LABORATORIO DI POLITICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LABORATORIO DI POLITICA"

Transcript

1 LABORATORIO DI POLITICA 3

2 Direttore Michele PROSPERO Sapienza Università di Roma Comitato scientifico Marco ALMAGISTI Università degli Studi di Padova Fortunato MUSELLA Università degli Studi di Napoli Federico II Pierre MUSSO Università di Rennes 2 e Istituto Télécom ParisTech Pasquale SERRA Università degli Studi di Salerno Gheorghe STOICA Università di Bucarest Nicola GENGA Sapienza Università di Roma Francesco MARCHIANÒ Sapienza Università di Roma

3 LABORATORIO DI POLITICA Attraverso la pubblicazione di opere originali e la traduzione di volumi editi all estero la collana intende valorizzare il lavoro di studiosi che si soffermano sull analisi dei fenomeni politici in ambito italiano e internazionale.

4

5 Domenico Fruncillo A sinistra del Partito democratico La sinistra alle elezioni regionali dopo la débâcle del 2008 Presentazione di Michele Prospero

6 Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133/A B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: novembre 2012 Il volume è stato pubblicato con il contributo del Dipartimento di Scienze Politiche Sociali e delle Comunicazione DSPSC dell Università degli Studi di Salerno (Fondi FARB 2010).

7 Ai Maestri, a Mario, a Mauro, a Rita. A Enrico che mi ha dato l opportunità di incontrarli

8

9 Indice 11 Presentazione 17 Introduzione 29 Capitolo I Dopo la sconfitta della Sinistra arcobaleno: nuove sigle e nuovi progetti 39 Capitolo II La sinistra alle elezioni regionali dal 2008 al 2011: liste e alleanze 51 Capitolo III I risultati alle elezioni regionali dal 2008 al Capitolo IV L evoluzione dei consensi alla sinistra dal 2005 al Capitolo V L analisi del voto di preferenza, una possibile chiave di lettura delle «fortune» elettorali di Sel e Fds 91 Capitolo VI La sinistra, il Pd, il centrosinistra: i confini dell alleanza e il «terreno» della competizione 103 Capitolo VII Le «risorse» tradizionali. Gli iscritti e la presenza nei consigli regionali di Fds e Sel 117 Capitolo VIII Il «credito» della sinistra «misurato» dai sondaggi 9

10 10 Indice 131 Capitolo IX Alcune Considerazioni conclusive 143 Riferimenti bibliografici 149 Ringraziamenti

11 Presentazione Questo libro di Domenico Fruncillo narra di un esperienza politica alla sinistra del Pd che parrebbe, con una certa regolarità, votata al suicidio. Accadde già nelle elezioni del 2008 e si ripete ora nelle consultazioni regionali siciliane del 2012: ogni volta che la sinistra cosiddetta radicale rompe con l altra sinistra, quella di governo, e cerca di percorrere un tragitto autonomo è condannata alla marginalizzazione. Addirittura scompare dalla rappresentanza. Il richiamo del voto utile sgonfia ogni velleità di aggirare in solitudine i meccanismi delle alleanze in nome di arroccamenti identitari condannati alla sterilità della testimonianza. Non si tratta solo di un prevedibile effetto di penalizzazione connesso alla struttura bipolare del sistema politico che esalta al momento del voto le formazioni con una maggiore apertura competitiva nella contesa elettorale. Dietro quella che Fruncillo chiama la «modificazione del tradizionale rapporto di identificazione e lealtà tra partito e elettore» si nasconde anche un problema di cultura politica più di fondo. A sinistra del Pd la lezione del realismo politico, che in Italia ha marcate ascendenze togliattiane, sembra non essere stata mai ascoltata. Le istanze di allestire movimenti di movimenti, i propositi di progettare liste con spirito antagonista non godono di una cultura politica in grado di costruire grandi sintesi e si sgonfiano nelle urne oppure si perdono come gocce insignificanti nell oceano dell antipolitica trionfante. Fruncillo ritiene che a sinistra del Pd esista un qualche spazio da occupare oltre la fiacca testimonianza ma esso si disperde inesorabilmente se è ricercato in contrasto con il Pd. La morsa che stringe la sinistra radicale tra marginalizzazione o estinzione non può essere evitata con scorciatoie che negano al Pd il carattere di partito cerniera. Occorre perciò sciogliere questioni di fondo. Dice con efficacia Fruncillo che «non è proponibile la divisione del lavoro tra chi organizza la lotta e chi si fa carico del governo». È il nodo segnalato questa estate da Mario Tronti e parla della insostenibile leggerezza della dottrina delle 11

12 12 Presentazione due sinistre. Oltre alle amare repliche delle urne, essa va incontro anche alle ineludibili necessità di aggiornare la mappa dei concetti politici dinanzi alle trasformazioni. Una grande crisi, come quella scoppiata dal 2007, costringe sempre i partiti ad aggiornare i paradigmi e a cercare nuove vie per resistere all urto di tempi difficili che sconvolgono le antiche geografie politiche. È in questa giuntura critica che Tronti solleva il tema di una rivisitazione analitica della pigra dottrina delle due sinistre, che domina ormai da vent anni con esiti politici catastrofici. Dopo il crollo dell 89, lo spazio politico ha visto un confuso condominio tra una inclinazione (nuovo centro, terza via) a cavalcare le spinte della globalizzazione, mitigandone talune escrescenze, per incassare nell immediato i frutti della innovazione tecnologica, e una mentalità antagonista incapace di trascendere una prospettiva minoritaria. O incorporazione negli schemi dominanti del neoliberismo, o ribellismo cieco non in grado di spostare forze materiali: questa è la condizione culturale della sinistra. Per districare la questione che anche Fruncillo affronta, serve una ricognizione comparata (che esula dal taglio specifico di questa ricerca di Fruncillo). La revisione degli strumentari della sinistra, declinata come variante ragionevole del mercatismo egemone, ha condotto a mutamenti significativi delle forze più rilevanti della sinistra europea. Un po ovunque in Europa la sinistra sta uscendo dal lungo letargo dogmatico che l aveva resa poco credibile come alternativa ai processi di de democratizzazione (C. Tilly) sprigionanti dal liberismo in fuga dalla sfera pubblica. Con la vittoria di Hollande comincia una nuova fase, nella quale la sinistra appare come la principale alternativa alle nuove marginalità e al rigorismo imposto dalle tendenze europee. Archiviato il tempo della sinistra che in Francia definiscono bo bo, cioè radicata nelle istanze postmaterialiste della società civile, i socialisti si propongono come una forza popolare capace di dare rappresentazione alle nuove forme di diseguaglianza ed esclusione. Muovendo dal lavoro, è possibile anche declinare i nuovi diritti, parlare cioè il linguaggio dell inclusione e della partecipazione civica. In America le tendenze di fondo non paiono molto diverse. Non è detto che stare al governo in tempi di crisi comporti una inevitabile scottatura. Ad Obama questo non è successo. Proprio in America è apparsa la grande contrazione economica che subito ha contagiato l altra sponda dell Oceano con effetti sociali ancora oggi devastanti.

