a: elettorale.prefpg@pec.interno.it Perugia, 8 aprile 2014 - Ai Signori Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDI - Al Signor Commissario Straordinario del Comune di CANNARA GUALDO TADINO

Dettagli

Scadenziario SCADENZIARIO ELETTORALE ELEZIONI 2013. ENTRO GIOVEDI 10 gennaio Tra il 70 ed il 45 giorno precedente quello della votazione

Scadenziario SCADENZIARIO ELETTORALE ELEZIONI 2013. ENTRO GIOVEDI 10 gennaio Tra il 70 ed il 45 giorno precedente quello della votazione SCADENZIARIO ELETTORALE ELEZIONI 2013 ENTRO GIOVEDI 10 gennaio Tra il 70 ed il 45 giorno precedente quello della votazione Termine entro il quale il Presidente della Repubblica, su deliberazione del Consiglio

Dettagli

Prefettura di Ferrara Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Ferrara Ufficio Territoriale del Governo Prefettura di Ferrara Ufficio Territoriale del Governo AREA II RACCORDO CON GLI ENTI LOCALI E CONSULTAZIONI ELETTORALI Prot. n. 9329/2014 Ferrara, 9 aprile 2014 Ai Signori Sindaci, Segretari comunali e

Dettagli

REGIONE SICILIANA. Servizio Elettorale

REGIONE SICILIANA. Servizio Elettorale REGIONE SICILIANA Servizio Elettorale PUBBLICAZIONE N. 1 R/bis CALENDARIO DELLE OPERAZIONI PREPARATORIE PER L ELEZIONE DIRETTA DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE E DELL ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA DI DOMENICA

Dettagli

Libertà di espressione e libertà politiche. Lezione n.6

Libertà di espressione e libertà politiche. Lezione n.6 Libertà di espressione e libertà politiche Lezione n.6 Libertà di espressione dei membri del parlamento Parità di accesso ai mezzi di informazione Privacy e campagna elettorale articolo 68 Costituzione

Dettagli

APPENDICE N. 1 PROPAGANDA ELETTORALE

APPENDICE N. 1 PROPAGANDA ELETTORALE APPENDICE N. 1 PROPAGANDA ELETTORALE La materia propaganda elettorale è disciplinata, anche per l elezione del Presidente della Provincia e del Consiglio provinciale di Trento, dalle seguenti fonti normative:

Dettagli

Prot. n. 12275/2015 Area II Varese, 21 aprile 2015 Ai Sigg. Segretari dei partiti e movimenti politici della provincia LORO SEDI OGGETTO: Elezioni comunali di domenica 31 maggio 2015 ed eventuale turno

Dettagli

Prot. n. 11255/2009 Area II Prefettura di Varese Varese, 17 aprile 2009 Circolare n. 53 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDI Al Sig. Commissario del Comune di UBOLDO Al Sig. Commissario

Dettagli

ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA

ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA ARGOMENTI 1. Fonti normative 2. Composizione della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica 3. Assegnazione dei seggi alle circoscrizioni

Dettagli

ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA

ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA Fonti normative Costituzione della Repubblica italiana D.P.R. 30 marzo 1957, n. 361 Approvazione del testo unico delle leggi recanti norme

Dettagli

INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI ELEZIONI COMUNALI DEL 26 E 27 MAGGIO 2013 PRINCIPALI SCADENZE ED ADEMPIMENTI

INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI ELEZIONI COMUNALI DEL 26 E 27 MAGGIO 2013 PRINCIPALI SCADENZE ED ADEMPIMENTI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI Anno 1 - Supplemento al n. 17 mese di Aprile 2013. Reg. Tribunale di Milano n. 51 del 1 marzo 2013 Editore : Co.Nord - Piazzale Risorgimento, n 14-24128 BERGAMO

Dettagli

CITTA DI ERACLEA. Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale DELIBERAZIONE N. 24 DEL03/06/2011