13 Presentazione 13 Tutti i governi dei paesi europei colpiti dalla emergenza del debito sono stati travolti. Alcuni partiti di sinistra, percepiti come anch essi interni al paradigma liberista, avranno difficoltà non solo a tornare al potere ma a sopravvivere. Obama invece resiste al comando e si insedia di nuovo alla Casa Bianca perché ha mostrato che un altra risposta alla crisi è possibile. La lezione americana, per chi in Europa deve intenderla, è trasparente. La crisi distrugge il sostegno a governi che restano inchiodati ad un arcaico credo liberista che pretende di soffocare ogni politica pubblica per imporre con poteri d emergenza tagli, riduzioni, sacrifici, austerità. Più volte Obama, e gli economisti vicini alla sua amministrazione, hanno palesato sconforto dinanzi alla inopinata dimenticanza europea del ruolo cruciale che la politica ha da giocare nel controllare i costi umani della crisi. I democratici vincono una battaglia durissima proprio perché parlano il linguaggio della inclusione sociale che la vecchia Europa ha archiviato. All origine della crisi si scorgono anzitutto inediti problemi di diseguaglianza. In nome di obiettivi di giustizia sociale Obama sfida il cuore della filosofia neoliberista che associa una elevata diseguaglianza competitiva e parametri di crescita. Egli denuncia proprio nel cumulo di ineguaglianze un fattore di irrazionalità, di arresto della mobilità sociale e di decrescita. Per questo inaridirsi del sogno americano invoca riforme sociali, politiche industriali, investimenti nella ricerca e nell innovazione, coinvolgimento esplicito dei ceti possidenti nel pagamento dei costi della contrazione. Lo scontro ingaggiato con i repubblicani è apparso nitido. Dal voto esce certo l immagine di una democrazia fortemente polarizzata (nei ceti sociali, nelle appartenenze etniche, negli insediamenti territoriali). Ma la polarizzazione è un prezzo che va pagato se si vuole l innovazione. La reaganiana ricetta liberista (che propone una marcata diseguaglianza nei possessi e scava la trincea identitaria come presidio dei sacri valori della tradizione) è stata rispolverata dai repubblicani. Ma stavolta è stata strapazzata perché di fronte l elettore non aveva una semplice sinistra dei valori post materialisti ma una proposta politica solida capace di coniugare diritti di cittadinanza, nuove libertà civili e politiche socio economiche di inclusione. L ideologia del mercato come fine in sé, con le sue deregolamentazioni selvagge ha provocato sconquassi troppo ravvicinati per sedurre di nuovo un soggetto frastornato dalla crisi.

14 14 Presentazione L America delle città e dei simboli postmoderni ha stretto un patto con i ceti della sofferenza sociale. Ha fatto presa nel sentimento popolare e nelle pulsioni delle minoranze la paura di vedere la Casa Bianca abitata da un grande capitalista che si prefiggeva di rinverdire le parole d ordine ideologiche di un trentennio liberista che con la sua idolatria della finanza ha condotto al disastro. I segnali di ripresa che l America già intravvede sono legati a una politica che ha imboccato una strategia diversa da quella europea (incentivi ai consumi, argini alla deindustrializzazione, tassazione ai ricchi patrimoni). Il coro di laudatori di Obama è perciò sospetto se occulta questa alterità della sua politica rispetto all ortodossia imposta dalla «troica». La vecchia Europa non cura i suoi mali sociali che sono profondi se non ripara la debolezza istituzionale di una moneta senza sovrano e non accantona in fretta una propensione angusta a impiegare il governo politico solo per decostruire la cittadinanza disegnata dal costituzionalismo novecentesco. Dopo il voto americano appare tracciata una strada diversa per il governo della crisi e conduce molto lontano dalle ubriacature per manovre inefficaci che invocano solo altre manovre. Il governo non logora chi lo guida nei tempi di crisi soltanto se la politica sfida le ineguaglianze e rifiuta la malsana idea che per ridurre il debito occorre imporre la via oscura di una de democratizzazione che sacrifica le piccole libertà solidali che sorreggono gli sprazzi di una vita buona. La lezione americana e ancor più quella francese parlano all Italia per una sinistra che come sostiene Fruncillo si proietti oltre «la propensione frazionistica» e la sospensione della identità. Non per astratte questioni identitarie, ma per stringenti motivi politici la confluenza sempre più organica con i lavori di risistemazione teorica che vede impegnata la sinistra europea è una necessità politica, ineludibile. Anche in Italia un abisso separa lo spirito originario del Lingotto (andare oltre le cassapanche del conflitto sociale) e la rifondazione dell identità, del radicamento, del modello di partito del Pd tentata da Bersani. Per tutto il campo del centro sinistra italiano l alternativa è secca: o si entra in sintonia con le nuove categorie del socialismo europeo oppure si precipita in una condizione di completa marginalità. La cosiddetta «foto di Parigi» è da questo punto di vista una conquista di cultura politica di non ritorno, indica una prospettiva politica per certi versi obbligata, cui è difficile sfuggire. L incrocio tra la dimen-

15 Presentazione 15 sione italiana e la specifica fisionomia delle culture politiche europee deve essere posto alla base del superamento della cattiva tradizione delle due sinistre. A sinistra del Pd, oltre a inclinazioni neopopuliste (riassumibili nella formula di Ferrero «Grillo è meglio di Bersani») si avvertono istanze per oltrepassare una vocazione minoritaria incapace di resistere agli sconquassi provocati dal turbo capitalismo finanziario che ha spezzato antichi legami sociali generando malesseri profondi raccolti da populismi di varia risma che parlano sempre più il solo dialetto dell antipolitica. Con i loro media omologati, i poteri economici e finanziari civettano sempre più con l antipolitica. Anzi, la alimentano per servirsene come un arma offensiva pronta per bloccare il cambiamento di classe politica e ottenere, in nome dell emergenza, il commissariamento del governo gestito dai tecnici. La sinistra radicale (ma anche una parte del Pd sensibile alla «rottamazione») è tentata dalla fabbrica della deviazione semantica che produce un senso comune ostile alla politica. Tra seduzione antipolitica e referendum di classe sull articolo 18 si persegue una deriva populistica che strapazza l analisi politica e amplifica la ricerca di una visibilità a buon mercato per segnare una artificiale linea di rottura tra i partiti e i sindacati. Dominano perciò il gesto plateale, le scappatoie furbesche che più assicurano la differenziazione su temi simbolici. Già in due occasioni (prima per la difesa della scala mobile e poi per l estensione dell articolo 18 alle piccole imprese) si sono celebrati referendum che non hanno però raggiunto il quorum. Il loro fiasco ha però indebolito il sindacato e reso più incerta la tutela del lavoro. Con il terzo referendum per ora tenuto in ombra, ma che in realtà diventerà qualificante per attirare la partecipazione dei cittadini alle urne, quello contro la casta, contro il finanziamento pubblico della politica, la sinistra radicale accetta di camminare con la potente macchina del populismo senza alcuna reale prospettiva di dirigerla. La leadership più consapevole della sinistra che si pone al di là del Pd è chiamata a scelte esplicite tra le inclinazioni a rincorrere l antipolitica con un impasto di giustizialismo e radicalismo e il contributo a una riprogettazione della sinistra italiana. Fruncillo scorge una confusa oscillazione tra manifestazioni velleitarie di tradizionalismo (uso di simbologie e cose di un tempo senza però avere le forze che ad esse corrispondevano) e sperimentalismo organizzativo che precipita in

16 16 Presentazione destrutturati partiti personali edificati attorno al governatore. In tutte le sue manifestazioni la sinistra radicale è alle prese con problemi immediati di sopravvivenza, di disorientamento, di incertezza strategica, di insediamento fragile. Queste difficoltà non paiono congiunturali, rivelano un punto critico. Oggi c è spazio solo per una sinistra che si candidi al governo del paese recuperando un nesso con i ceti popolari e anche una ambizione progettante. Ciò implica un difficile lavoro per il superamento dei limiti strutturali dei partiti della seconda repubblica che sono tutti quanti sorti sul mero terreno elettorale. Nel ventennio trascorso, la semplice presenza di Berlusconi ha tramutato ogni appuntamento elettorale in «elezioni critiche», come sostiene Fruncillo. Sul semplice piedistallo della competizione elettorale da affrontare con cartelli eterogenei però non si definiscono delle solide prospettive di partito, che richiedono sempre di essere innestate sulle tendenze di più lunga durata della storia italiana ed europea. Solo un dialogo intenso con le culture e le organizzazioni della sinistra europea può consentire la fuoriuscita dall eccezionalismo italiano di cartelli elettorali slegati dalle grandi famiglie dei partiti europei. Guidare la difficile transizione del sistema politico italiano verso nuovi lidi, in grado di sorreggere una alternativa alle ritornanti manifestazioni del populismo e dell antipolitica, e garantire l ancoraggio europeo delle sue categorie è la principale sfida che sta dinanzi alla sinistra. Partire dal lavoro e dalla sua autonomia politica per definire anche un senso nuovo del generale è l imperativo prioritario per una sinistra che, scrive Fruncillo, vada oltre un semplice lavoro di «manutenzione». Una sinistra competitiva oltre al suo mondo di elettori secolarizzati annidati nelle metropoli e in grado di offrire solo una «fedeltà leggera», deve guardare alle inquietudini dei ceti sociali periferici che se non coinvolti in «relazioni di fedeltà» o «meccanismi di identificazione» si lasciano catturare da manifestazioni politicamente devianti. Questa avvertenza di Fruncillo pare sostenibile solo se si trascende il dogma delle due sinistre. Michele Prospero

17 Introduzione «Terremoto in Parlamento: sparisce la sinistra radicale» (Corriere della Sera, 15 aprile 2008). Il titolo, in prima pagina, dell articolo di Gian Antonio Stella segnalava efficacemente la débâcle della Sinistra l Arcobaleno alle elezioni politiche del Non si era trattato di una semplice sconfitta elettorale, ma, come aveva evidenziato Piero Sansonetti nel suo editoriale su Liberazione, di «... una batosta storica. Addirittura, di fronte al crollo della sinistra, passa in secondo piano la nettissima affermazione del centrodestra e il ritorno al potere, solenne e festoso, di Silvio Berlusconi. L Italia si ritrova per la prima volta ad avere un Parlamento della repubblica privo di una delegazione della sinistra». E anche Gabriele Polo, al tempo direttore de Il Manifesto, nel suo articolo di fondo aveva rimarcato che «ciò che oggi salta più ai nostri occhi, in maniera netta, è la sconfitta della sinistra, fin dentro al baratro perdendo tre milioni di voti della scomparsa parlamentare». Alle elezioni del 2008 la sinistra era stata fiondata fuori dalle aule parlamentari. Il tonfo era stato fragoroso e, a seconda dell orientamento politico, aveva destato stupore, meraviglia, sorpresa, sconcerto, smarrimento, sgomento... Nei mesi che avevano preceduto le elezioni all orizzonte non si erano profilate avvisaglie di quell esito. Gli istituti di sondaggio accreditavano Sinistra arcobaleno di un numero di consensi sufficiente ad entrare alla Camera e, in alcune regioni, anche al Senato, pur segnalando una significativa contrazione del patrimonio di voti conquistato due anni prima dai partiti che avevano dato vita alla nuova proposta elettorale della sinistra. Per altro, i gruppi dirigenti e gli stessi candidati erano più che fiduciosi di riuscire ad ottenere il visto di ingresso in Parlamento. A questo proposito è sufficiente ricordare la «cura» con cui i parlamentari uscenti dei soci fondatori di Sinistra arcobaleno si erano dedicati alla definizione delle graduatorie delle liste. I risultati delle elezioni del 2008 complessivamente sembravano in forte discontinuità anche rispetto al passato più recente. Sul piano ge- 17