CITTA DI ERACLEA. Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale DELIBERAZIONE N. 24 DEL03/06/2011 CITTA DI ERACLEA Provincia di Venezia ORIGINALE Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale DELIBERAZIONE N. 24 DEL03/06/2011 OGGETTO: CONVALIDA DEGLI ELETTI ALLA CARICA DI SINDACO E DI CONSIGLIERE

Dettagli

CALENDARIO ELETTORALE

CALENDARIO ELETTORALE ELEZIONI DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA E DEL CONSIGLIO REGIONALE di domenica 31 maggio 2015 CALENDARIO ELETTORALE Questa pubblicazione contiene il calendario delle operazioni relative all elezione del Presidente

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità 1) Il Consiglio comunale dei Giovani di San Polo dei Cavalieri è un organo democratico di rappresentanza

Dettagli

Prefettura di Grosseto Ufficio Territoriale del Governo Area II Raccordo Enti Locali ed Ufficio Elettorale

Prefettura di Grosseto Ufficio Territoriale del Governo Area II Raccordo Enti Locali ed Ufficio Elettorale Prot. U. 14054 del 10.1.2014 Prefettura di, data del protocollo Presidente dell Ufficio Elettorale Circoscrizionale presso la Corte d Appello di Roma Presidente dell Amministrazione Provinciale di Sindaci

Dettagli

E M A N A il seguente decreto legislativo:

E M A N A il seguente decreto legislativo: 6. La sentenza è depositata nella segreteria della Commissione tributaria provinciale entro quindici giorni dalla lettura del dispositivo. Il segretario fa risultare l avvenuto deposito apponendo sulla

Dettagli

PROPAGANDA ELETTORALE

PROPAGANDA ELETTORALE Comune di Rosignano Marittimo Provincia di Livorno ELEZIONI REGIONALI 2015 PROPAGANDA ELETTORALE a cura del Settore Supporto Istituzionale e Comunicazione PREMESSA Le presenti istruzioni costituiscono

Dettagli

Prefettura di Perugia Ufficio territoriale del Governo

Prefettura di Perugia Ufficio territoriale del Governo Prefettura Perugiia Prot Uscita del 23104!.2015 Numero: 0024540 Classifica: 033.10 f.lf( IIJ JIJI II ~IIHI!I Jlt l J ~ Perugia 23 aprile 2015 - Ai Signori Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDI -

Dettagli

ELEZIONI COMUNALI 2014 LE SPESE ELETTORALI

ELEZIONI COMUNALI 2014 LE SPESE ELETTORALI Vademecum per le elezioni del 25 maggio 7 aprile 2014 2 Fonti normative Le leggi che storicamente regolano le questioni relative alle spese elettorali e alla loro rendicontazione per le elezioni comunali

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA CAMPAGNA ELETTORALE E SUI FINANZIAMENTI A PARTITI E CANDIDATI

DISPOSIZIONI SULLA CAMPAGNA ELETTORALE E SUI FINANZIAMENTI A PARTITI E CANDIDATI DISPOSIZIONI SULLA CAMPAGNA ELETTORALE E SUI FINANZIAMENTI A PARTITI E CANDIDATI L. 4 APRILE 1956, N. 212 Norme per la disciplina della propaganda elettorale ART. 1 L affissione di stampati, giornali

Dettagli

MODIFICHE AL NUMERO DEI CONSIGLIERI E DEGLI ASSESSORI E DELLE

MODIFICHE AL NUMERO DEI CONSIGLIERI E DEGLI ASSESSORI E DELLE NOTA INFORMATIVA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 25 MAGGIO 2014 Aprile 2014 PREMESSA Le prossime elezioni amministrative, fissate per il 25 maggio, segneranno il rinnovo di 4106 amministrazioni comunali.

Dettagli

Area Il bis" Raccordo con gli Enti Locali e Consultazioni Elettorali" Prot.n.32922/2015 Salerno, 20 aprile 2015

Area Il bis Raccordo con gli Enti Locali e Consultazioni Elettorali Prot.n.32922/2015 Salerno, 20 aprile 2015 Area Il bis" Raccordo con gli Enti Locali e Consultazioni Elettorali" Prot.n.32922/2015 Salerno, 20 aprile 2015 Ai Sigg. Sindaci e Commissari Straordinari Ai Sigg. Segretari Comunali Ai Responsabili degli

Dettagli

Delibera n. 42/08/CSP

Delibera n. 42/08/CSP Delibera n. 42/08/CSP 1 di 8 Delibera n. 42/08/CSP Comunicazione politica e parità di accesso ai mezzi di informazione Disposizioni di attuazione della disciplina in materia di comunicazione politica e

Dettagli

COMUNE DI GRAFFIGNANO

COMUNE DI GRAFFIGNANO COMUNE DI GRAFFIGNANO ADEMPIMENTI IN MATERIA DI PROPAGANDA ELETTORALE In vista delle consultazioni elettorali indicate in oggetto, si richiamano di seguito i principali adempimenti prescritti dalla normativa

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI 2010. Vademecum

ELEZIONI REGIONALI 2010. Vademecum Consiglio Regionale della Basilicata QUADERNI DI STUDIO ELEZIONI REGIONALI 2010 Vademecum FEBBRAIO 2010 Consiglio Regionale della Basilicata Direzione Generale Controllo di Gestione QUADERNI DI STUDIO

Dettagli

Legge 22 febbraio 2000, n. 28 (G.U. n. 43 del 22.02. 2000)

Legge 22 febbraio 2000, n. 28 (G.U. n. 43 del 22.02. 2000) Legge 22 febbraio 2000, n. 28 (G.U. n. 43 del 22.02. 2000) Disposizioni per la parità di accesso ai mezzi di informazione durante le campagne elettorali e referendarie e per la comunicazione politica Art.

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale dei Servizi Elettorali

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Roma, 9 ottobre 2014 AI PREFETTI DELLE PROVINCE DI BOLOGNA FERRARA FORLI -CESENA MODENA PARMA PIACENZA RAVENNA REGGIO EMILIA RIMINI CATANZARO COSENZA CROTONE REGGIO DI CALABRIA VIBO VALENTIA e, per conoscenza,

Dettagli

COMUNE DI TRIGGIANO VERBALE RELATIVO AGLI ACCORDI PER LA PROPAGANDA ELETTORALE IN OCCASIONE DELLE ELEZIONI REGIONALI DEL 31 MAGGIO 2015.

COMUNE DI TRIGGIANO VERBALE RELATIVO AGLI ACCORDI PER LA PROPAGANDA ELETTORALE IN OCCASIONE DELLE ELEZIONI REGIONALI DEL 31 MAGGIO 2015. COMUNE DI TRIGGIANO VERBALE RELATIVO AGLI ACCORDI PER LA PROPAGANDA ELETTORALE IN OCCASIONE DELLE ELEZIONI REGIONALI DEL 31 MAGGIO 2015. L anno duemilaquindici il giorno tredici del mese di maggio alle

Dettagli

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 LE LEGGI ELETTORALI Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 Introduce sul modello francese il consiglio come assemblea rappresentativa. Regno Subalpino Regno di Sardegna Legge

Dettagli

Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali. Direzione Centrale dei Servizi Elettorali

Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali. Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Dipartimento per gli affari Interni e Territoriali - Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Elezione dei

Dettagli

Regione Puglia. Guida alle Elezioni Regionali 2010. A cura della Direzione dell Area Presidenza e Relazioni Istituzionali

Regione Puglia. Guida alle Elezioni Regionali 2010. A cura della Direzione dell Area Presidenza e Relazioni Istituzionali Regione Puglia Guida alle Elezioni Regionali A cura della Direzione dell Area Presidenza e Relazioni Istituzionali Premessa Con l approssimarsi delle elezioni regionali si ritiene utile fornire, a tutti