18 18 Introduzione nerale, in entrambe le Camere si era insediata un ampia maggioranza e dello stesso segno, il numero effettivo dei partiti si era significativamente ridotto e il sistema partitico era incardinato intorno ai due nuovi grandi partiti Pd e Pdl che avevano conseguito un significativo successo elettorale. Sotto il profilo più strettamente politico, l alleanza promossa dal Pdl attorno a Berlusconi aveva ottenuto un considerevole vantaggio rispetto alla coalizione allestita dal Pd. Tra le liste rimaste fuori dalle due coalizioni, quella dell Udc era riuscita a sopravvivere alla scure delle soglie, mentre la Sinistra l Arcobaleno era stata sonoramente bocciata dall elettorato (Di Virgilio, 2008; Itanes, 2008; Mannheimer Natale, 2008; Morcellini Prospero, 2009; Fruncillo, 2010). E proprio la «storica» esclusione della sinistra dalle assemblee parlamentari ovviamente aveva catalizzato l attenzione dei mezzi di comunicazione. L Italia non è l unico paese in cui la sinistra non è presente in Parlamento. Anche in altri Stati, a cominciare da quelli, che spesso vengono assunti o si propongono come modelli di democrazia, gli esponenti della sinistra radicale o estrema non hanno trovato posto nelle assemblee parlamentari. Tuttavia, l esclusione della sinistra dal Parlamento italiano è apparsa incredibile agli occhi di tutti, persino dei suoi avversari e dei suoi detrattori, anche perché per quasi mezzo secolo e fino alla fine degli anni Ottanta, in Italia era presente il partito comunista più forte, almeno sotto il profilo elettorale, di tutte le democrazie occidentali. Ancora nel 1987 il Pci raccoglieva poco più di dieci milioni di voti ( ) pari al 25,7% dei voti validi e al 22,4% degli elettori, ottenendo complessivamente 278 deputati o senatori ossia il 29,4% dei seggi parlamentari. È pur vero che gran parte di quel patrimonio era stato ereditato prima dal Pds/Ds e poi dal Pd, ma nel 2006 le due forze che più esplicitamente, almeno nel nome, si richiamavano alla tradizione politica che discendeva dal Pci, ossia Rifondazione comunista e Comunisti italiani, avevano ottenuto il consenso di elettori (8,2%). Ad ogni modo, la sconfitta della sinistra aveva sollecitato l interesse degli studiosi che hanno prodotto numerose e interessanti ricerche come viene evidenziato dai titoli di alcuni volumi dedicati all analisi

19 Introduzione 19 dei risultati elettorali 1. Alcune di esse hanno cercato di valutare a quale profondità poteva essere situato l epicentro di quel «terremoto». L analisi sulle performance elettorali della sinistra, che viene proposta in questo contributo, si inserisce nel filone di studi che adotta un prospettiva di ricerca in cui fattori di breve periodo, che riguardano singoli elementi del sistema partitico, si correlano tra loro fino a configurare dinamiche complessive di ordine generale. Il rendimento elettorale della sinistra, in quanto parte di un insieme complesso, viene collocato in una articolata rete di relazioni causali e la sua analisi si rivela interessante e promettente proprio perché potrebbe contribuire a definire gli scenari di lungo periodo del sistema politico italiano. In tale prospettiva, infatti, il tema della crisi della sinistra assume una rilevanza di ordine più generale. In particolare, l esito delle elezioni del 2008, proprio con specifico riferimento alla débâcle della sinistra, può essere assunto come un indicatore della trasformazione del rapporto tra partiti ed elettori. Quando in occasione di una consultazione si registrano risultati significativamente diversi rispetto all immediato passato, è possibile ipotizzare una modificazione del rapporto di identificazione o di lealtà tra i partiti e i loro tradizionali elettori. Nella letteratura anglosassone si suole distinguere le elezioni di ri allineamento da quelle di de allineamento. Le prime sono considerate elezioni critiche poiché sono espressione di un cambiamento profondo per cui nuovi allineamenti rimpiazzano quelli vecchi. Le seconde segnalano la progressiva erosione dei tradizionali allineamenti, ma non implicano la loro sostituzione. Anche in questo caso, come per le elezioni critiche, il cambiamento degli esiti elettorali può essere consistente e repentino, tuttavia nelle successive consultazioni esso è assorbito all interno del trend generale di progressivo indebolimento dei tradizionali rapporti di lealtà verso i partiti (Evans e Norris, 1999). In altri termini la crisi della sinistra alle elezioni del 2008 potrebbe essere conseguenza di un ri allineamento del rapporto con gli elettori o di un de allineamento. Nel primo caso alle successive consultazioni i consensi alla sinistra dovrebbero diminuire ulteriormente; nel 1. Solo a titolo di esempio, si ricordano R. MANNHEIMER e P. NATALE (a cura di), 2008, Senza più sinistra. L Italia di Bossi e Berlusconi, Milano, Il Sole 24 Ore; M. MORCELLINI e M. PROSPERO (a cura di), 2009, Perché ha perso la sinistra, Roma, Ediesse; E.A. CARRA, 2008, Ho perso la sinistra, Roma, Ediesse.