Dettagli

CAMPAGNA ELETTORALE NORMATIVA E MEZZI DI PROPAGANDA

CAMPAGNA ELETTORALE NORMATIVA E MEZZI DI PROPAGANDA CAMPAGNA ELETTORALE NORMATIVA E MEZZI DI PROPAGANDA INDICE LE NORME GENERALI PAG 3 I MANIFESTI PAG 4 FORMAT DEI MANIFESTI PAG 4 LE INSERZIONI STAMPA PAG 4 LA PROPAGANDA MOBILE PAG 4 DISTRIBUZIONE E MAILING

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

DOMENICA 31 MAGGIO 2015 SCADENZARIO

DOMENICA 31 MAGGIO 2015 SCADENZARIO ELEZIONI REGIONALI E COMUNALI DOMENICA 3 MAGGIO 205 EVENTUALE TURNO DI BALLOTTAGGIO PER L ELEZIONE DIRETTA DEI SINDACI - DOMENICA GIUGNO 205 RIO DEGLI DEGLI UFFICI ELETTORALI COMUNALI E ALTRE SCADENZE

Dettagli

C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 POLIZIA LOCALE

C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 POLIZIA LOCALE C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 POLIZIA LOCALE Tel. 011 9084060 Fax 011 9048763 E-mail: poliziamunicipale@comune.bruino.to.it OGGETTO: VERBALE ASSEMBLEA Il giorno 26 aprile

Dettagli

Manuale elettorale CAMERA DEI DEPUTATI. Le norme per le elezioni politiche. SERVIZIO STUDI 4 febbraio 2013

Manuale elettorale CAMERA DEI DEPUTATI. Le norme per le elezioni politiche. SERVIZIO STUDI 4 febbraio 2013 Manuale elettorale Le norme per le elezioni politiche SERVIZIO STUDI 4 febbraio 2013 CAMERA DEI DEPUTATI MANUALE ELETTORALE Le norme per le elezioni politiche CAMERA DEI DEPUTATI SERVIZIO STUDI 4 FEBBRAIO

Dettagli

Comunicato del Presidente del Consiglio regionale Commissione di garanzia: elezione di 1 membro in sostituzione del signor Mario Santoro.

Comunicato del Presidente del Consiglio regionale Commissione di garanzia: elezione di 1 membro in sostituzione del signor Mario Santoro. REGIONE PIEMONTE BU48 03/12/2015 Comunicato del Presidente del Consiglio regionale Commissione di garanzia: elezione di 1 membro in sostituzione del signor Mario Santoro. Con deliberazione del Consiglio

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI 2015

ELEZIONI REGIONALI 2015 CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA ELEZIONI REGIONALI 2015 ELEZIONI REGIONALI 2015 V A D E M E C U M CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA ELEZIONI REGIONALI 2015 V A D E M E C U M CONSIGLIO REGIONALE DELLA

Dettagli

Manuale elettorale. Le norme per le elezioni politiche CAMERA DEI DEPUTATI. SERVIZIO STUDI 9 gennaio 2013

Manuale elettorale. Le norme per le elezioni politiche CAMERA DEI DEPUTATI. SERVIZIO STUDI 9 gennaio 2013 Manuale elettorale Le norme per le elezioni politiche SERVIZIO STUDI 9 gennaio 2013 CAMERA DEI DEPUTATI MANUALE ELETTORALE Le norme per le elezioni politiche CAMERA DEI DEPUTATI SERVIZIO STUDI 9 GENNAIO

Dettagli

COMUNE DI TORITTO Provincia di Bari SETTORE DEMOGRAFICO CULTURALE

COMUNE DI TORITTO Provincia di Bari SETTORE DEMOGRAFICO CULTURALE COMUNE DI TORITTO Provincia di Bari SETTORE DEMOGRAFICO CULTURALE TESTO INTEGRALE DELL ACCORDO Addì 13 del mese di maggio dell anno 2015, alle ore 10:00, si è tenuta, presso l Ufficio del Sindaco, la riunione