20 20 Introduzione secondo caso essi potrebbero aumentare ma attestarsi sotto il livello precedente al crollo del In Italia, negli ultimi decenni, sulla scorta di diverse ricerche empiriche, è stata avanzata l ipotesi che il voto di appartenenza, basato su stabili legami psicologici, abbia subito una progressiva erosione in termini di diffusione e di intensità per lasciare il posto a scelte elettorali orientate da fattori di breve periodo (Maraffi, 2002). Insomma, sarebbe aumentato il numero di elettori che assume decisioni caratterizzate da un elevato grado di specificità. Le scelte di voto variano di consultazione in consultazione in relazione all importanza della posta in gioco, al grado di competitività, alle caratteristiche dell offerta. Se questa ipotesi avesse un fondamento, si dovrebbe riscontrare una oscillazione relativamente ampia del numero di voti alla sinistra, passando da una consultazione all altra. Il consenso verso di essa, infatti, sarebbe associato alla sua possibilità di conseguire un risultato positivo ossia alla probabilità di accedere alle assemblee deliberative o di prevalere nella competizione per la guida degli esecutivi nonché all appeal della sua proposta in termini di credibilità dei candidati e della leadership e di posizionamento su determinati temi particolarmente rilevanti per quel livello istituzionale. Una sommaria ricognizione dei più recenti studi elettorali in Italia (D Alimonte e Bartolini, 1997; 2001; D Alimonte e Chiaramonte 2007; 2010; Diamanti e Mannheimer, 1994; Pasquino, 2002; Caciagli e Corbetta, 2002; Itanes, 2006; 2008; Fruncillo, 2010; Mannheimer e Natale, 2006; 2008; Morcellini e Prospero, 2009) renderebbe evidente che l attenzione dei ricercatori si è spostata dai fattori di lungo periodo a quelli contingenti. Ciò è avvenuto per due ordini di ragioni. In primo luogo, negli ultimi anni la competizione si è tendenzialmente strutturata attorno a due poli; di fatto dalle elezioni del 1994 in avanti è stato registrato un capovolgimento dell esito delle consultazioni precedenti. E dunque è stato ipotizzato, sulla scorta dei risultati delle inchieste campionarie e dell analisi dei flussi elettorali, che un certo numero di elettori tenda a modificare la propria scelta di voto affidandosi a motivi contingenti. Tuttavia, molti ricercatori hanno rivolto un attenzione crescente a quelli che possono essere definiti elettori fluttuanti (Fruncillo, 2004), poiché ritengono che, nel corso del tempo, il loro numero sia aumentato, mentre, corrispondentemente, sia diminuito quello degli elettori fedeli, ossia di coloro che esprimono la medesima scelta di voto in consultazioni consecutive.

I flussi elettorali fra le elezioni europee del 2009 e le regionali del 2010 in nove grandi città

I flussi elettorali fra le elezioni europee del 2009 e le regionali del 2010 in nove grandi città I flussi elettorali fra le elezioni europee del 2009 e le regionali del 2010 in nove grandi città Anche se l espressione flussi elettorali viene spesso usata impropriamente per intendere qualsiasi analisi

Dettagli

ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL

ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL Simulazioni elettorali sulla base del più recente sondaggio sulle intenzioni di voto - A cura di Piercamillo Falasca, 9 dicembre 2010 SINTESI Le elezioni anticipate

Dettagli

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche A13 Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale Il ruolo della funzione di risk management delle banche Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali

Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali A13 494 Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali Stato dell arte e problematiche aperte verso il federalismo fiscale Copyright MMXII

Dettagli

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE A14 371 Giovanni Tocci CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA IN ALCUNE CITTÀ MEDIE ITALIANE Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

RISPOSTE DI ORESTE MASSARI (Professore ordinario di Scienza politica Sapienza Università di Roma)

RISPOSTE DI ORESTE MASSARI (Professore ordinario di Scienza politica Sapienza Università di Roma) RISPOSTE DI ORESTE MASSARI (Professore ordinario di Scienza politica Sapienza Università di Roma) 6 marzo 2013 1. Esiste veramente, secondo la vulgata giornalistica, una seconda e infine una terza Repubblica?

Dettagli

Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione

Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione CIRPA / 10 Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione Master di II livello in Direzione delle Aziende e delle Organizzazioni Sanitarie DAOSan

Dettagli

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative

Dettagli

DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE / 1 A12 339

DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE / 1 A12 339 DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE / 1 A12 339 Direttore Raffaele Chiarelli Università Telematica Guglielmo Marconi Comitato Scientifico Eugenio De Marco Università degli Studi di Milano Claudio Rossano Sapienza

Dettagli

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari Michele Galeotti Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende

Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende A13 Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*)

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) Claudio SCAJOLA È la prima volta che ho l occasione di incontrare tutti i Prefetti della Repubblica e ritengo

Dettagli

Le tre componenti del successo del Movimento 5 Stelle:

Le tre componenti del successo del Movimento 5 Stelle: Le tre componenti del successo del Movimento 5 Stelle: 1) l assunzione di un ruolo di imprenditore politico da parte di une comico conosciuto e affermato. 2) la costruzione di un movimento a partire dal

Dettagli

Sergio Ristuccia Costruire le istituzioni della democrazia La lezione di Adriano Olivetti, politico e teorico della politica.

Sergio Ristuccia Costruire le istituzioni della democrazia La lezione di Adriano Olivetti, politico e teorico della politica. Sergio Ristuccia Costruire le istituzioni della democrazia La lezione di Adriano Olivetti, politico e teorico della politica Marsilio INDICE 11 Introduzione 11 Oggi, la democrazia 22 Come nasce questo

Dettagli

Elezioni Regionali 2015 ANALISI DEI FLUSSI DI VOTO

Elezioni Regionali 2015 ANALISI DEI FLUSSI DI VOTO Elezioni Regionali 2015 ANALISI DEI FLUSSI DI VOTO 1 giugno 2015 Analisi dei flussi di voto in LIGURIA 1 giugno 2015 LIGURIA i flussi di voto tra 2014 e 2015 Come si sono mossi gli elettori liguri rispetto

Dettagli

Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle

Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle di Vincenzo Emanuele Che la Sicilia non fosse più l Eden del consenso berlusconiano lo si era capito già alcuni

Dettagli

Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo.

Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo. RINNOVO DEL PARLAMENTO ITALIANO RINNOVO DEL CONSIGLIO REGIONALE : Lombardia Lazio Molise Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo. La

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione A13 Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione Profili di rischio e di solvibilità Prefazione di Antonio Minguzzi Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

Considerazioni e orientamenti di azione politica

Considerazioni e orientamenti di azione politica MANIFESTO della RETE DEL CIVISMO LOMBARDO Considerazioni e orientamenti di azione politica I più recenti risultati elettorali hanno confermato la crisi della cosiddetta Seconda Repubblica e dei partiti

Dettagli

Gruppo parlamentare del PD della Camera. Le unioni civili La corruzione L immigrazione Le intenzioni di voto. 30 giugno 2015

Gruppo parlamentare del PD della Camera. Le unioni civili La corruzione L immigrazione Le intenzioni di voto. 30 giugno 2015 Gruppo parlamentare del PD della Camera Le unioni civili La corruzione L immigrazione Le intenzioni di voto 30 giugno 2015 Le unioni civili Nota di commento 3 Le unioni civili Il family day ha riproposto

Dettagli

Il Partito Democratico del Trentino.