Dettagli

SCADENZIARIO DELLE PRINCIPALI OPERAZIONI PER LE ELEZIONI REGIONALI E COMUNALI. del 31 maggio 2015

SCADENZIARIO DELLE PRINCIPALI OPERAZIONI PER LE ELEZIONI REGIONALI E COMUNALI. del 31 maggio 2015 ... MARZO (giorno di pubblicazione del decreto)... MARZO (5 giorno successivo alla data di pubblicazione del decreto) Domenica 5 APRILE ( 56 giorno precedente la data delle votazioni) Da Lunedì 6 APRILE

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 6 maggio 2015, n. 52. Disposizioni in materia di elezione della Camera dei deputati. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE

Dettagli

DELIBERA N. 58/04/CSP

DELIBERA N. 58/04/CSP DELIBERA N. DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI COMUNICAZIONE POLITICA E DI PARITA' DI ACCESSO AI MEZZI DI INFORMAZIONE RELATIVE ALLA CAMPAGNA PER L ELEZIONE DEI RAPPRESENTANTI ITALIANI

Dettagli

oggetto: elezioni amministrative 2013. Regime delle spese di propaganda.

oggetto: elezioni amministrative 2013. Regime delle spese di propaganda. Prot. n. 7441/1.5.2 Circolare n. 4 bis/el A lista d inoltro Udine, 6 marzo 2013 TRASMESSA VIA MAIL e VIA PEC oggetto: elezioni amministrative 2013. Regime delle spese di propaganda. In vista delle elezioni

Dettagli

A lista d inoltro. Circolare n. 6/EL. Udine, 10 aprile 2014

A lista d inoltro. Circolare n. 6/EL. Udine, 10 aprile 2014 Circolare n. 6/EL A lista d inoltro Udine, 10 aprile 2014 TRASMESSA VIA PEC E E-MAIL oggetto: elezioni comunali 2014. Disciplina della propaganda elettorale. Utilizzo dei locali comunali per i partiti

Dettagli

COMUNE DI BAGOLINO Provincia di Brescia UFFICIO COMMERCIO

COMUNE DI BAGOLINO Provincia di Brescia UFFICIO COMMERCIO COMUNE DI BAGOLINO Provincia di Brescia UFFICIO COMMERCIO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI PER L ASSEGNAZIONE DI N. 3 AUTORIZZAZIONI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE MEDIANTE

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 27 marzo 2009 LEGGE ELETTORALE IL CONSIGLIO REGIONALE. Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA

LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 27 marzo 2009 LEGGE ELETTORALE IL CONSIGLIO REGIONALE. Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 27 marzo 2009 LEGGE ELETTORALE IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA La seguente legge: Art. 1 Principi 1. Il Presidente della Giunta

Dettagli

Scadenza di presentazione delle candidature: 23 febbraio 2015

Scadenza di presentazione delle candidature: 23 febbraio 2015 REGIONE PIEMONTE BU3S1 22/01/2015 Comunicato della Commissione consultiva per le Nomine Integrazione dell elenco delle nomine, designazioni, proposte di nomina e conferme da effettuarsi nel primo semestre

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. ORDINE NEI CONFRONTI DEL COMUNE DI BERCETO PER LA VIOLAZIONE DELL ARTICOLO 9 DELLA LEGGE 22 FEBBRAIO 2000, N. 28 L AUTORITÀ NELLA riunione di Consiglio

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Supplemento - Martedì 12 giugno 2012

BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Supplemento - Martedì 12 giugno 2012 Anno XLII N. 144 Iscritto nel registro Stampa del Tribunale di Milano (n. 656 del 21 dicembre 2010) Proprietario: Giunta Regionale della Lombardia Sede Direzione e redazione: p.zza Città di Lombardia,

Dettagli

DELIBERA N. 244/13/CONS

DELIBERA N. 244/13/CONS DELIBERA N. ORDINE NEI CONFRONTI DELLA SOCIETÀ SVILUPPO EDITORIA CALABRIA S.R.L. (QUOTIDIANO ON LINE IL CORRIERE DELLA CALABRIA ) PER LA VIOLAZIONE DELLA LEGGE 22 FEBBRAIO 2000, N. 28 E DELLE DISPOSIZIONI