Il Partito Democratico del Trentino. Il Partito Democratico del Trentino. Le idee del candidato alla segreteria Roberto Pinter Più che da dove vieni conta chi sei e dove vai. La nascita del PD è anche questo, è un progetto che guarda avanti,

Dettagli

N. 9-2008. Presidente: Prof. Giuseppe Bianchi. Via Piemonte, 101 00187 Roma telefono 06.4818443 gbianchi.isril@tiscali.it

N. 9-2008. Presidente: Prof. Giuseppe Bianchi. Via Piemonte, 101 00187 Roma telefono 06.4818443 gbianchi.isril@tiscali.it N. 9-2008 Presidente: Prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma telefono 06.4818443 gbianchi.isril@tiscali.it 1 Anche per i paesi a forte vocazione anarcoide, come l Italia, arriva il momento

Dettagli

Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu. Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini.

Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu. Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini. Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini. Il nuovo sondaggio politico che abbiamo realizzato nell'universo del nostro indirizzario

Dettagli

Stefano Iuliani Non tutte le vittime sono uguali

Stefano Iuliani Non tutte le vittime sono uguali DIRITTO DI STAMPA 69 DIRITTO DI STAMPA Il diritto di stampa era quello che, nell università di un tempo, veniva a meritare l elaborato scritto di uno studente, anzitutto la tesi di laurea, di cui fosse

Dettagli

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE Convegno nazionale Senato delle autonomie/federalismo e riforma dell'ordinamento locale Roma, 14 Ottobre 2013 Tempio di Adriano Sala Convegni Piazza di Pietra Ore 9.30/14.00 DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE 2

Dettagli

Maria Chiara Vanacore Il patto di famiglia

Maria Chiara Vanacore Il patto di famiglia A12 Maria Chiara Vanacore Il patto di famiglia Aracne editrice www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it Copyright MMXVI Gioacchino Onorati editore S.r.l. unipersonale www.gioacchinoonoratieditore.it

Dettagli

STORIA CONTEMPORANEA

STORIA CONTEMPORANEA STORIA CONTEMPORANEA 15 Direttore Valentina SOMMELLA Sapienza Università di Roma Comitato scientifico Antonello Folco BIAGINI Sapienza Università di Roma Giuliano CAROLI Università Telematica delle Scienze

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 448 DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE d'iniziativa del senatore DANIELI Paolo COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L'11 LUGLIO 2001 Modifica dell'articolo 116 della Costituzione

Dettagli

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Biblioteca Nazionale Braidense presenta: DOMANI AVVENNE 2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Sala Microfilm 30 maggio - 30 giugno 2009 1 Rassegna DOMANI AVVENNE : ciclo di mostre documentarie di

Dettagli

La crisi europea: un occasione per superare la crisi della modernità e affermare una libertà alimentata da un nuovo umanesimo

La crisi europea: un occasione per superare la crisi della modernità e affermare una libertà alimentata da un nuovo umanesimo La crisi europea: un occasione per superare la crisi della modernità e affermare una libertà alimentata da un nuovo umanesimo È PROFESSORE ORDINARIO ALL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA, MEMBRO DEL CONSEIL

Dettagli

Direttore Tiziana Migliore. Comitato scientifico Paolo Fabbri. Silvia Burini. Jean Marie Klinkenberg. Isabella Pezzini. Università IUAV di Venezia

Direttore Tiziana Migliore. Comitato scientifico Paolo Fabbri. Silvia Burini. Jean Marie Klinkenberg. Isabella Pezzini. Università IUAV di Venezia RIFLESSI 9 Direttore Tiziana Migliore Università IUAV di Venezia Comitato scientifico Paolo Fabbri Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli (LUISS) di Roma Silvia Burini Università

Dettagli

Signor Presidente, Signori Senatori,

Signor Presidente, Signori Senatori, AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO ANTONIO CATRICALÀ PRESSO LA I COMMISSIONE PERMANENTE DEL SENATO DELLA REPUBBLICA NELL AMBITO DELL INDAGINE CONOSCITIVA SUL

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future

Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future INTERGRUPPO PARLAMENTARE SUL TERZO SETTORE Roma, 31 luglio 2013 ore 10:00-13:00 Sala delle Colonne Via Poli, 19 Seminario Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future Il contributo di ASC

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

OSSERVATORIO POLITICO NAZIONALE REPORT SETTIMANALE. Lunedì 18 maggio 2015

OSSERVATORIO POLITICO NAZIONALE REPORT SETTIMANALE. Lunedì 18 maggio 2015 OSSERVATORIO POLITICO NAZIONALE REPORT SETTIMANALE Lunedì 18 maggio 2015 www.istitutoixe.it redazione@istitutoixe.it 1 LE INTENZIONI DI VOTO Se si votasse oggi per le elezioni politiche, a quale dei seguenti

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

DOCUMENTO DEI CIRCOLI DELLA NUOVA ITALIA Roma, 9 giugno 2012 QUI E ORA

DOCUMENTO DEI CIRCOLI DELLA NUOVA ITALIA Roma, 9 giugno 2012 QUI E ORA DOCUMENTODEICIRCOLIDELLANUOVAITALIA Roma,9giugno2012 QUI E ORA salvareilpopolodellalibertà, lanciareunanuovaalleanzadi centrodestra, rigenerarelapartecipazione politicaconunnuovocivismo. 1. Siamo di fronte

Dettagli

Il caso del Passante di Mestre

Il caso del Passante di Mestre A13 Luciano Bologna Schemi interpretativi per calmierare l entropia nel sistema di realizzazione delle opere pubbliche alla luce delle odierne tendenze di esternalizzazione Il caso del Passante di Mestre

Dettagli

Alessandro Giosi Azione di governo e ruolo della contabilità pubblica nell Italia liberale e corporativa

Alessandro Giosi Azione di governo e ruolo della contabilità pubblica nell Italia liberale e corporativa A13 Alessandro Giosi Azione di governo e ruolo della contabilità pubblica nell Italia liberale e corporativa Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