Dettagli

PILLOLE DI PAR CONDICIO

PILLOLE DI PAR CONDICIO PILLOLE DI PAR CONDICIO PROGRAMMI DI INFORMAZIONE I telegiornali, i giornali radio, i notiziari e ogni altro programma di contenuto informativo a rilevante presentazione giornalistica devono garantire

Dettagli

PREFETTURA Ufficio territoriale del Governo di Milano Ufficio Elettorale

PREFETTURA Ufficio territoriale del Governo di Milano Ufficio Elettorale AREA II bis Consultazioni elettorali Trasmissione via e-mail Milano, data del protocollo Ai Sigg.ri Sindaci dei Comuni della Provincia di Milano LORO SEDI Al Sigg.ri Vicesindaci dei Comuni di PERO e ROZZANO

Dettagli

Il Consiglio Regionale ha approvato. Il Commissario del Governo ha apposto il visto. Il Presidente della Giunta Regionale promulga la seguente legge:

Il Consiglio Regionale ha approvato. Il Commissario del Governo ha apposto il visto. Il Presidente della Giunta Regionale promulga la seguente legge: Legge Regione Campania n. 11 del 28/02/1987 (pubblicata sul BURC n. 14bis del 17/03/87) Norme per la tenuta degli Albi delle Imprese Artigiane e disciplina delle Commissioni Provinciali e Regionale per

Dettagli

(Delibera approvata nella seduta del 29 luglio 2003)

(Delibera approvata nella seduta del 29 luglio 2003) Disposizioni in materia di comunicazione politica, messaggi autogestiti, informazione e tribune della concessionaria del servizio radiotelevisivo, ai sensi della legge 22 febbraio 2000, n. 28, relative

Dettagli

TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI SULLA COMPOSIZIONE ED ELEZIONE DEGLI ORGANI DELLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI

TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI SULLA COMPOSIZIONE ED ELEZIONE DEGLI ORGANI DELLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI REGIONE AUTONOMA TRENTINO-ALTO ADIGE Ripartizione II Affari Istituzionali, competenze ordinamentali e previdenza Ufficio Elettorale AUTONOME REGION TRENTINO-SÜDTIROL Abteilung II Institutionelle Angelegenheiten,

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Istruzioni per la presentazione e l ammissione delle candidature

Istruzioni per la presentazione e l ammissione delle candidature PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE Elezione diretta del Sindaco e del Consiglio comunale nella Regione Autonoma della Sardegna Istruzioni per la presentazione e l ammissione delle candidature Anno

Dettagli

Art. 4 Elettorato passivo Art. 5 Rappresentanze da eleggere Art. 6 - Liste degli elettori Art. 7 Candidature

Art. 4 Elettorato passivo Art. 5 Rappresentanze da eleggere Art. 6 - Liste degli elettori Art. 7 Candidature REGOLAMENTO PER LE ELEZIONI DELLE RAPPRESENTANZE DEGLI STUDENTI NEGLI ORGANI DELL'UNIVERSITA', NEL COMITATO PARI OPPORTUNITA' E NEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL'AZIENDA REGIONALE PER IL DIRITTO ALLO

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 8 aprile 2013, n. 39. Capo I. Principi generali

DECRETO LEGISLATIVO 8 aprile 2013, n. 39. Capo I. Principi generali DECRETO LEGISLATIVO 8 aprile 2013, n. 39 Disposizioni in materia di inconferibilita' e incompatibilita' di incarichi presso le pubbliche amministrazioni e presso gli enti privati in controllo pubblico,

Dettagli

Prefettura di Modena Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Modena Ufficio Territoriale del Governo Prot. n. 16555 /2014/SE Modena, 8.4.2014 SINDACI COMUNI PROVINCIA LORO SEDI SEGRETARI COMUNI PROVINCIA LORO SEDI QUESTORE MODENA COMANDANTE PROVINCIALE CARABINIERI MODENA COMANDANTE PROVINCIALE GUARDIA

Dettagli

A lista d inoltro. Udine, 29 aprile 2016

A lista d inoltro. Udine, 29 aprile 2016 Circolare n. 06/EL A lista d inoltro Udine, 29 aprile 2016 TRASMISSIONE VIA P.E.C. ED E-MAIL oggetto: Elezioni comunali 2016. Disciplina della propaganda elettorale. PREMESSA In vista delle prossime elezioni

Dettagli

ISTITUTO DEI CIECHI DI CAGLIARI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Via Nicolodi, 1 09123 CAGLIARI Telefoni: 070/651839 673157 STATUTO

ISTITUTO DEI CIECHI DI CAGLIARI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Via Nicolodi, 1 09123 CAGLIARI Telefoni: 070/651839 673157 STATUTO ISTITUTO DEI CIECHI DI CAGLIARI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Via Nicolodi, 1 09123 CAGLIARI Telefoni: 070/651839 673157 STATUTO Art. 1 COSTITUZIONE DENOMINAZIONE SEDE 1. L Azienda Pubblica

Dettagli

Elezioni regionali 2013. Guida alla propaganda elettorale

Elezioni regionali 2013. Guida alla propaganda elettorale Elezioni regionali 2013 3 Guida alla propaganda elettorale Sommario Sommario...1 Presentazione...3 Parole chiave...4 Comunicazione istituzionale...4 Propaganda...4 Propaganda elettorale...4 Informazione

Dettagli

NELLA riunione della Commissione per i servizi e i prodotti del 20 febbraio 2008, in particolare nella sua prosecuzione del 21 febbraio 2008;

NELLA riunione della Commissione per i servizi e i prodotti del 20 febbraio 2008, in particolare nella sua prosecuzione del 21 febbraio 2008; Delibera n. 33/08/CSP Disposizioni di attuazione della disciplina in materia di comunicazione politica e di parità di accesso ai mezzi di informazione relative alle campagne per le elezioni della Camera

Dettagli

MANUALE ELETTORALE. Le norme per le elezioni politiche

MANUALE ELETTORALE. Le norme per le elezioni politiche MANUALE ELETTORALE Le norme per le elezioni politiche CAMERA DEI DEPUTATI SERVIZIO STUDI 1 MARZO 2006 Il volume è stato curato dall Osservatorio sulla legislazione, struttura interservizi della Camera

Dettagli

Capitolo Quarto Gli organismi di base: partiti politici e corpo elettorale

Capitolo Quarto Gli organismi di base: partiti politici e corpo elettorale 1. PREMESSA Capitolo Quarto Gli organismi di base: partiti politici e corpo elettorale La democrazia è quella forma di governo caratterizzata da una attiva partecipazione del popolo alla vita politica

Dettagli

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLA CORTE COSTITUZIONALE 20 gennaio 1966 e successive modificazioni (Gazzetta Ufficiale 19 febbraio 1966, n. 45, edizione speciale) 1 CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici Art. 1

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA Prot. n. 343 Cagliari, 09/01/2014 trasmissione via PEC Ai Signori Sindaci dei Comuni della Sardegna Ai responsabili degli Uffici Elettorali dei Comuni della Sardegna e,p.c. Ai Dirigenti dei Servizi Elettorali

Dettagli

Istruzioni per la presentazione e l ammissione delle candidature nella circoscrizione Estero

Istruzioni per la presentazione e l ammissione delle candidature nella circoscrizione Estero MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI Elezioni politiche Pubblicazione n. 4 Elezioni della Camera dei deputati e del Senato

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO NORME PER L ELEZIONE DIRETTA DEL CONSIGLIO PROVINCIALE DI TRENTO E DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO NORME PER L ELEZIONE DIRETTA DEL CONSIGLIO PROVINCIALE DI TRENTO E DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO NORME PER L ELEZIONE DIRETTA DEL CONSIGLIO PROVINCIALE DI TRENTO E DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA Pubblicazione n. 1_2008 INDICE Legge provinciale 5 marzo 2003, n. 2 9 Art.

Dettagli