Consultazione how-to. Guida alla consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali

Consultazione how-to. Guida alla consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali Consultazione how-to Guida alla consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali 1 2 3 4 5 Autonomie Territoriali Forma di Governo e Parlamento Parlamentarismo o Presidenzialismo? Secondo te, l attuale

Dettagli

PSICOLOGIA CLINICA E PSICOTERAPIA

PSICOLOGIA CLINICA E PSICOTERAPIA PSICOLOGIA CLINICA E PSICOTERAPIA 23 Direttore Rosario DI SAURO Università degli Studi di Roma Tor Vergata Centro Ricerche e Interventi in Psicologia Applicata (Ce- RIPA) di Latina Scuola Internazionale

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE 5 Direttore Roberto Chionne Professore ordinario di Economia e Gestione delle Imprese Facoltà di Lingua e Cultura Italiana Università per Stranieri di Perugia Comitato

Dettagli

Democrazia Rappresentanza e Innovazione Democratica

Democrazia Rappresentanza e Innovazione Democratica Lezioni sulla democrazia Democrazia Rappresentanza e Innovazione Democratica LUISS, Roma Lezioni sulla democrazia >> >> Livorno 28.11.2014 Livorno 28.11.2014 2 1 Di cosa parleremo 1. Che cos è la democrazia

Dettagli

Toqueville e la società civile organizzata a favore dei migranti

Toqueville e la società civile organizzata a favore dei migranti Toqueville e la società civile organizzata a favore dei migranti Associazionismo, società civile e migranti: (1) Quadro teorico (2) I consigli territoriali in Italia migrazioni 1 L importanza crescente

Dettagli

Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi

Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi A12 407 Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi Gli attori che presidiano la control governance Copyright MMXII ARACNE editrice

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese 3.1 La comunicazione istituzionale Il Dipartimento della Funzione Pubblica si propone

Dettagli

I servizi all utenza esterna tra reference e comunicazione: reference elettronico, corsi di formazione e visite culturali.

I servizi all utenza esterna tra reference e comunicazione: reference elettronico, corsi di formazione e visite culturali. I servizi all utenza esterna tra reference e comunicazione: reference elettronico, corsi di formazione e visite culturali. di Stefano Tabacchi Biblioteca della Camera dei deputati Oggetto di questo intervento

Dettagli

L IMPRESA PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA

L IMPRESA PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA L IMPRESA PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA a cura di Roberto Cafferata Saggi di Gianpaolo Abatecola, Alessandro Giosi, Sara Poggesi, Francesco Scafarto, Silvia Testarmata ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

«I LIBRI» DI ARCHIVIO PENALE

«I LIBRI» DI ARCHIVIO PENALE «I LIBRI» DI ARCHIVIO PENALE 6 L argomentazione giudiziale e il suo controllo in cassazione Atti del convegno Lipari, 10 settembre 2011 Promosso dell Unione Camere Penali Italiane a cura di Vincenzo Comi

Dettagli

S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141

S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141 S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141 La crisi economica europea ha avuto importanti conseguenze sulla tutela dei diritti fondamentali a causa della riduzione

Dettagli

COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU

COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU Prof. Mario Mazzoleni mario.mazzoleni@mmsolutions.eu 18 Novembre 2013 1 STAKEHOLDER Finanziator i Personal e Collettività Soci

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato LAURICELLA. Disposizioni in materia di elezione della Camera dei deputati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato LAURICELLA. Disposizioni in materia di elezione della Camera dei deputati Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3385 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato LAURICELLA Disposizioni in materia

Dettagli

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Giuseppe Iosa Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Domenica, 19 aprile 2015 Premessa Il Partito Democratico di Peschiera Borromeo,

Dettagli

Ricordo che solo la coesione nazionale e la completa conoscenza dei fini ultimi dell intelligence, da parte della collettività di uno Stato, permette

Ricordo che solo la coesione nazionale e la completa conoscenza dei fini ultimi dell intelligence, da parte della collettività di uno Stato, permette A13 Ricordo che solo la coesione nazionale e la completa conoscenza dei fini ultimi dell intelligence, da parte della collettività di uno Stato, permette il superamento del dilemma morale che si cela dietro

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3 non statuto REGOLAMENTO pagina 2 di 5 Articolo 1 Natura e Sede 3 Articolo 2 Durata. 3 Articolo 3 - Contrassegno 3 Articolo 4 Oggetto e finalità 3 Articolo 5 Adesione al MoVimento 4 Articolo 6 Finanziamento

Dettagli

MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it

MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1) Qual è la prima cosa che un imprenditore o responsabile dovrebbe fare per far sì che i propri uomini

Dettagli

DANNI DA CALAMITA NATURALI E GESTIONE DEL TERRITORIO

DANNI DA CALAMITA NATURALI E GESTIONE DEL TERRITORIO DANNI DA CALAMITA NATURALI E GESTIONE DEL TERRITORIO E tempo di cambiare decisamente la modalità di governare il problema. Da una gestione delle emergenze ad una gestione innovativa e preventiva del territorio

Dettagli

Antonio Fabio Forgione Il sistema integrato di fondi. Potenzialità, criteri di investimento, rischi

Antonio Fabio Forgione Il sistema integrato di fondi. Potenzialità, criteri di investimento, rischi A13 457 Antonio Fabio Forgione Il sistema integrato di fondi Potenzialità, criteri di investimento, rischi Copyright MMXI ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità di Rossella Sobrero presidente di Koinètica Come cambia la comunicazione in tempo di crisi Le imprese socialmente responsabili sanno affrontare

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti

L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti Agnese Vardanega L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti Fare ricerca sociale con i dati testuali ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

VERSO LE REGIONALI 2015

VERSO LE REGIONALI 2015 VERSO LE REGIONALI 2015 COMMITTENTE SOGGETTO CHE HA EFFETTUATO IL SONDAGGIO NUMEROSITÀ DEL CAMPIONE METODOLOGIA DATE IN CUI È STATO EFFETTUATO IL SONDAGGIO LIGURIA CIVICA DIGIS SRL 1.000 CASI CATI 13-14

Dettagli

Elezioni politiche del 2013. I flussi elettorali in 9 città: Torino, Brescia, Padova, Bologna, Firenze, Ancona, Napoli, Reggio Calabria, Catania

Elezioni politiche del 2013. I flussi elettorali in 9 città: Torino, Brescia, Padova, Bologna, Firenze, Ancona, Napoli, Reggio Calabria, Catania Elezioni politiche del 2013 I flussi elettorali in 9 città: Torino, Brescia, Padova, Bologna, Firenze, Ancona, Napoli, Reggio Calabria, Catania L'Istituto Cattaneo ha effettuato un'analisi dei flussi elettorali

Dettagli

Elezioni Comune di Napoli 2011

Elezioni Comune di Napoli 2011 Elezioni Comune di Napoli 2011 Alcune riflessioni sulle tendenze emerse dai sondaggi elettorali a cura di Michele Caiazzo, componente Assemblea Nazionale PD / responsabile Centro Studi e Ricerche PD Campania

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE IL E IL SERVIZIO CIVILE POSITION PAPER Approvato dall assemblea del 14-15 Dicembre 2013 INTRODUZIONE Il Forum Nazionale dei Giovani nella transizione italiana Il Forum Nazionale dei Giovani ha, in questi

Dettagli

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1. Sesso maschile femminile 2. Età anni 14-17 18-25 26-35 36-60 più di 60 3. In quale settore/i svolgi prioritariamente la tua attività? Ricerca Pubblica

Dettagli

IL MONDO DEL LAVORO NEL MERCATO E NELLE IMPRESE DEL NUOVO MILLENNIO Considerazioni e riflessioni sui cambiamenti a cavallo tra i due secoli

IL MONDO DEL LAVORO NEL MERCATO E NELLE IMPRESE DEL NUOVO MILLENNIO Considerazioni e riflessioni sui cambiamenti a cavallo tra i due secoli COLLANA FINANZAEDIRITTO IL MONDO DEL LAVORO NEL MERCATO E NELLE IMPRESE DEL NUOVO MILLENNIO Considerazioni e riflessioni sui cambiamenti a cavallo tra i due secoli Grazia Strano, Sergio Rosato, Luca Torri

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale CARLO FUSARO I limiti della legislazione elettorale vigente LEGISLAZIONE ELETTORALE: complesso delle norme concernenti

Dettagli

Nazione e autodeterminazione

Nazione e autodeterminazione Luka Bogdanić Nazione e autodeterminazione Premesse e sviluppi fino a Lenin e Wilson Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 00173

Dettagli

Due idee di base per cominciare

Due idee di base per cominciare FAMIGLIE INDEBITATE: VIENE DAL SOCIALE UNA PROPOSTA DI AIUTO Hanno superato il milione i nuclei che non riescono a far fronte ai debiti. Dall associazione Pro.seguo viene la proposta di una gestione concordata.

Dettagli

DIRITTO PROSPETTIVE. collana diretta da Paolo Cendon

DIRITTO PROSPETTIVE. collana diretta da Paolo Cendon DIRITTO PROSPETTIVE collana diretta da Paolo Cendon 6 DIRITTO PROSPETTIVE collana diretta da Paolo Cendon Proposte di politica del diritto, storie di vita vissuta, questioni al di là dei confini (globali,

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come:

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come: Disciplina, inciampo felice, responsabilità: i tre contributi che fanno da prefazione a questo mio testo colgono ciascuno una componente rilevante del tema dell improvvisazione. Punti di vista peculiari

Dettagli

I flussi elettorali a Torino, Milano, Bologna e Napoli fra le elezioni regionali del 2010 e il primo turno delle comunali del 2011

I flussi elettorali a Torino, Milano, Bologna e Napoli fra le elezioni regionali del 2010 e il primo turno delle comunali del 2011 Elezioni amministrative - 2011 I flussi elettorali a Torino, Milano, Bologna e Napoli fra le elezioni regionali del 2010 e il primo turno delle comunali del 2011 L'Istituto Cattaneo ha effettuato un'analisi

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 5

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 5 XVII LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO STENOGRAFICO n. 5 4ª COMMISSIONE PERMANENTE (Difesa) INTERROGAZIONI 17ª seduta: mercoledì 31 luglio 2013 Presidenza del vice presidente CONTI IN 0061 TIPOGRAFIA

Dettagli

OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste. Rilevazione 16 Dicembre 2013

OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste. Rilevazione 16 Dicembre 2013 OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste Rilevazione 16 Dicembre 2013 Le notizie della settimana: i Forconi COSA RICORDANO GLI ITALIANI Le proteste in piazza/ il movimento dei

Dettagli

Benvenuti a Sezze Rumeno

Benvenuti a Sezze Rumeno Facoltà di Scienze Politiche Sociologia Comunicazione Corso di Laurea Magistrale Scienze Sociali Applicate Sociologia e management della sicurezza Tesi di Laurea Anno accademico 2011/2012 Benvenuti a Sezze

Dettagli

Firenze, 25 marzo 2013.

Firenze, 25 marzo 2013. Firenze, 25 marzo 2013. Con lettera del Presidente del Consiglio Regionale datata 13.03.2013, è stata sottoposta a questo Collegio di Garanzia Statutaria, ai sensi dell art. 14 bis della L.R. n. 24/2008,

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA

VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA 1 VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA 11 Giugno 2014 - ore 9,30-18,00 Roma, Via delle Coppelle 35 Palazzo Baldassini - Istituto Luigi Sturzo Sala Perin del Vaga II LE PREVISIONI EXECUTIVE SUMMARY 2 EXECUTIVE

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Innovazione e lavoro UN TEMA (DI)BATTUTO DA TEMPO SCHEMA DELLA LEZIONE Effetti dell innovazione

Dettagli

Benvenuti in BPER Banca.

Benvenuti in BPER Banca. Benvenuti in BPER Banca. Passato Presente e Futuro si intrecciano a formare una storia unica che parla di evoluzione, conquiste e risultati tangibili. Il Presente si arricchisce del Passato, ascolta il

Dettagli

È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si

È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si queste istituzioni n. 158-159 luglio-dicembre 2010 La crisi, il futuro, e i giovani di Laura balbo È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si porti l attenzione sugli effetti

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA 1. Premessa L ASP Città di Bologna è il frutto di un percorso complesso di unificazione di tre Istituzioni cittadine storiche con una

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli